RELAZIONE ANNUALE DEL PRESIDENTE INPS. Roma, 8 luglio 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE ANNUALE DEL PRESIDENTE INPS. Roma, 8 luglio 2015"

Transcript

1 Roma, 8 luglio 2015 RELAZIONE ANNUALE DEL PRESIDENTE INPS

2

3 RELAZIONE ANNUALE DEL PRESIDENTE INPS Autorità, La lezione signore, dello signori stress test La grande recessione e la successiva crisi della zona Euro hanno rappresentato 1. La crisi che stiamo vivendo ormai da 7 anni, originata dalla finanza e progressivamente un vero e proprio estesasi stress all economia test per la cosiddetta reale, ha svelato Europa e Sociale, sta alimentando per i sistemi una profonda protezione crisi sociale. del Vecchio Continente. Uno stress test non già fatto a tavolino, come quelli sul sistema bancario, ma vissuto sulla propria pelle da milioni Ce lo ricorda nostri un concittani recente rapporto europei. In dell OCSE Italia poi la (Society crisi è stata a particolarmente Glance, March lunga 2014) e che intensa. invita Abbiamo i policy maker fatto a peggio farsene che carico, durante senza la attendere Grande Depressione che la soluzione possa venire dalla ripresa, peraltro ancora troppo debole, somogenea del e scontinua per alimentare certezze. E proprio da questa dura prova che noi siamo voluti partire nell offrire un renconto L evidenza storica delle attività insegna dell Inps. che le crisi Ci sociali vorranno, sono presumibilmente, più persistenti e fficili anni per da ricostruire correggere appieno quelle i meccanismi dell economia attraverso reale; richiedono cui la crisi una ha inciso visione sulla politica vita milioni lungo respiro persone. investire Ci vorrà sul forse futuro. ancora Insegna più tempo anche che per poco capire può fino la in crescita fondo il dell economia ruolo giocato in da un versi contesto tipi in cui prestazioni il sagio sociale sociali nell attutire si ffonde e i costi si raca. sociali Di della fatto recessione. la coesione Ma sociale non possiamo è un ingreente certo permetterci imprescinbile aspettare per uno che sviluppo questi approfonmenti economico virtuoso, siano duraturo compiuti e sostenibile. per cominciare a rimeare ai fetti più vistosi messi in luce da queste costruzioni. Cosa abbiamo imparato sin qui da questa Con il ffondersi dolorosa esperienza questa consapevolezza sulle proprietà sta della crescendo cosiddetta l attenzione Europa Sociale? per una Cosa corretta abbiamo lettura imparato delle namiche dallo stress che test caratterizzano sui fetti del la nostro crisi sociale, stato al sociale? fine orientare le azioni correttive necessarie per contenerne gli effetti e per porre Chiariamo solide basi per subito il futuro. quali Un sono sistema gli obiettivi protezione dei sistemi sociale protezione insufficiente sociale, per alla famiglie luce svantaggiate dei quali è possibile e per i soccupati valutare il in loro cerca comportamento lavoro, può infatti durante esporre la crisi. al Guardando rischio un alla racamento struttura della nella spesa società pubblica delle suguaglianze. nei paesi europei, soprattutto nei paesi norci e in quelli anglosassoni, si deduce che l obiettivo primario dello Gli incatori stato sociale sociali dell OCSE è quello prospettano contenere uno la povertà scenario assoluta, internazionale assicurando molto standard versificato, vita al cui gnitosi interno a tutti l intero i cittani, sistema in tutte previdenza le fasi della sociale loro vita. del Questo nostro significa Paese veniva non solo segnalato, assistere agli chi inizi si della trova crisi, in conzioni tra quelli scarsamente sagio economico, preparati ma ad affrontare la prospettiva un aumento della soccupazione lunga durata anche assicurare chi vive al sopra della soglia della povertà contro il rischio e della povertà tra la popolazione. forti contrazioni del suo redto futuro. I rischi principali, soprattutto durante Alla luce una questi recessione, rilievi sulle provengono nostre fragilità, dal mercato è positivo del lavoro, il giuzio dalla sulle perta azioni quella correttive che in per scussione la stragrande e l avviato maggioranza progetto degli Garanzia europei Giovani. è la principale Anche l OCSE fonte rileva redto. infatti La che perta le recenti del lavoro proposte è un rischio riforma che del incide mercato anche del sul lavoro, periodo i sussi ci soccupazione si ritirerà dalla vita universali attiva, ed in quanto i progetti carriere supporto inframmezzate per i lavoratori da ripetuti con in cui perio redto minimo, soccupazione la riduzione possono della pressione pregiucare fiscale i per redti i redti pensionistici più bassi futuri e sul degli lavoro invidui rappresentano coinvolti. passi Inoltre importanti una vasta nella giusta letteratura rezione. socio-economica sui cosiddetti effetti cicatrice documenta come la perta del lavoro abbia effetti Occorre lunga ora durata proseguire sui salari lungo e la il stabilità percorso del virtuoso lavoro nel avviato, prosieguo analizzando della vita lavorativa, l adeguatezza se non del sulla nostro salute sistema degli invidui previdenza anche sociale nel anni suo dopo. complesso, muovendo dalle connotazioni che da noi sta assumendo la crisi. A questo Alla proposito luce l Istat questi ha obiettivi, recentemente un semplice segnalato modo come valutare da noi il funzionamento si continuano dei a nostri destinare sistemi risorse protezione troppo scarse sociale a tutela consiste dei principali nel guardare rischi all incidenza sociali : la spesa della povertà per le famiglie, durante il la sostegno crisi in rapporto in caso all entità soccupazione, e alla durata la formazione, della recessione. il reinserimento noi bastano nel mercato crisi modesta del lavoro entità ed il contrasto (un calo del alla pil povertà superiore ci vedono allo 0,5%) agli Da ultimi posti in Europa (ISTAT, Rapporto annuale 2014). 3

4 per far aumentare la povertà. La crisi ha fatto aumentare un terzo il tasso povertà. Il numero persone che vivono al sotto della linea povertà Eurostat del 2007 (9380 Euro), aggiornata anno in anno per tenere conto dell inflazione, è aumentato 4 milioni. Le persone in conzione grave deprivazione materiale, secondo le definizioni Eurostat, sono aumentate un quarto in questo periodo. Il numero dei senza casa censiti nelle gran città italiane è raddoppiato rispetto ai livelli pre-crisi. In molti altri paesi, recessioni comparabile intensità quella vissuta dall Italia comportano incrementi molto più contenuti dei tassi povertà e, più in generale, questi inci del sagio economico. Queste comparazioni internazionali sembrano incarci che la forte crescita della povertà in Italia era tutt altro che inevitabile. L aumento della povertà è stato da noi nettamente superiore anche a quello che ci si sarebbe potuti aspettare alla luce della crescita della soccupazione, una crescita che poteva peraltro essere contenuta con migliori istituzioni del mercato del lavoro. In paesi che hanno visto la soccupazione raddoppiare o aumentare un terzo in questi anni, la povertà è aumentata marginalmente o adrittura si è ridotta. Ci riferiamo non solo a paesi piccoli, con maggiore coesione sociale come Olanda e Svezia, ma anche a paesi gran, come la Francia. Si poteva, dunque, ottenere una stribuzione più equa dei costi della crisi, una maggiore solidarietà fatto e non solo a parole in un periodo fficile per tutti. Povertà piuttosto che suguaglianza Il primo capitolo del rapporto che vi viene oggi presentato certifica come la crisi non sia stata uguale per tutti. La crisi si è concentrata sul 10% più povero della popolazione, che ha subito meamente riduzioni superiori al 27% del proprio redto sponibile. Il 90% restante della popolazione ha visto il proprio redto ridursi in modo significativo, soprattutto in termini assoluti, ma con perte molto più contenute in termini relativi. Il 10% più ricco della popolazione ha subito meamente un calo del proprio redto sponibile del 5%. Sorte analoga è toccata al cosiddetto ceto meo, a coloro che sono collocati esattamente a metà nella scala dei redti. L eretà più pesante della crisi è perciò in questa povertà ffusa ed intensa perché non solo ci sono più persone al sotto della soglia povertà, ma anche la stanza molti da questa linea della povertà è aumentata. Oggi, ancor più che in passato, la povertà è il problema numero uno del nostro sistema protezione sociale. Lo è molto più delle suguaglianze redto, che rimangono elevate, ma che non sono aumentate molto durante la recessione. I trazionali inci suguaglianza, a partire dall ince Gini, hanno subito incrementi marginali, variazioni statisticamente non significative in versi casi. 4

5 RELAZIONE ANNUALE DEL PRESIDENTE INPS Autorità, Questa agnosi, signore, signori in un contesto in cui il debito pubblico in rapporto al pil è ai massimi storici, impone un racale miglioramento della capacità del nostro 1. sistema La crisi che protezione stiamo vivendo sociale ormai raggiungere da 7 anni, i cittani originata più dalla bisognosi finanza aiuto. e pro-gressivamente limiti delle estesasi proprietà all economia cosiddette reale, targeting ha svelato della e sta nostra alimentando spesa sociale una vistosi sono profonda stati crisi ampiamente sociale. documentati da molti stu, dati alla mano. Su 100 euro spesi, solo 3 vanno al 10% più povero della popolazione, che dovrebbe invece essere Ce lo ricorda nettamente un recente sovra-rappresentato rapporto dell OCSE nella popolazione (Society at a dei Glance, beneficiari. March Anche 2014) che quando invita si i policy ignori maker la spesa a farsene previdenziale, carico, senza che si attendere regge soprattutto che la soluzione possa venire dalla ripresa, peraltro ancora troppo debole, somogenea su principi natura assicurativa piuttosto che assistenziale o restributiva, la e scontinua per alimentare certezze. percentuale spesa sociale destinata ai più poveri sale poco: al 10 per cento L evidenza più povero storica insegna sono destinati che le crisi 7 euro sociali su 100 sono spesi più persistenti per prestazioni e fficili sociali da non correggere pensionistiche. quelle Il dell economia tasso povertà reale; prima richiedono delle tasse una e dei visione trasferimenti politica in Italia lungo è respiro comparabile per investire a quello sul futuro. Francia Insegna e Germania. anche Ma che viene poco può molto la più crescita alto quando dell economia il redto in un è contesto misurato in al netto cui il sagio delle tasse sociale e al si lordo ffonde dei e trasferimenti, si raca. Di prova fatto la evidente coesione del sociale fatto è che un non ingreente solo la nostra imprescinbile spesa sociale, per uno ma sviluppo anche nostro economico sistema virtuoso, fiscale duraturo guardano e poco sostenibile. ai cittani più poveri. Regole Con il ffondersi sbagliate o male questa applicate? consapevolezza sta crescendo l attenzione per una corretta lettura delle namiche che caratterizzano la crisi sociale, al fine Da orientare poco più le azioni quattro correttive mesi necessarie ho l onore per presiedere contenerne il più gli effetti grande e per istituto porre protezione solide basi per sociale il futuro. d Europa, Un sistema quando si protezione tenga conto sociale del fatto insufficiente che quasi il per 70% le per famiglie cento svantaggiate della popolazione e per i soccupati è rettamente in cerca coinvolta lavoro, dalle può infatti sue prestazioni esporre al o rischio del fatto un che racamento gestisce quasi nella un società quinto delle suguaglianze. prodotto interno lordo italiano. Questa macchina, che ha una dotazione risorse umane nettamente inferiore Gli incatori in rapporto sociali dell OCSE alla popolazione prospettano rispetto uno scenario ad altri internazionale istituti comparabili molto versificato, al cui interno l intero sistema previdenza sociale del nostro presenti a livello europeo, ha dovuto reggere su sé, in prima persona, Paese veniva segnalato, agli inizi della crisi, tra quelli scarsamente preparati ad una parte molto rilevante della domanda assistenza generata dalla crisi. affrontare la prospettiva un aumento della soccupazione lunga durata I e miei della nuovi povertà colleghi tra la impegnati popolazione. al fronte del sagio sociale, nei nostri 497 uffici territoriali, hanno erogato circa 300 verse prestazioni previdenziali e assistenziali Alla luce per questi un rilievi totale sulle oltre nostre 300 fragilità, miliar è positivo euro all anno. il giuzio Hanno sulle dovuto azioni trattare correttive con in soccupati scussione e che l avviato avevano progetto terminato Garanzia il periodo Giovani. Anche fruizione l OCSE degli ammortizzatori rileva infatti che le sociali recenti e cui proposte non potevano riforma essere del mercato prospettate del lavoro, nuove i forme sussi- sostegno soccupazione al redto. universali Difficile spiegare ed i progetti a chi ha supporto perso il lavoro per i in lavoratori quelle età con in cui redto è tremendamente minimo, la riduzione fficile della trovare pressione un impiego fiscale alternativo per i redti che più non bassi solo e sul la pensione lavoro rappresentano si è molto passi allontanata, importanti ma nella anche giusta che il rezione. periodo fruizione degli ammortizzatori sociali è stato accorciato. Purtroppo gli episo aggressione Occorre pendenti ora dell Inps proseguire impegnati lungo allo il percorso sportello virtuoso sono tutt altro avviato, che analizzando rari. l adeguatezza del nostro sistema previdenza sociale nel suo complesso, Come muovendo sempre dalle durante connotazioni i perio che da crisi, noi aumenta sta assumendo la domanda la crisi. A tutte questo le prestazioni, proposito l Istat anche ha recentemente quelle che non segnalato hanno un come carattere da noi specificamente si continuano a ammortizzatore destinare risorse sociale. troppo Il scarse rischio, a in tutela questi dei casi, principali è che una rischi domanda sociali : crescente la spesa a per parità le famiglie, risorse il sostegno umane degli in caso enti erogatori soccupazione, dei servizi, la formazione, metta in evidenza il reinserimento i limiti nel strutturali mercato della lavoro macchina. ed il E contrasto come quando alla povertà si cerca ci vedono salire tutti agli tutti ultimi posti in Europa (ISTAT, Rapporto annuale 2014). 53

6 su un autobus stracolmo che deve affrontare una salita impegnativa. Il pericolo è quello ridurre la qualità dei servizi offerti ai cittani, allungando a smisura i tempi attesa agli sportelli, l accoglienza nelle nostre se, la capacità risolvere in giornata i tanti piccoli problemi che quotianamente vengono posti dagli utenti all amministrazione. Abbiamo sicuramente avuto situazioni questo tipo e alcune queste ho potuto toccarle con mano nelle mie visite alle se produzione. Ma le indagini customer satisfaction condotte regolarmente dall istituto segnalano adrittura un parziale miglioramento delle percezioni della clientela rispetto al servizio svolto. Anche i dati del Cruscotto rezionale, che ci serve per valutare la produttività dei nostri pendenti, sono piuttosto incoraggianti. L incatore sintetico qualità, una mea ponderata degli incatori qualità dei prodotti base dell Inps, segnala un progresso quasi il 3% rispetto all anno precedente. Importante soprattutto che il cosiddetto valore della produzione i risparmi spesa e l incremento delle entrate generati attraverso le attività produzione dell Inps nell ambito sia delle prestazioni che dei contributi sia ormai prossimo a un punto percentuale del nostro redto nazionale e sia aumentato quasi il 10% rispetto all anno precedente. Questo non significa certo che non ci siano spazi miglioramento. Al contrario, le fferenze nei punteggi queste indagini tra se verse esposte allo stesso tipo domanda dei cittani riguardo ad aree cruciali come la facilità contattare l istituto o la gestione delle code agli sportelli, come nelle rilevazioni obiettive sui tempi risposta, segnalano ampi margini miglioramento. Fondamentale anche rafforzare la qualità del servizio tramite call center, che rimane pur sempre, coi suoi 22 milioni contatti annuali gestiti dagli operatori e quasi 1 milione servizi erogati tramite rispontore automatico, la sede (virtuale) più grande dell Inps. Ci proponiamo anche potenziare la comunicazione on line con la clientela. Siamo arrivati ad avere 16 milioni PIN che ci permettono interagire più frequentemente con contribuenti e pensionati e, in prospettiva, ci offriranno la possibilità avvisarli in occasione ogni cambiamento normativa. Ad esempio, potremo mandare loro un messaggio posta elettronica ogniqualvolta un adzionale locale ridurrà l ammontare della loro pensione. E una regola democrazia prima ancora che buona amministrazione: i cittani devono sapere chi è responsabile delle tasse che gravano sui loro redti. L Inps è come un salvadanaio. Vuole essere sempre più trasparente, come un salvadanaio vetro. Il rapporto che intrattiene coi cittani non può, perciò, che essere tipo fiduciario e non potrà mai prescindere dal contatto personale. Obiettivo centrale della nuova gestione dell Inps è migliorare ulteriormente e intensificare i rapporti retti con la nostra clientela, estendendola soprattutto verso le aree a maggiore sagio sociale e ai giovani 6

7 RELAZIONE ANNUALE DEL PRESIDENTE INPS Autorità, lavoratori. signore, Sì, vogliamo signori raggiungere sempre più giovani. La previdenza richiede programmazioni lunghe. Con l operazione la mia pensione siamo riusciti a 1. sestuplicare La crisi che gli stiamo accessi vivendo alle posizioni ormai inviduali da 7 anni, da originata parte dalla persone finanza con e meno progressivamente 40 anni. Creamo estesasi che all economia sia un risultato reale, importante ha svelato perché e sta alimentando i giovani devono una impadronirsi profonda crisi del sociale. loro futuro. Non si sentiranno certo più vecchi nel valutare, fin dai primi passi una carriera lavorativa, quanto frutteranno i contributi versati. Ce lo ricorda La pensione, un recente come sottolineeremo rapporto dell OCSE più in (Society là, non deve at a Glance, essere vissuta March come 2014) sinonimo che invita i policy vecchiaia, maker ma a solo farsene maggiore carico, senza libertà attendere scelta verso che la la soluzione possa venire dalla ripresa, peraltro ancora troppo debole, somogenea fine della propria carriera lavorativa. e scontinua per alimentare certezze. Il risegno dell ente che abbiamo in mente comporterà una racale riorganizzazione L evidenza storica insegna dell apparato che le crisi centrale sociali sono dell Inps, più persistenti segnatamente e fficili della da rigenza, correggere che dovrà quelle essere dell economia imperniata reale; attorno richiedono ai principali una visione servizi politica offerti ai cittani, lungo respiro alla profilazione per investire degli sul utenti, futuro. alla Insegna gestione anche integrata che poco delle può tante la crescita attività che dell economia riguardano in lo un stesso contesto inviduo. in cui il L organigramma sagio sociale si non ffonde deve e rispondere si raca. Di al fatto la coesione sociale è un ingreente imprescinbile per uno sviluppo segno autoreferenziale assorbire i rigenti coinvolti nella fusione fra Inps, economico virtuoso, duraturo e sostenibile. Inpdap e Enpals. Per essere più vicini alla nostra clientela abbiamo bisogno Con modalità il ffondersi gestionali questa e consapevolezza controllo ben sta verse crescendo da quelle l attenzione oggi utilizzate per una per corretta ministeri lettura e piccoli delle namiche enti locali. che Ci sarà caratterizzano grande la aiuto crisi in sociale, questo al segno fine anche orientare la riforma le azioni della correttive governance necessarie dell istituto. per contenerne Ogni ulteriore gli effetti ritardo e per nel porre dare all Inps solide basi assetti per il governo futuro. Un stabili, sistema processi protezione decisionali sociale snelli e insufficiente al tempo stesso per in le grado famiglie svantaggiate assicurare la e supervisione i soccupati da parte in cerca dei nostri lavoro, principali può infatti stakeholders, esporre al lavoratori rischio un e racamento pensionati, non nella può società che delle ripercuotersi suguaglianze. sulla qualità dei servizi offerti ai cittani. Gli incatori sociali dell OCSE prospettano uno scenario internazionale molto Rafforzare versificato, i rapporti al cui interno retti l intero con la clientela sistema significa previdenza anche sociale evitare del affidare nostro servizi Paese veniva assistenza segnalato, e consulenza agli inizi della a intermeari crisi, tra quelli esterni, scarsamente quali patronati, preparati CAF ad e affrontare consulenti la prospettiva del lavoro. Con un aumento questi partner della soccupazione dell Inps vogliamo lunga sviluppare durata rapporti e della povertà complementarietà, tra la popolazione. ponendo fine a quella logica sostituibilità fra Inps e centri esterni, spesso localizzati a pochi metri dalle nostre se, che in Alla non luce pochi questi casi ha rilievi sorientato sulle nostre la nostra fragilità, clientela, è positivo rinviata il giuzio per la sulle soluzione azioni dei correttive problemi in scussione al fuori dell Inps, e l avviato oltre progetto che da Garanzia un servizio Giovani. all altro. Anche l OCSE rileva infatti che le recenti proposte riforma del mercato del lavoro, i sussi soccupazione tutte le amministrazioni universali ed che i progetti vogliono migliorare, supporto l Inps per i non lavoratori nasconde i redto suoi limiti. minimo, Al tempo la riduzione stesso può della rivencare pressione fiscale con un per certo i redti orgoglio più bassi essere e sul Come un lavoro puntuale rappresentano ed efficace passi erogatore importanti nella prestazioni giusta rezione. sociali che sta reggendo la durissima prova della crisi. E un terminale affidabile tant è che continua a Occorre crescere ora il numero proseguire prestazioni lungo il percorso sociali che virtuoso vengono avviato, affidate analizzando in gestione all Inps l adeguatezza non solo del dalle nostro amministrazioni sistema previdenza centrali dello sociale Stato, nel ma suo anche complesso, dagli Enti Locali. muovendo Ne abbiamo dalle connotazioni censite 108 che rispetto da noi alle sta 92 assumendo cinque anni la crisi. fa. A questo proposito l Istat ha recentemente segnalato come da noi si continuano a Saremo destinare ancora risorse più troppo efficienti scarse nei pagamenti a tutela dei adesso principali che rischi abbiamo sociali : concentrato la spesa il per versamento le famiglie, il tutte sostegno le pensioni in caso al primo soccupazione, del mese. Lo la formazione, abbiamo fatto il reinserimento ai pensionati nel mercato più del poveri, lavoro quelli ed il contrasto maggiori alla problemi povertà ci vedono liquità, agli il per evitare ultimi posti in Europa (ISTAT, Rapporto annuale 2014). 73

8 rischio vedersi spostare i pagamenti al 10 ogni mese e nell intento semplificare la vita milioni persone che potranno così meglio pianificare il bilancio famigliare contando sul giorno delle pensioni. Ma indubbiamente il fatto avere concentrato le scadenze in un solo giorno del mese semplifica grandemente anche le nostre attività, ci rende più efficienti. Alla luce queste considerazioni, ci viene da concludere che i problemi incontrati dal nostro sistema protezione sociale nel raggiungere le fasce più vulnerabili della nostra popolazione, la sua incapacità impere, o almeno contenere al pari altri paesi, la crescita della povertà in presenza recessioni, sono solo marginalmente addebitabili alla macchina che gestisce le prestazioni sociali oggi in essere. Il problema è principalmente legato a regole che hanno scelto privilegiare altre categorie della popolazione, rinunciando a prendere come primo riferimento le persone più povere e quelle a maggior rischio ventare più povere. La principale struttura operativa che gestisce ed eroga le prestazioni sociali può senz altro migliorare a partire da già elevati livelli efficienza. Ma questi ulteriori miglioramenti non potranno mai compensare la mancanza riforme delle leggi che presiedono all allocazione delle prestazioni sociali e delle istituzioni del mercato del lavoro in Italia. Uscire dalla povertà con il lavoro In un processo riduzione del debito pubblico, imperniato su piani contenimento della spesa pubblica, la riduzione della povertà non può che venire principalmente dal miglioramento delle conzioni del mercato del lavoro. E una questione sia quantità che qualità del lavoro. Non basta creare più lavori per abbattere la povertà. Bisogna che questi lavori siano relativamente ben remunerati e non siano intercalati da molti perio soccupazione. Durante la recessione è, infatti, fortemente aumentata anche la percentuale chi è povero anche se lavora. I cosiddetti working poor sono cresciuti quasi del 50 per cento dal 2008 al Per ridurre il rischio povertà occorre anche che i lavori siano ben ripartiti, che ci siano meno coppie in cui un solo membro della famiglia lavora. E un banale principio versificazione del rischio, che attribuisce sempre più valore all occupazione femminile, come principale antidoto contro la povertà intere famiglie. Il governo ha negli ultimi sei mesi moficato in una certa profontà le istituzioni del nostro mercato del lavoro, cambiando le regole d ingresso per i nuovi assunti, abolendo alcune figure contrattuali precarie e aumentando il grado copertura degli ammortizzatori sociali, che potranno ora raggiungere anche lavoratori con carriere scontinue. E un passo importante verso l armonizzazione delle regole tra verse categorie lavoratori e verso la 8

9 RELAZIONE ANNUALE DEL PRESIDENTE INPS Autorità, riduzione signore, del dualismo signori contrattuale, fra lavoratori con contratti a tempo indeterminato e lavoratori con contratti temporanei varia natura. Il governo 1. ha La anche crisi che fortemente stiamo vivendo incentivato ormai le da assunzioni 7 anni, originata a tempo dalla indeterminato finanza e progressivamente forti estesasi riduzioni all economia del carico reale, contributivo ha svelato per e sta i primi alimentando tre anni una introducendo vita profonda del contratto. crisi sociale. In Ce un lo contesto ricorda un recente ripresa rapporto anemica, queste dell OCSE misure (Society sembrano at a Glance, avere March avuto qualche 2014) che effetto invita nello i policy stabilizzare maker a farsene il lavoro carico, e nell aumentare senza attendere il contenuto che la soluzione possa lavoro venire della dalla crescita. ripresa, Nei peraltro primi ancora 4 mesi troppo del 2015, debole, la percentuale somogenea nuove e scontinua assunzioni per alimentare con contratti certezze. a tempo indeterminato rispetto al totale posti assunzioni alle pendenze è quasi raddoppiata rispetto a cembre E L evidenza più che storica raddoppiata insegna anche le la crisi creazione sociali sono netta più persistenti posti e lavoro fficili alle da pendenze correggere nel quelle settore dell economia privato rispetto reale; a richiedono un anno prima. una Si visione noti che politica questi sviluppi lungo respiro incoraggianti per investire non sembrano sul futuro. unicamente Insegna anche attribuibili che poco ai potenti può la incentivi crescita fiscali dell economia alla creazione in un contesto posti a in tempo cui il indeterminato sagio sociale introdotti si ffonde da e si inizio raca Di fatto la coesione sociale è un ingreente imprescinbile per uno sviluppo C è stato, infatti, un incremento ulteriore e statisticamente significativo della economico virtuoso, duraturo e sostenibile. quota assunzioni a tempo indeterminato, a partire da inizio marzo 2015, quando Con il ffondersi sono entrati questa in vigore consapevolezza anche i contratti sta crescendo a tutele crescenti. l attenzione Questo per una è importante corretta lettura perché delle incentivi namiche fiscali che così caratterizzano potenti fficilmente la crisi sociale, potranno al fine essere mantenuti orientare le in azioni vita per correttive lungo necessarie tempo. Sono per molto, contenerne forse gli troppo, effetti costosi. e per porre Col tasso solide attuale basi per il assunzioni futuro. Un a sistema tempo indeterminato protezione sociale e percentuale insufficiente contratti per le che famiglie godono svantaggiate dell incentivo e per i soccupati (attorno al in cerca 60 per lavoro, cento può secondo infatti esporre il nostro al Osservatorio rischio un racamento sul Precariato), nella si può società stimare delle che suguaglianze. la perta gettito a regime una decontribuzione triennale valida solo a partire dal 2015 sia circa 5 Gli miliar. incatori Se sociali la decontribuzione dell OCSE prospettano dovesse uno poi scenario continuare internazionale anche per molto tutto il versificato, 2016, al tasso al cui attuale interno l intero assunzione sistema e utilizzo previdenza degli sociale incentivi, del il nostro costo salirebbe Paese veniva a 10 segnalato, miliar su agli base inizi annua. della crisi, tra quelli scarsamente preparati ad affrontare la prospettiva un aumento della soccupazione lunga durata La e della filosofia povertà dei tra contratti la popolazione. a tutele crescenti è quella incoraggiare gli investimenti in formazione. I datori lavoro in Italia avevano smesso investire Alla luce nel questi capitale rilievi umano, sulle nostre nella formazione fragilità, è positivo dei propri il giuzio pendenti. sulle azioni E i giovani correttive lavoratori in scussione temporanei e l avviato avevano progetto smesso Garanzia Giovani. investire Anche tempo l OCSE nel migliorare rileva infatti le che competenze le recenti proposte specifiche legate riforma al lavoro del mercato che stavano del lavoro, svolgendo, i sussi soccupazione spesso a ragione, universali che ed quel i progetti lavoro sarebbe supporto durato per poco. i lavoratori Si era cosi con convinti, messo redto in minimo, moto la un riduzione circolo vizioso della pressione fatto lavori fiscale instabili, per i redti bassa più produttività bassi e sul e lavoro bassi rappresentano salari. E troppo passi presto importanti per nella re giusta se i rezione. cambiamenti apportati al nostro mercato del lavoro hanno fatto aumentare la formazione sul Occorre ora proseguire lungo il percorso virtuoso avviato, analizzando posto lavoro. Sappiamo solo che le assunzioni con contratti a tempo l adeguatezza del nostro sistema previdenza sociale nel suo complesso, indeterminato muovendo dalle sono connotazioni aumentate che e che da noi queste sta assumendo assunzioni senza la crisi. una A data questo scadenza proposito sono l Istat in ha genere recentemente associate segnalato a molta come più formazione da noi si continuano on-the-job a delle destinare assunzioni risorse a troppo termine. scarse Se le a tutela riforme dei del principali cosiddetto rischi Jobs sociali : Act la hanno spesa aumentato per le famiglie, sensibilmente il sostegno le in assunzioni caso soccupazione, a tempo indeterminato, la formazione, possiamo il reinserimento sperare nel mercato avere del cominciato lavoro ed a il incrinare, contrasto se alla non povertà ancora ci a vedono spezzare agli e perciò invertire, ultimi posti il circolo in Europa vizioso (ISTAT, descritto Rapporto in annuale precedenza. 2014). 93

10 Il cosiddetto precariato è comunque tutt altro che debellato. Preoccupa la forte crescita dei vouchers per il lavoro accessorio che sembrano corrispondere in non pochi casi a primi e unici impieghi piuttosto che a secon lavori. Inoltre rimane alta ( poco inferiore a un terzo) la quota assunzioni con salari orari inferiori a 8 euro. Mentre l introduzione un salario minimo orario, prevista dalla legge delega approvata a cembre dal Parlamento italiano, sembra essere stata derubricata dall agenda politica. Peccato perché l imposizione minimi retributivi orari è anche la strada maestra per ridurre l abuso figure contrattuali in quello che rimane del parasubornato. Sono molto più efficaci dei vincoli amministrativi e procedurali che aumentano i costi per le imprese e non tutelano i lavoratori.l introduzione un salario minimo orario non spiazzerebbe minimamente la contrattazione collettiva, che l Inps sta sostenendo aiutando le parti sociali a raccogliere i dati sulla rappresentanza. Al contrario, come prova l esperienza dei paesi in cui il salario minimo esiste, questo eviterebbe che le sempre più larghe maglie della contrattazione collettiva lascino senza rete, in termini minimi retributivi, i lavoratori con minore potere contrattuale. Tra assistenza e previdenza Se la creazione e stabilizzazione del lavoro rappresentano la strada maestra per ridurre la povertà, ci sarà comunque sempre bisogno reti protezione base che raccolgano coloro che, vittime eventi avversi (la perta un lavoro, della casa, la sgregazione una famiglia), cadono tra le crepe del nostro sistema protezione sociale. Queste vittime ci saranno sempre, quale che sia la congiuntura, anche se la nostra economia dovesse miracolosamente ripartire al galoppo. Lo stato sociale tutti i paesi dell Unione Europea, ad eccezione del nostro paese e (parzialmente) della Grecia, protegge queste persone, ha reti protezione base volte a impere che finiscano in conzioni ingenza. Sarebbe davvero tempo porre rimeo a questo fetto strutturale del nostro sistema protezione sociale. In Parlamento giacciono verse proposte istituzione un redto minimo garantito in Italia. Come abbiamo avuto modo rimarcare in recenti auzioni parlamentari, queste proposte hanno il pregio aprire il confronto sulla lotta alla povertà. Al tempo stesso, hanno vistosi fetti progettazione che le rendono più onerose del necessario e poco efficienti nel raggiungere i più bisognosi. In queste materie il avolo è nei dettagli e piccoli aggiustamenti delle normative possono migliorarne grandemente le proprietà stributive, rendendo questi schemi al tempo stesso meno costosi e più equi. Discorso analogo si può fare per i molti segni legge che vorrebbero introdurre maggiore flessibilità in uscita verso il sistema previdenziale che sono oggi in scussione in Parlamento. Il fatto essere passati, seppur troppo 10

11 RELAZIONE ANNUALE DEL PRESIDENTE INPS Autorità, gradualmente, signore, ad signori un sistema pensionistico tipo contributivo, permette rendere questa flessibilità sostenibile. Ma i testi che ci sono stati sottoposti 1. nelle La auzioni crisi che stiamo alla Camera vivendo e al ormai Senato da sembrano 7 anni, originata per lo dalla più allontanarsi finanza e progressivamente del contributivo, estesasi all economia riesumando reale, meccanismi ha svelato propri e sta delle alimentando pensioni una dai principi anzianità, profonda crisi storicamente sociale. lo schema più insostenibile della nostra previdenza pubblica. Aggiustamenti questi spositivi legge del tipo quelli che abbiamo Ce lo ricorda proposto un recente nelle auzioni rapporto possono, dell OCSE invece, (Society permettere at a Glance, conciliare March flessibilità 2014) che e invita sostenibilità. i policy maker a farsene carico, senza attendere che la soluzione possa venire dalla ripresa, peraltro ancora troppo debole, somogenea In e scontinua queste auzioni, per alimentare come certezze. in molte altre occasioni, abbiamo formulato proposte riscrittura interi articoli dei provvementi, cercando interpretare L evidenza storica il desiderio insegna del che legislatore crisi sociali e renderlo sono maggiormente più persistenti compatibile e fficili da con correggere i vincoli quelle amministrativi dell economia e reale; bilancio richiedono del nostro una paese. visione Svolgiamo politica regolarmente lungo respiro per questa investire funzione sul futuro. supporto Insegna all esecutivo anche che e poco al Parlamento può crescita nella scrittura dell economia leggi, in un oppure contesto interveniamo in cui il sagio ex-post sociale in si sede ffonde interpretazione e si raca. Di fatto la coesione sociale è un ingreente imprescinbile per uno sviluppo norme già approvate scrivendo le circolari applicative. Il confine fra economico virtuoso, duraturo e sostenibile. attuazione leggi decise da altri e contributo alla stesura queste regole è Con molto il ffondersi labile. E, in questa genere, consapevolezza gli interventi preventivi sta crescendo sono l attenzione più efficaci per perché una fanno corretta guadagnare lettura delle tempo namiche ed evitano che caratterizzano alimentare il la contenzioso. crisi sociale, al fine Non orientare c è perciò le azioni alcuna correttive violazione necessarie procedure per contenerne e ancor gli meno effetti vulnus e per porre della solide basi per il futuro. Un sistema protezione sociale insufficiente per le nostra democrazia se l Inps, mettendo a frutto il capitale umano e le banche famiglie svantaggiate e per i soccupati in cerca lavoro, può infatti esporre al dati cui spone, formula proposte volte a razionalizzare quella selva rischio un racamento nella società delle suguaglianze. normative posta ai confini fra assistenza e previdenza, che sono dopotutto il core Gli incatori business sociali dell istituto. dell OCSE Servirà prospettano per dare uno un quadro scenario unitario internazionale al confronto molto che versificato, dovrà poi al avvenire cui interno nelle l intero se opportune. sistema Reagendo previdenza alle sociale tante del proposte nostro scritte Paese veniva da altri, segnalato, si perde agli questa inizi visione della crisi, d insieme tra quelli che scarsamente è, invece, fondamentale preparati ad per affrontare essere la equi prospettiva ed efficienti un aumento al tempo della stesso soccupazione nel riformare il lunga nostro durata stato sociale. e della povertà L ambizione tra la è popolazione. anche quella superare la malattia dell ultima sigaretta da cui sembrano essere afflitte le interminabili riforme del nostro sistema Alla luce previdenziale. questi rilievi sulle nostre fragilità, è positivo il giuzio sulle azioni Una correttive serie in scussione aggiustamenti e l avviato ben calibrati progetto possono Garanzia permetterci Giovani. Anche non l OCSE dover più rileva intervenire infatti che in le futuro, recenti dando proposte finalmente riforma stabilità del mercato normativa, del lavoro, sicurezze i sussi soccupazione e ai pensionati. universali ed i progetti supporto per i lavoratori con ai contribuenti redto minimo, la riduzione della pressione fiscale per i redti più bassi e sul lavoro rappresentano passi importanti nella giusta rezione. Principi generali una riforma Con Occorre questo ora spirito proseguire abbiamo lungo presposto il percorso una virtuoso bozza avviato, riforma e analizzando l abbiamo l adeguatezza del nostro sistema previdenza sociale nel suo complesso, sottoposta all attenzione dell esecutivo. Si tratta proposte attuabili fin muovendo dalle connotazioni che da noi sta assumendo la crisi. A questo da subito alla luce dei pur stringenti vincoli bilancio e amministrativi proposito l Istat ha recentemente segnalato come da noi si continuano a del destinare nostro risorse paese. troppo Vogliono, scarse nel a tutela loro complesso, dei principali rendere rischi sociali : il sistema la spesa più equo. per le Sono famiglie, proposte il sostegno formulate in caso non soccupazione, per esigenze la cassa, formazione, ma ricercando il reinserimento equità, nel mercato tanto del fra lavoro generazioni ed il contrasto verse che alla povertà all interno ci vedono ciascuna agli maggiore generazione. ultimi posti in Europa (ISTAT, Rapporto annuale 2014). 113

12 Sono cinque i carni della nostra proposta. Un rete protezione sociale dai 55 anni in su. E il primo passo verso l introduzione quella rete base, quel redto minimo garantito, che oggi manca nel nostro Paese. Al sopra dei 55 anni è molto fficile trovare un impiego alternativo (solo un soccupato su eci ci riesce secondo le nostre stime). Dunque si sente molto meno il bisogno avere un amministrazione che imponga forme attivazione ai beneficiari. Al tempo stesso è proprio per via della lunghissima durata della soccupazione fra gli over 55 che la povertà in questa fascia età è aumentata così tanto durante la recessione. Le persone povere soccupate con più 55 anni sono più che triplicate nell arco sei anni. Stabilendo che l assistenza sociale va fornita con regole uniformi tanto a chi si è ritirato dalla vita attiva che a chi è ancora saldamente in età lavorativa, si riuscirà anche, per la prima volta, a separare assistenza e previdenza nei nostri conti previdenziali. Si tratta una separazione vera, sostanza e non solo natura contabile. L assistenza deve essere finanziata dalla fiscalità generale mentre la previdenza è una prestazione assicurativa, che prevede trasferimenti tra generazioni verse, e che garantisce ritti proporzionati ai contributi versati durante l intero arco della vita lavorativa. Inoltre si potrà superare un vizio d origine del sistema contributivo introdotto nel nostro ornamento a partire dalla seconda metà degli anni 90: quello non prevedere prestazioni minime per chi non ha altri redti e ha accumulato un montante contributivo troppo basso per garantirsi una pensione al sopra della soglia povertà. Unificazione. Con il pagamento tutte le pensioni al primo del mese, abbiamo fatto un primo passo importante nella rezione dell unificazione dei trattamenti pensionistici. Da giugno esiste il giorno delle pensioni e questo, come si è detto, semplifica grandemente la pianificazione famigliare (oltre a quella dell Inps). Ma molto ancora rimane da fare sulla strada dell unificazione e della semplificazione. L Inps eroga 21 milioni prestazioni pensionistiche a circa 15 milioni pensionati. Per ogni tre pensionati vengono messe in pagamento meamente 4 pensioni. La mofica normativa che abbiamo proposto consente agli invidui unificare la pensione tra regimi versi, compresa la cosiddetta gestione separata, senza oneri aggiuntivi. Non rende più necessarie le ricongiunzioni onerose che hanno penalizzato i lavoratori più mobili e quelli con vincoli liquità. Anche in questo caso si vuole porre rimeo ad una forma iniquità che ha colpito alcune categorie lavoratori, quelli che magari avevano la sfortuna avere contribuito un giorno troppo per poter beneficiare del regime cumulo delle prestazioni. Al tempo stesso, si vuole promuovere una maggiore efficienza nell allocazione del nostro capitale umano. Le ricongiunzioni onerose penalizzavano proprio i lavoratori più mobili, quelli che presumibilmente avevano cambiato impiego cercando mettere a frutto i propri talenti e le proprie vocazioni. 12

13 RELAZIONE ANNUALE DEL PRESIDENTE INPS Autorità, Armonizzazione. signore, signori Come documentato sul sito dell Inps, nella sezione Porte Aperte, a partire da inizio marzo, permangono ancora forti asimmetrie nei 1. trattamenti La crisi che previdenziali stiamo vivendo concessi ormai a verse da 7 anni, categorie originata dalla pensionati. finanza Queste e progressivamente non estesasi sono all economia fondate su versi reale, ha livelli svelato contributivi. e sta alimentando Al contrario, una fferenze riflettono profonda crisi fferenze sociale. spesso macroscopiche nei tassi renmento garantiti ai contributi versati da alcune coorti e categorie specifiche lavoratori. In un Ce sistema lo ricorda a ripartizione un recente questi rapporto trattamenti dell OCSE favore (Society si ripercuotono at a Glance, su March tutti 2014) che invita i policy maker a farsene carico, senza attendere che la soluzione possa venire dalla ripresa, peraltro ancora troppo debole, somogenea gli altri contribuenti. Molti fon speciali sono confluiti nell Inps con bilanci già in rosso e avendo già eroso il loro patrimonio. Hanno così finito per gravare e scontinua per alimentare certezze. pesantemente sul bilancio dell Istituto. Un ragionamento analogo può essere fatto L evidenza per i storica vitalizi insegna dei parlamentari che le crisi che sociali dobbiamo sono più chiamare persistenti col e loro fficili vero da nome. correggere Si tratta quelle vere dell economia e proprie pensioni, reale; richiedono sottratte alle una riforme visione previdenziali politica degli lungo ultimi respiro 25 per anni. investire Auspicabile sul futuro. che Camera Insegna anche e Senato che rendano poco può al più la crescita presto pubbliche dell economia le regole in un che contesto storicamente in cui il sono sagio state sociale alla base si ffonde della concessione e si raca. Di questi fatto la vitalizi. coesione Servirà sociale per valutare è un ingreente i tassi renmento imprescinbile implicitamente per uno sviluppo offerti a deputati economico e senatori, virtuoso, comparandoli duraturo e sostenibile. col trattamento riservato agli altri lavoratori. La trasparenza sulle gestioni speciali, su tutte le gestioni speciali, serve a cementare Con il ffondersi il patto questa intergenerazionale. consapevolezza Soprattutto sta crescendo se a l attenzione questa trasparenza per una seguono corretta atti lettura equità. delle Creamo namiche sia che giusto caratterizzano chiedere a chi la crisi ha redti sociale, pensionistici al fine elevati, orientare in le virtù azioni trattamenti correttive necessarie molto più per vantaggiosi contenerne quelli gli effetti cui e per godranno porre i solide pensionati basi per del il domani, futuro. Un un sistema contributo protezione al finanziamento sociale insufficiente uscite verso per le la famiglie svantaggiate e per i soccupati in cerca lavoro, può infatti esporre al pensione più flessibili, come quelle che passeremo ora a descrivere. Servirà rischio un racamento nella società delle suguaglianze. anche per aiutare quelle generazioni lavoratori che hanno avuto la sfortuna imbattersi nella crisi sul finire della propria carriera lavorativa. Gli incatori sociali dell OCSE prospettano uno scenario internazionale molto Flessibilità versificato, sostenibile. al cui interno Le regole l intero del sistema sistema contributivo previdenza sociale consentono del nostro una certa Paese flessibilità veniva segnalato, in uscita. agli Spalmano inizi della crisi, un montante tra quelli scarsamente contributivo preparati accumulato ad durante affrontare la la vita prospettiva lavorativa in un pagamenti aumento mensili, della soccupazione in base all età e alla lunga speranza durata e della povertà tra la popolazione. vita residua. Chi va in pensione prima deve spalmare questa cifra su molti più mesi chi va in pensione più tar. A parità montante, ogni anno in meno Alla luce questi rilievi sulle nostre fragilità, è positivo il giuzio sulle azioni correttive lavoro comporta in scussione una riduzione e l avviato progetto questi pagamenti Garanzia mensili, Giovani. tenendo Anche l OCSE conto della rileva demografia infatti che le e recenti dell andamento proposte dell economia. riforma del mercato Posto del che lavoro, le pensioni i sussi soccupazione sufficienti a garantire universali una ed vita i progetti gnitosa, senza supporto comportare per i lavoratori l intervento con siano dell assistenza redto minimo, sociale, la riduzione questa della è una pressione flessibilità fiscale sostenibile, per i redti che non più grava bassi e sulle generazioni lavoro rappresentano future, in quanto passi importanti non porta nella ad aumentare giusta rezione. il debito pensionistico. Si può così permettere a chi ha in mente decare meno tempo al lavoro verso Occorre la fine ora della proseguire propria lungo carriera il percorso farlo, senza virtuoso per questo avviato, gravare analizzando sulle generazioni l adeguatezza future. del nostro Questa sistema flessibilità previdenza può anche sociale essere molto nel suo utile complesso, durante le muovendo recessioni dalle perché connotazioni permette che parte da noi dell aggiustamento assumendo la del crisi. mercato A questo del lavoro proposito agli shock l Istat ha macroeconomici recentemente avvenga segnalato attraverso come da riduzioni noi si continuano dell offerta a lavoro destinare anziché risorse generando troppo scarse soccupazione, a tutela dei come principali avvenuto rischi negli sociali : ultimi la 7 spesa anni. Un per principio le famiglie, simile il sostegno può essere in caso applicato soccupazione, anche a chi andrà la formazione, in pensione il reinserimento nei prossimi anni nel con mercato regimi del versi lavoro dal ed sistema il contrasto contributivo. alla povertà ci vedono agli ultimi posti in Europa (ISTAT, Rapporto annuale 2014). 133

14 Non si va in pensione, ma si prende la pensione. Il rapporto fra contribuenti e pensionati che nel 2014 era meno 130 iscritti su 100 pensioni in pagamento è destinato ulteriormente a peggiorare dato l assottigliamento delle coorti in ingresso nel mercato del lavoro. Non basterà l incizzazione dell età pensionabile alla speranza vita a impere questo andamento. Bene allora fare necessità virtù: anche i pensionati possono contribuire al finanziamento della previdenza chi si è del tutto ritirato dalla vita attiva. Vogliamo offrire nuove opportunità versare e farsi versare contributi, che poi venteranno un supplemento alla pensione, per chi sta già percependo un trattamento previdenziale. Bene che i datori lavoro possano versare contributi aggiuntivi per permettere ai loro pendenti che si ritirano prima raggiungere l età della pensione vecchiaia incrementare la loro pensione iniziale. Si potranno in questo modo gestire con più bassi costi sociali le ristrutturazioni cui il nostro paese ha bisogno e contribuire ad affrontare i problemi legati alla non autosufficienza, che richiedono migliori politiche conciliazione fra lavoro e responsabilità famigliari. Anche il sistema pensionistico può dare un contributo in questa rezione. Cosa può fare l Europa Troppe volte nelle ultime settimane ci è capitato pensare che l Europa non c è più. Lo abbiamo pensato vedendo le immagini dei migranti sugli scogli Ventimiglia. Abbiamo temuto un Europa mutilata della propria storia al pensiero una Grecia che esce non solo dall Euro, ma anche dall Unione Europea. La crisi si è accanita proprio sui paesi che hanno i sistemi protezione sociale più fragili. Questa esperienza è un monito per i governi questi paesi, a partire dal nostro, a riformare rapidamente le loro istituzioni restributive. E un monito anche alle istituzioni europee: nessuna costruzione comune può reggere nel tempo a vari così accentuati fra paesi membri nell incidenza della povertà e nella soccupazione. Questi vari sono ancora più insostenibili all interno una unione monetaria che impesce il riequilibrio attraverso l aggiustamento del tasso cambio. Soprattutto quando ci sono ancora forti restrizioni alla mobilità del lavoro tra i paesi dell Unione. Le regole fiscali europee servono a impere che alcuni paesi facciano gravare sugli altri il costo politiche bilancio poco attente agli equilibri macroeconomici. Se si vogliono regole automatiche, queste regole appariranno a chi le deve rispettare, pressoché inevitabilmente, come regole stupide. Tuttavia non bisogna eccedere nel grado stupità. Perché impere una certa flessibilità nel prendere la pensione, se questa flessibilità non incide sul debito pubblico, dunque non grava sulle generazioni future? Si rà che è fficile assicurarsi del fatto che questa flessibilità sia davvero neutrale rispetto ai conti pubblici. 14

15 RELAZIONE ANNUALE DEL PRESIDENTE INPS Autorità, Vogliamo signore, allora signori lanciare una sfida ai governi del Patto Stabilità e Crescita. Documentate, come da oggi farà l Inps, che il vostro sistema pensionistico 1. è sostenibile, La crisi che come stiamo in vivendo Italia. Fateci ormai vedere da 7 non anni, solo originata le proiezioni dalla finanza della e spesa progressivamente fra estesasi 20, 30 all economia o 50 anni, reale, ma anche ha svelato l intera e sta stribuzione alimentando delle una pensionistica pensioni profonda per crisi importo sociale. in quelle date future. La sostenibilità sociale un sistema pensionistico conta non meno quella finanziaria. Se condanniamo i Ce lavoratori lo ricorda un oggi recente a pensioni rapporto da fame, dell OCSE si dovrà (Society poi intervenire at a Glance, con March altri trasferimenti 2014) che invita per i policy evitare maker ai giovani a farsene cadere carico, un senza domani attendere in conzioni che la soluzione possa venire dalla ripresa, peraltro ancora troppo debole, somogenea povertà. Per questo, ecco la sfida, fateci vedere stribuzioni come quella e scontinua per alimentare certezze. che l Inps metterà oggi sul proprio sito, basate sulla simulazione carriere inviduali L evidenza degli storica attuali insegna contribuenti, che le crisi sulla sociali base sono estratti più persistenti conto controllati e fficili dai da retti correggere interessati quelle nell ambito dell economia dell operazione reale; richiedono la mia pensione. una visione Guardate politica a queste lungo respiro stribuzioni per investire per valutare sul futuro. la sostenibilità Insegna anche un che sistema poco pensionistico può la crescita e non dell economia solo alle stime in un aggregate contesto del in cui rapporto il sagio fra sociale spesa pensionistica ffonde e si e prodotto raca. Di interno fatto la coesione lordo. Spesso, sociale troppo è un spesso, ingreente ci si imprescinbile mentica che per etro uno alle sviluppo curve della economico spesa previdenziale, virtuoso, duraturo alle gobbe e sostenibile. e ai dossi questi grafici a tinte variabili, ci sono le vite milioni persone. Con il ffondersi questa consapevolezza sta crescendo l attenzione per una corretta lettura delle namiche che caratterizzano la crisi sociale, al fine orientare le azioni correttive necessarie per contenerne gli effetti e per porre solide basi per il futuro. Un sistema protezione sociale insufficiente per le famiglie svantaggiate e per i soccupati in cerca lavoro, può infatti esporre al rischio un racamento nella società delle suguaglianze. Gli incatori sociali dell OCSE prospettano uno scenario internazionale molto versificato, al cui interno l intero sistema previdenza sociale del nostro Paese veniva segnalato, agli inizi della crisi, tra quelli scarsamente preparati ad affrontare la prospettiva un aumento della soccupazione lunga durata e della povertà tra la popolazione. Alla luce questi rilievi sulle nostre fragilità, è positivo il giuzio sulle azioni correttive in scussione e l avviato progetto Garanzia Giovani. Anche l OCSE rileva infatti che le recenti proposte riforma del mercato del lavoro, i sussi soccupazione universali ed i progetti supporto per i lavoratori con redto minimo, la riduzione della pressione fiscale per i redti più bassi e sul lavoro rappresentano passi importanti nella giusta rezione. Occorre ora proseguire lungo il percorso virtuoso avviato, analizzando l adeguatezza del nostro sistema previdenza sociale nel suo complesso, muovendo dalle connotazioni che da noi sta assumendo la crisi. A questo proposito l Istat ha recentemente segnalato come da noi si continuano a destinare risorse troppo scarse a tutela dei principali rischi sociali : la spesa per le famiglie, il sostegno in caso soccupazione, la formazione, il reinserimento nel mercato del lavoro ed il contrasto alla povertà ci vedono agli ultimi posti in Europa (ISTAT, Rapporto annuale 2014). 153

16 Relazione annuale del Presidente Commissario INPS Straornario INPS Vittorio Conti Realizzazione e stampa Primaprint Arti Grafiche srl Agostini - ViterboS.r.l. - Anagni (FR) Azienda che persegue il il valore della qualità e e della sostenibilità ambientale certificata UNI EN ISO 14001: FSC - - PEFC registrata EMAS Finito stampare nel mese luglio interno: su carta ecologica Symbol Freelife Vellum White Fedrigoni Cartiere Spa copertina: su carta ecologica Sensation Tration Bianco Naturale ArjoWiggins Cartiere Tiratura 500 copie

Circolare N.165 del 12 Dicembre 2011. Decreto Salva Italia. Le novità in materia di pensione

Circolare N.165 del 12 Dicembre 2011. Decreto Salva Italia. Le novità in materia di pensione Circolare N.165 del 12 Dicembre 2011 Decreto Salva Italia. Le novità in materia di pensione Decreto Salva Italia: le novità in materia di pensione Gentile cliente, con la presente, desideriamo informarla

Dettagli

VERSIONE PROVVISORIA. Disegni di legge 1148, 1670 e 1697. Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva

VERSIONE PROVVISORIA. Disegni di legge 1148, 1670 e 1697. Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva VERSIONE PROVVISORIA Disegni di legge 1148, 1670 e 1697 Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva Commissione 11 a "Lavoro, previdenza sociale" del Senato della Repubblica

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

La crisi italiana deve tuttavia ancora trovare una risposta nel rilancio dell economia e dell occupazione.

La crisi italiana deve tuttavia ancora trovare una risposta nel rilancio dell economia e dell occupazione. Proposta di finanziamento della fiscalizzazione dei contributi per giovani neoassunti mediante l attivo realizzato con la contribuzione versata dai lavoratori il cui pensionamento è stato rinviato dalla

Dettagli

La previdenza in Europa

La previdenza in Europa La previdenza in Europa Dati tratti da: «LEGISLAZIONE STRANIERA. MATERIALI DI LEGISLAZIONE COMPARATA» Camera dei Deputati, giugno 2013 Una premessa Le pensioni, in Italia come negli altri paesi europei,

Dettagli

i dossier L EMPLOYMENT OUTLOOK 2013 DELL OCSE E IL RAPPORTO INPS SULLE PENSIONI www.freenewsonline.it www.freefoundation.com a cura di Renato Brunetta

i dossier L EMPLOYMENT OUTLOOK 2013 DELL OCSE E IL RAPPORTO INPS SULLE PENSIONI www.freenewsonline.it www.freefoundation.com a cura di Renato Brunetta www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com L EMPLOYMENT OUTLOOK 2013 DELL OCSE E IL RAPPORTO INPS SULLE PENSIONI 16 luglio 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 In data 16 luglio

Dettagli

Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro

Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro 1 Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro LE PROPOSTE DELLA CISL per un sistema pensionistico equo e sostenibile LA CISL CONTRATTA, UNISCE, PROPONE 1 2 1. La flessibilità in uscita: restituire

Dettagli

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani 02-01-2015 Numero 15-1 NOTA DAL CSC In Italia più occupati anziani e meno giovani Durante la crisi i 55-64enni con lavoro sono aumentati di 1,1 milioni, contro il calo di 1,6 milioni tra i 25-34enni. Il

Dettagli

AUDIZIONE. Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI

AUDIZIONE. Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI AUDIZIONE Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI ROMA, 14 OTTOBRE 2010 I sistemi di sicurezza sociale sono sviluppati in Europa più che in altre parti del

Dettagli

Cinque idee per la pensione

Cinque idee per la pensione 1 Cinque idee per la pensione LE PROPOSTE DELLA CISL In pensione un po prima: per un nuovo patto fra le generazioni, per una previdenza più equa e sostenibile, per il lavoro dei giovani 1 2 Cinque idee

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI

COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI Gli ultimi eventi ai quali si sta assistendo, soprattutto a seguito della crisi economica e finanziaria

Dettagli

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani 02-01-2015 Numero 15-1 NOTA DAL CSC In Italia più occupati anziani e meno giovani Durante la crisi i 55-64enni con lavoro sono aumentati di 1,1 milioni, contro il calo di 1,6 milioni tra i 25-34enni. Il

Dettagli

Pensione sempre più lontana i Lavoratori Autonomi Andamenti di carriera e calcolo pensionistico nel lavoro autonomo

Pensione sempre più lontana i Lavoratori Autonomi Andamenti di carriera e calcolo pensionistico nel lavoro autonomo Pensione sempre più lontana i Lavoratori Autonomi Andamenti di carriera e calcolo pensionistico nel lavoro autonomo Quando si parla di previdenza del lavoro autonomo il riferimento normativo ancor oggi

Dettagli

La manovra del governo Monti

La manovra del governo Monti 1 La manovra del governo Monti La manovra del governo Monti realizza un intervento di dimensioni sostanzialmente costanti, tra i 20 e i 21 miliardi, in ciascuno degli anni del triennio 2012-2014 (20,185

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE. Comitato dei Delegati 19 settembre 2008

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE. Comitato dei Delegati 19 settembre 2008 LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE Comitato dei Delegati 19 settembre 2008 LA CASSA FORENSE La Cassa di Previdenza Forense è stata trasformata in ente con personalità giuridica di diritto privato con

Dettagli

La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro. Ammortizzatori sociali Giovani Donne

La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro. Ammortizzatori sociali Giovani Donne La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro Ammortizzatori sociali Giovani Donne AMMORTIZZATORI SOCIALI La riforma punta al rafforzamento degli ammortizzatori sociali ed alla estensione delle

Dettagli

Solidarietà Veneto - Fondo Pensione. Tavola rotonda. Giovani e Pensioni: quale educazione alla previdenza 1

Solidarietà Veneto - Fondo Pensione. Tavola rotonda. Giovani e Pensioni: quale educazione alla previdenza 1 Solidarietà Veneto - Fondo Pensione Tavola rotonda Giovani e Pensioni: quale educazione alla previdenza 1 Intervento di Antonio Finocchiaro Presidente della COVIP Vicenza, 22 novembre 2012 1 Il testo costituisce

Dettagli

La struttura del sistema previdenziale

La struttura del sistema previdenziale QUANDO ANDRÒ IN PENSIONE? QUANTI SOLDI PRENDERÒ? E IL MIO TFR? Il sistema previdenziale pubblico e complementare 1 La struttura del sistema previdenziale I pilastro: la previdenza pubblica II pilastro:

Dettagli

LE LINEE DI RIFORMA DELLA STRUTTURA DELLA CONTRATTAZIONE IL DOCUMENTO CONDIVISO DA UIL, CISL E CONFINDUSTRIA

LE LINEE DI RIFORMA DELLA STRUTTURA DELLA CONTRATTAZIONE IL DOCUMENTO CONDIVISO DA UIL, CISL E CONFINDUSTRIA LE LINEE DI RIFORMA DELLA STRUTTURA DELLA CONTRATTAZIONE IL DOCUMENTO CONDIVISO DA UIL, CISL E CONFINDUSTRIA 1) Perché la riforma del modello contrattuale: Nell attuale scenario, il modello contrattuale

Dettagli

MISURE SULLA PREVIDENZA. (a cura del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali)

MISURE SULLA PREVIDENZA. (a cura del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali) MISURE SULLA PREVIDENZA (a cura del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali) PREMESSA La riforma della previdenza è il primo tassello di una riforma più completa che riguarderà anche il mercato

Dettagli

Lezione 8.3 LE PENSIONI: SVILUPPI RECENTI E PREVIDENZA INTEGRATIVA

Lezione 8.3 LE PENSIONI: SVILUPPI RECENTI E PREVIDENZA INTEGRATIVA Lezione 8.3 LE PENSIONI: SVILUPPI RECENTI E PREVIDENZA INTEGRATIVA SdW SISTEMI DI WELFARE (P. Silvestri, 2014-15) 1 CONTENUTO DELLA LEZIONE Riforma Dini: cenni ad aspetti di lungo periodo e alla disciplina

Dettagli

ELEZIONI POLITICHE 2008 MERCATO DEL LAVORO, PROGRAMMI A CONFRONTO SCHEDE A CURA DELLA UIL SERVIZIO POLITICHE TERRITORIALI

ELEZIONI POLITICHE 2008 MERCATO DEL LAVORO, PROGRAMMI A CONFRONTO SCHEDE A CURA DELLA UIL SERVIZIO POLITICHE TERRITORIALI Servizio Politiche Territoriali ELEZIONI POLITICHE 2008 MERCATO DEL LAVORO, PROGRAMMI A CONFRONTO SCHEDE A CURA DELLA UIL SERVIZIO POLITICHE TERRITORIALI 1 MERCATO DEL LAVORO SUPERARE LA LEGGE 30 USCIRE

Dettagli

Perchè la pensione? Dicembre 2012. Il Vicepresidente Arch. Giuseppe Santoro

Perchè la pensione? Dicembre 2012. Il Vicepresidente Arch. Giuseppe Santoro Perchè la pensione? Dicembre 2012 Il Vicepresidente Arch. Giuseppe Santoro Perché la pensione: Forse sarebbe sufficiente dire che il diritto alla pensione viene garantito dall'art. 38 della Costituzione

Dettagli

Non è un Paese per giovani. E neppure per vecchi

Non è un Paese per giovani. E neppure per vecchi Non è un Paese per giovani. E neppure per vecchi Sei idee per una riforma delle pensioni Position Paper - Draft Settembre 2011 Il documento costituisce una prima bozza di un position paper che Vision svilupperà

Dettagli

Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese. 23 domande 23 risposte

Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese. 23 domande 23 risposte Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese 23 domande 23 risposte Oggi un progetto per il futuro Avvertenza: Il presente opuscolo ha carattere divulgativo e non

Dettagli

Tavolo. Crescita ed equità

Tavolo. Crescita ed equità Tavolo Crescita ed equità Roma 19 giugno 2007 Le Organizzazioni dell artigianato e del commercio, preso atto delle linee di intervento indicate nella relazione del Ministro del Lavoro e della Previdenza

Dettagli

------ Tuttavia, la previdenza complementare si sta sviluppando lentamente e, a dieci anni dall avvio, necessita di ulteriori impulsi.

------ Tuttavia, la previdenza complementare si sta sviluppando lentamente e, a dieci anni dall avvio, necessita di ulteriori impulsi. COMUNICATO STAMPA COVIP: la crisi dei mercati finanziari ha sottoposto i fondi pensione a una prova severa, ma il sistema della previdenza complementare ha tenuto. A marzo 2009 sono 4,9 milioni gli iscritti

Dettagli

Il welfare a sostegno della previdenza dei professionisti

Il welfare a sostegno della previdenza dei professionisti Il welfare a sostegno della previdenza dei professionisti Tavola rotonda CNPR Roma, Hotel Nazionale - Piazza Montecitorio - 18 giugno 2015, ore 10,00 Antonietta Mundo Attuario, ex coordinatore generale

Dettagli

Federazione Nazionale delle Associazioni di Quadri ed Alte Professionalità PENSIONI LE NOVITÀ

Federazione Nazionale delle Associazioni di Quadri ed Alte Professionalità PENSIONI LE NOVITÀ Federazione Nazionale delle Associazioni di Quadri ed Alte Professionalità PENSIONI LE NOVITÀ PENSIONI LE NOVITA Non è una novità, ma l obiettivo del governo è incassare più soldi con tutti i mezzi possibili.

Dettagli

Camera dei Deputati. XI Commissione Lavoro pubblico e privato. Audizione D.L. n. 65/2015

Camera dei Deputati. XI Commissione Lavoro pubblico e privato. Audizione D.L. n. 65/2015 Camera dei Deputati XI Commissione Lavoro pubblico e privato Audizione D.L. n. 65/2015 Disposizioni urgenti in materia di pensioni, di ammortizzatori sociali e di garanzie TFR 8 giugno 2015 Premessa Il

Dettagli

Studio di un progetto di welfare integrativo

Studio di un progetto di welfare integrativo Associazione Italiana per la Previdenza e Assistenza Complementare PREVIDENZA E ASSISTENZA: PROPOSTE PER UN APPROCCIO INTEGRATO Studio di un progetto di welfare integrativo Attuario Attuario Indice Di

Dettagli

cose da sapere sulla previdenza complementare gli elementi di base per capire il sistema

cose da sapere sulla previdenza complementare gli elementi di base per capire il sistema 10 cose da sapere sulla previdenza complementare gli elementi di base per capire il sistema /1 2 previbooks/1 3 Previboooks Previbooks è una collana di ebook creata dall Associazione Previnforma per aggiungere

Dettagli

SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici

SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici Articolo 24 Dl 6.12.2011 1. Si tratta di una riforma non concertata, ma imposta, cosa che peraltro accade dal 2007, quando fu firmato

Dettagli

Le mani del Governo sulle pensioni

Le mani del Governo sulle pensioni Le mani del Governo sulle L Istat, come ogni anno, ha diffuso i dati sui trattamenti stici al 31 dicembre 2008 e sui relativi beneficiari. Il quadro che emerge non è nuovo e mette in evidenza le difficili

Dettagli

Le nuove pensioni. Le novità della manovra Monti

Le nuove pensioni. Le novità della manovra Monti Le nuove pensioni Le novità della manovra Monti Premessa La riforma della previdenza è il primo tassello di una riforma più completa che riguarderà anche il mercato del lavoro e gli ammortizzatori sociali.

Dettagli

Sistema Pensionistico

Sistema Pensionistico Sistema Pensionistico Il sistema pensionistico è un meccanismo redistributivo che trasferisce risorse correntemente prodotte dalla popolazione attiva a favore di chi: ha cessato l'attività lavorativa per

Dettagli

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * Evoluzione della previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * La pensione pubblica *La previdenza complementare *I numeri della previdenza complementare in Italia *Le questioni

Dettagli

LIBRO VERDE Verso sistemi pensionistici adeguati, sostenibili e sicuri in Europa. Valutazioni della CGIL Nazionale

LIBRO VERDE Verso sistemi pensionistici adeguati, sostenibili e sicuri in Europa. Valutazioni della CGIL Nazionale LIBRO VERDE Verso sistemi pensionistici adeguati, sostenibili e sicuri in Europa Valutazioni della CGIL Nazionale Il Libro Verde sulle pensioni proposto dalla Commissione europea prende avvio da un assunto:

Dettagli

La spesa per la sicurezza sociale

La spesa per la sicurezza sociale I SISTEMI DI SICUREZZA SOCIALE I sistemi di sicurezza sociale, hanno lo scopo di garantire alle persone condizioni di vita adeguate e di fronteggiare gravi situazioni di bisogno. Le forme di tutela sono:

Dettagli

Si illustrano qui di seguito gli interventi che incidono sia sulle entrate contributive che sulle uscite per prestazioni.

Si illustrano qui di seguito gli interventi che incidono sia sulle entrate contributive che sulle uscite per prestazioni. ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA DEI GIORNALISTI ITALIANI GIOVANNI AMENDOLA Via Nizza n. 35 00198 Roma SINTESI DEGLI INTERVENTI DI RIFORMA ADOTTATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL INPGI NELLA SEDUTA

Dettagli

La Cgil, pur non condividendo le Linee Guida ha dichiarato che parteciperà al tavolo di confronto allargato sulla riforma del modello contrattuale.

La Cgil, pur non condividendo le Linee Guida ha dichiarato che parteciperà al tavolo di confronto allargato sulla riforma del modello contrattuale. LA RIFORMA DELLA STRUTTURA DELLA CONTRATTAZIONE: IL DOCUMENTO SULLE LINEE DI RIFORMA DELLA STRUTTURA DELLA CONTRATTAZIONE SOTTOSCRITTO DA CISL, UIL E CONFINDUSTRIA La riforma del modello contrattuale La

Dettagli

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO Federazione Italiana Sindacale Lavoratori Assicurazioni e Credito Comprensorio di Alessandria Via Cavour, 27-15121 Alessandria - Tel. 0131 308254 e-mail: fisacal@libero.it - Sito Internet www.fisacalessandria.it

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2100 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI GNECCHI, DAMIANO, GRIBAUDO, BOCCUZZI, INCERTI, MAESTRI, ZAPPULLA, ALBANELLA, GIACOBBE, CASELLATO,

Dettagli

Molti aderenti ci hanno posto alcuni quesiti sul tema pensionistico/liquidativo:

Molti aderenti ci hanno posto alcuni quesiti sul tema pensionistico/liquidativo: Nonostante la riforma Fornero qualcuno riesce ancora ad andare in pensione. Come si inserisce il Fondo Pensione in questa eventualità, quali sono le scelte che è possibile ed è meglio fare. Molti aderenti

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3153 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI DELL ARINGA, SENALDI, PREZIOSI, BAZOLI, BORGHI, SGAMBATO, PATRIARCA, NICOLETTI, BENAMATI,

Dettagli

Non per cassa, ma per equità

Non per cassa, ma per equità Non per cassa, ma per equità INDICE Motivazione e descrizione delle proposte normative Abbattere la povertà 3 Per una transizione flessibile 9 Articolato Art. 1 Istituzione del Sostegno di inclusione attiva

Dettagli

RIFORMA DELLE PENSIONI

RIFORMA DELLE PENSIONI RIFORMA DELLE PENSIONI I punti principali La proposta di legge delega di riforma del sistema previdenziale approvata dal Governo si propone di raggiungere due obiettivi, largamente condivisi a livello

Dettagli

Precarietà e previdenza Intervento di Sandro Delfattore Resp.Dipartimento nazionale Welfare della Cgil Claudio mi ha chiamato in causa rispetto a

Precarietà e previdenza Intervento di Sandro Delfattore Resp.Dipartimento nazionale Welfare della Cgil Claudio mi ha chiamato in causa rispetto a Precarietà e previdenza Intervento di Sandro Delfattore Resp.Dipartimento nazionale Welfare della Cgil Claudio mi ha chiamato in causa rispetto a quanto è accaduto sulla previdenza nelle ultime settimane.da

Dettagli

by Salvatore Martorelli per Previdenza Flash Riscattare la laurea: conviene o non conviene? Salvatore Martorelli

by Salvatore Martorelli per Previdenza Flash Riscattare la laurea: conviene o non conviene? Salvatore Martorelli 1 Riscattare la laurea: conviene o non conviene Riscattare la laurea: conviene o non conviene? Salvatore Martorelli 2 Riscattare la laurea: conviene o non conviene RISCATTARE LA LAUREA:CONVIENE O NON CONVIENE?

Dettagli

Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta

Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta 1-08-2015 Numero 15-11 NOTA DAL CSC Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta Tra il e il gli investimenti fissi lordi si sono contratti

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Finanze e Tesoro Segnalazione del Presidente dell'autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in merito agli effetti pregiudizievoli per il consumatore derivanti

Dettagli

Lezione 8.2 LE PENSIONI: LE RIFORME DEGLI ANNI 90

Lezione 8.2 LE PENSIONI: LE RIFORME DEGLI ANNI 90 Lezione 8.2 LE PENSIONI: LE RIFORME DEGLI ANNI 90 SdW SISTEMI DI WELFARE (P. Silvestri, 2014-15) 1 La riforma del sistema pensionistico: una lunga storia Riforma Amato (1993) Riforma Dini (1995) Sistema

Dettagli

LA PENSIONE DEI DOCENTI UNIVERSITARI DOPO LA RIFORMA MONTI-FORNERO

LA PENSIONE DEI DOCENTI UNIVERSITARI DOPO LA RIFORMA MONTI-FORNERO LA PENSIONE DEI DOCENTI UNIVERSITARI DOPO LA RIFORMA MONTI-FORNERO Paolo Gianni (Comm. Sindacale CNU) Premessa Data la complessità delle norme che regolano l erogazione della pensione ed i requisiti per

Dettagli

Fondo pensione Sirio

Fondo pensione Sirio Fondo pensione Sirio 2 È necessario un secondo pilastro Pensionistico? Come funziona la previdenza Tipologia di lavoratori e Enti di previdenza INPS 3 Gli anni turbolenti della previdenza in Italia A partire

Dettagli

Uilca Previdenza News

Uilca Previdenza News Uilca Previdenza News La crisi: un occasione per il rilancio dei fondi La crisi che ha caratterizzato gli ultimi mesi e che probabilmente vivremo per gran parte del 2009 rappresenta, per i fondi pensione

Dettagli

e s a i b d za n e id v re P

e s a i b d za n e id v re P Previdenza di base INTRODUZIONE ALLA PREVIDENZA DI BASE Spesso si usa il termine previdenziale per indicare il sistema pensionistico, tuttavia previdenza ha un significato, più ampio poiché ricomprende

Dettagli

IV.3 Politiche per l equità

IV.3 Politiche per l equità IV.3 Politiche per l equità L indice di povertà relativa, misurato con la metodologia comunitaria, è nel nostro paese del 19 per cento (quota della popolazione che vive sotto la linea di povertà relativa),

Dettagli

Camera dei Deputati. Audizione informale. Disegno di legge n. 3134 (DL 65/2015)

Camera dei Deputati. Audizione informale. Disegno di legge n. 3134 (DL 65/2015) Camera dei Deputati Audizione informale Disegno di legge n. 3134 (DL 65/2015) Disposizioni urgenti in materia di pensioni, di ammortizzatori sociali e di garanzie TFR 8 Giugno 2015 XI Commissione Lavoro

Dettagli

LA PROTEZIONE DELLA LE RIFORME DEL 2012 E DEL 2015 DISOCCUPAZIONE IN ITALIA: 25/05/2015 1

LA PROTEZIONE DELLA LE RIFORME DEL 2012 E DEL 2015 DISOCCUPAZIONE IN ITALIA: 25/05/2015 1 LA PROTEZIONE DELLA DISOCCUPAZIONE IN ITALIA: LE RIFORME DEL 2012 E DEL 2015 25/05/2015 1 L ASSICURAZIONE CONTRO LA DISOCCUPAZIONE IN ITALIA: LE RAGIONI DI UNA RIFORMA 1) Quale inclusione? La maggior parte

Dettagli

UNIVERSITA DI BOLOGNA FACOLTA DI ECONOMIA Convegno su Mercati finanziari, risparmio e trasparenza

UNIVERSITA DI BOLOGNA FACOLTA DI ECONOMIA Convegno su Mercati finanziari, risparmio e trasparenza UNIVERSITA DI BOLOGNA FACOLTA DI ECONOMIA Convegno su Mercati finanziari, risparmio e trasparenza Intervento di Antonio Finocchiaro Presidente della COVIP Previdenza e trasparenza Bologna, 19 ottobre 2012

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO Federazione Italiana Sindacale Lavoratori Assicurazioni e Credito Comprensorio di Alessandria Via Cavour, 27-15121 Alessandria - Tel. 0131 308254 e-mail: fisacal@libero.it - Sito Internet www.fisacalessandria.it

Dettagli

L economia e l etica dei sistemi pensionistici. Mauro Marè Mefop

L economia e l etica dei sistemi pensionistici. Mauro Marè Mefop L economia e l etica dei sistemi pensionistici Mauro Marè Mefop 1 Il sistema pensionistico italiano Basato su 3 pilastri: 1 pilastro Pubblico, obbligatorio e a ripartizione 2 pilastro Privato, volontario

Dettagli

Proposte per un welfare equo e sostenibile

Proposte per un welfare equo e sostenibile Proposte per un welfare equo e sostenibile Il Forum ANIA Consumatori ha tra i propri compiti statutari quello di stimolare la riflessione sul ruolo sociale dell assicurazione nei nuovi assetti del welfare.

Dettagli

Comprendere meglio la riforma Monti-Fornero. il raffronto Ante e Post Legge 214/2011

Comprendere meglio la riforma Monti-Fornero. il raffronto Ante e Post Legge 214/2011 Comprendere meglio la riforma Monti-Fornero il raffronto Ante e Post Legge 214/2011 Nello scorso articolo abbiamo spiegato, per sommi capi, le linee guida della recente riforma della previdenza pubblica,

Dettagli

Nella capitalizzazione previdenziale bisogna trovare un investimento che oltre a dare la rendita difenda il capitale dalla svalutazione

Nella capitalizzazione previdenziale bisogna trovare un investimento che oltre a dare la rendita difenda il capitale dalla svalutazione LE PENSIONI COMPLEMENTARI a cura di Marco Perelli Ercolini Nella capitalizzazione previdenziale bisogna trovare un investimento che oltre a dare la rendita difenda il capitale dalla svalutazione La riforma

Dettagli

La consapevolezza di. 30giorni LA PREVIDENZA. questo difficile momento economico rende auspicabile una programmazione

La consapevolezza di. 30giorni LA PREVIDENZA. questo difficile momento economico rende auspicabile una programmazione LA PREVIDENZA CAPITALIZZAZIONE DEI MONTANTI CONTRIBUTIVI Con la modulare capitale e rendimento sono garantiti Con la pensione modulare è garantita la restituzione del capitale, maggiorato di rendimento.

Dettagli

Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott.ssa Linda Laura Sabbadini Direttore del Dipartimento per le statistiche sociali e ambientali

Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott.ssa Linda Laura Sabbadini Direttore del Dipartimento per le statistiche sociali e ambientali Indagine conoscitiva sull impatto in termini di genere della normativa previdenziale e sulle disparità esistenti in materia di trattamenti pensionistici tra uomini e donne Audizione dell Istituto nazionale

Dettagli

Audizione presso la Commissione Lavoro e Previdenza Sociale del Senato della Repubblica - 20 gennaio 2015 JOBS ACT

Audizione presso la Commissione Lavoro e Previdenza Sociale del Senato della Repubblica - 20 gennaio 2015 JOBS ACT Audizione presso la Commissione Lavoro e Previdenza Sociale del Senato della Repubblica - 20 gennaio 2015 JOBS ACT Parte I: Schema di D.Lgs. A.G. n. 134 recante disposizioni in materia di contratti di

Dettagli

Indagine conoscitiva sulla disciplina delle forme pensionistiche complementari

Indagine conoscitiva sulla disciplina delle forme pensionistiche complementari SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE LAVORO, PREVIDENZA SOCIALE Indagine conoscitiva sulla disciplina delle forme pensionistiche complementari 2/04/2009 Audizione del Direttore Centrale Area Corporate dell

Dettagli

Il sistema pensionistico italiano e le sue caratteristiche

Il sistema pensionistico italiano e le sue caratteristiche 2 modulo Il sistema pensionistico italiano e le sue caratteristiche Riferimento bibliografico: capitolo 1 A cura di Luca Santamaria 1 I principali riferimenti della lezione I diversi sistemi pensionistici

Dettagli

Capo I Disposizioni in materia di ammortizzatori sociali, servizi per il lavoro e politiche attive

Capo I Disposizioni in materia di ammortizzatori sociali, servizi per il lavoro e politiche attive Delega al Governo in materia di riforma degli ammortizzatori sociali, dei servizi per il lavoro e delle politiche attive, nonché in materia di riordino dei rapporti di lavoro e di sostegno alla maternità

Dettagli

POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO dal Jobs Act alla Legge Delega

POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO dal Jobs Act alla Legge Delega POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO dal Jobs Act alla Legge Delega 7 luglio 2014 Rivolgo i miei ringraziamenti all'aidp (Associazione Italiana per la direzione del personale) e all'intoo per l'opportunità che

Dettagli

Il traguardo della pensione si sposta in avanti per effetto di due interventi

Il traguardo della pensione si sposta in avanti per effetto di due interventi LE PENSIONI Nella manovra sui conti pubblici il pacchetto di misure introdotte dalla Legge n. 122/2010 in materia di pensioni si può considerare una vera e propria riforma, destinata ad imprimere una svolta

Dettagli

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Gregorio De Felice Chief Economist Intesa Sanpaolo Roma, 24 febbraio 2014 Agenda 1 Le prospettive macro nel 2014-15 2 Credito ed economia reale nell area

Dettagli

Pensioni delle donne: un analisi di genere

Pensioni delle donne: un analisi di genere Argomento A cura dello Spi-Cgil dell Emilia-Romagna n. 1 gennaio 2015 Pensioni delle donne: un analisi di genere Questo numero è a cura di Roberto Battaglia e Gabriella Dionigi con la collaborazione di

Dettagli

SINTESI DEL PROTOCOLLO SU PREVIDENZA, LAVORO E COMPETITIVITÀ PER L EQUITÀ E LA CRESCITA SOSTENIBILI. 23 Luglio 2007

SINTESI DEL PROTOCOLLO SU PREVIDENZA, LAVORO E COMPETITIVITÀ PER L EQUITÀ E LA CRESCITA SOSTENIBILI. 23 Luglio 2007 SINTESI DEL PROTOCOLLO SU PREVIDENZA, LAVORO E COMPETITIVITÀ PER L EQUITÀ E LA CRESCITA SOSTENIBILI 23 Luglio 2007 PREVIDENZA Incremento delle pensioni basse 1) Potenziamento del sistema di valutazione

Dettagli

JOBS ACT Disegno di Legge 1428 del 2014. Emendamento del governo all art.4. #martanonfartifregare

JOBS ACT Disegno di Legge 1428 del 2014. Emendamento del governo all art.4. #martanonfartifregare JOBS ACT Disegno di Legge 1428 del 2014 Emendamento del governo all art.4 #martanonfartifregare 1 Riordino rapporti di lavoro obiettivi della delega nuovo art.4 Analisi di tutte le forme contrattuali esistenti,

Dettagli

Piramide società. Rapporto attivi/non attivi

Piramide società. Rapporto attivi/non attivi C era una volta. Le pensioni ieri ed oggi Dalla riforma Amato a Monti. I fondamentali della previdenza Piramide società Spesa Protezione sociale Speranza di vita Rapporto attivi/non attivi L invecchiamento

Dettagli

Il sistema di previdenza sociale: luci e ombre tra sostenibilità ed adeguatezza

Il sistema di previdenza sociale: luci e ombre tra sostenibilità ed adeguatezza X Congresso Nazionale Attuari L Attuario: una professione in evoluzione al servizio della società Il sistema di previdenza sociale: luci e ombre tra sostenibilità ed adeguatezza 5-7 giugno 2013 Roma -

Dettagli

LA MANOVRA SALVA ITALIA. Sintesi delle norme di riordino del sistema pensionistico

LA MANOVRA SALVA ITALIA. Sintesi delle norme di riordino del sistema pensionistico LA MANOVRA SALVA ITALIA Legge 214 del 22 dicembre 2011 (G.U. n. 300 del 27-12-2011 supplemento ordinario n. 276) Sintesi delle norme di riordino del sistema pensionistico Gennaio 2012 A cura di Vanna Giantin

Dettagli

Reddito di base- Riduzione delle forme contrattuali- Salario orario minimo

Reddito di base- Riduzione delle forme contrattuali- Salario orario minimo PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE [legge delega] (bozza per il costituendo comitato promotore) Reddito di base- Riduzione delle forme contrattuali- Salario orario minimo I lavoratori precari legali

Dettagli

Università La Sapienza Roma 29 maggio 2014. Giuliano Cazzola Un sistema pensionistico aperto al futuro

Università La Sapienza Roma 29 maggio 2014. Giuliano Cazzola Un sistema pensionistico aperto al futuro Università La Sapienza Roma 29 maggio 2014 Giuliano Cazzola Un sistema pensionistico aperto al futuro Le principali leggi di riforma Dal dopoguerra ad oggi vi sono stati soltanto due leggi di riforma del

Dettagli

La riforma delle pensioni: il «superbonus» e il punto sulla situazione

La riforma delle pensioni: il «superbonus» e il punto sulla situazione 21 Agevolazioni Contributive Politiche del lavoro La riforma delle pensioni: il «superbonus» e il punto sulla situazione Con il decreto del 6 ottobre 2004 il Ministro del Lavoro ha reso note le disposizioni

Dettagli

Comunicato stampa. Roma, 29 maggio 2012. Ufficio stampa tel. 0659055085

Comunicato stampa. Roma, 29 maggio 2012. Ufficio stampa tel. 0659055085 Ufficio Stampa Comunicato stampa Roma, 29 maggio 2012 Il Rapporto annuale dell Inps viene presentato, nella Sala della Lupa della Camera dei Deputati, per la quarta volta. Questa edizione restituisce l

Dettagli

Entusiasmo? «Guardo al futuro con tranquillità.» Buone prospettive con la Previdenza privata. Qualsiasi sia il suo progetto, noi siamo al suo fianco.

Entusiasmo? «Guardo al futuro con tranquillità.» Buone prospettive con la Previdenza privata. Qualsiasi sia il suo progetto, noi siamo al suo fianco. Entusiasmo? «Guardo al futuro con tranquillità.» Buone prospettive con la Previdenza privata. Qualsiasi sia il suo progetto, noi siamo al suo fianco. La Sua Assicurazione svizzera. 1/7 Helvetia PV-Prospetto

Dettagli

SINTESI DEL DOCUMENTO datato 29.12.2011 del Dipartimento Welfare e Nuovi Diritti della Cgil Nazionale

SINTESI DEL DOCUMENTO datato 29.12.2011 del Dipartimento Welfare e Nuovi Diritti della Cgil Nazionale Dipartimento Stato Sociale Cgil di Vicenza SINTESI DEL DOCUMENTO datato 29.12.2011 del Dipartimento Welfare e Nuovi Diritti della Cgil Nazionale GLI ASPETTI PREVIDENZIALI della Legge 22.12.2011, n. 214

Dettagli

Legge di Stabilità 2015 Norme relative al lavoro Scheda di lettura e commento. Finanziamento Fondo Occupazione e ammortizzatori sociali in deroga

Legge di Stabilità 2015 Norme relative al lavoro Scheda di lettura e commento. Finanziamento Fondo Occupazione e ammortizzatori sociali in deroga Legge di Stabilità 2015 Norme relative al lavoro Scheda di lettura e commento Finanziamento Fondo Occupazione e ammortizzatori sociali in deroga Il Fondo Sociale per l occupazione e la formazione è finanziato

Dettagli

IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO

IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO 1 Il nuovo sistema pensionistico Pensplan Come cambia la previdenza LA RIFORMA IN SINTESI DUE TIPI DI TRATTAMENTO: PENSIONE DI VECCHIAIA E PENSIONE ANTICIPATA ESTENSIONE

Dettagli

Disegno di legge di Stabilità 2016 Norme relative al lavoro Scheda di lettura e commento. INCENTIVO ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO (art.

Disegno di legge di Stabilità 2016 Norme relative al lavoro Scheda di lettura e commento. INCENTIVO ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO (art. Disegno di legge di Stabilità 2016 Norme relative al lavoro Scheda di lettura e commento INCENTIVO ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO (art. 11) Viene prorogato in forma ridotta l incentivo ai contratti di

Dettagli

RISCATTARE LA LAUREA:CONVIENE O NON CONVIENE?

RISCATTARE LA LAUREA:CONVIENE O NON CONVIENE? RISCATTARE LA LAUREA:CONVIENE O NON CONVIENE? La possibilità, per i lavoratori dipendenti ed autonomi, di riscattare, ai fini pensionistici, il periodo di studi universitari necessario al conseguimento

Dettagli

previdenziale. Cos è il gap cosa fare per colmarlo Previdenza

previdenziale. Cos è il gap cosa fare per colmarlo Previdenza Previdenza Cos è il gap previdenziale e cosa fare per colmarlo Dal 1992 molti sono stati gli interventi legislativi sul sistema pensionistico del nostro Paese. Sette sono solo quelli conosciuti come riforme.

Dettagli

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip DOCUMENTO SUL REGIIME FIISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali

Dettagli

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa USCIRE DALLA CRISI Sintesi per la Stampa Roma 9 maggio 2013 LA CONTABILITÁ DELLA CRISI La perdita di prodotto La recessione che stiamo vivendo è diventata più profonda e lunga di quelle del secolo scorso,

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

LE PENSIONI CONTENUTO DELLA LEZIONE. (Seconda parte) ALTRE CARATTERISTICHE DEI SISTEMI PENSIONISTICI SISTEMA A RIPARTIZIONE RETRIBUTIVO

LE PENSIONI CONTENUTO DELLA LEZIONE. (Seconda parte) ALTRE CARATTERISTICHE DEI SISTEMI PENSIONISTICI SISTEMA A RIPARTIZIONE RETRIBUTIVO CONTENUTO DELLA LEZIONE LE PENSIONI (Seconda parte) Caratteri dei sistemi pensionistici Patti intergenerazionali nei sistemi a ripartizione La riforma Amato Il sistema a ripartizione contributivo della

Dettagli

Lo studio rimane a disposizione per eventuali ulteriori chiarimenti. Buona lettura!

Lo studio rimane a disposizione per eventuali ulteriori chiarimenti. Buona lettura! Studio Partner di In evidenza in questa circolare: 2015 L ANNO IN CUI CONVENNE ASSUMERE. pag. 2 JOBS ACT IL CONTRATTO A TERMINE pag. 4 L ESONERO CONTRIBUTIVO TRIENNALE pag. 7 JOBS ACT IL CONTRATTO A TUTELE

Dettagli

IL FUTURO DEGLI ENTI PREVIDENZIALI. Il tema dell accorpamento degli enti previdenziali è stato inserito all ottavo posto tra i dodici punti

IL FUTURO DEGLI ENTI PREVIDENZIALI. Il tema dell accorpamento degli enti previdenziali è stato inserito all ottavo posto tra i dodici punti IL FUTURO DEGLI ENTI PREVIDENZIALI Il tema dell accorpamento degli enti previdenziali è stato inserito all ottavo posto tra i dodici punti prioritari indicati dal Governo per rilanciare l azione programmatica.

Dettagli