Il Medico del Lavoro nell'analisi e nella gestione dello stress occupazionale e delle patologie emergenti ad esso correlate.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Medico del Lavoro nell'analisi e nella gestione dello stress occupazionale e delle patologie emergenti ad esso correlate."

Transcript

1 Il Medico del Lavoro nell'analisi e nella gestione dello stress occupazionale e delle patologie emergenti ad esso correlate. A. Bergamaschi, C. Papadia, B. Sed Cattedra di Medicina del Lavoro Università degli Studi di Roma "Tor Vergata" Introduzione Scopo del presente lavoro è analizzare le cause, lo sviluppo e gli effetti dello stress occupazionale e di altre patologie emergenti ad esso correlate al fine di fornire alcune considerazioni sulle possibilità di gestione di tali patologie da parte del medico del lavoro. L argomento è sempre più di attualità sia per la crescente incidenza di tali patologie in ambito lavorativo che per lo sviluppo sempre più consistente di conoscenze biomediche su tale argomento. Ciononostante, nella pratica clinica, tanto più nel campo della medicina del lavoro, si incontrano serie difficoltà nell affrontare situazioni in cui si presentano alla nostra attenzione malattie cosiddette emergenti rappresentate ad esempio da: stress; patologie psichiche stress correlate; patologie organiche stress correltate; burn-out; ecc.. Le difficoltà nascono soprattutto dalla resistenza, ancora presente, a riconoscere, sia in ambito lavorativo che legislativo, lo stress e le patologie ad esso correlate come patologie vere e proprie, meritevoli delle stesse attenzioni preventive che normalmente vengono riservate alle altre patologie professionali tradizionali. La mancanza di una univoca collocazione nosografica dello stress e delle patologie emergenti ad esso correlate, le relega, infatti, in un ambito quasi sperimentale e di scarsa credibilità. Tale problema è sentito soprattutto nel campo della medicina del lavoro dove il medico deve fare i conti non solo con le difficoltà di ordine scientifico per la diagnosi di tali patologie, ma anche con la legislatura del lavoro, che non sempre fornisce linee guida chiare per gestire una materia così delicata e complessa.

2 Definizione. Il termine «stress» viene ampiamente usato ed abusato, ma il suo significato non è sempre così chiaro, tanto che viene spesso confuso con i concetti di stanchezza, depressione, ed altre forme di disadattamento psichico. Stress, in inglese, significa tra l altro, pressione, sollecitazione, ed il termine è stato introdotto proprio per indicare questa spinta a reagire esercitata sull organismo da diversi stimoli. Per stress si intende un particolare tipo di rapporto tra la persona e l ambiente che viene valutato dalla persona stessa come gravoso o superiore alle proprie risorse e minaccioso per il proprio benessere (35,36). Pertanto lo stress costituisce una interazione dinamica tra le persone e il loro ambiente e non soltanto una caratteristica nociva dell ambiente stesso o un effetto fisiologico a stimoli avversi. Lo stress, quindi, non determina un effetto necessariamente negativo sull organismo. Gli effetti negativi si verificano quando vi sia una discrepanza tra le richieste dell ambiente e la capacità dell individuo di mettere in atto una risposta per fronteggiarle. In questo caso si parla di distress, che si contrappone alla condizione di eustress (figure 1, 2). Le definizioni "meccanicistiche", "psicologiche" e "dinamiche", contenute nella definizione formulata da T. Cox (12), pur restando concettualmente separate, presentano numerosi punti di sovrapposizione. [figure 1, 2] In altri termini, esiste un livello di stimolazione da parte dell ambiente, ottimale per il benessere dell individuo. Tale livello genera una condizione di eustress. Livelli di stimolazione superiori o inferiori, generano condizioni di distress che possono condurre a vere e proprie patologie sia di natura psichica che organica. La suscettibilità individuale e la predisposizione individuale sono gli elementi determinanti per la progressione o l arresto del processo. La suscettibilità individuale è data da un insieme di variabili strettamente individuali. Tra queste, il significato che viene attribuito ad un evento (valutazione), rappresenta la tappa limitante per lo sviluppo dell intero processo. Selye (50,51) ha efficacemente espresso questo concetto osservando che il problema di studiare lo stress risiede nel fatto che ciò che è stressante per una persona può non esserlo per un altra.

3 L altra variabile individuale che rende i soggetti più o meno suscettibili allo stress, è la capacità di instaurare efficaci meccanismi di coping (protezione - adattamento). Il coping rappresenta l insieme di pensieri e azioni che vengono messe in atto dall individuo per fronteggiare le situazioni di pericolo. Si possono distinguere due forme di coping : coping centrato sull evento e coping centrato sull emozione.nel primo caso, il soggetto cercherà di agire sull evento per ridurne le caratteristiche di pericolo. L esempio può essere fornito dagli studenti che in condizioni di stress, come avviene prima di un esame, chiedono spiegazioni a tutti i colleghi, studiano e ristudiano continuamente gli stessi argomenti. Nel caso di coping centrato sull emozione, invece, lo studente svolgerà atti scaramantici, farà pratiche di rilassamento, ecc.. Se i meccanismi di coping sono efficaci, il processo può interrompersi a questo punto e la condizione di stress può dirsi esaurita. Nel caso in cui, invece, le capacità di coping non siano efficaci oppure si esauriscano, vengono attivati meccanismi neurologici per avviare le modificazioni fisiologiche dell organismo che consentono di fronteggiare le maggiori richieste dell ambiente. Esempi di tale attivazione sono le modificazioni reversibili di parametri fisiologici misurabili, conseguenti all attivazione del sistema nervoso simpatico o dell asse ipotalamo-ipofisisurrene. A questo livello del processo, si può affermare che, benché siano presenti delle modificazioni organiche misurabili, non si è affatto in presenza di una patologia. Questa condizione è equiparabile a quanto avviene in seguito all esposizione, ad esempio, al calore: la presenza di sudorazione, corrisponde semplicemente ad un adattamento fisiologico dell organismo ad una condizione ambientale, non certo ad una condizione patologica o pericolosa per la salute dell individuo. Se, però, il processo non si esaurisce a questo punto, le capacità di compenso tendono ad esaurirsi e si avvia una fase di irreversibilità degli effetti e di vere e proprie patologie d organo. La predisposizione individuale entra in gioco nel determinare l organo bersaglio della patologia stress-correlata. Le figure 3 e 4 descrivono gli eventi che possono condurre da una naturale interazione con situazioni da fronteggiare ad una vera e propria condizione di stress ed alle patologie stress-correlate. [figure 3,4]

4 Dimensioni del problema. Dal 1992 il Bureau of Labour Statisics (BLS) svolge un «Programma statistico sulla salute e sicurezza» in cui raccoglie dati accurati sulle caratteristiche degli infortuni e malattie professionali con esito non fatale. Secondo le stime del BLS nel 1997 si sono verificati 3418 casi di stress occupazionale, cioè di assenze imputabili alla cosiddetta «reazione neurotica da stress»(60). Il termine «reazione neurotica da stress» viene utilizzato come sinonimo di «stress occupazionale», a sottolineare il concetto che sebbene per molti lavoratori lo stress sia una normale componente del loro lavoro alcuni di essi manifestano livelli più elevati di stress fino al punto di ammalarsi e di aver bisogno di allontanarsi dal lavoro. La durata media della assenza per tale patologia è stata di ben 23 giorni: più di 4 volte la durata media della assenza per altre malattie o infortuni non fatali. Nel 44% dei casi, lo stress occupazionale ha comportato assenze di 31 o più giorni. Tra le altre patologie o infortuni non fatali, solo il 19% ha comportato assenze di 31 o più giorni. Negli USA sono persi a causa dell assenteismo pressappoco 550 milioni di giorni di lavoro(25) e di questi il 54% e dovuto allo stress (15). Le statistiche del BLS, rivelano un dato interessante riguardo all incidenza di stress occupazionale nelle diverse categorie di lavoratori. In particolare è stato osservato che la più alta percentuale di stress è presente tra gli impiegati piuttosto che tra gli operai (figura 5). [figura 5] Come mostra la tabella 1, nel corso della stessa analisi è stato rilevato che le donne, più degli uomini, si sono assentate dal lavoro a causa di stress occupazionale. [Tabella 1] Secondo i dati emersi dalla «Second European Survey on Working Conditions in the European Union», pubblicata dalla Fondazione Europea di Dublino, nel 1996 il 28% di lavoratori dell Unione Europea riferivano disturbi correlati allo stress (17). Questo equivale a circa 41 milioni di lavoratori europei colpiti ogni anno da stress legato ad attività lavorativa (tabella 2). Dalla stessa ricerca risulta che il 23% dei lavoratori aveva dichiarato di essersi assentato dal lavoro per problemi dovuti allo stress nei precedenti 12 mesi (tabella 3).

5 Studi condotti sulla popolazione europea rivelano che il numero medio di giornate lavorative perse a causa dello stress per lavoratore era di 4 all anno, il che equivale a di circa 600 milioni di giorni di lavoro persi in un anno (1). Nel 1986 alcuni studi condotti da Kearns, in Inghilterra, avevano messo in evidenza che più del 60% delle assenze dal lavoro erano causate da disturbi correlati allo stress (tabella4) (33). [tabelle 2,3,4] Secondo uno studio del 1996 della Health & Safety Executive, in Inghilterra, allo stress da lavoro sono da attribuire almeno la metà di tutti i giorni di lavoro persi (9). Uno studio del 1998 ha calcolato che, nella sola Gran Bretagna, vengono persi ogni anno circa 5 milioni di giorni di lavoro a causa di stress occupazionale su un totale di 19,5 milioni di giornate perse a causa di patologie correlate al lavoro (27). Alla luce dei dati riportati si comprende come in termini di costi lo stress e le patologie ad esso correlate costituisca un problema estremamente rilevante, sia in Europa che nei paesi extraeuropei. Basti pensare che il NIOSH riporta che le spese sanitarie sono maggiori del circa 50% per i lavoratori che riferiscono elevati livelli di stress (40). In Australia secondo i dati del Federal Assistant Minister for Industrial Relations il costo dello stress occupazionale, nel 1994, si aggirava intorno ai 30 milioni di dollari australiani, equivalenti a circa 36 miliardi di lire (18, 1). Sempre in Australia è stato calcolato che l assenteismo correlato allo stress in una popolazione di operatori telefonici appartenenti a 126 call centres, nel 1999 ha avuto un costo di 150 dollari per operatore per anno, ed un costo complessivo di 7.5 milioni di dollari australiani per anno (approssimativamente 4.54 milioni di euro) (13). Da questa prima analisi dei dati disponibili, si comprende che il problema dello stress occupazionale costituisce un problema di non trascurabile entità, sia ai fini della protezione e della salute dei lavoratori che dell economia in generale.

6 Stress e lavoro Quotidianamente siamo esposti a numerosi stimoli che possono rappresentare una fonte di stress, e tra questi sempre maggiore importanza viene attribuita al lavoro. Sebbene il lavoro rappresenti soltanto uno dei possibili aspetti della vita da cui può derivare l esperienza di stress e di malattia, in realtà viene identificato come una delle principali fonti di stress da molti gruppi di soggetti studiati. In uno studio condotto da Dohrenwend & Dohrenwend nel 1974 su alcuni gruppi di persone, veniva chiesto di attribuire un punteggio ad alcuni eventi, paragonandoli con il matrimonio a cui era attribuito un valore arbitrario di 500 (14). Nella lista di 102 eventi stressanti, 21 erano relativi al lavoro. I punteggi più alti vennero assegnati ad eventi lavorativi, superati soltanto da morte di un figlio e dal divorzio. Secondo i dati ottenuti da Cox et al. in una ricerca del 1981, più della metà degli intervistati (54%) ha indicato il lavoro come la principale fonte di problemi e stress; un altro 12% di intervistati ha invece imputato all interfaccia lavoro-casa l origine del proprio stress (10). E noto che non è possibile considerare netto il confine tra l ambio lavorativo e quello non lavorativo; di conseguenza, come dimostrato da alcuni studi, lo stress lavorativo influenza la vita privata e viceversa. In una ricerca del Canadian Mental Health Association (1984) più della metà dei soggetti in studio ha risposto di percepire una qualche o una grande quantità di interferenza tra il loro lavoro e la vita privata (5). Si può quindi affermare che entrambi questi aspetti della vita agiscono ed interagiscono tra di loro nel determinare effetti sull uomo. Se questa interazione ed i relativi effetti appaiono palesi in caso di eventi stressanti acuti, possono esserlo meno in caso di eventi stressanti cronici. Questi ultimi, anzi, possono venire sottovalutati o addirittura passare inosservati benché giochino un ruolo importante nell influenzare la vita lavorativa che in quella privata. Vista la stretta interrelazione tra vita privata e lavoro risulta assai difficile individuare i limiti dello stress occupazionale. Si è pertanto sviluppata una ricca letteratura volta a stabilire il ruolo del lavoro come causa di stress. Di seguito vengono riportate le posizioni più autorevoli in merito allo studio del rapporto stress e lavoro.

7 Il NIOSH (National Institute for Occupational Safety and Health), l agenzia Federale Statunitense responsabile di condurre ricerche e fornire raccomandazioni per la prevenzione delle patologie e degli infortuni sul lavoro, i cui studi e indicazioni costituiscono un riferimento per la medicina del lavoro a livello mondiale, ha definito lo stress da lavoro come l insieme delle risposte psichiche e fisiche di allarme che occorrono quando le richieste da parte del lavoro non corrispondono alle capacità, alle risorse o alle necessità del lavoratore.(40). Come evidenziato, anche, nella Ricerca sullo Stress da Lavoro dell Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro (1999), esiste un crescente consenso sulla definizione di stress legato al lavoro in termini di interazioni tra lavoratore ed ambiente di lavoro (1). Un particolare accento su questa interazione è stato posto da numerosi Autori. Tra questi French e altri hanno formulato la teoria dell Adattamento Uomo-Ambiente in cui vengono identificati due aspetti fondamentali di questo adattamento e cioè il grado con cui le capacità e le abilità del lavoratore soddisfano le richieste dell ambiente di lavoro ed il grado con cui l ambiente di lavoro soddisfa le necessità del lavoratore ed in modo particolare fino a che punto l individuo può usare le proprie capacità e conoscenze e fino a che punto è incoraggiato a farlo.(20). Secondo questa teoria lo stress deriva da una mancanza di adattamento tra le due variabili. Un approccio di rilievo allo studio dello stress occupazionale è stato proposto da R. Kalimo ed ha costituito il punto di riferimento per il Gruppo di Lavoro Scientifico ICOH per la Organizzazione del Lavoro e Fattori Psicosociali (WOPS) (1997).(28). Kalimo propone un approccio epidemiologico allo studio dei fattori sociali sul lavoro e dei loro effetti sulla salute. Tale approccio prevede: i) l individuazione delle relazioni tra problemi di salute e fattori di rischio psicosociali legati al lavoro; ii) lo svolgimento di studi sul campo di tipo longitudinale iii) la attuazione di interventi controllati. Karasek è forse lo psicologo che più di altri nei suoi studi si è occupato del ruolo svolto dalle caratteristiche del lavoro nel determinare stress e conseguenti effetti sulla salute. Egli ha proposto un modello che comprende ed integra quei fattori a cui di solito si attribuisce un elevato potere stressogeno e cioè: l elevato carico di lavoro, le scarse possibilità di decisione, il basso livello di capacità richieste e l isolamento sociale.

8 Karasek sostiene che la soddisfazione sul lavoro dipende dall autonomia decisionale e che lo stress origina da valutazioni di carichi eccessivi del lavoro.(29,31,3) Individua così le variabili dell organizzazione del lavoro sulle quali agire per ridurre lo stress e le patologie ad esso correlate ed aumentare la soddisfazione ed il benessere dei lavoratori. Queste variabili sono: - il carico di lavoro, cioè la quantità e la qualità della domanda di operazioni da svolgere e la pressione dei compiti; - l autonomia decisionale sui comportamenti da intraprendere per svolgere il proprio lavoro, e la varietà del lavoro, ovvero la possibilità di poter scegliere nel proprio lavoro tra un certo numero di abilità o conoscenze acquisite; - il sostegno morale, cioè la qualità dell ambiente umano e relazionale nel contesto lavorativo, e soprattutto la possibilità di ricorrere ad altri per aiuto e cooperazione nella soluzione dei problemi. In conclusione si può affermare che le caratteristiche fisiche e psicosociali del lavoro, interagendo con eventi stressogeni della vita extralavorativa e dell ambiente familiare, giocano un ruolo cruciale nel determinare lo stress e i disturbi psico-fisici ad esso correlati. Stress e salute Per studiare la relazione tra stress e patologie ad esso correlate è necessario riconoscere che lo stress non è di per sé una patologia, ma è la possibile causa di patologie psichiche e/o fisiche. Ciononostante in una condizione di stress, acuto o cronico, pur in assenza di una vera e propria patologia, si possono riscontrare delle modificazioni psichiche e/o organiche, per lo più reversibili che, pur non assumendo ancora le connotazioni di una vera e propria patologia, diventano rilevanti in quanto possono compromettere lo stato di benessere psicofisico del soggetto. Lo stress deve essere pertanto considerato come una risposta integrata dell organismo a richieste dell ambiente, risposta che diventa dannosa se troppo intensa, ripetuta o prolungata nel tempo. Soltanto in alcune circostanze ed in particolari condizioni, quindi, una esperienza di stress si può trasformare in una vera e propria malattia.

9 Numerosi sono gli studi che, a partire dal 1920 e 1930 con le ricerche di Cannon (6) e Selye (50,51), hanno cercato di chiarire la relazione tra lo stress e gli effetti sulla salute ad esso correlati. Tra gli Autori che hanno studiato l interazione tra stress e organismo bisogna ricordare Jenkins di cui riportiamo nello schema seguente il modello proposto.(26). Nel corso degli anni è stato dato particolare rilievo al ruolo del sistema neurovegetativo (attraverso l attivazione del sistema nervoso simpatico) e del sistema neuroendocrino (attraverso l attivazione dell asse ipotalamo - ipofisi surrene) nel mediare la risposta dell organismo allo stress. Studi più recenti hanno dimostrato che anche altri sistemi sono coinvolti nella risposta da stress. Tra questi, il sistema immunitario e altri sistemi neuroendocrini sembrano svolgere un ruolo di primaria importanza nella reazione da stress.(7,16,39,42,46,48,52,61) Le figure 6, 7, 8 mostrano alcune delle complesse interazioni tra i diversi sistemi coinvolti nella risposta ad eventi stressanti. [figure 6,7,8 ] In conseguenza dell attivazione dei sistemi sopracitati, stress intensi, ripetuti o prolungati nel tempo, trasformando una risposta fisiologica, normale e transitoria, in una di significato patologico, possono determinare vere e proprie malattie. Ricerche condotte negli ultimi anni hanno evidenziato che tra i numerosi sistemi fisiologici coinvolti nella riposta da stress quelli maggiormente vulnerabili risultano essere : sistema cardiovascolare,(45,53,63) sistema endocrino, (55) sistema gastrointestinale, (19,37,56) sistema immunitario.(2,4,41,57,58) Tale evidenza è confermata anche da molti studi epidemiologici secondo cui tra le patologie che più frequentemente si correlano con lo stress una importanza sempre maggiore è assunta proprio dalle patologie di tali sistemi.(32,34,38,58). Bisogna, però, ricordare che le modificazioni biologiche variamente associate a situazioni di stress ( indicatori biologici di stress tabella 5), nonché le patologie ritenute stresscorrelate (tabella 6, figure 9 e 10), hanno una eziologia multifattoriale, rendendo pertanto assai difficile, nella pratica clinica, stabilire il nesso di causalità tra l alterazione di un determinato parametro biologico o una patologia e lo stress.

10 Modello di interazione tra stress ed organismo Capacità di adattamento Fattore di stress Reazioni di allarme Reazioni difensive Stato patologico finale Livello Biologico Livello Psicologico Livello Interpersonale Livello socioculturale Stato fisico, nutrizione, vigore. Immunità naturale o acquisita. Capacità di risolvere i problemi. Forza dell'ego. Flessibilità Doti sociali Rapporti con i familiari. Sostegno sociale. Valori. Norme pratiche. Istituzioni sociali "terapeutiche". Sistemi di conoscenze e tecnologie. Deprivazione dei bisogni biologici. Eccessivo input di agenti fisici o biologici. Percezioni e interpretazioni di pericolo, minaccia, perdita, frustrazione o senso di fallimento e di essere senza speranza. Perdita dell'autoaccettazione. Isolamento sociale. Non essere accettati. Insulti, punizioni, reiezioni. Cambiamenti o perdite di gruppi sociali. Cambiamenti culturali. Conflitti di ruolo. Incongruità di stato. Conflitti di valori. Cambiamenti forzati nella situazione di vita. Stato di allerta, fame, sete, dolore, fatica. Cambiamenti nelle funzioni fisiologiche. Sensazioni di deprivazione, noia, afflizione, malinconia. Sensazioni di ansia, disagio, colpa. Paura. Antagonismo, conflitto, sospetto. Sensazione di reiezione, punizione. Comunicazione di preoccupazione ed allarme. Sindrome generale di adattamento. Compenso fisiologico. Variazioni del metabolismo e della soglia del dolore. Difese dell'ego; negazione, repressione, proiezione. Nevrosi di difesa. Desideri, fantasie, motivi. Pianificazione. Problem solving. Relazioni sociali rigide, difensive. Evitamento. Assunzione del ruolo di malato. Aggressività. "Tirarsi fuori". Cercare il sostegno sociale. Ideologie. Sistema morale e legale. "Esaurimento". Assuefazione. Disfunzioni croniche. Danni strutturali. Disperazione, apatia. Disturbi cronici della personalità. Psicosi. Disordini affettivi cronici. Perdita di significato. Esaurimento cronico. Diventare un reietto. Carcere. Rottura dei legami interpersonali. Incapacità cronica a ricoprire i ruoli. Alienazione, anomia. Rottura dell'ordine sociale. Disintegrazione dei sistemi culturali di valori e di norme. Fonte: Jenkins C.D., Psychological modifiers of response to stress, "J Hum Stress", 1979, 5, 4, pp. 3-15

11 [tabelle 5, 6 E figure 9,10] Misura dello stress occupazionale. Il problema della misura dello stress in generale, e di quello da lavoro in particolare, rappresenta un momento fondamentale ai fini della prevenzione e protezione della salute in ambiente di lavoro. Ciononostante tale misura presenta non poche difficoltà di ordine pratico. Da un punto di vista strettamente medico, il problema fondamentale è quantizzare il peso dello stress nella eziopatogenesi di patologie ad eziologia multifattoriale (es. ipertensione arteriosa, aterosclerosi, patologie gastrointestinale ecc.), oltre a quello di stabilire un nesso di causalità tra patologie o alterazioni di parametri biologici e lo stress. Per il medico del lavoro, si pone inoltre il problema di stabilire un nesso di causalità e misurare non solo lo stress in generale, ma soprattutto lo stress occupazionale. In altre parole, il medico del lavoro deve stabilire anche quanta parte dello stress sia imputabile alla causa lavoro e quanta ad altre cause psico-sociali. Diverse metodiche possono essere impiegate per tali misure a livello sperimentale e possono essere utilizzate per «misurare» lo stress (figura 11). [figura 11] Attraverso l utilizzo di questionari psicometrici si possono misurare: la percezione dello stress, la percezione delle diverse dimensioni del lavoro (carico di lavoro, supporto da parte dei colleghi, responsabilità ecc.); si possono inoltre correlare le risposte a tali questionari con quelle a questionari per la valutazione dei tratti della personalità.tutte queste rappresentano sostanzialmente misure della percezione soggettiva dello stress.(21,22,23,24,30,47,59,62) L utilizzo di questionari in studi epidemiologici su ampie popolazioni di lavoratori, ha portato ad individuare gli aspetti del lavoro che si associano più frequentemente a situazioni di disagio psico-fisico.(43,49,44,54) E così possibile associare determinate condizioni di lavoro a specifiche reazioni dei lavoratori che le vivono. Studi di questo tipo sono stati e sono tuttora numerosissimi. Consistono sostanzialmente nell utilizzare i predetti questionari psicometrici per la valutazione del vissuto dei diversi aspetti del lavoro in diverse categorie di lavoratori. Grazie a questi studi è stato possibile costituire una sorta di elenco delle condizioni di

12 lavoro maggiormente a rischio di stress (tabelle 7 e 8). [tabelle 7, 8] Per «misurare» lo stress in un ambiente di lavoro, un primo approccio può quindi essere quello di ricercare le condizioni di lavoro comunemente ritenute a rischio di stress. Un secondo momento, per la misura dello stress in ambiente di lavoro, consiste nel ricercare e quantizzare i comportamenti e le caratteristiche del gruppo o del singolo indicativi di disagio psicofisico (tabella 9). [tabella 9] Un terzo momento, consiste nell identificare e quantizzare, nel gruppo come nel singolo, la presenza di indicatori biologici ritenuti in correlazione a situazioni di stress. La presenza contemporanea di più di un elemento (presenza di numerosi elementi stressanti nell ambiente [stressors], di comportamenti indicativi di stress nel gruppo di appartenenze del soggetto, di modificazioni stress-correlate del comportamento del soggetto in questione) consente di attribuire allo stress occupazionale la patologia o alterazione psicobiologica in esame. Valutazione e gestione del rischio da stress. La maggior parte dei lavori sullo stress tendono solo a definire il pericolo e gli effetti dello stress; di conseguenza la maggior parte degli interventi per la gestione dello stress hanno focalizzato l attenzione sull individuo invece che sull organizzazione, e sono spesso separati da un processo di diagnosi del problema.(11). La ricerca sulla natura e gli effetti di un pericolo non è la stessa cosa della valutazione del rischio associato a quel determinato pericolo; il vero oggetto di una valutazione del rischio è, invece, stabilire una associazione tra il pericolo e gli effetti sulla salute e valutare il rischio per la salute derivante dalla esposizione al pericolo stesso. Per attuare una valutazione del rischio si rende pertanto necessario un tipo di approccio che, prima di dare delle risposte, si ponga delle opportune domande. Un strategia di intervento che risponda a queste esigenze è definita, nella legislatura dell UE, per il controllo dei rischi fisici (Direttiva CEE 98/391) ed è comunemente definita ciclo di controllo. Le caratteristiche metodologiche di questo tipo di approccio lo rendono adatto per affrontare i rischi lavorativi a carattere psicosociale come lo stress.

13 Il ciclo di controllo è il processo sistematico attraverso il quale i pericoli vengono identificati, i rischi vengono analizzati e gestiti e i lavoratori vengono protetti e prevede 6 fasi che vengono descritte nella tabella 10. [tabella 10] Per affrontare il problema della gestione dei rischi psicosociali è utile fare riferimento ad alcuni concetti definiti nel Documento Guida della Commissione Europea nel 1996.(8) In merito al danno, in tale documento vengono definiti i seguenti livelli per la valutazione della l estensione del danno (tabella 11). [tabella 11] A monte del primo livello di danno vi è, naturalmente, il livello corrispondente a nessun danno. In questo caso, benché vi sia l esposizione ad una noxa, questa non determina nel soggetto esposto alcun danno. Tale considerazione è estremamente importante in tema di quantificazione del danno da stress. Nel caso dello stress, infatti, entrano in gioco due variabili estremamente soggettive, che rendono la valutazione del pericolo, del rischio e soprattutto del danno da stress estremamente complessa. Le due variabili soggettive, di cui si è discusso in precedenza, sono la valutazione degli eventi, e la suscettibilità individuale allo stress. In altri termini non è sufficiente riscontrare la presenza di stress o di indicatori di stress, nell organizzazione o nel singolo, per affermare che il lavoratore ne abbia subito un danno. I problemi, nell affrontare i pericoli psicosociali e lo stress in particolare, sono allora legati alle intrinseche difficoltà di definirne gli effetti, essendo questi soggettivi, oltre che di difficile misurazione rispetto agli effetti associati ai pericoli fisici. E stata recentemente proposta da Cox et al. una strategia in 5 fasi per realizzare, nella pratica, il processo di valutazione del rischio per lo stress occupazionale. Le cinque fasi sono riassunte nella tabella 12.(12). [tabella 12] Ogni fase si basa su quanto raccolto nella fase precedente. Le fasi iniziali servono a costruire un modello del lavoro e delle condizioni di lavoro. Questo strumento è utilizzato per quantificare l esposizione dei lavoratori (a livello di gruppo) a tutti gli stressors significativi associati con il loro lavoro e le loro condizioni di lavoro, e per valutarne lo stato di salute.

14 Le fasi successive prevedono il ricorso a strumenti e meccanismi di valutazione per una efficace conoscenza degli eventi o agenti che generano stress, per una obiettiva determinazione dei loro effetti avversi sulla salute e infine per la messa a punto di una valida strategia di prevenzione. Nelle figure da 12 a 15 vengono illustrate : una strategia per una corretta gestione del rischio stress ed un modello di approccio interdisciplinare per la valutazione e la gestione dello stress e delle patologie ad esso correlate nel singolo e nell'azienda /gruppo. [figure da 12 a 15] Da quanto detto, emerge che lo stress, le patologie d organo e la altre patologie emergenti ad esso correlate, devono essere affrontate dal medico competente con lo stesso rigore con il quale egli si pone di fronte alle patologie classiche della medicina del lavoro. Una breve analisi dei compiti del medico competente e delle metodologie utilizzate per attuarli, è utile ai fini di individuare i momenti della sorveglianza sanitaria critici per la gestione delle patologie emergenti. Nel corso della sorveglianza sanitaria, lo stress e le altre patologie emergenti ad esso correlate, devono essere prese in considerazione, sia nel corso della valutazione del rischio professionale, che nel corso degli accertamenti clinici nei due momenti della visita medica e delle indagini integrative ad essa associate (tabella13). [tabella 13] Considerazioni conclusive Premessa necessaria per la valutazione del rischio professionale, è la conoscenza degli agenti presenti nell ambiente lavorativo potenzialmente lesivi per la salute del lavoratore. Nel caso delle patologie stress-correlate il punto di partenza è acquisire la consapevolezza che lo stress costituisce un pericolo per la salute. Il secondo punto, come per gli altri pericoli, è valutare il rischio derivante da questo pericolo e quindi valutare le modalità di esposizione. Per lo stress questo vuol dire in primo luogo ricercare nell ambiente di lavoro i fattori che sono comunemente additati come possibili cause di stress. Pertanto è necessario che, accanto agli agenti fisici, chimici, biologici e alle condizioni di lavoro, classicamente considerati dannosi, il medico competente inserisca le condizioni di organizzazione del lavoro potenzialmente lesive del benessere psichico oltre che fisico del

15 lavoratore. In altri termini è necessario conoscere, e riconoscere in corso di valutazione del rischio professionale, le cause dello stress occupazionale (tabella 14). [tabella 14] Riconosciute le cause dello stress occupazionale, come per gli altri agenti lesivi, si può attuare la vera e propria valutazione del rischio professionale attraverso l analisi del livello di esposizione agli agenti lesivi per la salute, delle modalità di esposizione e degli indicatori di dose e degli indicatori di effetto (figura 16). [figura 16] L analisi del livello di esposizione ai rischi occupazionali può consistere nel monitoraggio biologico dell ambiente e del lavoratore avvalendosi, a seconda dell agente lesivo in analisi, di misure della sostanza nell ambiente e nei fluidi biologici del singolo lavoratore, oppure di misure degli effetti biologici conseguenti all esposizione. Se l agente lesivo in analisi è lo stress, ci si può avvalere, per le misure dell agente nell ambiente, di questionari psicometrici adatti a valutare la presenza di stress in gruppi di individui; similmente, per la misura dello stress nei singoli lavoratori ci si può avvalere di questionari psicometrici adatti alla valutazione dello stress su singoli individui (tabella15). [tabella 15] La attendibilità dei numerosi questionari proposti, a livello nazionale e internazionale, per la misura dello stress è oggetto di ampie discussioni e ricerche. Un filone certamente promettente è quello che tende a correlare i punteggi ottenuti nei diversi questionari con i segni e sintomi ritenuti precoci indicatori biologici di stress. I risultati di tali studi sono ancora non definitivi in conseguenza della grande varietà di questionari utilizzati e dei parametri biologici testati nei diversi studi. Tale varietà rende infatti difficilmente equiparabili i risultati ottenuti nei diversi studi. Come per altri agenti lesivi, per i quali la misura diretta nell ambiente risulta indaginosa, anche per lo stress ci si può avvalere di misure degli effetti biologici precoci e reversibili conseguenti all esposizione, di quei campanelli di allarme che il medico deve riconoscere come primi segni di danno. In altri termini è necessario avvalersi della misura degli indicatori biologici di stress (tabella 2). Questi sono numerosissimi in considerazione delle numerose alterazioni o patologie d organo vere e proprie che lo stress può determinare. La conoscenza e la misura degli indicatori biologici di stress si inserisce come momento essenziale per la comprensione, la analisi e la gestione dello stress.

16 In conclusione, sebbene per molti lavoratori lo stress sia una normale componente del loro lavoro, alcuni di essi manifestano livelli più elevati di stress fino al punto di ammalarsi e di avere bisogno di allontanarsi dal lavoro. Emerge pertanto la necessità, da parte del medico del lavoro, di attuare condizioni lavorative idonee al fine di prevenire lo stress occupazionale correlato all organizzazione del lavoro e alla scarsa o assente applicazione dei criteri ergonomici. Figure e Tabelle Bibliografia 1. Agenzia Europea per la Salute e Sicurezza sul Lavoro, Research on work- relates stress, Bilbao Arnestad M., & Aanestad B., Work environment at a psychiatric ward : stress, health and immunoglobulin levels. Unpublished PhD thesis, University of Bergen, Bergen Bagnara S., Vian M., Organizzazione del lavoro, fatica mentale e stress. In: Crepet M., Saia B., Inquinamento ambientale e rischi per la salute; Editoriale Programmi, Padova, Borella P., Bargellini A., Rovesti S., Pinelli M., Vivoli R., Solfrini V., & Vivoli G., Emotional stability, anxiety, and natural killer activity under examination stress. Psychoneuroendocrinology, Vol.24, No.6, pp ; Canadian Mental Health Association Work and Well- being : The Changing Realities of Employment. Toronto, Ontario Cannon W.B., The Wisdom of the body. New York: Norton, Cavagnaro J., Molecular basis for the bidirectional modulation of the neuroendocrine and the immune systems. Year Immunol. 2 :303 ; Commissione Europea, Guidance on risk assessment at work. European Commission, Bruxelles Cooper C.L, Liukkonen P. & Cartwright S., Stress prevention in the workplace: assessing the costs and benefits to organizations. Dublin: European Foundation for the Improvement of Living and Working Conditions, 1996.

17 10. Cox T., & Mackay C. J., A transactional approach to occupational stress. In : E.N. Corlett and J. Richardson (eds) Stress, Work design and Productivity. Wiley & Sons, Chichester, Cox T., Cox S., Psychosocial and organizational hazard : monitoring and control. Occasional series in : Occupational Health n.5, World Health Organization (Europe). Copenhagen, Danmark, Cox T., Griffith A.J., Barlow C.A., Randall R.J., Thomson L.E., Rial- Gonzales E., Organizational interventions for work stress: a risk management approach. HSE Books, Sudburry, Deloitte & Touche Consulting Group, Call Center Agent Report: A survey on Profit and Productivity. Deloitte Touche Tohmatsu, Melburne, Dohrenwend B.S., & Dohrenwend B.P., Stressful Life Events : Their Nature and Effects. Wiley & Sons, New York, Elkin A.J. & Rosh P.J., Promoting mental health at the workplace the prevention side of stress management. Occupational Medicine State of Art Reiew, 5 (4), , Endresen I.M., Ellertsen B., Endresen C., Hjelmen A.M., Matre R., & Ursin, Stress and work psychological and immunologial parameters in a group of Norwegian female bank employees. Work & Stress, 5, ; European Foundation for the improvement of living and working conditions, Second European survey on working conditions in the European Union. Dublin, Federal Assistant Minister for Industrial Relations, The Australian, June 17, Feldman M., Walker P., Goldschmiedt M., Cannon D., Role of affect and personality in gastric acid secretion and serum gastrin concentration: Comparative studies in normal men and in male. Gastroenterology 102: ; French J.R.P., Caplan R.D., & van Harrison R., The Mechanism of Job Stress and Strain. Wiley & Sons, New York, Goldberg D.P., Hiller V.F., A scaled version of General Health questionnaire (GHQ). In: Psychological Medicine, n.9 pg139, Goldberg R.J. & Novack D.H., The psychosocial review of system. Social Science & Medicine, Vol.35, No.3, pp , Hackman J. R., Oldman G. R, Development of the Job Diagnostic Survey; Journal of Applied Psychology, vol. 60 n.2, p ; 1975.

18 24. Hackman J. R., Oldman G. R., The Job Diagnostic Survey: an instrument for the diagnostic of jobs and the evaluation of job redesign projects; Tech. Rep. No 4, New Haven, Conn: Yale University, Department of Administratitive Sciences, Harris L. & Associates, Pool Conducted for the Metropolitan Life Foundation Jenkins C.D., Psychological modifiers of response to stress. J Hum Stress, 5,4.pp.3-15, Jones J.R., Hodgson J.T., Clegg T.A. & Elliot R.C., Self reported work related illness in 1995 : results from a household survey. Sudbury, HSE Book, Kalimo R., Valutazione dello stress occupazionale. Istit. Finlandese Salute Occupazionale; Dip. Psicol. Helsinki, Karasek et Al., Health work, stress, productivity and recostruction of working life. Basic Books, new York, Karasek R. et Al., The Job Content Questionnaire (JCQ): an instrument for internationaly comparative assessment of psychological job characteristics. Journal of occupational Health psychology. N.3(4), ; Ottobre Karasek R., Theorell T., Healthy Work. Basic Books, New York, Kawakami N., & Haratani T., Epidemiology of Job Stress and Health in Japan: review of current evidence and future direction. Industrial Health, Vol.37, N 2, pp ; Kearns J.,Stress at work : the change. BUPA series The Management of Health: Stress and the City, Bupa, Kristensen T. S., Job stress and cardiovascular disease: A theoretic critical review. Journal of Occupational Health Psychology, I (3), ; Lazarus R.S., Emotion and adaptation. London, Oxford University Press Ed Lazarus R.S., Folkman S., Stress, Appraisal and Coping. Springer Publications, New York, Levenstein S., Stress and peptic ulcer: life beyond helicobacter. BMJ, 316: ; Feb Light K.C., Turner J.R., Hinderliter A. L., Job strain and ambulatory work blood pressure in healthy men and women. Hypertension,20(2) : ; Aug Mills P.J., Ziegler M.G., Patterson T., Dimsdale J.E., Hauger R., Irwin M., Grant I., Plasma catecholamine and lymphocyte beta 2-adrenergic receptor alterations in elderly Alzheimer caregivers under stress. Psycosom Med, 59(3): ; May NIOSH, Stress at work,

19 41. Peters M.L., Godaert G.L.R., Ballieux R.E., Brosschot J.F, Sweep F.C.G.J., Swinkles L.M.J.W., van Vliet M., & Heijnen C.J., Immune responses to experimental stress: effects of mental effort and uncontrollability. Psychosomatic medicine, vol.61,n.4, ; Pike J.L., Smith T.L., Hauger R.L., Nicassio P.M., Patterson T.L., McClintick J., Costlow C., Irwin M.R., Chronic life stress alters sympathetic, neutoendocrina, and immune responsivity to acute psychological stressors in humans. Psychosom Med,59(4): ; Jul Poppius E., Tenkanen L., Kalimo R., Heinsalmi P., The sense of coherence, occupation and the risk of coronary heart disease in the Helsinki Heart Study Social Science & Medicine, Vol.49, No.1, pp ; Quick J.C., Murphy L.R., Hurrel J.J., & Orman D., The value of work, the risk of distress, and the power of prevention. In : J.C. Quick L.R. Murphy & J.J. Hurrell (eds) Stress & Well Being at Work : Assessments and Interventions for Occupational Mental Health. American Psychological Association Washington DC., 1992b. 45. Raikkonen K., Hautanen A., Keltikangas-JarvinenL., Feeling of exhaustion, emotional distress, and pituitary and andrenocortical hormones in borderline hypertension. J Hypertens,14(6): , Jun Reichlin S., Neuroendocrine-immune interactions. N. Engl.J.Med.,329 :1246: Rosemberg Morris, Society and Adolescent Self Immage, the measurametn of self esteem, Princeton university Press, Princeton, New Jersey, Ryman D. H., & Ursin H., Factor analyses of the physiological responses of company commanders to stress. Quoted in : Ursin H. (1979) Personality, activation and somatic health : a new psychosomatic theory. In : S. Levine & Ursin (eds) Coping and Health. Plenum Press, New York Sauter S.L. & Murphy L.R., Organizational risk factors for job stress. Washington, DC: APA Selye H., A Syndrome Produced by Diverse Nocuous Agents. Nature, 138, 32; Selye H., The evolution of the stress concept. Stress and cardiovascular disease. Am. J. Cardiol; vol..26, ; Spivak B., Shohat B., Mester R., Avraham S., Gil-Ad I, Bleich A., Valevski A., Weizman A., Elevated levels of serum interleukin-1 beta in combact -related posttraumatic stress disorder. Biol Psychiatry, 1;42(5): , Sep

20 53. Stainbrook G.L., & Green L. W., Role of psychosocial stress in cardiovascular disease. Houston Heart Bullettin, 3, 1-8 ; Stansfeld S.A., Fuhrer R., Shipley M.J. & Marmot M.G., Work characteristics predict psychiatric disorder: prospective results from the Whitehall II study. Occupational and Environmental Medicine, 56, ; Stone, E.A., Stress and catecholamines. In A. Friedhoff (ed) Catecholamines and Behavior, Vol.2. Plenum, New York, Turkkan J.S., Brady J.V., & Harris A.H., Animal studies of stressful interactions : a behavioral - physiological overview. In L. Goldberger & S. Breznitz (eds) Handbook of Stress : Theoretical and Clinical Aspects. Free Press, New York, Ursin H., Mykletun R., Tonder O., Vaernes R.J., Relling G., Isaksen E., & Murisaon R., Psychological stress factors and concentration of immunoglobulin and complement components in humans. Scandinavian Journal of Psychology, 23, ; Vaernes R.J., Myhre G., aas H., Hommes T., Hansen I., & Tonder O., Relationship between stress, psychological factors, health and immune levels among military aviators. Work & Stress, 5,5-16; Warr P., Cook J.E., Wall T., Scales for measurement of some work attitude and aspects of psychological well-being. MRC social and Applies Psychology Unit, University of Sheffield, U.K. In: Journal of Occupational Psychology, , Webster T., Bergman B., : Occupational Stress: Count and Rates. Compensation and Working condition on line, Vol.4 No.3 ;Fall Weigent D.A., Blalock J.E., Interactions between the neuroendocrine and immune systems : common hormones and receptors. Immunol. Rev., 100:79; Yoshitake H., Relations between symptoms and the feeling of fatigue; Ergonoms, 14,1,pp ; Zimmerman R.S., Frohlich E. D., Stress and hypertension. J Hypertens. Suppl (4) :s103-s107; Sept 1990.

COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE

COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE I venerdì della salute COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE Letizia Martinengo, PhD Biblioteca di Gressan 9 aprile 2010 COSA SAPPIAMO DELLO STRESS PERCHE PARLARE DI STRESS PROBLEMI DI SALUTE

Dettagli

Glossario della valutazione dei rischi da stress lavoro-correlato

Glossario della valutazione dei rischi da stress lavoro-correlato Glossario della valutazione dei rischi da stress lavoro-correlato ASPP Addetto ai servizi di protezione e prevenzione ANALISI DOCUMENTALE Lettura dell organizzazione del lavoro (organigramma, flussi produttivi,

Dettagli

Lo stress lavoro correlato

Lo stress lavoro correlato Lo stress lavoro correlato Franco Cocchi Responsabilità Sociale d impresa ASM - TERNI Terni 29 novembre 2012 1.Problemi di definizione 2.Stress e malattia 3.Stress al lavoro e politiche di contrasto Checosaè

Dettagli

I rischi da stress lavoro correlato

I rischi da stress lavoro correlato I rischi da stress lavoro correlato dr.ssa Elena Padovan Psicologa del Lavoro Logo Soggetto Attuatore Stress lavoro correlato D.Lgs 81/2008 art. 28 La valutazione ( ) deve riguardare tutti i rischi per

Dettagli

LO STRESS E I DISTURBI PSICOSOMATICI

LO STRESS E I DISTURBI PSICOSOMATICI LO STRESS E I DISTURBI PSICOSOMATICI Il concetto di stress ha un ruolo fondamentale nella comprensione delle manifestazioni psicosomatiche. Nella sua formulazione il concetto di stress permette di vedere

Dettagli

La Spezia 12 novembre 2014. Alfonso Cristaudo. U.O. Complessa Medicina Preventiva del Lavoro Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana

La Spezia 12 novembre 2014. Alfonso Cristaudo. U.O. Complessa Medicina Preventiva del Lavoro Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana La Spezia 12 novembre 2014 Alfonso Cristaudo U.O. Complessa Medicina Preventiva del Lavoro Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana OMS Definizione di Salute uno stato di completo benessere fisico, mentale

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO

INDIRIZZI GENERALI PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO INDIRIZZI GENERALI PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO 1 Introduzione. La gestione della salute e sicurezza in azienda assume un importanza sempre maggiore non solo al fine

Dettagli

Il metodo START STress Assessment Reasearch Toolkit

Il metodo START STress Assessment Reasearch Toolkit Laboratorio LavOriO (Facoltà di Psicologia e Dipartimento di Scienze dell'educazione) e Sezione di Medicina del Lavoro, Dipartimento di Medicina Interna, dell Invecchiamento e Malattie Nefrologiche, Alma

Dettagli

Strumenti e metodi per la valutazione dello stress lavoro correlato Dr.ssa Patrizia Serranti RSSP Ergonomo CNR Bologna

Strumenti e metodi per la valutazione dello stress lavoro correlato Dr.ssa Patrizia Serranti RSSP Ergonomo CNR Bologna Lo stress si misura? Come valutare lo stress lavoro correlato D.lgs 81/08 Ambiente Lavoro Change s.r.l. 8 ottobre 2008 Strumenti e metodi per la valutazione dello stress lavoro correlato Dr.ssa Patrizia

Dettagli

Francesca Larese Filon Università di Trieste Dipartimento di Scienze di Medicina Pubblica

Francesca Larese Filon Università di Trieste Dipartimento di Scienze di Medicina Pubblica Francesca Larese Filon Università di Trieste Dipartimento di Scienze di Medicina Pubblica Stress La legislazione Art. 28 del D. Lgs 81/2008 La valutazione dei rischi... Deve riguardare tutti i rischi

Dettagli

Clinica del Lavoro Luigi Devoto Centro per la prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione della patologia da disadattamento lavorativo Milano LA PATOLOGIA DA STRESS OCCUPAZIONALE Renato Gilioli Maria

Dettagli

Ing. Ant o Ant nio o nio Giorgi Gior gi RSPP

Ing. Ant o Ant nio o nio Giorgi Gior gi RSPP Ing Antonio Giorgi Ing. Antonio Giorgi RSPP Il Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell art. 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO-CORRELATO

LA VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO-CORRELATO LA VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO-CORRELATO Bologna, 4 maggio 2 La valutazione dello stress lavoro-correlato nella proposta metodologica del Network Nazionale per la Prevenzione del Disagio Psicosociale

Dettagli

CHE STRESS! E non so nemmeno cos è

CHE STRESS! E non so nemmeno cos è Organismo Paritetico Provinciale STRESS LAVORO CORRELATO CHE STRESS! E non so nemmeno cos è Scheda tecnica redatta da: Dott. Mauro Scartazza Consulente Salute Sicurezza e Igiene degli Alimenti Speciale

Dettagli

Disagio da lavoro. analisi del fenomeno, azione e prevenzione. Dott.ssa Sabina Sernia Dott.ssa Maddalena Quintili

Disagio da lavoro. analisi del fenomeno, azione e prevenzione. Dott.ssa Sabina Sernia Dott.ssa Maddalena Quintili Disagio da lavoro analisi del fenomeno, azione e prevenzione Dott.ssa Sabina Sernia Obiettivo primario Medicina del Lavoro salvaguardia della salute dei lavoratori, la promozione di un lavoro sicuro e

Dettagli

Seminario Stress lavoro correlato: Indicazioni operative. Obblighi normativi. Viganò Giancarlo Direttore Servizio PSAL - ASL Sondrio

Seminario Stress lavoro correlato: Indicazioni operative. Obblighi normativi. Viganò Giancarlo Direttore Servizio PSAL - ASL Sondrio Seminario Stress lavoro correlato: Indicazioni operative Obblighi normativi Viganò Giancarlo Direttore Servizio PSAL - ASL Sondrio Stress lavoro correlato Tema di attualità Incidenza elevata Cambiamento

Dettagli

Tra mente e corpo aspetti psicologici e relazionali

Tra mente e corpo aspetti psicologici e relazionali Tra mente e corpo aspetti psicologici e relazionali Dott.ssa Chiara Magatti Psicologa psicoterapeuta, specialista in psicologia della salute 1 Stare bene! Senso di padronanza e controllo sulla propria

Dettagli

OPUSCOLO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI

OPUSCOLO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI RISCHI PSICOSOCIALI E STRESS LAVORO- CORRELATO AI SENSI DEL D. LGS 81/08 ART. 37 COMMA 1 LETT. b) CONOSCENZE DI BASE DELLO STRESS NEL CONTESTO LAVORATIVO E PROMOZIONE DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO DEI LAVORATORI

Dettagli

INTEGRAZONE DEL DVR CON LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO

INTEGRAZONE DEL DVR CON LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO INTEGRAZONE DEL DVR CON LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO La valutazione del rischio stress lavoro correlato deve essere finalizzata all individuazione e all attuazione di misure di

Dettagli

RISCHI DA FATTORI PSICO-SOCIO-LAVORATIVI STRESS LAVORO-CORRELATO

RISCHI DA FATTORI PSICO-SOCIO-LAVORATIVI STRESS LAVORO-CORRELATO RISCHI DA FATTORI PSICO-SOCIO-LAVORATIVI STRESS LAVORO-CORRELATO CORSO Di FORMAZIONE ASL CN2 ALBA-BRA 05/07/2012 Dr. Musto Domenico Dirigente Medico S.Pre.S.A.L. ASL AT Asti D.L.GS 81/2008 E RISCHI DA

Dettagli

Stress dell Infermiere di Pronto Soccorso

Stress dell Infermiere di Pronto Soccorso relatore: Gianfranco Verna Dottore Magistrale in Scienze Infermieristiche ed Ostetriche. Pronto Soccorso CHIETI Stress dell Infermiere di Pronto Soccorso INTRODUZIONE Definizione di stress Stress da lavoro

Dettagli

LA SALUTE SUL LAVORO COME VALORE AGGIUNTO DELL IMPRESA rischi psicosociali e stress lavoro-correlato: uno sguardo all Europa

LA SALUTE SUL LAVORO COME VALORE AGGIUNTO DELL IMPRESA rischi psicosociali e stress lavoro-correlato: uno sguardo all Europa LA SALUTE SUL LAVORO COME VALORE AGGIUNTO DELL IMPRESA rischi psicosociali e stress lavoro-correlato: uno sguardo all Europa Il 23 giugno scorso l European Agency for Safety and Health (EU-OSHA 1 ), di

Dettagli

Psicofisiologia della Salute (A.A. 20010-11) 11) Stress e Coping. Alessandro Mingarelli Dipartimento di Psicologia

Psicofisiologia della Salute (A.A. 20010-11) 11) Stress e Coping. Alessandro Mingarelli Dipartimento di Psicologia Psicofisiologia della Salute (A.A. 20010-11) 11) Stress e Coping Alessandro Mingarelli Dipartimento di Psicologia Rapporto Mente e corpo Ippocrate: relazione tra personalità e malattia Modello Bio-Psico

Dettagli

La valutazione del rischio stress lavoro-correlato

La valutazione del rischio stress lavoro-correlato LA VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORATIVO IN ASS N 1 TRIESTINA 1 La valutazione del rischio stress lavoro-correlato PREMESSA Una delle rilevanti novità del Dlgs 81/08 e successive modifiche e integrazioni,

Dettagli

RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO E NORMATIVA DI RIFERIMENTO

RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO E NORMATIVA DI RIFERIMENTO Dott. Giuseppe Sergi Dipartimento di Sanità Pubblica Azienda USL Piacenza PIACENZA,10/06/2011 RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO E NORMATIVA DI RIFERIMENTO Definizione Stress significa letteralmente: sforzo,

Dettagli

Il PUNTO DI VISTA PSICOLOGICO

Il PUNTO DI VISTA PSICOLOGICO Il PUNTO DI VISTA PSICOLOGICO Giuseppe Favretto Ordinario di Organizzazione Aziendale Direttore Centro Mobbing e Benessere Organizzativo http://cd.univr.it/mobbing/ Università degli Studi di Verona Immaginare

Dettagli

La gestione delle situazioni di emergenza infatti coinvolge funzioni e strategie differenti.

La gestione delle situazioni di emergenza infatti coinvolge funzioni e strategie differenti. PSICOLOGIA DELL EMERGENZA Cerca di comprendere i processi decisionali e le scelte comportamentali nelle situazioni di pericolo. Lo scopo è quello di analizzare la complessa interazione tra : - Mente -

Dettagli

La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni

La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni Come si misura la qualità della vita in relazione alla salute La definizione di salute dell Oms indica uno stato ideale, con un concetto

Dettagli

È EFFICACE LO SCREENING PER LA DEPRESSIONE

È EFFICACE LO SCREENING PER LA DEPRESSIONE Lo screening e il trattamento della depressione. Quali sono le strategie più convenienti? Recentemente, due articoli e un editoriale sono apparsi sul British Medical Journal per discutere dei programmi

Dettagli

La prospettiva ergonomica per la prevenzione dello stress lavorativo

La prospettiva ergonomica per la prevenzione dello stress lavorativo UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI TORINO DIPARTIMENTO DI PSICOLOGIA Via Verdi, 10-10124 Torino - Tel. 7902872 La prospettiva ergonomica per la prevenzione dello stress lavorativo Promozione della salute e prevenzione

Dettagli

Burn out. Il termine burn out è una metafora significativa ma imprecisa. Da l idea l

Burn out. Il termine burn out è una metafora significativa ma imprecisa. Da l idea l Burn out Sindrome di esaurimento emozionale, depersonalizzazione e ridotta realizzazione personale che può manifestarsi in soggetti che svolgono un lavoro sociale di diverso genere (Maslach 1986) Stato

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO dott. rag. Marco Ansaldi e rag. Antonella Bolla CONSULENZA FISCALE E DEL LAVORO 06.08.2010 VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO I continui cambiamenti a livello di organizzazione del lavoro,

Dettagli

Dott. Roberto Baldini

Dott. Roberto Baldini Dott. Roberto Baldini La frenesia della vita moderna si è ormai impossessata pure dei nostri momenti di libertà, e godiamo in maniera nervosa e faticosa esattamente come quando lavoriamo. La parola d ordine

Dettagli

La proposta e la scelta dell intervento psicologico per i familiari R. Chattat Dip. Psicologia, Università degli Studi di Bologna I dati dell ISTAT

La proposta e la scelta dell intervento psicologico per i familiari R. Chattat Dip. Psicologia, Università degli Studi di Bologna I dati dell ISTAT La proposta e la scelta dell intervento psicologico per i familiari R. Chattat Dip. Psicologia, Università degli Studi di Bologna I dati dell ISTAT del 2004 riportano che circa 2,6 milioni di persone con

Dettagli

La valutazione dello stress lavoro correlato

La valutazione dello stress lavoro correlato S. Bonifacio (Vr) 26 marzo 2009 INCONTRO CON I MEDICI COMPETENTI DELLA PROVINCIA DI VERONA SULLE NOVITA INTRODOTTE DAL D.Lgs. 81/2008, TESTO UNICO IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEI RISCHI: LO STRESS LAVORO CORRELATO (Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81) SEMINARIO CONFINDUSTRIA Roma, 11 dicembre 2008

LA VALUTAZIONE DEI RISCHI: LO STRESS LAVORO CORRELATO (Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81) SEMINARIO CONFINDUSTRIA Roma, 11 dicembre 2008 LA VALUTAZIONE DEI RISCHI: LO STRESS LAVORO CORRELATO (Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81) SEMINARIO CONFINDUSTRIA Roma, 11 dicembre 2008 La valutazione del rischio stress lavoro correlato questioni

Dettagli

Il disagio lavorativo dei docenti: il ruolo delle relazioni all interno della scuola

Il disagio lavorativo dei docenti: il ruolo delle relazioni all interno della scuola Il disagio lavorativo dei docenti: il ruolo delle relazioni all interno della scuola 30 Luciana Castelli, ricercatrice presso il Centro innovazione e ricerca sui sistemi educativi (CIRSE) della SUPSI DFA

Dettagli

Emotional Intelligence Stress Audit

Emotional Intelligence Stress Audit Emotional Intelligence Stress Audit Valutazione del rischio stress lavoro correlato per il benessere delle persone e dell organizzazione Lo STRESS AUDIT è una metodologia che consente di valutare il rischio

Dettagli

ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA

ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA I fattori di rischio e di protezione del volontario A cura degli Psicologi CPPAVPC Ed. 2013 1 DDL 4449 del 2 febbraio 2000 L istituzione del ruolo dello psicologo

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. SPISAL - Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza in Ambienti di Lavoro

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. SPISAL - Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza in Ambienti di Lavoro Dipartimento di Prevenzione U.O.C. SPISAL - Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza in Ambienti di Lavoro SCHEDA 1 Valutazione e gestione del rischio stress correlato V2-22/07/2013 A cura di Emanuela Guarise

Dettagli

STRESS LAVORO-CORRELATO

STRESS LAVORO-CORRELATO STRESS LAVORO-CORRELATO o RISCHIO DA PREVENIRE o PREVENIRE LO STRESS LEGATO ALL ATTIVITA LAVORATIVA E DOVERE ETICO OBBLIGO GIURIDICO RIFERIMENTI NORMATIVI o DIRETTIVA CONSIGLIO EUROPEO (89/391/Cee,12/06/1989)

Dettagli

Lola Fabbri. persolog italy Emme Delta Group. Strumenti e modelli di Stress management. Managing Director

Lola Fabbri. persolog italy Emme Delta Group. Strumenti e modelli di Stress management. Managing Director Strumenti e modelli di Stress management Lola Fabbri Managing Director persolog italy Emme Delta Group Lo Stress: da nemico ad alleato Modena, 9 luglio 2013 www.persolog.it Stress e Percezione Quanto ti

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO - CORRELATO E LA PROMOZIONE DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO D.Lgs 81/08 Verona, 7 luglio 2010

LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO - CORRELATO E LA PROMOZIONE DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO D.Lgs 81/08 Verona, 7 luglio 2010 Università degli studi di Verona Ulss 2 Verona Università degli Studi di Padova Dipartimento Psicologia Applicata LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO - CORRELATO E LA PROMOZIONE DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO

Dettagli

Lavoro e rischi psicosociali

Lavoro e rischi psicosociali Lavoro e rischi psicosociali Stress, Burn out, Mobbing Valeria Perrucci Psicologa, Formatrice Insieme delle variabili organizzative, gestionali, ambientali e relazionali che possono causare un danno psicologico,

Dettagli

STRESS ACUTO E QUALITA DI VITA A DISTANZA

STRESS ACUTO E QUALITA DI VITA A DISTANZA ASSOCIAZIONE ReintrAs Trauma, Onlus Associazione italiana per l assistenza e il reintegro socio-lavorativo delle vittime di incidenti stradali e sul lavoro Via Pasquale Galluppi, 8-00136 Roma Tel. 06.39910668

Dettagli

PROGETTO PILOTA SPORTELLO DI ASCOLTO RIVOLTO A PERSONE CON DIAGNOSI DI LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO

PROGETTO PILOTA SPORTELLO DI ASCOLTO RIVOLTO A PERSONE CON DIAGNOSI DI LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO PROGETTO PILOTA SPORTELLO DI ASCOLTO RIVOLTO A PERSONE CON DIAGNOSI DI LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO Il CMID, Centro di Ricerche di Immunopatologia e Documentazione su Malattie Rare Struttura Complessa a

Dettagli

IL RISCHIO PSICOSOCIALE E LO STRESS LAVORO CORRELATO. Di Vincenza Bruno e Franco Simonini

IL RISCHIO PSICOSOCIALE E LO STRESS LAVORO CORRELATO. Di Vincenza Bruno e Franco Simonini IL RISCHIO PSICOSOCIALE E LO STRESS LAVORO CORRELATO Di Vincenza Bruno e Franco Simonini Parole chiave Rischio psicosociale, stress, sistemi sociali, organizzazione del lavoro IL RISCHIO PSICOSOCIALE E

Dettagli

Dispensa La gestione dello stress

Dispensa La gestione dello stress Dispensa La gestione dello stress Il valore di un idea sta nel metterla in pratica OLYMPOS Group srl - Via XXV aprile, 40 Brembate di Sopra (BG) Tel. 103519965309 - Vietata ogni riproduzione Fax 1786054267

Dettagli

Perché mi sono ammalato?

Perché mi sono ammalato? Perché mi sono ammalato? Depressione Maggiore Modello eziopatogenetico Ereditarietà Eventi traumatici precoci Sesso Disturbi d Ansia Personalità Eventi stressanti Malattie somatiche Modificazione funzionamento

Dettagli

Prevenzione e promozione della salute nelle professioni d'aiuto

Prevenzione e promozione della salute nelle professioni d'aiuto XIII Conferenza Nazionale degli Ospedali e dei Servizi Sanitari per la promozione della salute HPH Reggio Emilia, 24-26/09/2009 Prevenzione e promozione della salute nelle professioni d'aiuto P.Sironi*,

Dettagli

RISCHIO PSICOSOCIALE E PROMOZIONE DEL BENESSERE DELL ORGANIZZAZIONE

RISCHIO PSICOSOCIALE E PROMOZIONE DEL BENESSERE DELL ORGANIZZAZIONE DR.SSA GIULIANA GIAMPIERI Psicologa e Psicoterapeuta Azienda USL di Rieti Gruppo di lavoro per la valutazione del rischio psicosociale RISCHIO PSICOSOCIALE E PROMOZIONE DEL BENESSERE DELL ORGANIZZAZIONE

Dettagli

LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO

LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO Gli operatori di soccorso nell esercizio delle loro funzioni possono andare incontro a STRESS e TRAUMA. Tutti noi, più

Dettagli

La valutazione del rischio stress lavoro correlato. Dott. Enrico Proto Medicina Occupazionale H. San Raffaele Resnati s.p.a.

La valutazione del rischio stress lavoro correlato. Dott. Enrico Proto Medicina Occupazionale H. San Raffaele Resnati s.p.a. La valutazione del rischio stress lavoro correlato Dott. Enrico Proto Medicina Occupazionale H. San Raffaele Resnati s.p.a. STRESS DA LAVORO: UN RISCHIO VALUTABILE Progetto Stress Comune di Milano E. Proto*,

Dettagli

Percorso metodologico e strumenti operativi per la valutazione del rischio stress lavoro-correlato

Percorso metodologico e strumenti operativi per la valutazione del rischio stress lavoro-correlato Percorso metodologico e strumenti operativi per la valutazione del rischio stress lavoro-correlato prof. Ricci Federico Psicologo del lavoro e delle organizzazioni Università di Modena e Reggio Emilia

Dettagli

Il bambino con labiopalatoschisi

Il bambino con labiopalatoschisi Il bambino con labiopalatoschisi Aspetti psicologici e ruolo dello psicologo Ornella Manca Uccheddu La nascita del figlio A. M. Di Vita (Palermo, 2002) Ha messo in evidenza una differenza fra padri e madri

Dettagli

Salute percepita nella ASL 8 di Cagliari

Salute percepita nella ASL 8 di Cagliari Salute percepita nella ASL 8 di Cagliari Servizio Igiene e Sanità Pubblica Direttore Dott. Giorgio Carlo Steri Database PASSI 2010 2013 % (IC95%) Percezione del proprio stato di salute: Buono Discreto

Dettagli

INCONTRO INFORMATIVO MEDICI COMPETENTI. Belluno 5 novembre 2014

INCONTRO INFORMATIVO MEDICI COMPETENTI. Belluno 5 novembre 2014 INCONTRO INFORMATIVO MEDICI COMPETENTI Belluno 5 novembre 2014 La valutazione del rischio SLC e ruolo del MC Legge Regione Veneto 22 gennaio 2010, n. 8 ~ sportelli di ascolto ~ centri di riferimento Attività

Dettagli

Come affrontare lo stress lavorativo

Come affrontare lo stress lavorativo V Convegno del Coordinamento Donne CIMO LA DONNA IN SANITÀ : UNA RISORSA, UNA CRITICITÀ, UNA FORZA MOTRICE DEL MIGLIORAMENTO IN SANITÀ Come affrontare lo stress lavorativo Antonia Ballottin ULSS 20 VERONA

Dettagli

HEALTH NEEDS ASSESSMENT. Sintesi di una selezione di articoli sul tema

HEALTH NEEDS ASSESSMENT. Sintesi di una selezione di articoli sul tema HEALTH NEEDS ASSESSMENT Sintesi di una selezione di articoli sul tema 1 INDICE 1. Wright J, Williams R, Wikinson JR Development and importance of health needs assessment, BMJ 1998; 316: 1310-1313 (25 April)

Dettagli

Il disagio psichiatrico in Università Disagio psichico e malattie psichiatriche: quadro introduttivo e differenze. Università BOCCONI :

Il disagio psichiatrico in Università Disagio psichico e malattie psichiatriche: quadro introduttivo e differenze. Università BOCCONI : Il disagio psichiatrico in Università Disagio psichico e malattie psichiatriche: quadro introduttivo e differenze Università BOCCONI : PRESENTAZIONE DEL DOTT. ANDREA FREDIANI MILANO, 10 D ICEMBRE 2014

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE STRESS LAVORO CORRELATO, BURN OUT E MOBBING. Roma, 04 febbraio 2015

OSSERVATORIO NAZIONALE STRESS LAVORO CORRELATO, BURN OUT E MOBBING. Roma, 04 febbraio 2015 IL SINDACATO DEGLI INFERMIERI ITALIANI Indirizzi internet: www.nursingup.it (con accesso ai siti regionali) E/Mail info@nursingup.it - Numero Verde gratuito : 800959529 ( da telefono fisso) OSSERVATORIO

Dettagli

ottenere delle basi sulla quale poter sviluppare successivamente progetti di miglioramento organizzativo a partire dalle priorità individuate all

ottenere delle basi sulla quale poter sviluppare successivamente progetti di miglioramento organizzativo a partire dalle priorità individuate all Introduzione Il tema del benessere organizzativo è attualmente molto discusso all interno dei contesti lavorativi. Ciò perché tutti coloro che si occupano di organizzazione e di gestione delle risorse

Dettagli

Rischio Psicosociale. Prima parte:

Rischio Psicosociale. Prima parte: Rischio Psicosociale Prima parte: 1. La salute in ambito lavorativo: un bene individuale e collettivo irrinunciabile 2. Il rischio da stress e la nuova normativa Accordo Europeo del 8-10- 2004; D.Lgs 9-4-2008

Dettagli

DEL CAREGIVER. Dott.ssa Teresa FUSCO

DEL CAREGIVER. Dott.ssa Teresa FUSCO DEL CAREGIVER Dott.ssa Teresa FUSCO CHI E IL CAREGIVER? To care= prendersi cura, assistere to give= dare, fornire Ossia colui che offre assistenza e sostegno al malato, in forma rilevante e continuativa:

Dettagli

LE ABILITÀ DI BASE DEL COUNSELING: ACCRESCERE L AUTOSTIMA E L AUTOEFFICACIA

LE ABILITÀ DI BASE DEL COUNSELING: ACCRESCERE L AUTOSTIMA E L AUTOEFFICACIA ALIMENTAZIONE E COUNSELING LE ABILITÀ DI BASE DEL COUNSELING: ACCRESCERE L AUTOSTIMA E L AUTOEFFICACIA PAOLA DELLA ROVERE Psicologa Metodologia fondata sul concedo di: COUNSELING ASCOLTO ATTIVO e ATTENZIONE

Dettagli

Psicopatologia dell anziano. Prof.ssa Elvira Schiavina 02 marzo 2016

Psicopatologia dell anziano. Prof.ssa Elvira Schiavina 02 marzo 2016 Psicopatologia dell anziano 02 marzo 2016 Invecchiamento e Psicopatogia Salute mentale dell anziano: nuovo campo della psicopatologia. Affinamento dei criteri di diagnosi, costruzione e validazione di

Dettagli

SEGNALI DI ALLARME E VALUTAZIONI SUL CAMPO DELLO SLC CULTURA DELLA SALUTE E DEL BENESSERE. Laura Conte

SEGNALI DI ALLARME E VALUTAZIONI SUL CAMPO DELLO SLC CULTURA DELLA SALUTE E DEL BENESSERE. Laura Conte SEGNALI DI ALLARME E VALUTAZIONI SUL CAMPO DELLO SLC CULTURA DELLA SALUTE E DEL BENESSERE L uomo sereno procura serenità a se stesso e agli altri Epicuro Stress lavoro correlato una definizione di stress

Dettagli

Il processo di recupero dell atleta da un infortunio: il contributo

Il processo di recupero dell atleta da un infortunio: il contributo Il processo di recupero dell atleta da un infortunio: il contributo della psicologia dello sport Genova 22 gennaio 2011 A cura di FRANCESCA VITALI http://sds.coniliguria.it 1 Per una epidemiologia degli

Dettagli

L indagine sociale nella fase di rilevazione e segnalazione

L indagine sociale nella fase di rilevazione e segnalazione L indagine sociale nella fase di rilevazione e segnalazione seminario: l intervento dell assistente sociale nella presa in carico delle famiglie maltrattanti Il Faro - centro specialistico ASL Bologna

Dettagli

STRESS E ORGANISMO: DALLE DIMENSIONI DEL PROBLEMA AGLI EVENTI SENTINELLA

STRESS E ORGANISMO: DALLE DIMENSIONI DEL PROBLEMA AGLI EVENTI SENTINELLA STRESS E ORGANISMO: DALLE DIMENSIONI DEL PROBLEMA AGLI EVENTI SENTINELLA M.G. BIRAGHI 27 FEBBRAIO 2013 STRESS RISPOSTA NON SPECIFICA dell organismo di fronte a SOLLECITAZIONI e STIMOLI EUSTRESS DISTRESS

Dettagli

La valutazione del rischio con metodi soggettivi

La valutazione del rischio con metodi soggettivi Cos è la valutazione dello stress lavoro-correlato La professionalità dello psicologo per la valutazione del rischio Milano, 4 novembre 2010 La valutazione del rischio con metodi soggettivi Psicologo della

Dettagli

Depressione? In generale Il ruolo femminile

Depressione? In generale Il ruolo femminile Depressione? In generale Il ruolo femminile A tutti capita di sentirsi tristi di tanto in tanto. È un esperienza che tutti, prima o poi, provano. Se le attività che vi piacevano prima ora non vi piacciono

Dettagli

dell organismo a richieste esterno Dott. Giuseppe Marmo Ordine degli Psicologi di Basilicata

dell organismo a richieste esterno Dott. Giuseppe Marmo Ordine degli Psicologi di Basilicata SINDROME GENERALE DI ADATTAMENTO Risposta generale aspecifica dell organismo a richieste provenienti dall ambiente esterno Ordine degli Psicologi di Basilicata Ad un stimolo stressogeno si risponde con:

Dettagli

Stress lavoro-correlato Art. 28 comma 1 D.Lgs. 81/08 e successive modifiche ed integrazioni; Accordo Europeo (08.10.04) così come recepito in Italia dall Accordo Interconfederale (09.06.08) 21/06/2011

Dettagli

I FATTORI AFFETTIVO- RELAZIONALI-EMOTIVI ASSOCIATI AI D.S.A.

I FATTORI AFFETTIVO- RELAZIONALI-EMOTIVI ASSOCIATI AI D.S.A. ed ing u ng he I FATTORI AFFETTIVO- RELAZIONALI-EMOTIVI ASSOCIATI AI D.S.A. y in t in Dott.ssa Patrizia Nagliati Psicologo perf. Neuropsicologia cognitiva e Psicopatologia dell apprendimento DISTURBI EMOTIVI

Dettagli

FATTORI DI RISCHIO ORGANIZZATIVO E STRESS LAVORO CORRELATO. ALCUNI ESEMPI DI RICERCA FRANCO FRACCAROLI UNIVERSITA DI TRENTO

FATTORI DI RISCHIO ORGANIZZATIVO E STRESS LAVORO CORRELATO. ALCUNI ESEMPI DI RICERCA FRANCO FRACCAROLI UNIVERSITA DI TRENTO FATTORI DI RISCHIO ORGANIZZATIVO E STRESS LAVORO CORRELATO. ALCUNI ESEMPI DI RICERCA FRANCO FRACCAROLI UNIVERSITA DI TRENTO 1. EFFETTI NEGATIVI DEL LAVORO ORGANIZZATO E' il 23esimo dipendente che si

Dettagli

Safety and health at work is everyone s concern. It s good for you. It s good for business.

Safety and health at work is everyone s concern. It s good for you. It s good for business. Safety and health at work is everyone s concern. It s good for you. It s good for business. Healthy Workplaces Manage Stress Managing stress and psychosocial risks at work La Campagna Europea sulla gestione

Dettagli

Dott.ssa M.Versino 1

Dott.ssa M.Versino 1 Dott.ssa M.Versino 1 Stress lo stress è inteso come risposta aspecifica dell organismo a tutto ciò che lo costringe ad uno sforzo di adattamento lo stress è la risposta a una o più stimolazioni fisiche

Dettagli

Salute e sicurezza sul lavoro: significati e problemi della valutazione dei rischi da stress lavoro correlato

Salute e sicurezza sul lavoro: significati e problemi della valutazione dei rischi da stress lavoro correlato Salute e sicurezza sul lavoro: significati e problemi della valutazione dei rischi da stress lavoro correlato Stefano Grandi Centro Internazionale di documentazione e studi sociologici sui problemi del

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

I RISCHI PSICOSOCIALI: dalla tutela alla consapevolezza (seminari 9-16 novembre 2010)

I RISCHI PSICOSOCIALI: dalla tutela alla consapevolezza (seminari 9-16 novembre 2010) I RISCHI PSICOSOCIALI: dalla tutela alla consapevolezza (seminari 9-16 novembre 2010) 1 Isabella Corradini Docente di Psicologia Sociale Università degli Studi di L Aquila Presidente Centro Ricerche Themis

Dettagli

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Dipartimento di Sanità Pubblica Sezione di Medicina del Lavoro Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Report conclusivo:

Dettagli

Healthy Workplaces Manage Stress Managing stress and psychosocial risks at work

Healthy Workplaces Manage Stress Managing stress and psychosocial risks at work Healthy Workplaces Manage Stress Managing stress and psychosocial risks at work La Campagna Europea sulla gestione dello stress lavoro-correlato Graziano Frigeri EWHN European Secretary Safety and health

Dettagli

Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP

Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP Nell ambito del progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti si è proceduto alla realizzazione di quattro focus

Dettagli

Dallo stress lavoro correlato allo sviluppo delle persone

Dallo stress lavoro correlato allo sviluppo delle persone Dallo stress lavoro correlato allo sviluppo delle persone A cura di: Prof.ssa Laura Borgogni Ordinario di Psicologia del Lavoro e delle Organizzazioni Facoltà di Medicina e Psicologia 15 luglio 2011 COSA

Dettagli

D. LGS. 81/08 L USO IN SICUREZZA DEI VIDEOTERMINALI LO STRESS DA LAVORO

D. LGS. 81/08 L USO IN SICUREZZA DEI VIDEOTERMINALI LO STRESS DA LAVORO D. LGS. 81/08 L USO IN SICUREZZA DEI VIDEOTERMINALI LO STRESS DA LAVORO I Videoterminali Riferimenti normativi: D. Lgs. 81 del 2008 Titolo VII (art.i. 172 179) RISCHIO VDT Cos è lavoro al videoterminale?

Dettagli

La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto

La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto I sintomi

Dettagli

Valutazione del rischio stress lavoro-correlato e violenza agli operatori (D.Lgs 81/08 e s.m.i.) AOU Policlinico di Modena

Valutazione del rischio stress lavoro-correlato e violenza agli operatori (D.Lgs 81/08 e s.m.i.) AOU Policlinico di Modena Valutazione del rischio stress lavoro-correlato e violenza agli operatori (D.Lgs 81/08 e s.m.i.) AOU Policlinico di Modena LO STRESS LAVORO-CORRELATO Lo STRESS dovuto al lavoro può essere definito come

Dettagli

Lo stress lavoro correlato. Quali tutele nel nostro ordinamento

Lo stress lavoro correlato. Quali tutele nel nostro ordinamento Lo stress lavoro correlato. Quali tutele nel nostro ordinamento Avv. Hilaria Piraccini Progetto Sto bene a scuola Istituto comprensivo Beinasco-Gramsci 14/11/2012 Lo stress. Definizione Stato personale,

Dettagli

INSIEME PER LA GESTIONE E LA PREVENZIONE DELLO STRESS LAVORO-CORRELATO campagna europea ambienti di lavoro sani e sicuri La Spezia 12 novembre 2014

INSIEME PER LA GESTIONE E LA PREVENZIONE DELLO STRESS LAVORO-CORRELATO campagna europea ambienti di lavoro sani e sicuri La Spezia 12 novembre 2014 INSIEME PER LA GESTIONE E LA PREVENZIONE DELLO STRESS LAVORO-CORRELATO campagna europea ambienti di lavoro sani e sicuri La Spezia 12 novembre 2014 Dr Rodolfo Buselli U.O.Medicina Preventiva del Lavoro

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO

VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO COMPILATA DA: ( ) DATORE DI LAVORO... ( ) RSPP... ( ) RLS... ( ) MEDICO COMPETENTE... DATA DI COMPILAZIONE:... 1 IL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO La recente

Dettagli

Uso, abuso e dipendenza da sostanze

Uso, abuso e dipendenza da sostanze Uso, abuso e dipendenza da sostanze Dipartimento Patologia delle Dipendenze ASL AL Dr. Luigi Bartoletti Paradigma di una malattia Patologia primaria Propria eziologia e fisiopatologia Presenza di sintomi

Dettagli

Primi indirizzi generali per la valutazione e gestione del rischio stress lavorativo

Primi indirizzi generali per la valutazione e gestione del rischio stress lavorativo Primi indirizzi generali per la valutazione e gestione del rischio stress lavorativo maria paola cogotti L articolo 28, co. 1, D.Lgs. n. 81/08 e successive modifiche ed integrazioni, ha chiarito che Lo

Dettagli

La valutazione rischio stress lavoro-correlato in una PMI del Nord Italia

La valutazione rischio stress lavoro-correlato in una PMI del Nord Italia CONVEGNO AIAS VALUTAZIONE RISCHIO STRESS E BENESSERE ORGANIZZATIVO. DAL RISK ASSESSMENT AL RISK MANAGEMENT Giovedì 5 Maggio 2011 La valutazione rischio stress lavoro-correlato in una PMI del Nord Italia

Dettagli

Gruppo eterogeneo di disordini caratterizzati da una molteplicità di sintomi che si manifestano attraverso un comportamento alimentare disturbato

Gruppo eterogeneo di disordini caratterizzati da una molteplicità di sintomi che si manifestano attraverso un comportamento alimentare disturbato Insieme delle condizioni cliniche che manifestano un disagio espresso attraverso un rapporto alterato con il cibo e con il proprio corpo tali da compromettere la qualità della vita e le relazioni sociali

Dettagli

La relazione con il paziente e la sua famiglia

La relazione con il paziente e la sua famiglia La relazione con il paziente e la sua famiglia 10-17 giugno 2006 Giuliana Carrara psicologa ospedaliera Riflessione sul tempo Il tempo, quando ne resta poco, è riservato al paziente ed alla famiglia. Ai

Dettagli

MECCANISMI D AZIONE PSICO-BIOLOGICI DELLA PET THERAPY. Dott.ssa Valentina Tarsia e Dott.ssa Claudia Giannelli

MECCANISMI D AZIONE PSICO-BIOLOGICI DELLA PET THERAPY. Dott.ssa Valentina Tarsia e Dott.ssa Claudia Giannelli MECCANISMI D AZIONE PSICO-BIOLOGICI DELLA PET THERAPY Dott.ssa Valentina Tarsia e Dott.ssa Claudia Giannelli Contatto con l animale d affezione (stimolazione esterna piacevole) Attivazione e modificazione

Dettagli

CONVEGNO UIL-SGK Bolzano, 27-02-2015. Valutazione e gestione del rischio da stress lavoro correlato: la metodologia INAIL

CONVEGNO UIL-SGK Bolzano, 27-02-2015. Valutazione e gestione del rischio da stress lavoro correlato: la metodologia INAIL CONVEGNO UIL-SGK Bolzano, 27-02-2015 Valutazione e gestione del rischio da stress lavoro correlato: la metodologia INAIL CASI DI MALATTIA DA STRESS LAVORO CORRELATO 4000 denunce all INAIL negli ultimi

Dettagli

Dott.ssa G. Barbero. Dott.ssa M.Colombo

Dott.ssa G. Barbero. Dott.ssa M.Colombo Dott.ssa G. Barbero Dott.ssa M.Colombo DSM I : 1952 DSM II : 1968 DSM III : 1980 DSM III- R : 1987 DSM IV : 1994 DSM IV TR : 2000 DSM V Versione inglese: maggio 2013 www.dsm5.org versione italiana prevista

Dettagli