RISCHI DA STRESS LAVORO CORRELATO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RISCHI DA STRESS LAVORO CORRELATO"

Transcript

1 RISCHI DA STRESS LAVORO CORRELATO Principali strumenti di rilevazione della percezione soggettiva Patrizia Cichella U.O. PSAL Area Pianura Azienda USL di Bologna

2 INDICAZIONI COMMISSIONE CONSULTIVA (CIRC. 18/11/10) È un percorso metodologico Rappresenta il livello minimo di attuazione dell obbligo Non viene preclusa quindi la possibilità di un percorso più articolato e basato sulle specifiche necessità e complessità delle aziende

3 INDICAZIONI COMMISSIONE CONSULTIVA (CIRC. 18/11/10) METODOLOGIA Valutazione preliminare Indicatori oggettivi e verificabili (fase necessaria) No elementi di rischio Si elementi di rischio Piano di monitoraggio Pianificazione e adozione interventi correttivi se inefficaci VALUTAZIONE APPROFONDITA (fase eventuale)

4 La più accurata valutazione dello SLC si ottiene confrontando e integrando i risultati dei metodi osservazionali con la rilevazione della percezione soggettiva dei lavoratori (cfr World Health Organization 2010) Sulla base di questo principio una valutazione approfondita (VA) può essere opportuna in ogni circostanza In ogni caso non può sostituire la valutazione preliminare (rilevazione degli eventi sentinella, analisi osservazionale dei fattori di contesto e di contenuto del lavoro) Indicazioni del Coordinamento Tecnico Interregionale della Prevenzione nei Luoghi di Lavoro (Gennaio 2012)

5 E indicata ad esempio: Quando nella valutazione preliminare vi è incertezza sul livello di rischio da attribuire In caso di forte disaccordo all interno del team di valutazione ad es. sull attribuzione dei valori degli indicatori oggettivi Se non c è accordo sugli interventi correttivi da attuare Quando vi è incertezza nella verifica dell efficacia delle misure correttive adottate Indicazioni del Coordinamento Tecnico Interregionale della Prevenzione nei Luoghi di Lavoro (Gennaio 2012)

6

7 Elementi da valutare Indicatori di effetto (eventi sentinella ): Indici infortunistici Assenze per malattia Turn over Procedimenti o sanzioni Segnalazioni del medico competente Fattori di contenuto del lavoro: Ambiente di lavoro e attrezzature Pianificazione dei compiti Orario di lavoro, turni Carichi, ritmi di lavoro Fattori di contesto del lavoro: Ruolo Sviluppo di carriera Autonomia e controllo Rapporti interpersonali Interfaccia casa-lavoro Funzione ecultura organizzativa Fattori propiamente soggettivi: Senso di inadeguatezza Tensioni emotive e sociali Percezione di mancanza di attenzione Fattori propr. soggettivi (indicatori di effetto) Disturbi e patologie riferibili allo stress Alterazioni parametri clinici/subclinici Valutazione oggettiva Analisi su base documentale dei dati presenti in azienda Analisi delle caratteristiche del lavoro, su base osservazionale e documentale anche con uso di check list Analisi delle caratteristiche del lavoro, su base osservazionale e documentale anche con uso di check list Non possibile Valutazione epidemiologica dei dati della sorveglianza sanitaria Valutazione soggettiva Non possibile Verifica della percezione soggettiva dei lavoratori mediante questionari, focus group o interviste Verifica della percezione soggettiva dei lavoratori mediante questionari, focus group o interviste Verifica mediante questionari, focus group o interviste Verifica mediante questionari

8 E raccomandabile procedere alla verifica di efficacia delle azioni correttive pianificate e attuate entro un anno dalla attivazione anche in caso di particolare complessità degli interventi In ogni caso, se entro due anni non si sono evidenziati miglioramenti, è necessario procedere alla valutazione approfondita (VA) La VA va riservata alle partizioni o ai gruppi omogenei in cui le azioni correttive sono risultate inefficaci Indicazioni del Coordinamento Tecnico Interregionale della Prevenzione nei Luoghi di Lavoro (Gennaio 2012)

9 Scopo della VA è quello di meglio definire e individuare, attraverso la partecipazione e il coinvolgimento diretto dei lavoratori, le azioni correttive. E opportuno che lo strumento scelto possieda dimensioni in grado di studiare le criticità emerse nella fase preliminare Integrazione dei dati risultanti dalla valutazione preliminare con quelli relativi alla percezione soggettiva dei lavoratori Indicazioni del Coordinamento Tecnico Interregionale della Prevenzione nei Luoghi di Lavoro (Gennaio 2012)

10 Strumenti: Focus group Questionari Interviste semi-strutturate

11 FOCUS GROUP E uno strumento di indagine psicosociale di natura qualitativa Si realizza con un intervista rivolta ad un gruppo omogeneo di persone per approfondire un tema o particolari aspetti di un argomento E finalizzato al raggiungimento di un obiettivo di miglioramento secondo indicazioni attendibili

12 FOCUS GROUP Conduzione: è guidato normalmente da un moderatore ( o meglio da un animatore che conduce la discussione e un osservatore che esamina le dinamiche di relazione del gruppo) che seguendo una traccia più o meno strutturata, propone degli stimoli ai partecipanti al fine di stimolare la discussione.

13 FOCUS GROUP Partecipanti: almeno 6/7 poiché un numero inferiore potrebbe inficiare le dinamiche di gruppo e non più di 12/13 persone per evitare dinamiche che spesso tendono a censurare l intervento delle opinioni contrarie o deboli, non permettendo a tutti i partecipanti di esprimere al meglio le proprie idee

14 FOCUS GROUP Durata: in genere va da un minimo di 60/90 ad un massimo di 120/180 minuti. E tuttavia consigliabile pattuire con i partecipanti in via indicativa una durata minima e una durata massima del focus group

15 FOCUS GROUP VANTAGGI: Confronto diretto con i lavoratori Fa emergere gli elementi di criticità ma anche spunti per le misure di miglioramento Strumento versatile che può essere adattato ad un ampio ventaglio di possibilità L interazione tra i partecipanti permette di affrontare direttamente i problemi e approfondirli Utile nelle piccole e medie imprese ma si può adattare anche alle aziende di maggiori dimensioni (gruppi omogenei)

16 FOCUS GROUP - CONDOTTO/I DA.. - COMPOSIZIONE NUMERICA DEL / DEI GRUPPO/I:. - COMPOSIZIONE DEL GRUPPO: omogenea non omogenea - SPECIFICARE I CRITERI DI SCELTA PER LA COMPOSIZIONE DEL GRUPPO: - PRESENZA DI UN CONDUTTORE / FACILITATORE - PRESENZA DI UN ASSISTENTE / OSSERVATORE - SISTEMA DI REGISTRAZIONE DELLE RISPOSTE - DESCRIZIONE DEL METODO UTILIZZATO PER LA LETTURA DELLE RISPOSTE FORNITE

17 Interviste semi-strutturate L intervistatore non utilizza domande chiuse come nell intervista classica Serie di domande che seguono una traccia e adeguate al singolo intervistato Partecipazione più attiva dell intervistato Strumento in grado di far emergere dati più precisi e approfonditi dell intervista classica Permette di acquisire indicazioni sulle possibili soluzioni delle criticità riscontrate

18 Interviste - CONDOTTA/E DA.. - TIPO DI INTERVISTA: STRUTTURATE SEMI-STRUTTURATE APERTE - DURATE MEDIA DELL INTERVISTA. - N TOTALE DI INTERVISTE ESEGUITE. - RIVOLTE A.

19 Questionari Devono essere validati Devono indagare lo stato di benessere o di disagio dei lavoratori ma anche l organizzazione del lavoro percepita Devono essere dedicati nello specifico all ambiente lavorativo Le dimensioni indagate devono essere in grado di coprire tutte le criticità emerse nella valutazione preliminare

20 Questionari I questionari utilizzati per la rilevazione dello stress/disagio lavorativo a livello individuale e/o di gruppo, devono essere in grado di rispondere ai più basilari criteri psicometrici: di validità (misurare effettivamente ciò che si prefigge di misurare), di affidabilità (ripetitività della misura e capacità di letture diversificate in base alle differenze individuali dei rispondenti) e provvisti di manuali d uso e istruzioni per la lettura dei risultati.

21 Questionari Garanzie di validità del processo valutativo: Preliminare informazione dei lavoratori su scopo e modalità di raccolta Somministrazione del questionario privilegiando la compilazione supportata Garanzia della privacy dei lavoratori Non discriminazione dei lavoratori svantaggiati (es. stranieri per problemi linguistici) Discussione di un report finale riportante dati anonimi collettivi con i gruppi interessati e gli RLS

22 Questionari In Italia sono diffusi numerosi strumenti di valutazione, ciascuno costruito sulla base di modelli teorici specifici, validati su campioni diversi e, generalmente, tendenti a privilegiare alcune dimensioni organizzative rispetto ad altre E quindi necessario scegliere uno strumento adeguato agli obiettivi che ci si prefigge

23

24 MOHQ-Questionario Multidimensionale della Salute Organizzativa (F. Avallone, A. Paplomatas) Utilizzo consigliato nell ambito della Pubblica Amministrazione Consente di monitorare le dimensioni della salute organizzativa nel contesto lavorativo evidenziando le aree di maggior benessere e quelle di criticità Fa quindi emergere aspetti organizzativi sui quali è auspicabile un intervento di miglioramento e sviluppo Si compone di 109 affermazioni relative a comportamenti e condizioni osservabili nell ambiente di lavoro, riconducibili a dimensioni o indicatori che compongono la salute organizzativa

25 MOHQ-Questionario Multidimensionale della Salute Organizzativa (F. Avallone, A. Paplomatas) Le informazioni raccolte attraverso il questionario vengono sintetizzate sotto forma di tabelle e grafici che rappresentano una fotografia dell organizzazione per come essa viene vista e percepita dai lavoratori, in termini di aree di maggior benessere e aree di maggior criticità Tra gli items esplorati si segnalano quelli relativi alla rilevazione dei disturbi psicosomatici e ai possibili suggerimenti sulle azioni di miglioramento nella propria organizzazione per superare le criticità riscontrate Tempo di somministrazione: 30 min.

26 ERI-Effort Reward Imbalance (J. Siegrist) Secondo il modello teorico di Siegrist, lo stress origina dalla discrepanza tra l impegno investito nel lavoro e le ricompense, materiali e immateriali, ricevute dal lavoratore Parte dal presupposto che un contesto di lavoro dovrebbe fornire alla persona una ricompensa (reward), in termini di stima, prospettive di carriera, sicurezza lavorativa e stipendio adeguato, in maniera bilanciata rispetto agli sforzi prodotti (effort)

27 ERI-Effort Reward Imbalance (J. Siegrist) Composto da 23 domande, 6 relative all impegno lavorativo (scala E, effort), 11 alle ricompense (scala R, reward), e 6 all eccessivo impegno, inteso come il sentirsi obbligato ad uno sforzo superiore alle proprie capacità di realizzazione (O, overcommitment) Tiene anche conto di fattori di rischio per lo SLC associati a cambiamenti rilevanti avvenuti di recente nel mondo del lavoro, quali precarietà, intensificazione dei ritmi produttivi, ineguaglianze nei livelli retributivi, aumento della competitività con conseguente erosione dei contesti sociali

28 ERI-Effort Reward Imbalance (J. Siegrist) Il concetto che sottintende questo modello teorico sembra maggiormente indicato a cogliere le condizioni di tensione che si verificano nelle attività intellettuali e dirigenziali Qualora l obiettivo della valutazione SLC non riguardi esclusivamente tali dimensioni, sarebbe opportuno adottare strumenti che tengano conto anche di ulteriori variabili organizzative

29 JCQ-Job Content Questionnaire (R. A. Karasek) Il modello teorico di Karasek definisce lo stress lavorativo percepito (Job Strain) come la relazione tra elevata domanda lavorativa (Job Demand) e bassa libertà decisionale (Decision Latidune) Il modello demand-control postula che le due principali variabili, domanda e controllo, siano tra loro indipendenti I risultati del questionario vengono riportati su un sistema di assi cartesiani che consentono di suddividere la popolazione in quattro quadranti In seguito il modello si è arricchito di una terza variabile, il sostegno sociale (rappresentazione grafica a 3 dimensioni) per cui il maggior rischio è riservato a coloro che si trovano in condizioni di isostrain, cioè stress percepito e isolamento sociale

30 Karasek Job strain model

31 OSI-Occupational Stress Indicator (C.L. Cooper et al.) Il modello di stress, che è alla base del disegno dell OSI fa riferimento all interazione di quattro elementi chiave: le fonti di stress le caratteristiche dell individuo che può provare l esperienza di stress le strategie di coping (modalità di affrontare lo stress) effetti dello stress a livello individuale e organizzativo E articolato in sette parti: un questionario biografico (facoltativo) e sei sezioni raggruppate in un unico questionario

32 OSI-Occupational Stress Indicator (C.L. Cooper et al.) Caratteristiche: Lo strumento prevede l autosomministrazione collettiva ma permette anche l elaborazione individuale dei dati dei singoli partecipanti Le risposte possono essere analizzate complessivamente o in dettaglio L informazione raccolta può pertanto essere trasferita in un piano pratico di azioni di cambiamento e miglioramento L orientamento pratico e il disegno complessivo dello strumento lo rendono applicabile ad una grande varietà di situazioni Anche il sistema di scoring è semplice e accessibile a tutti È l unico strumento che tiene conto dell interfaccia famiglia/lavoro oltre alle strategie di coping

33

34 DOCUMENTO INAIL Proposta di un percorso metodologico integrato per la valutazione del rischio SLC, valido sia in ambito pubblico che privato Non è l unico strumento disponibile ma presenta la caratteristica di essere coerente con il dettato normativo, l accordo europeo e le indicazioni della commissione consultiva permanente

35 Per la valutazione dello SLC propone l adattamento italiano secondo il modello Management Standard HSE (Health and Safety Executive del Regno Unito) contestualizzato al quadro normativo italiano e europeo

36 Le 6 dimensioni dei management standards (dimensioni organizzative chiave riconosciute in letteratura scientifica come potenziali fattori di rischio SLC): 1.DOMANDA 2.CONTROLLO 3.SUPPORTO 4.RELAZIONI 5.RUOLO 6.CAMBIAMENTO

37 I sei principali fattori di rischio non agiscono individualmente; il più delle volte essi si sovrappongono, si combinano ed interagiscono. Occorre quindi una visione della propria organizzazione il più possibile nel suo insieme e non intervenire su ogni fattore singolarmente. Un approccio globale che tenga conto dell influenza reciproca di tutti gli elementi e anche delle specificità dell azienda condurrà a migliori risultati

38 QUESTIONARIO-STRUMENTO INDICATORE Messo a punto e validato su lavoratori nel Regno Unito dall HSE, e su oltre in Italia (in 75 aziende rappresentative dei macrosettori di attività economica), è uno strumento di facile somministrabilità utilizzabile prevalentemente in aziende con 10 o più lavoratori

39 Il questionario-strumento indicatore ed il software per l analisi dei risultati al fine di individuare le misure correttive sono reperibili sul sito (sezione Ricerca-Focus dedicato allo Stress Lavorocorrelato)

40 Composto da 35 items, rileva la percezione dei lavoratori rispetto alle 6 dimensioni dei management standards utili alla caratterizzazione degli indicatori di contesto e di contenuto del lavoro e alle successive eventuali misure correttive

41 E preceduta da una breve scheda di rilevazione, in forma anonima, di alcuni dati socio-demografici (genere, età, nazionalità e tipologia contrattuale) utili ad una più approfondita caratterizzazione del rischio Per ovvi motivi di garanzia dell anonimato è raccomandabile tuttavia far compilare tale scheda solo in aziende con più di 50 lavoratori

42 Per ciascuna delle 6 dimensioni dei management standards vengono inoltre forniti alcuni parametri di riferimento utili al datore di lavoro per identificare le condizioni ideali a cui l organizzazione del lavoro nella propria azienda dovrebbe tendere

43

44 Modularità della fase di approfondimento in base alla dimensione aziendale

45 Questionari LA SOMMINISTRAZIONE DEI QUESTIONARI E STATA PRECEDUTA DA INTERVENTI DI INFORMAZIONE SULLO SCOPO E SULLE MODALITÀ DI SOMMINISTRAZIONE E RACCOLTA DEI DATI - SE SI, TALE INFORMAZIONE HA VISTO IL COINVOLGIMENTO DEI RLS - SONO STATI UTILIZZATI QUESTIONARI VALIDATI DALLA LETTERATURA - I QUESTIONARI UTILIZZATI DISPONGONO DI PARAMETRI DI RIFERIMENTO STANDARDIZZATI DA UTILIZZARSI PER IL CONFRONTO E LA LETTURA DEI RISULTATI - TRA LE DIMENSIONI INDAGATE SONO PRESENTI: (ad es. i tratti o le caratteristiche di personalità dei soggetti, il livello di domanda/carico percepito, il livello di risorse fruibili nel contesto lavorativo a livello individuale o di gruppo e le risorse personali (resilienza), le condizioni di benessere/malessere psicologico della persona / lavoratore (sintomi), domanda di cambiamento, vincoli durante l attività) - la somministrazione e la raccolta dei questionari garantisce l anonimato e la privacy degli intervistati

46 Report finale CONTENUTI I RISULTATI DELL INDAGINE (criticità emerse) LE PROPOSTE DI INTERVENTO / MIGLIORAMENTO LE MODALITA CON CUI GLI INTERVENTI POSSONO IMPLEMENTATI VENIRE LE MODALITÀ DELLA DIFFUSIONE E CONTENUTI DEL REPORT COMUNICAZIONE DEI

47 Approccio individuale SORVEGLIANZA SANITARIA Anamnesi accurata: Orari e disturbi del sonno Dieta e disturbi digestivi Disturbi comportamentali Patologie attuali o pregresse significative Terapie in atto Consulenze specialistiche: Psicologo Psichiatra Cardiologo Internista Eventuali accertamenti clinici strumentali ( es. di funzionalità cardiovascolare)

48 Approccio individuale

49 Approccio individuale

50 Approccio individuale

51 Approccio individuale

52 Indagine sui rischi da SLC in 3 call center di Bologna INDAGINE SOGGETTIVA OSI-Occupational Stress Indicator (C.L. Cooper et al.) In totale i questionari raccolti sono stati 486 (pari all 84,07 % del totale dei lavoratori), di cui n. 445 sono stati compilati da addetti al call center (91,6 %) e n. 41 da team leader (8,4 %) Descrizione del campione Il campione totale è composto prevalentemente da lavoratrici (84,5%) Gli occupati nei 4 call center sono molto giovani; il 73,6% dei rispondenti ha meno di 35 anni e, di seguito si riporta la distribuzione del campione per le classi di età maggiormente rappresentative. fascia anni 26 30: 28,3% fascia anni : 33,7 % fascia anni : 14,3%fascia anni : 8,5 % La quasi totalità del campione (95,5%) non supera i 6 anni di anzianità lavorativa in Azienda e più del 70% di questi lavoratori risulta essere assunto da non più di 4 anni

53 Indagine sui rischi da SLC in 3 call center di Bologna Il livello di scolarità è risultato particolarmente elevato: più della metà del campione (62,6 %) ha conseguito un diploma di scuola media superiore, il 3,9% un diploma universitario (laurea breve) e ben il 24,1 % un diploma di laurea specialistica Per quanto riguarda l orario di lavoro, il 90,5% dei lavoratori ruota su turnazione fissa e l 84,2 % di loro è impegnato dalle 25 alle 30 ore settimanali Tra i tipi di contratto di lavoro prevale quello a tempo indeterminato che riguarda l 86,8 % dei rispondenti

54 Indagine sui rischi da SLC in 3 call center di Bologna Complessivamente i risultati di questa indagine evidenziano una realtà piuttosto positiva se paragonata a quanto emerge dall analisi di alcuni recenti studi[1] inerenti le condizioni lavorative nei call center e comunque in base alle opinioni che comunemente ci si rappresenta quando si pensa al lavoro neicallcenter. Al contrario delle aspettative, infatti, i livelli di stress misurati non sono risultati essere particolarmente significativi. A favore dei risultati ottenuti e quindi in controtendenza alle previsioni, concorrono certamente la sicurezza del posto di lavoro (la quasi totalità del personale è a tempo indeterminato) e l articolazione dell orario di lavoro svolto (turni diurni e feriali, su orari part time che consentono di avere quasi sempre almeno una mezza giornata libera). [1] ASL Città di Milano e INAIL Regione Liguria / Camera del Lavoro di Genova.

55 Indagine sui rischi da SLC in 3 call center di Bologna Si tratta inoltre di lavoratori giovani, con ridotta anzianità lavorativa nel ruolo per i quali un lavoro garantito e a tempo parziale può, in soggetti che tra l altro presentano una elevata scolarità, essere vissuto come un passaggio, in attesa di occupazioni considerate più idonee alle proprie aspettative. Quindi può essere utile sottolineare che quello che sembra oggi un elemento tutto sommato positivo e non comportante particolari frustrazioni, può facilmente trasformarsi in una fonte di stress qualora tali aspettative, nel tempo, rimanessero disattese. Non a caso l elemento di insoddisfazione prevalente è risultato essere la mancanza di possibili sviluppi professionali (carriera). Confrontando i risultati ottenuti nelle quattro organizzazioni analizzate è emerso che, laddove il contesto risulta più giovane per età, più svincolato da carichi familiari e compensato da gratifiche economiche aggiuntive anche il peso dovuto all esecuzione di compiti standardizzati e ripetitivi (tipico dei call center) viene avvertito in misura minore rispetto a situazioni nelle quali dette condizioni risultano essere assenti oppure più gravose.

56 Indagine sui rischi da SLC in 3 call center di Bologna Allo scopo di mettere in evidenza eventuali correlazioni tra gli effetti dello stress (insoddisfazione lavorativa e sintomi fisici) e alcune caratteristiche socio anagrafiche del campione, in particolare: età anagrafica, anzianità lavorativa, tipo di contratto, presenza di figli e livello di istruzione, è stato effettuato un ulteriore approfondimento sull intero campione. I soggetti sono stati raggruppati[1] in base ad una variabile di discriminazione rappresentata sia dal parametro soddisfazione che disturbi fisici, in modo da ottenere due gruppi, rispettivamente di più soddisfatti / meno soddisfatti e più sintomatici / meno sintomatici. Sulla base di questa classificazione sono state indagate[2] quali tra le caratteristiche socio anagrafiche sopradescritte spiegano maggiormente l appartenenza a una delle due classi, e quindi quale fattore influisce maggiormente nella percezione della soddisfazione e del benessere fisico. I risultati delle analisi evidenziano che i fattori che aumentano significativamente la probabilità di sentirsi insoddisfatti sono: l anzianità lavorativa (l aumento della probabilità di sentirsi insoddisfatti è del 43% per ogni anno aggiuntivo di anzianità lavorativa), il livello di istruzione (chi ha la licenza media superiore ha una probabilità 2 volte maggiore di sentirsi insoddisfatto rispetto a chi ha la licenza media inferiore e chi ha un grado di istruzione più elevato 4 volte superiore) il tipo di mansione (la probabilità di sentirsi insoddisfatti è 16 volte superiore per gli addetti ai call-center rispetto ai team leader). [1] mediante una Cluster Analysis [2] mediante regressione logistica multivariata

57 Indagine sui rischi da SLC in 3 call center di Bologna Non si è evidenziata un associazione significativa con l età anagrafica e la presenza di figli Le variabili emerse come significativamente rilevanti nell aumento della probabilità di presenza di disturbi fisici sono : l anzianità lavorativa (l aumento della probabilità di presenza di disturbi fisici è del 15% per ogni anno aggiuntivo di anzianità lavorativa) mansione (i lavoratori addetti ai call center hanno una probabilità 2 volte maggiore di avere disturbi fisici rispetto ai team leader) Non si è evidenziata un associazione significativa con l età anagrafica, la presenza di figli e il livello d istruzione

Le indicazioni e le iniziative del coordinamento delle Regioni

Le indicazioni e le iniziative del coordinamento delle Regioni La valutazione dello stress lavoro-correlato: potenzialità e limiti di un obbligo legislativo Bologna 23 ottobre 2014 Le indicazioni e le iniziative del coordinamento delle Regioni Fulvio d Orsi Coordinatore

Dettagli

La valutazione del rischio con metodi soggettivi

La valutazione del rischio con metodi soggettivi Cos è la valutazione dello stress lavoro-correlato La professionalità dello psicologo per la valutazione del rischio Milano, 4 novembre 2010 La valutazione del rischio con metodi soggettivi Psicologo della

Dettagli

CONVEGNO UIL-SGK Bolzano, 27-02-2015. Valutazione e gestione del rischio da stress lavoro correlato: la metodologia INAIL

CONVEGNO UIL-SGK Bolzano, 27-02-2015. Valutazione e gestione del rischio da stress lavoro correlato: la metodologia INAIL CONVEGNO UIL-SGK Bolzano, 27-02-2015 Valutazione e gestione del rischio da stress lavoro correlato: la metodologia INAIL CASI DI MALATTIA DA STRESS LAVORO CORRELATO 4000 denunce all INAIL negli ultimi

Dettagli

I convegno regionale su Stress Lavoro Correlato: Nuove Normative, Valutazione e Intervento nelle aziende e Istituzioni

I convegno regionale su Stress Lavoro Correlato: Nuove Normative, Valutazione e Intervento nelle aziende e Istituzioni I convegno regionale su Stress Lavoro Correlato: Nuove Normative, Valutazione e Intervento nelle aziende e Istituzioni Valutazione dello Stress L. C. A cura della Dott.ssa Broccolini Oriana Psicologa-psicoterapeuta

Dettagli

La valutazione dello stress lavoro-correlato nell ASS N. 1 Triestina

La valutazione dello stress lavoro-correlato nell ASS N. 1 Triestina La valutazione dello stress lavoro-correlato nell ASS N. 1 Triestina ANALISI DELLO STRESS LAVORO-CORRELATO E IMPLEMENTAZIONE DEGLI STANDARD HPH 1 e 4 Maria Peresson Medico del lavoro Marco Rizzo Tecnico

Dettagli

GUIDA OPERATIVA PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO GUIDA OPERATIVA. Coordinatore: Fulvio d Orsi (Regione Lazio)

GUIDA OPERATIVA PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO GUIDA OPERATIVA. Coordinatore: Fulvio d Orsi (Regione Lazio) GUIDA OPERATIVA PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO Coordinatore: Fulvio d Orsi (Regione Lazio) Antonia Ballottin (Regione Veneto) Maria Pia Cancellieri (Regione Marche)

Dettagli

Il manuale per la valutazione e gestione del rischio stress lavoro correlato

Il manuale per la valutazione e gestione del rischio stress lavoro correlato Il manuale per la valutazione e gestione del rischio stress lavoro correlato Benedetta Persechino INAIL Dipartimento Medicina del Lavoro ex ISPESL Bologna, 5 maggio 2011 DIBATTITO/RICERCA/ PROPOSTE METODOLOGICHE

Dettagli

STRESS LAVORO-CORRELATO

STRESS LAVORO-CORRELATO CORSO DI FORMAZIONE 9 maggio 2013 Maria Teresa Riccio medico SPISAL STRESS LAVORO-CORRELATO PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 d.lgs. N 81 Decreto Interministeriale

Dettagli

Incontri informativi. Verona 27 novembre 2012 4 dicembre 2012

Incontri informativi. Verona 27 novembre 2012 4 dicembre 2012 CAMPAGNA EUROPEA 2012 SULLA VALUTAZIONE DEI RISCHI PSICOSOCIALI NELL'AMBIENTE DI LAVORO Incontri informativi Verona 27 novembre 2012 4 dicembre 2012 MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Direzione

Dettagli

Relazione sulla valutazione del rischio stress lavoro-correlato e benessere organizzativo

Relazione sulla valutazione del rischio stress lavoro-correlato e benessere organizzativo Relazione sulla valutazione del rischio stress lavoro-correlato e benessere organizzativo 1. PREMESSA L Azienda, dopo aver realizzato iniziative di rilevazione del clima organizzativo nel 2006 su un campione

Dettagli

BENESSERE ORGANIZZATIVO IN UN AZIENDA SANITARIA

BENESSERE ORGANIZZATIVO IN UN AZIENDA SANITARIA BENESSERE ORGANIZZATIVO IN UN AZIENDA SANITARIA Analisi integrata dello stress lavoro-correlato e degli Standard 1 e 4 HPH Marco Rizzo 1, Maria Peresson 1, Fabio Aizza 1, Francesca Larese Filon 2 1. ASS

Dettagli

Valutazione del rischio stress lavorocorrelato. Percorso metodologico Integrato INAIL

Valutazione del rischio stress lavorocorrelato. Percorso metodologico Integrato INAIL Confindustria Siracusa Stress lavoro correlato Seminario d aggiornamento in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro Siracusa, 25 ottobre 2011 Valutazione del rischio stress lavorocorrelato Percorso metodologico

Dettagli

La valutazione del rischio stress lavoro-correlato

La valutazione del rischio stress lavoro-correlato LA VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORATIVO IN ASS N 1 TRIESTINA 1 La valutazione del rischio stress lavoro-correlato PREMESSA Una delle rilevanti novità del Dlgs 81/08 e successive modifiche e integrazioni,

Dettagli

METODOLOGIA PER L INDAGINE E LA VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO

METODOLOGIA PER L INDAGINE E LA VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO L articolo 28 del Decreto Legislativo n 81/2008 introduce l obbligo per il Datore di Lavoro di valutare, insieme agli altri rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori,

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO

INDIRIZZI GENERALI PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO INDIRIZZI GENERALI PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO 1 Introduzione. La gestione della salute e sicurezza in azienda assume un importanza sempre maggiore non solo al fine

Dettagli

Data del sopralluogo: ASL Rilevazione: Operatore: Telefono: E-mail: Nome azienda: Codice Fiscale: Partita IVA: Codice ATECO:..

Data del sopralluogo: ASL Rilevazione: Operatore: Telefono: E-mail: Nome azienda: Codice Fiscale: Partita IVA: Codice ATECO:.. SCHEDA # In caso di impossibilità di procedere alla compilazione della scheda, specificare il motivo: Cessata attività Attività trasferita Attività inesistente Altro: Data del sopralluogo: ASL Rilevazione:

Dettagli

STRESS LAVORO CORRELATO

STRESS LAVORO CORRELATO ENTE PARCO ANTOLA SERVIZIO PERSONALE DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Art. 28, comma 1-bis, e art. 29, D.Lgs.vo 81/2008 e s.m.i. Circolare Ministero del lavoro e delle politiche sociali n. 23692 del

Dettagli

SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE RSPP MC PREPOSTO RLS DL AGG.TO N DATA REDATTO DA: VISTO DA: VERIFICATO DA: VISTO DA: VALIDATO DA: FILE: ELABORAZIONE

SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE RSPP MC PREPOSTO RLS DL AGG.TO N DATA REDATTO DA: VISTO DA: VERIFICATO DA: VISTO DA: VALIDATO DA: FILE: ELABORAZIONE CITTÀ DI ALESSANDRIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PIAZZA DELLA LIBERTÀ N. 1 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Art. 28 comma 1, 1bis e art. 29, D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Circolare Ministero del

Dettagli

Il rischio stress-lavoro correlato: risultati della valutazione del rischio su un campione di scuole trentine

Il rischio stress-lavoro correlato: risultati della valutazione del rischio su un campione di scuole trentine Chiara Vicario Il rischio stress-lavoro correlato: risultati della valutazione del rischio su un campione di scuole trentine Mansioni note in letteratura Documento di consenso sullo stress SIMLII (2005)

Dettagli

Il Medico Competente e il rischio stress lavoro correlato

Il Medico Competente e il rischio stress lavoro correlato Il Medico Competente e il rischio stress lavoro correlato Definizione dei criteri e metodi di valutazione del rischio stress lavoro correlato Maria Teresa Cella Corso di aggiornamento - Venerdì, 10 Giugno

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. SPISAL - Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza in Ambienti di Lavoro

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. SPISAL - Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza in Ambienti di Lavoro Dipartimento di Prevenzione U.O.C. SPISAL - Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza in Ambienti di Lavoro SCHEDA 1 Valutazione e gestione del rischio stress correlato V2-22/07/2013 A cura di Emanuela Guarise

Dettagli

Primi indirizzi generali per la valutazione e gestione del rischio stress lavorativo

Primi indirizzi generali per la valutazione e gestione del rischio stress lavorativo Primi indirizzi generali per la valutazione e gestione del rischio stress lavorativo maria paola cogotti L articolo 28, co. 1, D.Lgs. n. 81/08 e successive modifiche ed integrazioni, ha chiarito che Lo

Dettagli

Decreto 13559 del 10.12.2009 Regione Lombardia

Decreto 13559 del 10.12.2009 Regione Lombardia Decreto 13559 del 10.12.2009 Regione Lombardia Indirizzi generali per la valutazione e la gestione del rischio stress lavorativo alla luce dell Accordo Europeo 8.10.2004 Valutazione del rischio da stress

Dettagli

Circolare n.11 /2010 del 23 dicembre 2010* RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO: ENTRO IL 31.12.2010 E SUFFICIENTE AVVIARE LE ATTIVITA DI VALUTAZIONE

Circolare n.11 /2010 del 23 dicembre 2010* RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO: ENTRO IL 31.12.2010 E SUFFICIENTE AVVIARE LE ATTIVITA DI VALUTAZIONE Circolare n.11 /2010 del 23 dicembre 2010* RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO: ENTRO IL 31.12.2010 E SUFFICIENTE AVVIARE LE ATTIVITA DI VALUTAZIONE L art. 28 del D.Lgs. n. 81/2008 sulla sicurezza e salute

Dettagli

LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO: DALLO SVILUPPO ALL IMPLEMENTAZIONE

LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO: DALLO SVILUPPO ALL IMPLEMENTAZIONE LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO: DALLO SVILUPPO ALL IMPLEMENTAZIONE Sergio Iavicoli INAIL Dipartimento Medicina del Lavoro Roma 12 ottobre 2011 IMPLEMENTAZIONE DELL ACCORDO

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS DA LAVORO CORRELATO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS DA LAVORO CORRELATO «DVR _ STRESS LAVORO CORRELATO» Pagina 1 di 9 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS DA LAVORO CORRELATO (Art. 28 comma 1 D. Lgs. 9 aprile 2008 n.81 così come modificato dal D.Lgs. 106/09) conforme

Dettagli

IL PERICOLO STRESS LAVORO-CORRELATO ED IL RELATIVO RISCHIO PUO RIGUARDARE OGNI LUOGO DI LAVORO.

IL PERICOLO STRESS LAVORO-CORRELATO ED IL RELATIVO RISCHIO PUO RIGUARDARE OGNI LUOGO DI LAVORO. IL PERICOLO STRESS LAVORO-CORRELATO ED IL RELATIVO RISCHIO PUO RIGUARDARE OGNI LUOGO DI LAVORO. NON E POSSIBILE ESCLUDERE A PRIORI, PER NESSUNA REALTA LAVORATIVA, LA NECESSITA DI PROCEDERE AD UNA SUA VALUTAZIONE.

Dettagli

L obbligo di valutazione del rischio da stress lavoro correlato

L obbligo di valutazione del rischio da stress lavoro correlato RSPP-DDL aggiornamento 2013 L obbligo di valutazione del rischio da stress lavoro correlato Federico Vegetti La tutela della salute dei lavoratori, obbligo generale del datore di lavoro, passa anche attraverso

Dettagli

Roberto BEDINI. La salute e la sicurezza sul lavoro riguardano tutti. Un bene per te. Un bene per l azienda. Simone RICCIONI

Roberto BEDINI. La salute e la sicurezza sul lavoro riguardano tutti. Un bene per te. Un bene per l azienda. Simone RICCIONI Roberto BEDINI La salute e la sicurezza sul lavoro riguardano tutti. Un bene per te. Un bene per l azienda. Simone RICCIONI Prologo Correva l anno 2011, 1 gennaio, quando... 2 Prologo Prime impressioni...

Dettagli

Percorso metodologico e strumenti operativi per la valutazione del rischio stress lavoro-correlato

Percorso metodologico e strumenti operativi per la valutazione del rischio stress lavoro-correlato Percorso metodologico e strumenti operativi per la valutazione del rischio stress lavoro-correlato prof. Ricci Federico Psicologo del lavoro e delle organizzazioni Università di Modena e Reggio Emilia

Dettagli

La valutazione dello stress lavoro correlato

La valutazione dello stress lavoro correlato La valutazione dello stress lavoro correlato Beinasco 18 maggio 2011 S.L.C. La normativa La L articolo Legge 28 del 1 marzo Decreto2002, Legislativo n. 39 9 aprile "Disposizioni 2008 n. 81 per stabilisce

Dettagli

INCONTRO INFORMATIVO MEDICI COMPETENTI. Belluno 5 novembre 2014

INCONTRO INFORMATIVO MEDICI COMPETENTI. Belluno 5 novembre 2014 INCONTRO INFORMATIVO MEDICI COMPETENTI Belluno 5 novembre 2014 La valutazione del rischio SLC e ruolo del MC Legge Regione Veneto 22 gennaio 2010, n. 8 ~ sportelli di ascolto ~ centri di riferimento Attività

Dettagli

Stress lavoro correlato tra prevenzione e danno alla salute

Stress lavoro correlato tra prevenzione e danno alla salute Associazione Italiana Benessere e Lavoro Associazione di Psicologia delle Organizzazioni e del Lavoro In Sicurezza Stress lavoro correlato tra prevenzione e danno alla salute Aspetti normativi e giuridici

Dettagli

Come affrontare lo stress lavorativo

Come affrontare lo stress lavorativo V Convegno del Coordinamento Donne CIMO LA DONNA IN SANITÀ : UNA RISORSA, UNA CRITICITÀ, UNA FORZA MOTRICE DEL MIGLIORAMENTO IN SANITÀ Come affrontare lo stress lavorativo Antonia Ballottin ULSS 20 VERONA

Dettagli

CHECKLIST INDICATORI STRESS LAVORO CORRELATO

CHECKLIST INDICATORI STRESS LAVORO CORRELATO Timbro azienda: CHECKLIST INDICATORI STRESS LAVORO CORRELATO IL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO Pagina FASE - VALUTAZIONE INDICATORI OGGETTIVI STRESS LAVORO CORRELATO Pagina FASE IDENTIFICAZIONE DELLE

Dettagli

RELAZIONE DI SINTESI INDAGINE RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO

RELAZIONE DI SINTESI INDAGINE RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO RELAZIONE DI SINTESI INDAGINE RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO L art. 28 comma 1 del Dlgs 81/08 indica la necessità per il Datore di lavoro, che ne assume la responsabilità (art 29 DLgs. 81/08 e s.m.i.)

Dettagli

2010000009285/AG DLgs 81/2008: valutazione relativa ai rischi da stress lavoro-correlato. LORO SEDI

2010000009285/AG DLgs 81/2008: valutazione relativa ai rischi da stress lavoro-correlato. LORO SEDI Roma 22/12/2010 Ufficio: Prot.: Oggetto: DIR/ES 2010000009285/AG DLgs 81/2008: valutazione relativa ai rischi da stress lavoro-correlato. Circolare n. 7636 SS AI PRESIDENTI DEGLI ORDINI DEI FARMACISTI

Dettagli

GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO

GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO Quello che un datore di lavoro deve sapere per effettuare una corretta valutazione dello stress lavoro correlato STRESS LAVORO CORRELATO: di cosa si

Dettagli

Salute e sicurezza sul lavoro: significati e problemi della valutazione dei rischi da stress lavoro correlato

Salute e sicurezza sul lavoro: significati e problemi della valutazione dei rischi da stress lavoro correlato Salute e sicurezza sul lavoro: significati e problemi della valutazione dei rischi da stress lavoro correlato Stefano Grandi Centro Internazionale di documentazione e studi sociologici sui problemi del

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISCHI COLLEGATI ALLO STRESS LAVORO- CORRELATO (D. Lgs. 81/08, art. 28 e s.m.i.) gennaio 2013 1

VALUTAZIONE DEI RISCHI COLLEGATI ALLO STRESS LAVORO- CORRELATO (D. Lgs. 81/08, art. 28 e s.m.i.) gennaio 2013 1 VALUTAZIONE DEI RISCHI COLLEGATI ALLO STRESS LAVORO- CORRELATO (D. Lgs. 81/08, art. 28 e s.m.i.) gennaio 2013 1 INDICE Premessa Le fasi del progetto di valutazione Indagine e divulgazione dei dati (Fase

Dettagli

11 marzo 2014. dott.ssa Maria Bellan Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro AULSS 6 Vicenza

11 marzo 2014. dott.ssa Maria Bellan Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro AULSS 6 Vicenza VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO: IL RUOLO DEL MEDICO COMPETENTE 11 marzo 2014 dott.ssa Maria Bellan Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro AULSS 6 Vicenza VDR

Dettagli

CHE STRESS! E non so nemmeno cos è

CHE STRESS! E non so nemmeno cos è Organismo Paritetico Provinciale STRESS LAVORO CORRELATO CHE STRESS! E non so nemmeno cos è Scheda tecnica redatta da: Dott. Mauro Scartazza Consulente Salute Sicurezza e Igiene degli Alimenti Speciale

Dettagli

Proposta di metodo per la valutazione del rischio stress lavoro correlato

Proposta di metodo per la valutazione del rischio stress lavoro correlato COORDINAMENTO SPISAL DELLA PROVINCIA DI VERONA BUSSOLENGO, LEGNAGO, VERONA Proposta di metodo per la valutazione del rischio stress lavoro correlato Indice Pagina Il rischio stress lavoro correlato Fase

Dettagli

Corso di aggiornamento per il Medico Competente. Stress lavoro correlato: 4 anni di esperienza di valutazione e gestione del rischio

Corso di aggiornamento per il Medico Competente. Stress lavoro correlato: 4 anni di esperienza di valutazione e gestione del rischio Corso di aggiornamento per il Medico Competente Sezione regionale Veneto Stress lavoro correlato: 4 anni di esperienza di valutazione e gestione del rischio Padova, 14 marzo 2014 Antonia Ballottin Ulss

Dettagli

TRASFORMARE. Microcosmos VALUTAZIONE RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO UN OBBLIGO DI LEGGE IN UN OPPORTUNITÀ PER L AZIENDA E PER I LAVORATORI

TRASFORMARE. Microcosmos VALUTAZIONE RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO UN OBBLIGO DI LEGGE IN UN OPPORTUNITÀ PER L AZIENDA E PER I LAVORATORI Microcosmos Microcosmos Srl VALUTAZIONE RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO TRASFORMARE UN OBBLIGO DI LEGGE IN UN OPPORTUNITÀ PER L AZIENDA E PER I LAVORATORI Testo Unico Sicurezza - Art. 28 DL 81/2008 L art.

Dettagli

Hotel Villa Quiete- Montecassiano MC- 22 Settembre 2014 Dott.ssa Maria Pia Cancellieri-SPSAL Urbino

Hotel Villa Quiete- Montecassiano MC- 22 Settembre 2014 Dott.ssa Maria Pia Cancellieri-SPSAL Urbino La Valutazione del Rischio secondo le linee di indirizzo della Commissione ex art. 6 e il Manuale Inail Hotel Villa Quiete- Montecassiano MC- 22 Settembre 2014 Dott.ssa Maria Pia Cancellieri-SPSAL Urbino

Dettagli

Firenze 23 aprile 2012. L applicazione dell art 28 della legge n.81/2008 sull adeguamento del documento dei rischi sullo stress lavoro correlato

Firenze 23 aprile 2012. L applicazione dell art 28 della legge n.81/2008 sull adeguamento del documento dei rischi sullo stress lavoro correlato Indicazioni per la corretta gestione del rischio e per l attività di vigilanza alla luce della lettera circolare del 18 novembre 2010 del ministero del lavoro e delle politiche sociali Firenze 23 aprile

Dettagli

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO NELLE AZIENDE

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO NELLE AZIENDE coordinamento tecnico interregionale della prevenzione nei luoghi di lavoro E GESTIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO NELLE AZIENDE PARTE 1 Conosciamo lo Stress Lavoro-Correlato 1. Cosa sono lo stress

Dettagli

Emotional Intelligence Stress Audit

Emotional Intelligence Stress Audit Emotional Intelligence Stress Audit Valutazione del rischio stress lavoro correlato per il benessere delle persone e dell organizzazione Lo STRESS AUDIT è una metodologia che consente di valutare il rischio

Dettagli

Valutazione dello Stress Lavoro Correlato: cosa fare se

Valutazione dello Stress Lavoro Correlato: cosa fare se Valutazione dello Stress Lavoro Correlato: cosa fare se I suggerimenti che seguono fanno riferimento al documento regionale Decreto Direzione Generale Sanità Regione Lombardia n 10611 del.15/11/2011 -

Dettagli

Il metodo START STress Assessment Reasearch Toolkit

Il metodo START STress Assessment Reasearch Toolkit Laboratorio LavOriO (Facoltà di Psicologia e Dipartimento di Scienze dell'educazione) e Sezione di Medicina del Lavoro, Dipartimento di Medicina Interna, dell Invecchiamento e Malattie Nefrologiche, Alma

Dettagli

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO Manuale ad uso delle aziende in attuazione del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ricerca Edizione 2011 VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO LINEE OPERATIVE PER LE PICCOLE IMPRESE

LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO LINEE OPERATIVE PER LE PICCOLE IMPRESE LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO LINEE OPERATIVE PER LE PICCOLE IMPRESE Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs n.81/2008 Verona, Gennaio 2011 Gruppo Coordinato

Dettagli

Il Benessere organizzativo

Il Benessere organizzativo Il Benessere organizzativo 1 Tre domande chiave sul benessere organizzativo - cose è? - perché? - e noi? 2 prima domanda : cos è il benessere organizzativo 3 Benessere organizzativo...è l insieme dei nuclei

Dettagli

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO Manuale ad uso delle aziende in attuazione del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ricerca Edizione 2011 Pubblicazione realizzata da INAIL Dipartimento Medicina

Dettagli

MODULO 4 LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO: IL FOLLOW UP DELLE AZIENDE, VERIFICA, MONITORAGGIO E AGGIORNAMENTO DEL DVR

MODULO 4 LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO: IL FOLLOW UP DELLE AZIENDE, VERIFICA, MONITORAGGIO E AGGIORNAMENTO DEL DVR MODULO 4 LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO: IL FOLLOW UP DELLE AZIENDE, VERIFICA, MONITORAGGIO E AGGIORNAMENTO DEL DVR FASI DEL PROCESSO DI VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO

Dettagli

Strumenti e metodi per la valutazione dello stress lavoro correlato Dr.ssa Patrizia Serranti RSSP Ergonomo CNR Bologna

Strumenti e metodi per la valutazione dello stress lavoro correlato Dr.ssa Patrizia Serranti RSSP Ergonomo CNR Bologna Lo stress si misura? Come valutare lo stress lavoro correlato D.lgs 81/08 Ambiente Lavoro Change s.r.l. 8 ottobre 2008 Strumenti e metodi per la valutazione dello stress lavoro correlato Dr.ssa Patrizia

Dettagli

SICUREZZA E PREVENZIONE

SICUREZZA E PREVENZIONE SICUREZZA E PREVENZIONE Lo stress lavoro-correlato Un fenomeno in aumento, da gestire per il benessere di lavoratori e imprese Le Linee di indirizzo del Ministero Il 25% dei lavoratori europei dichiara

Dettagli

Stress - Panorama legislativo

Stress - Panorama legislativo Lo Stress lavoro-correlato La valutazione del rischio stress lavoro correlato Stress - Panorama legislativo Accordo- quadro Europeo 8 ottobre 2004 Art. 28 del D.Lgs. n.81/2008 Valutazione del rischio stress

Dettagli

aiflearningnews@gmail.com - www.aifonline.it Gennaio 2013, anno VII N. 1 di Renato Mastrosanti *

aiflearningnews@gmail.com - www.aifonline.it Gennaio 2013, anno VII N. 1 di Renato Mastrosanti * Gennaio 2013, anno VII N. 1 La formazione aziendale nell ambito del benessere organizzativo Un caso di percorso integrato di formazione sulla gestione del rischio stress lavoro correlato di Renato Mastrosanti

Dettagli

INSIEME PER LA GESTIONE E LA PREVENZIONE DELLO STRESS LAVORO-CORRELATO campagna europea ambienti di lavoro sani e sicuri La Spezia 12 novembre 2014

INSIEME PER LA GESTIONE E LA PREVENZIONE DELLO STRESS LAVORO-CORRELATO campagna europea ambienti di lavoro sani e sicuri La Spezia 12 novembre 2014 INSIEME PER LA GESTIONE E LA PREVENZIONE DELLO STRESS LAVORO-CORRELATO campagna europea ambienti di lavoro sani e sicuri La Spezia 12 novembre 2014 Dr Rodolfo Buselli U.O.Medicina Preventiva del Lavoro

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciano a SCUOLA STRESS LAVORO-CORRELATO

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciano a SCUOLA STRESS LAVORO-CORRELATO LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciano a SCUOLA STRESS LAVORO-CORRELATO COSA E LO STRESS Lo stress è una risposta naturale dell organismo che permette di affrontare situazioni percepite come problematiche

Dettagli

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Dipartimento di Sanità Pubblica Sezione di Medicina del Lavoro Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Report conclusivo:

Dettagli

REQUISITI MINIMI PREVISTI DALLA NORMATIVA

REQUISITI MINIMI PREVISTI DALLA NORMATIVA Marina di Carrara 06/09/2013 Seminario Valutazione e gestione dei rischi collegati allo stress lavoro-correlato nelle scuole VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO NELLA SCUOLA REQUISITI

Dettagli

PERCORSO DI VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO. Spisal ULSS 18 Rovigo dott.ssa Mara Cristofori

PERCORSO DI VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO. Spisal ULSS 18 Rovigo dott.ssa Mara Cristofori PERCORSO DI VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO Spisal ULSS 18 Rovigo dott.ssa Mara Cristofori Il percorso di valutazione 1 FASE Coinvolgimento dei dirigenti Azioni comunicative e informative Analisi

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO - CORRELATO E LA PROMOZIONE DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO D.Lgs 81/08 Verona, 7 luglio 2010

LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO - CORRELATO E LA PROMOZIONE DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO D.Lgs 81/08 Verona, 7 luglio 2010 Università degli studi di Verona Ulss 2 Verona Università degli Studi di Padova Dipartimento Psicologia Applicata LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO - CORRELATO E LA PROMOZIONE DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO

Dettagli

SCHEDE DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO

SCHEDE DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO SCHEDE DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO FASE -VALUTAZIONE INDICATORI OGGETTIVI STRESS LAVORO CORRELATO La valutazione dello stress lavoro correlato prevede la compilazione di una Check

Dettagli

Stress lavoro correlato

Stress lavoro correlato Stress lavoro correlato a cura di arch. Paolo Garattoni Via dott. Luigi Comi 78 21040 Uboldo (VA) www.studio-garattoni.com +39.335.6945854 Definizione di stress Hans Seley, 1975 Sindrome generale di adattamento

Dettagli

Protocollo minimo di valutazione dei rischi da Stress Lavoro-Correlato

Protocollo minimo di valutazione dei rischi da Stress Lavoro-Correlato Protocollo minimo di valutazione dei rischi da Stress Lavoro-Correlato Secondo le indicazioni della Commissione consultiva 17/11/2010 Associata ECO-CONSULT S.r.l., fondata nel 1991, opera nel campo dell

Dettagli

NEAT??? Peif 3.4??? Peif 3.5???...??? Stress lavoro correlato

NEAT??? Peif 3.4??? Peif 3.5???...??? Stress lavoro correlato NEAT??? Peif 3.4??? Peif 3.5???...??? Stress lavoro correlato STRESS - DEFINIZIONE RISPOSTA DELL ORGANISMO AD OGNI TIPO DI SOLLECITAZIONE In linea generale identifica una condizione in cui l individuo

Dettagli

RISCHI DA FATTORI PSICO-SOCIO-LAVORATIVI STRESS LAVORO-CORRELATO

RISCHI DA FATTORI PSICO-SOCIO-LAVORATIVI STRESS LAVORO-CORRELATO RISCHI DA FATTORI PSICO-SOCIO-LAVORATIVI STRESS LAVORO-CORRELATO CORSO Di FORMAZIONE ASL CN2 ALBA-BRA 05/07/2012 Dr. Musto Domenico Dirigente Medico S.Pre.S.A.L. ASL AT Asti D.L.GS 81/2008 E RISCHI DA

Dettagli

Tutela della salute e sicurezza sul lavoro. Giunta regionale d Abruzzo. dott.ssa Flavia Margaritelli

Tutela della salute e sicurezza sul lavoro. Giunta regionale d Abruzzo. dott.ssa Flavia Margaritelli Tutela della salute e sicurezza sul lavoro Ufficio prevenzione e protezione Giunta regionale d Abruzzo 1 I Continenti che si incontrano e non vanno alla deriva Lo sviluppo del capitale umano in tutte le

Dettagli

Convegno Il contributo del Medico Competente alla valutazione dei rischi nel comparto sanità

Convegno Il contributo del Medico Competente alla valutazione dei rischi nel comparto sanità Convegno Il contributo del Medico Competente alla valutazione dei rischi nel comparto sanità Il contributo alla valutazione del rischio stress lavoro-correlato Dr.ssa Paola Del Bufalo Responsabile S.S.

Dettagli

PROCEDURA GESTIONALE DIREZIONE PG SG.12 MONITORAGGIO DELLA SODDISFAZIONE DEI CLIENTI

PROCEDURA GESTIONALE DIREZIONE PG SG.12 MONITORAGGIO DELLA SODDISFAZIONE DEI CLIENTI PROCEDURA GESTIONALE DIREZIONE PG SG.12 MONITORAGGIO DELLA SODDISFAZIONE DEI CLIENTI REV. n. DATA Motivo revisione Responsabile REDAZIONE Settore CID Responsabile VERIFICA Settore SG Responsabile APPROVAZIONE

Dettagli

Indagini per la conoscenza del livello del benessere organizzativo aziendale Triennio 2012/2014

Indagini per la conoscenza del livello del benessere organizzativo aziendale Triennio 2012/2014 Indagini per la conoscenza del livello del benessere organizzativo aziendale Triennio 2012/2014 La valutazione del benessere organizzativo è stata affidata ad un soggetto esterno individuato nel Prof.

Dettagli

Valutazione del rischio stress lavoro-correlato e violenza agli operatori (D.Lgs 81/08 e s.m.i.) AOU Policlinico di Modena

Valutazione del rischio stress lavoro-correlato e violenza agli operatori (D.Lgs 81/08 e s.m.i.) AOU Policlinico di Modena Valutazione del rischio stress lavoro-correlato e violenza agli operatori (D.Lgs 81/08 e s.m.i.) AOU Policlinico di Modena LO STRESS LAVORO-CORRELATO Lo STRESS dovuto al lavoro può essere definito come

Dettagli

ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO

ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO Progetto VSQ Valutazione per lo Sviluppo della Qualità della scuola Profilo della scuola POPPI Codice meccanografico ARIC8R INDICE Introduzione La partecipazione al progetto:

Dettagli

Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP

Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP Nell ambito del progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti si è proceduto alla realizzazione di quattro focus

Dettagli

La qualità della vita lavorativa nei call center

La qualità della vita lavorativa nei call center La qualità della vita lavorativa nei call center Obiettivi, metodologia di ricerca e descrizione del campione di Sergio Mauceri (Dipartimento di Comunicazione e Ricerca Sociale Sapienza Università di Roma)

Dettagli

LA METODOLOGIA DI PASSI

LA METODOLOGIA DI PASSI LA METODOLOGIA DI PASSI IL QUESTIONARIO L INTERVISTA TELEFONICA ruolo dell intervistatore criticità emerse Marinella Giuliano Dipartimento Prevenzione ASL 2 Savonese Savona, 7 Maggio 2007 LA METODOLOGIA

Dettagli

LO STRESS LAVORO CORRELATO obblighi, sanzioni,i fenomeni di mobbing. Avv. Valeria Cataldi

LO STRESS LAVORO CORRELATO obblighi, sanzioni,i fenomeni di mobbing. Avv. Valeria Cataldi LO STRESS LAVORO CORRELATO obblighi, sanzioni,i fenomeni di mobbing Avv. Valeria Cataldi Art.2087 c.c. L imprenditore è tenuto ad adottare nell esercizio dell impresa le misure che, secondo la particolarità

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI ART. 17 e 28 D. LGS. 81/08

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI ART. 17 e 28 D. LGS. 81/08 DOCUMENTO DI ART. 17 e 28 D. LGS. 81/08 MCDONALD S AGGIORNAMENTO DEL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DELLE ATTIVITA PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO RIFERIMENTI: D. Lgs. 9 Aprile

Dettagli

Gli strumenti per l identificazione delle fonti di rischio

Gli strumenti per l identificazione delle fonti di rischio Gli strumenti per l identificazione delle fonti di rischio Pier Giovanni Bresciani Presidente SIPLO Docente di Progettazione Formativa Facoltà di Psicologia, Università di Bologna OGGETTO DELL INTERVENTO

Dettagli

Glossario della valutazione dei rischi da stress lavoro-correlato

Glossario della valutazione dei rischi da stress lavoro-correlato Glossario della valutazione dei rischi da stress lavoro-correlato ASPP Addetto ai servizi di protezione e prevenzione ANALISI DOCUMENTALE Lettura dell organizzazione del lavoro (organigramma, flussi produttivi,

Dettagli

Ing. Ant o Ant nio o nio Giorgi Gior gi RSPP

Ing. Ant o Ant nio o nio Giorgi Gior gi RSPP Ing Antonio Giorgi Ing. Antonio Giorgi RSPP Il Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell art. 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei

Dettagli

Lavoro e rischi psicosociali

Lavoro e rischi psicosociali Lavoro e rischi psicosociali Stress, Burn out, Mobbing Valeria Perrucci Psicologa, Formatrice Insieme delle variabili organizzative, gestionali, ambientali e relazionali che possono causare un danno psicologico,

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO dott. rag. Marco Ansaldi e rag. Antonella Bolla CONSULENZA FISCALE E DEL LAVORO 06.08.2010 VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO I continui cambiamenti a livello di organizzazione del lavoro,

Dettagli

VALUTAZIONE del RISCHIO di ORIGINE PSICOSOCIALE o STRESS-LAVORO CORRELATO

VALUTAZIONE del RISCHIO di ORIGINE PSICOSOCIALE o STRESS-LAVORO CORRELATO ISTITUTO REGIONALE per la PROGRAMMAZIONE ECOMICA della TOSCANA - IRPET VALUTAZIONE del di ORIGINE PCOSOCIALE o STRESS-LAVORO CORRELATO La presente relazione costituisce aggiornamento del Documento di Valutazione

Dettagli

IL LAVORO è SALUTE FACCIAMO PREVENZIONE

IL LAVORO è SALUTE FACCIAMO PREVENZIONE IL LAVORO è SALUTE FACCIAMO PREVENZIONE Non possiamo insegnare direttamente a qualcuno, possiamo solo facilitare il suo apprendimento (Rogers C. 1961) BARI - BAT LABORATORIO DI ASCOLTO E PREVENZIONE DELLO

Dettagli

Giuliano Pesel MEDICO DEL LAVORO SPPA

Giuliano Pesel MEDICO DEL LAVORO SPPA INDIVIDUAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI: IL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO Giuliano Pesel MEDICO DEL LAVORO SPPA In collaborazione con Stefano Russian, Direzione Sanitaria Claudia Carosi, SPPA Anna Roia,

Dettagli

Lo sportello d ascolto per i dipendenti

Lo sportello d ascolto per i dipendenti ULSS 13 Dolo-Mirano-Noale U.O. SORVEGLIANZA SANITARIA DEI LAVORATORI E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO Responsabile dr. Fabrizio Fiorini Lo sportello d ascolto per i dipendenti Dott.ssa Stefania Menin

Dettagli

PAIS Rivista mensile di cultura professionale e di formazione in servizio

PAIS Rivista mensile di cultura professionale e di formazione in servizio Periodico Amministrativo delle Istituzioni PAIS Scolastiche Rivista mensile di cultura professionale e di formazione in servizio METODO PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO (secondo le

Dettagli

Relazione sul benessere organizzativo (2013)

Relazione sul benessere organizzativo (2013) Relazione sul benessere organizzativo (0) ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE PROVINCIA DI PISTOIA Dott.ssa Elena Gori Via Boschetti e Campano, 8 09 Quarrata (PT) Tel. 7 0880 E-mail elena.gori@unifi.it

Dettagli

L adesione a tale progetto è da considerarsi come esperienza che possa consentire di raggiungere più obiettivi:

L adesione a tale progetto è da considerarsi come esperienza che possa consentire di raggiungere più obiettivi: Dott. Giuseppe MONTAGANO Dirigente Generale del Dipartimento Salute, Sic. E Sol. Soc. Servizi alla Persona ed alla Comunità S E D E Spett.le CANTIERI DIARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA ROMA Oggetto Benessere

Dettagli

LE RISORSE UMANE E L ANALISI DEL CLIMA

LE RISORSE UMANE E L ANALISI DEL CLIMA LE RISORSE UMANE E L ANALISI DEL CLIMA Questo articolo vuole far riflettere sul perché è necessario tenere sotto controllo il clima aziendale in tutti i suoi aspetti. Infatti a seconda dello stato del

Dettagli

Valutazione del rischio stress lavoro-correlato: le migliori prassi

Valutazione del rischio stress lavoro-correlato: le migliori prassi Convegno Il benessere organizzativo: esperienze e buone prassi nella gestione dello stress lavoro correlato in Italia Valutazione del rischio stress lavoro-correlato: le migliori prassi Carlo Bisio Psicologo

Dettagli

INDICE. Sommario esecutivo p. 3. Introduzione p. 5. Parte 1 Modelli teorici e quadri di riferimento p. 10

INDICE. Sommario esecutivo p. 3. Introduzione p. 5. Parte 1 Modelli teorici e quadri di riferimento p. 10 PREFAZIONE Al fine di contribuire ad un adeguata gestione dei rischi psicosociali, negli ultimi anni l ISPESL ha adottato una strategia avente l obiettivo di realizzare un sistema a rete della ricerca

Dettagli

CHECKLIST OPERATIVA: VERIFICA DELLA CORRETTA APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA SULLO STRESS LAVORO-CORRELATO

CHECKLIST OPERATIVA: VERIFICA DELLA CORRETTA APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA SULLO STRESS LAVORO-CORRELATO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Via Padova, 11-25125 BRESCIA SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO Corso Matteotti, 21 25122 BRESCIA CHECKLIST OPERATIVA: VERIFICA DELLA CORRETTA

Dettagli

VALUTAZIONE RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO

VALUTAZIONE RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO Ing. Roberto Scarparo SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 28 DEL D.Lgs. 8/2008 VALUTAZIONE RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO SERVIZIO DI PREVENZIONE

Dettagli

ESPERIENZA DELLA AZIENDA ULSS 20 DI VERONA

ESPERIENZA DELLA AZIENDA ULSS 20 DI VERONA ORDINE DEGLI PSICOLOGI DEL VENETO Convegno ESPERIENZA DELLA AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Metodo per la valutazione dello stress lavoro correlato Dr.ssa Antonia Ballottin Psicologo del Lavoro Spisal Ulss 20

Dettagli