Strumenti derivati: corso base

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Strumenti derivati: corso base"

Transcript

1 Strumenti derivati: corso base Prof. Fabio Bellini Università di Milano Bicocca Dipartimento di Metodi Quantitativi Outline Contratti forward, futures e opzioni: descrizione degli strumenti ed esempi di strategie operative Il mercato IDEM Introduzione al pricing: il modello binomiale e il modello di Black-Scholes Analisi di sensitività e gestione di portafogli di derivati 1

2 Generalità sugli strumenti derivati Il loro valore deriva (nel senso di dipende) dal valore di un altro strumento finanziario, detto sottostante (underlying). Gli esempi più semplici sono i contratti forward, i contratti futures e le opzioni. I sottostanti possono essere di natura molto diversa: singole azioni, indici azionari, indici obbligazionari, tassi di cambio, commodities, elettricità, Una prima macrodistinzione è tra strumenti lineari (forward, futures, ma anche swap plain vanilla) e strumenti nonlineari (opzioni e più in generale opzioni esotiche). La prima classe non necessita di strumenti matematici particolarmente sofisticati. Il contratto forward Il contratto forward è il derivato più semplice. Con esso due parti si accordano per scambiarsi il sottostante a una data futura T (maturity) ad un prezzo prefissato F che viene detto prezzo forward. Si dice che la parte che si impegna ad acquistare il sottostante ha una posizione forward lunga mentre quella che si impegna a venderlo ha una posizione forward corta. Generalmente F viene scelto in modo che non siano necessarie ulteriori compensazioni alla stipula del contratto. La motivazione è evidente: attraverso questo contratto (che è tipicamente bilaterale e negoziato over the counter, cioè non in un mercato regolamentato vero e proprio) le due controparti eliminano il rischio legato all incertezza del prezzo del sottostante al tempo T. 2

3 Payoff del contratto forward Evidentemente, ex post il contratto sarà vantaggioso solo per una delle due controparti (l altra avrebbe fatto meglio a non prendere la posizione forward). Il valore del contratto a scadenza, in funzione del sottostante, viene in generale chiamato payoff dello strumento derivato. Forward lungo Forward corto F S T F S T Replicazione del payoff Il valore a scadenza della posizione lunga è S T -F; quello della posizione corta è F-S T. La somma dei payoff è 0; i forward (e in generale i derivati) sono un gioco a somma nulla. I forward sono particolarmente semplici in quanto il loro payoff è una retta, dal punto di vista matematico vengono detti strumenti lineari. Questo consente di determinare il prezzo forward attraverso un semplice argomento detto di replicazione. Se contemporaneamente: i) compro il sottostante ii) prendo a prestito un importo pari a F attualizzato (cioè Fe -r(t-t), dove r è il tasso di interesse e t la data di oggi) otteniamo a scadenza lo stesso payoff di un contratto forward lungo. 3

4 Replicazione del payoff/2 Acquisto sottostante Prendo a prestito F S T S T Forward lungo -F Ne segue che il costo del contratto forward f deve essere pari al costo del portafoglio replicante: F S T r ( T t ) f = S Fe -F Parità spot/forward Usualmente (ma questa non è l unica possibilità), le due parti scelgono il prezzo forward F in modo che f = 0, cioè che non ci siano pagamenti alla stipula del contratto. Questo fornisce la relazione F = Se r ( T t ) che è nota come parità spot/forward, che può essere generalizzata al caso in cui il sottostante presenti un dividend yield q (che può anche rappresentare gli interessi in valuta nel caso di un tasso di cambio o i costi di stoccaggio nel caso di una commodity): F = Se ( r q )( T t ) 4

5 Verifiche empiriche La relazione appena vista è il più semplice modello di pricing di uno strumento derivato. Alcune ipotesi non sono del tutto realistiche (ad esempio, l assenza di costi di transazione oppure la natura non aleatoria del tasso di dividendo q) tuttavia non è stato necessario fare ipotesi sul sottostante a scadenza S T. In pratica la parità spot/forward è verificata abbastanza bene dai prezzi di mercato; spesso è utilizzata al contrario per estrarre un tasso di dividendo implicito dai prezzi forward. L esistenza di questa relazione teorica evidentemente non rende inutili i mercati forward, in quanto sussistono varie asimmetrie tra l acquisto e la detenzione del sottostante e l acquisto a termine del sottostante Verifiche empiriche/2 FTSEMIB Fut Set 09 Fut Dec 09 5

6 I contratti futures I contratti futures differiscono dai contratti forward sostanzialmente per tre aspetti: - sono trattati in mercati regolamentati su quantitativi e sottostanti standardizzati - ciascun contratto ha come controparte la Cassa di Compensazione e Garanzia - e previsto un meccanismo di marking to market per cui guadagni e perdite vengono calcolati e addebitati giornalmente Lo scopo è quello di evitare che una delle controparti venga meno agli impegni presi; queste importantissime differenze di struttura del mercato hanno in generale uno scarso impatto sui prezzi: prezzi forward e prezzi future sono generalmente molto vicini; teoricamente si può dimostrare che trascurando la natura aleatoria dei tassi di interesse devono coincidere. Il meccanismo del marking to market Per aprire una posizione futures è necessario avere su un conto associato alla posizione (conto margine) un margine iniziale, che è pari (si veda la parte finale) ad una percentuale fissata del valore nominale del contratto. Nel caso dei futures con sottostante FTSEMIB questa percentuale è attualmente del 14,5%. La variazione del prezzo di chiusura viene addebitata o accreditata (a seconda del segno della posizione e del segno della variazione) giornalmente (da cui il nome di marking to market). Se il conto margine diventa insufficiente allora l investitore riceve una chiamata di margine (margin call) che deve essere soddisfatta rapidamente pena la chiusura automatica della posizione. Il fatto che sia possibile operare su un valore nominale più elevato con un margine pari soltanto a una frazione dà origine al cosiddetto effetto leva (leverage) dei contratti futures. 6

7 Il meccanismo del marking to market/2 Consideriamo come esempio una posizione lunga su un future con scadenza Settembre 2009 avente come sottostante il FTSE MIB. Nel periodo considerato non è necessario adeguare il margine; considerando 1 a punto (Mini FTSE MIB) abbiamo: fut set 09 long variazione margine (14,5%) conto margine 03/08/ , ,73 04/08/ , ,73 05/08/ , ,73 06/08/ , ,73 07/08/ , ,73 10/08/ , ,73 11/08/ , ,73 12/08/ , ,73 13/08/ , ,73 14/08/ , ,73 Il sottostante è salito del 3,30%, il contratto future del 22,73%. E facile vedere che il leverage (detto anche elasticità) è pari a 6,90 = 22,73% / 3,30% = 1/0,145. Il meccanismo del marking to market/3 Nel caso di una posizione corta, visto il movimento rialzista del sottostante, sono necessari diversi adeguamenti: fut set 09 long variazione margine (14,5%) conto margine aggiunta 03/08/ , ,73 04/08/ , , /08/ , ,73 06/08/ , , /08/ , , /08/ , , /08/ , ,73 12/08/ , ,73 13/08/ , , /08/ , ,73 Sul conto margine abbiamo guadagnato 422 punti a cui pero devono essere tolti 1110 punti di aggiunte complessive, ottenendo una perdita di 688 punti (pari alla variazione del future: =688). 7

8 Usi dei contratti futures Grazie al meccanismo del marking to market, è possibile operare con una leva finanziaria fissata. Gli usi piu comuni sono: Strategie speculative direzionali Strategie di copertura Spread trading Il volume di un contratto future è il numero di posizioni aperte o chiuse durante una giornata. L open interest del contratto è pari al numero di posizioni lunghe (che è pari al numero delle posizioni corte) rimaste aperte a fine giornata. Copertura a varianza minima In una operazione di copertura tramite futures, non sempre è disponibile un contratto sul sottostante opportuno o con la scadenza opportuna. La differenza tra il prezzo spot e il prezzo future viene detta base; il rischio dovuto alla copertura imperfetta viene chiamato basis risk. E possibile dimostrare che in caso di coperture imperfette il rapporto di copertura h (rapporto tra il controvalore future e il controvalore spot) che minimizza la varianza della base è dato da: h σ S = ρ σ dove ρ è la correlazione tra le variazioni del sottostante e del future, σ S è la deviazione standard delle variazioni del sottostante e σ F quella del future. F 8

9 I contratti di opzione Al contrario dei contratti forward e futures, i contratti di opzione forniscono il diritto (ma non l obbligo) di acquistare (opzione call) o di vendere (opzione put) il sottostante alla scadenza T (maturity) a un prezzo prefissato che viene chiamato strike price K. Esempi: Una opzione call sul FTSEMIB con strike e scadenza settembre mi dà il diritto di acquistare il FTSEMIB il 18/9/2009 a A scadenza l opzione non varrà nulla se il FTSEMIB è sotto 20000, mentre varrà la differenza S T se il FTSEMIB è sopra In formule, il payoff della call è dato da max(0, S T K). Una put con strike invece mi da il diritto a vendere a 20000; essa non varrà nulla se S T > 20000, mentre vale la differenza S T nel caso contrario. In formule, il payoff della put è dato da max(0, K S T ). I contratti di opzione/2 Al contrario dei contratti forward e futures, i contratti di opzione forniscono il diritto (ma non l obbligo) di acquistare (opzione call) o di vendere (opzione put) il sottostante alla scadenza T (maturity) a un prezzo prefissato che viene chiamato strike price K. Anche qui, possiamo facilmente disegnare i payoff: Acquisto call Acquisto put K S T K S T 9

10 I contratti di opzione/3 Al contrario dei contratti futures, per acquisire il diritto insito in un opzione è necessario pagare un premio. L acquirente del contratto call o put paga quindi al venditore (detto anche writer) della opzione il premio e in cambio ottiene i payoff rappresentati nella slide precedente (che ovviamente possono anche essere nulli: in questo caso si è semplicemente perso il premio). Il venditore invece riceve il premio ed eventualmente paga all acquirente il suo payoff; le sue posizioni quindi possono essere: Vendo call Vendo put K S T K S T I contratti di opzione/4 I profitti complessivi (profits, da non confondere con i payoffs) delle due posizioni lunghe sono espressi in questi grafici: Acquisto call Acquisto put K S T -P -P K S T 10

11 I contratti di opzione/5 Nel caso delle opzioni corte abbiamo perdite potenzialmente anche molto elevate, illimitate nel caso della call Vendo call Vendo put P P K S T K S T Un po di terminologia Un opzione si dice europea se può essere esercitata solo alla scadenza T; si dice americana se può essere esercitata in qualsiasi momento fino alla scadenza. Un opzione si dice in the money (ITM) se è immediatamente esercitabile con profitto; cioè se lo strike è inferiore al sottostante nel caso di una call oppure se è superiore al sottostante nel caso di una put. Un opzione si dice out of the money (OTM) se invece esercitata immediatamente avrebbe valore nullo. Le opzioni per cui lo strike coincide con il sottostante si dicono at the money (ATM). Il valore di una opzione si decompone in valore intrinseco (quanto otterrei da un esercizio immediato) e valore temporale (legato alla variabilità futura del sottostante). 11

12 Prime osservazioni L acquirente di una call fa una scommessa rialzista sul sottostante; l acquirente di una put una scommessa ribassista. Rispetto a una posizione futures, il grado di leva finanziaria può essere molto variabile, e dipende sostanzialmente dalla moneyness Opzioni deep out of the money (con una probabilità di esercizio molto bassa) hanno una leva molto elevata mentre opzioni deep in the money (per cui l esercizio è virtualmente certo) hanno una leva inferiore. Alla scommessa direzionale si unisce una scommessa sulla volatilità: sia nel caso della call che in quello della put l acquirente beneficia di un aumento della volatilità. Chi vende una opzione ha una perdita potenziale molto elevata, anche illimitata, nel caso della call; per questo è necessario un sistema di marginazione simile a quello dei contratti futures. Put call parity Il prezzo di una call e quello di una put con lo stesso sottostante, la stessa maturity T e lo stesso strike K sono collegati: Compro call Vendo put Forward lungo K K K 12

13 Put call parity /2 Dato che il payoff che si ottiene comprando una call e vendendo una put con lo stesso strike K coincide con quello di un contratto forward, ne segue il costo dei due modi di ottenere lo stesso payoff deve essere lo stesso (principio di non arbitraggio). Si ottiene quindi C P = S Ke r ( T t ) nota come put/call parity. Nel caso di un dividend yield continuo q abbiamo C P = S Ke ( r q )( T t ) Strategie più complicate Spesso si combinano più posizioni sullo stesso sottostante e sulla stessa scadenza. Per esempio acquistando una call con strike K 1 e vendendo una call con strike K 2 > K 1 otteniamo uno spread rialzista: Compro call K1 Vendo call K2 Spread rialzista K 1 K 2 K 1 K 2 Si tratta di una posizione rialzista in cui il premio è limitato da un tetto massimo al payoff. 13

14 Strategie più complicate/2 Se al contrario compro una call sullo strike superiore K 2 e la vendo su quello inferiore K 1, il payoff è uno spread ribassista: Vendo call K 1 Compro call K 2 Spread ribassista K 1 K 2 K 1 K 2 Anche qui, rispetto alla vendita della call con strike K 1, si incassa oggi un premio minore a fronte di una minore perdita potenziale a scadenza. Strategie più complicate/3 Unendo uno spread rialzista su K 1 e K 2 con uno spread ribassista su K 2 e K 3, otteniamo una strategia molto diffusa, detta butterfly: Spread rialzista Spread ribassista Butterfly K 2 K 1 K 2 K 2 K 3 K 1 K 3 Si punta sul fatto che il sottostante stia in un certo range ristretto, si punta su una convergenza del sottostante. E sostanzialmente una strategia corta sulla volatilità. 14

15 Strategie più complicate/4 Comprando una call e una put sullo stesso strike price (tipicamente at the money) otteniamo uno straddle: Compro call K Compro put K Straddle K K K Si punta ad una variazione del sottostante, a prescindere dalla direzione. Se entrambe le opzioni sono ATM è abbastanza costosa. E sostanzialmente una posizione lunga sulla volatilità. Strategie più complicate/5 Comprando una call e una put su diversi strike K 2 > K 1 (tipicamente molto out of the money) ottengo uno strangle: Compro call K 2 Compro put K 1 Strangle K 2 K 1 K 1 K 2 E molto simile alla precedente, in questo caso essendo le opzioni OTM si spende meno ma per avere un guadagno occorre una variazione (positiva o negativa) maggiore. E anch essa una posizione lunga sulla volatilità con una leva maggiore. 15

16 Commenti Le opzioni sono beni deperibili; c e sempre una probabilità positiva di perdere tutto il capitale investito, che può essere elevata nel caso delle opzioni OTM. Il fatto che la perdita sia limitata dal premio iniziale non deve trarre in inganno: è sempre del 100%! L acquisto di opzioni consente di realizzare strategie lunghe o corte sulla volatilità, a prescindere dall andamento direzionale del sottostante; si dice che il mercato delle opzioni rende la volatilità un bene quotato. Le coperture mediante opzioni sono più flessibili rispetto a quelle mediante futures ma richiedono indubbiamente una modellizzazione più complicata. Strategie a confronto Rialziste: Fut Set 2009 long Call Call Ribassiste: Fut Set 2009 short Put Put Periodo considerato: 3-28/08/2009 (4 settimane, 20 giorni di trading) Sottostante: FTSEMIB Maturity: Settembre 2009 Prezzi utilizzati: chiusure Sulla volatilità: Butterfly (Call 20000, -2 Call 21000, Call 22000) Straddle (Call 21000, Put 21000) Strangle (Call 22000, Put 20000) 16

17 Il dataset - Futures FTSEMIB Index fut set 09 fut dec 09 03/08/ , /08/ , /08/ , /08/ , /08/ , /08/ , /08/ , /08/ , /08/ , /08/ , /08/ , /08/ , /08/ , /08/ , /08/ , /08/ , /08/ , /08/ , /08/ , /08/ , Fonte: Bloomberg FTSEMIB Index fut set 09 fut dec 09 Il dataset - Call call /08/ /08/ /08/ /08/ /08/ /08/ /08/ /08/ /08/ /08/ /08/ /08/ /08/ /08/ /08/ /08/ /08/ /08/ /08/ /08/ Fonte: Bloomberg 17

18 Il dataset - Call /2 27/08/ /08/ /08/ /08/ /08/ /08/ /08/ /08/ /08/ /08/ Il dataset - Put put /08/ /08/ /08/ /08/ /08/ /08/ /08/ /08/ /08/ /08/ /08/ /08/ /08/ /08/ /08/ /08/ /08/ /08/ /08/ /08/ Fonte: Bloomberg 18

19 Il dataset - Put / Strategie rialziste FTSEMIB fut set 09 call call /08/ ,00 100,00 100,00 100,00 04/08/ ,25 103,17 103,91 109,33 05/08/ ,23 102,97 102,36 102,92 06/08/ ,02 108,56 112,19 116,03 07/08/ ,33 118,14 124,96 142,27 10/08/ ,17 123,82 134,79 156,27 11/08/ ,69 112,79 117,21 119,24 12/08/ ,02 122,37 131,39 144,02 13/08/ ,36 131,75 148,23 177,55 14/08/ ,05 122,73 131,17 138,48 17/08/ ,23 103,70 99,19 84,84 18/08/ ,59 111,63 114,92 109,62 19/08/ ,04 108,46 107,24 97,96 20/08/ ,29 117,58 120,46 113,70 21/08/ ,70 133,14 150,96 171,72 24/08/ ,89 148,86 180,72 244,61 25/08/ ,46 153,52 189,22 267,35 26/08/ ,84 155,41 194,02 275,51 27/08/ ,46 153,69 186,85 249,85 28/08/ ,41 158,97 200,81 285, FTSEMIB fut set 09 call call

20 Strategie ribassiste FTSEMIB fut set 09 put put /08/ /08/ , , , /08/ , , , , /08/ , , , , /08/ , , , , /08/ , , , , /08/ , , , , /08/ , , , , /08/ , , , , /08/ , , , , /08/ , , , , /08/ , , , , /08/ , , , , /08/ , , , , /08/ , , , , /08/ , , , , /08/ ,456 46, , , /08/ , , , , /08/ , , , , /08/ , , , , FTSEMIB fut set 09 put put Strategie sulla volatilità FTSEMIB Index butterfly straddle strangle 03/08/ ,00 100,00 100,00 100,00 04/08/ ,25 98,04 102,43 104,15 05/08/ ,23 101,96 99,74 99,22 06/08/ ,02 100,00 100,96 100,78 07/08/ ,33 94,12 100,06 99,61 10/08/ ,17 96,08 100,96 100,52 11/08/ ,69 111,76 95,98 93,13 12/08/ ,02 100,00 96,68 93,26 13/08/ ,36 88,24 101,47 101,30 14/08/ ,05 103,92 94,70 89,75 17/08/ ,23 105,88 92,41 86,25 18/08/ ,59 103,92 93,17 87,94 19/08/ ,04 117,65 90,75 84,31 20/08/ ,29 109,80 89,60 80,54 21/08/ ,70 92,16 98,79 94,81 24/08/ ,89 72,55 113,40 119,97 25/08/ ,46 66,67 119,08 129,57 26/08/ ,84 60,78 119,91 131,26 27/08/ ,46 78,43 111,81 117,64 28/08/ ,41 52,94 121,38 132, FTSEMIB Index straddle butterfly strangle 20

21 Il mercato IDEM Fonte: Borsaitalia, guida Conoscere gli strumenti derivati. Strumenti quotati Sottostanti quotati: futures sull indice FTSE MIB (FIB e MiniFIB) opzioni sull indice FTSE MIB (Mibo) futures e opzioni su 48 azioni liquide e ad elevata capitalizzazione Scadenze quotate: 2 scadenze mensili più vicine 4 scadenze rimestrali del ciclo marzo, giugno, settembre, dicembre 4 scadenze semestrali del ciclo giugno dicembre dei due anni sucessivi a quello in corso 2 scadenze annuali di dicembre del terzo e quarto anno successivo a quello in corso (solo MIBO) 21

22 Scadenze quotate Le uniche opzioni quotate su scadenze extralunghe sono le Mibo; le scadenze lunghe sono quotate anche per 8 titoli azionari (Generali, Enel, Eni, Fiat, Intesa, STM, Telecom, Unicredit). Fonte: Borsaitalia, guida Conoscere gli strumenti derivati. L indice FTSE MIB L indice FTSE MIB ha sostituito dal 1 giugno 2009 l indice S&P/MIB come sottostante per il FIB e le MIBO. Ecco i primi 10 titoli: titolo peso ENI 14,72% Intesa-Sanpaolo 12,09% Unicredito SpA 11,06% ENEL 10,22% Generali 9,58% Telecom Italia Ord 5,78% Unione Di Banche Italiane 3,10% Fiat 2,34% Tenaris 2,31% Finmeccanica 2,28% Fonte: FTSE Group, titoli costituenti dopo revisione al 23 marzo 2009 Le regole di aggiornamento sono simili a quelle del precedente S&P/MIB. 22

23 L indice FTSE MIB/2 Fonte: Bloomberg FIB e MiniFIB Sono i futures sul FTSE MIB. Differiscono solo per il valore di un punto base, pari rispettivamente a 5 e a 1. Altre caratteristiche: Il FIB quota le 4 scadenze del ciclo trimestrale più vicine, il MiniFIB solo le due scadenze più vicine. Una nuova scadenza viene quotata il primo giorno di borsa aperta successivo alla scadenza di un contratto. La scadenza è il terzo venerdì del mese e il sottostante a scadenza ( prezzo di regolamento ) è il valore del FTSE MIB calcolato alle 9.05 sui prezzi di apertura dei titoli che compongono il paniere Il prezzo di chiusura giornaliero è la media ponderata sulle quantità dell ultimo 10% scambiato nella giornata Attualmente il margine richiesto per entrambi i contratti è stato portato al 14,50%.. 23

24 Mibo Sono le opzioni aventi come sottostante l indice FTSE MIB. Si tratta di opzioni di tipo europeo (l esercizio è ammesso solo alla scadenza) Ciascun punto indice vale 2,5 Il premio viene pagato il giorno successivo alla data di negoziazione Sono quotate le 12 scadenze brevi, lunghe ed extra-lunghe Come per FIB e MiniFIB, la scadenza è il terzo venerdì del mese e il sottostante a scadenza ( prezzo di regolamento ) è il valore del FTSE MIB calcolato alle 9.05 sui prezzi di apertura dei titoli che compongono il paniere Sulle scadenze brevi sono quotati almeno 15 prezzi strike con intervalli di 500 punti; su quelle lunghe ed extra-lunghe almeno 21 con intervalli di 1000 punti (la liquidità tuttavia è veramente molto bassa) Come per FIB e MiniFIB, l intervallo del margine è pari al 14,50%.. Mibo/2. Fonte: Bloomberg 24

25 Stock futures Sono i futures quotati sui 48 sottostanti azionari. Ciascun contratto fa riferimento all acquisto o alla vendita di un lotto minimo di contratti ( moltiplicatore ). Sono quotate le 6 scadenze brevi. Una nuova scadenza viene quotata il primo giorno di borsa aperta successivo alla scadenza di un contratto. La scadenza è il terzo venerdì del mese e il sottostante a scadenza ( prezzo di regolamento ) è il prezzo di apertura A scadenza è prevista la consegna fisica del sottostante (physical delivery).. Stock options Sono le opzioni quotate sui 48 sottostanti azionari. Si tratta di opzioni di tipo americano, è cioè possibile l esercizio anticipato Ciascun contratto fa riferimento all acquisto o alla vendita di un lotto minimo di contratti ( moltiplicatore ) Il premio viene pagato il giorno successivo alla data di negoziazione Sono quotate le 10 scadenze brevi e lunghe; su 8 titoli anche le 2 extra-lunghe. Una nuova scadenza viene quotata il primo giorno di borsa aperta successivo alla scadenza di un contratto. La scadenza è il terzo venerdì del mese; il prezzo di regolamento è il risultato dell asta di chiusura dell ultimo giorno di contrattazione del sottostante.. 25

26 Lotti minimi (moltiplicatori) titolo molt. molt. titolo molt. FTMIB 5,00EXOR 100,00PARMALAT miniftmib 1,00FASTWEB 100,00PIRELLI & C FTMIB 2,50FIAT 500,00PRYSMIAN 100 A2A 2.500,00FINMECCANICA 500,00RCS ACEA 500,00FONDIARIA SAI 100,00SAIPEM 500 ALLEANZA 500,00GENERALI 100,00SARAS ATLANTIA 500,00GEOX 500,00SEAT PAGINE GIALLE AUTOGRILL 500,00IMPREGILO 500,00SNAM RETE GAS BANCA MONTE PASCHI SIENA 1.000,00INTESA SAN PAOLO 1.000STMICROELECTRONICS 100 BANCA POPOLARE MILANO 500,00INTESA SAN PAOLO RNC 1.000TELECOM ITALIA BANCO POPOLARE 500,00ITALCEMENTI 100TELECOM ITALIA RNC BULGARI 1.000,00LOTTOMATICA 100TENARIS 500 BUZZI UNICEM 100,00LUXOTTICA GROUP 500TERNA ENEL 500,00MEDIASET 1.000TISCALI ENI 500,00MEDIOBANCA 500UBI BANCA 500 ERG 500,00MEDIOLANUM 500UNICREDIT ESPRESSO 1.000,00MONDADORI 1.000UNIPOL Fonte: Borsaitalia. Il problema del pricing Al contrario degli strumenti lineari, le opzioni non possono essere valutate senza un modello probabilistico (anche molto semplice) del sottostante. Senza fare ipotesi, al massimo possiamo dare dei vincoli al prezzo di una opzione (detti di superreplicazione e subreplicazione): K S T K S T S - Ke -r(t-t) < C < S Ke -r(t-t) S < P < K 26

27 Fattori che determinano il prezzo Vari fattori determinano il prezzo di una opzione: il prezzo del sottostante S e il livello dello strike K congiuntamente determinano il grado di moneyness della opzione. Più l opzione è in the money, maggiore è la probabilità di esercizio e maggiore è il suo valore. Nel caso di una call, la moneyness è elevata se S è alto e K è basso, mentre nel caso di una put dobbiamo avere K alto e S basso. la volatilità annua del sottostante σ e la vita residua τ=τ t influenzano positivamente il prezzo sia delle call che delle put. Il motivo è che una maggiore volatilità del sottostante o una maggiore vita residua aumentano la variabilità del sottostante a scadenza. Le variazioni negative non incidono sul payoff, che è sempre nullo, mentre quelle positive lo aumentano. Pertanto l effetto complessivo è positivo. Fattori che determinano il prezzo/2 il tasso privo di rischio r ha una scarsa influenza sul prezzo delle opzioni; il tasso di dividendo (dividend yield) q influenza negativamente le call e positivamente le put, in quanto riduce la crescita del sottostante, avvantaggiando quindi le put rispetto alle call. Riassumendo, se il fattore nella prima colonna aumenta, abbiamo: Call Put Sottostante S Cresce Decresce Strike K Decresce Cresce Volatilità annua σ Cresce Cresce Time to maturity τ Cresce (usualmente) Cresce (usualmente) Dividend yield q Decresce Cresce 27

28 La volatilità storica /1 La volatilità di cui stiamo parlando prende il nome di volatilità storica (per distinguerla da quella implicita che introdurremo in seguito per mezzo del modello di Black-Scholes) ed è pari alla deviazione standard dei logrendimenti giornalieri, riportata su base annua. Il logrendimento giornaliero è definito da X S S t + 1 t + 1 t t = ln = = S ln 1 + t S ln 1 t dove R t è l usuale rendimento semplice. S ( + Rt ) Rt I logrendimenti hanno però il vantaggio di essere quantità additive (ad esempio, il logrendimento su un anno è la somma dei logrendimenti giornalieri, mentre notoriamente non si possono sommare i rendimenti semplici). La volatilità storica /2 I logrendimenti e i rendimenti semplici si esprimono comunemente in percentuale. La volatilità giornaliera è la deviazione standard dei logrendimenti giornalieri: n g 1 2 σ t = ( X t i µ t ) n 1 1 µ t = n n i = 1 X i = 1 t i Essa varia nel tempo e dipende dalla base n (numero di giorni su cui calcolo la media e la deviazione standard). La volatilità annua è data da σ a t = σ g t N dove convenzionalmente si prende N=260 (approssimativamente i giorni di borsa aperta). Sono a volte utilizzati indici alternativi che tengono anche conto di massimo, minimo, apertura, chiusura, o anche della intera serie delle quotazioni della giornata (volatilità intraday). 28

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti:

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: Strumenti derivati Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: attività finanziarie (tassi d interesse, indici azionari, valute,

Dettagli

STRUMENTI DERIVATI - CARATTERISTICHE DELLE OPZIONI

STRUMENTI DERIVATI - CARATTERISTICHE DELLE OPZIONI STRUMENTI DERIVATI - CARATTERISTICHE DELLE OPZIONI Le due principali categorie in cui si dividono le opzioni sono: opzioni call, assegna la facoltà di acquistare o non acquistare l'attività sottostante

Dettagli

Le opzioni come strumento di copertura del portafoglio

Le opzioni come strumento di copertura del portafoglio Le opzioni come strumento di copertura del portafoglio BORSA ITALIANA S.p.A. Derivatives Markets Private Investors Business Development Relatore: Gabriele Villa Disclaimer La pubblicazione del presente

Dettagli

Derivati per la copertura del rischio di prezzo nei mercati energetici

Derivati per la copertura del rischio di prezzo nei mercati energetici Derivati per la copertura del rischio di prezzo nei mercati energetici Prof. Fabio Bellini fabio.bellini@unimib.it Università di Milano Bicocca Dipartimento di Metodi Quantitativi www.dimequant.unimib.it

Dettagli

LE NEWS DEL MESE BORSA ITALIANA ORGANIZZA LA II TRADING ONLINE EXPO 7-8 MAGGIO PALAZZO MEZZANOTTE. nel prossimo numero parleremo di

LE NEWS DEL MESE BORSA ITALIANA ORGANIZZA LA II TRADING ONLINE EXPO 7-8 MAGGIO PALAZZO MEZZANOTTE. nel prossimo numero parleremo di MAGGIO 2004 NUMERO 22 LE NEWS DEL MESE IN QUESTO NUMERO BORSA ITALIANA ORGANIZZA LA II TRADING ONLINE EXPO 7-8 MAGGIO PALAZZO MEZZANOTTE Le news del mese 1 Nel prossimo numero 1 Prima pagina 2 IDEM Quiz

Dettagli

Le opzioni. (1 parte) A cura di Stefano Zanchetta

Le opzioni. (1 parte) A cura di Stefano Zanchetta Le opzioni (1 parte) A cura di Stefano Zanchetta 1 Disclaimer La pubblicazione del presente documento non costituisce attività di sollecitazione del pubblico risparmio da parte di Borsa Italiana S.p.A.

Dettagli

Gli strumenti derivati

Gli strumenti derivati Gli strumenti derivati EMM A - Lezione 6 Prof. C. Schena Università dell Insubria 1 Gli strumenti derivati Derivati perché il loro valore deriva da quello di altre attività dette beni/attività sottostanti

Dettagli

Derivati: principali vantaggi e utilizzi

Derivati: principali vantaggi e utilizzi Derivati: principali vantaggi e utilizzi Ugo Pomante, Università Commerciale Luigi Bocconi Trading Online Expo Milano 28, Marzo 2003 CONTENUTI In un mondo senza derivati I futures Le opzioni Strategie

Dettagli

DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40

DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40 DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40 LE OPZIONI - Definizione Le opzioni sono contratti finanziari che danno al compratore il diritto, ma non il dovere, di comprare,

Dettagli

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni A.A. 2008-2009 20 maggio 2009 Agenda I contratti Swap Definizione Gli Interest Rate Swap Il mercato degli Swap Convenienza economica e finalità Le opzioni

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Dott. Domenico Dall Olio

Dott. Domenico Dall Olio Responsabile didattico per il progetto QuantOptions Le basi delle opzioni www.quantoptions.it info@quantoptions.it 1 Opzioni: long call definizione e caratteristiche di base Le opzioni sono contratti finanziari

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

Greche. Fondamenti dei Mercati di Futures e Opzioni, 5 a Edizione, Copyright John C. Hull 2004 15.1

Greche. Fondamenti dei Mercati di Futures e Opzioni, 5 a Edizione, Copyright John C. Hull 2004 15.1 Greche Problema per i trader è di gestire il rischio di posizioni su mercati over the counter e in borsa Ogni greca corrisponde a una misura di rischio Quindi i traders dovranno gestire le greche per gestire

Dettagli

Introduzione alberi binomiali

Introduzione alberi binomiali Introduzione alberi binomiali introduzione L albero binomiale rappresenta i possibili sentieri seguiti dal prezzo dell azione durante la vita dell opzione Il percorso partirà dal modello a uno stadio per

Dettagli

Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit.

Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit. Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit. http://www.borsaitaliana.it/borsa/azioni/scheda.html?isin=it0004781412&lang=en http://www.borsaitaliana.it/borsa/derivati/idem-stock-futures/lista.html?underlyingid=ucg&lang=en

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1 Introduzione Capitolo 1 1 La Natura dei Derivati I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali variabili sottostanti 2 Esempi di Derivati Forwards Futures Swaps Opzioni

Dettagli

GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI ABSTRACT PRINCIPI SULLE OPZIONI!A cura di Mauro Liguori!Seminario del 7 giugno 2003!V. delle Botteghe Oscure, 54 -Roma DEFINIZIONE DI OPZIONE OPZIONE DIRITTO DI ACQUISTARE

Dettagli

Nuove strategie di trading con le opzioni del mercato IDEM

Nuove strategie di trading con le opzioni del mercato IDEM Nuove strategie di trading con le opzioni del mercato IDEM Gabriele VILLA Responsabile Business Development Investitori Privati Stefania FAIELLA Derivatives Markets Products and Indices Borsa Italiana

Dettagli

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1 23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari In uno schema uniperiodale e in un contesto di analisi media-varianza, si consideri un mercato

Dettagli

Prefazione. Capitolo 1 Introduzione ai contratti derivati 1 1.1 I derivati 1

Prefazione. Capitolo 1 Introduzione ai contratti derivati 1 1.1 I derivati 1 Prefazione XV Capitolo 1 Introduzione ai contratti derivati 1 1.1 I derivati 1 Capitolo 2 Il mercato delle opzioni azionarie 11 2.1 Le opzioni sui singoli titoli azionari 11 2.2 Il mercato telematico delle

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato e uno strumento finanziario il cui rendimento e legato al rendimento di un altro strumento finanziario emesso in precedenza e separatamente negoziato. Un esempio

Dettagli

MinIFIB IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI

MinIFIB IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI SOMMARIO i vantaggi offerti 4 l indice mib30 6 come funziona 7 quanto vale 8 la durata del contratto 9 cosa accade alla scadenza 10 il prezzo al quale si può negoziare

Dettagli

Strategie operative con i futures sull'indice S&P/MIB e gli IDEM Stock Futures

Strategie operative con i futures sull'indice S&P/MIB e gli IDEM Stock Futures Strategie operative con i futures sull'indice S&P/MIB e gli IDEM Stock Futures Roberto Del Conte Borsa Italiana Spa 7 Maggio 2004 Milano Trading Online Expo Contenuti I contratti Futures Idem Stock Futures

Dettagli

FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale

FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale 6 parte Prof. Giovanna Lo Nigro # 1 I titoli derivati # 2 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl Argomenti trattati Tipologie

Dettagli

Conoscere gli strumenti derivati

Conoscere gli strumenti derivati Conoscere gli strumenti derivati Una breve guida alle principali caratteristiche e all utilizzo degli strumenti finanziari derivati di Borsa Italiana Alcuni articoli contenuti in questa pubblicazione -

Dettagli

Strategie e tecniche d investimento con le opzioni

Strategie e tecniche d investimento con le opzioni FINANZA OPERATIVA Strategie e tecniche d investimento con le opzioni Dario Daolio FRANCOANGELI Am - La prima collana di management in Italia Testi advanced, approfonditi e originali, sulle esperienze più

Dettagli

Gli strumenti derivati. Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

Gli strumenti derivati. Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it Gli strumenti derivati Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 I FRA (Forward Rate Agreement) Sono contratti con i quali due parti si mettono d accordo sul tasso di interesse da applicare ad un certo

Dettagli

Parleremo delle opportunità di trading con gli IDEM stock futures.

Parleremo delle opportunità di trading con gli IDEM stock futures. IDEMDJD]LQH 1XPHUR 1(:6 /8*/,2$//,16(*1$',PLQL),%(,'(0672& )8785(6 $JRVWR 0LQL),%: il 17 luglio il minifib ha segnato il nuovo record storico giornaliero con 15.080 contratti scambiati. Il precedente record

Dettagli

ESERCITAZIONE MATEMATICA FINANZIARIA OPZIONI. Matematica finanziaria Dott. Andrea Erdas Anno Accademico 2011/2012

ESERCITAZIONE MATEMATICA FINANZIARIA OPZIONI. Matematica finanziaria Dott. Andrea Erdas Anno Accademico 2011/2012 ESERCITAZIONE MATEMATICA FINANZIARIA 1 OPZIONI 2 LE OPZIONI Le opzioni sono contratti che forniscono al detentore il diritto di acquistare o vendere una certa quantità del bene sottostante a una certa

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Prof. Filippo Stefanini A.A. Corso 60012 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile Opzioni Le opzioni offrono agli investitori la possibilità di creare

Dettagli

www.trendintime.com ARCHIVIO PREVISIONI BORSA Archivio Analisi e Previsoni dal 15-01-2010 al 21-02-2011 Tutti i diritti riservati TT 2010

www.trendintime.com ARCHIVIO PREVISIONI BORSA Archivio Analisi e Previsoni dal 15-01-2010 al 21-02-2011 Tutti i diritti riservati TT 2010 SUPERmAT Analisi di borsa settimanale (DA PAG. 2 A PAG. 92) L'analisi di borsa settimanale presentata dal nostro Trading System SUPERmAT è proiettata nel breve periodo. All'interno di quest'orizzonte temporale,

Dettagli

Fronteggiamento dei rischi della gestione

Fronteggiamento dei rischi della gestione Fronteggiamento dei rischi della gestione Prevenzione (rischi specifici) Impedire che un determinato evento si manifesti o limitare le conseguenze negative Assicurazione (rischi specifici) Trasferimento

Dettagli

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 GLI STRUMENTI DERIVATI Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Gli strumenti derivati Sono strumenti finanziari la cui esistenza e valutazione dipendono dal valore di un'altra attività chiamata sottostante che può

Dettagli

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare danilo.mascia@gmail.com 1 Gli strumenti finanziari derivati 2 Gli strumenti

Dettagli

Il bisogno di gestione dei rischi finanziari. Futures Swaps Opzioni

Il bisogno di gestione dei rischi finanziari. Futures Swaps Opzioni Il bisogno di gestione dei rischi finanziari Futures Swaps Opzioni 1 Famiglie (retail) Imprese (corporate) BISOGNI Gestione liquidità Investimento del risparmio PRODOTTI c/c di corrispondenza (bancario

Dettagli

Indicatori per il trading: dati e indici di Borsa

Indicatori per il trading: dati e indici di Borsa Indicatori per il trading: dati e indici di Borsa Borsa Italiana Spa 7 maggio 2004 Milano 2 Sommario L effetto degli stacchi di dividendo e delle operazioni sul capitale sugli indici azionari 2 Dai numeri

Dettagli

- il grafico di payout alla scadenza e alla data odierna per acquisto/vendita di opzioni call e put;

- il grafico di payout alla scadenza e alla data odierna per acquisto/vendita di opzioni call e put; GUIDA OPTION PRICER SOMMARIO Che cos è 3 Dati e orari di disponibilità 3 Modalità di accesso al tool 4 Sezione Pricer 5 Cronologia utilizzo sezione Pricer 8 Sezione Strategia 9 Cronologia utilizzo sezione

Dettagli

La «Tobin Tax» e i certificates. Se, quando, come e quanto si paga l imposta sulle transazioni finanziarie (Tobin Tax) in relazione ai certificates

La «Tobin Tax» e i certificates. Se, quando, come e quanto si paga l imposta sulle transazioni finanziarie (Tobin Tax) in relazione ai certificates La «Tobin Tax» e i certificates Se, quando, come e quanto si paga l imposta sulle transazioni finanziarie (Tobin Tax) in relazione ai certificates maggio 2013 COS E LA TOBIN TAX? E un imposta sul «trasferimento

Dettagli

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014 I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS Federica Miglietta Bari, luglio 2014 GLI STRUMENTI DERIVATI Gli strumenti derivati sono così denominati perché il loro valore deriva dal prezzo di una attività sottostante,

Dettagli

Il modello di Black-Scholes- Merton. Giampaolo Gabbi

Il modello di Black-Scholes- Merton. Giampaolo Gabbi Il modello di Black-Scholes- Merton Giampaolo Gabbi Premessa Fra le equazioni utilizzate in finanza ne esiste una estremamente semplice. Il contributo di Black e Scholes allo sviluppo della teoria e della

Dettagli

SeDeX. Covered Warrant e Leverage Certificate

SeDeX. Covered Warrant e Leverage Certificate SeDeX Covered Warrant e Leverage Certificate Prodotti con effetto leva per accrescere il potenziale del proprio portafoglio. SeDeX Introduzione Questi prodotti amplificano al rialzo e al ribasso le performance

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 SERVIZIO SULLE OPZIONI SU AZIONI (ISOALPHA) 1. INTRODUZIONE Con la piattaforma T3 di Webank possono essere negoziate le Opzioni su Azioni (Isoalpha), contratti di opzione

Dettagli

QuantOptions: la scienza del trading in opzioni

QuantOptions: la scienza del trading in opzioni QuantOptions: la scienza del trading in opzioni Il PerCorso da zero fino alle strategie sistematiche con Backtesterlab.it Oltre 50 ore di didattica, esercitazioni e backtesting di strategie sistematiche.

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

Introduzione alle opzioni

Introduzione alle opzioni Introduzione alle opzioni Tipi di Opzioni La call è un opzione di acquisto La put è un opzione di vendita Le opzioni europee possono essere esercitate solo alla scadenza Le opzioni americane possono essere

Dettagli

FINANZA AZIENDALE AVANZATO. Le opzioni e l option theory. Lezioni 14 e 15

FINANZA AZIENDALE AVANZATO. Le opzioni e l option theory. Lezioni 14 e 15 FINANZA AZIENDALE AVANZATO Le opzioni e l option theory Lezioni 14 e 15 I derivati asimmetrici ono contratti/prodotti che fissano le condizioni a cui POTRA aver luogo la compravendita futura dell attività

Dettagli

Il bisogno di gestione dei rischi finanziari

Il bisogno di gestione dei rischi finanziari Il bisogno di gestione dei rischi finanziari Futures Swaps Opzioni 1 Famiglie (retail) Imprese (corporate) BISOGNI PRODOTTI Gestione liquidità c/c di corrispondenza (bancario o postale) e strumenti di

Dettagli

Il modello binomiale ad un periodo

Il modello binomiale ad un periodo Opzioni Un opzione dà al suo possessore il diritto (ma non l obbligo) di fare qualcosa. Un opzione call (put) europea su un azione che non paga dividendi dà al possessore il diritto di comprare (vendere)

Dettagli

Futures e Opzioni: un Portafoglio Non Direzionale

Futures e Opzioni: un Portafoglio Non Direzionale Corso di Laurea magistrale (ordinamento ex D.M. 270/2004) in Economia e Finanza Tesi di Laurea Futures e Opzioni: un Portafoglio Non Direzionale Relatore Ch. Prof.ssa Diana Barro Laureando Daniel Miatello

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DEGLI ABN AMRO BANK N.V. PROTECTION BULL CERTIFICATES SU INDICI,

CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DEGLI ABN AMRO BANK N.V. PROTECTION BULL CERTIFICATES SU INDICI, CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta degli ABN AMRO BANK N.V. PROTECTION BULL CERTIFICATES SU INDICI, AZIONI, COMMODITIES, FONDI E BASKET. ( PROTECTION BULL CERTIFICATE, al singolare, e PROTECTION

Dettagli

La modalità di determinazione dei Margini Iniziali

La modalità di determinazione dei Margini Iniziali La modalità di determinazione dei Margini Iniziali Ufficio RM Versione 1.0 Sommario Premessa... 3 1. Tipologie di Margini Iniziali... 3 2. Il Calcolo dei Margini Iniziali Ordinari... 4 3. La Determinazione

Dettagli

CATALOGO PRODOTTI. Per speculare sui movimenti di mercato di brevissimo periodo. Per proteggere il tuo investimento.

CATALOGO PRODOTTI. Per speculare sui movimenti di mercato di brevissimo periodo. Per proteggere il tuo investimento. Trading Per speculare sui movimenti di mercato di brevissimo periodo. COVERED WARRANT CALL: Voglio puntare sui movimenti al rialzo dell attività finanziaria sottostante. COVERED WARRANT PUT: Voglio puntare

Dettagli

FIB Futures sull'indice FTSE MIB

FIB Futures sull'indice FTSE MIB IDEM I Prodotti FIB Futures sull'indice FTSE MIB Indice sottostante FTSE MIB Orario di Asta di apertura: 8.30 9.00 (9.00.00 9.00.59) Negoziazione continua: 9.00 17.40 Quotazione Valore di un punto indice

Dettagli

studi e analisi finanziarie Put ladder

studi e analisi finanziarie Put ladder Put ladder ( guadagniamo con i forti ribassi di mercato ) In questo articolo ci accingiamo ad esporre l analisi di un Put ladder, affronteremo prima la parte teorica poi, in successivo articolo, esporremo

Dettagli

10 ESEMPIO DI VALUTAZIONE IN BILANCIO DI UN OPZIONE

10 ESEMPIO DI VALUTAZIONE IN BILANCIO DI UN OPZIONE SOMMARIO 1 INTRODUZIONE ALLE OPZIONI 1.1 Teoria delle opzioni 1.2 Specifiche contrattuali delle opzioni su azioni 2 FORMALIZZAZIONI 3 PROPRIETA FONDAMENTALI DELLE OPZIONI SU AZIONI 3.1 Put-Call Parity

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Alcuni strumenti finanziari particolari Alcuni strumenti proposti nel panorama internazionale Gli strumenti ai quali faremo riferimento sono: i financial

Dettagli

I CONTRATTI DI OPZIONE

I CONTRATTI DI OPZIONE I CONTRATTI DI OPZIONE INDICE Capitolo 1 - Definizione e terminologia...2 Capitolo 2 - Funzionamento e payout...4 Capitolo 3 - Elementi di valutazione delle opzioni...8 Capitolo 4 A cosa servono le opzioni?...15

Dettagli

Alcune tipologie di strumenti derivati. 1. Il future su Ftse Mib 1/6

Alcune tipologie di strumenti derivati. 1. Il future su Ftse Mib 1/6 focus modulo 3 lezione 45 Il mercato dei capitali e la Borsa valori Gli strumenti derivati: caratteristiche generali Alcune tipologie di strumenti derivati 1. Il future su Ftse Mib A seconda dello strumento

Dettagli

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (Testo Unico della Finanza) Il valore dello strumento deriva (dipende)

Dettagli

QuantOptions: la scienza del trading in opzioni

QuantOptions: la scienza del trading in opzioni QuantOptions: la scienza del trading in opzioni Il PerCorso da zero fino alle strategie sistematiche con Backtesterlab.it Oltre 50 ore di didattica, esercitazioni e backtesting di strategie sistematiche.

Dettagli

Strumenti e metodologie per investire consapevolmente nel mercato dei certificati

Strumenti e metodologie per investire consapevolmente nel mercato dei certificati Strumenti e metodologie per investire consapevolmente nel mercato dei certificati Agenda Parte Prima L evoluzione del mercato primario e secondario dei certificati di investimento negli ultimi anni La

Dettagli

MODELLO DI BLACK SCHOLES

MODELLO DI BLACK SCHOLES MODELLO DI BLACK SCHOLES 1 Greche della Put Dalla put-call parity: C P = S Ke P = SN(d 1 ) Ke N(d ) S + Ke P = Ke (1 N(d )) S(1 N(d 1 )) quindi la FORMULA DI BLACK SCHOLES PER LA PUT è P = Ke N( d ) SN(

Dettagli

Economia dei mercati mobiliari

Economia dei mercati mobiliari pag. 1 1 Cos'è un currency future? A) È un contratto che rappresenta l'impegno alla cessione o all'acquisto a termine di una quantità di valuta B) È un contratto in cui una parte acquisisce la facoltà

Dettagli

Elementi di teoria delle opzioni e dei contratti derivati

Elementi di teoria delle opzioni e dei contratti derivati Elementi di teoria delle opzioni e dei contratti derivati Claudio Pacati Università degli Studi di Siena Dipartimento di Economia Politica Dispensa del corso di Matematica Finanziaria, a.a. 2000 01 Le

Dettagli

LE NEWS DEL MESE IN QUESTO NUMERO

LE NEWS DEL MESE IN QUESTO NUMERO SETTEMBRE 2007 NUMERO 57 LE NEWS DEL MESE IN QUESTO NUMERO Le news del mese 1 Il calendario 1 Prima pagina 3 L inserto MIP 6 Indicatori Opzioni 9 Indice e Volatilità 10 Statistiche del mese 10 Numero di

Dettagli

STRATEGIE DI TRADING CON LE OPZIONI. 8 maggio 2002

STRATEGIE DI TRADING CON LE OPZIONI. 8 maggio 2002 STRATEGIE DI TRADING CON LE OPZIONI 8 maggio 2002 LE STRATEGIE... Strategie di trading utilizzando: un opzione e l azione sottostante due o più opzioni sulla stessa azione Nelle tabelle che seguono verranno

Dettagli

987-88-386-6495-3 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 3e McGraw-Hill, 2011 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

987-88-386-6495-3 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 3e McGraw-Hill, 2011 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 987-88-386-6495-3 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 3e McGraw-Hill, 211 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato è uno strumento finanziario il cui rendimento

Dettagli

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Gli Strumenti Finanziari secondo i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Relatore: Dott. Stefano Grumolato Verona, aprile 2008 Overview dell intervento Strumenti finanziari e tecniche di valutazione

Dettagli

Opzioni. Futures, forwards e opzioni

Opzioni. Futures, forwards e opzioni Opzioni Le calls sono opzioni Le puts sono opzioni per acquistare per vendere una certa attività a* una certa attività a* (o entro**) una certa data (o entro**) una certa data ad un certo prezzo ad un

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DEGLI ABN AMRO BANK N.V. BONUS CERTIFICATES SU INDICI, AZIONI, COMMODITIES E FONDI

CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DEGLI ABN AMRO BANK N.V. BONUS CERTIFICATES SU INDICI, AZIONI, COMMODITIES E FONDI CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta degli ABN AMRO BANK N.V. BONUS CERTIFICATES SU INDICI, AZIONI, COMMODITIES E FONDI ( Bonus Certificate, al singolare, e Bonus Certificates, al plurale). Condizioni

Dettagli

Manuale dei Covered Warrant UNRELENTING THINKING LA FORZA DELLE IDEE

Manuale dei Covered Warrant UNRELENTING THINKING LA FORZA DELLE IDEE Manuale dei Covered Warrant UNRELENTING THINKING LA FORZA DELLE IDEE Manuale dei Covered Warrant UNRELENTING THINKING LA FORZA DELLE IDEE Sommario I Goldman Sachs 4 II Introduzione 6 Che cosa sono i covered

Dettagli

I PRODOTTI DERIVATI. Lucidi a cura di Marco Di Antonio

I PRODOTTI DERIVATI. Lucidi a cura di Marco Di Antonio I PRODOTTI DERIVATI Lucidi a cura di Marco Di Antonio CARATTERISTICHE GENERALI Rappresentano obblighi contrattuali che possono o meno tradursi in prestazioni effettive, in relazione al verificarsi di determinati

Dettagli

INDICE PREFAZIONE 3 1. COSA SONO I COVERED WARRANT? 4 2. GLI ELEMENTI STANDARD DEL CONTRATTO 4 4. VALUTAZIONE DI UN COVERED WARRANT 6

INDICE PREFAZIONE 3 1. COSA SONO I COVERED WARRANT? 4 2. GLI ELEMENTI STANDARD DEL CONTRATTO 4 4. VALUTAZIONE DI UN COVERED WARRANT 6 GUIDA ALLA NEGOZIAZIONE INDICE PREFAZIONE 3 1. COSA SONO I COVERED WARRANT? 4 2. GLI ELEMENTI STANDARD DEL CONTRATTO 4 3. EFFETTO LEVA 6 4. VALUTAZIONE DI UN COVERED WARRANT 6 5. I FATTORI CHE INFLUENZANO

Dettagli

Black-Scholes: le Greche

Black-Scholes: le Greche Black-Scholes: le Greche R. Marfé Indice 1 Delta 2 2 Gamma 4 3 Theta 6 4 Vega 7 5 Rho 8 6 Applicazione in VBA 9 1 1 Delta Il delta di un opzione (o di un portafoglio di opzioni) indica la sensibilità del

Dettagli

ELLA DVICE RADING. Palermo, 7 maggio 2005. Swing Trading: Segnali Titoli Italia Multiday A cura di: Romano De Bortoli UFFICIO ANALISI TECNICA

ELLA DVICE RADING. Palermo, 7 maggio 2005. Swing Trading: Segnali Titoli Italia Multiday A cura di: Romano De Bortoli UFFICIO ANALISI TECNICA ELLA DVICE RADING Palermo, 7 maggio 2005 Swing Trading: Segnali Titoli Italia Multiday A cura di: Romano De Bortoli Swing Trading I Segnali Titoli Italia Multiday (Swing Trading) è un prodotto nato con

Dettagli

ELLA DVICE RADING. Rho, 20 novembre 2004. Swing Trading: Segnali Titoli Italia A cura di: Romano De Bortoli. Segnali Titoli Italia Multiday

ELLA DVICE RADING. Rho, 20 novembre 2004. Swing Trading: Segnali Titoli Italia A cura di: Romano De Bortoli. Segnali Titoli Italia Multiday ELLA DVICE RADING Rho, 20 novembre 2004 Swing Trading: Segnali Titoli Italia A cura di: Romano De Bortoli Segnali Titoli Italia Multiday Swing Trading I Segnali Titoli Italia Multiday (Swing Trading) è

Dettagli

Analisi delle strutture dei Certificati IL PUNTO TECNICO. di Stefano Cenna [Certificate Journal]

Analisi delle strutture dei Certificati IL PUNTO TECNICO. di Stefano Cenna [Certificate Journal] Analisi delle strutture dei Certificati IL PUNTO TECNICO di Stefano Cenna [Certificate Journal] Analisi delle strutture dei Certificati IL PUNTO TECNICO Introduzione; Idem vs Sedex; Breve introduzione

Dettagli

ELLA DVICE RADING. Rho, 20 novembre 2004. DALL ANALISI TECNICA AL TRADING: Il trading infraday. A cura di: Giuliano Sarricchio UFFICIO ANALISI TECNICA

ELLA DVICE RADING. Rho, 20 novembre 2004. DALL ANALISI TECNICA AL TRADING: Il trading infraday. A cura di: Giuliano Sarricchio UFFICIO ANALISI TECNICA ELLA DVICE RADING Rho, 20 novembre 2004 DALL ANALISI TECNICA AL TRADING: Il trading infraday A cura di: Giuliano Sarricchio UFFICIO ANALISI TECNICA Esempio di pagina Sella Advice Trading - posizioni lunghe

Dettagli

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista.

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. STEFANIA TANSINI INTESA SANPAOLO DIVISIONE CORPORATE E INVESTMENT BANKING UFFICIO SPECIAL

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 26 Le opzioni sui tassi di interesse

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 26 Le opzioni sui tassi di interesse DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 26 Le opzioni sui tassi di interesse Giugno 2003 LE OPZIONI SUI TASSI DI INTERESSE Documento Aristeia n. 26 LE OPZIONI SUI TASSI DI INTERESSE SOMMARIO: 1. Introduzione 2.

Dettagli

20160414v01. Manuale Derivati 1

20160414v01. Manuale Derivati 1 Manuale Derivati 1 Manuale Derivati 2 Indice 1. Introduzione... 3 2. Attivazione servizio... 3 3. Borse... 3 4. Rischi dell operatività in opzioni e futures... 3 4.1 Conoscere è importante...3 4.2 Rischi

Dettagli

Economia e tecnica del mercato mobiliare

Economia e tecnica del mercato mobiliare Danilo Mascia, PhD Student Università ità degli Studi di Cagliari i Anno Accademico 2013-2014 Economia e tecnica del mercato mobiliare danilo.mascia@gmail.com 1 Opzioni sui tassi d interesse Interest rate

Dettagli

Introduzione all Operatività con le Opzioni

Introduzione all Operatività con le Opzioni Introduzione all Operatività con le Opzioni a cura di Antonio Dorati Congratulazioni! Stai per fare il primo passo verso la conoscenza di uno strumento di trading straordinario le Opzioni. In questo ebook

Dettagli

Financial Trend Analysis

Financial Trend Analysis Financial Trend Analysis Analisi relativa a S&P 500 INDEX Elaborata il giorno 22/02/2013 L'autorizzazione all'accesso alle presenti informazioni è strettamente riservata ad uso personale con il tassativo

Dettagli

WHS opzioni FX. La guida per iniziare con le opzioni FX. Predire il trend dei mercati valutari e coprire le posizioni con le opzioni FX.

WHS opzioni FX. La guida per iniziare con le opzioni FX. Predire il trend dei mercati valutari e coprire le posizioni con le opzioni FX. La guida per iniziare con le opzioni FX WHS opzioni FX Predire il trend dei mercati valutari e coprire le posizioni con le opzioni FX. Affina il tuo stile di trading e la visione dei mercati. Impara ad

Dettagli

Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC

Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC Strumenti OTC per la gestione del rischio di tasso e di cambio Copyright SDA Bocconi 2007 Prof. Michele Rutigliano 1 Strumenti

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA ECONOMIA E FINANZA IL TRADING DI STRUMENTI DERIVATI. RELAZIONE DI STAGE PRESSO LA T4T. RELATORE: CH.MO PROF.

Dettagli

FTSE MIB Stocks Last Trading Day Daily Pivots

FTSE MIB Stocks Last Trading Day Daily Pivots FTSE MIB Stocks Last Trading Day Daily Pivots Ticker Name Date Open High Low Close Volume Res1 Sup1 Res2 Sup2 Res3 Sup3 A2.MI A2A 23/03/12 0.653 0.670 0.635 0.642 24038668 0.660 0.625 0.682 0.613 0.716

Dettagli

Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA

Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA anno accademico 2007/2008 modulo n. 1 Lezioni 6 Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA Teoria delle opzioni e struttura finanziaria LE OPTION Contratto a termine mediante

Dettagli

Strategie Operative mediante Opzioni

Strategie Operative mediante Opzioni Strategie Operative mediante Opzioni Una posizione su: l opzione e il sottostante è detta hedge 2 o più opzioni dello stesso tipo è detta spread una miscela di calls e puts è detta combinazione Posizioni

Dettagli

1.Compro Azioni. 2.Vendo Azioni

1.Compro Azioni. 2.Vendo Azioni 1.Compro Azioni Question #1: Cos' è una Azione (un titolo azionario)? A) E' un Titolo rappresentativo della quota di una società B) E' una ricevuta per investire C) E' una assicurazione Question #2: Perchè

Dettagli

agl Autogrill ribassista 9.96 8.74 8.264 short attuali 7.534 >9.96 atl Atlantia ribassista 14.22 14.34 12.27 11.65 short 14.3 11.65 > 14.

agl Autogrill ribassista 9.96 8.74 8.264 short attuali 7.534 >9.96 atl Atlantia ribassista 14.22 14.34 12.27 11.65 short 14.3 11.65 > 14. 5.03.2013 13.27 Azioni Ita - Ftsemib Ticker Sottostante Tendenza Res 1 Res 2 Supp 1 Supp 2 Segn. Oper. P. d'entrata Take profit Stop loss a2a A2a ribassista 0.4393 0.4630-0.4740 0.3933 0.3885 short 0.3933-0.3885

Dettagli

Corso di Analisi dei Sistemi Finanziari 2 Prof. Nathan Levialdi. Derivati. Derivati. sciangula@ing.uniroma2.it

Corso di Analisi dei Sistemi Finanziari 2 Prof. Nathan Levialdi. Derivati. Derivati. sciangula@ing.uniroma2.it Dipaimento di Ingegneria dell Impresa Corso di Analisi dei Sistemi Finanziari 2 Prof. Nathan Levialdi A cura di: Ing. Fiorella Sciangula sciangula@ing.uniroma2.it 1 Opzioni: variabili Prezzo Spot, o valore

Dettagli

Alcune riflessioni riguardo alla media mobile Valutare le opzioni con la formula di Black & Scholes? Sì, no, forse

Alcune riflessioni riguardo alla media mobile Valutare le opzioni con la formula di Black & Scholes? Sì, no, forse newsletter mensile IN QUESTO NUMERO Copertina Prima pagina Le strategie Institutional Investors Analisi Tecnica Corporate Derivatives Statistiche del mese Contatti PRIMO PIANO Report Future S&P/MIB News,

Dettagli

Parte III PRIMARIE DERIVATE SINTETICHE. Classificazione delle attività finanziarie. Gli strumenti finanziari derivati

Parte III PRIMARIE DERIVATE SINTETICHE. Classificazione delle attività finanziarie. Gli strumenti finanziari derivati Parte III Gli strumenti finanziari derivati Classificazione delle attività finanziarie PRIMARIE DERIVATE SINTETICHE Definizioni di derivato CONTRATTO CHE PREVEDE PRESTAZIONI LEGATE ALL ANDAMENTO DI UN

Dettagli

OptionCube Educational

OptionCube Educational OptionCube Educational Derivatives & Consulting Srl Via Martiri della Libertà 244 30174 Mestre (VE) Sommario Sommario... 2 La descrizione di OptionCube... 3 OptionCube Educational... 3 OptionCube Educational

Dettagli

I covered warrant. Uno strumento per investire in opzioni. Ottobre 2008. Commissione Nazionale per le Società e la Borsa - Divisione Relazioni Esterne

I covered warrant. Uno strumento per investire in opzioni. Ottobre 2008. Commissione Nazionale per le Società e la Borsa - Divisione Relazioni Esterne I covered warrant Uno strumento per investire in opzioni Ottobre 2008 Commissione Nazionale per le Società e la Borsa - Divisione Relazioni Esterne INDICE Cos è un covered warrant................................

Dettagli

Obiettivo Trading. Covered warrant, Turbo e Short UniCredit

Obiettivo Trading. Covered warrant, Turbo e Short UniCredit TURBO E SHORT COVERED WARRANT I.P. 03.2006 Obiettivo Trading Covered warrant, Turbo e Short UniCredit vitamina torino TRADINGLAB Numero Verde: 800.01.11.22 Fax: +39.02.700.508.389 E-mail: info@tradinglab.it

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli