Società per la Biblioteca Circolante. Associazione di Volontariato ONLUS di diritto. Assemblea Generale Ordinaria dei Soci

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Società per la Biblioteca Circolante. Associazione di Volontariato ONLUS di diritto. Assemblea Generale Ordinaria dei Soci"

Transcript

1 Società per la Biblioteca Circolante Associazione di Volontariato ONLUS di diritto Assemblea Generale Ordinaria dei Soci 15 aprile 2011

2 SOCIETÁ PER LA BIBLIOTECACIRCOLANTE di Sesto Fiorentino associazione di Volontariato ONLUS di diritto Relazione sull attività svolta e programmatico finanziaria del Consiglio di Amministrazione Premessa: il 2010, l anno della sfida vinta. Il 4 dicembre 2010 rappresenta una data storica nella vita dell associazione e di tutta la Biblioteca Pubblica Ernesto Ragionieri : dopo oltre 20 anni si sono finalmente aperte le porte della nuova sede della Biblioteca nell antica Villa di Doccia. In occasione della cerimonia di inaugurazione oltre cittadini hanno partecipato all evento, assistendo ad iniziative culturali e ricreative che sono durate due giorni. I mesi precedenti la data del 4 dicembre sono stati molto difficili e faticosi ed hanno visto il costante impegno dei volontari e dei dipendenti della Biblioteca Pubblica che, nonostante le difficoltà, hanno creduto nel progetto ed hanno consentito l apertura della nuova sede. La Biblioteca è stata chiusa (dalla fine del mese di aprile con i servizi di prestito e dal mese di settembre completamente) per 7 mesi, durante i quali l associazione non ha avuto la disponibilità di una sede praticabile, nonostante lo sforzo di tutti per individuare modalità alternative per mantenere i contatti con soci, volontari e cittadini. Le ultime fasi del trasloco, ad esempio, hanno privato l associazione anche delle linee telefoniche (telefonia fissa) e del collegamento internet. Si è quindi ovviato creando una pagina dell associazione su Facebook (gestita attraverso i collegamenti privati di consiglieri e volontari) e mettendo a disposizione della cittadinanza il numero di cellulare intestato all associazione. A qualche mese di distanza dall inaugurazione, spenti gli entusiasmi legati all evento e l emozione che la cerimonia ha provocato in tutti i presenti e soprattutto in coloro che hanno in qualche modo seguito il processo dal lontano 1985, possiamo dire di aver vinto la sfida. La Biblioteca Ernesto Ragionieri nella sua nuova sede di Doccia non è soltanto una delle biblioteche più belle della Regione, ma continua ad essere una delle biblioteche più frequentate, cosicché i timori che in più di uno avevamo avuto circa la sua posizione decentrata, sono, al momento, superati. Pochi numeri saranno più convincenti di molte parole: oltre prestiti in 3 mesi, con una media quindi di prestiti al mese (in tutto il 2009 sono stati fatti, lo ricordiamo, prestiti); oltre 500 presenze giornaliere, sempre nei primi 3 mesi del 2011

3 Se la sfida che aveva davanti la Biblioteca Pubblica è stata vinta, altrettanto possiamo dire della sfida, per molti versi molto più ardua, che aveva davanti la Biblioteca Circolante. L associazione, pur senza disporre delle risorse del Comune, ha aperto la sua sede e il punto soci nella Villa di Doccia insieme all apertura della Biblioteca, ed è riuscita a non interrompere, oltre lo stretto necessario al compimento delle operazioni di trasloco, le sue attività, anzi ha moltiplicato gli sforzi volendo dare un forte segno della sua presenza in occasione dell inaugurazione del 4 dicembre, organizzando il concerto di Bobo Rondelli che è stata l iniziativa più partecipata di tutti gli eventi dell inaugurazione. Inoltre i corsi di lingua del ciclo febbraio maggio sono iniziati regolarmente con una formula potenziata e rivista (book club e interactive english), gli impegni nelle aperture straordinarie della Biblioteca sono stati mantenuti (le aperture del martedì e del giovedì sera e della domenica mattina sono possibili soltanto grazie al contributo della Biblioteca Circolante, il punto in centro istituito presso i locali della Polisportiva Sestese è aperto dai volontari della Biblioteca Circolante), le iniziative culturali sono aumentate, avendo, nei primi 4 mesi di apertura della nuova sede, già programmato, ed in parte realizzato, cinque importanti eventi (il primo premio HAIKU dedicato a Marco Totti, due incontri dedicati all educazione alimentare nell ambito del mese della scienza, un'iniziativa per ricordare i 150 anni dell Unità d Italia, il primo incontro del ciclo Orient Express), senza che vengano meno gli ormai consueti impegni per Maggio di Libri. Nonostante ciò, tuttavia, si è aperta una nuova grande e forse più difficile sfida in quanto riguarda esclusivamente l associazione. Il trasferimento in una zona diversa della città ha cambiato sostanzialmente la tipologia di utenza della Biblioteca Pubblica e, quindi, della Biblioteca Circolante che ha perso molta parte della sua riconoscibilità per cui essa dovrà affrontare nuovamente un percorso di riaffermazione della sua identità. È quindi evidente la sfida che dovranno affrontare i futuri consigli di amministrazione: il polo culturale di Doccia richiederà un cambiamento di passo, se l associazione vorrà continuare a mantenere il ruolo centrale nella gestione della Biblioteca, nell organizzazione delle iniziative culturali della città, e se vorrà farlo mantenendo una identità distinta da quella della Biblioteca Pubblica che, vista la presenza di una struttura così importante, rischia di fagocitare la visibilità e quindi la riconoscibilità della Biblioteca Circolante. Il corpo sociale La Società per la Biblioteca Circolante al 31 dicembre 2010 conta soci effettivi, 69 in meno rispetto all anno precedente. Nello specifico, il movimento soci ha visto 274 ammissioni contro 343 cancellazioni così articolate: 69 dimissionari, 22 decaduti, 4 deceduti e 248 soci dichiarati morosi

4 dall assemblea. Come accade ormai da diversi anni, la contrazione del corpo sociale è dovuta principalmente alla cancellazione per morosità, ad opera dell assemblea, di quei soci che, nonostante i ripetuti solleciti, non pagavano più la quota da almeno tre anni. Anche nel 2010, com avvenuto per la prima volta nel 2009, l entità dell erosione si è confermata in calo rispetto agli anni precedenti il 2009 (dal 2006 al 2008 avevamo infatti perso 300 soci in media per ogni anno). Turnover annuale soci Totale Percentuale -21% 3% 1% -10% -13% -12% -3% -3% Per converso le nuove iscrizioni sono prevalentemente legate alla partecipazione ai corsi organizzati dall associazione e, quindi, ne seguono gli andamenti. L analisi delle iscrizioni ai corsi e all associazione mostra chiaramente questo legame: tutti gli anni (2006, 2008 e 2010) che hanno visto un numero di iscritti ai corsi inferiore alle 800 unità si sono caratterizzati per una analoga diminuzione delle domande di iscrizione all associazione (che sono scese sotto le 300 l anno). La lettura di questo dato è piuttosto semplice, i cittadini si avvicinano all associazione prevalentemente per usufruire dei suoi servizi o attività. Ciò nonostante continua il percorso, intrapreso da alcuni anni, volto ad aumentare l appeal nei confronti dei potenziali soci, non soltanto attraverso l incremento delle attività ad essi rivolte (che producono, come detto, un incremento del numero degli associati), ambito nel quale sono stati ottenuti risultati soddisfacenti, ma anche attraverso un opera di convincimento sull importanza del sostegno disinteressato al volontariato. Le adesioni ottenute in conseguenza dell offerta di servizi (come si è evidenziato poc anzi) contribuiscono ad incrementare le entrate, bilanciando così la minore capacità di fund-raising, ma non hanno alcun effetto dal punto di vista della fidelizzazione dei soci poiché, questi ultimi, tendono ad avvicinarsi all associazione per usufruire dei servizi fornendo, così, un adesione temporanea e strumentale. Non possiamo infatti dimenticare che il punto di forza di un associazione è costituito proprio dal suo corpo sociale, anche se il modello associativo fondato su un corpo sociale stabile e fidelizzato è probabilmente un retaggio del passato, ed anche le grandi associazioni di rilevanza nazionale o internazionale hanno ormai un corpo sociale fluido le cui dinamiche dipendono, se non dalla richiesta di un determinato servizio, dall emotività che circonda la questione del momento. Ovviamente l andamento delle adesioni all associazione si riflette nell andamento delle quote sociali. Nel 2010, tuttavia, la contrazione delle quote sociali è stata particolarmente forte ed ha invertito la

5 tendenza al rallentamento che era iniziata nel 2007: siamo infatti passati da incassati nel 2007 agli incassati nel 2010, passando per i euro incassati nel 2008 e i incassati nel Come abbiamo già detto, il trasferimento a Doccia ha avuto conseguenze straordinarie nelle attività dell associazione, per cui il 2010 è senza dubbio un anno particolare, i cui dati e le cui statistiche rappresenteranno un anomalia. Le prime e più consistenti conseguenze sono state pagate nel rapporto, già difficile, con il corpo sociale con la contrazione dei soci e delle entrate da quote sociali, come abbiamo visto. In ogni caso, nonostante le difficoltà, le azioni volte all incremento delle entrate da fund-raising non si sono interrotte: la Biblioteca Circolante infatti potrà usufruire del 5 per mille sia nell anno 2010 che nell anno 2011 riuscendo a coprire, almeno in parte, le minori entrate da quote sociali. D altra parte non si tratta d altro che di altre forme di sostegno economico alle associazioni di volontariato. In conclusione vorremmo sottolineare che, come accade da qualche anno, la contrazione delle entrate da quote sociali sia stata compensata dall incremento delle altre tipologie di entrata e, parallelamente, dal contenimento della spesa. A questo proposito riportiamo un prospetto che di per sé è significativo. % Proventi da attività istituzionale per origine da fonte pubblica da fonte privata Su oltre euro di proventi per attività istituzionali, l 89% proviene da fonte privata, a dimostrazione che la contrazione delle risorse pubbliche, che colpisce un po tutti i settori, soprattutto culturali, è stata ottimamente compensata con il ricorso al settore privato, cosicché l associazione non ha conosciuto, almeno fino ad oggi, difficoltà economiche. Il dato è peraltro più rilevante se si considera che le entrate da fonte pubblica non sono semplici trasferimenti, ma erogazioni che l associazione riceve per l espletamento di servizi alla cittadinanza. Dal fronte delle uscite, si registra un incremento degli oneri da attività istituzionali (da euro del 2009 a euro del 2010) inferiore all incremento dei proventi derivanti dalla medesima tipologia di attività ( euro del 2009 contro i euro del 2010). Il dato non è affatto insignificante poiché dimostra che la riduzione della spesa non viene effettuata tagliando i servizi e/o diminuendo le attività, ma attraverso, potremmo dire, investimenti redditivi.

6 La biblioteca Nel corso del 2010 sono stati acquistati 742 volumi, per una spesa di euro, che sale ad un totale di euro se si considerano anche gli abbonamenti ai periodici e il materiale acquistato per il Fondo Totti. L impegno economico per l incremento del patrimonio documentale dell associazione è diminuito rispetto al 2009 di circa euro (par un totale di circa a 500 documenti in meno). Anche in questo caso, il motivo è da individuare nella parziale chiusura della biblioteca e quindi della sede dell associazione che ha ci costretto ad interrompere le attività ordinarie anche per limitare la possibilità che i nuovi ordini venissero smarriti durante il trasloco. Nel 2010, per quanto attiene alle voci principali, sono stati acquistati: 507 libri di narrativa, 65 di storia e geografia, 79 di letteratura, poesia e teatro, 29 di scienze pure ed applicate e 18 di scienze sociali, oltre ai documenti (131) acquisiti per incrementare il Fondo Totti. L entità del patrimonio documentale della Biblioteca Circolante non è ad oggi esattamente nota poiché, nel corso del 2010 in vista del trasloco a Doccia, si è proceduto ad un azione di scarto dei documenti non ritenuti più utili l associazione seguendo un criterio comunque volto alla conservazione del patrimonio librario e documentale in genere. Poiché lo scarto ha riguardato i libri di proprietà sia della Biblioteca Circolante sia della Biblioteca Pubblica, ad oggi non sono noti con esattezza le quantità dei volumi scartati suddivisi per proprietà. Si sta inoltre già programmando l inventario per l estate del 2011, in modo da riscontrare fisicamente i libri e quindi avere dei dati definitivi, considerati gli errori che in sede di trasloco ci saranno sicuramente stati nell immissione dei dati. Peraltro il trasferimento della Biblioteca e le attività di scarto che hanno comunque richiesto che i libri venissero presi in mano uno per uno hanno costituito l occasione per creare il fondo del Novecento, composto dai volumi editi prima del 1950 che sono stati sottratti al prestito. In ogni caso ricordiamo che il patrimonio dell associazione (con l esclusione del Fondo Antico che è composto da quasi volumi e, ovviamente, non oggetto di scarto) si aggira intorno ai volumi su un totale di circa presenti nella Biblioteca di Sesto, esclusi i fondi speciali di proprietà dell Amministrazione Comunale (Fondo Ragionieri, Detti, Giachetti, Cerreti, Parrocchiale, Chambion composti da circa documenti). Per quanto riguarda le attività del servizio di pubblica lettura, nel corso del 2010 sono andati in prestito volumi, oltre in meno rispetto al 2009 a causa, come già ricordato, della chiusura del prestito alla fine del mese di aprile I valori mensili, peraltro, sono in linea con quelli del 2009 (4.100 prestiti di media in un mese contro i del 2009). Per lo stesso motivo registriamo una

7 contrazione in termini assoluti dei prestiti interbibliotecari, 919 nel 2010 contro i del 2009, con una media mensile di 229 prestiti (in linea, anche in questo caso, con i 260 prestiti/mese del 2009). Le presenze in biblioteca che sono state registrate nel 2010 sono pari a , con un forte netto calo rispetto ai numeri di tutto rispetto che contraddistinguevano la biblioteca di Sesto. Anche in questo caso i dati sono poco significativi a causa, ripetiamo, della prolungata chiusura della biblioteca. Grazie anche al contributo dell associazione, la Biblioteca ha mantenuto un orario di apertura pressoché invariato in relazione al totale settimanale delle ore di attività, anche se gli orari sono stati ridistribuiti tra i vari giorni della settimana. La sera del dopocena del martedì e del giovedì è fondamentale l intervento dei volontari così come la domenica mattina, quando la biblioteca è tenuta aperta soltanto dai volontari dell associazione che garantiscono, in maniera autonoma, anche l apertura del giovedì pomeriggio del punto di prestito centrale. Lo sforzo effettuato dall associazione in questo senso risulta evidente se si considera che i mq della nuova biblioteca sono circa 4.000, ovvero in più rispetto alla sede di via Fratti, con la conseguenza che il personale necessario per tenere aperti i servizi è più che raddoppiato. I riscontri positivi che ormai da anni riscuote la Biblioteca Ernesto Ragionieri e che continua a riscuotere nella nuova sede hanno dato ragione a chi ha deciso di investire in questo servizio. Amministrazione Comunale e Società per la Biblioteca Circolante hanno creduto in questa sfida e hanno lavorato per vincerla cosicché la Biblioteca Pubblica, nonostante le sempre minori risorse umane e finanziarie disponibili per la cultura, continua ad essere un importante centro culturale per la città di Sesto, un punto di riferimento per la cittadinanza e per le altre istituzioni cittadine. I progetti Proseguono con successo due importanti progetti che hanno preso l avvio nel 2005: il progetto PAAS e il Progetto Giovani. Il primo fa parte del sistema regionale dei PAAS, una rete territoriale di Punti per l'accesso Assistito ai Servizi e ad internet gestiti da associazioni, in collaborazione con i Comuni attraverso i quali è effettuato l'intervento regionale di sostegno. Il progetto PAAS fa infatti parte di un più ampio progetto regionale che ha l obiettivo di abbattere il digital divide presente nella società. Nel comune di Sesto Fiorentino sono attivi quattro punti PAAS, di cui uno (il PAAS 251) gestito dalla Società per la Biblioteca Circolante presso la saletta multimediale della Biblioteca Pubblica. Negli orari di apertura del servizio gli operatori volontari dell associazione (in collaborazione con i dipendenti del Comune) garantiscono l apertura delle postazioni e l assistenza agli utenti. L accesso al PAAS è completamente

8 gratuito e permette ai cittadini di accedere ai servizi on line delle Pubbliche Amministrazioni, la stampa in A4 in bianco e nero e a colori e il salvataggio di dati. Purtroppo, nel momento in cui si stende la presente relazione, non sono pervenuti, nonostante i numerosi solleciti, i dati sul PAAS 251 che, ricordiamo, vengono rilevati dal Comune di Firenze. Ad ormai oltre quattro anni dalla sua inaugurazione il PAAS ha quindi dimostrato di essere un servizio molto apprezzato dalla collettività; è perciò giunto il momento di utilizzare questo punto di accesso alla rete per organizzare progetti più miratamene destinati all abbattimento del digital divide. Nel corso del 2010 è andato avanti l impegno dell associazione all interno del Progetto Giovani. Visto il successo dello scorso anno, l associazione ha nuovamente proposto un corso di fumetto Manga, in continuità con l impegno già profuso dall associazione in questo campo in ricordo del consigliere Marco Totti, prematuramente scomparso nel gennaio del In conclusione è opportuno dedicare alcune righe ad uno dei progetti più importanti realizzati dall associazione negli ultimi anni. Si tratta della collaborazione con Eli Lilly Italia spa. Ricordiamo che la Lilly ha concesso in comodato gratuito il materiale presente nella sua biblioteca interna (prevalentemente di argomento medico e farmacologico) alla Biblioteca Circolante in modo che esso potesse entrare a far parte del patrimonio della Biblioteca Pubblica e quindi fosse a disposizione dell intera collettività. Ciò mostra, da una parte, un importante volontà di apertura della multinazionale americana, peraltro molto attenta alla riservatezza delle informazioni che la concernono, nei confronti del territorio sestese che la ospita da molti anni; dall altra la capacità che contraddistingue l associazione di interagire con i soggetti del territorio, anche quando si tratta di enti molto lontani dalla sua realtà, nella convinzione che le capacità di dialogo e di confronto rappresentino comunque un valore fondamentale nella società contemporanea. La collaborazione con Lilly, tuttavia, ha avuto ulteriori sviluppi. Nel 2007 infatti la Biblioteca Circolante, rispondendo ad una espressa richiesta di Lilly, ha firmato un accordo, successivamente rinnovato fino al dicembre 2012, secondo il quale la prima si impegna a fornire alla seconda una collaborazione concreta, attraverso il suo personale, per la gestione del servizio di document delivery. Un importante sviluppo di questa collaborazione si è avuto nel marzo 2010 quando, un consigliere della Biblioteca Circolante, insieme ai rappresentanti di Lilly, ha partecipato al GDIF di Milano, presentando, ad un pubblico di addetti ai lavori, sia le attività dell associazione sia il progetto di collaborazione con la multinazionale farmaceutica. L intervento della rappresentante di Lilly, integrato dall associazione, è stato poi pubblicato in Biblioteche Oggi

9 Si tratta di un risultato di cui il CdA è molto orgoglioso poiché, da un lato, testimonia la professionalità dell associazione e del suo personale; dall altro costituisce un opportunità di crescita e di inserimento nel mondo lavorativo per i volontari dell associazione. L attività culturale Nel 2010 le iniziative più rilevanti in ambito culturale organizzate dalla Biblioteca Circolante sono legate a due importanti manifestazioni. La prima, Maggiodilibri è ormai diventata un appuntamento fisso per la città, la seconda, l inaugurazione della nuova sede della Biblioteca a Doccia, ha rappresentato un evento eccezionale impegnativo ma fortemente partecipato. Nell ambito della quarta edizione di Maggiodilibri l associazione ha organizzato diverse iniziative. Le cene d autore, organizzate in collaborazione con il Coordinamento ARCI di Sesto e Calenzano, sono ormai uno degli appuntamenti più seguiti della manifestazione e quindi, visto il grande successo delle precedenti edizioni, sono state ripresentate con la stessa formula: tre cene con menù tratti da vari testi, in altrettanti circoli ARCI della città, durante le quali il prof. Andrea Matucci, dell Università di Siena, ha letto alcuni brani tratti dai testi scelti. Anche nel 2010 il gradimento dell iniziativa è stato elevato: oltre 300 partecipanti e il tutto esaurito in due circoli su tre. Le cene del 2010 sono state dedicate a Marcel Proust («La cucina ritrovata: a tavola con Marcel Proust»), a Karen Blixen («Un banchetto tra i fiordi innevati: la cena di Babette») e all eterno romanzo, da cui è stato tratto l omonimo film, Via col vento («Domani è un altro giorno: la cena di Rossella»). Anche nel 2010 gli utenti della biblioteca sono stati coinvolti nell organizzazione dell evento, hanno infatti potuto partecipare ad un concorso indetto dall associazione per la determinazione del menù e del soggetto di una delle tre cene. Il vincitore, scelto da un apposita commissione presieduta dalla Presidente dell associazione, ha potuto partecipare gratuitamente alla cena da lui ideata. Inoltre, sempre nell ambito di Maggiodilibri, sono state promosse altre iniziative: una rassegna cinematografica dal titolo Proust e il cinema tenutasi i giorni 4, 11 e 18 maggio presso il Cinema Grotta di Sesto Fiorentino. Sono stati proiettati, rispettivamente, Un amore di Swann, Il tempo ritrovato e La Captive. Il 22 maggio, all interno di un ciclo di iniziative dedicato a Proust, si è tenuta la conferenza I pittori di Proust e il famoso muretto giallo di Vermeer con il prof. Lorenzo Renzi dell Università di Padova. Il 15 e il 16 di maggio si è tenuta la seconda edizione dell iniziativa organizzata con la scuola di danza Dance Academy, diretta da Stefania Landi, in collaborazione con il Teatro della Limonaia. La scuola di danza ha rappresentato Le avventure di Pinocchio, storia di un burattino, balletto con un percorso di letture tratte dal romanzo di Collodi, scelte dalla Biblioteca

10 Circolante e eseguite da Emanuele Levantino. Le due serate hanno visto il tutto esaurito nel teatro con la partecipazione di più di 300 persone. Il 5 giugno la Biblioteca Circolante ha organizzato, in chiusura di Maggiodilibri, una conferenza dal titolo Da San Giorgio a San Martino. Un sestese nella crisi della city con Cosimo Pacciani della Royal Bank of Scotland. Tale iniziativa è stata ospitata all interno dello spazio Mursia Passpartù, un tir capace di trasformarsi in libreria e spazio per incontri, presente nel centro cittadino durante tutta la manifestazione. Il 2 ottobre, infine, l associazione ha organizzato la presentazione del libro Dio conta le lacrime delle donne di Biancamaria Bruscagli, alla presenza dell autrice, del prof. Riccardo Bruscagli dell Università di Firenze, di Alessandra Bruscagli e di Stefano Mecenate della casa editrice Ibiskos Editrice Risolo. Come si vede chiaramente, la Biblioteca Circolante non ha interrotto le sue consuete attività, nonostante tute le difficoltà legate al trasferimento. Se consideriamo, inoltre, che per un periodo, anche per motivi di sicurezza legati, appunto, al trasloco, la presenza dei volontari è stata praticamente azzerata si comprenderà il carico di lavoro che il Consiglio di Amministrazione ha sopportato. L attività formativa Come da alcuni anni i corsi di lingua occupano un posto rilevante, sia dal punto di vista organizzativo che da quello economico, tra le attività dell'associazione. Nel 2010 dobbiamo tuttavia registrare un calo piuttosto significativo nelle iscrizioni ai corsi organizzati dall associazione: 642 contro gli 801 dell anno precedente. Certamente la più volte citata chiusura della biblioteca, peraltro avvenuta proprio nel periodo delle iscrizioni, è una causa delle cause di questo risultato. In linea con questa considerazione il fatto che il primo ciclo 2010 dei corsi, quello cioè svoltosi nel periodo febbraiomaggio 2010, aveva sostanzialmente tenuto rispetto all andamento dell anno precedente, così come, invece, è partito negativamente l anno 2011 (le iscrizioni, in questo secondo caso, sono state una delle prime attività nella nuova sede). Va inoltre segnalato che, pur nel quadro d insieme non positivo, hanno tenuto i corsi di informatica e i livelli più alti della lingua inglese, mentre si è registrato un crollo dei primi livelli di inglese, dei corsi di francese ma soprattutto di quelli di spagnolo. Probabilmente, visto l aumento della scolarizzazione media, non c è più molta richiesta di livelli di inglese per principianti. In conclusione segnaliamo che dal 2002 ad oggi ben persone hanno frequentato i corsi organizzati dalla Società per la Biblioteca Circolante.

11 Il volontariato Vista la rilevanza che il volontariato ha per un associazione che su di esso fonda la sua natura, anche nel 2010, pur non avendo potuto redigere il bilancio sociale a causa dei molteplici impegni legati al trasferimento della biblioteca a cui abbiamo più volte accennato, abbiamo rilevato gli indicatori che usualmente utilizzavamo per il bilancio sociale tra le altre cose per quantificare, e quindi valorizzare, l impatto della risorsa volontariato sulle attività dell associazione e, conseguentemente, la ricaduta sociale di queste sulla collettività. In mancanza del documento bilancio sociale si utilizza la presente relazione per una serie di considerazioni riguardanti il volontariato. Si è tenuto conto dell entrata non monetaria costituita dalla donazione in termini di lavoro prestato e, come contropartita a tali entrate non monetarie, sono stati valutati i costi non monetari in base alla destinazione del lavoro dei volontari. Questo ci permette infatti di identificare in maniera effettiva il costo complessivo di ciascuna attività dell associazione, risultante dalla somma dei costi monetari veri e propri e dei costi nascosti ovvero coperti grazie alla presenza del volontariato. Perciò è stato redatto uno schema riassuntivo, allegato A alla presente relazione, in cui sono specificate le attività, le ore e il costo orario (prendendo come riferimento i contratti collettivi nazionali di lavoro dei dipendenti pubblici considerati quelli più vicini - e le tariffe professionali). Come si vede dallo schema, la collettività ha usufruito, tramite l intermediazione dell associazione, che ne garantisce il coordinamento e il controllo, di ore di attività volontaria all anno, ore in meno rispetto al Nel 2010, nonostante che le attività dell associazione siano state sospese dopo la chiusura della biblioteca, ci sono stati un paio di mesi, dedicati al trasloco, in cui i volontari hanno ridotto la loro attività, in particolar modo ha pesato la sospensione delle aperture straordinarie della biblioteca degli ultimi 4 mesi dell anno (a fronte di ore dedicate a questa attività nel 2009, l anno successivo ne abbiamo contate 786). In ogni caso, le oltre ore di volontariato si traducono in un valore di euro, vale a dire oltre euro risparmiate dall associazione per lo svolgimento delle sue attività indirizzate a tutta la cittadinanza. Di queste ore, oltre 1.300, circa il 31%, sono dedicate alle attività istituzionali (vale a dire attività di segreteria, di contabilità, di gestione dei soci e, in generale, attività degli organi sociali) che, cogliamo l occasione per ricordarlo, sono svolte interamente da volontari (sono volontari tutti gli organi sociali, compreso Presidente e il Consiglio di Amministrazione). La restante parte delle ore sono necessarie per le attività cosiddette operative, ovvero legate alla biblioteca, alla formazione ecc. A margine segnaliamo che circa 70 ore sono state dedicate al trasloco che quindi, grazie anche alla collaborazione della biblioteca pubblica, è stato praticamente a costo zero (o meglio ci sarebbe costato circa 800 euro se non avessimo avuto il prezioso aiuto dei volontari).

12 La redazione del bilancio sociale, soprattutto con l introduzione di questa monetarizzazione del volontariato, ha aiutato il consiglio di amministrazione (e speriamo anche tutti i cosiddetti stakeholder) a prendere pienamente coscienza del ruolo che l associazione svolge per lo sviluppo culturale della città, per l integrazione sociale, per la diffusione di ideali di solidarietà ed anche per la creazione di opportunità lavorative. Per questo, il Consiglio di Amministrazione della Società per la Biblioteca Circolante, ringrazia tutti coloro che contribuiscono a vario titolo alla vivacità dell associazione, e in particolare i propri volontari che diffondono quotidianamente, attraverso la loro opera, il messaggio del sacrificio degli interessi personali per il bene comune, della rinuncia ad una parte della propria vita privata per il benessere collettivo. Il Consiglio di Amministrazione della Società per la Biblioteca Circolante 15 aprile 2010

13 Analisi dei proventi non monetari per attività dei volontari nel corso del 2010 Allegato A Attività Ore 2010 Valore orario Tipo di compenso Riferimento Totale valore Proventi da fund raising Assistenza informatica 10 30,00 Informatico Tariffa professionale 300 Consulenza contabile e fiscale 15 30,00 Commercialista Tariffa professionale 450 Contabilità e Bilancio Sociale ,25 Istruttore direttivo (D1) Tabelle ARAN Programmazione/organizzazione attività ,25 Programmazione attività (D1) Tabelle ARAN Segreteria amministrativa ,26 Istruttore amministrativo (C1) Tabelle ARAN Segreteria banco soci ,55 Collaboratore amministrativo (B3) Tabelle ARAN Sindaci Revisori 31 30,00 Commercialista Tariffa professionale 930 Trasloco 70 10,55 Collaboratore amministrativo (B3) Tabelle ARAN 739 Ore volontariato Totale proventi non monetari da fund raising Proventi operativi Apertura straordinaria domenicale e serale ,15 Sorveglianza/uscerato (B2) Tabelle ARAN Assistenza informatica 5 30,00 Informatico Tafiffa professionale 150 Bibliotecario ,26 Assistente bibliotecario (C1) Tabelle ARAN Gestione acquisto libri ,26 Assistente bibliotecario (C1) Tabelle ARAN Impaginazione pubblicazioni 60 11,26 Grafico (C1) Tabelle ARAN 676 Impaginazione volantini/locandine/cataloghi 35 11,26 Grafico (C1) Tabelle ARAN 394 Organizzazione attività 48 10,55 Collaboratore amministrativo (B3) Tabelle ARAN 506 Programmazione attività ,25 Programmazione attività (D1) Tabelle ARAN Redazione e direzione editoriale Milleottocentosessantanove 12 12,25 Esperto editoria (D1) Tabelle ARAN 147 Scarto/manutenzione collezioni ,26 Assistente bibliotecario (C1) Tabelle ARAN Segreteria corsi ,26 Istruttore amministrativo (C1) Tabelle ARAN Servizio di prestito e reference ,55 Collaboratore di biblioteca (B3) Tabelle ARAN Supervisione e gestione attività volontari 55 11,26 Istruttore amministrativo (C1) Tabelle ARAN 619 Ore volontariato Totale proventi operativi da fonte privata non monetari Totale ore volontariato svolte nel corso del Totale proventi non monetari per attività volontari nel

14 Analisi dei costi non monetari per attività dei volontari nel corso del 2010 Attività Ore 2010 Valore orario Tipo di compenso Riferimento Totale valore Costi per Servizi Assistenza informatica 10 30,00 Informatico Tariffa professionale 300 Consulenza contabile e fiscale 15 30,00 Commercialista Tariffa professionale 450 Ore volontariato 25 Totale costi non monetari per servizi 750 Attività istituzionali - Costi amministrativi Contabilità e Bilancio Sociale ,25 Programmazione attività (D1) Tabelle ARAN Programmazione/organizzazione attività ,25 Programmazione attività (D1) Tabelle ARAN Segreteria amministrativa ,26 Istruttore amministrativo (C1) Tabelle ARAN Sindaci Revisori 31 30,00 Commercialista Tariffa professionale 930 Trasloco 70 10,55 Collaboratore amministrativo (B3) Tabelle ARAN 739 Ore volontariato Totale costi non monetari amministrativi Attività istituzionali - Costi per attività culturali Impaginazione volantini/locandine 35 11,26 Grafico (C1) Tabelle ARAN 394 Organizzazione iniziative culturali 48 10,55 Collaboratore amministrativo (B3) Tabelle ARAN 506 Programmazione/coordinamento 51 12,25 Programmazione attività (D1) Tabelle ARAN 625 Ore volontariato 134 Totale costi non monetari per attività culturali Attività istituzionali - Gestione patrimonio documentario Bibliotecario ,26 Assistente bibliotecario (C1) Tabelle ARAN Gestione acquisto libri ,26 Assistente bibliotecario (C1) Tabelle ARAN Scarto/manutenzione collezioni ,26 Assistente bibliotecario (C1) Tabelle ARAN Ore volontariato 562 Totale costi non monetari per gestione patrimonio documentario Attività istituzionali - Costi per allestimento corsi Organizzazione corsi di formazione ,25 Programmazione attività (D1) Tabelle ARAN Segreteria corsi di formazione ,26 Istruttore amministrativo (C1) Tabelle ARAN Ore volontariato 359 Totale costi non monetari per allestimento corsi Attività istituzionali - Costi per allestimento 1869 Impaginazione 60 11,26 Grafico (C1) Tabelle ARAN 676 Redazione e direzione editoriale 12 12,25 Esperto editoria (D1) Tabelle ARAN 147 Ore volontariato 72 Totale costi non monetari per allestimento Milleottocentosessantanove 823 Attività istituzionali - Costi per servizio soci, prestito e mediateca Apertura straordinaria domenicale 56 10,15 Sorveglianza/uscerato (B2) Tabelle ARAN 568 Apertura straordinaria serale ,15 Sorveglianza/uscerato (B2) Tabelle ARAN Segreteria banco soci ,55 Collaboratore amministrativo (B3) Tabelle ARAN Servizio di prestito e reference ,55 Collaboratore di biblioteca (B3) Tabelle ARAN Supervisione e gestione attività volontari 55 11,26 Istruttore amministrativo (C1) Tabelle ARAN 619 Ore volontariato Totale costi non monetari per servizio soci, prestito e mediateca Attività istituzionali - Costi per Progetti Programmazione attività 13 12,25 Programmazione attività (D1) Tabelle ARAN 159 Assistenza informatica 5 30,00 Infomatico Tariffa professionale 150 Ore volontariato 18 Totale costi non monetari per Progetti 309 Totale ore volontariato svolte nel corso del Totale costi non monetari per attività volontari nel

15 Bilancio d'esercizio al 31/12/2010 A) Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti ATTIVO 31/12/ /12/2009 B) Immobilizzazioni I - Immobilizzazioni immateriali: 1) spese modifica statuto 2) costi di ricerca, di sviluppo e di pubblicità 3) diritti di brevetto indust. e dir. di util. delle opere dell'ingegno software capitalizzato fondo amm.to software capitalizzato ) concessioni, licenze, marchi e diritti simili 0 0 5) spese manutenzioni da ammortizzare 6) oneri pluriennali 7) altre Totale immobilizzazioni immateriali (I) 0 0 II - Immobilizzazioni materiali: 1) terreni e fabbricati 2) impianti e attrezzature impianti e attrezzature fondo amm.to impianti e attrezzature ) altri beni altri beni fondo amm.to altri beni ) immobilizzazioni in corso e acconti 0 0 5) immobilizzazioni donate 0 0 Totale immobilizzazioni materiali (II) III - Immobilizzazioni Finanziarie: 1) partecipazioni 0 0 2) crediti ) altri titoli 0 0 Totale immobilizzazioni finanziarie (III) Totale immobilizzazioni (B) C) Attivo Circolante I - Rimanenze: 1) materie prime, sussidiarie e di consumo 0 0 2) prodotti in corso di lavorazione e semilavorati 0 0 3) lavori in corso su ordinazione 0 0 4) prodotti finiti e merci targhe argento soci ) acconti 0 0 Totale Rimanenze (I) II - Crediti: 1) verso clienti importi esigibili entro l'esercizio successivo importi esigibili oltre l'esercizio successivo 0 0 2) verso altri importi esigibili entro l'esercizio successivo 0 0 crediti vari 0 0 acconti versati IRAP importi esigibili oltre l'esercizio successivo 0 0 Totale crediti (II) III - Attivita' finanziarie non immobilizzate 1) partecipazioni 0 0 2) altri titoli Obbligazioni CRF con cedola step up

16 Bilancio d'esercizio al 31/12/ Giotto Lux Fund Euro TV Incom Obbligazioni ISP TF 2,25% Totale attivita' finanziarie non immobilizzate (III) IV - Disponibilita' liquide: 1) depositi bancari e postali conto corrente postale cassa di risparmio di Firenze ) assegni 0 0 3) danaro e valori in cassa cassa contanti sede Totale disponibilita' liquide (IV) Totale attivo circolante (C) D) Ratei e risconti attivi 1) ratei attivi ) risconti attivi Totale ratei e risconti attivi (D) TOTALE ATTIVO

17 Bilancio d'esercizio al 31/12/2010 PASSIVO 31/12/ /12/2009 A) Patrimonio netto I - Patrimonio libero 1) Risultato gestionale esercizio in corso ) Risultato gestionale esercizi precedenti ) Riserve statutarie (riserva da arrotondamento) 0 1 Totale patrimonio libero (I) II - Fondo di dotazione dell'ente 0 0 III - Patrimonio vincolato 1) Fondi vincolati destinati da terzi 0 0 2) Fondi vincolati per decisione degli organi istituzionali 0 0 Totale patrimonio vincolato (III) 0 0 Totale patrimonio netto (A) B) Fondi per rischi ed oneri 1) per trattamento di quiescenza e obblighi simili 0 0 2) altri 0 0 Totale fondi per rischi ed oneri (B) 0 0 C) Trattamento di fine rapporto di lavoro subordinato ) fondo TFR D) Debiti 1) obbligazioni importi esigibili entro l'esercizio successivo importi esigibili oltre l'esercizio successivo 0 0 2) debiti verso banche importi esigibili entro l'esercizio successivo importi esigibili oltre l'esercizio successivo 0 0 3) debiti verso altri finanziatori importi esigibili entro l'esercizio successivo importi esigibili oltre l'esercizio successivo 0 0 4) acconti importi esigibili entro l'esercizio successivo importi esigibili oltre l'esercizio successivo 0 0 5) debiti verso fornitori importi esigibili entro l'esercizio successivo debiti vs fornitori fatture da ricevere importi esigibili oltre l'esercizio successivo 0 0 6) debiti tributari importi esigibili entro l'esercizio successivo debiti vs erario per rit.d'acconto erario conto IRAP importi esigibili oltre l'esercizio successivo 0 0 7) debiti Vs istituti di previdenza e sicurezza sociale importi esigibili entro l'esercizio successivo debiti vs INAIL debiti vs INPS importi esigibili oltre l'esercizio successivo 0 0 8) altri debiti importi esigibili entro l'esercizio successivo debiti vs dipendenti debiti vs collaboratori importi esigibili oltre l'esercizio successivo 0 0 Totale debiti (D) E) Ratei e risconti passivi 1) ratei passivi ) risconti passivi 0 0 Totale ratei e risconti passivi (E) TOTALE PASSIVO

18 Rendiconto gestionale ONERI 31/12/10 31/12/09 PROVENTI E RICAVI 31/12/10 31/12/09 1. Oneri da attività istituzionali 1. Proventi e ricavi da attività istituzionale 1.1 Acquisti 1.1 Da contributi su progetti a) materiale documentale a) per cultura acquisto libri Eli Lilly Italia - progetto document delivery abbonamento riviste e periodici CESVOT - progetto "Liberi dai Conti" spese di rilegatura volumi b) per istruzione 0 0 acquisto materiale multimediale c) per servizi sociali 0 0 b) materiale didattico Totale c) generi alimentari 0 0 d) prodotti igienici e casalinghi Da contratti con enti pubblici e) materiale vario e di consumo a) per cultura f) attrezzature e beni di piccolo valore 0 70 Contributo Istituzione Sesto Idee g) cancelleria 0 0 Comune di Sesto F.no - progetto PAAS h) stampati 0 0 Comune di Sesto F.no - progetto Giovani i) vestiario 0 0 Istituzione Sesto Idee - progetto CdS Totale Scuola Media Cavalcanti progetto intercultura b) per istruzione Servizi c) per servizi sociali 0 0 a) spese tipografiche Totale stampa volantini stampa manifesti Da soci e associati stampa riviste e cataloghi a) per cultura 20 0 altre spese tipografiche 0 0 Contributi per «Milleottocentosessantanove» 20 0 b) spese di affissione b) per istruzione c) spese di organizzazione Corsi di lingua d) spese di spedizione Corsi di informatica e) servizi informatici Altri corsi di fomazione f) spese di copisteria c) per servizi sociali 0 0 g) spese di pubblicità 0 0 Totale h) collaborazioni occasionali i) collaborazioni professionali Da non soci Totale a) per cultura Quote individuali corsi PG Godimento beni di terzi b) per istruzione 0 0 a) affitto locali c) per servizi sociali 0 0 Totale Totale Personale 1.5 Altri proventi e ricavi a) dipendenti a tempo determinato a) rimborsi vari 0 0 b) collaborazioni a progetto b) arrotondamenti attivi 1 1 c) contributi INPS Totale d) contributi INAIL e) accantonamento al fondo per TFR Totale Ammortamenti Oneri diversi di gestione a) assicurazioni 0 0 b) imposte e tasse non sul reddito 0 0 Totale Totale oneri da attività istituzionali (1) Totale proventi e ricavi da attività istituzionale (1) Oneri per fund raising 2. Proventi da fund raising a) attività ordinaria di promozione Quote sociali Spese spedizione solleciti b) attività straordinaria di promozione Offerte e altre liberalità Donazioni in memoria di Marco Totti Erogazioni liberali Donazioni da 5 per mille Totale oneri per fund raising (2) Totale proventi da fund raising (2) Oneri da attività accessorie Proventi e ricavi da attività accesorie 3.1 acquisti Da gestioni commerciali accessorie servizi Da contratti con enti pubblici 0 0

19 Rendiconto gestionale 3.3 godimento beni di terzi Da soci e associati personale Da non soci ammortamenti Altri proventi e ricavi oneri diversi di gestione 0 0 Totale oneri da attività accessorie (3) 0 0 Totale proventi e ricavi da attività accessorie (3) Oneri finanziari e patrimoniali 4. Proventi finanziari e patrimoniali 4.1 su rapporti bancari da conti correnti su prestiti 0 0 Interessi attivi su c/c postali da patrimonio edilizio 0 0 Interessi attivi su c/c bancari da altri beni patrimoniali da altri investimenti finanziari Inter. att. su obbligazioni CRF da patrimonio edilizio da altri beni patrimoniali 0 0 Totale oneri finanziari e patrimoniali (4) 12 0 Totale proventi finanziari e patrimoniali (4) Oneri straordinari 5. Proventi straordinari 5.1 da attività finanziaria da attività finanziaria da attività immobiliari da attività immobiliari da altre attività da altre attività Sopravvenienze passive Sopravvenienze attive Totale oneri straordinari (5) Totale proventi straordinari (5) Oneri di supporto generale 6.1 Acquisti a) generi alimentari 0 0 b) prodotti igienici e casalinghi 0 0 c) materiale vario e di consumo d) attrezzature e beni di piccolo valore 0 0 e) cancelleria f) stampati 0 0 g) valori bollati h) variazione rimanenze prod. finiti e merci targhe soci conto rim.ze finali targhe soci conto rim.ze iniziali Totale Servizi a) spese di manutenzione b) spese tipografiche c) spese di affissione d) spese postali e) spese bancarie f) spese telefoniche spese telefoniche canone ADSL spese telefoniche (cellulare) dominio web g) consulenze professionali Consulenze del consulente del lavoro Consulenze legali 0 0 h) spese di copisteria 0 0 i) spese di pubblicità 0 0 Totale Godimento beni di terzi Personale Ammortamenti ammortamento software 0 0 ammortamento altri beni materiali ammortamento impianti e attrezzature Altri oneri a) Sussidi,erogazioni e contributi a terzi Circolo F.lli Rosselli 26 26

20 Associazione Italiana Biblioteche A.I.R.C Amici dei Musei Centro Nazionale Volontariato Biblioteche di Antonio in Abruzzo Comune di Empoli x Bibliodonna b) imposte e tasse IRAP altre imposte e tasse 43 2 imposte rel. esercizi preced vidimazione libri sociali interessi pass. su debiti v/erario 0 0 c) assicurazioni assicurazioni volontari assicurazione per corsi bambini 0 67 polizza infortuni volontari polizza resp.civile dipendenti polizza resp.civile volontari e coll d) spese di rappresentanza e) omaggi e regalie f) rimborsi spese diversi g) arrotondamenti passivi 0 4 Totale Totale oneri di supporto generale (6) Rendiconto gestionale TOTALE ONERI TOTALE PROVENTI E RICAVI RISULTATO GESTIONALE POSITIVO RISULTATO GESTIONALE NEGATIVO

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT AGENZIA PER LE ONLUS ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001 n. 329 LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO DEGLI ENTI NON PROFIT Approvato

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 12815 Rea 104630 COSEV SERVIZI S.P.A. Sede in VIA PETRARCA, 6-64015 NERETO (TE) Capitale sociale Euro 471.621,00 I.V. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Premessa Signori Soci/Azionisti,

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

I componenti straordinari di reddito

I componenti straordinari di reddito I componenti straordinari di reito Possono essere così classificati: - PLUSVALENZE E MINUSVALENZE. Si originano nel caso di cessione di un cespite, se il valore contabile è diverso dal prezzo di vendita.

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali?

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? 1 R. Per gli enti non commerciali non sussiste, ai fini civilistici, relativamente

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio INDICI DI BILANCIO 1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio Perché sia possibile un calcolo automatico degli indici di bilancio (ratios) è necessario che le informazioni siano memorizzate seguendo i

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 Direzione Generale per il Terzo Settore e le Formazioni Sociali RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 A seguito della soppressione dell Agenzia per il Terzo Settore (ex Agenzia per le Onlus), le relative

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE

APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE Allegato A) deliberazione nr.14 d.d. 28.04.2015 APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE Il Presidente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

Relazione del collegio

Relazione del collegio Relazione del collegio revisori i dei conti RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI SUL RENDICONTO DELL'ESERCIZIO 2013 DEL PARTITO "IL POPOLO DELLA L1BERTA'" Il Collegio dei revisori composto dai

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA MEP S.p.A. Sede in Milano (MI), Piazza del Liberty, n. 2 Capitale sociale Euro 10.372.791 interamente versato Codice Fiscale 13051480153 Iscritta al Registro dell Imprese di Milano al n. 1611128 BILANCIO

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART.

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. 1 E costituita, nello spirito della Costituzione della Repubblica

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

donare&ricevere Guida rapida alle norme sulla donazione + dai - versi!

donare&ricevere Guida rapida alle norme sulla donazione + dai - versi! Guida rapida alle norme sulla donazione + dai - versi! DONARE AL VOLONTARIATO Vantaggi e opportunità per imprese e persone!l attuale normativa, dopo l approvazione anche della legge Le Organizzazioni di

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli