Italferr S.p.A. BILANCIO DI ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Italferr S.p.A. BILANCIO DI ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2010"

Transcript

1 Italferr S.p.A. BILANCIO DI ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2010 Bilancio d esercizio

2 Italferr S.p.A. Società con socio unico soggetto alla direzione e coordinamento di Ferrovie dello Stato S.p.A. Capitale Sociale: euro ,00 Sede Legale: Via Marsala 53/ Roma Codice Fiscale e Registro delle Imprese: R.E.A.: Partita IVA: Bilancio di esercizio

3 MISSIONE DEL GRUPPO SOCIETA Italferr è la società d ingegneria del Gruppo Ferrovie dello Stato. Essa opera su tutto il territorio nazionale e all estero nel settore dei trasporti ferroviari tradizionali, ad alta velocità e metropolitani. La sua attività si estende anche ad altri sistemi di trasporto e a tutti i settori ingegneristici complementari. La progettazione e il controllo della realizzazione delle linee Alta Velocità/ Alta Capacità (AV/AC) sono tra le attività di maggiore responsabilità affidate a Italferr dal Gruppo Ferrovie dello Stato. In questo quadro si inseriscono anche le attività di potenziamento e sviluppo dei principali nodi ferroviari urbani. Per contribuire in maniera forte e consapevole allo sviluppo di una mobilità sostenibile, Italferr ha definito una politica ambientale basata su precisi criteri di responsabilità orientati alla conservazione e valorizzazione del territorio nelle sue valenze ambientali e sociali. Italferr è, inoltre, la prima stazione appaltante in Italia ad aver conseguito l accreditamento come Organismo di Ispezione che le consente, attraverso una struttura dedicata, di effettuare la verifica (validazione) dei progetti di ingegneria civile e delle relative opere impiantistiche. La società ha sviluppato un metodo (Value Engineering) per analizzare differenti soluzioni progettuali mirate a massimizzare il rapporto tra la fruibilità funzionale dell opera e i costi dell investimento; questo metodo è applicato ai progetti di linee e nodi ferroviari, sia nell ambito dell AV/AC che delle linee tradizionali. Inoltre, Italferr elabora studi specialistici (analisi di rischio, procedure per la gestione delle emergenze, rapporti di sicurezza, ecc.) al fine di assicurare il livello di sicurezza delle infrastrutture in corso di progettazione e di realizzazione (ad es. le gallerie). La società progetta e coordina tutte le attività di ingegneria relative ai sistemi tecnologici (impianti di energia e trazione elettrica, impianti di sicurezza, sistemi di comando e controllo della circolazione ferroviaria standard e innovativi, telecomunicazioni standard e innovative) al fine di garantire la funzionalità, le attivazioni e la messa in servizio degli impianti e, per le tratte alta velocità, le caratteristiche di interoperabilità a livello europeo. Bilancio di esercizio

4 ORGANI SOCIALI E SOCIETÀ DI REVISIONE Consiglio di Amministrazione: Presidente: Amministratore Delegato: Consiglieri: Maria Rita LORENZETTI Renato CASALE Federico BORTOLI Angiolo MANNERUCCI Elisabetta SCOSCERIA Collegio Sindacale: Presidente: Sindaci effettivi: Ines RUSSO Raffaele DI IANNI Maurizio ZINGONI Sindaci supplenti: Guglielmo MARENGO Sergio GEMMA Società di Revisione: PRICEWATERHOUSECOOPERS S.p.A. Bilancio di esercizio

5 INDICE Lettera del presidente 8 Relazione sulla gestione 9 Risultati raggiunti nel Principali eventi dell anno 11 Risorse umane 19 Politica ambientale 21 Rapporto con i clienti 22 Quadro macroeconomico 25 Andamento dei mercati di riferimento 27 Andamento economico e situazione patrimoniale finanziaria 28 Fattori di rischio 34 Investimenti 35 Attività di ricerca e sviluppo 35 Rapporti con parti correlate 35 Andamento economico delle società controllate Azioni proprie 36 Altre informazioni: 36 Sedi secondarie 36 Indagini e procedimenti giudiziari in corso 36 Decreto legislativo 231/ Decreto legislativo 196/ Informativa relativa all art ter 37 Fatti di rilievo intervenuti dopo la chiusura dell esercizio 37 Evoluzione prevedibile della gestione 37 Proposta di destinazione del risultato d esercizio 38 Bilancio di esercizio

6 Bilancio d esercizio: Prospetti contabili e note esplicative 39 Prospetto della situazione patrimoniale/finanziaria 40 Conto Economico 41 Prospetto di Conto Economico Complessivo 41 Prospetto delle variazioni di Patrimonio Netto 42 Rendiconto Finanziario 43 Note esplicative al bilancio d esercizio 44 1: Premessa 44 2: Attività della societa e struttura del bilancio civilistico 44 3: Criteri di redazione del bilancio civilistico 44 4: Principi contabili applicati 45 5: Gestione dei rischi finanziari e operativi 54 6: Immobili, impianti e macchinari 56 7: Attività immateriali 58 8: Attività per imposte anticipate e passività per imposte differite 58 9: Partecipazioni 59 10: Attività finanziarie correnti e non correnti 60 11: Altre attività correnti e non correnti 60 12: Crediti e debiti per contratti di costruzione 61 13: Crediti commerciali correnti 62 14: Disponibilità liquide e mezzi equivalenti 63 15: Crediti tributari 63 16: Patrimonio netto 64 17: Altre componenti del conto economico complessivo 65 18: TFR e altri benefici ai dipendenti (CLC) 65 19: Fondi per rischi ed oneri 66 20: Altre passività correnti e non correnti 67 21: Debiti commerciali correnti 67 22: Ricavi delle vendite e prestazioni 68 Bilancio di esercizio

7 23: Altri proventi 69 24: Costo del personale 70 25: Materie prime, sussidiarie, di consumo e merci 70 26: Costi per servizi 71 27: Costi per godimento beni di terzi 72 28: Altri costi operativi 72 29: Capitalizzazione costi per lavori interni 73 30: Ammortamenti 73 31: Svalutazioni e perdite (riprese) di valore 73 32: Accantonamenti per rischi ed oneri 73 33: Proventi ed Oneri finanziari 74 34: Utile (perdite) su cambi 75 35: Imposte sul reddito dell esercizio correnti, differite e anticipate 76 36: Compensi Amministratori e Sindaci 77 37: Compenso alla Società di Revisione 77 38: Informativa sull attività di direzione e coordinamento 78 39: Parti correlate 79 40: Garanzie 82 41: Fatti intervenuti dopo la data di riferimento del bilancio 82 42: Effetti della transizione ai Principi contabili internazionali (IFRS) 82 Bilancio di esercizio

8 LETTERA DEL PRESIDENTE Signor Azionista, il bilancio 2010, predisposto dal Consiglio di Amministrazione, chiude con un utile netto di 4.031mila euro. Anche se in flessione rispetto al 2009, il risultato conferma le attese risultando di poco superiore alle previsioni di budget. Il mix della produzione e una seppur leggera flessione nel suo volume in confronto a quella dell esercizio precedente hanno comportato una riduzione dei ricavi operativi cui si è contrapposta una riduzione dei costi operativi meno accentuata della prima soprattutto a causa della necessità di incrementare il valore dei servizi per alcune modifiche contrattuali intervenute con clienti all estero, mentre non si sono ancora completamente concretizzati i risultati positivi delle iniziative avviate su alcune componenti, prime fra tutte quelle riguardanti la logistica delle sedi. Su quest ultimo aspetto è importante segnalare che nel 2010 la società ha acquistato un immobile destinato alla nuova sede di Roma. Con questa operazione Italferr conseguirà consistenti risparmi a partire da settembre 2011, mese nel quale è prevista la piena operatività dei nuovi uffici. Se dal punto di vista degli investimenti il 2010 è stato caratterizzato dalla crescita del capitale fisso, dal punto di vista operativo si è caratterizzato per essere un anno di transizione le grandi attivazioni delle linee ad Alta Velocità/Alta Capacità nel Paese e lo scenario futuro nel quale dovranno crescere i volumi delle attività di progettazione, in particolare sul mercato estero. A sostegno di questo obiettivo, la società ha, da un lato, intensificato la propria attività commerciale per accrescere la quota di mercato no captive del suo portafoglio e, dall altro, ha mantenuto alti gli standard qualitativi come requisito per l accreditamento nei mercati interno ed estero. Le azioni messe in campo sul lato commerciale hanno portato Italferr a conseguire alcuni importanti successi in campo internazionale, primo fra tutti quello di essersi aggiudicata uno studio del sistema dei trasporti in 21 Paesi della Lega Araba, finanziato dall Arab Fund del Kuwait. La strategia riguardante la qualità delle attività svolte e dei lavori eseguiti, la salvaguardia dell ambiente e la salute e sicurezza dei lavoratori ha permesso alla società di vedersi confermate nell anno le certificazioni già acquisite e di ottenere prestigiosi riconoscimenti, anche in campo internazionale, che hanno consolidato la posizione di Italferr nell ambito del settore dell ingegneria dei trasporti quale leader per affidabilità, qualità, competenza ed efficienza della gestione aziendale e del rispetto dell ambiente. Le azioni già poste in essere nel 2010 e quelle previste per il 2011 e gli anni successivi inducono a ritenere, pur con la prudenza che lo scenario macroeconomico attuale impone, che Italferr possa raggiungere gli obiettivi prefissati e mantenere la propria posizione preminente nel settore dei servizi di ingegneria. Bilancio di esercizio

9 RELAZIONE SULLA GESTIONE Bilancio di esercizio

10 PRINCIPALI RISULTATI RAGGIUNTI NEL 2011 La società chiude l esercizio con un utile di 4.031mila euro. Il risultato, pur rimanendo in linea con le attese si riduce rispetto all anno precedente di circa 7 milioni di euro a causa di un diverso mix delle commesse in portafoglio cui si accompagna una seppur lieve diminuzione delle ore di lavoro interne. Questa situazione si riflette negli indici di seguito illustrati: scende, infatti, la redditività media di commessa ed il livello produttivo in termini di ore e, dunque, si riducono anche gli indici legati al risultato di periodo pur rimanendo su valori adeguati. Anche la posizione finanziaria netta, costituita integralmente dalla liquidità in giacenza sul conto corrente intersocietario e sui conti bancari della società, scende rispetto al 2009 in conseguenza del ridursi del flusso degli acconti e della tempistica della loro fatturazione, dei mancati incassi dovuti allo slittamento dei pagamenti delle società del gruppo verificatosi a fine anno e degli investimenti effettuati nel ROE RN/MP* 0,22 0,08 ROS (EBIT MARGIN) RO/RIC 0,11 0,08 MOL/RICAVI OPERATIVI (EBITDA MARGIN) MOL/RIC 0,14 0,11 GRADO DI INDEBITAMENTO FINANZIARIO DF/MP 0,00 0,00 INCASSO MEDIO CREDITI (giorni) (Cred*/RIC)x360 90,62 108,48 Redditività media di commessa (K) 1,28 1,25 Ore interne a commessa (n. ore/000) LEGENDA CI*: Capitale investito netto medio (tra inizio e fine esercizio) DF: Debiti finanziari MOL: Margine operativo lordo MP*: Mezzi propri medi (tra inizio e fine esercizio) al netto del risultato di fine esercizio MP: Mezzi propri RIC: Ricavi operativi RN: Risultato netto RO: Risultato operativo Cred*: Crediti commerciali medi (tra inizio e fine esercizio) al lordo del fondo svalutazione Bilancio di esercizio

11 PRINCIPALI EVENTI DELL ANNO Gennaio Stipulato il contratto Preparation of main design for railway infrastructure investment con la European Commission per lo sviluppo delle infrastrutture ferroviarie nel Montenegro. Febbraio Firmato un contratto di consulenza con le ferrovie turche per lo sviluppo del settore merci. L attività è condotta in Joint Venture con Trenitalia. Marzo La Societé Générale de Surveillance (SGS) ha svolto la sua periodica visita ispettiva sul sistema della qualità di Italferr al termine della quale ha confermato la certificazione ISO 9001:2008. Il rapporto finale di SGS è privo di non conformità. Acquisito da FS Sistemi Urbani S.p.A., e portato a termine nell anno, l incarico di effettuare una stima preliminare, su base documentale, dei costi di bonifica di una serie di aree ferroviarie dismesse o di prossima dismissione collocate in diverse zone della città di Milano per una superficie complessiva di circa un milione di metri quadrati. Aprile Approvato dall Assemblea il Bilancio Italferr 2009, chiusosi con un utile netto di euro. L Assemblea ha anche deliberato la distribuzione di dividendi per euro destinando la restante parte a riserva straordinaria. Giugno Il 14 e 15 giugno la SGS ha svolto le attività di verifica ispettiva a seguito delle quali è stata convalidata la certificazione UNI EN ISO 14001/04 di Italferr per il mantenimento del Sistema di Gestione Ambientale. Il risultato è stato pienamente positivo e non sono state riscontrate non conformità. Nel corso dello stesso mese di giugno, si sono svolte, inoltre, le attività di verifica da parte di Accredia (ex Sincert) che hanno portato alla conferma dell accreditamento UNI EN ISO di Italferr come organismo di ispezione per validare i progetti secondo la normativa sugli appalti pubblici. Luglio Il 14 luglio Italferr ha acquistato un immobile destinato alla nuova sede di Roma della società. L operazione consentirà significativi vantaggi economici, nonché un importante stabilità logistica. Sono terminate, con esito positivo, le attività di Verifica Ispettiva di SGS per il mantenimento della certificazione del Sistema di Gestione per la Sicurezza OHSAS Bilancio di esercizio

12 Si è concluso il primo modulo, dedicato al tema della salute e sicurezza sul lavoro, di un progetto formativo Italferr vincitore di un bando della Provincia di Roma e finanziato dal Fondo Sociale Europeo. Agosto Il 5 agosto l Assemblea Italferr ha nominato il nuovo Consiglio di Amministrazione ed il Collegio Sindacale a seguito della scadenza del mandato triennale degli organi precedenti. Nella stessa seduta, l Assemblea ha deliberato di affidare l incarico di revisione legale della società per il triennio alla PricewaterhouseCoopers SpA aggiudicataria di una gara indetta dalla Capogruppo. Il 31 agosto 2010 Italferr, in qualità di capogruppo di un Associazione Temporanea d impresa (ATI) costituita con Tecnic S.p.A., ha stipulato con l Aremol (Agenzia Regionale per la Mobilità del Lazio) il contratto per l incarico di progettazione preliminare, verifica di assoggettabilità alla Valutazione di Impatto Ambientale (VIA), progettazione definitiva per appalto integrato e studio di impatto ambientale per il ripristino del collegamento ferroviario tra il Porto di Civitavecchia ed Orte. L incarico acquisito riveste particolare interesse, in quanto consolida la presenza della società sul mercato no captive nazionale. Acquisito, dalla rappresentanza dell Unione Europea a Belgrado, l incarico di creare un nuovo sistema informatizzato (RMS Railway Management System) per la gestione e la manutenzione della rete ferroviaria in Serbia. Italferr si è aggiudicata l incarico in qualità di leader del raggruppamento temporaneo con la Tecnogamma S.p.A., società del gruppo MerMec. Ottobre Italferr ha stipulato con le ferrovie egiziane un contratto per la modernizzazione del sistema di segnalamento della linea Il Cairo - Porto Said. Il progetto è finanziato dall Arab Fund for Economic and Social Development. A seguito di una verifica ispettiva condotta da SGS l 11 e il 12 ottobre presso le sedi di Fornovo (Parma) e di Roma, è stata confermata ad Italferr la certificazione UNI EN ISO 9001:2008. Nella settimana dal 25 al 29 ottobre Italferr ha eseguito i collaudi sui dispositivi di segnalamento e Power Supply che Ansaldo STS sta fornendo in Libia per la realizzazione delle tratte Ras Ajdir-Sirt e Al Hisha-Sabha. Il 27 ottobre è stato firmato a Damasco l accordo di cooperazione tra il Gruppo Ferrovie dello Stato e le Ferrovie Siriane. L accordo rappresenta il rafforzamento della partnership tra Italferr e le Ferrovie Siriane con la finalità di offrire servizi di ingegneria ferroviaria in Siria e nei Paesi del Medio Oriente. Bilancio di esercizio

13 Novembre Il 28 novembre è stato stipulato tra l Arab Fund for Economic and Social Development del Kuwait ed Italferr, leader di un raggruppamento con la società kuwaitiana Dar Al Omran, il contratto per l esecuzione del Progetto Arab Network Railway Study mirato a definire gli interventi infrastrutturali, nazionali e sovranazionali, finalizzati alla creazione di una rete ferroviaria in grado di integrare l intero mondo arabo. Lo studio riguarda, infatti, una vasta area geografica comprendente tutti i 21 Paesi della Lega Araba. Stipulato un contratto con Trenitalia con il quale quest ultima ha affidato ad Italferr l incarico di svolgere le attività proprie di Soggetto Tecnico nell ambito dei progetti di nuove costruzioni, manutenzioni straordinarie e potenziamenti dei compendi di cui Trenitalia è assegnataria. Dicembre Italferr ha acquisito dalla SGS l attestazione di conformità alla norma UNI ISO :2006 grazie ad una metodologia, sviluppata al proprio interno, che permette il calcolo delle emissioni di gas serra prodotte dalle infrastrutture di trasporto. Italferr è la prima società a livello internazionale ad aver ottenuto la prestigiosa certificazione. Rinnovato il contratto con Rete Ferroviaria Italiana S.p.A. (RFI). Il nuovo contratto ha validità sei anni e, come il precedente, che scadeva al 31 dicembre 2010, ha la struttura di un contratto quadro con il quale individuare le condizioni che regoleranno i singoli incarichi conferiti da RFI. Il Consiglio di Amministrazione della società ha deliberato di autorizzare l applicazione dei principi contabili internazionali IAS (International Accounting Standards) a partire dal bilancio civilistico A completamento dell informativa finora data sui principali eventi dell anno si riportano qui di seguito l elenco delle principali attività di progettazione e quello delle principali attività di realizzazione avviate e concluse nel corso del Attività di progettazione avviate e concluse nel 2010 Linea Torino - Lione: avviata e terminata nell anno la progettazione preliminare della tratta che si sviluppa in territorio italiano tra Torino e Bussoleno. Nel 2010 si è anche conclusa la progettazione preliminare della tratta internazionale. Linea Genova - Ventimiglia: - avviata la progettazione definitiva della tratta Andora - Finale Ligure; Bilancio di esercizio

14 - avviata la progettazione esecutiva del riappalto (Lotto2) della tratta S. Lorenzo Andora; per la stessa tratta si è anche conclusa la progettazione esecutiva Lotto 1; - iniziata la progettazione definitiva del nuovo ponte sul torrente Evigno. Linea AV/AC Venezia - Trieste: - avviate le progettazioni preliminari delle tratte aeroporto di Venezia - Portogruaro e Portogruaro - Ronchi dei Legionari. Entrambe le progettazioni sono state ultimate nel mese di dicembre; - completata la progettazione preliminare della tratta Mestre - aeroporto; - completata la progettazione preliminare della tratta Ronchi - Trieste. Linea Trieste - Divaca: iniziato lo studio di fattibilità della linea. Linea AV/AC Treviglio Brescia: sviluppate le progettazioni definitive della penetrazione urbana della linea nel Nodo di Brescia e della relativa sistemazione a PRG. Direttrice Est-Ovest: conclusa la progettazione definitiva del quadruplicamento della linea Tortona-Voghera. Linea Pontremolese: avviata la progettazione definitiva della tratta Parma -Vicofertile per il progressivo completamento della linea. Linea Tirrenica: - ultimata la progettazione definitiva per la messa in sicurezza idraulica del viadotto Fortore; - completata la progettazione definitiva dell SCC (Appalto 2 - ACEI). Linea Adriatica: - elaborata la progettazione esecutiva per riappalto del raddoppio a nord di Ortona; - ultimata la progettazione definitiva della sottostazione elettrica di Varano; - completato lo studio di fattibilità per l adeguamento sagoma delle gallerie di Ortona e di Cattolica; - iniziata l attività di progettazione definitiva a Piano Regolatore Generale (PRG) della stazione di Ancona e del suo Apparato Centrale Computerizzato (ACC). Linea Orte Falconara: - completata la progettazione esecutiva per il riappalto dei lavori della tratta Spoleto - Campello; - completate la progettazione definitiva della sottostazione elettrica di Albacina e le attività per il riappalto lavori riguardanti il raddoppio della tratta Castelplanio - Montecarotto. Bilancio di esercizio

15 Linea Civitavecchia Orte: avviati e conclusi la progettazione preliminare e lo studio di prefattibilità ambientale per il ripristino del collegamento ferroviario tra il Porto di Civitavecchia ed Orte. Linea Terontola - Foligno: elaborata la progettazione definitiva a PRG della stazione di Perugia Ponte S. Giovanni. linea Caserta - Foggia: elaborata la progettazione definitiva dell Apparato Centrale Computerizzato Multistazione (ACC-M) riguardante gli impianti di Albanito, Bovino e Cervaro sulla tratta Cervaro - Bovino. Linea Salerno - Reggio Calabria: avviata l integrazione dello studio di fattibilità della variante Ogliastro - Sapri. Ponte sullo stretto di Messina: avviata e conclusa nell anno la progettazione definitiva delle opere connesse al ponte sulla sponda calabra. Linea Napoli - Bari: terminato l adeguamento della progettazione preliminare ai requisiti della Legge Obiettivo della tratta Apice - Orsara. Linee Bari - Taranto e Bari - Lecce: avviata la progettazione definitiva dei sistemi di Controllo Traffico Centralizzato (CTC) delle linee. Inoltre, è iniziata la progettazione preliminare del collegamento ferroviario del complesso del porto di Taranto alla linea ferroviaria nazionale. Itinerario Palermo - Catania: - sviluppato lo studio di fattibilità del collegamento con l aeroporto di Catania; - avviati la progettazione preliminare della tratta Bicocca - Catena Nuova e lo studio multi-criteria, quest ultimo completato nel mese di dicembre, per l approfondimento sulla scelta dei corridoi di collegamento Catenanuova - Palermo. Linea Messina Palermo: aggiornata la progettazione definitiva della tratta Ogliastrillo - Castelbuono. Nodo di Torino: - eseguita la progettazione definitiva della lunetta di Chivasso; - completata la progettazione preliminare dell ammodernamento della linea Chivasso - Aosta; - effettuato l adeguamento della progettazione preliminare dell interramento della linea ferroviaria Torino - Pinerolo nel Comune di Nichelino. Nodo di Milano: - iniziata la progettazione definitiva per la riqualificazione della tratta Porta Romana - S. Cristoforo; - effettuato l adeguamento della progettazione definitiva alle prescrizioni CIPE relativa al potenziamento Linea Gallarate - Rho. Bilancio di esercizio

16 Nodo di Mestre: effettuata la progettazione definitiva per il completamento dell SCC dell area veneta centrale. L attività si inquadra nel programma di interventi di potenziamento infrastrutturale e tecnologico del nodo, punto di confluenza di alcune importanti direttrici ferroviarie nazionali. Nodo di Bologna: - sviluppata la progettazione definitiva per il completamento dell attrezzaggio tecnologico del passante AV; - effettuata la progettazione esecutiva per riappalto dei lavori per la realizzazione della bretella di collegamento tra la linea AV/AC e la linea Bologna - Padova; - completata la progettazione esecutiva delle barriere antirumore dell impianto di S. Ruffillo. Nodo di Roma: - Iniziata la progettazione definitiva per il PRG dell ACC di Roma Casilina; - completata la progettazione definitiva degli impianti di segnalamento della tratta Lunghezza - Guidonia. Nodo di Napoli: - eseguita la progettazione definitiva del sistema di gestione, controllo e protezione del traffico ferroviario ERTMS (European Rail Traffic Management System) per il collegamento nord-sud all interno del nodo; - iniziata e portata a termine la progettazione definitiva della prima fase della viabilità di accesso alla stazione di Afragola. Nodo di Bari: sviluppata la progettazione definitiva dell Apparato Centrale Computerizzato (ACC) di Bari Parco nord. Interventi di risanamento acustico: completata la progettazione definitiva relativa a 15 interventi nei Comuni di Monza, Trani, Senigallia, Grosseto, Rosignano, Chiusi, Reggio Emilia e Udine. L attività svolta si inquadra nella 1^ fase di attuazione del piano di risanamento acustico redatto ai sensi del DM 29 novembre Attività di realizzazione avviate e concluse nel 2010 Nodo di Genova: avviati i lavori del potenziamento da Voltri a Brignole. Linea Valsugana : attivato l apparato di Controllo Traffici Centralizzato (CTC) sulla tratta Trento Bassano. Linea Verona Brennero: - Attivato l ACC della stazione di Trento; - Attivato l apparato CTC sulla tratta Trento - Brennero. Linea Arcisate Stabio: consegnati i lavori del raddoppio della linea. Bilancio di esercizio

17 Linea AV/AC Milano - Bologna: - partito il cantiere per la realizzazione della stazione AV di Reggio Emilia; - attivata l interconnessione di Parma. Linea Bologna Pistoia: attivata la linea in sede definitiva nel nodo di Bologna. Linea Adriatica: - entrato in esercizio l Apparato Centrale Computerizzato (ACC) della stazione di Chieuti, in provincia di Foggia e quello della stazione di Campomarino, in provincia di Campobasso. I nuovi apparati fanno parte del programma per il potenziamento tecnologico di quattro stazioni ricadenti nella tratta Termoli Lesina e completa la prima fase di realizzazione dei 14 impianti ACC della linea Adriatica; - completato l attrezzaggio con il Sistema di Comando e Controllo (SCC) della linea. Linea Livorno - Pisa: effettuata la modifica all ACC di Pisa relativa al PRG definitivo. Linea Firenze Empoli: dato l avvio agli interventi di completamento e sistemazione delle aree a seguito dell attivazione della variante Signa Montelupo. Linea Bari Taranto: entrata in esercizio la bretella merci nel tratto Bellavista Cagioni, in provincia di Taranto. Linea Catania Ognina Catania Centrale: - partiti i lavori di realizzazione del 2 appalto; - attivato il nuovo binario dispari per il raddoppio della linea. Linea Palermo - Messina: attivato un nuovo binario dispari, per 1,6 Km, dalla stazione di Fiumetorto verso Messina, nell ambito del raddoppio della tratta Fiumetorto Ogliastrillo. Linea Cagliari - Golfo Aranci: completato il raddoppio della tratta Decimomannu - S. Gavino ed attivato il telecomando. Nodo di Torino: attiva la fase sud, lato Torino, della stazione di Stura. Nodo di Genova: consegnati i lavori per la realizzazione dell ACC-M del nodo. Nodo di Mestre: - attivati la tratta tra bivio Marocco e bivio Spinea e l SCC della stazione Bivio Spinea; - messa in esercizio la 3^ fase dell ACC di Mestre. Nodo di Bologna: - partiti i lavori di realizzazione dell armamento e degli impianti di trazione elettrica del passante AV; - attivato l ACC M relativo alla cintura di Bologna; - entrato in esercizio il nuovo assetto della configurazione ACC di Bologna e Santa Viola per innesto della linea Porrettana; Bilancio di esercizio

18 - consegnati i lavori di attrezzaggio tecnologico delle nuove gallerie del passante ferroviario AV. Nodo di Firenze: - avviato il cantiere per la realizzazione del passante ferroviario AV; - consegnati i lavori per la realizzazione della stazione AV di Firenze (2 Lotto). Nodo di Roma: - completate le barriere antirumore della penetrazione urbana AV nel nodo; - attivato l atrio Pietralata della nuova stazione AV di Roma Tiburtina. Nodo di Napoli: - completato e reso pienamente fruibile l impianto Dinamico Polifunzionale (IDP) di Napoli; - avviati i lavori di realizzazione della stazione AV di Napoli Afragola. Aperta all esercizio commerciale la tramvia Firenze S. Maria Novella Scandicci e consegnate al Comune di Firenze le opere complementari nell ambito dei lavori di sistemazione idraulica del torrente Mugnone. Impianti di telefonia mobile ferroviaria (GSM-R): - attivata la rete trasmissione dati sulle tratte Ciampino - Velletri, Avellino - Salerno, Avellino - Benevento, Taranto Brindisi e Lamezia Catanzaro; - avviate le attività per l ammodernamento tecnologico della rete (impianti BACK BONE SDH); - avviate le attività sulle tratte: Empoli Siena, Siena Monte Pascali, Codogno Monselice, Oleggio Laveno, Vignale Domodossola e Alessandria Arona. Bilancio di esercizio

19 RISORSE UMANE Consistenza ed Organizzazione Nel corso del 2010 Italferr ha proseguito il processo di razionalizzazione del proprio organico, adeguandolo ai nuovi scenari di riferimento. A fine anno, il personale a ruolo della società è diminuito di 60 unità rispetto al 31 dicembre Il ricorso a forme di lavoro flessibili è invece rimasto sostanzialmente invariato, passando da 138 a 139 contratti. Più in dettaglio, la consistenza ha avuto la seguente dinamica: Entrate Uscite Passaggi di livello Totale Entrate Uscite Variazioni Dirigenti 87 (14) 2 (12) 75 Quadri 696 (39) 26 (2) (15) 681 Impiegati (26) (26) (33) 546 Totale personale a ruolo (79) 28 (28) (60) Distaccati presso altri Enti (9) (9) (9) Distaccati da Società del Gruppo FS Personale con contratto di lavoro somministrato (72) (7) 120 Personale con contratto di collaborazione (17) 8 19 Totale forza lavoro (177) 28 (28) (67) Nel corso del 2010 sono stati nominati 2 dirigenti con promozione interna, mentre non sono state effettuate assunzioni di dirigenti dal mercato. Dal punto di vista dell organizzazione interna, nel 2010 sono stati attuati alcuni interventi tesi alla semplificazione della struttura organizzativa e ad una più estesa delega delle responsabilità. In particolare, nell ambito di un progetto di Gruppo volto alla valorizzazione delle risorse Quadro preposte a posizioni di particolare rilevanza e dotate di alte capacità e competenze, sono state individuate 43 posizioni sulle quali sono stati immessi altrettanti titolari. L attuazione di questi provvedimenti ha consentito semplificazioni organizzative, la diminuzione delle posizioni dirigenziali e una delega di responsabilità più diffusa. Si è lavorato, infine, alla definizione del nuovo Sistema Professionale di Gruppo, aggiornando la mappatura di Aree, Famiglie e Ruoli professionali interni ad Italferr e al catalogo delle competenze tecniche e dei comportamenti manageriali associati a ciascun ruolo individuato, per procedere alla definizione del Sistema Integrato di Valutazione (SIV) per la gestione integrata di tutti gli elementi costituenti la dimensione professionale delle risorse. Bilancio di esercizio

20 Formazione Nell anno 2010 sono stati realizzati interventi formativi che hanno coinvolto risorse aziendali, per un totale di circa ore erogate. Un terzo delle ore di formazione ha avuto come oggetto esclusivo la sicurezza. Su questo tema sono state portate avanti numerose attività, sia di formazione obbligatoria (Responsabili al Servizio di Prevenzione e Protezione - RSPP, Rappresentanti dei Lavoratori alla Sicurezza - RLS), sia di aggiornamento specifico legato ai lavori in ambito cantiere. A seguito dell individuazione e della valutazione del rischio elettrico legato alle attività del personale dell ingegneria delle tecnologie che opera con strumenti di misura in presenza di tensione, si è proceduto a realizzare un percorso formativo sui rischi elettrici, di primo soccorso e antincendio cui è stata aggiunta la formazione sui rischi ferroviari per il personale delle tecnologie e delle costruzioni che opera in presenza di esercizio ferroviario. Oltre ai temi della sicurezza, la formazione ha riguardato l aggiornamento tecnico professionale e le attività di sviluppo manageriale. Nel corso dell anno, inoltre, sono proseguiti i rapporti con l Ordine degli Ingegneri di Roma, attraverso l erogazione di corsi sulla direzione lavori che hanno coinvolto 150 professionisti esterni, e con l Ordine dei Geologi Con quest ultimo si è collaborato per l Aggiornamento Professionale Continuo. Infine, è stata introdotta in azienda la Formazione Finanziata attraverso il Fondo Sociale Europeo con il quale è stato realizzato il percorso formativo SÉ - Self Empowerment che si protrarrà fino a febbraio Sicurezza D.Lgs 81/2008 Il risultato di maggior rilievo per l anno 2010 è stato la costituzione di un Servizio di Prevenzione e Protezione Aziendale con l obiettivo di rendere più efficace ed omogenea l azione in materia di salute e sicurezza dei lavoratori attraverso la stretta collaborazione tra datori di lavoro e RSPP territoriali, di diffondere standard e metodologie comuni a tutta l azienda, nonché di sviluppare competenze in grado di diffondere la cultura della sicurezza sui luoghi di lavoro. Tale collaborazione ha consentito il mantenimento della certificazione OHSAS Il Documento valutazione Rischi (DVR) aziendale è stato integrato a seguito della valutazione dei rischi elettrici e dell inserimento della valutazione preliminare dello stress da lavoro correlato. Relativamente ai rischi per il personale all estero sono stati emessi degli specifici documenti che raccolgono le informazioni e le prescrizioni per il personale Italferr che si reca in missione al di fuori dell Italia. Bilancio di esercizio

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo del Trasporto Ferroviario e dell Alta Velocità in Italia Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo della mobilità in treno: i grandi corridoi europei La rete TEN (Trans European Network) gioca un ruolo

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario 9 Signori azionisti, il 2005 è stato per Manutencoop Facility Management S.p.A. un anno di particolare impegno: il completamento delle

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

APPENDICE A. DATI CLIMATICI

APPENDICE A. DATI CLIMATICI APPENDICE A. DATI CLIMATICI A.1 Temperature esterne invernali di progetto UNI 5364 Torino -8 Reggio Emilia -5 Alessandria -8 Ancona -2 Asti -8 Ascoli Piceno -2 Cuneo -10 Macerata -2 Alta valle cuneese

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione Oggetto dell'iniziativa La Convenzione prevede la fornitura del servizio di pulizia ed altri servizi tesi al mantenimento del decoro e della funzionalità degli immobili delle Scuole e dei Centri di Formazione

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E CONSORZIO DI BONIFICA 11 MESSINA DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 OGGETTO Progetto per la razionalizzazione della canalizzazione irrigua Fascia Etnea -Valle Alcantara-, I stralcio esecutivo funzionale.

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Paragrafo 1a D ATI GENERALI (singoli professionisti) Cognome e nome Comune di nascita Comune di Residenza Codice Fiscale Data Indirizzo Partita IVA Titolo di Studio Iscritto all'ordine/collegio Provincia

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

CAPITOLO 3 CARATTERISTICHE DELL INFRASTRUTTURA

CAPITOLO 3 CARATTERISTICHE DELL INFRASTRUTTURA CAPITOLO 3 CARATTERISTICHE DELL INFRASTRUTTURA 3.1 INTRODUZIONE (aggiornamento dicembre 2013) Il capitolo descrive le principali caratteristiche delle linee e degli impianti che costituiscono l infrastruttura

Dettagli

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA Intervista all Ing. Mercatali di RFI Metrogenova.com ha recentemente incontrato l ingegner Gianfranco Mercatali, Direttore Compartimentale Infrastruttura di

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

Provincia di Venezia

Provincia di Venezia Provincia di Venezia POLITICHE ATTIVE PER IL LAVORO Determinazione N. 1145 / 2014 Responsabile del procedimento: GRANDESSO NICOLETTA Oggetto: DEFINIZIONE DEL CRONO PROGRAMMA PER IL 2014/2016 RELATIVO AI

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

TEST INGEGNERIA 2014

TEST INGEGNERIA 2014 scienze www.cisiaonline.it TEST INGEGNERIA 2014 Ing. Giuseppe Forte Direttore Tecnico CISIA Roma, 1 ottobre 2014, Assemblea CopI DATI CISIA - MARZO, SETTEMBRE 2014 test erogati al 15 settmebre CARTACEI

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI

ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI CERTIFICAZIONE UNI CEI EN ISO/IEC 1702 Corso 1 Livello In collaborazione con l Ordine degli Ingengeri della Provincia di Rimini Associazione CONGENIA Procedure per la valutazione

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO - SERVIZIO APPALTI, CONTRATTI E GESTIONI GENERALI - UFFICIO APPALTI. Città: TRENTO Codice postale: 38100

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO - SERVIZIO APPALTI, CONTRATTI E GESTIONI GENERALI - UFFICIO APPALTI. Città: TRENTO Codice postale: 38100 Automa di TrentoUNIONE EUROPEA Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea 2, rue Mercier, L-2985 Lussemburgo Fax (352) 29 29-42670 E-mail: ojs@publications.europa.eu Info

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli