PIANIFICARE LA CAMPAGNA 5XMILLE PER LE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANIFICARE LA CAMPAGNA 5XMILLE PER LE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO"

Transcript

1 PIANIFICARE LA CAMPAGNA 5XMILLE PER LE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO

2 Con la pubblicazione dei materiali tratti dalle esperienze formative realizzate in questi anni, il Centro Servizi per il Volontariato-VOLABO intende proporre alle Organizzazioni di Volontariato, ai volontari e agli operatori del non profit, degli strumenti didattici per approfondire quei temi che hanno suscitato particolare interesse all interno, appunto, dei percorsi di formazione. Strumenti didattici e formativi che, in modo divulgativo e semplificato, con linee guida, esercitazioni e spunti di riflessione possano accompagnare non solo chi è in formazione ma anche chi voglia approcciare ad una tematica o metodologia in modo auto formativo, individualmente o in gruppo, in associazione o in contesti partecipativi. L intento è quello offrire l occasione di avvicinarsi al tema proposto non solo da un punto di vista teorico, ma anche da un punto di vista pratico: - a livello teorico, per colmare conoscenze basilari; per comprendere meglio una tematica, un metodo; per apprendere un lessico che non crei confusione ma sia la base di partenza per agire con cognizione; per trovare spunti di riflessione; - a livello pratico per approcciare ad un come si fa che permetta di non lasciare idee, obiettivi solo alla buone intenzioni; per provare ad esercitarsi nell acquisire o migliorare, competenze, capacità. Il csv VOLABO, anche attraverso i propri servizi formativi si prefigge di promuovere il processo di crescita delle odv e dei volontari: -come cittadini attivi e solidali -come organizzazioni capaci di coniugare mission, risorse, progettualità e azione -come ruolo sussidiario e politico. Testi: a cura di MBS srl (produzione originale) Elaborazione didattica e coordinamento redazionale: Paola Atzei, Ramona Leto - Area Formazione di VOLABO Grafica: ED-line Pubblicazione 2011

3 INDICE Presentazione Che cos è il 5Xmille La Mappa delle Relazioni La Pianificazione Strategica della campagna 5Xmille Individuazione degli interlocutori Identificazione degli strumenti di comunicazione Comunicazione e promozione Piano temporale delle attività Monitoraggio e valutazione della campagna 5 X mille Esercitazioni Bibliografia/Sitografia

4

5 Con questa pubblicazione Volabo-Centro Servizi per il Volontariato si rivolge alle Organizzazioni di Volontariato e del Non Profit che utilizzano il 5Xmille come opportunità di raccolta fondi, di promozione della propria Organizzazione tra i contribuenti, potenziali donatori e per il perseguimento di attività solidaristiche e di volontariato. Anche per il 5Xmille è necessaria una strategia efficace di comunicazione e non improvvisare con azioni sporadiche e slegate tra loro. I risultati migliori si possono ottenere con un lavoro di elaborazione e pianificazione di una strategia seppur semplice e con gli strumenti più adeguati per un messaggio capillare rivolta ai donatori locali. Tra le azioni prioritarie, fondamentale conoscere la mappa relazionale dell associazione e di tutti i volontari che ne fanno parte, per svilupparla e potenziarla con i differenti target di portatori d interesse a cui rivolgersi. La riuscita di una buona campagna di 5Xmille si baserà anche sulla capacità di monitorare e valutare le singole fasi e azioni e il piano nel suo complesso. Questi i temi e le tecniche che, all interno della pubblicazione tracciano un percorso di base per realizzare in modo pratico e concreto, alla portata di ogni organizzazione non profit e del volontariato non professionista, una campagna di 5Xmille. Pianificare la campagna 5Xmille è il frutto della documentazione didattica del corso di formazione realizzato da volabo con MBS- Bologna, società di consulenza e formazione. E indirizzata non solo ai partecipanti che hanno frequentato il corso ma anche a tutti i volontari e gli operatori che, da non professionisti, vogliano migliorare il modo di fare raccolta fondi per la propria realtà non profit. Per un approfondimento complessivo sugli aspetti culturali, metodologici e progettuali al Fund raising, si propone la lettura di Fund raising: Saper chiedere saper dare (scaricabile dal sito sezione materiali didattici della Formazione e Innovazione), pubblicazione didattica rielaborata dai corsi di formazione sui temi del F.R, di Volabo. Area Formazione-Innovazione csv VOLABO

6 6 FUND RAISING: PIANIFICARE UNA CAMPAGNA 5XMILLE

7 CHE COS E IL 5XMILLE

8 CHE COS È IL 5XMILLE Il 5Xmille è un meccanismo che permette ai contribuenti (persone fisiche) di destinare a favore di determinati soggetti del privato sociale una parte delle imposte (comunque dovute) sui redditi prodotti. Il fatto che le imposte siano comunque dovute mette in luce come il 5Xmille non sia un imposta aggiuntiva ma vada ad erodere quanto dovuto allo Stato per destinarlo ad attività e soggetti specifici. La destinazione della quota del 5Xmille è complementare (cioè si aggiunge) all opzione del più classico 8Xmille destinato allo Stato e alle confessioni religiose. Il 5Xmille è stato introdotto a titolo iniziale e sperimentale per il 2006 (legge 23 dicembre 2005, n. 266) Per l anno finanziario 2011, il 5Xmille è destinato alle seguenti finalità: Sostegno degli enti del volontariato: - Enti del volontariato di cui alla legge 266 del Onlus - Organizzazioni non lucrative di utilità sociale (articolo 10 del Dlgs 460/1997) - Associazioni di promozione sociale iscritte nei registri nazionale, regionali e provinciali (articolo 7, commi da 1 a 4, legge 383/2000) - Associazioni riconosciute che operano nei settori indicati dall articolo 10, comma 1, lettera a) del Dlgs 460/ Fondazioni riconosciute che operano nei settori indicati dall articolo10, comma 1, lettera a) del Dlgs 460/1997 Finanziamento agli enti della ricerca scientifica e dell università Finanziamento agli enti della ricerca sanitaria Sostegno delle attività sociali svolte dal Comune di residenza del contribuente Sostegno alle associazioni sportive dilettantistiche riconosciute ai fini sportivi dal Coni a norma di legge che svolgono una rilevante attività di interesse sociale. 8

9 IL 5Xmille è uno strumento di fund raising Il fundraising è la capacità dell organizzazione di creare relazioni di FIDUCIA E DI RECI- PROCITÀ fra chi chiede risorse economiche, materiali e umane in coerenza con lo scopo statutario e chi è potenzialmente disponibile a donarle. Così il 5Xmille non è semplicemente una opportunità fiscale da cogliere, ma è anche una importante opportunità di raccolta fondi e coinvolgimento dei propri volontari. La finalità della campagna 5xmille La finalità della campagna 5Xmille è orientare le persone fisiche alla decisione di destinare il 5Xmille delle loro imposte alla organizzazione Non Profit. La difficoltà della campagna si situa non nel convincere delle persone alla destinazione (questo è facilmente raggiungibile perchè le imposte sarebbero comunque versate allo Stato, non risparmiate), piuttosto nell emergere rispetto ai competitor. Si dovranno quindi privilegiare le relazioni esistenti e, per il coinvolgimento del pubblico generico, si dovrà puntare necessariamente su una strategia comunicativa efficace. Perciò, per raggiungere gli obiettivi della campagna 5Xmille sarà quindi fondamentale tenere presente l approccio che contraddistingue la raccolta fondi: costruire relazioni di fiducia tra l Organizzazione, i suoi volontari e chi potenzialmente può destinare il proprio 5Xmille Per approfondimenti 9

10 Tetto di ,00 di euro Dei 400 milioni di euro destinati al 5Xmille nel 2011, 100 milioni saranno destinati in particolare per la ricerca e l assistenza ai malati di sclerosi. Le risorse complessive - si legge nella bozza del decreto sono quantificate nell importo di euro ; a valere su tale importo, una quota pari a 100 milioni di euro è destinata ad interventi in tema di sclerosi amiotrofica per ricerca e assistenza domiciliare dei malati RENDICONTAZIONE 5XMILLE L obbligo per gli Enti del terzo settore, di rendere conto della destinazione delle somme percepite quali quote del 5Xmille dell Irpef è stato introdotto per la prima volta nella finanziaria 2008 (legge 4 dicembre 2007, n.244). La rendicontazione dovrà essere effettuata secondo lo schema proposto dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali che ha predisposto un modello di rendiconto, accompagnandolo a Linee guida che chiariscono termini, modalità, ambito di competenza ed ogni altro onere a cui sono tenuti i soggetti beneficiari, nonchè le sanzioni previste in caso di inadempimento. Per approfondimenti 10

11 LA MAPPA DELLE RELAZIONI

12 LA MAPPA DELLE RELAZIONI Se il 5Xmille è uno strumento relazionale, è opportuno prendere consapevolezza che ognuno di noi è un network Mediamente ogni persona ha 10 relazioni stabili 100 relazioni frequenti relazioni occasionali ANCHE LA NOSTRA ORGANIZZAZIONE HA UN NETWORK DI RELAZIONI, CHE CHIAMIAMO MAPPA RELAZIONALE La mappa relazionale è la rete di contatti che circondano l organizzazione, costituita da persone, organizzazioni, associazioni, istituzioni, imprese: attualmente in relazione con l organizzazione che lo sono state in passato che potranno esserlo in futuro. OCCORRE CHIEDERCI Chi c è intorno a noi? Le persone della mia mappa relazionale chi sono? Qual è il legame che ci unisce? Qual è il loro potenziale relazionale? OCCORRE PRENDERE CONSAPEVOLEZZA di tutti i target e gli interlocutori presenti all interno della nostra mappa relazionale del legame che ci unisce a ciascun target del potenziale relazionale di ciascun target. 12

13 MODELLO: MAPPA DELLE RELAZIONI N= Nucleo dell associazione 1 Cerchio= tipologia di interlocutori particolarmente legati all Organizzazione 2 Cerchio= contatti importanti presenti nella mappa relazionale dell Organizzazione 3 Cerchio= contatti presenti ma da fidelizzare 4 Cerchio= contatti poco presenti con cui l Organizzazione dovrà definire strategie di incontro IL PRIMO CERCHIO Chi segue la raccolta fondi deve partire dalla conoscenza delle persone che circondano l organizzazione: le persone che rappresentano il nucleo ed il primo cerchio intorno ad esso. 13

14 OGNUNO DI NOI È UN NETWORK ESEMPIO DI MAPPA RELAZIONALE DI UN SOGGETTO Famiglia Istruzione Vita sociale IO Carriera Religione Tempo libero Politica La mappa delle relazioni è costituita da persone, ogni persona ha priorità ed interessi, che condizionano la donazione 2 figli all università 2 fratelli imprenditori Laurea in economia Diploma di ragioniere Molti amici imprenditori Istruzione Vita sociale Famiglia IO Vice presidente Cam. Comm Carriera Religione Presidente CNA Cattolica Ospite agli eventi più importanti golf Tempo libero Politica praticante Simpatizzante per il partito democratico storia medioevale Rispettato ed aperto al confronto 14

15 Qual è il potenziale relazionale? Per una mappatura efficace, sarebbe utile non solo indicare i soggetti che gravitano attorno all Organizzazione, ma anche il loro POTENZIALE RELAZIONALE, soprattutto in funzione del progetto. La sfida della relazione mantenere i soggetti nel nucleo e rendere il legame sempre più forte ampliare costantemente la mappa relazionale 15

16 ESERCITAZIONE 1: elaborate la vostra mappa relazionale N= Nucleo dell associazione 1 Cerchio= tipologia di interlocutori particolarmente legati all Organizzazione 2 Cerchio= contatti importanti presenti nella mappa relazionale dell Organizzazione 3 Cerchio= contatti presenti ma da fidelizzare 4 Cerchio= contatti poco presenti con cui l Organizzazione dovrà definire strategie di incontro 16

17 ESERCITAZIONE 2: elaborate la vostra mappa relazionale 17

18 18 FUND RAISING: PIANIFICARE UNA CAMPAGNA 5XMILLE

19 LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA DELLA CAMPAGNA 5XMILLE

20 LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA DELLA CAMPAGNA 5XMILLE La pianificazione strategica è il processo con il quale si fissano gli obiettivi e si indicano i mezzi, gli strumenti e le azioni per raggiungerli in una prospettiva di medio/lungo periodo. Questa non elimina l incertezza sul futuro ma rende i processi gestionali più coordinati e razionali. La pianificazione prende avvio per rispondere ad obiettivi ben precisi e poggia le sue basi su tutto ciò che l organizzazione è, su ciò che ha vissuto, sull esperienza fatta, sulle sue capacità e potenzialità. La pianificazione è un processo che comprende le seguenti operazioni: definizione degli obiettivi strategici elaborazione della campagna 5xmille (interlocutori, strumenti, risorse, azioni, tempistica); definizione delle procedure per il monitoraggio e la valutazione della campagna. La pianificazione strategica DA DOVE PARTIAMO? 1 LA STRADA DA PERCORRERE 2 QUALI SONO GLI OBIETTIVI DA RAGGIUNGERE? COME ARRIVARE AGLI OBIETTIVI PREFISSATI? 20

21 DA DOVE PARTIAMO? 1 Gli obiettivi della campagna 5Xmille valorizzare la mappa relazionale avviando un dialogo efficace con tutti i target accrescere il numero delle preferenze per il 5Xmille orientando le persone fisiche alla decisione di destinare il 5Xmille delle proprie imposte alla nostra organizzazione. emergere rispetto ai competitors Si dovranno quindi privilegiare le relazioni esistenti e, per il coinvolgimento del pubblico generico, si dovrà puntare necessariamente su una strategia comunicativa efficace. LA STRADA DA PERCORRERE 2 La pianificazione, deve coinvolgere i volontari e si basa su gli interlocutori da coinvolgere gli strumenti di comunicazione da realizzare le attività da svolgere lo sviluppo temporale delle attività del budget da utilizzare le risorse umane necessarie 21

22 L output della pianificazione INDIVIDUAZIONE DEGLI INTERLOCUTORI 1. TARGET DIRETTI I target diretti sono tutti gli interlocutori a cui chiedere in modo diretto la destinazione del 5Xmille delle imposte 2. TARGET INDIRETTI I target indiretti sono i così detti pivot, ossia interlocutori che hanno un grande potenziale relazionale da coinvolgere nella promozione della campagna 5Xmille Associazioni di categoria Studi professionali Caf Imprese Mass media 22

23 IDENTIFICAZIONE DEGLI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE STRUMENTI ON LINE STRUMENTI OFF-LINE In relazione alle risorse disponibili è necessario selezionare gli strumenti più appropriati per rendere una campagna 5xmille efficace Gli strumenti sono funzionali a: 1) Fidelizzare le relazioni già in essere, alimentando la fiducia verso l organizzazione 2) Creare nuove opportunità per entrare in relazione con nuovi interlocutori STRUMENTI ON - LINE Sito internet Newsletter on line Sito internet OBIETTIVI comunicare con la propria mappa comunicare con nuovi possibili interlocutori raccogliere nuovi nominativi aggiornare rendicontare raccogliere fondi interagire con gli stakeholder STRATEGIA tenere il sito costantemente aggiornato con le news, i progetti, e gli eventi da realizzare; rendere il sito chiaro e completo di tutte le informazioni che riguardano la vita dell organizzazione, altrimenti si rischia di dare un immagine parziale; crearlo con un sistema di interattività, ovvero che consenta di ricevere informazioni, di registrarsi, di partecipare in vario modo alla vita dell organizzazione, alle sue iniziative. TARGET tutti 23

24 24 FUND RAISING: PIANIFICARE UNA CAMPAGNA 5XMILLE

25 25

26 Newsletter on line OBIETTIVI comunicare fidelizzare le relazioni rendicontare raccogliere fondi ATTENZIONE 1. Comunicare un esigenza / una buona causa 2. Non essere autoreferenziali 3. Facilitare lo scambio di esperienze 4. Agevolare la donazione / bollettino postale 5. Ampia diffusione 6. Rendicontare gli obiettivi raggiunti STRUMENTI OFF - LINE Pagina pubblicitaria Post it Newsletter cartacea Cartolina Manifesto / locandina Tessera / biglietto da visita Espositore 26

27 Pagina pubblicitaria Blocchetto post it 27

28 Newsletter cartacea 28

29 FUND RAISING: PIANIFICARE UNA CAMPAGNA 5XMILLE Cartolina 29

30 Manifesto 30

31 Tessera / biglietto da visita Gli espositori Espositore da terra Espositore da tavolo 31

32 COMUNICAZIONE E PROMOZIONE Persone fisiche e imprese Tutte le campagne, sia di sensibilizzazione che di raccolta fondi nascono da uno studio all interno della ONP. Prima di iniziare a creare qualunque cosa (sito internet, banner, brochure, volantino, etc..) dobbiamo rispondere a queste semplici domande: Che cosa vogliamo comunicare all esterno? A chi ci rivolgiamo? Quale è il nostro pubblico di riferimento? Quale linguaggio vogliamo/ preferiamo utilizzare? Quale è l immagine che più ci rappresenta? Abbiamo uno slogan che si ripete in tutte la comunicazione? Cosa bisogna assolutamente comunicare Codice Fiscale in bella vista e chiaro il nome dell organizzazione per intero indicare in maniera chiara dove inserire il numero di Codice Fiscale e la firma uno slogan che metta in luce il valore che si sostiene scegliendo la nostra organizzazione NB: per le associazioni che si occupano di sanità è importante indicare dove inserire il codice fiscale per non correre il rischio di essere scambiati per ente di ricerca informare le persone sulla compilazione dei modelli CUD 730 e UNICO specificare che non ha alcun costo ma semplicemente che si indica allo stato dove destinare una parte delle imposte non sostituisce l 8x1000 qual è la buona causa scelta l indirizzo web dove trovare maggiori informazioni. È IMPORTANTE COMUNICARE IL PROGETTO FINANZIATO CON L ULTIMO 5XMILLE RICEVUTO 32

33 Esempi di comunicazione della buona causa 33

34 IMPORTANTE ALL INTERNO DI OGNI STRUMENTO CHIEDERE DI DIVULGARE LA NOTIZIA IL PASSAPAROLA 34

35 LA PROMOZIONE A COSTO ZERO VERSO LE PERSONE FISICHE Lo strumento più importante per la promozione a costo zero è senza dubbio IL PASSAPAROLA Partendo dal presupposto che ciascun volontario è un punto di riferimento importante per la vostra organizzazione, sensibilizzateli e motivateli a Coltivare la relazione di fiducia tra le persone e l associazione PER PROMUOVERE IL 5XMILLE ORGANIZZAZIONE DEL MATERIALE IN SEDE Può sembrare banale ma spesso non lo è, bisogna fare in modo che il materiale del 5Xmille sia ben visibile a chiunque entri in sede È importante che il materiale della campagna 5Xmille sia ben visibile a chiunque entri in sede, ai volontari, amici e donatori... DISTRIBUZIONE DEL MATERIALE IN SEDE Ricordarsi di consegnare sempre il materiale del 5Xmille e spiegare la modalità passaparola di ogni strumento È importante che a chiunque (sia a chi richiede il materiale del 5Xmille sia a chi non lo richiede) sia distribuito il materiale di comunicazione 35

36 COINVOLGIMENTO DEI VOLONTARI Coinvolgere tutti nella promozione del materiale del 5Xmille al fine di incentivare il passaparola Definire una RIUNIONE al fine di coinvolgere le persone più attive nella promozione della campagna attraverso: Spiegazione della Campagna 5Xmille (se necessario preparate delle slide ad hoc e del materiale) cartellina con materiale promozionale e vademecum (anche questi preparati ad hoc) SPIEGAZIONE A CHI LO RICHIEDE Ogni volontario dovrà essere pronto a spiegare la modalità di compilazione dei moduli per ciò che riguarda il 5Xmille Può essere utile predisporre per questo dei fac simile da tenere in sede in modo tale da semplificare il lavoro CREARE ACCORDI CON MEDIA Effettuare una richiesta specifica di spazio gratuito ai contatti delle maggiori concessionarie italiane che gestiscono sia spazi su testate locali e nazionali: Rusconi pubblicità RCS Mondadori Publikompass Azioni Impostare un DB con i contatti delle concessionarie pubblicitarie Contattarle telefonicamante Inviare con lettera di richiesta formale e tipologia di layout stampa 36

37 NELLA PROMOZIONE A COSTO ZERO VI POTRANNO AIUTARE I SOCIAL NETWORK (ESEMPIO FACEBOOK) Diversificazione dei canali di comunicazione anche per la raccolta fondi: fundraising multicanale; Face book è diventato uno dei più importanti canali di comunicazione; Youtube (esiste anche Youtube non profit) importante strumento di comunicazione gratuito, accessibile a tutti; Nel Fund Raising i Social network e gli strumenti di comunicazione on line diventeranno sempre più importanti e molti pensano che sostituiranno la comunicazione cartacea ed in particolare il direct mail (DM) (ESEMPIO YOUTUBE) 37

38 NELLA PROMOZIONE A COSTO ZERO VI POTRANNO AIUTARE LE NEWSLETTER ONLINE NELLA PROMOZIONE A COSTO ZERO VI POTRANNO AIUTARE LE VOSTRE INIZIATIVEPIANIFICATI O QUELLI DEL VOSTRO TERRITORIO Occorre definire quali siano le iniziative (propri o promossi da altre Organizzazioni nel territorio) in cui poter promuovere il 5Xmille dell ODV. 38

39 ESERCITAZIONE: usate questa tabella per pianificare le iniziative a calendario e potenziali INIZIATIVE A CALEN- DARIO TIPOLOGIA INIZIATIVA (cena, festa, concerto,etc) LUOGO PERIODO PARTNER (eventuali) NOTE 39

40 Campagna 5Xmille presso le imprese Agli imprenditori non sarà richiesto un impegno in termini economici, ma la disponibilità a: 1 - Veicolare la comunicazione del 5Xmille presso tutti i dipendenti 2 - Proporre il sostegno della campagna 5Xmille anche a fornitori e clienti ALCUNE MODALITÀ PER LA PROMOZIONE DEL 5XMILLE INVIO LETTERA A DIPENDENTI/CLIENTI/FORNITORI/COLLABORATORI Modalità L azienda avrà a disposizione una lettera che informerà i destinatari di questa collaborazione e suggerirà loro la destinazione del 5Xmille. La lettera potrebbe essere co-firmata dall azienda e dall associazione, ed inviata insieme al materiale grafico promozionale POSTAZIONI DEDICATE ALL INTERNO DELL AZIENDA Modalità L azienda potrà predisporre aree dedicate alla divulgazione della campagna 5Xmille in punti strategici ben visibili dai dipendenti e dagli ospiti INCONTRI Modalità Incontri con i dipendenti dell azienda partner, al fine di spiegare le attività dell associazione VOLANTINAGGIO Modalità La distribuzione dei volantini potrà svolgersi nei luoghi di passaggio dei dipendenti, ad esempio durante l orario di uscita/entrata, presso una postazione BANNER Modalità Inserimento del banner dedicato al 5Xmille all interno del sito internet dell azienda partner PASSAPAROLA Modalità Invio di una dedicata al 5Xmille attraverso la rete intranet aziendale. Conterrà un invito ad essere inoltrata così che ogni dipendente potrà decidere a sua volta di promuovere la campagna girandola a colleghi, parenti e amici 40

41 COME RINGRAZIARE LE AZIENDE PARTNER PERGAMENA DI RINGRAZIAMENTO è doveroso ringraziare con un piccolo attestato l azienda partner RINGRAZIAMENTO ALL INTERNO DEL SITO INTERNET La pagina dedicata al 5Xmille ospiterà uno spazio in cui saranno inseriti i nomi delle aziende partners CREAZIONE DI UN PANNELLO CON I LOGHI DEI PARTNERS DELLA CAMPAGNA 5XMILLE Tale pannello sarà esposto durante alcuni eventi importanti per ringraziare le aziende che hanno sostenuto la campagna ARTICOLO ALL INTERNO DELLA NEWSLETTER DELL ORGANIZZAZIONE PIANO TEMPORALE DELLE ATTIVITÀ Altro elemento fondamentale della pianificazione è lo sviluppo temporale delle attività Una corretta pianificazione deve contestualizzare ciascuna attività in un determinato spazio temporale, indicando inizio, sviluppo e termine di ognuna di queste TEMPI E SCADENZE Riportiamo il calendario delle scadenze fiscali Il lavoro sulla realizzazione della campagna dovrà essere in sincronia con le scadenze fiscali di seguito indicate 41

42 ESERCITAZIONE: La pianificazione delle azioni per la campagna 5Xmille Compilare il seguente schema inserendo rispetto al target le attività e gli strumenti da creare i tempi previsti ecc. Definire anche un responsabile per ogni azione e strumento. Target Attività di promozione dello strumento Soci, amici e familiari dei soci, nuovi contatti etc. Festa della cooperativa Strumento di promozione Tempi previsti per la realizzazione dello strumento Scadenza per la realizzazione Responsabilità Es. Brochure 1 mese 12 gennaio Referente CDA + Grafico 42

43 MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DELLA CAMPAGNA Al fine di migliorare la capacità di pianificare nel lungo periodo e non solo per l anno in corso è opportuno che ogni volontario sia coinvolto anche nel monitoraggio e nella valutazione della campagna. Monitoraggio L associazione dovrà avere un controllo continuo del materiale distribuito durante il periodo promozionale. Ogni volontario saprà quanto materiale ha distribuito e dove. In particolare una persona volontaria avrà il compito di compilare le tabelle: 1. Tenere traccia del materiale distribuito 2. Monitorare i contatti 43

44 ESERCITAZIONE 1. Tenere traccia del materiale distribuito 44

45 ESERCITAZIONE 2. Monitorare i contatti 45

46 VALUTAZIONE Purtroppo non è possibile valutare la campagna 5Xmille rispetto al numero di adesioni ed all importo ricevuto, poiché i dati vengono comunicati dall agenzia delle entrate dopo due anni circa. Tuttavia una valutazione va fatta rispetto al modo in cui abbiamo lavorato ma anche rispetto al materiale distribuito, grazie all analisi dei punti di forza e di debolezza. POSSIAMO E DOBBIAMO VALUTARE LA CAMPAGNA DA UN PUNTO DI VISTA QUALITATIVO Come? CON UN ANALISI SWOT, OSSIA UN ANALISI DEI PUNTI DI FORZA, DEBOLEZZA, OPPORTUNITÀ E MINACCE COMPILATE LA VOSTRA ANALISI SWOT FATE ATTENZIONE AI FATTORI ESTERNI MINACCE ED OPPORTUNITÀ LA MATRICE SWOT Punti di forza: Mission di forte impatto Forte progettualità Forte forza valoriale e motivazionale Forte mappa relazionale Punti di debolezza: Eccessivo carico di lavoro per i due dipendenti Area fund raising insistente e occasionale Difficoltà di diffusione della comunicazione Mission di nicchia Minacce: Riduzione progressiva delle risorse economiche esistenti Difficoltà di coinvolgere nuovi volontari Opportunità: Possibilità di affacciarsi a nuovi possibili donatori Possibilità di riprendere vecchie relazioni e di conoscere e coinvolgere nuovi pubblici 46

47 CON QUESTA ANALISI L ORGANIZZAZIONE PUÒ: sviluppare approcci di fund raising che rinforzano i suoi punti di forza evitare quelle aree di debolezza o trovare il modo per compensarle misurare le opportunità che si presentano sviluppare modi diversi per gestire le minacce che si presentano Nuova Pianificazione ATTIVITÀ DA SVOLGERE SU I contenuti della comunicazione definire il messaggio chiave della campagna idea creativa (slogan) comunicazione della destinazione dei fondi Selezionare gli interlocutori della campagna target diretti target indiretti Gli strumenti di comunicazione cartoncino passaparola newsletter volantino Modalità di promozione passaparola internet eventi sms promozionale Prima di ripianificare la vostra campagna: controllate le spese dell anno precedente per ottimizzare i costi controllate che il materiale possa essere riutilizzato decidere se mantenere la stessa campagna di comunicazione dell anno precedente MA SOPRATTUTTO FATE TESORO DELLA VOSTRA ANALISI SWOT 47

48 ESERCITAZIONE: elaborate la vostra mappa relazionale 48

49 49

50 50 FUND RAISING: PIANIFICARE UNA CAMPAGNA 5XMILLE

51 ESERCITAZIONI

52 ESERCITAZIONE 1: elaborate la vostra mappa relazionale N= Nucleo dell associazione 1 Cerchio= tipologia di interlocutori particolarmente legati all Organizzazione 2 Cerchio= contatti importanti presenti nella mappa relazionale dell Organizzazione 3 Cerchio= contatti presenti ma da fidelizzare 4 Cerchio= contatti poco presenti con cui l Organizzazione dovrà definire strategie di incontro 52

53 ESERCITAZIONE 2: usate questa tabella per pianificare le iniziative a calendario e potenziali INIZIATIVE A CALEN- DARIO TIPOLOGIA INIZIATIVA (cena, festa, concerto,etc) LUOGO PERIODO PARTNER (eventuali) NOTE 53

54 ESERCITAZIONE: La pianificazione delle azioni per la campagna 5Xmille Compilare il seguente schema inserendo rispetto al target le attività e gli strumenti da crearer i tempi previsti ecc. Definire anche un responsabile per ogni azione e strumento. Target Attività di promozione dello strumento Soci, amici e familiari dei soci, nuovi contatti etc. Festa della cooperativa Strumento di promozione Tempi previsti per la realizzazione dello strumento Scadenza per la realizzazione Responsabilità Es. Brochure 1 mese 12 gennaio Referente CDA + Grafico 54

55 ESERCITAZIONE 1. Tenere traccia del materiale distribuito 55

56 ESERCITAZIONE 2. Monitorare i contatti 56

57 Bibliografia Matteini, Maggioli, Spazzoli, Mauriello, Manuale di Fund Raising e Comunicazione Sociale Edizione Maggioli 2009 David A. Aaker Brand Equity La Gestione del Valore della Marca Franco Angeli 2009 Davide Cavazza Campagne per le organizzazioni non profit EMI 2006 Sitografia

58 note 58

59 59

60 VOLABO è il Centro Servizi per il Volontariato della provincia di Bologna ed ha l obiettivo di promuovere localmente l azione volontaria e la cultura della solidarietà offrendo gratuitamente servizi per lo sviluppo, la progettazione e la promozione delle iniziative delle Organizzazioni di Volontariato iscritte e non iscritte al registro provinciale. Via Scipione Dal Ferro Bologna tel fax Web: C.F Affidato ad A.S.Vo. Associazione per lo Sviluppo del Volontariato (Delibera COGE del 04/04/2003)

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 2014 Catalogo formativo Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 Internet Training Program Email Marketing Negli ultimi anni l email è diventata il principale strumento di comunicazione aziendale

Dettagli

L IDEA PER FAR CONOSCERE A TUTTI

L IDEA PER FAR CONOSCERE A TUTTI L IDEA PER FAR CONOSCERE A TUTTI IL VOSTRO LAVORO E LA VOSTRA PASSIONE I VOSTRI CAVALLI La nostra iniziativa vuole essere un aiuto agli allevatori per raggiungere ogni potenziale cliente e trasformarlo

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

Più dai meno versi: le novità nelle erogazione al non profit

Più dai meno versi: le novità nelle erogazione al non profit Più dai meno versi: le novità nelle erogazione al non profit Una novità nel sostegno del non profit in Italia Dr. Corrado Colombo 1 Situazione precedente Agevolazioni per le ONLUS; Limitate nell importo

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Negli UFFICI. 28 settembre 2010

Negli UFFICI. 28 settembre 2010 Negli UFFICI Come si fa 28 settembre 2010 Dai suggerimenti ai benefici Alcuni sono di facile attuazione, altri sono complessi o/e onerosi economicamente. Ovviamente non è necessario adottarli tutti e subito

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie Mobile Marketing Interattivo QR Code Inside Active Mailing Interattivo Interattivo Chi Siamo Interactive Advertising si avvale di un network di manager

Dettagli

Mai più senza smartphone.

Mai più senza smartphone. Mai più senza smartphone. Il telefonino ha superato il pc come mezzo di consultazione del web: 14,5 milioni contro 12,5 milioni.* Sempre più presente, lo smartphone è ormai parte integrante delle nostre

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

EROGAZIONI LIBERALI: le agevolazioni fiscali

EROGAZIONI LIBERALI: le agevolazioni fiscali le agevolazioni fiscali aggiornata con la normativa in vigore al 30 novembre 2007 INDICE 1. PREMESSA 2 2. LE LIBERALITÀ ALLE ONLUS 4 La deducibilità dal reddito delle erogazioni liberali alle ONLUS 4 La

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI #WHYILOVEVENICE

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI #WHYILOVEVENICE MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI Soggetto delegato #WHYILOVEVENICE PROMOSSO DALLA SOCIETA BAGLIONI HOTELS SPA BAGLIONI HOTELS S.P.A. CON

Dettagli

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Presentazione dei risultati del progetto e prospettive future dr. Antonio Biasi

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS Eidos Communication Via G. Savonarola, 31 00195 Roma T. 06. 45.55.54.52. F. 06. 45.55.55.44. E. info@eidos.co.it W. www.eidos.co.it INFORMAZIONI

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

Produzioni dal Basso. Manuale di utilizzo della piattaforma

Produzioni dal Basso. Manuale di utilizzo della piattaforma Produzioni dal Basso Manuale di utilizzo della piattaforma FolkFunding 2015 Indice degli argomenti: 1 - CROWDFUNDING CON PRODUZIONI DAL BASSO pag.3 2 - MODALITÁ DI CROWDFUNDING pag.4 3- CARICARE UN PROGETTO

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

La Responsabilità Sociale d Impresa

La Responsabilità Sociale d Impresa La Responsabilità Sociale d Impresa Claudio Toso Direttore Soci e Comunicazione claudio.toso@nordest.coop.it Piacenza 21 giugno 2005 1 Coop Consumatori Nordest Consuntivo 2004 460.000 Soci 78 supermercati

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente un grande evento mondiale una grande festa popolare Che cos è Far east Film Festival? Un grande evento popolare Far East

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA Regione Siciliana Azienda Ospedaliera 17 3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA 3.3 18 Le attività da svolgere per soddisfare i requisiti relativi alla politica, obiettivi ed attività consistono nella definizione:

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE Ente proponente il progetto: O.N.M.I.C. - Opera Nazionale Mutilati Invalidi Civili- Codice di accreditamento: NZ01189 Albo e

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

GRAFICA. Diamo forma ai tuoi bisogni. Consulenti di soluzioni. grafica cartacea - grafica online - grafica applicata

GRAFICA. Diamo forma ai tuoi bisogni. Consulenti di soluzioni. grafica cartacea - grafica online - grafica applicata Diamo forma ai tuoi bisogni Consulenti di soluzioni GRAFICA grafica cartacea - grafica online - grafica applicata BROCHURES CARTELLINE CATALOGHI LOCANDINE VOLANTINI MANIFESTI CALENDARI MENU LOGOMARCHI

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef Direzione Generale per il terzo settore e le formazioni sociali Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef PREMESSA Fonti normative dell

Dettagli

donare&ricevere Guida rapida alle norme sulla donazione + dai - versi!

donare&ricevere Guida rapida alle norme sulla donazione + dai - versi! Guida rapida alle norme sulla donazione + dai - versi! DONARE AL VOLONTARIATO Vantaggi e opportunità per imprese e persone!l attuale normativa, dopo l approvazione anche della legge Le Organizzazioni di

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee IL CONTESTO

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

OGGETTO: Giornata del dono e Concorso "Donare, molto più di un semplice dare"

OGGETTO: Giornata del dono e Concorso Donare, molto più di un semplice dare Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione Direzione Generale per lo Studente, l Integrazione e la Partecipazione Ufficio

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Come Usare PrinterApp 3D. PrinterApp 3D

Come Usare PrinterApp 3D. PrinterApp 3D PrinterApp 3D PrinterApp3D (3DPa) ha lo scopo di creare un legame tra chi ha la passione di costruire, smontare, capire, partecipare (makers) e chi il mondo dei makers lo conosce e lo vive ogni giorno,

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali.

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali. Come utilizziamo i suoi dati è un prodotto di ULTRONEO SRL INFORMAZIONI GENERALI Ultroneo S.r.l. rispetta il Suo diritto alla privacy nel mondo di internet quando Lei utilizza i nostri siti web e comunica

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI 20 ANNI SUONANO BENE

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI 20 ANNI SUONANO BENE MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI 20 ANNI SUONANO BENE 1. Soggetto promotore Società promotrice è il Consorzio Centro Nova con sede in

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK

Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK LA TUA POSTA IN UN CLICK Clicca&Posta è una soluzione software per la gestione della

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO 1 INTRODUZIONE Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida. Lo schema proposto di seguito è stato sviluppato nell ambito del progetto Miglioramento delle performance

Dettagli

Guida alla promozione, all adesione e al sostegno dell iniziativa europea Uno di Noi.

Guida alla promozione, all adesione e al sostegno dell iniziativa europea Uno di Noi. Guida alla promozione, all adesione e al sostegno dell iniziativa europea Uno di Noi. 6 maggio 2013 Perché l embrione umano è già uno di noi Comitato italiano UNO DI NOI Lungotevere dei Vallati 10, 00186

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Guida ai Circoli professionali del Rotary

Guida ai Circoli professionali del Rotary Guida ai Circoli professionali del Rotary Rotary International Rotary Service Department One Rotary Center 1560 Sherman Avenue Evanston, IL 60201-3698 USA www.rotary.org/it 729-IT (412) Introduzione ai

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio Aprile 2011 INDICE 1. ACCESSO ALLA PROCEDURA... 1 2. INSERIMENTO DATI...

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Contribuite anche voi al nostro successo.

Contribuite anche voi al nostro successo. Entusiasmo da condividere. Contribuite anche voi al nostro successo. 1 Premi Nel 2009 e nel 2012, PostFinance è stata insignita del marchio «Friendly Work Space» per la sua sistematica gestione della salute.

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli