IL MENSILE DELLE SECONDE GENERAZIONI WEB. istockphoto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL MENSILE DELLE SECONDE GENERAZIONI WEB. istockphoto"

Transcript

1 Y A L L A I T A L I A IL MENSILE DELLE SECONDE GENERAZIONI istockphoto WEB INTEGRATION La redazione di Yalla Italia questo mese ha puntato gli occhi aldilà delle frontiere. Per indagare sui network che stanno costruendo nuove comunità. E che combattono discriminazioni e tabù. Nei Paesi arabi come nei Paesi occidentali. Modelli di nuova organizzazione sociale che potrebbero essere imitati anche in Italia

2 34 EDITORIALE VIVERE LE DIMENSIONI DEL MONDO DI PAOLO BRANCA Una delle acquisizioni che ha contribuito in misura determinante allo sviluppo dell Occidente è stata sicuramente l incremento delle conoscenze sulla base di indagini obiettive e approfondite. Sarebbe un errore considerare tale conquista in contrapposizione alle certezze proprie della fede, come ancora spesso si sente purtroppo affermare. La sfida del cosiddetto multiculturalismo non potrà essere validamente affrontata senza attingere, con umiltà ma anche con determinazione, a tale dinamica di costante rigenerazione. Sorprendentemente, quanti si trovano in un certo senso in prima linea rispetto a tale fronte d impegno - come gli insegnanti, gli operatori sociali e gli stessi pastori - si trovano per lo più sprovvisti di ausili che li possano coadiuvare in tale difficile compito. Più in generale, nonostante il numero impressionante di iniziative che ad ogni livello vengono promosse su questa tematica, il nostro Paese dimostra preoccupanti carenze negli strumenti di base indispensabili alla formazione di quanti si trovano coinvolti in un simile fenomeno. I richiami alla vocazione mediterranea dell Italia restano vuote frasi retoriche, non soltanto inutili, ma potenzialmente fuorvianti, in quanto lasciano credere che la nostra posizione geografica possa garantirci da sé la capacità di assolvere adeguatamente un ruolo che richiede invece ben altre assunzioni di responsabilità. La stessa proliferazione di volumi sul fondamentalismo islamico seguita ai tragici attentati dell 11 settembre potrebbe risultare una cortina fumogena che maschera l assenza, nella nostra lingua, di testi di riferimento per una conoscenza almeno elementare del mondo in cui quegli atti di spaventosa violenza distruttrice sono maturati. Se si eccettuano alcune aree nelle quali l Italia è stata direttamente coinvolta durante il periodo coloniale, per la maggioranza dei Paesi arabi e musulmani non esistono studi organici, specialmente per quanto riguarda la storia moderna e contemporanea. Un Paese come l Egitto, nonostante sia il maggiore Stato arabo per popolazione e uno dei più importanti per le vicende recenti dell area mediorientale, continua ad essere considerato principalmente, se non esclusivamente, la patria dei Faraoni, quando non si riduce a venir identificato con le località balneari alla moda sulle coste del Mar Rosso. Le storie della letteratura araba sono da anni esaurite e non più ristampate... e si potrebbe continuare. L orientalismo italiano, che pure ha avuto in passato nomi di statura internazionale, è diventato l ombra di se stesso, così come le nostre sedi diplomatiche e gli istituti italiani di cultura si riducono spesso alla normale amministrazione. Lasciare alla buona volontà e all improvvisazione dei singoli la gestione di questo fenomeno dimostra una miopia e una leggerezza preoccupanti. Quel che maggiormente rincresce è la mancanza di consapevolezza che proprio in casa nostra, per un fortuito caso della storia o secondo gli imperscrutabili disegni della Provvidenza, passa il fronte dell incontro di due grandi tradizioni culturali e religiose chiamate nuovamente a confrontarsi. Che facciano parte del gioco anche il timore da parte degli uni di essere invasi e degli altri di essere assimilati è del tutto legittimo, ma si tratta di reazioni naturali al primo impatto che non possono e non devono esaurire il discorso. Anche la bella esperienza di Yalla Italia non può ridursi ad essere una sorta di valvola di sfogo di vissuti pur interessanti e sottovalorizzati. Ci siamo dati il compito di guardare oltre le nostre frontiere, non solo per imparare dalle buone pratiche altrui, ma anche per non ripetere possibili errori commessi altrove e più in generale per dare un respiro più ampio al nostro lavoro che si propone di mettersi al servizio di chi vuol conoscere, capire, agire in un contesto complesso ma affascinante dalla gestione del quale dipenderà il nostro comune futuro. CHI SIAMO Y A L L A I T A L I A Il coordinamento di Yalla Italia è curato da Martino Pillitteri. Hanno collaborato a questo numero: Lubna Ammoune, 20 anni, milanese di origine siriana. Studia farmacia. Ouejdane Mejiri, 32 anni, tunisina. Insegna al Politecnico Susanna Temimi 24 anni, italopalestinese. Laureata in Lingua Araba e Politica Internazionale Akram Idries: 25 anni, madre egiziana, padre sudanese. Studente in Gestione del Costruito Ouissal Mejri: 29 anni, Dottoranda in Studi Teatrali e Cinematografici Rassmea Salah: 25 anni, laureata in studi islamici all Orientale di Napoli Sara Hejazi: 31 anni, nata in Iran Lavora presso il CESMEO Randa Ghazy: 22 anni, di origine egiziana. Ha pubblicato 3 libri Karim Bruneo: 23 anni, Master in Economia e Politiche Internazionali Karima Moual: 28 anni, di origine marocchine. Fa la giornalista. Layla Joudè: 24, di origine siriana. Studente di lingue e comunicazione Rasha Athobiati: di origine marocchina. Attivista per i diritti umani.

3 35 NERTWORK/1. GRANDE FERMENTO PER IL PREMIO EMWI BUSINESS, ARTE, MEDIA. DONNE MUSULMANE SPRINT DI LUBNA AMMOUNE ei una donna musulmana? Credi di essere un esempio positivo per la società? Promuovi cambiamenti propositivi e innovativi nel contesto locale, nazionale e/o transnazionale? Contribuisci in maniera costruttiva alla vita pubblica? Vivi in Europa? Allora sei perfetta per rientrare nei requisiti dell Emwi - European Muslim Women of Influence. Sono affluite parecchie nomine, ma ce n è ancora bisogno. Non essere umile e sottoscrivi il tuo nome». Questo è l invito che dall estate scorsa gira in rete e lo si può trovare su riviste, giornali e blog. Si tratta di un appello dell Emwi, una nuova iniziativa che onora e premia le donne musulmane europee. Questo è il primo anno e l idea è sostenuta da un network, il Cedar, che ha il compito di connettere diversi ruoli incarnati in figure da considerarsi modelli dinamici in e per l Europa. L iniziativa, che nasce a Salisburgo, in Austria, è trasversale e comprende tutti i livelli: si parla di donne che si occupano di business, arte, media, volontariato e settori pubblici. Celebrando il loro successo, la lista e i premi che verranno loro conferiti hanno lo scopo di far conoscere una nuova realtà. Secondo la giuria che valuterà le nomine, è importante per tutti gli europei, musulmani e non, assumere la consapevolezza del loro contributo sociale ed economico e fare in modo che si diversifichi la rappresentazione e la rappresentanza di queste donne nel mainstream. Seguendo delle nomine pubbliche, raccolte attraverso una piattaforma online, questa giuria selezionerà dieci finaliste da annunciare all evento del Cedar «S DI RANDA GHAZY Nawal è una così. Una al cui confronto, Galileo Galilei era un uomo di Chiesa. Cioè, una donna tenace ed estremamente sensibile ai diritti umani, ma talvolta incapace di moderazione. Un suo recente articolo pubblicato sul quotidiano egiziano Al Masri Al Youm, poi ripreso dall interessante sito Arab Reform Initiative, dice papale papale: la religione è un fatto privato. Se ne deve stare lontana dalla vita pubblica, fuori dalla costituzione, dallo Stato, dall educazione, dalla cultura, dai media, e da tutte le leggi, incluso il codice di famiglia. Però. Spingendosi oltre, afferma anche che la religione non va ereditata dai propri genitori. E conclude celebrando la fondazione del Global Solidarity Movement for Secular Society, uno strumento globale per salvare globalmente uomini e donne da leggi ingiuste, imposte in nome di Dio e della religione. Psichiatra, attivista, femminista, scrittrice, un mucchio di qualifiche ammire- È il primo anno che viene rilasciato questo riconoscimento alle figure femminili più dinamiche. L idea è sostenuta da un network, il Cedar, che ha il compito di connettere diversi ruoli incarnati in figure da considerarsi modelli dinamici in e per l Europa PROTAGONISTA. Malalai Joya, afghana. Su di lei, il docu «Enemis of Happiness» Le donne europee musulmane rappresentano una realtà demografica dinamica e giocano un ruolo vitale in un ampio range che comprende le sfere culturale, economica, professionale e sociale. Spesso non riconosciute e negativamente LA GRANDE NAWAL CI DICE LA COSA GIUSTA Egiziana, Al-Sa dawi è donna tenace ed estremamente sensibile ai diritti umani, talvolta incapace di moderazione. Ma il suo invito a mobilitarsi ci riguarda molto da vicino... voli per definire una donna che si fa simbolo, fautrice di battaglie infinite, coraggiosa all inverosimile. Al-Sa dawi si è resa conto di qualcosa che forse noi italiani, spesso campanilisti un po per vocazione, non capiamo fino in fondo o non riusciamo ad applicare veramente: bisogna lavorare insieme. A livello globale ed insieme locale. Il mondo islamico è una polveriera, sostiene la petizione del neonato movimento. Eh già, ce n eravamo accorti. Un Saddam, un Ahmadinejad, qualche finto moderato a cui ormai bisogna tenere insieme ritratte come vittime di violenze culturali, soggette a restrizioni in termini di codice d abbigliamento e considerate a volte poco istruite, gli sforzi positivi e lo spirito di conquista che invece mostrano nel loro quotidiano rischiano di essere messi in secondo piano. E invece sono proprio queste donne ad essere la chiave per un innesco innovativo che sia l avviatore per un cambiamento in Europa. Emwi ha come obiettivo quello di valorizzare questa dinamica poco conosciuta attraverso la conoscenza delle diverse comunità. Mettendo in rilievo queste potenzialità, e solo in questo modo, si potrà generare una cultura di successo e di leadership. Una delle priorità è quella di elevare l aspirazione professionale e la conquista sia nel contesto delle comunità privilegiate che in quello delle comunità maggiormente emarginate e creare una nuova immagine delle donne musulmane nei media. La chiave è quella di promuovere iniziative di network e opportunità per mostrare esperienze e pensare di concretizzare progetti nel futuro prossimo. Che sia una donna leader, una visionaria, una pioniera o comunque un innovatrice e in un certo senso una fonte d ispirazione, questa ha i requisiti per rientrare nella lista delle nomine e se arriverà tra le finaliste potrà ottenere una vetrina mediatica di grande rilievo e parteciperà a eventi con grandi personalità del mainstream. L idea di istituire un premio per merito con questi criteri è innovativa e sarebbe interessante aspettare l evento per vedere la provenienza delle nomine. In Italia abbiamo donne di questo spessore? E più in generale, esiste la mentalità di trovare sponsor per iniziative come quella dell Emwi, capaci di creare vere e proprie sinergie? Saremmo anche noi in grado di attuare un organizzazione come quella descritta e assumere una mentalità d impresa simile? i pezzi a furia di lifting, e poi mancherebbe solo Jack lo squartatore. Una morale forte, opprimente, che detta la vita delle persone. C è sempre qualcuno pronto a dirti come vivere la vita, anche se non ti sei mai sognato di chiederglielo. Un insopportabile e patriarcale misoginia, che riduce le donne a oggetto da regolare, punire, sistemare, addobbare, insomma tutti quelli che passano hanno diritto di parola, tranne la diretta interessata. E infine una libertà d espressione monca, parziale, finta, stucchevole, a volte celebratissima e proprio per questo finta come le sopracciglia di Moira Orfei: in modo così evidente, suvvia. Contro tutte queste piaghe, è giusto pensare di muoversi in modo concertato, globale, univoco. È giusto pensare ad un movimento transnazionale e carburato da menti intellettuali, consapevoli, fervide. Nawal dice, nel suo pezzo: «Oggi in Iran una donna morirà. Si chiama Sekineh, verrà lapidata. È una cosa che dobbiamo condannare a livello locale e globale». È vero, grandi rivoluzioni vengono da grandi movimenti, e se un intellettuale egiziana che vive negli Stati Uniti lo decide, perché non deciderlo anche noi, giovani menti europee. Perché non creare anche noi, il nostro network. Oltre a Jack lo squartatore e alle sopracciglia di Moira Orfei esiste qualcos altro, siamo noi, le nostre esperienze e le nostre vite e la comprensione di quello che il mondo islamico ha bisogno, e infine la nostra presenza, più o meno casuale, in un continente che dà spazio per qualsiasi rivendicazione: a patto di sapere cosa si vuole, come ottenerlo, e di lavorare, giorno per giorno, per raggiungere la meta. Perché come dice la grande Nawal, e senza dubbio, «il silenzio è un crimine».

4 36 CERCANDO LAVORO. UN PICCOLO CASO EMBLEMATICO... EUROARABI? SI DORME TROPPO DI AKRAM IDRIES Èsabato mattina. Mi arriva un che da un lato mi gratifica ma dall altro mi fa incavolare. «Ciao Akram, sono un dipendente del ministero degli Esteri (di un grande Paese anglosassone). Ci siamo incontrati a una conferenza in Europa. Ti scrivo per portare alla tua attenzione un organizzazione che penso possa essere di tuo interesse, e ti incoraggio a contattarli. Ritengo fortemente che il tuo background, il tuo profilo e il tuo talento possono essere utili alla loro mission. E loro potrebbero dare una mano alle tue aspirazioni. L organizzazione, Cedar, è una rete composta da professionisti europei musulmani. Lanciata un anno fa, attualmente conta diverse decine di iscritti. La rete Cedar è stata creata per sostenere e favorire lo sviluppo professionale dei suoi membri e migliorare l accesso alle opportunità di carriera per i musulmani più giovani, valorizzando e aumentandola vi- Perché quando si tratta di sviluppare qualcosa che riguarda il nostro futuro professionale, noi musulmani non riusciamo mai ad essere coesi ed efficaci, risultando spesso inefficienti? sibilità dei musulmani modello di successo», firmato Ivan, Ufficio di presidenza degli Affari europei ed euroasiatici. Dopo aver letto la mail, ero veramente soddisfatto e contento della dritta e fiero del fatto che dei giovani musulmani europei si siano impegnati per la creazione di un network di interscambio intellettuale e professionale. A frenare il mio entusiasmo è stata però una sensazione di delusione e quasi di rassegnazione. Come mai le reti più importanti, le organizzazioni più prestigiose, sono presenti e lavorano al di fuori dei confini arabi e di quelli italiani? Perché è stato un non arabo, un non musulmano e non un fratello euroarabo a mettermi in rete con Cedar? Perché devono essere sempre gli stranieri a darci una mano per fare network e creare qualcosa di valore? Ma soprattutto: perché noi musulmani quando si tratta di sviluppare qualcosa che riguarda il nostro futuro professionale, non riusciamo mai ad essere coesi ed efficaci, risultando spesso inefficienti? Ci manca creatività, spirito di iniziativa e attitudine pratica nel risolvere i problemi. Pensiamo di più al passato che al futuro. Siamo più concentrati a risolvere i problemi legati al passato che a investire energie propositive per produrre qualcosa di nuovo. Sono le idee innovative, i contatti, le reti che riusciamo a creare, i passepartout al nostro futuro prospero. Non dovremmo pensare solamente alle tematiche di integrazione sociale, cosa che per noi 2G ha quasi poco senso perché in un modo o in un altro ci arriveremmo comunque. Dovremmo invece concentrarci sulla creazione di un network efficace e professionale di talenti coraggiosi, dinamici, e pratici che passano dai bei proclami alla realizzazione di progetti e alla produzione di cultura e di reddito. Basta lamentarsi del fatto che le cose non vanno sempre bene, basta lagnarsi che i governi non ci danno retta; rimbocchiamoci le maniche, prendiamo esempio da Cedar e le altre organizzazioni di network professionali. Basta piangersi addosso. E allora networkizziamoci. CONTRO LA DISCRIMINAZIONE. UN NETWORK VIA INTERNET PER DIFENDERE I DIRITTI GAY E LESBICHE, L ARAB COMMUNITY DI LAYLA JOUDE «Bint el nas», ovvero figlie del popolo, così è stato chiamato il sito internet progettato per rispondere ai bisogni delle donne che do si definiscono lesbiche, bisessuali e transessuali e che appartengono etnicamente o culturalmente al mondo arabo, a prescindere dal luogo in cui vivono. Uno spazio di comunicazione su internet, creato da donne lesbiche arabe grazie ai finanziamenti del Queer Cultural Center di San Francisco. Uno dei tanti esempi di network nato al di fuori del mondo arabo ma che, attraverso il nome, mostra un legame con la cultura d origine di queste donne, che infatti scrivono per la maggior parte in arabo, raccontan- È nata negli Stati Uniti, ma si sta diffondendo in tutti Paesi musulmani. Iran compreso... le loro storie di sofferenza e discriminazione, attraverso un linguaggio di metafore, agendo sulla realtà e provando a cambiarla attraverso il potere della lingua, facendo sentire la propria voce. Uno dei problemi riscontrati dai creatori di questa innovativa rete di comunicazione è l impossibilità di esprimere la propria identità attraverso la lingua araba, che non possiede termini positivi per indicare i rapporti emotivi e sessuali tra due persone dello stesso sesso. Per questo motivo il sito propone una sorta di vocabolario, volto a creare una nuova terminologia positiva, o almeno neutra, che vada a sostituire le accezioni negative esistenti nella lingua araba. La scoperta interessante visitando questo sito, è che la più antica organizzazione creata a proposito, la Gay and Lesbian Arabic Society, nata nel 1988 negli Stati Uniti, ha come principale scopo «promuovere un immagine positiva dei gay e delle lesbiche presso le comunità arabe di tutto il mondo». La Gay and Lesbian Arabic Community è a dir poco vasta e si dirama in altri Paesi: Homan si rivolge ai gay e lesbiche dell Iran; Aswat alle donne lesbiche palestinesi; Kelma invece è nata in Francia nel 1997 e si rivolge ai gay di origine maghrebina attraverso un affollata rubrica di annunci personali e una rivista specifica on line. Kelma organizza inoltre particolari serate in discoteca, diventate ormai un evento mondano non solo per la comunità maghrebina di Parigi. Difficile immaginarsi eventi simili in Marocco, per esempio, o in Siria, eppure dobbiamo ammettere che ci troviamo davanti ad una realtà sicuramente vasta e molto organizzata, che rivendica la propria identità araba, e che chiede con fermezza il rispetto dei diritti umani, combattendo contro la discriminazione basata sull orientamento sessuale. L DI KARIM BRUNEO e domande e i dubbi sulla capacità di creare reti ed instaurare rapporti privilegiati tra popoli geograficamente adiacenti o culturalmente e linguisticamente affini sorgono spontanee e sono lecite, assieme al pessimismo e alla tristezza che germogliano davanti a tragedie che scoppiano per motivi futili e in un contesto dove la violenza e l odio dovrebbero sempre e comunque lasciare spazio allo spettacolo e alla sportività. Paradossalmente, i sentimenti nazionalisti e patriottici sembrano, talvolta, non prevalere in altri settori più appetibili ma lasciano spazio alla volontà dei governi di Paesi appartenenti alla stessa regione di cooperare per la generazione di valore aggiunto condiviso. È il caso dell economia e del commercio e l esempio delle Q.I.Z. (Qualifying Industrial Zones) in Medio Oriente è emblematico in quanto, oltre ad apportare benefici di ordine finanziario e sociale, mira a porre forti basi economiche al processo di pace israelo-palestinese. Le Q.I.Z. sono distretti industriali e zone di libero scambio istituite a partire dal 1996, in collaborazione con Israele, in Giordania, Palestina ed Egitto, al fine di trarre vantaggio dagli accordi commerciali tra Usa e Israele. Il programma siglato nel 2004 tra il Paese delle piramidi e Israele prevede il libero accesso nel mercato statunitense dei beni prodotti all interno di tali Q.I.Z., che incorporino il 35% di valore DI AMICO IN AMICO aggiunto egiziano, di cui l 11% di origine israeliana, senza limitazioni tariffarie o di quota. Israele offre, LA PACE CRESCE pertanto, materiali per la produzione di capi di abbigliamento all Egitto che, grazie al basso costo della SENZA BADARE ALLE FEDI manodopera locale, può incrementare la sua quota di export verso gli Usa di prodotti tessili e beneficiare degli impatti sociali in termini di occupazione, soprattutto delle donne. Le reazioni dell opinione pubblica egiziana alla sigla del patto commerciale sono state contrastanti a causa dei valori insiti - che vanno oltre il commercio e toccano serie questioni di politica -, tuttavia gli accordi di cooperazione segnano indubbiamente un notevole cambiamento di rotta nei rapporti diplomatici tra i due Paesi mediorentali. Emerge, così, come l intraprendenza a livello economico e commerciale può davvero rappresentare una best practice di volontà di realizzare dei network, che gli agenti sociali, economici e politici dovrebbero seguire e imitare. Non serve alimentare il distacco e le contrapposizioni tra leader e popolo, troppe volte immagine di ignoranza e manifestazione di violenza, bensì adoperarsi al fine di raggiungere un equilibrio di cui tanti Paesi arabi purtroppo ancora non godono e che può intellettualmente essere raggiunto tramite una logica molto semplice di cooperazione: il successo del mio vicino può corrispondere anche al mio.

5 37 STORIE DI SUCCESSO. UN SITO CHE HA VINTO LA SUA SFIDA ALTMUSLIM.COM, AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ GLOBALE DI SARA HEJAZI Zahed Ahmanullah è il codirettore del sito in lingua inglese altmuslim.com Il sito, che gestisce con il fratello Shahed, è diventato uno spazio virtuale innovativo di idee e interpretazioni all interno della galasssia dell Islam in Nord America. La visibilità garantita dal sito ha permesso a Shahed di essere proclamato uno dei 500 pensatori musulmani più influenti del mondo. YALLA ITALIA: Si può parlare di una comunità musulmana internazionale, che si rifà idealmente all idea di umma islamica, nel presente? ZAHED AHMANULLAH: Io penso che progressivamente la comunità islamica mondiale stia in realtà diventando sempre più piccola, grazie in parte a internet e alla possibilità di una comunicazione diretta tra i musulmani di tutto il mondo. Per i musulmani gli aspetti di vita quotidiana e sociale, religiosa e politica di altri correligionari stanno diventando sempre più familiari, e questo rende le differenze tra musulmani sempre più ridotte mentre rinforza il loro senso di comunità globale, quindi, potremmo dire, di umma islamica. Le idee nuove si diffondono più velocemente e dinanzi a questo fenomeno i percorsi di vita più tradizionali possono soccombere. La formazione di una cultura musulmana globale e moderna diventa sempre più veloce; e, se si tratta di una cultura stabile e costruttiva, tutti noi potremmo trarne beneficio. YALLA ITALIA: I blog servono o sono sfoghi personali? AHMANULLAH: Se curati bene, i blog possono divenire una fonte di guadagno. Il sito altmuslim guadagna abbastanza dalla pubblicità per riuscire a pagare gli autori per i loro articoli e per tutti i costi di mantenimento del sito. In questo senso, altmu- Zahed Ahmanullah è alla testa di questo sito aperto che sta conoscendo un grande successo e che riesce a reggersi economicamente grazie alla qualità dei contenuti proposti. «Gli unici che non vanno, neanche dal punto di vista economico, sono i blog degli ultrareligiosi» slim si è poi evoluto da blog ad una più tradizionale rivista online, che piace a chi vuole pubblicizzare. Ad ogni modo il nostro sito è più un sito di notizie che non un blog religioso. A dire il vero i blog religiosi fanno più fatica a guadagnare da pubblicitari laici, a cui non piacciono i contenuti religiosi. Inoltre le imprese gestite da musulmani sono forse ancora troppo immature dal punto di vista commerciale per poter sostenere blog musulmani con guadagni per la pubblicità. YALLA ITALIA: Qual è quindi l intento principale di un sito come altmuslim? AHMANULLAH: Beh, quello di influenzare, producendo informazione, tre aree di interesse: i media tradizionali; il governo; le organizzazioni islamiche mainstream. Offrendo un quarto tipo di approccio a questioni contemporanee, speriamo di guadagnarci la fiducia di tutte e tre le aree menzionate e di creare connessioni tra di esse, considerando che tradizionalmente sono antagoniste tra loro. Oltre a ciò vorremmo fornire una piattaforma a scrittori che vogliano mostrare il loro lavoro e lavorare come analisti, sia con noi che con i media mainstream. YALLA ITALIA: Quali sono le prospettive per i musulmani che vivono in Occidente? AHMANULLAH: La comunità islamica che vive ad Ovest troverà il suo equilibrio proprio qui, così come hanno fatto migranti e nuove religioni per generazioni. Quanto questo processo sarà indolore dipende dalla nostra capacità di adattamento e anche dalla capacità delle comunità preesistenti a riadattarsi. In alcuni Paesi, come gli Usa, questo processo sta avvenendo più rapidamente; forse con nuovi mezzi di comunicazione, le comunità musulmane possono imparare le une dalle altre per trovare ciascuna l equilibrio nel Paese ospitante. DI SUSANNA TAMIMI Così il celebre poeta palestinese Mahmoud Darwish descrisse la terra nella quale venne alla luce: una terra che, ancora oggi, rimane fatta di concordati disattesi, guerre e sconcertanti silenzi. Sessantuno anni ci dividono dalla nascita dello Stato d Israele. Milioni i dispersi intorno al mondo. Milioni i palestinesi nati nella terra dell esilio, a nord, a sud, a est e ad ovest. Sono loro il futuro di una terra che non c è. Sono loro i giovani palestinesi. Ma come possono queste seconde o terze generazioni trovare un alternativa ai confini nazionali e mantenere viva una propria identità palestinese? Come è possibile costruire un Paese che non c è? La risposta giunge veloce da un gruppo di palestinesi di seconda generazione: bisogna creare un network, una rete capace di espandersi e unire tante voci. Un gioco di passaparola, ricerche online e tanta buona volontà. Con questi ingredienti nasce nel 2004 il Palestinian Youth Network (PYN), un network di palestinesi tra i 18 e i 35 anni residenti in diverse aree del mondo. Comincia con pochi membri GIOVANI PALESTINESI DI TUTTO IL MONDO, METTIAMOCI IN RETE Il Palestinian Youth Network raccoglie ragazzi tra i 18 e i 35 anni. L obiettivo: creare cultura e consapevolezza. Per una good global governance... che si adoperano per realizzare nel 2006 il primo incontro del PYN a Barcellona. In 30 si recano a quest appuntamento per porre i primi tasselli di un puzzle mondiale. Provengono da otto Paesi: Italia, Francia, Svezia, Siria, Libano, Palestina, Spagna e Stati Uniti. Alcuni parlano arabo, altri no. Alcuni si sentono musulmani, altri respingono il pensiero di un identità religiosa. Non tutti sanno cosa accadde esattamente prima e dopo il 1948, ma tutti hanno ascoltato nonni e genitori raccontare ed è la forza di questi racconti a mantenere vivi i legami con un luogo in molti casi mai visto. È il potere di questi racconti a riportare questi giovani nel 2007 a Parigi. Con loro, altri 90 coetanei. Cinque continenti raggiungono Parigi sventolando la bandiera della Palestina e lì vi trascorrono una settimana all insegna di corsi di Storia del Medio Oriente, dibatti politici e discorsi sull identità. Chi è palestinese? Che lingua parla il vero palestinese e a chi rivolge le proprie preghiere? Tanti i dubbi e molteplici le divergenze, ma l incontro del PYN si conclude con uno statuto, un comitato organizzativo e dei progetti per il futuro. Nascono in quell occasione il PYN Media Committee, con il compito di tradurre documenti e divulgarli in ognuno dei Paesi membri, e il progetto «Speaking tour» ovvero la raccolta e la pubblicazione delle testimonianze di palestinesi in diaspora. La prossima estate avrà luogo un nuovo incontro nel quale si aprirà la «Scuola per young palestinian leaders» (corsi di politica, storia, dialettica e media), tenuta e gestita da brillanti accademici palestinesi di Oxford, Cambridge e le migliori università del mondo. Molti rimangono gli ostacoli linguistici, culturali e politici da superare, ma tutti i membri concordano sulla necessità di rimanere uniti indipendentemente da lingua, cultura, religione e residenza, per mantenere viva una nazione che non c è. Incombe il muro in Terra Santa e soffoca tutti coloro che lo circondano. Si spezza il dialogo e muore la speranza la strada del PYN è solo all inizio. Se sarà un esempio di good global governance o se rimarrà sepolto da tante parole, questo sarà solo il tempo a dircelo. Per ora, ciò che possiamo apprendere da questa esperienza è l importanza di non sentirci burattini senza possibilità di agire. È necessario che noi, giovani di seconde generazioni e non, scendiamo in campo e lottiamo per creare un sistema alternativo a quello di barriere e confini. Cominciamo a sentirci noi stessi membri di un popolo senza terra per una terra fatta di tanti popoli. E, a quel punto, e solo a quel punto, saremo capaci di volare insieme sopra ogni confine.

6 38 IL FUTURO CHE CI ATTENDE. IN VIAGGIO A MALAGA, PENSANDO A MILANO SOGNANDO UNA MOSCHEA IN VIA MONTENAPOLEONE DI RASSMEA SALAH La meta del mio ultimo viaggio è stata Màlaga e da curiosa quale sono ho voluto esplorare il mondo spagnolo delle seconde generazioni di origine araba. E dove mai avrei potuto incontrarle se non nella moschea della città? L idea di recarmi lì inizialmente mi incuteva un po di timore visto che sono abituata al panorama italiano (sale di preghiera collocate in ex magazzini o in ex garage). Ma, come spesso accade, quando si hanno zero aspettative, si rimane sempre positivamente sorpresi. Giunta a destinazione, infatti, mi si è presentata davanti una grande moschea bianca, con un elegante cupola e un alto minareto. Quando sono entrata, poi, sono rimasta senza fiato: marmo bianco ovunque, arabeschi in stile marocchino, preziosi e morbidissimi tappeti, un denso profumo di pulito e una silenziosa atmosfera di pace. C erano addirittura enormi bagni adibiti al rito delle abluzioni, con tanto di sgabelli e quanto necessario. Non potevo crederci! Lì ho conosciuto alcune ragazze spagnole di origine marocchina che, vedendomi così sorpresa, mi han consigliato di visitare anche le moschee di Fuengirola e Granada. Seguito il loro consiglio, ciò che più mi ha sbalordito era che fossero entrambe affollate da turisti che cercavano di scattare foto ovunque, persino nella sala interna, anche se c era una preghiera in corso. L entusiasmo di quei turisti mi ha fatto pensare alla presenza delle moschee in Europa e dopo aver fatto qualche ricerca ho scoperto che in Europa i luoghi di culti islamici sono circa 10mila: la Germania conta ben 66 moschee (200 sono at- Marmo bianco ovunque, arabeschi in stile marocchino, preziosi e morbidissimi tappeti, un denso profumo di pulito e una silenziosa atmosfera di pace... UNO SCRIGNO. La grande moschea Sheikh Zayed, ad Abu Dhabi tualmente in costruzione) e quasi sale di preghiera. In Francia queste ultime sono circa e in Inghilterra quasi 2mila. Non è una questione solo numerica ma anche qualitativa: le moschee in Europa sono belle, decorose, sono strumenti di integrazione e di dialogo fra le comunità islamiche e le amministrazioni locali. E, non da ultimo, sono dei punti di riferimento importanti per la città di cui riescono a diventarne un icona - proprio come le cattedrali o le sinagoghe storiche - attraendo così una fetta non trascurabile di turismo che va ad incidere sul pil della città e sulla sua attrattiva. Qual è la situazione in Italia? Due moschee e 260 sale di preghiera, circa. Tralasciando i numeri (ridicoli in confronto agli altri Paesi europei) in Italia manca soprattutto un discorso qualitativo. Spesso le sale di preghiere sono collocate in quartieri periferici e fanno scendere i prezzi delle case che le circondano piuttosto che valorizzarne l area, come accade per esempio in viale Jenner o in zona Maciachini a Milano. Quando ero a Màlaga mi sono spesso chiesta come sarebbe Milano se avesse tante piccole, accoglienti, decorose, moschee, non solo per i fedeli ma anche per la cittadinanza e soprattutto per i turisti che vengono a visitare la città. Ho immaginato un itinerario della città che comprendesse, tra le tappe del Duomo e di San Siro, anche la grande moschea di Milano, oggetto di attrazione turistica (e perché no, anche di business) a livello nazionale ed europeo. Ho sognato ad occhi aperti una moschea milanese che facesse concorrenza alla London Central Mosque Trust, o alla Grande Mosquée de Paris, o ancora alla Great Mosque Brussels-City. O che fosse invece la prima tappa di un tour europeo di moschee per far conoscere ai nostri concittadini i veri luoghi di culto islamici (e non i surrogati magazzini o garage). Una moschea, insomma, che fosse all altezza di una città come Milano che ospiterà l Expo 2015 e che possa sorprendere non solo i ricchi sceicchi degli Emirati che la visiteranno - abituati a pregare poggiando la fronte su tappetini dai fili d oro - ma soprattutto i cittadini milanesi che rimarrebbero spiazzati dall atmosfera e da quella spiritualità. E spero che quella moschea dei miei sogni, quando verrà il giorno in cui la costruiranno, possa essere collocata in una zona centrale di Milano, circondata da negozi di qualità, da impeccabili servizi, e da quella accogliente atmosfera che solo gli arabi sanno creare. DI RASHA ATHOBIATI In Marocco succede quello che mi sarei aspettata dai musulmani di 2G europei. Il limite della libertà di fede all interno della società musulmana è un tema ormai ricorrente sui titoli della stampa marocchina. È un tema delicato. Forse, un tasto dolente che i giovani marocchini riescono a fare emergere abbastanza spesso. Durante lo scorso Ramadan ha fatto tanto scalpore l iniziativa di un gruppo di giovani capeggiati da un tal Zineb Elghazaoui, giornalista del settimanale Journal Hebdomadaire e membro dell organizzazione Movimento alternativo per la difesa delle libertà individuali: questi ha rotto pubblicamente il digiuno alla stazione ferroviaria di Mohammedia. Zineb si è messo a mangiare in pubblico mentre gli altri schiattavano di fame per chiedere, a modo suo, l abrogazione dell articolo 222 del Codice penale marocchino. Tale legge proibisce ai musulmani di rompere il digiuno durante le ore di sole in un luogo pubblico, salvo la pena da uno a sei mesi di carcere e un ammenda da 12 a 200 dirham. La bravata ha convinto altre persone a unire le forze e a fare rete su Facebook con la creazione del gruppo Mali, che in dialetto marocchino significa: «cos hai da rimproverarmi?». Attualmente conta iscritti. Il Consiglio provinciale degli Oulema di Mohammedia nel suo comunicato stampa ha affermato che non può tollerare questo attentato pubblico alla religione. Il Partito della Rinascita e della virtù ha invece affermato, tramite il deputato Abdelbari Zemzmi, che «questi giovani hanno di fatto emesso un appello pubblico alla rottura TUTTI IN RETE PER LA LIBERTÀ ANTI DIGIUNO Un gruppo di giovani marocchini capeggiati da un giornalista, Zineb Elghazaoui, sono usciti allo scoperto contro la legge che punisce chi mangia in luogo pubblico durante il Ramadam. E hanno sfondato su Facebook del digiuno e hanno cercato di provocare i sentimenti dei cittadini marocchini reclamando la loro libertà individuale. Non è un fatto di libertà perché la vera libertà si ferma dove inizia la libertà degli altri». Il tema della libertà è recentemente balzato alle cronache grazie alla cover di novembre del magazine Femmes du Maroc, una rivista molto seguita dal ceto medioalto borghese del Marocco. La copertina ritrae Nadia Larguet (produttrice/presentatrice della trasmissione per bambini Entract sul canale privato marocchino 2M) incinta e nuda, con la mano sinistra che copre il seno e la destra appoggiata sul ventre arrotondato. La fotografia è stata scattata sul modello della celebre immagine di Demi Moore, datata 1991, per la rivista americana Vanity Fair. La foto ha creato imbarazzi e accese discussioni che sono ancora in atto. Il Marocco appare, ormai, un terreno fertile per una visione riformista della libertà personale che riguarda il vivere la fede in pubblico. Secondo il sociologo Khaled Fouad Allam, «nel mondo musulmano c è una specie di lunga notte, di buio dal Cinquecento fino ai primi anni del Novecento. In questi secoli il mondo musulmano, possiamo dire, non arriva più a produrre, non arriva più ad avere una distanza critica fra la rivelazione e la produzione di un ambito filosofico in grado di definire la libertà stessa. Un lungo silenzio che ha impedito l evolversi e il crearsi di un autonomia della libertà e di un nuovo individualismo. E il Novecento è la storia proprio della riconquista di questo spazio di libertà che, come noi vediamo, è spesso combattuto all interno dell Islam, attraverso il radicalismo islamico. È ciò che sta all origine di tutte le contraddizioni che attraversano oggi il mondo islamico contemporaneo». A mio parere, per poter conquistare questo spazio di libertà in un ambiente impregnato di tradizioni, è necessaria una rete di persone che possano promuoverlo all interno di tutti Paesi musulmani e non. E forse, noi giovani di seconda generazione nati e vissuti in Europa, dobbiamo prendere la responsabilità di iniziare questo percorso.

7 39 QUELLA VOLTA IN FRANCIA. CAMMINARE INSIEME PER FAR CAPIRE CHE COSA SI SOGNA MARCIANDO, C EST PLUS FACILE DI OUEJDANE MEJRI Camminare non fa bene solo alla salute, ma se fatto in gruppo permette anche di far passare un forte messaggio in un modo pacifico. Il 3 dicembre 1983, qualche decina di beurs (arabi di seconda generazione) partiti da Marsiglia, insieme ad altre decine di migliaia di persone, arrivavano a Parigi pieni di aspettative e di speranze di un riconoscimento della loro identità e della loro volontà d integrazione. La Marcia dei beurs rimane nelle memoria e nella storia dell immigrazione in Francia come la prima presa di posizione dei giovani di seconda generazione delle banlieue francesi. Il 1983 fu un anno rude per gli immigrati in Francia. Da una parte l estrema destra francese ebbe un successo elettorale inaspettato alle comunali sbandierando slogan razzisti e anti arabi. Dall altra parte, la lista dei giovani di origine magrebina uccisi, dopo colluttazioni con le forze dell ordine, nelle cité andava crescendo. I termini cité e banlieue si riferiscono alle città-dormitorio costruite negli La marcia dei beurs rimane nella memoria e nella storia dell immigrazione in Francia come la prima presa di posizione dei giovani di seconda generazione delle banlieue francesi. Era il IN MARCIA. Immigrati in Francia anni 50 attorno ai principali agglomerati francesi per dare alloggi popolari principalmente agli immigrati nordafricani e africani giunti in Francia dalle ex-colonie durante la fase di ricostruzione post bellica. Il quartiere delle Minguettes, nella periferia di Lione, che due anni prima è stato teatro delle prime sommosse dei quartieri periferici francesi, conosce un nuovo dramma: il giovane Toumi Djaïda è ferito da un poliziotto. È proprio lui, insieme a padre Christian Delorme, sacerdote del quartiere, che propone una lunga marcia, ispirata a Ghandi e Martin Luther King. Sono in 32 a partire il 15 ottobre da Marsiglia, una persona sola li accoglie a Salon-de-Provence, prima tappa della marcia. Ma saranno mille a Lione e dopo km, circa 100mila a Parigi ribadendo lo slogan «Vivere insieme, con le nostre differenze, in una società solidale». Una delegazione fu anche ricevuta all Eliseo dal presidente Mitterrand che si è dimostrato sensibile alle istanze dei manifestanti. Questa marcia ebbe grande effetto 25 anni fa ma oggi i problemi dei ghetti della periferia continuano a mutare e le condizioni dei ragazzi di terza e quarta generazione non sono molto cambiate rispetto ai tempi dei loro genitori. Tante lezioni sono da imparare da come sono state articolate le azioni delle istituzioni e degli immigrati stessi per evitare che oggi in Italia si raggiunga un comunitarismo cieco oppure un islamofobia spiccata. Una marcia è bella quando i suoi risultati sono memorabili. Mi piace ricordare la Marcia dei Re, giunti da Oriente a Gerusalemme, con doni preziosi per il Bambino Gesù, il re dei Giudei che era nato. Un percorso devoto guidato da una stella profetica. «NI PUTES NI SOUMISES». QUANDO LEI ALZA LA TESTA S Il modello di una organizzazione francese nata da donne per difendere le donne musulmane. Ci vorrebbe in Italia... DI KARIMA MOUAL ono donne emancipate, ma non per questo vogliono essere considerate delle puttane, perché sono donne di cultura araba ma di adozione francese. Ma l altra etichetta che si portano addosso è quella di donne musulmane, ma loro non vogliono essere considerate e trattate da sottomesse per questo. Vogliono essere donne e basta, donne libere, le figlie dei musulmani di Lalla Francia, (la signora Francia) come lo scrittore marocchino Tahar Ben Jelloun, chiama la Francia nel suo ultimo romanzo, dal titolo L ha ucciso lei, che racconta il conflitto tra padri e figli. Tra un padre legato al Paese d origine e i figli che ormai sono francesi, che vedono il loro futuro solo in Francia e che si innamorano e si sposano con francesi. Conflitti e violenza, degrado e discriminazione: è questo il male che affligge una parte della comunità araba francese delle banlieue, della periferia, dove anche in questo caso è la parte femminile a pagarne il prezzo più alto. La violenza e la discriminazione verso le donne è purtroppo un fenomeno mondiale, che si insidia soprattutto in quelle società maschiliste e istituzionalmente patriarcali, visibili legislativamente in alcuni Paesi, mentre in altri, considerati società moderne ed occidentali, riescono facilmente a mimetizzarsi. Ma le donne di cui parliamo non sono donne del terzo mondo, sono donne arabe che vivono in Occidente, sono nate in Occidente. Sono europee ma purtroppo ancora oggi faticano a conquistarsi diritti, tutele, libertà e rispetto, riuscendo così a condividere poco quel che le altre donne occidentali sono riuscite a conquistarsi con il tempo e le battaglie. E in Francia c è chi si è mosso nella direzione giusta, a partire dallo slogan. «Ni putes ni soumises», né puttane né sottomesse. È questo il nome del movimento femminista nato nel 2003, proprio da quelle figlie di Lalla Francia, figlie degli emigrati maghrebini, che non ci stanno a sopportare violenze e discriminazioni, denunciano l oscurantismo dila- gante e le tradizioni patriarcali che sono state la causa di matrimoni forzati e di violenze subite per mano di fratello o padre, marito o fidanzato, solo per voglia di emancipazione e libertà. Vanno poi oltre e denunciano anche il degrado e l insicurezza, presente in alcuni quartieri, molte volte abitati dai soli stranieri. Il movimento nasce dalla morte di una ragazzina di 17 anni, bruciata viva dal suo ex ragazzo. «Ni putes ni sumises» oggi ha quasi 40 comitati in tutta Francia, oltre a quelli in Spagna, Svezia, Olanda, Svizzera, Marocco, Algeria e Stati Uniti d America. Nel 2007, attraverso il discorso dell allora vicepresidente Sihem Habchi (oggi presidente), tenuto a New York, al movimento è stato concesso lo status consultivo presso l Onu che gli consente di essere un partner sulla scena internazionale. E in Italia? Nel nostro Paese purtroppo le violenze ci sono. Le famiglie musulmane in Italia sono numerose e in crescita, e il conflitto che hanno vissuto i figli di Lalla Francia stanno iniziando a viverli anche i figli di Lalla Italia. Come li si aiuta e li si può proteggere? La ricetta vincente per riuscirci non è sicuramente facile da trovare, ma creare un rete di sensibilizzazione come quella nata in Francia può essere un buon inizio. E il vuoto di questa rete che non c è in Italia, si è manifestato ai nostri occhi con la morte di Sanaa che ha avuto, come al solito quando succedono fatti di cronaca riguardanti persone di origine straniera, un grande spazio mediatico ma violento contro un intera comunità, senza capire in profondità e senza pregiudizi come aiutare queste nuove famiglie di prima generazione che stanno crescendo e che per forza si trovano in conflitto, non solo perché si risvegliano vedendo i propri figli diversi da sé, ma perché anche disorientate in un progetto d integrazione sbagliato, perché sono ancora invisibili, ma diventano un caso solo quando accade il dramma. VIVA LA BEUR TV: LÌ CI GUARDIAMO ALLO SPECCHIO D DI OUISSAL MEJRI urante il trasloco trovo una scatola che conteneva delle vecchie cassette audio. Addio trasloco! Sono i Dubmatique. Il cantante è di madre canadese e padre camerunese. Loro hanno sperimentato un linguaggio musicale chiamato verlan, che funziona attraverso la pronuncia delle parole francesi al contrario. Trovo anche un libro intitolato N zid scritto dall algerina immigrata in Francia Malika Mokeddem. Racconta le vicende di una giovane ragazza che si sveglia in mezzo al Mediterraneo senza memoria. Il tema implicito del testo riguarda le dinamiche dell identità, un tema che per gli immigrati e le seconde generazioni è delicato, cruciale e più importante di quanto la società civile e i media tradizionali fanno passare nelle loro analisi superficiali e propagandistiche. Ma all estero non è così. Il tema dell identità sta trovando il suo spazio nei nuovi media; i diretti interessati stanno utilizzano dei canali per esprimere e far capire alle società europee il loro punto di vista. Il regista-produttore francese Emmanuel Soler, per esempio, ha prodotto una sitcom sulla vita dei cosiddetti Beurs (termine francese slang per connotare gli immigrati nordafricani) in Francia. Una serie televisiva andata a buon fine s intitola Bin O Bine (Tra e Tra). È stata scritta da autori francesi ed algerini. Da sitcom che si rispetti, è stata ideata per far divertire il pubblico ma anche aprire le menti e far riflettere. È stato un successo immediato. La serie è stata trasmessa sul canale televisivo mediterraneo Beur Tv, il primo canale televisivo privato operativo dal 2003 per il pubblico francese di origine magrebina che vive in Francia. Con 5 milioni di telespettatori al giorno, Beur Tv ha vinto la sua sfida con il mercato tradizionale e monoculturale. Dopo la tv è nata anche la radio: Beur FM fa da cassa di risonanza sonora ai programmi del fratello maggiore televisivo. beurtv.over-blog.com

CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50

CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50 CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50 COS'È IL CLAN Il Clan è una comunità dove si possono imparare nuove cose in un clima disteso che offre un opportunità che solo esso ci può dare. E importante

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

VALENTINA GASPARIN, MARTINA BOSCO

VALENTINA GASPARIN, MARTINA BOSCO VALENTINA GASPARIN, MARTINA BOSCO Il 21 marzo si celebra la Giornata Internazionale per l Eliminazione della Discriminazione Razziale che rappresenta un occasione per chiunque di riprendere contatto con

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale. Istituto Comprensivo 2 Nord Sassuolo A. S. 2015/16

Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale. Istituto Comprensivo 2 Nord Sassuolo A. S. 2015/16 Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale Istituto Comprensivo 2 Nord Sassuolo A. S. 2015/16 Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale COMPETENZE Riconoscere i linguaggi

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Pagina 2 Contenuto Il progetto TIDE...4 Il manifesto TIDE...6 La nostra Dichiarazione...8 Conclusioni...12 Pagina 3 Il progetto TIDE Verso un

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE 11 November 2014 COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE Articolo a cura di Nicola Doro - Responsabile Commerciale Ad Hoc Ti sei mai chiesto perché alcune persone falliscono in tutto quello che

Dettagli

I nuovi progetti. Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità

I nuovi progetti. Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità I nuovi progetti Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità Idea di fondo «Il tema dello sviluppo coincide con quello dell inclusione relazionale di

Dettagli

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana.

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana. signore e signori, è un grande onore per il mio Paese, per l Italia, essere qui oggi. Vorrei ringraziare la Repubblica Federale Democratica d Etiopia e il Presidente dell Assemblea Generale, Sam Kutesa,

Dettagli

: basta chiedere alle banche quanti

: basta chiedere alle banche quanti .d. Mettete in ordine le frasi disordinate presenti all interno del testo. L italiano si fa a scuola Negli ultimi trent anni, l Italia è divenuto un paese di immigrazione. Nell ultimo decennio, poi, essa

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

«Il sexting è normale, ma stupido»

«Il sexting è normale, ma stupido» «Il sexting è normale, ma stupido» Il sexting sembra ormai far parte della normale quotidianità. Ma cosa ne pensano le persone coinvolte? Il programma nazionale giovani e media ha affrontato il rapporto

Dettagli

Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano

Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano di Redazione Sicilia Journal - 25, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/cinema-la-bugia-bianca-il-dramma-dello-stupro-etnico-raccontato-da-unsiciliano/

Dettagli

Alimentazione al Femminile A cura di

Alimentazione al Femminile A cura di Milano, 22 Giugno 2015 Alimentazione al Femminile A cura di SCENARIO E OBIETTIVI DELLA RICERCA PRESSO LE DONNE ITALIANE Questa ricerca ha l obiettivo di indagare a 360 gradi il tema dell alimentazione

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA MAROCCO E ITALIA: UN ANALISI DELLE PROBLEMATICHE INCONTRATE DAI GENITORI NEL CONTESTO DI MIGRAZIONE ITALIANO, Università degli studi di

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI 1 Caro educatore, quest'anno, come ben sai, Il richiamo al Concilio Vaticano II ha rappresentato il filo conduttore del cammino di tutti i ragazzi, i giovani e gli adulti di

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR

PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR Reading del libro a cura dei ragazzi della IIIA della scuola media n. 2 "S. Farina" Con la collaborazione della libreria Il Labirinto di Alghero Un matrimonio combinato,

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Donna Ì : un milione di no

Donna Ì : un milione di no Ì : un milione di no IL NOSTRO TEAM Siamo un trio ma siamo anche una coppia di fidanzati, due fratelli, due amici che da qualche anno convive e condivide esperienze di vita ma anche interessi sociali e

Dettagli

I RISULTATI DI UN QUESTIONARIO SUL TEMA

I RISULTATI DI UN QUESTIONARIO SUL TEMA COMUNICATO STAMPA PER L 8 MARZO TANTI GIOVANI SI SONO CONFRONTATI SUL TEMA DELLA VIOLENZA SULLE DONNE CON L INIZIATIVA DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PARI OPPORTUNITA, DI AMNESTY INTERNATIONAL E DELL L

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Internet istruzioni per l uso. Marcallo, 29 Aprile 2015

Internet istruzioni per l uso. Marcallo, 29 Aprile 2015 Internet istruzioni per l uso Marcallo, 29 Aprile 2015 Conoscere per gestire il rischio La Rete, prima ancora di essere qualcosa da giudicare, è una realtà: un fatto con il quale bisogna confrontarsi Internet

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre 2007, n. 235)

SCUOLA PRIMARIA. PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre 2007, n. 235) Pag. 1 di 5 SCUOLA PRIMARIA PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre 2007, n. 235) Nell attuale società frammentata e sempre più complessa, di fronte all

Dettagli

Siamo a novembre, la bella stagione è terminata. Sarebbe bello se fosse così semplice, Se possiedi un albergo, un hotel, un B&B,

Siamo a novembre, la bella stagione è terminata. Sarebbe bello se fosse così semplice, Se possiedi un albergo, un hotel, un B&B, Siamo a novembre, la bella stagione è terminata. Hai lavorato tanto e adesso ti si prospettano diversi mesi in cui potrai rilassarti in vista della prossima estate. Sarebbe bello se fosse così semplice,

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 Insegnante: BARINDELLI PAOLA PREMESSA: L insegnamento della Religione Cattolica nella scuola dell Infanzia

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale

Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale Signor Presidente della Repubblica, gentili Autorità, cari dirigenti scolastici, cari insegnanti,

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

I criteri della scelta e della riforma

I criteri della scelta e della riforma I criteri della scelta e della riforma La preghiera ha il fine di vincere se stessi, vincere la propria ignoranza, la propria pigrizia mentale per conoscere il Signore. Ogni preghiera deve essere mirata

Dettagli

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica digitale si è rotta: ora dovete comprarne una nuova. Avevate quella vecchia da soli sei mesi e non avevate nemmeno imparato a usarne tutte le

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

Crescere nella Fede. alcune idee di fondo sul cammino di catechesi

Crescere nella Fede. alcune idee di fondo sul cammino di catechesi Crescere nella Fede alcune idee di fondo sul cammino di catechesi Due mentalità, due logiche Un cammino di fede Un corso di dottrina Due approcci educativi Strada La Rivelazione cristiana incontrare la

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio La Chiesa ha bisogno di santi, lo sappiamo, ma essa ha bisogno anche di artisti bravi e capaci; gli uni e gli altri, santi e artisti, sono testimoni dello spirito vivente in Cristo. PAOLO VI Lettera ai

Dettagli

Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Comunicazione. pubblicazioni@unicef.it www.unicef.it

Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Comunicazione. pubblicazioni@unicef.it www.unicef.it ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 pubblicazioni@unicef.it www.unicef.it Codice

Dettagli

autorità maschile all interno della famiglia la donna debba obbedire al suo sposo donne e politica nella sfera pubblica piuttosto che in famiglia

autorità maschile all interno della famiglia la donna debba obbedire al suo sposo donne e politica nella sfera pubblica piuttosto che in famiglia Il Medio Oriente si scopre progressista Una ricerca dalla University of Michigan Institute for Social Research mette a fuoco la percezione della donna in sette paesi a maggioranza musulmana (Ilaria Orrù)

Dettagli

Ci sono gesti che sono semplici, che non

Ci sono gesti che sono semplici, che non famiglia oggi Donare, per salvare una vita di Giorgia Cozza Storia di Laura e della sua grave malattia. E di come la speranza possa di nuovo tornare, attraverso un donatore di midollo osseo che risiede

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

OPCIÓN A DIPENDENZA ENERGETICA: NUCLEARE E RINNOVABILI

OPCIÓN A DIPENDENZA ENERGETICA: NUCLEARE E RINNOVABILI PRUEBAS DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD FASE GENERAL: MATERIAS COMUNES CURSO 2009-2010 CONVOCATORIA: OPCIÓN A DIPENDENZA ENERGETICA: NUCLEARE E RINNOVABILI Le nazioni che in questi anni hanno goduto, a differenza

Dettagli

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi, di professione astrofisica, è senza dubbio l autrice fantasy italiana più amata. All

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

Mio figlio ha ricevuto in

Mio figlio ha ricevuto in Appunti di una Lego terapia Mio figlio ha ricevuto in regalo per i suoi 5 anni la casetta Lego. Consiglio di acquistarlo per le sue potenzialità psicopedagogiche. Il piccolo G. ha subito proiettato se

Dettagli

i diritti dei bambini in parole semplici

i diritti dei bambini in parole semplici i diritti dei bambini in parole semplici Questa è la traduzione di un opuscolo pubblicato in Inghilterra dall'unicef. È il frutto del lavoro di un gruppo di bambini che hanno riscritto alcuni articoli

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Corso di laurea specialistica in Psicologia clinica: salute, relazioni familiari, interventi di comunità

Corso di laurea specialistica in Psicologia clinica: salute, relazioni familiari, interventi di comunità Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Facoltà di Psicologia Corso di laurea specialistica in Psicologia clinica: salute, relazioni familiari, interventi di comunità VOCI DI COPPIE MIGRANTI DAL

Dettagli

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma LA COPPIA NON PUO FARE A MENO DI RICONOSCERE E ACCETTARE CHE L ALTRO E UN TU E COME TALE RAPPRESENTA NON UN OGGETTO DA MANIPOLARE

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

Le Donne: il motore della vita

Le Donne: il motore della vita Le Donne: il motore della vita Il team di questo progetto è composto da me stessa. Sono una giovane laureata in Giurisprudenza e praticante avvocato, molto sensibile e attenta al tema riguardante la violenza

Dettagli

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 Le 11 competenze di base del coaching sono state sviluppate per permettere una migliore comprensione delle competenze e degli approcci utilizzati nell ambito della

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 6. Eccoci arrivate alla fine di questo percorso con il sesto ed ultimo modulo.

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 6. Eccoci arrivate alla fine di questo percorso con il sesto ed ultimo modulo. PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... pazza! MODULO 6 Eccoci arrivate alla fine di questo percorso con il sesto ed ultimo modulo. Dopo aver ragionato su quanto una spiccata consapevolezza

Dettagli

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16 1. Introduzione Il percorso genitori è il cammino che l AC diocesana ha preparato per valorizzare l esperienza associativa che i ragazzi vivono in ACR e per maggiormente condividere con le famiglie e la

Dettagli

Il matrimonio cristiano. chi si sposa in chiesa sa quello che fa?

Il matrimonio cristiano. chi si sposa in chiesa sa quello che fa? Il matrimonio cristiano chi si sposa in chiesa sa quello che fa? Antonio Tavilla IL MATRIMONIO CRISTIANO chi si sposa in chiesa sa quello che fa? religione e spiritualità www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1 GRUPPO SCOUT MELNANO 1 PROGETTO EDUCATIVO 2011 2014 Cos è il Progetto Educativo Il progetto educativo è uno strumento per la comunità capi utile a produrre dei cambiamenti nel gruppo scout. E stato pensato

Dettagli

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Signor Presidente della Repubblica, Gentili Autorità, Cari amici della comunità ebraica,

Dettagli

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore.

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore. Vincenzo Cerami* Sono venuto a questo confronto senza preparare nulla. Sentendo gli interventi di chi mi ha preceduto sono tornato con la mente agli anni dell università. Stavo ripensando a Roma. Gli operai

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Preambolo aggiornato al 2008 Crescere figli è un segno di speranza. Ciò dimostra che si ha speranza per il futuro e fede nei valori che si

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Autore: Alban Trungu Categoria : Mondo Migrante Data : 15 febbraio 2011 Intervista con Khalid Chaouki, responsabile immigrazione e seconde generazioni dei

Dettagli

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo.

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Gli sembrava di scalare il mondo e di salire in alto nel cielo, oltre le nuvole, per vedere la terra dallo spazio.

Dettagli

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori FRATELLI D'ITALIA spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori Di seguito vi proponiamo una serie di tematiche, presenti nello spettacolo teatrale, che possono

Dettagli

MODULO I CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA

MODULO I CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA MODULO I La norma giuridica Materiali prodotti nell ambito del progetto I care dalla prof.ssa Giuseppa Vizzini con la collaborazione della

Dettagli

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita Come Guadagnare Molto Denaro Lavorando Poco Tempo Presentato da Paolo Ruberto Prima di iniziare ti chiedo di assicurarti di

Dettagli

Stile ed identità dell animatore. Giacomo Prati

Stile ed identità dell animatore. Giacomo Prati + Stile ed identità dell animatore Giacomo Prati + Cosa vedremo, sentiremo e faremo STILE E IDENTITA DELL ANIMATORE - Identikit dell animatore Che cosa vuol dire animare? Il libretto di istruzioni dell

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

Bambine e Bambini costruttori di pace

Bambine e Bambini costruttori di pace Istituto Comprensivo V. Tortoreto SCUOLA PRIMARIA Delia e Filippo Costantini Passo San Ginesio Bambine e Bambini costruttori di pace anno scolastico 2004-05 DATI IDENTIFICATIVI DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA

Dettagli