Mestre, 24 gennaio 2012 Prot. Al Presidente Settima Commissione Consiliare Dott. Nicola Ignazio Finco Fax VENEZIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Mestre, 24 gennaio 2012 Prot. Al Presidente Settima Commissione Consiliare Dott. Nicola Ignazio Finco Fax 041 5256380 30123 VENEZIA"

Transcript

1 RSU ARPAV SEGRETERIE REGIONALI DEL VENETO Mestre, 24 gennaio 2012 Prot. Al Presidente Settima Commissione Consiliare Dott. Nicola Ignazio Finco Fax VENEZIA Con preghiera d inoltro ai componenti la Commissione Oggetto: Piano di riorganizzazione dell ARPAV. Le scriventi Organizzazioni Sindacali, visto l atteggiamento dimostrato dalla Direzione Generale di ARPAV verso le proposte emerse ai tavoli di discussione sul Piano di Riorganizzazione dell Agenzia, chiedono a codesta Commissione di prendere visione delle indicazioni formulate dal personale dell ente, fatte proprie dalle rappresentanze sindacali, allegate alla presente comunicazione. Seria preoccupazione destano i probabili effetti negativi che il Piano di Riorganizzazione proposto dall attuale direzione di ARPAV avrebbero sull efficienza ed efficacia dell attività di prevenzione ambientale e sanitaria, effetti che determineranno sicuramente la riduzione del servizio di tutela dell ambiente e della salute dei cittadini, obiettivi principali dell Agenzia. Le scriventi Organizzazioni Sindacali auspicano pertanto che codesta Commissione prenda visione di dette proposte al fine di rivedere il Piano di riorganizzazione per giungere ad una ristrutturazione dell Agenzia condivisa, che possa portare a reali benefici sia in termini economici che organizzativi, senza ledere i diritti dei cittadini del Veneto e dei lavoratori di ARPAV. Si resta in attesa di cortese riscontro e si coglie l occasione per inviare distinti saluti. Per le Segreterie Regionali FP CGIL, CISL FP, UIL FPL, RSU ARPAV Ivana Fogo

2 Generalità L ARPAV nasce quale ente strumentale della Regione Veneto affidandone i compiti previsti dalla legge regionale n 32/96 e successive competenze trasferite. La proposta di Piano strategico elaborata dalla direzione ARPAV, pur nelle parole riproponendosi di mantenere inalterate sia la tipologia delle attività assegnate sia la numerosità non ne fornisce sufficienti garanzie per il loro mantenimento. Il documento non valuta esattamente l attività attuale e come questa potrà essere sostenuta dopo l attuazione della riorganizzazione. Più grave risulta essere la mancanza di una valutazione effettiva dei costi della ristrutturazione più volte chieste dalle scriventi organizzazioni. La direzione ha sempre presentato un ipotetico grafico di spesa e risparmio nei tempi a regime ma non ha mai ha quantificato la spesa effettiva della ristrutturazione anche solo per la parte dei laboratori. Non si può attuare un piano di riorganizzazione senza avere coscienza se questo potrà mantenere le prestazioni affidate, quali siano i reali costi senza che non vadano nel tempo ad aggravare l attuale situazione debitoria e peggiorare lo svolgimento dei compiti affidati, e quali possano essere i risparmi ed i miglioramenti dei servizi svolti E certamente necessaria un attenta riflessione sull organizzazione dell ARPAV, ma questa dovrebbe partire dalla chiara definizione delle attività e della quantità che quest agenzia deve svolgere, in funzione di queste definire un efficiente organizzazione e i relativi costi rispetto all attuale organizzazione. La richiesta che viene espressa è di definire esattamente le attività che ARPAV deve svolgere al fine di rendere attraverso un percorso omogeneo l agenzia più efficiente per l attività da svolgere. Di seguito vien proposta un analisi dei contenuti del piano presentato e delle perplessità che non concedono una piena condivisione dalle scriventi organizzazioni. Attività Il progetto prevede una contrazione dei costi dell agenzia senza definire esattamente se questi potranno mantenere esattamente il livello di attività attuali. Non viene assolutamente affrontato un possibile sviluppo, se non solo in linea di principio e non poi effettivamente nell organizzazione proposta. I risparmi proposti si basano, per esempio, sulla possibilità di produrre lo stesso (es. analisi) riducendo le fonti di produzione (laboratori, impiantistica), con una poco realistica valutazione economica e tecnica di fattibilità. Non esiste un analisi dell efficienza attuale dell agenzia in funzione delle attività svolte e dell efficacia degli interventi a prevenzione del territorio. Dismissione sedi decentrate Il Piano non fa distinzione, per le sedi proposte alla dismissione, tra quelle scarsamente utilizzate e quelle decentrate, inoltre sono presenti notevoli errori in difetto nel calcolo delle persone attualmente assegnate per sede, in particolare quelle destinate a chiusura. Inoltre non sono presenti tutte le sedi (es. la sede di Bassano del Grappa non compare sulla cartina geografica), alcune sedi sono assegnate in modo scorretto (la sede di Montebello non è assegnata al DAP di Vicenza, ma al DRST) e c è una sovrastima tra la superficie totale degli edifici da dismettere nelle varie tabelle (v. sedi DAP VI). La distinzione tra sedi risulta necessaria qualora la sede decentrata sia utilizzata appieno e posta geograficamente in posizione di presidio del territorio tale da consentire immediatezza in caso d intervento in emergenza. Sono sovrastimati i costi di gestione di molte sedi periferiche (es. Dolo, Bassano) e sovrastimato invece l introito dovuto alla vendita degli immobili (condizionato dall attuale situazione di stallo del mercato immobiliare). Sulla base di tali valutazioni speculative, non si capisce perché, data l incertezza della data di cessione degli stabili,

3 si sia già pianificato lo svuotamento delle sedi che resteranno inattive per un periodo imprevedibile. Deve essere inoltre fatto un bilancio dei costi dovuti al trasferimento quotidiano di personale e apparecchiature dalle sedi centrali di riferimento ai siti di attività, che può dimostrarsi più oneroso per costi, maggiore esposizione a rischio incidente, maggiore usura degli autoveicoli e aumento dello stress da guida, in particolare durante le stagioni in cui le condizioni climatiche rendono più disagevole l uso degli automezzi (elevate temperature senza adeguati sistemi di climatizzazione, eventi atmosferici avversi quali piogge intense, neve, grandine, ecc.). Dovrà inoltre essere tenuto in considerazione il cambiamento del livello qualitativo della vita dei lavoratori che, in base a tale ottimizzazione, saranno costretti ad un significativo pendolarismo ed al sovraffollamento delle sedi di destinazione. Proposta: definire requisiti equi per prevedere la permanenza di sedi decentrate (distanza dalla sede principale, morfologia del territorio, fonti di pressione presenti nel territorio, numero di addetti) e concordare con i comuni ospitanti l utilizzo di locali in comodato d uso gratuito (v. es. proposte per Bovolone, S. Donà di Piave-Noventa, Camposampiero, Bassano). Concentrare l attività di più sedi decentrate presso la stessa sede (es. Thiene-Bassano) ripensando la relativa competenza territoriale. Attivare forme di lavoro a distanza e telelavoro, per evitare il trasferimento presso la sede principale per lo svolgimento di processi informatici relativi alla propria attività (predisposizione e stampa dei verbali o di altri documenti anche da casa, con contabilizzazione del tempo impiegato, o dalla sede ARPAV più vicina). Redistribuzione personale e attrezzature Laboratori La redistribuzione del personale dei laboratori non valuta come il personale in eccesso possa essere riassorbito (mobilità regionale o trasferimento ad altro dipartimento), non valuta cioè la fattibilità di tale incremento nelle strutture dei dipartimenti (che già accoglieranno i rientri del personale dalle sedi decentrate). Si ricorda che, a fronte della proposta di riorganizzazione presentata nel 2008 da P. Mozzo, la Regione approvò i contenuti tecnici, ma si oppose all ipotesi di trasferimento delle persone, stanziando fondi straordinari per permettere l assunzione di altro personale nei laboratori specialistici. Purtroppo i fondi furono assegnati solo per l anno 2009 (un milione di euro), a fronte di 30 nuove assunzioni. Pertanto nei laboratori specialistici sono aumentati i costi di gestione (personale + analisi) a fronte di un aumento di capacità produttiva, ma nei laboratori di base è diminuito il numero di campioni con lo stesso numero di addetti. Malgrado ciò in base al numero dei campioni analizzati non si giustifica la chiusura di alcuni laboratori comunque produttivi (es. BL analizza più acque potabili delle altre province, PD e VI analizzano più campioni su fonti di pressioni delle altre province). Manca un benchmarking per poter dire se le analisi fatte procapite/giorno siano poche, giuste, molte. Più che un analisi impostata sul numero di campioni procapite/giorno sarebbe meglio impostare un analisi sul fatturato procapite/giorno conseguente alle analisi fatte. Inoltre il piano non fa un analisi dello stato di fatto in termini di illeciti, per poter valutare il mantenimento dell efficacia dei controlli, né prevede di adeguarsi a quanto previsto dalla Direttiva 2006/60/CE che suggerisce di utilizzare i dati di monitoraggio già disponibili, condurre un analisi di rischio attraverso specifici parametri ambientali, ottimizzare i piani di monitoraggio a criteri di efficienza e buon utilizzo delle risorse, da considerarsi non illimitate, ma adeguate. Non valuta inoltre quali saranno le reali necessità di risposta analitica all implementazione del Regolamento Europeo REACH. Non c è una valutazione dei costi legati al trasloco della strumentazione (in particolare dell UO aria).

4 Sempre dell UO Aria non si capisce quali siano i risparmi di scala essendo la matrice già centralizzata. Non c è una valutazione dei costi a regime dei laboratori su doppio turno (raddoppio dei costi di lavaggio vetreria, lavaggio camici, smaltimento rifiuti, energia, carta, toner, trasporto campioni e imballi, necessità di ulteriori archivi, spogliatoi, parcheggi), né dei tempi di lavorazione. Non c è la valutazione della disponibilità reale delle postazioni di lavoro, né delle modalità di accesso dei tecnici di parte che assistono all esecuzione delle analisi. Non c è la valutazione dell aumento dei tempi di risposta dovuti al maggiore movimento dei campioni. Allo stato attuale la turnazione potrebbe essere un vantaggio solo se si potessero raddoppiare le linee analitiche, intervento non realizzabile nei laboratori di Verona e Venezia. L articolazione dell attività analitica in doppi turni attualmente non viene adottata nei laboratori di chimica ambientale anche nei casi di strutture private che devono garantire principalmente profitto economico. D altro canto nel progetto non c è un analisi del risultato del progetto multisito su tempi di risposta e costi d analisi, per valutare se l accentramento è stato redditizio. Dovrebbe ad esempio essere valutato se l utilizzo di un global service per la manutenzione delle apparecchiature e di un global procurement per la gestione degli acquisti di reattivi e materiali abbiano effettivamente portato ad un ottimizzazione delle spese, contestualmente al mantenimento della qualità attesa delle forniture di servizi, attrezzature e materiali. Si citano a titolo d esempio alcune variazioni di prezzi a seguito di attivazione delle esternalizzazioni: - Acido Cloridrico per l analisi dei metalli: fino al 2009 ho utilizzato con sufficiente soddisfazione il prodotto della Carlo Erba, costo 8 /litro. Il prodotto base della Sigma, costo 7 /litro, è contaminato da stagno (in maniera casuale, varia da bottiglia a bottiglia forse a causa del vetro del contenitore di scarsa qualità che cede stagno); quindi il tecnico è costretto ad utilizzare il prodotto Acido Cloridrico per l analisi dei metalli presente nell elenco SIGIA, che però costa più di 70 /litro (global procurement). - Vials Dionex (per Cromatografia Ionica) con tappo filtrante da 5 ml: costo attuale in SIGIA 192 /confezione da 250 pz; fino al 2009 potevamo comprare direttamente alla Dionex al prezzo di 160 /conf.; oppure anche alla Perkin-Elmer (che commercializza sempre materiale originale Dionex) a meno di 90 /conf. (global procurement) - Torcia per ICP Ottico: prezzo attuale in SIGIA = 694 ; prezzo Perkin-Elmer = 322 (global service). - Soppressore Dionex per anioni: prezzo attuale in SIGIA = 1620 ; prezzo tramite Perkin- Elmer = meno di 900 (global service). Dovrebbe inoltre essere valutato se la specializzazione delle varie sedi, ed il conseguente trasferimento di campioni e materiali presso dette sedi mediante un servizio di trasporto a temperatura controllata, abbia prodotto effettivamente un miglioramento della prestazione dei laboratori in termini di servizio reso (affidabilità dei risultati, tempi di risposta, accessibilità e chiarezza delle informazioni) e della qualità della vita dei lavoratori delle strutture. Nel Piano di Riorganizzazione si richiama la necessità di sviluppare l automazione, ma nei laboratori è stato già raggiunto un elevato livello di automazione, il margine di sviluppo ulteriore è molto limitato (e comunque devono essere considerati anche i tempi di preparazione e di analisi dei risultati analitici). Malgrado l automazione ci sarà sempre meno tempo per aggiornamento e sviluppo, specie se si lavora su turno dove i tempi di permanenza sono meno flessibili.

5 Le specializzazioni ventilate dal piano sono già state attuate nella riorganizzazione precedente, buona parte di queste salteranno con questo piano perché il laboratorio non manterrà la capacità di risposta a fronte della crescente domanda. La stima degli effetti economici della redistribuzione strumenti non tiene conto che dai risparmi previsti vanno sottratti i costi dei tre laboratori a pieno regime. In sintesi si prevede di svolgere la stessa attività con 1/3 di personale in meno. La proposta comunque decreta il fallimento del progetto multisito. Si ritiene inappropriato il confronto con ARPA Lombardia per i seguenti motivi: ENTI Prove sanitarie Prove ambientali accreditate accreditate Totale ASL della Lombardia ARPA Lombardia Totale prove accreditate 264 ARPA Veneto Note: - circa il 50% delle prove accreditate da ARPAV afferisce all ambito sanitario (accreditamento obbligatorio in Italia); - - i 4 (su 11) laboratori provinciali di ARPA Lombardia, attualmente accreditati in modalità singola, per l accreditamento costano ca/anno, pari ad un costo per prova di 1930/anno; - - i 7 (su 7) laboratori ARPAV accreditati come multisito per un costo totale di /anno, costano per prova 67/anno (si risparmiano cioè ca/anno, perché l accreditamento singolo costerebbe /anno per laboratorio). - Inoltre: in Lombardia vengono costruiti appositamente edifici nuovi per i 2 poli laboratoristici (Milano totalmente nuovo, Brescia parte ristrutturato e parte nuovo ampliamento) - In Lombardia il personale ARPA addetto a biologia consta di 13 persone attualmente. - In Lombardia ARPA non analizza gli alimenti. - In Lombardia ARPA analizza le acque potabili su convenzione diretta con le ULSS. Proposta: con la struttura preesistente, ottimizzare la distribuzione di matrici e personale, completare cioè le specializzazioni e sgravare i laboratori specializzati dalle analisi di base per attività non di routine. Eventualmente distribuire le specializzazioni su più laboratori in caso di notevole richiesta di analisi per poter eseguire autonomamente il protocollo completo per la matrice, come richiesto normalmente per convenzioni a pagamento. Considerare l ipotesi di rinnovo parco strumentazioni con acquisti in leasing (in questo caso sì, vedi Lombardia) e contestuale dismissione strumenti obsoleti (che hanno elevati costi di gestione). Esempi di convenzioni: Accordo di Programma Porto Marghera, validazione del piano di caratterizzazione (Euro 800 a campione ca.), 10% di tutte le analisi da svolgersi in contraddittorio tra ARPAV e laboratori privati, alle quali attualmente ARPAV non riesce a far fronte tempestivamente e completamente. Potenziare il settore delle analisi a pagamento distribuendole fra le varie strutture oppure dedicandovi preferenzialmente le strutture destinate a chiusura nel progetto di riorganizzazione. Istituire un centro tarature centralizzato per la strumentazione utilizzata per campionare (soprattutto matrice aria), implementando pure l organizzazione di circuiti interconfronto a pagamento rivolti anche ai privati).

6 Ridurre il numero di dirigenti apicali (es. individuare responsabili di servizio a scavalco tra più province) e potenziare i quadri intermedi, sviluppando tecnologie informatiche per poter trasferire rapidamente la documentazione tra province diverse (es. rapporti di prova secondo la sperimentazione in atto presso il SL di VI). Il personale dirigente residuo potrebbe essere impiegato per gestire progetti nazionali e internazionali, convenzioni e formazione specialistica a privati, analisi dei dati e progettazione piani di controllo (in sostituzione dei Servizi Sistemi Ambientali). Accertamento livelli essenziali di monitoraggio Viene quantificato un risparmio, ma non viene descritto il criterio di razionalizzazione. Proposta: in relazione al previsto ridimensionamento delle reti regionali, ed in particolare per quanto riguarda quella della qualità dell aria, si dovrà ravvisare la necessità di mantenerne la rappresentatività a livello geografico, assicurata dalla presenza di stazioni che vanno da quelle di riferimento d alta quota, ai confini settentrionali della regione, fino a quelle di pianura, in prossimità delle coste, passando per le altre localizzate in zone pedemontane e nei centri urbani della pianura. Per quanto riguarda la dotazione strumentale delle stazioni, si auspica un attenta valutazione incentrata sulle ricadute a livello sanitario dei diversi inquinanti monitorati, mantenendo la misurazione dei parametri a maggior impatto sulla salute umana, come ad esempio PM10, benzene, benzo(a)pirene e metalli pesanti, soprattutto laddove le loro concentrazioni presentino valori storici non trascurabili. Si propone inoltre di rivalutare il servizio di global service per la manutenzione delle reti (16 milioni di euro per 5 anni, dal 2008 al 2013, e una squadra di manutenzione interna ad ARPAV non più utilizzata, se non per controllare e correggere l opera del personale del global service). Valutazione contratti flotta automezzi La chiusura dei contratti di noleggio non è vantaggiosa perché il noleggio consente di garantire dei mezzi adeguati e ben mantenuti, mentre la proprietà porta all obsolescenza dei mezzi che diventano risorse prive di valore e che richiedono comunque un attività di gestione amministrativa e di manutenzione a carico del personale. Proposta: utilizzo, ove possibile per condizioni climatiche e di distribuzione, di autoveicoli a metano a noleggio gestiti mediante sistema informatico che consenta a tutto il personale di utilizzare tutti i mezzi disponibili per azzerare i tempi di fermo macchina (es. funzione in SISDE per il DAP VE). Nuovo assetto organizzativo Viene mantenuto un rapporto dirigenza: comparto pari a 1:9, rapporto che gli ispettori del Ministero delle Finanze, durante l ispezione che ha avuto luogo tra luglio e settembre 2008, avevano già dichiarato sproporzionato per la dimensione dell ente. Non è chiaro come saranno impiegati i dirigenti professionali in sovrappiù. Proposta: lasciare l attività impiantistica presso i DAP, ma con un coordinamento tecnico che consenta di ottimizzare, ad esempio, i costi di manutenzione e taratura delle apparecchiature (attualmente gli strumenti per misure elettriche sono variamente tarati annualmente dalle case produttrici, non idonee in quanto non sono centri di taratura, con un costo di almeno 100/anno per strumento, quando con tarature triennali di resistenze campione si potrebbero tarare autonomamente tutti gli strumenti regionali con un costo totale di 300 ca. ogni 3 anni, cioè 100/anno per tutta ARPAV). L attività andrebbe inoltre sviluppata in quanto redditizia per ARPAV e fondamentale per la tutela della salute in ambiente di lavoro. Unificare i servizi Acquisizione beni e Tecnico immobiliare, ridimensionare a UO i servizi Informatica e Reti, Risorse Umane e tutti gli osservatori, ridimensionare il

7 servizio Coordinamento attività Progettuali a UO, all interno del Servizio Pianificazione e Sviluppo. Il Servizio o UO Informatica e Reti non dovrebbe inoltre essere privato delle funzioni connesse a un Sistema Informativo Ambientale che, almeno finora, sono sempre sembrate fra gli obiettivi dichiarati dalla stessa Regione, per i quali sono già stati fatti numerosi investimenti (v. SIRAV) e dovrebbe restare assegnato alla Direzione Generale o alla Direzione Tecnico Scientifica, in quanto strumento di monitoraggio, analisi ed elaborazione di dati ambientali. Attivare forme di pensionamento e trasferimento Il Piano prevede una quota costante annuale di pensionandi (16 al mese) e di trasferendi (12 all anno). Tale riduzione del personale per pensionamento o trasferimento volontario non tiene in considerazione gli effetti del conseguente impoverimento delle strutture, che verrebbero a perdere non solo unità di personale, ma anche competenze ed esperienze non sempre sostituibili con facilità (specie in assenza di turn-over). Proposta: tenere in considerazione la possibilità alternativa di agevolare e incentivare l istituto del part-time nelle strutture ove sia possibile organizzare l attività lavorativa con personale presente a tempo ridotto, ma sufficientemente presente per soddisfare le necessità della struttura. Tale eventualità consentirebbe chiaramente di mantenere nella struttura le competenze acquisite dal personale. Sarebbe auspicabile inoltre che venisse valutata la possibilità di sostituire alcune figure dirigenziali con quadri di adeguata professionalità tecnica o amministrativa. Concentrazione dei progetti su attività istituzionali Il Piano prevede l intenzione di continuare l attività progettuale su linee di attività coerenti con i compiti istituzionali. Ciò consentirà l esecuzione dei progetti in orario di servizio, aumentando ulteriormente il carico di lavoro. Dato l impoverimento previsto dell organico delle strutture, è invece auspicabile che il personale necessario allo svolgimento di tali progetti sia il personale con contratti di collaborazione continuativa che ha già acquisito le competenze necessarie nelle precedenti collaborazioni con ARPAV, prevedendo in tal modo una fase di distacco graduale e non traumatico di tali persone dall ente, qualora lo stesso decida di avvalersi in modo solo residuale di collaborazioni esterne. Reingegnerizzazione attività amministrative Nel piano di centralizzazione non si valuta che attualmente la fatturazione è già centralizzabile mediante i programmi di gestione in uso, senza dover necessariamente allontanare il personale amministrativo dalle sedi dove l attività viene svolta, dove può comunicare direttamente con i tecnici e prevenire l inserimento di dati errati o incompleti.

BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017

BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017 COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO (Provincia di Livorno) www.comune.rosignano.livorno.it BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017 ALLEGATO N. 15: Piano triennale 2015/2017 per la razionalizzazione dell utilizzo delle

Dettagli

Esperienze di reingenierizzazione dei Laboratori di Sanità Pubblica. Area Centro - LP ASL Milano 1

Esperienze di reingenierizzazione dei Laboratori di Sanità Pubblica. Area Centro - LP ASL Milano 1 Esperienze di reingenierizzazione dei Laboratori di Sanità Pubblica Area Centro - LP ASL Milano 1 Dott. Edgardo Valerio Dott.ssa Maria Alessandra Vitale Il percorso di recupero delle Acque potabili chimiche

Dettagli

Sviluppo di un piano di riorganizzazione logistica e di rete: esperienza di Arpa Emilia Romagna

Sviluppo di un piano di riorganizzazione logistica e di rete: esperienza di Arpa Emilia Romagna Sviluppo di un piano di riorganizzazione logistica e di rete: esperienza di Arpa Emilia Romagna Lisa Gentili Area Attività Laboratoristiche Direzione Tecnica 1 Attività dei cantieri 2006-2007 Analisi critica

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

La campagna di monitoraggio del Politecnico di Milano

La campagna di monitoraggio del Politecnico di Milano La campagna di monitoraggio del Politecnico di Milano La valutazione del sistema edificio-impianto Un processo costruttivo di qualità non si limita a progettare e a realizzare edifici con standard energetici

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE

IL DIRETTORE GENERALE Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente Ligure Responsabile del procedimento: Il Dirigente Responsabile U.O. Affari Generali e Legali: Luca Comelli Estensore Provvedimento: M.C. Grieco Decreto

Dettagli

Romagna preposto all esercizio delle funzioni tecniche per la prevenzione collettiva e per i controlli ambientali, nonché all erogazione di

Romagna preposto all esercizio delle funzioni tecniche per la prevenzione collettiva e per i controlli ambientali, nonché all erogazione di Prot. N. (PRC/07/58324) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Visti: - la Legge Regionale 12 luglio 1994 n. 27 "Disciplina dello smaltimento dei rifiuti", così come successivamente modificata ed integrata;

Dettagli

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia 1 Riferimenti: Legge 9/10 del 1991: Norme per l'attuazione del Piano energetico

Dettagli

15 Convegno di Igiene Industriale Le giornate di Corvara

15 Convegno di Igiene Industriale Le giornate di Corvara 15 Convegno di Igiene Industriale Le giornate di Corvara Il Il datore datore di di lavoro lavoro committente promuove la la cooperazione ed ed il il coordinamento di di cui cui al al comma 2 elaborando

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA SUL PROGRAMMA DI INVESTIMENTI 2011 Piano di investimenti 2011 per il settore informatico

NOTA ESPLICATIVA SUL PROGRAMMA DI INVESTIMENTI 2011 Piano di investimenti 2011 per il settore informatico NOTA ESPLICATIVA SUL PROGRAMMA DI INVESTIMENTI 2011 Piano di investimenti 2011 per il settore informatico Questo breve documento sintetizza le proposte emerse durante gli incontri del gruppo di lavoro

Dettagli

PROGETTO DI ADEGUAMENTO DELLA RETE DI MISURA DELLA QUALITÀ DELL ARIA DEL VENETO ALLE DISPOSIZIONI DEL D. LGS. 155/2010

PROGETTO DI ADEGUAMENTO DELLA RETE DI MISURA DELLA QUALITÀ DELL ARIA DEL VENETO ALLE DISPOSIZIONI DEL D. LGS. 155/2010 PROGETTO DI ADEGUAMENTO DELLA RETE DI MISURA DELLA QUALITÀ DELL ARIA DEL VENETO ALLE DISPOSIZIONI DEL D. LGS. 155/2010 Dr. Ugo Pretto ARPAV Dipartimento Provinciale di Vicenza TTZ Vicenza, 14 dicembre

Dettagli

Erogasmet S.p.A. Carta del Servizio di distribuzione dell acqua tramite rete EROGASMET S.P.A.

Erogasmet S.p.A. Carta del Servizio di distribuzione dell acqua tramite rete EROGASMET S.P.A. EROGASMET S.P.A. CARTA DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA TRAMITE RETE 1 Indice Indice... 2 PRESENTAZIONE... 3 1 PREMESSA... 3 2 PRINCIPI FONDAMENTALI... 3 2.1 Eguaglianza ed imparzialità di trattamento...

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

Spunti emergenti dall esperienza ARPA Piemonte

Spunti emergenti dall esperienza ARPA Piemonte Convegno MONITORAGGIO, INFORMAZIONE E CONTROLLI AMBIENTALI PER LO SVILUPPO DELLA GREEN ECONOMY Roma, 23 novembre 2010 Spunti emergenti dall esperienza ARPA Piemonte Ing. Silvano Ravera Direttore Generale

Dettagli

Prot. n. 9045 C14 d Torino, 12 agosto 2010 Circ. Reg. n. 250 Ai Dirigenti delle Istituzioni Scolastiche della Regione Piemonte LORO SEDI

Prot. n. 9045 C14 d Torino, 12 agosto 2010 Circ. Reg. n. 250 Ai Dirigenti delle Istituzioni Scolastiche della Regione Piemonte LORO SEDI Prot. n. 9045 C14 d Torino, 12 agosto 2010 Circ. Reg. n. 250 Ai Dirigenti delle Istituzioni Scolastiche della Regione Piemonte LORO SEDI OGGETTO:Adempimenti amministrativo-contabili da effettuare in riferimento

Dettagli

LE ESPERIENZE DELL AUTORITA COMPETENTE REGIONALE E LA FUTURA GESTIONE DEGLI SME IN LOMBARDIA

LE ESPERIENZE DELL AUTORITA COMPETENTE REGIONALE E LA FUTURA GESTIONE DEGLI SME IN LOMBARDIA Presentazione della Guida Tecnica del sistema agenziale per la redazione dei manuali di gestione dei Sistemi di Monitoraggio in continuo alle Emissioni in atmosfera (SME) e con particolare riferimento

Dettagli

Giunta Camerale Deliberazione n. 184 del 13.11.2008

Giunta Camerale Deliberazione n. 184 del 13.11.2008 = LEGGE FINANZIARIA 2008: DETERMINAZIONI IN MERITO AL PIANO TRIENNALE RAZIONALIZZAZIONE SPESE. Il Presidente ricorda che la legge 24 dicembre 2007 n. 244 (legge finanziaria 2008) all art.2 dispone che:

Dettagli

Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento

Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento Allegato 1 Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento Si riporta di seguito, in via del tutto esemplificativo, la strutturazione di un impianto di trattamento

Dettagli

InfoFACILITY. La manutenzione dei sistemi di monitoraggio e degli edifici ARPAL. Agenzia PROFILO AZIENDA

InfoFACILITY. La manutenzione dei sistemi di monitoraggio e degli edifici ARPAL. Agenzia PROFILO AZIENDA La manutenzione dei sistemi di monitoraggio e degli edifici ARPAL - Case History ARPAL - Maggio 2014 L ottimizzazione del processo manutentivo, intesa come l aumento dell efficacia degli interventi ordinari,

Dettagli

SERVIZIO INTEGRATO ENERGIA 3 - Criteri di sostenibilità

SERVIZIO INTEGRATO ENERGIA 3 - Criteri di sostenibilità SERVIZIO INTEGRATO ENERGIA 3 - Criteri di sostenibilità 1. Oggetto dell iniziativa Oggetto dell iniziativa è l affidamento del Servizio Integrato Energia, ovvero di tutte le attività di gestione, conduzione

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL'AMBIENTE. ARPA Sicilia PROCEDURA APERTA

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL'AMBIENTE. ARPA Sicilia PROCEDURA APERTA AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL'AMBIENTE ARPA Sicilia PROCEDURA APERTA PER LA REALIZZAZIONE DI UN LABORATORIO PER LA GARANZIA DELLA RIFERIBILITA DELLE MISURE EFFETTUATE DALLA RETE DI MONITORAGGIO

Dettagli

Il Ruolo di Arpalazio nell ambito dell Autorizzazione integrata Ambientale

Il Ruolo di Arpalazio nell ambito dell Autorizzazione integrata Ambientale Il Ruolo di Arpalazio nell ambito dell Autorizzazione integrata Ambientale Sergio Ceradini Arpalazio Sezione provinciale di Roma Convegno Tutela del territorio, gestione dei rifiuti e controlli ambientali

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI MODENA

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI MODENA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI MODENA PIANO PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI E DEI BENI IMMOBILI TRIENNIO 2011 2013 Art.2

Dettagli

Servizi per l ambiente

Servizi per l ambiente F Servizi per l ambiente Sono diversi i servizi che si stanno sviluppando a supporto di un cambiamento organizzativo delle aziende e del modo di produrre, anche in questo caso nel segno di un minore impatto

Dettagli

Università degli Studi di Firenze. Energetica: obiettivi, norme e gas climalteranti. Prof. Ing. GIORGIO RAFFELLINI

Università degli Studi di Firenze. Energetica: obiettivi, norme e gas climalteranti. Prof. Ing. GIORGIO RAFFELLINI Università degli Studi di Firenze Facoltà di Architettura Dipartimento di Tecnologia e Design Pierluigi Spadolini Energetica: obiettivi, norme e gas climalteranti. Prof. Ing. GIORGIO RAFFELLINI Programma

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI MODENA

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI MODENA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI MODENA PIANO PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI E DEI BENI IMMOBILI TRIENNIO 2014 2016 Art.

Dettagli

L'UFFICIO DI PRESIDENZA

L'UFFICIO DI PRESIDENZA DELIBERAZIONE DELL UFFICIO DI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO REGIONALE N. 71 DELL 8 OTTOBRE 2014 Protocollo d intesa tra Consiglio regionale e Comune di Venezia in materia di servizi informatici e telematici.

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica 1 di 7 INDICE 1 Pianificazione della realizzazione del prodotto... 2 2 Processi relativi al cliente... 2 2.1 Analisi dei bisogni, determinazione dei requisiti

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI GESTIONE PER IL PERIODO 2014/2016

PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI GESTIONE PER IL PERIODO 2014/2016 Allegato A PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI GESTIONE PER IL PERIODO 2014/2016 PREMESSA PARTE PRIMA ( dotazioni strumentali delle postazioni di lavoro art. 2 comma 594 L. n.244/2007)

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Consulta Generale per L autotrasporto e per la Logistica

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Consulta Generale per L autotrasporto e per la Logistica Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Consulta Generale per L autotrasporto e per la Logistica SUPPORTO OPERATIVO E TECNICO-SPECIALISTICO PER LA MESSA A SISTEMA E L OTTIMIZZAZIONE DELLA FILIERA

Dettagli

Posizioni dirigenziali di prima fascia.

Posizioni dirigenziali di prima fascia. Nota informativa alle Organizzazioni Sindacali sulla proposta di ristrutturazione degli assetti organizzativi dell Agenzia delle Dogane (posizioni dirigenziali di vertice e posizioni dirigenziali di seconda

Dettagli

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Stato degli atti dopo il Febbraio 2010: Sono state presentate 90 proposte. L estensione complessiva delle

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO Premessa L Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia considera la formazione e l aggiornamento

Dettagli

Prot.7767/A01 Correggio, 09/09/2013 Il Dirigente Scolastico

Prot.7767/A01 Correggio, 09/09/2013 Il Dirigente Scolastico Prot.7767/A01 Correggio, 09/09/2013 Il Dirigente Scolastico - Visto l art. 8, comma 7, del regolamento relativo all istruzione professionale (DPR 15/03/2010, n. 87) - Vista la Direttiva Ministeriale n.

Dettagli

La Rete dei Laboratori di ARPA Lombardia

La Rete dei Laboratori di ARPA Lombardia La Rete dei Laboratori di ARPA Lombardia Pierluisa Dellavedova Direttore Settore Laboratori ARPA Lombardia UNIDEA, Rimini, 8-9 maggio 2014 I Laboratori di ARPA Lombardia: La Struttura del Settore DIRETTORE

Dettagli

Il SiBA dell Università di Pavia: da un modello federativo a un modello organizzativo complessivo

Il SiBA dell Università di Pavia: da un modello federativo a un modello organizzativo complessivo Il SiBA dell Università di Pavia: da un modello federativo a un modello organizzativo complessivo Antonio Scolari Università degli Studi di Pavia Il Centro Il SiBA nasce a Pavia a fine anni 90 (organismo

Dettagli

Scheda 4 RIDUZIONE DEI COSTI PER INTERVENTI EDILIZI

Scheda 4 RIDUZIONE DEI COSTI PER INTERVENTI EDILIZI Scheda 4 RIDUZIONE DEI COSTI PER INTERVENTI EDILIZI - descrizione oggetto della proposta e contesto di riferimento Ottimizzazione economica degli interventi edilizi necessari alla realizzazione dei piani

Dettagli

Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria

Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria Nadia Geranio, Leonardo Merlini, Olga Moretti Il primo obiettivo di

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI. Misure finalizzate al contenimento della spesa (art. 2 Commi 594-599 della Legge 244/2007 - Legge Finanziaria 2008)

UNIONE DEI COMUNI. Misure finalizzate al contenimento della spesa (art. 2 Commi 594-599 della Legge 244/2007 - Legge Finanziaria 2008) Area Servizi Interni Servizio Informatica Piazza dei Martiri 1 48022 Lugo (RA) Tel. 0545 38439 Fax 0545 38416 informatica@unione.labassaromagna.it UNIONE DEI COMUNI Misure finalizzate al contenimento della

Dettagli

COMUNE DI RUDA Provincia di Udine * * *

COMUNE DI RUDA Provincia di Udine * * * COMUNE DI RUDA Provincia di Udine * * * Allegato 9 Documento unico di valutazione dei rischi derivanti da attività affidate ad imprese appaltatrici o a lavoratori autonomi, ai sensi del D.Lgs. 81/2008

Dettagli

UNI EN ISO 9001:2008 Certificato n.9175.arpl

UNI EN ISO 9001:2008 Certificato n.9175.arpl L aeroporto di Bergamo Orio al Serio insiste sul territorio dei comuni di Orio al Serio, di Grassobbio e di Seriate, e si trova a pochi chilometri dal centro di Bergamo. Lo sviluppo programmato a partire

Dettagli

RELAZIONE AL PROGRAMMA ANNUALE A.F. 2012

RELAZIONE AL PROGRAMMA ANNUALE A.F. 2012 RELAZIONE AL PROGRAMMA ANNUALE A.F. 2012 Il programma annuale è stato redatto, secondo quanto previsto dal Decreto Interministeriale n. 44 del 1 febbraio 2001, per attività e progetti. Nell imputare le

Dettagli

Il Mobility Management. Maria Lelli

Il Mobility Management. Maria Lelli Il Mobility Management Maria Lelli IL MOBILITY MANAGEMENT Il MOBILITY MANAGEMENT è un approccio ai problemi della mobilità orientato alla gestione della domanda per la promozione della MOBILITA SOSTENIBILE

Dettagli

GPP L'esperienza di Arca S.p.A

GPP L'esperienza di Arca S.p.A GPP L'esperienza di Arca S.p.A A cura di Marco Petriccione Funzione Service Management e Gestione dei sistemi di e-procurement Assago, 01/04/2016 I N D I C E Ruolo di Arca nel Procurement lombardo: Benefici

Dettagli

4 MONITORAGGIO SUI COSTI DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

4 MONITORAGGIO SUI COSTI DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Stato: Definitivo 4 MONITORAGGIO SUI COSTI DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PARCO AUTO CENSITO AL 2012 Tabella 1 - Disponibilità di autovetture al 31/12/2012 - La disponibilità di

Dettagli

SERVIZI DI TARATURA LAT N 128. Laboratorio di Taratura Accreditato ACCREDIA Umidità, Temperatura, Pressione; Tensione, Corrente e Resistenza Elettrica

SERVIZI DI TARATURA LAT N 128. Laboratorio di Taratura Accreditato ACCREDIA Umidità, Temperatura, Pressione; Tensione, Corrente e Resistenza Elettrica Laboratorio di Taratura Accreditato ACCREDIA SERVIZI DI TARATURA FASINTERNATIONAL Fasinternational, recentemente trasferita in una nuova sede operativa con i Laboratori di taratura completamente rinnovati,

Dettagli

LINEE GUIDA SULLA CONVENZIONE CON LYTE & LYTE PER LA FORNITURA DI SERVIZI E PRODOTTI VOLTI AL RISPARMIO ENERGETICO

LINEE GUIDA SULLA CONVENZIONE CON LYTE & LYTE PER LA FORNITURA DI SERVIZI E PRODOTTI VOLTI AL RISPARMIO ENERGETICO LINEE GUIDA SULLA CONVENZIONE CON LYTE & LYTE PER LA FORNITURA DI SERVIZI E PRODOTTI VOLTI AL RISPARMIO ENERGETICO Sommario 1 PREMESSA...2 2 OGGETTO DELLA CONVENZIONE...4 3 DESCRIZIONE DEI PRODOTTI E SERVIZI

Dettagli

INIZIATIVE ENIA NEL CAMPO DELL ENERGIA: IL TELERISCALDAMENTO

INIZIATIVE ENIA NEL CAMPO DELL ENERGIA: IL TELERISCALDAMENTO Convegno Risparmio Energetico e Uso di Fonti Rinnovabili in Edilizia Parma, 2 febbraio 2006 INIZIATIVE ENIA NEL CAMPO DELL ENERGIA: IL TELERISCALDAMENTO Sara Moretti IL TELERISCALDAMENTO: COS E Per teleriscaldamento

Dettagli

QUESTIONARIO SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO

QUESTIONARIO SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO Università degli Studi di Milano-Bicocca Dipartimento di Psicologia QUESTIONARIO SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO Il presente questionario costituisce a) la fase finale del corso, nella forma di ricerca/intervento,

Dettagli

Il contributo del Sistema Nazionale per la Protezione dell'ambiente alla Sicurezza Alimentare: l'esperienza di Arpa Piemonte

Il contributo del Sistema Nazionale per la Protezione dell'ambiente alla Sicurezza Alimentare: l'esperienza di Arpa Piemonte Il contributo del Sistema Nazionale per la Protezione dell'ambiente alla Sicurezza Alimentare: l'esperienza di Arpa Piemonte Angelo ROBOTTO Direttore Generale ARPA Piemonte Ambiente Sano per una Alimentazione

Dettagli

L esperienza di Regione Lombardia Il Sistema I.M.Pre.S@ per una prevenzione più efficace

L esperienza di Regione Lombardia Il Sistema I.M.Pre.S@ per una prevenzione più efficace L esperienza di Regione Lombardia Il Sistema I.M.Pre.S@ per una prevenzione più efficace Convegno Realizzazione di modalità e strumenti per integrare le informazioni correnti del sistema salute e del sistema

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO

GUIDA DI APPROFONDIMENTO WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO I SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COSA È UN SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE... 3 OBIETTIVI DI UN SISTEMA

Dettagli

Servizio Politiche attive per il Lavoro Servizio Formazione professionale. Titolo. Parti. Tra

Servizio Politiche attive per il Lavoro Servizio Formazione professionale. Titolo. Parti. Tra Servizio Politiche attive per il Lavoro Servizio Formazione professionale Protocollo Titolo CONVENZIONE QUADRO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO NELLE COOPERATIVE SOCIALI DEI LAVORATORI DISABILI CON GRAVI DIFFICOLTA

Dettagli

POLIZIA LOCALE DI ROMA CAPITALE

POLIZIA LOCALE DI ROMA CAPITALE POLIZIA LOCALE DI ROMA CAPITALE RIALLINEAMENTO ALLA NORMATIVA CONTRATTUALE NAZIONALE Ad integrazione e specifica di quanto rappresentato nella nota trasmessa a codesto Dipartimento in data 29 aprile 2014,

Dettagli

DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE

DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Sommario Art. 1 - Principi generali Art. 2 - Tipologie di formazione, soggetti destinatari e fonti

Dettagli

Gruppo di Lavoro Strategia. M. Belli ISPRA. - Le attività/i coordinamenti/lo stato dell arte

Gruppo di Lavoro Strategia. M. Belli ISPRA. - Le attività/i coordinamenti/lo stato dell arte Auditorium - Via Curtatone 7 II Sessione: Attività tecniche ARPA APPA - Le attività/i coordinamenti/lo stato dell arte Gruppo di Lavoro Strategia M. Belli Gruppo di Lavoro Strategia Istituito dal Consiglio

Dettagli

PRINCIPI GENERALI PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PRINCIPI GENERALI PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ALL ISC 05 Ed 1 -Rev 1 del 08/2011 SISTEMA DI GESTIONE QUALITÀ CERTIFICATO N 5705/0 SECONDO LA NORMA ISO 9001:2008 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA- INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI E SEDI ASSOCIATE Il

Dettagli

1. PREMESSA. Politecnico Innovazione 1

1. PREMESSA. Politecnico Innovazione 1 E-BUSINESS IN CIFRE 1. PREMESSA Valutare il grado di penetrazione dell e-business nelle Pmi significa analizzare qual è il ruolo che le tecnologie sono chiamate a svolgere all interno delle aziende: nelle

Dettagli

Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale

Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale 1 1 1. Premessa La seguente proposta di modello nasce dopo un attività di confronto tra i rappresentanti

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO ART 2 COMMI 594-598 L. 244/2007

PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO ART 2 COMMI 594-598 L. 244/2007 PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO ART 2 COMMI 594-598 L. 244/2007 RELAZIONE CONSUNTIVA ANNI 2010 2011-2012. 1 PARTE GENERALE dotazioni strumentali informatiche

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1979 VI COMMISSIONE CONSILIARE AMBIENTE E PROTEZIONE CIVILE PROGETTO DI LEGGE

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1979 VI COMMISSIONE CONSILIARE AMBIENTE E PROTEZIONE CIVILE PROGETTO DI LEGGE REGIONE LOMBARDIA IX LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1979 VI COMMISSIONE CONSILIARE AMBIENTE E PROTEZIONE CIVILE PROGETTO DI LEGGE Modifiche e integrazioni alla legge regionale 9 settembre 2003, n.

Dettagli

Come costruire il piano commerciale

Come costruire il piano commerciale Come costruire il piano commerciale Definire un piano commerciale per la propria impresa è importante: quando mancano idee chiare e obiettivi, infatti, spesso l azione di vendita viene sviluppata in modo

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V.

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. COMUNE DI ROCCARAINOLA PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. Il presente atto abroga e sostituisce il precedente regolamento approvato con delibera di

Dettagli

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO COMMISSIONE 3: SERVIZI PER LO SVILUPPO LOCALE DEI TERRITORI Sintesi risultati incontro del 11 Marzo 2009 ASSISTENZA TECNICA A CURA DI: RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO

Dettagli

PROVINCIA DI VERONA Settore Ambiente Servizio organizzazione e smaltimento rifiuti Unità Operativa Rifiuti Speciali

PROVINCIA DI VERONA Settore Ambiente Servizio organizzazione e smaltimento rifiuti Unità Operativa Rifiuti Speciali PROVINCIA DI VERONA Settore Ambiente Servizio organizzazione e smaltimento rifiuti Unità Operativa Rifiuti Speciali Oggetto Volturazione a favore della ditta Ecosistemi VR S.r.l. dei provvedimenti rilasciati

Dettagli

ANNUARIO. Sicurezza, Ambiente e Qualità. Servizi e proposte

ANNUARIO. Sicurezza, Ambiente e Qualità. Servizi e proposte ANNUARIO STUDIO GILI Sicurezza, Ambiente e Qualità Servizi e proposte AcusTIcA Offriamo servizi per tutti i settori dell'edilizia, pubblica, privata e per il settore industriale, ecco quali: Acustica Valutazioni

Dettagli

Convegno ANFIA. Torino, 7 maggio 2013

Convegno ANFIA. Torino, 7 maggio 2013 Convegno ANFIA Torino, 7 maggio 2013 Scaletta presentazione Dott. Bonomi INTRODUZIONE anche se il momento è difficile e carico di incertezze bisogna cercare di capire quali sono le occasioni per migliorare

Dettagli

Comune di Colbordolo Provincia di Pesaro Urbino

Comune di Colbordolo Provincia di Pesaro Urbino Comune di Colbordolo Provincia di Pesaro Urbino PIANO TRIENNALE PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI ANCHE INFORMATICHE, DELLE AUTOVETTURE

Dettagli

COMUNICATO N. 08/14. Prot. n. 033/14 Roma, 4 febbraio 2014

COMUNICATO N. 08/14. Prot. n. 033/14 Roma, 4 febbraio 2014 FEDERAZIONE CONFSAL-UNSA COORDINAMENTO NAZIONALE BENI CULTURALI c/o Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo Via del Collegio Romano, 27-00186 Roma Tel. 06.67232889 - Tel./Fax 0667232348

Dettagli

Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione. ESAME DELLA RELAZIONE n. 19 del 2014

Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione. ESAME DELLA RELAZIONE n. 19 del 2014 Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione ESAME DELLA RELAZIONE n. 19 del 2014 "Relazione sullo stato di attuazione della Legge Regionale 11 dicembre 2006, n. 24 Norme per la prevenzione e la riduzione

Dettagli

Spettabile Gestore dei Servizi Energetici - GSE V.le Maresciallo Pilsudski 92 00197, ROMA consultazioneraee@gse.it

Spettabile Gestore dei Servizi Energetici - GSE V.le Maresciallo Pilsudski 92 00197, ROMA consultazioneraee@gse.it Spettabile Gestore dei Servizi Energetici - GSE V.le Maresciallo Pilsudski 92 00197, ROMA consultazioneraee@gse.it Milano, 22 Maggio 2015 Prot. n. 184/2015 Oggetto: Rifiuti di Apparecchiature Elettriche

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L importanza di un protocollo di accoglienza L adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo le indicazioni stabilite

Dettagli

La gestione delle ristrutturazioni e delle crisi aziendali

La gestione delle ristrutturazioni e delle crisi aziendali La gestione delle ristrutturazioni e delle crisi aziendali Ermanno Dalla Libera Istituto Poster www.performancemonitor.eu 1 Introduzione Che cos è la ristrutturazione? La ristrutturazione, nell ampia accezione

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Olivieri Sede Lavoro Via Filippo Juvara, 22-20129 Milano Telefono 0274872205 E-mail f.olivieri@arpalombardia.it

Dettagli

POSITION PAPER. aprile 2010

POSITION PAPER. aprile 2010 Risposta alla consultazione COVIP Schema di regolamento sulle procedure relative all autorizzazione all esercizio dell attività delle forme pensionistiche complementari, alle modifiche degli statuti e

Dettagli

Piano nazionale di edilizia abitativa

Piano nazionale di edilizia abitativa ALLEGATO Piano nazionale di edilizia abitativa Art. 1 (Linee d intervento) 1. Il piano è articolato in sei linee di intervento, di seguito indicate: a) costituzione di un sistema integrato nazionale e

Dettagli

Verbale contrattazione decentrata

Verbale contrattazione decentrata Verbale contrattazione decentrata Il giorno undici del mese di dicembre 2007 alle ore 15,30 presso la sede dell Azienda per il Diritto agli Studi Universitari di Teramo, previa convocazione nei termini

Dettagli

ORIENTAMENTI SULLE ENTITÀ CHE POSSONO ESSERE REGISTRATE A EMAS

ORIENTAMENTI SULLE ENTITÀ CHE POSSONO ESSERE REGISTRATE A EMAS ORIENTAMENTI SULLE ENTITÀ CHE POSSONO ESSERE REGISTRATE A EMAS OBIETTIVO DEGLI ORIENTAMENTI L estensione di EMAS a tutte le organizzazioni aventi un impatto ambientale, anche a quelle che non rientrano

Dettagli

Atto di indirizzo per la medicina convenzionata

Atto di indirizzo per la medicina convenzionata Atto di indirizzo per la medicina convenzionata Premessa L approvazione del Decreto Balduzzi, oltre alla necessità di rivedere gran parte dell impianto normativo degli ACN vigenti, ha aperto e stimolato

Dettagli

DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N.69 DEL 30/06/2009

DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N.69 DEL 30/06/2009 DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N.69 DEL 30/06/2009 OGGETTO: PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO EX ART.2 COMMI DA 594 A 599 LEGGE 24/12/2007 N.244 /LEGGE FINANZIARIA

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010

MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010 Mobilità e competitività ità le azioni della Camera di Commercio di Varese MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010 I FLUSSI DI LAVORATORI

Dettagli

L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA. Bologna, 01 luglio 2014

L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA. Bologna, 01 luglio 2014 L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA Il Percorso intrapreso dalla Regione Emilia-Romagna Grazia Cesari Evento organizzato in collaborazione con

Dettagli

Progetto Whysol per la realizzazione di una centrale termoelettrica a olio vegetale in Comune di Zanica (BG).

Progetto Whysol per la realizzazione di una centrale termoelettrica a olio vegetale in Comune di Zanica (BG). Progetto Whysol per la realizzazione di una centrale termoelettrica a olio vegetale in Comune di Zanica (BG). Osservazioni a seguito della relazione di ARPA Lombardia e della disponibilità SEI alla cogenerazione.

Dettagli

Convegno Regionale : Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico.

Convegno Regionale : Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico. Convegno Regionale : Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico. Nocera Torinese ( Cz ) Intervento di Luigi Sbarra Segretario Generale Cisl Calabria. Quando si osservano i dati statistici riguardanti la

Dettagli

Indice. Regolamento per l'organizzazione ed il funzionamento delle attività amministrative e di supporto. ART. 1. Ambito di applicazione

Indice. Regolamento per l'organizzazione ed il funzionamento delle attività amministrative e di supporto. ART. 1. Ambito di applicazione Pag. 1 di 8 Indice ART. 1. Ambito di applicazione ART. 2. Funzioni e compiti del Dipartimento ART. 3. Direttore di Dipartimento ART. 4. L articolazione organizzativa del Dipartimento ART. 5. Funzioni e

Dettagli

PROPOSTE OPERATIVE DELL ASSOCIAZIONE NAZIONALE INGEGNERIA DELLA SICUREZZA

PROPOSTE OPERATIVE DELL ASSOCIAZIONE NAZIONALE INGEGNERIA DELLA SICUREZZA PROPOSTE OPERATIVE DELL ASSOCIAZIONE NAZIONALE INGEGNERIA DELLA SICUREZZA 1) Potenziamento e riassetto degli Organi di Vigilanza 2) Formazione e promozione della cultura della prevenzione. Inserimento

Dettagli

UNIONE BASSA EST PARMENSE

UNIONE BASSA EST PARMENSE UNIONE BASSA EST PARMENSE PIANO TRIENNALE DI PREVISIONE ai sensi dell art. 2 commi da 594 a 595 Legge n. 244 del 24.12.2007 PREMESSA La Legge Finanziaria per il 2008 (Legge n. 244 del 24 dicembre 2007)

Dettagli

P.O.R. SICILIA 2000/2006. Misura 1.03 Sistema informativo e di monitoraggio acque e servizi idrici (FESR)

P.O.R. SICILIA 2000/2006. Misura 1.03 Sistema informativo e di monitoraggio acque e servizi idrici (FESR) P.O.R. SICILIA 2000/2006 Misura 1.03 Sistema informativo e di monitoraggio acque e servizi idrici (FESR) ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA ATTIVAZIONE DELLA MISURA ART. 1 FINALITA DELL ACCORDO Scopo dell accordo

Dettagli

Norme per il risanamento dell ambiente, bonifica e smaltimento dell amianto

Norme per il risanamento dell ambiente, bonifica e smaltimento dell amianto LEGGE REGIONALE 29 settembre 2003, N. 17 Norme per il risanamento dell ambiente, bonifica e smaltimento dell amianto (BURL n. 40, 1º suppl. ord. del 03 Ottobre 2003 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:2003-09-29;17

Dettagli

CENTRO DI RESPONSABILITA

CENTRO DI RESPONSABILITA CENTRO DI RESPONSABILITA 06 - SERVIZI AL TERRITORIO RESPONSABILE: DOTT. POLENGHI STEFANO ELENCO DEI PROGETTI 1. GESTIRE IL PROTOCOLLO E L ARCHIVIO 2. GESTIONE GIURIDICA ED ECONOMICA DELLE RISORSE UMANE

Dettagli

Voci di costo di un progetto di automazione del protocollo e della gestione dei flussi documentali

Voci di costo di un progetto di automazione del protocollo e della gestione dei flussi documentali Voci di costo di un progetto di automazione del protocollo e della gestione dei flussi documentali Indice 1. PREMESSA... 3 2. COSTI DI SVILUPPO... 3 3. COSTI DI ESERCIZIO... 4 4. CLASSIFICAZIONE DELLE

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI VERBALE DI VERIFICA

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI VERBALE DI VERIFICA ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI VERBALE DI VERIFICA In data 3 e 9 marzo 2005, presso la Direzione Generale dell Inpdap in via Ballarin 42, si sono tenuti

Dettagli

ACCORDO AZIENDALE. In data 26 novembre 2014, presso la sede dell Azienda Strade Lazio - ASTRAL S.p.A. in Roma. tra

ACCORDO AZIENDALE. In data 26 novembre 2014, presso la sede dell Azienda Strade Lazio - ASTRAL S.p.A. in Roma. tra ACCORDO AZIENDALE per il Personale non dirigente in forza all Azienda Strade Lazio ASTRAL S.p.A., con rapporto di lavoro disciplinato dal CCNL Comparto Regioni Autonomie Locali nel tempo vigente. In data

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

Chi siamo. vettori energetici (elettrico, termico ed energia prodotta da fonti tradizionali e rinnovabili) presenti nelle aziende pubbliche e private.

Chi siamo. vettori energetici (elettrico, termico ed energia prodotta da fonti tradizionali e rinnovabili) presenti nelle aziende pubbliche e private. Chi siamo Nata nel 1999, Energy Consulting si è affermata sul territorio nazionale fra i protagonisti della consulenza strategica integrata nel settore delle energie con servizi di Strategic Energy Management

Dettagli

una squadra di esperti, un solo interlocutore

una squadra di esperti, un solo interlocutore una squadra di esperti, un solo interlocutore Il vantaggio di avere una squadra di esperti e la comodità di parlare con un solo interlocutore CHI SIAMO Il Gruppo E.S.G. EURO SERVICE GROUP - SYNTESY - A.IN.COM.

Dettagli

Osservazioni e proposte ANIGAS

Osservazioni e proposte ANIGAS DCO 30/11 REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEL GAS NATURALE Proposte di revisione della deliberazione 6 settembre 2005, n. 185/05 Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 14 settembre 2011 Pagina 1 di 8 PREMESSA

Dettagli

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO L autovalutazione è una valutazione che fornisce un giudizio sull efficacia e sull efficienza dell Azienda e sul grado di

Dettagli

Piano Triennale Prevenzione Corruzione Relazione I semestre 2014

Piano Triennale Prevenzione Corruzione Relazione I semestre 2014 Piano Triennale Prevenzione Corruzione Relazione I semestre 2014 Introduzione La presente relazione sintetizza il quadro di iniziative messe in atto nell arco temporale ricompreso tra il 1 gennaio ed il

Dettagli