Cronache Sindacali. FISTel. odissea nel lavoro. Numero 12 Maggio/Luglio 2011 Anno III

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cronache Sindacali. FISTel. odissea nel lavoro. Numero 12 Maggio/Luglio 2011 Anno III"

Transcript

1 Numero 12 Maggio/Luglio 2011 Anno III 2012 odissea nel lavoro

2 pag. 2 In questo numero Guardiamo con responsabilità al futuro Intervista a Paolo Terrinoni Giovanni Giglio 3 RLa Rai servizio pubblico Una risorsa per l Italia di domani Caterina Zuccaro 4 Lo stress nel mondo lavorativo Claudia Parete 6 Forse non tutti sanno che Stefano Pellegrino 7 Emergenza Call Center Luca Bozzi 8 Pillole di sindacato Storia CISL, le tappe di un lungo cammino Il III Congresso confederale si svolge a Roma al Palazzo dei congressi dell Eur. Vi partecipano 662 delegati, di cui 261 rappresentanti delle Usp e 401 delle federazioni e sindacati di categoria. Gli iscritti alla Cisl sono I lavori sono presieduti da Renato Cappugi. La relazione generale viene illustrata ai congressisti da Bruno Storti, che dal 2 luglio 1958, cioè dal giorno successivo all ingresso di Giulio Pastore al Governo quale ministro per la Cassa del mezzogiorno, ha assunto la carica di segretario generale. Il tema congressuale è: Il sindacato democratico per lo sviluppo della società italiana ed europea. I punti principali affrontati nella relazione sono: l autonomia sindacale, il rapporto sindacato-partito, l unità dei lavoratori, la politica contrattuale. Il Congresso conferma la linea della Cisl di riferire l incremento salariale all incremento della produttività del lavoro; sollecita un maggior snellimento delle procedure della contrattazione, il riordinamento dell assetto zonale salariale e la parità di retribuzione tra uomo e donna. Viene inoltre ribadito il giudizio negativo sull attuazione dell articolo 39 della Costituzione e viene indicata, in linea di principio, l incompatibilità tra responsabilità sindacali e responsabilità politiche e parlamentari. Un particolare momento di emotività e fraternità associativa viene vissuto dai congressisti quando Bruno Storti consegna una medaglia ricordo all ex segretario generale e fondatore della Cisl, Giulio Pastore, che il Congresso con un apposito ordine del giorno, approvato all unanimità, elegge membro a vita del Consiglio Generale della Cisl. Questa la nuova segreteria: Bruno Storti (segretario generale), Dionigi Coppo (segretario generale aggiunto), Giovanni Canini, Paolo Cavezzali, Claudio Cruciani, Luigi Macario, Enrico Parri (segretari confederali). Periodico di informazione sindacale della -Cisl Roma e Lazio Numero 12 Maggio/Giugno/Luglio Anno III Direttore Editoriale: Paolo Terrinoni Vicedirettore Editoriale: Luca Bozzi Direttore Responsabile: Giovanni Giglio Comitato di redazione: Raffaele Gaglioti, Pasquale Legnante, Fabio Massimo Mignozzi, Giuliana Panitti, Loredana Pucci. Hanno collaborato: Claudia Parete, Stefano Pellegrino, Caterina Zuccaro Recapiti: Via Carlo Felice, Roma Tel. 06/ Fax 06/ Stampa: Puntografico 89 snc Tipografia - Roma Editore: - Cisl Roma e Lazio Via Carlo Felice, Roma Testata registrata presso il Tribunale di Roma al n. 405/2010 del 7 ottobre 2010 Foto copertina: Il logo Fistel in versione spaziale

3 pag. 3 Cronache Focus Guardiamo con responsabilità al futuro Adesso concentriamo l impegno per il rinnovo del contratto delle telecomunicazioni L a Federazione è in crescita, rispetto al 2009 stiamo ottenendo ottimi risultati sia in termini di rappresentanza all interno delle aziende, sia come percentuale di voti ottenuti. La Fistel Cisl di Roma e del Lazio è una realtà viva e pulsante che ha contribuito in maniera determinante a far riconquistare alla Fistel nazionale la seconda posizione nel panorama sindacale italiano. Si presenta così, con il sorriso sulle labbra ed un grande ottimismo Paolo Terrinoni, segretario generale della Fistel Cisl Roma e Lazio, illustrandoci questi tre anni con dati e situazioni nei quali il sindacato e la federazione romano laziale ha conseguito posizioni di rilievo. Ma entrando più nel merito, segretario Terrinoni, cosa è accaduto? Abbiamo preso in mano una Federazione commissariata con un compito difficilissimo, ridonargli una nuova vitalità e renderla nuovamente parte fondamentale del panorama sindacale locale e nazionale. Anni di intenso lavoro ma che hanno premiato il nostro impegno. I risultati sono arrivati e alle elezioni per gli RSU in Telecom Italia abbiamo raddoppiato i voti e i rappresentanti in azienda. Possiamo dire che in Fistel dopo queste elezioni c è aria di festa. C è aria di chi ha preso un impegno e adesso si deve rimboccare le maniche. Non nego che il risultato ci lusinga, alle elezioni RSU, la Fistel Cisl di Roma e del Lazio ha ottenuto un risultato molto interessante in controtendenza con le altre sigle sindacali che hanno perso consenso con percentuali anche significative. Tutto questo perché la Fistel Cisl di Roma e del Lazio si è calata meglio degli altri nelle necessità dei lavoratori, quindi, a fronte del risultato ottenuto, sentiamo maggiormente la responsabilità del nostro futuro. Un settore, quello delle telecomunicazioni, che vi vede molto impegnati e sul quale traspaiono molte preoccupazioni. Indubbiamente. Soprattutto sul piano industriale che prevede la societarizzazione delle quattro linee del core businnes aziendale. Come federazione romano laziale la nostra è una posizione di assoluta opposizione agli eventuali scenari, cioè di scorporare l unicità di Telecom Italia in 4 società, una per l informatica SSC dove nei prossimi giorni verranno conferiti i restanti 1176 lavoratori di IT, una per la Rete (T.I. OPAC), una per il Customer ( ) in Telecontact Center oppure in una Newco, e l ultima delle aree di Staff (Telecom Italia A.S.), il tutto coordinato da una Telecom Holding. Piano industriale, ma anche il rinnovo del contratto scaduto il 31 dicembre 2011 Siamo in una situazione di stallo. Va respinta l idea di produrre una rottura dell assetto contrattuale, nell idea che relegare il settore dei Customer in un contratto più povero possa consentire risparmi economici alle aziende committenti. Appare incomprensibile, a sette mesi dalla scadenza, che non si sia ancora definito l accordo di rinnovo, lasciando decine di migliaia di lavoratrici e lavoratori senza il doveroso recupero del potere di acquisto delle retribuzioni in un momento in cui la crisi economica richiederebbe nuovo slancio ai consumi interni. Grandi tensioni quindi, che rendono difficile il confronto. In sintesi, cosa c è dietro questo scontro duro e crudo che coinvolge i sindacati e la principale azienda telefonica nazionale. La posizione di Telecom sul riassetto è del tutto inaccettabile e non fa altro che alzare il livello di tensione con il sindacato. Se queste sono le premesse alla discussione sul piano d impresa appare evidente che questa politica miope da parte aziendale mette in serie difficoltà la tenuta di un corretto confronto di Relazioni Industriali a partire dal rinnovo del contratto, creando inevitabilmente un duro scontro con Telecom. Sindacato e lavoratori Telecom sapranno rispondere con durezza e uniti a questi processi basati sul principio del dividi ed impera o a logiche di riorganizzazione che mettono a rischio il futuro dei lavoratori. Se da un lato la riorganizzazione aziendale è condizione fondamentale per la sopravivenza della stessa e conseguentemente a garantire un futuro certo per i dipendenti, è del tutto evidente che sarà necessario realizzarla in piena trasparenza, evitando operazioni clientelari e di bassa gestione del potere. Giovanni Giglio Direttore responsabile

4 pag. 4 Federazione - Informazione/Media La Rai servizio pubblico Una risorsa per l Italia di domani L a RAI, si dice, è lo specchio del Paese. Ma se, invece, fosse vero il contrario, e fosse il Paese ad essere lo specchio della RAI? Nel senso che, nonostante il web vada assumendo un peso sempre maggiore, i media tradizionali, quindi la radio e, soprattutto, la televisione, restano ancora il più potente e influente mezzo di comunicazione culturale e commerciale e di fabbricazione del consenso (sociale ed elettorale). La nascita della televisione commerciale, ha innescato la trasformazione del telespettatore da cittadino a consumatore, destinatario pertanto, di messaggi di promozione di beni di consumo più che di messaggi di contenuto culturale e formativo. La scelta di misurare l audience in termini quantitativi, trascurando completamente l aspetto qualitativo (indice di gradimento), è figlia di questa impostazione. La RAI invece di contrastare i competitori commerciali con un offerta alternativa di alto livello, ha fatto sua, anche per ragioni economiche, questa logica, rincorrendo la concorrenza in una gara al ribasso qualitativo del prodotto trasmesso. Oggi è difficile distinguere il servizio pubblico dalla televisione commerciale. La televisione ha avuto un ruolo primario nella regressione culturale che ha investito la società italiana negli ultimi 25 anni e la RAI ha fatto la sua parte, dando così ragione ai detrattori del servizio pubblico radiotelevisivo, che ne propugnano l abolizione. Eppure, il servizio pubblico radiotelevisivo è una realtà viva e operante in tutte le grandi democrazie, dove è considerato strumento indispensabile per garantire al cittadino un informazione imparziale, una programmazione tesa alla promozione e diffusione della cultura ed alla formazione del cittadino-utente, oltre che alla rappresentanza delle minoranze sociali, culturali e religiose, concorrendo in tal modo all ampliamento della partecipazione democratica ed allo sviluppo economico e culturale del Paese. Obiettivi non necessariamente perseguiti dalla televisione commerciale, il cui fine primario è la produzione di profitti. Tale concetto è stato più volte ribadito anche in sede europea. Ad esempio, nel Protocollo n. 32 sul sistema di radiodiffusione pubblica negli Stati membri allegato al trattato di Amsterdam (1997), si riafferma la legittimità del finanziamento pubblico degli organismi di radiodiffusione, in quanto adempiono alla missione di servizio pubblico conferita, definita e organizzata da ciascuno Stato membro. In tale ottica, il medesimo documento sottolinea l opportunità di una proprietà anch essa pubblica delle concessionarie. Come si vede anche solo da questo, quella della RAI, non è un anomalia, come surrettiziamente si è voluto far credere all opinione pubblica, ma la regola in tutta Europa. La deriva qualitativa imboccata dalla RAI negli ultimi due decenni regala, però, più di una freccia all arco dei suoi detrattori ed impone un profondo ripensamento del modello di governance e delle scelte strategiche e di programmazione dell Azienda cui la legge affida la gestione del servizio pubblico. A ciò va però associata la garanzia di risorse economiche tali da consentire all Azienda di ottemperare agli impegni previsti dal Contratto di Servizio, attingendo il meno possibile agli introiti pubblicitari e comunque mantenendo ben separate ed individuabili le due contabilità. La RAI è un Azienda di diritto privato, ma di proprietà pubblica: attualmente, l azionista di maggioranza (99%) è infatti il Ministero dello Sviluppo Economico. Con lo Stato, essa stipula una Convenzione di durata ventennale, che le attribuisce la gestione esclusiva del servizio pubblico radiotelevisivo. Quella attualmente vigore scade nel La Convenzione viene integrata ogni tre anni da un Contratto di Servizio, attualmente in scadenza, che stabilisce quali compiti deve rispettare l Azienda nel periodo di vigenza. Di fatto, esso costituisce uno dei punti di criticità finanziaria dell Azienda, poiché, in particolare negli ultimi decenni, al moltiplicarsi degli obblighi non è corrisposto una adeguato incremento delle risorse garantite (da canone), per cui le entrate da pubblicità hanno finito per avere un peso sempre maggiore anche in ordine alla realizzazione di programmazione prettamente da servizio pubblico. Prima del 1975, l Azienda era di proprietà dell IRI (allora ente pubblico) e veniva di fatto controllata dal Governo, che, in forma diretta o indiretta, ne nominava il Consiglio di Amministrazione. In seguito alla sentenza della Corte Costituzionale n. 225 del 10 luglio 1974, che affermava la necessità di sottrarre il servizio pubblico al controllo diretto dell Esecutivo, nel 1975 il Parlamento approvò quella che resta l ultima riforma strutturale della governance RAI, accogliendo il suggerimento della Suprema Corte e spostando il potere di controllo sul servizio pubblico radio-televisivo dal Governo al Parlamento, che lo avrebbe esercitato attraverso un apposita Commissione Permanente. A questa era anche demandata l elezione di ben 10 dei 16 membri del CdA (gli altri 6 li designava l assemblea dei soci). Nell applicazione di tale normativa, però, la buona intenzione della Corte finì per aprire la strada all occupazione partitica della RAI, attraverso la cosiddetta lottizzazione. Infatti, in nome di un pluralismo assolutamente malinteso, si operò una vera e propria attribuzione delle reti ai partiti: la prima, e il TG1, alla DC; la seconda, e il TG2 al PSI, all epoca alleati di governo. E siccome bisognava dar voce all opposizione, si inventarono la terza rete e il TG3, attribuendoli al PCI. Una spartizione Governo/ Opposizione che andò perfezionandosi negli anni successivi e che, basandosi anche sul peso elettorale dei vari partiti politici e delle loro componenti interne, finì per diventare pervasiva, investendo tutte le cariche dirigenziali e finanche funzionariali dell Azienda. Spesso anche in barba ad ogni criterio di competenza. E una situazione che nessuno degli interventi legislativi susseguitisi negli anni riguardo alle procedura di nomina degli organismi gestionali della RAI ha mai modificato. Si è guardata bene dal farlo anche l ultima legge di sistema, quella 3 maggio 2004 n. 112, meglio nota come legge Gasparri, che nel suo impianto si spinge fino a prefigurare la privatizzazione della RAI, fissandone addirittura le scadenze temporali. Fortunatamente, le modalità previste sono tali da risultare assolutamente inappetibili per qualunque investitore e dunque restano a tutt oggi inattuate. Pertanto, in attesa della Dismissione della partecipazione dello Stato nella RAI-Radiotelevisione italiana Spa prevista dall art. 21, le procedure di nomina del Consiglio di Amministrazione, del suo Presidente e del Direttore Generale della RAI restano quelle transitorie, previste dall art. 20 comma c. Dei nove membri del CdA proposti all approvazione dell Assemblea dei Soci, due membri vengono designati dall azionista di maggioranza, cioè il Ministero dello Sviluppo Economico, e sette indicati dalla Commissione Parlamentare per l indirizzo e la vigilanza. Tra i due membri di designazione governativa viene scelto il presidente, che deve essere confermato dal parere favorevole dei 2/ 3 della Commissione di Vigilanza, la cui composizione rispecchia in maniera proporzionale quella del Parlamento. Il preponderante condizionamento partitico in tale procedimento appare del tutto evidente e si ripercuote anche nella scelta del Direttore Generale, la cui elezione, che lo Statuto Sociale Rai affida al CdA, soffre dello stesso vizio di origine. Una sorta di domino, una reazione a catena che estende la spartizione a tutti i livelli aziendali appetibili, fino all affidamento degli appalti e ai contratti di collaborazione, molti dei quali spesso i più costosi - l Azienda subisce per input diretto della politica. Va rilevato, inoltre, che il modello di governance aziendale previsto dal citato Statuto Sociale, la cui ultima modifica risale al 2011, oltre che inadeguato rispetto alla necessità di decisioni rapide imposta dalla particolarità del mercato proprio dell Azienda, fa sì che le stesse decisioni e scelte aziendali siano improntate a criteri di opportunità politico-partitica, condizione esiziale per la RAI, in un Paese che a 22 anni dalla Legge Mammì, che legittimava l emittenza radiotelevisiva privata, non ha saputo/voluto risolvere l anomalia di quel gigantesco conflitto d interessi che, negli ultimi vent anni ha visto per ben 4 volte il principale imprenditore radiotelevisivo italiano alla Presidenza del Consiglio dei Ministri. Il necessario rilancio della RAI come servizio pubblico radiotelevisivo, capace di adempiere alla sua missione di educare, intrattenere, formare (senza annoiare!) e di dare veramente voce alle minoranze sociali, culturali

5 pag. 5 Cronache Federazione - Informazione/Media e religiose non può prescindere dal suo affrancamento dal condizionamento della politica, sia nella sua espressione partitica che in quella governativa. Questo implica il superamento della Legge Gasparri e l individuazione di assetti che pur restando pubblici, come raccomandato da diversi documenti europei, le diano completa autonomia di scelte e di gestione. Il che non significa necessariamente sottrarre la nomina del CdA al Parlamento, espressione rappresentativa più alta del Paese, cui, nella sentenza citata, la stessa Corte Costituzionale la demanda. Significa, più semplicemente, fare in modo che, nella scelta dei Consiglieri siano vincolanti quei criteri di riconosciuto prestigio e competenza professionale e di notoria indipendenza di comportamenti e di particolare distinzione in attivita' economiche, scientifiche, giuridiche, della cultura umanistica o della comunicazione sociale che la stessa legge Gasparri prevede (art. 20, comma 4), ma che finora sono stati quasi sempre disattesi dai nominanti. Un primo passo in questa direzione di questa restituzione di autonomia alla Concessioanria del servizio pubblico vogliamo credere che sia il colpo di mano del Presidente del Consiglio Mario Monti, che in una situazione di totale stallo della politica, con un Azienda in profonda crisi, e con un CdA abbondantemente scaduto, ha voluto designare il nuovo Presidente della RAI e, forzando un po lo Statuto, indicarne preventivamente il Direttore Generale. Una mossa che Monti ha dichiarato di voler integrare con una modifica dello Statuto Sociale che, nei limiti imposti dalla legge, accresca in misura significativa i poteri decisionali di Presidente e DG, fin quasi a farne una sorta di amministratore delegato con ampia autonomia anche nella nomina dei dirigenti di prima fascia non editoriali, restando sembrerebbe - la nomina dei dirigenti editoriali nella competenza dell intero Consiglio. Pur riaccentuando, come sostengono i critici, il peso governativo nella RAI, una governance di questo tipo rappresenterebbe uno snellimento notevole dei processi decisionali ed un loro parziale affrancamento dal condizionamento diretto della politica partitica, in attesa della necessaria riforma della legge Gasparri, che l attuale composizione del Parlamento rende di difficile realizzazione. Proprio nella prospettiva di questa riforma, varrà la pena di riflettere sulla opportunità di separare l organismo di controllo e di indirizzo strategico da quello più squisitamente gestionale ed editoriale, funzioni attualmente tutte attribuite al CdA, con singolari sovrapposizioni di ruolo. Non c è da inventare nulla, basta guardare cosa avviene in altri contesti europei e scegliere il modello più efficace. D altra parte, non si può parlare di rilancio della RAI e del ruolo del servizio pubblico nelle sue varie articolazioni, se non si offre alla concessionaria certezza e continuità di adeguate risorse. Attualmente, la RAI si finanzia attraverso tre fonti: il canone, la pubblicità, la vendita di diritti. I ricavi da canone sono pari al 51,8 % del totale, gli introiti pubblicitari superano di poco il 40% e risultano attualmente in calo, la restante quota è coperta dalla vendita dei diritti. Va rilevato, peraltro, che, anche a seguito di campagne d opinione negative paradossalmente sostenute anche a livello politicoistituzionale, il pagamento del canone ordinario viene evaso per oltre il 25%, pari a circa 500 milioni di euro, mentre l evasione di quello speciale ammonta a circa 900 milioni di euro. In tale divario tra introiti attesi e introiti effettivamente riscossi, a fronte di obblighi derivanti dal Contratto di Servizio progressivamente aumentati negli ultimi rinnovi e inadeguatamente compensati da aumenti del canone o altre forme di finanziamento pubblico, sta tutta l attuale crisi economica della RAI. La quale, come prescritto dalla legge Gasparri, in questi anni ha dovuto anche provvedere alla digitalizzazione del sistema di trasmissione, realizzata totalmente a suo carico, cioè senza la corresponsione di alcun contributo da parte dello Stato, come invece è avvenuto in altri Paesi. Ora che la conversione è praticamente completata c è, anche chi in Azienda, propone di vendere gli impianti di trasmissione ovvero la società controllata RAI WAY. L inadeguatezza del Contratto di Servizio rispetto alla copertura dei costi per lo svolgimento del servizio pubblico è stata sottolineata più volte anche dalla Corte dei Conti. Appaiono chiare in questa situazione, anche le ragioni o almeno alcune delle ragioni dello scadimento dei programmi: dovendo ricorrere anche per il prodotto di servizio pubblico alla fonte pubblicitaria, le scelte editoriali vengono sempre più condizionate dagli inserzionisti, più interessati alla quantità dei contatti che alla qualità della programmazione. E il meccanismo perverso che ha finito per rendere il servizio pubblico sempre meno distinguibile dalla televisione commerciale. Rilanciare il servizio pubblico significa quindi anche mettere la società concessionaria nelle condizioni di operare con piena o maggiore - autonomia rispetto a introiti condizionanti. Ciò è possibile rendendo realmente esigibile la riscossione del canone. Anche qui, non c è nulla da inventare, basta guardarsi intorno. Una misura del genere basterebbe a mettere la RAI in sicurezza sul piano economico e le consentirebbe di riorientare le scelte editoriali in senso più qualitativo, restituendo la necessaria specificità alla propria funzione, che non è la rincorsa dell audience fine a se stessa, ma quella di (tornare ad) essere la principale azienda culturale del Paese. Il prodotto però, non è solo questione di soldi. E anche questione di teste. Nella situazione odierna, per una serie di motivazioni più o meno plausibili, cui, di nuovo, non è completamente estraneo il condizionamento partitico, una grande parte del prodotto RAI viene realizzato all esterno, talvolta con il concorso di strutture e personale dell Azienda, talvolta chiavi in mano e con contratti-pacchetto che oltre al programma civetta contengono anche molta paccottiglia. Mentre, di converso, una parte del personale interno resta sottoutilizzata o del tutto inutilizzata. In un ottica di recupero della missione di servizio pubblico, si rende necessario ed urgente anche il recupero e la piena valorizzazione, sia nel comparto ideativo che realizzativo, delle professionalità interne, cui va garantita una formazione permanente, che le metta in condizioni di operare con le nuove tecnologie e nei contesti e nelle modalità multipiattaforma o crossmediali in cui la RAI ormai è ampiamente presente. La piena utilizzazione delle risorse umane interne, che costituisce una delle richieste qualificanti del Sindacato nella trattativa non ancora conclusa per il rinnovo del CNN, non significa il rientro automatico di tutti gli appalti, ma, in un Azienda che lamenta difficoltà economiche, semplicemente la loro riduzione a quelli effettivamente necessari al completamento del sistema produttivo. In tale senso, una RAI forte, autonoma dalle consorterie e consapevole della propria missione potrà esercitare, nei riguardi dell indotto, un ruolo non più di acquirente passivo, ma trainante di standard qualitativi tecnici e culturali di alto livello, generatori di crescita complessiva del comparto multimediale. Caterina Zuccaro

6 pag. 6 Spazio Lo stress nel mondo lavorativo U no dei problemi maggiormente affrontati nel mondo del lavoro è quello dello stress al quale è sottoposto il dipendente e che si ripercuote sia sulla vita personale che professionale, un aspetto sicuramente da non trascurare soprattutto nel contesto storico che stiamo vivendo dove il lavoratore di qualsiasi settore viene spinto dalle aziende a ritmi oltre quelli consentiti solo per conseguire un aumento della produttività senza rispettare il fatto che il contratto di lavoro è a prestazioni corrispettive ovvero adeguatamente remunerato. Il lavoro che dovrebbe essere la nostra massima espressione di creare il proprio sostentamento, andrebbe eseguito in totale libertà e come risultato dovrebbe tradursi in una vera soddisfazione oltre che un percorso di crescita personale. Purtroppo è noia, fatica e dovere e nel contesto attuale viene anche vissuto con grande paura. La paura di perdere il proprio lavoro che spesso nemmeno si ama, il che ci spinge anche ad eseguirlo con grande sforzo. Perché un azienda non si dovrebbe preoccupare anche della salute dei suoi dipendenti e metterli a proprio agio cercando di ridurre lo stress al quale sono sottoposti? Un supporto psicologico sarebbe auspicabile in quanto migliorerebbe le perfomance dei lavoratori e come risultato finale porterebbe ugualmente ad un aumento della produttività senza mettere in primo piano i ricavi, ma invertendo i meccanismi utilizzati fin ora per conseguirli. Alcune aziende si stanno muovendo in questo senso, ovvero ponendo l'attenzione più sulla salute dei dipendenti che sulla produttività. E' di questi giorni la notizia che l'ingegnere della multinazionale Google, il motore di ricerca online, Chade-Meng Tan, organizza dei corsi dal titolo emblematico Search Inside Yourself «Cerca dentro te stesso» se si pensa che Google ha fondato il suo successo con il search fuori di noi e dentro Internet. Questi corsi hanno l obiettivo di insegnare relax, pace, lentezza, ovvero a prendersi i propri tempi, il tutto totalmente contrapposto al contesto in cui viviamo, dove la velocità di reperire informazioni e di raggiungere risultati sembrerebbe basilare, ma proprio questo meccanismo che crea libertà e stress allo stesso tempo, sta invertendo la rotta. L'obiettivo dei corsi è quello di mettere a proprio agio i dipendenti insegnando loro a rilassarsi e distaccarsi dal lavoro, a disidentificarsi dal ruolo professionale che si ricopre fornendo loro una serie di metodi e servizi antistress. Purtroppo la situazione in Italia sembra essere l'opposto, apprendiamo ogni giorno di una serie di casi di persone gravate dai problemi economici che hanno compiuto gesti estremi, per non parlare dei numerosi dipendenti di vari settori che da mesi non percepiscono gli stipendi. A fronte di questa situazione, nemmeno le preponderanti misure di austerità che sono state adottate dal nostro governo riescono a stabilizzare la crisi, infatti, l'organizzazione Internazionale del Lavoro dell Onu, sottolinea che per l Italia tali misure non fanno altro che alimentare ulteriormente il ciclo di recessione e di rinviare eccessivamente l'inizio della ripresa economica ed il risanamento fiscale. La ripresa viene frenata dalla contrazione del consumo privato e tale contrazione è aggravata dal fatto che gli stipendi crescono troppo lentamente rispetto all'inflazione, questo sempre a causa del governo che, per ridurre il deficit pubblico, ha stabilito di aumentare la pressione fiscale in modo eccessivo. Ci chiediamo se tutte le misure anticrisi attuate dai vari governi, siano davvero sufficienti per far fronte a questa situazione di stallo o se deve avvenire una sorta di rivoluzione /non rivoluzione su un piano diverso da quello economico e normativo. Si sta diffondendo la consapevolezza che il disagio che ci troviamo a vivere ha radici diverse e ben più profonde, come ha sintetizzato il cardinal Betori quando parla di "impudente uso delle ricchezze e irresponsabile gestione delle finanze" pertanto la soluzione o la reazione, deve essere cercata in vie alternative da quelle che ci propone il sistema ordinario. Affinché gli esempi che ci pervengono da altre realtà si possano tramutare in utili suggerimenti per iniziare a modificare il contesto lavorativo che siamo costretti a vivere,sarebbe necessario che le aziende si predispongano in questo senso e che i singoli lavoratori non si riducano solo a meri esecutori passivi delle direttive impartite. Ogni lavoro per quanto umile o importante sia deve portare a risvegliare in ogni persona una creatività diversa oltre che una maggior consapevolezza del fatto che capire se stessi viene prima di ogni successo. Claudia Parete Telecontact Il portale della -CISL

7 pag. 7 Cronache Spazio V e la ricordate quella paginetta sulla Settimana Enigmistica che tanto istruiva, raccontava e suggeriva cose quasi sempre ignorate o impensabili? C era pure quell altra, molto interessante, che mi sembra si chiamasse: Strano ma vero, o giù di lì, credo. Ebbene vi scrivo così perché alcuni giorni fa per bocca dei soliti tuttologi, professionisti della parola colta e basta ho sentito dire che il debito pubblico è da imputare allo stile di vita superiore alle autentiche possibilità che gli italiani avrebbero sostenuto a partire dall immediato dopoguerra ad oggi. E mentre ascoltavo di queste verità insegnate(?) e confessate(!) con fare ammiccante, compiacente e persuasivo nel contempo, scorgevo nel Savonarola di turno che pagò ingiustamente con la propria vita, il fio della sua eresia il godimento tipico degli intellettuali a tempo pieno, i quali fanno della parola proferita ed ascoltata ancor prima per se e da se stessi il fine primo ed ultimo di tutte le cose. Il solo motivo per il quale hanno studiato ed appreso nuovi argomenti. Ma veniamo subito alla questione del debito pubblico che tanto mi sta cuore perché padre, cittadino contribuente e membro di questa collettività ricordando che se con gli anni è aumentato vertiginosamente e spesso in modo Forse non tutti sanno che... incontrollato, è pur vero che la colpa di ciò non è da imputare agli italiani perché spendaccioni, goderecci e sconsiderati, ma piuttosto ad una certa classe politica ed il colore di bandiera non esprime il senso di questa mia che pur di assicurarsi il consenso elettorale nell accezione più ampia possibile, sorvolava bonariamente sulla questione, sicura del fatto che i soldi sarebbero comunque arrivati dall estero Gratia et amore Dei o che nella peggiore delle ipotesi, qualcuno avrebbe pagato poi ( e vedi le generazioni future ). Gli italiani erano reduci da una guerra mondiale che provocò milioni di morti e feriti in Europa e nel mondo, sicchè fu proprio allora che taluni politici a braccetto con gli imprenditori, decisero un po sognando e molto di più speculando che sarebbe stato giusto e soprattutto e conveniente, dare alla popolazione le vacanze al mare, la Cinquecento, le abboffate in trattoria la Domenica, scarpe e vestiti alla moda eppoi vetrine sempre piene di merci, in negozi sapientemente illuminati. Si parlò anche di Boom Economico. Le donne ricche villeggiavano d Inverno a Cortina, indossando visoni e chinchilla; mentre i loro mariti, d estate, sguazzavano a Portofino e a Saint Tropez con i loro magnifici Riva. I poveri ed il ceto medio che rappresentavano la stragrande maggioranza della popolazione si recavano in luoghi come Ostia: con spalle bruciate, pastasciuttate in spiaggia, ragazzini chiassosi e madri esasperate e manesche. Più tardi, qualcuno del ceto medio, andava pure a rompersi le gambe, sciando, sul Terminillo ed in posti del genere, tentando di imitare le gesta dell ineguagliabile Toni Sailer. La gente che conobbe le sofferenze e gli orrori della guerra, volle dimenticare cercando oblio e ristoro nei semplici, primari e raggiungibili piaceri della vita. Le stesse persone credettero nelle ideologie, nei partiti, nella fede Religiosa e nel pallone, sperando comunque in un mondo migliore ed umano. I nonni vivevano e morivano non accanto alle badanti, ma in casa dei propri figli sposati i quali, a suon di sacrifici, mandavano i propri bambini a scuola; e commuovendosi nel giorno della prima Comunione dei loro eredi senza lascito, non immaginavano che questi candidi fanciulli, sarebbero un giorno diventati degli inutili laureati o peggio ancora dei dannosi speculatori di borsa. Ed ancora. Che ne sapevano del debito pubblico, gli italiani di quel tempo. Che male faceva, questa italica popolazione, nel lavorare, riprodursi, sperare e cercare di divertirsi per quanto fosse loro consentito. Mangiavano quando e quel che potevano, altrimenti emigravano; acquistavano lo stretto necessario e nella migliore delle ipotesi, sognavano davanti alle vetrine come si diceva allora - perché lo shoopping non esisteva, come pure erano sconosciuti il marketing, il briefing, lo spread e tutte quelle parole straniere che nella migliore delle ipotesi, traducono espressioni dal significato inutile o per il quale dovremmo vergognarci, talvolta. Molte persone senza scrupolo e coscienza, si arricchirono e costruirono le loro carriere in tutti i campi proprio in quel periodo. Fu pure l epopea degli industriali, dei palazzinari dei commendatori, dei cavalieri e di gente che portava i soldi in Svizzera dopo non aver pagato le tasse. Sempre in quell epoca una popolazione ingenua, distratta, male acculturata e forse un po superficiale, riempiva senza saperlo - il proprio basto di debito pubblico. Un debito che non avrebbe voluto accumulare - se lo avesse saputo - per semplice vergogna e per non commettere peccato. Quando i vecchi sentivano che di lì a poco sarebbero morti, si preoccupavano anzitempo di lasciare i soldi per il loro funerale: altro che rate, mutui, finanziarie, mercati e buffonate varie! I soldi risparmiati, si mettevano sotto al mattone o si depositavano presso uffici Postali. Non si davano in pasto alla finanza, perché il denaro, da solo, produceva sicurezza per l avvenire e parziale rimedio contro gli imprevisti: non già altro denaro! Questo dovrebbero dire e scrivere i soliti tuttologi, i saggi di mestiere ed i professionisti della parola colta e basta! Con amicizia. Stefano Pellegrino BT Italia

8 pag. 8 Approfondimento Emergenza Call Center I Call Center sono in una condizione di vera emergenza; la perdurante crisi economica sta rendendo sempre più difficile la situazione e sta evidenziando ancor di più un contesto che invece di porre rimedio alla attuale crisi recessiva, tende ad allontanare la soluzione non riuscendo a porre le condizioni verso una fase che deve essere combattuta con stimoli e regole di crescita e stabilizzazione del mercato. Purtroppo non sono questi i segnali che ci giungono; gare al massimo ribasso e delocalizzazioni sempre più mirate stanno producendo una situazione che può portare tutto il comparto dei call center al collasso. Nel corso degli ultimi anni ed in particolare durante gli ultimi mesi è fortemente diminuita la domanda e si è ridotto il valore delle commesse. Degli oltre attuali posti di lavoro, sono considerati a rischio. Immediata è la necessità di interventi legislativi che pongano rimedio alla concorrenza sleale legata alle gare al massimo ribasso, alla delocalizzazione verso l Albania, la Romania e la Tunisia, e ad una riduzione di una pesante imposizione fiscale. Segnali di attenzione verso il settore, arrivano dalle politiche economiche di altri Paesi Europei; la Francia, attraverso il Governo, ha recentemente invitato le grandi Aziende di telecomunicazioni, a riportare in Patria i Call Center delocalizzati in paesi Africani. Ci sembra una misura di attenzione verso la ricerca di un tamponamento della condizione di continua emorragia di posti di lavoro e di fatturato a livello nazionale. Ci auguriamo che iniziative di questo tipo possano presto essere replicate anche nel nostro Paese, osservando in aggiunta, che la qualità del servizio espressa in Italia è senza dubbio maggiore di quella registrata all estero. Oltre a ciò si è recentemente manifestata, nel corso delle trattative per il rinnovo del CCNL delle Telecomunicazioni, la sciagurata volontà da parte Imprenditoriale, di relegare il settore dei Customer in un contratto più povero che possa consentire risparmi economici alle Aziende committenti. Abbassare ancora il costo del lavoro, in un settore dove si guadagnano in media da 500 a 1000 euro al mese a seconda della tipologia contrattuale, è una prospettiva mortificante ed inopportuna che non riuscirebbe sicuramente ad assicurare sostegno duraturo alle Azienda ed invece porterebbe velocemente i Lavoratori in una condizione umiliante e di incertezza. Ecco perché ci sembrano particolarmente lodevoli le proposte della nostra Segreteria Fistel Nazionale e della Segreteria Cisl Confederale che oltre a mantenere alta l attenzione con una serie di iniziative di contrapposizione, hanno ritenuto necessario chiedere ai Rappresentanti dei Gruppi Parlamentari di Camera e Senato, un incontro che riesca a definire correttamente la situazione e a delineare i possibili rimedi. Anna Maria Furlan e Vito Vitale, con questa richiesta danno speciale risalto ad una situazione diventata ingovernabile e con insopportabili e pericolose derive verso un tracollo generale. E per questo che la prossima discussione Parlamentare sul decreto Sviluppo dovrà necessariamente contenere emendamenti che possano indirizzare la legge e renderla utile ad una diffusa ripresa del lavoro nei Call Center. I customer sono una risorsa dell Italia, hanno contribuito allo sviluppo ed alla crescita del Paese, sono riferimento e fonte di occupazione per larghe fasce di Lavoratrici e Lavoratori che hanno in passato colto l opportunità di un lavoro flessibile che si è nel tempo stabilizzato e regolarizzato. La Fistel ha sostenuto e guidato queste fasi, siamo certi che saprà ancora interpretare i bisogni e le attese di quanti sono impegnati per la crescita e lo sviluppo dei Call Center. Luca Bozzi Vicedirettore editoriale Bonanni: Non vogliamo fare un partito, resto leader Cisl l Paese ha bisogno di un orientamento su quello che c'è da fare ogni giorno, noi l'abbiamo già detto a Todi, non vogliamo fare un partito perchè significherebbe fare un partito uguale a quelli che ci sono già e che o negano l'evidenza o scivolano nel populismo. È quanto ha affermato il segretario della Cisl, Raffaele Bonanni, a margine della manifestazione nazionale Costruiamo gli Stati uniti d'europa, promossa dalle sette sigle del Forum di Todi, Cisl, Acli, Coldiretti, Compagnia delle Opere, Confcooperative, Confartigianato e Movimento Cristiano lavoratori. Rispondendo a Carlo Costalli di Mcl che ha lanciato l'idea di un partito di cattolici come possibile svolta del Forum di Todi e lo stesso Bonanni come possibile leader, il segretario della Cisl ha replicato: Resterò leader del sindacato. Il futuro del Forum - ha anche spiegato - è stimolare le persone a un maggiore impegno e consapevolezza del ruolo che ognuno esercita individualmente e come parte delle organizzazioni sociali. È inutile - ha osservato in vista del prossimo appuntamento del Forum di ottobre - tutta questa agitazione da un appuntamento all'altro, i disastri sono il frutto proprio di questo. Infine all'ipotesi di un Monti bis, ha aggiunto: Monti è l'unica personalità che abbiamo da spendere in Europa poi la politica fa il resto.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI FORUM PA 2014 Roma, 27 maggio 2014 CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI PERCHÉ UNA P.A. DI TUTTI HA BISOGNO DI TUTTI 1 - TRASPARENZA 2.0 Per render conto ai cittadini Garantire l'accessibilità totale Siamo

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 918 RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper le famiglie in condizioni economiche precarie ROSIGNANO

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale

Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale di Luca Martini e Valerio Vimercati (*) In un contesto dove l accesso al credito da parte delle imprese risulta

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra:

Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra: Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra: Un primo vincolo è rappresentato dalla sentenza della Corte Costituzionale

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

SANITA': ANAAO, INACCETTABILE IL DOCUMENTO DELLE REGIONI TROISE, COSI' SI SALVAGUARDA L'INVADENZA DELLA POLITICA

SANITA': ANAAO, INACCETTABILE IL DOCUMENTO DELLE REGIONI TROISE, COSI' SI SALVAGUARDA L'INVADENZA DELLA POLITICA SANITA': ANAAO, INACCETTABILE IL DOCUMENTO DELLE REGIONI TROISE, COSI' SI SALVAGUARDA L'INVADENZA DELLA POLITICA (ANSA) ROMA, 3 SET "Il documento ultimatum che gli Assessori alla Salute hanno inviato al

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

IL MAGGIO DEI LIBRI. Premessa

IL MAGGIO DEI LIBRI. Premessa IL MAGGIO DEI LIBRI Premessa Fino al 2010 esistevano in Italia due iniziative a carattere nazionale per la promozione del libro e dell a lettura, del tutto distinte per patrocinatore, soggetto promotore,

Dettagli

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Fabio Ragaini, Gruppo Solidarietà Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Con Ordinanza 189/2010, www.grusol.it/informazioni/12-04-10.pdf, Il Tar delle

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli