RESISTENZA AL TAGLIO DEI TERRENI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RESISTENZA AL TAGLIO DEI TERRENI"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA Dipartimento di Ingegneria gg Civile e Architettura Sezione di ingegneria geotecnica (www.dicar.unict.it/) RESISTENZA AL TAGLIO DEI TERRENI Corso di Geotecnica Ingegneria Edile Architettura, Salvatore Grasso p// / / / /

2 Rappresentazione degli stati tensionali PIANI E TENSIONI PRINCIPALI Preso un punto P all interno di un corpo continuo, le tensioni sui possibili elementi superficiali infinitesimi passanti per P (tensione risultante e relative componenti normale σ e tangenziale τ sull elemento superficiale considerato) variano in generale π 2 σ 1 π 3 σ 2 da elemento a elemento. σ 3 P σ 3 Si può dimostrare che nella stella di piani passanti per P esistono almeno 3 σ 2 piani, ortogonali fra loro, su cui agiscono esclusivamente tensioni normali. Questi 3 piani sono detti principali; le tensioni che agiscono su di essi sono dette tensioni principali σ1 =tensioneprincipale p maggiore (agisce sul piano principale p maggiore π1) ) σ2 = tensione principale intermedia (agisce sul piano principale intermedio π2) σ3 = tensione principale minore (agisce sul piano principale minore π3) 2/77 π 1 σ 1

3 Rappresentazione degli stati tensionali STATI TENSIONALI STATO TENSIONALE ISOTROPO σ1 = σ2 = σ3 (tensione isotropa) tutti i piani della stella sono principali e la tensione (isotropa) è eguale in tutte le direzioni. STATO TENSIONALE ASSIAL SIMMETRICO esiste un fascio di piani principali (che ha per asse la σi = σj σk σk) sui quali agiscono tensioni uguali (σi = σj) eun piano principale ad essi ortogonale (sul quale agisce la σk) 3/77

4 STATO TENSIONALE PIANO Rappresentazione degli stati tensionali Poiché gli stati tensionali critici per i terreni interessano, nella maggior parte di dei problemi pratici, i piani i ortogonali al piano principale i intermedio, ovvero appartenenti al fascio avente per asse la direzione della tensione principale intermedia σ2, è possibile ignorare il valore e gli effetti della tensione principale intermedia e riferirsi ad un sistema piano di tensioni σ 1 σ 1 σ 3 P θ Piano π σ 3 θ σ θ τθ Piano principale minore π 3 Piano principale maggiore, π 1 CONVENZIONE SEGNI: σ positiva se di compressione; τ positiva se produce rotazione anti oraria rispetto ad un punto mediatamente esterno al piano di giacitura θ positivo in senso antiorario

5 σ 1 σ 1 Dr. Ing. Salvatore Grasso Rappresentazione degli stati tensionali CERCHIO DI MOHR Si consideri, nell intorno del punto P, un elemento prismatico triangolare di spessore unitario e lati di dimensioni infinitesime, disposti parallelamente ai due piani principali, π1 e π3, e ad un generico piano π passante per P inclinato di θ rispetto a π1 σθ θ τθ σ 3 P θ Piano π τθ σ 3 Piano principale maggiore, π 1 σ θ dl Piano principale p minore π 3 5/77

6 Rappresentazione degli stati tensionali Dall equilibrio alla traslazione dell elemento prismatico nelle direzioni π1 e π3: σ 3 dl sin θ σθ dl sin θ τθ dl cosθ= 0 σ 1 dl cosθ σθ dl cosθ+τθ dl sin θ= 0 σ1 σ 3 τ θ = 2 sin 2θ σθ=σ σ 3 +(σ1 σ ( ) ) cos 2 3 θ Equazione di un cerchio sul piano (σ,τ) σ 1 Riportando in un sistema di assi cartesiani ortogonali (piano di Mohr) le tensioni normali, σ, lungo l asse X e le tensioni tangenziali, τ, lungo l asse Y, al variare di θ,, si ottiene un cerchio (cerchio di Mohr) con: σ 3 θ σ θ dl τθ RAGGIO : R= (σ1( σ3)/2 CENTRO : C [(σ1 + σ3 )/2; 0] che rappresenta il luogo geometrico delle condizioni di tensione su tutti i piani del fascio. 6/77

7 Y τ θ Dr. Ing. Salvatore Grasso Def. Si definisce polo o origine dei piani il uscente da esso interseca il cerchio in rappresentano lo stato tensionale agente sul considerata. θ D 2θ O A C E B σ 3 σ θ σ 1 Rappresentazione degli stati tensionali punto tale che qualunque retta un punto le cui coordinate piano che ha per traccia la retta Se si assume il piano principale maggiore π1 come riferimento per individuare d l orientazione dei piani del fascio (la cui traccia è l asse X) A (σ3,0) rappresenta il polo X Se si assume il piano principale minore π3 come riferimento i per individuare id l orientazione i di dei piani del fascio (e la cui traccia coincide con l asse X), il polo coincide con B (σ1,0) OSS. L angolo di inclinazione centro del cerchio di Mohr che agenti sui due piani (BĈD). θ tra due piani (BÂD) è metà dell angolo al sottende i punti rappresentativi delle tensioni 7/77

8 Rappresentazione degli stati tensionali Se per individuare l orientazione dei piani del fascio si assume come riferimento il piano orizzontale, non coincidente con un piano principale, sul quale agiscono la tensione normale σd e tangenziale τd, il polo, P, è individuato dall intersezione col cerchio di Mohr della retta orizzontale condotta dal punto D che ha per coordinate la tensione normale e tangenziale sul piano orizzontale. σd Y O polo σ 3 A P σ 1 90 β α C Tensione sul piano orizzontale β D E B π1 τd Tensione sul piano inclinato di rispetto all orizzontale X α σ1 β α 90 β π2 σ3 β = inclinazione (oraria) del piano principale maggiore rispetto all orizzontale 90 β = inclinazione (antioraria) del piano principale minore rispetto all orizzontale α = inclinazione (oraria) del generico piano del fascio rispetto all orizzontale 8/77 σe τ E

9 Criterio di rottura di Mohr Coulomb RESISTENZA AL TAGLIO Per le verifiche di resistenza delle opere geotecniche è necessario valutare quali sono gli stati di tensione massimi sopportabili dal terreno in condizioni di incipiente rottura. Def. La resistenza al taglio di un terreno in una direzione è la massima tensione tangenziale, τf, che può essere applicata al terreno, in quella direzione, prima che si verifichi la rottura. Nella Meccanica dei Terreni si parla di resistenza al taglio, perché nei terreni, essendo di natura particellare, le deformazioni (e la rottura) avvengono principalmente p per scorrimento relativo fra i grani. La rottura (ovvero quella condizione cui corrispondono deformazioni inaccettabilmente elevate): può essere improvvisa e definitiva, con perdita totale di resistenza (come avviene generalmente per gli ammassi rocciosi) oppure può avere luogo dopo grandi deformazioni plastiche, senza completa perdita di resistenza (come si verifica spesso nei terreni) 9/77

10 Criterio di rottura di Mohr Coulomb In linea teorica se si utilizzasse per l analisi delle condizioni di equilibrio e di rottura dei terreni un modello discreto, costituito da un insieme di particelle a contatto, si dovrebbero valutare le azioni mutue intergranulari (normali e tangenziali alle superfici di contatto) e confrontarle con i valori limite di equilibrio. Tale approccio, allo stato attuale e per i terreni reali, non è applicabile. In pratica si utilizza un modello continuo, costituito, nell ipotesi di terreno saturo, dalla sovrapposizione nello stesso spazio di un continuo solido corrispondente alle particelle di terreno, ed un continuo fluido, corrispondente all acqua che occupa i vuoti interparticellari. OSS: l hp lhp di mezzo continuo è accettabile anche perchè la dimensione caratteristica dei fenomeni di interesse pratico è molto maggiore di quella della microstruttura, ovvero dei grani e dei pori. 10/77

11 Criterio di rottura di Mohr Coulomb Le tensioni che interessano il continuo solido sono le tensioni efficaci, definite dalla differenza tra le tensioni totali e le pressioni interstiziali (I parte del principio delle tensioni efficaci): σ = σ u La resistenza al taglio dei terreni è legata alle tensioni efficaci (II parte del principio delle tensioni efficaci): Ogni effetto misurabile di una variazione dello stato di tensione, come la compressione, la distorsione e la variazione di resistenza al taglio è attribuibile esclusivamente a variazioni delle tensioni efficaci τf =f(σ ) 11/77

12 Criterio di rottura di Mohr Coulomb CRITERIO DI MOHR COULOMB Il più semplice ed utilizzato criterio di rottura per i terreni, è il criterio di Mohr Coulomb ( Terzaghi): τ = cʹ+(σ ʹ ( u) tan ʹ= ) cʹ+σʹ ʹ ʹ tan t ʹ f Principio delle tensioni efficaci (Terzaghi) la tensione tangenziale limite di rottura in un generico punto P su una superficie di scorrimento potenziale interna al terreno è data dalla somma di due termini: il primo, detto coesione (c ), è indipendente dalla tensione efficace (σ ) agente nel punto P in direzione io e normale alla a superficie il secondo è proporzionale a σ mediante un coefficiente d attrito tan. L angolo è detto angolo di resistenza al taglio. n,f 12/77

13 Criterio di rottura di Mohr Coulomb Nel piano di Mohr il criterio di rottura di Mohr Coulomb è descritto da una retta, detta retta inviluppo di rottura, che separa gli stati tensionali possibili da quelli privi di materiale. significato fisico in quanto incompatibili con la resistenza del τ τ = cʹ+σʹ tan ʹ f n,f STATI TENSIONALI IMPOSSIBILI c STATI TENSIONALI POSSIBILI σ 13/77

14 Criterio di rottura di Mohr Coulomb Se nel punto P si verifica la rottura, lo stato di tensione corrispondente (supposto per semplicità piano) sarà rappresentato nel piano τ σ da un cerchio di Mohr tangente all inviluppo di rottura τ inviluppo di rottura rottura stato tensionale relativo al punto P in cui si verifica la rottura τ f c Impossibile O σ 3,f σ,f no rottura σ σ 1,f N.B. Un cerchio di Mohr tutto al di sotto della retta inviluppo di rottura indica invece che la condizione di rottura non è raggiunta su nessuno dei piani passanti per il punto considerato, mentre non sono fisicamente possibili le situazioni in cui il cerchio di Mohr interseca l inviluppo di rottura. 14/77

15 Criterio di rottura di Mohr Coulomb (Nel punto P) l inclinazione del piano di rottura (sul quale agiscono agiscono la tensione efficace normale σ n,f elatensionetangenziale τf ) rispetto al piano principale maggiore (sul quale agisce σ 1,f ) è pari a: θ f = π/4 + /2 τ traccia del piano di rottura D θ f = π/4+ /2 inviluppo di rottura π1 τf θf 90 θf σ n,,f τ f c F O A σ 3,f σ,f C 2θ f B σ σ 1,f π3 σ 3,f σ 1,f 15/77

16 OSSERVAZIONI Criterio di rottura di Mohr Coulomb I. Il criterio di rottura di Mohr Coulomb non dipende dalla tensione principale intermedia, σ 2,f τ c σ 3,f σ 2f 2,f σ σ 1,f 16/77

17 Criterio di rottura di Mohr Coulomb II. La tensione τf non è il valore massimo della tensione tangenziale, che è invece pari al raggio dl del cerchio di Mohr: 1 τ ' ' max = ( σ σ ) τ ed agisce (E) su un piano ruotato di piano principale i maggiore (e quindi al piano di rottura) traccia del piano di rottura D E θ f = π/4+ /2 /2 π/4 rispetto al di /2 rispetto inviluppo di rottura τ max τ f F O c π/4 σ A 3,f σn,f C B σ 1,f σ 17/77

18 Criterio di rottura di Mohr Coulomb III. I parametri di resistenza al taglio c etanφ non sono caratteristiche fisiche del terreno, ma sono funzione di molti fattori (storia tensionale, indice dei vuoti, tipo di struttura, tt composizione ii granulometrica, etc.). IV. L inviluppo a rottura può presentare c = 0. V. L inviluppo di rottura reale non è necessariamente una retta (anzi, è marcatamente curvilineo in prossimità dell origine degli assi); spesso tale approssimazione è accettabile bl solo inuncampolimitato di tensioni. VI. Come conseguenza del principio delle tensioni efficaci: per i terreni a grana grossa (nei quali a variazioni di tensione totale corrispondono immediatamente analoghe variazioni di tensione efficace) la resistenza al taglio, e quindi le condizioni di stabilità, non variano nel tempo dopo l applicazione del carico. per i terreni a grana fine (consolidazione): a. se le tensioni efficaci crescono (es. rilevato), anche la resistenza al taglio cresce e le condizioni di stabilità più critiche sono a breve termine, b. se le tensioni efficaci decrescono (es. scavo) anche la resistenza al taglio decresce e le condizioni di stabilità più critiche sono a lungo termine 18/77

19 CRITERIO DI TRESCA Criterio di Tresca Qualora il terreno pervenga a rottura in condizioni non drenate (in genere nei terreni coesivi e quando la velocità di applicazione del carico è tale da impedire lo smaltimento t delle sovrappressioni i interstiziali) ti i equando non è nota l entità delle sovrappressioni Δu, la resistenza al taglio può essere determinata ed espressa solo in termini di tensioni totali, secondoilcriterio di Tresca: τ f =c u dove cu è la resistenza al taglio non drenata. Nel piano di Mohr il criterio di Tresca è descritto da una retta orizzontale ( u = 0), che inviluppa i cerchi di rottura espressi in termini di tensioni totali: τ τ f = c u ( u = 0) cu σ 19/77

20 Coefficienti di Skempton COEFFICIENTI DI SKEMPTON IPOTESI: Elemento di terreno poco permeabile, saturo e sotto falda all interno di un deposito omogeneo con superficie del piano campagna orizzontale STATO TENSIONALE: assial simmetrico (le tensioni geostatiche verticale e orizzontali sono tensioni principali e le tensioni principali orizzontali sono tra loro uguali; cioè σ1 = σv e σ2 = σ3 = σh, con σv > σh). CONDIZIONI DI CARICO E DI FALDA: nessun carico applicato e condizioni idrostatiche σ1 u/γw σ3 20/77

21 Coefficienti di Skempton Si applica, in modo istantaneo in superficie, un carico (infinitamente esteso in direzione orizzontale), che produce istantaneamente, nell elemento di terreno considerato, un incremento assial simmetrico dll dello stato tensionale totale (Δσ1 e Δσ2 = Δσ3) eunincremento della pressione interstiziale (Δu), che possono essere scomposti (nell hp Δσ1> Δσ3 ) in: incremento delle tensioni isotropo, cioè eguale in tutte le direzioni, di intensità Δσ3 (con incremento di pressione interstiziale Δub) incremento deviatorico, agente solo in direzione verticale, di intensità (Δσ1 Δσ3) (con incremento di pressione interstiziale Δua) Δu/γ w Δub/γw Δua/γw Δσ1 = + Δσ3 + Δσ1 Δσ 3 Δσ3 Δσ3 Δu = Δua + Δub 0 21/77

22 Coefficienti di Skempton Si definiscono coefficienti di Skempton i rapporti: B Δ = bu A Δσ 3 Δu a A = A= (Δσ 1 Δσ 3 ) B e complessivamente l incremento di pressione interstiziale conseguente all applicazione applicazione del carico risulta: Δu = B Δσ oppure: 3 +A ( Δσ Δσ ) 1 3 Δu = B [ Δσ 3 +A ( Δσ Δσ )] 1 3 Tali coefficienti possono essere determinati in laboratorio consolidate non drenate. con prove triassiali 22/77

23 Coefficienti di Skempton COEFFICIENTE B DI SKEMPTON: a) terreno saturo (Sr = 1): un incremento di tensione totale isotropa Δσ in condizioni non drenate non produce alcuna deformazione in base al principio delle tensioni efficaci, non produce neppure variazioni di tensione efficace (Δσ = 0) 1.0 Δσ = Δσ + Δu = Δu Δu B = =1 Δσ 0.8 b) terreno asciutto (Sr = 0): un incremento di tensione totale t isotropa Δσ non produce 0.6 variazioni delle pressioni interstiziali (Δu = 0): 0.4 Δu Δσ = Δσ + Δu = Δσ B= =0 0.2 Δσ c) terreno non saturo (0<Sr <1): 0 B = f( Sr) (non lineare e e dipendente e e dal tipo di terreno) e Δσ = Δσ + Δu Δu Grado di saturazione, Sr 0<B= <1 Δσ N.B. Il coefficiente B dipende dal grado di saturazione del terreno ma non dall entità del carico applicato (cioè dall incremento isotropo Δσ) 23/77

24 Coefficienti di Skempton COEFFICIENTE A DI SKEMPTON: Nell ipotesi di terreno saturo, in condizioni non drenate, il coefficiente A (= A) non è unico per lo stesso terreno, ma dipende (a differenza di B, sempre uguale a 1) dall incremento di tensione deviatorica (Δσ1 Δσ3) e dallo stato tensionale iniziale. Di particolare interesse è il valore a rottura: A f =A = f Δu f (Δσ 1 Δσ 3 ) f 0.5 Af dipende da numerosi fattori tra cui OCR; per argille NC varia di norma tra 0.5 e 1 per argille fortemente OC è negativo Grado di sovraconsolidazione, OCR 24/77

25 PROVA DI TAGLIO DIRETTO Prova di taglio diretto TIPO DI TERRENO: campioni ricostituiti di materiali sabbiosi; campioni indisturbati o ricostituiti di terreni a grana fine. La dimensione massima dei grani di terreno deve essere almeno 6 volte inferiore all altezza del provino. SCOPO DELLA PROVA: determinare le caratteristiche di resistenza al taglio del terreno 25/77

26 Prova di taglio diretto ATTREZZATURA: il provino è un prisma a sezione quadrata (lato = mm >> altezza = mm per velocizzare il processo di consolidazione e ridurre l attrito laterale) ale) Il provino è inserito in un telaio metallico diviso orizzontalmente in 2 parti uguali; è racchiuso tra due piastre metalliche forate e nervate, carta filtro e pietre porose. Il tutto è posto in una scatola metallica piena d acqua che può scorrere a velocità prefissata su un binario trascinando la parte inferiore del telaio; la parte superiore è bloccata da un contrasto collegato ad un dinamometro per la misura dll delle forze orizzontali. Pietre porose Capitello Sulla testa del provino si trova un capitello che consente di trasformare carico verticale in pressione uniforme. Telaio Provino un 26/77

27 Prova di taglio diretto PROCEDURA DI PROVA (la prova è I. fase di consolidazione eseguita su almeno 3 provini): È applicata in modo istantaneo e mantenuta costante nel tempo (in genere 24h) una forza verticale N che dà inizio ad un processo di consolidazione edometrica (essendo il provino saturo confinato lateralmente) Si misurano gli abbassamenti del provino, ΔH, nel tempo, controllando in tal modo il processo di consolidazione e quindi il raggiungimento della pressione verticaleefficace media: σ ' n = N (A = area trasversale del provino) A II. fase di taglio Si fa avvenire lo scorrimento orizzontale (prova a df deformazione controllata) t della parte inferiore della scatola a velocità costante ( mm/s per sabbie; 10 4 mm/s per argille) e molto bassa (per evitare l insorgere di sovrappressioni interstiziali, iali altrimenti ti non misurabili) producendo do quindi il taglio del provino nel piano orizzontale medio (in condizioni drenate). Si controlla lo spostamento orizzontale relativo δ e si misurano la forza orizzontale T(t), che si sviluppa per contrastare lo scorrimento, e le variazioni di altezza del provino. 27/77

28 Prova di taglio diretto INTERPRETAZIONE DELLA PROVA: A partire dalle misure effettuate, durante la prova, di: ΔH ()d (t)durante la fase di consolidazione i edometrica δ(t),t(t) e ΔH(t) durante la fase di taglio si possono ricavare: a) I parametri di consolidazione i (es. cv) dl del terreno, limitatamentei al carico applicato, N (e alla pressione di consolidazione raggiunta, σ ), sulla base dei quali può essere tarata la velocità di scorrimento nella fase successiva. b) Si determina la forza resistente di T picco Tf oppure, quando non si possa individuare chiaramente un valore di picco della resistenza, la Tf forzat corrispondente ad un prefissato spostamento, δr (pari al Tf 20% del lato del provino) a partire dalle misure di T(t) diagrammate rispetto allo scorrimento δ δ δf δr 28/77

29 Prova di taglio diretto c) La tensione normale e di taglio che agiscono sul sono rispettivamente: σ ' n,f ' =σ = n N A Tf τ f = A piano di rottura (orizzontale) (coordinate di un punto del piano di Mohr appartenente alla linea di inviluppo a rottura) Ripetendo la prova con differenti valori di N (almeno 3, scelti tenendo conto della tensione verticale efficace geostatica) si ottengono i punti sperimentali che sul piano di Mohr permettono di tracciare la linea di inviluppo a rottura: τ τ f = c'+σ ' tanφ' e determinare c τ e τ3f ' σ'3n τ2f f σ'2n τ1f σ'1n c' Spostamento, δ σ' 1n σ' 2n σ'3n σ' 29/77

30 Prova di taglio diretto STATO TENSIONALE: All inizio della fase di taglio (fine consolidazione) lo stato tensionale è di tipo geostatico ti (assial simmetrico i i con piani i orizzontale everticale principali); i a rottura il piano orizzontale e verticale non sono più piani principali. τ Stato tensionale iniziale τ Stato tensionale a rottura Tensione sul piano di rottura τ f α β POLO σ n c Spostamento, δ σ =K 3,0 σ 3f σ σ = 0 n 1,0 σ n σ1 f α e β = inclinazione dei p.p. minore e maggiore rispetto all orizzontale 30/77 σ

31 Prova di taglio diretto LIMITI DELLA PROVA DI TAGLIO DIRETTO : 1. l area A del provino varia (diminuisce) durantelafaseditaglio (per cui bisogna tenerne conto nel calcolo delle tensioni a rottura, σ n,f e τf) 2. la pressione interstiziale non può essere controllata (se si generano sovrappressioni non possono essere quantificate) 3. non sono determinabili i parametri di deformabilità 4. la superficie di taglio è predeterminata e, se il provino non è omogeneo, può non essere la superficie di resistenza minima 31/77

32 PROVE TRIASSIALI STANDARD Prove triassiali TIPO DI TERRENO: può essere eseguita su campioni ricostituiti di materiali sabbiosi e su campioni i indisturbati o ricostituiti di terreni e a grana ga afine. SCOPO DELLA PROVA: determinare le caratteristiche di resistenza al taglio e di rigidezza del terreno. MODALITÀ DI PROVA: la prova in modalità standard si esegue a compressione su provini saturi, consolidati o meno, in condizioni drenate o non drenate, a deformazione controllata (altre modalità di prova po prevedono, ad esempio, differenti percorsi di carico o provini non saturi). 32/77

33 Prove triassiali FORMA E DIMENSIONE DEI PROVINI: i provini di terreno hanno forma cilindrica con rapporto altezza/diametro generalmente compreso tra 2 e Il diametro è di norma 38 o 50mm (e deve essere almeno 10 volte maggiore della dimensione massima dei grani). STATO TENSIONALE: è di tipo assialsimmetrico e rimane tale durante tutte le fasi della prova, quindi le tensioni principali agiscono sempre lungo le direzioni assiale e radiali del provino σ1 = σa σ2 = σ3 = σr 33/77

34 Prove triassiali APPARECCHIATURA: sicomponediunacella, interamente riempita d acqua, messa in pressione, che consente di trasmettere al provino, contenuto al suo interno, una pressione isotropa (misurabile). Il provino, appoggiato su un piedistallo Carico assiale rigido, riceve il carico assiale (misurabile) tramite una piastra di carico di contrasto Misuratore del ed è isolato dall acqua contenuta nel carico assiale cilindro tramite una membrana che lo avvolge lateralmente, mentre un circuito di Misuratore degli drenaggio regola il flusso d acqua (in spostamenti verticali entrata o in uscita) nella sola direzione verticale e consente di misurare, quando è aperto, il volume d acqua dacquain uscita, quando è chiuso, la pressione interstiziale interna. Il piedistallo su cui appoggia il provino, avanza, mediante una pressa, con una velocità costante (con la possibilità di misurare gli abbassamenti). Misuratore della Pressione di cella Provino Misuratore del Volume d acqua scambiato Misuratore della 34/77 pressione interstiziale

35 Prove triassiali Particolare della cella triassiale 35/77

36 Prove triassiali Con l apparecchio triassiale standard è quindi possibile: esercitare una pressione totale isotropa sul provino tramite l acqua di cella; fare avvenire e controllare la consolidazione isotropa del provino misurandone le variazioni di volume (= quantità di acqua espulsa dai tubi di drenaggio); deformare assialmente il provino a velocità costante fino ed oltre la rottura misurando la forza assiale di reazione corrispondente; controllare (e misurare) le deformazioni assiali del provino (tramite la velocità di avanzamento della pressa) durante la compressione assiale; misurare il volume di acqua espulso o assorbito dal provino durante la compressione assiale a drenaggi aperti; misurare la pressione dell acqua nei condotti di drenaggio (assunta uguale alla pressione interstiziale, supposta uniforme, nei pori del provino) durante la compressione a drenaggi chiusi; mettere in pressione l acqua nei condotti di drenaggio, creando una eguale pressione interstiziale nel provino (contropressione o back pressure) 36/77

37 Prove triassiali TIPI DI PROVA: Le prove triassiali standard sono condotte secondo tre modalità : prova triassiale consolidata isotropicamente drenata (TxCID), prova triassiale consolidata isotropicamente non drenata (TxCIU), prova triassiale non consolidata non drenata (TxUU). e i risultati vengono interpretati ipotizzando un comportamento deformativo isotropo del terreno. σc,s FASE DI SATURAZIONE (fase 0) Per tutti e tre i tipi di prova, il provino è saturato mediante l applicazione (per un certo tempo) di una tensione isotropa opa di cella σc,s e di una poco minore contropressione op e (backpressure, b.p.) dell acqua interstiziale u0 (per non avere consolidazione e variazione di tensione efficace). σc,s u0 σc,s Per verificare l avvenuta lavvenutasaturazione: a pressione u0 1. a drenaggi chiusi si incrementa la pressione di cella di una quantità Δσ esi misura il conseguente aumento di pressione interstiziale, Δu 2. se B = Δu/Δσ > 095 0,95 si considera il provino saturo 3. se invece risulta B < 0,95 si incrementano della stessa quantità la pressione di cella e la b.p. e si ripete dopo un certo tempo la misura di B 37/77 σc,s immissione di H2O

38 La prova si svolge in due fasi. I. FASE DI CONSOLIDAZIONE Il provino, precedentemente saturato, è sottoposto a compressione isotropa mediante un incremento della pressione di cella, a drenaggi aperti fino a completa consolidazione. La pressione di consolidazione, σ c, è pari alla differenza fra la pressione di cella (totale), σc, e la contropressione interstiziale, u0: σ c = σc u0 Il processo di consolidazione è controllato attraverso la misura nel tempo del volume di acqua espulso (= ΔV) PROVA TxCID Prove triassiali σc σc u0 σc pressione di cella pressione interstiziale σc a fine consolidazione drenaggio aperto volume H20 espulso = ΔV 38/77

39 Prove triassiali II. COMPRESSIONE ASSIALE Ancora a drenaggi aperti, si fa avanzare il pistone a velocità costante e sufficientemente bassa da non produrre sovrappressioni interstiziali all interno del provino (ad es. inversamente proporzionale al tempo di consolidazione). σr σ a = σc+ N/A u0 N/A σc N/A = Pressione trasmessa dal pistone A =areadella sezione orizzontale σc= pressione di cella, costante σr = σc u = pressione interstiziale, costante σc drenaggio aperto volume H20 scambiato = ΔV Durante la fase di compressione assiale: si controlla la variazione nel tempo dell altezza del provino, ΔH si misurano: la forza assiale N esercitata dal pistone sul provino il volume d acqua espulso o assorbito dal provino ΔV (corrispondente alla sua variazione di volume nell ipotesi di provino saturo) 39/77

40 Prove triassiali INTERPRETAZIONE DEI RISULTATI: Le misure effettuate durante la fase di compressione permettono di calcolare, fino ed oltre la rottura del provino: la deformazione assiale media, εa = ΔH/H0 la deformazione volumetrica media, εv = ΔV/V0 la deformazione radiale media, εr = (εv εa) /2 (essendo εv = εa + 2 εr) la tensione assiale media, σa = N/A+σc (totale) σa = σa u0 (efficace) la tensione radiale, σr = σc (totale) σ r = σc u0 = σ c (efficace) la tensione e deviatorica ica media, q=σa σr = σ a σ r =N/A, la pressione media, p = (σa +2 σr )/3 (totale) p =p u0 (efficace) 40/77

41 Prove triassiali La prova viene eseguita su 3 provini dello stesso terreno consolidati con 3 diversi valori di σ c= σc u0 σ a σ r = (σ a σr) 1) Dalla curva (σa σr ) εa si determina la (σ σ ) a tensione deviatorica a rottura (σa σr )f r 3f σ c (3) come valore di picco o come valore corrispondente ad un prefissato livello della deformazione assiale media, εa. (σ σ ) a r 2f σ c (2) 2) Durante la fase di compressione assiale la pressione radiale totale (= tensione principale minore, σ3) rimane costante (uguale alla pressione di cella σc, costante) e quindi: σ3f (a rottura) = σrf = = σrc(a fine consolidazione) = σ σc (di cella) (σ σ ) a r 1f σ c (1) ε v σ c(3) > σ c(2) > σ c(2) ε a 41/77

42 Prove triassiali 3) Poiché durante la fase di sovrappressioni (prova drenata), efficace rimane costante: compressione assiale cioè u0 = cost, anche non si sviluppano la pressione radiale σ 3f (a rottura) = σ rf = σrf u0 = σrc u0 (= σ rc, a fine consolidazione) = σc = σ c σ c (pressione di consolidazione) u0 4) Invece varia progressivamente la pressione assiale (= tensione principale maggiore, σ1) ), sia totale (σ1( = σa) ) sia efficace (σ 1( = σ a ) σ 1f (a rottura) = σ 3f +(σa σr)f = σ c +(σa σr)f σ 1c σ1f (a rottura) = σ3f +(σa σr)f = σc +(σa σr)f σ1c 4) Una volta note le tensioni principali efficaci (assiali e radiali), a fine consolidazione e a rottura: σ 1c = σ 3c = σ c σ 3f = σ c σ 1f = σ c +(σa σr)f si possono costruire i cerchi di Mohr corrispondenti in termini di tensioni efficaci che rappresentano l evoluzione degli stati tensionali durante la compressione assiale, fino (ed oltre) la rottura (percorso tensionale). 42/77

43 Prove triassiali STATO TENSIONALE: I) Il cerchio di Mohr che rappresenta lo stato tensionale efficace iniziale della fase di compressione (= fine consolidazione i isotropa) è rappresentato da un punto di coordinate [σ c, 0] II) I cerchi di Mohr che rappresentano lo stato tensionale efficace durante l applicazione del carico assiale e fino a rottura passano tutti per questo stesso punto. III) Il cerchio c di Mohr che rappresenta lo stato tensionale e efficace a rottura ha un diametro pari a (σ a σ r )f =(σa σr )f, passa per i punti di coordinate [σ 3f,0] e [σ 1f,0] ed è tangente alla retta di equazione: τ f = c'+(σ ( u) tanφ'= c'+σ ' tanφ'' Statot tensionaleefficace a fine consolidazione i (inizio fase di compressione) Stato tensionale efficace a rottura O σ 1c = σ 3c= σ 3f σ 1f = σ σ = σ rf af 43/77

44 Prove triassiali DETERMINAZIONE SPERIMENTALE DI c E : Per determinare e l equazione e τ dell inviluppo a rottura, e quindi i parametri di resistenza al taglio e c, per il campo di tensioni indagato, bisogna ripetere la prova su almeno tre provini dello stesso terreno, a differenti valori della pressione efficace di consolidazione (scelti tenendo conto della tensione efficace geostatica) N.B. Se il terreno è normal consolidato c = 0 CAMPO D APPLICAZIONE: c O σ rf(1) ( ) σ rf(2)σ rf(3) ( ) ( ) σ af(1) ( ) σ af(2) ( ) σ a(f3) ( ) L esecuzione della prova TxCID richiede un tempo tanto maggiore quanto minore è la permeabilità del terreno, ed è pertanto generalmente riservata a terreni sabbiosi o comunque abbastanza permeabili 44/77 σ

45 La prova si svolge in due fasi. I. FASE DI CONSOLIDAZIONE PROVA TxCIU Prove triassiali Il provino, precedentemente saturato, è sottoposto ad una fase di consolidazione a drenaggi aperti, identica a quella della prova TxCID. II. COMPRESSIONE ASSIALE a trasduttori che A drenaggi chiusi e collegati misurano la pressione dell acqua u nei condotti di drenaggio e quindi nei pori del provino, si fa avanzare il pistone a velocità costante, anche relativamente elevata. Il provino, essendo saturo, non subirà variazioni di volume. N/A = Pressione trasmessa dal pistone σa = σ c + N/A trasmessa dal N/A σc σr u σr = σc Durante la fase di compressione assiale: σc si controlla la variazione nel tempo dell altezza drenaggio chiuso del provino, ΔH (misura di u ) si misurano: la forza assiale N esercitata dal pistone sul provino la pressione interstiziale u all interno del provino A =areadella sezione orizzontale σc= pressione di cella, costante u = pressione interstiziale, variabile 45/77

46 Prove triassiali INTERPRETAZIONE DEI RISULTATI: Le misure effettuate durante la fase di compressione permettono di calcolare, fino ed oltre la rottura del provino: la deformazione assiale media, εa = ΔH/H0 la df deformazione radiale media, εr = ( εa) /2(εv = εa + 2εr =0) la pressione (o la sovrappressione) interstiziale, iale u(δu) la tensione totale radiale media, σr = σc (costante durante la prova) la tensione e deviatorica i a media, q=σa σr = σ a σ r =N/A la tensione totale assiale media, σ σa = N/A + σr le tensioni efficaci medie assiali e radiali, σ a = σa u; σ r = σr u u le pressione medie efficaci e totali p= (σa +2 σr )/3; p =p u0 il coefficiente A di Skempton, A=A=Δu/(σa σr) 46/77

47 Prove triassiali La prova viene eseguita su 3 provini dello stesso terreno consolidati con 3 diversi valori di σ c= σc u0 σa σ r 1) Dalla curva (σa σr ) εa si determina la tensione deviatorica a rottura (σa σr σr )f come valore di picco o come valore corrispondente ad un prefissato livello della deformazione assiale media, εa 2) Durante la fase di compressione assiale la pressione radiale totale (= tensione principale minore, σ3) rimane costante (uguale alla pressione di cella σc, costante) e quindi: (σ a σ ) ) r 3f (σ a σ r ) 2f (σ a σ ) r 1f σ3f (a rottura) = σrf = σrc(a fine consolidazione) = σc Δu σ 3c σ 2c σ 1c σ c(3) > σ c(2) > σ c(2) (di cella) σ1 c σ2 c σ 3c ε a 47/77

48 Prove triassiali 3) Poiché durante la fase di compressione assiale si sviluppano sovrappressioni (prova non drenata), la pressione interstiziale u varia rispetto al valore iniziale u0, e così anche la pressione radiale efficace varia: σ 3f (a rottura) = σ rf = σrf uf = σc uf ( σ rc, a fine consolidazione, = σc u0 ) σ c (pressione di consolidazione) 4) La pressione assiale (= tensione principale maggiore, σ1), sia totale (σ1 = σa) sia efficace (σ 1 = σ a ) variano: σ 1f (a rottura) = σ 3f +(σa σr)f σ1f (a rottura) = σ3f +(σa σr)f = σc +(σa σr)f 5) Una volta calcolate le tensioni principali efficaci (assiali e radiali), a fine consolidazione e a rottura: σ 1c = σ 3c = σ c σ 3f = σc uf σ 1f = σ 3f + (σa σr)f) si possono costruire i cerchi di Mohr corrispondenti in termini di pressioni efficaci. 48/77

49 Prove triassiali STATO TENSIONALE EFFICACE I. Il cerchio di Mohr che rappresenta lo stato tensionale efficace iniziale della fase di compressione (= fine consolidazione isotropa) è rappresentato da un punto di coordinate [σ c, 0]. II. I cerchi di Mohr che rappresentano lo stato tensionale efficace durante l applicazione del carico assiale fino a rottura (percorso tensionale) non passano per uno stesso punto. III. Il cerchio di Mohr che rappresenta lo stato tensionale efficace a rottura ha un diametro pari a (σ a σ r )f = (σa σr )f, passa per i punti di coordinate [σ 3f,0] e [σ 1f,0] ed è tangente alla retta di equazione: τ f = cʹ+(σ u) tanφʹ= cʹ+σ tan φʹ τ Stato tensionale efficace a rottura Stati tensionali efficaci intermedi Stato tensionale efficace a fine consolidazione O σ 3f=σ rf σ 1f=σ af σ 49/77 σ 1c=σ 3c

50 Prove triassiali DETERMINAZIONE SPERIMENTALE DI c E Per determinare l equazione dell inviluppo a rottura, e quindi i parametri di resistenza al taglio e c, per il campo di tensioni indagato, bisogna ripetere la prova su almeno tre provini dello stesso terreno, a differenti valori della pressione efficace di consolidazione (scelti tenendo conto della tensione efficace geostatica) τ c O σ σ rf(1) σ rf(2)σ rf(3) σ af(1) σ af(2) σ a(f3) N.B. Se il terreno è normal consolidato, c = 0 50/77

51 Prove triassiali Poiché il terreno perviene a rottura in condizioni non drenate, è possibile interpretare i risultati della prova anche in termini di tensioni totali. STATO TENSIONALE TOTALE I cerchi di Mohr che rappresentano lo stato tensionale totale iniziale della fase di compressione (= fine consolidazione isotropa) e fino a rottura sono rappresentati da cerchi traslati di u0 rispetto ai corrispondenti cerchi espressi in termini di tensioni efficaci (essendo la pressione interstiziale isotropa, e quindi uguale sia in direzione assiale che radiale): τ Stato tensionale efficace a rottura Stato tensionale totale a rottura Stati tensionali efficaci intermedi Stati tensionali totali intermedi O σ 3f=σ rfσ σ 1c=σ 3c σ 1f=σ af σ1c=σ3c σ1f = σaff σ (--),) σ(-) ( ) u0 uf 51/77

52 DETERMINAZIONE SPERIMENTALE DI cu Per determinare la coesione non drenata, cu, si calcola Mohr a rottura τ Prove triassiali il raggio del cerchio di Cerchio di Mohr in tensioni efficaci Cerchio dimohr in tensioni itotalit c u σ,σ σ σ3f σ 3f σ N.B. La cu è diversa per ciascuno dei 3 provini, essendo diversa la pressione efficace di consolidazione (e quindi il diametro del cerchio). Se il terreno è NC il rapporto cu/σ c è costante, altrimenti è funzione del grado di sovraconsolidazione OCR CAMPO D APPLICAZIONE L esecuzione della prova TxCIU è generalmente riservata a terreni argillosi o comunque poco permeabili, per i quali l esecuzione di prove TxCID richiederebbe tempi molto lunghi 52/77 1f 1f

53 PROVA TxUU Prove triassiali A differenza delle prove TxCID e TxCIU, non è prevista una fase di consolidazione isotropa (e in taluni casi neanche di saturazione). La pressione di consolidazione del provino, σ c, è quella che possiede il provino in conseguenza dello scarico tensionale conseguente al suo prelievo ed estrazione, che (nell ipotesi che il coefficiente A di Skempton corrispondente allo scarico subito valga 1/3) coincide id conquella in sito. La prova si svolge in due fasi. I. FASE DI COMPRESSIONE ISOTROPA Il provino, a drenaggi chiusi, è sottoposto a compressione isotropa portando in pressione il fluido di cella ad un valore assegnato di pressione totale σc σc σc u1 σc σc= pressione di cella Se il provino è saturo (B=1) il volume del provino non varia e l incremento della pressione isotropa i i i i l σc di cella comporta un uguale aumento della (u1 = u0 +Δu) pressione interstiziale mentre le tensioni efficaci drenaggio chiuso non subiscono variazioni pressione interstiziale Durante tale fase si può controllare l incremento Δu di pressione interstiziale. 53/77

54 II. COMPRESSIONE ASSIALE A drenaggi ancora chiusi, si fa avanzare pressa su cui si trova la cella triassiale velocità costante, anche piuttosto elevata. Il provino, essendo saturo, continua anon subire variazioni di volume. la a σr σa = σc+ N/A u Prove triassiali N/A σc N/A = Pressione trasmessa dal pistone A =areadella sezione orizzontale σc= pressione di cella, costante σr = σc Durante la fase di compressione: σc si controlla la variazione nel tempo dell altezza drenaggio chiuso del provino, ΔH simisura: la forza assiale N esercitata dal pistone sul provino u = pressione interstiziale, variabile N.B. la variazione di pressione interstiziale all interno del provino in genere non viene misurata 54/77

55 Prove triassiali INTERPRETAZIONE DEI RISULTATI Le misure effettuate durante la fase di compressione permettono di calcolare, fino ed oltre la rottura del provino: la deformazione assiale media, εa = ΔH/H0 la deformazione radiale media, εr = ( εa) /2 (essendo εv = εa + 2 εr = 0) la tensione deviatorica media, q = σa σr = σ aσ a σ r= N/A la tensione totale radiale media, (costante σr = σc ) la tensione totale assiale media, σa =N/A+σr la pressione media totale, p = (σa( + 2σr )/3 55/77

56 Prove triassiali La prova viene eseguita su 3 provini dello stesso terreno sottoposti a 3 diversi valori di σc(ma con uguale σ c ) σa-σr σr 1) Dalla curva (σa σr ) εa si determina la tensione e deviatorica ica a rottura a(σa (σa σr )f) (σa-σr)f σ ) come valore di picco o come valore corrispondente ad un prefissato livello della deformazione assiale media, εa σ c 2) Durante la fase di compressione assiale la pressione radiale totale (= tensione principale minore, σ3) rimane costante (uguale alla pressione di cella σc, costante) e quindi: εa σ3f (a rottura) = σrf = σrc(a fine compressione isotropa) = σc (di cella) 56/77

57 Prove triassiali 3) Durante la fase di compressione assiale si sviluppano sovrappressioni (prova non drenata), che in genere non vengono misurate, quindi la pressione efficace radiale varia, ma non è nota. σ 3f (valore a rottura) = σ rf σ rc = σ 3c (valore a fine compressione isotropa) 4) La pressione assiale (= tensione principale maggiore, σ1) totale (σ1 = σa) varia ed è determinabile: σ1f (a rottura) = σ3f +(σa σr)f = σc +(σa σr)f anche la pressione assiale efficace (σ 1 = σ a) varia, ma non è determinabile: 5) Una volta calcolate le tensioni principali totali (assiali e radiali), a fine consolidazione e a rottura: σ3f = σc σ1f = σc +(σa σr)f si possono costruire i cerchi di Mohr corrispondenti in termini di pressioni totali (i cerchi di Mohr espressi in tensioni efficaci non sono determinabili, non essendo misurate le pressioni interstiziali durante la fase di compressione assiale e a rottura). 57/77

58 Prove triassiali STATO TENSIONALE TOTALE I. Il cerchio di Mohr che rappresenta lo stato tensionale totale iniziale della fase di compressione (= fine compressione isotropa) è rappresentato da un punto di coordinate [σc, 0]. II. I cerchi di Mohr che rappresentano lo stato tensionale totale durante l applicazione del carico assiale e fino a rottura (percorso tensionale) passano per lo stesso punto di coordinate [σc, 0] (essendo la tensione totale radiale media costante durante la fase di compressione assiale). III. Il cerchio di Mohr che rappresenta lo stato tensionale totale a rottura ha un diametro pari a (σ a σ r )f =(σa σr )f, passa per i punti di coordinate [σ3f,0] e [σ1f,0], il suo raggio individua la coesione non drenata: σ 1 σ DETERMINAZIONE SPERIMENTALE DI 3 cu c u = 2 f Per determinare la coesione non drenata, cu, si calcola il raggio del cerchio di Mohr a rottura. τ uf cu σ3c = σc σ1f=σaf σ

59 Prove triassiali OSS. 1) La prova viene eseguita su almeno 3 provini estratti alla stessa profondità (stessa pressione di consolidazione σ c), ) a differenti pressioni totali di cella σc e alle stesse condizioni di saturazione. Il carico assiale che porta a rottura i tre provini (diametro del cerchio di Mohr a rottura) è sempre lo stesso ed indipendente dalla pressione isotropa di cella σc imposta, quindi la coesione non drenata viene calcolata come media dei valori ottenuti per i tre provini. I cerchi di Mohr a rottura dei tre provini hanno lo stesso diametro e i cerchi di Mohr sono coincidenti. τ uf(1) uf(2) uf(3) in termini di tensioni totali in termini di tensioni efficaci cu σ 3f=σ rf σ 1f=σ af σc(1) σc(2) σc(3) σ c (1,2,3) u0 σ (--), σ(-) σ1f(1) σ1f(2) σ1f(3) 59/77

60 Prove triassiali OSS. 2) La prova TxUU può anche essere eseguita su provini di terreno non saturi; in tal caso la pressione efficace non è più la stessa e quindi l inviluppo dei cerchi di rottura in termini di tensioni totali risulterà curvilineo per basse pressioni di confinamento e orizzontale per le pressioni più elevate (per le quali il terreno ha raggiunto la saturazione). Inoltre la resistenza al taglio τ in condizione non drenate, cu, che si ricava dalle prove è dipendente, a parità di terreno, dalla pressione efficace di consolidazione ld in sito e quindi, su provini estratti a profondità differenti, gli inviluppi il i a rottura sono differenti. σ CAMPO D APPLICAZIONE La prova TxUU è generalmente eseguita su provini ricavati da campioni indisturbati di terreno a grana fine. 60/77

61 PROVA ELL Prova ELL La prova ad espansione laterale libera (ELL), o di compressione semplice, si svolge in una sola fase. È una prova triassiale a tutti gli effetti, ma non è prevista una fase di saturazione e consolidazione isotropa, né la misura delle pressioni interne. COMPRESSIONE ASSIALE σa = N/A N/A Si fa avanzare la pressa su cui si trova il provino a velocità costante, anche piuttosto elevata. Il provino potrebbe non essere saturo (non è σr = 0 u σr =0 possibile controllare la saturazione), in tal caso potrebbe subire variazioni di volume. u = pressione N/A = Pressione trasmessa dal pistone A =areadella sezione orizzontale interstiziale, variabile Durante la fase di compressione: drenaggio impedito dalla velocità si controlla la variazione nel tempo dell altezza deformazione e della permeabilità del provino, ΔH simisura: la forza assiale N esercitata dal pistone sul provino NB N.B. È una prova semplice, rapida eabasso costo, ma può essere eseguita solo su terreni a grana fine 61/77 di

62 Prova ELL APPARECCHIATURA A differenza dell apparecchio triassiale, il provino non è avvolto da una membrana, non è posto all interno di una cella circondato da acqua e quindi non è compresso in direzione radiale (σr = 0). Il provino, appoggiato su un piedistallo rigido, riceve il carico assiale (misurabile) tramite una piastra di carico di contrasto per l avanzamento di una pressa a velocità costante (elevata), con la possibilità di controllare gli abbassamenti. Non è previsto un circuito di drenaggio che consenta di regolare il flusso d acqua (in entrata o in uscita) o di misurare la pressione interstiziale interna. OSS. Sebbene vi sia possibilità di drenaggio l elevata velocità di deformazione e Sebbene vi sia possibilità di drenaggio, lelevatavelocità di deformazione e la ridotta permeabilità del terreno fanno sì che le condizioni di prova siano praticamente non drenate. 62/77

63 Prova ELL INTERPRETAZIONE DEI RISULTATI Le misure effettuate durante la prova permettono di calcolare, fino ed oltre la rottura del provino: la deformazione assiale media, εa = ΔH/H0 la tensione totale assiale media (o il deviatore medio), σa = N/A+ σr = N/A= q (essendo σr = 0) σa σr = σa = q (deviatore) I risultati possono essere interpretati solo in termini di tensioni totali e può essere determinata la sola coesione non drenata, cu 1) Dalla curva (q) εa si determina la tensione deviatorica i a a rottura qu come valore di picco o come valore corrispondente ad un prefissato livello della deformazione assiale media, εa prova TxUU (con σc =0) q qu 63/77 εa

64 Prova ELL 2) Durante la compressione principale minore, σ3) rimane quindi: assiale la pressione costante ed uguale radiale totale (= tensione 0 (pressione atmosferica) e σ3f (a rottura) = σrf = σr0(inizio prova) = 0 (pressione atmosferica) 3) Durante la compressione assiale si sviluppano sovrappressioni (prova non drenata), che non possono essere misurate, quindi la pressione efficace radiale varia,ma aia a non è nota. σ 3f (valore a rottura) = σ rf σ r0 = σ 30 (valore a inizio prova) 4) La pressione assiale (= tensione e pi principale maggiore, σ1) ) totale (σ1 = σa) ) varia ed è determinabile: σ1f (a rottura) = σ3f + (σa σr)f = σc + (σa σr)f = qu anche la pressione assiale efficace (σ 1 = σ a) varia, ma non è σ 1f (valore a rottura) = σ af σ a0 = σ 10 (valore a inizio prova) determinabile: 64/77

65 Prova ELL 5) Una volta calcolate le tensioni principali totali (assiali provaearottura: e radiali), a inizio σ3f (a rottura) = 0 σ1f (a rottura) = qu si possono costruire i cerchi di Mohr corrispondenti in termini di pressioni totali (i cerchi di Mohr espressi in tensioni efficaci non sono determinabili, nono essendo misurate le pressioni interstiziali durante la fase di compressione assiale e a rottura). 65/77

66 Prova ELL STATO TENSIONALE TOTALE I. Il cerchio di Mohr che rappresenta lo stato tensionale totale iniziale (= inizio della prova) è rappresentato da un punto coincidente con l origine [0, 0]. II. I cerchi di Mohr che rappresentano lo stato tensionale totale durante l applicazione del carico assiale e fino a rottura (percorso tensionale) passano tutti per l origine (essendo la tensione totale radiale media nulla durante la prova). III. Il cerchio di Mohr che rappresenta lo stato tensionale totale a rottura ha un diametro pari a qu e passa per i punti di coordinate [0,0] e [qu,0], il suo raggio individua la coesione non drenata: τ c =q /2 u u DETERMINAZIONE SPERIMENTALE DI cu Per determinare la coesione non drenata, cu, si calcola il raggio del cerchio di Mohr a rottura. cu =qu/2 O qu 66/77 σ

67 Prova ELL OSS. 1) Se si conoscessero le pressioni interstiziali a rottura, e quindi le tensioni efficaci, il cerchio di Mohr a rottura corrispondente sarebbe spostato a destra rispetto a quelle in termini di tensioni totali (pressioni interstiziali negative), non potendo sostenere il terreno tensioni di trazione. TENSIONI TOTALI τ TENSIONI EFFICACI cu= =q /2 u O uf <0 q u σ 2) Se la prova fosse ripetuta su provini dello stesso terreno estratti alla stessa profondità, il cerchio di Mohr a rottura che si otterrebbe sarebbe lo stesso (nell ipotesi di terreno saturo), non potendo modificare la pressione di cella. 67/77

68 Resistenza al taglio dei terreni RESISTENZA AL TAGLIO DEI TERRENI A GRANA GROSSA I terreni a grana grossa (ghiaie e sabbie) possono essere: prividicoesione(sabbie e ghiaie sature non cementate) dotati di coesione apparente (sabbie parzialmente sature) dotati di coesione (sabbie e ghiaie cementate) La resistenza al taglio di dei terreni a grana grossa dovrebbe essere determinata su campioni indisturbati e rappresentativi delle reali condizioni in sito. In genere non è possibile prelevare campioni indisturbati di terreno a grana grossa non cementati. Le prove di laboratorio condotte su provini di sabbia ricostituiti alla densità del terreno in sito, sono scarsamente rappresentativi del comportamento meccanico dl del terreno naturale in sito. Si ritiene più affidabile stimare la resistenza al taglio di sabbie e ghiaie sulla base dei risultati di prove in sito; leprove di laboratorio su terreni a grana grossa vengono effettuate per determinare la resistenza di terreni da impiegare come materiali da costruzione, o per lo studio di leggi costitutive. 68/77

69 Resistenza al taglio dei terreni COMPORTAMENTO DILATANTE E CONTRATTIVO Durante una prova di resistenza meccanica di laboratorio (ad es. prova di taglio diretto o prova triassiale drenata), il comportamento di due provini della stessa sabbia aventi differente indice dei vuoti (ovvero con differente densità relativa) e sottoposti alla stessa pressione di confinamento può essere molto diverso: σ σ e 1 3 Sabbia densa a Sabbia sciolta Sabbia sciolta e crit Sabbia densa ε a ε a 69/77

70 Resistenza al taglio dei terreni All aumentare di εa: PROVINO DI SABBIA SCIOLTA 1. graduale aumento dll della resistenza mobilizzata (σ 1 σ 3 ) tendente a stabilizzarsi su un valore massimo, anche per grandi deformazioni; 2. progressiva e graduale diminuzione del volume (e quindi dell indice dei vuoti) con tendenzaastabilizzarsi t i su un valore minimo i (corrispondente a un indice dei vuoti critico, ecrit), anche per grandi deformazioni. COMPORTAMENTO CONTRATTIVO PROVINO DI SABBIA DENSA 1. curva di resistenza con un massimo accentuato (corrispondente alla condizione di rottura) e un valore residuo, per grandi deformazioni, pressoché eguale al valore di resistenza mostrato dal provino di sabbia sciolta (a parità di pressione di confinamento); 2. piccola diminuzione di volume iniziale, (e quindi di e), seguita da un inversione di tendenza (per cui e supera il valore iniziale e tende allo stesso indice dei vuoti critico, ecrit, sempre a parità di pressione di confinamento). COMPORTAMENTO DILATANTE 70/77

CAPITOLO 9 RESISTENZA AL TAGLIO DEI TERRENI

CAPITOLO 9 RESISTENZA AL TAGLIO DEI TERRENI 9. Introduzione CAPITOLO 9 Per le verifiche di resistenza delle opere geotecniche è necessario valutare quali sono gli stati di tensione massimi sopportabili dal terreno in condizioni di incipiente rottura.

Dettagli

ESERCIZI DA ESAMI (1996-2003) Prove triassiali

ESERCIZI DA ESAMI (1996-2003) Prove triassiali ESERCIZI DA ESAMI (1996-23) Prove triassiali Esercizio 1 Un provino di argilla è consolidato isotropicamente in cella triassiale con: pressione di cella: σ c = 4 kpa contropressione neutra: B.P. = 2 kpa

Dettagli

PARTE IV: RESISTENZA AL TAGLIO

PARTE IV: RESISTENZA AL TAGLIO PARTE IV: RESISTENZA AL TAGLIO Resistenza al taglio in corrispondenza dei contatti fra le particelle Definizione dell angolo di attrito Φ μ tgφ μ = f con f = coefficiente di attrito Interpretazione micromeccanicistica

Dettagli

A.A. 2014-2015 03.11.2014. Determinazione della resistenza dei terreni

A.A. 2014-2015 03.11.2014. Determinazione della resistenza dei terreni Determinazione della resistenza dei terreni RESISTENZA = MASSIMO VALORE DELLO SFORZO DI TAGLIO CHE IL TERRENO PUÒ SOSTENERE Le caratteristiche di resistenza di un terreno sono studiate sperimentalmente

Dettagli

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke)

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) σ= Eε E=modulo elastico molla applicazioni determinazione delle tensioni indotte nel terreno calcolo cedimenti MODELLO PLASTICO T N modello plastico perfetto T* non dipende

Dettagli

Prova di verifica parziale N. 2 24 Nov 2008

Prova di verifica parziale N. 2 24 Nov 2008 Prova di verifica parziale N. 2 24 Nov 2008 Esercizio 1 Una prova triassiale CU è stata eseguita su tre provini preparati a partire da un campione indisturbato di argilla satura. Nella prima fase i tre

Dettagli

RESISTENZA A TAGLIO. Università degli Studi di Trento - Facoltà di Ingegneria Geotecnica A / Geotecnica B (Dr. A Tarantino) 1.1

RESISTENZA A TAGLIO. Università degli Studi di Trento - Facoltà di Ingegneria Geotecnica A / Geotecnica B (Dr. A Tarantino) 1.1 RESISTENZA A TAGLIO 1.1 Capacità portante di una fondazione F W ribaltante W stabilizzante mobilitata La stabilità del complesso terreno-fondazione dipende dalle azioni tangenziali che si possono mobilitare

Dettagli

75 CAPITOLO 6: PROVE EDOMETRICHE CAPITOLO 6: PROVE EDOMETRICHE

75 CAPITOLO 6: PROVE EDOMETRICHE CAPITOLO 6: PROVE EDOMETRICHE 75 CAPTOLO 6: PROVE EDOMETRCE CAPTOLO 6: PROVE EDOMETRCE La prova edometrica è una prova di compressione assiale senza deformazione laterale, serve a determinare le caratteristiche di comprimibilità dei

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 8. COMPORTAMENTO MECCANICO DEI TERRENI RESISTENZA DEI TERRENI

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 8. COMPORTAMENTO MECCANICO DEI TERRENI RESISTENZA DEI TERRENI GEOTECNICA 8. COMPORTAMENTO MECCANICO DEI TERRENI RESISTENZA DEI TERRENI PERCORSO TENSIONALE IN UNA PROVA TRIASSIALE DRENATA PROVA TRIASSIALE DRENATA TERRENO NC PRESSIONE NEUTRA NULLA COMPRESSIONE ISOTROPA

Dettagli

Figura 1 Planimetria schematica con indicazione della ubicazione dei sondaggi e delle prove CPT

Figura 1 Planimetria schematica con indicazione della ubicazione dei sondaggi e delle prove CPT ESERCITAZIONE n. 1 Ai fini della caratterizzazione e modellazione geologica e geotecnica di un sito che sarà interessato dalla realizzazione di un edificio, con quattro piani fuori terra, da adibire a

Dettagli

COMPRESSIBILITÀ E CONSOLIDAZIONE

COMPRESSIBILITÀ E CONSOLIDAZIONE COMPRESSIBILITÀ E CONSOLIDAZIONE. Cedimenti nel caso di falda profonda e fondazione a p.c. 3 t δ 3 I cedimenti sono non lineari con il carico falda Al termine della fase di carico, i cedimenti sono trascurabili.

Dettagli

113 CAPITOLO 10: PROVE DI LABORATORIO CAPITOLO 10: PROVE DI LABORATORIO

113 CAPITOLO 10: PROVE DI LABORATORIO CAPITOLO 10: PROVE DI LABORATORIO 113 Questo capitolo tratta delle prove di laborario che servono per ricavare i parametri da introdurre nei modelli. Inizialmente vengono affrontate le condizioni al contorno, sia con riguardo alle azioni

Dettagli

CARATTERIZZAZIONE GEOTECNICA DEI TERRENI SOTTO AZIONI DINAMICHE CON PROVE IN SITO E DI LABORATORIO

CARATTERIZZAZIONE GEOTECNICA DEI TERRENI SOTTO AZIONI DINAMICHE CON PROVE IN SITO E DI LABORATORIO < CARATTERIZZAZIONE GEOTECNICA DEI TERRENI SOTTO AZIONI DINAMICHE CON PROVE IN SITO E DI LABORATORIO #$$! "! " %&'()**) +,-./ ?@1 3>?@1 012 34561 75 ;33849: Dinamica dei Terreni Studia il comportamento

Dettagli

165 CAPITOLO 13: PROVE MECCANICHE IN SITO

165 CAPITOLO 13: PROVE MECCANICHE IN SITO 165 Introduzione Rispetto alle prove eseguite in laboratorio, quelle in sito presentano sia dei vantaggi che degli svantaggi. 1. Tra i vantaggi delle prove in sito di può dire che queste sono più rapide

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Sezione geotecnica (www.dicea.unifi.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Sezione geotecnica (www.dicea.unifi. UNIVERSIT DEGLI STUDI DI FIRENZE Dipartimento di Ingegneria Civile e mbientale Sezione geotecnica (www.dicea.unifi.it/geotecnica) SINT DELLE TERRE Corso di Geotecnica Ingegneria Edile,.. 00\0 Johann Facciorusso

Dettagli

Lezione 6 GEOTECNICA. Docente: Ing. Giusy Mitaritonna e-mail: g.mitaritonna@poliba.it

Lezione 6 GEOTECNICA. Docente: Ing. Giusy Mitaritonna e-mail: g.mitaritonna@poliba.it Lezione 6 GEOTECNICA Docente: Ing. Giusy Mitaritonna e-mail: g.mitaritonna@poliba.it - Lezione 6 A. Indagine Geotecnica: considerazioni generali B. Indagini in sito: Perforazioni di sondaggio e prelievo

Dettagli

Lezione 7 GEOTECNICA. Docente: Ing. Giusy Mitaritonna e-mail: g.mitaritonna@poliba.it

Lezione 7 GEOTECNICA. Docente: Ing. Giusy Mitaritonna e-mail: g.mitaritonna@poliba.it Lezione 7 GEOTECNICA Docente: Ing. Giusy Mitaritonna e-mail: g.mitaritonna@poliba.it - Lezione 7 A. Compressibilità dei terreni: considerazioni generali ed applicazioni B. L edometro C. La pressione di

Dettagli

FONDAZIONI DIRETTE prof. Stefano Catasta

FONDAZIONI DIRETTE prof. Stefano Catasta La scelta ed il dimensionamento di una soluzione fondale di tipo diretto superficiale è legata oltre alle caratteristiche del terreno su cui sorgerà la costruzione anche dal tipo di soluzione strutturale

Dettagli

Fasi del progetto geotecnico di una fondazione

Fasi del progetto geotecnico di una fondazione 1 Fasi del progetto geotecnico di una fondazione 1. Indagini per la caratterizzazione geotecnica del sottosuolo. Analisi di entità e distribuzione delle azioni di progetto in esercizio (carichi fissi +

Dettagli

Docente: Ing. Giuseppe Scasserra

Docente: Ing. Giuseppe Scasserra Prima Facoltà di Architettura Ludovico Quaroni LABORATORIO DI COSTRUZIONI DELL ARCHITETTURA II MODULO DI GEOTECNICA E FONDAZIONI Docente: Ing. Giuseppe Scasserra Dipartimento di Ingegneria Strutturale

Dettagli

Caratteristiche fisiche delle terre

Caratteristiche fisiche delle terre 1 Caratteristiche fisiche delle terre Peso volumico reale Il peso volumico reale di una terra è il rapporto tra il peso dei suoi granuli non considerando i vuoti dei pori, e il peso di un uguale volume

Dettagli

Geotecnica e Laboratorio

Geotecnica e Laboratorio Corso di Laurea a ciclo Unico in Ingegneria Edile Architettura Geotecnica e Laboratorio Distribuzione delle tensioni nel terreno per effetto di carichi in superficie Cedimenti e mail: Prof. Ing. Marco

Dettagli

Fasi del progetto geotecnico di una fondazione

Fasi del progetto geotecnico di una fondazione Fasi del progetto geotecnico di una fondazione 1. Indagini per la caratterizzazione del sottosuolo. Analisi di entità e distribuzione delle azioni di progetto in esercizio (carichi fissi e sovraccarichi

Dettagli

Pali di fondazione = elementi strutturali in grado di trasferire il carico applicato alla loro sommità a strati di terreno più profondi e resistenti

Pali di fondazione = elementi strutturali in grado di trasferire il carico applicato alla loro sommità a strati di terreno più profondi e resistenti FONDAZIONI SU PALI Pali di fondazione = elementi strutturali in grado di trasferire il carico applicato alla loro sommità a strati di terreno più profondi e resistenti Si ricorre a fondazioni su pali quando:

Dettagli

D.M. 11.03.1988: NTC2008: 6.2.1. 6.2.2

D.M. 11.03.1988: NTC2008: 6.2.1. 6.2.2 D.M. 11.03.1988: [ ] la progettazione deve essere basata sulla caratterizzazione geotecnica dei terreni di fondazione, ottenuta a mezzo di rilievi, indagini e prove [ ] NTC2008: [ ] Le scelte progettuali

Dettagli

GEOTECNICA LEZIONE 9 INDAGINI IN SITO. Ing. Alessandra Nocilla

GEOTECNICA LEZIONE 9 INDAGINI IN SITO. Ing. Alessandra Nocilla GEOTECNICA LEZIONE 9 INDAGINI IN SITO Ing. Alessandra Nocilla 1 INTRODUZIONE SCOPO DELLE INDAGINI GEOTECNICHE 1) Gli ingegneri geotecnici non possono scegliere i materiali sui quali sono chiamati a costruire.

Dettagli

Si può fare riferimento al modulo di reazione K r dato dal rapporto tra pressione e cedimento corrispondente: K r = p/s (kn/m 3 ) (7.

Si può fare riferimento al modulo di reazione K r dato dal rapporto tra pressione e cedimento corrispondente: K r = p/s (kn/m 3 ) (7. 124 7 Indagini e prove in situ 88-08-07273-8 contrasto manometro martinetto idraulico micrometro piastre sostegno del micrometro FIGURA 7.19 pressione unitaria a) cedimento il controllo della deformabilità

Dettagli

Lo studio del campo di tensione e di deformazione esistente in una qualsiasi struttura, in conseguenza dell applicazione di sollecitazioni esterne, è

Lo studio del campo di tensione e di deformazione esistente in una qualsiasi struttura, in conseguenza dell applicazione di sollecitazioni esterne, è Lo studio del campo di tensione e di deformazione esistente in una qualsiasi struttura, in conseguenza dell applicazione di sollecitazioni esterne, è di fondamentale importanza per poterne definire il

Dettagli

QUADRO RIASSUNTIVO PROVE GEOTECNICHE DI LABORATORIO

QUADRO RIASSUNTIVO PROVE GEOTECNICHE DI LABORATORIO Studio Tecnico Geol. Domenico Laviola - Corso Metaponto 13, 75015 Pisticci (MT) Tel/Fax 0835582716 Cell 3385236805 e-mail: laviolam@alice.it REGIONE BASILICATA COMUNE DI MELFI PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE

Dettagli

LA PROGETTAZIONE GEOTECNICA E LA NORMATIVA

LA PROGETTAZIONE GEOTECNICA E LA NORMATIVA LA PROGETTAZIONE GEOTECNICA E LA NORMATIVA L. Mongiovì Università di Trento Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Strutturale Via Mesiano 77, 38050 Trento, Italia Sommario. Si fanno preliminarmente alcune

Dettagli

COMUNE DI MENTANA ROMA

COMUNE DI MENTANA ROMA COMUNE DI MENTANA ROMA di Abballe Laboratorio autorizzato dal Ministero Infrastrutture e Trasporti DPR 380/01 Art. 59 Circolare 7619/STC del 08/09/2010 Concessione per l'esecuzione e certificazione di

Dettagli

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Opere in terra Caratteristiche di un terreno Compressibilità e costipamento delle terre Portanza sottofondi e fondazioni stradali Instabilità del corpo

Dettagli

GEOTECNICA. Elementi di meccanica dei terreni. Muri di sostegno. Fondazioni superficiali. Progettazione della fondazione di un edificio in muratura

GEOTECNICA. Elementi di meccanica dei terreni. Muri di sostegno. Fondazioni superficiali. Progettazione della fondazione di un edificio in muratura GEOTECNICA Elementi di meccanica dei terreni Muri di sostegno Fondazioni superficiali Progettazione della fondazione di un edificio in muratura 1 I PROBLEMI DELLA GEOTECNICA SOVRASTRUTTURA TERRENO DI FONDAZIONE

Dettagli

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ]

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ] Idrogeologia Oltre alle proprietà indici del terreno che servono a classificarlo e che costituiscono le basi per utilizzare con facilità l esperienza raccolta nei vari problemi geotecnici, è necessario

Dettagli

Condensatore elettrico

Condensatore elettrico Condensatore elettrico Sistema di conduttori che possiedono cariche uguali ma di segno opposto armature condensatore La presenza di cariche crea d.d.p. V (tensione) fra i due conduttori Condensatore piano

Dettagli

Generalità e note di teoria

Generalità e note di teoria Capitolo 1 Generalità e note di teoria In questo capitolo sono riportate alcune note delle teorie utilizzate, riguardanti: Verifiche di resistenza. Dati del problema e convenzioni. Ipotesi fondamentali.

Dettagli

Risultati sperimentali di sistemi automatici servocontrollati applicati alle prove triassiali

Risultati sperimentali di sistemi automatici servocontrollati applicati alle prove triassiali > Tecnologie di Filippo Forlani (Studio SGAI) e Pier Luigi Raviolo (Controls) Risultati sperimentali di sistemi automatici servocontrollati applicati alle prove triassiali Alcune problematiche progettuali

Dettagli

Le misure piezometriche in sito

Le misure piezometriche in sito 1 Le misure piezometriche in sito Raccomandazioni AGI (1977): Finalità Profilo stratigrafico Proprietà fisico-meccaniche Misura pressione neutra Permeabilità Verifica impiego analisi e tecnologie Mezzi

Dettagli

1) non deve portare a rottura il terreno sottostante. 2) non deve indurre nel terreno cedimenti eccessivi

1) non deve portare a rottura il terreno sottostante. 2) non deve indurre nel terreno cedimenti eccessivi SICUREZZA e FUNZIONALITÀ delle strutture in elevazione (edificio in c.a., rilevato, etc.) sono garantite anche da alcuni requisiti che il SISTEMA FONDALE deve rispettare. In particolare il carico trasmesso

Dettagli

Dimensionamento delle strutture

Dimensionamento delle strutture Dimensionamento delle strutture Prof. Fabio Fossati Department of Mechanics Politecnico di Milano Lo stato di tensione o di sforzo Allo scopo di caratterizzare in maniera puntuale la distribuzione delle

Dettagli

TENSIONE INTERNA E DEFORMAZIONE PROVA DI TRAZIONE E NOMATIVA DIAGRAMMA SFORZO-DEFORMAZIONE DEFORMAZIONI REALI, ELASTICITA, TENACITA

TENSIONE INTERNA E DEFORMAZIONE PROVA DI TRAZIONE E NOMATIVA DIAGRAMMA SFORZO-DEFORMAZIONE DEFORMAZIONI REALI, ELASTICITA, TENACITA PROVA DI TRAZIONE (UNI EN ISO 6892-1) 1 INDICE TENSIONE INTERNA E DEFORMAZIONE PROVA DI TRAZIONE E NOMATIVA DIAGRAMMA SFORZO-DEFORMAZIONE RISULTATI DELLA PROVA DEFORMAZIONI REALI, ELASTICITA, TENACITA

Dettagli

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Università di Catania Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Civile AA 1011 1 Fondamenti di Trasporti Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Giuseppe Inturri Dipartimento

Dettagli

Forze come grandezze vettoriali

Forze come grandezze vettoriali Forze come grandezze vettoriali L. Paolucci 23 novembre 2010 Sommario Esercizi e problemi risolti. Per la classe prima. Anno Scolastico 2010/11 Parte 1 / versione 2 Si ricordi che la risultante di due

Dettagli

Dispense del Corso di SCIENZA DELLE COSTRUZIONI. Sistemi di travi. Prof. Daniele Zaccaria

Dispense del Corso di SCIENZA DELLE COSTRUZIONI. Sistemi di travi. Prof. Daniele Zaccaria Dispense del Corso di SCIENZA DELLE COSTRUZIONI Prof. Daniele Zaccaria Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Università di Trieste Piazzale Europa 1, Trieste Sistemi di travi Corsi di Laurea in

Dettagli

Operazioni sui vettori Scomposizione di un vettore F in un vettore e in una coppia

Operazioni sui vettori Scomposizione di un vettore F in un vettore e in una coppia Operazioni sui vettori Scomposizione di un vettore F in un vettore e in una coppia F (non baricentrico) = F (baricentrico) + Momento orario F. b F (diretto verso il basso) = vettore spostato a sinistra

Dettagli

Strutture in Acciaio:

Strutture in Acciaio: Strutture in Acciaio: i Verifica degli elementi strutturali STATI LIMITE DI ESERCIZIO STATI LIMITE ULTIMI DELLE SEZIONI (RESISTENZA DELLE SEZIONI) Si possono considerare due stati limite: 1. Stato

Dettagli

5. Preparazione dei provini e procedura di esecuzione delle prove

5. Preparazione dei provini e procedura di esecuzione delle prove Preparazione dei provini e procedura di esecuzione delle prove 5. Preparazione dei provini e procedura di esecuzione delle prove La campagna sperimentale ha avuto come oggetto di studio il comportamento

Dettagli

Proprietà elastiche dei corpi

Proprietà elastiche dei corpi Proprietà elastiche dei corpi I corpi solidi di norma hanno una forma ed un volume non facilmente modificabili, da qui deriva la nozioni di corpo rigido come corpo ideale non deformabile. In realtà tutti

Dettagli

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali 1 Pali di fondazione La portata dei pali Nel caso dei pali di punta soggetti a sforzi assiali, cioè realizzati in terreni incoerenti e infissi in terreno profondo compatto, il carico ammissibile P su ogni

Dettagli

OPERE DI SOSTEGNO determinare le azioni esercitate dal terreno sulla struttura di sostegno;

OPERE DI SOSTEGNO determinare le azioni esercitate dal terreno sulla struttura di sostegno; OPERE DI SOSTEGNO Occorre: determinare le azioni esercitate dal terreno sulla struttura di sostegno; regolare il regime delle acque a tergo del muro; determinare le azioni esercitate in fondazione; verificare

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Ingegneria

Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Ingegneria Geotecnica e Tecnica delle Fondazioni ESERCITAZIONE Docente: Daniela Giretti Studenti: Monica Bianchi Gabriele Gazzaniga Gabriele Ravizza Lorenzo

Dettagli

Statica e dinamica dei fluidi. A. Palano

Statica e dinamica dei fluidi. A. Palano Statica e dinamica dei fluidi A. Palano Fluidi perfetti Un fluido perfetto e incomprimibile e indilatabile e non possiede attrito interno. Forza di pressione come la somma di tutte le forze di interazione

Dettagli

CAPITOLO 5 IDRAULICA

CAPITOLO 5 IDRAULICA CAPITOLO 5 IDRAULICA Cap. 5 1 FLUIDODINAMICA STUDIA I FLUIDI, IL LORO EQUILIBRIO E IL LORO MOVIMENTO FLUIDO CORPO MATERIALE CHE, A CAUSA DELLA ELEVATA MOBILITA' DELLE PARTICELLE CHE LO COMPONGONO, PUO'

Dettagli

STRUTTURE MISTE ACCIAIO-CLS Lezione 2

STRUTTURE MISTE ACCIAIO-CLS Lezione 2 STRUTTURE MISTE ACCIAIO-CLS Lezione 2 I SISTEMI DI CONNESSIONE Tipologie di connettori Calcolo della sollecitazione nei connettori Connettori a totale ripristino di resistenza Connettori a parziale ripristino

Dettagli

Interpretazione delle prove in laboratorio

Interpretazione delle prove in laboratorio Interpretazione delle prove in laboratorio Condizioni al contorno controllate dallo sperimentatore Tensioni e deformazioni ( parametri) imposte o misurabili σ a σ v ε a ε v ε r =0 σ r ε v / u Prova edometrica

Dettagli

Istituto Tecnico per Geometri Corso di Costruzioni Edili

Istituto Tecnico per Geometri Corso di Costruzioni Edili Istituto Tecnico per Geometri Corso di Costruzioni Edili Prof. Giacomo Sacco LEZIONI SUL CEMENTO ARMATO Sforzo normale, Flessione e taglio CONCETTI FONDAMENTALI Il calcestruzzo ha una bassa resistenza

Dettagli

RESISTENZA AL TAGLIO DEI TERRENI

RESISTENZA AL TAGLIO DEI TERRENI RESISTENZA AL TAGLIO DEI TERRENI CorsodiFondamentidiGeotecnica Scienze dell Ingegneria Edile, A.A. 2005\2006 Dott. Ing. Johann Facciorusso Rappresentazione degli stati tensionali PIANI E TENSIONI PRINCIPALI

Dettagli

Idraulica Filtrazione

Idraulica Filtrazione Idraulica Filtrazione armando carravetta 07/06/2007 1 Definizione di falda acquifera Le falde acquifere sono costituite principalmente da strati di materiale a granulometria fine completamente saturi di

Dettagli

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA Esercizio 1 Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Un volano è costituito da un cilindro rigido omogeneo,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ENNA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ENNA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ENNA Kore Corso di Laurea in Ingegneria Civile e Ambientale (Classe 8) Corso di GEOTECNICA Docente: prof. Francesco Castelli Calcolo dei cedimenti nei terreni argillosi Secondo

Dettagli

7. Pali UNITÀ. 2 Trivella di perforazione per la gettata di pali trivellati.

7. Pali UNITÀ. 2 Trivella di perforazione per la gettata di pali trivellati. 7. Pali UNITÀ I pali sono elementi strutturali utilizzati nelle opere di fondazione, nelle opere di contenimento della terra e dell acqua, negli interventi di miglioramento della stabilità dei pendii e

Dettagli

Le unioni. modulo D L acciaio. Unioni con chiodi

Le unioni. modulo D L acciaio. Unioni con chiodi 1 Le unioni Le unioni hanno la funzione di collegare i vari elementi strutturali per formare la struttura, oppure, se questa è di grandi dimensioni, di realizzare in officina i componenti principali che

Dettagli

TAVOLA TECNICA SUGLI SCAVI. Art. 100 comma 1 del D. Lgs. 81/2008

TAVOLA TECNICA SUGLI SCAVI. Art. 100 comma 1 del D. Lgs. 81/2008 TAVOLA TECNICA SUGLI SCAVI Art. 100 comma 1 del D. Lgs. 81/2008 D. Lgs. 81/2008: Art. 100 Piano di Sicurezza e Coordinamento comma 1: il Piano di Sicurezza e Coordinamento è corredato..da una tavola tecnica

Dettagli

Tonzig Fondamenti di Meccanica classica

Tonzig Fondamenti di Meccanica classica 224 Tonzig Fondamenti di Meccanica classica ). Quando il signor Rossi si sposta verso A, la tavola si sposta in direzione opposta in modo che il CM del sistema resti immobile (come richiesto dal fatto

Dettagli

L Unità didattica in breve

L Unità didattica in breve L Unità didattica in breve Trasmissione del moto mediante ruote dentate Si definisce ingranaggio l accoppiamento di due ruote dentate ingrananti fra loro, montate su assi la cui posizione relativa resta

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI

RIFERIMENTI NORMATIVI INDICE 1. INTRODUZIONE pag. 2 2. RIFERIMENTI NORMATIVI pag. 2 3. STRUTTURA GEOLOGICA DEL SITO pag. 2 4. PROGETTO DELLE INDAGINI GEOGNOSTICHE pag. 3 5. RISULTATI PROVE DI LABORATORIO / IN SITO pag. 4 6.

Dettagli

RESISTENZA AL TAGLIO DEI TERRENI

RESISTENZA AL TAGLIO DEI TERRENI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Sezione geotecnica (www.dicea.unifi.it/geotecnica) RESISTENZA AL TAGLIO DEI TERRENI Corso di Geotecnica Ingegneria Edile,

Dettagli

Dinamica: Forze e Moto, Leggi di Newton

Dinamica: Forze e Moto, Leggi di Newton Dinamica: Forze e Moto, Leggi di Newton La Dinamica studia il moto dei corpi in relazione il moto con le sue cause: perché e come gli oggetti si muovono. La causa del moto è individuata nella presenza

Dettagli

Affidabilità del modello di Winkler

Affidabilità del modello di Winkler COMASTRI imp 14-09-2004 11:00 Pagina 50 Dal punto di vista fisico il mezzo alla Winkler può essere assimilato a un letto di molle elastiche mutuamente indipendenti, o meglio a un liquido di peso specifico

Dettagli

Prova Penetrometrica con Piezocono CPTU, SCPTU

Prova Penetrometrica con Piezocono CPTU, SCPTU Programmazione delle indagini geotecniche come elemento della progettazione di nuove opere e per il consolidamento di quelle esistenti Forum della tecnica delle Costruzioni Fiera Milano, Rho, 5 Ottobre

Dettagli

BOZZA. Materiale muratura e verifiche per carichi verticali. Luca Salvatori. Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale. Università di Firenze

BOZZA. Materiale muratura e verifiche per carichi verticali. Luca Salvatori. Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale. Università di Firenze BOZZA Materiale muratura e verifiche per carichi verticali Luca Salvatori Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Università di Firenze Materiale Muratura 1 Il materiale muratura Materiale complesso

Dettagli

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc 10.10.8 Esempi di progetti e verifiche di generiche sezioni inflesse o presso-tensoinflesse in conglomerato armato (rettangolari piene, circolari piene e circolari cave) Si riportano, di seguito, alcuni

Dettagli

Analisi e consolidamento di colonne e pilastri in muratura

Analisi e consolidamento di colonne e pilastri in muratura CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 Analisi e consolidamento di colonne e pilastri in muratura Resistenza a compressione (1) I materiali lapidei naturali ed artificiali raggiungono

Dettagli

Impianto di Sollevamento Acqua

Impianto di Sollevamento Acqua CORSO DI FISICA TECNICA e SISTEMI ENERGETICI Esercitazione 3 Proff. P. Silva e G. Valenti - A.A. 2009/2010 Impianto di Sollevamento Acqua Dimensionare un impianto di sollevamento acqua in grado di soddisfare

Dettagli

CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE

CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE. Esercizi x + z = Esercizio. Data la curva x, calcolare l equazione del cilindro avente γ y = 0 come direttrice e con generatrici parallele al vettore v = (, 0, ).

Dettagli

11. Macchine a corrente continua. unità. 11.1 Principio di funzionamento

11. Macchine a corrente continua. unità. 11.1 Principio di funzionamento 11. Macchine a corrente continua unità 11.1 Principio di funzionamento Si consideri una spira rotante con velocità angolare costante e immersa in un campo magnetico costante come in figura 11.1. I lati

Dettagli

IL TRACCIAMENTO QUALITATIVO DEL MOMENTO FLETTENTE NEI PORTALI

IL TRACCIAMENTO QUALITATIVO DEL MOMENTO FLETTENTE NEI PORTALI IL TRACCIAMENTO QUALITATIVO DEL MOMENTO FLETTENTE NEI PORTALI Alcune proprietà della deformata dei portali Si esaminano nel seguito alcune proprietà della deformata dei portali. Queste proprietà permettono

Dettagli

CAPACITÀ PORTANTE DELLE FONDAZIONI SUPERFICIALI

CAPACITÀ PORTANTE DELLE FONDAZIONI SUPERFICIALI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Sezione geotecnica (www.dicea.unifi.it/geotecnica) CAPACITÀ PORTANTE DELLE FONDAZIONI SUPERFICIALI Corso di Geotecnica Ingegneria

Dettagli

Verifiche di sicurezza di una costruzione 1/2

Verifiche di sicurezza di una costruzione 1/2 Verifiche di sicurezza di una costruzione 1/2 Le costruzioni devono soddisfare opportuni requisiti di sicurezza nei confronti della loro capacità portante Capacità portante Attitudine di una struttura

Dettagli

Corso di Geologia Applicata

Corso di Geologia Applicata Scienze e Tecnologie per i Beni Culturali Corso di Geologia Applicata Dott. Maria Chiara Turrini Ripartizione degli sforzi fra fase solida e fase liquida Poiché il terreno è un sistema multifase, il carico

Dettagli

Esempi di funzione. Scheda Tre

Esempi di funzione. Scheda Tre Scheda Tre Funzioni Consideriamo una legge f che associa ad un elemento di un insieme X al più un elemento di un insieme Y; diciamo che f è una funzione, X è l insieme di partenza e X l insieme di arrivo.

Dettagli

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-840

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-840 Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-840 Parte 1 - AERODINAMICA 1 Come si definisce la velocità? A) la distanza percorsa moltiplicata per il tempo impiegato

Dettagli

Il magnetismo. Il campo magnetico

Il magnetismo. Il campo magnetico Il magnetismo Un magnete (o calamita) è un corpo che genera intorno a sé un campo di forza che attrae il ferro Un magnete naturale è un minerale contenente magnetite, il cui nome deriva dal greco "pietra

Dettagli

FONDAZIONI parte di struttura a diretto contatto con il terreno al quale vincola stabilmente la struttura stessa

FONDAZIONI parte di struttura a diretto contatto con il terreno al quale vincola stabilmente la struttura stessa DEFINIZIONE FONDAZIONI parte di struttura a diretto contatto con il terreno al quale vincola stabilmente la struttura stessa concepite per ripartire le sollecitazioni provenienti dalla struttura in elevazione

Dettagli

Lezione 9 GEOTECNICA

Lezione 9 GEOTECNICA Lezione 9 GEOTECNICA Docente: Ing. Giusy Mitaritonna e-mail: g.mitaritonna@poliba.it - Lezione 9 A. Fondazioni su pali: requisiti di progetto B. Tecnologie esecutive nella realizzazione dei pali C. Pali

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 14. FONDAZIONI SUPERFICIALI. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 14. FONDAZIONI SUPERFICIALI. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 14. FONDAZIONI SUPERFICIALI INDICE DELLA SEZIONE GENERALITÀ METODI PER IL CALCOLO DEL CARICO LIMITE METODI PER IL CALCOLO DEI CEDIMENTI INTERAZIONE TERRENO STRUTTURA DEFINIZIONE (NTC 2008) GENERALITÀ

Dettagli

Pompe di circolazione per gli impianti di riscaldamento

Pompe di circolazione per gli impianti di riscaldamento Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Pompe di circolazione per gli impianti di riscaldamento Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D AnnunzioD Annunzio Pescara www.lft.unich.it Pompe

Dettagli

1 Relazione Generale sull Intervento...2. 2 Determinazione dei parametri geotecnici...2. 3 Normativa di riferimento...3. 4 Relazione sui materiali...

1 Relazione Generale sull Intervento...2. 2 Determinazione dei parametri geotecnici...2. 3 Normativa di riferimento...3. 4 Relazione sui materiali... 1 Relazione Generale sull Intervento... Determinazione dei parametri geotecnici... 3 Normativa di riferimento...3 4 Relazione sui materiali...3 5 Verifiche statiche...4 5.1 Formule di calcolo delle azioni...4

Dettagli

Le piastre Precompresse

Le piastre Precompresse Corso di Progetto di Strutture POTENZA, a.a. 2012 2013 Le piastre Precompresse Dott. Marco VONA Scuola di Ingegneria, Università di Basilicata marco.vona@unibas.it http://www.unibas.it/utenti/vona/ PIASTRE

Dettagli

SCELTA E DIMENSIONAMENTO DELLA SOVRASTRUTTURA

SCELTA E DIMENSIONAMENTO DELLA SOVRASTRUTTURA PREMESSA La presente relazione riguarda il dimensionamento della sovrastruttura che andrà a costituire la pavimentazione del piazzale da adibire a deposito dei mezzi ARST. S.p.A da realizzare nella zona

Dettagli

Introduzione. Consideriamo la classica caratteristica corrente-tensione di un diodo pn reale: I D. V γ

Introduzione. Consideriamo la classica caratteristica corrente-tensione di un diodo pn reale: I D. V γ Appunti di Elettronica Capitolo 3 Parte II Circuiti limitatori di tensione a diodi Introduzione... 1 Caratteristica di trasferimento di un circuito limitatore di tensione... 2 Osservazione... 5 Impiego

Dettagli

OPERE DI SOSTEGNO IN TERRE RINFORZATA

OPERE DI SOSTEGNO IN TERRE RINFORZATA OPERE DI SOSTEGNO IN TERRE RINFORZATA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO TECNICO VITTORIO VENETO 4 OTTOBRE 2007 1 SOMMARIO ELEMENTI GENERALI - DEFINIZIONI ASPETTI NORMATIVI CRITERI DI PROGETTAZIONE VERIFICHE DI

Dettagli

COSTRUIRE SU TERRENI DIFFICILI Romolo Di Francesco e dott. Geol. Vittorio Gennari www.romolodifrancesco.it

COSTRUIRE SU TERRENI DIFFICILI Romolo Di Francesco e dott. Geol. Vittorio Gennari www.romolodifrancesco.it COSTRUIRE SU TERRENI DIFFICILI Romolo Di Francesco e dott. Geol. Vittorio Gennari www.romolodifrancesco.it 1. INTRODUZIONE Pur considerato che le conoscenze teoriche, sperimentali e tecnologiche hanno

Dettagli

Ricordiamo ora che a è legata ad x (derivata seconda) ed otteniamo

Ricordiamo ora che a è legata ad x (derivata seconda) ed otteniamo Moto armonico semplice Consideriamo il sistema presentato in figura in cui un corpo di massa m si muove lungo l asse delle x sotto l azione della molla ideale di costante elastica k ed in assenza di forze

Dettagli

GEOTECNICA LEZIONE 12 CARICO LIMITE DELLE FONDAZIONI. Ing. Alessandra Nocilla

GEOTECNICA LEZIONE 12 CARICO LIMITE DELLE FONDAZIONI. Ing. Alessandra Nocilla GEOTECNICA LEZIONE 12 CARICO LIMITE DELLE FONDAZIONI Ing. Alessandra Nocilla 1 SCOPO E TIPOLOGIA DELLE FONDAZIONI Trasferire tutte le forze che agiscono su una struttura (compreso il suo peso) sul terreno.

Dettagli

1 PREMESSE E SCOPI... 3 2 DESCRIZIONE DEI SUPPORTI SOTTOPOSTI A PROVA... 3 3 PROGRAMMA DELLE PROVE SPERIMENTALI... 5

1 PREMESSE E SCOPI... 3 2 DESCRIZIONE DEI SUPPORTI SOTTOPOSTI A PROVA... 3 3 PROGRAMMA DELLE PROVE SPERIMENTALI... 5 DI UN SISTEMA DI FISSAGGIO PER FACCIATE CONTINUE 2 INDICE 1 PREMESSE E SCOPI... 3 2 DESCRIZIONE DEI SUPPORTI SOTTOPOSTI A PROVA... 3 3 PROGRAMMA DELLE PROVE SPERIMENTALI... 5 3.1 STRUMENTAZIONE UTILIZZATA...

Dettagli

RESISTENZA DEI MATERIALI TEST

RESISTENZA DEI MATERIALI TEST RESISTENZA DEI MATERIALI TEST 1. Nello studio della resistenza dei materiali, i corpi: a) sono tali per cui esiste sempre una proporzionalità diretta tra sollecitazione e deformazione b) sono considerati

Dettagli

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Territorio ed infrastrutture di trasporto La meccanica della locomozione: questioni generali Il fenomeno dell aderenza e l equazione generale del moto

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN FISICA ANNO ACCADEMICO 2013-14 PROVA DI INGRESSO

CORSO DI LAUREA IN FISICA ANNO ACCADEMICO 2013-14 PROVA DI INGRESSO CORSO DI LAUREA IN FISICA ANNO ACCADEMICO 2013-14 PROVA DI INGRESSO 20 Settembre 2013 Fisica 1. La figura è una vista dall alto di quattro scatole identiche, S 1, S 2, S 3, S 4, appoggiate su un piano

Dettagli