CARTA DEI SERVIZI. Ricerca. Prevenzione. Diagnosi. Cura e Assistenza. Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere S cientifico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CARTA DEI SERVIZI. Ricerca. Prevenzione. Diagnosi. Cura e Assistenza. Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere S cientifico"

Transcript

1 I.O.V. ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere S cientifico Regione del Veneto CARTA DEI SERVIZI Ricerca Prevenzione Diagnosi Cura e Assistenza

2 ESENZIONE TICKET U n a v o l t a a c c e r t a t a l a p a t o l o g i a o n c o l o g i c a è n e c e s s a r i o c h e q u e s t a v e n g a c e r t i f i c a t a d a l m e d i c o c h e f a d i a g n o s i s u l M o d u l o R e g i o n a l e d i e s e n z i o n e t i c k e t p e r m a l a t t i e c r o n i c h e e d i n v a l i d a n t i. I l m o d u l o c o m p i l a t o v a c o n s e g n a t o a l l a p r o p r i a U L S S c h e r i l a s c i a u n t e s s e r i n o n e c e s s a r i o p e r p o t e r u s u f r u i r e d e l l e s e n z i o n e t i c k e t p e r l e i n d a g i n i e l e c u r e c o l l e g a t e a l l a m a l a t t i a. INVALIDITA CIVILE L a d i a g n o s i d i m a l a t t i a o n c o l o g i c a d à d i r i t t o a l r i c o n o s c i m e n t o d i i n v a l i d i t à c i v i l e. P e r u l t e r i o r i i n f o r m a z i o n i s i p r e g a d i c o n s u l t a r e i l p r o p r i o M e d i c o d i B a s e o l U f f i c i o R e l a z i o n i c o n i l P u b b l i c o d e l l I s t i t u t o O n c o l o g i c o Ve n e t o.

3 Gentile Signora, Egregio Signore, La invitiamo a consultare la nuova edizione della Carta dei Servizi che illustra in modo sintetico ma esauriente il nostro Istituto. Le informazioni in essa contenute hanno lo scopo di aiutare i cittadini a conoscere meglio i nostri servizi, a rendere più gradevole il soggiorno, più chiari i comportamenti da tenere e ad informarli sui loro diritti. Questa nuova edizione è espressione dell adeguamento della Carta ai profondi cambiamenti organizzativi e strutturali dell Istituto tuttora in corso e indispensabili al fine di creare un ambiente ospedaliero moderno e fruibile da parte degli utenti. Se Lei necessitasse di ulteriori informazioni la preghiamo di rivolgersi al Personale operante presso la nostra Struttura, all Ufficio Relazioni con il Pubblico del nostro Istituto e/o di consultare il nostro sito web:

4 Indice PARTE PRIMA: PRINCIPI GENERALI, OBIETTIVI E IMPEGNI ISTITUZIONE DELL ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO (IOV) 02 FINALITÀ DELL ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO 02 MISSION 02 VALORI DI RIFERIMENTO 03 IMPEGNI 03 STANDARD DI QUALITA GENERALI 05 DIRITTI E RESPONSABILITÀ DEI CITTADINI 07 LA RICERCA 08 COMITATO ETICO 09 REGISTRO TUMORI DEL VENETO 09 PARTE SECONDA: UNITA OPERATIVE E SERVIZI COME RAGGIUNGERE L ISTITUTO - COLLEGAMENTI 12 Autobus 12 Taxi 12 Parcheggi 12 MAPPA GENERALE 13 UNITÀ OPERATIVE E SERVIZI 14 UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO (U.R.P.) 18 STRUTTURE EROGATRICI DI PRESTAZIONI E SERVIZI 19 Anatomia Patologica 19 Cardiologia Oncologica 19 Chirurgia Oncologica 20 Chirurgia Senologica 20 Endoscopia Diagnostica e Operativa 21 Farmacia 21 Servizio di consegna diretta di medicinali 21 Immunologia e Diagnostica Molecolare Oncologica 22 Oncologia Medica 1 23 Oncologia Medica 2 24 Psico Oncologia 24 Radiodiagnostica Oncologica 25

5 Indice Radioterapia e Medicina Nucleare 26 Senologia 27 Servizio di Anestesia 28 Terapia Antalgica 28 Unità Operativa Melanoma e Neoplasie dei Tessuti Molli 29 Unità per i Tumori Ereditari 29 PARTE TERZA: RICOVERO E PRESTAZIONI AMBULATORIALI ACCESSO ALL ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO 32 Ricovero 32 Diritto all assistenza ospedaliera 32 Prestazioni ambulatoriali 32 PRESTAZIONI SPECIALISTICHE AMBULATORIALI 33 Prenotazioni 33 Disdette 33 Punto Cassa 34 Ritiro referti 34 IL RICOVERO 34 Documenti necessari per il ricovero programmato 34 Informazione e privacy 35 Consenso informato 35 Visite mediche 35 Assistenza da parte dei familiari 35 Permessi 35 Dimissioni 36 Rilascio documenti 36 Riconoscere il personale sanitario 37 Biancheria ed oggetti personali 37 Denaro e oggetti di valore 37 Pulizia e ordine 37 Tranquillità del ricovero 37 Alimentazione e pasti 38 Radio e televisione 38

6 Indice Telefoni cellulari 38 INFORMAZIONI UTILI 38 Centralino 38 Portineria Ospedale Busonera 38 Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) 38 Segreteria Direzione Sanitaria 38 Servizio accoglienza e informazioni 39 Servizio di consegna diretta di medicinali 39 Telefoni 39 Servizio bar 39 Fumo 39 Posto di polizia e sicurezza interna 40 Orari di visita 40 Assistenza religiosa 40 Trasporto sanitario in ambulanza 40 Servizio di Volontariato 41 Associazioni di volontariato, di auto aiuto e di tutela 42 A.V.O. (Associazione Volontari Ospedalieri) 42 ANGOLO (Ass. Nazionale Guariti O Lungoviventi Oncologici) 42 Associazione Noi e il Cancro Volontà di Vivere 42 CEAV (Cancro e Assistenza Volontaria) 43 IOV ART Laboratorio artistico 43 Associazione Piccoli Punti 43 AIMac (Ass. Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici) 44 LILT (Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori) 44 Tribunale per i diritti del malato (T.D.M.) 44 Strutture residenziali di supporto 44 SOSTENERE LO IOV 45 RECAPITI TELEFONICI 46

7 PARTE PRIMA Principi generali, obiettivi e impegni

8 PRINCIPI GENERALI ISTITUZIONE DELL ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO (IOV) La Regione del Veneto, con l emanazione della Legge regionale 22 dicembre 2005, n. 26, ha istituito l Istituto Oncologico Veneto (IOV), promuovendone il riconoscimento come Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico (IRCCS) a norma dell articolo 42, comma 1, della legge 16 gennaio 2003, n. 3 e successive modificazioni. L Istituto Oncologico Veneto, riconosciuto come IRCCS, è un Ente a rilevanza nazionale che, secondo standard di eccellenza, persegue finalità di ricerca, prevalentemente clinica e traslazionale, nel campo biomedico e in quello dell organizzazione e gestione dei servizi sanitari, unitamente a prestazioni di ricovero e cura di alta specialità (art. 1, comma 1, D.Lgs /10/2003). Lo IOV ha sede a Padova in via Gattamelata 64. Gli edifici attualmente occupati dalle Unità Operative e Servizi sono l Ospedale Busonera, l Edificio Radioterapia e una parte dell Ospedale Giustinianeo, dell Azienda Ospedaliera, accessibili questi ultimi da via Giustiniani e da via Ospedale. L Istituto Oncologico svolge la propria attività ed assolve alle proprie funzioni anche in collaborazione, per mezzo di apposite convenzioni, con l Azienda Ospedaliera, con la ULSS 16 e con l Università degli Studi di Padova. FINALITÀ DELL ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO L Istituto, in conformità ai principi stabiliti dal sopra citato Decreto Legislativo, nonché alle norme e disposizioni regionali di programmazione sanitaria, persegue principalmente le seguenti finalità: a) svolgere, nella disciplina di oncologia, nel rispetto delle vigenti disposizioni di legge e in conformità alla programmazione nazionale e regionale, attività di assistenza sanitaria, di tipo clinico e traslazionale e di ricerca biomedica e sanitaria; b) trasferire i risultati validati della ricerca nei processi assistenziali del Sistema Sanitario Regionale; c) elaborare ed attuare, direttamente o in rapporto con altri Enti, programmi di formazione professionale e di educazione sanitaria con riferimento agli ambiti istituzionali di attività e per il miglioramento e lo sviluppo delle stesse; d) sperimentare e verificare forme innovative di gestione e di organizzazione in campo sanitario, nei rispettivi ambiti disciplinari; e) supportare tramite idonee modalità, le Istituzioni di istruzione e formazione pre e post laurea; f) svolgere attività di studio e ricerca con attivazione di misure preventive, nelle aree con alta incidenza di tumori. MISSION La mission dell Istituto Oncologico Veneto consiste nella prevenzione, diagnosi e cura dei tumori perseguendo in questi campi l eccellenza attraverso lo sviluppo della ricerca clinicoscientifica e il miglioramento dell organizzazione dell attività di cura e assistenza. Elementi fondamentali sono l approccio multidisciplinare alla patologia e la creazione di una rete di collaborazione/condivisione tra le Oncologie del Veneto. 02

9 VALORI DI RIFERIMENTO L Istituto Oncologico Veneto, nell esercizio della propria attività, si attiene ai principi e valori di riferimento definiti dalla legge istitutiva (Legge regionale 22 dicembre 2005, n. 26) e ai principi fondamentali sull erogazione dei servizi pubblici definiti dal D.P.C.M. 27 gennaio 1994, con particolare riguardo a: eguaglianza dei diritti degli utenti. Ogni utente dell Istituto ha il diritto di ricevere l assistenza e le cure mediche più appropriate, senza discriminazione di età, sesso, razza, nazionalità, lingua, religione, opinioni politiche e condizione sociale; trasparenza e garanzia della qualità. L Istituto si impegna ad orientare la propria azione nel rispetto della trasparenza, in particolare nella gestione delle liste d attesa, nelle modalità di erogazione dei servizi, nell esplicitazione chiara degli obiettivi, nella pubblicizzazione dei risultati ottenuti circa l efficacia e l efficienza dei servizi erogati, nella costruzione di un sistema qualità aziendale; imparzialità. I comportamenti degli operatori verso gli utenti devono essere ispirati a criteri di obiettività, giustizia ed imparzialità; continuità del servizio. L Istituto ha il dovere di assicurare la continuità e la regolarità delle cure; diritto di scelta degli utenti e loro partecipazione. Ove sia consentito dalla normative vigenti, l utente ha il diritto di scegliere il soggetto o la struttura sanitaria che ritiene possa meglio rispondere alle proprie esigenze; efficienza ed efficacia delle prestazioni erogate. Ogni operatore lavora per il raggiungimento dell obiettivo primario che è la promozione della salute del malato, in modo da produrre, con le conoscenze tecnico-scientifiche più aggiornate, le migliori condizioni di benessere possibili. Il raggiungimento di tale obiettivo implica il coinvolgimento e la crescita professionale degli operatori, nonché l attivazione di percorsi e procedure in grado di garantire l utilizzo ottimale delle risorse umane e finanziarie disponibili; partecipazione. All utente deve essere garantita la partecipazione alla prestazione del servizio attraverso: una informazione corretta, chiara e completa; la possibilità di esprimere la propria valutazione della qualità delle prestazioni erogate e di inoltrare reclami o suggerimenti per il miglioramento del servizio; la collaborazione con associazioni di volontariato e di tutela dei diritti. PRINCIPI GENERALI IMPEGNI L Istituto Oncologico Veneto, erogando i propri servizi nel rispetto dei Livelli Essenziali di Assistenza (L.E.A.), assume nei confronti dei cittadini i seguenti impegni: garantire la continuità terapeutica, sviluppando ulteriormente forme di integrazione tra assistenza ospedaliera ed assistenza territoriale; 03

10 PRINCIPI GENERALI considerare il servizio erogato come processo unitario e coordinato tra le diverse fasi che lo compongono migliorando l intero percorso diagnostico-terapeutico; integrare le proprie informazioni sull utilizzo dei servizi con quelle degli altri enti e istituzioni pubbliche, in particolare per quanto riguarda la rete oncologica regionale, al fine di favorire un migliore accesso ai servizi da parte dei cittadini e per promuovere un uso corretto ed appropriato delle strutture socio-sanitarie; incrementare il coinvolgimento del volontariato in modo da valorizzare le potenzialità umane e operative delle associazioni in tutte le attività connesse con il miglioramento dei servizi; sviluppare le forme di valutazione multidisciplinare del bisogno della persona per fornire una risposta integrata e completa ai bisogni individuati; assicurare il mantenimento di standard di qualità clinica e di funzionalità dei servizi in modo da garantire ai cittadini la migliore possibilità di accesso al servizio del quale necessitano; sviluppare la ricerca scientifica ed erogare l assistenza sanitaria in modo da produrre, con le conoscenze tecnico scientifiche più moderne, risultati validi per la salute dei cittadini. Il raggiungimento di tale obiettivo non è disgiunto dalla salvaguardia delle risorse che devono essere utilizzate nel miglior modo possibile, senza sprechi e costi inutili; considerare i reclami e le segnalazioni di disservizio come strumenti e occasioni per il miglioramento complessivo della qualità del servizio offerto; monitorare e valutare permanentemente la soddisfazione dei cittadini rispetto alla qualità dei servizi erogati; garantire che i comportamenti verso i cittadini siano ispirati a criteri di obiettività, giustizia ed imparzialità e porre particolare attenzione al continuo miglioramento delle modalità relazionali e comunicative del personale medico, infermieristico, tecnico e amministrativo nei confronti dei cittadini. Gli aspetti relazionali sono infatti componenti intrinseche dell assistenza sanitaria: nell allevio del dolore, nell aumento dell aderenza al regime terapeutico prescritto, nella soddisfazione per il rapporto interpersonale; assicurare il diritto di scelta del paziente inteso, conformemente alle normative vigenti, come diritto di scelta del cittadino tra le strutture sanitarie accreditate che erogano il servizio sul territorio; garantire ad ogni cittadino il diritto di ricevere le cure mediche più appropriate senza discriminazioni di sesso, razza, religione, nazionalità e condizione sociale; porre particolare attenzione alla riservatezza attraverso un orientamento complessivo rispettoso della legge sulla tutela della privacy e un azione organizzativa tesa alla rimozione di ogni possibilità di lesione della sfera di integrità morale e psicologica del cittadino; migliorare e revisionare sistematicamente standard di qualità garantiti con il contributo dei risultati delle rilevazioni periodiche sulla soddisfazione e il confronto con le associazioni di volontariato. 04

11 STANDARD DI QUALITA GENERALI (in fase sperimentale per il 2010) ACCOGLIENZA E SOSTEGNO Ogni operatore dell Istituto, nell accogliere il cittadino che si rivolge a lui, ascolta i suoi bisogni per quanto di competenza e qualora non sia in grado di rispondergli, lo indirizza in maniera appropriata. I volontari delle Associazioni AVO (Associazione Volontari Ospedalieri) e CEAV (Cancro E Assistenza Volontaria) assicurano il servizio di accoglienza e orientamento rivolto ai cittadini che accedono all Istituto, tutti i giorni esclusi sabato e festivi. In tutte le Unità Operative di ricovero ordinario e DH sono presenti i volontari delle associazioni che prestano la loro attività allo IOV (AVO, CEAV, ANGOLO) per offrire agli utenti sostegno, compagnia e supporto. A tutti i pazienti (e loro familiari) in condizioni di vulnerabilità fisica o psicologica viene proposta l assistenza da parte del Servizio di Psico Oncologia. L assistenza psicologica è comunque assicurata, a richiesta, per tutti i pazienti in cura / trattamento presso le Unità operative dello IOV e per i loro famigliari. PRINCIPI GENERALI INFORMAZIONE L informazione sulla dislocazione dei Servizi e delle Unità Operative è assicurata dalla segnaletica presente all esterno, negli atrii e nei corridoi. L informazione per l orientamento è assicurata: dalla disponibilità nell ingresso delle sedi IOV di un prospetto informativo (cartellonistica e/o display luminoso con scritte a scorrimento) riassuntivo dei servizi; dalla disponibilità di un servizio di accompagnamento effettuato dai volontari di AVO e CEAV; dalla presenza negli ascensori di cartelli riportanti le indicazioni dei piani e dei servizi. L informazione generale dei servizi e della struttura è assicurata con la consegna ai fruitori della Carta dei servizi o della scheda informativa dell Unità Operativa pubblicata nel sito internet. Per garantire l informazione relativa alle modalità di prenotazione viene consegnata agli interessati la Carta dei servizi o la corrispondente scheda informativa. RICONOSCIBILITÀ Per assicurare la riconoscibilità immediata e agevole dell identità degli interlocutori, tutto il personale a contatto con il pubblico porta il cartellino identificativo con scritti a caratteri ben leggibili: nome, cognome e qualifica. TUTELA E assicurata la presenza di almeno una cassetta raccolta reclami, segnalazioni e proposte 05

12 PRINCIPI GENERALI di miglioramento nell atrio di ogni sede IOV I cittadini che inoltrano una segnalazione scritta e firmata ricevono risposta entro 30 giorni dalla data di ricevimento da parte dell Ufficio Relazioni con il Pubblico dell Istituto. È assicurato il monitoraggio continuo della qualità percepita dall utente attraverso la somministrazione e l analisi di questionari di soddisfazione con cadenza almeno annuale. Per rendere esplicita la situazione in merito alla qualità percepita è assicurata, a richiesta, la disponibilità del rapporto annuale sulle indagini di soddisfazione e sulle segnalazioni e reclami degli utenti. CONSENSO INFORMATO E assicurata la partecipazione informata dell utente con applicazione della procedura adottata per l informazione ed il consenso alle prestazioni diagnostiche e terapeutiche. Il professionista sanitario acquisisce dal cittadino il consenso al trattamento diagnostico terapeutico e assistenziale verificando che ne abbia compreso il contenuto. RISERVATEZZA Il diritto alla privacy è garantito: dalle modalità di trattamento e comunicazione dei dati personali per i quali i pazienti rilasciano il proprio consenso al primo accesso all Istituto; dall utilizzo di accorgimenti idonei a salvaguardare la riservatezza (distanza di cortesia agli sportelli, riservatezza nei colloqui). RELAZIONE INTERPERSONALE Tutto il personale si impegna ad avere atteggiamenti cortesi e rispettosi verso gli utenti e i loro famigliari. La qualità relazionale è monitorata attraverso la somministrazione almeno annuale di un questionario di soddisfazione. COMFORT L Istituto è impegnato a rendere tutte le sedi delle strutture facilmente accessibili, confortevoli, prive di barriere architettoniche e con adeguato numero di posti a sedere nelle sale e negli spazi utilizzati per l attesa. È assicurata massima cura e controlli periodici a cadenza fissa nella pulizia delle parti comuni, degli ambulatori, delle sale d attesa, delle strutture alberghiere, delle camere di degenza e dei servizi igienici di pertinenza. In particolare la pulizia dei locali delle parti comuni e dei servizi igienici è assicurata da almeno 2 passaggi al giorno (mattina e pomeriggio). SICUREZZA È garantito il servizio di portierato diurno ed il servizio di guardia notturna. Sono inoltre 06

13 attivi impianti di sorveglianza con telecamere ubicate all interno e all esterno dell istituto. SEMPLICITÀ PROCEDURE La consegna della cartella clinica secondo le normative vigenti è assicurata entro massimo 30 giorni dalla richiesta. La prenotazione dei controlli o accessi successivi può essere effettuata con impegnativa contestualmente alla visita / trattamento. È attivo 5 ore al giorno dal lunedì al venerdì (dalle alle 14.00) un numero telefonico riservato ai pazienti oncologici in cura presso le Unità Operative di Oncologia Medica atto a fornire risposte ai problemi di natura clinica e assistenziale da parte di personale medico e infermieristico. I pazienti in trattamento ricevono le prescrizioni e/o direttamente i farmaci da assumere per le terapie che vengono effettuate a domicilio. PRINCIPI GENERALI DIRITTI E RESPONSABILITÀ DEI CITTADINI L Istituto Oncologico Veneto garantisce al cittadino il diritto: alla qualità delle cure e dell assistenza, quindi a ricevere le migliori cure possibili tramite l utilizzo delle più avanzate tecnologie e conoscenze scientifiche, nonché ad essere assistiti in maniera professionale e personalizzata; all informazione riguardante il proprio stato di salute, gli accertamenti diagnostici, i trattamenti necessari e gli effetti secondari degli stessi, le possibili alternative ed i rischi connessi, i rimedi terapeutici ed assistenziali esistenti, atti ad evitare o sedare eventuali stati di sofferenza o dolore, sia attraverso la procedura adottata per la raccolta del consenso informato, sia nel corso dei colloqui con i sanitari durante la degenza e/o le prestazioni ambulatoriali; ad esprimere il consenso sui trattamenti ed interventi proposti, nonché a non essere sottoposto ad alcuna cura o trattamento senza aver espresso il proprio consenso. Viene altresì garantito il diritto ad interrompere le cure; ad esprimere, altresì rifiutare, il proprio consenso alla partecipazione a studi controllati randomizzati e sperimentazioni cliniche attuate dall Istituto Oncologico Veneto; alla riservatezza, al rispetto della dignità e dell intimità; alla massima riservatezza dei dati personali e di quelli relativi alla diagnosi, alla degenza e alle terapie; alla tutela della sicurezza all interno della struttura e nei trattamenti proposti; al rispetto della dignità della persona quindi ad un assistenza che garantisca la massima considerazione della sfera personale, ad avere un ospitalità ed un trattamento alberghiero secondo livelli di qualità dignitosi, a ricevere le cure senza differenze di sesso, di cultura, del proprio credo religioso e della propria etica; Al cittadino viene richiesto di assumersi alcune responsabilità ed in particolare di: esprimere il consenso informato agli specifici trattamenti; 07

14 PRINCIPI GENERALI partecipare al processo diagnostico terapeutico comunicando le informazioni utili per favorire, nel proprio interesse, il processo di cura ed esprimendo ai sanitari gli eventuali dubbi, perplessità o problemi che insorgono in modo da aiutare gli operatori nel rendere del tutto sicuri ed efficaci i trattamenti; farmaci assunti: è importate informare il personale anche dei farmaci e/o prodotti di erboristeria assunti a domicilio; rispettare le regole che permettono il corretto svolgimento dell attività assistenzialeterapeutica; rispettare i diritti degli altri pazienti e del personale osservando le regole interne dell ospedale e le norme di civile convivenza; comunicare entro 72 ore la rinuncia alla visita/prestazione strumentale prenotata presso l Istituto; avere cura della struttura, degli arredi e degli oggetti. LA RICERCA L Istituto Oncologico Veneto promuove la ricerca in campo biomedico e biotecnologico, e sui servizi sanitari in oncologia. Le ricerche vengono svolte nelle strutture che costituiscono lo IOV anche nell ambito di collaborazioni scientifiche a livello regionale, per promuovere l eccellenza diffusa, e in ambito nazionale ed internazionale, realizzando le sinergie necessarie al progresso scientifico oncologico. Attualmente sono in corso di esecuzione più di cento progetti articolati su 12 linee di ricerca oltre a ricerche finalizzate regionali e nazionali. I settori della ricerca oncologica, per i quali esistono in ambito regionale peculiari competenze, sono individuati dal Comitato Scientifico istituito presso l Istituto Oncologico. Per ogni settore viene istituito un sottocomitato di progetto per la gestione quotidiana dei progetti cooperativi che divengono parte integrante della politica della ricerca dello IOV. Il Comitato Scientifico dello IOV ha istituito una rete scientifica veneta che impegna unità assistenziali di eccellenza a partecipare a progetti di ricerca cooperativa, diretti dallo IOV tramite i comitati di progetto; questi vedono impegnati attivamente i vari responsabili nel disegnare i progetti sui quali lo IOV mantiene il controllo di qualità tramite monitori propri. L Istituto Oncologico Veneto costituisce un centro di riferimento per studi di natura multicentrica a livello nazionale e internazionale. Tale ricerca è svolta anche negli ambiti disciplinari nei quali viene erogata l attività assistenziale e si avvale del supporto e controllo del proprio Comitato Etico. Molti progetti di ricerca si caratterizzano, infatti, per l applicazione del modello traslazionale che presuppone una stretta integrazione e uno scambio continuo di informazioni tra laboratorio ed attività clinica, aspetto fondamentale per favorire il trasferimento tempestivo ed efficace dei risultati della ricerca stessa nella diagnosi e nella cura dei problemi di salute dei cittadini che si rivolgono all Istituto. L Istituto ha l obiettivo di coordinare e finanziare gli studi offrendo ai cittadini della Regione 08

15 e dell intero Paese le migliori cure. Il progetto di attività si articola in vari settori: epidemiologia dei tumori, studio delle neoplasie eredo-familiari e dei fattori ambientali di rischio; comprensione dei meccanismi cellulari di cancerogenesi; individuazione delle condizioni preneoplastiche; diagnosi precoce delle neoplasie dei vari organi e apparati; cure integrate farmacologiche, radianti, chirurgiche e biologiche per aumentare il numero dei guariti; ricerca di nuove modalità di cura delle neoplasie; umanizzazione dei trattamenti intra ed extra ospedalieri per migliorare la qualità di vita dei pazienti; rendere i trattamenti oncologici omogenei e aderenti agli standard più alti in tutto il Veneto. PRINCIPI GENERALI COMITATO ETICO Il Comitato Etico è un organismo indipendente che ha la responsabilità di garantire la tutela dei diritti, della sicurezza e del benessere dei soggetti coinvolti in sperimentazioni cliniche. I principi a cui il Comitato Etico fa riferimento sono quelli indicati nella revisione corrente della Dichiarazione di Helsinki, nella versione più recente delle Good Clinical Practice e in altre Raccomandazioni degli Organismi Nazionali ed Internazionali in materia di tutela della persona umana negli ambiti della ricerca biomedica e della pratica clinica. Il Comitato Etico si riferisce inoltre alla normativa vigente in materia sanitaria e alle raccomandazioni del Comitato Nazionale per la Bioetica e del Comitato per la Bioetica della Regione Veneto. REGISTRO TUMORI DEL VENETO Presso l Istituto Oncologico ha sede il Registro Tumori del Veneto (RTV), uno strumento permanente di raccolta delle informazioni relative a tutti i nuovi casi di neoplasia maligna che insorgono nella popolazione residente. Il sistema di registrazione è basato sull utilizzo di dati codificati e informatizzati e sull applicazione di una procedura originale di assegnazione automatica dell incidenza; questo rende possibile studiare con poche risorse una popolazione molto estesa - attualmente di oltre 2 milioni di residenti. Le informazioni raccolte consentono di dire quanti casi di neoplasia si verificano ogni anno nella popolazione (incidenza) e quanto varia questo rischio nel corso del tempo, qual è la probabilità di guarire (sopravvivenza) e quante sono le persone che hanno avuto un tumore (prevalenza). La ricchezza delle informazioni per ogni singolo caso costituisce inoltre una base disponibile per molte ricerche oncologiche. Un altra linea di lavoro del RTV è il coordinamento degli screening per i tumori della mammella, del collo dell utero e del colon retto, realizzati dalle Aziende ULSS del Veneto. Questa attività si concretizza nella raccolta sistematica di dati di attività dei programmi che consentono il monitoraggio della loro qualità e in attività di formazione delle varie figure professionali coinvolte negli screening. 09

16 PRINCIPI GENERALI Una parte importante del lavoro svolto dal personale del RTV, composto da medici epidemiologi, statistici e biologi, sono studi epidemiologici analitici e valutativi, condotti spesso in collaborazione con gruppi omologhi a livello nazionale e internazionale. 10

17 PARTE SECONDA Guida allo IOV Unità Operative e Servizi

18 COME RAGGIUNGERE L ISTITUTO - COLLEGAMENTI UNITA OPERATIVE e SERVIZI L Istituto Oncologico Veneto ha sede a Padova, nella zona ospedaliera della città, in via Gattamelata 64, nell edificio Busonera. Alcune Unità Operative e Servizi sono situati all interno dell Azienda Ospedaliera: nell edificio Giustinianeo e nell edificio Radioterapia, accessibili da via Giustiniani e da via Ospedale. L Istituto è raggiungibile: dalle uscite autostradali della città, seguendo il percorso per il centro della città e la segnaletica per l ospedale; dalla stazione ferroviaria servendosi degli autobus del servizio urbano. Autobus L istituto è collegato con la stazione ferroviaria, il centro e le altre zone della città tramite la rete del servizio urbano di autobus di Padova. Gli autobus delle linee urbane n. 5, n. 6 e n. 24 collegano la stazione ferroviaria all Istituto Oncologico Veneto in un tempo di percorrenza di circa 10 minuti. Taxi Radiotaxi tel Nei pressi dell ingresso della Clinica Ostetrica dell Azienda Ospedaliera, in via Giustiniani 1, stazionano i Taxi. Parcheggi In tutta la zona circostante l ospedale è possibile parcheggiare l automobile anche in aree a pagamento. Nei pressi dell ingresso dell edificio Busonera, in via Gattamelata, è possibile posteggiare l automobile in parcheggio a pagamento Autosilos con posti auto riservati ai disabili, aperto 24 ore su 24. All interno dell area dell edificio Busonera, sono disponibili posti macchina per disabili. Il portiere della guardiola provvede a far accedere all interno le autovetture che espongono il contrassegno disabili. I pazienti in cura presso il Day Hospital delle Unità Operative di Oncologia Medica possono accedere con la propria autovettura all interno dell area dell edificio Busonera e parcheggiare all interno. La sosta è consentita unicamente per il tempo necessario alle cure. I parcheggi non sono custoditi. Nell ambito del progetto generale di ristrutturazione dell edificio Busonera è prevista la realizzazione di adeguato parcheggio. 12

19 MAPPA GENERALE UNITA OPERATIVE e SERVIZI 13

20 UNITÀ OPERATIVE E SERVIZI L Istituto Oncologico Veneto è una struttura specialistica oncologica, centro di riferimento regionale, dotata a regime di circa 120 posti letto, che eroga prestazioni sanitarie in regime di ricovero (ordinario, day hospital e day surgery) e prestazioni specialistiche ambulatoriali. È articolato in Unità Operative e in servizi di diagnosi e cura, in aree direzionali e servizi per l organizzazione e la ricerca scientifica. Nell attuale fase di ristrutturazione edilizia, impiantistica ed organizzativa dell edificio Busonera, le Unità Operative e la maggior parte dei servizi afferenti allo IOV trovano collocazione nell area ospedaliera nelle sedi indicate nella mappa. Fanno eccezione il Registro Tumori del Veneto, il Comitato Etico ed il Servizio Sperimentazioni Cliniche e Biostatistica che si trovano in Passaggio S. Gaudenzio n.1. UNITA OPERATIVE e SERVIZI ) Ospedale Busonera 2) Edificio Radioterapia 3) Ospedale Giustinianeo 4) Via Gabelli, 61 14

CARTA DEI SERVIZI. Ricerca. Prevenzione. Diagnosi. Cura e Assistenza. Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico

CARTA DEI SERVIZI. Ricerca. Prevenzione. Diagnosi. Cura e Assistenza. Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Regione del Veneto CARTA DEI SERVIZI Ricerca Prevenzione Diagnosi Cura e Assistenza ESENZIONE TICKET Una

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere S cientifico. Regione del Veneto

CARTA DEI SERVIZI. Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere S cientifico. Regione del Veneto I.O.V. ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere S cientifico CARTA DEI SERVIZI ESENZIONE TICKET U n a v o l t a a c c

Dettagli

Day Hospital Psichiatrico

Day Hospital Psichiatrico Day Hospital Psichiatrico Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure, attraverso

Dettagli

ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S.

ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. 10 febbraio 2009 - Aviano Gli I.R.C.C.S. Oncologici nel Nord-Est p.c. muzzio Con legge regionale 22 dicembre 2005, n 26 è stato istituito l Istituto Oncologico Veneto

Dettagli

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE DOVE ANDARE PER cominciare un percorso oncologico, prenotare una visita CENTRO ACCOGLIENZA E SERVIZI (CAS): Ospedale U. Parini, blocco D, piano -1 È la struttura dedicata

Dettagli

CASA DI CURA ULIVELLA E GLICINI Standard di qualità ed impegni verso i cittadini

CASA DI CURA ULIVELLA E GLICINI Standard di qualità ed impegni verso i cittadini E VERSO I CITTADINI RICONOSCERE IL PERSONALE ASPETTI RELAZIONALI UMANIZZAZIONE Garantire la riconoscibilità del personale che svolge servizio al pubblico Garantire il miglioramento dei rapporti tra gli

Dettagli

in collaborazione con

in collaborazione con in collaborazione con Ogni individuo ha diritto ad un tenore di vita sufficiente a garantire la salute e il benessere proprio e della sua famiglia con particolare riguardo all alimentazione, al vestiario,

Dettagli

InSalus nasce nel 2011 dall idea di un pool di professionisti che si propongono i seguenti obiettivi:

InSalus nasce nel 2011 dall idea di un pool di professionisti che si propongono i seguenti obiettivi: Carta dei Servizi Gentilissimo utente, questo documento, redatto secondo le disposizioni della normativa vigente, ha lo scopo di farle conoscere la nostra struttura, la nostra equipe, i nostri servizi

Dettagli

Ospedale privato Villa Igea

Ospedale privato Villa Igea Residenza psichiatrica il Borgo Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure, attraverso

Dettagli

Informazione per pazienti. Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) per tumore alla mammella

Informazione per pazienti. Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) per tumore alla mammella Informazione per pazienti Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) per tumore alla mammella Questo opuscolo è stato realizzato per fornire alcune utili informazioni sul percorso seguito

Dettagli

Centro Allergie Alimentari

Centro Allergie Alimentari AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA Dipartimento ad Attività Integrata Sperimentale (DAIS) per la Salute della Donna e del Bambino Dipartimento di Pediatria Salus Pueri Centro Allergie Alimentari

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

Servizio Specialistico Ambulatoriale

Servizio Specialistico Ambulatoriale Servizio Specialistico Ambulatoriale Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure,

Dettagli

S. C. di GASTROENTEROLOGIA OSPEDALE SAN BASSIANO

S. C. di GASTROENTEROLOGIA OSPEDALE SAN BASSIANO S. C. di GASTROENTEROLOGIA OSPEDALE SAN BASSIANO PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA La Struttura Complessa di Gastroenterologia rappresenta il punto di riferimento per il territorio ed il nosocomio ospedaliero

Dettagli

Area Funzionale Chirurgica del P.O. di Pescia GUIDA AI SERVIZI

Area Funzionale Chirurgica del P.O. di Pescia GUIDA AI SERVIZI Area Funzionale Chirurgica del Presidio Ospedaliero S.S. Cosma e Damiano di Pescia ON-LINE www.usl3.toscana.it SISTEMA CARTA DEI SERVIZI Gentile Signore, Gentile Signora, l Area Funzionale Chirurgica dell

Dettagli

S. C. di MEDICINA INTERNA OSPEDALE DI ASIAGO

S. C. di MEDICINA INTERNA OSPEDALE DI ASIAGO S. C. di MEDICINA INTERNA OSPEDALE DI ASIAGO PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA La Struttura Complessa di Medicina dell Ospedale di Asiago fa parte del Dipartimento di area medica. Si trova al piano terra e

Dettagli

Tumori rari Come orientarsi

Tumori rari Come orientarsi Tumori rari Come orientarsi Realizzato da: Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti e amici Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori di Milano Istituto Superiore di Sanità Che cos è un tumore?

Dettagli

Casa di Cura Karol Wojtyla Hospital 1

Casa di Cura Karol Wojtyla Hospital 1 Casa di Cura Karol Wojtyla Hospital 1 Finito di stampare nel mese di Maggio 2014 dalla Tipografia Elle Commerciale Progettazione grafica per CAIA Foto Officina Fotografica 2 Casa di Cura Karol Wojtyla

Dettagli

Consultare : http://www.ginecologia.unipd.it/ http://www.sanita.padova.it/reparti/ostetricia-e-ginecologia-clinica,1001,29

Consultare : http://www.ginecologia.unipd.it/ http://www.sanita.padova.it/reparti/ostetricia-e-ginecologia-clinica,1001,29 Pagina 1 di 14 Indice Presentazione pag. 2 Attività ambulatoriale pag. 3 Ambulatorio ed orari pag. 6 Modalità di accesso pag. 8 Modulo soddisfazione pag. 14 Gentile Signora, il Personale Sanitario desidera

Dettagli

Tumori rari Come orientarsi

Tumori rari Come orientarsi Tumori rari Come orientarsi Che cos è un tumore? Il nostro corpo è costituito da cellule che, pur diverse tra loro per aspetto e funzioni, si riproducono, si riparano e muoiono secondo gli stessi processi

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

Unità Multidisciplinare di Senologia. Dedicato a te, donna. Percorso Senologico. con la collaborazione dell'associazione

Unità Multidisciplinare di Senologia. Dedicato a te, donna. Percorso Senologico. con la collaborazione dell'associazione Percorso Senologico Dedicato a te, donna Unità Multidisciplinare di Senologia con la collaborazione dell'associazione Percorso Senologico dedicato a te, donna Percorso senologico E' un percorso di accoglienza

Dettagli

Mod. CDS Rev. 2 Data 01.08.11 Pagina 1 di 14

Mod. CDS Rev. 2 Data 01.08.11 Pagina 1 di 14 HOSPICE VIA DELLE STELLE REGGIO CALABRIA Mod. CDS Rev. 2 Data 01.08.11 Pagina 1 di 14 La carta dei servizi è il documento che la legge italiana ha voluto realizzare nel processo di innovazione dei rapporti

Dettagli

FIGURE MEDICHE Oncologi e Pneumologi

FIGURE MEDICHE Oncologi e Pneumologi FIGURE MEDICHE I Pazienti si trovano a doversi confrontare con diverse figure mediche e a dover contattare diverse strutture. Poiché tale patologia deve essere affrontata con un approccio multidisciplinare,

Dettagli

CLINICA DERMATOLOGICA

CLINICA DERMATOLOGICA REGIONE VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA CLINICA DERMATOLOGICA Direttore: Prof. Andrea Peserico CARTA DI ACCOGLIENZA PER LA PERSONA AFFETTA DA MALATTIE DERMATOLOGICHE Via Cesare Battisti, 206 Padova

Dettagli

AMBULATORI INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE

AMBULATORI INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA DIPARTIMENTO STRUTTURALE NEUROSCIENZE E ORGANI DI SENSO Prof. Alessandro Martini Unità Operativa Complessa ODONTOIATRIA e STOMATOLOGIA Responsabile: Prof. Edoardo Stellini

Dettagli

ASCOLTO Secondo noi l ascolto è la necessaria premessa per l accoglienza e la comprensione dei bisogni della persona malata e dei suoi familiari.

ASCOLTO Secondo noi l ascolto è la necessaria premessa per l accoglienza e la comprensione dei bisogni della persona malata e dei suoi familiari. LA CARTA DEI VALORI ASCOLTO Secondo noi l ascolto è la necessaria premessa per l accoglienza e la comprensione dei bisogni della persona malata e dei suoi familiari. DIGNITÀ Ci impegniamo ogni giorno per

Dettagli

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL.

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL. L Hospice è una struttura dell ASL 1 Imperiese che accoglie prevalentemente pazienti con tumore in fase avanzata o terminale che necessitano di cure palliative di livello specialistico o che non possono

Dettagli

Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia

Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia Direzione Regionale Sanità e Servizi Sociali Centro di Riferimento Oncologico Regionale Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia L esperienza del CRO e il programma di una Rete Oncologica Regionale

Dettagli

www.casadicurasanfeliciano.it

www.casadicurasanfeliciano.it Tutte le informazioni contenute nella Carta dei Servizi Casa di Cura San Feliciano sono reperibili e in costante aggiornamento sul sito Internet www.casadicurasanfeliciano.it Lettera ai Pazienti Gentile

Dettagli

C A R T A D E I S E R V I Z I

C A R T A D E I S E R V I Z I Servizio Sanitario Nazionale - Regione Veneto AZIENDA UNITA` LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 C A R T A D E I S E R V I Z I U n i t à O p e r a t i v a d i G e r i a t r i a Presidio Ospedaliero di Dolo Complesso

Dettagli

CARTA SERIVIZI Siena, 07/01/2014

CARTA SERIVIZI Siena, 07/01/2014 A.G.I. Medica srl Poliambulatorio A.G.I. Medica Viale Toselli 94 Siena CARTA SERIVIZI Siena, 07/01/2014 Pagina 1 di 6 Chi siamo Il POLIAMBULATORIO A.G.I. Medica, gestito dalla società A.G.I. Medica srl,

Dettagli

Regione Toscana e ASL 1 di Massa e Carrara Servizio Sanitario della Toscana Liceo Artistico Statale Artemisia Gentileschi Progetto per migliorare l informazione ed il rapporto con i cittadini, attuato

Dettagli

SERVIZIO DI SENOLOGIA E MAMMOGRAFIA

SERVIZIO DI SENOLOGIA E MAMMOGRAFIA SERVIZIO DI SENOLOGIA E MAMMOGRAFIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA Questo testo intende fornire in maniera semplice utili informazioni su un tema di particolare importanza

Dettagli

Sistema di gestione per la Qualità Carta dei Servizi Ospedale San Martino - Belluno Salute della donna e del bambino Ostetricia e Ginecologia

Sistema di gestione per la Qualità Carta dei Servizi Ospedale San Martino - Belluno Salute della donna e del bambino Ostetricia e Ginecologia CARTA DEI SERVIZI UNITÀ OPERATIVA COMPLESSA DI OSTERICIA E GINECOLOGIA Ospedale San Martino - BELLUNO Struttura Dipartimento Unità operativa/servizio Sistema di gestione per la Qualità Carta dei Servizi

Dettagli

Sai cosa fa l AIL per il reparto di Oncoematologia Pediatrica di Padova?

Sai cosa fa l AIL per il reparto di Oncoematologia Pediatrica di Padova? L A.I.L. - Sezione di Padova ONLUS e la Clinica di Oncoematologia Pediatrica di Padova dal 1975 INSIEME per la VITA Sai cosa fa l AIL per il reparto di Oncoematologia Pediatrica di Padova? Passato, presente,

Dettagli

O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte. Guida al ricovero

O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte. Guida al ricovero Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a Guida al ricovero Gentile Signore/a, Il personale sanitario, medico ed infermieristico del Reparto desidera assicurarle

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 1 aprile 2007. Unità Operativa di Anatomia Patologica Ospedale di Bussolengo

Carta dei Servizi rev. 1 aprile 2007. Unità Operativa di Anatomia Patologica Ospedale di Bussolengo Carta dei Servizi rev. 1 aprile 2007 Unità Operativa di Ospedale di Bussolengo Azienda ULSS n. 22 Bussolengo (VR) Dipartimento di Diagnosi e Cura Unità Operativa di Ospedale di Bussolengo Monoblocco -

Dettagli

LA RETE REGIONALE DEI CENTRI DI SENOLOGIA

LA RETE REGIONALE DEI CENTRI DI SENOLOGIA Premessa LA RETE REGIONALE DEI CENTRI DI SENOLOGIA ALLEGATO A Il rinnovamento e le trasformazioni organizzative dei sistemi sanitari sono posti da tutti i paesi industrializzati come elementi fondamentali

Dettagli

Mission e Obbiettivi Attività svolta ARZIGNANO MONTECCHIO MAGGIORE VALDAGNO LONIGO

Mission e Obbiettivi Attività svolta ARZIGNANO MONTECCHIO MAGGIORE VALDAGNO LONIGO REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N.5 36071 ARZIGNANO (VI) Via Trento n.4 UNITA OPERATIVA RADIOLOGIA DIRETTORE DR. PIVETTA GIORGIO CARTA DEI SERVIZI Data di prima redazione:15/10/2009

Dettagli

Ambulatorio di Ecografie

Ambulatorio di Ecografie via Nazario Sauro, 32-30014 Cavarzere (VE) - Tel. 0426 316111 - Fax 0426 316445 Ambulatorio di Ecografie Redatto da: - Medico specialista, - Coord. Amministrativa - Coord. Infermieristica - Personale C.U.P.

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Ultima revisione: Aprile 2014 PARTE GENERALE 1. PRESENTAZIONE DELLA FONDAZIONE SCARPARI FORATTINI ONLUS L ente trae origine dalle disposizioni testamentarie

Dettagli

AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE ROMA C. Ospedale S.Eugenio P.le dell Umanesimo, 10 00144 Roma CARTA DEI SERVIZI

AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE ROMA C. Ospedale S.Eugenio P.le dell Umanesimo, 10 00144 Roma CARTA DEI SERVIZI AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE ROMA C Ospedale S.Eugenio P.le dell Umanesimo, 10 00144 Roma CARTA DEI SERVIZI U.O.C. ONCOLOGIA MEDICA Direttore: Prof. Mauro Antimi Tel. 0651002569 - fax 0651003223 Ufficio

Dettagli

PERCORSO UNITA PROSTATA. POLICLINICO UMBERTO I v.le Regina Elena, 324 Roma

PERCORSO UNITA PROSTATA. POLICLINICO UMBERTO I v.le Regina Elena, 324 Roma PERCORSO UNITA PROSTATA POLICLINICO UMBERTO I v.le Regina Elena, 324 Roma COORDINAMENTO DIAGNOSTICO: Dott.ssa Valeria Panebianco, UOC Radiologia Centrale (Dir.Prof.C.Catalano) Dipartimento di Scienze Radiologiche,

Dettagli

Carta di Accoglienza per l utente

Carta di Accoglienza per l utente AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA Direttore Prof. Maurizio Clementi Carta di Accoglienza per l utente U. O. C. d i G e n e t i c a C l i n i c a e d E p i d e m i o l o g i

Dettagli

PUGLIA. Istituto dei Tumori Giovanni Paolo II

PUGLIA. Istituto dei Tumori Giovanni Paolo II Istituto dei Tumori Giovanni Paolo II Via F. S. Hahneman, 10 Bari Tel. 0805555111 Prenotazioni 800290848 www.oncologico.bari.it Direttore Generale Dott. Nicola Pansini Direttore Sanitario Dott. Giuseppe

Dettagli

Servizio Sanitario Nazionale Regione Calabria AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE RC. OSPEDALE DI L O C R I (R.C.)

Servizio Sanitario Nazionale Regione Calabria AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE RC. OSPEDALE DI L O C R I (R.C.) Servizio Sanitario Nazionale Regione Calabria AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE RC. OSPEDALE DI L O C R I (R.C.) Dipartimento Materno Infantile Struttura Operativa Complessa di OSTETRICIA E GINECOLOGIA CARTA

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Casa di Cura Ambrosiana CARTA DEI SERVIZI. Un aiuto per utilizzare al meglio i nostri servizi.

CARTA DEI SERVIZI. Casa di Cura Ambrosiana CARTA DEI SERVIZI. Un aiuto per utilizzare al meglio i nostri servizi. CARTA DEI SERVIZI Casa di Cura Ambrosiana CARTA DEI SERVIZI Un aiuto per utilizzare al meglio i nostri servizi. CASA DI CURA AMBROSIANA S.p.A ISTITUTO SACRA FAMIGLIA Piazza Mons. Moneta, 1 20090 Cesano

Dettagli

Progetto co-finanziato da MINISTERO DELL INTERNO UNIONE EUROPEA. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi L OSPEDALE IN TASCA

Progetto co-finanziato da MINISTERO DELL INTERNO UNIONE EUROPEA. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi L OSPEDALE IN TASCA Progetto co-finanziato da UNIONE EUROPEA MINISTERO DELL INTERNO Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi H L OSPEDALE IN TASCA 1 INDICE Il Pronto Soccorso Il ricovero in ospedale Le

Dettagli

a. 10 b. 0 a. 1 b. 1 Base multiplo CFU 1 Specifica CFU _25_/ 25 (almeno 15 e fino a 25 ore per tirocinio e restante per _10_/ 25 studio individuale)

a. 10 b. 0 a. 1 b. 1 Base multiplo CFU 1 Specifica CFU _25_/ 25 (almeno 15 e fino a 25 ore per tirocinio e restante per _10_/ 25 studio individuale) Scuola di specializzazione in Oncologia Medica Denominazione (denominazione in inglese) Area Sotto-area (solo per l area dei servizi clinici) Classe Obiettivi formativi e descrizione (da indicare quelli

Dettagli

Studio Radiologico IGEA Radiodiagnostica Frattamaggiore s.r.l.

Studio Radiologico IGEA Radiodiagnostica Frattamaggiore s.r.l. Studio Radiologico IGEA Radiodiagnostica Frattamaggiore s.r.l. Direttore Sanitario dott. Michele Greco - Radiologo Sede Via Virgilio, 16 80027 Frattamaggiore (Na) tel. e fax 081 8348744 REV. DATA DESCRIZIONE

Dettagli

ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S.

ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. 10 febbraio 2009 - Aviano Gli I.R.C.C.S. Oncologici nel Nord-Est ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. Unità di Sperimentazioni Cliniche e Biostatistica MISSION: Programmare e coordinare progetti di ricerca

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO CURE PALLIATIVE domiciliari ed Hospice ultima revisione agosto 2010

CARTA DEL SERVIZIO CURE PALLIATIVE domiciliari ed Hospice ultima revisione agosto 2010 Azienda provinciale per i Servizi Sanitari Distretto di Trento e Valle dei Laghi Rotaliana e Paganella - Cembra U.O. ASSISTENZA PRIMARIA Centro Servizi Sanitari Viale Verona 38123 Trento - CARTA DEL SERVIZIO

Dettagli

FONDAZIONE OSPEDALE MARCHESI di INZAGO D.g.r. 23 febbraio 2004 n. 7/16452 ADI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI 2015

FONDAZIONE OSPEDALE MARCHESI di INZAGO D.g.r. 23 febbraio 2004 n. 7/16452 ADI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI 2015 FONDAZIONE OSPEDALE MARCHESI di INZAGO D.g.r. 23 febbraio 2004 n. 7/16452 ADI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI 2015 1. La Fondazione Ospedale Marchesi nella rete dei servizi.

Dettagli

6. La mobilità sanitaria dei residenti nelle ASL 13 (NO) e ASL 14 (VCO) per i principali tumori

6. La mobilità sanitaria dei residenti nelle ASL 13 (NO) e ASL 14 (VCO) per i principali tumori 6. La mobilità sanitaria dei residenti nelle ASL 13 (NO) e ASL 14 (VCO) per i principali tumori L'analisi per il totale dei ricoveri oncologici, condotta separatamente per i residenti nell ASL 13 (NO)

Dettagli

Diritti fondamentali e Standard di Qualità

Diritti fondamentali e Standard di Qualità Il paziente che si deve ricoverare in ospedale cerca in particolar modo di ridurre il divario tra il comfort, le abitudini di casa propria e l ambiente ospedaliero; egli deve pertanto essere messo nella

Dettagli

centro regionale trapianti Brochure_TrapiantoOrgani7_2.indd1 1 11/08/2008 12.16.38

centro regionale trapianti Brochure_TrapiantoOrgani7_2.indd1 1 11/08/2008 12.16.38 centro regionale trapianti Brochure_TrapiantoOrgani7_2.indd1 1 11/08/2008 12.16.38 Centri di Prelievo e Centri di Trapianto della Regione Friuli Venezia Giulia Centro trapianti Cuore Centro trapianti Fegato

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

C L I N I CA V E T E R I N A R I A T I BA L D I. Gentile cliente, ho il piacere di presentare la nostra carta dei servizi.

C L I N I CA V E T E R I N A R I A T I BA L D I. Gentile cliente, ho il piacere di presentare la nostra carta dei servizi. CARTA DEI SERVIZI Presentazione Gentile cliente, ho il piacere di presentare la nostra carta dei servizi. Questo importante strumento è stato concepito per portarla a conoscenza dei servizi erogati all

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 15 giugno 2007. Unità Operativa Chirurgia Generale Ospedale di Isola della Scala

Carta dei Servizi rev. 15 giugno 2007. Unità Operativa Chirurgia Generale Ospedale di Isola della Scala Carta dei Servizi rev. 15 giugno 2007 Unità Operativa Azienda ULSS n. 22 - Bussolengo (VR) Dipartimento di Unità Operativa Chirurgia Blocco A - Primo piano: ambulatori Blocco B - Terzo piano: degenze e

Dettagli

Continuità: Cerchiamo di garantire la continuità nell erogazione del servizio assicurando puntualità e garantendo elevati standard qualitativi.

Continuità: Cerchiamo di garantire la continuità nell erogazione del servizio assicurando puntualità e garantendo elevati standard qualitativi. CARTA DEI SERVIZI Vers.1 edizione 2013 Pag. 1 CHI SIAMO Synlab Italia srl, è un azienda privata accreditata in base ai requisiti specificati dalla Regione Lombardia, iscritta nel Registro Regionale delle

Dettagli

Unità Operativa Aziendale Malattie Infettive

Unità Operativa Aziendale Malattie Infettive Presidi Ospedalieri di Ravenna, Faenza, Lugo Dipartimento Medico 2 Unità Operativa Aziendale Malattie Infettive Guida ai Servizi Presidi Ospedalieri di Ravenna, Faenza, Lugo Dipartimento Medico 2 Unità

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI INFERMIERISTICA CLINICA MATERNO-INFANTILE INFERMIERISTICA OSTETRICA E GINECOLOGICA

CORSO INTEGRATO DI INFERMIERISTICA CLINICA MATERNO-INFANTILE INFERMIERISTICA OSTETRICA E GINECOLOGICA CORSO INTEGRATO DI INFERMIERISTICA CLINICA MATERNO-INFANTILE INFERMIERISTICA OSTETRICA E GINECOLOGICA MEZZI DI INDAGINE IN GINECOLOGIA 1 ANAMNESI - ginecologica dell infanz - ginecologica ed ostetrica

Dettagli

U.O.S. Oncologia Responsabile: Dott. A. Garaventa

U.O.S. Oncologia Responsabile: Dott. A. Garaventa U.O.S. Oncologia Responsabile: Dott. A. Garaventa Missione L Unità Operativa Semplice (U.O.S.) Oncologia svolge attività di assistenza e cura ai bambini affetti da tumori solidi e linfomi, in particolare

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. L Istituto di Cura Città di Pavia è certificato UNI EN ISO 9002; 1994 (ISO 1992; 1994).

CARTA DEI SERVIZI. L Istituto di Cura Città di Pavia è certificato UNI EN ISO 9002; 1994 (ISO 1992; 1994). CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è uno strumento volto alla tutela dei diritti dell utente attraverso il controllo diretto della qualità dei servizi erogati. La Carta dei Servizi nasce in ottemperanza

Dettagli

Gentile Signore / Signora,

Gentile Signore / Signora, Gentile Signore / Signora, il documento che Lei sta leggendo è la nostra Carta dei Servizi. Si tratta di un documento importante che Le permette di conoscere la nostra struttura, i servizi che forniamo,

Dettagli

Endoscopia nell anno successivo

Endoscopia nell anno successivo COLON FOLLOW-UP 01 Endoscopia nell anno successivo DESCRIZIONE: Stima la proporzione di pazienti sottoposti a endoscopia nei 12 mesi successivi all intervento 0-20 DISTRIBUZIONE SPAZIALE 21-40 41-60 61-80

Dettagli

GENETICA MEDICA. Analisi genetiche per oltre 400 geni testabili vengono inviati a strutture pubbliche esterne, ospedaliere e universitarie.

GENETICA MEDICA. Analisi genetiche per oltre 400 geni testabili vengono inviati a strutture pubbliche esterne, ospedaliere e universitarie. GENETICA MEDICA PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA L ambulatorio di Genetica Medica fa parte del Dipartimento Materno Infantile. Essa collabora ed interagisce strettamente con le Strutture del Dipartimento

Dettagli

POLIAMBULATORIO PRIVATO. CENTRO DI TERAPIA SAN BIAGIO S.r.l. CARTA DEI SERVIZI

POLIAMBULATORIO PRIVATO. CENTRO DI TERAPIA SAN BIAGIO S.r.l. CARTA DEI SERVIZI POLIAMBULATORIO PRIVATO CENTRO DI TERAPIA SAN BIAGIO S.r.l. CARTA DEI SERVIZI Via della Resistenza, 13 40033 S.Biagio Casalecchio di Reno Tel.: 0516130124 Fax 0516112434 1 Gentile Signore/ Signora, il

Dettagli

S.S.D. ONCOLOGIA. OSPEDALE SESTRI LEVANTE sesto piano DIPARTIMENTO MEDICO. Direttore Dipartimento e Responsabile SSD Marco SCUDELETTI

S.S.D. ONCOLOGIA. OSPEDALE SESTRI LEVANTE sesto piano DIPARTIMENTO MEDICO. Direttore Dipartimento e Responsabile SSD Marco SCUDELETTI S.S.D. ONCOLOGIA OSPEDALE SESTRI LEVANTE sesto piano DIPARTIMENTO MEDICO Direttore Dipartimento e Responsabile SSD Marco SCUDELETTI CPSE Francesca STAGNARO Per maggiori informazioni visita il sito www.asl4.liguria.it

Dettagli

Unità Operativa di Ginecologia

Unità Operativa di Ginecologia Presidio Ospedaliero di Ravenna Dipartimento Maternità, Infanzia, Età Evolutiva Unità Operativa di Ginecologia Guida ai Servizi Presidio Ospedaliero di Ravenna Dipartimento Maternità, Infanzia, Età Evolutiva

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

PROGETTI REGIONALI DI SCREENING ONCOLOGICI DI POPOLAZIONE ATTIVATI E IN CORSO. A) Prima parte: livello regionale

PROGETTI REGIONALI DI SCREENING ONCOLOGICI DI POPOLAZIONE ATTIVATI E IN CORSO. A) Prima parte: livello regionale PROGETTI REGIONALI DI SCREENING ONCOLOGICI DI POPOLAZIONE ATTIVATI E IN CORSO A) Prima parte: livello regionale 1) Attivazione dei programmi di screening La Regione Emilia-Romagna, con circolare n. 38

Dettagli

Atto di indirizzo e coordinamento recante requisiti strutturali, tecnologici ed organizzativi minimi per i centri residenziali di cure palliative

Atto di indirizzo e coordinamento recante requisiti strutturali, tecnologici ed organizzativi minimi per i centri residenziali di cure palliative Testo aggiornato al 13 gennaio 2006 Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 20 gennaio 2000 Gazzetta Ufficiale 21 marzo 2000, n. 67 Atto di indirizzo e coordinamento recante requisiti strutturali,

Dettagli

UNITA VALUTATIVA OPERATIVA ANZIANI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI MONTEBELLUNA CASTELFRANCO VENETO

UNITA VALUTATIVA OPERATIVA ANZIANI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI MONTEBELLUNA CASTELFRANCO VENETO CARTA DEI SERVIZI UNITA VALUTATIVA OPERATIVA ANZIANI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI MONTEBELLUNA CASTELFRANCO VENETO Sportello al pubblico presso il Servizio di Assistenza Domiciliare Castelfranco

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

Le proponiamo un appuntamento per il giorno alle ore <00.00> presso l ambulatorio di via , Roma

Le proponiamo un appuntamento per il giorno <gg/mm/aaa> alle ore <00.00> presso l ambulatorio di via <indirizzo>, Roma La Regione Lazio e la ASL Roma XY La invitano a partecipare ad un programma di prevenzione del tumore del collo dell utero rivolto alle donne di età compresa fra i 25 e 64 anni. Il programma ha lo scopo

Dettagli

Scuola di specializzazione in GENETICA MEDICA.

Scuola di specializzazione in GENETICA MEDICA. Scuola di specializzazione in GENETICA MEDICA. La Scuola di specializzazione in Genetica medica afferisce all Area Servizi clinici sotto area Servizi clinici diagnostici e terapeutici, Classe dei Servizi

Dettagli

Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale - Mammella

Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale - Mammella Opuscolo informativo Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale PDTA Mammella 1 Gentilissima Signora, lei è stata invitata ad eseguire esami di accertamento perché dopo aver visto l ultima mammografia

Dettagli

DAY SURGERY MULTIDSCIPLINARE

DAY SURGERY MULTIDSCIPLINARE DAY SURGERY MULTIDSCIPLINARE Ospedale di Santa Margherita Ligure Responsabile: Dott. Matteo VITA Capo Sala: Sig.ra Anna ECCHIO DOVE SIAMO La struttura è situata al 5 piano dell Ospedale di Santa Margherita

Dettagli

Informa. Week Surgery. Cosa sapere Cosa fare DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA PIETRO VALDONI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA POLICLINICO UMBERTO I

Informa. Week Surgery. Cosa sapere Cosa fare DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA PIETRO VALDONI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA POLICLINICO UMBERTO I Informa Week Surgery Cosa sapere Cosa fare SISTEMA SANITARIO REGIONALE AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA POLICLINICO UMBERTO I DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA PIETRO VALDONI Cos è la Week Surgery La Week Surgery

Dettagli

proposta di legge n. 455

proposta di legge n. 455 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 455 a iniziativa dei Consiglieri Busilacchi, D Anna, Badiali, Bugaro, Camela, Comi, Eusebi, Natali, Perazzoli, Pieroni, Zinni presentata in data

Dettagli

VOL. 6. Progetto S STEGNO. A chi rivolgersi. in caso di necessità

VOL. 6. Progetto S STEGNO. A chi rivolgersi. in caso di necessità Progetto S STEGNO VOL. 6 A chi rivolgersi in caso di necessità A chi rivolgersi in caso di necessità 118 ORE Il 118 è il numero telefonico attivo in Italia per la richiesta di soccorso sanitario. È un

Dettagli

Consultorio Familiare Luisa Riva

Consultorio Familiare Luisa Riva Consultorio Familiare Luisa Riva Privato Accreditato Autorizzazione ASL Milano con delibera n 92 del 31 Gennaio 2012 Accreditamento Reg. Lombardia con delibera 3286 del 18 Aprile 2012 C.F. 01401200157

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 1 maggio 2007. Unità operativa di Oculistica Ospedale di Bussolengo

Carta dei Servizi rev. 1 maggio 2007. Unità operativa di Oculistica Ospedale di Bussolengo Carta dei Servizi rev. 1 maggio 2007 Unità operativa di Azienda ULSS n. 22 Bussolengo VR Dipartimento di Chirurgia Specialistica Unità Operativa di Monoblocco - Quarto piano: degenza Direttore: dott. Pierluigi

Dettagli

Via Nicolò Copernico 12 - Valdagno - Vicenza

Via Nicolò Copernico 12 - Valdagno - Vicenza Via Nicolò Copernico 12 - Valdagno - Vicenza Documento redatto nel mese di gennaio 2013, modificato nel mese di gennaio 2015. PREMESSA La riforma della sanità del 1999 ha modificato in maniera sostanziale

Dettagli

Dr. Michele Cedrone, Ospedale San Giovanni dell Addolorata, Roma

Dr. Michele Cedrone, Ospedale San Giovanni dell Addolorata, Roma Confronto dei Criteri, degli Indicatori e degli Standard scelti per la valutazione multi-dimensionale dell attività di 4 Strutture Complesse di Ematologia certificate ISO 9001-2000 Dr. Michele Cedrone,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

U.O. Ostetricia e Ginecologia. Documento di presentazione della U.O. Ostetricia e Ginecologia

U.O. Ostetricia e Ginecologia. Documento di presentazione della U.O. Ostetricia e Ginecologia Pag. 1/6 di presentazione della U.O. Ostetricia e Ginecologia 1. Emissione... 1 2. Presentazione... 1 3. Mission... 3 4. Vision... 4 5. Obiettivi generali... 5 1. Emissione Rev. 0 Descrizione modifiche

Dettagli

1 Diagnostica vascolare Doppler, vasi del collo e arti inferiori. Appuntamento tramite CUP con richiesta del medico di base

1 Diagnostica vascolare Doppler, vasi del collo e arti inferiori. Appuntamento tramite CUP con richiesta del medico di base Questa guida vuol rendere più facile l accesso ai Servizi che vengono erogati nel Quartiere 3 di Firenze dall Azienda sanitaria a cui fanno capo in convenzione i medici di famiglia, i pediatri con i loro

Dettagli

Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO. del. Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi

Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO. del. Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO CARTA DEI SERVIZI del Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi Edizione - aprile 2002 1 LA FONDAZIONE OPERA SANTA RITA (Onlus) L attuale Fondazione

Dettagli

SEZIONE RADIODIAGNOSTICA. casa di cura san rossore

SEZIONE RADIODIAGNOSTICA. casa di cura san rossore SEZIONE RADIODIAGNOSTICA casa di cura san rossore casa di cura san rossore risonanza magnetica La nuova apparecchiatura consente lo studio delle strutture vascolari e l esecuzione di indagini funzionali

Dettagli

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia 1. 7 domande sui tumori 2. Convivere con la malattia Dott. Andrea Angelo Martoni Direttore Unità Operativa di Oncologia Medica Policlinico S.Orsola-Malpighi Bologna 1. Cosa sono i tumori? i tumori Malattia

Dettagli

LA RETE DI GENETICA MEDICA IN EMILIA-ROMAGNA

LA RETE DI GENETICA MEDICA IN EMILIA-ROMAGNA LA RETE DI GENETICA MEDICA IN EMILIA-ROMAGNA A cura del Nucleo di coordinamento per la rete regionale dei servizi di genetica medica dell Emilia-Romagna Con il contributo di Laura Biagetti (Azienda Ospedaliera-Universitaria

Dettagli

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un progressivo allungamento della durata media della vita, e quindi ad un invecchiamento della popolazione, che determina l

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Mediamente una donna su otto sviluppa un carcinoma mammario nel corso della propria vita:

Mediamente una donna su otto sviluppa un carcinoma mammario nel corso della propria vita: VI Congresso Nazionale AICM: Le Reti Assistenziali e il Case Management per favorire la continuità di cura. Percorso della paziente affetta da cancro della mammella :esperienza lombarda M. Gjeloshi Riccione,25-26

Dettagli

Cliniche Universitarie Tübingen

Cliniche Universitarie Tübingen italienisch Cliniche Universitarie Tübingen CLINICA PER CHIRURGIA GENERALE, VISCERALE E DEL TRAPIANTO CLINICA PER ANESTESIOLOGIA E MEDICINA INTENSIVA DIPARTIMENTO DI OCULISTICA CLINICA GINECOLOGICA CLINICA

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli