Esperienze di start-up di impianti MBR

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Esperienze di start-up di impianti MBR"

Transcript

1

2 Esperienze di start-up di impianti MBR Michele Torregrossa Università di Palermo

3 Esperienze di start-up di impianti MBR Obiettivo Studio delle condizioni di avviamento più adeguate per il raggiungimento delle perfomance ottimali della membrana e per ridurre al minimo gli effetti del fouling. avviamento senza inoculo di di fango avviamento con inoculo di di fango

4 Esperienze di start-up di impianti MBR Aspetti analizzati Studio delle crescita netta di biomassa nelle due condizioni di avviamento. Studio della rimozione del substrato e delle sostanze disciolte in condizioni di normale esercizio e durante prove di filtrazione di refluo grezzo. Stima della variazione delle dimensioni dei fiocchi durante il periodo di avviamento. Valutazione del fouling a cui viene assoggettata la membrana con le relative influenze sulla pressione transmembrana.

5 Esperienze di start-up di impianti MBR ESPERIENZE condotte dal Dipartimento di Ingegneria Idraulica ed Applicazioni Ambientali dell Università di Palermo IMPIANTO PILOTA PER LA RIMOZIONE DEL CARBONIO E PER LA NITRIFICAZIONE ATTIVATO E MANTENUTO PER DUE PERIODI DI 70 GIORNI La prima fase (70 giorni), conclusa a novembre 2005, è stata dedicata allo studio dell avviamento dell impianto, che è stato effettuato senza inoculo di fango attivo ed in condizioni di carico volumetrico costante. La seconda fase, tutt ora in corso, che ha già superato i 70 giorni dall avviamento, è dedicata allo studio del comportamento del reattore MBR nel caso in cui l avviamento sia effettuato con inoculo di fango attivo.

6 Esperienze di start-up di impianti MBR L impianto pilota MBR Membrane a fibre cave Condizioni sperimentali Modulo Zenon ZW 10 Portata in ingresso: 15 l/h Portata di permeato estratta: 19 l/h Portata di controlavaggio: 4 l/h COD in : 500 mg/l C v : 1 kgcod/m 3 d Volume reattore: 190 l porosità: 0,04 mm superficie nominale: 0,93 m 2. Durata dell aspirazione: 9 min Durata del controlavaggio: 1 min

7 Schema dell impianto pilota Esperienze di start-up di impianti MBR

8 Panoramica dell impianto Esperienze di start-up di impianti MBR

9 Analisi del funzionamento dell impianto pilota

10 Esperienze di start-up di impianti MBR Punti di prelievo per il controllo del processo Sezioni di misura A B C

11 Analisi del funzionamento dell impianto pilota Parametri chimico-fisici COD, COD sol, BOD 5, N-NH 4, N-NO 2, N-NO 3, P-P tot, P-PO 4, temperatura, ossigeno disciolto, ph, solidi sospesi totali (SST) e volatili (SSV), DSVI Analisi batteriologiche Analisi e controlli eseguiti Escherichia Coli Analisi microscopiche morfologiche

12 Analisi del funzionamento dell impianto pilota mg/l mg/l Andamento del COD in Ingresso e nel permeato Andamento del COD in Ingresso e nel permeato COD A COD A COD C COD C Analisi dei risultati I periodo Andamento COD e COD sol giorni giorni mg/l mg/l Andamento del COD sol in Ingresso e nel permeato Andamento del COD sol in Ingresso e nel permeato CODsol A CODsol A 300 CODsol C 300 CODsol C giorni giorni

13 Analisi del funzionamento dell impianto pilota Analisi dei risultati I periodo Rendimenti di rimozione COD e COD sol Rendimenti Rendimenti di di rimozione rimozione del del COD COD e e COD COD sol sol 100,0 100,0 90,0 90,0 80,0 80,0 70,0 70,0 60,0 60,0 50,0 50,0 40,0 40,0 30,0 30,0 20,0 20,0 10,0 10,0 0,0 0,0 % % COD COD COD sol COD sol giorni giorni 56 56

14 Analisi del funzionamento dell impianto pilota Analisi dei risultati I periodo Rendimenti di rimozione BOD 5 Rendimento BOD BOD 100,00 100,00 90,00 90,00 80,00 80,00 70,00 70,00 60,00 60,00 50,00 50,00 40,00 40,00 30,00 30,00 20,00 20,00 10,00 10,00 0,00 0, giorni giorni

15 Analisi del funzionamento dell impianto pilota Analisi dei risultati I periodo Andamento SST e SSV in ingresso e nel permeato mg/l mg/l Andamento Andamento dei dei SST SST in in ingresso ingresso e e nel nel permeato permeato SST A 700 SST A SST C SST C giorni giorni

16 Analisi del funzionamento dell impianto pilota Analisi dei risultati Andamento SST nel bioreattore SST SST (mg/l) (mg/l) Periodo - senza inoculo Periodo - senza inoculo periodo - inoculo periodo - inoculo Tempo Tempo (giorni) (giorni)

17 Analisi del funzionamento dell impianto pilota Analisi dei risultati Crescita netta di SST mg/l/ crescita netta crescita globale accumulo di SST-IN Poli. (crescita netta) Gli SST a confronto tempo (giorni) 1 Periodo 1 Periodo

18 Analisi del funzionamento dell impianto pilota Analisi dei risultati Crescita netta: NULLA Andamento dei SST depurati dal contributo esterno mg/l andamento netto senza accumulo SST misurati 2 Periodo 2 Periodo giorni

19 Analisi del funzionamento dell impianto pilota Analisi dei risultati 1 periodo COD ηmedio = 90 % COD SOL ηmedio = 77 % BOD 5 ηmedio = 94 % SST ηmedio = 99,9 % E. Coli ηmedio = 6 LOG Influenza primi giorni 2 periodo COD ηmedio = 92 % COD SOL ηmedio = 80 % BOD 5 ηmedio = 94 % SST ηmedio = 99,9 % E. Coli ηmedio = 6 LOG SST nel reattore = 0-21 g/l SST nel reattore = g/l Nitrificazione

20 Analisi del funzionamento dell impianto pilota Analisi dei risultati Nitrificazione Andamento delle forme di azoto nella sezione A Andamento delle forme di azoto nella sezione A Alimentazione 80,0 80,0 70,0 70,0 60,0 60,0 50,0 50,0 mg/l mg/l 40,0 40,0 30,0 30,0 20,0 20,0 10,0 10,0 0,0 0, N-NH4 N-NH4 N-NO3 N-NO3 N-NO2 N-NO2 70,00 70,00 Andamento delle forme di azoto nella sezione C Andamento delle forme di azoto nella sezione C Permeato giorni giorni 60,00 60,00 50,00 50,00 mg/l mg/l 40,00 40,00 30,00 30,00 N-NH4 N-NH4 N-NO3 N-NO3 N-NO2 N-NO2 20,00 20,00 10,00 10,00 0,00 0, giorni giorni

21 Analisi del funzionamento dell impianto pilota L influenza della membrana sull efficienza dell impianto Rendimenti di filtarzione durante le prove di filtrazione rendimenti (%) 100,00 90,00 80,00 70,00 60,00 50,00 40,00 30,00 Solo filtrazione di refluo Filtrazione e rimozione biologica 20,00 10,00 0,00 COD CODsol BOD5 NTOT N-NH4 N-NO3

22 Analisi della morfologia dei fiocchi

23 Analisi della morfologia dei fiocchi Modifiche della morfologia dei fiocchi Acquisizione delle immagini Campione di MLSS Diluizione a 3g/l Analisi granulometria con software (GRANIX TM ) Ingrandimento 100x Superficie investigata = 0.4 cm 2

24 Analisi della morfologia dei fiocchi Modifiche della morfologia dei fiocchi Analisi dei risultati: modifiche della morfologia della biomassa rappresentazione grafica della distribuzione delle dimensioni delle particelle tramite istogramma diametro medio, moda, diametro massimo e diametri caratteristici D 10, D 25, D 50, D 75 e D 90

25 Analisi della morfologia dei fiocchi Modifiche della morfologia dei fiocchi 1 Periodo 1 Periodo (µm) (µm) tempo tempo (gg) (gg) D50 D50 [µm] [µm] D90 D90 [µm] [µm]

26 Analisi della morfologia dei fiocchi Modifiche della morfologia dei fiocchi 1 Periodo 1 Periodo All interno del bioreattore si è verificato un fenomeno di deflocculazione della biomassa (eccetto l incremento occasionale del 24 giorno), con destrutturazione dei fiocchi e presenza elevata di microfiocchi, causato: dai lunghi tempi di residenza cellulare dei fanghi nel sistema e dal rapido raggiungimento delle condizioni endogene dalla turbolenza all interno del bioreattore causata dai meccanismi di aerazione. Tali modifiche delle morfologia della biomassa hanno influenzato il fouling della membrana

27 Analisi della morfologia dei fiocchi Modifiche della morfologia dei fiocchi 2 Periodo 2 Periodo Effetto del secondo inoculo Effetto del secondo inoculo parziale fatto il terzo giorno per parziale fatto il terzo giorno per portare SST da 7 a 15 g/l portare SST da 7 a 15 g/l D90 D90 D50 D50 D50, D90 [Ξm] D50, D90 [Ξm] µ riduzione turbolenza riduzione turbolenza nella vasca di ossidazione nella vasca di ossidazione Tempo [giorni] Tempo [giorni]

28 Analisi della morfologia dei fiocchi Modifiche della morfologia dei fiocchi 2 Periodo 2 Periodo All interno del bioreattore si è verificato un costante fenomeno di deflocculazione con destrutturazione dei fiocchi, fortemente influenzato dalla elevata turbolenza dovuta ai sistemi di aerazione. In occasione di occasionali riduzione della portata di aria, sistematicamente, si osservato, dopo breve tempo, un tendenza alla riflocculazione. Globalmente, come nel 1 periodo, i fiocchi raggiungono, a regime, dimensioni inferiori a µm.

29 Analisi del fouling

30 Analisi del fouling Il fouling È il deposito di sostanze sospese o disciolte sulla superficie esterna della membrana, sui dei pori o all interno. Le cause: fenomeni chimico fisici nel reattore biologico caratteristiche delle membrane tipo di influente da trattare composizione del fango Fouling Aumento della resistenza alla permeazione

31 Analisi del fouling Modello delle resistenze in serie È basato sul concetto che la diminuzione del flusso o l aumento della TMP sono dovuti ad una serie di resistenze che si aggiungono alla resistenza della membrana durante il periodo di filtrazione La resistenza dovuta allo sporcamento irreversibile (R irr ) è causata quasi totalmente dal fenomeno del pore blocking. La resistenza reversibile è quasi completamente provocata da cake deposition. Entrambe possono essere quantificate studiando l evoluzione temporale della TMP, mantenendo costante il flusso del permeato. TMP pore blocking cake 1 cake 2 1 fase 2 fase 3 fase Tempo (s)

32 Analisi del fouling Modello delle resistenze in serie Resistenze studiate: Resistenza dovuta al pore blocking Resistenza del cake Calcolo delle resistenze Le resistenze sono calcolate secondo l equazione seguente: R T TMP µ J dove: J : flusso di permeato (dalla portata di estrazione) [m 3 /m 2 s] TMP : pressione di transmembrana [Pa]; µ : viscosità del permeato [Pa s]; R T : resistenza totale [m -1 ]. =

33 Sistema di acquisizione Analisi del fouling

34 Analisi del fouling Sistema di acquisizione tempo (sec) R T = TMP µ J

35 Analisi del fouling Studio delle resistenze Zona in cui agisce solo il cake Zona di transizione (agisce il cake, il pore blocking è trascurabile) Resistenza irreversibile Resistenza del pore blocking

36 Analisi del fouling La resistenza idraulica a membrana pulita Nel periodo antecedente all inizio della sperimentazione con il refluo, si è studiata Confronto tra i dati DI RESISTENZA A MEMBRANA PULITA l evoluzione della resistenza della membrana in acqua pulita, al fine di determinare la resistenza caratteristica della membrana, R m. 6,00 Studio delle resistenze 5,00 4,00 R (m -1 ) 3,00 2,00 1,00 0,00 9,0 10,0 11,0 12,0 13,0 14,0 15,0 16,0 17,0 18,0 19,0 20,0 21,0 22,0 23,0 24,0 25,0 PORTATE (lh -1 m -2 )

37 Analisi del fouling Calcolo delle resistenze Le resistenze sono definite dalle seguenti espressioni: R m = TMP H 2 µ J O R Irr = TMP µ J * R m R Re v = R T R Irr R m TMP H2O = pressione transmembrana misurata in acqua pulita TMP* = il primo valore utile di TMP misurata dopo il controlavaggio

38 Analisi del fouling Andamento della Resistenze durante i vari cicli studiati Andamento Andamento delle delle resistenze resistenze totale totale nel nel ciclo ciclo di di studio studio giornaliero giornaliero 3,4E+12 3,4E+12 3,15E+12 3,15E+12 2,9E+12 2,9E+12 2,65E+12 2,65E+12 2,4E+12 2,4E+12 2,15E+12 2,15E+12 1,9E+12 1,9E+12 1,65E+12 1,65E+12 1,4E+12 1,4E+12 1,15E+12 1,15E+12 9E+11 9E+11 6,5E+11 6,5E+11 4E+11 4E RT(m RT(m -1-1 ) ) giorno1 giorno1 giorno 5 giorno 5 giorno 10 giorno 10 giorno 15 giorno 15 giorno 20 giorno 20 giorno 25 giorno 25 giorno 30 giorno 30 giorno 34 giorno 34 giorno 40 giorno 40 giorno 46 giorno 46 giorno 50 giorno 50 tempo tempo (sec) (sec)

39 Analisi del fouling Andamento della Resistenza totale RT (10 RT ( m -1-1 ) ) 45,00 45,00 40,00 40,00 35,00 35,00 30,00 30,00 25,00 25,00 20,00 20,00 15,00 15,00 10,00 10,00 5,00 5,00 0,00 0,00 1 Periodo: senza inoculo 1 Periodo: senza inoculo lavaggio lavaggio 2 Periodo: con inoculo 2 Periodo: con inoculo spurgo spurgo Tempo Tempo (giorni) (giorni)

40 Analisi del fouling Andamento della Resistenza dovuta al fouling irreversibile Rirr Rirr (10 ( m -1-1 ) ) 30,00 30,00 25,00 25,00 20,00 20,00 15,00 15,00 10,00 10,00 1 Periodo: senza inoculo 1 Periodo: senza inoculo lavaggio lavaggio spurgo spurgo 5,00 5,00 2 Periodo: con inoculo 2 Periodo: con inoculo 0,00 0, Tempo Tempo (giorni) (giorni)

41 Analisi del fouling La resistenza del cake irreversibile Durante il periodo di funzionamento, si accumula tra le fibre uno stato di cake che possiamo definire Cake irreversibile. Questo accumulo può essere rimosso con una semplice pulizia esterna (non chimica) della membrana, ma non con il solo controlavaggio di processo.

42 Analisi del fouling Andamento della Resistenza dovuta al fouling reversibile 12,00 12,00 lavaggio lavaggio 10,00 10,00 Rrev Rrev (10 ( m- m- 1 ) 1 ) 8,00 8,00 6,00 6,00 4,00 4,00 2,00 2,00 1 Periodo: senza inoculo 1 Periodo: senza inoculo spurgo spurgo 2 Periodo: con inoculo 2 Periodo: con inoculo 0,00 0, Tempo Tempo (giorni) (giorni)

43 Analisi del fouling Andamento della Resistenze durante la sperimentazione Si può evidenziare: il pore blocking è la frazione che più influisce sulla resistenza totale; la crescita del pore blocking è correlabile anche con l evoluzione della morfologia della biomassa all interno del reattore biologico; il ruolo del cake irreversibile comincia ad influire sulla resistenza totale solo per valori della concentrazione di SST > 8 g/l, comunque dopo il giorno (1 periodo sperimentale); La resistenza del cake cresce, ad esclusione della prima settimana, con velocità maggiore rispetto alla resistenza dovuta al pore blocking (predomina sempre il pore blocking 1 periodo sperimentale)

44 Conclusioni

45 Conclusioni Le due condizioni di avviamento esaminate hanno comportato differenti sviluppi di biomassa nel sistema: Nel caso senza inoculo, a fronte di una notevole crescita di solidi ritenuti nel reattore, si è manifestata un incremento di biomassa (crescita netta) che però, tende a rallentare fortemente dopo i primi 50 giorni di funzionamento. Nel caso con inoculo, invece, la crescita netta è praticamente nulla. Nei due casi, a meno di levi differenze di rendimento osservate nei primi giorni durante il 1 periodo sperimentale, l efficienza depurativa del sistema è risultata praticamente analoga. La capacità di nitrificazione nel sistema avviato con inoculo si è, ovviamente, manifestata in anticipo.

46 Conclusioni Il fenomeno della deflocculazione si è manifestato con progressione costante fino al raggiungimento delle condizioni di regime. Durante il primo periodo, dopo una prima fase di effettiva flocculazione, al raggiungimento di concentrazioni elevate di biomassa, si è innescato il fenomeno della deflocculazione. Solo occasionali riduzioni della portata di aria, e quindi di turbolenza, modificano l andamento del fenomeno (aumento delle dimensioni caratteristiche dei fiocchi). L analisi delle resistenze ha evidenziato come nel 2 periodo, la presenza di fiocchi di fango ben formati, all atto dell attivazione, ha comportato un sostanziale beneficio in termini di contenimento del fouling. Ciò può consentire una maggiore durata della vita utile della membrana o, in ogni caso, una riduzione dei consumi per controlavaggi e lavaggi chimici.

47 Grazie per l attenzione

Impianto di trattamento acque reflue Sistema MBR Reattore a fanghi attivi con sistema di BIOREATTORE A MEMBRANA

Impianto di trattamento acque reflue Sistema MBR Reattore a fanghi attivi con sistema di BIOREATTORE A MEMBRANA Impianto di trattamento acque reflue Sistema MBR Reattore a fanghi attivi con sistema di BIOREATTORE A MEMBRANA L'impianto descritto è composto da un reattore biologico a fanghi attivi accoppiato con sistema

Dettagli

Misurazioni e strumentazione negli impianti MBR. (Phone: +49(0)611-962-5870, Fax: +49(0) 611-962-9294, E-mail: info@microdyn-nadir.

Misurazioni e strumentazione negli impianti MBR. (Phone: +49(0)611-962-5870, Fax: +49(0) 611-962-9294, E-mail: info@microdyn-nadir. Misurazioni e strumentazione negli impianti MBR M. Milovi 1, C. Thiemig 1, W. Ruppricht 1, I.G. Zerbinati 1 1 MICRODYN-NADIR GmbH, Rheingaustraße 190-196, D-65203 Wiesbaden, Germany (Phone: +49(0)611-962-5870,

Dettagli

Università degli studi Federico II di Napoli

Università degli studi Federico II di Napoli Università degli studi Federico II di Napoli Scuola Politecnica e delle Scienze di Base Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale Corso di Laurea in INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO

Dettagli

Risultati della convenzione di ricerca tra. sul tema

Risultati della convenzione di ricerca tra. sul tema Università degli Studi di Firenze Consorzio Cuoiodepur S.p.A Risultati della convenzione di ricerca tra Università di Firenze - Dipartimento di Ingegneria Civile e Cuoiodepur S.p.A sul tema Indagini sperimentali

Dettagli

PROCESSI DI SEDIMENTAZIONE NELLE ACQUE DI PIOGGIA: PRIME INDAGINI SPERIMENTALI

PROCESSI DI SEDIMENTAZIONE NELLE ACQUE DI PIOGGIA: PRIME INDAGINI SPERIMENTALI PROCESSI DI SEDIMENTAZIONE NELLE ACQUE DI PIOGGIA: PRIME INDAGINI SPERIMENTALI Patrizia Piro, Marco Carbone, Giovanni Tomei Dipartimento di Difesa del Suolo V. Marone Università degli Sudi della Calabria

Dettagli

PROGRAMMA DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE NELLA REGIONE FINALIZZATO ALLA VERIFICA DELLA LORO FUNZIONALITA. ANNO 2002

PROGRAMMA DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE NELLA REGIONE FINALIZZATO ALLA VERIFICA DELLA LORO FUNZIONALITA. ANNO 2002 PROGRAMMA DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE NELLA REGIONE FINALIZZATO ALLA VERIFICA DELLA LORO FUNZIONALITA. ANNO 2002 IMPIANTO MASSA MARTANA COMUNE E LOCALITA MASSA MARTANA CAPOLUOGO (SARRIOLI)

Dettagli

INDICE DELLE TABELLE E DELLE FIGURE

INDICE DELLE TABELLE E DELLE FIGURE SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. DATI A BASE PROGETTO... 2 3. CALCOLO DELLE FORNITURE D ARIA AL PROCESSO BIOLOGICO... 3 3.1. Metodologie per il calcolo dei sistemi di fornitura dell aria... 3 3.1.1. Metodologia

Dettagli

Dipartimento di Ingegneria Idraulica ed Applicazioni Ambientali Università di Palermo

Dipartimento di Ingegneria Idraulica ed Applicazioni Ambientali Università di Palermo Idraulica ed Università di Palermo Sistemi localizzati di riuso delle acque reflue e meteoriche in ambiente urbano G. Freni,, G. Mannina,, M. Torregrossa,, G. Viviani Sommario Introduzione alle problematiche

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IDRAULICA, GEOTECNICA ED AMBIENTALE CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO TESI DI LAUREA

Dettagli

Upgrading di Depuratori Acque a Fanghi Attivi Denitro-Nitro tipo MBBR/IFAS

Upgrading di Depuratori Acque a Fanghi Attivi Denitro-Nitro tipo MBBR/IFAS Upgrading di Depuratori Acque a Fanghi Attivi Denitro-Nitro tipo MBBR/IFAS (Integrated Fixed-Film Activated Sludge) MODELLO DI DIMENSIONAMENTO/VERIFICA DI PROCESSO Ing.G.Mappa Tecnologia MBBR (Moving Bed

Dettagli

I sistemi MBR nel contesto dell evoluzione tecnologica e normativa per il rispetto dei limiti allo scarico e il riuso delle acque reflue

I sistemi MBR nel contesto dell evoluzione tecnologica e normativa per il rispetto dei limiti allo scarico e il riuso delle acque reflue Università degli Studi di Napoli Federico II Università degli Studi di Palermo Università degli Studi di Salerno Corso di Aggiornamento Bioreattori a Membrane (MBR) per la depurazione delle Acque I sistemi

Dettagli

Processi a membrana: tecnologie innovative nel trattamento e riciclo delle acque reflue

Processi a membrana: tecnologie innovative nel trattamento e riciclo delle acque reflue Processi a membrana: tecnologie innovative nel trattamento e riciclo delle acque reflue GUSTAVO CAPANNELLI Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale Università degli Studi di Genova Utilizzo di acque

Dettagli

Studio di fattibilità sul trattamento delle deiezioni animali in impianti di trattamento delle acque reflue dismessi

Studio di fattibilità sul trattamento delle deiezioni animali in impianti di trattamento delle acque reflue dismessi Studio di fattibilità sul trattamento delle deiezioni animali in impianti di trattamento delle acque reflue dismessi Attività finanziata dalla Regione Veneto nell ambito del progetto Riducareflui Riassunto

Dettagli

CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE

CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE ESERCITAZIONI CALCOLO DELLA LINEA DI TRATTAMENTO DEI LIQUAMI DI UN IMPIANTO BIOLOGICO A FANGHI ATTIVI AL SERVIZIO DI UNA CITTA DI 200.000 ABITANTI Si chiede di

Dettagli

Gianni Andreottola, Paola Foladori, Giuliano Ziglio Dal monitoraggio convenzionale alla verifica avanzata del processo a fanghi attivi

Gianni Andreottola, Paola Foladori, Giuliano Ziglio Dal monitoraggio convenzionale alla verifica avanzata del processo a fanghi attivi Quaderni del Dipartimento SAN 4 Gianni Andreottola, Paola Foladori, Giuliano Ziglio Dal monitoraggio convenzionale alla verifica avanzata del processo a fanghi attivi Università degli Studi di Trento Dipartimento

Dettagli

UTILIZZO DI TRATTAMENTI COMBINATI MEMBRANE/UV PER LA RIMOZIONE DI BATTERI E VIRUS IN EFFLUENTI DEPURATI SPERIMENTAZIONE CON IMPIANTO PILOTA

UTILIZZO DI TRATTAMENTI COMBINATI MEMBRANE/UV PER LA RIMOZIONE DI BATTERI E VIRUS IN EFFLUENTI DEPURATI SPERIMENTAZIONE CON IMPIANTO PILOTA Riuso e Risparmio delle Acque Reflue Meteoriche 13 dicembre 7 Genova, Magazzini del Cotone UTILIZZO DI TRATTAMENTI COMBINATI MEMBRANE/ PER LA RIMOZIONE DI BATTERI E VIRUS IN EFFLUENTI DEPURATI SPERIMENTAZIONE

Dettagli

Trattamento ACQUE. SISTEMI di FILTRAZIONE. Rimozione polverino di zolfo

Trattamento ACQUE. SISTEMI di FILTRAZIONE. Rimozione polverino di zolfo Trattamento ACQUE SISTEMI di FILTRAZIONE Rimozione polverino di zolfo Case History Industria chimica di produzione dell acido solforico Il problema da risolvere Lo stream idrico sul quale intervenire,

Dettagli

Giornate zootecniche di Fossano APS. 5 Aprile 2008. Azoto e dieta

Giornate zootecniche di Fossano APS. 5 Aprile 2008. Azoto e dieta Giornate zootecniche di Fossano APS 5 Aprile 2008 Tecnologie disponibili per il trattamento e la gestione degli effluenti zootecnici Claudio Fabbri Centro Ricerche Produzioni Animali Reggio Emilia, www.crpa.it

Dettagli

esperienze in Sicilia

esperienze in Sicilia Programma di Cooperazione Transfrontaliera INTERREG IIIA Italia-Malta Gestione sostenibile delle risorse idriche in ambienti insulari aridi e semiaridi e uso delle acque reflue urbane depurate I trattamenti

Dettagli

TM.E. SpA TERMOMECCANICA ECOLOGIA. Riutilizzo di acque reflue per scopi industriali. Impianto ARETUSA - ROSIGNANO

TM.E. SpA TERMOMECCANICA ECOLOGIA. Riutilizzo di acque reflue per scopi industriali. Impianto ARETUSA - ROSIGNANO TM.E. SpA TERMOMECCANICA ECOLOGIA Riutilizzo di acque reflue per scopi industriali Impianto ARETUSA - ROSIGNANO SITUAZIONE IDRICA DEI COMUNI DI ROSIGNANO E CECINA Negli ultimi anni il fabbisogno di acqua

Dettagli

PULIZIA IN-SITU PULIZIA DIFFUSORI MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA ESTRAZIONE PERMEATO PER ASPIRAZIONE ESTRAZIONE PERMEATO PER GRAVITÀ

PULIZIA IN-SITU PULIZIA DIFFUSORI MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA ESTRAZIONE PERMEATO PER ASPIRAZIONE ESTRAZIONE PERMEATO PER GRAVITÀ MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA Il modulo a membrana piana Kubota utilizza la tecnologia di microfiltrazione detta cross flow. Insufflando aria sul fondo del modulo, si crea un flusso ascensionale

Dettagli

Modellazione di processo di un depuratore a fanghi attivi e sviluppo di strategie di controllo tramite Business Process

Modellazione di processo di un depuratore a fanghi attivi e sviluppo di strategie di controllo tramite Business Process Modellazione di processo di un depuratore a fanghi attivi e sviluppo di strategie di controllo tramite Business Process Relatore Roberto Ricci ENEA - Bologna Gruppo di ricerca Roberto Ricci Luca Luccarini

Dettagli

C.A.D.F. S.p.A. Servizio Idrico Integrato: Acquedotto Depurazione Fognatura

C.A.D.F. S.p.A. Servizio Idrico Integrato: Acquedotto Depurazione Fognatura C.A.D.F. S.p.A. C.A.D.F. S.p.A., società a capitale pubblico gestisce il Servizio Idrico Integrato: Acquedotto Depurazione Fognatura Codigoro Via Alfieri.3 Tel: 0533725111 Fax: 0533713617 Internet: www.cadf.it

Dettagli

L AERAZIONE IN SITU PER IL RISANAMENTO DELLE VECCHIE DISCARICHE DI RIFIUTI SOLIDI URBANI

L AERAZIONE IN SITU PER IL RISANAMENTO DELLE VECCHIE DISCARICHE DI RIFIUTI SOLIDI URBANI L AERAZIONE IN SITU PER IL RISANAMENTO DELLE VECCHIE DISCARICHE DI RIFIUTI SOLIDI URBANI Raffaello Cossu,, Roberto Raga 1 Andrea Dal Maso, Moreno Zanella 2 1 Dipartimento IMAGE Università di Padova 2 Spinoff

Dettagli

DEPURAZIONE BIOLOGICA AVANZATA Teoria e pratica dei processi. Cap. I INTRODUZIONE ALLA TEORIA DELLA DEPURAZIONE BIOLOGICA AVANZATA

DEPURAZIONE BIOLOGICA AVANZATA Teoria e pratica dei processi. Cap. I INTRODUZIONE ALLA TEORIA DELLA DEPURAZIONE BIOLOGICA AVANZATA DEPURAZIONE BIOLOGICA AVANZATA Teoria e pratica dei processi Cap. I INTRODUZIONE ALLA TEORIA DELLA DEPURAZIONE BIOLOGICA AVANZATA 11 12 DEPURAZIONE BIOLOGICA AVANZATA Teoria e pratica dei processi Premesse

Dettagli

L esperienza di Milano Nosedo e il riuso irriguo delle acque depurate

L esperienza di Milano Nosedo e il riuso irriguo delle acque depurate L esperienza di Milano Nosedo e il riuso irriguo delle acque depurate Francesca Pizza Processi e Controlli analitici Vettabbia S.c.a r.l. f.pizza@vettabbia.it Workshop «L acido peracetico nella disinfezione

Dettagli

Ing. Alice Balducci PHYSIS srl

Ing. Alice Balducci PHYSIS srl Workshop INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA DEPURAZIONE DELLE ACQUE: BEST PRACTICES EUROPEE Festival dell Acqua, L Aquila 10 Ottobre 2013 Ing. Riccardo Gori Università di Firenze Ing. Alice Balducci PHYSIS

Dettagli

UPGRADING E GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO - ESPERIENZE NAZIONALI A CONFRONTO -

UPGRADING E GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO - ESPERIENZE NAZIONALI A CONFRONTO - Workshop UPGRADING E GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO - ESPERIENZE NAZIONALI A CONFRONTO - 16 EDIZIONE - Roma, 29-30 novembre 2012 IL PROCESSO DEMON PER IL PRETRATTAMENTO DEI

Dettagli

Applicazione dei sistemi MBR al trattamento di reflui industriali

Applicazione dei sistemi MBR al trattamento di reflui industriali Università degli Studi di Napoli Federico II Università degli Studi di Palermo Università degli Studi di Salerno Corso di Aggiornamento Bioreattori a Membrane (MBR) per la depurazione delle Acque Applicazione

Dettagli

FOGNATURA IDEALE. Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99. Impianto di depurazione. Fognatura separata. Acque nere.

FOGNATURA IDEALE. Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99. Impianto di depurazione. Fognatura separata. Acque nere. FOGNATURA IDEALE Acque nere Fognatura separata Impianto di depurazione Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99 Recapito cque bianche Eventuale trattamento In definitiva: FOGNATURA UNITARIA Acque

Dettagli

Sistemi compatti di flottazione. La soluzione affidabile e di facile gestione per il trattamento chimico-fisico delle acque reflue

Sistemi compatti di flottazione. La soluzione affidabile e di facile gestione per il trattamento chimico-fisico delle acque reflue Sistemi compatti di flottazione La soluzione affidabile e di facile gestione per il trattamento chimico-fisico delle acque reflue L IDEA L ideazione e la realizzazione di questa macchina nasce da un pool

Dettagli

Cecilia Caretti WORKSHOP: BEST PRACTICE PER LA GESTIONE DELLE RISORSE IDRICHE E LA TUTELA DELL AMBIENTE MARINO: IL CONTRIBUTO DEI PROGETTI LIFE

Cecilia Caretti WORKSHOP: BEST PRACTICE PER LA GESTIONE DELLE RISORSE IDRICHE E LA TUTELA DELL AMBIENTE MARINO: IL CONTRIBUTO DEI PROGETTI LIFE WORKSHOP: BEST PRACTICE PER LA GESTIONE DELLE RISORSE IDRICHE E LA TUTELA DELL AMBIENTE MARINO: IL CONTRIBUTO DEI PROGETTI LIFE 20 OTTOBRE 2015 PADIGLIONE EXPO VENEZIA, SALA CONFERENZE VIA GALILEO FERRARIS,

Dettagli

5.3 FOGLI DI CALCOLO PER IL DIMENSIONAMENTO DELLA SEZIONE BIOLOGICA

5.3 FOGLI DI CALCOLO PER IL DIMENSIONAMENTO DELLA SEZIONE BIOLOGICA 5.3 FOGLI DI CALCOLO PER IL DIMESIOAMEO DELLA SEZIOE BIOLOGICA 5.3.1 CODIZIOI ESIE ( 20 C Dati di progetto Carichi idraulici Portata idraulica giornaliera m 3 /d 12 500 Portata idraulica oraria M24 m 3

Dettagli

MBR Membrane Bio-Reactor Compact Unit

MBR Membrane Bio-Reactor Compact Unit MBR Membrane Bio-Reactor Compact Unit environmental Innovazioni e vantaggi della tecnologia MBR MBR: una soluzione affi dabile per il trattamento ed il riuso delle acque refl ue ITALPROGETTI progetta e

Dettagli

DEPURAZIONE. Idra gestisce tre impianti di depurazione intercomunali per una capacità totale di circa 390.000 abitanti equivalenti.

DEPURAZIONE. Idra gestisce tre impianti di depurazione intercomunali per una capacità totale di circa 390.000 abitanti equivalenti. DEPURAZIONE Idra gestisce tre impianti di depurazione intercomunali per una capacità totale di circa 390.000 abitanti equivalenti Impianti CASSANO TRUCCAZZANO VIMERCATE TRUCCAZZANO 175.000 ab eq per 45.000

Dettagli

RELAZIONE GENERALE RELAZIONE GENERALE IMPIANTO DEPURAZIONE

RELAZIONE GENERALE RELAZIONE GENERALE IMPIANTO DEPURAZIONE Pagina 1 di 10 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 INQUADRAMENTO TERRITORIALE... 4 3 CARATTERISTICHE DELL IMPIANTO ESISTENTE... 5 4 CARATTERISTICHE DELL IMPIANTO A SEGUITO DELL INTERVENTO... 6 5 REALIZZAZIONE DI

Dettagli

4.3 Depuratore di Calavino e rio omonimo.

4.3 Depuratore di Calavino e rio omonimo. 4.3 Depuratore di Calavino e rio omonimo. 4.3.1 Impianto di depurazione. In questa sezione vengono descritte la localizzazione, la configurazione ed il funzionamento del depuratore biologico in studio

Dettagli

CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE EQUALIZZAZIONE - OMOGENEIZZAZIONE

CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE EQUALIZZAZIONE - OMOGENEIZZAZIONE CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE ESERCITAZIONE 1 (Prof. Ing. Giordano Urbini; Ing. Cristiana Morosini) EQUALIZZAZIONE - OMOGENEIZZAZIONE (BASI TEORICHE ESEMPIO DI CALCOLO) 1. OBIETTIVI E CAMPI

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Rischi igienico-sanitari nelle piscine e in strutture simili: nuove prospettive e criticità

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Rischi igienico-sanitari nelle piscine e in strutture simili: nuove prospettive e criticità ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Rischi igienico-sanitari nelle piscine e in strutture simili: nuove prospettive e criticità Roma, 8-9 Ottobre 2015 FORO ITALICO GLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELL ACQUA IN PISCINA

Dettagli

TUTELA ED UTILIZZO DELLE RISORSE IDRICHE IN AMBITO PRODUTTIVO : GESTIONE DI UN REFLUO INDUSTRIALE Verona, 22 Ottobre 2009 Relatore: dott.ssa Bacuzzi Lorena ... CHI SIAMO opera nel settore della depurazione

Dettagli

Sistema di filtrazione abbinato ad una pompa del vuoto. Sistema semplice per la filtrazione

Sistema di filtrazione abbinato ad una pompa del vuoto. Sistema semplice per la filtrazione Filtrazione: definizioni La FILTRAZIONE è un comune metodo di separazione basato sul seguente principio: le particelle più piccole di una determinata dimensione passano attraverso i pori di un filtro,

Dettagli

Underdrain: brevetto Leopold. Per la depurazione di acque reflue e per la potabilizzazione

Underdrain: brevetto Leopold. Per la depurazione di acque reflue e per la potabilizzazione Underdrain: brevetto Leopold 160 Per la depurazione di acque reflue e per la potabilizzazione Per rimuovere i solidi in sospensione che non si sono depositati nel decantatore dopo la flocculazione o per

Dettagli

PROGETTO Più Efficienza con Meno Energia

PROGETTO Più Efficienza con Meno Energia Presentazione PROGETTO Più Efficienza con Meno Energia Il progetto Più Efficienza con Meno Energia si pone lo scopo di migliorare la performance dell impianto di depurazione aumentando l efficienza dello

Dettagli

Tecnologie di trattamento del percolato

Tecnologie di trattamento del percolato Tecnologie di trattamento del percolato Corso di Gestione dei Rifiuti Solidi Dipartimento IMAGE dott. ing. Luca Alibardi a.a.2004-2005 INTRODUZIONE Il percolato proveniente dalle discariche controllate

Dettagli

per i clienti del Ciclo Idrico Integrato

per i clienti del Ciclo Idrico Integrato Soluzioni di successo Soluzioni di successo per i clienti del Ciclo Idrico Integrato Installazione del controller OSCAR per l'areazione intermittente per l adeguamento dell impianto di depurazione di Savigliano

Dettagli

DAF - FLOTTATORI AD ARIA DISCIOLTA

DAF - FLOTTATORI AD ARIA DISCIOLTA ECOMACCHINE S.p.A. Via Vandalino 6 10095 Grugliasco (TO) Tel.: +39.0114028611 Fax: +39.0114028627 Email: ecomacchine@ecomacchine.it Web: www.ecomacchine.it DAF - FLOTTATORI AD ARIA DISCIOLTA I distributori

Dettagli

I BIOREATTORI A MEMBRANA NELLA DEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE

I BIOREATTORI A MEMBRANA NELLA DEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI INGEGNERIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN MONITORAGGIO E CONTROLLO AMBIENTALE I BIOREATTORI A MEMBRANA

Dettagli

Primel AG - Via Principale - 7608 Castasegna, Bregaglia (GR) Tel: +41 76 8198688 fedele.pozzoli@bluewin.ch

Primel AG - Via Principale - 7608 Castasegna, Bregaglia (GR) Tel: +41 76 8198688 fedele.pozzoli@bluewin.ch 2015 Primel AG - Via Principale - 7608 Castasegna, Bregaglia (GR) Tel: +41 76 8198688 fedele.pozzoli@bluewin.ch Imhoff/tricamerali e depuratori biologici SBR Introduzione Gli scarichi civili, sia domestici

Dettagli

INDAGINI ED INTERVENTI PER LA BONIFICA DELLE VECCHIE DISCARICHE. Dipartimento IMAGE, Università di Padova

INDAGINI ED INTERVENTI PER LA BONIFICA DELLE VECCHIE DISCARICHE. Dipartimento IMAGE, Università di Padova INDAGINI ED INTERVENTI PER LA BONIFICA DELLE VECCHIE DISCARICHE Dipartimento IMAGE, Università di Padova Indagini conoscitive per la bonifica delle vecchie discariche analisi della situazione ambientale

Dettagli

La progettazione e il dimensionamento della sezione di

La progettazione e il dimensionamento della sezione di Corso di formazione: La progettazione e la gestione degli impianti MBR La progettazione e il dimensionamento della sezione di filtrazione negli impianti MBR Dott. Matteo Vanossi Ecomondo 4 Novembre 2015

Dettagli

RISPARMIO ENERGETICO E IMPROVEMENT FUNZIONALE MEDIANTE L OTTIMIZZAZIONE DELLA FORNITURA DI ARIA

RISPARMIO ENERGETICO E IMPROVEMENT FUNZIONALE MEDIANTE L OTTIMIZZAZIONE DELLA FORNITURA DI ARIA RISPARMIO ENERGETICO E IMPROVEMENT FUNZIONALE MEDIANTE L OTTIMIZZAZIONE DELLA FORNITURA DI ARIA Collaborazione di Ricerca Triennale sperimentata sull impianto a scala reale per un anno STRUMENTAZIONE DI

Dettagli

depurazioni trattamento delle acque di scarico civili e industriali

depurazioni trattamento delle acque di scarico civili e industriali Committente: Spett.le Azienda Vinicola VINI TONON S.R.L. Via Carpesica 1 Loc. Carpesica 31029 Vittorio Veneto (TV) IMPIANTO DI DEPURAZIONE PER IL TRATTAMENTO DI ACQUE REFLUE PROVENIENTI DA CANTINA DI VINIFICAZIONE

Dettagli

INDAGINI ED INTERVENTI PER LA BONIFICA DELLE VECCHIE DISCARICHE. Dipartimento IMAGE, Università di Padova

INDAGINI ED INTERVENTI PER LA BONIFICA DELLE VECCHIE DISCARICHE. Dipartimento IMAGE, Università di Padova INDAGINI ED INTERVENTI PER LA BONIFICA DELLE VECCHIE DISCARICHE Dipartimento IMAGE, Università di Padova INTERVENTI DI BONIFICA O RISANAMENTO nessun intervento drenaggio del percolato e captazione del

Dettagli

STUDIO DI UN IMPIANTO DI DEPURAZIONE BIOLOGICO A MEMBRANA

STUDIO DI UN IMPIANTO DI DEPURAZIONE BIOLOGICO A MEMBRANA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE TESI DI LAUREA TRIENNALE IN INGEGNERIA DEI PROCESSI INDUSTRIALI E DEI MATERIALI (Laurea triennale DM 270/04 indirizzo Chimica) STUDIO

Dettagli

PROCESSI A BIOMASSA ADESA A LETTO MOBILE

PROCESSI A BIOMASSA ADESA A LETTO MOBILE PROCESSI A BIOMASSA ADESA A LETTO MOBILE INTRODUZIONE I reattori a biomassa adesa a letto mobile sono particolari tipologie di reattori a letto sommerso in cui la biomassa si sviluppa su supporti che non

Dettagli

E buona norma prevedere un doppio anello per separare il gas in base alla sua qualità (Figura 26)

E buona norma prevedere un doppio anello per separare il gas in base alla sua qualità (Figura 26) Figura 24: Zone di influenza dei pozzetti delle reti centrale, perimetrale e di controllo. Si può osservare che, per un maggiore controllo ambientale, i volumi di influenza delle reti perimetrale e quella

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IDRAULICA, GEOTECNICA ED AMBIENTALE CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO TESI DI LAUREA

Dettagli

G3-GNRAC Quartiere Fieristico di Ferrara, 19 Settembre 2014

G3-GNRAC Quartiere Fieristico di Ferrara, 19 Settembre 2014 G3-GNRAC Quartiere Fieristico di Ferrara, 19 Settembre 2014 EFFICACIA DI UN PROCESSO DI DEPURAZIONE A FANGHI ATTIVI: ASPETTI CHIMICI E BIOLOGICI E L IMPORTANZA DELL APPROCCIO BIOTECNOLOGICO Acquedotto

Dettagli

COMPRESSIONE ELICOIDALE della ditta Chior Meccanica

COMPRESSIONE ELICOIDALE della ditta Chior Meccanica UNIVERSITÀ DEGLI S TUDI DI T ORINO DEIAFA Dipartimento di ECONOMIA E INGEGNERIA AGRARIA, FORESTALE E AMBIENTALE SEZIONE DI MECCANICA Via L. da Vinci, 44-195 Grugliasco - TO Segreteria +39-11-67859 FAX

Dettagli

IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE

IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE Serie DEPUR-DOMO IMPIANTI BIOLOGICI A FANGHI ATTIVI DA 5 A 20 ABITANTI EQUIVALENTI (rev. 01 del 18/02/2011) La serie DEPUR-DOMO Gli impianti prefabbricati

Dettagli

Produzione ed utilizzo dei carboni attivi

Produzione ed utilizzo dei carboni attivi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Scuola Politecnica e della Scienze di Base Tesi di Laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Dipartimento di Ingegneria Chimica, dei Materiali e della

Dettagli

DEPURATORE BIOLOGICO AUTOMATICO CON VASCA IMHOFF

DEPURATORE BIOLOGICO AUTOMATICO CON VASCA IMHOFF 1 Azienda Certificata Azienda Certificata ISO 14001:2000 ISO 9001:2000 EA 18, 28b, 35 EA 18, 28b, 35 DEPURATORE BIOLOGICO AUTOMATICO CON VASCA IMHOFF La funzione dell impianto in oggetto è quella di purificare

Dettagli

Acque. n di Andrea Capriati, Gennaro Schiano e Luca Di Cosimo, Golder Associates Srl, Roma

Acque. n di Andrea Capriati, Gennaro Schiano e Luca Di Cosimo, Golder Associates Srl, Roma Acque Impianti di depurazione autostradali: problematiche gestionali e soluzioni n di Andrea Capriati, Gennaro Schiano e Luca Di Cosimo, Golder Associates Srl, Roma Gli impianti di depurazione acque reflue

Dettagli

Depuratore di Milano Nosedo Aspetti Gestionali e Controlli

Depuratore di Milano Nosedo Aspetti Gestionali e Controlli Depuratore di Milano Nosedo Aspetti Gestionali e Controlli SEMINARIO: Sistema depurativo delle acque di rifiuto Impianto di Milano Nosedo 16 giugno 2014 1 Lo scopo delle attività di gestione e controllo

Dettagli

Michele Torregrossa (Università degli Studi di Palermo)

Michele Torregrossa (Università degli Studi di Palermo) Università degli Studi di Napoli Federico II Università degli Studi di Palermo Università degli Studi di Salerno Giornate di Studio Bioreattori a Membrane (MBR) per la depurazione delle Acque IL FOAMING

Dettagli

Sperimentazione Tecnologia Hydropath su impianto AMAP - Depuratore Fondo Verde PALERMO HYDROFLOW I 45 DATA :09-2014

Sperimentazione Tecnologia Hydropath su impianto AMAP - Depuratore Fondo Verde PALERMO HYDROFLOW I 45 DATA :09-2014 Sperimentazione Tecnologia Hydropath su impianto AMAP - Depuratore Fondo Verde PALERMO HYDROFLOW I 45 DATA :09-2014 CITTA :PALERMO PROVA: Sperimentazione tecnologia Hydropath su impianto AMAP PREMESSA:

Dettagli

Microbiologia delle acque reflue & Depurazione delle acque

Microbiologia delle acque reflue & Depurazione delle acque Microbiologia delle acque reflue & Depurazione delle acque 1 Acque reflue - acque di scolo di origine domestica o industriale che non possono essere smaltite in laghi o torrenti senza una preventiva depurazione

Dettagli

Risultati delle ricerche sulle tecnologie per il trattamento degli effluenti: la separazione solido liquido

Risultati delle ricerche sulle tecnologie per il trattamento degli effluenti: la separazione solido liquido Sostenibilità ambientale ed economica nella gestione degli effluenti negli allevamenti di suini Risultati delle ricerche sulle tecnologie per il trattamento degli effluenti: la separazione solido liquido

Dettagli

INVESTIRE IN NUOVE TECNOLOGIE PER UN RITORNO ECONOMICO NELLA DEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE

INVESTIRE IN NUOVE TECNOLOGIE PER UN RITORNO ECONOMICO NELLA DEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE INVESTIRE IN NUOVE TECNOLOGIE PER UN RITORNO ECONOMICO NELLA DEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE Settala (MI), 18 Ottobre 2005 Relatore: Medolago Albani Alessandro ... CHI SIAMO P.I.ECO opera nel settore della

Dettagli

IMPIANTI PER AUTOLAVAGGI IMPIANTI AUTOLAVAGGI. Divisione Depurazione E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASCHE SETTICHE

IMPIANTI PER AUTOLAVAGGI IMPIANTI AUTOLAVAGGI. Divisione Depurazione E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASCHE SETTICHE PER AUTOLAVAGGI FANGI ATTIVI VASCE SETTICE VASCE BIOLOGICE TIPO IMOFF 81 1. IMPIANTO PER AUTOLAVAGGIO CON SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA 2. IMPIANTO PER AUTOLAVAGGIO CON SCARICO IN CORSO D ACQUA SUPERFICIALE

Dettagli

Processo Anammox per digestato da FORSU e fanghi : risultati e criteri di dimensionamento. Scaglione D., Lotti T., Ficara E., Malpei F.

Processo Anammox per digestato da FORSU e fanghi : risultati e criteri di dimensionamento. Scaglione D., Lotti T., Ficara E., Malpei F. Processo Anammox per digestato da FORSU e fanghi : risultati e criteri di dimensionamento Scaglione D., Lotti T., Ficara E., Malpei F. Politecnico di Milano DICA sez. ambientale Milano, 12 ottobre 2015

Dettagli

Depurazione ciclo acque: schemi e processi finalizzati alla riduzione delle dimensioni degli impianti

Depurazione ciclo acque: schemi e processi finalizzati alla riduzione delle dimensioni degli impianti La gestione dei sistemi fognari e depurativi: sostenibilità ambientale, aspetti giuridici ed economici 6 novembre 2009 - Centro Convegni IRIDE Depurazione ciclo acque: schemi e processi finalizzati alla

Dettagli

COMUNITA MONTANA MURGIA BARESE SUD-EST Centro pilota per la trasformazione e depurazione del siero dell industria casearia

COMUNITA MONTANA MURGIA BARESE SUD-EST Centro pilota per la trasformazione e depurazione del siero dell industria casearia SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. DATI DI PROGETTO... 3 3. EFFICIENZA DEPURATIVA... 5 4. DESCRIZIONE E DIMENSIONAMENTO DELL IMPIANTO... 5 4.1 LINEA LIQUAMI... 5 4.1.1 Sollevamento ed accumulo acque di prima

Dettagli

3.4 Fase 4: Monitoraggio del sistema

3.4 Fase 4: Monitoraggio del sistema 3.4 Fase 4: Monitoraggio del sistema Durante l esecuzione della prova sono stati monitorati, con frequenza di 48 ore effettuato dal Dott. Fabio Brogna, dal Dott. Enrico Guastaldi, dal Dott. Giovanni Liali,

Dettagli

INTERVENTO DI CLAUDIA RICCARDI PLASMAPROMETEO - Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano - Bicocca

INTERVENTO DI CLAUDIA RICCARDI PLASMAPROMETEO - Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano - Bicocca INTERVENTO DI CLAUDIA RICCARDI PLASMAPROMETEO - Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano - Bicocca La ricerca come strumento per lo sviluppo aziendale: sinergia tra università e industria

Dettagli

TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE DA IMPIANTO DI PRODUZIONE COMBUSTIBILI DA MATERIALE DI RIFIUTO.

TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE DA IMPIANTO DI PRODUZIONE COMBUSTIBILI DA MATERIALE DI RIFIUTO. TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE DA IMPIANTO DI PRODUZIONE COMBUSTIBILI DA MATERIALE DI RIFIUTO. Viene qui presentato il progetto generale dell impianto di trattamento del refluo liquido proveniente dall

Dettagli

Vengono di seguito descritte tutte le fasi fondamentali realizzate dal processo N-Free

Vengono di seguito descritte tutte le fasi fondamentali realizzate dal processo N-Free Premessa Il processo sopra menzionato, consente di trattare i reflui zootecnici sia provenienti direttamente dagli allevamenti, cioè senza che essi abbiano subito nessun trattamento biologico, oppure quelli

Dettagli

IL CROMO NELLE ACQUE DI SCARICO DEL DEPURATORE DI ARZIGNANO

IL CROMO NELLE ACQUE DI SCARICO DEL DEPURATORE DI ARZIGNANO IL CROMO NELLE ACQUE DI SCARICO DEL DEPURATORE DI ARZIGNANO 07 Novembre 2014 Ing. D.Refosco Ing. M. Zerlottin Acque del Chiampo (AdC) Chi siamo Società per Azioni a capitale pubblico per la gestione del

Dettagli

Telecontrollo su Cloud Computing a servizio del trattamento delle acque reflue per il riutilizzo irriguo - Il progetto PON «In.Te.R.R.A.

Telecontrollo su Cloud Computing a servizio del trattamento delle acque reflue per il riutilizzo irriguo - Il progetto PON «In.Te.R.R.A. Telecontrollo su Cloud Computing a servizio del trattamento delle acque reflue per il riutilizzo irriguo - Il progetto PON «In.Te.R.R.A.» Vincenzo Lanave Francesca Gulletta Pompilio Vergine Giovanni Berardi

Dettagli

1. PREMESSE. 1.53.11.1_Piano_gestione_fase_avviamento_E.doc 1

1. PREMESSE. 1.53.11.1_Piano_gestione_fase_avviamento_E.doc 1 1. PREMESSE Il presente documento costituisce il piano con le modalità operative da seguire per la gestione della fase di avvio e collaudo delle nuove opere di progetto per evitare disservizi nel funzionamento

Dettagli

FELSILAB s.r.l. (www.felsilab.it) Massimiliano Livi. presenta

FELSILAB s.r.l. (www.felsilab.it) Massimiliano Livi. presenta FELSILAB s.r.l. (www.felsilab.it) Massimiliano Livi presenta EFFICIENTAMENTO ENERGETICO-AMBIENTALE DEL TRATTAMENTO DEI FANGHI DA DEPURAZIONE DI REFLUI CIVILI Sede: Bologna (Italia) Operativa dall anno

Dettagli

CURRICULUM. Tale esperienza ha portato l azienda a realizzare tecnologie all avanguardia e prodotti sempre più efficienti, economici e compatti.

CURRICULUM. Tale esperienza ha portato l azienda a realizzare tecnologie all avanguardia e prodotti sempre più efficienti, economici e compatti. CURRICULUM GOST srl Gruppo Operatori Servizi Tecnologici s.r.l. si trova in Umbria, provincia di Perugia, Località Capodacqua di Assisi, Via Romana, 31. La nostra azienda è presente da oltre due decenni

Dettagli

Consorzio Depurazione Acque del medio Cassarate IDA La Stampa

Consorzio Depurazione Acque del medio Cassarate IDA La Stampa Consorzio Depurazione Acque del medio Cassarate IDA La Stampa Esercizio 2014 allegati: tabelle dei risultati dell'esercizio confrontati all'esercizio precedente w_tabelle_annuali.docx Stampato: 29 aprile

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue dell industria agro-alimentare

Impianti di depurazione delle acque reflue dell industria agro-alimentare Impianti di depurazione delle acque reflue dell industria agro-alimentare La profonda conoscenza del ciclo produttivo del settore agro-alimentare, unita alla pluriennale esperienza acquisita, permettono

Dettagli

R.2.2 Relazione tecnica di processo

R.2.2 Relazione tecnica di processo Via XXV Aprile, 18 - Rovato COMUNE DI PALAZZOLO SULL OGLIO PROVINCIA DI BRESCIA UPGRADING DEL DEPURATORE COMUNALE DI PALAZZOLO SULL OGLIO PROGETTO DEFINITIVO R.2.2 Relazione tecnica di processo Rovato,

Dettagli

1. Calcolo delle emissioni climalteranti nel settore trattamento rifiuti

1. Calcolo delle emissioni climalteranti nel settore trattamento rifiuti ALLEGATO B PAES Rosignano M.mo NB. I valori riportati nel presente documento sono espressi in termini di CO 2eq Il Covenant of Mayors tiene conto delle emissioni di CO 2 legate ai consumi energetici dei

Dettagli

Telecontrollo su Cloud Computing a servizio del trattamento delle acque reflue per il riutilizzo irriguo - Il progetto PON «In.Te.R.R.A.

Telecontrollo su Cloud Computing a servizio del trattamento delle acque reflue per il riutilizzo irriguo - Il progetto PON «In.Te.R.R.A. Telecontrollo su Cloud Computing a servizio del trattamento delle acque reflue per il riutilizzo irriguo - Il progetto PON «In.Te.R.R.A.» Martedì - 3 dicembre 2013 10,45-13,30 Aula Magna Aldo Moro Palazzo

Dettagli

Veolia Water Solutions & Technologies Italia

Veolia Water Solutions & Technologies Italia VWS Phototec Veolia Water Solutions & Technologies Italia 1 Veolia Water Solutions & Technologies Italia Creiamo soluzioni per le acque industriali reflue e di processo Veolia Water Solutions & Technologies

Dettagli

Riutilizzo dei Reflui dei Depuratori di Cecina e Rosignano, Riciclati a fini Industriali nello Stabilimento Solvay di Rosignano

Riutilizzo dei Reflui dei Depuratori di Cecina e Rosignano, Riciclati a fini Industriali nello Stabilimento Solvay di Rosignano PROGETTO ARETUSA Riutilizzo dei Reflui dei Depuratori di Cecina e Rosignano, Riciclati a fini Industriali nello Stabilimento Solvay di Rosignano GENERALITÀ 1.1 Finalità ed Ubicazione dell impianto Aretusa

Dettagli

Misure di polveri su caldaia a legna ad uso domestico

Misure di polveri su caldaia a legna ad uso domestico PM2008 3 Convegno Nazionale sul Particolato Atmosferico Bari, 6-8 Ottobre 2008 Misure di polveri su caldaia a legna ad uso domestico G. Antonacci(1), A. Cemin(1), D. Antolini(2), M. Ragazzi(2), I. Todeschini(1),

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA ACQUE REFLUE

GESTIONE OPERATIVA ACQUE REFLUE GESTIONE OPERATIVA ACQUE REFLUE PARTE SECONDA - NORME TECNICHE!"#$%&& '())( *()#++ ( +,,!),(,,)#(-,.(/*!*00.(/*,,! (-,.(/*",+,/* (-,,,.(! ( 0+(#(, )#, ( / #(. +, 0,#(#, ( #.,-, )"",/*0+(#",/(,&1!, ##,#,!,(+#,())(#,(2

Dettagli

Applicazione dei sistemi MBR al trattamento dei reflui ospedalieri

Applicazione dei sistemi MBR al trattamento dei reflui ospedalieri Università degli Studi di Napoli Federico II Università degli Studi di Palermo Università degli Studi di Salerno Bioreattori a Membrane (MBR) per la depurazione delle Acque Applicazione dei sistemi MBR

Dettagli

1 DIMENSIONAMENTO CICLO ACQUE

1 DIMENSIONAMENTO CICLO ACQUE 1 DIMENSIONAMENTO CICLO ACQUE 1.1 NUOVA SEZIONE DI IMPIANTO Si espongono i dati in ingresso alle nuove due linee di impianto commisurate alla potenzialità complessiva di 16.000 A.E. in periodo estivo e

Dettagli

Marianna Villano, Federico Aulenta *, Mauro Majone. Dipartimento di Chimica Sapienza Università di Roma * IRSA-CNR

Marianna Villano, Federico Aulenta *, Mauro Majone. Dipartimento di Chimica Sapienza Università di Roma * IRSA-CNR Celle di elettrolisi microbica Evidenze a scala di laboratorio e potenziali applicazioni per la depurazione di acque reflue con minima produzione di fanghi e con recupero di energia Marianna Villano, Federico

Dettagli

ELIMINAZIONE DELL ARSENICO DALLE ACQUE POTABILI

ELIMINAZIONE DELL ARSENICO DALLE ACQUE POTABILI ELIMINAZIONE DELL ARSENICO DALLE ACQUE POTABILI Fondamenti di chimica-fisica I processi Scelta del processo: ANDEL POLARY TH05 IL PROBLEMA DELL ARSENICO L arsenico è un elemento con presenza ubiquitaria

Dettagli

VI Simpósio Ítalo Brasileiro de Engenharia Sanitária e Ambiental

VI Simpósio Ítalo Brasileiro de Engenharia Sanitária e Ambiental III-83 - PRESTAZIONI E LIMITI FUNZIONALI DI UN IMPIANTO SU SCALA PILOTA PER IL TRATTAMENTO DI ACQUE DI RIFIUTO, ALIMENTATO DA FRAZIONE ORGANICA DI RIFIUTI URBANI DOPO TRITURAZIONE Lombardi Francesco (1)

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO

POLITECNICO DI MILANO POLITECNICO DI MILANO FACOLTA DI INGEGNERIA CIVILE, AMBIENTALE E TERRITORIALE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E TERRITORIO Simulazione del processo biologico di un impianto di depurazione.

Dettagli

Ozonolisi dei fanghi biologici: valutazione dei risparmi economico-gestionali

Ozonolisi dei fanghi biologici: valutazione dei risparmi economico-gestionali ECOMONDO Rimini 04 Novembre 2015 Ozonolisi dei fanghi biologici: valutazione dei risparmi economico-gestionali ING. FEDERICO DALLERA Le problematiche legate alla gestione del fango Nei processi di trattamento

Dettagli

GENERALITÁ IMPIANTI DI DEPURAZIONE BIOLOGICA A FANGHI ATTIVI

GENERALITÁ IMPIANTI DI DEPURAZIONE BIOLOGICA A FANGHI ATTIVI GENERALITÁ Il tipo di trattamento detto a fanghi attivi che utilizza una flora batterica prevalentemente aerobica è quello più utilizzato per il trattamento dei reflui civili in quanto consente uno scarico

Dettagli