PIANIFICARE LA CAMPAGNA 5XMILLE PER LE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANIFICARE LA CAMPAGNA 5XMILLE PER LE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO"

Transcript

1 PIANIFICARE LA CAMPAGNA 5XMILLE PER LE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO

2 Con la pubblicazione dei materiali tratti dalle esperienze formative realizzate in questi anni, il Centro Servizi per il Volontariato-VOLABO intende proporre alle Organizzazioni di Volontariato, ai volontari e agli operatori del non profit, degli strumenti didattici per approfondire quei temi che hanno suscitato particolare interesse all interno, appunto, dei percorsi di formazione. Strumenti didattici e formativi che, in modo divulgativo e semplificato, con linee guida, esercitazioni e spunti di riflessione possano accompagnare non solo chi è in formazione ma anche chi voglia approcciare ad una tematica o metodologia in modo auto formativo, individualmente o in gruppo, in associazione o in contesti partecipativi. L intento è quello offrire l occasione di avvicinarsi al tema proposto non solo da un punto di vista teorico, ma anche da un punto di vista pratico: - a livello teorico, per colmare conoscenze basilari; per comprendere meglio una tematica, un metodo; per apprendere un lessico che non crei confusione ma sia la base di partenza per agire con cognizione; per trovare spunti di riflessione; - a livello pratico per approcciare ad un come si fa che permetta di non lasciare idee, obiettivi solo alla buone intenzioni; per provare ad esercitarsi nell acquisire o migliorare, competenze, capacità. Il csv VOLABO, anche attraverso i propri servizi formativi si prefigge di promuovere il processo di crescita delle odv e dei volontari: -come cittadini attivi e solidali -come organizzazioni capaci di coniugare mission, risorse, progettualità e azione -come ruolo sussidiario e politico. Testi: a cura di MBS srl (produzione originale) Elaborazione didattica e coordinamento redazionale: Paola Atzei, Ramona Leto - Area Formazione di VOLABO Grafica: ED-line Pubblicazione 2011

3 INDICE Presentazione Che cos è il 5Xmille La Mappa delle Relazioni La Pianificazione Strategica della campagna 5Xmille Individuazione degli interlocutori Identificazione degli strumenti di comunicazione Comunicazione e promozione Piano temporale delle attività Monitoraggio e valutazione della campagna 5 X mille Esercitazioni Bibliografia/Sitografia

4

5 Con questa pubblicazione Volabo-Centro Servizi per il Volontariato si rivolge alle Organizzazioni di Volontariato e del Non Profit che utilizzano il 5Xmille come opportunità di raccolta fondi, di promozione della propria Organizzazione tra i contribuenti, potenziali donatori e per il perseguimento di attività solidaristiche e di volontariato. Anche per il 5Xmille è necessaria una strategia efficace di comunicazione e non improvvisare con azioni sporadiche e slegate tra loro. I risultati migliori si possono ottenere con un lavoro di elaborazione e pianificazione di una strategia seppur semplice e con gli strumenti più adeguati per un messaggio capillare rivolta ai donatori locali. Tra le azioni prioritarie, fondamentale conoscere la mappa relazionale dell associazione e di tutti i volontari che ne fanno parte, per svilupparla e potenziarla con i differenti target di portatori d interesse a cui rivolgersi. La riuscita di una buona campagna di 5Xmille si baserà anche sulla capacità di monitorare e valutare le singole fasi e azioni e il piano nel suo complesso. Questi i temi e le tecniche che, all interno della pubblicazione tracciano un percorso di base per realizzare in modo pratico e concreto, alla portata di ogni organizzazione non profit e del volontariato non professionista, una campagna di 5Xmille. Pianificare la campagna 5Xmille è il frutto della documentazione didattica del corso di formazione realizzato da volabo con MBS- Bologna, società di consulenza e formazione. E indirizzata non solo ai partecipanti che hanno frequentato il corso ma anche a tutti i volontari e gli operatori che, da non professionisti, vogliano migliorare il modo di fare raccolta fondi per la propria realtà non profit. Per un approfondimento complessivo sugli aspetti culturali, metodologici e progettuali al Fund raising, si propone la lettura di Fund raising: Saper chiedere saper dare (scaricabile dal sito sezione materiali didattici della Formazione e Innovazione), pubblicazione didattica rielaborata dai corsi di formazione sui temi del F.R, di Volabo. Area Formazione-Innovazione csv VOLABO

6 6 FUND RAISING: PIANIFICARE UNA CAMPAGNA 5XMILLE

7 CHE COS E IL 5XMILLE

8 CHE COS È IL 5XMILLE Il 5Xmille è un meccanismo che permette ai contribuenti (persone fisiche) di destinare a favore di determinati soggetti del privato sociale una parte delle imposte (comunque dovute) sui redditi prodotti. Il fatto che le imposte siano comunque dovute mette in luce come il 5Xmille non sia un imposta aggiuntiva ma vada ad erodere quanto dovuto allo Stato per destinarlo ad attività e soggetti specifici. La destinazione della quota del 5Xmille è complementare (cioè si aggiunge) all opzione del più classico 8Xmille destinato allo Stato e alle confessioni religiose. Il 5Xmille è stato introdotto a titolo iniziale e sperimentale per il 2006 (legge 23 dicembre 2005, n. 266) Per l anno finanziario 2011, il 5Xmille è destinato alle seguenti finalità: Sostegno degli enti del volontariato: - Enti del volontariato di cui alla legge 266 del Onlus - Organizzazioni non lucrative di utilità sociale (articolo 10 del Dlgs 460/1997) - Associazioni di promozione sociale iscritte nei registri nazionale, regionali e provinciali (articolo 7, commi da 1 a 4, legge 383/2000) - Associazioni riconosciute che operano nei settori indicati dall articolo 10, comma 1, lettera a) del Dlgs 460/ Fondazioni riconosciute che operano nei settori indicati dall articolo10, comma 1, lettera a) del Dlgs 460/1997 Finanziamento agli enti della ricerca scientifica e dell università Finanziamento agli enti della ricerca sanitaria Sostegno delle attività sociali svolte dal Comune di residenza del contribuente Sostegno alle associazioni sportive dilettantistiche riconosciute ai fini sportivi dal Coni a norma di legge che svolgono una rilevante attività di interesse sociale. 8

9 IL 5Xmille è uno strumento di fund raising Il fundraising è la capacità dell organizzazione di creare relazioni di FIDUCIA E DI RECI- PROCITÀ fra chi chiede risorse economiche, materiali e umane in coerenza con lo scopo statutario e chi è potenzialmente disponibile a donarle. Così il 5Xmille non è semplicemente una opportunità fiscale da cogliere, ma è anche una importante opportunità di raccolta fondi e coinvolgimento dei propri volontari. La finalità della campagna 5xmille La finalità della campagna 5Xmille è orientare le persone fisiche alla decisione di destinare il 5Xmille delle loro imposte alla organizzazione Non Profit. La difficoltà della campagna si situa non nel convincere delle persone alla destinazione (questo è facilmente raggiungibile perchè le imposte sarebbero comunque versate allo Stato, non risparmiate), piuttosto nell emergere rispetto ai competitor. Si dovranno quindi privilegiare le relazioni esistenti e, per il coinvolgimento del pubblico generico, si dovrà puntare necessariamente su una strategia comunicativa efficace. Perciò, per raggiungere gli obiettivi della campagna 5Xmille sarà quindi fondamentale tenere presente l approccio che contraddistingue la raccolta fondi: costruire relazioni di fiducia tra l Organizzazione, i suoi volontari e chi potenzialmente può destinare il proprio 5Xmille Per approfondimenti 9

10 Tetto di ,00 di euro Dei 400 milioni di euro destinati al 5Xmille nel 2011, 100 milioni saranno destinati in particolare per la ricerca e l assistenza ai malati di sclerosi. Le risorse complessive - si legge nella bozza del decreto sono quantificate nell importo di euro ; a valere su tale importo, una quota pari a 100 milioni di euro è destinata ad interventi in tema di sclerosi amiotrofica per ricerca e assistenza domiciliare dei malati RENDICONTAZIONE 5XMILLE L obbligo per gli Enti del terzo settore, di rendere conto della destinazione delle somme percepite quali quote del 5Xmille dell Irpef è stato introdotto per la prima volta nella finanziaria 2008 (legge 4 dicembre 2007, n.244). La rendicontazione dovrà essere effettuata secondo lo schema proposto dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali che ha predisposto un modello di rendiconto, accompagnandolo a Linee guida che chiariscono termini, modalità, ambito di competenza ed ogni altro onere a cui sono tenuti i soggetti beneficiari, nonchè le sanzioni previste in caso di inadempimento. Per approfondimenti 10

11 LA MAPPA DELLE RELAZIONI

12 LA MAPPA DELLE RELAZIONI Se il 5Xmille è uno strumento relazionale, è opportuno prendere consapevolezza che ognuno di noi è un network Mediamente ogni persona ha 10 relazioni stabili 100 relazioni frequenti relazioni occasionali ANCHE LA NOSTRA ORGANIZZAZIONE HA UN NETWORK DI RELAZIONI, CHE CHIAMIAMO MAPPA RELAZIONALE La mappa relazionale è la rete di contatti che circondano l organizzazione, costituita da persone, organizzazioni, associazioni, istituzioni, imprese: attualmente in relazione con l organizzazione che lo sono state in passato che potranno esserlo in futuro. OCCORRE CHIEDERCI Chi c è intorno a noi? Le persone della mia mappa relazionale chi sono? Qual è il legame che ci unisce? Qual è il loro potenziale relazionale? OCCORRE PRENDERE CONSAPEVOLEZZA di tutti i target e gli interlocutori presenti all interno della nostra mappa relazionale del legame che ci unisce a ciascun target del potenziale relazionale di ciascun target. 12

13 MODELLO: MAPPA DELLE RELAZIONI N= Nucleo dell associazione 1 Cerchio= tipologia di interlocutori particolarmente legati all Organizzazione 2 Cerchio= contatti importanti presenti nella mappa relazionale dell Organizzazione 3 Cerchio= contatti presenti ma da fidelizzare 4 Cerchio= contatti poco presenti con cui l Organizzazione dovrà definire strategie di incontro IL PRIMO CERCHIO Chi segue la raccolta fondi deve partire dalla conoscenza delle persone che circondano l organizzazione: le persone che rappresentano il nucleo ed il primo cerchio intorno ad esso. 13

14 OGNUNO DI NOI È UN NETWORK ESEMPIO DI MAPPA RELAZIONALE DI UN SOGGETTO Famiglia Istruzione Vita sociale IO Carriera Religione Tempo libero Politica La mappa delle relazioni è costituita da persone, ogni persona ha priorità ed interessi, che condizionano la donazione 2 figli all università 2 fratelli imprenditori Laurea in economia Diploma di ragioniere Molti amici imprenditori Istruzione Vita sociale Famiglia IO Vice presidente Cam. Comm Carriera Religione Presidente CNA Cattolica Ospite agli eventi più importanti golf Tempo libero Politica praticante Simpatizzante per il partito democratico storia medioevale Rispettato ed aperto al confronto 14

15 Qual è il potenziale relazionale? Per una mappatura efficace, sarebbe utile non solo indicare i soggetti che gravitano attorno all Organizzazione, ma anche il loro POTENZIALE RELAZIONALE, soprattutto in funzione del progetto. La sfida della relazione mantenere i soggetti nel nucleo e rendere il legame sempre più forte ampliare costantemente la mappa relazionale 15

16 ESERCITAZIONE 1: elaborate la vostra mappa relazionale N= Nucleo dell associazione 1 Cerchio= tipologia di interlocutori particolarmente legati all Organizzazione 2 Cerchio= contatti importanti presenti nella mappa relazionale dell Organizzazione 3 Cerchio= contatti presenti ma da fidelizzare 4 Cerchio= contatti poco presenti con cui l Organizzazione dovrà definire strategie di incontro 16

17 ESERCITAZIONE 2: elaborate la vostra mappa relazionale 17

18 18 FUND RAISING: PIANIFICARE UNA CAMPAGNA 5XMILLE

19 LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA DELLA CAMPAGNA 5XMILLE

20 LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA DELLA CAMPAGNA 5XMILLE La pianificazione strategica è il processo con il quale si fissano gli obiettivi e si indicano i mezzi, gli strumenti e le azioni per raggiungerli in una prospettiva di medio/lungo periodo. Questa non elimina l incertezza sul futuro ma rende i processi gestionali più coordinati e razionali. La pianificazione prende avvio per rispondere ad obiettivi ben precisi e poggia le sue basi su tutto ciò che l organizzazione è, su ciò che ha vissuto, sull esperienza fatta, sulle sue capacità e potenzialità. La pianificazione è un processo che comprende le seguenti operazioni: definizione degli obiettivi strategici elaborazione della campagna 5xmille (interlocutori, strumenti, risorse, azioni, tempistica); definizione delle procedure per il monitoraggio e la valutazione della campagna. La pianificazione strategica DA DOVE PARTIAMO? 1 LA STRADA DA PERCORRERE 2 QUALI SONO GLI OBIETTIVI DA RAGGIUNGERE? COME ARRIVARE AGLI OBIETTIVI PREFISSATI? 20

21 DA DOVE PARTIAMO? 1 Gli obiettivi della campagna 5Xmille valorizzare la mappa relazionale avviando un dialogo efficace con tutti i target accrescere il numero delle preferenze per il 5Xmille orientando le persone fisiche alla decisione di destinare il 5Xmille delle proprie imposte alla nostra organizzazione. emergere rispetto ai competitors Si dovranno quindi privilegiare le relazioni esistenti e, per il coinvolgimento del pubblico generico, si dovrà puntare necessariamente su una strategia comunicativa efficace. LA STRADA DA PERCORRERE 2 La pianificazione, deve coinvolgere i volontari e si basa su gli interlocutori da coinvolgere gli strumenti di comunicazione da realizzare le attività da svolgere lo sviluppo temporale delle attività del budget da utilizzare le risorse umane necessarie 21

22 L output della pianificazione INDIVIDUAZIONE DEGLI INTERLOCUTORI 1. TARGET DIRETTI I target diretti sono tutti gli interlocutori a cui chiedere in modo diretto la destinazione del 5Xmille delle imposte 2. TARGET INDIRETTI I target indiretti sono i così detti pivot, ossia interlocutori che hanno un grande potenziale relazionale da coinvolgere nella promozione della campagna 5Xmille Associazioni di categoria Studi professionali Caf Imprese Mass media 22

23 IDENTIFICAZIONE DEGLI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE STRUMENTI ON LINE STRUMENTI OFF-LINE In relazione alle risorse disponibili è necessario selezionare gli strumenti più appropriati per rendere una campagna 5xmille efficace Gli strumenti sono funzionali a: 1) Fidelizzare le relazioni già in essere, alimentando la fiducia verso l organizzazione 2) Creare nuove opportunità per entrare in relazione con nuovi interlocutori STRUMENTI ON - LINE Sito internet Newsletter on line Sito internet OBIETTIVI comunicare con la propria mappa comunicare con nuovi possibili interlocutori raccogliere nuovi nominativi aggiornare rendicontare raccogliere fondi interagire con gli stakeholder STRATEGIA tenere il sito costantemente aggiornato con le news, i progetti, e gli eventi da realizzare; rendere il sito chiaro e completo di tutte le informazioni che riguardano la vita dell organizzazione, altrimenti si rischia di dare un immagine parziale; crearlo con un sistema di interattività, ovvero che consenta di ricevere informazioni, di registrarsi, di partecipare in vario modo alla vita dell organizzazione, alle sue iniziative. TARGET tutti 23

24 24 FUND RAISING: PIANIFICARE UNA CAMPAGNA 5XMILLE

25 25

26 Newsletter on line OBIETTIVI comunicare fidelizzare le relazioni rendicontare raccogliere fondi ATTENZIONE 1. Comunicare un esigenza / una buona causa 2. Non essere autoreferenziali 3. Facilitare lo scambio di esperienze 4. Agevolare la donazione / bollettino postale 5. Ampia diffusione 6. Rendicontare gli obiettivi raggiunti STRUMENTI OFF - LINE Pagina pubblicitaria Post it Newsletter cartacea Cartolina Manifesto / locandina Tessera / biglietto da visita Espositore 26

27 Pagina pubblicitaria Blocchetto post it 27

28 Newsletter cartacea 28

29 FUND RAISING: PIANIFICARE UNA CAMPAGNA 5XMILLE Cartolina 29

30 Manifesto 30

31 Tessera / biglietto da visita Gli espositori Espositore da terra Espositore da tavolo 31

32 COMUNICAZIONE E PROMOZIONE Persone fisiche e imprese Tutte le campagne, sia di sensibilizzazione che di raccolta fondi nascono da uno studio all interno della ONP. Prima di iniziare a creare qualunque cosa (sito internet, banner, brochure, volantino, etc..) dobbiamo rispondere a queste semplici domande: Che cosa vogliamo comunicare all esterno? A chi ci rivolgiamo? Quale è il nostro pubblico di riferimento? Quale linguaggio vogliamo/ preferiamo utilizzare? Quale è l immagine che più ci rappresenta? Abbiamo uno slogan che si ripete in tutte la comunicazione? Cosa bisogna assolutamente comunicare Codice Fiscale in bella vista e chiaro il nome dell organizzazione per intero indicare in maniera chiara dove inserire il numero di Codice Fiscale e la firma uno slogan che metta in luce il valore che si sostiene scegliendo la nostra organizzazione NB: per le associazioni che si occupano di sanità è importante indicare dove inserire il codice fiscale per non correre il rischio di essere scambiati per ente di ricerca informare le persone sulla compilazione dei modelli CUD 730 e UNICO specificare che non ha alcun costo ma semplicemente che si indica allo stato dove destinare una parte delle imposte non sostituisce l 8x1000 qual è la buona causa scelta l indirizzo web dove trovare maggiori informazioni. È IMPORTANTE COMUNICARE IL PROGETTO FINANZIATO CON L ULTIMO 5XMILLE RICEVUTO 32

33 Esempi di comunicazione della buona causa 33

34 IMPORTANTE ALL INTERNO DI OGNI STRUMENTO CHIEDERE DI DIVULGARE LA NOTIZIA IL PASSAPAROLA 34

35 LA PROMOZIONE A COSTO ZERO VERSO LE PERSONE FISICHE Lo strumento più importante per la promozione a costo zero è senza dubbio IL PASSAPAROLA Partendo dal presupposto che ciascun volontario è un punto di riferimento importante per la vostra organizzazione, sensibilizzateli e motivateli a Coltivare la relazione di fiducia tra le persone e l associazione PER PROMUOVERE IL 5XMILLE ORGANIZZAZIONE DEL MATERIALE IN SEDE Può sembrare banale ma spesso non lo è, bisogna fare in modo che il materiale del 5Xmille sia ben visibile a chiunque entri in sede È importante che il materiale della campagna 5Xmille sia ben visibile a chiunque entri in sede, ai volontari, amici e donatori... DISTRIBUZIONE DEL MATERIALE IN SEDE Ricordarsi di consegnare sempre il materiale del 5Xmille e spiegare la modalità passaparola di ogni strumento È importante che a chiunque (sia a chi richiede il materiale del 5Xmille sia a chi non lo richiede) sia distribuito il materiale di comunicazione 35

36 COINVOLGIMENTO DEI VOLONTARI Coinvolgere tutti nella promozione del materiale del 5Xmille al fine di incentivare il passaparola Definire una RIUNIONE al fine di coinvolgere le persone più attive nella promozione della campagna attraverso: Spiegazione della Campagna 5Xmille (se necessario preparate delle slide ad hoc e del materiale) cartellina con materiale promozionale e vademecum (anche questi preparati ad hoc) SPIEGAZIONE A CHI LO RICHIEDE Ogni volontario dovrà essere pronto a spiegare la modalità di compilazione dei moduli per ciò che riguarda il 5Xmille Può essere utile predisporre per questo dei fac simile da tenere in sede in modo tale da semplificare il lavoro CREARE ACCORDI CON MEDIA Effettuare una richiesta specifica di spazio gratuito ai contatti delle maggiori concessionarie italiane che gestiscono sia spazi su testate locali e nazionali: Rusconi pubblicità RCS Mondadori Publikompass Azioni Impostare un DB con i contatti delle concessionarie pubblicitarie Contattarle telefonicamante Inviare con lettera di richiesta formale e tipologia di layout stampa 36

37 NELLA PROMOZIONE A COSTO ZERO VI POTRANNO AIUTARE I SOCIAL NETWORK (ESEMPIO FACEBOOK) Diversificazione dei canali di comunicazione anche per la raccolta fondi: fundraising multicanale; Face book è diventato uno dei più importanti canali di comunicazione; Youtube (esiste anche Youtube non profit) importante strumento di comunicazione gratuito, accessibile a tutti; Nel Fund Raising i Social network e gli strumenti di comunicazione on line diventeranno sempre più importanti e molti pensano che sostituiranno la comunicazione cartacea ed in particolare il direct mail (DM) (ESEMPIO YOUTUBE) 37

38 NELLA PROMOZIONE A COSTO ZERO VI POTRANNO AIUTARE LE NEWSLETTER ONLINE NELLA PROMOZIONE A COSTO ZERO VI POTRANNO AIUTARE LE VOSTRE INIZIATIVEPIANIFICATI O QUELLI DEL VOSTRO TERRITORIO Occorre definire quali siano le iniziative (propri o promossi da altre Organizzazioni nel territorio) in cui poter promuovere il 5Xmille dell ODV. 38

39 ESERCITAZIONE: usate questa tabella per pianificare le iniziative a calendario e potenziali INIZIATIVE A CALEN- DARIO TIPOLOGIA INIZIATIVA (cena, festa, concerto,etc) LUOGO PERIODO PARTNER (eventuali) NOTE 39

40 Campagna 5Xmille presso le imprese Agli imprenditori non sarà richiesto un impegno in termini economici, ma la disponibilità a: 1 - Veicolare la comunicazione del 5Xmille presso tutti i dipendenti 2 - Proporre il sostegno della campagna 5Xmille anche a fornitori e clienti ALCUNE MODALITÀ PER LA PROMOZIONE DEL 5XMILLE INVIO LETTERA A DIPENDENTI/CLIENTI/FORNITORI/COLLABORATORI Modalità L azienda avrà a disposizione una lettera che informerà i destinatari di questa collaborazione e suggerirà loro la destinazione del 5Xmille. La lettera potrebbe essere co-firmata dall azienda e dall associazione, ed inviata insieme al materiale grafico promozionale POSTAZIONI DEDICATE ALL INTERNO DELL AZIENDA Modalità L azienda potrà predisporre aree dedicate alla divulgazione della campagna 5Xmille in punti strategici ben visibili dai dipendenti e dagli ospiti INCONTRI Modalità Incontri con i dipendenti dell azienda partner, al fine di spiegare le attività dell associazione VOLANTINAGGIO Modalità La distribuzione dei volantini potrà svolgersi nei luoghi di passaggio dei dipendenti, ad esempio durante l orario di uscita/entrata, presso una postazione BANNER Modalità Inserimento del banner dedicato al 5Xmille all interno del sito internet dell azienda partner PASSAPAROLA Modalità Invio di una dedicata al 5Xmille attraverso la rete intranet aziendale. Conterrà un invito ad essere inoltrata così che ogni dipendente potrà decidere a sua volta di promuovere la campagna girandola a colleghi, parenti e amici 40

41 COME RINGRAZIARE LE AZIENDE PARTNER PERGAMENA DI RINGRAZIAMENTO è doveroso ringraziare con un piccolo attestato l azienda partner RINGRAZIAMENTO ALL INTERNO DEL SITO INTERNET La pagina dedicata al 5Xmille ospiterà uno spazio in cui saranno inseriti i nomi delle aziende partners CREAZIONE DI UN PANNELLO CON I LOGHI DEI PARTNERS DELLA CAMPAGNA 5XMILLE Tale pannello sarà esposto durante alcuni eventi importanti per ringraziare le aziende che hanno sostenuto la campagna ARTICOLO ALL INTERNO DELLA NEWSLETTER DELL ORGANIZZAZIONE PIANO TEMPORALE DELLE ATTIVITÀ Altro elemento fondamentale della pianificazione è lo sviluppo temporale delle attività Una corretta pianificazione deve contestualizzare ciascuna attività in un determinato spazio temporale, indicando inizio, sviluppo e termine di ognuna di queste TEMPI E SCADENZE Riportiamo il calendario delle scadenze fiscali Il lavoro sulla realizzazione della campagna dovrà essere in sincronia con le scadenze fiscali di seguito indicate 41

42 ESERCITAZIONE: La pianificazione delle azioni per la campagna 5Xmille Compilare il seguente schema inserendo rispetto al target le attività e gli strumenti da creare i tempi previsti ecc. Definire anche un responsabile per ogni azione e strumento. Target Attività di promozione dello strumento Soci, amici e familiari dei soci, nuovi contatti etc. Festa della cooperativa Strumento di promozione Tempi previsti per la realizzazione dello strumento Scadenza per la realizzazione Responsabilità Es. Brochure 1 mese 12 gennaio Referente CDA + Grafico 42

43 MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DELLA CAMPAGNA Al fine di migliorare la capacità di pianificare nel lungo periodo e non solo per l anno in corso è opportuno che ogni volontario sia coinvolto anche nel monitoraggio e nella valutazione della campagna. Monitoraggio L associazione dovrà avere un controllo continuo del materiale distribuito durante il periodo promozionale. Ogni volontario saprà quanto materiale ha distribuito e dove. In particolare una persona volontaria avrà il compito di compilare le tabelle: 1. Tenere traccia del materiale distribuito 2. Monitorare i contatti 43

44 ESERCITAZIONE 1. Tenere traccia del materiale distribuito 44

45 ESERCITAZIONE 2. Monitorare i contatti 45

46 VALUTAZIONE Purtroppo non è possibile valutare la campagna 5Xmille rispetto al numero di adesioni ed all importo ricevuto, poiché i dati vengono comunicati dall agenzia delle entrate dopo due anni circa. Tuttavia una valutazione va fatta rispetto al modo in cui abbiamo lavorato ma anche rispetto al materiale distribuito, grazie all analisi dei punti di forza e di debolezza. POSSIAMO E DOBBIAMO VALUTARE LA CAMPAGNA DA UN PUNTO DI VISTA QUALITATIVO Come? CON UN ANALISI SWOT, OSSIA UN ANALISI DEI PUNTI DI FORZA, DEBOLEZZA, OPPORTUNITÀ E MINACCE COMPILATE LA VOSTRA ANALISI SWOT FATE ATTENZIONE AI FATTORI ESTERNI MINACCE ED OPPORTUNITÀ LA MATRICE SWOT Punti di forza: Mission di forte impatto Forte progettualità Forte forza valoriale e motivazionale Forte mappa relazionale Punti di debolezza: Eccessivo carico di lavoro per i due dipendenti Area fund raising insistente e occasionale Difficoltà di diffusione della comunicazione Mission di nicchia Minacce: Riduzione progressiva delle risorse economiche esistenti Difficoltà di coinvolgere nuovi volontari Opportunità: Possibilità di affacciarsi a nuovi possibili donatori Possibilità di riprendere vecchie relazioni e di conoscere e coinvolgere nuovi pubblici 46

47 CON QUESTA ANALISI L ORGANIZZAZIONE PUÒ: sviluppare approcci di fund raising che rinforzano i suoi punti di forza evitare quelle aree di debolezza o trovare il modo per compensarle misurare le opportunità che si presentano sviluppare modi diversi per gestire le minacce che si presentano Nuova Pianificazione ATTIVITÀ DA SVOLGERE SU I contenuti della comunicazione definire il messaggio chiave della campagna idea creativa (slogan) comunicazione della destinazione dei fondi Selezionare gli interlocutori della campagna target diretti target indiretti Gli strumenti di comunicazione cartoncino passaparola newsletter volantino Modalità di promozione passaparola internet eventi sms promozionale Prima di ripianificare la vostra campagna: controllate le spese dell anno precedente per ottimizzare i costi controllate che il materiale possa essere riutilizzato decidere se mantenere la stessa campagna di comunicazione dell anno precedente MA SOPRATTUTTO FATE TESORO DELLA VOSTRA ANALISI SWOT 47

48 ESERCITAZIONE: elaborate la vostra mappa relazionale 48

49 49

50 50 FUND RAISING: PIANIFICARE UNA CAMPAGNA 5XMILLE

51 ESERCITAZIONI

52 ESERCITAZIONE 1: elaborate la vostra mappa relazionale N= Nucleo dell associazione 1 Cerchio= tipologia di interlocutori particolarmente legati all Organizzazione 2 Cerchio= contatti importanti presenti nella mappa relazionale dell Organizzazione 3 Cerchio= contatti presenti ma da fidelizzare 4 Cerchio= contatti poco presenti con cui l Organizzazione dovrà definire strategie di incontro 52

53 ESERCITAZIONE 2: usate questa tabella per pianificare le iniziative a calendario e potenziali INIZIATIVE A CALEN- DARIO TIPOLOGIA INIZIATIVA (cena, festa, concerto,etc) LUOGO PERIODO PARTNER (eventuali) NOTE 53

54 ESERCITAZIONE: La pianificazione delle azioni per la campagna 5Xmille Compilare il seguente schema inserendo rispetto al target le attività e gli strumenti da crearer i tempi previsti ecc. Definire anche un responsabile per ogni azione e strumento. Target Attività di promozione dello strumento Soci, amici e familiari dei soci, nuovi contatti etc. Festa della cooperativa Strumento di promozione Tempi previsti per la realizzazione dello strumento Scadenza per la realizzazione Responsabilità Es. Brochure 1 mese 12 gennaio Referente CDA + Grafico 54

55 ESERCITAZIONE 1. Tenere traccia del materiale distribuito 55

56 ESERCITAZIONE 2. Monitorare i contatti 56

57 Bibliografia Matteini, Maggioli, Spazzoli, Mauriello, Manuale di Fund Raising e Comunicazione Sociale Edizione Maggioli 2009 David A. Aaker Brand Equity La Gestione del Valore della Marca Franco Angeli 2009 Davide Cavazza Campagne per le organizzazioni non profit EMI 2006 Sitografia

58 note 58

59 59

60 VOLABO è il Centro Servizi per il Volontariato della provincia di Bologna ed ha l obiettivo di promuovere localmente l azione volontaria e la cultura della solidarietà offrendo gratuitamente servizi per lo sviluppo, la progettazione e la promozione delle iniziative delle Organizzazioni di Volontariato iscritte e non iscritte al registro provinciale. Via Scipione Dal Ferro Bologna tel fax Web: C.F Affidato ad A.S.Vo. Associazione per lo Sviluppo del Volontariato (Delibera COGE del 04/04/2003)

Via Scipione Dal Ferro 4 40138 Bologna tel. 051 340328 fax 051 341169 E-mail: info@volabo.it Web: www.volabo.it

Via Scipione Dal Ferro 4 40138 Bologna tel. 051 340328 fax 051 341169 E-mail: info@volabo.it Web: www.volabo.it Guida Operativa PROGETTI di SVILUPPO Via Scipione Dal Ferro 4 40138 Bologna tel. 051 340328 fax 051 341169 E-mail: info@volabo.it Web: www.volabo.it C.F. 91223750372 Affidato ad A.S.Vo. Associazione per

Dettagli

Catalogo 2010 Terzo settore e Associazionismo

Catalogo 2010 Terzo settore e Associazionismo Catalogo 2010 Terzo settore e Associazionismo PRESENTAZIONE CORSI PER LE ORGANIZZAZIONI DEL TERZO SETTORE Strategie di marketing, Comunicazione e Fund Raising: Una sfida e una necessita per le organizzazioni

Dettagli

LA STRATEGIA OBIETTIVI GENERALI

LA STRATEGIA OBIETTIVI GENERALI LA STRATEGIA La comunicazione di CONCORD ITALIA è finalizzata a sensibilizzare la cittadinanza sulle attività, l impatto e la sostenibilità delle nostre azioni nell ambito degli interventi realizzati dai

Dettagli

LA RACCOLTA FONDI ANNUALE PER LE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO

LA RACCOLTA FONDI ANNUALE PER LE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO LA RACCOLTA FONDI ANNUALE PER LE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO Con la pubblicazione dei materiali tratti dalle esperienze formative realizzate in questi anni, il Centro Servizi per il Volontariato-VOLABO

Dettagli

Via Scipione Dal Ferro 4 40138 Bologna tel. 051 340328 fax 051 341169 E-mail: info@volabo.it Web: www.volabo.it

Via Scipione Dal Ferro 4 40138 Bologna tel. 051 340328 fax 051 341169 E-mail: info@volabo.it Web: www.volabo.it Guida Operativa PER I COORDINATORI DEI PROGETTI SOCIALI di RETE ed INTERPROVINCIALI Via Scipione Dal Ferro 4 40138 Bologna tel. 051 340328 fax 051 341169 E-mail: info@volabo.it Web: www.volabo.it C.F.

Dettagli

Piano annuale della comunicazione

Piano annuale della comunicazione Agenzia Formazione Orientamento Lavoro di Monza e Brianza Piano annuale della comunicazione 2014 Approvato con verbale di determinazione dell amministratore unico n. 30 del 15/11/2013 SOMMARIO Premessa

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI E DELLE OPPORTUNITà PER IL VOLONTARIATO

CARTA DEI SERVIZI E DELLE OPPORTUNITà PER IL VOLONTARIATO CARTA DEI SERVIZI E DELLE OPPORTUNITà PER IL VOLONTARIATO Identità DarVoce è un associazione di volontariato di secondo livello in quanto i suoi soci sono associazioni di volontariato; ha personalità giuridica;

Dettagli

Non Profit: competenze e risposte ai bisogni della comunità

Non Profit: competenze e risposte ai bisogni della comunità Non Profit: competenze e risposte ai bisogni della comunità Proposta formativa per le Organizzazioni non profit della Provincia Autonoma di Bolzano Premessa Con grande piacere presentiamo questo nuovo

Dettagli

n LA RACCOLTA FONDI n E n LA COMUNICAZIONE n per le piccole associazioni 15-16 maggio 2010 Per un fundraising efficace, la comunicazione è necessaria per far conoscere la Buona Causa dell associazione

Dettagli

MASSIMO SILUMBRA COORDINA DOMIZIANA AVANZINI

MASSIMO SILUMBRA COORDINA DOMIZIANA AVANZINI MASSIMO SILUMBRA COORDINA DOMIZIANA AVANZINI MONTESILVANO MARINA 23 MAGGIO 2015 Le basi del Fundraising Alcune brevi note per cercare di migliorare la raccolta fondi Fund = FONDO (non c entra con la parola

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

Strumenti e strategie per un «5x1000» di successo di Armanda Salvucci e Massimo Coen Cagli

Strumenti e strategie per un «5x1000» di successo di Armanda Salvucci e Massimo Coen Cagli Strumenti e strategie per un «5x1000» di successo di Armanda Salvucci e Massimo Coen Cagli L appromento Il «5x1000» rappresenta uno strumento di fund raising da cui anche le piccole e medie organizzazioni,

Dettagli

Servizi, Iniziative ed Opportunità per il Volontariato della Provincia di Vibo Valentia

Servizi, Iniziative ed Opportunità per il Volontariato della Provincia di Vibo Valentia 2015 Servizi, Iniziative ed Opportunità per il Volontariato della Provincia di Vibo Valentia Via Angelo Savelli n. 2 89900 Vibo Valentia Tel. 0963.41471 Fax 0963.4510 Cell. Direttore: 345 0864333 www.csvvibovalentia.it

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE PER L AVVIO DEL NUOVO SISTEMA DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI Linee guida generali

PIANO DI COMUNICAZIONE PER L AVVIO DEL NUOVO SISTEMA DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI Linee guida generali COMUNE DI REGGIO EMILIA PIANO DI COMUNICAZIONE PER L AVVIO DEL NUOVO SISTEMA DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI Linee guida generali 1. Inquadramento teorico del piano di comunicazione La gestione dei

Dettagli

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione Carta dei Servizi Chi Siamo Che cosa facciamo Come Lavoriamo Dove Siamo Cooperazione allo Sviluppo Centro Studi e Formazione Adozione Internazionale Emissione Gennaio 2013 Sez.III - 1 /9 Indice Indice...

Dettagli

DONARE. Fa parte dei bisogni primari dell uomo e lo fa sentire bene

DONARE. Fa parte dei bisogni primari dell uomo e lo fa sentire bene PERSONE DONARE Fa parte dei bisogni primari dell uomo e lo fa sentire bene DONATORI Fonte: ricerca Italiani Solidali, Doxa, maggio 2013 TREND DONATORI IN ITALIA Fonte: ricerca Italiani Solidali, Doxa,

Dettagli

5X1000. Premessa KIT PER LA REALIZZAZIONE DELLA CAMPAGNA. Caro Socio,

5X1000. Premessa KIT PER LA REALIZZAZIONE DELLA CAMPAGNA. Caro Socio, 3 Premessa Caro Socio, questo kit accompagna il percorso di consulenza e formazione che l Unione Nazionale delle Pro Loco d Italia ha intrapreso con la Scuola di Roma Fund-raising.it per strutturare una

Dettagli

Comunicare una consultazione online

Comunicare una consultazione online Comunicare una consultazione online Questo materiale didattico è stato realizzato da Formez PA nel Progetto PerformancePA, Ambito A Linea 1, in convenzione con il Dipartimento della Funzione Pubblica,

Dettagli

Il fundraiser questo s(conosciuto)

Il fundraiser questo s(conosciuto) ABBIAMO IL PALLINO PER IL FUNDRAISING Il fundraiser questo s(conosciuto) Chi è, cosa fa, quali strumenti utilizza, con chi si relaziona e quali obiettivi ha questa figura professionale complessa e specializzata

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE BIENNIO 2015/2016 PREMESSA

PIANO DI COMUNICAZIONE BIENNIO 2015/2016 PREMESSA PIANO DI COMUNICAZIONE BIENNIO 2015/2016 PREMESSA Il Piano di comunicazione 2015/2016 riassume i principali impegni comunicativi che l Ente prevede di attuare con riferimento agli indirizzi programmatici

Dettagli

CONTENUTI. Il Progetto Be Green mira a diffondere la cultura delle buone prassi nell ambito della Mobilità Sostenibile.

CONTENUTI. Il Progetto Be Green mira a diffondere la cultura delle buone prassi nell ambito della Mobilità Sostenibile. PROGETTO CONTENUTI Il Progetto Be Green mira a diffondere la cultura delle buone prassi nell ambito della Mobilità Sostenibile. L iniziativa, che si compone dell organizzazione di eventi e di una campagna

Dettagli

Gli strumenti per il Fundraising Udine 6 Dicembre 2013

Gli strumenti per il Fundraising Udine 6 Dicembre 2013 www.npsolutions.it info@npsolutions.it Gli strumenti per il Fundraising Udine 6 Dicembre 2013 1 Simone Giarratana e Leonardo Fusini 3 Avviamo un servizio di Fundrasing 4 Gli strumenti per il Fund Raising

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Cooperativa Sociale Lo Spazio delle idee scsarl 2) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE PIANO DI COMUNICAZIONE La legge regionale n. 5/2009 e il Piano Regionale della Salute 2011-2013 promuovono la centralità del cittadino e il suo coinvolgimento nei processi di miglioramento dei Servizi

Dettagli

Services- Research - Planning S.r.l. Società di servizi, ricerca e progettazione

Services- Research - Planning S.r.l. Società di servizi, ricerca e progettazione Services- Research - Planning S.r.l. Società di servizi, ricerca e progettazione Face to Face Marketing Comunicazione Eventi - Fundraising Ricerchiamo Location per la promozione della Vostra Causa Vi aiutiamo

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA - FUNDRAISING anno 2015

OFFERTA FORMATIVA - FUNDRAISING anno 2015 OFFERTA FORMATIVA - FUNDRAISING anno 2015 pag.1di12 Indice del Corso sul FUNDRAISING CALENDARIO FUNDRAISING 2015...3 MODULO BASE FARE FUNDRAISING NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE...4 MODULO BASE FARE FUNDRAISING

Dettagli

Il lavoro sulle risorse immateriali precede la ricerca delle risorse materiali

Il lavoro sulle risorse immateriali precede la ricerca delle risorse materiali IL FUND RAISING PER LE ORGANIZZAZIONI NON PROFIT Principi, strumenti e tecniche Il lavoro sulle risorse immateriali precede la ricerca delle risorse materiali Spesso, di fronte al tema delle risorse, chi

Dettagli

Unità Formativa 12.1: Pianificare la disseminazione: obiettivi e processo

Unità Formativa 12.1: Pianificare la disseminazione: obiettivi e processo Unità Formativa 12.1: Pianificare la disseminazione: obiettivi e processo Come tutti i progetti finanziati nell ambito del LLP, anche le azioni di mobilità transnazionale debbono prevedere attività di

Dettagli

I presupposti per un fund raising di successo (oggi) Anna Grazia Margapoti Roma 11 12 Luglio 2014

I presupposti per un fund raising di successo (oggi) Anna Grazia Margapoti Roma 11 12 Luglio 2014 I presupposti per un fund raising di successo (oggi) Anna Grazia Margapoti Roma 11 12 Luglio 2014 PRESENTIAMOCI Il mio nome Ruolo all interno dell organizzazione IN QUESTE DUE GIORNATE TRATTEREMO DI Presupposti

Dettagli

PIANO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I VOLONTARI DELLA SARDEGNA

PIANO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I VOLONTARI DELLA SARDEGNA 2016 PIANO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I VOLONTARI DELLA SARDEGNA LA FORMAZIONE...Una formazione che accolga la persona nella sua unicità ed unitarietà, formazione di uomini e donne solidali, una

Dettagli

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 REPORT Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 Mestre, 28 giugno 2012 Regione del Veneto - Direzione Piani e Programmi Settore Primario Autorità di Gestione PSR Veneto 2007-2013 Il

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Comune di Tufino 2) Titolo del progetto: GARANZIAMBIENTE 3) Settore ed area di intervento del

Dettagli

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007 Dipartimento Istruzione, Formazione e Lavoro Settore Politiche del Lavoro e delle Migrazioni UO MONITORAGGIO E ANALISI REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della

Dettagli

Fund raising: una sfida (possibile) per le cooperative sociali

Fund raising: una sfida (possibile) per le cooperative sociali Fund raising: una sfida (possibile) per le cooperative sociali di Giosué Pasqua L appromento Le cooperative sociali, protagoniste nella creazione della coesione sociale e del welfare state, avvertono sempre

Dettagli

Manager degli Eventi dello Spettacolo

Manager degli Eventi dello Spettacolo Dettaglio corso ID: Titolo corso: Tipologia corso: Costo totale del corso a persona (EURO): Organismo di formazione: CORSO A CATALOGO 2011 Manager degli Eventi dello Spettacolo Corsi di specializzazione

Dettagli

5 Bando 2015 (finestra I )

5 Bando 2015 (finestra I ) 5 Bando 2015 (finestra I ) Contrasto al disagio e alla dispersione scolastica Promozione del successo formativo Premessa La missione della Fondazione della Comunità del Novarese onlus si articola in tre

Dettagli

6 Bando 2015 (finestra I )

6 Bando 2015 (finestra I ) 6 Bando 2015 (finestra I ) Socio-assistenziale Premessa La missione della Fondazione della Comunità del Novarese onlus si articola in tre punti: 1. diffondere la cultura del dono, offrendo servizi che

Dettagli

ACCADEMIA DI PROGETTAZIONE SOCIALE MAURIZIO MAGGIORA

ACCADEMIA DI PROGETTAZIONE SOCIALE MAURIZIO MAGGIORA Un nuovo modo di vivere la progettazione sociale... ACCADEMIA DI PROGETTAZIONE SOCIALE MAURIZIO MAGGIORA Diventare «progettista sociale esperto» Torino, 14 marzo 2013 Agenda Accademia di Progettazione

Dettagli

Comunicazione e Marketing. per il Fund Raising

Comunicazione e Marketing. per il Fund Raising Comunicazione e Marketing per il Programma Il marchio e il posizionamento nel non profit Confronto tra comunicazione profit e non profit L immagine coordinata Il piano operativo Comunicazione interna ed

Dettagli

Imprese e mondo no profit: strategie win-win a base di crowdfunding

Imprese e mondo no profit: strategie win-win a base di crowdfunding Imprese e mondo no profit: strategie win-win a base di crowdfunding 1) Chi parla? 2) Partiamo dalla fine: kickended.com - Silvio Lorusso 2014 3) Tema: Cosa è il Crowdfunding dal punto di vista di un Fundraiser

Dettagli

1 Bando 2015 (finestra I )

1 Bando 2015 (finestra I ) 1 Bando 2015 (finestra I ) Tutela e valorizzazione del patrimonio storico-artistico e culturale Premessa La missione della Fondazione della Comunità del Novarese onlus si articola in tre punti: 1. diffondere

Dettagli

AMICI DI PADRE PEDRO BILANCIO CONSUNTIVO 31 DICEMBRE 2008

AMICI DI PADRE PEDRO BILANCIO CONSUNTIVO 31 DICEMBRE 2008 AMICI DI PADRE PEDRO Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale BILANCIO CONSUNTIVO 31 DICEMBRE 2008 Sede Legale: Via dei Prefetti, 36 00186 Roma INDICE COMPOSIZIONE DEGLI ORGANI STATUTARI 2 NOTA

Dettagli

Intervento di Natascia Astolfi Responsabile Area Fund Raising MBS

Intervento di Natascia Astolfi Responsabile Area Fund Raising MBS Intervento di Natascia Astolfi Responsabile Area Fund Raising MBS Mi permetto di cominciare la mia relazione con una provocazione: una frase di Einstein Follia è fare sempre la stessa cosa e aspettarsi

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO della Coop. ACANTA MAG (Mutua di Auto Gestione) - Scarl

REGOLAMENTO INTERNO della Coop. ACANTA MAG (Mutua di Auto Gestione) - Scarl REGOLAMENTO INTERNO della Coop. ACANTA MAG (Mutua di Auto Gestione) - Scarl Premessa - Riferimenti La Coop. Acanta MAG (nel proseguo del documento chiamata semplicemente Acanta) è uno strumento al servizio

Dettagli

E sperienze di cittadinanza democratica con bambini, ragazzi e giovani

E sperienze di cittadinanza democratica con bambini, ragazzi e giovani E sperienze di cittadinanza democratica con bambini, ragazzi e giovani NOVEMBRE 2010 S ommario Premessa pag. 4 Un impegno che ha una storia pag. 6 La proposta 2010/2011 pag. 8 Concittadini pag. 10 Fasi

Dettagli

Il Piccolo Teatro di Milano un mondo per le aziende

Il Piccolo Teatro di Milano un mondo per le aziende Il Piccolo Teatro di Milano un mondo per le aziende Ultimo aggiornamento, 22/05/2014 (mfp) INDICE Un Teatro d'arte per Tutti il teatro gli spazi del Piccolo i numeri del Piccolo multimedia Sostieni il

Dettagli

REGIONE TOSCANA Direzione Generale della Presidenza Settore Attività Internazionali

REGIONE TOSCANA Direzione Generale della Presidenza Settore Attività Internazionali All. D REGIONE TOSCANA Direzione Generale della Presidenza Settore Attività Internazionali LEGGE REGIONALE 22 MAGGIO 2009 n. 26 PIANO REGIONALE PER LA PROMOZIONE DI UNA CULTURA DI PACE PERIODO 2007/2010

Dettagli

la campagna di raccolta fondi del 5x1.000 anno 2011

la campagna di raccolta fondi del 5x1.000 anno 2011 università degli studi di Foggia Dipartimento Comunicazione e Cultura la campagna di raccolta fondi del 5x1.000 anno 2011 premessa La presente relazione illustra sinteticamente il processo creativo e organizzativo

Dettagli

FONDO GAETANO SESSA CRA BCC DI FISCIANO PRESSO LA FONDAZIONE DELLA COMUNITA SALERNITANA ONLUS

FONDO GAETANO SESSA CRA BCC DI FISCIANO PRESSO LA FONDAZIONE DELLA COMUNITA SALERNITANA ONLUS Art. 1 - Promotore FONDO GAETANO SESSA CRA BCC DI FISCIANO PRESSO LA FONDAZIONE DELLA COMUNITA SALERNITANA ONLUS 1 AVVISO ANNO 2015 Scuole aperte e promozione della cittadinanza attiva La Fondazione della

Dettagli

Per informazioni: Cesvov Centro di Servizi per il Volontariato della provincia di Varese Area Consulenza Formazione Via Brambilla, 15 21100 Varese

Per informazioni: Cesvov Centro di Servizi per il Volontariato della provincia di Varese Area Consulenza Formazione Via Brambilla, 15 21100 Varese 1 semestre 2012 Per informazioni: Cesvov Centro di Servizi per il Volontariato della provincia di Varese Area Consulenza Formazione Via Brambilla, 15 21100 Varese tel 0332-293001 - fax 0332-293020 formazione@cesvov.it

Dettagli

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER Indice INTRODUZIONE... 3 CF1 - SVILUPPARE IL CASO PER IL FUNDRAISING... 4 CF 1.1 : INDIVIDUARE LE NECESSITÀ DI FUNDRAISING DI UN ORGANIZZAZIONE NONPROFIT;...

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 282

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 282 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 282 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa delle senatrici CARLONI e CHIAROMONTE COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 29 APRILE 2008 Norme per il sostegno ad attività senza fine

Dettagli

CONTRIBUTI TEMATICI PRESENTATI AL MINISTERO DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE

CONTRIBUTI TEMATICI PRESENTATI AL MINISTERO DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE CONTRIBUTI TEMATICI PRESENTATI AL MINISTERO DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE CONTRIBUTO INVIATO AL GRUPPO 3 La cooperazione italiana può distinguersi nel panorama internazionale se valorizza le proprie

Dettagli

FondItalia fa un salto da te

FondItalia fa un salto da te FONDO FORMAZIONE ITALIA Campagna informativa 2011 FondItalia fa un salto da te PREMESSA I Fondi Paritetici Interprofessionali sono stati chiamati, in questa fase di crisi economica, a svolgere una funzione

Dettagli

Edinet Srl Sede legale Via Donizetti, 30 20122 Milano Tel. 02.77886211 Fax 02.77886299 1 C.F. 02372260121 - Cap. sociale euro 10.400,00 ! "! #!

Edinet Srl Sede legale Via Donizetti, 30 20122 Milano Tel. 02.77886211 Fax 02.77886299 1 C.F. 02372260121 - Cap. sociale euro 10.400,00 ! ! #! FUND RAISING ONLINE TRA MITO E REALTÀ: Come impostare una campagna efficace Venerdì 4 maggio 2012 (h.9.30-18.30) L obiettivo del laboratorio è di accompagnare le organizzazioni a definire la propria strategia

Dettagli

Linee guida e Raccomandazioni per la II Fase - Studi di Fattibilità - II Edizione

Linee guida e Raccomandazioni per la II Fase - Studi di Fattibilità - II Edizione Linee guida e Raccomandazioni per la II Fase - Studi di Fattibilità - II Edizione RUOLI NELLA RETE Quali sono i ruoli che un ente può interpretare nell ambito del progetto? Un ente può essere partner oppure

Dettagli

La stesura del PAES, dal recupero dei dati al coinvolgimento dei portatori di interessi: problematiche riscontrate e soluzioni adottate.

La stesura del PAES, dal recupero dei dati al coinvolgimento dei portatori di interessi: problematiche riscontrate e soluzioni adottate. Piani d Azione per l Energia Sostenibile Aspetti tecnici ed operativi Trento, 15 maggio 2014 SalaBelli,PiazzaDanten.15 La stesura del PAES, dal recupero dei dati al coinvolgimento dei portatori di interessi:

Dettagli

L evoluzione negli obiettivi della cooperativa l identità

L evoluzione negli obiettivi della cooperativa l identità Carissimi/e soci/e, avete già ricevuto la lettera che vi preavvisava del Forum soci del prossimo 1 Febbraio 2004. Vi possiamo oggi confermare che il luogo dell incontro sarà il Santuario N.S. del Monte

Dettagli

Promuovere Volontassociate attraverso internet

Promuovere Volontassociate attraverso internet Promuovere Volontassociate attraverso internet In occasione della sua edizione, Volontassociate ha pensato a nuove modalità di comunicazione per una promozione ecologica e sostenibile delle feste. Questo

Dettagli

Polo formativo per l IFTS Economia del Mare FORMARE. Azione di sistema numero 2. Piano di promozione comunicazione e sensibilizzazione.

Polo formativo per l IFTS Economia del Mare FORMARE. Azione di sistema numero 2. Piano di promozione comunicazione e sensibilizzazione. Polo formativo per l IFTS Economia del Mare FORMARE Azione di sistema numero 2 Piano di promozione comunicazione e sensibilizzazione dell utenza 1 INDICE 1. Premessa...3 2. Obiettivi comunicativi...4 3.

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

costruiamo consenso perchè in it alia si inizia a parlare di Fundraising politico? PiccoLo FEstiVaL DELLa PoLitica, 3 DICEMBRE 2015 2

costruiamo consenso perchè in it alia si inizia a parlare di Fundraising politico? PiccoLo FEstiVaL DELLa PoLitica, 3 DICEMBRE 2015 2 costruiamo costruiamo Fundraising politico e comunicazione digitale la sfida della relazione marina ripoli 3 dicembre 2015 piccolo festival della politica 1 costruiamo PERCHè IN ITALIA SI INIZIA A PARLARE

Dettagli

Marketing on line. Come aumentare accessi e business tramite operazioni di marketing on line.

Marketing on line. Come aumentare accessi e business tramite operazioni di marketing on line. Come aumentare accessi e business tramite operazioni di marketing on line. Indice 1. Indice 2 2. Introduzione 3 3. Illustrazione del servizio 4 4. Informazioni generali 11 5. Descrizione delle attività

Dettagli

COMUNICARE LA BUONA CAUSA: ISTRUZIONI PER L USO. Massimo Coen Cagli Fondatore e direttore scientifico di

COMUNICARE LA BUONA CAUSA: ISTRUZIONI PER L USO. Massimo Coen Cagli Fondatore e direttore scientifico di COMUNICARE LA BUONA CAUSA: ISTRUZIONI PER L USO Massimo Coen Cagli Fondatore e direttore scientifico di LA QUESTIONE DI FONDO 1 Oggi non vi insegno trucchi e neanche vi insegno precisamente cosa dovete

Dettagli

3 BANDO 2014 (finestra II)

3 BANDO 2014 (finestra II) PREMESSA La missione della Fondazione della Comunità del Novarese ONLUS si articola in tre punti: 1) perseguire l affermarsi di una cultura complessiva del dono, garantendo la definizione di servizi che

Dettagli

nuove sfide per il volontariato

nuove sfide per il volontariato Povertà plurali, povertà invisibili: nuove sfide per il volontariato Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra cittadini e associazioni di volontariato 1. Premessa L Associazione Non Profit Network,

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

Al via il 5 per mille 2016 VOLABO attiva un servizio di iscrizione per le Organizzazioni di Volontariato

Al via il 5 per mille 2016 VOLABO attiva un servizio di iscrizione per le Organizzazioni di Volontariato La Formica Alata Newsletter speciale 5 per mille 2016 Al via il 5 per mille 2016 VOLABO attiva un servizio di iscrizione per le Organizzazioni di Volontariato Sommario dei contenuti: Informazioni generali

Dettagli

PROGETTO COMUNICAZIONE. Viale XX Settembre 45 95129 Catania 095.505133 366 5643788 eventi@telethoncatania.it ww.telethoncatania.it ww.ipressnews.

PROGETTO COMUNICAZIONE. Viale XX Settembre 45 95129 Catania 095.505133 366 5643788 eventi@telethoncatania.it ww.telethoncatania.it ww.ipressnews. PROGETTO COMUNICAZIONE Viale XX Settembre 45 95129 Catania 095.505133 366 5643788 eventi@telethoncatania.it ww.telethoncatania.it ww.ipressnews.it Quando: 9-10-11 Maggio 2014 Dove: Centro storico di Catania

Dettagli

Cos è il fundraising 1

Cos è il fundraising 1 La Raccolta di fondi richiede competenze e investimenti. Ha senso sviluppare un progetto di fundraising per un gruppo di organizzazioni nonprofit? La Campagna Lasciti, una strada percorribile. Intervento

Dettagli

A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013

A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013 Web e Social Network: non solo comunicazione ma condivisione A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013 Dal Web 1.0 al Web 2.0 WEB 1.0 USO LA RETE WEB 2.0 SONO IN RETE WEB 2.0 SIAMO

Dettagli

NON PROFIT REPORT 2012

NON PROFIT REPORT 2012 NON PROFIT REPORT 2012 I COMPORTAMENTI DIGITALI DEGLI UTENTI FEDELI NEL TERZO SETTORE ABSTRACT Non Profit Report 2012 / 1 @contactlab #nonprofitreport PERCHÈ UNA RICERCA SUL NON PROFIT? GLI OBIETTIVI DELL

Dettagli

ALLEGATO 2 Offerta Tecnica. BANDO Comunicazione Piano Sociale Regionale. Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1

ALLEGATO 2 Offerta Tecnica. BANDO Comunicazione Piano Sociale Regionale. Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1 BANDO Comunicazione Piano Sociale Regionale ALLEGATO 2 Offerta Tecnica Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1 ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA La busta B DENOMINATA Offerta tecnica GARA A PROCEDURA APERTA, INDETTA

Dettagli

2.571. Presenze in radio, programmi televisivi e telegiornali. Comunicati stampa. Articoli su quotidiani e periodici

2.571. Presenze in radio, programmi televisivi e telegiornali. Comunicati stampa. Articoli su quotidiani e periodici 190 Presenze in radio, programmi televisivi e telegiornali 168 Comunicati stampa 2.571 Articoli su quotidiani e periodici 37mila visualizzazioni della pagina online della Carta dei diritti 500 post su

Dettagli

CACCIA AL TESORO. CACCIA AL TESORO NEI PARCHI Grande evento per le famiglie. Domenica 20 MAGGIO 2012

CACCIA AL TESORO. CACCIA AL TESORO NEI PARCHI Grande evento per le famiglie. Domenica 20 MAGGIO 2012 CACCIA AL TESORO CACCIA AL TESORO NEI PARCHI Grande evento per le famiglie Domenica 20 MAGGIO 2012 IL PROGETTO I bisogni del territorio La storia di Orma si caratterizza per 10 anni di presenza sul territorio

Dettagli

5 X 1000 ANNO 2008 VADEMECUM PER LE OPERE DI

5 X 1000 ANNO 2008 VADEMECUM PER LE OPERE DI 5 X 1000 ANNO 2008 VADEMECUM PER LE OPERE DI ENTI Requisiti per essere beneficiari del 5 x 1000 I soggetti che hanno diritto ad essere destinatari del 5 x mille sono i seguenti: le ONLUS (Organizzazioni

Dettagli

Guida sintetica alle principali funzionalità del sito. Non Profit & Religious Bodies

Guida sintetica alle principali funzionalità del sito. Non Profit & Religious Bodies Guida sintetica alle principali funzionalità del sito Non Profit & Religious Bodies Bologna, Aprile 2014 SOMMARIO www.ilmiodono.it Che Cosa è Come aderire al servizio Navigazione sito Home Page Motore

Dettagli

CESTAS Via Ranzani 13/5/F, 40127 Bologna cestas@cestas.org CODICE ETICO CESTAS. Organizzazione di Cooperazione Internazionale Ente di Formazione

CESTAS Via Ranzani 13/5/F, 40127 Bologna cestas@cestas.org CODICE ETICO CESTAS. Organizzazione di Cooperazione Internazionale Ente di Formazione CODICE ETICO CESTAS Organizzazione di Cooperazione Internazionale Ente di Formazione Approvato dal CdA del 09/04/2013 1 INDICE PREMESSA - Vision e valori guida - Evoluzione e concretezza: un percorso di

Dettagli

Strategie di web-marketing

Strategie di web-marketing Strategie di web-marketing Prima di iniziare il web-marketing Prima di iniziare una strategia di web-marketing, è necessario comprendere se questo possa essere veramente utile alla propria azienda: Cosa

Dettagli

1 BANDO 2014 (finestra I)

1 BANDO 2014 (finestra I) PREMESSA La missione della Fondazione della Comunità del Novarese ONLUS si articola in tre punti: 1) perseguire l affermarsi di una cultura complessiva del dono, garantendo la definizione di servizi che

Dettagli

Bando Patrocini 2015

Bando Patrocini 2015 Scadenza: 16/07 Premessa La missione della Fondazione della Comunità del Novarese onlus si articola in tre punti: 1. diffondere la cultura del dono, offrendo servizi che consentano di riconoscere e soddisfare

Dettagli

Guida sintetica alle principali funzionalità del sito. Non Profit Planning & Monitoring

Guida sintetica alle principali funzionalità del sito. Non Profit Planning & Monitoring Guida sintetica alle principali funzionalità del sito Non Profit Planning & Monitoring Bologna, Giugno 2012 SOMMARIO www.ilmiodono.it Che Cosa è Come aderire al servizio Navigazione sito Home Page Motore

Dettagli

Learning News Aprile 2011, anno V - N. 4

Learning News Aprile 2011, anno V - N. 4 Learning News Aprile 2011, anno V - N. 4 Le competenze di fundraising nel Non Profit Il Fundraising da tecnica di raccolta fondi ad attività di progettazione strategica: i cinque ambiti di applicazione

Dettagli

Programma Gioventù in Azione 2007-2013

Programma Gioventù in Azione 2007-2013 Programma Gioventù in Azione 2007-2013 Questionario rivolto agli Enti pubblici, Gruppi informali, Organizzazioni e Giovani partecipanti coinvolti nel Programma GiA in FVG Udine, 30 gennaio 2012 L indagine

Dettagli

Studio Grafico Ramaglia. Graphic Designer

Studio Grafico Ramaglia. Graphic Designer Index Profilo Agenzia Grafica Internet Perchè affidarsi a noi Profilo Dal 2012 lo studio RAMAGLIA si occupa di comunicazione, grafica pubblicitaria, web design e marketing. I nostri servizi si rivolgono

Dettagli

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18 SOMMARIO LETTERA DEL PRESIDENTE 4 NOTA INTRODUTTIVA E METODOLOGICA 6 IL COINVOLGIMENTO DEGLI STAKEHOLDER 7 PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 1.1 CONTESTO DI RIFERIMENTO 9

Dettagli

La Campagna di informazione e comunicazione: ideazione, monitoraggio e valutazione. Davide Bergamini Roma 24 giugno 2015

La Campagna di informazione e comunicazione: ideazione, monitoraggio e valutazione. Davide Bergamini Roma 24 giugno 2015 La Campagna di informazione e comunicazione: ideazione, monitoraggio e valutazione Davide Bergamini Roma 24 giugno 2015 GLI ATTORI DELLA COMUNICAZIONE 1 MEDIA MODERNI, CONTEMPORANEI E UGC: il bombardamento

Dettagli

Raccolta fondi e 5xmille. Venerdì, 29 maggio 2009

Raccolta fondi e 5xmille. Venerdì, 29 maggio 2009 Raccolta fondi e 5xmille Venerdì, 29 maggio 2009 Che cos'è un evento speciale E' quello strumento di fund raising che rafforza l'immagine dell'organizzazione nella comunità. Gli eventi speciali possono

Dettagli

AREA MARKETING E COMUNICAZIONE

AREA MARKETING E COMUNICAZIONE AREA MARKETING E COMUNICAZIONE Si tratta di un area particolarmente centrale del nostro settore, che punta a sviluppare le capacità comunicative e le tecniche di marketing (anche quelle non convenzionali),

Dettagli

la nuova Farmacia corsi workshop consulenze

la nuova Farmacia corsi workshop consulenze la nuova Farmacia corsi workshop consulenze CORSO La Farmacia 4 ore + coffee break su Internet Sito, la porta di ingresso nel mondo dei servizi e delle opportunità Facebook, la casa della community dei

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO RESPONSABILE:

PIANO DI MIGLIORAMENTO RESPONSABILE: PIANO DI MIGLIORAMENTO DI.. RESPONSABILE:.. PRIMA SEZIONE SCENARIO DI RIFERIMENTO Caratteristiche del contesto, vincoli e opportunità interne ed esterne L Istituto.. nasce nel. come Istituto Professionale

Dettagli

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Direttori e Commerciali; Tutti coloro che devono gestire un gruppo

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ABITARE INFORMATI 2.0 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: EDUCAZIONE E PROMOZIONE CULTURALE E 11 SPORTELLI INFORMA OBIETTIVI DEL PROGETTO Comune

Dettagli

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO Progetto Qualità INTESA-CCA 2014-2016 Pagina 1 PROGETTO QUALITA 2014-2016 PREMESSA: Il progetto dopo il periodo di avvio e consolidamento, in base alle osservazioni poste

Dettagli

Fundraising: ques.one di soldi o di relazioni?

Fundraising: ques.one di soldi o di relazioni? Fundraising: ques.one di soldi o di relazioni? A cura di Guya Raco 27 Novembre 2015 Milano Di cosa parleremo oggi 1. Fundraising e scuola 2. Fundraising e sviluppo 3. Dono e bene comune 4. Sviluppare la

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

10. Piano di comunicazione e di animazione territoriale

10. Piano di comunicazione e di animazione territoriale 10. Piano di comunicazione e di animazione territoriale Il contesto Il GAL Valli Marecchia e Conca svilupperà un piano di comunicazione della Strategia di Sviluppo Locale, e di animazione territoriale,

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli