Tre progetti del Parlamento respinti da popolo e cantoni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tre progetti del Parlamento respinti da popolo e cantoni"

Transcript

1 Anno 43 N.7, luglio 2012 Mensile degli Svizzeri in Italia con comunicazioni ufficiali delle Autorità svizzere e informazioni del Segretariato degli Svizzeri all estero Internet: Votazione federale del 17 giugno Tre progetti del Parlamento respinti da popolo e cantoni Una valanga di no ha chiaramente respinto i tre progetti posti in votazione popolare a metà giugno. Il risultato non lascia adito a discussione: la rete di cure integrate è stata bocciata dal 76% dei votanti, l iniziativa che voleva sottoporre al popolo tutti i trattati internazionali dal 75,2% dei votanti e l iniziativa per l accesso alla proprietà grazie al risparmio per l alloggio dal 68,9% dei votanti. La partecipazione al voto è stata del 38,1%. Sul tema principale della giornata, cioè la modifica della Legge sulle casse malati per introdurre il principio del managed care, cioè la rete di cure integrate invece della libera scelta del medico, vedasi il commento qui di fianco. Per l iniziativa lanciata dall Associazione per una Svizzera neutrale e indipendente Per il rafforzamento dei diritti popolari in politica estera, si trattava di sottoporre al popolo ogni trattato internazionale che la Svizzera volesse firmare. Il popolo ha detto di no, comprendendo che un sì avrebbe comportato difficoltà sul piano della cooperazione interna- zionale e che l attuale sistema di democrazia diretta permette un sufficiente coinvolgimento dei cittadini anche in materia di politica estera. Infine il tema dell accesso alla proprietà tramite il risparmio per l alloggio, era considerato il più incerto. Il popolo aveva già respinto in marzo un iniziativa analoga e ha così ribadito che altre misure per incoraggiare la proprietà della casa di abitazione non sono necessarie. Perfino il semicantone di Basilea Campagna, che aveva già introdotto il sistema sul piano cantonale, ha detto di no all iniziativa e deve quindi rinunciare al suo modello particolare. È la quarta volta che il popolo e i cantoni rifiutano un progetto simile e questo voto dimostra, per i contrari, che il popolo non vuole concedere più privilegi ai proprietari fondiari e, per i fautori, che il risparmio per l alloggio non è più un tema d attualità in Svizzera. Comunque il prossimo 23 settembre vi sarà una nuova votazione su una seconda iniziativa per la Sicurezza dell alloggio per i pensionati. Primo incontro il 16 settembre Nuovo Circolo Svizzero a Reggio Calabria Capitanato da Claudio Coletta, con il sostegno del Console Onorario Renato Vitetta e della presidente del Collegamento Svizzero in Italia Irene Beutler, un gruppo di volonterosi sta creando un nuovo Circolo Svizzero, che si chiamerà Circolo Svizzero Magna Grecia - Reggio Calabria. Si chiede a coloro che intendono partecipare alla seduta costitutiva, del 16 settembre 2012, di annunciare la loro presenza entro il 28 agosto Si può inoltre prendere contatto con il costitutore del futuro Circolo Claudio Coletta (telefono ). Servizio a pagina 9. pagina 5 Dove pagare le imposte sulla pensione pagina 8 Serie di votazioni in cantoni e comuni pagina 19 Per i giovani del Circolo Svizzero di Varese pagina 6 Confooderatio Helvetica ad Expo 2015 pagina 12 Gioco dei birilli metafora di vita pagina 28 Il profilo politico degli Svizzeri all estero Fronte sanitario molto decisivo No chiarissimo alle reti di cure Il no popolare al progetto di reti di cure integrate (Managed Care) era nell aria, ma è forse andato al di là delle previsioni. In tutti i cantoni le percentuali di contrari sono state altissime. Dopo otto anni di lavori parlamentari, passando attraverso tre legislature e tre diversi consiglieri federali, si capiscono le difficoltà di far accettare riforme in campo sanitario. Contrastato dai medici e dai pazienti, non abbastanza convincente per le casse malati, il compromesso raggiunto dalle Camere federali era combattuto, sul piano politico, soprattutto dalla sinistra, ma all ultimo momento anche l UDC, che in Parlamento l aveva votato, se ne è distanziata. Eppure l attuale legge permette già la costituzione di reti di cure integrate e in Svizzera il 17% degli assicurati delle casse malati già vi aderisce. L argomento decisivo è stato quello della pratica abolizione della libera scelta del medico, ma anche quello dell aumento della franchigia per coloro che non faranno parte di una rete. Infine anche la complessità del tema e i troppi punti non ben chiariti sembrano essere stati determinanti. Sul piano politico la decisione popolare non sarà priva di conseguenze. Si è rilanciato il tema di una cassa malati federale unica (per qualcuno anche con premi proporzionali al reddito), cui si contrappongono altre tesi opposte, come quella di abolire l obbligatorietà dell assicurazione malattia. Ma prima di trovare soluzioni estreme si dovrà far chiarezza sui temi attualmente in discussione, che vanno dal rafforzamento della medicina di base e del ruolo del medico di famiglia, alla cartella elettronica del paziente e, riassumendo, al mantenimento del già ottimo sistema sanitario, migliorandone la qualità e mantenendo il paziente al centro delle attenzioni. Ignazio Bonoli

2 2 Continuerà a tutelare la privacy ma non sarà più come prima Il segreto bancario svizzero è solo una forma di garanzia, ma non assoluta Rubrica legale dell Avv. Markus W. Wiget Egregio avvocato, un po di tempo fa Lei aveva accennato alla problematica del segreto bancario svizzero, anche con riferimento al famoso caso UBS. Vedo che periodicamente il tema riemerge sia nel dibattito politico interno alla Svizzera, sia nei rapporti internazionali. Ora le chiedo non tanto un parere vero e proprio ma più una valutazione, comunque sempre, giuridica. E cioè il segreto bancario è ancora importante in Svizzera o lo sarà ancora in futuro, anche per l economia del paese? Ed infine, durerà o la Svizzera dovrà rinunciarvi? E che ne sarà dei correntisti e delle banche? Grazie per l attenzione e complimenti per il suo lavoro sulla nostra Gazzetta. L. B. (Varese) Risposta Caro Lettore, in effetti avevo affrontato il tema del segreto bancario - anche se di sfuggita e più da un punto di vista della cronaca, a dire il vero ed avevo promesso di riprenderlo. Poi però altre sono state le questioni che le lettere dei nostri compatrioti hanno privilegiato ed il segreto bancario era un po passato in secondo piano. Ma l argomento resta sempre di grande attualità è troppo ghiotto per lasciarselo sfuggire. Se ne ed è parlato, e Lei vi fa implicitamente riferimento, sia in relazione alle trattative ora avviate pare anche con l Italia degli accordi Rubik, sia in relazione al c.d. affaire Hildebrand, ed ora anche in connessione alla immunità dei Consiglieri Nazionali. Vicende tutte delle quali ha dato conto anche la nostra Gazzetta. Cosa è realmente il segreto bancario? Il segreto bancario nell immaginario collettivo è visto come una barriera impenetrabile. In realtà, se ne ha una percezione un po romanzesca, perchè in effetti esso non è altro che una forma di garanzia al pari del segreto professionale che hanno i medici o gli avvocati e persino i ministri di culto, o del segreto d ufficio. La particolarità non risiede tanto nel fatto che in Svizzera tale tutela sia estesa anche al settore bancario, né alla circostanza che la sua violazione sia sanzionata penalmente. Naturalmente, va detto subito che, come gli altri segreti, anche quello bancario non è assoluto perché in caso di reati comuni e reati gravi anche di criminalità economica (riciclaggio, criminalità organizzata, bancarotta, terrorismo, traffico di stupefacenti, ecc..) viene prestata piena collaborazione alla magistratura, sia elvetica, sia straniera in presenza, in quest ultimo caso, di adeguate convenzioni internazionali sull assistenza giudiziaria. Il punto critico, notoriamente, è dato dal fatto che in Svizzera si distingue storicamente tra la semplice sottrazione d imposta che non è perseguibile penalmente ma solo in via amministrativa, e la frode fiscale che è invece un reato. La distinzione invece non esiste nei Paesi dell Unione Europea (in Italia in particolare) e negli Stati Uniti che invece puniscono come illecito penale l evasione fiscale. Tale asimmetria rende difficoltoso, se non impossibile, in taluni casi per la Svizzera dare seguito a rogatorie internazionali. La disciplina del segreto bancario e le sanzioni In realtà manca una definizione espressa del segreto bancario nell ordinamento svizzero. Tra le norme che rilevano per capire di che cosa si tratta e quali sono le implicazioni delle vicende citate, occorre fare riferimento innanzitutto all art. 273 del Codice Penale Svizzero sullo spionaggio economico. In base a tale norma, chiunque cerca di scoprire un segreto di fabbricazione o di affari per renderlo accessibile o lo rende accessibile ad un organismo ufficiale o privato dell estero, ovvero ad un impresa od organizzazione privata estera, o ai loro agenti, è punito con una pena detentiva sino a 3 anni o con una pena pecuniaria o, nei casi gravi, con una pena detentiva non inferiore ad 1 anno. Con la pena detentiva ne può essere cumulata una pecuniaria. Più nello specifico, poi, in base all art. 47 della Legge federale sulle Banche e Casse di risparmio (LBCR) dell (ed all art. 43 della Legge federale sulle Borse ed il Commercio di Valori Mobiliari LBVM di identico tenore), chiunque intenzionalmente rivela un segreto che gli è confidato o di cui ha notizia nella sua qualità di membro di un organo, impiegato, mandatario o liquidatore di una banca, membro di un organo o impiegato di una società di audit, commette un illecito penale. Altrettanto vale per chi semplicemente tenta di indurre qualcuno a siffatta violazione del segreto professionale, e quindi con una anticipazione rilevante della soglia di punibilità. La sanzione prevista è la pena detentiva sino a 3 anni o una pena pecuniaria. È poi prevista anche la sanzionabilità di ipotesi colpose, e cioè di chi ha agito per negligenza, punite con la multa sino a franchi. La rivelazione del segreto è punibile anche dopo la cessazione della carica, della funzione o dell esercizio della professione, e da ultimo, si prevede un minimo più elevato in caso di recidiva entro cinque anni da una condanna passata in giudicato. Analogamente, l art. 321 del Codice Penale Svizzero sulla violazione del segreto professionale prevede espressamente tutta una serie di Editore: Associazione Gazzetta Svizzera CH-6963 Cureggia Redazione: Dott. Ignazio Bonoli CP 146, CH-6932 Breganzona Tel , Fax Pubblicità: Mediavalue srl Via G. Biancardi, Milano (Italy) Tel Fax Testi e foto da inviare per a: Mensile degli svizzeri in Italia. Fondata nel Internet: Gazzetta svizzera viene pubblicata 11 volte all anno. Tiratura media mensile copie. Gazzetta svizzera viene distribuita gratuitamente a tutti gli Svizzeri residenti in Italia a condizione che siano regolarmente immatricolati presso le rispettive rappresentanze consolari. Cambiamento di indirizzo: Per gli Svizzeri immatricolati in Italia comunica re il cambiamento dell indirizzo esclusivamente al Consolato. Introiti: Contributi volontari, la cui entità viene lasciata alla discrezione dei lettori. Dall ltalia: versamento sul conto corrente postale italiano no intestato a «As so cia zio ne Gazzetta Svizzera, CH-6963 Cureggia». Oppure con bonifico alla Banca Popolare di Milano, Agenzia 344, Milano, sul conto corrente intestato a «Collegamento Svizzero in Italia, Rubrica Gazzetta». IBAN IT78 N Dalla Svizzera: versamento sul conto corrente postale svizzero no , intestato a «Associazione Gazzetta Svizzera, 6963 Cureggia». IBAN CH , BIC POFICHBEXXX Composizione e impaginazione: TBS, La Buona Stampa sa Via Fola 11 CH-6963 Pregassona (Lugano) I soci ordinari dell Associazione Gazzetta Svizzera sono tutte le istituzioni volontarie svizzere in Italia (circoli svizzeri, società di beneficenza, scuole ecc.). Soci simpatizzanti sono i lettori che versano un contributo all Associazione. L Associazione Gazzetta Svizzera fa parte del Collegamento Svizzero in Italia (www.collegamentosvizzero.it).

3 3 soggetti tenuti al vincolo: gli ecclesiastici, gli avvocati, i difensori, i notai, i consulenti in brevetti, i revisori tenuti al segreto professionale in virtù del Codice delle obbligazioni, i medici, i dentisti, i farmacisti, le levatrici, come pure gli ausiliari di questi professionisti. Se costoro rivelano segreti a loro confidati per ragione della loro professione o di cui hanno avuto notizia nell esercizio della medesima, essi sono puniti, seppure solo a querela di parte, con una pena detentiva sino a tre anni o con una pena pecuniaria. Curiosamente sono puniti anche gli studenti che rivelano un segreto di cui hanno avuto notizia nel corso dei loro studi. La rivelazione del segreto è punibile anche dopo la cessazione dell esercizio della professione o dopo la fine degli studi, mentre non lo è se fatta col consenso dell interessato o con l autorizzazione scritta data, a richiesta di chi detiene il segreto, dall autorità superiore o dall autorità di vigilanza. È molto evidente come le norme siano costruite in maniera molto simile e come la disciplina e le pene dettate da queste disposizioni siano quasi sovrapponibili. Si noti però come non sia prevista l espressa punibilità per negligenza, e cioè per colpa, in queste ultime ipotesi, al contrario di quanto disposto per le norme tipicamente del settore bancario. Per completezza aggiungiamo che, l art. 320 del Codice Penale Svizzero sulla violazione del segreto d ufficio punisce la rivelazione di un segreto, confidato ad un soggetto nella sua qualità di membro di una autorità o di funzionario, o da parte di chi ne ha notizia per la sua carica o funzione, con una pena detentiva sino a 3 anni o con una pena pecuniaria, anche se la rivelazione del segreto avviene dopo la cessazione della carica o della funzione, mentre non lo è se risulta, anche qui, il consenso scritto dell autorità superiore. Il caso UBS e altri simili La vicenda UBS è in parte nota ma la riassumiamo, nei suoi termini essenziali per quanto qui interessa, senza entrare peraltro in aspetti pur molto interessanti di diritto internazionale. Nel 2009 UBS, dopo lunghe trattative, stipulava con il governo americano un accordo transattivo (c.d. Deferred Prosecution Agreement) in base al quale, oltre a pagare un consistente importo, si impegnava a fornire tra l altro i dati di alcuni clienti, per ottenere la sospensione del procedimento a suo carico. La FINMA provvedeva subito dopo la firma ad inviare autonomamente un primo lotto di dati (ca. 255 clienti), in forza dei propri asseriti poteri di vigilanza. Subito dopo l Internal Revenue Service (IRS) statunitense pretendeva i dati di clienti. Dinanzi ad una corte statunitense, in particolare al Tribunale distrettuale di Miami la Svizzera interveniva, chiedendo il rispetto della propria sovranità e sostenendo che il diritto svizzero tra l altro sul segreto bancario vietava la consegna di dati dei clienti. Venivano poi avviate trattative dalla Svizzera con il governo USA che sfociavano in un accordo che prevedeva una richiesta di assistenza amministrativa per soli conti circa di clienti UBS. Il il Tribunale Amministrativo Federale (TAF) accoglieva il ricorso di una cittadina statunitense contro la trasmissione dei suoi dati nell ambito di illeciti fiscali gravi e continuativi da parte della FINMA. Il il TAF, sempre su ricorso di un cliente, censurava la portata dell accordo tra la Svizzera e gli USA, da considerarsi una mera dichiarazione di intenti. Il Consiglio Federale, successivamente, sottoponeva l accordo al Parlamento che nell estate 2010 lo approvava riveduto. Il in altro procedimento di una cliente UBS, il TAF questa volta respingeva il ricorso. L amministrazione federale trasmetteva infine gli atti ed il l IRS ritirava l azione civile contro UBS. Con la sentenza del Tribunale Federale del , della quale abbiamo già riferito sulla Gazzetta nel Dicembre 2011, è stato posto un punto fermo dopo tanta incertezza. Si ricostruisce innanzitutto il contenuto del segreto bancario ( Bankkundengeheimnis ), seppure in relazione alla vicenda FINMA, ma si illustrano anche i limiti allo stesso, dati dal consenso del cliente, da obblighi giuridici e dal prevalente interesse proprio della banca. In concreto, il Tribunale Federale ha riconosciuto comunque la legittimità dell operato della FINMA, anche se facendo ricorso alla c.d. clausola generale di polizia prevista dall art. 36, primo capoverso, della Costituzione federale. Essa consente limitazioni ai diritti fondamentali quando ciò sia indispensabile per ragioni di ordine pubblico o di tutela di valori giuridici fondamentali dello Stato o di privati contro pericoli gravi ed attuali e non altrimenti evitabili. Una sorta di legittima difesa statuale. Il segreto bancario in conclusione fa parte degli interessi vitali della Svizzera, purchè non arrechi un danno all economia del Paese. Una questione, come vede caro Lettore, che poco ha di giuridico e che molto di più ha a che fare con i rapporti di forza e la politica. Successivamente è anche venuta prepotentemente alla ribalta la vicenda della Wegelin & Co. che non si è voluta presentare in giudizio negli Stati Uniti, accusata a sua volta di avere aiutato clienti statunitensi (in parte provenienti da UBS) ad evadere le tasse. La vicenda è ancora in corso ma nel frattempo la storica banca di San Gallo, la più antica della Svizzera, non c è più ed è stata assorbita. Ai gentili lettori Altre richieste dell IRS nei confronti di altri istituti svizzeri sono notoriamente in corso tuttora, e non è dato al momento prevedere cosa succederà. Conclusione Siamo dunque di fronte alla fine del segreto bancario svizzero? Certo il segreto bancario così come lo conoscevamo una volta non esiste più. Esso si è via via eroso per motivi contingenti, a volte legittimi (pensiamo al terrorismo internazionale o alla criminalità organizzata ed al riciclaggio di denaro sporco per fare solo gli esempi più eclatanti), altre volte magari meno (come quando se ne fa strumento di conflitto tra Stati). Ma il tutto, oggi, va posto nella giusta prospettiva etica, giuridica ed economica. Intanto, il segreto bancario non può servire a creare inammissibili sacche di protezione di situazioni di illegalità e di atti criminali. E questo è ovvio. Sotto il profilo giuridico, il diritto è perfettamente in grado di modulare il segreto bancario per tutelare esigenze di riservatezza e discrezione di un soggetto (la c.d. sfera privata ) senza per questo offrire alibi e forme di impunità. Da un punto di vista economico, poi, gli Stati continueranno, se non altro per un bisogno sempre crescente - almeno in tempo di crisi - a cercare di rastrellare quanto più denaro possibile con tributi, tasse e gabelle, per necessità di alimentare la macchina statale e ripagare il proprio debito. Gli stessi accordi Rubik cercano un compromesso tra questa esigenza ed il segreto bancario. Sotto altro profilo, peraltro, la stessa Svizzera ed alcuni autorevoli esponenti di banche elvetiche importanti, non ritengono più il segreto bancario essenziale, oggi come oggi per il proprio sviluppo. Anzi vi è persino chi ritiene che le banche stesse non siano poi così rilevanti per l economia. Altri invece lo considerano importante ma ritengono che sia un pretesto per attaccare una delle piazze finanziarie più importanti ed organizzate e per questo più attraenti del mondo. Molti economisti spiegano che indebolire le banche crea rischi sistemici nei paesi sovrani (e questa è anche l opinione del Tribunale Federale), spesso poi con reazioni emotive incontrollabili. È soprattutto per questo che le si vuole tutelare secondo il noto principio del too big to fail ma questa è un altra storia e ne parleremo un altra volta. Buone vacanze a tutti. Avv. Markus W. Wiget Oltre al lavoro di volontariato di tutto il comitato, il Signor Robert Engeler e l Avvocato Markus Wiget offrono anche, nei settori di rispettiva competenza, un importante consulenza mensile, pure assolutamente gratuita, a favore di molti lettori. Dato che i contributi che molti Svizzeri benemeriti versano volontariamente alla Gazzetta Svizzera bastano purtroppo soltanto per coprire i costi di stampa e di spedizione, ma non bastano certo per le altre numerose spese che devono essere sostenute, chiediamo a tutti i Lettori e, in particolare, a quelli che ricevono le suddette consulenze dai signori Engeler e Wiget, di utilizzare il bollettino allegato alla Gazzetta Svizzera e versare anch essi un adeguato contributo.

4 4 Tener conto di vari fattori: prezzi, conoscenze, scuola, assicurazioni sociali, ecc. Rientrare, vivere e lavorare in Ticino. Come bisogna fare AVS/AI Assicurazioni sociali di Robert Engeler Gentile Signor Robert Engeler Mi chiamo C., frequento il Circolo Svizzero di, la cui presidente mi ha consigliato di parlarle; Attualmente abito (Italia), mio marito è italoargentino e lavora presso una ditta in zona, è magazziniere e tecnico meccanico. Come il paese, che si trova in una crisi economica senza precedenti, anche noi ci troviamo economicamente male. Vorrei un consiglio, per vedere come posso procedere per rientrare in Ticino, come è la situazione economica, lavoro, affitto, paesino più economico per vivere, etc. Siamo stati in vacanza tre volte a Lugano (bellissimo). Io sono nata in Argentina, ho la cittadinanza italiana e svizzera, mio nonno è nato a Novazzano TI (Svizzera) i miei cugini vivono a Biel (cantone tedesco), da 8 anni vivo in Italia con mio marito di 39 anni e mio figlio di 5 anni Ringrazio per l aiuto, Le invio i miei più cordiali saluti. C. Buona sera, avrei bisogno le seguenti informazioni, in parte già chieste con il mio di ieri: La formazione scolastica e professionale di chi desidera lavorare in Svizzera (Suo marito? Lei?) Il lavoro che sareste disposti a fare Le lingue conosciute Perché pensate al Ticino e non ad un altra regione della Svizzera, Biel p.es. dove stanno i Vostri cugini Il Vostro indirizzo completo Robert Engeler Gentile Signor Robert Engeler: Grazie per rispondermi e per il suo tempo, il mio marito ha 39 anni, cittadino italiano, nato in Argentina, diplomato Tecnico meccanico in Argentina, lavora a tempo indeterminato da nove anni in un azienda del mobile in Italia, (addetto al magazzino). Per la situazione economica del paese, abbiamo deciso di valutare il trasloco con tutta la famiglia in Ticino. Lingue conosciute italiano e spagnolo (noi due). I miei cugini vivono a Biel, ma loro parlano soltanto tedesco. Io ho 40 anni, cittadina svizzera nata in Argentina, diplomata e corso di manicure e pedicure (fatto in Argentina) in questo momento sono casalinga, ho lavorato in fabbrica come operaia e come portalettere in Poste Italiane. Abbiamo un bambino di 5 anni italo-svizzero. Siamo disposti a fare qualsiasi lavoro, per cominciare. Il nostro indirizzo è Vorrei sapere: Zona dove ci siano più possibilità di lavorare e vivere Eventualmente c è qualche aiuto economico del comune, al rientro? Grazie mille, saluti. Risposta Gentile lettrice, Avendo ricevuto quasi tutte le informazioni per inquadrare il Suo caso cerco di rispondere alle Sue domande: 1. Anche se gli stipendi in Svizzera sono decisamente più alti che in Italia, le strade sono generalmente pulite e tutto è piuttosto ordinato, la Svizzera non è il paese del bengodi. Pure i costi di vita sono notevolmente più alti, è molto facile essere licenziato se non si lavora bene, se non si va d accordo o quando l azienda non va bene. Non esiste nessun premio al rientro in Svizzera, ma il comune di residenza è obbligato a darvi l assistenza sociale per poter vivere (anche se ogni comune e cantone interpreta questo obbligo a modo suo). 2. Anche in Svizzera una cosa è andarci per vacanza, un altra per vivere. Il Ticino è una delle regioni economicamente più fragili della Svizzera e attualmente sta passando un periodo di difficoltà, seppure minore dell Italia. Trovare lavoro in Ticino in questo momento non è facile. Per chi ha voglia e capacità di lavorare trova, ma con molto impegno ed aiuto. La zona economicamente più valida e quindi più facile per trovare lavoro è tra Chiasso ed il Luganese; Lugano città è però generalmente troppo cara per abitarci. 3. Per tutte le difficoltà che un trasferimento da un paese all altro comporta, dall abitazione, al lavoro, scuola, esperienze che si devono fare, raccomando sempre di andare là dove si trovano familiari che conoscono le abitudini, i prezzi giusti da pagare per l abitazione piuttosto che per vestiti o carne (quest ultima carissima comunque). Economicamente molto più forti sono le zone di Zurigo-Basilea per la Svizzera tedesca e Ginevra-Lausanne per la Svizzera francese. Nel Vostro caso questo consiglio non vale, perché i Vostri cugini abitano Bienne, città bilingue francese-tedesco nel cantone di Berna, due lingue che Voi non parlate, e dove perciò non avete quasi possibilità di trovare un lavoro. Lei non ha risposto alla mia domande se avete una certa disponibilità di risparmio per poter sopportare i costi di un trasloco, prendere in affitto un appartamento e pagare il relativo deposito, la cassa malattia per la famiglia (almeno Fr. 500 al mese in Svizzera non c è un sistema sanitario nazionale, ma un assicurazione semi-privata obbligatoria per la quale bisogna cercare la cassa meno cara) e poter vivere qualche mese senza guadagno. Visto che non mi dice nulla, suppongo che i Vostri mezzi siano molto limitati e rispondo in questo senso. 5. Certo che potreste chiudere tutto in Italia, trasferirvi nel Ticino, chiedere immediatamente al Vostro comune di domicilio nuovo l assistenza sociale fino a quando avrete trovato un lavoro pagato sufficientemente bene per mantenere la famiglia. Se non avete sufficienti riserve di denaro, sconsiglio questa soluzione perché non siete più soli, ma dovete occuparvi di un bambino, e perché potreste perdere tutto, non trovarvi bene, e rimpiangere di aver rinunciato a tutto quello che ormai avete raggiunto in Italia anche se Vi sembra oggi poca cosa. 6. Non avendo famiglia in Ticino avete bisogno di qualcuno che Vi consigli in questa decisione, nella ricerca di lavoro e nelle altre grandi o piccole scelte per non fare troppi errori. Vi consiglio di rivolgervi al sig. Giuseppe Rauseo, direttore del centro di formazione professionale dell Organizzazione Cristiano Sociale Ticinese a Lugano, illustrando il Vostro caso e chiedendo un appuntamento con qualcuno per aver informazioni sulle possibilità di lavoro, di eventuali formazioni aggiuntive, di aiuto nella ricerca di lavoro e dell abitazione, delle informazioni su quanto dovreste guadagnare per mantenere la Vostra famiglia. Il primo appuntamento è gratuito, successive prestazioni sono a pagamento. 7. Potete scrivere un a riferendovi a me. Prima di andarci annotate su un foglio tutte le domande che volete porre alla persona che Vi consiglierà, oltre a quelle sul lavoro e la casa, anche quelle sul trasferimento, passo per passo quello che dovete fare, incluso cassa malattia e la scuola per il bambino. Durante l incontro prendete nota di tutto quello che Vi viene detto per poi prendere con calma la Vostra decisione. Numerosi Svizzeri d Italia in condizioni similari hanno fatto questo passo negli ultimi anni. Chi è nato e cresciuto in Svizzera, aveva familiari, conosceva lingue e abitudini e aveva molta voglia di lavorare, quasi sempre con grande soddisfazione; gli svizzeri di seconda o terza generazione all estero con maggiori difficoltà e non sempre a piena soddisfazione. Ma per tutti l inizio è stato duro. Abbiamo anche accompagnato famiglie portoghesi che si sono installate in Ticino, inizialmente con molte difficoltà, ma visto il loro grande impegno tutti hanno fatto la loro strada. Basta valutare la situazione e se stessi bene prima di decidere. Mi farà piacere conoscere le Vostre decisioni ed i Vostri successi. Con i migliori auguri. Robert Engeler

5 5 Per principio l imposta va pagata nel luogo di residenza Ritorno in Svizzera dove devo pagare le imposte sulla pensione INPS? Egregio sig. Engeler, Sono cittadino svizzero mononazionale e vivo da molti anni in Italia, sono pensionato INPS da alcuni anni. Prossimamente tornerò in Svizzera. Dove devo pagare le imposte sulla mia pensione INPS? Come devo fare? Grazie e cordiali saluti. Un lettore di Milano Risposta Caro lettore, la cittadinanza, per le imposte, non ha importanza. La situazione è la stessa, che Lei sia mononazionale svizzero, oppure italiano, oppure doppio nazionale. Le imposte sul reddito, con pochissime eccezioni, vanno pagate nel paese di residenza. Una delle poche eccezioni riguarda proprio i pensionati: chi riceve una pensione di un ente pubblico (nel caso dell Italia Stato, regione, provincia, comune) o parastatale (FS, Poste, ENIT, ICE) paga le imposte in Italia, anche se risiede in Svizzera (la stessa cosa vale vice-versa). Lei che gode di una pensione INPS, quindi da datore di lavoro privato, quando sposta la residenza in Svizzera, dovrà dichiararla da quel momento in Svizzera. Le consiglio di procedere così: Vada sul sito / moduli (bottone in alto a sinistra) / assicurato-pensionato scarichi il modulo AP03 richiesta di pagamento della pensione presso banca e compili i dati della nuova banca in Svizzera, scarichi il modulo AP 27 cambio indirizzo e metta il nuovo indirizzo in Svizzera, sempre tra i moduli, ma sotto il titolo convenzioni internazionali, scarichi il modulo CI532 (in tedesco o francese, a seconda del futuro comune di residenza, per il Ticino è indifferente perché tutti i moduli sono bilingue con italiano), lo compili (per Lei non è necessario compilare la richiesta per il codice fiscale che possiede già) e lo faccia timbrare dall ufficio imposte del comune della Sua nuova residenza in Svizzera, non appena ha preso residenza nel comune. Tutti i moduli si trovano attualmente nella prima pagina del relativo elenco, il CI532 in fondo). Faccia fotocopia di tutto e spedisca per raccomandata i tre moduli alla sede INPS di Sua competenza. Dopo poco tempo, la pensione non Le arriverà più sul Suo conto in Italia, ma su quello svizzero, senza deduzione delle tasse. Per i mesi trascorsi tra la data del timbro del comune di residenza in Italia sul modulo, per i quali sono ancora state trattenute le imposte italiane, l INPS Le accrediterà le imposte trattenute in un mese successivo. Cordiali saluti. Robert Engeler Per chi non ha accesso a Internet: chiedete questi moduli alla Vostra sede INPS. Assicurazione malattia e infortuni internazionale Secondo il modello svizzero Assicurazione privata per tutta la vita Libera scelta dei medici e ospedali in tutto il mondo Offerta speciale per gli Svizzeri all estero: Possibilità di libera adesione senza nuovo esame dello stato di salute! In esclusiva per voi e solo da ASN ASN AG Bederstrasse 51 CH-8027 Zurich Contattateci! Tel: +41 (0) Alla scoperta della Svizzera con un clic. Attualità, approfondimenti, analisi e reportage sul portale indipendente e multimediale in 9 lingue swissinfo.ch. Dalla Svizzera, sulla Svizzera. swissinfo.ch

6 6 «Primo piano» A cura di Annamaria Lorefice www. gazzettasvizzera.it Un occasione d oro per mostrare tutte le capacità innovative, economiche e culturali della Svizzera La Confooderatio Helvetica ad Expo 2015 per imboccare la via giusta tra cibo e ambiente A prima vista si fa un po fatica a leggere quella che sembra una storpiatura del nome latino Confoederatio Helvetica, a causa dell inserimento del termine inglese food, cibo. Invece, Confooderatio Helvetica è l indovinata sigla per esaltare una Svizzera perfettamente in tema con la futura esposizione universale: Expo Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita. La Svizzera è stata - tra le 80 nazioni annunciate ufficialmente - la prima a firmare la sua partecipazione, aprendo di fatto i battenti dell Expo. In tutto dovrebbero aderire 150 nazioni. L esposizione vera e propria durerà sei mesi, da maggio a ottobre, e sono attesi circa 20 milioni di visitatori internazionali. All interno di un milione e centomila metri quadrati di campagna ricca di canali d acqua, vicino a Milano, sorgerà il complesso che ospiterà i padiglioni delle varie nazioni. E quello elvetico non passerà certo inosservato, con le sue emblematiche torri piene di cibo. Un progetto significativo e interattivo che si è aggiudicato un ottima posizione centrale, vicino al padiglione italiano. Secondo Berna sarà un appuntamento prezioso anche per incrementare la visibilità in Italia e per questo la Confederazione ha stanziato 23,1 milioni di franchi, di cui otto dovranno essere finanziati da sponsorizzazioni private. I cantoni Ticino, Grigioni, Vallese e Uri e le città di Basilea, Ginevra e Zurigo hanno assicurato, la loro presenza nel padiglione della Svizzera, mentre alcune imprese si sono dette pronte a dare un sostegno economico. Insomma, un enorme macchina già in moto per realizzare studi, incontri ed eventi svizzeri non solo pensando al 2015, ma a partire da subito. Come sarà articolato questo lunghissimo calendario? Lo abbiamo chiesto all ambasciatore all O- NU Dante Martinelli, di recente nominato commissario generale per la Confederazione all Expo: «Sono due i pilastri della partecipazione svizzera. Il primo è il padiglione svizzero. Il secondo è il programma d accompagnamento Verso Expo Milano 2015 che prevede una serie di attività in Italia anche prima e dopo l esposizione universale. Expo offre una piattaforma importante per far conoscere al pubblico internazionale alcuni aspetti meno noti della Svizzera, come la sua creatività e le sue ricerche innovative nel settore agroalimentare». Da più parti si afferma che l Expo è un occasione proprio per migliorare l immagine della Svizzera in Italia, la quale è la seconda part- L esposizione universale a Milano del 2015 prevede la presenza di 150 nazioni e l arrivo di 20 milioni di visitatori. I Cantoni dei Grigioni, Ticino, Vallese e Uri hanno assicurato la loro partecipazione. Il delegato del Cantone Grigioni per Expo, Claudio Lardi, da noi interpellato, ne è convinto: «Non mancheranno le sorprese che proporrà il padiglione della Svizzera. Si tratterà comunque di far bella figura e mettere in rilievo che l italianità esiste anche oltre i confini dell Italia. Speriamo su vantaggi a livello di immagine». Il padiglione svizzero non passerà inosservato con le sue torri piene di cibo che i visitatori potranno prendere a piacimento. Una provocazione per sensibilizzare alla responsabilità alimentare. In coerenza con il delicato tema dell Expo su cibo e ambiente, si è deciso che, sul milione e 100mila metri quadri di area utilizzata per l evento, il 56% sarà destinato al verde e l 80% dei materiali saranno riciclati alla fine dell esposizione. ner commerciale della Svizzera e questa è, a sua volta, l ottava per l Italia: «Uno studio realizzato nel 2011 ha messo in evidenza che il giudizio sul nostro paese è fortemente caratterizzato da cliché e determinato in modo tendenzialmente unilaterale dalla piazza finanziaria elvetica. I fattori di forza, che dal punto di vista svizzero dovrebbero contribuire a formare un immagine positiva, come ad esempio la politica dei trasporti e la vicinanza culturale, non sono percepiti come tali dal pubblico italiano». Dante Martinelli ribadisce a Gazzetta Svizzera che l Italia potrà comprendere meglio le qualità e i valori elvetici, grazie a questa lunga convivenza nell ambito dell Expo: «Occorre far conoscere alcuni aspetti della Svizzera poco noti nella vicina Repubblica: dal potenziale economico alla forza d innovazione senza dimenticare la varietà e ricchezza di lingue e di culture». Che aspetto avrà il padiglione elvetico? Si tratta di una piattaforma aperta, sulla quale

7 7 L ambasciatore all ONU Dante Martinelli, commissario generale per la Confederazione all Expo. Alcune cerimonie ufficiali italosvizzere si sono già svolte, presenti le maggiori autorità istituzionali dei due paesi, in varie sedi e anche al Centro Svizzero di Milano. Per l Expo c è anche la moneta test della zecca italiana, non preziosa e riciclabile, che si prefigge di unire il mondo sotto il comun denominatore dell ecologia. vi sono alcune torri trasparenti contenenti del cibo. Il progetto è della netwerch GmBH, di Brugg, che ha sbaragliato ben 103 studi creativi e ha convinto la giuria del concorso per la creazione del padiglione, grazie alla interpretazione impressionante del tema. Le persone che giungeranno alle torri potranno prendersi tutta la quantità di alimenti che desiderano ben sapendo, però, che le torri non verranno mai più rifornite e quindi, se non ci si limiterà responsabilmente, i visitatori seguenti resteranno senza cibo. Una strategia concreta, dunque, provocatoria e interattiva per sollecitare solidarietà e consapevolezza. Nutrire il Pianeta, Energia per la vita... il tema è cruciale per quanti propugnano una alimentazione coscienziosa, fondata sul non abuso della Terra, che non oltraggi il suo suolo sempre più limitato che vede distruggere interi patrimoni forestali per far spazio agli allevamenti intensivi, luoghi di sofferenza animale e inquinamento. Si è calcolato che per produrre una bistecca occorrono 2000 litri d acqua (per abbeveraggio dell animale, pulizia, ecc.), un costo ecologico giudicato eccessivo. La Svizzera farà sicuramente bella figura nel campo dell innovazione e della cultura alimentare. Ciò nonostante, come tanti altri paesi, vive alcune eclatanti contraddizioni, per esempio non diminuisce il consumo di prodotti animali e industriali, mentre aumentano obesità e patologie che investono anche i bambini elvetici (uno su 5 è in sovrappeso). «La Svizzera vuole presentarsi come un paese attrattivo, solidale e consapevole delle sue responsabilità per quanto riguarda l alimentazione. Per poter trattare a fondo un tema così complesso conclude Dante Martinelli - l Expo 2015 punta su un approccio interdisciplinare che affronterà i molteplici aspetti legati alla nutrizione: dalla sicurezza dei cibi e al loro legame fra stili di vita. Si vuole dare un contributo importante al dibattito internazionale sull alimentazione e alla ricerca di soluzioni innovative e sostenibili prima, durante e dopo il grande evento nel 2015».

8 8 Votazioni ed elezioni cantonali e comunali Il Canton Vaud vuole regolamentare la pratica del suicidio assistito Respingendo l iniziativa di Exit, ma approvando il controprogetto delle autorità cantonali, i cittadini del canton Vaud hanno deciso, con una maggioranza del 61,6%, di regolamentare il suicidio assistito. In futuro le persone ricoverate nelle case per anziani e negli ospedali potranno scegliere il giorno della loro morte, a certe condizioni. Si tratta di una novità in Svizzera, poiché attualmente il suicidio assistito è tollerato, ma non regolamentato, e il Consiglio federale lo scorso anno ha rinunciato a varare una legge in materia, viste le molte resistenze. Il codice penale svizzero attualmente punisce solo l incitamento e l assistenza se praticati per fini egoistici. Il controprogetto del canton Vaud vuole evitare la banalizzazione del suicidio, ma anche gli abusi. In futuro l aiuto potrà essere accettato in case per anziani e ospedali pubblici se il medico responsabile dell istituto, con i familiari e il medico curante, hanno verificato la capacità di discernimento della persona che soffra di una malattia incurabile o delle conseguenze di un incidente grave e che possibili alternative siano state discusse con l interessato. Il medico può inoltre richiedere un altro parere medico o quello di una commissione interna di valutazione. L iniziativa proponeva invece il diritto all autodeterminazione, senza ostacoli, alle persone degenti in case per anziani o nosocomi pubblici. Oggi in Svizzera un membro di Exit, che soffra di un male incurabile, con una diagnosi medica di morte o di un invalidità completa o che soffra pene psichiche intollerabili può chiedere l aiuto al suicidio, il cui atto deve essere comunque compiuto direttamente dal suicida. No di Zurigo e Lucerna all apertura prolungata dei negozi Con una maggioranza del 70,7%, i cittadini di Zurigo hanno respinto l iniziativa del Partito liberale radicale che chiedeva la liberalizzazione dell apertura dei negozi. Anche i cittadini di Lucerna, con il 54,5%, hanno rifiutato una maggiore apertura dei negozi il sabato e alla vigilia dei giorni festivi in settimana. Con il 50,2% soltanto di no, i cittadini di Zurigo hanno anche respinto un nuovo sgravio fiscale alle imprese che avrebbe provocato minori introiti per 120 milioni di franchi. Con una maggioranza di 66,7% hanno invece approvato la nuova legge sulla pianificazione e il finanziamento degli ospedali. Hanno approvato anche l iniziativa dei Verdi per la salvaguardia di terreni agricoli e di quelli ecologicamente rilevanti. L iniziativa per la libera scelta della scuola è stata invece respinta con l 80% di no. Gli elettori zurighesi, chiamati a pronunciarsi per l ottava volta, hanno accettato la revisione della legge sulle tasse di circolazione, che prevede sgravi per i veicoli meno inquinanti. Radicale in governo a Ginevra Nell elezione per il Consiglio di Stato, al posto lasciato libero da Marc Muller, la socialista Anne Emery-Torracinta e il MCG Eric Stauffer sono stati battuti dal liberale radicale Pierre Maudet, municipale della città. Notevolmente distanziati gli altri quattro candidati. Il PLR conserva quindi il seggio in governo e rafforza la maggioranza borghese per l ultimo anno di legislatura. Votazioni ed elezioni negli altri cantoni A Neuchâtel è stata bocciata la legge che avrebbe introdotto un prelievo basato sul consumo di elettricità per costituire un fondo a favore delle energie rinnovabili. È stato però accettato un controprogetto all iniziativa che voleva introdurre un quorum di tre quinti per la soppressione di certe prestazioni sociali. Il quorum verrà applicato solo in caso di risparmi importanti. A Basilea Città il 51% dei cittadini ha respinto la legge che voleva ridurre l imposizione massima sugli utili delle aziende dal 20 al 18% per i prossimi cinque anni. Basilea Campagna ha invece respinto, con il 58,6% di no, una legge-quadro che avrebbe permesso risparmi per 26 milioni di franchi. La legge avrebbe limitato le deduzioni per spese mediche. Nel canton Argovia è stata respinta un iniziativa socialista che voleva ancorare nella Costituzione il principio che la Banca cantonale appartenesse totalmente al Cantone. La questione della proprietà è già regolata dalla relativa legge. Gli elettori del canton Soletta hanno approvato un credito di 340 milioni di franchi per la costruzione di un nuovo ospedale nel capoluogo, in sostituzione di quello vecchio che sarà demolito. Nel canton Turgovia è stata approvata, con il 64,7% dei voti, una nuova legge sulla pianificazione che prevede un indennizzo del 20% del plusvalore allo Stato, in caso di cambiamento di destinazione di terreni che diventano edificabili. A San Gallo è stata respinta la proposta che voleva sopprimere un contributo ai circa ospiti delle case per anziani a beneficio delle prestazioni complementari. La proposta era contenuta in un pacchetto di risparmio votato dal Parlamento, che prevedeva un taglio del 12,5% del contributo agli anziani. Nel canton Svitto sono stati approvati un credito di 4 milioni per l acquisto del centro di manutenzione di Ingenbohl e un credito di 1,56 milioni per un centro di pedagogia curativa a Arth-Goldau. Pure approvata una modifica della legge sui contributi per i premi di cassa malati. Respinto invece il progetto tendente alla creazione di un parco naturale. Nei Grigioni, Arosa e altri 7 comuni della valle che scende verso Coira hanno deciso di fondersi in un solo comune. Solo 2 comuni non faranno parte della grande Arosa che conta abitanti e ha una superficie di 155 chilometri quadrati. Nella città di Lucerna i socialisti non sono riusciti a conquistare il quinto seggio in Municipio, che è andato alla Verde liberale Manuela Jost. A sindaco è stato eletto il Popolare democratico Stefan Roth. Nella città di Zugo è stata accettata un iniziativa che chiede prezzi abbordabili per l acquisto di una casa d abitazione. A Sciaffusa i cittadini hanno respinto un credito da utilizzare per il risanamento dello stabilimento balneare lungo il Reno. A Stein am Rhein, nel secondo turno elettorale, la psicologa socialista Claudia Pia Eimer è stata eletta a sindaco. Il nuovo landamano di Davos sarà Tarzisius Caviezel, liberale radicale, che ha battuto la candidata PBD. Caviezel non era riuscito lo scorso autunno ad entrare in Consiglio Nazionale. A Lucerna, il 53enne Peter Schilliger succede in Consiglio Nazionale a Otto Ineichen, deceduto recentemente. A Winterthur il nuovo sindaco sarà il popolare democratico Michael Künzle, che ha battuto la socialista Yvonne Beutler, che viene comunque eletta in Municipio. Dopo dieci anni il posto di sindaco torna nelle mani di un borghese. I socialisti hanno conservato i tre seggi, mentre per i due radicali si dovrà ricorrere al secondo turno il prossimo 26 agosto. Nella città di Zurigo è stata accettata un iniziativa che chiede minore burocrazia, a favore delle piccole e medie aziende.

9 Assemblea generale annuale degli Amici della Residenza di Malnate La casa-albergo svizzera per la terza età 9 Si è tenuta presso La Residenza di Malnate (VA) sabato 28 maggio la consueta assemblea annuale degli Amici della Residenza, casa-albergo svizzero della terza età, per presentare la 42 a Relazione Annuale relativa all anno sociale Erano presenti Amici che giungevano da varie località: Milano, Gallarate (VA), Venezia e Basilea, a cui va un particolare ringraziamento di vicinanza alla nostra istituzione. È stata presentata la relazione dettagliata delle attività del Consiglio di Fondazione e vi sono state interessanti domande di approfondimento in merito a varie tematiche: la gestione e riorganizzazione della struttura, l andamento economico della Fondazione, la sostenibilità economica della struttura di Malnate e degli interventi finanziari della Fondazione da Berna, necessari ogni anno a copertura dei costi. Oggi gli Ospiti fissi sono 34, rispetto ai 24 del gennaio Sono stati proposti e eletti, poiché a scadenza, in qualità di Consiglieri della Fondazione i Signori: Tenuzzo-Hofer Erika (Vice Presidente), Streit Paolo (Segretario), Lang Rosmarie, Zema Marco, Fossati Claudio. Sono stati inoltre eletti quali consiglieri aggiunti Robert Maier, pastore della chiesa riformata di Milano, e l amico Francesco Saverio Rossati, che si aggiungono alla nostra amica Lucia Previdi Bosshard. Attuali consiglieri della Fondazione risultano pertanto, oltre agli eletti: Bechstein Ernesto, Guglielmetti Annamaria e Fossati Alberto, Presidente. È seguito l usuale e piacevole momento conviviale che ha visto tutti, circa 90 presenti tra ospiti, famigliari e invitati, radunati nel salone e nel giardino per gustare il pranzo, preparato dal nostro Staff di cucina e con il prezioso ausilio dei nostri soci e amici Mino Tenuzzo e i coniugi Grembo, volontari sempre dediti alla griglia per preparare le famose bratwuerste DOC svizzere. Un particolare ringraziamento a tutto il personale della Residenza per l organizzazione della giornata ed alla nostra direttrice, D.ssa Antonella De Micheli. Un momento simpatico e di allegria è stato inoltre la piccola ma piacevole rappresentazione teatrale animata dagli ospiti stessi, attori non improvvisati, grazie al laboratorio teatrale, attività, tra le altre, di animazione operante alla Residenza. Un grazie particolare con affetto e stima ai Consiglieri, alcuni dei quali seguono silenziosamente da anni e con pazienza, tempo ed attenzione, gli ospiti della struttura. Un grazie anche agli invitati, che hanno desiderato conoscere la nostra istituzione e rallegrare con la loro presenza questo luogo ameno e ridente di cui potrete avere informazioni anche grazie alla pubblicazione del nostro notiziario mensile interno La Residenza, strumento semplice ma creato e gestito dagli ospiti stessi. Viene appostato anche sul nostro sito www. laresidenza.it e è quindi disponibile sia per i famigliari sia per coloro che desiderino avere informazioni sul clima di serenità famigliare e sulle attività della Residenza. Alberto Fossati Avviso ai Cittadini Svizzeri residenti nella provincia di Reggio Calabria Si sta costituendo il Circolo Svizzero Magna Grecia - Reggio Calabria Il circolo si prefigge di diventare un punto di riferimento dinamico ed attuale per gli Svizzeri della provincia di Reggio Calabria di tutte le età, il quale permetta loro di incontrarsi, condividere esperienze piacevoli, ma anche ricevere e/o scambiare informazioni ed opinioni, partecipare ed essere attori di interessanti eventi di interscambio culturale, nonché fautori con il loro apporto di idee ed esperienze, del percorso che il Circolo inizierà a breve, ovvero il 16 settembre 2012, data in cui si terrà il primo incontro per la propria costituzione, presso il ristorante Il fiore del cappero, sito in Via Zaleuco 7, Reggio Calabria (alle spalle di Villa Zerbi sul Lungomare di Reggio Calabria); all incontro presenzieranno anche il Console Onorario di Calabria Avv.to Renato Vitetta e la Presidente del Collegamento Svizzero in Italia Irène Beutler-Fauguel. Per la partecipazione a tale evento è richiesta una conferma entro il 25/08/2012. Tutti coloro che desiderassero confermare l adesione alla riunione costitutiva, e ricevere informazioni più dettagliate, possono contattare Claudio Coletta al numero. tel , o mandare una all indirizzo specificando come preferiscono essere ricontattati. In particolare il Console Onorario di Calabria Avvocato Renato Vitetta si allieta della prossima costituzione del Circolo Svizzero Magna Grecia - Reggio Calabria, augurandosi che gli Svizzeri della provincia di Reggio Calabria possano aderirvi numerosi. Cogliamo l occasione per salutare, oltre tutti gli Svizzeri della provincia di Reggio Calabria, tutti i lettori di Gazzetta Svizzera. Claudio Coletta, Costitutore del futuro Circolo Svizzero Magna Grecia - Reggio Calabria Renato Vitetta, Console Onorario di Calabria Irène Beutler-Fauguel, Presidente Collegamento Svizzero in Italia

10 a Assemblea della Società Svizzera di Beneficenza in Milano Aumentano ancora e sempre le richieste di sovvenzioni Alla presenza di diversi Soci e dei membri del Comitato, il 23 maggio 2012 si è svolta presso la Stübe della Società Svizzera in Milano, la 136 a Assemblea annuale per l approvazione dell esercizio dell anno Era presente inoltre, quale rappresentante del Consolato, il Console Lara Eckerl che ha portato i sentimenti di stima da parte del Console Generale Massimo Baggi. Presente inoltre, il nuovo Console Judith Singenberger. Il presidente ha sintetizzato l attività dell anno 2011 e ricordato in particolare tutti coloro che hanno contribuito con dedizione, presenza, finanziamenti e assistenza al nostro Sodalizio, come riportato dettagliatamente nella Relazione del Comitato sull Esercizio 2011, parte integrante del Rapporto 2011, pubblicato ed inviato a tutti i Soci e Donatori. Sono stati ricordati i Soci mancati, condividendo la tristezza dei loro familiari. In merito alle principali attività svoltesi nel corso del 2011, il Comitato ha deciso di rispondere alle domande di contributo: a) n. 7 sussidi annuali a singole persone che seguiamo da molti anni; b) n. 20 interventi unici (17 nel 2010, 21 nel 2009) che sono stati come sempre molto concreti: riparazioni di elettrodomestici basilari, contributo per libri di studio o per momenti formativi di adolescenti, intervento straordinario per vitto e per medicinali o visite mediche specialistiche; c) n. 26 interventi straordinari (25 nel 2010, 23 nel 2009): un contributo al Collegamento Svizzero per il Progetto Giovani, che riteniamo siano il futuro anche per i nostri sodalizi svizzeri attivi in Italia, e 25 piccoli doni natalizi agli ospiti della casaalbergo La Residenza di Malnate (Varese), struttura di accoglienza di anziani autosufficienti che fa capo alla Fondazione La Residenza, con sede a Berna. Per quanto riguarda la gestione economica, anche quest anno la raccolta dei contributi è stata difficile, pur avendo avuto comunque il sostegno di 68 soci privati (59 nel 2011), aumentati rispetto all anno precedente ma con contributi economici minori. In memoria, è pervenuto un legato testamentario disposto da una persona molto vicina al nostro sodalizio, ancorché non nostro socio. Ci ha voluto onorare con una donazione straordinaria impegnativa. Questo gesto di attenzione e di estrema provvidenzialità e generosità ha particolarmente commosso tutto il Comitato, che si stringe inoltre con particolare affetto alla nostra Socia, sua compagna di vita e di cui il Donatore ne conosceva il suo attaccamento al nostro sodalizio: è un La console Lara Eckerl. bell esempio e testimonianza di amore e condivisione! Il bilancio dell esercizio è stato poi esposto dettagliatamente dal nostro tesoriere Beatrice Schütz Mereu: la Società Svizzera di Beneficenza di Milano chiude l esercizio 2011 con un attivo straordinario grazie ai proventi del legato, ma, In riferimento invece alla sola gestione ordinaria, determinata dalla differenza tra entrate (quote amici, contributo Federale Dipartimento Svizzeri all Estero) e uscite (sussidi, aiuti, interventi straordinari, spese amministrative), vi è un disavanzo di gestione negativo per 4.586, poiché il Comitato ha deciso comunque di non sottrarsi alle richieste di intervento presentate, tutte meritorie di attenzione e contributi. Un grazie particolare con affetto e stima è stato inoltre espresso a chi ci ha aiutato con il versamento annuale o con le offerte e continua da anni a sostenerci, permettendoci così di affrontare gli impegni che abbiamo nei confronti dei nostri assistiti, che aumentano sempre più nel corso degli ultimi anni. Inoltre, un sentito grazie è sempre doveroso rivolgerlo anche a quei membri del Comitato che seguono silenziosamente da anni e con pazienza, tempo ed attenzione gli assistiti di cui il nostro sodalizio si fa carico. Un pensiero di gratitudine particolare va anche: al Dipartimento Federale degli Affari Esteri, Servizio degli Svizzeri all Estero, per il versamento del sempre prezioso contributo annuale; al Consolato Generale della Svizzera a Milano che ospita le sedute del nostro Comitato; alla Società Svizzera di Milano che ci ospita per l Assemblea annuale; a tutti i nostri Soci che ci hanno aiutato con tanta generosità ed il cui elenco è riportato nel nostro resoconto annuale; alla Fondazione La Residenza, casa svizzera per il soggiorno di anziani, che opera a Malnate (VA), per il contributo per la stampa dei libretti della nostra relazione annuale. È stato ricordato un gesto particolare di attenzione e considerazione verso i nostri Amici Soci: in occasione del Natale, si è infatti desiderato dare un segno concreto di riconoscenza a tutti i Soci che seguono da anni il sodalizio; un pensiero, piccolo ma speciale: La Terra della Parola, Mappe di Terra Santa dal Cinquecento al Settecento, catalogo della prima mostra in Italia di cartografia antica sulla Terra Santa che si è svolta a Milano nel mese di novembre: è una primizia, per confermare ai Soci la riconoscenza degli assistiti, è un modo per pensare che il cammino è iniziato da lungo tempo, 136 anni fa, ma non è terminato e prosegue su strade ancora da meglio esplorare e definire, in base anche alle necessità e alla situazione storica che si evolve di continuo; la Terra Santa è un luogo molto ampio geograficamente, di lunga tradizione: così come anche noi Svizzeri, con la nostra lunga storia, siamo aperti alle varie culture e tradizioni. Ecco, solo un gesto di gratitudine! Nell avvicendamento del personale consolare a Milano, è coinvolta anche il Console Lara Eckerl, sempre presente e attiva nel nostro Comitato. Le è stata donata una piccola stampa che raffigura il Duomo di Milano: un ringraziamento e un ricordo per il lavoro che ha svolto qui a Milano, per la nostra Comunità svizzera. Commento unanime dei presenti: è stato bello vedere quanto ha preso a cuore le necessità di alcuni connazionali che si sono trovati in difficoltà e che ha ritenuto doveroso sottoporre al Comitato della Beneficenza; abbiamo riconosciuto la sua oggettività nel rappresentarci i singoli casi ed è per questo che siamo molti contenti di aver dato proseguo positivo alle varie richieste di contributo. Al Console Lara Eckerl succede, quale rappresentante del Consolato generale di Milano, il nuovo Console Judith Singenberger. Sono inoltre state elette due nuovi membri del Comitato, Benedetta Bosisio Nefri e Rosanna Carugati. Un caloroso benvenuto a tutte! I ringraziamenti espressi nel corso dell incontro sono un sentimento di gratitudine verso i nostri soci che credono ancora nel valore comune della solidarietà. Alberto Fossati

11 L Engadina alla Società Svizzera di Milano La presentazione del libro di Luigi Zanzi e Enrico Rizzi 11 Portare un po di montagna alla piatta Milano è stato un gradito sforzo a carico di due relatori durante l interessante manifestazione che ha avuto luogo il 4 Giugno nella Sala Meili del Centro Svizzero di Milano. Scopo della riunione era la presentazione del libro Notizie sull Engadina edito in Svizzera dalla Fondazione Monti. Il Presidente della Società Svizzera di Milano Jean Pierre Hardegger ha introdotto ai numerosi intervenuti i due autori dell opera, il varesino Prof. Luigi Zanzi ed il Sig. Enrico Rizzi, ambedue significativi montagnini, grandi appassionati delle Alpi (con particolare interesse alla storia dei Walser), ed anche ben noti ai Soci della Società Svizzera avendo già partecipato ad altre nostre precedenti manifestazioni. La presentazione al pubblico del libro sull Engadina è stata affidata all Ing. Vittore Ceretti, anch egli già conosciuto e molto apprezzato nella nostra Sede avendo presenziato ad altre riunioni aventi come spunto le Alpi. Il libro in parola non è un mezzo di propaganda turistica, ma piuttosto una preziosa raccolta di scritti, illustrazioni, acquerelli e vecchie fotografie che riguardano la storia dell Engadina, terra che nel passato ha agito morfologicamente più come via di passaggio fra Sud e Nord che come baluardo. Il libro in parola è dedicato ad Ulrich Campell, storico engadinese del 1500, di cui sono stati ristampati alcuni scritti con molte antiche illustrazioni riguardanti questo tratto di terra. Da notare che nel libro sono anche pubblicate alcune vecchie e preziose lastre fotografiche del 1888 che riportano visioni delle storiche case engadinesi, opere di Jakob Hunziker, che si ricorda come appassionato studioso delle case rurali erette nelle Alpi svizzere. I due relatori invitati alla manifestazione si sono avvicendati nel relazionare brevemente anche la storia dell Engadina nel passato. Essi hanno ricordato che già nel 15 a.c. i romani si stabilirono nei Grigioni realizzando anche un imponente sistema stradale ed istituendo la provincia della Retia. Caduto l impero romano la parte settentrionale dell attuale Engadina fu occupata dagli alemanni, e poi dagli ostrogoti e quindi dai Franchi che nel 536 separarono i Grigioni dall Italia. Durante la Rivoluzione Francese gli eserciti francese ed austriaco si affrontarono in aspre battaglie proprio sui passi grigionesi. La questione dell annessione alla Repubblica Elvetica divise i Grigionesi in due fazioni, fino a quando nel 1801 Napoleone ne decise l annessione alla Svizzera. Infine con l Atto di mediazione del 1803 i Grigioni entrarono definitivamente nella Confederazione Elvetica. A chiusura dell interessante ed applaudita conferenza l Ing. Ceretti ha cordialmente invitato i presenti ad un gradito spuntino gentilmente offerto dalla Società Svizzera. Gli intervenuti sono allora sciamati verso le sale modulari dove hanno trovato fra l altro (e con giusta coerenza) anche gastronomie tipiche grigionesi (carne secca e torta di noci) annaffiate con ottimo merlot. Dopo lunghe e piacevoli chiacchierate gli intervenuti si sono poi avviati lentamente verso l uscita con anche (perché no?) qualche pensamento per una prossima visita nei bellissimi Grigioni. Enrico Hachen Scuola Svizzera di Milano Per anni insieme in classe, ora riuniti su Facebook Hanno passato tanti anni insieme, giorno per giorno, seduti più o meno bravi nei banchi della Scuola Svizzera di via Appiani a Milano. Poi si sono persi di vista per più di quarant anni. Grazie a Facebook alcuni di loro si son ritrovati. Poi hanno deciso di rivedersi non solo virtualmente ma anche per una conviviale cena a Milano sulla Terrazza del Centro Svizzero. Quando giovanissimi digital natives preparano un flashmob lo annunciano su Facebook e all ora prestabilita tutti compaiono sul posto fissato. Alcuni ex-allievi della classe che iniziò la prima elementare presso la Scuola Svizzera a settembre 1959 hanno dimostrato che sono capaci anch essi di farlo. Si sono ritrovati su Facebook, hanno incominciato a scriversi e scambiarsi vecchie foto. Poi hanno deciso di rivedersi fissando data e luogo. Il 25 maggio scorso finalmente l incontro al Ristorante della Terrazza del Centro Svizzero di via Palestro. Le ore sono passate veloci tra tantissimi ricordi di scuola e racconti di vita professionale e privata. Tutti erano d accordo che la serata era simpatica e divertente con l impressione che anni di scuola passati insieme danno un unione che rimane una vita. Ex-allievi della Scuola Svizzera sulla Terrazza del Centro Svizzero. Alcuni dei compagni di classe per altri impegni purtroppo non hanno potuto partecipare, altri restano (finora) introvabili. Qualcuno ha aderito pur avendo frequentato una classe vicina. Hanno partecipato alla cena sulla Terrazza di via Palestro a Milano (da sinistra a destra): Laura Ghirlanda, Patricia Hotz, Erik Sganzerla, Emanuela Crevato, Jürg Bachmann, Serena Pojani, Alberto Künzle, Pietro Mingazzini, Gabriella del Pesco, Gabriella Benardon, Pamela Hotz, Giulia Batello, Bianca Adami (25 maggio 2012). Jürg Bachmann

12 12 La Sezione Birilli alla Società Svizzera di Milano Sul gioco dei nove birilli ovvero una metafora della vita La barca mi serve, per andare in giro sul Lago, di porto in porto. Tocco le isole, sbarco talvolta ai Castelli di Cannero, vado ad ormeggiami sotto la rupe di Santa Caterina o nei vecchi porti abbandonati, come al Sasso Carmine o alla Gabella di Maccagno. Ogni tanto torno nel mio porto che è Luino, dove ho casa e allora diedi volta alle vele, per cogliere il primo soffio di tramontana che sbucava dal promontorio di Cannero Piero Chiara La stanza del Vescovo Organizzati dal programma settimanale, confortati da qualche mail e fatti certi da un paio di sms, il lunedì sera - ma ciò vale anche per quelli degli altri giorni della settimana - alla spicciolata raggiungiamo Via Palestro, scambiamo quattro chiacchiere con il Custode al quale il primo ha già chiesto le chiavi, scendiamo le scale, apriamo la porta, accendiamo le luci, attiviamo la consolle e siamo pronti. Ma chi? I birillisti! Il gioco 1 è al tempo stesso semplice e complesso, lineare e strategico, pacifico e cruento! Due i campi di gioco, 9 - per campo - i birilli, 18 le bocce di varia grandezza a disposizione dei giocatori. Le regole del gioco semplici e dirette, le tavole esplicative - in bacheca - chiare ed efficaci, le prescrizioni elementari: lancio della boccia verso i birilli senza troppo dondolare, passi precisi e misurati, niente rimbalzi di sponda, nessun effetto particolare se non quello che il lanciatore riesce ad imprimere, impegno del singolo, ma gioco di squadra. Campani di mandria alle travi, sulla parete un grande orologio barocco dal forte valore cantonal-federale, una promettente ma passata tabella dei prezzi e delle prestazioni in vigore in certi locali aperti perché chiusi Una veduta di Ascona, sulla riva svizzera del Lago Maggiore. e chiusi perché aperti il 20 settembre 1958 (stesso giorno e mese della presa di Roma: una delle tante stranezze dell Italia!). Più su, sedie e poltrone per giocatori, sostenitori amici e spettatori. Due lavagne, una per lato ed una consolle al centro. Sulla pedana di un paio di gradini, tavoli, sedie per i soci cui al gioco non hanno saputo o voluto tener disgiunti allegri convivi e sorprendenti fantasie culinarie. La sala birilli è tutta qui! Così a lanci arditi di pregevole impostazione e stile per pieni punteggi, cui il suono dei campani conferisce ufficialità, si alternano immobili birilli; a brüscitt 2 con spätzli, seguono la salama da sugo con patate in purè, a chili con tacos di nostrali piadine, anatre in salsa d agrumi passati e poi ogni volta a seguire, un gelato, un sorbetto, un pandoro ed anche se c è, la sbrisolona, un cremoso caffè e la grappa, cognac ed il kirsch a finire. A questi seguono buone chiacchiere, ottimi commenti, sapide battute dei più pronti, cui fa eco l amico vicino più pronto di te a prender parola e poi ancora interessanti notizie e fatti recenti o d un tempo che fu. E poi, i racconti del Lago 3, del vento che soffia vicino a Luino, le luci di Stresa, Brissago più su con l Isole in faccia, Ascona la bella specchiata nel lago e Locarno lassù, passata la Maggia. Ed ancora racconti e ricordi del campo di volo in riva al Ticino e Minusio e Muralto, La Madonna del Sasso che guarda Locarno nel giallo dell ocra del muro lassù. È il Ticino che nasce, che passa, che bagna la Piana di S Antonino, si fà lago e rinasce per poi tornar fiume a legare due terre vicine e lontane. Per nascer lassù fra Formazza e Vallese a prender dell acqua ancora al Gottardo e finire alla Becca in quel di Pavia. Che passa, per Gudo, Contone e poi Cadenazzo e fino allo sbocco di Tenero in riva. Poi Lago in Italia: Cannobio, Pallanza, Luino ed Angera e giù sino a Sesto e fiume di nuovo, a Galliate, al Ponte di barche e Pavia e poi alla Becca a cedere l acque nel Po che l accoglie. Ci unisce quel fiume, ci lega alla terra che fu degli antichi, dei nonni e dei padri. Ci unisce quel Lago a divider le sponde, quella che il sole indora al mattino diversa da quella che incendia la sera. Locarno che splende alla luce che viene, alla luce che va Magadino di fronte. E il Lago a Brissago sul far della sera, specchio si fà dei monti in corona, d inverno già bianchi nei giorni d ottobre, d estate più verdi del verde del Lago. E a sera, trovandoci giù nella sala, si apron gli armadi, si apprestan le piastre, si approntan le mense, vestite di giallo: non manca il formaggio che sposa un salume già pronto alle nozze, si stura il prosecco che imperla le coppe ed apre la sera. Qualcuno si scalda sul campo di gara con tiri d assaggio a provare i birilli. S accendon i bianchi che lasciano i verdi 4, s annodan fra loro i birilli colpiti, spariscono tutti, riappaiono i vivi scampati alla prova di tiri falliti, per esser rimasti più radi e discosti attendono ora il destino che rulla. Due tiri, un campano, un prosecco e poi un caprino spalmato sul pane fragrante di forno. Le piastre son calde, i brüscitt sono fatti, venite alla cena, i piatti son pronti! Si intrecciano i piatti, le fondine son piene, si versa del vino che arrossa le coppe ed ecco la sera che prende calore. Ancora ce n è per chi ancora ne vuole! Ancora ne prendo per gusto del buono. Stasera l evviva a questo o a quello in veste di oste, di cuoco o coppiere, ma pari fra i pari e primo fra i primi! S apprezza il piacere di essere lì ed un po già si pensa ai giorni a venire. Si lascian i crucci, gli affanni del giorno, del

13 giorno che passa, che lascia e non torna, ma poi anche quelli che già c apparecchia il domani che incombe. I birilli son lì, pazienti e allineati ch attendono i colpi che vedono - i primi - arrivar da lontano, sperando senz altro in errori di lancio al pari di chi, nella squadra di là, gioisce al birillo rimasto nel campo. E come i birilli, così nella vita: appare assoluto quel ch è sol relativo. La gioia di uno per altri è tristezza, chi vince da un lato nell altro è sconfitto, per riso di uno, le lacrime all altro. Ma questa è la vita, i birilli ed il gioco. Che oggi si perde per vincer domani per lancio di biglie e caduta birilli, in groviglio di fili per giro che sale, ritornan poi tutti scendendo ai lor posti. E via di nuovo, stasera e domani e poi lunedì di nuovo in cadenza. Si vince e si perde, si contano i punti, si torna a gustare il dolce nei piatti in un con la grappa e poi col caffè. Si sfanno pian piano le mense gustate, si metton posate a posate vicino, i piatti impilati un poco più in là, i tavoli in fila e le sedie a seguire, in ordine l una a quella di fianco. Taglieri e pignatte sul bordo al lavello. Si spengon le luci, si chiudon gli sporti, si serran le porte, si lascian le chiavi, salendo di nuovo nel mondo di sopra. Non si sa se birilli in attesa di bocce oppure se bocce ad abbatter birilli. Avv. Niccolò G. Ciseri Note Il gioco dei birilli: per il gioco e le sue regole vedi it Brüscitt: Vai a: navigazione, cerca I brüscitt (letteralmente briciole brüscitti in dialetto bustocco; in dialetto lombardo occidentale brüscitt) sono un secondo piatto a base di carne di manzo tagliata finemente cotta a lungo con semi di finocchio selvatico e vino. La ricetta è diffusa nell Altomilanese e in particolar modo nella zona di Busto Arsizio, in Svizzera e particolarmente nel Canton Ticino. È servito con polenta, puré o spätzli Storia L origine del piatto è riconducibile alla spolpatura totale delle ossa dei manzi, cioè il recupero di quelle parti che erano scartate dalle tavole dei più ricchi. Fino al boom economico, per i brüscitti si utilizzavano i tagli dell animale più duri che necessitavano di una più lunga cottura. 3. Lago Maggiore Vai a: navigazione, cerca Coordinate: N 8 38 E / N E / 45.95; Luci bianche e verdi: sono le luci (bianche e verdi) che poste sul pannello in testa alla pista, confermano e provano la caduta o meno dei birilli. Alla Società Svizzera di Milano Anticipata al 26 luglio la Festa Nazionale Sei una Sei nuova una Azienda? nuova Azienda? Cerchi Cerchi nuovi Clienti? nuovi Clienti? FATTI SPAZIO FATTI SPAZIO SULLA SULLA Rispettando la tradizione celebriamo la storica data del 1 Agosto con qualche giorno di anticipo, per permettere al maggior numero possibile di Soci ed amici di poter essere presenti. Vi invitiamo a festeggiare il 721 anniversario della Confederazione Svizzera giovedì 26 luglio 2012 alle ore con una cena, allietata dalle musiche della Bandella di Arogno e da un gruppo di suonatori di corno delle Alpi, sulla terrazza del ristorante al quarto piano di Via Palestro 2, Milano. Il tradizionale dis corso del 1 Agosto sarà tenuto dall On. Filippo Lombardi, Vicepresidente del Consiglio degli Stati. Sarà presente anche il nostro Console generale, Signor Massimo Baggi, che terrà una breve allocuzione. La prenotazione è obbligatoria entro lunedì 23 luglio 2012 presso la nostra segreteria dal lunedì al venerdì dalle ore alle ore (tel ; fax ; www. societasvizzera.it). Ci auguriamo che vorrete dimostrare il Vostro affetto, la Vostra solidarietà e la Vostra simpatia verso la Società Svizzera intervenendo numerosi alla nostra Festa Nazionale. Approfittiamo dell occasione per informarvi che i nostri locali rimarranno chiusi dal 30 luglio al 2 settembre compresi. Il comitato manifestazioni Il Mensile che Il Mensile con una che tiratura con una di tiratura copie di copi raggiunge raggiunge svizzeri residenti svizzeri in residenti Italia. in Italia. Cogli Cogli l occasione, l occasione, prenota prenota il tuo il spazio! tuo spazio! Per informazioni Per informazioni e prenotazioni e prenotazioni Ufficio Pubblicità Ufficio Mediavalue Pubblicità Mediavalue via G. Biancardi, via G. 2 - Biancardi, Milano Milano Tel Tel Fax Fax

14 14 Circolo svizzero delle Marche San Patrignano eine Gemeinschaft zur Wiedereingliederung von Drogenabhängigen Am besuchen 18 Mitglieder des Circolo delle Marche die Gemeinschaft San Patrignano im Hinterland von Rimini. Nach einer kurzen Wartezeit werden wir, wie abgemacht, genau um 10 Uhr von 2 jungen sympathischen Burschen, Matteo und Mattia in Empfang genommen. Sie werden uns den ganzen Tag begleiten und sehr gut informieren. In einer riesigen, sehr gepflegten Anlage geht s an imposanten Gebäuden, Pferdestallungen, Reitplatz, Weiden usw. vorbei. Überall Blumen, blühende Sträucher, Bäume, junge Burschen und Frauen am arbeiten. Die Stallungen mit den Kühen dürfen wir betreten. Auch hier wird bis ins Detail erklärt, wie die Aufzucht, Pflege und die Weiterverwertung von Milch und Fleisch gehandhabt wird. Natürlich sind die neugeborenen Kälber das Erlebnis. Sie wollen gestreichelt werden und geniessen uns sicher ebenso wie wir sie. Danach steht der kühle Weinkeller auf dem Programm. Auch hier werden wir bestens über die Herstellung informiert und staunen ob den riesigen Tanks, der Abfüllmaschinerie und schliesslich ab dem Keller. Wunderschöne Wölbungen mit Traubenblättern bemalt. In langen Reihen gestapelte Holzfässer, sogenannte Barrriques, in der Mitte ein Gestell mit Champagnerflaschen, die täglich um einen Viertel gedreht werden müssen, selbstverständlich von Hand. Mit einem kleinen Bus werden wir zurückgeführt. Zeit zum Mittagessen. Matteo erklärt uns, dass sämtliche ca Bewohner und Angestellte zur gleichen Zeit essen würden, Beginn 13.30, Ende Etwas ungläubig hörten wir zu. Ein riesiger Esssaal, langen, schön gedeckten Tischen und Bänken. Kaum haben wir unsere Plätze gefunden, beginnt der Service. Zur Auswahl stehen 2 Primi, danach 2 Hauptgänge und zuletzt Kaffee. Perfekt serviert, ohne Wartezeiten, und nicht nur wir, sämtliche 1200 Personen. Da könnte noch manches Restaurant lernen Am Nachmittag gings weiter mit einem kleinen Film, Diskussion und weiteren Besichtingen. Die Medizinische Versorgungsstelle, die Schreinerei, Tapetendruckerei, Malerei, Näherei von Leder- und Stoffartikeln, Felltieren. Leider kann die graphische Abteilung aus arbeitstechnischen Gründen nicht besichtigt werden. Damit war auch unsere Führung zu Ende. Es gibt so viele Eindrücke zu verarbeiten Fast nicht zu glauben, dass all die jungen Menschen vor nicht langer Zeit sehr krank waren, schlecht aussahen und vielfach keine Hoffnung mehr hatten. Jetzt sind sie voller Leben, Zuversicht und Tatendrang. Machen eine Ausbildung und hoffen, im Leben ausserhalb San Patrignano zu bestehen. Wir alle sind tief beeindruckt und wünschen ihnen viel Kraft und Mut. Zum Abschluss steht auch noch S.P.accio auf dem Programm, der Laden, wo die von der Gemeinschaft hergestellten Lebensmittel, Weine, Möbel, Taschen usw. verkauft werden. Elsbeth Beutler-Mancini Benvenuti Welcome Bienvenue Willkommen Il VICTORIA albergo romano di PRIMISSIMA CLASSE Costruito nel 1899 Un angolo di quiete nel centro storico, affacciato sul Parco di Villa Borghese, a due passi da Via Veneto e dalle vie più famose per lo «shopping» Con piacere Vi proponiamo l atmosfera del nostro RISTORANTE BELISARIO la sua cucina classica italiana, le specialità romane La CULTURA DEI VINI ITALIANI è espressa in una carta ben selezionata, composta soprattutto da «BEST BUYS» Il VIC S BAR, piacevole punto d incontro, il giardino pensile SOPRA I PINI, BAR E RISTORANTE, romantico ritrovo estivo, completano il vostro indimenticabile soggiorno a roma R. H. Wirth H. Hunold (Gen. Mgr.) Via Campania 41 oo187 Roma (Italy) Tel oo39 o o1 Fax oo39 o o

15 Circolo Svizzero di Palermo e Sicilia occidentale Gita a Castelbuono cittadina nelle Madonie 15 Un piccolo gruppo di nostri soci si è incontrato la mattina presto del 15 giugno scorso per raggiungere comodamente in pulmino Castelbuono. Questa ridente cittadina è situata a 423 m s.l.m nelle Madonie e conserva tutt ora il suo aspetto di tipico borgo con antiche chiese e un castello medievale. La mattinata è volata tra la visita al maglificio Smac con la prova (e qualche acquisto) di maglie, giacche ecc. ed una passeggiata sul corso principale. Il pranzo al ristorante La Lanterna con piatti tipici madoniti è piaciuto a tutti. Una giornata all insegna del bel tempo, dello svago e di tante chiacchierate tra le socie. In particolar modo siamo contenti di aver potuto accogliere una nuova socia nel nostro circolo! Il prossimo incontro del 26 luglio sarà in occasione della festa nazionale svizzera! rvgg Il gruppo davanti ai quattro cannoli. Due escursioni per la primavera del Circolo Svizzero di Genova Una gita urbana culturale e un giro storico-naturalistico Con l arrivo della Primavera, invero alquanto incerta, è proseguito il tradizionale programma escursionistico del Circolo, con due gite tra loro assai diverse A fine aprile un gruppo di soci ed amici è stato coinvolto in un itinerario urbano di grande suggestione, attraverso i Palazzi di Strada Nuova (Via Garibaldi, Patrimonio dell Umanità Unesco). La gita, particolare ed alternativa, proponeva una visita trasversale alle Gallerie di Palazzo Bianco, Palazzo Rosso e Tursi, con una lettura approfondita di alcune opere e l analisi di tecniche pittoriche, pennellate e pigmenti di pittori non solo del 600 genovese; il tutto reso più interessante da aneddoti, pettegolezzi e divagazioni sulla vita degli artisti e dei loro committenti. A fine maggio invece, confidando nel bel tempo, ci si è lanciati in gita sulle alture tra Bogliasco e Pieve, un percorso di mezza costa di grande bellezza e interesse storico-naturalistico, tra i terrazzamenti in pietra a secco e la tipica vegetazione mediterranea. Gli ulivi e le ginestre erano in fiore e il nostro gruppo ha particolarmente apprezzato il percorso, Il gruppo di Genova sosta nelle alture tra Bogliasco e Pieve. immerso nei colori e nei profumi della Liguria! L escursione è partita da San Bernardo, frazione situata in zona panoramica, ben esposta al sole, e la gita ha consentito di godere della straordinarie vedute sul Golfo Paradiso, dal Promontorio di Portofino fino a Genova. Gradevole anche il pranzo, con menu ligure di terra, a Pieve all aperto, sempre con vista sulla nostra costa. gs

16 16 Circolo svizzero Sondrio e Alto Lario L Assemblea annuale dei soci con itinerario enogastronomico Carissimi, in data 29 aprile 2011, si è svolta l assemblea annuale dei soci del nostro circolo. È stata un occasione imperdibile per trascorrere una giornata segnata da due tappe significative lungo uno splendido itinerario enogastronomico Valtellinese. Il primo dei due appuntamenti è stata Chiuro dove ha sede la nota casa vinicola Nino Negri. L azienda che rappresenta la maggiore realtà vitivinicola locale è sinonimo dei vini valtellinesi nel mondo e lavora direttamente 31 ettari di vigneti suddivisi in: Sassella, Inferno, Grumello e Fracia. Tra le proprietà della cantina spiccano la casa colonica Fracia con l annesso vigneto e la casa colonica Inferno circondata da propri vigneti e recentemente ristrutturata. Le storiche cantine della Nino Negri dotate di moderne attrezzature si sviluppano su una superficie di metri quadrati e si snodano in un dedalo di corridoi e sale. Con sommo piacere abbiamo potuto degustare alcune tipologie di vini. Alla gentilissima signora Simona che ci ha guidati all interno delle cantine va il nostro sentito ringraziamento. Abbiamo poi raggiunto gli ampi terrazzamenti alle pendici del versante retico dove sorge Teglio, secondo appuntamento di questo viaggio e luogo di ricongiungimento con i soci della Valtellina. Costeggiando l alto muro che racchiude orti e giardini siamo giunti davanti a PALAZZO BESTA, una corte rinascimentale appartenuta alla famiglia Besta dove in pas- Foto di gruppo davanti a una delle case coloniche valtellinesi. sato convenivano artisti, letterati e filosofi. Il Palazzo Besta è senza dubbio la più bella dimora valtellinese del 500, unico monumento nazionale della provincia di Sondrio. La facciata è armoniosa e presenta un pregevole portale marmoreo sormontato da un fregio con lo stemma dei Besta. Il cortile interno è il gioiello del Palazzo. Ha un porticato e un loggiato rinascimentali con affreschi raffiguranti episodi dell Eneide. Rilevanti le sale superiori, tra cui il salone d onore e la sala della creazione. Terminata anche questa visita guidata l appuntamento successivo è stato per il pranzo presso il ristorante Combolo con menu tipico valtellinese a cui è seguito il discorso di benvenuto ai nuovi soci e una breve relazione sull andamento economico del circolo. È stato riconfermato per un altro anno l attuale comitato direttivo (Presindente: Margrit Birrer in Biavaschi, Cassiera: Paola Cerfoglia-Lampietti, Vicepresidente: Ester Bürgi-Spini, Consiglieri: Rita Coccari, Barbara Moro, Claudia Beeler-Schaller e Laura Rogantini-Spisni). Il nostro più caloroso ringraziamento va a Rita e Rosario per l ottima organizzazione e la scelta dell itinerario di questa splendida giornata. Il 6 giugno p.v. il comitato si riunisce per decidere data e meta della gita annuale di settembre. Il programma verrà pubblicato sul prossimo numero della Gazzetta. Contatti: Margrit Birrer in Biavaschi, cell INVIO TESTI AGOSTO / SETTEMBRE Visita alle storiche cantine della ditta Nino Negri a Chiuro. Come ogni anno, Gazzetta Svizzera non viene pubblicata nel mese d agosto. Il termine per l inoltro degli articoli e delle foto è il 20 agosto.

17 Ospita anche la sede del Circolo Svizzero Cosentino Inaugurazione Studio Legale Parioli sede di San Marco Argentano (CS) 17 Il 26 maggio scorso abbiamo partecipato all inaugurazione della nuova sede dello Studio Legale Parioli, sita in San Marco Argentano (CS), in qualità di graditi ospiti dell Avv. Marco Segatori, della Dott.ssa Marilena Termine e del Dott. Marco Varlotta (cittadino elvetico, responsabile di questa filiale e socio sia del Circolo Svizzero di Roma che del Circolo Svizzero Cosentino). Una giornata segnata da un sole quasi estivo che incorniciava un momento di festa per la cittadina Normanna e per il nostro Circolo Svizzero Cosentino. Alla presenza delle autorità istituzionali, il sindaco di San Marco Argentano Alberto Termine ed il Consigliere regionale Giulio Serra, abbiamo assistito con trepidazione al taglio del nastro, visitando successivamente gli oltre 200 mq della struttura che si pone come punto di riferimento legale per l area del Sud- Italia, invertendo finalmente quel trend che troppo spesso vede le nostre terre povere di eccellenze professionali. Il Dott. Varlotta ha messo a disposizione una sala per le riunioni del Circolo, è stato un gesto molto apprezzato da tutti gli Svizzeri del Cosentino. L evento, sottolineato dalle note dei più famosi compositori di musica classica, prose- Il gruppo dei partecipanti davanti agli uffici dello Studio. guiva con il buffet, la proiezione delle diapositive delle altre quattro sedi nazionali ed estere del polo legale e si concludeva con i fuochi d artificio che illuminavano a giorno il cielo della nostra Calabria. Cosa volere di più? Siamo fieri del lavoro svolto fin ora e possiamo sperare di poter continuare sempre su questa linea. Anita Domanico (segretaria ad interim) Business Lunch Happy hour & Eccellenza, Tradizione Prelibata Contemporaneità. Dinner Ristorante/Eventi Via Palestro, Milano Tel Fax

18 18 Chiesa Cristiana Protestante Milano Chi ritorna da un viaggio ha molto da raccontare Chi ritorna da un viaggio ha molto da raccontare. Perché un viaggio è sempre una piccola avventura e porta tante nuove esperienze. Molti di noi partono in viaggio in questi giorni e in queste settimane. Ci godiamo una pausa dalla nostra quotidianità. Alcuni di noi partono in viaggio quando un cambiamento nella propria vita è imminente. Lo fa per orientarsi oppure per riflettere sul fatto che cosa lui o lei vuole davvero; per riconoscere gli obbiettivi e le proprie vie per il futuro. Oggi tanti diplomati di scuola oppure dell università fanno un time out dopo lo studio e vanno per qualche mese o per un anno in Australia oppure in un altro paese lontano. Ma non pochi di loro al ritorno si accorgono del fatto che tutto è ancora come prima. Niente è cambiato, niente è diventato più chiaro. E per giunta non è facile abituarsi di nuovo alla quotidianità del proprio paese, dopo tanto tempo all estero. Forse ciò succede perché, prima di fare il nostro time out per trovare la nostra propria via, dimentichiamo spesso di giungere a noi stessi. Così il viaggio accade in un certo senso senza di me, anche se sono mentalmente e fisicamente presente. E così al ritorno mi troverò di nuovo esattamente allo stesso punto dal quale sono partito. Il viaggio che devo fare prima è il viaggio intimo, da me stesso, per trovarmi veramente presso di me quando partirò e quando tornerò. Per questo, prima di partire in viaggio quest anno, dia tempo al tempo. Non deve essere tanto. E giunga a Lei stesso. Poi metta dei pensieri buoni nella valigia. Loro non sono pesanti. E dopo parta in viaggio. Tornerà più ricco e con una più grande conoscenza di se stesso. Quando Mosè nel deserto, lontano dalla sua patria, l Egitto, pascolava il gregge di pecore, Dio lo chiamò dal pruno ardente col suo nome. E lui rispose: Eccomi! In seguito andò dal faraone e guidò il popolo d Israele fuori dall Egitto. Perché solo chi riposa in sè mentalmente e fisicamente potrà incontrare se stesso e potrà incontrare Dio per scoprire nuove vie nella sua vita. Il Vostro pastore riformato Robert Maier Chiesa Cristiana Protestante in Milano Culti Riformati mensili alla casa di riposo svizzera Fondazione La Residenza Via Lazzari, Malnate tel Sono invitati tutti i riformati a partecipare le prossime date sono le seguenti: domenica 23 settembre domenica 28 ottobre domenica 25 novembre ogni volta alle ore (pomeriggio) inoltre il 23 settembre ed il 25 novembre alle ore (pomeriggio, prima del culto) piccola conferenza sulla storia protestante in Italia con il pastore Robert Maier Giornata Riformata Svizzera nella Chiesa Cristiana Protestante di Milano 30 settembre 2012, ore Via Marco De Marchi 9, Milano MM3 Turati Tram 1 Bus 94 Gemeinsamer reformierter Gottesdienst Culto riformato comune (zweisprachig/bilingue) Anschließend/successivo Aperitif/aperitivo Gemütliches Raclette-Essen im Kirchgarten Pranzo di raclette nell orto della chiesa mit musikalischer Umrahmung mit dem con intrattenimento musicale con il coro svizzero Corale Valle Boromida Prenotazione indispensabile Uff. Parrocchiale oppure Il Vostro Robert Maier, pastore riformato Reformierte Gottesdienste in Mailand/a Milano Culti Riformati Die nächsten Termine/le prossime date domenica 1 luglio con santa cena domenica 23 settembre domenica 30 settembre Giorno Riformato con Aperitivo e pranzo comune di specialità svizzere nell Orto della Fede ogni volta alle ore di mattina Pastore riformato Robert Maier Piazzale Susa, Milano Tel Cell

19 In aggiunta all offerta del Collegamento Svizzero in Italia Te la do io la Svizzera un iniziativa per giovani del Circolo di Varese 19 La disoccupazione giovanile in provincia di Varese, riferita alle età comprese tra 15 e 24 anni, si avvicina a quella disastrosa del 35% a livello nazionale. Offrire una prospettiva a chi si accinge a costruire il futuro è un dovere di ogni organizzazione che disponga di idee e opportunità. Questo si propone Te la do io la Svizzera l iniziativa per i giovani Svizzeri del Circolo Svizzero di Varese, con possibilità di soggiorno-studio In questo momento storico, anche i nostri ragazzi di nazionalità svizzera e residenti in Italia avvertono la fragilità e l insicurezza del loro futuro. Diventa quindi fondamentale trovare un sostegno attivo, anche con l aiuto di altri giovani leggermente più grandi che hanno già affrontato questo momento difficile. Il nostro Circolo si propone quindi di essere parte attiva nell organizzazione di questo supporto. Parte così a Varese Te la do io la Svizzera, un progetto transfrontaliero per i giovani Svizzeri del Circolo Svizzero di Varese. Il progetto parte dalla costituzione di un Gruppo Giovani che, tramite una grande Ideenschmiede, una fabbrica delle idee, sarà uno strumento costantemente a disposizione dei giovani iscritti per la raccolta di proposte e informazioni a loro sostegno. Con le idee vogliamo costruire il nostro futuro. Da questa consapevolezza e dalla voglia di mettersi in gioco da parte di molti, nasce questo progetto del Circolo Svizzero Varese che vuole coinvolgere non solo i giovani, ma anche i settori produttivi e altri soggetti interessati, avvalendosi anche dell aiuto del Collegamento Svizzero in Italia, che proprio quest anno offre a tre giovani Svizzeri residenti in Italia la partecipazione ad un Workshop della durata di due settimane su formazione e studio universitario in Svizzera e assistenza personalizzata. (Vedi Gazzetta Svizzera, giugno 2012). Te la do io la Svizzera intende esaminare lo status dei giovani svizzeri nella società varesina, la loro situazione nella scuola in funzione di una futura professione, la partecipazione sociale, il modo nel quale costruiscono la loro identità nell attuale realtà sociale, attraverso gruppi di lavoro che avranno al centro della riflessione i seguenti argomenti: transizione dei giovani nell attuale crisi; ineguaglianza ed incertezza; gioventù svizzera, italiana o europea; cooperazione e possibilità transfrontaliere nella ricerca, nella formazione, nel lavoro e problemi pratici da affrontare. Una parte del nuovo progetto sta nell attivazione di percorsi di aiuto e counseling on-line utilizzando la rete, come Facebook, Google+, YouTube o Twitter. A chattare in qualità di guida per le ragazze e i ragazzi iscritti al Circolo saranno altri giovani (e non). Gli scopi sono di promuovere e diffondere informazioni sulle attività di formazione e le possibilità di lavoro; agevolare l accesso dei soggetti interessati alle informazioni riguardanti le attività transfrontaliere, i diritti e le opportunità in tale ambito; agevolare l accesso dei giovani alle attività transfrontaliere, tenendo conto di questioni quali la capacità di accoglienza e l istituzione di punti di contatto per i giovani; sostenere lo sviluppo di strumenti attraverso i quali i giovani possano garantire la qualità delle loro attività; scambiarsi informazioni e cooperare al fine di sostenere la protezione sociale e giuridica dei giovani iscritti. Il primo passo del progetto è la programmazione di una Happy Hour come primo incontro dei giovani Svizzeri interessati, con il seguente PROGRAMMA: Laboratorio: il Gruppo giovani in azione: introduzione alla progettazione del futuro. Testimonianze di giovani doppio-nazionali che recentemente hanno scelto la loro seconda patria per fondare il proprio futuro. Sorteggio di un posto aggiuntivo contribuito dal CSV al Workshop sponsorizzato dal Collegamento. Facciamo un appello quindi alle giovani generazioni doppio-nazionali della provincia di Varese e Como a farsi avanti, pensando soprattutto al proprio futuro, alle opportunità offerte dalla doppia nazionalità, in un momento particolarmente difficile. L incontro deve avvenire entro e non oltre il mese di luglio per rispettare I termini previsti dal concorso del Collegamento. A tal fine e per organizzare al meglio l incontro, preghiamo I giovani interessati di annunciarsi il più presto possibile tramite al nostro indirizzo: L offerta del Collegamento degli Svizzeri in Italia prevede quanto segue: Programma: introduzione al sistema di formazione in Svizzera, orientamento professionale e consigli di formazione individuali, visite di istituti di formazione, di università e aziende con possibilità di lavoro, incontri con altri giovani svizzeri. Durata: 2 settimane a scelta. Età: anni. Date: Da concordare, preferibilmente entro (2 settimane per programma), fuori di questo periodo non ci sono lezioni negli istituti e nelle università. Luoghi: Zurigo, Berna, Friburgo, Basilea, San Gallo. Alloggio: Famiglia ospitante. Prezzo forfettario: CHF (compresi programma, alloggio, abbonamento generale per i mezzi di trasporto pubblici in Svizzera per la durata del Workshop). La quota per i primi tre iscritti, cittadini svizzeri residenti in Italia, di età tra i 15 a 25 anni, sarà offerta dal Collegamento Svizzero. Sono a carico dei partecipanti le spese di viaggio fino al luogo scelto. Ulteriori informazioni e iscrizione: Organizzazione degli Svizzeri all estero Servizio giovani Alpenstrasse 26- CH 3006 Berna Tel Fax Iscrizione: Fino a 6 settimane prima del soggiorno.

20 20 Lettori che scrivono Devo proprio farmi 1200 km per la nuova carta d identità? Gentili signori, sono un cittadino svizzero che da una quindicina d anni risiede in provincia di Lecce. La mia carta di identità è scaduta da anni e non è possibile rinnovarla. Debbo richiederne una nuova. Pensavo che fosse una formalità abbastanza semplice trattandosi, de facto, di rifare quella che ho sempre avuto. Sembra invece che io debba farmi 1200 e più km per ottenere il documento. In effetti, in Svizzera (dove mi reco annualmente) non mi viene rilasciata perché residente all estero, in Italia debbo recarmi all ambasciata svizzera a Roma. E ciò comporta un viaggio di oltre 1200 km appunto. Vi sarei grato di farmi sapere se non esiste un alternativa e gradirei pure avere il parere della Gazzetta in merito. Per me è assurdo... Fosse per il rilascio di un passaporto biometrico, capirei... ma per una carta di identità... Grazie e cordiali saluti. Risposta dell Ambasciata Pur comprendendo il disagio di doversi recare presso la nostra Ambasciata per la richiesta di un documento, la informo che l obbligo di presentarsi personalmente è legato alla verifica dell identità ed è regolato dall Art. 12 dell Ordinanza sui documenti d identità dei cittadini svizzeri (Ordinanza sui documenti d identità, ODI) del 20 settembre 2002 (Stato 1 marzo 2012), il quale recita quanto segue: Art. 12 Obbligo di presentarsi personalmente 1) La persona richiedente deve presentarsi personalmente all autorità di rilascio competente, portare i documenti eventualmente richiesti dall autorità di rilascio e dimostrare la propria identità. L autorità di rilascio verifica l identità del richiedente. Tuttavia, al fine d agevolare la mobilità del richiedente e ridurre così il disagio è possibile presentarsi presso un altra rappresentanza all estero o presso un ufficio passaporti cantonale. Tale richiesta deve essere inoltrata alla propria Ambasciata o Consolato. Mi permetta infine di sottolineare che l obbligo menzionato all art. 12 dell ODI si presenta in linea di massima solo ogni 10 anni in quanto i documenti di viaggio, contrariamente a quanto avveniva prima, sono ormai rilasciati per una durata di 10 anni. Per maggiori informazioni e Nella speranza d esserle stato d aiuto le porgo i miei più distinti saluti. Roberto Lupi Primo Segretario e Console Avete bisogno di un nuovo documento d identità svizzero? (Passaporto e/o carta d identità) Cliccate su oppure visitate il sito della rappresentanza svizzera dove siete immatricolati. Per i connazionali iscritti all Ambasciata di Svizzera a Roma: Per i connazionali iscritti al Consolato Generale di Svizzera a Milano:

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Struttura giuridica e sede del Tribunale

Struttura giuridica e sede del Tribunale Bundesgericht Tribunal fédéral Benvenuti! Visita del Tribunale federale Tribunale federale Tribunal federal Vista della facciata frontale, Tribunale federale Losanna Foto: Philippe Dudouit L organizzazione

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

www.integration.zh.ch

www.integration.zh.ch Cantone di Zurigo Dipartimento della giustizia e degli interni Ufficio cantonale per l integrazione Informazioni per i nuovi arrivati dall estero www.integration.zh.ch Indice 03 Immigrazione e diritto

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

La sua cartella sanitaria

La sua cartella sanitaria La sua cartella sanitaria i suoi diritti All ospedale, lei decide come desidera essere informato sulla sua malattia e sulla sua cura e chi, oltre a lei, può anche essere informato Diritto di accesso ai

Dettagli

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti (Legge sul Tribunale federale dei brevetti; LTFB) Avamprogetto del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 191a capoverso

Dettagli

del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014)

del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014) Legge federale sulla protezione dei dati (LPD) 235.1 del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 95, 122 e 173 capoverso 2 della Costituzione

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici

Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici 232.21 del 5 giugno 1931 (Stato 1 agosto 2008) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, in virtù degli articoli

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

Per chi ha bisogno: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Catalogo 2013

Per chi ha bisogno: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Catalogo 2013 Per chi ha bisogno: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Catalogo 2013 Per i tuoi regali di Natale scegli di essere al fianco del WFP: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Scegli i tuoi regali aziendali

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Istruzioni sull attestazione dei giorni di corso per i corsi per la formazione dei quadri di Gioventù+Sport (G+S)

Istruzioni sull attestazione dei giorni di corso per i corsi per la formazione dei quadri di Gioventù+Sport (G+S) Istruzioni sull attestazione dei giorni di corso per i corsi per la formazione dei quadri di Gioventù+Sport (G+S) 318.703 i 01.15 2 di 11 Indice 1. Scopo del questionario... 3 2. Compiti degli organizzatori(trici)

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte?

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte? Kanton Zürich Finanzdirektion Scheda informativa per i dipendenti assoggettati all imposta alla fonte nel Cantone di Zurigo Valida dal 1 gennaio 2015 Kantonales Steueramt Dienstabteilung Quellensteuer

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Informazione sul prodotto e condizioni contrattuali Edizione 2010 La vostra sicurezza ci sta a cuore. 2 Informazione

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai

Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai Nel 2014 l'ai ha avviato indagini in 2200 casi per sospetto abuso assicurativo e ne ha concluse 2310. In 540

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve La depressione può colpire chiunque Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve «Faccio fatica a prendere qualsiasi decisione, seppur minima. Addirittura facendo la spesa. Ho sempre paura di

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Fabio Ragaini, Gruppo Solidarietà Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Con Ordinanza 189/2010, www.grusol.it/informazioni/12-04-10.pdf, Il Tar delle

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni. «Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.» Code of Conduct Comunicazione del CEO «Ogni società, grande o

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti 2 Questo opuscolo La informa sulla Sua situazione assicurativa spiegandole se e in che misura Lei è coperto

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli

Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all

Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all Indagine Fort Knox Roma, 08 aprile 2014 Indagine Fort Knox Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

Questa pubblicazione presenta

Questa pubblicazione presenta Un Quadro Un Quadro Questa pubblicazione presenta un quadro delle più importanti caratteristiche dei programmi Social Security, Supplemental Security Income (SSI) e Medicare. Potrete trovare informazioni

Dettagli

STATUTO DELLA S.I.A.

STATUTO DELLA S.I.A. STATUTO DELLA S.I.A. Art. 1 È costituita a tempo indeterminato una Associazione sotto la denominazione Società Italiana di Agopuntura S.I.A. Art. 2 La Società Italiana di Agopuntura ha lo scopo di dare

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE MODULO DOMANDA / NUOVO CAS-SISMA MAGGIO 2012 DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE (Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà resa ai sensi degli artt. 46 e 47

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

PROTOCOLLO ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA MCP 2015

PROTOCOLLO ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA MCP 2015 Poschiavo, 14 febbraio 2014 PROTOCOLLO ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA MCP 2015 L assemblea generale ordinaria del 2015 si è svolta presso il ristorante La Tana del Grillo a Pedemonte, in data 31 gennaio

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE = = = = = = REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Adottato con deliberazioni consiliari n. 56 dell 08.11.95 e n. 6 del 24.01.96 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze:

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: che fare? Alcol, droghe illegali, medicinali, gioco d azzardo Una persona a voi cara soffre di dipendenze. Vi sentite sopraffatti? Impotenti? Avete

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli