LO STRESS LAVORO CORRELATO NEI SERVIZI DI EMERGENZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LO STRESS LAVORO CORRELATO NEI SERVIZI DI EMERGENZA"

Transcript

1 LO STRESS LAVORO CORRELATO NEI SERVIZI DI EMERGENZA Andrea Magrini Cattedra di Medicina del Lavoro Università degli Studi di Roma «Tor Vergata» Roma, 28 ottobre 2011

2 IL PERCORSO PREVISTO DALLA NORMA Decreto legislativo 81/2008 2

3 LA NORMA NUOVA DEFINIZIONE DI SALUTE TITOLO I PRINCIPI COMUNI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 2 Definizioni o) «Salute»: stato di completo benessere fisico, mentale e sociale, non consistente solo in un assenza di malattia o d infermità 3

4 LA NORMA Sezione II Valutazione dei rischi Articolo 28 Oggetto della valutazione dei rischi La valutazione di cui all articolo 17, comma 1, lettera a), anche nella scelta delle attrezzature di lavoro e delle sostanze o dei preparati chimici impiegati, nonché nella sistemazione dei luoghi di lavoro, deve riguardare tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori, ivi compresi quelli riguardanti gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari, tra cui anche quelli collegati allo stress lavorocorrelato, secondo i contenuti dell accordo europeo dell 8 ottobre 2004,( ) 4

5 LA NORMA Le indicazioni metodologiche sono state elaborate nei limiti e per le finalità puntualmente individuati dalla Legge tenendo conto della ampia produzione scientifica disponibile sul tema e delle proposte pervenute all interno alla Commissione consultiva e sono state redatte secondo criteri di semplicità, brevità e comprensibilità Il documento indica un percorso metodologico che rappresenta il livello minimo di attuazione dell obbligo di valutazione del rischio da stress lavoro-correlato per tutti i datori di lavoro pubblici e privati 5

6 COSA DOBBIAMO VALUTARE INDICAZIONI DELLA COMMISSIONE CONSULTIVA PER LA VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO- CORRELATO, LETTERA CIRCOLARE MINISTERIALE, GU 304/2010 Definizioni e indicazioni generali: Lo stress lavoro-correlato viene descritto all articolo 3 dell Accordo Europeo dell 8 ottobre 2004 così come recepito dall Accordo Interconfederale del 9 giugno 2008 quale condizione che può essere accompagnata da disturbi o disfunzioni di natura fisica, psicologica o sociale ed è conseguenza del fatto che taluni individui non si sentono in grado di corrispondere alle richieste o aspettative riposte in loro. 6

7 LA METODOLOGIA Percorso «di minima» COSTITUZIONE GRUPPO DI LAVORO (partecipazione di TUTTI gli attori della salute e sicurezza) ANALISI OGGETTIVA Individuazione gruppi omogenei Raccolta di Eventi sentinella Indicatori di contenuto Indicatori di contesto Consultazione con RLS/lav EVENTUALI AZIONI CORRETTIVE Tecniche Procedurali Formative Organizzative Monitoraggio e valutazione efficacia FORMAZIONE ai dirigenti, preposti, lavoratori STUDIO del lavoro (osservazione, focus group, ) 7 Eventuale VALUTAZIONE SOGGETTIVA

8 LA METODOLOGIA La valutazione si articola in due fasi: una necessaria (la valutazione preliminare); l altra eventuale, da attivare nel caso in cui la valutazione preliminare riveli elementi di rischio da stress lavoro-correlato e le misure di correzione adottate a seguito della stessa, dal datore di lavoro, si rivelino inefficaci. La valutazione preliminare consiste nella rilevazione di indicatori oggettivi e verificabili, ove possibile numericamente apprezzabili, appartenenti quanto meno a tre distinte famiglie: 1 a 1. Eventi sentinella quali ad esempio: indici infortunistici; assenze per malattia; turnover; procedimenti e sanzioni e segnalazioni del medico competente; specifiche e frequenti lamentele formalizzate da parte dei lavoratori. (es. andamento nel tempo degli indici infortunistici rilevati in azienda). 8

9 LA METODOLOGIA 2 a Fattori di contenuto del lavoro quali ad esempio: ambiente di lavoro e attrezzature; carichi e ritmi di lavoro; orario di lavoro e turni; corrispondenza tra le competenze dei lavoratori e i requisiti professionali richiesti. 3 a Fattori di contesto del lavoro quali ad esempio: ruolo nell ambito dell organizzazione, autonomia decisionale e controllo; conflitti interpersonali al lavoro; evoluzione e sviluppo di carriera; comunicazione (es. incertezza in ordine alle prestazioni richieste). In questa prima fase possono essere utilizzate liste di controllo applicabili anche dai soggetti aziendali della prevenzione che consentano una valutazione oggettiva, complessiva e, quando possibile, parametrica dei fattori di cui ai punti I, II e III che precedono. 9

10 SPERIMENTAZIONE Occorre una approfondita riflessione sulla metodologia da applicare o meglio sulle varie e diversificate metodologie da affiancare OCCORRE POI SPERIMENTARE Non siamo abituati a: ENTRARE NEI POSTI DI LAVORO OSSERVARE DIRETTAMENTE IL LAVORO SVOLTO (senza il filtro della soggettività individuale) RACCOGLIERE DATI SULLE PRASSI LAVORATIVE (diverse dalle procedure formali) E CONFRONTARLI SISTEMATICAMENTE FRA LORO 10

11 MISURARE E CONFRONTARE È fondamentale imparare a «misurare i carichi di lavoro» e quantificare lo sforzo (operativo, cognitivo, fisico, sociale) che viene richiesto durante l attività lavorativa Sarebbe auspicabile raccogliere anche DATI SOGGETTIVI, con interviste, questionari, focus group 11

12 OSSERVARE E INTERPRETARE APPROCCIO OLISTICO: STUDIARE IL LAVORO E LE PERSONE NEL LORO COMPLESSO E INTEREZZA APPROFONDIRE LE MODALITÀ EFFETTIVE DI LAVORO (BUONE PRASSI, ABITUDINI CONSOLIDATE,..) RILEVARE DIRETTAMENTE LE CONDIZIONI AMBIENTALI E CONTESTUALI DEL LAVORO OSSERVAZIONI DELLE MODALITÀ ORGANIZZATIVE (TURNI, CONSEGNE, CLIMA RELAZIONALE, ) 12

13 GESTIRE IL SINGOLO CASO Come si inserisce la gestione del singolo caso nella valutazione dello stress? È necessario un meccanismo/processo di raccolta delle singole manifestazioni di disagio che nell attuale processo valutativo si perderebbero È importante non sottovalutare il potenziale conflittuale di singole situazioni lavorative Il medico del lavoro in sede di sorveglianza sanitaria potrebbe avere visibilità «precoce» di tali situazioni 13

14 AGIRE E MIGLIORARE LE MISURE CORRETTIVE: Il fine della valutazione dello stress deve essere il miglioramento organizzativo attraverso l implementazione delle azioni correttive Per questo è indispensabile un forte commitment da parte del vertice aziendale (ci deve essere la volontà di gestire il «dopo» valutazione) La valutazione dello stress non può quindi essere svolta «a tavolino» senza un contatto diretto con il lavoro e le persone È sensato (o forse necessario) proporre soluzioni di settore, evitando il lungo percorso che ogni azienda dovrebbe intraprendere alla ricerca della luce 14

15 SPUNTI DI RIFLESSIONE PS E MEDICINA DI URGENZA? RISCHIO NOTO MA POCO STUDIATO!!!! 15

16 INNANZITUTTO Lo stress nei lavoratori della sanità è una novità? Dal database PUBMED Le voci: hospital and occupational stress Ottengono 1625 riferimenti Le voci: emergency department and occupational stress Ottengono 131 riferimenti 16

17 EVIDENZE SULL ESISTENZA DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO SOTTOSTIMA DEL RISCHIO È sempre necessario svolgere la prima fase di valutazione oggettiva per concludere che per una struttura/attività esiste lo stress lavoro correlato? Ci sono evidenze ineludibili e documentate in letteratura (turni notturni, operatori della sanità, call center, lavoro a contatto con la sofferenza, forze dell ordine, autisti di mezzi pubblici, etc.) su attività particolarmente esposte al rischi Quali sono le metodologie di analisi migliori? Sono sufficienti / attendibili gli indicatori indiretti e le check list su contenuto e contesto? 17

18 MEDICINA E STRESS 1/2 Malessere diffuso Indagine multinazionale effettuata da Egprn ( ) in 12 nazioni europee: i medici italiani hanno un livello di stress quasi doppio (43%) rispetto alla media europea (22%): ansia, irritabilità, depressione Fattori di stress: paura di sbagliare, la dedizione verso i pazienti, i turni a volte massacranti nove medici su 10 considerano la propria professione particolarmente debilitante sotto il profilo psicologico Il 41% non riesce mai a staccare mentalmente dal lavoro, condizione che inevitabilmente produce stress 18

19 MEDICINA E STRESS 2/2 Malessere diffuso 5 mila medici italiani che a causa dell eccessivo stress fisico ed emotivo, si rifugiano in alcol e droghe (cocaina). in tutto il mondo, il tasso di suicidi tra i medici è due volte superiore a quello della popolazione generale tra gli uomini e addirittura quattro volte tra le donne circa il 99% dei medici in difficoltà non vuole o non sa a chi rivolgersi; di questi il 45% si autocura e resta al lavoro. (Palmieri, Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, 2010) 19

20 STRESS IN PRONTO SOCCORSO C È STRESS NEL PRONTO SOCCORSO? Riconoscim ento economico Turni di lavoro / Lunghi orari Fattori personali Rapporto con utente STRESS IN PS - URGENZA Tempi di attesa e degenza Disponibilità spazi / ambienti Reparti affollati 20

21 Studio in IRAN Sources of occupational stress and coping strategies among nurses who are working in Admission and Emergency Department in Hospitals affiliated to Shiraz University of Medical Sciences, Iran Iran J Nurs Midwifery Res Winter; 16(1):42-7 Gholamzadeh S, Sharif F, Rad FDSource MSc, Faculty of Nursing and Midwifery, Shiraz University of Medical Science, Shiraz, Iran. METHODS: In this descriptive survey ninety emergency ward nurses from three large teaching hospitals in Shiraz City, Iran, were involved in the study. The data was collected through a self-administered questionnaire to identify the sources of job stress and nurse's profile and Lazarous standard questionnaires to determine the types of coping strategies. RESULTS: The greatest proportion of respondents was women (86.7%), range years, had less than 5 years of experience (56.7%). The following stressors were identified: problem related to physical environment, work load, dealing with patients or their relatives and handling their anger, being exposed to health and safety hazards, lack of support by nursing administrators, a physician not being present in a medical emergency and lack of equipment. The most common strategy used by nurses was selfcontrolling and Positive Reappraisal and the strategy least used were accepting responsibility. In this study large proportion of nurses used an emotion-focused strategy but Problem-focused approaches were generally less used. Stressors: ambiente fisico, sovraccarico di lavoro, rapporto con i pazienti, esposizione a rischi per la salute e la sicurezza, mancanza di supporto, mancanza di personale. CONCLUSIONS: It was concluded that the coping scales, positive reappraisal and selfcontrolling are extremely important in emergency department nurses. 21

22 STUDIO IN FRANCIA Emergency physicians accumulate more stress factors than other physicians- results from the French SESMAT study Emerg Med J May; 28 (5): Epub 2010 Dec 1 Estyn-Behar M, Doppia MA, Guetani K, Fry C, Machet G, Pelloux P, Aunel I, Muster D, Lassaunière JM, Prudhomme C Department of Occupational Medicine, SCMT, Hôtel-Dieu, Assistance Publique Hôpitaux de Paris, Paris Notre-Dame METHODS: The authors prepared a comprehensive questionnaire using established scales measuring various aspects of working conditions, satisfaction and health of salaried physicians and pharmacists. It was made available online, and the two major associations of emergency physicians promoted its use physicians filled out the questionnaire. Among them were 538 emergency physicians. To avoid bias, 1924 physicians were randomly selected from the total database to match the demographic characteristics of France's physician population: 42.5% women, 57.5% men, 8.2% < 35 years old, 33.8% years old, 34.5% years old and 23.6% 55 years old. The distribution of physicians in the 23 administrative regions and by speciality was also precisely taken into account. This representative sample was used to compare subgroups of physicians by speciality. RESULTS: The outcomes indicate that the intent to leave the profession (ITL) was quite prevalent across French physicians and even more so among emergency physicians (17.4% and 21.4% respectively), and burnout was highly prevalent (42.4% and 51.5%, respectively). Among the representative sample and among emergency physicians, work-family conflict (OR=4.47 and OR=6.14, respectively) and quality of teamwork (OR=2.21 and OR=5.44, respectively) were associated with burnout in a multivariate analysis, and these risk factors were more prevalent among emergency physicians than other types. A serious lack of quality of teamwork appears to be associated with a higher risk of ITL (OR=3.92 among the physicians in the representative sample and OR=4.35 among emergency physicians), and burnout doubled the risk of ITL in multivariate analysis. CONCLUSIONS: In order to prevent the premature departure of French doctors, it is important to improve work-family balance, working processes through collaboration, multidisciplinary teamwork and to develop team training approaches to facilitate teamwork. 22 L intenzione di lasciare il lavoro è molto spiccata tra i medici del pronto soccorso, i quali riportano elevati livelli di burnout. Strumenti di prevenzione: work-life balance, lavoro per processi accentuando la collaborazione, multidisciplinarietà del team, formazione al gruppo di lavoro

23 Occupational burnout levels in emergency medicine-a nationwide study and analysis. STUDIO IN ROMANIA J Med Life Jul-Sep; 3(3): Popa F, Raed A, Purcarea VL, Lala A, Bobirnac G. Carol Davila University of Medicine and Pharmacy, Bucharest, Romania. MATERIAL AND METHODS: We have surveyed a total of 4725 emergency medical workers with the MBI-HSS instrument, receiving 4693 valid surveys (99.32% response rate). Professional categories included Emergency Department doctors (M-EMD), ambulance doctors (M-AMB), ED doctors with field work in emergency and resuscitation (including mobile intensive care units and airborne intensive care units) (D-SMU), medical nurses in Emergency Departments (N-EMD), medical nurses in the ambulance service (N-AMB), ED medical nurses with field activity in emergency and resuscitation (N-SMU), ambulance drivers (DRV) and paramedic (EMT). The n values for every category of subjects and percentage of system coverage (table 3) shows that we have covered an estimated total of 29.94% of the Romanian emergency medical field workers. Elevati livelli di burnout in corrispondenza di alto stress lavorativo. RESULTS: MBI-HSS results show a moderate to high level of occupational stress for the surveyed subjects. The average values for the three parameters, corresponding to the entire Romanian emergency medical field were 1.41 for EE, 0.99 for DP and 4.47 for PA (95% CI). Average results stratified by professional category show higher EE average values (v) for the M-SMU (v=2.01, 95%CI) and M-EMD (v=2.21, 95% CI) groups corresponding to higher DP values for the same groups (vm-emd=1.41 and vm-smu=1.22, 95% CI). PA values for these groups are below average, corresponding to an increased risk factor for high degrees of burnout. Calculated PA values are 4.30 for the M-EMD group and 4.20 for the M-SMU group. CONCLUSIONS: Of all surveyed groups, our study shows a high risk of burnout consisting of high emotional exhaustion (EE) and high depersonalization (DP) values for Emergency Department doctors, Emergency, and Resuscitation Service doctors (M-SMU). Possible explanations for this might be linked to high patient flow, Emergency Department crowding, long work hours and individual parameters such as coping mechanisms, social development and work environment. Cause del burnout: elevata affluenza di pazienti, affollamento del PS, lunghi orari di lavoro, stili di coping, supporto sociale e ambiente di lavoro. 23

24 STUDIO IN CANADA Work stress and posttraumatic stress disorder in emergency department nurses/personnel. J Emerg Nurs Feb; 29(1):23-8 Laposa JM, Alden LE, Fullenton LM University of British Columbia, Department of Psychology, Vancouver, Canada. METHOD: Respondents were 51 ED personnel from a hospital in a large Canadian urban center. The majority of respondents were emergency nurses. Respondents completed questionnaires measuring PTSD and sources of work stress and answered a series of questions regarding work-related responses to stress or trauma. RESULTS: Interpersonal conflict was significantly associated with PTSD symptoms. The majority of respondents (67%) believed they had received inadequate support from hospital administrators following the traumatic incident and 20% considered changing jobs as a result of the trauma. Only 18% attended critical incident stress debriefing and none sought outside help for their distress. DISCUSSION: These findings underscore the need for hospital administrations to be aware of the extent of workplace stress and PTSD symptoms in their employees. Improving the interpersonal climate in the workplace may be useful in ameliorating PTSD symptoms. Il conflitto interpersonale è significativame nte associato alla DPTS. Un clima interpersonale positivo sul posto di lavoro può aiutare a migliorare i sintomi della DPTS. 24

25 UN ESPERIENZA ITALIANA Pronto soccorso pediatrico Uno studio condotto su medici e infermieri di 34 sedi di pronto soccorso pediatrico di 29 città italiane, mostra come le donne siano soggette al burn-out in misura significativamente maggiore rispetto agli uomini Senza distinzione di sesso, i soggetti più giovani hanno punteggi di burnout più bassi rispetto alle persone con un età maggiore di 40 anni. Il personale maschile più giovane (20-29) è quello meno soggetto, in assoluto, al burn-out. Lo studio mostra come vi sia una correlazione tra stress e burn-out e come in pediatria vi siano livelli di burn-out superiori rispetto agli altri reparti. Anchisi R., Barca S., Ferro F., Gambotto Dessey M., Stress burnout e variabili sociodemografiche in pronto soccorso pediatrico. Ricerca promossa dalla Società Italiana Medicina Emergenza-Urgenza Pediatrica in occasione del II Congresso Nazionale SIMEUP, tenutosi in San Marino nel

26 UN ESPERIENZA CONCRETA Studiato lo stress del personale infermieristico di tre reparti Pronto Soccorso, Ematologia e Medicina di un policlinico romano Periodo di osservazione Metodologia : analisi del lavoro organizzato secondo il metodo delle Congruenze Organizzative MOC analisi documentale interviste al personale di reparto (dirigenziale e infermieristico) questionari a risposta multipla (GHQ e Burnout Inventory) 26

27 NOTA METODOLOGICA OSSERVAZIONE DEL LAVORO METODO DELLE CONGRUENZE ORGANIZZATIVE (MOC) OSSERVAZIONE DIRETTA NON PARTECIPANTE/INVASIVA Incontri preparatori con i responsabili Affiancamento su tutti i turni Successivamente: Interviste individuali destrutturate Questionari individuali AZIONI TECNICHE STRUTTURA SOCIALE CONOSCENZA TECNICA COSTRITTIVITÀ ORGANIZZATIVE SOLUZIONI ORGANIZZATIVE n. chi, come, con chi, in quanto tempo, in quale luogo Oggetto: Mezzo: Processo: 27 Strutturali Fisiche Organizzative Comunicative Sociali.

28 ALCUNI RISULTATI COSTRITTIVITÀ ORGANIZZATIVE RILEVATE NEI TRE REPARTI 28

29 PERCENTUALE DI BUONE PRATICHE CONSIDERATE MOLTO UTILI ALCUNI RISULTATI 29

30 30 SODDISFAZIONE AL LAVORO

31 DEPRESSIONE MINORE (GHQ)

32 BURNOUT AL PRONTO SOCCORSO RISULTATI-MASLACH C. BURNOUT OCS Organizational Checkup System, Burnout riconducibile alla sensazione di un forte esaurimento delle risorse personali e a un elevato senso di inefficacia lavorativa.

33 BURNOUT AL PRONTO SOCCORSO Discrepanza in tutte le aree della vita lavorativa (soprattutto carico di lavoro e riconoscimento del ruolo) eccetto quella dell integrazione sociale

34 BURNOUT AL PRONTO SOCCORSO Gestione e partecipazion e al cambiamento presenta un valore fortemente negativo, Unica area di soddisfazione è quella relativa allo sviluppo di competenze

35 GRUPPO DI LAVORO Team multidisciplinare Università Tor vergata - Cattedra di Medicina del Lavoro (Andrea Magrini, Lucilla Livigni) Università La Sapienza - Dip. di Biologia Animale e dell'uomo (Irene Figà Talamanca, Silvana Salerno) Università di Chieti Cattedra di Medicina del Lavoro (Paolo Boscolo)

36 GRAZIE! Riteniamo che una efficace azione di tutela della salute in ambito occupazionale nei confronti dello stress lavoro correlato potrà essere esercitata solo attraverso una rigorosa azione di studio, razionalizzazione e applicazione delle conoscenze attualmente a nostra disposizione36

La valutazione del rischio stress lavoro-correlato

La valutazione del rischio stress lavoro-correlato LA VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORATIVO IN ASS N 1 TRIESTINA 1 La valutazione del rischio stress lavoro-correlato PREMESSA Una delle rilevanti novità del Dlgs 81/08 e successive modifiche e integrazioni,

Dettagli

STRESS LAVORO-CORRELATO

STRESS LAVORO-CORRELATO CORSO DI FORMAZIONE 9 maggio 2013 Maria Teresa Riccio medico SPISAL STRESS LAVORO-CORRELATO PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 d.lgs. N 81 Decreto Interministeriale

Dettagli

STRESS LAVORO CORRELATO: PROFILI PSICO-SOCIALI E METODOLOGIE DI VALUTAZIONE

STRESS LAVORO CORRELATO: PROFILI PSICO-SOCIALI E METODOLOGIE DI VALUTAZIONE STRESS LAVORO CORRELATO: PROFILI PSICO-SOCIALI E METODOLOGIE DI VALUTAZIONE 1 Prof. Isabella Corradini Psicologia sociale e del Lavoro Responsabile Area Psicologica Osservatorio Rischi Psico-sociali Università

Dettagli

La valutazione dello stress lavoro-correlato nell ASS N. 1 Triestina

La valutazione dello stress lavoro-correlato nell ASS N. 1 Triestina La valutazione dello stress lavoro-correlato nell ASS N. 1 Triestina ANALISI DELLO STRESS LAVORO-CORRELATO E IMPLEMENTAZIONE DEGLI STANDARD HPH 1 e 4 Maria Peresson Medico del lavoro Marco Rizzo Tecnico

Dettagli

STRESS LAVORO CORRELATO

STRESS LAVORO CORRELATO ENTE PARCO ANTOLA SERVIZIO PERSONALE DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Art. 28, comma 1-bis, e art. 29, D.Lgs.vo 81/2008 e s.m.i. Circolare Ministero del lavoro e delle politiche sociali n. 23692 del

Dettagli

La valutazione dello stress lavoro correlato

La valutazione dello stress lavoro correlato La valutazione dello stress lavoro correlato Beinasco 18 maggio 2011 S.L.C. La normativa La L articolo Legge 28 del 1 marzo Decreto2002, Legislativo n. 39 9 aprile "Disposizioni 2008 n. 81 per stabilisce

Dettagli

Stress lavoro correlato

Stress lavoro correlato Stress lavoro correlato a cura di arch. Paolo Garattoni Via dott. Luigi Comi 78 21040 Uboldo (VA) www.studio-garattoni.com +39.335.6945854 Definizione di stress Hans Seley, 1975 Sindrome generale di adattamento

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. SPISAL - Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza in Ambienti di Lavoro

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. SPISAL - Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza in Ambienti di Lavoro Dipartimento di Prevenzione U.O.C. SPISAL - Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza in Ambienti di Lavoro SCHEDA 1 Valutazione e gestione del rischio stress correlato V2-22/07/2013 A cura di Emanuela Guarise

Dettagli

Ing. Ant o Ant nio o nio Giorgi Gior gi RSPP

Ing. Ant o Ant nio o nio Giorgi Gior gi RSPP Ing Antonio Giorgi Ing. Antonio Giorgi RSPP Il Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell art. 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei

Dettagli

Corso di aggiornamento per il Medico Competente. Stress lavoro correlato: 4 anni di esperienza di valutazione e gestione del rischio

Corso di aggiornamento per il Medico Competente. Stress lavoro correlato: 4 anni di esperienza di valutazione e gestione del rischio Corso di aggiornamento per il Medico Competente Sezione regionale Veneto Stress lavoro correlato: 4 anni di esperienza di valutazione e gestione del rischio Padova, 14 marzo 2014 Antonia Ballottin Ulss

Dettagli

LE COMPETENZE NON TECNICHE ovvero NON TECHNICAL SKILLS

LE COMPETENZE NON TECNICHE ovvero NON TECHNICAL SKILLS LE COMPETENZE NON TECNICHE ovvero NON TECHNICAL SKILLS Le competenze non tecniche sono competenze che usiamo ogni giorno nella vita quotidiana. Comprendono la chiarezza nella comunicazione, il senso pratico

Dettagli

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA Convegno Nazionale Società Italiana di Chirurgia Ginecologica Endometriosi: patologia, clinica ed impatto sociale Sabato 8 Marzo 2014 - Bergamo ENDOMETRIOSI DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA A. Signorelli

Dettagli

Protocollo minimo di valutazione dei rischi da Stress Lavoro-Correlato

Protocollo minimo di valutazione dei rischi da Stress Lavoro-Correlato Protocollo minimo di valutazione dei rischi da Stress Lavoro-Correlato Secondo le indicazioni della Commissione consultiva 17/11/2010 Associata ECO-CONSULT S.r.l., fondata nel 1991, opera nel campo dell

Dettagli

Data del sopralluogo: ASL Rilevazione: Operatore: Telefono: E-mail: Nome azienda: Codice Fiscale: Partita IVA: Codice ATECO:..

Data del sopralluogo: ASL Rilevazione: Operatore: Telefono: E-mail: Nome azienda: Codice Fiscale: Partita IVA: Codice ATECO:.. SCHEDA # In caso di impossibilità di procedere alla compilazione della scheda, specificare il motivo: Cessata attività Attività trasferita Attività inesistente Altro: Data del sopralluogo: ASL Rilevazione:

Dettagli

Circolare n.11 /2010 del 23 dicembre 2010* RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO: ENTRO IL 31.12.2010 E SUFFICIENTE AVVIARE LE ATTIVITA DI VALUTAZIONE

Circolare n.11 /2010 del 23 dicembre 2010* RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO: ENTRO IL 31.12.2010 E SUFFICIENTE AVVIARE LE ATTIVITA DI VALUTAZIONE Circolare n.11 /2010 del 23 dicembre 2010* RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO: ENTRO IL 31.12.2010 E SUFFICIENTE AVVIARE LE ATTIVITA DI VALUTAZIONE L art. 28 del D.Lgs. n. 81/2008 sulla sicurezza e salute

Dettagli

Strumenti e metodi per la valutazione dello stress lavoro correlato Dr.ssa Patrizia Serranti RSSP Ergonomo CNR Bologna

Strumenti e metodi per la valutazione dello stress lavoro correlato Dr.ssa Patrizia Serranti RSSP Ergonomo CNR Bologna Lo stress si misura? Come valutare lo stress lavoro correlato D.lgs 81/08 Ambiente Lavoro Change s.r.l. 8 ottobre 2008 Strumenti e metodi per la valutazione dello stress lavoro correlato Dr.ssa Patrizia

Dettagli

L obbligo di valutazione del rischio da stress lavoro correlato

L obbligo di valutazione del rischio da stress lavoro correlato RSPP-DDL aggiornamento 2013 L obbligo di valutazione del rischio da stress lavoro correlato Federico Vegetti La tutela della salute dei lavoratori, obbligo generale del datore di lavoro, passa anche attraverso

Dettagli

Le indicazioni e le iniziative del coordinamento delle Regioni

Le indicazioni e le iniziative del coordinamento delle Regioni La valutazione dello stress lavoro-correlato: potenzialità e limiti di un obbligo legislativo Bologna 23 ottobre 2014 Le indicazioni e le iniziative del coordinamento delle Regioni Fulvio d Orsi Coordinatore

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO - CORRELATO E LA PROMOZIONE DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO D.Lgs 81/08 Verona, 7 luglio 2010

LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO - CORRELATO E LA PROMOZIONE DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO D.Lgs 81/08 Verona, 7 luglio 2010 Università degli studi di Verona Ulss 2 Verona Università degli Studi di Padova Dipartimento Psicologia Applicata LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO - CORRELATO E LA PROMOZIONE DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO

Dettagli

Decreto 13559 del 10.12.2009 Regione Lombardia

Decreto 13559 del 10.12.2009 Regione Lombardia Decreto 13559 del 10.12.2009 Regione Lombardia Indirizzi generali per la valutazione e la gestione del rischio stress lavorativo alla luce dell Accordo Europeo 8.10.2004 Valutazione del rischio da stress

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS DA LAVORO CORRELATO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS DA LAVORO CORRELATO «DVR _ STRESS LAVORO CORRELATO» Pagina 1 di 9 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS DA LAVORO CORRELATO (Art. 28 comma 1 D. Lgs. 9 aprile 2008 n.81 così come modificato dal D.Lgs. 106/09) conforme

Dettagli

Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases,

Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases, Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases, movement disorders, Parkinson disease 1- genetic counselling

Dettagli

Il rischio stress-lavoro correlato: risultati della valutazione del rischio su un campione di scuole trentine

Il rischio stress-lavoro correlato: risultati della valutazione del rischio su un campione di scuole trentine Chiara Vicario Il rischio stress-lavoro correlato: risultati della valutazione del rischio su un campione di scuole trentine Mansioni note in letteratura Documento di consenso sullo stress SIMLII (2005)

Dettagli

SICUREZZA SUL LAVORO E VALUTAZIONE DELLO STRESS

SICUREZZA SUL LAVORO E VALUTAZIONE DELLO STRESS SICUREZZA SUL LAVORO E VALUTAZIONE DELLO STRESS 187 SICUREZZA SUL LAVORO E VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO-CORRELATO. Brevi considerazioni a margine dell attuazione dell art. 28 Del decreto legislativo

Dettagli

PAIS Rivista mensile di cultura professionale e di formazione in servizio

PAIS Rivista mensile di cultura professionale e di formazione in servizio Periodico Amministrativo delle Istituzioni PAIS Scolastiche Rivista mensile di cultura professionale e di formazione in servizio METODO PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO (secondo le

Dettagli

Salute e sicurezza sul lavoro: significati e problemi della valutazione dei rischi da stress lavoro correlato

Salute e sicurezza sul lavoro: significati e problemi della valutazione dei rischi da stress lavoro correlato Salute e sicurezza sul lavoro: significati e problemi della valutazione dei rischi da stress lavoro correlato Stefano Grandi Centro Internazionale di documentazione e studi sociologici sui problemi del

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

VALUTAZIONE del RISCHIO di ORIGINE PSICOSOCIALE o STRESS-LAVORO CORRELATO

VALUTAZIONE del RISCHIO di ORIGINE PSICOSOCIALE o STRESS-LAVORO CORRELATO ISTITUTO REGIONALE per la PROGRAMMAZIONE ECOMICA della TOSCANA - IRPET VALUTAZIONE del di ORIGINE PCOSOCIALE o STRESS-LAVORO CORRELATO La presente relazione costituisce aggiornamento del Documento di Valutazione

Dettagli

Incontri informativi. Verona 27 novembre 2012 4 dicembre 2012

Incontri informativi. Verona 27 novembre 2012 4 dicembre 2012 CAMPAGNA EUROPEA 2012 SULLA VALUTAZIONE DEI RISCHI PSICOSOCIALI NELL'AMBIENTE DI LAVORO Incontri informativi Verona 27 novembre 2012 4 dicembre 2012 MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Direzione

Dettagli

Roberto BEDINI. La salute e la sicurezza sul lavoro riguardano tutti. Un bene per te. Un bene per l azienda. Simone RICCIONI

Roberto BEDINI. La salute e la sicurezza sul lavoro riguardano tutti. Un bene per te. Un bene per l azienda. Simone RICCIONI Roberto BEDINI La salute e la sicurezza sul lavoro riguardano tutti. Un bene per te. Un bene per l azienda. Simone RICCIONI Prologo Correva l anno 2011, 1 gennaio, quando... 2 Prologo Prime impressioni...

Dettagli

Seminario Stress lavoro correlato: Indicazioni operative. Obblighi normativi. Viganò Giancarlo Direttore Servizio PSAL - ASL Sondrio

Seminario Stress lavoro correlato: Indicazioni operative. Obblighi normativi. Viganò Giancarlo Direttore Servizio PSAL - ASL Sondrio Seminario Stress lavoro correlato: Indicazioni operative Obblighi normativi Viganò Giancarlo Direttore Servizio PSAL - ASL Sondrio Stress lavoro correlato Tema di attualità Incidenza elevata Cambiamento

Dettagli

CONVEGNO UIL-SGK Bolzano, 27-02-2015. Valutazione e gestione del rischio da stress lavoro correlato: la metodologia INAIL

CONVEGNO UIL-SGK Bolzano, 27-02-2015. Valutazione e gestione del rischio da stress lavoro correlato: la metodologia INAIL CONVEGNO UIL-SGK Bolzano, 27-02-2015 Valutazione e gestione del rischio da stress lavoro correlato: la metodologia INAIL CASI DI MALATTIA DA STRESS LAVORO CORRELATO 4000 denunce all INAIL negli ultimi

Dettagli

Documento di approfondimento. Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola

Documento di approfondimento. Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola Documento di approfondimento Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO E BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLA SCUOLA Il Decreto

Dettagli

La valutazione del rischio con metodi soggettivi

La valutazione del rischio con metodi soggettivi Cos è la valutazione dello stress lavoro-correlato La professionalità dello psicologo per la valutazione del rischio Milano, 4 novembre 2010 La valutazione del rischio con metodi soggettivi Psicologo della

Dettagli

Proposta di metodo per la valutazione del rischio stress lavoro correlato

Proposta di metodo per la valutazione del rischio stress lavoro correlato COORDINAMENTO SPISAL DELLA PROVINCIA DI VERONA BUSSOLENGO, LEGNAGO, VERONA Proposta di metodo per la valutazione del rischio stress lavoro correlato Indice Pagina Il rischio stress lavoro correlato Fase

Dettagli

Renzo Andrich renzo.andrich@siva.it

Renzo Andrich renzo.andrich@siva.it Gruppo di Studio SIGG La cura nella fase terminale della vita sostenuto da un contributo non condizionato della Fondazione Alitti SOSTENIBILITA DELLE CURE DI FINE VITA TRA CULTURA E ORGANIZZAZIONE Bologna

Dettagli

Francesca Larese Filon Università di Trieste Dipartimento di Scienze di Medicina Pubblica

Francesca Larese Filon Università di Trieste Dipartimento di Scienze di Medicina Pubblica Francesca Larese Filon Università di Trieste Dipartimento di Scienze di Medicina Pubblica Stress La legislazione Art. 28 del D. Lgs 81/2008 La valutazione dei rischi... Deve riguardare tutti i rischi

Dettagli

Dallo stress lavoro correlato allo sviluppo delle persone

Dallo stress lavoro correlato allo sviluppo delle persone Dallo stress lavoro correlato allo sviluppo delle persone A cura di: Prof.ssa Laura Borgogni Ordinario di Psicologia del Lavoro e delle Organizzazioni Facoltà di Medicina e Psicologia 15 luglio 2011 COSA

Dettagli

Domanda. L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze. Programma. Programma

Domanda. L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze. Programma. Programma Domanda L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze Perché è necessario un approccio interprofessionale in sanità? Giorgio Bedogni Unità di Epidemiologia Clinica Centro Studi Fegato

Dettagli

Verifica di Qualità dell Assistenza Sanitaria tra procedure e risultati

Verifica di Qualità dell Assistenza Sanitaria tra procedure e risultati Convegno ANCE - Gardacuore 98 Convegno ANCE - 12-13 Settembre 1998 Verifica di Qualità dell Assistenza Sanitaria tra procedure e risultati Plinio Pinna Pintor Paradigma di Donabedian Oggetti della Verifica

Dettagli

VALUTAZIONE RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO

VALUTAZIONE RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO Ing. Roberto Scarparo SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 28 DEL D.Lgs. 8/2008 VALUTAZIONE RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO SERVIZIO DI PREVENZIONE

Dettagli

Relazione sulla valutazione del rischio stress lavoro-correlato e benessere organizzativo

Relazione sulla valutazione del rischio stress lavoro-correlato e benessere organizzativo Relazione sulla valutazione del rischio stress lavoro-correlato e benessere organizzativo 1. PREMESSA L Azienda, dopo aver realizzato iniziative di rilevazione del clima organizzativo nel 2006 su un campione

Dettagli

Stress - Panorama legislativo

Stress - Panorama legislativo Lo Stress lavoro-correlato La valutazione del rischio stress lavoro correlato Stress - Panorama legislativo Accordo- quadro Europeo 8 ottobre 2004 Art. 28 del D.Lgs. n.81/2008 Valutazione del rischio stress

Dettagli

Web 2.0 per guadagnare salute

Web 2.0 per guadagnare salute Web 2.0 per guadagnare salute Eugenio Santoro Laboratorio di Informatica Medica Dipartimento di Epidemiologia Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri Il web 2.0 - La definizione forse più corretta

Dettagli

Hotel Villa Quiete- Montecassiano MC- 22 Settembre 2014 Dott.ssa Maria Pia Cancellieri-SPSAL Urbino

Hotel Villa Quiete- Montecassiano MC- 22 Settembre 2014 Dott.ssa Maria Pia Cancellieri-SPSAL Urbino La Valutazione del Rischio secondo le linee di indirizzo della Commissione ex art. 6 e il Manuale Inail Hotel Villa Quiete- Montecassiano MC- 22 Settembre 2014 Dott.ssa Maria Pia Cancellieri-SPSAL Urbino

Dettagli

RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO E NORMATIVA DI RIFERIMENTO

RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO E NORMATIVA DI RIFERIMENTO Dott. Giuseppe Sergi Dipartimento di Sanità Pubblica Azienda USL Piacenza PIACENZA,10/06/2011 RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO E NORMATIVA DI RIFERIMENTO Definizione Stress significa letteralmente: sforzo,

Dettagli

Manutenzione del software

Manutenzione del software del software Generalità Leggi dell evoluzione del software Classi di manutenzione Legacy systems Modelli di processo per la manutenzione 1 Generalità La manutenzione del software è il processo di modifica

Dettagli

La valutazione dello stress lavoro correlato

La valutazione dello stress lavoro correlato S. Bonifacio (Vr) 26 marzo 2009 INCONTRO CON I MEDICI COMPETENTI DELLA PROVINCIA DI VERONA SULLE NOVITA INTRODOTTE DAL D.Lgs. 81/2008, TESTO UNICO IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

Dettagli

WORKSHOP INTERASSOCIATIVO. EFOMP Malaga Declaration: quale possibile applicazione in Italia? Danilo Aragno daragno@scamilloforlanini.rm.

WORKSHOP INTERASSOCIATIVO. EFOMP Malaga Declaration: quale possibile applicazione in Italia? Danilo Aragno daragno@scamilloforlanini.rm. WORKSHOP INTERASSOCIATIVO La dimensione etica della professione nella radioprotezione e nella fisica medica 19 Giugno 2015 Università degli Studi Sapienza Roma EFOMP Malaga Declaration: quale possibile

Dettagli

Anna Santa Guzzo Clinical Risk Manager A.U.Policlinico Umberto 1 Sapienza Università di Roma. La gestione del rischio al Triage

Anna Santa Guzzo Clinical Risk Manager A.U.Policlinico Umberto 1 Sapienza Università di Roma. La gestione del rischio al Triage Anna Santa Guzzo Clinical Risk Manager A.U.Policlinico Umberto 1 Sapienza Università di Roma La gestione del rischio al Triage Presented to Parliament by the Secretary of State for Health by Command of

Dettagli

GLI OBBLIGHI IN MATERIA DI RISCHIO STRESS

GLI OBBLIGHI IN MATERIA DI RISCHIO STRESS GLI OBBLIGHI IN MATERIA DI RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO Annalisa Lantermo S.Pre.S.A.L. ASL TO1 Torino, 13 dicembre 2010 Seminario i Unione Industriale ditorino D. Lgs. 626/94 D. Lgs. 81/2008 Tutela

Dettagli

Risultati del Questionario sulla soddisfazione degli utenti di Technology Innovation - 2010

Risultati del Questionario sulla soddisfazione degli utenti di Technology Innovation - 2010 Risultati del Questionario sulla soddisfazione degli utenti di Technology Innovation - 2010 User satisfaction survey Technology Innovation 2010 Survey results Ricordiamo che l intervallo di valutazione

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO dott. rag. Marco Ansaldi e rag. Antonella Bolla CONSULENZA FISCALE E DEL LAVORO 06.08.2010 VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO I continui cambiamenti a livello di organizzazione del lavoro,

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO (METODO INDICATORI OGGETTIVI) ex D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. (D.Lgs.

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO (METODO INDICATORI OGGETTIVI) ex D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. (D.Lgs. DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO (METODO INDICATORI OGGETTIVI) ex D.Lgs. 8/8 e s.m.i. (D.Lgs. 6/9) Azienda Sede Legale Sede Operativa Rev. Motivazione Emissione 4 5 Stress Lavoro

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE STRESS LAVORO CORRELATO, BURN OUT E MOBBING. Roma, 04 febbraio 2015

OSSERVATORIO NAZIONALE STRESS LAVORO CORRELATO, BURN OUT E MOBBING. Roma, 04 febbraio 2015 IL SINDACATO DEGLI INFERMIERI ITALIANI Indirizzi internet: www.nursingup.it (con accesso ai siti regionali) E/Mail info@nursingup.it - Numero Verde gratuito : 800959529 ( da telefono fisso) OSSERVATORIO

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente del Friuli Venezia Giulia Servizio di Prevenzione e Protezione

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente del Friuli Venezia Giulia Servizio di Prevenzione e Protezione PREMESSA Il presente Documento di Valutazione del rischio Stress lavoro-correlato (DVR-SLC) è stato elaborato in ottemperanza a quanto prescritto dagli artt. 17 comma 1, 28 e 29 del D.Lgs. 81/08 e successive

Dettagli

Agli albori della salute: prevenzione e cura della depressione post-natale Riva del Garda, 31 Gennaio 2009. Andrea Gaddini

Agli albori della salute: prevenzione e cura della depressione post-natale Riva del Garda, 31 Gennaio 2009. Andrea Gaddini Elaborazione e sviluppo di iniziative preventive di riconosciuta efficacia per individuare e ridurre il rischio di suicidio, di tentato suicidio e di depressione post partum Agli albori della salute: prevenzione

Dettagli

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda Key points: 1 Funzioni e organizzazione del PS 2 Position paper ANMCO SIMEU 3 Real world It is one thing to

Dettagli

RISCHI DA STRESS LAVORO CORRELATO

RISCHI DA STRESS LAVORO CORRELATO RISCHI DA STRESS LAVORO CORRELATO Principali strumenti di rilevazione della percezione soggettiva Patrizia Cichella U.O. PSAL Area Pianura Azienda USL di Bologna INDICAZIONI COMMISSIONE CONSULTIVA (CIRC.

Dettagli

Implementazione strumento interrai- Home Care

Implementazione strumento interrai- Home Care Implementazione strumento interrai- Home Care Francesco Landi Dipartimento di Scienze Gerontologiche-Geriatriche Geriatriche e Fisiatriche Università Cattolica Sacro Cuore - Roma MODELLI INNOVATIVI PER

Dettagli

Il rispetto dell autonomia decisionale nell assistenza alla persona anziana

Il rispetto dell autonomia decisionale nell assistenza alla persona anziana Simposio SIGG 28 Novembre 2008 Le risposte alle questioni etiche e legali nell assistenza all anziano Il rispetto dell autonomia decisionale nell assistenza alla persona anziana Laura D Addio Quando nasce

Dettagli

Bilancio 2012 Financial Statements 2012

Bilancio 2012 Financial Statements 2012 Bilancio Financial Statements IT La struttura di Medici con l Africa CUAMM è giuridicamente integrata all interno della Fondazione Opera San Francesco Saverio. Il bilancio, pur essendo unico, si compone

Dettagli

RAPPORTO DEL MEDICO DI FAMIGLIA PRIVATE MEDICAL ATTENDANT S REPORT. Compilare in stampatello

RAPPORTO DEL MEDICO DI FAMIGLIA PRIVATE MEDICAL ATTENDANT S REPORT. Compilare in stampatello RAPPORTO DEL MEDICO DI FAMIGLIA PRIVATE MEDICAL ATTENDANT S REPORT Si prega il medico di famiglia di rispondere con accuratezza ad ogni singola domanda The Medical Attendant is requested to take particular

Dettagli

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci Choice of Initial Anticoagulant Regimen in Patients With Proximal DVT In patients with acute DVT of the leg, we

Dettagli

REQUISITI MINIMI PREVISTI DALLA NORMATIVA

REQUISITI MINIMI PREVISTI DALLA NORMATIVA Marina di Carrara 06/09/2013 Seminario Valutazione e gestione dei rischi collegati allo stress lavoro-correlato nelle scuole VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO NELLA SCUOLA REQUISITI

Dettagli

UN IMMAGINE MIGLIORE PER CRESCERE MEGLIO BRAND DESIGN PACKAGING CORPORATE IDENTITY ADV STILL LIFE

UN IMMAGINE MIGLIORE PER CRESCERE MEGLIO BRAND DESIGN PACKAGING CORPORATE IDENTITY ADV STILL LIFE UN IMMAGINE MIGLIORE PER CRESCERE MEGLIO BRAND DESIGN PACKAGING CORPORATE IDENTITY ADV STILL LIFE Caminiti Graphic è un team di professionisti specializzati in progetti di Brand Design, Packaging, ADV,

Dettagli

Diversity: un opportunità per il business Diversity: a key business opportunity. Che cos è Parks What is Parks?

Diversity: un opportunità per il business Diversity: a key business opportunity. Che cos è Parks What is Parks? Diversity: un opportunità per il business Diversity: a key business opportunity In un clima economico in cui ogni azienda si trova di fronte alla necessità di razionalizzare le proprie risorse e di massimizzare

Dettagli

Paola Pasqualino. Corso di Direzione d Impresa

Paola Pasqualino. Corso di Direzione d Impresa Paola Pasqualino Corso di Direzione d Impresa Esiste un processo creativo? C è differenza tra la creatività artistica, quella scientifica e quella legata all impresa? Creatività individuale o creatività

Dettagli

Palliative Care in Older Patients

Palliative Care in Older Patients Palliative Care in Older Patients Perchèla cura palliativa degli anziani sta diventando una prioritàsanitaria mondiale? 1) Population Ageing Chi cura chi Proiezioni in % 2) Polipatologie croniche Cause

Dettagli

"CRM - CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT NELLE AMMINISTRAZIONI"

CRM - CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT NELLE AMMINISTRAZIONI "CRM - CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT NELLE AMMINISTRAZIONI" Marco Beltrami COMPA, Novembre 2004 COMPA Bologna 2004 IBM oggi non solo Information Technology! L ottava società mondiale per dimensione 45%

Dettagli

Compliance: La gestione del dato nel sistema di reporting e consolidamento

Compliance: La gestione del dato nel sistema di reporting e consolidamento Compliance: La gestione del dato nel sistema di reporting e consolidamento Paolo Terazzi Consolidated Financial Statement Manager Amplifon Milano, 1 dicembre 2009 Amplifon nel mondo Leader in 14 countries

Dettagli

PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER Progetto Sperimentale: dati preliminari

PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER Progetto Sperimentale: dati preliminari VI Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA DI VALUTAZIONE ALZHEIMER (UVA)NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA Roma 16 novembre 2012 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ADI PER PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER

Dettagli

Il Medico Competente, consulente aziendale globale in tema di tutela della Salute e della Sicurezza dei lavoratori

Il Medico Competente, consulente aziendale globale in tema di tutela della Salute e della Sicurezza dei lavoratori Il Medico Competente, consulente aziendale globale in tema di tutela della Salute e della Sicurezza dei lavoratori Genova, 30 Maggio 2012 Dr. Ernesto Ramistella Medico del Lavoro Competente Coordinatore

Dettagli

Revisione della Letteratura Internazionale sul Triage infermieristico in Pronto Soccorso

Revisione della Letteratura Internazionale sul Triage infermieristico in Pronto Soccorso Revisione della Letteratura Internazionale sul Triage infermieristico in Pronto Soccorso Introduzione La funzione di selezione-valutazione dei pazienti all interno dei Dipartimenti di Emergenza è divenuta

Dettagli

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it Dipartimento Ing. Gestionale Politecnico di Milano alberto.portioli@polimi.it Lean

Dettagli

Emotional Intelligence Stress Audit

Emotional Intelligence Stress Audit Emotional Intelligence Stress Audit Valutazione del rischio stress lavoro correlato per il benessere delle persone e dell organizzazione Lo STRESS AUDIT è una metodologia che consente di valutare il rischio

Dettagli

Fonti e forme di disagio psicologico di

Fonti e forme di disagio psicologico di LA MEDICINA D URGENZA TRA MENTE E CORPO Giornate di Studio Milano 7 8 9 Giugno 2012 Cripta Aula Magna Università Cattolica del Sacro Cuore Fonti e forme di disagio psicologico di medici e infermieri in

Dettagli

HTA e screening. Paolo Giorgi Rossi AUSL Reggio Emilia

HTA e screening. Paolo Giorgi Rossi AUSL Reggio Emilia HTA e screening Paolo Giorgi Rossi AUSL Reggio Emilia L Aquila 20 Giugno 2012 Perchè? Obiettivi di un Sistema Sanitario Dare una risposta alle aspettative dei cittadini fornendo servizi di altà qualità

Dettagli

Sinossi dei disegni di studio

Sinossi dei disegni di studio Sinossi dei disegni di studio di intervento osservazionali serie di casi trasversale ecologici individuali quasisperimentali sperimentali (RCT) coorte caso-controllo Studi caso-controllo Il punto di partenza

Dettagli

Dott.ssa A.S.Guzzo Resp. UOS Gestione del rischio clinico in area critica DEA Policlinico Umberto 1 Sapienza Università di Roma

Dott.ssa A.S.Guzzo Resp. UOS Gestione del rischio clinico in area critica DEA Policlinico Umberto 1 Sapienza Università di Roma Dott.ssa A.S.Guzzo Resp. UOS Gestione del rischio clinico in area critica DEA Policlinico Umberto 1 Sapienza Università di Roma DEA sistema ad alto rischio 1 Elevatissimo numero di transazioni (relazionali,

Dettagli

PIANO DI STUDI. Primo anno di corso

PIANO DI STUDI. Primo anno di corso PIANO DI STUDI Laurea in Economia, commercio internazionale e mercati finanziari (DM 270/04) L-33 Bachelor degree in Italian and in English (2 curricula in English) 1) CURRICULUM: Economia internazionale

Dettagli

English-Medium Instruction: un indagine

English-Medium Instruction: un indagine English-Medium Instruction: un indagine Marta Guarda Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari (DiSLL) Un indagine su EMI presso Unipd Indagine spedita a tutti i docenti dell università nella fase

Dettagli

Glossario della valutazione dei rischi da stress lavoro-correlato

Glossario della valutazione dei rischi da stress lavoro-correlato Glossario della valutazione dei rischi da stress lavoro-correlato ASPP Addetto ai servizi di protezione e prevenzione ANALISI DOCUMENTALE Lettura dell organizzazione del lavoro (organigramma, flussi produttivi,

Dettagli

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa INCONTRO TECNICO GRATUITO Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa Treviso, 17 giugno 2010 Oggi parleremo di: Principali riferimenti normativi e presentazione dell accordo quadro europeo

Dettagli

E-Business Consulting S.r.l.

E-Business Consulting S.r.l. e Rovigo S.r.l. Chi siamo Scenario Chi siamo Missione Plus Offerti Mercato Missionedi riferimento Posizionamento Metodologia Operativa Strategia Comunicazione Digitale Servizi Esempidi consulenza Clienti

Dettagli

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORTI DIPENDENTI MINISTERO AFFARI ESTERI ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORT I DIPENDENTI MINISTE RO AFFARI ESTER I ATTESTATO

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO

VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO COMPILATA DA: ( ) DATORE DI LAVORO... ( ) RSPP... ( ) RLS... ( ) MEDICO COMPETENTE... DATA DI COMPILAZIONE:... 1 IL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO La recente

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

Acute Asthma in the Emergency Department: a neglected cause of Acute Respiratory Failure in the Elderly?

Acute Asthma in the Emergency Department: a neglected cause of Acute Respiratory Failure in the Elderly? Acute Asthma in the Emergency Department: a neglected cause of Acute Respiratory Failure in the Elderly? Rodolfo Ferrari, Fabrizio Giostra, Giorgio Monti, Mario Cavazza Unità Operativa di Medicina d'urgenza

Dettagli

L integrazione tra infermiere e medico nelle medicine. Risultati di un indagine

L integrazione tra infermiere e medico nelle medicine. Risultati di un indagine Contributi ed esperienze L integrazione tra infermiere e medico nelle medicine. Risultati di un indagine Chiara Refatti 1 Anita Bevilacqua 2 1Infermiera, Anestesia Ospedale S. Chiara di Trento 2Infermiera

Dettagli

il ruolo del medico competente nella valutazione dello stress correlato al lavoro e di fronte ai sintomi di disagio psichico

il ruolo del medico competente nella valutazione dello stress correlato al lavoro e di fronte ai sintomi di disagio psichico il ruolo del medico competente nella valutazione dello stress correlato al lavoro e di fronte ai sintomi di disagio psichico Il MC e la valutazione dello SLC Il MC e il lavoratore con disagio psichico

Dettagli

- I risultati della ricerca - Maria Borcsa

- I risultati della ricerca - Maria Borcsa - I risultati della ricerca - Maria Borcsa Quadro generale 1. Storia della ricerca sul burn-out 2. Definizione del costrutto: Cos è il burn-out? 3. Aspetti diagnostici 4. Quando sopraggiunge il burn-out?

Dettagli

Zero Waste and the Politics of Yes. AmericanHealthStudies.org

Zero Waste and the Politics of Yes. AmericanHealthStudies.org Zero Waste and the Politics of Yes Paul Connett, PhD Executive Director, Work on Waste, USA AmericanHealthStudies.org pconnett@gmail.com Italy, Oct, 2015 Grazie a Rossano Ercolini (Ambiente e Futuro) per

Dettagli

Outcome assistenziali. Il Governo Assistenziale: una risposta alle esigenze della sanità che cambia?

Outcome assistenziali. Il Governo Assistenziale: una risposta alle esigenze della sanità che cambia? I Congresso Internazionale Il Governo Assistenziale: una risposta alle esigenze della sanità che cambia?, soddisfazione dei professionisti e governo assistenziale 13 novembre 2007 1 2 1 OBIETTIVO dello

Dettagli

Definizione di segnale

Definizione di segnale Signal detection Laura Sottosanti Ugo Moretti Definizione di segnale Information that arises from one or multiple sources (including observations and experiments), which suggests a new potentially causal

Dettagli

Nursing Sensitive Outcomes: prospettive internazionali ed esperienze italiane. Dr. Annamaria Ferraresi Az. Ospedaliero Universitaria di Ferrara

Nursing Sensitive Outcomes: prospettive internazionali ed esperienze italiane. Dr. Annamaria Ferraresi Az. Ospedaliero Universitaria di Ferrara Nursing Sensitive Outcomes: prospettive internazionali ed esperienze italiane Dr. Annamaria Ferraresi Az. Ospedaliero Universitaria di Ferrara Le fasi del processo di assistenza ACCERTAMENTO DIAGNOSI OBIETTIVI

Dettagli

Benessere organizzativo, rischi psicosociali e stress lavoro-correlato: aspetti normativi

Benessere organizzativo, rischi psicosociali e stress lavoro-correlato: aspetti normativi Scuola di Specializzazione in Medicina del Lavoro Direttore: Prof. Giovanni Battista Bartolucci SEMINARI DI MEDICINA DEL LAVORO 2008 Benessere organizzativo e prevenzione del disagio in ambiente di lavoro

Dettagli

Giuliano Pesel MEDICO DEL LAVORO SPPA

Giuliano Pesel MEDICO DEL LAVORO SPPA INDIVIDUAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI: IL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO Giuliano Pesel MEDICO DEL LAVORO SPPA In collaborazione con Stefano Russian, Direzione Sanitaria Claudia Carosi, SPPA Anna Roia,

Dettagli

INTEGRAZONE DEL DVR CON LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO

INTEGRAZONE DEL DVR CON LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO INTEGRAZONE DEL DVR CON LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO La valutazione del rischio stress lavoro correlato deve essere finalizzata all individuazione e all attuazione di misure di

Dettagli