LA GRANDE SPECULAZIONE OVVERO IL GRANDE IMBROGLIO DELLO SPREAD Intervista a Leonardo Becchetti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA GRANDE SPECULAZIONE OVVERO IL GRANDE IMBROGLIO DELLO SPREAD Intervista a Leonardo Becchetti"

Transcript

1 LA GRANDE SPECULAZIONE OVVERO IL GRANDE IMBROGLIO DELLO SPREAD Intervista a Leonardo Becchetti 9/10 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente Interviste a cura di Alessandro Banfi, direttore di TgCom24

2 2 Partiamo dall inizio. Proviamo a dare una definizione di questo oggetto misterioso che ha condizionato le nostre vite negli ultimi due tumultuosi anni. Che cos è lo spread? Lo spread è la differenza di rendimento tra titoli italiani e titoli tedeschi. Cioè la differenza di rendimento che chi compra questi titoli vuole per compensare il fatto che i titoli italiani sono più rischiosi; Quindi c è un rischio fallimento maggiore, e quindi a fronte di questo gli investitori vogliono essere compensati con un rendimento più alto. Lo spread quindi misura il differenziale di rischio tra i due paesi.

3 3 A che cos è dovuto questo spread secondo lei? La variazione dello spread è dovuta all andamento della situazione politica dei due paesi però ha avuto molto spazio anche la speculazione. C è stato un periodo di bonaccia lunghissimo subito dopo l unione monetaria, quando lo spread praticamente non esisteva. Cioè il mercato non considerava diversamente rischiosi i titoli italiani e i titoli tedeschi; Dopodiché il mercato ha iniziato invece a considerare rischiosi questi titoli, a speculare, perché ha visto che poteva esserci in prospettiva una fine dell Euro (quindi una separazione tra paesi del Nord e del Sud dell Euro).

4 4 Questo è successo anche perché le promesse successive all inizio dell euro, che erano quelle di una sempre maggiore integrazione tra le due aree, non si sono realizzate. Anzi, le due aree hanno iniziato a divergere; Questa forte speculazione, che, lo sappiamo, è arrivata a livelli di 500/600 punti, si è all improvviso arrestata, l altalena è andata nella direzione completamente opposta quando questa estate ha fatto quel suo famoso discorso.

5 5 Perché Draghi ferma lo spread? Intanto perché lo spread era andato molto in alto e a quel punto veramente il rischio era quello di far saltare l Euro. Ma Draghi in quel momento ha detto che la Banca Centrale Europea si sarebbe opposta con tutte le forze possibili a questa possibilità e ha detto in maniera molto efficace, anche comunicativamente: siate sicuri che quello che faremo sarà abbastanza.

6 6 In effetti, facendo capire che la banca centrale, che oggi è l istituzione che oggi ha il potere più importante, che è quello di creare moneta, l atto creativo più importante in senso economico, avrebbe usato tutto questo potere per bloccare la speculazione; A quel punto gli speculatori hanno fatto due conti, hanno visto che la direzione di marcia nell altro senso era molto ampia e quindi hanno detto: meglio mettersi nella direzione del vento insieme alla Banca centrale. Uniamo le forze. E in quel modo hanno iniziato a guadagnare nell altra direzione.

7 7 Fondamentalmente quello che la speculazione vuole è, se il valore fondamentale di una cosa è 100, vuole creare prima un trend da una parte e poi dall altra. Perché è sui trend che si guadagna. Da 100 a 150 e da 150 a 100.

8 8 Tutto nasce però dall idea di speculare sui PIIGS. Sembra, dal punto di vista della ricostruzione giornalistica, che tutto nasce da una cena che Soros e altri grandi finanzieri fanno a febbraio 2010 a New York che scoprono, dopo la prima crisi greca (dicembre 2009), che c è questo punto debole: l Euro può essere attaccato. Nasce da un concetto di speculazione globale sull Europa. Senz altro. Diciamo che sempre quando c è un attacco speculativo c è una debolezza su cui lavorare.

9 9 Una debolezza di economia reale, di passo diverso tra le due economie. In un certo senso prima dell euro la differente velocità ed efficienza di Nord e Sud d Europa era compensata dal tasso di cambio; Il tasso di cambio era la valvola di sfogo che consentiva ai paesi meno efficienti di recuperare con una svalutazione e quindi con un aumento della competitività delle proprie merci.

10 10 Chiaro che poi la svalutazione aveva dei costi perché voleva dire inflazione importata, però comunque il cambio era la valvola di sfogo, in fondo è stata la valvola di sfogo anche in questa crisi per i paesi dell est Europa. Che hanno retto. Penso alla Polonia che ha svalutato del 25% lo zloty e non ha mai avuto il segno meno in tutta la crisi finanziaria; La scommessa dell Euro era invece quella di dire attraverso l Euro noi creiamo un processo di convergenza per cui questa è un area ottimale, o lo diventerà, un area dove piano piano l efficienza, la capacità delle economie, si avvicineranno sempre di più, dove le persone migreranno da un Paese all altro e questo creerà un area unica omogenea.

11 11 Tutto questo non è accaduto in questi anni. Con colpe da una parte e dall altra. Anche noi non siamo stati bravi a prendere l occasione dell Euro come una chance per migliorare la nostra competitività e quindi le divergenze sono aumentate; Anche perché i tedeschi hanno potuto avere il vantaggio, che non avevano prima, di vendere allo stesso rapporto di cambio con i Paesi del Sud, quindi non hanno dovuto competere con un cambio che si svalutava come la lira. E tutto questo ha aumentato le distanze e siamo arrivati al punto di oggi.

12 12 La tempesta sullo spread provoca una crisi evidente nell eurozona. A questa crisi si risponde però primariamente con delle politiche di austerità, di rigore, soprattutto fiscali. Questa ricetta oggi è un po messa in dubbio da tanti. Soprattutto da chi non ci aspetteremmo, come ad esempio, il Fondo monetario internazionale, che grazie al famoso studio di Blanchard sui moltiplicatori ha detto: guardate che quello che avete fatto, dal punto di vista del prelievo fiscale, ha avuto effetti tre volte maggiori a quelli che ci aspettavamo.

13 13 Questo è stato un punto di svolta molto importante. Perché per un po si è creduto all idea dei sostenitori del rigore: il rigore di per sé può produrre effetti espansivi, quella teoria che Krugman chiamava la pazza fiducia : basta il rigore per avere la fiducia dei mercati e questa farà ripartire l economia; Purtroppo questa idea si basa su dei modelli che hanno delle assunzioni che non reggono, perché in questi modelli si ipotizza che la gente, vedendo che lo Stato rimette a posto il bilancio, anticipi che in futuro ci saranno minori tasse e già oggi comincia a consumare di più.

14 14 Ora, questo funziona con persone con il nostro livello di cultura. Ma anche tenendo conto della mancanza di accesso al credito che c è, questa cosa non ha senso; Cioè non è vero che la signora che va a fare la spesa al mercato e non si trova più i soldi in tasca per il rigore fiscale consuma di più perché anticipa che dopo avrà meno tasse; Prima di tutto non avrebbe nemmeno la possibilità di accedere al credito, prendere a prestito e fare questo, sappiamo anche che uno dei problemi della crisi è la difficoltà di accesso al credito.

15 15 Quindi questo modello non regge e la cosa interessante è: finalmente il Fondo monetario arriva con un paper molto interessante. Quando ci dice che il moltiplicatore fiscale è maggiore di uno significa che quando facciamo una stretta, abbiamo degli effetti recessivi più che proporzionali; Quindi qualcosa che aggrava la situazione economica invece che migliorarla. Questo non vuol dire ovviamente che non dobbiamo mettere a posto i conti, ma vuol dire più precisamente che, mettendo a posto i conti, per il fatto stesso di mettere a posto i conti, non possiamo pensare di produrre un effetto positivo sul Pil e sulla crescita del Paese.

16 16 Quindi, in altre parole, dovendo sistemare i conti dello stato, la ricetta giusta non è quella o solo quella di aumentare la pressione fiscale, anche perché è arrivata a un livello insostenibile, ma tagliare la spesa pubblica? La ricetta giusta è quella di sistemare i conti dello stato, riducendo però le tasse. Quello che tutti vorrebbero fare. Come si fa a ridurre le tasse? Una strada è quella di rendere la spesa più efficiente, quindi tagliare alcuni voci di spesa; Per esempio i costi standard che eliminano i differenziali di costo sugli stessi prodotti nelle diverse regioni nella pubblica amministrazione.

17 17 Un altra possibilità è quella di accedere al tesoretto dell evasione, azzerando il differenziale di evasione tra Italia e altri Paesi, ma vincolandosi fin d ora con i nostri cittadini a usare questi soldi in più per ridurre le tasse; Ho fatto il conto e ci sarebbe lo spazio per un venti, trenta per cento se eliminassimo l evasione ( pagare meno, pagare tutti ). Quindi ci sono tutta una serie di strade. C è tutto il problema dei paradisi fiscali (alcuni paesi stanno intervenendo su questo), tutte le trattative con la Svizzera.

18 18 Insomma, ci sono delle fonti di entrata. C è l idea della dismissione del patrimonio pubblico, che ha le sue criticità. Però la questione fondamentale e tecnica è: non pensiamo che il rigore di per sé faccia ripartire il Paese; Bisogna affiancare il rigore, la rimessa a posto dei conti pubblici con qualcosa che faccia tornare i soldi nelle tasche dei cittadini perché quello può far ripartire il Paese.

19 19 Dal punto di vista delle grandi tendenze della macroeconomia sia il Giappone che gli Stati Uniti hanno preso strade diverse per combattere la crisi dalla nostra (del rigore). Hanno stampato moneta, hanno portato avanti politiche a favore della casa, dell infrastruttura, dell industria. Carlo De Benedetti sul Sole 24 Ore ha scritto, in sintesi: quanto potrà andare avanti l Europa in un mondo globalizzato in cui Giappone e Usa vanno da una parte e noi con la Merkel che andiamo da un altra?

20 20 Ho scherzato su Twitter dicendo che noi facciamo il Fiscal Compact e quindi l anno prossimo dovremmo avere 50 miliardi in più di tagli per ridurre il debito e il Giappone con il debito al 236% del Pil lancia una sfida aggressiva aumentando la spesa pubblica per far ripartire il Paese. O siamo matti noi o sono matti loro? Chiaramente sono due politiche completamente diverse. Ci troviamo a competere con Paesi molto aggressivi: il Giappone ha anche esplicitamente detto che manipolerà il tasso di cambio, per svalutarlo per aumentare la competitività delle proprie merci.

21 21 Gli Stati Uniti con lungimiranza hanno detto che la Banca Centrale deve occuparsi non solo dell inflazione della moneta, ma deve porsi direttamente un obiettivo di target di disoccupazione; L obiettivo cioè di non farla andare sopra il 6,5%. Allora a me sembra come fare la gara contro dei fuoristrada con i motori truccati e noi siamo su un pulmino di 27 e non siamo neanche al volante. Questo pulmino è un po antico.

22 22 Una grossa battaglia della nostra classe politica potrebbe essere quella di lavorare a livello comunitario per migliorare l approccio macro europeo. Che non deve diventare rischioso come il Giappone, dove un giorno potrebbe saltare il banco, ma deve sicuramente evolvere rispetto a quello che è adesso; Quindi scorporare gli investimenti infrastrutturali dal controllo del bilancio, cioè il problema di una politica monetaria moderna, espansiva, che si ponga l obiettivo del bene comune delle persone. Quindi perché no anche la disoccupazione.

23 23 Secondo lei la strada giusta sarebbe per i Paesi europei anche la rinegoziazione dello stesso Fiscal Compact? Io di questo sono assolutamente convinto. Oggi siamo in periodo elettorale e quindi non si può dire, ma è evidente che il Fiscal Compact con la pistola puntata degli speculatori e per convincerli abbiamo ecceduto nel voler dare un segnale di rigore.

24 24 Ma il Fiscal Compact vuol dire che il prossimo anno un paese come l Italia deve trovare 50 miliardi di euro di tagli. E questo con un Paese che cresce (previsioni dell anno prossimo) del - 1%, vuol dire che ci possiamo arrivare solo facendo inflazione, oppure rinegoziarlo; È evidente che, a mio avviso, per il bene dell Europa e per creare meccanismi espansivi, il Fiscal Compact è una camicia di forza un po troppo rigida per il Paese.

25 25 Quanto è costato davvero lo spread. Su questo c è un aspra polemica tra Monti e Brunetta, perché Mario Monti ha scritto che il calo dello spread ha fruttato 200 miliardi. Poi se l è un po rimangiato. Ma Brunetta l ha comunque criticato perché ha fatto un calcolo e ha detto: la spesa pubblica italiana è di 800 miliardi circa all anno, il massimo che lo spread può avere come difficoltà di vendere i titoli all asta è di 6/7 miliardi al massimo. Come faceva l Italia a essere sul baratro per lo spread?

26 26 L Italia era sul baratro perché non dobbiamo calcolare il costo dello spread solamente come differenza tra 500 e 200 o 100, ma dobbiamo pensare che era una situazione dinamica che se peggiorava ancora poteva esplodere e arrivare alla soglia del default. Le cose possono peggiorare in modo molto veloce sui mercati finanziari; Se dobbiamo invece calcolare a bocce ferme il costo dello spread allora le cifre non sono così grosse. Perché il nostro debito pubblico è di miliardi e noi stiamo parlando di due o tre punti di tassi di interesse su miliardi, quindi sono 80 miliardi.

27 27 Ma visto che il debito viene rinegoziato nell arco di sette anni e siamo a un settimo (considerando un anno di crisi) di quei 70 miliardi (non erano 80?). Quindi, vedendo il periodo storico in cui siamo stati in crisi il costo è stato di qualche miliardo o di una decina di miliardi; Ma il problema, ripeto, è che non possiamo guardare le cose a bocce ferme. In quel momento bisognava fare qualcosa per fermare quell emorragia e quel rischio che le cose sarebbero andate ancora peggio. Con quella situazione e con quei mercati.

28 28 Come fare a proteggersi per non essere più vittime della speculazione? Da domattina Bisogna togliere una cosa seria come il debito pubblico dai denti della speculazione, quindi lo scudo anti-spread. Noi ne siamo usciti, non ce lo dimentichiamo, perché Draghi ha detto che sarebbe intervenuto e perché ha messo in moto un meccanismo che teoricamente scinde il tasso di interesse, che si può determinare per il pagamento del debito pubblico, dai venti della speculazione; Quindi c è questa possibilità di separare in momenti di crisi, quando gli stati lo chiedono, il tasso sul debito da eventi speculativi.

29 29 Questo stesso principio è fondamentale perché ha fatto capire agli speculatori che i governi e le banche centrali avevano l intenzione molto decisa e forte di mettere al riparo una cosa così delicata, così importante e fragile per il bene di tutti come il debito pubblico e il welfare, dai venti della speculazione; Quindi, la questione fondamentale è stato questa, non possiamo affidarci solo del mercato, che non è in grado di autoregolarsi su una cosa così delicata come il debito pubblico. Io scherzo, ma è come dire che nella circolazione stradale dobbiamo abolire i semafori e lasciare andare tutti il più veloce possibile perché tanto gli automobilisti si autoregolano. Non è così perché possono succedere tante cose. Quello che può succedere nella finanza è ancora più grave.

30 30 Lei parla di un tema di fondo a cui tiene tantissimo: la riforma della finanza. Lei in pratica dice che questa crisi, iniziata dal 2008 che si è propagata in Europa ed è durata 5 anni in America deve essere l occasione per fare una seria riforma della finanza. Esattamente, in un altra metafora ho detto che è come se noi avessimo un tubo che perde e che ha fatto allagare i piani inferiori. Invece di discutere il problema a monte litighiamo solo su chi deve passare lo straccio e chi deve pagare.

31 31 Dobbiamo riparare quella perdita. Che significa 3 o 4 regole fondamentali da cambiare, su cui tra l altro oggi c è consenso. Grandi istituzioni varie (vickers e likanen) hanno detto chiaramente qual è il problema: serve una separazione tra banche commerciali e banche d affari; Il caso Mps ce lo dimostra. Quando io metto dei soldi in una banca commerciale ci deve essere un divieto per quella banca di fare trading in proprio, di fare cioè attività speculativa che mette a rischio i soldi dei clienti e che poi consente alla banca di andare dalla Banca Centrale a chiedere il pagamento.

32 32 In un certo senso i depositanti sono gli scudi umani di queste banche conglomerate che fanno sia trading in proprio sia attività di deposito; Separando le due cose: Innanzitutto è una questione di trasparenza. Io metto i soldi in una banca tranquilla e so che i miei soldi sono tranquilli. Se voglio rischiare, voglio giocare, vado in un hedge found, vado al casinò. E so che mettendo i soldi lì se il casinò fallisce o l hedge found fallisce sono fallito anch io. Nessuno rimborserà i soldi, nessuno salderà quell istituzione. Questo è il punto fondamentale.

33 33 Scindere le due cose. Se chi ha comprato il derivato Alexandria fosse stato un hedge found e non una banca che aveva anche dei depositi non ci sarebbe stato il problema del salvataggio dei Monti Bond e dei Tremonti Bond. Questo è il punto fondamentale; Separare questi due mondi. E poi ci sono anche tutta una serie di regole, di controllo e di limiti nell uso dei derivati per funzioni di copertura, di trasparenze, di regolamentazione di tutti i titoli più complessi. Che secondo me sono le funzioni fondamentali su cui dobbiamo lavorare.

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà 864 QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

Dettagli

LA GRANDE SPECULAZIONE OVVERO IL GRANDE IMBROGLIO DELLO SPREAD Intervista a Renato Brunetta

LA GRANDE SPECULAZIONE OVVERO IL GRANDE IMBROGLIO DELLO SPREAD Intervista a Renato Brunetta LA GRANDE SPECULAZIONE OVVERO IL GRANDE IMBROGLIO DELLO SPREAD Intervista a Renato Brunetta 5/10 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente Interviste

Dettagli

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una vera Europa sociale ed un altra politica industriale Roma Camera dei Deputati 14 Gennaio 2015 Maurizio LANDINI segretario generale

Dettagli

di prossima pubblicazione:

di prossima pubblicazione: di prossima pubblicazione: 1 (la sintesi) Fare cessare l artificiale scarsità di moneta in Italia L economia italiana sta asfissiando a causa della scarsità di moneta. Gli altri problemi di sprechi e inefficienze

Dettagli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli Già si erano visti alcuni segnali preoccupanti prima di Pasqua, con la Borsa di Milano tornata

Dettagli

16 aprile 2014 Ecco come funziona il cervellone che protegge l'euro (e perché al Sud viene imposta austerity anche in fasi recessive) di Vito Lops

16 aprile 2014 Ecco come funziona il cervellone che protegge l'euro (e perché al Sud viene imposta austerity anche in fasi recessive) di Vito Lops 16 aprile 2014 Ecco come funziona il cervellone che protegge l'euro (e perché al Sud viene imposta austerity anche in fasi recessive) di Vito Lops A fine maggio si terranno le elezioni per il rinnovo del

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano GABRIELLA tanti master,

Dettagli

Dollaro. Un grande punto interrogativo

Dollaro. Un grande punto interrogativo Dollaro. Un grande punto interrogativo Qualcosa sembra sfuggire, in questi giorni, agli occhi di noi comuni mortali. Dopo numerosi anni, il target del 6,5 così tanto ambito dalla Fed, sul tasso di disoccupazione,

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Dalla crisi economica alla crisi sociale: cause e rimedi

Dalla crisi economica alla crisi sociale: cause e rimedi Dalla crisi economica alla crisi sociale: cause e rimedi I numeri della disoccupazione Cercano lavoro 3 milioni 12% Scoraggiati 3 milioni 12% TOTALE 6 MILIONI 24% DISOCCUPAZIONE GIOVANILE 40% (700mila)

Dettagli

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Facoltà di Scienze Politiche - Università di Bari Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Modulo 10 L Integrazione Monetaria: lo SME Lo SME Rapporto Werner (1970): successo del mercato

Dettagli

Trento, 9 novembre 2006. DISCUSSIONE DELLA PROPOSTA DI MOZIONE n. 327. BOMBARDA (Verdi e Democratici per l Ulivo): Grazie, signor

Trento, 9 novembre 2006. DISCUSSIONE DELLA PROPOSTA DI MOZIONE n. 327. BOMBARDA (Verdi e Democratici per l Ulivo): Grazie, signor Trento, 9 novembre 2006 DISCUSSIONE DELLA PROPOSTA DI MOZIONE n. 327 BOMBARDA (Verdi e Democratici per l Ulivo): Grazie, signor Presidente. Io sono stato più parco nei consumi di tempo e quindi mi ritrovo

Dettagli

MILENA GABANELLI IN STUDIO

MILENA GABANELLI IN STUDIO COME VA A FINIRE? Contanti saluti al nero aggiornamento del 15/4/2012 Di Stefania Rimini MILENA GABANELLI IN STUDIO Il 15 aprile scorso abbiamo proposto di ridurre drasticamente l uso del contante. Perché

Dettagli

COSA BOLLE SUL FRONTE SVIZZERO (Chi ci guadagna e chi ci perde)

COSA BOLLE SUL FRONTE SVIZZERO (Chi ci guadagna e chi ci perde) 861 COSA BOLLE SUL FRONTE SVIZZERO (Chi ci guadagna e chi ci perde) 19 gennaio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà EXECUTIVE

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE DI LELLO, DI GIOIA, LOCATELLI, PASTORELLI, GIGLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE DI LELLO, DI GIOIA, LOCATELLI, PASTORELLI, GIGLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 762 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI DI LELLO, DI GIOIA, LOCATELLI, PASTORELLI, GIGLI Delega al Governo per la riforma dell ordinamento

Dettagli

La crisi del settore bancario in Europa

La crisi del settore bancario in Europa La crisi del settore bancario in Europa 26 ottobre 2011 Christine Lagarde, direttrice del Fondo Monetario Internazionale, già ad agosto aveva dichiarato che occorrevano circa 200 miliardi di Euro per ricapitalizzare

Dettagli

In mano a dei cretini

In mano a dei cretini In mano a dei cretini Perfino Weidmann apre all acquisto di bond dell area euro? Personalmente sono contrario alle politiche quantitative, fatta eccezione per la fase 1 della Fed, che si è resa utile a

Dettagli

LO SPREAD IN CALO NON GUARISCE

LO SPREAD IN CALO NON GUARISCE 43 ALLEGATO i dossier www.freefoundation.com LO SPREAD IN CALO NON GUARISCE TUTTI I MALI DEI TITOLI DI STATO Editoriale de Il Giornale, 5 marzo 2012 5 marzo 2012 a cura di Renato Brunetta 2 Passata o quasi

Dettagli

LA DIFFICILE BATTAGLIA CONTRO LA DISOCCUPAZIONE E LE STRATEGIE DI POLITICA MONETARIA

LA DIFFICILE BATTAGLIA CONTRO LA DISOCCUPAZIONE E LE STRATEGIE DI POLITICA MONETARIA 237 LA DIFFICILE BATTAGLIA CONTRO LA DISOCCUPAZIONE E LE STRATEGIE DI POLITICA MONETARIA 11 luglio 2013 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 06 La crisi dello SME-Sistema Monetario Europeo (capitolo 2) La crisi messicana (capitolo 2) La crisi dello SME - 1 La caduta degli accordi di Bretton

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 Mathema Advisors: Market Report Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 CONTENUTI Pag.3 - Analisi Macro: Quadro Globale Pag.6 - Analisi del Rischio Pag.9 - Disclaimer 2 Analisi Macro Quadro

Dettagli

Euro sì, euro no, euro forse. 29/6/2012

Euro sì, euro no, euro forse. 29/6/2012 La crisi dell eurozona: un film già visto Debito sovrano? Debito sovrano!? Alberto Bagnai Dipartimento di Economia Università Gabriele d Annunzio CREAM Université de Rouen http://goofynomics.blogspot.it/

Dettagli

GIU LE MANI DAI MIEI SOLDI. COME PROTEGGERSI DA EVENTI MOLTO IMPROBABILI

GIU LE MANI DAI MIEI SOLDI. COME PROTEGGERSI DA EVENTI MOLTO IMPROBABILI GIU LE MANI DAI MIEI SOLDI. COME PROTEGGERSI DA EVENTI MOLTO IMPROBABILI In questo Diario di Bordo parliamo in sintesi: - Non ti ho mai Amato (ricordi della patrimoniale) - Cipro alla Ue: i depositi non

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI?

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? Il testo riprende Cozzi T. (2013), La crisi e i moltiplicatori fiscali, in Moneta e credito, n. 262, i dati sono invece aggiornati e resi disponibili

Dettagli

L apprendistato è la locomotiva dell'economia tedesca

L apprendistato è la locomotiva dell'economia tedesca INTERVISTA L apprendistato è la locomotiva dell'economia tedesca Gabriele Catania 10 novembre 2011 L apprendistato è una delle forze dell'economia tedesca, spiega a Linkiesta Klaus F. Zimmermann, uno dei

Dettagli

MANIFESTO PER LA BUONA FINANZA

MANIFESTO PER LA BUONA FINANZA CGIL CGIL ISRF FISAC Lab Presentazione alla stampa del: MANIFESTO PER LA BUONA FINANZA Le banche al servizio del paese Conferenza Stampa 03 / 07 / 2013 - ore 12:30 Cgil Nazionale - Sala Santi, Corso d

Dettagli

Dati in milioni di euro.

Dati in milioni di euro. Il debito pubblico è fortemente legato al Signoraggio Bancario, e senza fare complottismo, vediamo di capire se il debito è una truffa o no. Per rendere evidente il fatto che il signoraggio non è un argomento

Dettagli

BANQUE PRIVÉE EDMOND DE ROTHSCHILD EUROPE

BANQUE PRIVÉE EDMOND DE ROTHSCHILD EUROPE BANQUE PRIVÉE EDMOND DE ROTHSCHILD EUROPE Crisi dell Euro: il rischio bancario Giorgio Solcia Vicenza, 25 giugno 2012 Credenze incrollabili...crollate Gli immobili sono un investimento sicuro che non farà

Dettagli

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE ALDO SMOLIZZA* Qualche anno fa svolgevo un attività internazionale e a seguito di quell attività conoscevo molto bene le indicazioni del Fondo Monetario Internazionale.

Dettagli

Crisi finanziaria e politica economica

Crisi finanziaria e politica economica Crisi finanziaria e politica economica * Istituzioni finanziarie e governi I progressi finanziari degli ultimi mesi sono stati piuttosto eclatanti. Essi hanno prodotto dei grandi cambiamenti all interno

Dettagli

Breaking news. Quattro chiare domande

Breaking news. Quattro chiare domande Breaking news La BCE mantiene invariato il suo supporto al sistema bancario in Grecia. L Eurogruppo esclude ulteriori negoziati con la Grecia fino al referendum. Il Primo Ministro greco Tsipras invia una

Dettagli

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici:

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici: Random Note 1/2015 OUTLOOK 2015 : VERSO LA NORMALIZZAZIONE? La domanda a cui, con la nostra analisi di inizio anno, cerchiamo di dare una risposta è se nel 2015 assisteremo ad un ritorno alla normalizzazione

Dettagli

Relazione del Presidente dell ABI Antonio Patuelli

Relazione del Presidente dell ABI Antonio Patuelli ACRI 91ª GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO Risparmio e ripresa in una nuova Europa Relazione del Presidente dell ABI Antonio Patuelli Roma, Palazzo della Cancelleria 28 ottobre 2015. INTERVENTI ABI 2015

Dettagli

E SI SCOPRÌ CHE LO SPREAD ERA L INDICATORE SBAGLIATO

E SI SCOPRÌ CHE LO SPREAD ERA L INDICATORE SBAGLIATO E SI SCOPRÌ CHE LO SPREAD ERA L INDICATORE SBAGLIATO Siamo corsi dietro un elemento che induce valutazioni sbagliate per gli investimenti di lungo termine. Parola di Fitch 25 marzo 2013 a cura del Gruppo

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

LA MERKEL CI VUOLE COMPRARE

LA MERKEL CI VUOLE COMPRARE 14 i dossier www.freefoundation.com LA MERKEL CI VUOLE COMPRARE MA NOI POSSIAMO DIFENDERCI Editoriale de Il Giornale, 6 agosto 2012 6 agosto 2012 a cura di Renato Brunetta 2 I mercati hanno sempre ragione.

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 Marzo 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL UNA DELLE MILLE RAGIONI PER INDIGNARSI

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL UNA DELLE MILLE RAGIONI PER INDIGNARSI (LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL TRADUTTORE, MICHELE ORINI) UNA DELLE MILLE RAGIONI PER INDIGNARSI Vicenç Navarro 13/01/2014 Se

Dettagli

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta 357 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Usa: il «sequestro» Cosa è successo negli

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Sempre più aziende italiane ritornano nel Bel Paese. Cina la più colpita dal back-reshoring

Sempre più aziende italiane ritornano nel Bel Paese. Cina la più colpita dal back-reshoring 1 / 5 a S 399932 E Classifica: 468 h Crea sito cooperator-veritatis Rassegna Stampa Giornaliera Cerca Home di esempio. Pubblicato il 27 luglio 2015 da Gianni-Taeshin Da Valle Precedente Successivo Sempre

Dettagli

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una vera Europa sociale ed un altra politica industriale Roma Camera dei Deputati 14 Gennaio 2015 Marcello MINENNA docente di Finanza

Dettagli

Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding. Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan

Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding. Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan venerdì 25 giugno 2010 Buon pomeriggio. Un cordiale saluto al Ministro

Dettagli

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento LE NUOVE MISURE FISCALI Taglio del cuneo fiscale, riduzione dell Irap e maggiore tassazione delle rendite finanziarie. Questi i tre maggiori interventi del nuovo premier, ma quale effettivo impatto avranno

Dettagli

DAILY REPORT 18 Agosto 2014

DAILY REPORT 18 Agosto 2014 DAILY REPORT 18 Agosto 2014 Ecco qua alcune tabelle per valutare il Sistema Italia, in un momento in cui vediamo i nostri Titoli di Stato comprati come non mai, quasi si intravedesse la luce in fondo al

Dettagli

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI PRIMA FRODE Il governo (quello sovrano, non quello che ha rinunciato alla sovranità come il nostro) spende ciò che raccoglie con tasse e prestiti. FALSO!

Dettagli

Lezione 12 Risparmio privato e Debito Pubblico. Leonardo Bargigli

Lezione 12 Risparmio privato e Debito Pubblico. Leonardo Bargigli Lezione 12 Risparmio privato e Debito Pubblico Leonardo Bargigli Risparmio privato Gli individui desiderano risparmiare per poter trasferire potere d acquisto nel tempo e per poter coprire necessità impreviste

Dettagli

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore 2013 ad est dell equatore vico orto, 2 80040 pollena trocchia (na) www.adestdellequatore.com info@adestdellequatore.com [uno] Milano. Un ufficio

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

Pane e Derivati: di cosa si nutrono le banche e che cosa le intossica. Il caso MPS LeggiOggi.it

Pane e Derivati: di cosa si nutrono le banche e che cosa le intossica. Il caso MPS LeggiOggi.it Pane e Derivati: di cosa si nutrono le banche e che cosa le intossica. Il caso MPS LeggiOggi.it Analisi sui contratti di finanza derivata e sulla crisi finanziaria di MPS In questi giorni non si parla

Dettagli

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds Relazione Semestrale al 30.06.2013 Fondo ADVAM Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 1.903.000 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA

Dettagli

MANUALE MONEY MANAGEMENT

MANUALE MONEY MANAGEMENT 1 MANUALE MONEY MANAGEMENT BY SNIPERTRADING 2 Disclaimer Le opinioni qui espresse sono quelle dell autore e non sono da intendersi come un offerta o una sollecitazione alla vendita o all acquisto di strumenti

Dettagli

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire di Olivier Blanchard 10 luglio 2015 Gli occhi del mondo sono tutti puntati sulla situazione economica della Grecia e le parti coinvolte continuano

Dettagli

Gardoni Finanza Consulenza finanziaria indipendente

Gardoni Finanza Consulenza finanziaria indipendente Cosa ci dobbiamo aspettare dai mercati obbligazionari nel 2015? Intervista a Paul Read (Co-Head di Invesco Fixed Interest Henley Gestore di Invesco Euro Corporate Bond, Invesco Pan European High Income

Dettagli

Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 4 di 7) La svalutazione. (di Marco Cavedon, postato il 17-02-2014).

Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 4 di 7) La svalutazione. (di Marco Cavedon, postato il 17-02-2014). Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 4 di 7) La svalutazione. (di Marco Cavedon, postato il 17-02-2014). L ultima volta abbiamo visto insieme come l inflazione non rappresenti affatto

Dettagli

VIEW WEEKLY del 12 luglio 2014 PUNTO SUI MERCATI

VIEW WEEKLY del 12 luglio 2014 PUNTO SUI MERCATI VIEW WEEKLY del 12 luglio 2014 PUNTO SUI MERCATI Peggioramenti in termini di lungo periodo sulle tre principali istituzioni bancarie francesi. In ordine Bnp Paribas, Societè Generale e Credit Agricole,

Dettagli

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Dipartimento di Scienze Politiche - Università di Bari Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Modulo 13 Il Patto di Stabilità Per poter usare la moneta unica, occorreva la convergenza

Dettagli

MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: LA MANOVRA CHE NON VEDRETE MAI

MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: LA MANOVRA CHE NON VEDRETE MAI 1057 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: Editoriale de Il Giornale, 1 novembre 2015 1 novembre 2015 a cura di Renato Brunetta 2 Era fine agosto e la confusione

Dettagli

INTERVISTA CON DON LAMBERTO PIGINI

INTERVISTA CON DON LAMBERTO PIGINI I PROTAGONISTI STORIE IMPRENDITORIALI lavorare con creatività INTERVISTA CON DON LAMBERTO PIGINI Dalla formazione all animazione, viaggio nell arcipelago del PiginiGroup: Eli, Rainbow, Eko, Tecnostampa,

Dettagli

www.businesstribe.it Michele Tampieri intervista GIACOMO DE CARLO Investimenti immobiliari

www.businesstribe.it Michele Tampieri intervista GIACOMO DE CARLO Investimenti immobiliari www.businesstribe.it Michele Tampieri intervista GIACOMO DE CARLO Investimenti immobiliari Michele : Giacomo : Michele : Giacomo : Buongiorno a tutti e benvenuti in Business Tribe, il blog di business

Dettagli

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici Giorgio Ricchiuti Cosa abbiamo visto fin qui Abbiamo presentato e discusso alcuni concetti e fenomeni aggregati: 1) Il PIL, il risparmio e il debito pubblico.

Dettagli

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo...

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... Esame e analisi critica di un business plan Premessa... 1 Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3 Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... 3 Analisi di

Dettagli

VIEW WEEKLY del 8 giugno 2014

VIEW WEEKLY del 8 giugno 2014 VIEW WEEKLY del 8 giugno 2014 NOVITA Prima di iniziare a descrivere quanto è accaduto in settimana e valutare alcune opportunità, volevo parlarvi delle novità di Money Risk Analysis. Questo sito ha preso

Dettagli

1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO

1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO 1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO 13 1.1 Cenni sull economia Nel 2013 l economia mondiale è cresciuta ad un ritmo modesto. Il Prodotto Interno Lordo (PIL) mondiale è salito del 3% circa, in linea con il +3,1%

Dettagli

EUROPA E RESTO DEL MONDO IN BORSA: IL GIUDIZIO DEI MERCATI

EUROPA E RESTO DEL MONDO IN BORSA: IL GIUDIZIO DEI MERCATI EUROPA E RESTO DEL MONDO IN BORSA: IL GIUDIZIO DEI MERCATI DEBITO EUROZONA LA FUGA DEGLI STRANIERI PIGS, EUROPA ABBIAMO UN PROBLEMA. SALVATAGGI IN CORSO Portogallo 78 miliardi Irlanda 85 miliardi Grecia

Dettagli

Traduzione dal romeno

Traduzione dal romeno Traduzione dal romeno Ziua pag. 3 Il Presidente della Commissione per Problemi d Immigrazione del Parlamento italiano, Sandro Gozi, ammonisce che, se la situazione continua, l Italia adottera misure dure

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Indice. 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI ECONOMIA POLITICA LEZIONE VII IL SETTORE MONETARIO PROF. ALDO VASTOLA Indice 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

L Europa e l euro. Francesco Daveri

L Europa e l euro. Francesco Daveri L Europa e l euro Francesco Daveri 1 Concetti di base: tasso di cambio nominale Il tasso di cambio nominale è il tasso al quale si può scambiare la valuta di un paese con quella di un altro paese che abbia

Dettagli

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 Contributi di licenziamento, nuova Aspi, «decantierizzazione». La macchina

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

Macroeconomia. quindi: C

Macroeconomia. quindi: C Macroeconomia. Modello Keynesiano Politica economica è interna. Quindi le uniche componenti che ci interessano per la domanda aggregata sono il consumo, gli investimenti e la spesa pubblica. (.) D = C

Dettagli

La Riforma monetaria è necessaria

La Riforma monetaria è necessaria La Riforma monetaria è necessaria http://www.empowernetwork.com/dataflex/blog/riforma-monetaria-e-necessaria/?id=dataflex In risposta alla recente crisi del debito finanziario e sovrano di tutto il mondo

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

CAMPAGNA ZEROZEROCINQUE

CAMPAGNA ZEROZEROCINQUE CAMPAGNA ZEROZEROCINQUE PER UNA TASSA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE Una piccola Tassa contro la speculazione, una grande risorsa per tutti! PERCHÉ UNA TASSA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (TTF)? La finanza

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 7 luglio A cura dell

Dettagli

La crisi finanziaria del 2007-2010

La crisi finanziaria del 2007-2010 La crisi finanziaria del 2007-2010 1 La cronologia Agosto 2007-Agosto 2008: il preludio alla crisi 31 luglio 2007: Bearn Sterns liquida due hedge funds (fondi speculativi) che investono in attività finanziarie

Dettagli

Aggiornamento sui mercati valutari

Aggiornamento sui mercati valutari 9 luglio 2014 Aggiornamento sui mercati valutari A cura di: Peter Butler, Emanuele Del Monte e Pietro Calati Il quadro di riferimento Il mercato dei cambi, dopo l introduzione del pacchetto di misure da

Dettagli

L intervento del sindaco sullo strumento di programmazione finanziaria. di Leopoldo Di Girolamo

L intervento del sindaco sullo strumento di programmazione finanziaria. di Leopoldo Di Girolamo Nelle difficoltà un bilancio di attenzione alla città L intervento del sindaco sullo strumento di programmazione finanziaria di Leopoldo Di Girolamo Approvato il bilancio preventivo 2010 dal Consiglio

Dettagli

PUNTIAMO SULL EXPO. Intervista LUCA PATANÈ

PUNTIAMO SULL EXPO. Intervista LUCA PATANÈ PUNTIAMO SULL EXPO LUCA PATANÈ È da alcuni mesi presidente di Confturismo. Nel 2001 diventa presidente di Uvet American express corporate travel, polo distributivo di servizi turistici nel mercato italiano

Dettagli

I rischi sono più vicini di quello che sembrano

I rischi sono più vicini di quello che sembrano Attenzione! I rischi sono più vicini di quello che sembrano 9 maggio, 2011 Dopo un eccezionale rally dell euro, in cui la moneta unica è passata dal livello di 1,25 dollari a 1,5 dollari, le preoccupazioni

Dettagli

ALBERTO BAGNAI: Ce lo chiede l europa MINIVIDEO 3

ALBERTO BAGNAI: Ce lo chiede l europa MINIVIDEO 3 ALBERTO BAGNAI: Ce lo chiede l europa MINIVIDEO 3 Trascrizione a cura di: Francesca De Munari [ 27:35-34:03 ] Giornalista: Ti faccio una domanda: il debito si può non pagare? O è un eresia economica? Alberto

Dettagli

8 febbraio 2013 Roberto Russo

8 febbraio 2013 Roberto Russo Facciiamo chiiarezza sull Monte deii Paschii! 8 febbraio 2013 Roberto Russo www.assitecasim.it Il Monte dei Paschi di Siena negli ultimi venti giorni è stato al centro di una campagna mediatica senza precedenti

Dettagli

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL L ENORME SCANDALO DELLE BANCHE PRIVATE

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL L ENORME SCANDALO DELLE BANCHE PRIVATE (LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL TRADUTTORE, MICHELE ORINI) L ENORME SCANDALO DELLE BANCHE PRIVATE Vicenç Navarro 2/10/2014 Una

Dettagli

Numero 7 del 4 febbraio 2013. Edito da Borsari Casa Editrice

Numero 7 del 4 febbraio 2013. Edito da Borsari Casa Editrice Numero 7 del 4 febbraio 2013 Edito da Borsari Casa Editrice Disclaimer: l intento di BorsariTrade è quello di analizzare i mercati nei loro movimenti passati e attuali, innanzitutto per capire come cambia

Dettagli

scuole medie* La Crisi Economica

scuole medie* La Crisi Economica Economia: una lezione per le scuole medie* La Crisi Economica Giacomo Calzolari Dipartimento di Scienze Economiche Università di Bologna http://www2.dse.unibo.it/calzolari/ * L autore ringrazia le cavie,

Dettagli

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II.

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II. Lezione 10 Intervista con la professoressa Elisabetta Pavan, docente di lingua inglese, traduzione e comunicazione interculturale dell Università Ca Foscari Venezia e dell Università di Padova. Tema: La

Dettagli

#innoviamo. Management. Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita. Alessandro Frè

#innoviamo. Management. Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita. Alessandro Frè #innoviamo Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita Alessandro Frè Non si fa altro che parlare di cambiamento, crescita, innovazione, crisi dei mercati, competizione sempre più

Dettagli

BANCHE CENTRALI: LA RISPOSTA ALLA CRISI. BCE E FED A CONFRONTO

BANCHE CENTRALI: LA RISPOSTA ALLA CRISI. BCE E FED A CONFRONTO 866 BANCHE CENTRALI: LA RISPOSTA ALLA CRISI. BCE E FED A CONFRONTO a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente Forza Italia EXECUTIVE SUMMARY

Dettagli

La settimana appena conclusa non ha portato nuove buone notizie sul fronte crisi area euro. Da

La settimana appena conclusa non ha portato nuove buone notizie sul fronte crisi area euro. Da Quadro Macroeconomico attuale e previsioni future La settimana appena conclusa non ha portato nuove buone notizie sul fronte crisi area euro. Da Eurogruppo/Ecofin e dal G7 non sono emerse novità di rilievo.

Dettagli

Camera dei Deputati 17 Audizione 8

Camera dei Deputati 17 Audizione 8 Camera dei Deputati 17 Audizione 8 XVI LEGISLATURA COMMISSIONI RIUNITE V-XIV SEDUTA DEL 27 SETTEMBRE 2011 a partire dal 2018 andrà avanti il nuovo sistema di finanziamento al bilancio comunitario, con

Dettagli

La legge Finanziaria per il 2002: alcune prime valutazioni Agostino Megale Antonio Ruda

La legge Finanziaria per il 2002: alcune prime valutazioni Agostino Megale Antonio Ruda La legge Finanziaria per il 2002: alcune prime valutazioni Agostino Megale Antonio Ruda 1. Il quadro macroeconomico alla base della Finanziaria 2002: da rivedere le stime sulla crescita 2. Mancanza di

Dettagli

Crisi del debito e recessione: gli scenari per il sistema bancario italiano

Crisi del debito e recessione: gli scenari per il sistema bancario italiano Banking Summit 2012 Tra declino e rilancio: la sfida delle banche italiane Crisi del debito e recessione: gli scenari per il sistema bancario italiano Gregorio De Felice Servizio Studi e Ricerche Milano,

Dettagli

ECCO COME USCIRE DALL EURO SENZA FAR SCOPPIARE L EUROPA

ECCO COME USCIRE DALL EURO SENZA FAR SCOPPIARE L EUROPA 871 ECCO COME USCIRE DALL EURO SENZA FAR SCOPPIARE L EUROPA (Editoriale di Renato Brunetta per Il Giornale) 8 febbraio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo

Dettagli

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La congiuntura economica Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income Angelo Drusiani Banca Albertini Syz & C. SpA - Milano

Dettagli

PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA

PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA DEBITI P.A. decreto del fare Di Emanuele Bellano PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA L impegno che il Ministero dell Economia in particolare sta attuando con grande determinazione

Dettagli