L ELMETTO GIALLO. Il periodico di informazione di ASLE-RLST

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ELMETTO GIALLO. Il periodico di informazione di ASLE-RLST"

Transcript

1 L ELMETTO GIALLO Il periodico di informazione di ASLE-RLST n. 3 Gli Rlst svolgono un ruolo sociale tra i lavoratori dell edilizia POSTE ITALIANE SPA SPED. IN ABB. POSTALE ART. 1. COMMA 2 D.L. 24/12/03 N. 353 CONV. IN LEG. N. 46 DEL 27/02/04 - DBC MILANO L Associazione per la Sicurezza dei Lavoratori dell Edilizia delle provincie di Milano, Lodi, Monza e Brianza ha alle sue dipendenze 9 Rappresentanti per la Sicurezza Territoriale (Rlst), che sono a servizio dei lavoratori delle imprese edili e dei datori di lavoro. Da gennaio 2009 ad oggi sono circa 350 le lettere di richiesta pervenute dalle imprese, regolarmente sottoscritte dai lavoratori, per l attivazione del servizio Rlst presso i cantieri di loro competenza. Ciò significa che nel settore edile il lavoro portato avanti da Asle è certamente conosciuto. Ogni anno, infatti, gli Rlst eseguono sui cantieri del territorio delle provincie di Milano, Lodi, Monza e Brianza più di 3000 visite di cantiere, per espletare i compiti che la legge attribuisce alla figura del Rlst, sia dal punto di vista formale, come è ad esempio il controllo della documentazione di cantiere e la sottoscrizione del Piano operativo di sicurezza, sia dal punto di vista della funzione preventiva attraverso l informazione ai lavoratori in materia di salute e sicurezza. Da marzo 2008, poi, è attivo il progetto Asle Incontri di cantiere che si propone anzitutto la sensibilizzazione e la divulgazione della cultura della sicurezza nei cantieri, con un paziente lavoro di scambio di informazioni utili ai lavoratori e di dialogo con i responsabili di cantiere e i datori di lavoro. Lo scopo principale del lavoro del Rlst, dunque, è quello di suscitare in tutti coloro che sono coinvolti nella vita lavorativa che gravita attorno al cantiere edile una speciale attenzione sui temi della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro, promuovendo contestualmente l attuazione delle misure previste dalla legge al riguardo. L Rlst, perciò, provvede ad informare i lavoratori che rappresenta, in materia di salute e sicurezza svolgendo in questo modo un ruolo di carattere più sociale che tecnico, in quanto l obiettivo principale del Rlst in cantiere è quello di incontrare le persone e far loro comprendere l importanza della cultura della sicurezza, che è ben presente nella legislazione italiana ma purtroppo, a volte, ancora troppo poco praticata nelle situazioni concrete. Sommario MARIO IELAPI Presidente ASLE-RLST Pag. 2 Vita da cantiere, occhio a come si lavora per evitare il peggio Pag. 3 Valutare i rischi per la salute dei lavoratori spetta al datore di lavoro Pag. 4 Registro di controllo per le macchine e le attrezzature da lavoro Pag. 5 Sì alla Patente a punti per l edilizia Pag. 5 Passaporto formativo per chi lavora nell edilizia Pag. 6 Lavoratori stranieri in edilizia Pag. 7 Il rilancio dell edilizia sociale è tema di convegno Pag. 8 Conosci il tuo Rlst di Asle zona per zona OTTOBRE 2009 ANNO II - NUMERO 2. PERIODICO TRIMESTRALE A CURA DI ASLE. - AUT. TRIB. DI MILANO N. 764 DEL 30/12/ DIRETTORE RESPONSABILE: LUISA ROTA. REDAZIONE: VIA I. NEWTON, MILANO - FOTO DA ARCHIVIO ASLE. CHIUSO IN REDAZIONE IL 30/10/09. TIRATURA COPIE. IMPAGINAZIONE E STAMPA: MULTIGRAPHIC SRL, ARCORE (MB)

2 Vita da cantiere, occhio a come si lavora per evitare il peggio Il progetto Asle Incontri di cantiere continua C è ancora molto da fare ma i primi risultati si possono già misurare. Come? Valutando positivamente i numerosi segnali che gli Rlst riscontrano nelle migliorate relazioni con i lavoratori e i datori di lavoro coinvolti nel progetto Asle Incontri di cantiere. È infatti aumentato il numero di contatti con le imprese che si avvalgono del servizio di Asle e apprezzano la presenza degli Rlst in cantiere, per l informazione ai lavoratori. Ventidue mesi di attività scanditi da 50 riunioni e fitti contatti informali con i lavoratori, i datori di lavoro, gli Rspp e i preposti. Tutto per attivare la catena della sicurezza, per far comprendere l importanza della responsabilità individuale nella tutela della salute e della sicurezza propria e dei propri colleghi, in cantiere mentre si lavora. Sì, perché la sicurezza dipende anche, e in alcuni casi soprattutto, dai comportamenti che ognuno assume nel lavoro che svolge, pensando, sempre, alle conseguenze che il proprio comportamento può portare a sé e agli altri. Se è possibile eliminare il rischio compiendo correttamente le operazioni previste dalle diverse fasi lavorative, perché rischiare o mettere a repentaglio la nostra incolumità e quella dei colleghi che lavorano con noi? Perché c è poco tempo e bisogna finire al più presto? È chiaro che il gioco non vale la candela. Vale la pena rischiare la vita o l invalidità a causa della fretta, per non aver prestato la necessaria attenzione, per esempio, nel riporre una tavola spostata momentaneamente per eseguire un lavoro e poi mal riposta? Ecco perché gli Rlst negli incontri con i lavoratori in cantiere mettono a fuoco il ruolo del singolo, l importanza per il lavoratore di segnalare il pericolo non appena lo si identifica, parlandone direttamente con il proprio Rspp, il capo cantiere o il preposto. In caso di impossibilità a comunicare direttamente il rischio ai propri superiori è sempre possibile fare una telefonata al proprio Rlst, che si metterà in contatto con la persona giusta per conto dei lavoratori che rappresenta, e farà in modo che la situazione di pericolo sia rimossa il prima possibile. Da destra le due Rlst di Asle Rachele Morlacchi e Monica Gaspari in un incontro di cantiere con i lavoratori della TRC presso il cantiere della COEMI costruzioni, in via Bisceglie a Milano RLS e RLST rappresentano i lavoratori Il D.Lgs 81/08 Testo unico sulla sicurezza nei luoghi di lavoro agli articoli 47, 48, 49 e 50 tratta l argomento relativo ai rappresentanti per la sicurezza dei lavoratori aziendali o di sito produttivo (Rls) e territoriali (Rlst). Gli Rlst sono previsti per le aziende con meno di 15 dipendenti e per tutte le aziende, anche con numero di dipendenti superiore, dove, però, i lavoratori non hanno scelto di eleggere o designare il proprio rappresentante per la sicurezza. GLI ARTICOLI DI LEGGE IN DETTAGLIO Art. 47 comma 1 Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza è istituito a livello territoriale o di comparto, aziendale e di sito produttivo. Art. 47 comma 3 Nelle aziende o unità produttive che occupano fino a 15 lavoratori il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza di norma è eletto direttamente dai lavoratori al loro interno oppure è individuato per più aziende nell ambito territoriale (art. 48 ndr) Art. 47 comma 4 Nelle aziende o unità produttive con più di 15 lavoratori il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza è eletto o designato dai lavoratori nell ambito delle rappresentanze sindacali in azienda. In assenza di tali rappresentanze, il rappresentante è eletto dai lavoratori dell azienda al loro interno. Art. 47 comma 8 Qualora non si proceda alle elezioni le funzioni di rappresentante dei lavoratori per la sicurezza sono eserciate dal rappresentante dei lavoratori per la sicurezza territoriale (artt. 48 e 49 ndr). LE PAGINE DEI LAVORATORI 2 L ELMETTO GIALLO

3 Valutare i rischi per la salute dei lavoratori spetta al datore di lavoro Il binomio digiuno e fatica può essere un pericolo per i lavoratori stranieri? LA DOMANDA È LEGITTIMA SE È VERO CHE, SECONDO IL RAPPORTO IRES-FILLEA 2008, NEL NOSTRO PAESE LA PRESENZA DI LAVORATORI STRANIERI NEL SETTORE EDILE È IN CONTINUO AUMENTO, ARRIVANDO NELLE AREE METROPOLITANE AL ED ANCHE ALL 80% DELLA FORZA LAVORO. È SOPRATTUTTO NELL EDILIZIA - SI LEGGE NEL RAPPORTO - CHE SI REGISTRA UN AUMENTO ESPONENZIALE DEI LAVORATORI IMMIGRATI, CON UN INCREMENTO NEGLI ULTIMI ANNI DI ISCRITTI ALLE CASSE EDILI DEL 400%, UN TREND TALMENTE SOSTENUTO CHE FA IMMAGINARE TRA NON MOLTO UN SETTORE CON MANODOPERA PREVALENTEMENTE STRANIERA. SE SI CONSIDERA, POI, CHE CIRCA IL 15% DEI LAVORATORI STRANIERI IN EDILIZIA È DI RELIGIONE MUSSULMANA È LECITO CHIEDERSI SE DURANTE IL MESE DI RAMADAN DURANTE IL QUALE I MUSULMANI PRATICANTI DIGIUNANO DALL ALBA AL TRAMONTO, PER QUESTI LAVORATORI NON SI CONFIGURI UN RISCHIO REALE, SOPRATTUTTO PER I LAVORI IN QUOTA E LE MANSIONI CHE RICHIEDONO UNA CONSIDEREVOLE FATICA FISICA. L art. 27 del D.Lgs 81/08 dice a chiare lettere che uno dei compiti del datore di lavoro è quello di valutare tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori ivi compresi quelli riguardanti gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari, tra cui anche quelli collegati allo stress lavoro-correlato (oggi rinviato al 01 agosto 2010), secondo i contenuti dell accordo europeo dell 8 ottobre 2004, alle differenze di genere, all età, alla provenienza da altri paesi. L art. 27 si può definire norma aperta, in quanto lascia in capo al datore di lavoro l onere di analizzare l intero ciclo produttivo e tutto ciò che di dannoso può scaturirne per la sicurezza e la salute dei lavoratori. Occorre, però, che tale esame sia poi seguito dalle adeguate Operai entrano in cantiere dopo la pausa pranzo misure di prevenzione e protezione atte a eliminare o ridurre i rischi rendendoli, così, accettabili. Si tratta di un compito sicuramente gravoso, e bene lo sanno i datori di lavoro di tutte le attività, anche quelle apparentemente più semplici dove, comunque, possono subentrare numerose variabili di rischio che a volte nemmeno il consulente più esperto riesce a identificare e fronteggiare. Oggi, per affrontare il problema, ci si basa sui dati forniti dall esperienza, sull analisi degli infortuni, accaduti e mancati, e su altri parametri come, ad esempio, quelli relativi al ciclo produttivo. Possiamo quindi dire che si stanno compiendo i primi passi importanti verso una seria attività di prevenzione. Tuttavia non è ancora possibile affermare che la situazione sia soddisfacente. Il campo edile, come noto, richiede notevole impegno fisico ed i lavoratori stranieri, e tra loro anche i musulmani, spesso svolgono solo questo genere di attività pesanti. Proviamo a pensare a una attività fisicamente faticosa e svolta magari sotto il sole cocente dei mesi estivi come sono, ad esempio, gettare una soletta, allestire un ponteggio o fare un trasloco e immaginiamo lo sforzo di un atleta in occasione di un allenamento. Le due cose non si discostano troppo: la prima è forse meno intensa ma più prolungata. Del resto anche Sissoko, il famoso giocatore della Juventus soprannominato il carro armato per la sua potenza fisica, a settembre (2008) dichiarò che in occasione del periodo di Ramadan non riusciva a rendere come al solito poiché si sentiva molto stanco. Se, dunque, risente negativamente del digiuno un calciatore super controllato e coccolato dallo staff medico di una ricca squadra di serie A, figuriamoci come deve sentirsi un lavoratore edile che è costretto a prestare la sua opera per un minimo di 8 e fino a 12 ore giornaliere. LE PAGINE DEI LAVORATORI L ELMETTO GIALLO 3

4 Registro di controllo per le macchine e le attrezzature da lavoro Lo prevede il Testo unico sulla sicurezza all articolo 71 Il Testo unico sulla sicurezza, D.Lgs. 81/08 all art lettera Z dispone che venga effettuata una regolare manutenzione delle attrezzature di lavoro in conformità alle indicazioni dei produttori. L art. 71 comma 4, inoltre, precisa due aspetti importanti. Per garantire la permanenza dei requisiti di sicurezza nel tempo, tutte le attrezzature di lavoro devono essere sottoposte a idonea manutenzione come è indicato nel libretto di uso e manutenzione a corredo, rilasciato dal costruttore (art.71 comma 4, a). Inoltre, il datore di lavoro deve farsi carico della tenuta e dell aggiornamento del registro di controllo (art.71 comma 4, b), su cui riportare tutte le operazioni di manutenzione delle attrezzature di lavoro. Sempre all art. 71 al successivo comma 8, con la finalità di assicurare una corretta installazione e un buon funzionamento delle attrezzature si richiede al datore di lavoro un controllo iniziale al termine dell installazione e prima della messa in esercizio dell attrezzatura e un controllo eccezionale dopo un nuovo montaggio in un nuovo cantiere. Per le attrezzature soggette a deterioramenti (da agenti atmosferici, urti ecc.) sono richiesti interventi di controllo periodici desunti dalle indicazioni dei fabbricanti e interventi di controllo straordinari in occasione di eventi eccezionali come il verificarsi di grandi incidenti, di riparazioni o trasformazioni dell attrezzatura stessa. L allegato VII, infine, riporta che le grandi attrezzature di lavoro devono essere sottoposte a verifiche obbligatorie da parte dell Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza sul Lavoro (Ispsel) in prima battuta e dell Asl successivamente. A prescindere dalla conformità costruttiva che deve essere garantita dai fabbricanti, tutti gli interventi di controllo devono essere operati da personale tecnico competente al fine di assicurare il buon stato di conservazione e l efficienza delle attrezzature anche in relazione a dispositivi di sicurezza. Tutti gli interventi di controllo sulle macchine e i relativi risultati devono essere riportati sul registro di controllo. La parola a Franco Gullo Vice presidente del Comitato paritetico territoriale (Cpt) nazionale, e segretario nazionale Feneal - Uil CANTIERI PUBBLICI. A MONZA STIPULATO ACCORDO TRA COMUNE E PARTI SOCIALI PER LA REGOLARITÀ NEI CANTIERI EDILI Segretario Gullo, cosa pensa dell accordo stipulato tra i sindacati dell'edilizia e il Comune di Monza? Per correttezza verso il Comune di Monza voglio ricordare che da tempo dimostra attenzione e sensibilità ai problemi sollevati dal sindacato circa la regolarità, la salute e sicurezza dei lavoratori. Ritengo positivo l accordo ed auspico che possa essere condiviso da altre stazioni appaltanti, ma la cosa fondamentale è la sua piena attuazione. A suo parere quali sono le strategie che gli Enti paritetici possono mettere in campo per instaurare rapporti virtuosi con i Comuni e le istituzioni, al fine di vigilare sulla sicurezza e sulla regolarità nei cantieri edili? È fondamentale un forte impulso delle parti sociali, ad esempio l accordo con il comune di Monza va in quella direzione, e poi è necessario un impegno determinato della presidenza teso a costruire rapporti collaborativi con i comuni e le istituzioni, per facilitare azioni sinergiche tra i vari soggetti seppur nell autonomia di funzione. A questo riguardo il D.Lgs. 81/08 e i CCNL offrono grandi opportunità. In veste di vice Presidente del Cpt nazionale, ci dice secondo Lei quale dovrebbe essere il giusto rapporto tra il Comitato paritetico e il ruolo del Rlst per garantire gli adempimenti in ordine alla sicurezza sul lavoro? Il giusto rapporto tra il Comitato paritetico ed il ruolo del Rlst lo hanno determinato le parti sociali ed il Legislatore, basti pensare che il Comitato paritetico ha il ruolo che il contratto gli assegna basato sulla volontà delle parti stesse, mentre il Rlst è una figura di espressione sindacale. Egli è, infatti, il delegato dei lavoratori per la sicurezza territoriale con un ruolo che gli consegna il legislatore (Cfr. D.Lgs. 81/08 artt. 47, 48, 49, 50 a pag. 2 ndr).i due soggetti non sono sostitutivi, ma non devono sovrapporsi, anzi devono trovare sedi di confronto e collaborazione per azioni virtuose. PER LA SALUTE E LA SICUREZZA 4 L ELMETTO GIALLO

5 D.LGS 106/09 ACCOGLIE LE ISTANZE DEL MANIFESTO PER LA SICUREZZA Sì alla patente a punti per l edilizia Commenta Franco Turri segretario nazionale Filca Cisl IL D.LGS 106/09 DEL 5 AGOSTO ACCOGLIE LA PATENTE A PUNTI PER L'EDILIZIA E IL PASSAPORTO FORMATIVO DEI LAVORATORI, PROPOSTI A MAGGIO DA FENEAL-UIL, FILCA-CISL E FILLEA-CGIL AGLI STATI GENERALI DELL EDILIZIA. LA PATENTE A PUNTI È ISTITUITA PER LE IMPRESE E I LAVORATORI DEL SETTORE EDILE. IL SUO FUNZIONAMENTO E LE REGOLE DEL GIOCO SARANNO STABILITE IN UN SUCCESSIVO DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. IN LINEA DI PRINCIPIO LA PATENTE AVRÀ LO SCOPO DI LASCIARE AI MARGINI DEL MERCATO LE AZIENDE MENO ATTENTE ALLA PROBLEMATICA DELLA SICUREZZA E PREMIARE INVECE QUELLE MENO SANZIONATE E CHE INVESTONO MAGGIORMENTE PER LA PREVENZIONE E LA TUTELA DELLA SALUTE DEI PROPRI LAVORATORI. AD OGNI SANZIONE RICEVUTA A SEGUITO DI ACCERTATA VIOLAZIONE DELLA LEGGE SARANNO DECURTATI DEI PUNTI DALLA PATENTE. L'AZZERAMENTO DEI PUNTI DALLA PATENTE COMPORTERÀ L'IMPOSSIBILI- TÀ DI OPERARE NEL SETTORE DELL'EDILIZIA, MENTRE LE AZIENDE VIRTUOSE SARANNO PREMIATE CON L'ACCESSO A FINANZIAMENTI PUBBLICI E CON UNA CORSIA PREFE- RENZIALE IN CASO DI PARTECIPAZIONE A GARE DI APPALTO PUBBLICHE. G rande soddisfazione per l esito positivo ottenuto con la pubblicazione del D.Lgs 106/2009 del 5 agosto 2009, che contempla tra le novità l introduzione della Patente a punti per le imprese del settore edile e il Libretto formativo del lavoratore. Per quanto riguarda la patente a punti si tratta di un provvedimento premiale, che fornisce al settore uno strumento in più per far fronte al problema della sicurezza sui cantieri e ridurre, così, il rischio per i lavoratori. Come ho già avuto modo di affermare il problema della sicurezza nei cantieri edili è un fatto soprattutto organizzativo e l introduzione della patente a punti è buona cosa, perché favorisce l affermazione delle aziende virtuose che investono in prevenzione e sicurezza. Certo, ciò non è sufficiente ad arginare il fenomeno, ma rappresenta un importante passo avanti soprattutto se unito alle 16 ore obbligatorie di formazione previste dal CCNL e inserite nel Libretto formativo del lavoratore. Nel Protocollo d intesa del 5 marzo 2009 e nel Manifesto per la sicurezza nei luoghi di lavoro presentato a Roma l 11 giugno 2009, nonché nelle proposte che FeNeal, Filca e Fillea hanno fatto nei mesi scorsi alla Commissione Parlamentare d inchiesta sugli infortuni sul lavoro si parla anche di maggiore qualificazione della formazione per Rls e Rlst, dell introduzione delle figure di Rls e Rlst di sito produttivo (già prevista dal D.Lgs 81/08 all art. 47 a pag. 2 ndr.) e dell introduzione del concetto di offerta economicamente più vantaggiosa tra i parametri di assegnazione degli appalti, per superare il concetto del massimo ribasso, che favorisce il taglio dei costi sulla sicurezza. Si tratta di proposte sulle quali è opportuno dialogare e riflettere se si vuole seriamente affrontare il problema della sicurezza nei luoghi di lavoro, e che dovranno essere sempre riproposte nella dialettica tra le parti sociali a tutti i livelli di contrattazione: nazionale, territoriale e aziendale. ROMA. Rlst a convegno Rls e Rlst dell Edilizia riuniti da FeNeal, Filca e Fillea l 11 giugno 2009 Passaporto formativo per chi lavora nell'edilizia Stralcio di un articolo pubblicato su il 02/10/2009 Un corso di formazione obbligatorio di 16 ore e un libretto formativo: una sorta di "passaporto" che certifica il profilo professionale per tutti i nuovi lavoratori edili. Sono queste le iniziative presentate a Roma, in occasione dell'apertura delle giornate per la formazione nell'edilizia organizzate da INAIL, Formedil (l'ente nazionale per la formazione e l'addestramento professionale nell'edilizia), Ministero del Lavoro e Conferenza Stato-Regioni. Entrambe le iniziative fanno parte delle strategie previste dal contratto nazionale del settore. Tutti gli operai che, per la prima volta, mettono piede in un cantiere saranno obbligati a frequentare un corso di preparazione di 16 ore. L'obiettivo primario è quello di ridurre la possibilità di infortuni. Dopo i primi otto mesi di sperimentazione hanno già frequentato i corsi oltre 15mila allievi, appartenenti a circa 13mila aziende. Le 16 ore saranno legate al Libretto formativo del lavoratore, già previsto dalla legge Biagi e che viene rilanciato dal recente decreto legislativo 106 pubblicato lo scorso 5 agosto. Alla base del libretto vi è la creazione di una banca dati dove sono inseriti tutti i lavoratori con le loro rispettive competenze. Con la banca dati verrà garantito da parte di tutte le scuole, entro la fine del 2009, il censimento delle competenze di ogni singolo lavoratore sulla base di un repertorio nazionale condiviso. Il Libretto sarà rilasciato dalla scuola edile nell'ambito della prima occasione formativa come stampa automatica della posizione dell'utente risultante dalla banca dati e sarà in continua evoluzione. La responsabilità di aggiornamento è della scuola, che di volta in volta lo rilascia al lavoratore, il quale deve provvedere a sostituirlo al vecchio. PER LA SALUTE E LA SICUREZZA L ELMETTO GIALLO 5

6 Lavoratori stranieri in edilizia Il punto di Walter Schiavella Intervista al segretario generale nazionale Fillea Cgil Per il rapporto Ires/Fillea 2008 la presenza di lavoratori stranieri in edilizia è in continuo aumento, sino ad arrivare in alcuni casi, aree metropolitane, all 80% della forza di lavoro. Dal suo osservatorio conferma la tendenza in atto anche per il 2009? Dal 2000 al 2008 il numero di lavoratori migranti iscritti nelle Casse Edili è aumentato di 7 volte. Un trend di crescita che prosegue anche per il La loro presenza varia a seconda dei territori, in alcuni abbiamo raggiunto il 70% di migranti tra i nuovi iscritti, in particolare nel Nord Est, nel Lazio siamo al 50%, al Sud percentuali minori ma sempre in aumento. Un aspetto importante, invece, è dato dalle qualifiche: tra gli operai comuni 30 lavoratori su 100 sono migranti mentre per gli operai di IV livello il numero scende enormemente, 4 su 100. Crescono poi del 68% i contratti di apprendistato per i lavoratori stranieri. Due dati che dicono con chiarezza quale sia il vantaggio per le imprese edili italiane: avere manodopera straniera - ovvero lavoratori più ricattabili e ricattati, possibilmente anche non sindacalizzati - significa risparmiare sui costi del lavoro. E chi ritiene che il lavoro sia un costo, molto spesso considera un costo anche la sicurezza. I dati Inail dicono che gli infortuni nel 2008 sono diminuiti, ma colpiscono di più i lavoratori stranieri. È vero? L'Inail conferma che a fronte di una tendenza alla diminuzione di infortuni, cresce la percentuale di incidenti che coinvolgono i migranti. Solo nell'edilizia nel 2008 gli infortuni sono stati 90mila, quasi il 14% i migranti, percentuale che sale a poco meno del 25% per gli infortuni mortali. A conferma di quanto dicevo prima sulla tendenza delle aziende a tagliare i costi del lavoro e della sicurezza, il rischio maggiore di infortuni è nelle microimprese, in particolare quelle che lavorano nei cantieri in subappalto. E qui, tocco un altro aspetto, quello che considero la madre dell'infortunio sul lavoro nell'edilizia, il massimo ribasso, ovvero quel sistema distorto che impone nelle gare un criterio basato sul risparmio. E quando si deve risparmiare, si taglia sui materiali (le case che cadono come fossero carte da gioco all'aquila ne sono una dimostrazione tragica), sul personale (il lavoro nero, il lavoro grigio, gli straordinari fuori busta, l'orario di lavoro non rispettato, i ritmi di produzione incessanti), sulla sicurezza (non solo per le protezioni individuali e per quelle di cantiere, ma anche sulla formazione). Ecco, se si vuole fare qualcosa è da qui che bisogna partire, dal superamento delle gare al massimo ribasso. Per concludere su questo aspetto, voglio ricordare che per i migranti le statistiche sull'andamento infortunistico sono ancora relative. Questo perché una fetta consistente di lavoro è in nero, ciò significa che numerosi incidenti sul lavoro non vengono denunciati, e sempre più spesso - ce lo segnalano in molti territori - il datore di lavoro, nella migliore delle ipotesi, "indennizza" direttamente il lavoratore con una manciata di euro, quando non lo abbandona negandogli il lavoro. Accade anche, come le cronache ci raccontano, che davanti a un pronto soccorso si trovi un migrante morto o che, come è accaduto pochi mesi fa in Sicilia, lo si butti per strada facendolo credere vittima di un pirata della strada. La situazione per i migranti nei nostri cantieri è disumana, e non si fa nulla per intervenire, a cominciare dalle ispezioni, drammaticamente ridotte per il Che tipo di mansioni svolgono gli stranieri in edilizia? A questa domanda, in parte ho già risposto. La gran parte dei lavoratori migranti vengono inquadrati al livello più basso e lì restano, svolgendo sempre mansioni superiori a quelle dichiarate e con possibilità di carriera molto ridotte rispetto ai colleghi di nazionalità italiana Abbiamo già detto del lavoro nero, ma un altro aspetto inquietante è rappresentato da nuove forme contrattuali che, soprattutto in questo periodo di crisi, si stanno diffondendo. Una di queste è la partita Iva. È di questi giorni una denuncia che come Fillea abbiamo fatto a La Spezia, dove sempre più spesso troviamo lavoratori disperati che vengono obbligati dai loro datori di lavoro a diventare impresa individuale per poter portare a casa mille euro. Quali sono le misure messe in campo per contrastare il fenomeno? Il contrasto al lavoro nero e dell illegalità, anzitutto, che significa un impegno straordinario, in termini di risorse e personale, nei controlli da parte degli ispettori del lavoro e delle Asl. Fino a quando una ditta ha la certezza di rischiare un controllo in media ogni 20/30 anni, l'atteggiamento sarà sempre quello di tentare di eludere le regole. Una cultura delle regole e della legalità, dunque. Dobbiamo finirla con il paese dei furbetti ma affermare i valori sani della qualità del lavoro e del produrre, così come molte imprese tentano di praticare. E a proposito delle imprese sane, occorre sostenerle affinchè si affermino nel mercato italiano e sconfiggano l'impresa illegale. Per fare questo c'è bisogno di uno stato che con autorevolezza imponga regole. Il contrario di quello che oggi sta accadendo, purtroppo. PER LA SALUTE E LA SICUREZZA 6 L ELMETTO GIALLO

7 Il rilancio dell edilizia sociale è tema di convegno Risposta ai bisogni della popolazione e strumento di sviluppo per la città AFFRONTATO DAGLI STATI GENERALI DELL EDILIZIA SVOLTISI A ROMA IN MAGGIO, IL PIANO D INTERVENTI PER L EDILIZIA SOCIALE ED ECONOMICO RESIDENZIALE È STATO OGGETTO DI APPROFONDIMENTO ANCHE NEL CONVEGNO DAL TITOLO UNA POLITICA ABITATIVA PER USCIRE DALLA CRISI, ORGANIZZATO IL 7 MAGGIO 2009 A MILANO DA UIL MILANO E LOMBARDIA E DA FENEAL UIL MILANO. Di seguito riportiamo alcuni stralci tratti dalla relazione di sintesi del convegno UIL. Oggi lo stock di abitazioni di edilizia residenziale pubblica disponibili è nettamente inferiore sia alla domanda espressa che a quella potenziale. Con il Decreto del dicembre 2007 sul programma straordinario di edilizia residenziale pubblica e poi l'art. 11 del Decreto Tremonti del luglio 2008, Piano Casa (firmato dal Presidente del Consiglio il 21 luglio 2009 ndr.), il problema della casa è tornato d attualità per il governo con attenzione soprattutto all edilizia sovvenzionata. Il 16 luglio 2009 la Regione Lombardia ha approvato la Legge regionale n. 13 (ndr.), che contiene un consistente pacchetto di finanziamenti e di interventi differenziati per l'edilizia residenziale pubblica ed il sostegno agli affitti. La crisi dell edilizia sociale Oggi l emergenza sta nell edilizia residenziale pubblica e nell edilizia economica. La domanda di abitazione, negli ultimi anni, è profondamente mutata. Innanzitutto vi è la domanda degli immigrati che, in Lombardia, assorbe il 46% delle domande di FSA ed il 39% di quelle per l ERP. La struttura delle famiglie è cambiata, si è verificato un fenomeno di aumento delle famiglie durato a lungo anche in situazione di stasi demografica e che ha molto sostenuto l edilizia. Oggi le famiglie sono formate da pochi componenti: in Lombardia nel 1971 la media delle famiglie contava più di 3 componenti, nel 2001 è scesa a 2,5 componenti, nel 2003 a 2,3 componenti. Le famiglie composte da una sola persona sono il 27% del totale, quelle composte da 2 persone il 30%. La domanda espressa da queste micro famiglie è diversa da quella tradizionale dell ERP, cui invece si avvicina di più quella degli immigrati. A tutti questi bisogni il patrimonio attuale di ERP fa fronte per il 58% della domanda complessiva ed il 70% di quella relativa alle richieste presentate. Nuove fasce di popolazione sono entrate nell area del bisogno, si è allargata l area delle famiglie troppo ricche per beneficiare dell edilizia residenziale pubblica ma troppo povere per acquistare una casa al libero mercato. E questo fenomeno investe anche nuovi ceti sociali. Anche i ceti ad alto livello d istruzione sono ormai in parte sconfinati nell area del bisogno. Non si tratta solo di studenti fuori sede, giustamente compresi nelle categorie destinatarie dell edilizia sociale, ma di giovani laureati, ricercatori universitari all inizio della loro carriera, giovani coppie di laureati. Si tratta però di ceti sociali strategici per lo sviluppo futuro e la capacità d innovazione delle città. Soprattutto per Milano questa situazione pone serie preoccupazioni per il futuro. La città, che è sempre stata anche luogo di immigrazione intellettuale oltre che di lavoro, ora può paventare la scarsità delle risorse umane più preziose per costituire la sua futura classe dirigente. Edilizia sociale come strumento per lo sviluppo Questa situazione complessa fa emergere la portata strategica del problema della casa ed il significato della trasformazione che è avvenuta. Dare case a costi affrontabili sia di edilizia pubblica, che non, non è più semplice risposta ad una domanda già manifestata, ma strumento per costruire il futuro di una città. Oggi le amministrazioni sono maggiormente impegnate in modo diretto nel futuro della città; devono saper richiamare attività e popolazione, hanno, più di prima, l onere della scelta tra le possibili strategie. Di tutto questo la politica della casa è divenuta strumento fondamentale, al pari della politica dei trasporti. In breve, oggi l edilizia sociale non serve solo a recuperare fabbisogni arretrati, ma anche a disegnare la nuova città, inserendovi i necessari elementi di trasformazione strutturale. NON SOLO ASLE L ELMETTO GIALLO 7

TRIBUNALE DI MILANO LINEE GUIDA IN MATERIA DI AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO

TRIBUNALE DI MILANO LINEE GUIDA IN MATERIA DI AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO TRIBUNALE DI MILANO LINEE GUIDA IN MATERIA DI AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO LINEE GUIDA IN MATERIA DI AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO Le linee guida sono state realizzate dal Gruppo di lavoro Volontaria Giurisdizione

Dettagli

Campionati INVERNO & PRIM 2013-2014 - PGS - FIPAV

Campionati INVERNO & PRIM 2013-2014 - PGS - FIPAV U12 Sab 19 Ottobre a h15,00 SEDRIANESE -ASCOR BETTOLINO 4-1. Genitori U16F Sab 19 Ottobre h18,00 AMAZZONI - ASCOR BETTOLINO 3-0 Genitori U16M Dom 20 Ottobre h10,00 AG MILANO - ASCOR BETTOLINO Genitori

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

GARA N 8 - CADETTE 1989/90 - mt 1500 - CLASSIFICA 1989 CLASSIFICA 1990

GARA N 8 - CADETTE 1989/90 - mt 1500 - CLASSIFICA 1989 CLASSIFICA 1990 GARA N 8 - CADETTE 1989/90 - mt 1500-1 LEONARDI GIULIA 5 CERCHI SEREGNO 1990 2 SERQUEIRA LEINA AICS BIASSONO 1990 3 MANZONI SILVIA GSA BRUGHERIO 1989 4 TAINO ALBA POL. NOVATE 1990 5 SCIARRINO VALENTINA

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Ricerca finalizzata 2009 Ministero della Salute

Ricerca finalizzata 2009 Ministero della Salute OBIETTIVI(1) Miglioramento della Qualità delle inchieste infortunio svolte dal SPSAL della ASL di Milano attraverso l utilizzo di indicatori e dei flussi informativi INAIL OBIETTIVI(2) Garantire Omogeneità

Dettagli

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come Breve riassunto operativo per la notifica: 1. La comunicazione all INAIL riguarda gli RLS in carica alla data del 31/12/2008. 2. Se non vi sono RLS in carica in tale data, non va effettuata alcuna comunicazione.

Dettagli

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione 20 novembre 2013 Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione PRINCIPALI INTERVENTI SU GOMMA PREVISTI NELLA REGIONE URBANA MILANESE La rete in gestione:

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione Generale per il mercato del lavoro Direzione Generale per l innovazione tecnologica e la comunicazione Diario degli aggiornamenti 17/07/2008 17/07/2008

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

LINEA 61 MILANO M3 - SAN ROCCO AL PORTO

LINEA 61 MILANO M3 - SAN ROCCO AL PORTO LINEA 61 MILANO M3 - SAN ROCCO AL PORTO codice corsa 1 3 5 7 201 9 11 13 15 173 21 203 17 23 181 25 175 27 29 35 37 39 41 167 43 45 227 azienda STAR STAR LINE LINE LINE LINE STAR STAR STAR LINE STAR STAR

Dettagli

LIBRETTO ORARI I LINEA Z301 IN VIGORE DAL 06-04-15

LIBRETTO ORARI I LINEA Z301 IN VIGORE DAL 06-04-15 I I I LIBRETTO ORARI I LINEA Z301 IN VIGORE DAL 06-04-15 Per informazioni: NET NordEst Trasporti Num.Verde 800-90.51.50 ore 7.30-19.30 tutti i giorni Z301 Z301-As MILANO - BERGAMO... 4 Z301-Di BERGAMO

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

CALENDARIO DEFINITIVO Campionato: Under 17 Maschile Fase : Italiana A/R Girone : Girone C Gara N Squadra A Squadra B Giorno Data Ora

CALENDARIO DEFINITIVO Campionato: Under 17 Maschile Fase : Italiana A/R Girone : Girone C Gara N Squadra A Squadra B Giorno Data Ora FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO CR LOMBARDIA COMUNICATO UFFICIALE N. --- DEL 17/10/2013 UFFICIO GARE N. --- 1 Giornata di andata 9118 OSAL NOVATE VERDE GS BK PADERNO Dom 20/10/2013 17:30 Palestra -

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 1 di 9 Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Determinazione n.3/2008 Del 5 marzo 2008 Sicurezza nell esecuzione degli appalti relativi a servizi e forniture. Predisposizione

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Viale E. Fermi, 105 20900 Monza tel: 039/262.30.1 - fax: 039/2140074 brianzacque@legalmail.it www.bianzacque.it

Viale E. Fermi, 105 20900 Monza tel: 039/262.30.1 - fax: 039/2140074 brianzacque@legalmail.it www.bianzacque.it Committente: Viale E. Fermi, 105 20900 Monza tel: 039/262.30.1 - fax: 039/2140074 brianzacque@legalmail.it www.bianzacque.it Viale E. Fermi, 105 20900 Monza tel: 039/212251 - fax: 039/2109334 http//www.alsispa.it

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

ACCORDO QUADRO SINDACALE PROVINCIALE SULLA MATERIA DEI CONTRATTI PART TIME INTEGRATIVO AL CCNL TURISMO PARTE SPECIALE PUBBLICI ESERCIZI

ACCORDO QUADRO SINDACALE PROVINCIALE SULLA MATERIA DEI CONTRATTI PART TIME INTEGRATIVO AL CCNL TURISMO PARTE SPECIALE PUBBLICI ESERCIZI ACCORDO QUADRO SINDACALE PROVINCIALE SULLA MATERIA DEI CONTRATTI PART TIME INTEGRATIVO AL CCNL TURISMO PARTE SPECIALE PUBBLICI ESERCIZI Il giorno 4 Febbraio 2003 presso la sede dell Ascom Provinciale in

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

in data I ottobre 2OO9 d stato siglato il verbale di accordo relativo all'istituzione della trasferta regionale in Abruzzo;

in data I ottobre 2OO9 d stato siglato il verbale di accordo relativo all'istituzione della trasferta regionale in Abruzzo; Il giomo 26 novembre 2OO9 si sono incontrati a Pescara, presso la sede dell,ance, i sottoscritti : Gennaro Strever, Presidente Ance Abruzzo Gianni Panza Segretario FENEAL llil Abruzzo Lucio Girinelli,

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

AVVISO AGLI UTENTI. Autolinea z150 Cantù Milano (Comasina M3) Transito dalla stazione di Camnago - Lentate

AVVISO AGLI UTENTI. Autolinea z150 Cantù Milano (Comasina M3) Transito dalla stazione di Camnago - Lentate AP AU nr. 11/2015 AVVISO AGLI UTENTI Data emissione 21 Gennaio 2015 Autolinea z150 Cantù Milano (Comasina M3) Transito dalla stazione di Camnago - Lentate Si informa la Gentile Clientela che a partire

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

http://www.tassisto.it/

http://www.tassisto.it/ F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TASSISTO FRANCESCO Indirizzo VIA MARTIRI DELLA LIBERAZIONE, 80/2A 16043 CHIAVARI Telefono 0185325331 Cellulare

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

CURRICULUM ARTISTICO Associazione Culturale. Tutti all... Opera

CURRICULUM ARTISTICO Associazione Culturale. Tutti all... Opera CURRICULUM ARTISTICO Associazione Culturale Tutti all...opera Generalità: Nome: Tutti all... Opera Sede Legale: Via Enrico Fermi, 2-20090 Opera (Mi) Sede Operativa: Via di Vittorio, 78 Opera (MI) Telefono:

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI Nome TARZIA SALVATORE Telefono 0961 857310 Fax 0961 857279 E mail s.tarzia@regcal.it Nazionalità Luogo di Nascita Data di

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro Indagine nazionale sulla salute e sicurezza sul lavoro Servizi di Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro PREMESSA La legge L. 833/1978 ha istituito il Sistema Sanitario Nazionale (SSN) e successive norme

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013 64 Bollettino Ufficiale D) ATTI DIRIGENZIALI Giunta regionale D.G. Salute Circolare regionale 25 ottobre 2013 - n. 20 Indicazioni in ordine all applicazione dell accordo tra governo, regioni e province

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il SCHEMA DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE Spett.le COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE Ufficio Lavori Pubblici Piazza 28 ottobre 1918, n. 1 31025 Santa Lucia di Piave (TV) comune.santaluciadipiave.tv@pecveneto.it.

Dettagli

MORTI BIANCHE/ SENATORI PD, NUOVO GOVERNO PROSEGUA LAVORO

MORTI BIANCHE/ SENATORI PD, NUOVO GOVERNO PROSEGUA LAVORO Pagina 1 di 5 Giovedì, 8 Maggio 2008 Notizie Web Politica NOTIZIE Cronaca Economia Esteri Politica Scienze e Tech Spettacoli Sport Top New MORTI BIANCHE/ SENATORI PD, NUOVO GOVERNO PROSEGUA LAVORO Presentata

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

(1) Livello Inquadramento

(1) Livello Inquadramento di Mutualità ed Assistenza MACERATA Via Gramsci, 38 Tel. 0733 230243 Fax. 0733 232145 E mail: info@cassaedilemacerata.it www. cassaedilemacerata.it DATI ANAGRAFICI DEL LAVORATORE ( per i nuovi assunti

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente

Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente sulla sicurezza nei cantieri Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente GLI ENTI BILATERALI DELLA PROVINCIA DI L AQUILA CASSA EDILE località san Vittorino - s.s. 80 km 9 n 61 l aquila tel.

Dettagli

Prot. n. 55 Roma, 20 luglio 2012

Prot. n. 55 Roma, 20 luglio 2012 Prot. n. 55 Roma, 20 luglio 2012 A tutte le Strutture Filctem-Flaei-Uilcem Lor o Sedi Oggetto: Protocollo di Relazioni Industriali ENEL Nel pomeriggio del 17 luglio, in un incontro che, oltre le Segreterie

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE.

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. Parte prima Premessa Il presente accordo assume la disciplina generale

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento?

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento? IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI A chi mi rivolgo? L' dell garantisce a tutti i soggetti interessati l'esercizio dei diritti d informazione e di accesso ai documenti amministrativi, e favorisce la conoscenza

Dettagli

COMUNICAZIONE VOLTURA DI DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA O DI SEGNALAZIONE CERTIFICA DI INIZIO DELL ATTIVITA

COMUNICAZIONE VOLTURA DI DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA O DI SEGNALAZIONE CERTIFICA DI INIZIO DELL ATTIVITA COMUNE DI MASER (TV) ESENTE da Marca da bollo COMUNICAZIONE VOLTURA DI DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA O DI SEGNALAZIONE CERTIFICA DI INIZIO DELL ATTIVITA Il/La sottoscritto/a: DA COMPILARSI IN CASO DI PERSONA

Dettagli

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti CIRCOLARE N. 40/E Direzione Centrale Normativa Roma, 8 ottobre 2012 OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti Premessa

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI

INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Perché Sicurezza e Igiene del Lavoro? Tutela della salute dei lavoratori La salute, intesa come lo stato di

Dettagli

FPA PROGETTI. presentazione SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971

FPA PROGETTI. presentazione SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971 presentazione FPA PROGETTI SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971 1 1. DATI SOCIETÀ FPA PROGETTI SRL SEDE IN MILANO VIA PALMANOVA 24 20132 TEL.02/2360126 02/26681716

Dettagli