COMUNE DI LIZZANO. (Provincia di Taranto) Progetto di ristrutturazione edilizia per la realizzazione di una casa alloggio PROGETTO ETNICAMENTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI LIZZANO. (Provincia di Taranto) Progetto di ristrutturazione edilizia per la realizzazione di una casa alloggio PROGETTO ETNICAMENTE"

Transcript

1 COMUNE DI LIZZANO (Provincia di Taranto) Progetto di ristrutturazione edilizia per la realizzazione di una casa alloggio PROGETTO ETNICAMENTE PROGETTO ARCHITETTONICO: ARCH. Vincenzo La Gioia PROGETTO IMPIANTI: ING. Antonio Pisto C.S.P.: ING. Antonio Pisto ARCH. Vincenzo La Gioia OGGETTO: RELAZIONE SPECIALISTICA IMPIANTO IDRICO- FOGNANTE CODICE ELABORATO A.02 SCALA:

2 INDICE PREMESSA IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE D ACQUA INTERNA OGGETTO GENERALITA CRITERI GENERALI DIMENSIONAMENTO IDRAULICO IMPIANTO DI SCARICO OGGETTO DESCRIZIONE SCELTA TIPOLOGICA DEFINIZIONE GEOMETRICA DELL IMPIANTO DIMENSIONAMENTO Dimensionamento del discendente: Dimensionamento del collettore al piede dell edificio:

3 PREMESSA Il presente documento ha lo scopo di definire le specifiche tecniche generali e particolari, nonché le caratteristiche dell impianto idrico-fognante relativo al progetto esecutivo per la realizzazione di una casa alloggio per minori non accompagnati PROGETTO ETNICAMENTE, fornendo altresì gli elementi per una corretta valutazione economica degli impianti di seguito descritti. Il luogo dell installazione sarà l immobile sito in Lizzano alla via D. Guerrazzi angolo via Roma il quale sarà oggetto delle opere di ristrutturazione edilizia. 1. IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE D ACQUA INTERNA 1.1 OGGETTO Fanno oggetto della seguente relazione le descrizioni e le prescrizioni relative alla fornitura e posa in opera dell impianto di distribuzione d acqua a servizio di una casa alloggio per minori non accompagnati sito in via D. Guerrazzi ang. Via Roma sito nel Comune di Lizzano (TA). 1.2 GENERALITA La rete interna di un edificio ha origine nella sezione posta a valle del contatore generale. È di proprietà dell Azienda distributrice la presa in carico dalla condotta pubblica, la condotta che collega questa con il contatore, sulla quale prima della proprietà privata, è installata la chiave d arresto, e il contatore stesso. Conviene porre a monte e a valle di ciascun contatore un rubinetto d arresto seguito, dopo il contatore, da uno scarico. A monte del contatore si deve disporre un disconnettore che impedisce, in caso di abbassamento della pressione in rete, all acqua che si trova all interno delle tubazioni dell edificio di rifluire nella rete pubblica. A seconda dell edificio si possono avere una o più montanti con diramazioni ai vari piani. Per ogni colonna montante e all inizio delle principali diramazioni è utile porre un rubinetto d arresto. Quando la distribuzione avvenga con più colonne montanti, per migliorare la ripartizione del carico tra esse legata alla variabile distribuzione delle portate, si adotta lo schema a montanti con anello inferiore e contatore unico oppure a gabbia sempre con un unico contatore. 3

4 Eseguito il montaggio, tutte le tubazioni devono essere lavate internamente e sottoposte alla prova a pressione prima di essere isolate e murate. La pressione di prova deve essere 1,5 volte quella di esercizio, ma comunque non inferiore ai 15 bar. Le tubazioni che convogliano acqua calda richiedono l adozione di compensatori di dilatazione a soffietto, ad U o a Z, i quali sono disponibili in diverse misure per i diversi coefficienti di dilatazione dei vari materiali impiegabili. 1.3 CRITERI GENERALI Sono utilizzati alcuni criteri di carattere generale nella definizione dello schema e nell assegnazione dei diametri: le ultime diramazioni devono avere diametro maggiore di quello dei rubinetti dipendenti; le tubazioni, nel loro percorso, non devono attraversare i giunti di dilatazione realizzati nelle strutture dell edificio; per il dimensionamento della rete si assegna per i vari tronchi delle distribuzioni (procedendo da valle verso monte) i valori delle portate massime (in l/s) occorrenti; la velocità v condiziona le perdite di carico ammissibili e per non avere vibrazioni e rumori nelle abitazioni si assume generalmente velocità pari a 3,5 m/s saranno accettabili. 0,5 v 1,5m / s anche se, come si vedrà, anche Le perdite di carico vanno valutate adottando per la scabrezza delle tubazioni i valori che si hanno a tubazioni invecchiate tenendo anche conto delle incrostazioni che possono aversi per i depositi calcarei. Il calcolo delle perdite di carico nella rete interna viene fatto in funzione della portata per i diametri di più frequente impiego nelle reti interne, utilizzando la formula di Colebrook: 2 λv J = 2gD dove λ = 0, 231 per una scabrezza assoluta e = 0,0025m dopo ampio periodo di funzionamento ovvero a tubazione invecchiata. Si farà quindi riferimento alla seguente tabella: Tabella 1- Perdite di carico in condotte circolari e scabrezza assoluta e= v (m/s) Di = 15mm Di = 17,5mm Di = 20mm Di = 25mm Di = 30mm J Q (l/s) J Q (l/s) J Q (l/s) J Q (l/s) J Q (l/s) 0,10 0,0050 0,02 0,0039 0,02 0,0031 0,03 0,0022 0,05 0,0017 0,07 0,20 0,0193 0,04 0,0150 0,05 0,0121 0,06 0,0085 0,10 0,0064 0,14 0,30 0,0430 0,05 0,0335 0,07 0,0270 0,09 0,0190 0,15 0,0144 0,21 0,40 0,0761 0,07 0,0592 0,10 0,0478 0,13 0,0336 0,20 0,0254 0,28 0,50 0,1185 0,09 0,0922 0,12 0,0744 0,16 0,0524 0,25 0,0396 0,35 0,60 0,1702 0,11 0,1324 0,14 0,1069 0,19 0,0753 0,29 0,0569 0,42 0,70 0,2313 0,12 0,1800 0,17 0,1453 0,22 0,1023 0,34 0,0773 0,49 0,80 0,3018 0,14 0,2348 0,19 0,1896 0,25 0,1335 0,39 0,1008 0,57 4

5 0,90 0,3816 0,16 0,2969 0,22 0,2397 0,28 0,1688 0,44 0,1275 0,64 1,00 0,4708 0,18 0,3663 0,24 0,2957 0,31 0,2083 0,49 0,1573 0,71 1,10 0,5694 0,19 0,4429 0,26 0,3576 0,35 0,2519 0,54 0,1902 0,78 1,20 0,6773 0,21 0,5269 0,29 0,4254 0,38 0,2996 0,59 0,2263 0,85 1,30 0,7945 0,23 0,6181 0,31 0,4991 0,,41 0,3515 0,64 0,2654 0,92 1,40 0,9211 0,25 0,7166 0,34 0,5786 0,44 0,4075 0,69 0,3077 0,99 1,50 1,0571 0,26 0,8224 0,36 0,6640 0,47 0,4676 0,74 0,3532 1, DIMENSIONAMENTO IDRAULICO Le perdite di carico considerate sono quelle distribuite nei vari tronchi della rete e localizzate in curve, gomiti, raccordi a T e raccordi per rubinetti in erogazione. Per valutare queste perdite localizzate nelle raccorderie, si attribuisce ad ogni pezzo speciale una lunghezza equivalente, considerando quindi per le perdite una lunghezza fittizia del tronco considerato. Le portate da consegnare sono calcolate combinando le diverse e possibili destinazioni dell acqua. Per il calcolo ci si riferisce alle norme UNI 9182 che prevedono l adozione delle unità di carico UC, ognuna corrispondente a 0,1 l/s e che tiene conto del tipo di apparecchio erogatore, delle sue caratteristiche dimensionali e della frequenza d uso. A ogni punto di erogazione si può quindi associare un valore di UC, anche nell ipotesi che a esso confluiscano più apparecchi nelle varie combinazioni. Tabella 2- Unità di carico per le utenze delle abitazioni private. Apparecchio Unità di carico Acqua fredda Acqua calda Totale Lavabo 0,75 0,75 1,00 WC con cassetta 3,00-3,00 I valori indicati in Tabella 2 sono le UC da utilizzare per il calcolo delle distribuzioni di acqua fredda, calda e le totali si utilizzano per la determinazione complessiva delle UC e quindi della portata a monte del sistema di preparazione dell acqua calda. La massima portata che può essere derivata dagli apparecchi allacciati a valle dipende dal numero degli apparecchi che possono essere contemporaneamente in funzione. È quindi la portata massima statisticamente utilizzata e non è uguale alla somma delle portate, bensì alla relazione: Q ( l / s) K Q ( l / s) p = dove K r è un coefficiente di riduzione che vale 0,5 per case d abitazione ed uffici, caratterizzati da portate derivate variabili ma di breve durata. r t 5

6 L immobile in oggetto si articola su un solo livello avente un altezza interna di 3.05m e superficie di 630 m 2 circa ed è inoltre composto da un deposito al piano interrato di 75 m 2 circa. Il piano è fornito da bagni composti da lavabo e w.c. appartenenti alla prima categoria di cui si vuole dimensionare l impianto di distribuzione d acqua interno. Gli impianti di distribuzione a servizio degli apparecchi sono due: uno di acqua fredda e uno di acqua calda. Quello dell acqua calda serve il lavabo. Ci saranno due montanti dalle quali partiranno le diramazioni relative alle singole unità. A valle delle diramazioni sarà collocato il contatore, preceduto da una saracinesca, incassato nella muratura esterna ed ispezionabili. Le tubazioni saranno installate sottotraccia a pavimento o nelle murature, a seconda delle necessità tenendo conto anche della compresenza degli altri impianti tecnici (impianto di scarico, impianto termico, ecc.). Per la produzione di acqua calda il sistema è dotato di una caldaia autonoma a gas, verso la quale si farà giungere una diramazione dalla rete di distribuzione dell acqua fredda. Nel dimensionamento, considerando il bagno in condizioni più sfavorevoli, si parte dall apparecchio più lontano verso la montante e si considera la presenza di 1 WC e un lavabo. I gomiti consentono di far uscire la tubazione dal muro, terminando con il rubinetto attraverso il flessibile. Per l impianto di acqua fredda la tubazione si trova a 0,10 m dal pavimento mentre per l impianto di acqua calda la tubazione si trova a 0,06 m dal pavimento. Il rapporto delle perdite localizzate equivalenti su quelle distribuite è di 2:1. Quindi si hanno UC = 5 mentre le perdite di carico totali sono a vantaggio di sicurezza PC TOT = 1. 5m (considerando che 10kPa = 1mH 2O ). TOT 6

7 Fig. 3- Relazione tra unità di carico e portata per utenze d'abitazione. Le norme UNI riportano questo diagramma che dà la portata in funzione delle UC. Un criterio speditivo per il dimensionamento della montante e del tronco a monte consiste nello stabilire il diametro del tubo solo in funzione delle unità di carico allacciate, assegnando, per la corrispondente portata, una velocità dell ordine di 1,00 1,50 m/s. Quindi, entrando nel diagramma con 5 UC in presenza di vasi con cassetta, la portata corrispondente che mi indica la contemporaneità delle due distribuzioni a monte è di 0,5 l/s. Imponendo una velocità, dal seguente abaco ottengo il valore del diametro e delle perdite di carico: Fig. 1- Abaco delle perdite di carico per tubi dopo lungo esercizio e=0,

8 Quindi risulta l altezza della montante D = 25mm e le perdite di carico h = 2m danno: m PCmon tan te = 0,30 * 2m = 0, 6m m m m J = 300 = 0, 3 che moltiplicate per km m Si considerino per le diramazioni dei lavabi un DN15 e per i WC DN25. 8

9 2. IMPIANTO DI SCARICO 2.1 OGGETTO Fanno oggetto della seguente relazione le descrizioni e le prescrizioni relative alla fornitura e posa in opera dell impianto di scarico a servizio di una casa alloggio per minori non accompagnati sito in via D. Guerrazzi ang. Via Roma sito nel Comune di Lizzano (TA). 2.2 DESCRIZIONE L immobile in oggetto si articola su un solo livello avente un altezza interna di 3.75 m circa e superficie di 100 m 2 circa. Il piano è fornito da bagni composti da lavabo e w.c. e doccia appartenenti alla prima categoria. Il circuito di scarico sarà costituito da un sistema di discendenti a servizio dei bagni; l'impianto si chiude con un sistema di collettori che collegano i discendenti alla rete fognaria; il collegamento alla rete urbana è realizzato tramite un interfaccia formata da un sifone posto all interno di un pozzetto ispezionabile, di dimensioni opportune, atto a facilitare le operazioni di manutenzione e d intervento in caso di guasto. 2.3 SCELTA TIPOLOGICA Si avrà una distribuzione sub-orizzontale che collega ciascun apparecchio alla scatola sifonata e questa al collettore di piano. Il discendente, nella parte superiore, termina oltre la copertura dell edificio con un esalatore fungendo anche da montante di aerazione. L intero impianto sarà realizzato con tubazioni in P V C del tipo pesante. Il vaso è del tipo con scarico a parete. 9

10 2.4 DEFINIZIONE GEOMETRICA DELL IMPIANTO 10

11 2.5 DIMENSIONAMENTO Per il dimensionamento considero la montante più sfavorita. In funzione delle U.S. di ciascun apparecchio, si ricava il diametro delle tubazioni delle diramazioni sub-orizzontali: Apparecchio U.S. φ (mm) Lavabo, bidet e doccia 3 40 Vaso a cascata 1 75 Tutte le pendenze devono essere maggiori dell 1%. Il piano produce 4 U.S. con la presenza di 1 vaso. Dimensionamento del discendente: Tenuto presente che: 1) È presente un solo piano 2) Le unità di scarico totali sono 4; 3) Il discendente più sfavorito è a servizio di 4 U.S. La sezione del discendente è assunta pari a 100 mm. Dimensionamento del collettore al piede dell edificio: Il totale delle unità di scarico raccolte dal collettore è di 4 U.S. Pendenza min. del 2%. Sezione minima del collettore: 100 mm Taranto lì Il Tecnico Dott. Ing. Antonio PISTO 11

COMUNE DI LIZZANO. (Provincia di Taranto) Progetto di ristrutturazione edilizia per la realizzazione di una casa alloggio PROGETTO ETNICAMENTE A.

COMUNE DI LIZZANO. (Provincia di Taranto) Progetto di ristrutturazione edilizia per la realizzazione di una casa alloggio PROGETTO ETNICAMENTE A. COMUNE DI LIZZANO (Provincia di Taranto) Progetto di ristrutturazione edilizia per la realizzazione di una casa alloggio PROGETTO ETNICAMENTE PROGETTO ARCHITETTONICO: ARCH. Vincenzo La Gioia PROGETTO IMPIANTI:

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO IDRICO E FOGNARIO

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO IDRICO E FOGNARIO RELAZIONE TECNICA IMPIANTO IDRICO E FOGNARIO DESCRIZIONE SOMMARIA DELL IMPIANTO E DATI DI PROGETTO Il presente progetto riguarda il dimensionamento dell impianto di adduzione idrica e di scarico delle

Dettagli

Progettazione Costruzioni ed Impianti IMPIANTI TECNOLOGICI CAP. II IMPIANTO IDRICO : IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE INTERNA E FOGNATURA

Progettazione Costruzioni ed Impianti IMPIANTI TECNOLOGICI CAP. II IMPIANTO IDRICO : IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE INTERNA E FOGNATURA Progettazione Costruzioni ed Impianti IMPIANTI TECNOLOGICI CAP. II IMPIANTO IDRICO : IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE INTERNA E FOGNATURA Rete di distribuzione interna - Schemi Colonne verticali di grossa sezione

Dettagli

livello progettazione: Relazione Impianto Idrico Fognante ing. Antonello DE STASIO Geom. Angelo CASOLI ing. Renato Mario PAVIA

livello progettazione: Relazione Impianto Idrico Fognante ing. Antonello DE STASIO Geom. Angelo CASOLI ing. Renato Mario PAVIA COMUNE DI TROIA (Provincia di Foggia) denominazione progetto: Fondo Per lo Sviluppo e Coesione 2007-2013 Accordo di programma quadro "Settore Aree Urbane - Città" Realizzazione di n. 18 alloggi di edilizia

Dettagli

IMPIANTO IDRICO-SANITARIO. Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì

IMPIANTO IDRICO-SANITARIO. Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì IMPIANTO IDRICO-SANITARIO I AGGIORNAMENTO 14/12/2013 GENERALITÀ L impianto idrico-sanitario comprende:

Dettagli

Sommario. Relazione impianto idrico - fognario

Sommario. Relazione impianto idrico - fognario Relazione impianto idrico - fognario Sommario 1. DESCRIZIONE DELL INTERVENTO... 2 2. RETE ADDUZIONE ACQUA... 2 3. SISTEMA PER IL RECUPERO DELL ACQUA PIOVANA PER USI INDOOR... 3 4. PRODUZIONE DI ACQUA CALDA

Dettagli

COMUNE DI CAMPELLO SUL CLITUNNO PROVINCIA DI PERUGIA

COMUNE DI CAMPELLO SUL CLITUNNO PROVINCIA DI PERUGIA ISO 9001:2008 COMUNE DI CAMPELLO SUL CLITUNNO PROVINCIA DI PERUGIA D.G.R. 1136/2012 - PROGETTO PER LA RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA CON CAMBIO DI DESTINAZIONE D'USO E DI RIQUALIFICAZIONE DELL'AREA EX CENTRALE

Dettagli

RELAZIONE IMPIANTO IDRICO SANITARIO

RELAZIONE IMPIANTO IDRICO SANITARIO INDICE 1- GENERALITA...2 2- RETI DI ADDUZIONE DELL ACQUA...3 3- RETI DI SCARICO SERVIZI IGIENICI...5 4- IMPIANO IDRICO ANTINCENDIO...6 5- RETI DI IDRANTI...6 6- IMPIANTI FISSI DI RILEVAZIONE INCENDI...7

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICO FOGNANTI

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICO FOGNANTI RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICO FOGNANTI E' previsto il rifacimento di tutti i corpi bagni. Gli apparecchi sanitari previsti nella progettazione edile, sono delle seguenti tipologie: vaso del tipo a

Dettagli

INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO...

INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO... INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO... 2 1.1 IMPIANTO DI SCARICO... 2 1.1.1 Calcolo delle Unità di scarico... 3 1.2 IMPIANTO IDROSANITARIO... 5 1.2.1 Alimentazione...

Dettagli

PLUS Comune di Monterotondo (RM) Intervento n 3: Nuova sostenibilità del verde

PLUS Comune di Monterotondo (RM) Intervento n 3: Nuova sostenibilità del verde 0 Indice 0 Indice... 2 1 Premessa... 3 2 Impianto termico... 3 3 Impianto idrico sanitario... 4 3.1 Descrizione impianto acqua potabile... 4 3.2 Dati di progetto impianto distribuzione acqua potabile...

Dettagli

Impianti tecnici. Distribuzione acqua per uso sanitario

Impianti tecnici. Distribuzione acqua per uso sanitario Impianti tecnici Distribuzione acqua per uso sanitario Impianti idrici Requisiti - Coibentazione: riferimento ai requisiti di legge per le tubazioni di acqua calda; - Protezione dalla condensa; - Protezione

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICI E FOGNARI

PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICI E FOGNARI PROGETTO DEFINITIVO EX FILAN D A D I MALVAGLIO _ OFFICIN A D I CREATIVITÀ E CULTURA COMUN E D I ROBECHETTO CON IN D UN O (MI) RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICI E FOGNARI Settembre 2010 Sommario PROGETTO

Dettagli

RELAZIONE TECNICA - Impianto idrico sanitario e fognante

RELAZIONE TECNICA - Impianto idrico sanitario e fognante Collaborazione con: Dott. Angelo Capuzzimati Architetto Dott. Francesca Delfino Architetto partecipazione alla procedura didi selezione di interventi relativi alla riqualificazione del patrimonio infrastrutturale

Dettagli

INDICE. A.S.M. S.p.A. Sede legale: Via Paronese, 110 PRATO (PO) Sede impianto: località Pozzino VAIANO (PO)

INDICE. A.S.M. S.p.A. Sede legale: Via Paronese, 110 PRATO (PO) Sede impianto: località Pozzino VAIANO (PO) INDICE 1. OGGETTO DEI LAVORI... 3 1.1 Premessa... 3 2. DATI TECNICI DI PROGETTO... 3 2.1 Portate d acqua... 3 2.2 Riserva idrica a servizio della bagnatura dei cumuli... 3 3. METODI DI CALCOLO... 4 3.1

Dettagli

Comuni di Sirolo e Numana

Comuni di Sirolo e Numana Progettista: Arch. Giorgio Pagnoni LUGLIO 2012 RELAZIONE TECNICA IMPIANTO IDRAULICO I STRALCIO FUNZIONALE Service & Consulting Immobiliare s.r.l. - Via Trieste n. 21-60124 Ancona - tel 071 3580027 PROGETTO

Dettagli

Comune di Acqui Terme (AL) Centro Congressi Area Bagni PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO - IMPIANTI FLUIDO-MECCANICI (IDROSANITARIO)

Comune di Acqui Terme (AL) Centro Congressi Area Bagni PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO - IMPIANTI FLUIDO-MECCANICI (IDROSANITARIO) INDICE 1 Premessa...2 2 Caratteristiche del sistema edilizio...3 3 Impianti previsti...4 3.1 IMPIANTI FLUIDOMECCANICI ED AFFINI...4 3.1.1 IMPIANTI IDROSANITARI E PER SMALTIMENTO ACQUE...4 3.1.2 IMPIANTI

Dettagli

Gli impianti idrici civili

Gli impianti idrici civili Gli impianti idrici civili Gli impianti idrici civili possono essere così classificati: impianti idrici di distribuzione di acqua sanitaria (potabile) impianti di raccolta delle acque reflue interne impianti

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO IDRICO FOGNANTE

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO IDRICO FOGNANTE RELAZIONE TECNICA IMPIANTO IDRICO FOGNANTE Il dimensionamento dei diametri delle tubazioni costituenti la rete è determinato tenendo conto del coefficiente di contemporaneità, dei diametri minimi delle

Dettagli

10. DIMENSIONAMENTO DELL IMPIANTO IDRICO IMPIANTO DI ADDUZIONE DELL ACQUA (RETE DI DISTRIBUZIONE)

10. DIMENSIONAMENTO DELL IMPIANTO IDRICO IMPIANTO DI ADDUZIONE DELL ACQUA (RETE DI DISTRIBUZIONE) 10. DIMENSIONAMENTO DELL IMPIANTO IDRICO IMPIANTO DI ADDUZIONE DELL ACQUA (RETE DI DISTRIBUZIONE) Per la determinazione delle portate massime contemporanee, necessarie per il dimensionamento delle reti

Dettagli

RELAZIONE TECNICA CALCOLO IMPIANTI

RELAZIONE TECNICA CALCOLO IMPIANTI RELAZIONE TECNICA CALCOLO IMPIANTI OGGETTO: RIFACIMENTO DELLA RETE IDRICA DI VIA P. UMBERTO E CORSO UMBERTO I Acquedotto La rete idrica, è composta da condotte in pressione, poste a 1 m sotto il piano

Dettagli

REGIONE PIEMONTE. Provincia di Vercelli COMUNE DI TRINO

REGIONE PIEMONTE. Provincia di Vercelli COMUNE DI TRINO REGIONE PIEMONTE Provincia di Vercelli COMUNE DI TRINO REALIZZAZIONE DI IMPIANTO FOTOVOLTAICO ED ADEGUAMENTO CUCINA PRESSO L'EDIFICIO DENOMINATO "EX MERCATO COPERTO" COMMITTENTI: PROGETTO ESECUTIVO COMUNE

Dettagli

BATIMENTS FSA EQUIPMENT HYDRIQUE SANITAIRE RAPPORT TECHNIQUE FABBRICATI FSA IMPIANTO IDRICO SANITARIO RELAZIONE TECNICA SOMMAIRE / INDICE

BATIMENTS FSA EQUIPMENT HYDRIQUE SANITAIRE RAPPORT TECHNIQUE FABBRICATI FSA IMPIANTO IDRICO SANITARIO RELAZIONE TECNICA SOMMAIRE / INDICE SOMMAIRE / INDICE RESUME/RIASSUNTO... 3 1. NORMATIVE DELLA SOUMISSION 44 RELATIVE AL PRESENTE PROGETTO... 4 1.1 Norme funzionali... 4 1.2 Norme su Materiali e Apparecchiature... 4 2. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO...

Dettagli

REGIONE PUGLIA Comune di Modugno (Ba) Riqualificazione urbana di aree degradate presso il Quartiere S. Cecilia INDICE

REGIONE PUGLIA Comune di Modugno (Ba) Riqualificazione urbana di aree degradate presso il Quartiere S. Cecilia INDICE INDICE 1. OGGETTO... 2 2. SCOPO... 3 3. IMPIANTO IDRICO... 4 4.1 TUBAZIONI IMPIANTO ADDUZIONE ACQUA... 4 4. MATERIALI E PEZZI SPECIALI... 6 5. LEGGI E NORMATIVE DI RIFERIMENTO... 7 1 1. OGGETTO Il presente

Dettagli

Impianti Meccanici Calcoli Esecutivi e Relazione illustrativa Impianto Idrico Sanitario

Impianti Meccanici Calcoli Esecutivi e Relazione illustrativa Impianto Idrico Sanitario ZeroCento - Studio di Pianificazione Energetica Ing. Ing. Maria Cristina Sioli via Zezio 54 - Como via El Alamein 11/b - Como Progetto Edilizia Residenziale Pubblica da locare a Canone Sociale e Moderato

Dettagli

RISTRUTTURAZIONE EX SCUOLA LEONARDO DA VINCI E RIATTAZIONE A PALAZZO COMUNALE

RISTRUTTURAZIONE EX SCUOLA LEONARDO DA VINCI E RIATTAZIONE A PALAZZO COMUNALE RISTRUTTURAZIONE EX SCUOLA LEONARDO DA VINCI E RIATTAZIONE A PALAZZO COMUNALE IMPIANTO FOGNARIO ACQUE NERE E BIANCHE 1. Oggetto La presente relazione riguarda l impianto di smaltimento delle acque bianche

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN LOCALE BAR-RISTORO Via Monte Generoso n. 71 - VARESE

REALIZZAZIONE DI UN LOCALE BAR-RISTORO Via Monte Generoso n. 71 - VARESE UFFICIO SPECIALE PER L EDILIZIA COMUNE DI VARESE UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA VARESE COMO REALIZZAZIONE DI UN LOCALE BAR-RISTORO Via Monte Generoso n. 71 - VARESE PROGETTO ESECUTIVO DESCRIZIONE

Dettagli

Relazione impianto idrico - fognario

Relazione impianto idrico - fognario COMUNE DI LEVERANO PROVINCIA DI LECCE PROGRAMMA INTEGRATO PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FSC - FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014 INTERVENTI PER LA REALIZZAZIONE DI CELLULE ABITATIVE DI

Dettagli

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9 Pagina 1 di 9 IMPIANTO DI TRATAMENTO E RECAPITO PER SCARICHI DA INSEDIAMENTO CIVILE E ASSIMILABILI AI DOMESTICI MODALITA ESECUTIVE, CALCOLO, MATERIALI E MANUFATTI D ALLACCIAMENTO DELLA RETE FOGNARIA ACQUE

Dettagli

IMPIANTI MECCANICI: RELAZIONE DI CALCOLO

IMPIANTI MECCANICI: RELAZIONE DI CALCOLO INDICE 1 GENERALITÀ...2 1.1 Oggetto della relazione...2 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO...3 2.1 Impianto di riscaldamento...3 2.2 Impianto idrico-sanitario...5 2.3 Impianto antincendio...5 2.4 Impianto di scarico...6

Dettagli

IMMOBILE SITO in CAVRIANA, Via Mantegna, 4 a/b N.C.E.U. FG. N. 17 MAPPALE 105 SUB. 301/302/303/304 ALLEGATO

IMMOBILE SITO in CAVRIANA, Via Mantegna, 4 a/b N.C.E.U. FG. N. 17 MAPPALE 105 SUB. 301/302/303/304 ALLEGATO REVISIONE DELLA PROGETTAZIONE DEFINITIVA PER FINANZIAMENTO E PRESCRIZIONI SOPRINTENDENZA delle opere per la RISTRUTTURAZIONE EDILIZA E FUNZIONALE di un Immobile Comunale per la realizzazione di residenze

Dettagli

DESCRIZIONE. Introduzione

DESCRIZIONE. Introduzione SymCAD/C.A.T.S. modulo Sanitario Schema - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - DESCRIZIONE Introduzione Il modulo

Dettagli

IMPIANTO IDRICO INTERNO Guida per il dimensionamento di un impianto idrico interno Ing. Carmelo Nasello

IMPIANTO IDRICO INTERNO Guida per il dimensionamento di un impianto idrico interno Ing. Carmelo Nasello IMPIANTO IDRICO INTERNO Guida per il dimensionamento di un impianto idrico interno Ing. Carmelo Nasello. ALLACCIO ACQUEDOTTO URBANO Generalmente la condotta dell acquedotto pubblico passa nella strada

Dettagli

RELAZIONE E DIMENSIONAMENTO IMPIANTO IDRICO E ANTINCENDIO

RELAZIONE E DIMENSIONAMENTO IMPIANTO IDRICO E ANTINCENDIO RELAZIONE E DIMENSIONAMENTO IMPIANTO IDRICO E ANTINCENDIO La presente relazione riguarda la progettazione degli impianti idrici previsti per i lavori di riqualificazione dell immobile ex Caserma dei Carabinieri

Dettagli

IL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI IDROSANITARI Miscelatori e riduttori di pressione

IL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI IDROSANITARI Miscelatori e riduttori di pressione FOCUS TECNICO IL DEGLI IMPIANTI IDROSANITARI Miscelatori e riduttori di pressione CRITERI DI CALCOLO DELLA PORTATA DI PROGETTO Lo scopo principale del dimensionamento di una rete idrica è quello di assicurare

Dettagli

SCARICHI ACQUE NERE E BIANCHE VENTILAZIONE SCARICHI PARTE 2

SCARICHI ACQUE NERE E BIANCHE VENTILAZIONE SCARICHI PARTE 2 2013-2014 SCARICHI ACQUE NERE E BIANCHE VENTILAZIONE SCARICHI PARTE 2 Scheda 1 Definizioni 1. acque reflue domestiche: Acque contaminate dall uso e solitamente scaricate da WC, docce, vasche da bagno,

Dettagli

INDICE. 1 PREMESSA 2 DESCRIZIONE IMPIANTO 2.1 Dimensionamento della rete... 3 IMPIANTO SMALTIMENTO ACQEU 4 VERIFICHE, COLLAUDO E CERTIFICAZIONI...

INDICE. 1 PREMESSA 2 DESCRIZIONE IMPIANTO 2.1 Dimensionamento della rete... 3 IMPIANTO SMALTIMENTO ACQEU 4 VERIFICHE, COLLAUDO E CERTIFICAZIONI... INDICE 1 PREMESSA 2 DESCRIZIONE IMPIANTO 2.1 Dimensionamento della rete... 3 IMPIANTO SMALTIMENTO ACQEU 4 VERIFICHE, COLLAUDO E CERTIFICAZIONI... Pagina 1 di 6 1. PREMESSA La presente relazione intende

Dettagli

PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014

PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014 PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014 PROGETTO ESECUTIVO PER LAVORI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATI DI E.R.P. COMPOSTO DA N. 8 ALLOGGI SITO

Dettagli

INDICE. 1. Descrizione delle opere da eseguire pag. 2. 1.1 Impianto idrico sanitario pag. 2

INDICE. 1. Descrizione delle opere da eseguire pag. 2. 1.1 Impianto idrico sanitario pag. 2 INDICE 1. Descrizione delle opere da eseguire pag. 2 1.1 Impianto idrico sanitario pag. 2 1.2 Impianti di scarico dei servizi e degli accessori sanitari pag. 3 1.3 Impianto di scarico delle acqua meteoriche

Dettagli

Internet: http:// www.atc.torino.it E-mail: costruzioni@atc.torino.it

Internet: http:// www.atc.torino.it E-mail: costruzioni@atc.torino.it AGENZIA TERRITORIALE PER LA CASA DELLA PROVINCIA DI TORINO Corso Dante, 14-10134 Torino P. I.V.A.: 00499000016 Internet: http:// www.atc.torino.it E-mail: costruzioni@atc.torino.it Tav: Revisione: C0527001

Dettagli

SALERNO - FRONTE DEL MARE. PROGETTO ESECUTIVO Edificio Porta Sud-Ovest

SALERNO - FRONTE DEL MARE. PROGETTO ESECUTIVO Edificio Porta Sud-Ovest COMUNE DI SALERNO AUTORITA PORTUALE DI SALERNO SALERNO - FRONTE DEL MARE PROGETTO ESECUTIVO Edificio Porta Sud-Ovest IMPIANTI IDRICO-SANITARI - ANTINCENDIO RELAZIONE DI CALCOLO N PROGETTO: B.282.A N ALLEGATO:

Dettagli

Non sempre la gravità è una buona idea

Non sempre la gravità è una buona idea Non sempre la gravità è una buona idea di Ralf Schomäcker, Product Manager Spostare enormi quantità di terreno. Posizionare i tubi di scarico e spostare i condotti fognari. Spaccare pavimenti di cemento

Dettagli

DESCRIZIONE GENERALE INTERVENTO

DESCRIZIONE GENERALE INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE INTERVENTO L intervento in oggetto consiste nel completamento di un porzione del Polo Scolastico di Trescore Balneario (BG) attraverso la creazione del terzo piano al corpo di fabbrica

Dettagli

CENNI SULLE RETI DI SCARICO

CENNI SULLE RETI DI SCARICO CAPITOLO 1 1.1 Premessa Col termine rete di scarico si intende un sistema di tubazioni per scaricare al di fuori di un edificio acque piovane o sanitarie. Si usa distinguere tra: rete di scarico esterna

Dettagli

SCALA - PROVINCIA BELLUNO

SCALA - PROVINCIA BELLUNO TITOLO ELABORATO SISTEMAZIONE DELL AREA PARCHEGGIO E REALIZZAZIONE DI UN AREA ATTREZZATA PER LA SOSTA BREVE DI CAMPER IN LOCALITÀ CANDÀTEN - COMUNE DI SEDICO (BL) FASE PROGETTO ESECUTIVO ELABORATO PROGETTO

Dettagli

Comune di Surbo Progetto Esecutivo Centro Comunale per la Raccolta Differenziata

Comune di Surbo Progetto Esecutivo Centro Comunale per la Raccolta Differenziata Premessa La presente relazione specialistica riguarda la progettazione dell impianto idrico-fognante a servizio di un centro comunale per la raccolta differenziata (CCR) dei rifiuti solidi urbani ed assimilati

Dettagli

La progettazione del locale igienico

La progettazione del locale igienico Gli impianti idrico sanitari Prof. Simone Secchi Prof. Gianfranco Cellai Corso di Fisica Tecnica Ambientale e Impianti Tecnici La progettazione del locale igienico 1 Ingombro degli apparecchi sanitari

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI

RIFERIMENTI NORMATIVI RELAZIONE TECNICA IMPIANTO TERMICO RIFERIMENTI NORMATIVI Tutti gli impianti dovranno essere forniti completi in ogni loro singola parte e perfettamente funzionanti, con tutte le apparecchiature ed accessori

Dettagli

Gli impianti di scarico Indicazioni, vincoli e requisiti di progettazione

Gli impianti di scarico Indicazioni, vincoli e requisiti di progettazione Gli impianti di scarico Indicazioni, vincoli e requisiti di progettazione Riferimento normativo Per la progettazione degli impianti di scarico si fa riferimento alla normativa europea composta da 5 parti.

Dettagli

Il comfort acustico del sistema di scarico all interno dell edificio

Il comfort acustico del sistema di scarico all interno dell edificio Il comfort acustico del sistema di scarico all interno dell edificio Componenti e fattori di rumorosità Principi di progettazione e posa corretta Soluzioni tecniche e caratteristiche dei materiali Prestazioni

Dettagli

IMPIANTI IGIENICO SANITARI

IMPIANTI IGIENICO SANITARI IMPIANTI IGIENICO SANITARI IT PASINI SCHIO Corso di Progettazione costruzioni e impianti (Moreno Mazzucco) Bibliografia: Manuale di Progettazione Edilizia, Vol.2 Criteri ambientali ed impianti, a cura

Dettagli

IMPIANTO ANTINCENDIO

IMPIANTO ANTINCENDIO IMPIANTO ANTINCENDIO La scuola sarà dotata di impianto idrico antincendio per la protezione interna ossia la protezione contro l incendio che si ottiene mediante idranti a muro, installati in modo da consentire

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PER LA COSTRUZIONE DI UN NUOVO COMPLESSO RESIDENZIALE AD ESCLUSIVO USO ABITATIVO NEL COMUNE DI CORSANO (LE)

RELAZIONE TECNICA PER LA COSTRUZIONE DI UN NUOVO COMPLESSO RESIDENZIALE AD ESCLUSIVO USO ABITATIVO NEL COMUNE DI CORSANO (LE) RELAZIONE TECNICA PER LA COSTRUZIONE DI UN NUOVO COMPLESSO RESIDENZIALE AD ESCLUSIVO USO ABITATIVO NEL COMUNE DI CORSANO (LE) PREMESSA La seguente relazione riguarda gli impianti da installare nel complesso

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA IMPIANTI. Nuovo complesso edilizio Via Selva Residence Quinzano Verona IMMOBILIARE EUREKA SRL

RELAZIONE DESCRITTIVA IMPIANTI. Nuovo complesso edilizio Via Selva Residence Quinzano Verona IMMOBILIARE EUREKA SRL RELAZIONE DESCRITTIVA IMPIANTI Nuovo complesso edilizio Via Selva Residence Quinzano Verona IMMOBILIARE EUREKA SRL Il tecnico: Ing. Riccardo Tisato Marzo 2012 Descrizione impianti - Quinzano Eureka Immobiliare

Dettagli

Interventi di manutenzione ordinaria dello stabile di proprietà comunale sito in piazzale zaccari. Progetto Esecutivo. Capitolato tecnico impianti

Interventi di manutenzione ordinaria dello stabile di proprietà comunale sito in piazzale zaccari. Progetto Esecutivo. Capitolato tecnico impianti Ing. Fabio Gramagna Via V. Emanuele, 131-18012 Bordighera (IM) - Tel./Fax. 0184/26.32.01 fgramagna@gmail.com - fabio.gramagna@ingpec.eu Comune di Bordighera Provincia di Imperia Interventi di manutenzione

Dettagli

INDICE 1. - CRITERI DI PROGETTAZIONE... 13 1.1. ANALISI UTENZE... 14 1.2. SCARICO ACQUE SUPERFICIALI... 15

INDICE 1. - CRITERI DI PROGETTAZIONE... 13 1.1. ANALISI UTENZE... 14 1.2. SCARICO ACQUE SUPERFICIALI... 15 INDICE 1. - CRITERI DI PROGETTAZIONE... 13 1.1. ANALISI UTENZE... 14 1.2. SCARICO ACQUE SUPERFICIALI... 15 RELAZIONE TECNICA 1. - CRITERI DI PROGETTAZIONE Nella definizione della nuove reti fognarie, si

Dettagli

0371/549372 STUDIO TECNICO

0371/549372 STUDIO TECNICO Via Paolo Gorini, 12 26900 LODI (LO) Tel.: 0371/549372 STUDIO TECNICO Fax: 0371/588158 E-mail ing.bergomi@libero.it DI INGEGENRIA CIVILE Dott. Ing. GIUSEPPE BERGOMI Ordine degli Ingegneri della Provincia

Dettagli

Il calcolo idraulico deve dimostrare che la tubazione è in grado di smaltire la portata

Il calcolo idraulico deve dimostrare che la tubazione è in grado di smaltire la portata CALCOLO IDRAULICO Il calcolo idraulico deve dimostrare che la tubazione è in grado di smaltire la portata d acqua prevista. Nello specifico il calcolo riguarda la progettazione della sezione della tubazione

Dettagli

Disposizioni Tecniche

Disposizioni Tecniche Disposizioni Tecniche Revisione n.05 del 30/12/2011 Approvate dall A.A.T.O. n.1 Toscana Nord con deliberazione n.20 del 06/12/2011 In vigore dal 1 gennaio 2012 Pagina 1 di 24 INDICE SCHEMI DI INDIVIDUAZIONE

Dettagli

Ente Scuola Edile Taranto IMPIANTI IDRICI E ELETTRICI

Ente Scuola Edile Taranto IMPIANTI IDRICI E ELETTRICI Ente Scuola Edile Taranto IMPIANTI IDRICI E ELETTRICI IMPIANTI IDRICI Nello specifico gli elementi tecnici per sviluppare un buon impianto idrico possono essere sintetizzati in questo modo: - allacciamenti;

Dettagli

COMUNE DI PIETRAMELARA PROVINCIA DI CASERTA

COMUNE DI PIETRAMELARA PROVINCIA DI CASERTA COMUNE DI PIETRAMELARA PROVINCIA DI CASERTA PROGETTO/DIMENSIONAMENTO E VERIFICA IMPIANTO ELETTRICO A SERVIZIO DELL EDIFICIO COMUNALE DA DESTINARE AD ASILO NIDO -----------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

COMPLESSO E 13 RETE IDRANTI

COMPLESSO E 13 RETE IDRANTI COMPLESSO E 13 RETE IDRANTI Con la costituzione dei nuovi filtri in adiacenza ai vani scala a prova di fumo, si prevede lo spostamento degli idranti attualmente esistenti all'interno dei vani filtro sopra

Dettagli

OGGETTO E SCOPO DELL OPERA...

OGGETTO E SCOPO DELL OPERA... Sommario 1. OGGETTO E SCOPO DELL OPERA... 2 2. RETE DI DISTRIBUZIONE TERMO FLUIDICA... 2 3. RETE ADDUZIONE ACQUA SANITARIA... 5 4. RETE DI DISTRIBUZIONE AERAULICA... 14 1 1. OGGETTO E SCOPO DELL OPERA

Dettagli

Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura. Scarichi Acque Reflue Domestiche

Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura. Scarichi Acque Reflue Domestiche Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura Scarichi Acque Reflue Domestiche 1- Informazioni per le opere di allacciamento alla pubblica fognatura 2- Procedura Edifici

Dettagli

RELAZIONE TECNICA_IMPIANTO GAS METANO

RELAZIONE TECNICA_IMPIANTO GAS METANO RELAZIONE TECNICA_IMPIANTO GAS METANO Il gas metano sarà addotto, per ogni piano, con tubazione come le tavole allegate mostrano esterne al fabbricato e ad esso ancorate a vista. La rete principale sarà

Dettagli

Formazione 2013. Progettare un bagno. Facoltà Architettura Firenze 23.05.2013

Formazione 2013. Progettare un bagno. Facoltà Architettura Firenze 23.05.2013 Formazione 2013 Progettare un bagno Facoltà Architettura Firenze 23.05.2013 Un Gruppo internazionale Progettare un bagno Corso Progettare un bagno Corso Geberit Marketing e Distribuzione In Italia da

Dettagli

Provincia di Torino Area Edilizia- Servizio Impianti Tecnologici e Gestione Energia. Impianti meccanici

Provincia di Torino Area Edilizia- Servizio Impianti Tecnologici e Gestione Energia. Impianti meccanici Impianti meccanici La presente relazione tecnica accompagna il progetto definitivo-esecutivo relativo ad interventi di manutenzione straordinaria e messa in sicurezza da realizzarsi presso l IIS Gobetti

Dettagli

1. RETI ANTINCENDIO AD IDRANTI... pag. 2. 1.1 Riferimenti Normativi... pag. 2. 1.2 Generalità sull Impianto... pag. 3

1. RETI ANTINCENDIO AD IDRANTI... pag. 2. 1.1 Riferimenti Normativi... pag. 2. 1.2 Generalità sull Impianto... pag. 3 INDICE 1. RETI ANTINCENDIO AD IDRANTI.................................... pag. 2 1.1 Riferimenti Normativi........................................ pag. 2 1.2 Generalità sull Impianto.......................................

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO RETE GAS

RELAZIONE DI CALCOLO RETE GAS Via della Madonna n 105, 51100 Pistoia Tel/fax 0573.977477 0573.25014 RELAZIONE DI CALCOLO RETE GAS S. Domenico ASP Via Colle dei Fabbri n 8 51017 Pescia (PT) Premessa di carattere generale La presente

Dettagli

L intervento ha come oggetto la realizzazione degli impianti sotto elencati a servizio dell edificio comunale di Azzano San Paolo.

L intervento ha come oggetto la realizzazione degli impianti sotto elencati a servizio dell edificio comunale di Azzano San Paolo. Oggetto dell intervento L intervento ha come oggetto la realizzazione degli impianti sotto elencati a servizio dell edificio comunale di Azzano San Paolo. Il palazzo Municipale sarà dotato dei seguenti

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA CASA E L'ABITARE ARCA SUD SALENTO Via Trinchese 61/D Galleria 73100 LECCE tel. 0832 446111 fax 0832 315034

AGENZIA REGIONALE PER LA CASA E L'ABITARE ARCA SUD SALENTO Via Trinchese 61/D Galleria 73100 LECCE tel. 0832 446111 fax 0832 315034 AGENZIA REGIONALE PER LA CASA E L'ABITARE ARCA SUD SALENTO Via Trinchese 61/D Galleria 73100 LECCE tel. 0832 446111 fax 0832 315034 PROGETTO ESECUTIVO PER LA MANUTENZIONE STRAORDINARIA DEI FABBRICATI SITI

Dettagli

PRESSFAR 1. DESCRIZIONE 2. CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE. Certificati N DW - 8511BS0157 DW - 8511BS0155

PRESSFAR 1. DESCRIZIONE 2. CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE. Certificati N DW - 8511BS0157 DW - 8511BS0155 ST.09.01.00 PRESSFAR Certificati N DW - 8511BS0157 DW - 8511BS0155 1. DESCRIZIONE I raccordi a pressare Pressfar per tubi multistrato sono utilizzabili per impianti di riscaldamento, raffrescamento ed

Dettagli

Regolamento per gli scarichi di acque in fognatura di tipo bianca e di acque reflue domestiche non in fognatura. Allegato 2 Norme Tecniche

Regolamento per gli scarichi di acque in fognatura di tipo bianca e di acque reflue domestiche non in fognatura. Allegato 2 Norme Tecniche Regolamento per gli scarichi di acque in fognatura di tipo bianca e di acque reflue domestiche non in fognatura Allegato 2 Norme Tecniche 1 1. Allacciamenti 3 1.1. Modalità di esecuzione 3 2. Impianti

Dettagli

Impianti Meccanici Piano di Manutenzione e Gestione

Impianti Meccanici Piano di Manutenzione e Gestione ZeroCento - Studio di Pianificazione Energetica Ing. Ing. Maria Cristina Sioli via Zezio 54 - Como via El Alamein 11/b - Como Progetto Edilizia Residenziale Pubblica da locare a Canone Sociale e Moderato

Dettagli

SOMMARIO. 42-EIDRT002 IMPIANTO IDRICO SANITARIO.doc 1/27

SOMMARIO. 42-EIDRT002 IMPIANTO IDRICO SANITARIO.doc 1/27 SOMMARIO RELAZIONE TECNICO SPECIALISTICA DIMENSIONAMENTO IMPIANTO FOGNARIO... 2 1.1. Dimensionamento dei sifoni degli apparecchi... 2 1.2. Dimensionamento della diramazione di scarico... 3 1.3. Dimensionamento

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI TECNOLOGICI

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI TECNOLOGICI Sommario 1 PREMESSE... 2 2 IMPIANTO DI RISCALDAMENTO... 2 2.1 Descrizione generale dell impianto... 2 2.2 Rete di distribuzione acqua calda... 3 2.3 Regolazione... 3 3 IMPIANTO IDRICO SANITARIO E FOGNATE...

Dettagli

IMPIANTI IDRICO-SANITARI

IMPIANTI IDRICO-SANITARI IMPIANTI IDRICO-SANITARI 1 Un impianto idrico-sanitario ha il compito di addurre e distribuire l acqua fredda e/o calda alle utenze e di allontanare la stessa una volta usata. E composto essenzialmente

Dettagli

LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SCARICO

LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SCARICO Impianto di scarico - Pressioni Impianto di scarico Per impianto di scarico si intende quell insieme di tubazioni, raccordi e apparecchiature necessarie a ricevere, convogliare e smaltire le acque usate

Dettagli

IMPIANTI IDRICI NEGLI EDIFICI

IMPIANTI IDRICI NEGLI EDIFICI IMPIANTI IDRICI NEGLI EDIFICI Dimensionamento delle reti e progettazione Acqua di consumo, reti antincendio, piscine e sistemi di irrigazione EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Indice Prefazione Installazione

Dettagli

FOGNATURA NERA SCHEMA TIPO PER ALLACCIO ALLA PUBBLICA PLANIMETRIE E SEZIONI. Futuro sostenibile. ELABORATO: File: schemi_allaccio2007.

FOGNATURA NERA SCHEMA TIPO PER ALLACCIO ALLA PUBBLICA PLANIMETRIE E SEZIONI. Futuro sostenibile. ELABORATO: File: schemi_allaccio2007. Futuro sostenibile SCHEMA TIPO PER ALLACCIO ALLA PUBBLICA FOGNATURA NERA PLANIMETRIE E SEZIONI ELABORATO: File: schemi_allaccio2007.dwg 1 24 Settembre 2014 Rev Data 301.17 E.T.R.A. S.p.A. - 36061 BASSANO

Dettagli

IMPIANTI CLIMATIZZAZIONE Azienda a Brescia PROGETTO MECCANICO RELAZIONE DI CALCOLO

IMPIANTI CLIMATIZZAZIONE Azienda a Brescia PROGETTO MECCANICO RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI CLIMATIZZAZIONE Azienda a Brescia PROGETTO MECCANICO RELAZIONE DI CALCOLO Sommario 1 Premessa... 2 2 Sistema di distribuzione condizionamento... 2 2.1 Terminali ambiente... 2 2.2 Dimensionamento

Dettagli

Multistrato per gas Il quadro normativo

Multistrato per gas Il quadro normativo Multistrato per gas Il quadro normativo DM. 37/2008 (in vigore dal 27/03/2008 ex L. 46/1990) Il DM 37/2008 si applica agli impianti posti al servizio degli edifici, indipendentemente dalla destinazione

Dettagli

Passione per servizio e comfort.

Passione per servizio e comfort. Supplemento per condotto scarico fumi per GVS C 90-1 HN 6 720 611 409-00.1O Supplemento per condotto scarico fumi per Caldaie murali a gas a condensazione Modelli e brevetti depositati Réf.: 6 720 613

Dettagli

IMPIANTI SOLARI. Manuale installazione impianti solari a Circolazione forzata

IMPIANTI SOLARI. Manuale installazione impianti solari a Circolazione forzata IMPIANTI SOLARI Manuale installazione impianti solari a Circolazione forzata 1 IMPIANTI SOLARI 1. Schema Generale combinazioni impiantistiche per Sistemi Solari Tecnosolar Pannelli Solari Energia Solare

Dettagli

PROGETTO DI IMPIANTO TERMICO. da realizzarsi in un edificio a destinazione terziario ad uso uffici, sale riunioni e sportelli bancari

PROGETTO DI IMPIANTO TERMICO. da realizzarsi in un edificio a destinazione terziario ad uso uffici, sale riunioni e sportelli bancari COMUNE CROTONE PROGETTO DI IMPIANTO TERMICO da realizzarsi in un edificio a destinazione terziario ad uso uffici, sale riunioni e sportelli bancari RELAZIONE TECNICA La presente relazione si accompagna

Dettagli

COMUNE DI CHIUSI (PROVINCIA DI SIENA)

COMUNE DI CHIUSI (PROVINCIA DI SIENA) COMUNE DI CHIUSI (PROVINCIA DI SIENA) PROGETTO ESECUTIVO Depurazione di Chiusi, Sarteano e Cetona Ampliamento impianto di depurazione e collettori fognari al servizio della località Querce al Pino DIMENSIONAMENTO

Dettagli

Relazione specialistica impianti meccanici. 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2. 2. Descrizione degli interventi... 4

Relazione specialistica impianti meccanici. 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2. 2. Descrizione degli interventi... 4 Sommario 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2 2. Descrizione degli interventi... 4 2.1 Impianto protezione idrica antincendio... 4 2.1.1 Rete idranti... 4 2.1.2 Sostituzione del gruppo di pressurizzazione

Dettagli

VIESMANN. Istruzioni di montaggio VITOCROSSAL 300. per il personale specializzato

VIESMANN. Istruzioni di montaggio VITOCROSSAL 300. per il personale specializzato Istruzioni di montaggio per il personale specializzato VIESMANN Vitocrossal 300 Tipo CM3 Caldaia a gas a condensazione con bruciatore ad irraggiamento MatriX VITOCROSSAL 300 11/2014 Conservare dopo il

Dettagli

Scarichi per vasche da bagno e piatti doccia

Scarichi per vasche da bagno e piatti doccia Scarichi per vasche da bagno e piatti doccia Oltre alla versione tradizionale della vasca da bagno con troppopieno, piletta di scarico e gruppo miscelatore, è possibile utilizzare la soluzione della colonna

Dettagli

1. SOMMARIO...1. 2. PARTE GENERALE...2 2.1 Oggetto...2 2.2 Caratteristiche generali...2

1. SOMMARIO...1. 2. PARTE GENERALE...2 2.1 Oggetto...2 2.2 Caratteristiche generali...2 1. SOMMARIO 1. SOMMARIO...1 2. PARTE GENERALE...2 2.1 Oggetto...2 2.2 Caratteristiche generali...2 3. INTERVENTO...2 3.1 Tipologia impianti di riscaldamento, idrico-sanitario, di scarico e antincendio...2

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE

OPERE DI URBANIZZAZIONE OPERE DI URBANIZZAZIONE REALIZZAZIONE DELLE RETI E/O IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE IDRICA E FOGNARIA 8 Piano stradale 7 3 4 2 6 5 4 3 2 SERVIZIO TECNICO Ing. Giovanni Sala DIRETTORE TECNICO Ing. Luca Comitti

Dettagli

Installazione dei contatori a membrana per reti gas metano

Installazione dei contatori a membrana per reti gas metano Installazione dei contatori a membrana per reti gas metano Tutti i contatori per gas combustibile sono strumenti di misura di precisionee pertanto vanno movimentati con le dovute cautele, sia durante le

Dettagli

12 PROGETTAZIONE. internet: www.isoplus.it

12 PROGETTAZIONE. internet: www.isoplus.it 12.1 Sistemi Bonded Tubo doppio 12.1.1 Generalità / Sistemi Bonded / Metodi di posa... 12 / 1-2 12.1.2 Prospetto dei vantaggi e degli svantaggi... 12 / 3 12.1.3 Lunghezze di installazione L max Tubo singolo...

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DELL IMPIANTO TERMICO

RELAZIONE TECNICA DELL IMPIANTO TERMICO RELAZIONE TECNICA DELL IMPIANTO TERMICO (Allegato alla dichiarazione di conformità o all attestazione di corretta esecuzione dell impianto a gas di cui al modello I allegato alla Delibera AEEG n 40/04)

Dettagli

IMPIANTI MECCANICI RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA

IMPIANTI MECCANICI RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA COMUNE DI SESTRI LEVANTE PROGETTO DEFINITIVO DI RISTRUTTURAZIONE DEL PALAZZO FASCIE ROSSI POLO CULTURALE E MUSEALE PER LA CITTA E PER IL TIGULLIO ORIENTALE IMPIANTI MECCANICI RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA

Dettagli

COMUNE DI LIZZANO PROVINCIA DI TARANTO

COMUNE DI LIZZANO PROVINCIA DI TARANTO COMUNE DI LIZZANO PROVINCIA DI TARANTO PROGETTO ESECUTIVO ADEGUAMENTO DELLA CENTRALE TERMICA E DELL'IMPIANTO DI RISCALDAMENTO DELL'ISTITUTO COMPRENSIVO "ALESSANDRO MANZONI" - PLESSO A. MANZONI ANALISI

Dettagli

Fenini Srl Via Vico Veneto, 10-20090 Pieve Emanuele (MI) Italia Tel +39 02.90784883, fax +39 02.9074904 http://www.fenini.it

Fenini Srl Via Vico Veneto, 10-20090 Pieve Emanuele (MI) Italia Tel +39 02.90784883, fax +39 02.9074904 http://www.fenini.it à à è à à à èìà à è à à è à è à àà à à à à à é à à à àà àà à àè à ù è è è à è à è à à à à è è è à à à à à à è è à à ù è à é è è è à à è à ù à à à à è à à è 1.11 IMPIANTO IDRICO-SANITARIO Apparecchiature

Dettagli

Impianti di riscaldamento

Impianti di riscaldamento Dati tecnici del sistema Raxofix, vedi capitolo "Descrizione del sistema" all'inizio del manuale Impianti di riscaldamento Utilizzo corretto Il sistema Raxofix di tubazioni in plastica esclusivamente in

Dettagli

INTERVENTO 1 STRALCIO: URBANIZZAZIONI PROGETTO ESECUTIVO 14) IMPIANTO FOGNATURA NERA E PLUVIALE RELAZIONE TECNICA

INTERVENTO 1 STRALCIO: URBANIZZAZIONI PROGETTO ESECUTIVO 14) IMPIANTO FOGNATURA NERA E PLUVIALE RELAZIONE TECNICA REGIONE PUGLIA INTERVENTO COFINANZIATO DAL PO FESR 2007-2013 ASSE VII LINEA DI INTERVENTO 7.1 AZIONE 7.1.2 CODICE OPERAZIONE FE7.100117 PROGRAMMA INTEGRATO DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE PIRP SAN

Dettagli

VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità

VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità 1 VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità Ing. Luca Barbieri Product manager Hoval 2 Definizione ventilazione meccanica controllata «I sistemi di ventilazione meccanica controllata (VMC) sono

Dettagli