PARTE I LE FINALITÀ PUBBLICISTICHE DELLA PRIVATIZZAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PARTE I LE FINALITÀ PUBBLICISTICHE DELLA PRIVATIZZAZIONE"

Transcript

1 PARTE I LE FINALITÀ PUBBLICISTICHE DELLA PRIVATIZZAZIONE 9

2 10

3 Capitolo 1 L IRRESISTIBILE ASCESA DELLA PRIVATIZZAZIONE 1 La lotta di liberazione del lavoro pubblico dal diritto amministrativo 11

4 La prima e la seconda privatizzazione 1 del rapporto 1 Alla fine l espressione privatizzazione sembra averla spuntata sull espressione rivale contrattualizzazione, ed è ormai di uso così invalso da rendere persino superfluo l uso della virgolettatura. Per un sintetico riepilogo dei termini dell accesa diatriba linguistica cfr. CARINCI, Le fonti della disciplina del lavoro alle dipendenze delle pubbliche amministrazioni, in Il lavoro alle dipendenze delle pubbliche amministrazioni. Commentario, Milano, 2 a edizione, tomo I, pp. LXXIII ss., il quale rileva come lo stesso D ANTONA, dopo averla criticata, l avesse infine fatta propria, nel battezzare come seconda privatizzazione la fase della riforma di cui è stato l indiscusso padre. Sono state così superate più per effetto della prassi linguistica, le pur fondate critiche della dottrina amministrativista (per tutti, CASSESE, Il sofisma della privatizzazione del pubblico impiego, in Riv.it.dir.lav., 1993, I, 287 ss. secondo cui denominare privatizzazione il fenomeno che si è fin qui analizzato comporta un abuso linguistico ed uno logico. L A. osserva che le norme non dispongono una privatizzazione, ma piuttosto la sindacalizzazione del pubblico impiego, e rileva l erroneità del sofisma: la privatizzazione comporta che non vi sia disciplina statale; il sindacato non è lo Stato; quindi la sindacalizzazione del pubblico impiego è la sua privatizzazione. L errore è nell abuso del termine medio, perché il sindacato è destinatario di una disciplina che va ben oltre il sostegno, ed il sindacalismo pubblico così è un sindacalismo «garantito dallo Stato» ); nonché della dottrina giuslavoristica [per tutti, RUSCIANO, Problemi sulla contrattualizzazione del lavoro pubblico, in DE MARTEN (a cura di), Il nuovo assetto del lavoro pubblico. Bilanci della prima tornata contrattuale, nodi problematici, prospettive, Quaderni ARAN/11, 1999, 217, che ritiene fuorviante il termine privatizzazione, perché sarebbe un errore pensare che i rapporti alle dipendenze da pubbliche amministrazioni da «pubblici» siano diventati «privati»: in realtà essi rimangono pubblici, ma vi si applicano, per un verso le norme generali del diritto del lavoro, e, per altro verso, le norme della contrattazione collettiva, che è il tipico strumento di regolazione dei rapporti di lavoro. In questo senso è più corretto parlare di «contrattualizzazione» ]. Critico è anche GHEZZI, La legge delega per la riforma del pubblico impiego, in Riv.giur.lav., 1992, I, 573, ed ora in Studi in onore di Renato SCOGNAMIGLIO, IPZS, Roma, 1997, che osserva come il termine privatizzazione sia inesatto perché pubblica resta pur sempre la natura giuridica dell amministrazione, dell apparato o dell ente datore di lavoro interessato dalla riforma: a meno che la confusione tra i due termini non abbia uno scopo strumentale nei confronti di opera- 12

5 (già) di pubblico impiego hanno trasformato la materia del diritto del lavoro forse più di quanto non abbiano trasformato lo stesso rapporto di pubblico impiego. Il pubblico impiego (rectius: il lavoro alle dipendenze da pubbliche amministrazioni) è infatti entrato a far parte pleno iure del diritto del lavoro, il cui ambito è stato corrispondentemente esteso 2. La privatizzazione del rapporto di impiego pubblico è pertanto la manifestazione forse più eclatante della cd. tendenza espansiva del diritto del lavoro 3, in controtendenza rispetto alla fuga dal diritto del lavoro 4 : fuga cui il legislatore del lavoro reagisce, per l appunto, colonizzando nuovi territori (il pubblico impiego, e, da ultimo, le collaborazioni coordinate e continuative atipiche, non riconducibili ad un progetto) e dunque estendendo 2 Per un accurata ricostruzione dell evoluzione storica della disciplina del rapporto di lavoro con le pubbliche amministrazioni, dall unificazione ad oggi, con particolare attenzione ai profili relativi alla giurisdizione, si veda BATTINI, Il rapporto di lavoro con le pubbliche amministrazioni, CEDAM, Con riferimento specifico alla ormai decennale storia della privatizzazione, F. CARINCI, Una riforma conclusa. Fra norma scritta e prassi applicativa. Prefazione in F. CARINCI, L. ZOPPOLI (a cura di) Il lavoro nelle pubbliche amministrazioni. Commentario, Giuffrè, Torino, 2004, XLIII ss., L. ZOPPOLI, Dieci anni di riforma del lavoro pubblico ( ), in Lav.pubbl.amm., 2003, 751; CARUSO, La storia interna della riforma del P.I.: dall illuminismo del progetto alla contaminazione della prassi, in Lav. pubbl.amm., 2001, 973 ss., nonché in AA.VV. (a cura di D ANTONA, MATTEI- NI, TALAMO) Riforma del lavoro pubblico e riforma della pubblica amministrazione ( ). I lavori preparatori ai decreti legislativi n. 396 del 1997, n. 80 del 1998, e n. 387 del 1998, Giuffrè, Milano, 2001, XIII, ss. 3 Cfr. CARINCI, Le fonti della disciplina, cit., p. CI: secondo una formula suggestiva, di larga presa, la riforma starebbe tutta in una tendenziale riconduzione nell ambito del diritto comune dell intero universo del lavoro subordinato. 4 Cfr. anche ICHINO, La fuga dal diritto del lavoro, in Dem. e dir., 1990, 69 ss., e LISO, La fuga dal diritto del lavoro, in Ind. e sind., 1992, n. 28, 1 ss. 13

6 i confini del proprio impero, ma accentuando, in tal modo, quella crisi di identità 5 che aveva provocato o, quantomeno, agevolato la fuga 6. È noto, infatti, come per lungo tempo (un secolo breve 7, ma pur sempre un secolo nella storia, anch essa breve, del diritto del lavoro) il pubblico impiego fosse stato considerato estraneo alla materia del diritto del lavoro ed assoggettato al dominio pressoché esclusivo del diritto 5 Sull instabilità dei quattro pilastri dell identità del diritto del lavoro che conosciamo (lo Stato nazione, la grande fabbrica, la piena occupazione, la rappresentanza generale del lavoro attraverso il sindacato) si veda D AN- TONA, Diritto del lavoro di fine secolo: una crisi di identità?, in Riv.giur.lav., 1998, I, 311 ss., ora in Contrattazione, rappresentatività, conflitto. Scritti sul diritto sindacale, a cura di GHEZZI, Roma, 2000, pp. 273 ss. Sulle non condivisibili affermazioni della dottrina sulla crisi di identità e la possibile dissoluzione del diritto del lavoro cfr. però SCOGNAMIGLIO, Lavoro subordinato e diritto del lavoro alle soglie del 2000, in Arg.dir.lav., 1999, 2, 273 ss., sul punto 283 ss. 6 Cfr. PERSIANI, Brevi riflessioni sulla privatizzazione dell impiego pubblico, in Arg.dir.lav., 3, 200, 621, il quale sembra condividere il timore che al diritto del lavoro possa accadere quello che accadde all impero austroungarico quando, ormai già in crisi, si determinò ad annettere la Bosnia Erzegovina. Annessione che, com è noto, fu la premessa dell assassinio del Granduca Ferdinando e, quindi, della prima grande guerra mondiale che determinò, tra l altro, la scomparsa di quell impero. 7 È l espressione che dà titolo al primo paragrafo del saggio di D ANTO- NA, Lavoro pubblico e diritto del lavoro: la seconda privatizzazione del pubblico impiego nelle leggi Bassanini, già in Lav. pubbl. amm., 1998, n. 1, 42, ed ora in Il lavoro alle dipendenze delle pubbliche amministrazioni. Commentario, Giuffrè, Milano, 2000, p. XLIX. 14

7 amministrativo 8, essendo state presto travolte le tesi dirette a ricostruire in termini unitari il contratto di impiego pubblico e privato 9. 8 All inizio del secolo, per la verità, non vi era affatto concordia di vedute circa la collocazione del rapporto di pubblico impiego nel diritto privato ovvero nel diritto pubblico. Cfr. in particolare BARASSI, Il contratto di lavoro nel diritto positivo italiano, Milano, 1901, p. 218: Dottrina e giurisprudenza, specie quest ultima, non sono concordi nel ritenere che qui vi sia un rapporto di diritto privato, un contratto di lavoro. L A. riteneva che il rapporto tra la pubblica amministrazione e l impiegato rimanesse fondamentalmente di diritto privato e che non si potesse disconoscere l elemento contrattuale, posto che il decreto di nomina [ ] esprime la pura e semplice volontà della pubblica amministrazione. Ma da sé è inefficace: occorre il consenso anteriore o posteriore dell impiegato (così, pp. 220 ss. ed ivi ampi riferimenti alla dottrina ed alla giurisprudenza dell epoca). Sul piano legislativo, l art. 2 del R.D.L. 13 novembre 1924, n (Disposizioni relative al contratto d impiego privato), poi trasfuso nell art c.c., disponeva che le disposizioni del decreto stesso si applicano anche agli impiegati di Enti morali, di Enti Parastatali e di Enti pubblici, salvo che il rapporto d impiego non sia diversamente regolato per legge, anche se, ai sensi dell att. 18, comma 2, nulla era innovato circa la competenza stabilita da altre leggi sulle controversie relative ai rapporti d impiego di dipendenti da enti pubblici e parastatali, cosicché, la tendenziale sottoposizione dell impiego pubblico e di quello privato ad una stessa disciplina non apparve nel 1924 incompatibile con la rispettiva diversa natura e che non destò scandalo l ipotesi di un impiego pubblico regolato dal diritto privato (così FRENI, Impiego pubblico e diritto comune del lavoro, in Dir.lav., 1978, I, 318, che parla al riguardo di forza espansiva di questa disciplina tendenzialmente comune ai due settori ). Per il rilievo che con il d.lgs. n. 29 del 1993, si ripristina e non si ribalta [ ] il significato originario [ ] della disposizione contenuta nel c.c. all art (significativamente intitolata «contratto di lavoro per i dipendenti degli enti pubblici» cfr. MARESCA, Le trasformazioni dei rapporto di lavoro pubblico e il sistema delle fonti, in Atti del Convegno AIDLASS, dell Aquila, 31 maggio 1 giugno 1996, Giuffrè, Milano 1997, COGLIOLO, Idee direttive per il contratto di impiego pubblico e privato, in Scritti vari di diritto privato, Giuffrè, PACINOTTI, Contributo alla determinazione della natura giuridica del rapporto intercedente tra lo Stato o tra un altra pubblica amministrazione e gli impiegati suoi, Niccolai,

8 Ne fanno fede anche visivamente i manuali di diritto sindacale e di diritto del lavoro nelle edizioni meno recenti, e precedenti, per il diritto sindacale, l anno 1983 (anno di entrata in vigore della l. n. 93, legge quadro sul pubblico impiego); e, per il diritto del rapporto di lavoro, gli anni (anni di entrata in vigore della l. n. 421 del 1992 e del d.lgs. n. 29 del 1993). Invero, i manuali di diritto del lavoro si occupavano quasi sempre in negativo del rapporto di pubblico impiego, in sede, cioè, di individuazione dell oggetto della materia del diritto del lavoro e di delimitazione dei suoi confini, e, dunque, essenzialmente per affermare l incompetenza funzionale dei giuslavoristi, e la competenza dei cultori del diritto amministrativo 10. Ed anche nei suoi primi timidi approcci la dottrina giuslavoristica [ ] priva di una seria 10 F. SANTORO PASSARELLI, Nozioni di diritto del lavoro, Jovene, Napoli, 1977, p. 72: ancora oggi può dirsi che al rapporto di lavoro pubblico, regolato diversamente dalla legge, e più precisamente da norme che si considerano tuttora appartenenti al diritto amministrativo, non trovano applicazione in concreto le norme costituenti il diritto del lavoro in senso tradizionale (ma negli stessi termini testuali si veda, ad esempio, anche l edizione del 1987: p. 80); GHERA, Diritto del lavoro, 1982, pp è la sicura prevalenza del rapporto organico su quello di servizio che [ ] ha determinato la sistemazione del pubblico impiego nel diritto pubblico (e precisamente nel diritto amministrativo). SCOGNAMIGLIO, Diritto del lavoro, parte generale, Cacucci, Bari, 1972, osservava invece che la circostanza che il lavoro sia prestato alle dipendenze dello Stato o degli altri enti pubblici, in quanto agiscono con potere di supremazia per il perseguimento di finalità di ordine generale, incide in larga misura sulla natura e disciplina del rapporto. Così da porre in dubbio addirittura la fondatezza, o comunque l opportunità, di ogni tentativo di estendere a quest altro obietto, e secondo una più vasta visuale della materia, il contenuto del diritto del lavoro (p. 121). Un maggior rilievo il pubblico impiego ha sempre avuto nel manuale di CARINCI, DE LUCA TAMAJO, TOSI, TREU, Diritto del lavoro. Il rapporto di lavoro subordinato, 2, Torino, 1985, III cap. Il rapporto di pubblico impiego, pp , con descrizione dei profili essenziali della disciplina. 16

9 tradizione al riguardo [ ] si è sempre occupata del pubblico impiego con l insicurezza di chi compie un indebito sconfinamento in zone riservate all altrui competenza 11. Dopo la caduta dell ordinamento corporativo l attenzione della dottrina e della giurisprudenza del lavoro si concentrò sopratutto sul rapporto di impiego alle dipendenze da enti pubblici economici, che si ritenne comunque assoggettato all autorità giudiziaria ordinaria, ai sensi dell art. 429, n. 3, c.p.c., pur dopo il venir meno dell inquadramento sindacale degli enti in questione nelle disciolte organizzazioni sindacali di diritto pubblico 12. Quanto al rapporto di impiego alle dipendenze da pubbliche amministrazioni, non espressamente considerato nell art. 39 Cost., si discusse in origine in appendice al colossale e monomaniacale dibattito sull attuazione della suddetta norma costituzionale sull opportunità di considerare nella futura legge sindacale anche il settore pubblico, con la previsione, ad esempio, di una registrazione dei sindacati dei pubblici dipendenti, sia pure con esclusione della possibilità di contrattazione collettiva ; sull opportunità di delineare un procedimento di determinazione delle condizioni di impiego che faccia sempre capo alla legge, ma che abbia tuttavia come necessario presupposto la consultazione delle associazioni sindacali rappresentative ; 11 Così, RUSCIANO, Il rapporto di lavoro nelle pubbliche amministrazioni: crisi del modello tradizionale e ipotesi di nuova regolamentazione, in Riv.giur.lav., 1974, I, 312 ss. 12 I termini del dibattito sono efficacemente riassunti da PERA, Problemi costituzionali del diritto sindacale italiano, Milano, 1960, pp. 261 ss. 17

10 sulla ammissibilità o no dello sciopero nel pubblico impiego 13. Si trattava, però, pur sempre di visite o incursioni in casa d altri, nel quadro del tradizionale disinteresse dei giuslaboristi per il pubblico impiego 14. Fu soprattutto a partire dal 1970, con l art. 37 dello Statuto dei lavoratori, che i cultori del diritto del lavoro possono trarre una sorta di legittimazione diretta, da parte del legislatore, ad occuparsi dei rapporti di pubblico impiego, ed a teorizzare, sul piano metodologico, una prospettiva giuslavoristica del pubblico impiego 15. Sono di quegli 13 Si veda per tutti ancora PERA, Problemi costituzionali, cit., pp. 257 ss., cui si riferiscono le frasi virgolettate. 14 Così CARINCI, Alle origini di una storica divisione: impiego pubblico impiego privato, in Riv.trim.dir.civ., 1974, 1098 ss. (citazione in nota 12, p. 1102). 15 Così, RUSCIANO, Pubblico impiego e diritto del lavoro, Napoli, 1974 (p. 16), il quale osservava che è un dato di comune esperienza il manifestarsi sempre più accentuato nel pubblico impiego di talune rivendicazioni sindacali, notevolmente articolate, che differenziandosi da quelle assai frequenti di natura tipicamente corporativa, sono volte ad incidere non solamente sui livelli retributivi ma altresì su quegli aspetti dell organizzazione del lavoro nelle pubbliche amministrazioni che, resistendo all erosione del tempo, hanno la duplice negativa funzione di essere contrari all interesse dei dipendenti senza giovare all efficienza dell apparato burocratico. Questo dato di comune esperienza, ben lungi dal poter essere trascurato, si ritiene stia a dimostrare che è in atto un processo, probabilmente irreversibile, di rivalutazione del profilo tipicamente lavoristico del rapporto di pubblico impiego e pertanto impone, sia al legislatore che all interprete, di operare scelte globali che siano aderenti a questa nuova realtà. Ma cfr. già ROMAGNOLI, Commento all art. 37 dello statuto dei lavoratori in GHEZZI, MANCINI, MONTUSCHI, ROMAGNO- LI, Statuto dei diritti dei lavoratori, Bologna, 1972, pp 559 ss., nonché in Aspetti processuali dell art. 28 dello statuto dei lavoratori, in Riv. trim. dir. proc. civ., 1971,

11 anni le prime monografie a carattere generale 16 ed i primi saggi, specie di diritto sindacale, da parte di giuslavoristi 17. È di quegli anni il primo convegno dell Associazione italiana di diritto del lavoro e della sicurezza sociale 18, sui temi del pubblico impiego, anche se soprattutto con riferimento a specifiche questioni, quale quella relativa alla condotta antisindacale nel pubblico impiego 19. Ed è pro- 16 GHERA, Il pubblico impiego, Bari, 1975, e già in precedenza, Rapporto di lavoro e pubblico impiego nella organizzazione degli enti pubblici, in Studi in onore di F. Santoro Passarelli, vol. V, Napoli, 1972, pp. 381 ss., in una prospettiva che non sembra mettere in discussione la competenza del diritto amministrativo a regolare il rapporto di pubblico impiego, stante la particolare natura della subordinazione del pubbico dipendente, qualificata dalla connessione del rapporto di servizio con la struttura degli uffici nei quali si articola l organizzazione degli apparati amministrativi, ciò che dimostra come la subordinazione del pubblico dipendente non sia debitoria bensì organizzatoria (sul punto, 17 ss.). Differente nel pubblico impiego, più che la collaborazione, è in realtà il modo ed il fine della stessa, qualificata dall inserzione del lavoro nell organizzazione del lavoro dell amministrazione. Tale inserzione, e quindi il collegamento funzionale tra la prestazione lavorativa e l interesse della pubblica amministrazione al cui servizio è resa, si realizza secondo lo schema normativo rigido della c.d. supremazia speciale, laddove nel rapporto di lavoro interprivato [ ] un simile collegamento si realizza mediante lo schema normativo flessibile della subordinazione (così, p. 14). 17 Ad esempio, TREU, Struttura contrattuale e politiche rivendicative nel pubblico impiego, in Riv.trim.dir.proc.civ., 1973, 1112 ss. FERRARO, Autonomia collettiva e pubblico impiego, in Riv.giur.lav., 1973, I, 573 ss., e Statuto dei lavoratori e pubblico impiego, Napoli, Si vedano gli Atti delle Giornate di studio di Siena del 9 10 ottobre 1972, sul tema Statuto dei lavoratori ed enti pubblici, Milano, Cfr. Atti delle Giornate di studio, su Condotta antisindacale e pubblico impiego, Napoli,

12 prio a tale questione che i manuali di diritto sindacale iniziano a dedicare qualche timida pagina 20. Il sindacato sembra giocare in quegli anni (come ai nostri giorni) un ruolo fondamentale nella partita per l annessione del rapporto di pubblico impiego al diritto del lavoro. Invero, la tesi generale che i sindacati, col vasto concorso di studiosi, sostengono, consiste nell affermazione conclamata che non vi dovrebbe essere nessuna sostanziale differenza tra l impiegato pubblico e quello privato e che per entrambi deve perciò attuarsi la stessa disciplina del contratto collettivo, con la piena sostanziale parificazione del rispettivo trattamento [ ] nella prospettiva tuttora valida di rendere omogenee le situazioni giuridiche degli uni e degli altri all interno del sistema del lavoro subordinato 21. Quella tesi generale, complice l ambizione di dominio dei giuslavoristi 22, finisce per imporsi al legislatore. L azione svolta direttamente o indirettamente dalle organizzazioni attraverso convegni, dibattiti, studi per opera diretta delle stesse associazioni e col concorso di studiosi in 20 Ad esempio GIUGNI, Diritto sindacale, Bari, nell edizione (la IV) del 1979 non si occupava ancora della contrattazione collettiva nel pubblico impiego, ma dedicava qualche cenno all applicabilità dell art. 28, l. n. 300 del 1970 nei confronti degli enti pubblici (p. 104). 21 Così, SIMI, La legge quadro del pubblico impiego di fronte alla costituzione, in Riv.it.dir.lav., 1985, I, 58 ss. (sul punto p. 59), in senso decisamente critico rispetto alla tesi generale riferita. 22 L espressione è di TREU, Intervento, in Le trasformazioni dei rapporti di lavoro pubblico e il sistema delle fonti. Atti delle giornate di studi di diritto del lavoro l Aquila, 31 maggio 1 giugno 1996, Milano, Giuffrè, p. 194, ed è riferita alla fiducia riposta nel contratto collettivo come unico mezzo per risolvere i problemi del pubblico impiego. 20

13 gran parte collegati all area sindacale, ha così avuta realiz- 21

14 zazione attraverso la cd. legge quadro Così, ancora, SIMI, La legge quadro, cit., p. 61. Secondo gli studiosi evocati criticamente dall A., invece, era necessario innanzi tutto combattere ed eliminare le spinte corporative, che da sempre caratterizzano la politica rivendicativa del sindacalismo c.d. autonomo : così, RUSCIANO, Il rapporto di lavoro nelle pubbliche amministrazioni, cit., p. 325, che osservava altresì che le organizzazioni dei dipendenti pubblici, aderenti alle maggiori confederazioni dei lavoratori, possono costituire, nel pubblico impiego, degli agenti contrattuali forniti della necessaria consapevolezza dei problemi specifici, ma nello stesso tempo capaci di raccordare, in uan visione globale ed equilibrata, l interesse dei dipendenti pubblici e l autentico interesse generale, che certamente si identifica con l interesse della collettività costituita in massima parte dai lavoratori subordinati alla efficienza ed alla produttività degli apparati pubblici. Il punto di vista del sindacalismo confederale è ben sintetizzato anche da TREU, Politiche rivendicative sindacali e riforma della pubblica amministrazione, in Riv.giur.lav., 1974, I, 331 ss., e da ICHINO, Iniziative e linee di azione del sindacato per la riforma della pubblica amministrazione, ibidem, p. 343, che, tra l altro, osservava: dallo sfacelo della pubblica amministrazione non si uscirà soltanto mettendo in galera qualche burocrate corrotto o sollecitando moralisticamente i lavoratori del settore pubblico a lavorare di più; il problema non è soltanto di moralità o di alacrità delle singole persone: occorre ricostruire l organizzazione amministrativa secondo principi e schemi nuovi rispetto al passato, in modo che essa possa funzionare per lo Stato democratico ed in modo democratico. Secondo l A. la riforma non era finalizzata solo a far funzionare in modo più efficiente e democratico la pubblica amministrazione, ma anche a tutelare meglio il dipendente pubblico, considerato che i livelli di tutela del dipendente pubblico sono rimasti fermi per interi decenni o sono progrediti in misura ridottissima: il risultato paradossale è che oggi il pubblico dipendente è sotto diversi aspetti molto più esposto all arbitrio del datore di lavoro e giuridicamente sprovvisto di tutela di quanto non sia il dipendente privato. L A. esplicita infine quello che potremmo definire il valore in sé della privatizzazione: Ma al di là di queste considerazioni contingenti, è ora che il movimento sindacale affronti alla radine il problema della dicotomia fra lavoro pubblico e lavoro privato; occorre riaffermare [ ] che è venuta a cadere la ragion d essere della distinzione sul piano giuridico fra la categoria del lavoro pubblico e la categoria del lavoro privato [ ] entrambi i rapporti devono essere finalmente ricondotti ad un unica disciplina. 22

15 I cultori del diritto del lavoro, ed in particolare del diritto sindacale, ricevono dunque dalla legge quadro sul pubblico impiego una nuova e più ampia legittimazione 24 ad occuparsi del pubblico impiego 25, peraltro senza alcuna espropriazione in danno dei cultori del diritto amministrativo, posto che, come è noto, con la legge quadro un fenomeno tipico del lavoro privato, come la contrattazione collettiva, viene rielaborato dal diritto amministrativo secondo le categorie del diritto pubblico 26. I manuali di diritto sindacale successivi al 1983 dedicano così specifiche e distinte 24 Di legittimazione alla ricerca, parlava ad esempio ROMEO, La privatizzazione ovvero la contrattualizzazione del pubblico impiego, in Riv.it.dir.lav., 1991, I, 301 ss., secondo cui l impegno del giurista, anzi del giuslavorista, considerato che da oltre un decennio il diritto del lavoro ha «requisito» l area del pubblico impiego, è ineludibile. 25 Cfr. per tutti L. ZOPPOLI, Contrattazione e delegificazione nel pubblico impiego (Dalla legge quadro alle politiche di privatizzazione ), Napoli, 2 ed., 1990 (ed ivi ricchissimi riferimenti e spunti cui si rinvia), che così apre, significativamente, la sua monografia: Con la legge quadro sul pubblico impiego del 29 marzo 1983 n. 93 si afferma definitivamente nel nostro ordinamento il principio secondo cui i pubblici dipendenti possono concorrere alla determinazione delle proprie condizioni di lavoro secondo i metodi e i criteri della contrattazione collettiva. Se si hanno presenti le coordinate concettuali e le valenze ideologiche del c.d. rapporto di immedesimazione organica dei pubblici impiegati, ricorrono motivi sufficienti per parlare di una vera e propria rivoluzione o almeno di una trasformazione di portata storica. 26 Così D ANTONA, Lavoro pubblico e diritto del lavoro, cit., p. XLVII, che a tal proposito parla di ibridazione della contrattazione collettiva con il diritto amministrativo. E del resto curata dall istituto di Diritto pubblico della facoltà di giurisprudenza dell Università di Firenze, l opera collettanea di ORSI BATTAGLINI, MAVIGLIA, ALBANESE, LUCIBELLO, Accordi sindacali e legge quadro sul pubblico impiego, Milano,

16 trattazioni alla contrattazione collettiva nel pubblico impiego 27. Ma è nel 1992, con la legge delega per la privatizzazione dei rapporti di pubblico impiego, che i giuslavoristi conquistano definitivamente l agognata frontiera del pubblico impiego, e non hanno così più bisogno di esibire alcun passaporto legislativo per varcare i confini della loro materia, avendo il legislatore esteso quei confini, con l annettere al diritto comune del lavoro una gran parte dei rapporti di pubblico impiego Cfr. CARINCI, DE LUCA TAMAJO, TOSI, TREU Diritto del lavoro. Il diritto sindacale, 1, Torino, 1983, i quali dedicano un ampio capitolo (l undicesimo) alla contrattazione collettiva nel pubblico impiego (pp ), nonostante all epoca vi fosse soltanto un disegno di legge quadro. Le edizioni successive, ed in particolare la 3 del 1994 (ristampa nel 1997) tengono conto degli sviluppi successivi ed ampliano il cap. XI cap. (pp ). GIUGNI, Diritto sindacale, Bari, 1984 dedica per la prima volta un apposito capitolo (il 9 ) alla contrattazione collettiva nel pubblico impiego (pp ). PERSIANI, Diritto sindacale, Padova, 1986, non considera ancora la contrattazione collettiva nel settore pubblico. 28 Cfr., per un analisi dall interno delle concitate fasi finali della conquista di uno storico traguardo che, ancora nel luglio del 1992, sembrava impossibile e comunque lontanissimo, persino per i più fiduciosi, TREU, Prefazione, in TREU (a cura di), Pubblico impiego. Verso il diritto comune del lavoro, Franco Angeli, Milano, 1993, pp. 7 ss. 24

17 Di conseguenza, cambiano ancora, e più decisamente, i manuali di diritto sindacale 29, tenuti ora a dare compiutamente conto di un sistema di rappresentanza sindacale e di contrattazione collettiva che si vuole ormai definitivamente affrancato dal diritto pubblico. Invero, il contratto collettivo non è più recepito in un atto legislativo o regolamentare, ma è ritenuto fonte diretta di disciplina del rapporto di pubblico impiego (salvo però a negare siffatta natura di fonte diretta, allorché si tratta di salvare la costituzionalità del sistema), e tanto già basta alla dottrina, pressoché unanime, per ricondurre il contratto collettivo de quo al genus autonomia privata collettiva 30. Ma la competenza scientifica dei giuslavoristi non verrebbe certo meno anche a voler considerare il contratto collettivo come fonte normativa 31, come dimostrano i pre- 29 Ad es., PERSIANI, Diritto sindacale, cit., che nelle edizioni degli anni 80 non si era occupato del settore pubblico, nell edizione del 1999 dedica un apposito capitolo (il V, pp ) alla contrattazione collettiva nel pubblico impiego, dopo aver dedicato il 3 cap. all organizzazione sindacale nel pubblico impiego. Nel manuale di diritto sindacale della GALANTINO nell edizione del 1999 il capitolo sulla contrattazione collettiva ha uno sviluppo considerevole (cap. 7, pp ), mentre nella 1 edizione del 1990 la trattazione era ben più scarna (pp ). I nuovi manuali di diritto sindacale partono già con apposite parti dedicate alla contrattazione collettiva del settore pubblico: cfr. VALLEBONA, Istituzioni di diritto del lavoro, I, Il diritto sindacale, Giappichelli, Torino, 1998, pp Cfr. per tutti CARINCI, Le fonti della disciplina, cit., p. CVIII, e da ultimo in Una riforma conclusa, cit., p. 16, il quale rileva che si può ancora parlare di un genus comune costituito dall autonomia privata collettiva. 31 Per qualche spunto in tal senso, all epoca del tutto marginale, sia consentito il rinvio a PILEGGI, in Comparti, materie, livelli della contrattazione collettiva, in Quaderni di diritto del lavoro e delle relazioni industriali, n. 16, 1995, p

18 cedenti storici relativi al contratto collettivo corporativo ovvero, al contratto collettivo recepito in decreto legislativo ai sensi della l. n. 241 del 1959, tanto per restare in epoca repubblicana. Non cambiano però solo i manuali di diritto sindacale. Cambiano e si imbolsiscono anche i manuali di diritto del lavoro (in senso stretto), che ora si occupano ex professo anche del rapporto di pubblico impiego, inserendone perlopiù la trattazione nella parte dedicata ai rapporti speciali di lavoro 32. Più in generale, si assiste, da parte della dottrina lavoristica, quasi dovesse sfogare una lunga astinenza, ad una 32 Nell edizione del 1993 del già citato manuale di GHERA il rapporto di pubblico impiego inizia ad avere un certo risalto, nonostante l A. avesse potuto tenere conto soltanto della l. delega n. 421 del 1992 (si vedano pp ). Nell ultima edizione del 2000, a privatizzazione ormai completata (e dunque a materia ormai acquisita) il rapporto di pubblico impiego viene trattato con maggiore ampiezza (anche se ancora in termini piuttosto contenuti: pp ). SCOGNAMIGLIO, Diritto del lavoro, Jovene, Napoli, 2000, inserisce un ampia trattazione sul rapporto di pubblico impiego nella sezione (III) relativa ai rapporti speciali di lavoro (pp ), facendo riferimento, conformemente all impostazione del manuale, sia ai profili di disciplina del rapporto di lavoro sia a quelli di diritto sindacale. CARINCI, DE LUCA TAMAJO, TOSI, TREU, Diritto del lavoro. Il rapporto di lavoro subordinato, 2, IV edizione, Torino, 1998, dedicano il XIII cap. al Rapporto di pubblico impiego (pp ). VALLEBONA, Istituzioni di diritto del lavoro, II, Il rapporto di lavoro, Giappichelli, Torino, 1998, si occupa del pubblico impiego nel capo V, relativo alle articolazioni interne al lavoro subordinato, e precisamente tra le discipline adattate all interesse tipico dell organizzazione (pp ). Ma in tutti i manuali il rapporto alle dipendenze da pubbliche amministrazioni trova piena cittadinanza: cfr. GALANTINO, Lezioni di diritto del lavoro, Torino, 2000, cap. XVIII, Il rapporto di lavoro pubblico, pp ; SUPPIEJ, DE CRISTOFARO, CESTER, Diritto del lavoro. Il rapporto individuale, Cedam, Padova, 1998, cap. VI, Il rapporto di lavoro con le pubbliche amministrazione, pp. 323 e

19 vera e propria esplosione di studi sul lavoro pubblico 33, non arginata da alcuno strumento deflativo del sovraccarico editoriale, per celebrare il ritorno del figliol prodigo, cioè il ritorno dei rapporti di lavoro con le pubbliche amministrazioni al diritto del lavoro 34. Tutti i profili (sostanziali, sindacali, processuali) della privatizzazione vengono vivisezionati in un florilegio di scritti, specie nella forma della raccolta di saggi, dei numeri monografici di varie riviste, del commentario 35, stante la vastità, l eterogeneità e l instabilità della materia: una materia fluida che mal si presta a trattazioni monografiche, destinate, peraltro, ad essere presto superate dal corso incessante delle modifiche legislative. Nasce una rivista bimestrale dedicata esclusivamente al lavoro nelle pubbliche 33 Di letteratura formatasi con la velocità delle foreste tropicali, parla ROMAGNOLI, Il contratto collettivo di lavoro nel Novecento italiano, in Aidlass (a cura di), Il diritto del lavoro alla svolta del secolo. Atti delle giornate di studio. Ferrara maggio 2000, Giuffrè, Milano, 2002, Così, D ANTONA, Lavoro pubblico e diritto del lavoro, cit., Tra i moltissimi commentari ricordiamo, da ultimo, F. CARINCI, L. ZOPPOLI (a cura di), Il lavoro nelle pubbliche amministrazioni, Utet, Torino, 2004; F. CARINCI e D ANTONA (diretto da), Il lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche, Giuffrè, Milano, 2000; CORPACI, RUSCIANO, L. ZOPPOLI, La riforma dell organizzazione, dei rapporti di lavoro, e del processo nelle amministrazioni pubbliche. Commentario, in Nuove leggi civ.comm., 1999; PERONE, SASSANI (a cura di), Processo del lavoro e rapporto alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche. Il decreto legislativo n. 80 del 1998, Cedam, Padova, 1999; DELL OLIO, SASSANI (a cura di), Amministrazioni pubbliche, lavoro, processo. Commento ai d.lgs. 31 marzo 1998 n. 80 e 29 ottobre 1998, n. 387, Milano,

20 amministrazioni 36, ed al tema le trasformazioni dei rapporti di lavoro pubblico ed il sistema delle fonti viene dedicato il congresso dell Associazione nazionale di diritto del lavoro e della sicurezza sociale 37. I convegni, i seminari, le giornate di studio, gli incontri, i dibattiti non si contano più, e rendono difficile ed inutile un arida elencazione. La proliferazione degli studi è del resto in parte giustificata dalla necessità di inseguire affannosamente il legislatore, autore consapevole (e forse colpevole), di una riforma sperimentale, concepita come riforma in itinere 38, realizzata con la tecnica della novellazione permanente del d.lgs. n. 29 del 1993, destinata a proseguire sul d.lgs. n. 165 del Una tecnica che costringe anche la dottrina a novellare continuamente i propri contributi, altrimenti condannati ad una precocissima obsolescenza. Una tecnica legislativa alluvionale che contraddice i propositi di delegificazione e di semplificazione perseguiti dalla riforma. 36 Il primo numero esce nel gennaio febbraio del 1998, con editoriale, dal titolo assai significativo, di CARINCI, Una nuova rivista per una riforma in itinere, p. 1. Più recentemente (il primo numero e di ottobre dicembre 2003) è nata la rivista trimestrale di legislazione e giurisprudenza sul rapporto di lavoro con la pubblica amministrazione Lavoro Pubblico, diretta da FOR- LENZA. 37 È il titolo delle Giornate di studio di diritto del lavoro, tenutesi a L Aquila dal 31 maggio al 1 giugno 1996, in Atti, Milano, L espressione è di CARINCI, Una nuova rivista per una riforma in itinere, cit., p. 1, nonché Una riforma in itinere: la c.d. privatizzazione del rapporto di impiego pubblico, in Atti in onore di G.F. Mancini, Giuffrè, Milano,

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale)

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) CAMERA DEI DEPUTATI XI Commissione (Lavoro pubblico e privato) (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) 27 novembre 2013 AUDIZIONI ABI 2013 AUDIZIONI ABI - 2013 Le proposte

Dettagli

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Una delle questioni che la lettura e l interpretazione delle regole contenute nel nuovo

Dettagli

CURRICULUM VITAE 1 Prof. ANNAMARIA MINERVINI

CURRICULUM VITAE 1 Prof. ANNAMARIA MINERVINI CURRICULUM VITAE 1 Prof. ANNAMARIA MINERVINI Dati anagrafici e Titoli Nata a Bergamo il 05 Agosto 1951. Professore di II fascia di Diritto del Lavoro (settore IUS/07) nell Università. Avvocato (iscritta

Dettagli

La gestione del personale nelle pubbliche amministrazione La privatizzazione del rapporto di pubblico impiego

La gestione del personale nelle pubbliche amministrazione La privatizzazione del rapporto di pubblico impiego La gestione del personale nelle pubbliche amministrazione La privatizzazione del rapporto di pubblico impiego a cura di Franco Liso Università La Sapienza ? Perché il decreto legislativo 29/1993 e la privatizzazione

Dettagli

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO ISTITUTO GIURIDICO

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO ISTITUTO GIURIDICO UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO ISTITUTO GIURIDICO MONOGRAFIE E STUDI 1. CESARE CAVALLINI, L oggetto del processo di rivendica, 2002. 2. ANTONINO BARLETTA, La stabilità della vendita forzata,

Dettagli

Prefazione del prof. Edoardo GHERA Ordinario di diritto del Lavoro dell Università La Sapienza di Roma

Prefazione del prof. Edoardo GHERA Ordinario di diritto del Lavoro dell Università La Sapienza di Roma Prefazione del prof. Edoardo GHERA Ordinario di diritto del Lavoro dell Università La Sapienza di Roma Il rapporto di lavoro pubblico attraverso i contratti. Il titolo indica con chiarezza il contenuto

Dettagli

RELAZIONE DI ADRIANA BOVE

RELAZIONE DI ADRIANA BOVE RELAZIONE DI ADRIANA BOVE INTRODUZIONE Il sistema brevettuale europeo appare fondato su vari principi. Alla previsione, contenuta nell art. 52, I comma CBE, secondo cui un invenzione per essere brevettabile

Dettagli

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE Nel corso del 2009 sono state pubblicate numerose sentenze delle Sezioni Unite della Suprema

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

DIRITTI CIVILI E POLITICI

DIRITTI CIVILI E POLITICI Diritti umani e diritto internazionale, vol. 3 n. 3 2009 DIRITTI CIVILI E POLITICI Ancora sui rapporti tra ONU e CE in materia di lotta al terrorismo e tutela dei diritti fondamentali: la sentenza del

Dettagli

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici.

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici. FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro **** PRINCIPIO N. 10 Omissione contributiva nella previdenza

Dettagli

La revoca del licenziamento

La revoca del licenziamento La revoca del licenziamento di Irene Corso L art. 5 del d.lgs. n. 23/2015 disciplina gli effetti della revoca disposta dal datore di lavoro rispetto ad un licenziamento cui, se illegittimo, troverebbero

Dettagli

Lidia Undiemi GIURETA. Vol. VIII 2010. Rivista di Diritto dell Economia, dei Trasporti e dell Ambiente

Lidia Undiemi GIURETA. Vol. VIII 2010. Rivista di Diritto dell Economia, dei Trasporti e dell Ambiente BREVE COMMENTO A MARGINE DELLA SENTENZA SULLA ESTERNALIZZAZIONE EUTELIA-AGILE-OMEGA. IL RUOLO DEI COLLEGAMENTI SOCIETARI NELLA VALUTAZIONE DELLA ANTISINDACALITA DELLA CONDOTTA NELL AMBITO DEL TRASFERIMENTO

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 873 Nuove norme e vecchie questioni in materia di silenzio della Pubblica Amministrazione Approvato dalla Commissione Studi Civilistici il 16 maggio 1995 1.

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, sentenza n.20658/2005 (Presidente: V. Mileo; Relatore: V. Nobile) LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, sentenza n.20658/2005 (Presidente: V. Mileo; Relatore: V. Nobile) LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, sentenza n.20658/2005 (Presidente: V. Mileo; Relatore: V. Nobile) LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO SENTENZA SVOLGIMENTO DEL PROCESSO Con sentenza

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni VI edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Nota a : Cassazione Civile, 16 Febbraio 2010, n. 3589, sez. III. A cura del Dott. Matteo Smacchi, LL.M. 1 La sentenza della Corte di Cassazione Civile n. 3589

Dettagli

Verbale di mediazione e accordo di conciliazione

Verbale di mediazione e accordo di conciliazione Verbale di mediazione e accordo di conciliazione PASQUALE MACCHIARELLI Notaio Il procedimento di mediazione può avere tre diverse conclusioni: - le prime due positive, se le parti raggiungono un accordo

Dettagli

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO?

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? regolazione SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? Raffaele Lener * Gli strumenti finanziari di tipo partecipativo, che il diritto societario ha consentito

Dettagli

Curriculum di: Gaetano Natullo

Curriculum di: Gaetano Natullo Curriculum di: Gaetano Natullo Professore Associtao di diritto del lavoro (S.S.D: JUS-07) Note biografiche 1988: laureato con 110 e lode in giurisprudenza nell'università di Napoli il, discutendo una tesi

Dettagli

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014 NEwSLETTER Del 17 marzo 2014 La giurisprudenza a seguito delle novità Introdotte con il d.l. 150/2012 (c.d. decreto balduzzi), convertito con modificazioni dalla l. 189/2012 In considerazione delle problematiche

Dettagli

Studio Legale Avv. Vania Valori

Studio Legale Avv. Vania Valori Studio Legale Avv. Vania Valori Piazza Martiri della Libertà n. 37-56025 Pontedera (Pi) tel. 0587.56350-0587.56776 fax 0587.56776 cell: 3496054946 e-mail avv.vaniavalori@email.it Pontedera, 15/04/2010

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

Facoltà di Giurisprudenza Seminario di preparazione alla tesi di laurea. 1. Le abbreviazioni delle fonti normative: di seguito, esempi

Facoltà di Giurisprudenza Seminario di preparazione alla tesi di laurea. 1. Le abbreviazioni delle fonti normative: di seguito, esempi Facoltà di Giurisprudenza Seminario di preparazione alla tesi di laurea (Sabato 20 ottobre 2012) ESERCITAZIONI PER LE CITAZIONI Preliminarmente, merita sottolineare che esistono diversi metodi di citazione

Dettagli

Prof. Arturo Maresca

Prof. Arturo Maresca Prof. Arturo Maresca Arturo Maresca, nato a Roma il 23 giugno 1951, è professore ordinario dal 1987. Attualmente insegna "Diritto del lavoro" presso la Facoltà di Giurisprudenza dell'università di Roma

Dettagli

01 CONCETTI BASE. Infatti, il concetto di trasferta comporta la sussistenza di due requisiti:

01 CONCETTI BASE. Infatti, il concetto di trasferta comporta la sussistenza di due requisiti: 1.1 TRASFERTA O MISSIONE 01 CONCETTI BASE Si intende per trasferta lo spostamento provvisorio e temporaneo del lavoratore in una sede diversa da quella da cui gerarchicamente e funzionalmente dipende,

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale Circolare n. 4/2012 del 22 novembre 2012 I REDDITI PER ATTIVITA PROFESSIONALI TRA OBBLIGO CONTRIBUTIVO INARCASSA E RIFORMA FORNERO DELLE COLLABORAZIONI: SPUNTI DA UNA RECENTE SENTENZA L obbligo di pagamento

Dettagli

Commento di Confindustria. Legge europea 2013-bis: estensione della disciplina dei licenziamenti collettivi ai dirigenti.

Commento di Confindustria. Legge europea 2013-bis: estensione della disciplina dei licenziamenti collettivi ai dirigenti. Commento di Confindustria Legge europea 2013-bis: estensione della disciplina dei licenziamenti collettivi ai dirigenti. Con sentenza del 13 febbraio 2014, resa nella causa C-596/12, la Corte di Giustizia

Dettagli

ELENCO delle PRINCIPALI PUBBLICAZIONI - P. Chieco, Professionalità e legge: il rapporto di impiego regionale, in G. Sforza (a cura di), Il lavoro

ELENCO delle PRINCIPALI PUBBLICAZIONI - P. Chieco, Professionalità e legge: il rapporto di impiego regionale, in G. Sforza (a cura di), Il lavoro ELENCO delle PRINCIPALI PUBBLICAZIONI - P. Chieco, Professionalità e legge: il rapporto di impiego regionale, in G. Sforza (a cura di), Il lavoro senza mestiere. Norma e prassi nel rapporto di impiego

Dettagli

Il principio di sussidiarietà orizzontale ex art. 118 u.c. Cost. e il Partenariato Pubblico Privato nel settore delle opere pubbliche

Il principio di sussidiarietà orizzontale ex art. 118 u.c. Cost. e il Partenariato Pubblico Privato nel settore delle opere pubbliche Il principio di sussidiarietà orizzontale ex art. 118 u.c. Cost. e il Partenariato Pubblico Privato nel settore delle opere pubbliche dott. Gaetano Pecoraro. La sussidiarietà nella dimensione orizzontale

Dettagli

In linea generale, l impresa collettiva è quella

In linea generale, l impresa collettiva è quella UNIBAS ECONOMIA AZIENDALE -Diritto commerciale 2013/14 IMPRESA COLLETTIVA E SCOPI ASSOCIATIVI In linea generale, l impresa collettiva è quella - esercitata in comune da più soggetti; - nella titolarità

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni V edizione A.A. 2013/2014 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

Prof.ssa PIERA CAMPANELLA Ordinario di Diritto del Lavoro nell Università degli Studi di Urbino Carlo Bo

Prof.ssa PIERA CAMPANELLA Ordinario di Diritto del Lavoro nell Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Prof.ssa PIERA CAMPANELLA Ordinario di Diritto del Lavoro nell Università degli Studi di Urbino Carlo Bo CURRICULUM DELL ATTIVITÀ SCIENTIFICA E DIDATTICA E attualmente professore Ordinario presso il Dipartimento

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI. Indirizzo Telefono Fax E-mail. Lugo di nascita ESPERIENZA LAVORATIVA

INFORMAZIONI PERSONALI. Indirizzo Telefono Fax E-mail. Lugo di nascita ESPERIENZA LAVORATIVA F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail Nazionalità Lugo di nascita PROF. AVV. CARLO ZOLI FAENZA Italiana FAENZA ESPERIENZA

Dettagli

Commissione Lavoro Senato della Repubblica

Commissione Lavoro Senato della Repubblica Audizione sul Disegno di Legge recante norme sulle rappresentanze sindacali unitarie nei luoghi di lavoro, sulla rappresentatività sindacale e sull efficacia dei contratti collettivi di lavoro Commissione

Dettagli

CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA Ufficio per gli Incontri di Studio

CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA Ufficio per gli Incontri di Studio CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA Ufficio per gli Incontri di Studio Incontro di studio sul tema: Illecito aquiliano e ingiustizia del danno Roma, 29-30 maggio 2008 Hotel Jolly Midas Responsabilità

Dettagli

LA TUTELA DEL LAVORO NON SUBORDINATO IN ITALIA. (M.Lai, Centro Studi Cisl/Università di Firenze)

LA TUTELA DEL LAVORO NON SUBORDINATO IN ITALIA. (M.Lai, Centro Studi Cisl/Università di Firenze) LA TUTELA DEL LAVORO NON SUBORDINATO IN ITALIA (M.Lai, Centro Studi Cisl/Università di Firenze) 1) Lavoro autonomo e lavoro subordinato a) Il lavoro autonomo definito per differenza dal lavoro subordinato;

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN ASP CITTA DI BOLOGNA LINEE GUIDA

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN ASP CITTA DI BOLOGNA LINEE GUIDA LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN ASP CITTA DI BOLOGNA LINEE GUIDA 1. Premessa L ASP Città di Bologna è il frutto di un percorso complesso di unificazione di tre Istituzioni cittadine storiche con una

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali INTERPELLO N. 24/2010 Roma, 9 giugno 2010 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali DIREZIONE GENERALE PER L ATTIVITÀ ISPETTIVA Alla CONFAPI Via della Colonna Antonina n. 52 00186 Roma Prot. 25/I/0010267

Dettagli

I rapporti tra ordinamento interno e CEDU Dott. Francesco Vittorio Rinaldi

I rapporti tra ordinamento interno e CEDU Dott. Francesco Vittorio Rinaldi I rapporti tra ordinamento interno e CEDU Dott. Francesco Vittorio Rinaldi 1. Il rango della CEDU nell ordinamento interno. Il tema dei rapporti tra CEDU e ordinamento interno e dunque, del rango della

Dettagli

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Indirizzo di saluto del Comandante Generale Porgo il mio saluto cordiale a tutti i delegati della Rappresentanza qui convenuti. Gli incontri

Dettagli

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE di Sergio Ricci 1 IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE Intervento per il Convegno Turismo Sociale e Bilancio Sociale : contributi in un

Dettagli

INDICE CAPITOLO I QUALIFICAZIONE DEI REDDITI D IMPRESA PRODOTTI ALL ESTERO

INDICE CAPITOLO I QUALIFICAZIONE DEI REDDITI D IMPRESA PRODOTTI ALL ESTERO INDICE CAPITOLO I QUALIFICAZIONE DEI REDDITI D IMPRESA PRODOTTI ALL ESTERO INTRODUZIONE La qualificazione dei redditi prodotti all estero nell ordinamento fiscale italiano 1. La tassazione dei redditi

Dettagli

La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.

La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex. La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com La Corte Costituzionale, nell ormai lontano 1965, fu chiamata a pronunciarsi

Dettagli

Nuova disciplina in tema di notifica di atti giudiziari a mezzo posta

Nuova disciplina in tema di notifica di atti giudiziari a mezzo posta Parere sul disegno di legge recante: Nuova disciplina in tema di notifica di atti giudiziari a mezzo posta Il Consiglio Superiore della Magistratura, nella sedute del 10 febbraio 1999, ha deliberato di

Dettagli

ATTI AMMINISTRATIVI E ATTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 1 REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA. (Febbraio 2011) Prof. Carlo MARZUOLI

ATTI AMMINISTRATIVI E ATTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 1 REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA. (Febbraio 2011) Prof. Carlo MARZUOLI ATTI AMMINISTRATIVI E ATTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 1 REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Febbraio 2011) Prof. Carlo MARZUOLI 1. La Pubblica Amministrazione può agire mediante atti amministrativi e mediante

Dettagli

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 107 ARGOMENTO LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 1. Traccia Tizio e Caio sono comproprietari di un edificio in località Mentana. Il primo, dopo avere di propria iniziativa provveduto ad alcune spese per

Dettagli

Piccolo imprenditore

Piccolo imprenditore Piccolo imprenditore Art. 2083 c.c.: «Sono piccoli imprenditori i coltivatori diretti del fondo, gli artigiani, i piccoli commercianti e coloro che esercitano un attività professionale organizzata prevalentemente

Dettagli

5) Effetti dell apposizione di un termine illegittimo ad un contratto di lavoro subordinato, nota alla sentenza della Corte di Cassazione n.

5) Effetti dell apposizione di un termine illegittimo ad un contratto di lavoro subordinato, nota alla sentenza della Corte di Cassazione n. Titoli di studio: - laurea in Giurisprudenza conseguita il 21 marzo 2002 presso la Facoltà di giurisprudenza dell Università di Padova con la tesi Il socio lavoratore di cooperativa: inquadramento e disciplina

Dettagli

Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas

Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas Deliberazione 30 ottobre 2009 - GOP 46/09 Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

NULLITA DEL CONTRATTO PER MANCATA SOTTOSCRIZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO

NULLITA DEL CONTRATTO PER MANCATA SOTTOSCRIZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO NULLITA DEL CONTRATTO PER MANCATA SOTTOSCRIZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO Trib. Rimini 2.2.2012 commento e testo Giovanni FRANCHI P&D.IT Questa volta è stato il Tribunale

Dettagli

Le consulte di garanzia statutaria tra amministrazione e giurisdizione (*)

Le consulte di garanzia statutaria tra amministrazione e giurisdizione (*) NOTE E COMMENTI 801 Le consulte di garanzia statutaria tra amministrazione e giurisdizione (*) Bernardo Giorgio Mattarella Rispetto alle consulte di garanzia statutarie, la sentenza 200/2008 della Corte

Dettagli

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RR RISOLUZIONE N. 60/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2005 OGGETTO: Istanza di interpello. X S.r.l. Trasformazione di società di capitali in società di persone e deducibilità

Dettagli

Il silenzio della PA come novellato dal DL 35/05

Il silenzio della PA come novellato dal DL 35/05 Il silenzio della PA come novellato dal DL 35/05 di Marco Giardetti* La tematica del silenzio della PA è di certo una delle più dibattute e problematiche del diritto amministrativo e questo non solo perché

Dettagli

Energie rinnovabili: un problema di «governance»

Energie rinnovabili: un problema di «governance» Conclusioni Energie rinnovabili: un problema di «governance» di Giulio Napolitano L analisi dei diversi aspetti che caratterizzano la disciplina delle energie rinnovabili rivela la mancanza di un chiaro

Dettagli

Curriculum vitae DATI ANAGRAFICI E INDIRIZZI. Severino Nappi Nato a Napoli

Curriculum vitae DATI ANAGRAFICI E INDIRIZZI. Severino Nappi Nato a Napoli Curriculum vitae DATI ANAGRAFICI E INDIRIZZI Severino Nappi Nato a Napoli E-mail Studio: info@studiolegalenappi.com E-mail personale: s.nappi@studiolegalenappi.com PEC: severinonappi@avvocatinapoli.legalmail.it

Dettagli

I progetti «PC ai giovani» e «PC alle famiglie»: esercizio di potestà legislativa esclusiva statale o violazione della potestà regionale residuale?

I progetti «PC ai giovani» e «PC alle famiglie»: esercizio di potestà legislativa esclusiva statale o violazione della potestà regionale residuale? Questo scritto è in corso di pubblicazione in Giurisprudenza Costituzionale n. 5/2004 I progetti «PC ai giovani» e «PC alle famiglie»: esercizio di potestà legislativa esclusiva statale o violazione della

Dettagli

L AVVALIMENTO ALLA LUCE DEL DECRETO CORRETTIVO. di Massimo Gentile

L AVVALIMENTO ALLA LUCE DEL DECRETO CORRETTIVO. di Massimo Gentile L AVVALIMENTO ALLA LUCE DEL DECRETO CORRETTIVO di Massimo Gentile I limiti al subappalto in favore dell impresa ausiliaria La novità di maggiore rilievo contenuta nel D.lgs. 26 gennaio 2007 n. 6 - meglio

Dettagli

Diritto Civile Contemporaneo

Diritto Civile Contemporaneo Diritto Civile Contemporaneo Rivista trimestrale online ad accesso gratuito ISSN 2384-8537 Anno I, numero II, luglio/settembre 2014 Le Sezioni Unite sul rapporto tra azione di rivendica ed azione di restituzione

Dettagli

DOCUMENTO INGEGNERI DIPENDENTI

DOCUMENTO INGEGNERI DIPENDENTI DOCUMENTO INGEGNERI DIPENDENTI ASSEMBLEA PRESIDENTI DEL 7 SETTEMBRE 2010 CONGRESSO NAZIONALE DEGLI ORDINI PROVINCIALI A TORINO GLI INGEGNERI IN ITALIA L evoluzione dell ingegneria negli ultimi decenni,

Dettagli

CURRICULUM PROF. AVV. LUIGI FIORILLO

CURRICULUM PROF. AVV. LUIGI FIORILLO CURRICULUM PROF. AVV. LUIGI FIORILLO studio legale Viale Mazzini, 134 00195 tel 063722219 fax 063721702 e-mail fiorillo@fiorilloeassociati.it Ordinario di Diritto del Lavoro presso l Università degli studi

Dettagli

EROGAZIONI DI CONTRIBUTI CON FATTURE INTESTATE AD ALTRI

EROGAZIONI DI CONTRIBUTI CON FATTURE INTESTATE AD ALTRI I pareri di Assifero EROGAZIONI DI CONTRIBUTI CON FATTURE INTESTATE AD ALTRI Motivazioni del parere Accade che, benché l erogazione sia fatta a favore di un soggetto, per diverse ragioni, le fatture vengono

Dettagli

Roma, 15 febbraio 2013. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati

Roma, 15 febbraio 2013. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati Roma, 15 febbraio 2013 Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati - Oggetto: sulla possibilità di intraprendere azioni legali in merito alle trattenute operate sull indennità giudiziaria in caso

Dettagli

Periodicamente, in genere a seguito di sentenze, in particolare della Corte di Cassazione o del Consiglio di Stato, riprende la ormai perenne

Periodicamente, in genere a seguito di sentenze, in particolare della Corte di Cassazione o del Consiglio di Stato, riprende la ormai perenne QUANDO L ORARIO DI LAVORO E ARTICOLATO IN TUR- NI SECONDO LA DISCIPLINA CONTRATTUALE Periodicamente, in genere a seguito di sentenze, in particolare della Corte di Cassazione o del Consiglio di Stato,

Dettagli

LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA?

LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA? LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA? La cosidetta LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI delle attività di commercio al dettaglio e di somministrazione, ulteriormente confermata dal decreto

Dettagli

Soluzioni operative: novità nella relazione sulla gestione al bilancio consolidato

Soluzioni operative: novità nella relazione sulla gestione al bilancio consolidato acuradella Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti di Milano coordinamento di Enrico Holzmiller Soluzioni operative: novità nella relazione sulla gestione al bilancio consolidato

Dettagli

Firenze, 25 marzo 2013.

Firenze, 25 marzo 2013. Firenze, 25 marzo 2013. Con lettera del Presidente del Consiglio Regionale datata 13.03.2013, è stata sottoposta a questo Collegio di Garanzia Statutaria, ai sensi dell art. 14 bis della L.R. n. 24/2008,

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro

FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro PRINCIPIO N. 13 Le novità per il contratto di lavoro intermittente

Dettagli

LA RIFORMA DEL WELFARE TRA FLESSIBILITA E DISOCCUPAZIONE

LA RIFORMA DEL WELFARE TRA FLESSIBILITA E DISOCCUPAZIONE LA RIFORMA DEL WELFARE TRA FLESSIBILITA E DISOCCUPAZIONE di Sabrina Di Giuseppe* Sommario: 1. Il nuovo contratto a termine tra riforma e normativa previgente. 2. La riforma del Welfare: disciplina e finalità.

Dettagli

La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato

La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 24 della legge 24 novembre 1981, n. 689 disciplina la connessione obiettiva

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

Marzo 2013. Il concordato preventivo dopo la decisione della Cassazione a sezioni unite

Marzo 2013. Il concordato preventivo dopo la decisione della Cassazione a sezioni unite Marzo 2013 Il concordato preventivo dopo la decisione della Cassazione a sezioni unite Rolandino Guidotti, Professore aggregato di diritto commerciale dell Università di Bologna 1. A distanza di pochi

Dettagli

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio È illegittima una norma che limita la facoltà dello straniero di contrarre matrimonio in Italia per carenza del permesso

Dettagli

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE INFORMA. Circolare informativa - ottobre 2009 Materia Giuridica: Mediazione tipica e mediazione atipica: i nuovi profili di responsabilità delineati dalla pronuncia della Cassazione civile 14.07.2009 n.

Dettagli

Partecipazione e processi decisionali.

Partecipazione e processi decisionali. Partecipazione e processi decisionali. La legge regionale della Toscana sulla partecipazione: principi, finalità, contenuti. Antonio Floridia Responsabile del settore Politiche per la partecipazione Giunta

Dettagli

MINORI E DIRITTI FONDAMENTALI

MINORI E DIRITTI FONDAMENTALI MINORI E DIRITTI FONDAMENTALI CLAUDIA TROISI La complessa tematica dei diritti fondamentali dei minori è stata affrontata, con particolare completezza espositiva e rigore metodologico, da Pasquale Stanzione

Dettagli

LE ANFIBOLOGIE DELLA CONSULENZA TECNICA PREVENTIVA (696-BIS. di Giuseppe Buffone

LE ANFIBOLOGIE DELLA CONSULENZA TECNICA PREVENTIVA (696-BIS. di Giuseppe Buffone LE ANFIBOLOGIE DELLA CONSULENZA TECNICA PREVENTIVA (696-BIS C.P.C.) ED IL TENTATIVO OBBLIGATORIO DI MEDIAZIONE (ART. 5 COMMA I D.LGS. 28/2010): NON SI INTERPELLI LA SIBILLA PER CAPIRE SE OCCORRE «MEDIARE

Dettagli

DAL PROBLEMA DELLA CAUSA AI DERIVATI ATMOSFERICI

DAL PROBLEMA DELLA CAUSA AI DERIVATI ATMOSFERICI DAL PROBLEMA DELLA CAUSA AI DERIVATI ATMOSFERICI Alessandra Protani * In principio, la giurisprudenza di merito tentava di avvicinare i contratti derivati ad alcuni dei contratti tipici disciplinati nel

Dettagli

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione.

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione. DOTT. SABRINA PAGANI - PARTNER AVV. ROBERTO RESPINTI - PARTNER Milano, 4 Dicembre 2014 Licenziamenti collettivi e Dirigenti: novità in vigore dal 25.11.2014. (Legge 30 Ottobre 2014 n. 161 che estende l

Dettagli

Ministero del lavoro e delle politiche sociali

Ministero del lavoro e delle politiche sociali CIRCOLARE N. 14/2013 Roma, 2 aprile 2013 Ministero del lavoro e delle politiche sociali Agli indirizzi in allegato Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0005914 Oggetto: L. n. 92/2012 (c.d.

Dettagli

DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA. di NICOLA LOFRANCO

DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA. di NICOLA LOFRANCO DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA di NICOLA LOFRANCO Con la sentenza n. 29/2015 del 7 gennaio 2015 la Corte d Appello

Dettagli

Intervento dell Avv. Nicolino De Cantis - Componente della Commissione Giuridica Provinciale dell Automobile Club di Verona

Intervento dell Avv. Nicolino De Cantis - Componente della Commissione Giuridica Provinciale dell Automobile Club di Verona Intervento dell Avv. Nicolino De Cantis - Componente della Commissione Giuridica Provinciale dell Automobile Club di Verona Congresso Commissioni giuridiche ACI- Napoli - Riflessioni su : Patente di guida

Dettagli

Curriculum Paola Ferrari

Curriculum Paola Ferrari Curriculum Paola Ferrari Documento realizzato da CiVIT Commissione indipendente per la Valutazione, l Integrità e la Trasparenza delle Amministrazioni Pubbliche data inserimento: marzo 2012 F O R M A T

Dettagli

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma UFFICIO PERSONALE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI SEGRETERIA TECNICA DEL DIRETTORE Nota Circolare UPPA n. 33/08, lì 22.05.2008 Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Alle Amministrazioni

Dettagli

OGGETTO:Sanzioni amministrative non tributarie irrogate da AAMS Devoluzione al giudice tributario - Istruzioni operative.

OGGETTO:Sanzioni amministrative non tributarie irrogate da AAMS Devoluzione al giudice tributario - Istruzioni operative. Agli Uffici regionali AAMS Loro Sedi Prot. 198/Strategie/UPN e, p.c. Al Direttore della Direzione per i Giochi c.a. Dott. Antonio Tagliaferri Al Direttore della Direzione per le Accise c.a. Dott. Diego

Dettagli

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO NUOVE REGOLE PER LE PARTITE IVA

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO NUOVE REGOLE PER LE PARTITE IVA LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO NUOVE REGOLE PER LE PARTITE IVA dott. Francesco Lucrezio Monticelli Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo del pensiero degli autori e non hanno carattere in

Dettagli

LA MEDIAZIONE CIVILE NELL INTERPRETAZIONE DEI GIUDICI

LA MEDIAZIONE CIVILE NELL INTERPRETAZIONE DEI GIUDICI RITA BEVACQUA LA MEDIAZIONE CIVILE NELL INTERPRETAZIONE DEI GIUDICI L istituto della Mediazione civile quale strumento alternativo di giustizia è stato introdotto dal Decreto Legislativo 4 marzo 2010,

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA LOMBARDIA/730/2009/REG REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Antonio Caruso dott. Giuliano Sala dott. Giancarlo Penco dott.

Dettagli

11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI

11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI DEFINIZIONE DEFINIZIONE 11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI DEFINIZIONE CASISTICA RIFERIMENTI Quando il lavoratore matura i requisiti anagrafici e contributivi per accedere

Dettagli

Deliberazione n. 1/2009/PAR

Deliberazione n. 1/2009/PAR Deliberazione n. 1/2009/PAR Repubblica italiana Corte dei Conti La Sezione del controllo per la Regione Sardegna composta dai Signori: dott. Mario Scano dott. Nicola Leone dott.ssa Maria Paola Marcia dott.

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA DISEGNO DI LEGGE LEGGE DI CONTABILITA E FINANZA PUBBLICA A.C. N.2555

INDAGINE CONOSCITIVA DISEGNO DI LEGGE LEGGE DI CONTABILITA E FINANZA PUBBLICA A.C. N.2555 INDAGINE CONOSCITIVA DISEGNO DI LEGGE LEGGE DI CONTABILITA E FINANZA PUBBLICA A.C. N.2555 COMMISSIONE BILANCIO, TESORO E PROGRAMMAZIONE CAMERA DEI DEPUTATI 22 SETTEMBRE 2009 Il disegno di legge A.C. n.

Dettagli

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri L estensione dell obbligo della formazione continua agli iscritti all Ordine degli Ingegneri (art. 3, comma 5, lettera b) del decreto-legge 13 agosto 2011, n.

Dettagli

FACTORING La natura del contratto di factoring: causa mandati o causa vendendi?

FACTORING La natura del contratto di factoring: causa mandati o causa vendendi? FACTORING La natura del contratto di factoring: causa mandati o causa vendendi? a cura di Carolina Teruggi Il factoring è un contratto atipico, che in quanto tale non esaurisce i suoi effetti in una semplice

Dettagli

Procedure di mobilità nel lavoro pubblico, assegnazione a mansioni superiori dirigenziali tra organizzazione regionale e ordinamento civile

Procedure di mobilità nel lavoro pubblico, assegnazione a mansioni superiori dirigenziali tra organizzazione regionale e ordinamento civile Procedure di mobilità nel lavoro pubblico, assegnazione a mansioni superiori dirigenziali tra organizzazione regionale e ordinamento civile di Sandro de Gotzen (in corso di pubblicazione in le Regioni,

Dettagli

I CONTRATTI DI PRESTAZIONE DI SERVIZI FRA RESPONSABILITA' E CERTIFICAZIONE Prof. Fabio Padovini Ordinario di diritto civile all'università di Trieste

I CONTRATTI DI PRESTAZIONE DI SERVIZI FRA RESPONSABILITA' E CERTIFICAZIONE Prof. Fabio Padovini Ordinario di diritto civile all'università di Trieste I CONTRATTI DI PRESTAZIONE DI SERVIZI FRA RESPONSABILITA' E CERTIFICAZIONE Prof. Fabio Padovini Ordinario di diritto civile all'università di Trieste 1. Ripensare alla qualità nei contratti di prestazione

Dettagli

Ricercatore universitario dal 2005 attualmente Professore Aggregato

Ricercatore universitario dal 2005 attualmente Professore Aggregato CURRICULUM VITAE DI ILARIA CAPELLI INFORMAZIONI PERSONALI Qualifica Data di nascita 09/01/1969 Ricercatore universitario confermato Amministrazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Incarico attuale

Dettagli