Istituto Comprensivo Statale J. Barozzi Via F. Bocconi, Milano. VERBALE DELLA SEDUTA DEL CONSIGLIO D ISTITUTO del 29 marzo 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istituto Comprensivo Statale J. Barozzi Via F. Bocconi, 17 20136 Milano. VERBALE DELLA SEDUTA DEL CONSIGLIO D ISTITUTO del 29 marzo 2011"

Transcript

1 Istituto Comprensivo Statale J. Barozzi Via F. Bocconi, Milano VERBALE DELLA SEDUTA DEL CONSIGLIO D ISTITUTO del 29 marzo 2011 Il giorno 29 marzo 2011 alle ore 18,00 nei locali della Scuola Secondaria di I grado, Via Vittadini, 10, su convocazione della Presidente Candida De Bernardinis, si è riunito il Consiglio d Istituto. Risultano presenti: Candida De Bernardinis che assume la presidenza del Consiglio e inoltre: per la componente docenti: Odelli, scuola dell infanzia; Cortiana, Curti, Pienti, Rapanà, scuola primaria; Mochi, Pizzileo (dalle ore 19), scuola secondaria di I grado. Per la componente genitori: de Florio la Rocca, Giacomolino, Manghi, Saporito, Tummolo, Tura (arriva alle 18,50), Zucchelli. Per la componente ATA: Amendola, Sozzi. Il Dirigente Scolastico: Prof. Lucio Benaglia. Assenti giustificati: Capra Ospiti: Juanita Ceva Valla, Nicoletta Dal Cero, Laura Foresti, Stefano Maggi, Caterina Mioni, Margherita Zavelani (genitori) Alessandra Levato (Società Ad Artem) Di seguito l ordine del giorno della seduta: 1. Approvazione verbale seduta precedente 2. Convenzione di cassa 3. Viaggi d istruzione 4. Foto di fine anno scolastico 5. Revisione calendario scolastico 2010/ Comunicazioni La Presidente comunica che, dopo la stesura dell ordine del giorno e l invio della convocazione, è pervenuta una richiesta da parte della società Ad Artem per la concessione dei locali scolastici per lo svolgimento di campus estivi nelle settimane precedenti l inizio del nuovo anno scolastico in settembre. Il campus sarebbe in convenzione con il Comune. La richiesta è stata già brevemente illustrata alla Giunta e pertanto la Presidente chiede a tutti i consiglieri di inserire un nuovo punto all OdG, in modo che il Consiglio possa valutare la proposta. La richiesta viene accettata. 1 - APPROVAZIONE VERBALE SEDUTA PRECEDENTE Viene data lettura del verbale della seduta del 10 febbraio 2011, comprendente le modifiche sulla bozza già richieste da Benaglia e Amendola. Il verbale viene approvato con 5 astensioni (assenti alla seduta in oggetto). 2 CONVENZIONE DI CASSA Come stabilito nel corso della precedente seduta del consiglio, è stata indetta una nuova gara per assegnare la convenzione di cassa. Nella nuova richiesta inviata a sei istituti di credito, sono stati dichiarati i parametri che sarebbero stati considerati nella valutazione delle proposte, secondo quanto stabilito nella scorsa seduta. Solo due banche delle sei interpellate hanno risposto alla richiesta, fornendo la loro offerta; si tratta della Banca Popolare di Milano, filiale di Corso San Gottardo e del Credito Artigiano, filiale di viale Beatrice d Este. Le altre banche che non hanno risposto alla richiesta di inviare un offerta 1

2 sono: la Banca Popolare di Sondrio, la Barclays, la Banca Popolare di Lodi, il Monte dei Paschi di Siena. Le due risposte pervenute sono state poste a confronto, rilevando le seguenti differenze: il differenziale sul tasso di interesse attivo è 0,5% a favore del Credito Artigiano, la cui offerta, però, non prevede alcun contributo a sostegno di iniziative a carattere istituzionale dell istituto, mente l offerta della BPM prevede 400 euro di contributo. Avendo calcolato la giacenza media del conto corrente dell istituto e di conseguenza l ammontare degli interessi che potrebbero derivare applicando i due tassi offerti dai due istituti di credito, risulta che l ammontare del contributo previsto dalla convenzione proposta dalla Banca Popolare di Milano sarebbe nettamente superiore rispetto all ammontare degli interessi attivi che maturerebbero anche applicando il tasso più vantaggioso proposto dal Credito Artigiano. Ad esempio, lo scorso anno gli interessi attivi maturati sono stati pari a 17 euro. A seguito di questi conteggi, pertanto, la giunta propone di mantenere la convenzione in essere con la BPM, che rispetterebbe anche l ulteriore criterio elencato, a parità di altre condizioni, vale a dire la continuità nel rapporto con l istituto di credito. Pienti chiede se il contributo dello scorso anno sia stato erogato. Amendola informa che non è stato ancora liquidato, ma dovrebbe essere in fase di erogazione. Manghi chiede quale sia l uso a cui normalmente è destinato tale contributo. Amendola informa che spesso questa somma viene impiegata per il funzionamento dell istituto. Il rinnovo della convenzione con la Banca Popolare di Milano viene deliberato all unanimità. DELIBERA nr. 92 Il Consiglio d Istituto delibera di rinnovare la convenzione di cassa con la Banca Popolare di Milano Ag VIAGGI D ISTRUZIONE SCUOLA PRIMARIA 1- Viaggio di istruzione Scuola Natura a Pietra Ligure per le classi III A, V A e V B del plesso Giulio Romano e III B del plesso Bocconi nel periodo 2-7 maggio, con un costo di trasporto pari a 820 euro per ciascun pullman (ne sono necessari due), oltre alla quota di partecipazione stabilita dal Comune. Il viaggio viene approvato all unanimità. DELIBERA nr. 93 Il Consiglio d Istituto delibera di approvare la gita d istruzione a Pietra Ligure nell ambito della settimana scuola natura, dal 2 al 7 maggio 2011, delle classi III B del plesso Bocconi e III A, V A e V B del plesso Giulio Romano. 2- Viaggio di istruzione per tutte le classi seconde del plesso Bocconi, il giorno 31 maggio presso il Parco Regionale di Montevecchia e della Valle del Curone. Costo per ciascun alunno: euro 16,30, comprensivo di trasporto e percorso didattico. Il viaggio viene approvato all unanimità. DELIBERA nr. 94 Il Consiglio d Istituto delibera di approvare la gita d istruzione al Parco Regionale di Montevecchia e della Valle del Curone del di tutte le classi seconde del plesso Bocconi 2

3 SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO 1- Viaggio d istruzione al Promontorio di Portofino per la classe I E per il giorno 15 aprile, trasporto in treno. Si tratta dello stesso itinerario e delle medesime attività previsti per il viaggio già approvato per la classe I C. Il costo complessivo è di 40 euro ad alunno. Il viaggio viene approvato all unanimità. DELIBERA nr. 95 Il Consiglio d Istituto delibera di approvare la gita d istruzione al promontorio di Portofino del della classe I E del plesso Vittadini con l agenzia Montagna Incantata. 2- Viaggio di istruzione a Cremona per visitare il Museo Stradivari per le classi I F e II F, per il giorno 19 aprile. È stato accettato il preventivo di Rovaris, ritenuto più competitivo, al costo di 36 euro per alunno. Il viaggio viene approvato all unanimità. DELIBERA nr. 96 Il Consiglio d Istituto delibera di approvare la gita d istruzione al Museo Stradivari di Cremona del delle classi I F e II F del plesso Vittadini. 3- Viaggio d istruzione per la classe II D a Firenze in treno in giornata, al costo di 135 euro, comprensivo di viaggio in treno (Frecciarossa) e giro della città con guida. Molti consiglieri sottolineano fermamente che la gita è costosa, che la scelta di andare a Firenze in giornata sembra azzardata e che questa scelta ha causato l aumento del costo, dal momento che la gita si può realizzare in giornata solo utilizzando il Frecciarossa. La gita, inoltre, è prevista per la mattina successiva alla seduta del consiglio, il che rende impossibile bloccarla. Saporito rammenta che esistono delle regole precise che governano la tempistica di presentazione dei viaggi di istruzione al Consiglio d Istituto per l approvazione e che tali regole sono state riviste e ribadite in occasione della recente revisione del regolamento per i viaggi di istruzione. Nonostante l attenzione richiamata sul rispetto di tali tempistiche, alcuni docenti continuano a disattenderle, mettendo il consiglio spesso in una posizione difficile. Nel caso specifico, essendo così a ridosso della data prevista per la gita, non è di fatto più possibile bocciarla o chiedere una revisione di alcuni elementi. Alcuni consiglieri, infatti, si dichiarano contrari in linea di principio all uscita, ma non ritengono che sia possibile bocciarla adesso. Tummolo ribadisce la propria disapprovazione per un uscita così costosa, presentata senza alcun rispetto per le tempistiche previste dal regolamento e dichiara comunque di sentire la necessità di esprimere un voto contrario, come segnale di dissenso. La presidente richiede che venga redatto un vademecum sulle regole di approvazione dei viaggi d istruzione, da consegnare ai docenti della primaria e ai coordinatori della secondaria in modo che siano chiari a tutti i tempi e i modi di presentazione delle gite al consiglio di istituto. Il viaggio viene approvato con 13 voti favorevoli e 4 voti contrari. DELIBERA nr. 97 Il Consiglio d Istituto delibera di approvare la gita d istruzione a Firenze del della classe II D del plesso Vittadini. 3

4 4 FOTO DI FINE ANNO SCOLASTICO Amendola illustra i preventivi prevenuti per la foto di classe di fine anno. L offerta più conveniente sembrerebbe ancora quella di NEW PHOTO SERVICE, che ripropone anche per quest anno il costo di 1 euro per la foto senza cartoncino e riconosce uno sconto pari al 10%, che però sarà erogato sotto forma di materiale didattico dato alla scuola. Cortiana chiede ancora una volta che venga posta maggiore attenzione al ridimensionamento delle immagini e alla conseguente deformazione delle figure, perché nelle foto degli ultimi anni eseguite dalla stessa società questo aspetto lasciava molto a desiderare. Si apre un dibattito tra i consiglieri sulla opportunità di provare un nuovo fornitore, anche se leggermente più costoso, per valutare se sia possibile ottenere un prodotto migliore. Il problema è che tra le offerte pervenute non vi sono caratteristiche perfettamente omogenee e risulta difficile una comparazione. Per cambiare, si dovrebbe passare a formati molto più grandi, che sembrano fuori luogo sia come costo sia come ingombro, oppure più piccoli. Per alcuni consiglieri il formato proposto da Suaria (20x30) non è così piccolo e potrebbe essere scelto per testare questo nuovo fornitore. Vengono poste ai voti due diverse opzioni: 1. Fornitore e formato attuale 2. Nuovo Fornitore (Simone Suaria) e nuovo formato (20x30) La votazione ha il seguente esito: 9 voti favorevoli alla prima opzione (New Photo Service); 2 voti favorevoli alla seconda opzione (Simone Suaria, formato 20x30) e 6 astenuti. DELIBERA nr. 98 Il Consiglio d Istituto delibera di approvare il preventivo della New Foto Service per l esecuzione della foto di classe in tutti i plessi dell Istituto. 5 REVISIONE CALENDARIO SCOLASTICO 2010/2011 La Presidente comunica che il punto riguardante la revisione del calendario scolastico era stato inserito all ordine del giorno come misura prudenziale, nel caso in cui l introduzione della Festa Nazionale del 17 marzo avesse richiesto qualche ritocco del calendario già stabilito. A seguito dei conteggi fatti, risulta che comunque i giorni di lezione sono sufficienti a garantire i 200 giorni richiesti, pur considerando le chiusure che si renderanno necessarie per lo svolgimento delle elezioni comunali al primo turno ed eventuale ballottaggio. Non è dunque necessario rivedere il calendario scolastico dell istituto. La circolare del MIUR indicava la necessità per i docenti di recuperare la giornata del 17 marzo utilizzando un altro giorno di festività soppresse, pertanto per loro quest anno ci sarà un giorno in meno di ferie (ex festività soppresse). I docenti presenti manifestano il loro disappunto per questa decisione del MIUR, in quanto sembra iniquo che un giorno di sospensione del lavoro per una festività nazionale debba essere recuperato. (Pizzileo arriva alle 19). 6 RICHIESTA SPAZI SOCIETÀ AD ARTEM Come comunicato all inizio della seduta, la Presidente informa che è pervenuta una richiesta di concessione spazi da parte della società Ad Artem per lo svolgimento dei campus di settembre (le due settimane antecedenti la riapertura dell anno scolastico), in convenzione con il Comune. La società è ben nota ai più, dal momento che gode di ottima fama e alcuni genitori, insegnanti e alunni dell istituto hanno già avuto modo di conoscere le loro iniziative in contesti diversi. 4

5 Al fine di chiarire alcuni aspetti organizzativi e perplessità emerse anche in giunta, è stato invitato un esponente della società che illustrerà l iniziativa e potrà rispondere ad eventuali domande. Alessandra Lovato, per Ad Artem, illustra lo svolgimento del progetto: di solito tutte le attività vengono svolte totalmente dalla società. Alla scuola viene richiesto solo l uso degli spazi e il servizio di apertura e chiusura; per le pulizia viene chiesta la disponibilità del personale interno nelle ore al di fuori del proprio servizio. Il lavoro svolto viene retribuito dalla società. La giornata si svolge in parte in spazi all interno in parte all aperto e il pranzo è al sacco. La loro proposta prevede la partecipazione di circa iscritti a settimana, per cui la richiesta degli spazi è di due aule e dell uso del giardino o eventualmente della palestra, soprattutto in caso di pioggia. Il D.S. si dichiara fortemente contrario alla possibilità di ospitare il campus presso il plesso di via Bocconi innanzitutto per mancanza di personale, in quanto ci sono molti ATA non di ruolo che al primo settembre non saranno di certo in servizio. Il numero di ATA di ruolo su cui si può contare è limitato e il personale disponibile dovrà comunque anche alternarsi per poter usufruire delle ferie. Inoltre, il D.S. rammenta che, come già sottolineato nel corso di altre sedute del consiglio d istituto, il periodo a ridosso della riapertura è particolarmente critico anche per la necessità di svolgere attività di pulizia, trasloco di aule, spostamento di materiali e arredi, che potrebbero essere intralciate dalla presenza di un campus nel plesso di via Bocconi. Tutte queste motivazioni di tipo operativo vengono rimarcate sia da Sozzi sia da Amendola, secondo i quali sarebbe impossibile poter individuare due aule da concedere per il campus, in quanto non disponibili in quel periodo, perché coinvolte nelle attività summenzionate. Entrambi, inoltre, rimarcano la carenza di personale ATA nel periodo richiesto. Cortiana illustra con maggiore dettaglio le attività che di solito si svolgono nelle aule a partire dal 1 settembre e prima della riapertura, per ribadire che, anche se a malincuore, le risulta difficile poter pensare quali spazi possano essere concessi per lo svolgimento di questa attività. La Presidente rammenta che in passato erano state più volte bocciate le iniziative dei Centri Rousseau per le motivazioni suddette e perchè si era ritenuto che quella cooperativa avesse una gestione particolarmente inefficiente, che gravava pesantemente sull organizzazione dell istituto. Però, in particolare in occasione dell analisi della proposta poi bocciata - dei Centri Rousseau per le vacanze di Carnevale, era stata da più parti ribadita la necessità di rimanere aperti alla possibilità di valutare altre soluzioni che potessero contemperare le esigenze della scuola e quelle dell utenza, soprattutto per periodi più critici, quali le vacanze estive e in particolare il periodo precedente la riapertura, che è privo di alternative per le famiglie. In questo contesto, si inserisce questa richiesta da parte di Ad Artem, che potrebbe essere una società diversa da valutare per soddisfare le esigenze di molte famiglie. Tummolo sottolinea che la scuola è una risorsa importante per il territorio e dovrebbe dimostrarsi più attenta alle richieste dell utenza. Inoltre, questo campus avrebbe il pregio di rientrare fra quelli accreditati dal Comune, dunque avrebbe un costo davvero abbordabile (di solito si tratta di 40 euro a settimana) rispetto ad iniziative analoghe fornite privatamente, che costano circa il triplo. Potrebbe essere un opportunità per provare un esperienza del genere e valutare come incide anche sull organizzazione della scuola, in modo da eliminarla con cognizione di causa e sulla base di dati certi, nel caso in cui si rivelasse fallimentare. Giacomolino fa presente che forse il numero dei partecipanti potrebbe essere in qualche modo limitante e penalizzante, visto che probabilmente molte famiglie dell istituto sono 5

6 interessatissime all iniziativa e vorrebbero aderire, ma con tutta probabilità non si riuscirà a soddisfarle tutte. La Presidente risponde che qualsiasi soluzione probabilmente non riuscirebbe a soddisfare le esigenze di tutti e che già ci sono problemi a trovare spazi per 35 bambini. Questo potrebbe comunque essere un modo di cominciare e di offrire un servizio che prima era del tutto assente. Inoltre, Tummolo segnala che, trattandosi di un servizio del Comune, i criteri per selezionare i partecipanti sono oggettivi e uguali per tutti: l iscrizione avviene in un periodo preciso (dal 21 aprile) e viene stilata una regolare graduatoria di cui è responsabile il Comune stesso. Molti genitori della scuola già aderiscono a questi progetti e si assumono il rischio di non trovare posto nella sede da loro scelta. Con l accettazione della proposta di Ad Artem alcune di queste famiglie potrebbero trovare spazio nella scuola di quartiere. Si avvia una lunga discussione tra i consiglieri, per cercare di trovare gli spazi e la soluzione migliore che possa consentire di realizzare il campus. Posto che le aule della primaria non sembrano disponibili, la Presidente chiede se possano essere date le aule ex-refettorio di Vittadini, ma il D.S. ritiene non siano adatte perché troppo vicine alla palestrina, nella quale si svolgono i collegi docenti e si discute di argomenti anche delicati. Date le perplessità di alcuni consiglieri, Manghi insiste fermamente nell affermare che la sua sensazione è che non si stiano facendo tutti gli sforzi per trovare una soluzione al problema, in quanto, pur comprendendo tutte le difficoltà operative che la scuola deve affrontare, non gli sembra possibile che in un istituto composto da tre plessi con tante aule non si riescano a trovare un paio di aule da destinare al campus. Il suo è certamente un giudizio da esterno, ma non si spiega comunque la mancanza di questa disponibilità. Pizzileo ritiene invece che Manghi e alcuni consiglieri non abbiano ben presenti le esigenze della scuola e il suo funzionamento e ritiene le motivazioni addotte dal D.S. e da Sozzi molto valide. È dunque fermamente contrario alla concessione degli spazi al campus. Alcuni consiglieri chiedono se lo stesso problema di traslochi e spostamenti sussista anche per le aule della secondaria. Mochi risponde che in effetti queste esigenze non ci sono per la scuola media. Anche lei è convinta che la scuola abbia una grande valenza educativa sul territorio, che dovrebbe essere più aperta alle esigenze dell utenza e che le aule di Vittadini potrebbero essere in questo caso una risposta valida per realizzare il campus. Prima della votazione, il D.S. esprime ancora una volta il suo dissenso e la sua totale contrarietà alla realizzazione del campus nei locali dell istituto. La proposta di concessione dei locali scolastici alla società Ad Artem per la realizzazione di due settimane di campus a settembre viene approvata con 11 voti favorevoli, 2 voti contrari e 5 astenuti DELIBERA nr. 99 Il Consiglio d Istituto delibera di concedere i locali scolastici del plesso Vittadini alla Cooperativa Ad Artem per la realizzazione, con il contributo del Comune di Milano, di campus artistici nelle due settimane precedenti l inizio dell anno scolastico COMUNICAZIONI Il D.S. rende noto il numero di iscrizioni pervenute per la scuola primaria: 68 per il plesso Bocconi e 50 per Giulio Romano; in particolare, 23 di queste iscrizioni hanno richiesto il tempo parziale e sono relative ad entrambi i plessi, ma confluiranno in un unica classe. Dati questi numeri, saranno formate 6 classi prime, 5 a tempo pieno e una a 30 ore, 6

7 perché il maggior numero di richieste di tempo parziale è per il modello orario a 30 ore. Il pomeriggio libero sarà il venerdì. Per la primaria sono stati richiesti 58 docenti. Cortiana precisa che la numerosità delle richieste di tempo ridotto deriva dalla decisione di far esprimere ai genitori sul modulo d iscrizione la propria preferenza circa il giorno in cui avere il pomeriggio libero, a differenza di quanto deliberato in collegio dei docenti e in consiglio d istituto. Curti chiede in quale plesso sarà la classe a tempo ridotto. Il D.S. sostiene che cercherà di mantenerla in Bocconi per uniformità. Curti sottolinea che dunque rimarrà su Bocconi il disagio di dover gestire il venerdì pomeriggio libero non solo delle future quarte e quinte, ma anche delle due classi a tempo ridotto, l attuale prima e la futura prima. Il D.S. ribadisce che è suo compito presidiare gli aspetti organizzativi della scuola e nell ambito di queste sue competenze ha agito per stabilire l organizzazione oraria della prima a 30 ore. Inoltre, il problema del venerdì pomeriggio non sarà acuito il prossimo anno dalla presenza di una prima a 30 ore, in quanto l anno prossimo saranno solo le quarte e le quinte ad usufruire ancora del pomeriggio del venerdì facoltativo. de Florio la Rocca chiede se le iscrizioni alla classe a 30 ore siano frutto di prime scelte. Il D.S. conferma che si tratta di richieste di varie tipologie di orario ridotto (24, 27 e 30 ore), fatte confluire verso il modello che ha ricevuto il numero maggiore di richieste. de Florio la Rocca ripropone la domanda chiedendo se le richieste delle 30 ore sono frutto di prime scelte o seconde scelte fatte dirottare. Il D.S. risponde che si tratta di prime scelte. Amendola comunica che c è stata una piccola correzione a bilancio che non richiede delibera. Tale correzione è stata causata dal fatto che lo scorso febbraio è stato cambiato il programma per la gestione del bilancio e ciò ha comportato un errore nel travaso dei dati, generando una piccola differenza nell avanzo di amministrazione, in quanto nei residui erano state riportate somme che non dovevano esserci. Il revisore è stato tempestivamente informato della situazione che non ha creato alcun problema. Pertanto l ammontare dell aggregato zeta sarà leggermente ridotto. La Presidente comunica che sono arrivate al D.S. e al Consiglio due lettere, una da parte delle insegnanti e una dai genitori, in merito al concerto organizzato dall associazione ICM per il Tredesin de Mars, che ha visto la partecipazione dei bambini delle classi seconde. Viene data lettura delle lettere e riassunto brevemente l accaduto. La Presidente conferma che di certo sono stati commessi alcuni errori organizzativi, ma è chiara l estraneità della scuola all iniziativa, che era organizzata dall ICM. La vigilanza, inoltre, spettava ai genitori. Manghi dichiara che la comunicazione pervenuta alle famiglie non era affatto chiara, era pervenuta su un foglio di carta non intestato, ma arrivava comunque dalle insegnanti. Inoltre, è stata data notizia dell evento anche tramite il sito istituzionale della scuola. Quindi, si invita in futuro quanto meno ad una maggiore attenzione nelle comunicazione. Curti segnala che le insegnanti hanno diffuso la comunicazione dell evento, facendo da tramite tra i genitori e l associazione. Hanno di certo commesso una leggerezza a fidarsi di Lonoce. Il D.S. precisa che la comunicazione è stata inserita sul sito solo perché la scuola ha sempre partecipato alle manifestazioni del Tredesin e perché comunque c erano degli allievi che partecipavano all evento, seppur fuori dall orario scolastico. La Presidente e il D.S. raccomandano una maggiore attenzione nel futuro. Tummolo chiede comunque quale sia l andamento del corso di coro garantito dall ICM per le classi 7

8 seconde. Le insegnanti assicurano che l attività svolta in orario curricolare è molto soddisfacente e sono tutti contenti, soprattutto i bambini. Il D.S. invita pertanto a valutare positivamente l andamento del corso e ad apprezzare ciò che c è di buono nell iniziativa. Per la scuola secondaria di primo grado sono pervenute 173 iscrizioni, che hanno portato alla richiesta di attivare 7 classi prime (3 sezioni di francese e 4 di spagnolo). Per la sezione musicale sono pervenute 34 richieste. Le iscrizioni alla scuola dell infanzia sono 43 Amendola comunica l ammontare del contributo volontario: la cifra si aggira intorno ai euro, circa euro meno dello scorso anno. Allo stato attuale, tale cifra non consente nemmeno di pagare i progetti in corso. La Presidente riflette sulla necessità di sollecitare ancora una volta il versamento del contributo volontario, magari tramite i rappresentanti. Mochi comunica che anche alle medie è oramai aperta e funzionante la biblioteca, sistemata e riattivata grazie all impegno dei genitori della commissione biblioteca. L iniziativa è molto bella e apprezzata. La seduta è sciolta alle ore 20,30 Il Presidente Candida De Bernardinis Il Segretario Andreina Tummolo 8

Riepilogo delle regole da rispettare in caso di sciopero che ricada durante gli scrutini di fine anno

Riepilogo delle regole da rispettare in caso di sciopero che ricada durante gli scrutini di fine anno Indicazioni operative per quanto riguarda l adesione allo sciopero proclamato da FLC Cgil, CISL scuola, UIL scuola, SNALS e GILDA per due giornate consecutive in concomitanza con l effettuazione degli

Dettagli

Verbale del Consiglio di Istituto del 2 ottobre 2013

Verbale del Consiglio di Istituto del 2 ottobre 2013 Anno scolastico 2013-2014 Verbale n. 1 Verbale del Consiglio di Istituto del 2 ottobre 2013 Il 2 Ottobre 2013, alle ore 16.30, si riunisce il Consiglio di Istituto del Comprensivo 1 di Frosinone nell aula

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Riepilogo delle regole da rispettare in caso di sciopero che ricadono durante degli scrutini di fine anno

Riepilogo delle regole da rispettare in caso di sciopero che ricadono durante degli scrutini di fine anno Indicazioni operative per quanto riguarda l adesione allo sciopero proclamato da FLC Cgil, CISL scuola, UIL scuola, SNALS e GILDA per due giornate consecutive in concomitanza con l effettuazione degli

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE V. BACHELET

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE V. BACHELET VERBALE n. 8 DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO dell Istituto di Istruzione Superiore V. Bachelet di Abbiategrasso in data 11 ottobre 2013 Il giorno 11 ottobre 2013 alle ore 18.00 nella Sala Professori dell Istituto,

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

La ricostruzione della carriera del personale della scuola

La ricostruzione della carriera del personale della scuola La ricostruzione della carriera del personale della scuola Se guardiamo gli ultimi 50 anni, l evoluzione della progressione di carriera aveva subito parecchie variazioni, ma sostanzialmente un principio

Dettagli

VERBALE N 2/11. In apertura di seduta, previa lettura, viene approvato il verbale n. 1 del 71/02/11.

VERBALE N 2/11. In apertura di seduta, previa lettura, viene approvato il verbale n. 1 del 71/02/11. VERBALE N 2/11 L anno 2011 il giorno 4 del mese di marzo alle ore 12,00 previa osservanza di tutte le formalità prescritte dalle vigenti norme, nella sede del Conservatorio G. Martucci di Salerno si riunisce

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Indice (cliccabile) Premessa Terziarizzazione Regole per la definizione degli organici di ciascun profilo o DSGA o Assistenti Tecnici

Dettagli

STATUTO DELLA S.I.A.

STATUTO DELLA S.I.A. STATUTO DELLA S.I.A. Art. 1 È costituita a tempo indeterminato una Associazione sotto la denominazione Società Italiana di Agopuntura S.I.A. Art. 2 La Società Italiana di Agopuntura ha lo scopo di dare

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

COMUNE DI SAN SPERATE Provincia di Cagliari Cap. 09026 UFFICIO SERVIZI SOCIALI P.I. CULTURA SPORT

COMUNE DI SAN SPERATE Provincia di Cagliari Cap. 09026 UFFICIO SERVIZI SOCIALI P.I. CULTURA SPORT COMUNE DI SAN SPERATE Provincia di Cagliari Cap. 9 UFFICIO SERVIZI SOCIALI P.I. CULTURA SPORT Prot. del.. QUESTIONARIO SU GRADO DI SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI RELAZIONE Nell anno il Comune di San Sperate

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE GIOSUÈ CARDUCCI LICEO CLASSICO, SCIENTIFICO, SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO V.le Trento e Trieste n 26-56048 - Volterra (PI) - tel. 0588 86055 - fax 0588 90203 ISTITUTO STATALE

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche 1)Pubblicata nel B.U. 7 novembre 1995, n. 51. Art. 1 (Ambito di applicazione) (1) Tutte le istituzioni scolastiche

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO E DELL ESAME FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI STUDIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Domande & Risposte sulle entrate posticipate e le uscite anticipate e le giustificazioni

Domande & Risposte sulle entrate posticipate e le uscite anticipate e le giustificazioni LICEO GINNASIO STATALE G. d Annunzio Distretto Scolastico n 12 Via Venezia,41 65121 PESCARA - Codice Scuola PEPC010009 Fax : 085-298198 Tel. 085-4210351 - Segreteria C.F. 80005590684 E-MAIL : pepc010009@istruzione.it

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 -

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Dal 1 maggio al 31 ottobre 2015 Milano ospiterà l Esposizione Universale dal tema Nutrire il Pianeta, Energia per

Dettagli

Prot. N. 3156/B33 Crema, 24 Novembre 2014

Prot. N. 3156/B33 Crema, 24 Novembre 2014 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Crema Uno Via Borgo S.Pietro 8-26013 Crema (CR) Tel. 0373-256238 Fax 0373-250556 E-mail ufficio: segreteriacircolo1@libero.it

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROGETTO PER LO SVILUPPO DELLA RIFORMA ISTITUZIONALE ELEZIONE DEGLI ORGANI DEL COMUN GENERAL DE FASCIA COMUNI DI CAMPITELLO DI FASSA/CIAMPEDEL-CANAZEI/CIANACEI- MAZZIN/MAZIN-MOENA/MOENA-

Dettagli

hol~e; A--fç, ttgr (.. \ g.4 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA 1 7 FEB. 2015 È assente giustificato: sig. Domenico Di Simone. ... OMISSIS...

hol~e; A--fç, ttgr (.. \ g.4 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA 1 7 FEB. 2015 È assente giustificato: sig. Domenico Di Simone. ... OMISSIS... SAPIENZA 1 7 FEB. 2015 Nell'anno duemilaquindici, addì 17 febbraio alle ore 16.00, presso il Salone di rappresentanza, si è riunito il, convocato con nota rettorale prot. n. 0009903 del 12.02.2015, per

Dettagli

VERBALE DELLE OPERAZIONI

VERBALE DELLE OPERAZIONI 1 ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA del 12 ottobre 2014 PROVINCIA DI POTENZA VERBALE DELLE OPERAZIONI DELL UFFICIO ELETTORALE 2 VERBALE DELLE OPERAZIONI DELL UFFICIO ELETTORALE 1. INSEDIAMENTO DELL

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

inform@ata news n.02.15

inform@ata news n.02.15 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it inform@ata news n.02.15 la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi.

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 1 2 OGGETTO: Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. L anno 2012 (Duemiladodici) addì 27 (Ventisette) del mese

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Ten. R. RIGHETTI 85025 M E L F I (Potenza) Via Galileo Galilei, 11 C.M.: PZIS007006 C.F.: 85000490764. Verbale n.

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Ten. R. RIGHETTI 85025 M E L F I (Potenza) Via Galileo Galilei, 11 C.M.: PZIS007006 C.F.: 85000490764. Verbale n. ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Ten. R. RIGHETTI 85025 M E L F I (Potenza) Via Galileo Galilei, 11 C.M.: PZIS007006 C.F.: 85000490764 Tel. 0972/24479-24480 Fax 0972/24424 e-mail:pzis007006@istruzione.it

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg.

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg. COMUNE DI PALMANOVA Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Copia N. 120 Reg. OGGETTO: Integrazione del G.C. 34 dd. 11.04.2012 "Servizi pubblici a domanda individuale 2012 - determinazione

Dettagli

e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche Giovanili e la Partecipazione Studentesca LORO SEDI

e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche Giovanili e la Partecipazione Studentesca LORO SEDI Prot. Nr 11636 Vicenza, 25 settembre 2013 Cat.E8 Ai Sigg. Dirigenti Scolastici degli Istituti Superiori di II grado Statali e Paritari della Provincia di Vicenza e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t Regolamento interno del Consiglio regionale TITOLO I ORGANI DEL CONSIGLIO E LORO FUNZIONI Capo I Presidenza provvisoria Art. 1 (Ufficio provvisorio di Presidenza) Nella prima adunanza successiva alle elezioni

Dettagli

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee Scuole Europee Ufficio del Segretario generale Segretariato Generale Rif. : 2009-D-422-it-5 Orig. : FR Versione: IT Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia

BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia Anno CXXXVI - Numero 1 Roma, 15 gennaio 2015 Pubblicato il 15 gennaio 2015 BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia PUBBLICAZIONE QUINDICINALE SOMMARIO PARTE PRIMA CONCORSI E COMMISSIONI DIPARTIMENTO

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

g"+/\'-t 'i.-1 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA ee-go~. - 8 APR. 2014

g+/\'-t 'i.-1 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA ee-go~. - 8 APR. 2014 UNIVERSITÀ DI ROMA Consigl io di Amministrazione - 8 APR. 2014 Nell'anno duemilaquattordici, addì 8 aprile alle ore 15.55, presso il Salone di rappresentanza, si è riunito il Consiglio di Amministrazione,

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 ART. 1 SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI 1. Ai sensi della legge 12 giugno 1990, n. 146, i servizi pubblici da considerare

Dettagli

Statuto del Partito Democratico

Statuto del Partito Democratico Statuto del Partito Democratico Approvato dalla Assemblea Costituente Nazionale il 16 febbraio 2008 CAPO I Principi e soggetti della democrazia interna Articolo 1. (Principi della democrazia interna) 1.

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli