CARTA DEI SERVIZI. Ricerca. Prevenzione. Diagnosi. Cura e Assistenza. Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere S cientifico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CARTA DEI SERVIZI. Ricerca. Prevenzione. Diagnosi. Cura e Assistenza. Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere S cientifico"

Transcript

1 I.O.V. ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere S cientifico Regione del Veneto CARTA DEI SERVIZI Ricerca Prevenzione Diagnosi Cura e Assistenza

2 ESENZIONE TICKET U n a v o l t a a c c e r t a t a l a p a t o l o g i a o n c o l o g i c a è n e c e s s a r i o c h e q u e s t a v e n g a c e r t i f i c a t a d a l m e d i c o c h e f a d i a g n o s i s u l M o d u l o R e g i o n a l e d i e s e n z i o n e t i c k e t p e r m a l a t t i e c r o n i c h e e d i n v a l i d a n t i. I l m o d u l o c o m p i l a t o v a c o n s e g n a t o a l l a p r o p r i a U L S S c h e r i l a s c i a u n t e s s e r i n o n e c e s s a r i o p e r p o t e r u s u f r u i r e d e l l e s e n z i o n e t i c k e t p e r l e i n d a g i n i e l e c u r e c o l l e g a t e a l l a m a l a t t i a. INVALIDITA CIVILE L a d i a g n o s i d i m a l a t t i a o n c o l o g i c a d à d i r i t t o a l r i c o n o s c i m e n t o d i i n v a l i d i t à c i v i l e. P e r u l t e r i o r i i n f o r m a z i o n i s i p r e g a d i c o n s u l t a r e i l p r o p r i o M e d i c o d i B a s e o l U f f i c i o R e l a z i o n i c o n i l P u b b l i c o d e l l I s t i t u t o O n c o l o g i c o Ve n e t o.

3 Gentile Signora, Egregio Signore, La invitiamo a consultare la nuova edizione della Carta dei Servizi che illustra in modo sintetico ma esauriente il nostro Istituto. Le informazioni in essa contenute hanno lo scopo di aiutare i cittadini a conoscere meglio i nostri servizi, a rendere più gradevole il soggiorno, più chiari i comportamenti da tenere e ad informarli sui loro diritti. Questa nuova edizione è espressione dell adeguamento della Carta ai profondi cambiamenti organizzativi e strutturali dell Istituto tuttora in corso e indispensabili al fine di creare un ambiente ospedaliero moderno e fruibile da parte degli utenti. Se Lei necessitasse di ulteriori informazioni la preghiamo di rivolgersi al Personale operante presso la nostra Struttura, all Ufficio Relazioni con il Pubblico del nostro Istituto e/o di consultare il nostro sito web:

4 Indice PARTE PRIMA: PRINCIPI GENERALI, OBIETTIVI E IMPEGNI ISTITUZIONE DELL ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO (IOV) 02 FINALITÀ DELL ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO 02 MISSION 02 VALORI DI RIFERIMENTO 03 IMPEGNI 03 STANDARD DI QUALITA GENERALI 05 DIRITTI E RESPONSABILITÀ DEI CITTADINI 07 LA RICERCA 08 COMITATO ETICO 09 REGISTRO TUMORI DEL VENETO 09 PARTE SECONDA: UNITA OPERATIVE E SERVIZI COME RAGGIUNGERE L ISTITUTO - COLLEGAMENTI 12 Autobus 12 Taxi 12 Parcheggi 12 MAPPA GENERALE 13 UNITÀ OPERATIVE E SERVIZI 14 UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO (U.R.P.) 18 STRUTTURE EROGATRICI DI PRESTAZIONI E SERVIZI 19 Anatomia Patologica 19 Cardiologia Oncologica 19 Chirurgia Oncologica 20 Chirurgia Senologica 20 Endoscopia Diagnostica e Operativa 21 Farmacia 21 Servizio di consegna diretta di medicinali 21 Immunologia e Diagnostica Molecolare Oncologica 22 Oncologia Medica 1 23 Oncologia Medica 2 24 Psico Oncologia 24 Radiodiagnostica Oncologica 25

5 Indice Radioterapia e Medicina Nucleare 26 Senologia 27 Servizio di Anestesia 28 Terapia Antalgica 28 Unità Operativa Melanoma e Neoplasie dei Tessuti Molli 29 Unità per i Tumori Ereditari 29 PARTE TERZA: RICOVERO E PRESTAZIONI AMBULATORIALI ACCESSO ALL ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO 32 Ricovero 32 Diritto all assistenza ospedaliera 32 Prestazioni ambulatoriali 32 PRESTAZIONI SPECIALISTICHE AMBULATORIALI 33 Prenotazioni 33 Disdette 33 Punto Cassa 34 Ritiro referti 34 IL RICOVERO 34 Documenti necessari per il ricovero programmato 34 Informazione e privacy 35 Consenso informato 35 Visite mediche 35 Assistenza da parte dei familiari 35 Permessi 35 Dimissioni 36 Rilascio documenti 36 Riconoscere il personale sanitario 37 Biancheria ed oggetti personali 37 Denaro e oggetti di valore 37 Pulizia e ordine 37 Tranquillità del ricovero 37 Alimentazione e pasti 38 Radio e televisione 38

6 Indice Telefoni cellulari 38 INFORMAZIONI UTILI 38 Centralino 38 Portineria Ospedale Busonera 38 Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) 38 Segreteria Direzione Sanitaria 38 Servizio accoglienza e informazioni 39 Servizio di consegna diretta di medicinali 39 Telefoni 39 Servizio bar 39 Fumo 39 Posto di polizia e sicurezza interna 40 Orari di visita 40 Assistenza religiosa 40 Trasporto sanitario in ambulanza 40 Servizio di Volontariato 41 Associazioni di volontariato, di auto aiuto e di tutela 42 A.V.O. (Associazione Volontari Ospedalieri) 42 ANGOLO (Ass. Nazionale Guariti O Lungoviventi Oncologici) 42 Associazione Noi e il Cancro Volontà di Vivere 42 CEAV (Cancro e Assistenza Volontaria) 43 IOV ART Laboratorio artistico 43 Associazione Piccoli Punti 43 AIMac (Ass. Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici) 44 LILT (Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori) 44 Tribunale per i diritti del malato (T.D.M.) 44 Strutture residenziali di supporto 44 SOSTENERE LO IOV 45 RECAPITI TELEFONICI 46

7 PARTE PRIMA Principi generali, obiettivi e impegni

8 PRINCIPI GENERALI ISTITUZIONE DELL ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO (IOV) La Regione del Veneto, con l emanazione della Legge regionale 22 dicembre 2005, n. 26, ha istituito l Istituto Oncologico Veneto (IOV), promuovendone il riconoscimento come Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico (IRCCS) a norma dell articolo 42, comma 1, della legge 16 gennaio 2003, n. 3 e successive modificazioni. L Istituto Oncologico Veneto, riconosciuto come IRCCS, è un Ente a rilevanza nazionale che, secondo standard di eccellenza, persegue finalità di ricerca, prevalentemente clinica e traslazionale, nel campo biomedico e in quello dell organizzazione e gestione dei servizi sanitari, unitamente a prestazioni di ricovero e cura di alta specialità (art. 1, comma 1, D.Lgs /10/2003). Lo IOV ha sede a Padova in via Gattamelata 64. Gli edifici attualmente occupati dalle Unità Operative e Servizi sono l Ospedale Busonera, l Edificio Radioterapia e una parte dell Ospedale Giustinianeo, dell Azienda Ospedaliera, accessibili questi ultimi da via Giustiniani e da via Ospedale. L Istituto Oncologico svolge la propria attività ed assolve alle proprie funzioni anche in collaborazione, per mezzo di apposite convenzioni, con l Azienda Ospedaliera, con la ULSS 16 e con l Università degli Studi di Padova. FINALITÀ DELL ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO L Istituto, in conformità ai principi stabiliti dal sopra citato Decreto Legislativo, nonché alle norme e disposizioni regionali di programmazione sanitaria, persegue principalmente le seguenti finalità: a) svolgere, nella disciplina di oncologia, nel rispetto delle vigenti disposizioni di legge e in conformità alla programmazione nazionale e regionale, attività di assistenza sanitaria, di tipo clinico e traslazionale e di ricerca biomedica e sanitaria; b) trasferire i risultati validati della ricerca nei processi assistenziali del Sistema Sanitario Regionale; c) elaborare ed attuare, direttamente o in rapporto con altri Enti, programmi di formazione professionale e di educazione sanitaria con riferimento agli ambiti istituzionali di attività e per il miglioramento e lo sviluppo delle stesse; d) sperimentare e verificare forme innovative di gestione e di organizzazione in campo sanitario, nei rispettivi ambiti disciplinari; e) supportare tramite idonee modalità, le Istituzioni di istruzione e formazione pre e post laurea; f) svolgere attività di studio e ricerca con attivazione di misure preventive, nelle aree con alta incidenza di tumori. MISSION La mission dell Istituto Oncologico Veneto consiste nella prevenzione, diagnosi e cura dei tumori perseguendo in questi campi l eccellenza attraverso lo sviluppo della ricerca clinicoscientifica e il miglioramento dell organizzazione dell attività di cura e assistenza. Elementi fondamentali sono l approccio multidisciplinare alla patologia e la creazione di una rete di collaborazione/condivisione tra le Oncologie del Veneto. 02

9 VALORI DI RIFERIMENTO L Istituto Oncologico Veneto, nell esercizio della propria attività, si attiene ai principi e valori di riferimento definiti dalla legge istitutiva (Legge regionale 22 dicembre 2005, n. 26) e ai principi fondamentali sull erogazione dei servizi pubblici definiti dal D.P.C.M. 27 gennaio 1994, con particolare riguardo a: eguaglianza dei diritti degli utenti. Ogni utente dell Istituto ha il diritto di ricevere l assistenza e le cure mediche più appropriate, senza discriminazione di età, sesso, razza, nazionalità, lingua, religione, opinioni politiche e condizione sociale; trasparenza e garanzia della qualità. L Istituto si impegna ad orientare la propria azione nel rispetto della trasparenza, in particolare nella gestione delle liste d attesa, nelle modalità di erogazione dei servizi, nell esplicitazione chiara degli obiettivi, nella pubblicizzazione dei risultati ottenuti circa l efficacia e l efficienza dei servizi erogati, nella costruzione di un sistema qualità aziendale; imparzialità. I comportamenti degli operatori verso gli utenti devono essere ispirati a criteri di obiettività, giustizia ed imparzialità; continuità del servizio. L Istituto ha il dovere di assicurare la continuità e la regolarità delle cure; diritto di scelta degli utenti e loro partecipazione. Ove sia consentito dalla normative vigenti, l utente ha il diritto di scegliere il soggetto o la struttura sanitaria che ritiene possa meglio rispondere alle proprie esigenze; efficienza ed efficacia delle prestazioni erogate. Ogni operatore lavora per il raggiungimento dell obiettivo primario che è la promozione della salute del malato, in modo da produrre, con le conoscenze tecnico-scientifiche più aggiornate, le migliori condizioni di benessere possibili. Il raggiungimento di tale obiettivo implica il coinvolgimento e la crescita professionale degli operatori, nonché l attivazione di percorsi e procedure in grado di garantire l utilizzo ottimale delle risorse umane e finanziarie disponibili; partecipazione. All utente deve essere garantita la partecipazione alla prestazione del servizio attraverso: una informazione corretta, chiara e completa; la possibilità di esprimere la propria valutazione della qualità delle prestazioni erogate e di inoltrare reclami o suggerimenti per il miglioramento del servizio; la collaborazione con associazioni di volontariato e di tutela dei diritti. PRINCIPI GENERALI IMPEGNI L Istituto Oncologico Veneto, erogando i propri servizi nel rispetto dei Livelli Essenziali di Assistenza (L.E.A.), assume nei confronti dei cittadini i seguenti impegni: garantire la continuità terapeutica, sviluppando ulteriormente forme di integrazione tra assistenza ospedaliera ed assistenza territoriale; 03

10 PRINCIPI GENERALI considerare il servizio erogato come processo unitario e coordinato tra le diverse fasi che lo compongono migliorando l intero percorso diagnostico-terapeutico; integrare le proprie informazioni sull utilizzo dei servizi con quelle degli altri enti e istituzioni pubbliche, in particolare per quanto riguarda la rete oncologica regionale, al fine di favorire un migliore accesso ai servizi da parte dei cittadini e per promuovere un uso corretto ed appropriato delle strutture socio-sanitarie; incrementare il coinvolgimento del volontariato in modo da valorizzare le potenzialità umane e operative delle associazioni in tutte le attività connesse con il miglioramento dei servizi; sviluppare le forme di valutazione multidisciplinare del bisogno della persona per fornire una risposta integrata e completa ai bisogni individuati; assicurare il mantenimento di standard di qualità clinica e di funzionalità dei servizi in modo da garantire ai cittadini la migliore possibilità di accesso al servizio del quale necessitano; sviluppare la ricerca scientifica ed erogare l assistenza sanitaria in modo da produrre, con le conoscenze tecnico scientifiche più moderne, risultati validi per la salute dei cittadini. Il raggiungimento di tale obiettivo non è disgiunto dalla salvaguardia delle risorse che devono essere utilizzate nel miglior modo possibile, senza sprechi e costi inutili; considerare i reclami e le segnalazioni di disservizio come strumenti e occasioni per il miglioramento complessivo della qualità del servizio offerto; monitorare e valutare permanentemente la soddisfazione dei cittadini rispetto alla qualità dei servizi erogati; garantire che i comportamenti verso i cittadini siano ispirati a criteri di obiettività, giustizia ed imparzialità e porre particolare attenzione al continuo miglioramento delle modalità relazionali e comunicative del personale medico, infermieristico, tecnico e amministrativo nei confronti dei cittadini. Gli aspetti relazionali sono infatti componenti intrinseche dell assistenza sanitaria: nell allevio del dolore, nell aumento dell aderenza al regime terapeutico prescritto, nella soddisfazione per il rapporto interpersonale; assicurare il diritto di scelta del paziente inteso, conformemente alle normative vigenti, come diritto di scelta del cittadino tra le strutture sanitarie accreditate che erogano il servizio sul territorio; garantire ad ogni cittadino il diritto di ricevere le cure mediche più appropriate senza discriminazioni di sesso, razza, religione, nazionalità e condizione sociale; porre particolare attenzione alla riservatezza attraverso un orientamento complessivo rispettoso della legge sulla tutela della privacy e un azione organizzativa tesa alla rimozione di ogni possibilità di lesione della sfera di integrità morale e psicologica del cittadino; migliorare e revisionare sistematicamente standard di qualità garantiti con il contributo dei risultati delle rilevazioni periodiche sulla soddisfazione e il confronto con le associazioni di volontariato. 04

11 STANDARD DI QUALITA GENERALI (in fase sperimentale per il 2010) ACCOGLIENZA E SOSTEGNO Ogni operatore dell Istituto, nell accogliere il cittadino che si rivolge a lui, ascolta i suoi bisogni per quanto di competenza e qualora non sia in grado di rispondergli, lo indirizza in maniera appropriata. I volontari delle Associazioni AVO (Associazione Volontari Ospedalieri) e CEAV (Cancro E Assistenza Volontaria) assicurano il servizio di accoglienza e orientamento rivolto ai cittadini che accedono all Istituto, tutti i giorni esclusi sabato e festivi. In tutte le Unità Operative di ricovero ordinario e DH sono presenti i volontari delle associazioni che prestano la loro attività allo IOV (AVO, CEAV, ANGOLO) per offrire agli utenti sostegno, compagnia e supporto. A tutti i pazienti (e loro familiari) in condizioni di vulnerabilità fisica o psicologica viene proposta l assistenza da parte del Servizio di Psico Oncologia. L assistenza psicologica è comunque assicurata, a richiesta, per tutti i pazienti in cura / trattamento presso le Unità operative dello IOV e per i loro famigliari. PRINCIPI GENERALI INFORMAZIONE L informazione sulla dislocazione dei Servizi e delle Unità Operative è assicurata dalla segnaletica presente all esterno, negli atrii e nei corridoi. L informazione per l orientamento è assicurata: dalla disponibilità nell ingresso delle sedi IOV di un prospetto informativo (cartellonistica e/o display luminoso con scritte a scorrimento) riassuntivo dei servizi; dalla disponibilità di un servizio di accompagnamento effettuato dai volontari di AVO e CEAV; dalla presenza negli ascensori di cartelli riportanti le indicazioni dei piani e dei servizi. L informazione generale dei servizi e della struttura è assicurata con la consegna ai fruitori della Carta dei servizi o della scheda informativa dell Unità Operativa pubblicata nel sito internet. Per garantire l informazione relativa alle modalità di prenotazione viene consegnata agli interessati la Carta dei servizi o la corrispondente scheda informativa. RICONOSCIBILITÀ Per assicurare la riconoscibilità immediata e agevole dell identità degli interlocutori, tutto il personale a contatto con il pubblico porta il cartellino identificativo con scritti a caratteri ben leggibili: nome, cognome e qualifica. TUTELA E assicurata la presenza di almeno una cassetta raccolta reclami, segnalazioni e proposte 05

12 PRINCIPI GENERALI di miglioramento nell atrio di ogni sede IOV I cittadini che inoltrano una segnalazione scritta e firmata ricevono risposta entro 30 giorni dalla data di ricevimento da parte dell Ufficio Relazioni con il Pubblico dell Istituto. È assicurato il monitoraggio continuo della qualità percepita dall utente attraverso la somministrazione e l analisi di questionari di soddisfazione con cadenza almeno annuale. Per rendere esplicita la situazione in merito alla qualità percepita è assicurata, a richiesta, la disponibilità del rapporto annuale sulle indagini di soddisfazione e sulle segnalazioni e reclami degli utenti. CONSENSO INFORMATO E assicurata la partecipazione informata dell utente con applicazione della procedura adottata per l informazione ed il consenso alle prestazioni diagnostiche e terapeutiche. Il professionista sanitario acquisisce dal cittadino il consenso al trattamento diagnostico terapeutico e assistenziale verificando che ne abbia compreso il contenuto. RISERVATEZZA Il diritto alla privacy è garantito: dalle modalità di trattamento e comunicazione dei dati personali per i quali i pazienti rilasciano il proprio consenso al primo accesso all Istituto; dall utilizzo di accorgimenti idonei a salvaguardare la riservatezza (distanza di cortesia agli sportelli, riservatezza nei colloqui). RELAZIONE INTERPERSONALE Tutto il personale si impegna ad avere atteggiamenti cortesi e rispettosi verso gli utenti e i loro famigliari. La qualità relazionale è monitorata attraverso la somministrazione almeno annuale di un questionario di soddisfazione. COMFORT L Istituto è impegnato a rendere tutte le sedi delle strutture facilmente accessibili, confortevoli, prive di barriere architettoniche e con adeguato numero di posti a sedere nelle sale e negli spazi utilizzati per l attesa. È assicurata massima cura e controlli periodici a cadenza fissa nella pulizia delle parti comuni, degli ambulatori, delle sale d attesa, delle strutture alberghiere, delle camere di degenza e dei servizi igienici di pertinenza. In particolare la pulizia dei locali delle parti comuni e dei servizi igienici è assicurata da almeno 2 passaggi al giorno (mattina e pomeriggio). SICUREZZA È garantito il servizio di portierato diurno ed il servizio di guardia notturna. Sono inoltre 06

13 attivi impianti di sorveglianza con telecamere ubicate all interno e all esterno dell istituto. SEMPLICITÀ PROCEDURE La consegna della cartella clinica secondo le normative vigenti è assicurata entro massimo 30 giorni dalla richiesta. La prenotazione dei controlli o accessi successivi può essere effettuata con impegnativa contestualmente alla visita / trattamento. È attivo 5 ore al giorno dal lunedì al venerdì (dalle alle 14.00) un numero telefonico riservato ai pazienti oncologici in cura presso le Unità Operative di Oncologia Medica atto a fornire risposte ai problemi di natura clinica e assistenziale da parte di personale medico e infermieristico. I pazienti in trattamento ricevono le prescrizioni e/o direttamente i farmaci da assumere per le terapie che vengono effettuate a domicilio. PRINCIPI GENERALI DIRITTI E RESPONSABILITÀ DEI CITTADINI L Istituto Oncologico Veneto garantisce al cittadino il diritto: alla qualità delle cure e dell assistenza, quindi a ricevere le migliori cure possibili tramite l utilizzo delle più avanzate tecnologie e conoscenze scientifiche, nonché ad essere assistiti in maniera professionale e personalizzata; all informazione riguardante il proprio stato di salute, gli accertamenti diagnostici, i trattamenti necessari e gli effetti secondari degli stessi, le possibili alternative ed i rischi connessi, i rimedi terapeutici ed assistenziali esistenti, atti ad evitare o sedare eventuali stati di sofferenza o dolore, sia attraverso la procedura adottata per la raccolta del consenso informato, sia nel corso dei colloqui con i sanitari durante la degenza e/o le prestazioni ambulatoriali; ad esprimere il consenso sui trattamenti ed interventi proposti, nonché a non essere sottoposto ad alcuna cura o trattamento senza aver espresso il proprio consenso. Viene altresì garantito il diritto ad interrompere le cure; ad esprimere, altresì rifiutare, il proprio consenso alla partecipazione a studi controllati randomizzati e sperimentazioni cliniche attuate dall Istituto Oncologico Veneto; alla riservatezza, al rispetto della dignità e dell intimità; alla massima riservatezza dei dati personali e di quelli relativi alla diagnosi, alla degenza e alle terapie; alla tutela della sicurezza all interno della struttura e nei trattamenti proposti; al rispetto della dignità della persona quindi ad un assistenza che garantisca la massima considerazione della sfera personale, ad avere un ospitalità ed un trattamento alberghiero secondo livelli di qualità dignitosi, a ricevere le cure senza differenze di sesso, di cultura, del proprio credo religioso e della propria etica; Al cittadino viene richiesto di assumersi alcune responsabilità ed in particolare di: esprimere il consenso informato agli specifici trattamenti; 07

14 PRINCIPI GENERALI partecipare al processo diagnostico terapeutico comunicando le informazioni utili per favorire, nel proprio interesse, il processo di cura ed esprimendo ai sanitari gli eventuali dubbi, perplessità o problemi che insorgono in modo da aiutare gli operatori nel rendere del tutto sicuri ed efficaci i trattamenti; farmaci assunti: è importate informare il personale anche dei farmaci e/o prodotti di erboristeria assunti a domicilio; rispettare le regole che permettono il corretto svolgimento dell attività assistenzialeterapeutica; rispettare i diritti degli altri pazienti e del personale osservando le regole interne dell ospedale e le norme di civile convivenza; comunicare entro 72 ore la rinuncia alla visita/prestazione strumentale prenotata presso l Istituto; avere cura della struttura, degli arredi e degli oggetti. LA RICERCA L Istituto Oncologico Veneto promuove la ricerca in campo biomedico e biotecnologico, e sui servizi sanitari in oncologia. Le ricerche vengono svolte nelle strutture che costituiscono lo IOV anche nell ambito di collaborazioni scientifiche a livello regionale, per promuovere l eccellenza diffusa, e in ambito nazionale ed internazionale, realizzando le sinergie necessarie al progresso scientifico oncologico. Attualmente sono in corso di esecuzione più di cento progetti articolati su 12 linee di ricerca oltre a ricerche finalizzate regionali e nazionali. I settori della ricerca oncologica, per i quali esistono in ambito regionale peculiari competenze, sono individuati dal Comitato Scientifico istituito presso l Istituto Oncologico. Per ogni settore viene istituito un sottocomitato di progetto per la gestione quotidiana dei progetti cooperativi che divengono parte integrante della politica della ricerca dello IOV. Il Comitato Scientifico dello IOV ha istituito una rete scientifica veneta che impegna unità assistenziali di eccellenza a partecipare a progetti di ricerca cooperativa, diretti dallo IOV tramite i comitati di progetto; questi vedono impegnati attivamente i vari responsabili nel disegnare i progetti sui quali lo IOV mantiene il controllo di qualità tramite monitori propri. L Istituto Oncologico Veneto costituisce un centro di riferimento per studi di natura multicentrica a livello nazionale e internazionale. Tale ricerca è svolta anche negli ambiti disciplinari nei quali viene erogata l attività assistenziale e si avvale del supporto e controllo del proprio Comitato Etico. Molti progetti di ricerca si caratterizzano, infatti, per l applicazione del modello traslazionale che presuppone una stretta integrazione e uno scambio continuo di informazioni tra laboratorio ed attività clinica, aspetto fondamentale per favorire il trasferimento tempestivo ed efficace dei risultati della ricerca stessa nella diagnosi e nella cura dei problemi di salute dei cittadini che si rivolgono all Istituto. L Istituto ha l obiettivo di coordinare e finanziare gli studi offrendo ai cittadini della Regione 08

15 e dell intero Paese le migliori cure. Il progetto di attività si articola in vari settori: epidemiologia dei tumori, studio delle neoplasie eredo-familiari e dei fattori ambientali di rischio; comprensione dei meccanismi cellulari di cancerogenesi; individuazione delle condizioni preneoplastiche; diagnosi precoce delle neoplasie dei vari organi e apparati; cure integrate farmacologiche, radianti, chirurgiche e biologiche per aumentare il numero dei guariti; ricerca di nuove modalità di cura delle neoplasie; umanizzazione dei trattamenti intra ed extra ospedalieri per migliorare la qualità di vita dei pazienti; rendere i trattamenti oncologici omogenei e aderenti agli standard più alti in tutto il Veneto. PRINCIPI GENERALI COMITATO ETICO Il Comitato Etico è un organismo indipendente che ha la responsabilità di garantire la tutela dei diritti, della sicurezza e del benessere dei soggetti coinvolti in sperimentazioni cliniche. I principi a cui il Comitato Etico fa riferimento sono quelli indicati nella revisione corrente della Dichiarazione di Helsinki, nella versione più recente delle Good Clinical Practice e in altre Raccomandazioni degli Organismi Nazionali ed Internazionali in materia di tutela della persona umana negli ambiti della ricerca biomedica e della pratica clinica. Il Comitato Etico si riferisce inoltre alla normativa vigente in materia sanitaria e alle raccomandazioni del Comitato Nazionale per la Bioetica e del Comitato per la Bioetica della Regione Veneto. REGISTRO TUMORI DEL VENETO Presso l Istituto Oncologico ha sede il Registro Tumori del Veneto (RTV), uno strumento permanente di raccolta delle informazioni relative a tutti i nuovi casi di neoplasia maligna che insorgono nella popolazione residente. Il sistema di registrazione è basato sull utilizzo di dati codificati e informatizzati e sull applicazione di una procedura originale di assegnazione automatica dell incidenza; questo rende possibile studiare con poche risorse una popolazione molto estesa - attualmente di oltre 2 milioni di residenti. Le informazioni raccolte consentono di dire quanti casi di neoplasia si verificano ogni anno nella popolazione (incidenza) e quanto varia questo rischio nel corso del tempo, qual è la probabilità di guarire (sopravvivenza) e quante sono le persone che hanno avuto un tumore (prevalenza). La ricchezza delle informazioni per ogni singolo caso costituisce inoltre una base disponibile per molte ricerche oncologiche. Un altra linea di lavoro del RTV è il coordinamento degli screening per i tumori della mammella, del collo dell utero e del colon retto, realizzati dalle Aziende ULSS del Veneto. Questa attività si concretizza nella raccolta sistematica di dati di attività dei programmi che consentono il monitoraggio della loro qualità e in attività di formazione delle varie figure professionali coinvolte negli screening. 09

16 PRINCIPI GENERALI Una parte importante del lavoro svolto dal personale del RTV, composto da medici epidemiologi, statistici e biologi, sono studi epidemiologici analitici e valutativi, condotti spesso in collaborazione con gruppi omologhi a livello nazionale e internazionale. 10

17 PARTE SECONDA Guida allo IOV Unità Operative e Servizi

18 COME RAGGIUNGERE L ISTITUTO - COLLEGAMENTI UNITA OPERATIVE e SERVIZI L Istituto Oncologico Veneto ha sede a Padova, nella zona ospedaliera della città, in via Gattamelata 64, nell edificio Busonera. Alcune Unità Operative e Servizi sono situati all interno dell Azienda Ospedaliera: nell edificio Giustinianeo e nell edificio Radioterapia, accessibili da via Giustiniani e da via Ospedale. L Istituto è raggiungibile: dalle uscite autostradali della città, seguendo il percorso per il centro della città e la segnaletica per l ospedale; dalla stazione ferroviaria servendosi degli autobus del servizio urbano. Autobus L istituto è collegato con la stazione ferroviaria, il centro e le altre zone della città tramite la rete del servizio urbano di autobus di Padova. Gli autobus delle linee urbane n. 5, n. 6 e n. 24 collegano la stazione ferroviaria all Istituto Oncologico Veneto in un tempo di percorrenza di circa 10 minuti. Taxi Radiotaxi tel Nei pressi dell ingresso della Clinica Ostetrica dell Azienda Ospedaliera, in via Giustiniani 1, stazionano i Taxi. Parcheggi In tutta la zona circostante l ospedale è possibile parcheggiare l automobile anche in aree a pagamento. Nei pressi dell ingresso dell edificio Busonera, in via Gattamelata, è possibile posteggiare l automobile in parcheggio a pagamento Autosilos con posti auto riservati ai disabili, aperto 24 ore su 24. All interno dell area dell edificio Busonera, sono disponibili posti macchina per disabili. Il portiere della guardiola provvede a far accedere all interno le autovetture che espongono il contrassegno disabili. I pazienti in cura presso il Day Hospital delle Unità Operative di Oncologia Medica possono accedere con la propria autovettura all interno dell area dell edificio Busonera e parcheggiare all interno. La sosta è consentita unicamente per il tempo necessario alle cure. I parcheggi non sono custoditi. Nell ambito del progetto generale di ristrutturazione dell edificio Busonera è prevista la realizzazione di adeguato parcheggio. 12

19 MAPPA GENERALE UNITA OPERATIVE e SERVIZI 13

20 UNITÀ OPERATIVE E SERVIZI L Istituto Oncologico Veneto è una struttura specialistica oncologica, centro di riferimento regionale, dotata a regime di circa 120 posti letto, che eroga prestazioni sanitarie in regime di ricovero (ordinario, day hospital e day surgery) e prestazioni specialistiche ambulatoriali. È articolato in Unità Operative e in servizi di diagnosi e cura, in aree direzionali e servizi per l organizzazione e la ricerca scientifica. Nell attuale fase di ristrutturazione edilizia, impiantistica ed organizzativa dell edificio Busonera, le Unità Operative e la maggior parte dei servizi afferenti allo IOV trovano collocazione nell area ospedaliera nelle sedi indicate nella mappa. Fanno eccezione il Registro Tumori del Veneto, il Comitato Etico ed il Servizio Sperimentazioni Cliniche e Biostatistica che si trovano in Passaggio S. Gaudenzio n.1. UNITA OPERATIVE e SERVIZI ) Ospedale Busonera 2) Edificio Radioterapia 3) Ospedale Giustinianeo 4) Via Gabelli, 61 14

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Informazione per pazienti La PET/CT con Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Dott. Annibale Versari - Direttore INDICE Cos è e come funziona la

Dettagli

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC (*risponde l infermiera / l ostetrica/ il medico) AGGIORNATO A Maggio 2009 1 CHE COSA E UN PROGRAMMA

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I Edizione 28 Settembre 2012 II Edizione 23 Novembre 2012 Martinengo - Sala Congressi Diapath L evento è stato

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 8.6 Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 1 Premessa Qualità e sostenibilità economica sono le principali esigenze cui cerca di rispondere la concentrazione delle

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica Evento Formativo Residenziale PREVENZIONE ONCOLOGICA IN MEDICINA GENERALE Savona Aulla Magna,, Pallazziina Viigiiolla,,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it Progetto grafico Avenida Stampa Artestampa srl Diffusione 50.000 copie Dicembre 2003 www.policlinico.mo.it

Dettagli

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori,

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori, melanoma Il melanoma è il tumore che nasce dai melanociti, cellule responsabili della colorazione della pelle e che si trovano nello strato più profondo 2 dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Piano di riorganizzazione delle reti ospedaliere. La Rete Oncologica

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Piano di riorganizzazione delle reti ospedaliere. La Rete Oncologica LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Piano di riorganizzazione delle reti ospedaliere La Rete Oncologica Piano di Riorganizzazione della Rete - La rete Oncologica della Regione Lazio Piano di riorganizzazione

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

MEDICINA GENERALE DIRETTORE: Prof. Giovannella Baggio

MEDICINA GENERALE DIRETTORE: Prof. Giovannella Baggio Azienda Ospedaliera di Padova Medicina Generale AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA MEDICINA GENERALE DIRETTORE: Prof. Giovannella Baggio IL REPARTO Telefono: 049 8212675 CARTA DI ACCOGLIENZA PER IL PAZIENTE

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali

Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali S.C. Fisica Sanitaria S.C. Medicina Nucleare Pietra Ligure S.C. Neuroradiologia Diagnostica ed Interventistica S.C. Radiologia Diagnostica

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI DESTINATARI: INFERMIERE, INFERMIERE PEDIATRICO INIZIO: 01/01/2012 FINE: 31/12/2012 COSTO: 84,70 (IVA INCLUSA) OBIETTIVI

Dettagli

Carta Servizi. Poliambulatorio Sani.Med. 98 S.r.l. Medicina dello sport Medicina del lavoro 4 revisione- Gennaio 2015.

Carta Servizi. Poliambulatorio Sani.Med. 98 S.r.l. Medicina dello sport Medicina del lavoro 4 revisione- Gennaio 2015. Sani.Med. S.r.l. Via Palombarese km. 19,0 Marcosimone di Guidonia 00010 Roma Carta Servizi Prestazioni di: Fisioterapia Cardiologia Dermatologia Ginecologia Endocrinologia Oculistica Neurologia Reumatologia

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 A cura di: Intermedia editore Via Malta 12/B 25124 Brescia Tel. 030.226105 fax. 030.2420472 intermedia@intermedianews.it www.medinews.it

Dettagli

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO.

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. ALLEGATO A PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. TITOLI ACCADEMICI VOTO DI LAUREA Medici Specialisti ambulatoriali, Odontoiatri,

Dettagli

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014 2 A cura di: Via Malta 12/B 25124 Brescia Tel. 030.226105 fax. 030.2420472 intermedia@intermedianews.it www.medinews.it 3 Prefazione

Dettagli

PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA

PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA Per prenotare ed eseguire un esame è necessario: 1. Il paziente deve avere una richiesta medica completa che comprenda cognome e nome, data di nascita, numero

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. La radioterapia. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Università degli studi di Modena e Reggio Emilia I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Domati F., Maffei S., Kaleci S., Di Gregorio C., Pedroni M., Roncucci

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/201. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3 Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DI LECCE GIOVANNI Indirizzo Via Lancisi, 137 61121 PESARO (PU) - ITALIA - Telefono Casa: 0721201445 cell. 3396173661 E-mail giangidile@libero.it Cittadinanza

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/1. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 2/. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE

D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE Pag. 51 D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE Responsabile: Prof. Lucio SANTORO Sedi: Edifici 17 16-11G - 20 Direzione 4645 Segreteria 2788 Fax 2657 Portineria 2355 U.O.C.

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

La Chirurgia Senologica. Istituto Oncologico Veneto. Unità Operativa di Chirurgia Senologica. Regione del Veneto

La Chirurgia Senologica. Istituto Oncologico Veneto. Unità Operativa di Chirurgia Senologica. Regione del Veneto I.O.V. ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico La Chirurgia Senologica Unità Operativa di Chirurgia Senologica

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli