COMUNE DI BUSETO PALIZZOLO Provincia di Trapani Ufficio Tecnico

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI BUSETO PALIZZOLO Provincia di Trapani Ufficio Tecnico"

Transcript

1 COMUNE DI BUSETO PALIZZOLO Provincia di Trapani Ufficio Tecnico Oggetto: Adeguamento Oneri di Urbanizzazione primaria e secondaria ai sensi degli artt. 3 e 5 della L.N , n.10 e L.R n. 71. Determinazione dell adeguamento ai sensi dell art.34 della L.R. n.37 del modificato dall art.14 della L.R. n.19 del , art. 24 della L.R , n.25, così come sostituito dall art.17, comma 12 della L.R , n.4.- ANNO 2015 R E L A Z I O N E L Amministrazione Comunale, tramite il suo Legale Rappresentante, ha dato incarico al sottoscritto, geom. Nicola De Marco, Responsabile dei Servizi Tecnici di procedere alla determinazione dell adeguamento degli oneri di urbanizzazione di cui in oggetto, tenendo in considerazione i costi unitari delle varie attrezzature, servizi ed opere pubbliche di recente realizzazione al fine di poter meglio valutare l odierna incidenza delle urbanizzazioni. Lo scrivente, ha preso atto di tale incarico, nonché di quanto previsto dalla legge 28 febbraio 1997, n.10, che, fra l altro, dispone che ogni attività comportante trasformazione urbanistica ed edilizia del territorio partecipa agli oneri ad essa relativi e la esecuzione di opere è subordinata a concessione da parte del Sindaco (ora da parte del Responsabile dei Servizi Tecnici) e che tale concessione comporta la corresponsione di un contributo commisurato all incidenza delle opere di urbanizzazione, nonché al costo di costruzione. -Considerato che la L.R. 16/04/2003, n. 4 all'art. 17 comma 12, impone ai Comuni di adeguare gli oneri concessori di cui agli artt. 3 e 5 della Legge 28/01/1977, n. 10, ogni anno; -Che con Circolare n. 4 del 28/10/2003 pubblicata nella GURS del 05/12/2003, sono state impartite direttive ai fini dell'adeguamento dei suddetti oneri e fra l'altro, è stato chiarito che il mancato adempimento costituisce danno erariale; -Che per gli anni passati e fino all'anno 2003 l'adeguamento predetto è stato effettuato aggiornando i costi iniziali in base a decreti della Regione Siciliana, mentre con la L. R. 16/04/2003, n. 4, l' adeguamento deve essere determinato in base ai costi reali da parte dei Comuni, in conformità alle tabelle parametriche approvate con D.A. del 31/05/1977, dall'assessorato Regionale per lo sviluppo economico; -Visto il D.A. del 31/05/1977 con cui sono state approvate le tabelle parametriche per la determinazione degli oneri di urbanizzazione (art. 5 Legge 28/01/1977, n. 10); -Vista la L.R. 71/78 ed il Decreto dell'assessorato del Territorio e dell'ambiente del 0/03/1980 con il quale sono state approvate le tabelle parametriche per gli insediamenti artigianali; Il sottoscritto, ha preso atto, altresì, di quanto previsto;

2 -Vista la relazione dell'ufficio Tecnico Comunale avente per oggetto "Calcolo importo oneri di urbanizzazione primaria e secondaria ai fini degli artt. 3 e 5 della L. R. 28/01/1977 n. 10 e, L. R. 71/78 Anno 2015 " secondo la tabella parametrica di cui al decreto dell' Assessorato Regionale per lo sviluppo economico n. 90 del 31/05/1977; -Visto il calcolo degli oneri concessori per gli insediamenti artigianali redatto dall'ufficio Tecnico Comunale ai sensi dell'art. 45 della L.R. 27/12/1978, n. 71 e tabelle parametriche approvato con Decreto Assessoriale del Territorio del 10/03/1980; - OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIE: a) Rete stradale, parcheggi e verde attrezzato 2,33% b) Rete idrica 2,83% c) Rete fognaria 3,03% d) Rete elettrica 3,99% e) Rete pubblica illuminazione 4,65% - OPERE DI URBANIZZAZIONE SECONDARIA 3,79% Alla luce delle normativa citata e delle tabelle parametriche di cui al D.A. del , nonché delle vigenti leggi in materia, si riportano qui di seguito le nuove tariffe calcolate in base all allegato schema, secondo i costi correnti delle opere e manufatti relativi all urbanizzazione primaria e secondaria al 2013, scaturiti da accurate indagini tecniche con l applicazione dei prezzi del Nuovo Prezzario OO.PP. di cui al D.P.R.S. 17/02/2013 pubblicato sulla GURS n. 13 del 15/03/2013. DETERMINAZIONE DEI COSTI UNITARI DELLE ATTREZZATURE E DEI SERVIZI ELENCO COSTI UNITARI DELLE ATTEZZATURE E SERVIZI - Attrezzature scolastiche 355,98 - Attrezzature di interesse comunale. 124,45 - Impianti sportivi. 31,93. 38,63 - Verde di quartiere 24,29. 29,38 - Rete stradale e parcheggi 63,96. 77,39 - Fognatura 61,92. 74,92 - Rete idrica a contatore 373, ,41 - Rete elettrica 23,16. 28,02 - Pubblica Illuminazione. 701, ,38 ELENCO COSTI UNITARI DELLE ATTEZZATURE E SERVIZI AGGIORNATI DESCRIZIONE COSTO UNITARIO AGGIORNATO - Attrezzature scolastiche 355,98+( 355,98x3,75%)=. 369,33 - Attrezzature di interesse Comunale. 124,45+(124,45x3,75%) =. 129,12 - Impianti sportivi. 38,63+(38,63x 2,30%) =. 39,52 - Verde di quartiere. 29,38+(29,38x2,30%) =. 30,06 - Rete stradale e parcheggi. 77,39+(77,39x2,30) =. 79,86 - Fognatura. 74,92 (74,92x3,00)=. 77,17

3 - Rete idrica. 431,41+(431,41x2,80%)=. 443,49 - Rete elettrica. 28,02+(28,02x3,95%)=. 29,13 - Pubblica illuminazione. 817,38+(817,38x4,60%)=. 854,98 Rilevato che il Comune di Buseto Palizzolo è compreso fra i Comuni montani con popolazione al 1975 da a abitanti e con incremento demografico, il valore dell incidenza globale delle opere di urbanizzazione per ogni abitante da insediare e per mc. 100 di costruzione (vedi tabella parametrica approvata con D.A. n.90/1977 è il seguente: Descrizione Costo Totale unitario Coefficiente aggiornato - Attrezzature scolastiche. 369,33/mc. x 4,43 mc ,13 - Attrezzature di interesse comunale. 129,12/mc. x 1,75 mc.. 225,96 - Impianti sportivi. 39,52/mc. x 3,00 mq.. 118,56 - Verde di quartiere. 30,06/mq. x 2,00 mq.. 60,12 - Rete stradale e parcheggi. 79,86/mq. x 9,00 mq.. 718,74 - Fognatura. 77,17/mq. x 0,80 mq.. 61,67 - Rete idrica. 443,49n. x 0,25 n.. 110,87 - Rete elettrica. 29,13Kw. x 1,00 Kw.. 29,13 - Pubblica illuminazione. 854,98n. x 0,052 n.. 44,46 Sommano ,64 In arrotondamento ,00 Il costo degli oneri di urbanizzazione per ogni m.c. viene così calcolato: ,00: 100 mc/ab. =. 30,06 CALCOLO DEL COSTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE A CARICO DEI PRIVATI 1) INSEDIAMENTI A CARATTERE RESIDENZIALE ZONE OMOGENEE A,B Ai sensi dell art.41 della L.R. n.71/78, così come sostituito dall art.13 della L.R. n.70/1981, il costo di detti oneri viene determinato al 22,5% (nella precedente deliberazione era il 25%). Pertanto l incidenza degli oneri in questione, si ottiene come segue:

4 ./mc. 30,06 x 22,5% =. / mc. 6,76 ZONE OMOGENEE C1 e C2 In queste zone omogenee il costo degli oneri di urbanizzazione ha una incidenza superiore alle zone omogenee A e B e pertanto il parametro riduttivo degli oneri già ottenuti viene così determinato al 26% (nella precedente deliberazione era il 30%). Pertanto l incidenza degli oneri in questione si ottiene come segue:./mc. 30,06 x 26% =./mc. 7,82 RIDUZIONI Per le zone A, B, C.1 e C.2 nei casi di risanamento e restauro conservativo, di demolizione e ricostruzione, ampliamento e sopraelevazione degli edifici esistenti l incidenza del costo determinato è ridotto del 50%. Pertanto, si ha: ZONA A e B:./mc.6,76 x 50% = /mc. 3,38 ZONA C1 e C.2: /mc. 7,82 x 50% =./mc. 3,91 2) INSEDIAMENTI RESIDENZIALI A CARATTERE STAGIONALE, TURISTICI RICETTIVI ZONE OMOGENEE C.3 T (Art.13 lett. f. e h. L.R n.70) In queste zone territoriali omogenee si intendono classificare le abitazioni di villeggiatura, aventi caratteristiche stagionali, ricadenti all interno della zona C.3 e gli insediamenti turistici e ricettive all interno della zona T. La determinazione degli oneri concessori di urbanizzazione, ai sensi dell art.13 lett. f. e h. della L.R. n.70/81 si sviluppa dai coefficienti previsti dalla medesima legge, di pari entità, per le suddette zone, il 35%. L incidenza degli oneri di urbanizzazione viene così calcolata./mc. 30,06 x 35% =./mc. 10,52 in arr. 11,00

5 3) INSEDIAMENTI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA, AGEVOLATA, CONVENZIONATA O SOVVENZIONATA C.4 e C.5 In queste zone territoriali omogenee si intendono classificare gli insediamenti di edilizia pubblica economica e popolare ed è consentita esclusivamente la destinazione d uso residenziale. Eventuali interventi effettuati dall I.AC.P. possono realizzarsi limitatamente alle zone C.5 La determinazione degli oneri concessori di urbanizzazione ai sensi dell art.13 della L.R. 70/81 si sviluppa in analogia alle zone territoriali omogenee C.1 C.2 per le quali è stata determinata l incidenza degli oneri di urbanizzazione in. 30,45, applicando il parametro riduttivo del 30%, si ha:./mc. 30,06 x 30% =./mc.9,02 in arr. 9,00 In dette zone, gli oneri previsti dall art.5 della legge , n.10 sono ridotti al 40% rispetto a quelli determinati dai Comuni sulla base delle tabelle parametriche approvate con D.A ed in conformità a quanto disposto dall art.14 L.R. n.70/ ) INSEDIAMENTI IN ZONE OMOGENEE E E - VERDE AGRICOLO La tabella parametrica per la determinazione degli oneri di urbanizzazione in zone omogenee E, fatti salvi i casi previsti dall art.9 della citata legge n.10/1977, stabilisce che l incidenza delle opere di urbanizzazione è limitata solo alle attrezzature scolastiche ed a quelle di interesse comune con un incidenza di area pari a mq. 6,00 per abitante da insediare e, quindi si ha: Descrizione Costo Unitario aggiornatox 6 mq./abitante Totale Attrezzature scolastiche.355,98+(100x3,79%) =. 359,77 x 6 mq. = ,00 Attrezzature di interesse comune. 124,45+(100x3,79%)=.128,24 x 6 mq. =. 769,44 Sommano , ,44 :100 mc./ab. =./mc. 29,27 Applicando l incidenza del 22,5% (art.13 L.R. n.70/81 lett.a), si ottiene./mc. 29,27 x 22,5% =./mc. 6,59 in arr. 7,00 (con la predente deliberazione l incidenza era del 25%) Tale aliquota di. 7,00 non si applica per le opere realizzate in funzione della conduzione del fondo e delle esigenze dell imprenditore agricolo, nel rispetto di quanto previsto dalla lettera a) dell art.9 della legge n.10/77.

6 Nel caso in specie il richiedente deve avere di requisiti di Imprenditore Agricolo a titolo principale, ai sensi dell art.12 della legge 9 maggio 1975, n ) INSEDIAMENTI COMMERCIALI E DIREZIONALI Questi insediamenti presenti in tutto il tessuto urbano, hanno caratteristiche similari agli edifici residenziali e ne evidenziano un carico urbanistico superiore, che determina un incremento degli oneri di urbanizzazione rispetto a quelli degli insediamenti residenziali. L art. 5 del D.M stabilisce che a 100 mq. di superficie lorda di pavimento di edifici commerciali o direzionali deve corrispondere la quantità minima di 80 mq. di spazio pubblico, escluse le sedi viarie, di cui almeno la metà destinata a parcheggi (in aggiunta a quelli di cui all art.18 della legge n.765/1967), tale quantità per le zone A e B è ridotta della metà purchè siano previste adeguate attrezzature integrative. Della circolare esplicativa del Decreto , concernente l approvazione delle tabelle parametriche per la determinazione degli oneri di urbanizzazione ai sensi dell art.5 della legge statale , n.10, si rileva che per detti insediamenti è previsto suddividere gli spazi pubblici a due usi diversi: il 50% a parcheggi ed il 50% a verde pubblico. Così la determinazione degli oneri di urbanizzazione viene calcolata su 100 mq. di superficie di pavimento lorda destinata a dette attività a cui corrispondono 80 mq. di spazio pubblico diviso a due usi diversi: il 50% a parcheggio ed il 50% a verde pubblico. Applicazione della tabella integrale ai sensi dell art.13 della legge , n.70. Descrizione Costo Unitario aggiornato x 100 mq. pavimento lordo Totale Parcheggio. 79,86+(100x2,33%) =.82,19 x 40 mq= ,60 Verde pubblico. 29,38+ (100x2,33%)=.31,71 x 40 mq. = ,40 Sommano , ,00 :100 mq. =./mq.45,56 in arr. 46,00 (superficie pavimento lorda) Rilevato che le caratteristiche tipologiche della zona C.1 sono molto simili a quelle della zona B Si determina per la zone A, B e C.1 la riduzione al 50%:./mq. 45,56 x 50% =./mq. 22,78 in arr. 23,00 (superficie pavimento lorda)

7 6) INSEDIAMENTI ARTIGIANALI Per gli insediamenti artigianali il calcolo degli oneri di urbanizzazione è definito dal D.A , n.67, (Tabelle 1 2 3) pubblicato sulla G.U.R.S. n.17 del Il precitato decreto stabilisce che la concessione relativa a costruzione o impianti destinati ad attività artigianale è subordinata alla corresponsione di un solo contributo, rapportato all incidenza delle opere di urbanizzazione primaria (viabilità, acquedotti, fognature, illuminazione pubblica) e secondaria (verde pubblico, parcheggi ed edifici per attività collettive). L incidenza di tali oneri viene calcolata prendendo come riferimento gli spazi pubblici relativi a lotti aventi una superficie di mq A) TABELLA N.1 RIGUARDANTE OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA Descrizione Costo unitario Quantità Totale aggiornato Rete stradale. 82,19 x 250 mq ,50 Fognatura. 77,10 x 45 ml ,50 Rete idrica. 443,49 x 45 ml ,05 Pubblica illuminazione.854,98 x 1,000mq.. 854,98 Sommano ,03 B) TABELLA N.2 RIGUARDANTE OPERE DI URBANIZZAZIONE SECONDARIA Descrizione Costo unitario Quantità Totale aggiornato Parcheggi. 82,19 x 40 mq ,60 Verde pubblico. 31,71 x 40 mq ,40 Attività collettiva 485,25 x 20mq ,00 Sommano ,00 L importo complessivo delle opere di urbanizzazione primaria e secondaria di cui alla tabella n.1 e n.2 corrisponde a complessive ,03 quindi l incidenza per ogni mq. è il seguente./mq ,03 : =./mq. 59,09 Rilevato che la tabella n.3 allegata al Decreto Assessoriale 67/80 prevede per i Comuni montani con popolazione inferiore a abitanti un coefficiente di riduzione pari a 0,60 moltiplicando tale coefficiente per l incidenza sopra riportata per ogni mq (. /mq. 59,09) si ottiene. 35,45.

8 La predetta somma di. 35,45 va ridotta al 24,70% ai sensi dell art.13 lettera I della L.R. n.70/81, e pertanto si ha:./mq. 35,45 x 24,70% =./mq. 8,76 in arr. 9,00 L aliquota calcolata si applica per la superficie coperta della costruzione o dell impianto proposto destinato ad attività artigianale nonché per l area di pertinenza e di servizio funzionalmente collegata alla medesima costruzione o impianto. Gli insediamenti artigianali all interno dei PIP (Piano di Insediamento Produttivo), ai sensi del precitato art.13 della L.R. n.70/81, sono esonerati dal pagamento degli oneri di urbanizzazione, con la sola eccezione dei lotti all interno dei PIP in cui le opere di urbanizzazione sono state realizzate a cura del Comune. Sono a totale carico del concessionario gli oneri relativi al trattamento dei rifiuti solidi, liquidi e gassosi, nonché le spese necessarie alla sistemazione dei luoghi ove risultassero alterate le caratteristiche. Sono, inoltre, a carico dello stesso concessionario le spese relative agli allacciamenti alla rete elettrica sia per usi civili che industriali (D.A. n.67/80- Art.2 comma 3 ). Per gli edifici ed insediamenti a carattere artigianale, disciplinati dall art.22 della L.R , n.71, trovano applicazione le tabelle anzidette, ad eccezione del caso in cui tutti gli oneri di urbanizzazione sono posti a carico degli operatori economici. 7) INSEDIAMENTI PRODUTTIVI COMMERCIALI IN ZONA D.3 In queste zone territoriali omogenee si intendono classificare le aree interessate dagli insediamenti produttivi presenti ed il loro ampliamento. La determinazione degli oneri concessori di urbanizzazione, ai sensi dell art.13 della L.R. n.70/81, si sviluppa in analogia a quanto previsto per gli insediamenti artigianali, per i quali è stata determinata l incidenza degli oneri di urbanizzazione, in. 35,45 applicando il parametro riduttivo del 24,70%, si ha:./mq. 35,45 x 24,70% =./mq. 8,76 in arr. 9,00 L aliquota calcolata si applica per la superficie coperta della costruzione o dell impianto proposto destinato ad attività artigianale, nonché per l area di pertinenza e di servizio funzionalmente collegata alla medesima costruzione o impianto.

9 8) INSEDIAMENTI INDUSTRIALI Si premette che per costruzioni od impianti industriali si intendono tutti quei complessi destinati alla lavorazione o trasformazione della materia prima, nonché alla costruzione o trasformazione o produzione di determinati beni materiali ed, in particolare: Stabilimenti per la produzione di prodotti chimici; Molini; Conservifici; Caseifici; Oleifici; Pastifici; Fonderie; Mobilifici; Segherie, etc; Cave e torbiere; Centrali elettriche; Fabbriche per la costruzione di macchine ed attrezzi vari; Per gli insediamenti industriali di cui sopra il calcolo degli oneri di urbanizzazione è definito dal D.A , n.67, (tabelle 4 5 e 6) pubblicato sulla G.U.R.S. n.17 del Il precitato Decreto, in generale, stabilisce che la concessione relativa a costruzione od impianti destinati ad attività industriali è subordinato alla corresponsione di un contributo, rapportato all incidenza delle opere di urbanizzazione primaria ( viabilità, acquedotti, fognature, illuminazione pubblica) e secondaria (verde pubblico, parcheggi ed edifici destinati per attività collettive). L incidenza di tali oneri viene calcolata prendendo come riferimento spazi pubblici relativi a lotti aventi una superficie di mq A) TABELLA N.1 RIGUARDANTE OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA Descrizione Costo unitario Quantità Totale aggiornato Rete stradale. 82,19 x 3000 mq ,00 Fognatura. 77,10 x 300 ml ,00 Rete idrica. 443,49 x 300 ml ,00 Pubblica illuminazione.854,98 x 10,00mq ,80 Sommano ,80

10 B) TABELLA N.2 RIGUARDANTE OPERE DI URBANIZZAZIONE SECONDARIA Descrizione Costo unitario Quantità Totale aggiornato Parcheggi. 82,19 x 500 mq ,00 Verde pubblico. 31,71 x 250 mq ,50 Attività collettiva. 485,25 x 250mq ,50 Sommano ,00 L importo complessivo delle opere di urbanizzazione primaria e secondaria di cui alla tabella n.1 e n.2 corrisponde a complessive ,00, quindi l incidenza per ogni mq. è la seguente:./mq ,80 : =./mq. 58,16 Dall allegata tabella del Decreto Assessoriale n.67/80 si rileva che nei Comuni montani con popolazione inferiore a /abitanti il coefficiente di riduzione è pari a 0,60; Moltiplicando tale coefficiente per la sopra riportata incidenza per ogni mq. (./mq. 58,16) si ottiene. 34,90. La predetta somma di. 34,90 ai sensi dell art.13 della L.R. n.70/81, va ridotta del 25% e, pertanto, l incidenza è la seguente:./mq. 34,90 x 25% =./mq in arr. 9,00 L aliquota sopra calcolata si applica per la superficie coperta della costruzione o dell impianto proposto destinato ad attività industriale, nonché per l area di pertinenza e/o di servizio funzionalmente collegata alla medesima costruzione o impianto. Sono a totale carico del concessionario gli oneri relativi al trattamento dei rifiuti solidi, liquidi e gassosi, nonché le spese necessarie alla sistemazione dei luoghi ove risultassero alterate le caratteristiche. Sono, inoltre, a carico dello stesso concessionario le spese relative agli allacciamenti alla rete elettrica sia per usi civili che industriali (D.A. n.67/80 art.3 comma 4 ). Per le attività industriali disciplinate dall art.22 della L.R , n.71 trovano applicazione le tabelle parametriche, ad eccezione del caso in cui tutti gli oneri di urbanizzazione sono posti a carico degli operatori economici.

11 TABELLA RIEPILOGATIVA DELLA DETERMINAZIONE DELL ADEGUAMENTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE IN APPLICAZIONE DELL ART.17 L.R N.4 ANNO 2015 TIPOLOGIA ZONA UNITA DI MISURA EURO NOTE Residenziale intensiva di completamento Residenziale di completamento esistente Residenziale di espansione Residenziale esistente: Risanamento, restauro, demolizione e ricostruzione, ampliamento e sopraelevazione A- B al mc. 6,76 C.1 C.2 al mc. 7,82 A-B al mc. 3,38 C.1 C.2 al mc. 3,91 Edilizia stagionale di espansione C.3 al mc. 11,00 Edilizia stagionale di espansione Edilizia sovvenzionata C.4 C.5 al mc. 9,00 Insediamenti turistici ricettivi (Alberghiera e ricettiva T al mc. 11,00 Insediamenti commerciali e direzionali Insediamenti artigianali D.2 al mq. (sup. pavimento lorda) B- C1 al mq. (sup. pavimento lorda) al mq. (sup. coperta e pertinenza) 46,00 23,00 9,00 Insediamenti produttivi - commerciali D.3 al mq. (sup. coperta e pertinenza) 9,00 Insediamenti industriali al mq. (sup. coperta e pertinenza) 9,00 Verde Agricolo E al mc. 7,00

12 NORME GENERALI RIDUZIONE ED ESENZIONI PREVISTI DALL ART.14 DELLA LEGGE , N.70. Il contributo di cui all art.6 della legge n.10 (costo di costruzione) non è dovuto da coloro i quali chiedono la concessione per fabbricati destinati a residenza stabile per uso proprio, quando questi ultimi hanno caratteristiche dell edilizia economia e popolare ed i richiedenti non risultino proprietari di altri immobili, nonché dalle cooperative edilizie a proprietà indivisa che abbiano i requisiti per accedere a finanziamenti previsti dalla legislazione nazionale e regionale in materia di edilizia agevolata e convenzionata, ivi comprese quelle che hanno già firmato le convezioni con il Comune, e da coloro che richiedono la concessione per alloggi aventi le caratteristiche di superficie di cui all ultimo comma dell art.16 della legge n.457 ; Nei suddetti casi, gli oneri previsti dall art.5 della legge , n.10 (oneri di urbanizzazione), sono ridotti al 40% rispetto a quelli determinati da comuni sulla base delle tabelle parametriche approvate con decreto dell Assessore regionale per lo sviluppo economico del 31 maggio 1977, ed in conformità di quanto disposto dall art.14 della L.R , n.70. Nessun concorso negli oneri di urbanizzazione è dovuto nei casi previsti dall ultimo comma dell art.27 della legge , n.457; In riferimento all atto di indirizzo del , allegato B alla delibera del Consiglio Comunale n 60/2014 che così recita: Al fine di favorire lo sviluppo economico e l attività edile del ns. Comune sia nel campo dell edilizia residenziale che nel campo delle attività produttive, si propone di ridurre gli oneri di urbanizzazione e il costo di costruzione del 30% o nei limiti minimi previstiper leggerispetto ai parametri ordinari nei seguenti casi: TIPOLOGIA: Residenziale intensiva e completamento- completamento esistente e residenziale di espansione- Risanamento, Restauro, demolizione e ricostruzione di edifici esistenti, ampliamenti e sopraelevazioni- Edilizia stagionale di espansione- Edilizia residenziale rurale- Edilizia pubblica agevolata ecc... RIDUZIONE del 30% costo di costruzione e oneri di urbanizzazione rispetto ai parametri ordinari ecc..per le concessioni edilizie richieste da soggetti di età inferiore a 40 anni (quaranta) munito di titolo di proprietà dell immobile o altro titolo che ne consenta la richiesta; TIPOLOGIA:Insediamenti turistici ricettivi Commerciali Insediamenti produttivi Artigianali Commerciali Industrial; RIDUZIONE del 30% costo di costruzione e oneri di urbanizzazione rispetto ai parametri ordinari ecc..per le concessioni edilizie richieste da imprenditori individuali di età inferiore a 40 anni (quaranta ecc...) munito di titolo di proprietà dell immobile o altro titolo che ne consenta la richiesta della concessione. Sono esenti dal pagamento degli oneri di urbanizzazione gli interventi edilizi descritti dall art.9 della legge n.10/77- lett. a, b, c, d, e, f, g. e quelli descritti dall art.6 del D.P.R , n.380 che possono essere eseguiti senza titolo abilitativo:

13 a) interventi di manutenzione ordinaria; b) - interventi volti all eliminazione di barriere architettoniche che non comportino la realizzazione di rampe di accesso o di ascensori esterni, ovvero di manufatti che alterino la sagoma dell edificio; c) opere temporanee per attività di ricerca nel sottosuolo che abbiano carattere geognostico o siano eseguiti in aree esterne al centro edificato. Sono altresì esonerati dal pagamento degli oneri concessori tutte le opere cimiteriali: cappelle, sarcofagi ecc. INSEDIAMENTI ARTIGIANALI - Gli insediamenti artigianali all interno dei PIP (Piano Insediamento Produttivo), ai sensi del precitato art.13 della L.R. n.70/81, sono esonerati dal pagamento degli oneri di urbanizzazione, con la sola eccezione dei lotti all interno dei PIP in cui le opere di urbanizzazione sono state realizzate a cura del Comune. - Per gli edifici ed impianti a carattere artigianale, disciplinati dall art.22 della legge regionale , n.71, non trovano applicazione le tabelle parametriche, per cui tutti gli oneri di urbanizzazione sono posti a carico degli operatori economici. INSEDIAMENTI INDUSTRIALI Gli insediamenti industriali all interno delle aree o dei nuclei industriali sono esonerati dal pagamento degli oneri di urbanizzazione ai sensi del precitato art.13 della L.R. n.70/81, con la sola eccezione dei lotti all interno dei PIP in cui le opere di urbanizzazione sono state realizzate a cura del Comune. Per le attività industriali disciplinate dall art.22 della L.R , n.71 non trovano applicazione le tabelle parametriche, in quanto le spese di urbanizzazione sono a carico degli operatori economici. IL CAMBIO DELLA DESTINAZIONE D USO Occorre evidenziare che in passato parlare di cambio di destinazione d uso appariva come un fatto indicativo di destinazione, con l entrata in vigore della legge n.10/1977 la destinazione d uso costituisce uno degli elementi che definiscono gli oneri di urbanizzazione e la quota del costo di costruzione che il rilascio della concessione comporta.

14 Al riguardo si ritiene necessario, prioritariamente, indicare la differenza, tra nuovo ed esistente destinazione d uso e cambio di destinazione d uso, infatti, è evidente che dette definizioni sono inerenti a soggetti strutturalmente diversi rispettivamente immobili solo progettati e immobili esistenti. Com è noto l art.20 della L.R. n.71/78 che ha recepito l art.31 della legge n.457/78 non definisce come intervento assestante il cambio di destinazione d uso ma si limita a vietarlo, condizionarlo o consentirlo in relazione alle tipologie di intervento che individua. E con l art.25 comma IV della legge n.47/85 che il legislatore mette, finalmente, un po d ordine a quella che fino ad ora era stata solo una definizione, affidando alle Regioni il compito di stabilire Criteri e modalità a cui dovranno attenersi i Comuni all atto della predisposizione di strumenti urbanistici per eventuale regolamentazione delle destinazioni d uso degli immobili, nonché dei casi in cui per la violazione di essa sia richiesta la preventiva autorizzazione del Sindaco. In questo contesto si inserisce poi la Legge Regionale n.37/85 che all art.10 così recita: La variazione di destinazione d uso degli immobili deve essere compatibile con i caratteri della zona territoriale omogenea in cui ricade l immobile medesimo. La variazione di destinazione d uso ove consentita, è autorizzata dal Sindaco (ora dal Responsabile dei Servizi Tecnici) previo parere dello stesso tecnico comunale e dell Ufficiale Sanitario (ora Medico Delegato di Igiene Pubblica) e previo conguaglio del contributo di concessione se dovuto. Quindi, in definitiva, i principi fondamentali a cui la legislazione regionale citata si è conformata, sono i seguenti: Il mutamento di destinazione d uso può essere assoggettato a regime della concessione edilizia solo quando sia connesso a variazioni essenziali del progetto che comportino variazioni degli standards previsti dal D.M art.8. Deve pertanto ritenersi esclusa del regime della concessione ogni ipotesi di mutamento di destinazione non connessa con modifiche strutturali dell immobile; Il mutamento di destinazione d uso che non abbia le caratteristiche sopra rammentate ma sia comunque accompagnato da qualsiasi intervento edilizio, anche se solo interno, è invece assoggettato al regime dell autorizzazione. Nel conguaglio del contributo di concessione, se dovuto, si ravvisa, pertanto, non tanto la discriminante nuovo/esistente mentono opere/senza opere. Per cui può essere concessa una autorizzazione gratuita od onerosa ed, in quest ultimo caso, quanto siano realizzati lavori atti al cambio di destinazione o anche in assenza di questi, quando il cambio di destinazione d uso modifica il carico urbanistico della zona. Il principio fissato dall art.10 comma 3 della legge n.10/77 vale per l ipotesi di mutamento di destinazione d uso intervenuto nei dieci anni successivi all ultimazione dei lavori in base alla quale

15 l interessato deve corrispondere il contributo nella misura massima corrispondente alla nuova destinazione, determinata con riferimento al momento della intervenuta variazione. Tale principio vale anche nell ipotesi in cui la precedente destinazione, essendo prevista in una licenza anteriore al non era stata sottoposta a nessun contributo. Nel caso in specie occorre fare riferimento alle aliquote vigenti al momento della domanda di mutamento della destinazione d uso (Consiglio di Stato Sez. V n.300). Detto principio vale anche per le concessioni edilizie rilasciate oltre i dieci anni. Nel caso in cui il contributo concessorio precedentemente corrisposto risulti maggiore rispetto alle aliquote vigenti al momento della domanda, l interessato deve corrispondere a conguaglio la differenza. Tanto si relaziona in base all incarico conferito, salvo diverso avviso da parte della Pubblica Amministrazione e del Consiglio Comunale. Buseto Palizzolo, lì 16.Ottobre.2015

COMUNE DI BELPASSO Provincia di Catania

COMUNE DI BELPASSO Provincia di Catania COMUNE DI BELPASSO Provincia di Catania VII SERVIZIO URBANISTICA SVILUPPO DEL TERRITORIO Dirigente Responsabile : Ing. Sebastiano Leonardi OGGETTO: Comune di Belpasso Art. 17, L.R. 16 aprile 2003, n. 4

Dettagli

COMUNE DI CASTELLAMMARE DEL GOLFO PROVINCIA DI TRAPANI

COMUNE DI CASTELLAMMARE DEL GOLFO PROVINCIA DI TRAPANI COMUNE DI CASTELLAMMARE DEL GOLFO PROVINCIA DI TRAPANI SETTORE IV - Urbanistica e Gestione del Territorio RELAZIONE ILLUSTRATIVA OGGETTO: Adeguamento oneri di urbanizzazione e costo di costruzione per

Dettagli

Regolamento per l applicazione del Contributo di Concessione

Regolamento per l applicazione del Contributo di Concessione COMUNE DI ALA Provincia di Trento Ufficio Tecnico Urbanistico Regolamento per l applicazione del Contributo di Concessione Art. 107 L.P. 5 settembre 1991, n. 22 e s.m.i. Approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE indice Art. 1 Premessa pag 5 Art. 2 Ambito di applicazione pag 5 Art. 3 Incidenza degli oneri di urbanizzazione: tabella parametrica

Dettagli

PARTE IV - TABELLE INDICI DI DENSITÀ FONDIARIA E ZONE OMOGENEE

PARTE IV - TABELLE INDICI DI DENSITÀ FONDIARIA E ZONE OMOGENEE PARTE IV - TAELLE INDICI DI DENSITÀ FONDIARIA E ZONE OMOGENEE Il parametro della densità fondiaria si riferisce non a quella dello specifico intervento, bensì a quella corrispondente all indice edificabile

Dettagli

Prospetto di riferimento per determinazione degli oneri di urbanizzazione e del costo di costruzione

Prospetto di riferimento per determinazione degli oneri di urbanizzazione e del costo di costruzione Provincia di Pisa Prospetto di riferim per determinazione degli oneri di urbanizzazione e del costo di costruzione Le tabelle di seguito riportate sono relative ai costi unitari estrapolati dalla normativa

Dettagli

TABELLE. Contributi relativi agli oneri di urbanizzazione Aggiornamento al giugno 2007 COMUNE DI VIGLIANO BIELLESE

TABELLE. Contributi relativi agli oneri di urbanizzazione Aggiornamento al giugno 2007 COMUNE DI VIGLIANO BIELLESE COMUNE DI VIGLIANO BIELLESE Contributi relativi agli oneri di urbanizzazione Aggiornamento al giugno 2007 Nota: Tutte le sigle di destinazione d uso, contenute nelle presenti tabelle, sono riferite alla

Dettagli

Il sistema autorizzativo degli interventi edilizi. Docente: Prof. Stefano Stanghellini Collaboratore: Arch. Alessandro Mascarello

Il sistema autorizzativo degli interventi edilizi. Docente: Prof. Stefano Stanghellini Collaboratore: Arch. Alessandro Mascarello Il sistema autorizzativo degli interventi edilizi Docente: Prof. Stefano Stanghellini Collaboratore: Arch. Alessandro Mascarello Modalità di attuazione degli interventi edilizi Gli interventi edilizi devono

Dettagli

/mc. 16.902 = 8,73. /mc. 51.049 = 26,36. /mq. 22.699 = 11,72

/mc. 16.902 = 8,73. /mc. 51.049 = 26,36. /mq. 22.699 = 11,72 Determinazione dell incidenza degli oneri di urbanizzazione primaria e secondaria di cui agli artt. 3-4- 7 Legge 10/1977 adeguati alle disposizioni di cui alla L.R. 03 Gennaio 2005, n. 1. A TABELLA (COSTI

Dettagli

COMUNE DI CELLINO SAN MARCO

COMUNE DI CELLINO SAN MARCO COMUNE DI CELLINO SAN MARCO Provincia di Brindisi REGOLAMENTO COMUNALE DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO RELATIVO AI PERMESSI DI COSTRUIRE E ALLE DENUNCE DI INIZIO ATTIVITA, NONCHE ALLE SANATORIE EX LEGGE

Dettagli

TABELLE ONERI CONCESSORI APPROVATE CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N 42 DEL 18/03/2008

TABELLE ONERI CONCESSORI APPROVATE CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N 42 DEL 18/03/2008 TABELLE ONERI CONCESSORI APPROVATE CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N 42 DEL 18/03/2008 DESTINAZIONE RESIDENZIALE importi in euro a metro cubo ZONA A CENTRO STORICO URB. 1 URB. 2 TOTALE RISTRUTT. EDILIZIA

Dettagli

IL MUTAMENTO DELLA DESTINAZIONE D USO DEGLI IMMOBILI

IL MUTAMENTO DELLA DESTINAZIONE D USO DEGLI IMMOBILI 7 IL MUTAMENTO DELLA DESTINAZIONE D USO DEGLI IMMOBILI In questo capitolo, dopo aver ripercorso l evoluzione legislativa e giurisprudenziale della fattispecie oggetto di trattazione, si dirà del diverso

Dettagli

CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE

CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE Urbanistica Edilizia privata Comune di Fauglia Provincia di Pisa CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE DISCIPLINA IN MATERIA DI SANZIONI AMMINISTRATIVE DI CUI L ART. 140

Dettagli

TABELLE ONERI CONCESSORI

TABELLE ONERI CONCESSORI TABELLE ONERI CONCESSORI 1 - INSEDIAMENTI RESIDENZIALI (costi che si applicano per mc.) INTERVENTI Zona A Zona B Zona C Zona D Zona F primaria 1,85 2,12 2,25 2,25 2,25 secondaria 5,60 5,60 5,60 5,60 5,60

Dettagli

CITTA DI GORGONZOLA PROVINCIA DI MILANO

CITTA DI GORGONZOLA PROVINCIA DI MILANO CITTA DI GORGONZOLA PROVINCIA DI MILANO SETTORE GESTIONE E PIANIFICAZIONE URBANISTICA SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Piazza Giovanni XXIII, n. 6 DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE PREMESSA Ai

Dettagli

Disposizioni e tabelle per la determinazione del contributo di cui al titolo VII della L.R Toscana 03.01.2005 n.1

Disposizioni e tabelle per la determinazione del contributo di cui al titolo VII della L.R Toscana 03.01.2005 n.1 . Comune di Vicopisano Provincia di Pisa Servizio 3 U.O. 3.3 Tel. 050 796533 - Fax 050 796540 ediliziaprivata@comune.vicopisano.pi.it Disposizioni e tabelle per la determinazione del contributo di cui

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli

ALLEGATO A COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d Argento al Valor Civile SERVIZIO URBANISTICA AGGIORNAMENTO DEL COSTO DI COSTRUZIONE E DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE ADEGUAMENTO ISTAT GIUGNO 2006 DICEMBRE

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento Provincia Autonoma di Trento COMUNE di: REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO DI CONCESSIONE Legge provinciale 5 settembre 1991 n. 22 e s.m. 1 INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione pag. 3 Art.

Dettagli

C O M U N E D I M A N T O V A LA GIUNTA COMUNALE

C O M U N E D I M A N T O V A LA GIUNTA COMUNALE COPIA C O M U N E D I M A N T O V A SEGRETERIA GENERALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 165 Reg. Deliberazioni N. 12579/2012 di Prot. G. OGGETTO: AGGIORNAMENTO ISTAT DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE,

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERA

IL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERA ESTRATTO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 13 DEL 05.05.1999 COME MODIFICATA DALLA D.C.C. N. 73 DEL 30.09.2010 E DALLA D.C.C. N. 5 DEL 15.03.2013 A IN RIFERIMENTO AL D.P.G.R. N. 373/98 IL CONSIGLIO

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

(Provincia di Ancona) REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

(Provincia di Ancona) REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE Comune di Sirolo (Provincia di Ancona) REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE (Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 42 del 29.11.2010) CAPO I GENERALITA Art. 1 - Oggetto

Dettagli

INDICE CAPO VIII... 13

INDICE CAPO VIII... 13 INDICE REGOLAMENTO per la determinazione del contributo relativo alle concessioni edilizie, alle autorizzazioni edilzie e alle denunce di inizio dell attività... 3 CAPO I... 3 Norme generali... 3 Art.

Dettagli

Ufficio Tecnico Comunale

Ufficio Tecnico Comunale COMUNE di LEIVI Provincia di Genova Via IV Novembre, n.1 16040 LEIVI Tel.0185.319033 + Fax.0185.319569 ufficio tecnico@comune.leivi.ge.it Ufficio Tecnico Comunale REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DEI

Dettagli

I Comuni classificati con popolazione inferiore a diecimila abitanti assumono, per la edilizia residenziale, la

I Comuni classificati con popolazione inferiore a diecimila abitanti assumono, per la edilizia residenziale, la Legge Regionale Lazio 12/9/1977 n. 35 Tabelle parametriche regionali e norme di applicazione della legge 28 gennaio 1977, n. 10 per la determinazione del contributo per le spese di urbanizzazione gravante

Dettagli

COMUNE DI VIGOLO VATTARO

COMUNE DI VIGOLO VATTARO COMUNE DI VIGOLO VATTARO PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO DI CONCESSIONE Legge provinciale 5 settembre 1991 n. 22 e s.m. Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI SASSARI Settore Sviluppo Economico, SUAP e Politiche del Lavoro

COMUNE DI SASSARI Settore Sviluppo Economico, SUAP e Politiche del Lavoro Ing. G. AGATAU COMUNE DI SASSARI Settore Sviluppo Economico, SUAP e Politiche del Lavoro RELAZIONE Articolo 1 PREMESSA La presente Relazione norma il metodo di applicazione e calcolo degli oneri concessori

Dettagli

MODALITA DI CALCOLO DEI CONTRIBUTI DI COSTRUZIONE Art. 119 - Legge Regionale n. 1 del 3 Gennaio 2005

MODALITA DI CALCOLO DEI CONTRIBUTI DI COSTRUZIONE Art. 119 - Legge Regionale n. 1 del 3 Gennaio 2005 Allegato A alla Deliberazione n. 27/2007 MODALITA DI CALCOLO DEI CONTRIBUTI DI COSTRUZIONE Art. 119 - Legge Regionale n. 1 del 3 Gennaio 2005 CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE. Il contributo di costruzione, di

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 1132 Prot. n. 198/11-L VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Legge provinciale 4 marzo 2010, n. 1 (Pianificazione urbanistica e governo

Dettagli

COMUNE DI ARCO PROVINCIA DI TRENTO. Regolamento per l applicazione del contributo di concessione

COMUNE DI ARCO PROVINCIA DI TRENTO. Regolamento per l applicazione del contributo di concessione COMUNE DI ARCO PROVINCIA DI TRENTO Regolamento per l applicazione del contributo di concessione Approvato con: Deliberazione del Consiglio comunale n. 64 di data 26 giugno 2002 ed entrato in vigore il

Dettagli

COMUNE DI CAPANNORI REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO INERENTE GLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E IL COSTO DI COSTRUZIONE (L.R.

COMUNE DI CAPANNORI REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO INERENTE GLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E IL COSTO DI COSTRUZIONE (L.R. COMUNE DI CAPANNORI REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO INERENTE GLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E IL COSTO DI COSTRUZIONE (L.R. 1/05) Approvato con deliberazione di C.C. n.. del esecutivo dal. SERVIZIO

Dettagli

TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE

TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione del Piano dei Servizi Il Piano dei Servizi è lo strumento di pianificazione comunale che ha le finalità di assicurare una

Dettagli

TABELLE ONERI ANNO 2011. LEGGE REGIONALE TOSCANA n 1 del 03/01/2005 'Norme per il governo del territorio'

TABELLE ONERI ANNO 2011. LEGGE REGIONALE TOSCANA n 1 del 03/01/2005 'Norme per il governo del territorio' TABELLE ONERI ANNO LEGGE REGIONALE TOSCANA n del 03/0/2005 'Norme per il governo del territorio' Tabelle per la determinazione degli oneri di urbanizzazione primaria, secondaria e percentuale costo di

Dettagli

1 - DETERMINAZIONE ONERI DI URBANIZZAZIONE E CRITERI APPLICATIVI 3 - MONETIZZAZIONE AREE A STANDARD NEL CENTRO STORICO

1 - DETERMINAZIONE ONERI DI URBANIZZAZIONE E CRITERI APPLICATIVI 3 - MONETIZZAZIONE AREE A STANDARD NEL CENTRO STORICO SOMMARIO 1 - DETERMINAZIONE ONERI DI URBANIZZAZIONE E CRITERI APPLICATIVI 1-1 Variazioni del contributo per l incidenza degli Oneri di Urbanizzazione, rispetto ai valori calcolati con l applicazione delle

Dettagli

ALLEGATO A. Tabella Destinazione Tabella Destinazione. Tabella A2 Artigianali o industriali Tabella A4 Commerciale all ingrosso

ALLEGATO A. Tabella Destinazione Tabella Destinazione. Tabella A2 Artigianali o industriali Tabella A4 Commerciale all ingrosso ALLEGATO A OGGETTO: Adeguamento annuale degli oneri di urbanizzazione primaria e secondaria e del costo di costruzione in ragione della variazione degli indici ISTAT, già previsto dalla disciplina della

Dettagli

COPIA DI ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE Seduta del 14/05/2012 n. 16

COPIA DI ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE Seduta del 14/05/2012 n. 16 COPIA DI ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE Seduta del 14/05/2012 n. 16 OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUT O DI COSTRUZIONE, QUOTA AFFERENTE IL CONTRIBUTO SUGLI ONERI

Dettagli

Schema per il Calcolo del Contributo di Costruzione

Schema per il Calcolo del Contributo di Costruzione Schema per il Calcolo del Contributo di Costruzione Suddivisione contributi Oneri di Urbanizzazione U1 - Primaria U2 - Secondaria D - Trattamento e Smaltimento rifiuti (solo per destinazioni produttive)

Dettagli

MODELLO PER IL CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

MODELLO PER IL CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE CITTÀ DI FOLIGNO AREA GOVERNO DEL TERRITORIO E BENI CULTURALI Servizio Sportello Unico Edilizia Servizio Edilizia Via dei Molini, 20/a Corso Cavour, 89 MODELLO PER IL CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DI BASILICATA

CONSIGLIO REGIONALE DI BASILICATA CONSIGLIO REGIONALE DI BASILICATA Legge Regionale: Norme sulla sanatoria degli abusi edilizi di cui all art. 32 del Decreto Legge 30.09.2003, n. 269. * * * * * * * * * Articolo 1 Oggetto della legge 1.

Dettagli

Volume Virtuale Art. 11 Regol. Reg. n. 6/1977 TOTALE. Superficie lorda complessiva. RESIDENZIALE Percentuale At IMPORTO TOTALE

Volume Virtuale Art. 11 Regol. Reg. n. 6/1977 TOTALE. Superficie lorda complessiva. RESIDENZIALE Percentuale At IMPORTO TOTALE SERVIZIO URBANISTICA -Sportello Unico Edilizia CALCOLO CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE Pratica edilizia n Anno Richiedente Intervento: in via Oneri di Urbanizzazione: EDILIZIA RESIDENZIALE COMMERCIALE DIREZIONALE

Dettagli

Prontuario inerente la determinazione del contributo di costruzione

Prontuario inerente la determinazione del contributo di costruzione Prontuario inerente la determinazione del contributo di costruzione GENERALITA 1. Fatti salvi i casi di riduzione o esonero di cui all'articolo successivo del presente manuale, il proprietario dell immobile

Dettagli

COMUNE DI LAZZATE PROVINCIA DI MILANO

COMUNE DI LAZZATE PROVINCIA DI MILANO DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA (ex regime concessorio) ai sensi dell art. 41 della Legge Regionale 12/05 Il/ La sottoscritto/a Cod. fiscale/partita IVA residente /con sede in via n. CAP tel. in qualità proprietario

Dettagli

Aggiornamento degli Oneri di Urbanizzazione Primaria e Secondaria COMUNE DI VIMERCATE SPORTELLO UNICO TECNICO SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA ALLEGATO B

Aggiornamento degli Oneri di Urbanizzazione Primaria e Secondaria COMUNE DI VIMERCATE SPORTELLO UNICO TECNICO SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA ALLEGATO B COMUNE DI VIMERCATE SPORTELLO UNICO TECNICO SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA Determinazione degli oneri di urbanizzazione ai sensi del D.P.R. 6 giugno 2001 n. 380 e della L.R. 11 marzo 2005 n. 12 ALLEGATO B Aggiornamento

Dettagli

Elementi di casistica per l applicazione degli oneri urbanizzazione e del costo di costruzione. Anno 2013

Elementi di casistica per l applicazione degli oneri urbanizzazione e del costo di costruzione. Anno 2013 Elementi di casistica per l applicazione degli oneri urbanizzazione e del costo di costruzione Anno 2013 Nessuna modifica rispetto all anno 2012 Applicazione degli oneri di urbanizzazione e della quota

Dettagli

Comune di Pesaro. Regolamento Attuazione del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 concernente: «Determinazione dell'incidenza degli oneri di urbanizzazione».

Comune di Pesaro. Regolamento Attuazione del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 concernente: «Determinazione dell'incidenza degli oneri di urbanizzazione». Comune di Pesaro Regolamento Attuazione del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 concernente: «Determinazione dell'incidenza degli oneri di urbanizzazione». Approvato con delibera di C.C. n. 27 del 5 marzo 2012

Dettagli

TABELLE ONERI DI URBANIZZAZIONE (Delibera di Consiglio Regionale n.850 del 4/3/1998 e Determinazione dirigenziale n.

TABELLE ONERI DI URBANIZZAZIONE (Delibera di Consiglio Regionale n.850 del 4/3/1998 e Determinazione dirigenziale n. TABELLE ONERI DI URBANIZZAZIONE (Delibera di Consiglio Regionale n.850 del 4/3/1998 e Determinazione dirigenziale n.470 del 20/12/01) TABELLA A5 5 A CLASSE DI COMUNI Edilizia residenziale (funzione abitativa)*

Dettagli

Valori tabellari per la determinazione degli oneri di urbanizzazione ai sensi dell'art. 184, co. 7 L.R.T. 65/2014 Anno 2015

Valori tabellari per la determinazione degli oneri di urbanizzazione ai sensi dell'art. 184, co. 7 L.R.T. 65/2014 Anno 2015 Valori tabellari per la determinazione degli oneri di urbanizzazione ai sensi dell'art. 184, co. 7 L.R.T. 65/2014 Anno 2015 INSEDIAMENTI RESIDENZIALI Interventi di nuova edificazione (importi unitari in

Dettagli

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, in questo articolo analizziamo le definizioni di CIL,

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

ISTRUZIONI PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE ISTRUZIONI PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE Il presente fascicolo ha lo scopo di dettare dei criteri applicativi generali, sulla base delle disposizioni di cui agli art.81 88 e 110-112

Dettagli

RELAZIONE FINANZIARIA A norma dell art. 28 della L.U. nr. 1150/42 e successive modifiche ed integrazioni, l onere della esecuzione delle opere di

RELAZIONE FINANZIARIA A norma dell art. 28 della L.U. nr. 1150/42 e successive modifiche ed integrazioni, l onere della esecuzione delle opere di RELAZIONE FINANZIARIA A norma dell art. 28 della L.U. nr. 1150/42 e successive modifiche ed integrazioni, l onere della esecuzione delle opere di urbanizzazione primaria deve essere assunto dai lottizzanti

Dettagli

PER L APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO DI CONCESSIONE

PER L APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO DI CONCESSIONE COMUNE DI DARE Provincia di Trento REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO DI CONCESSIONE INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 Art. 9 Art. 10 Art. 11 Art. 12 - Ambito di

Dettagli

COMUNE DI DAONE Provincia di Trento

COMUNE DI DAONE Provincia di Trento REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO DI CONCESSIONE ai sensi la Legge provinciale 5 settembre 1991 n. 22 Allegato alla iberazione Consiglio Comunale n. 42 di data 28 agosto 2001-1 - REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS DETERMINAZIONE

REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS DETERMINAZIONE REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS DETERMINAZIONE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. del REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE

Dettagli

CITTA' DI TORINO - DIVISIONE URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA - DIRIGENZA DI COORDINAMENTO EDILIZIA PRIVATA

CITTA' DI TORINO - DIVISIONE URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA - DIRIGENZA DI COORDINAMENTO EDILIZIA PRIVATA classi di destinazioni d'uso insediamenti residenziali destinazioni rurali speciali Tabella C - Parametri da applicare in relazione alle destinazioni di zona e ai tipi di intervento previsti dagli strumenti

Dettagli

COMUNE DI PIOSSASCO Provincia di Torino CRITERI PER L'APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE. Aggiornamento 2011

COMUNE DI PIOSSASCO Provincia di Torino CRITERI PER L'APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE. Aggiornamento 2011 COMUNE DI PIOSSASCO Provincia di Torino CRITERI PER L'APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE Aggiornamento 2011 (Legge 28 gennaio 1977 n 10, artt. 3, 5, 6, 7, 9, 10 D.P.R. 6/6/2001 n 380, artt. 16,

Dettagli

TABELLE PER IL CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

TABELLE PER IL CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE File:tabellaONERI_ufficio COMUNE DI BORGOSATOLLO Provincia di Brescia AREA TECNICA URBANISTICA EDILIZIA PRIVATA TABELLE PER IL CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE DATI GENERALI PERMESSO DI COSTRUIRE

Dettagli

L.R. 08 Novembre 2004, n. 12 Disposizioni in materia di definizione di illeciti edilizi (1)

L.R. 08 Novembre 2004, n. 12 Disposizioni in materia di definizione di illeciti edilizi (1) L.R. 08 Novembre 2004, n. 12 Disposizioni in materia di definizione di illeciti edilizi (1) SOMMARIO Art. 1 - Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 - Opere abusive suscettibili di sanatoria Art. 3 -

Dettagli

PER L APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO DI CONCESSIONE

PER L APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO DI CONCESSIONE COMUNE DI STENICO PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO DI CONCESSIONE INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 Art. 9 Art. 10 Art. 11 Art. 12 - Ambito

Dettagli

COMUNE DI CASTELBELLINO

COMUNE DI CASTELBELLINO COMUNE DI CASTELBELLINO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA P.zza S. Marco 15 60030 Castelbellino e.mail urbanistica.castelbellino@provincia.ancona.it Protocollo ALLEGATO C AL PERMESSO DI COSTRUIRE Ditta: Oggetto:

Dettagli

U1 68.047 35,14346 68.047 35,14346 68.047 35,14346 68.047 35,14346 - - U1 68.047 35,14346 68.047 35,14346 61.242 31,62911 68.

U1 68.047 35,14346 68.047 35,14346 68.047 35,14346 68.047 35,14346 - - U1 68.047 35,14346 68.047 35,14346 61.242 31,62911 68. Tabella A1-1 a classe di comuni - Edilizia residenziale (funzione abitativa)* Zone omogenee A Zone omogenee B Zone omogenee C Zone omogenee D Zone omogenee E CATEGORIA D INTERVENTO ( /mq) ( /mq) ( /mq)

Dettagli

Timbro protocollo generale Allo Sportello Unico Attività Produttive/ Edilizia

Timbro protocollo generale Allo Sportello Unico Attività Produttive/ Edilizia Timbro protocollo generale Allo Sportello Unico Attività Produttive/ Edilizia Area Tecnica del Comune di Anzola dell Emilia Via Grimandi, 1 40011 Anzola dell Emilia MODELLO PER IL CALCOLO E LA CORRESPONSIONE

Dettagli

tip. Descrizione Quantificazione Fattore

tip. Descrizione Quantificazione Fattore Regolamento per la disciplina dei criteri, parametri tecnici e modalità operative da applicare per determinare le sanzioni amministrative degli artt. 134;135;139;140 della L.R.T. 1/05. (Deliberazione C.C.

Dettagli

CALCOLO CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

CALCOLO CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE CALCOLO CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE Normativa di riferimento: D.P.R. 380/2001 art. 16, 17, 18, 19, 42 D.M. 10 Maggio 1977 Delibera C. R. n. 119/1 del 28/07/1977 Delibera C. R. n. 208/5 del 26/03/1985 D.M.

Dettagli

COMUNE DI SANTA MARIA NUOVA Provincia di Ancona. Il Responsabile dell Area Gestione del Territorio Geom. Donato Carbonari

COMUNE DI SANTA MARIA NUOVA Provincia di Ancona. Il Responsabile dell Area Gestione del Territorio Geom. Donato Carbonari COMUNE DI SANTA MARIA NUOVA Provincia di Ancona Il Responsabile dell Area Gestione del Territorio Geom. Donato Carbonari Il Sindaco Santicchia Angelo Il Segretario Comunale Dott. Bonetti Angelo Approvato

Dettagli

COMUNE DI AGUGLIANO PROVINCIA DI ANCONA

COMUNE DI AGUGLIANO PROVINCIA DI ANCONA COMUNE DI AGUGLIANO PROVINCIA DI ANCONA 3 SETTORE TECNICO NUOVO REGOLAMENTO Attuazione del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 concernente: «Determinazione dell'incidenza degli oneri di urbanizzazione». Art.

Dettagli

COMUNE DI ANGROGNA Provincia di Torino

COMUNE DI ANGROGNA Provincia di Torino COMUNE DI ANGROGNA Provincia di Torino REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI COSTRUZIONE COMMISURATI ALL INCIDENZA DELLE SPESE DI URBANIZZAZIONE E DEL COSTO DI COSTRUZIONE RELAZIONE DI CALCOLO

Dettagli

TABELLA 1 ADEGUAMENTO COSTO DI COSTRUZIONE

TABELLA 1 ADEGUAMENTO COSTO DI COSTRUZIONE TABELLA 1 ADEGUAMENTO COSTO DI COSTRUZIONE INDICE ISTAT MARZO 2011 = 117,2 INDICE ISTAT AGOSTO 2012 = 120,4 (IND.ago. 2012 : IND.mar. 2011 x 100 ) 100 = INCREMENTO Pertanto il valore da applicare corrisponde

Dettagli

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Quarta Variante Parziale al Piano degli Interventi (PRG) modifica dell articolo 34 Parcheggi e servizi pubblici delle N.T.A.. Ai sensi dell'art. 18 della L.R.V. 11/2004 e s.m.i..

Dettagli

Piano esecutivo Concessione onerosa Concessione convenzionata Concessione gratuita in base all articolo Altro

Piano esecutivo Concessione onerosa Concessione convenzionata Concessione gratuita in base all articolo Altro Domanda di Permesso di costruire BOLLO Prot. n. Spett. Comune di RANCO Piazza PARROCCHIALE n. 4 21020 - RANCO Li gg mese anno Il/la sottoscritto/a quale rappresentante legale dell impresa (ove necessario)

Dettagli

SETTORE PIANIFICAZIONE URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA

SETTORE PIANIFICAZIONE URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA COMUNE DI CASTELNUOVO BERARDENGA (Provincia di Siena) Pianificazione Urbanistica ed Edilizia Privata Via Garibaldi, 4 Tel. 0577 351308/14/22 - Fax 0577/351328 e-mail: urbanistica.edilizia@comune.castelnuovo-berardenga.si.it

Dettagli

PARAMETRAZIONE DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE Tabella A4-4 a classe di comuni - Edilizia residenziale (funzione abitativa)*

PARAMETRAZIONE DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE Tabella A4-4 a classe di comuni - Edilizia residenziale (funzione abitativa)* Tabella A4-4 a classe di comuni - Edilizia residenziale (funzione abitativa)* Zone omogenee A Zone omogenee B Zone omogenee C Zone omogenee D Zone omogenee E CATEGORIA D INTERVENTO ( /mq) (/mq) ( /mq)

Dettagli

CRITERI APPLICATIVI MODALITÀ DI CALCOLO E VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE AI SENSI DELL ART. 16 D.P.R

CRITERI APPLICATIVI MODALITÀ DI CALCOLO E VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE AI SENSI DELL ART. 16 D.P.R allegato A alla delibera di Consiglio Comunale CITTÀ DI LEGNAGO Ufficio Tecnico Via XX Settembre, 29 37045 Legnago (Verona) CRITERI APPLICATIVI MODALITÀ DI CALCOLO E VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

Il sistema autorizzativo degli interventi edilizi attenzione: le modifiche introdotte da recenti norme di legge sono segnalate in rosso

Il sistema autorizzativo degli interventi edilizi attenzione: le modifiche introdotte da recenti norme di legge sono segnalate in rosso Corso di estimo Clasa a.a. 2010/11 Il sistema autorizzativo degli interventi edilizi attenzione: le modifiche introdotte da recenti norme di legge sono segnalate in rosso Docente Collaboratrice prof. Stefano

Dettagli

TABELLE PER CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

TABELLE PER CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE ALLEGATO B Alla Deliberazione di C.C. n. 45 del 02.07.2013 Città di CANOSA DI PUGLIA TABELLE PER CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE Cc : Contributo sul costo di costruzione Up : Contributo sul costo delle urbanizzazioni

Dettagli

RISOLUZIONE N. 118/E

RISOLUZIONE N. 118/E RISOLUZIONE N. 118/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 dicembre 2014 OGGETTO: Imposte sui redditi - Spese sostenute per la redazione di un atto di vincolo unilaterale - Art. 16-bis del TUIR - Istanza

Dettagli

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI Il Comune di Cadoneghe, valutate le caratteristiche e le peculiarità del proprio territorio, considerate le esigenze di sostegno al settore edilizio, attentamente soppesati

Dettagli

COMUNE DI SCALENGHE S E T T O R E U R B A N I S T I C A

COMUNE DI SCALENGHE S E T T O R E U R B A N I S T I C A COMUNE DI SCALENGHE Provincia di Torino Via Umberto I, 1 C.A.P. 10060 Tel. (011) 9861721 Fax (011) 9861882 Partita IVA 02920980014 - Codice fiscale 85003410017 http://www.comune.scalenghe.to.it e.mail:

Dettagli

TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI. D.P.R. 380/01 art. 6 modificato dall'art. 5 L.

TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI. D.P.R. 380/01 art. 6 modificato dall'art. 5 L. TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI ordinaria manutenzione D.P.R. 380/01 art. 6 e L.R. 12/05 art. 27 gli interventi edilizi che riguardano le opere

Dettagli

CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE In base al combinato disposto dagli artt. 15, 29 e 30 della L.R. 19/09 e dagli artt. 6 e 7 del relativo Regolamento di Attuazione nonché, con riferimento alla Circolare 1/2012

Dettagli

COMUNE DI SANTO STEFANO LODIGIANO Provincia di Lodi RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI SANTO STEFANO LODIGIANO Provincia di Lodi RELAZIONE TECNICA COMUNE DI SANTO STEFANO LODIGIANO Provincia di Lodi RELAZIONE TECNICA D AGGIORNAMENTO DEGLI ONERI D URBANIZZAZIONE, VALORI MINIMI E CRITERI PER LA MONETIZZAZIONE DEGLI STANDARD IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

Dettagli

Comune di Fano DETERMINAZIONE DEL COSTO DI COSTRUZIONE RESIDENZIALE (rif. D.M. 10 maggio 1977)

Comune di Fano DETERMINAZIONE DEL COSTO DI COSTRUZIONE RESIDENZIALE (rif. D.M. 10 maggio 1977) DETERMINAZIONE DEL COSTO DI COSTRUZIONE RESIDENZIALE (rif. D.M. 10 maggio 1977) mod. CC01 Tabella 1 Incremento per superficie abitabile (art. 5) Classe di superficie Alloggi (n) abitabile Rapporto rispetto

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (S.C.I.A.)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (S.C.I.A.) AL COMUNE DI PIEVE EMANUELE Via Viquarterio, 1 20090 Ufficio Edilizia Privata SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (S.C.I.A.) (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990 come modificato ed integrato dall

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO TESEO

FONDO PENSIONE APERTO TESEO FONDO PENSIONE APERTO TESEO istituito dalla Società Reale Mutua di Assicurazioni (Gruppo Reale Mutua) iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 17 Documento sulle anticipazioni (redatto ai sensi del

Dettagli

COMUNE DI LORENZANA Provincia di Pisa. SETTORE 2 GESTIONE del TERRITORIO, ATTIVITA PRODUTTIVE, POLIZIA MUNICIPALE www.comune.lorenzana.pi.

COMUNE DI LORENZANA Provincia di Pisa. SETTORE 2 GESTIONE del TERRITORIO, ATTIVITA PRODUTTIVE, POLIZIA MUNICIPALE www.comune.lorenzana.pi. COMUNE DI LORENZANA Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE del TERRITORIO, ATTIVITA PRODUTTIVE, POLIZIA MUNICIPALE www.comune.lorenzana.pi.it REGOLAMENTO E TABELLE PARAMETRICHE DI CALCOLO PER LA DETERMINAZIONE

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO

DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO COMUNE DI ORISTANO COMUNI DE ARISTANIS COPIA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO NR. 016 DEL 27.09.2011 OGGETTO: D.P.R. 6 GIUGNO 2001 NR. 380 E SS.MM.II., ONERI RELATIVI ALLE CONCESSIONI EDILIZIE,

Dettagli

COMUNE DI CAMPODORO Provincia di Padova

COMUNE DI CAMPODORO Provincia di Padova COMUNE DI CAMPODORO Provincia di Padova REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE E L APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE Approvato con delibera di Consiglio Comunale nr. 41 del 21.12.2011-1 - INDICE TITOLO

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE C:\Documents and Settings\miki\Documenti\Comune\Delibera Consiglio 5 del 31.01.06.doc DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 5 DEL 31.01.2006 PUBBLICATA AL N. 130 DEL 15.02.2006 Oggetto: ADEGUAMENTO DEL CONTRIBUTO

Dettagli

COMUNE DI TAVARNELLE VAL DI PESA Provincia di FIRENZE. Oggetto: Autocalcolo dei contributi (DPR 380/01 e L.R. 65/14) afferenti il/la:

COMUNE DI TAVARNELLE VAL DI PESA Provincia di FIRENZE. Oggetto: Autocalcolo dei contributi (DPR 380/01 e L.R. 65/14) afferenti il/la: COMUNE DI TAVARNELLE VAL DI PESA Provincia di FIRENZE Pratica Edilizia n / Oggetto: Autocalcolo dei contributi (DPR 38/ e L.R. 65/) afferenti il/la: Permesso di Costruire Segnalazione Certificata di Inizio

Dettagli

PIANO DEGLI INTERVENTI

PIANO DEGLI INTERVENTI COMUNE DI MUSSOLENTE Provincia di Vicenza P.R.C. Elaborato Scala PIANO DEGLI INTERVENTI Atto di Indirizzo Criteri perequativi per il Piano degli Interventi IL SINDACO Maurizio Chemello IL SEGRETARIO Maria

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA Art. 145/2 lett. a) LRT 65/2014

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA Art. 145/2 lett. a) LRT 65/2014 Spazio riservato al protocollo: Spazio riservato all Ufficio: Il sottoscritto COGNOME E NOME SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA Art. 145/2 lett. a) LRT 65/2014 LUOGO

Dettagli

Aggiornamento ONERI DI URBANIZZAZIONE

Aggiornamento ONERI DI URBANIZZAZIONE Allegato A alla Delibera Consiglio Comunale n.27 del 07/09/2015 Aggiornamento ONERI DI URBANIZZAZIONE TABELLA A - EDIFICI RESIDENZIALI Zone ZTS (ex P.R.G. Zone omogenee A) (U1) Euro 7,38/Mc Euro 2,95/Mc.

Dettagli

ONERI DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA

ONERI DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA ONERI DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA TABELLE PER IL CALCOLO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE PREVISTI DALLA LEGGE 10/77 In applicazione delle tabelle parametriche approvate con L.R.T. 03.01.2005,

Dettagli

ONERI DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA

ONERI DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA ONERI DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA TABELLE PER IL CALCOLO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE PREVISTI DALLA LEGGE 10/77 In applicazione delle tabelle parametriche approvate con L.R.T. 03.01.2005,

Dettagli

CAMPIGLIA MARITTIMA Provincia di Livorno

CAMPIGLIA MARITTIMA Provincia di Livorno COMUNE DI CAMPIGLIA MARITTIMA Provincia di Livorno SETTORE ASSETTO DEL TERRITORIO Servizio Edilizia OGGETTO: Regolamentazione oneri d urbanizzazione e costo di costruzione, L.R.T. 1/2005. Modifica alla

Dettagli

COMUNE DI GHEMME Regolamento per la determinazione del contributo di costruzione. Regolamento per la determinazione del contributo di costruzione

COMUNE DI GHEMME Regolamento per la determinazione del contributo di costruzione. Regolamento per la determinazione del contributo di costruzione COMUNE DI GHEMME Regolamento per la determinazione del contributo di costruzione Regolamento per la determinazione del contributo di costruzione APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 142

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

DIREZIONE URBANISTICA

DIREZIONE URBANISTICA DIREZIONE URBANISTICA LE VERIFICHE DI CONFORMITA URBANISTICO - EDILIZIA IN REGIME DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO (Deliberazione Consiglio comunale nr. 13/2014) SCHEDA INFORMATIVA

Dettagli

COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) Contributi per gli oneri di urbanizzazione e per il costo di costruzione relativi ai permessi di costruire e alle denunce di inizio attività Marzo 2010 Indice

Dettagli

COMUNE DIMESSINA DELIBERAZIONE ORIGINALE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO INSOSTITUZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Deliberazione n del...

COMUNE DIMESSINA DELIBERAZIONE ORIGINALE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO INSOSTITUZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Deliberazione n del... COMUNE DIMESSINA DELIBERAZIONE ORIGINALE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO INSOSTITUZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE o 219 r HIAR 2013 Deliberazione n del..... OGGEITO: AGGIORNAMENTO DEL COSTO DI COSTRUZIONE E

Dettagli