Normativa/EN NUOVAFINESTRA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Normativa/EN 1090. 416 NUOVAFINESTRA www.guidafinestra.it"

Transcript

1 108 Normativa/EN 1090 EN 1090 e le finiture Le caratteristiche meccaniche delle strutture (durabilità), vengono influenzate dalla protezione superficiale che riveste un ruolo di fondamentale importanza nel ciclo produttivo in termini di garanzia e di mantenimento degli elementi strutturali/by Giampaolo Barbarossa (Aital), Riccardo Boi e Rolando Ragazzini (Qualital) Pubblichiamo il contributo che sulla EN 1090 arriva dall associazione delle finiture dell alluminio (Aital) e dall ente di certificazione Qualital. Riteniamo importante che il costruttore di strutture metalliche sia a conoscenza del ruolo della verniciatura e delle finiture nel campo del mantenimento delle caratteristiche meccaniche delle strutture (durabilità). Il documento CPR07/04/3 della Commissione Europea chiarisce che dall ambito di applicazione sono esclusi i prodotti che non contribuiscono al soddisfacimento del requisito base n.1 - Resistenza meccanica e stabilità delle opere da costruzione (cfr. CPR 305/2011) e pertanto non si configurano come strutturali prodotti quali porte e finestre, facciate e parapetti. La marcatura CE di elementi strutturali in alluminio/acciaio facenti parte del sistema di copertura è obbligatoria secondo EN quando tali elementi hanno anche funzione strutturale in relazione all edificio, costituendo di fatto l unica carpenteria strutturale del solaio di copertura. Questa situazione riguarda coperture sottoposte a carico di neve, verande con le stesse caratteristiche e pensiline (ndr). Gli elementi strutturali trasparenti e opachi in acciaio, se privi di protezione superficiale, sono sottoposti all azione degli agenti atmosferici e, conseguentemente, soggetti a fenomeni di corrosione di entità più o meno rilevante a seconda della zona di esposizione. È perciò evidente che la protezione superficiale di questi elementi riveste un ruolo di fondamentale importanza nel ciclo produttivo in termini di garanzia e di mantenimento delle caratteristiche meccaniche delle strutture (durabilità). La protezione superficiale è parimenti importante in termini di costi di gestione in quanto la sua efficacia e la sua durata nel tempo inducono importanti risparmi economici nell intero ciclo di vita delle strutture. La legislazione Europea persegue da tempo una politica sempre più rivolta alla sicurezza ed alla sostenibilità ambientale e questa regola vale anche in termini di commercializzazione delle strutture in acciaio e in alluminio all interno dello spazio economico europeo. Dal 1 luglio 2014 a supporto di questo principio è entrata in vigore ed è obbligatorio il suo rispetto, la norma armonizzata EN : Esecuzione di strutture in acciaio e alluminio, Parte 1: Requisiti per la valutazione di conformità dei componenti strutturali che definisce i requisiti per la Marcatura CE. Per tutti i costruttori di queste strutture la EN rappresenta quindi il riferimento per poter apporre la Marcatura CE secondo il Regolamento Europeo UE 305/2011 per i prodotti da costruzione (CPR). Sulla base della norma devono essere tenute sotto controllo tutte le lavorazioni, comprese quelle affidate in subfornitura, che possono influenzare, modificare o determinare le caratteristiche prestazionali delle strutture. Tra queste, i processi di trattamento delle superfici e, in particolare, di verniciatura. Il processo di rivestimento mediante verniciatura è una delle modalità per garantire un certo livello di protezione nei confronti della corrosione degli elementi strutturali d acciaio e la norma EN identifica i requisiti e le linee guida per le aziende di verniciatura. È previsto infatti che le lavorazioni ed il relativo Processo di Controllo siano gestiti in accordo all Appendice F della norma ed alle norme della serie ISO in esso richiamate. Non esistono dubbi sul fatto che questa marcatura deve essere apposta dal costruttore/assemblatore della struttura metallica finita, e che il requisito della marcatura CE non è richiesto

2 109 Il Qualital Qualital è licenziatario per la concessione in Italia dei marchi Qualicoat per l alluminio anodizzato, Qualanod per l alluminio verniciato e Qualisteelcoat per il ferro verniciato, oltre che Istituto notificato in ambito nazionale ed Europeo per il rilascio della certificazione FPC alle aziende che intendono apporre la marcatura CE sui propri prodotti fabbricati secondo EN al verniciatore che effettua il trattamento superficiale dei singoli componenti. Potrebbero invece sorgere dei dubbi sui requisiti richiesti dalla norma 1090 ai trattamenti superficiali (e alla aziende che effettuano gli stessi trattamenti) dei componenti in acciaio e in alluminio destinati alla realizzazione di strutture metalliche soggette alla marcatura CE. Le norma e (specifiche rispettivamente per le strutture in acciaio e in alluminio) rimandano al rispetto delle norme sulle verniciatura (per l acciaio la ISO , per l alluminio verniciato a polveri alla EN 12206) e ad altre norme che riguardano trattamenti preliminari alla verniciatura. In particolare la , in merito alla verniciatura dei componenti in alluminio, cita testualmente Specification, quality assurance and quality assessment can be done in the framework of recognised European quality programmes. For powder coatings EN Non crediamo ci siano dubbi sul fatto che Recognised European quality programmes non sono solo le norme tecniche, ma anche Specifiche e/o Direttive tecniche di marchi di qualità Europei come, ad esempio, il Qualicoat per l alluminio anodizzato, il Qualanod per l alluminio verniciato e il Qualisteelcoat per il ferro verniciato. Ciò anche perché tali direttive sono in grado di fornire maggiori Tabella 1 Categorie di corrosività e relativi esempi di ambienti Categoria di corrosività Esempi di ambienti tipici in un clima temperato (a titolo informativo) Ambiente interno Ambiente esterno C1 molto bassa EDIFICI RISCALDATI CON ATMOSFERA PULITA, PER ESEMPIO UFFICI, NEGOZI, SCUOLE, ALBERGHI NON APPLICABILE C2 bassa C3 media C4 alta C5-I molto alta (industriale) C5-M molto alta (marina) EDIFICI NON RISCALDATI DOVE PUÒ FORMARSI CONDENSA, PER ESEMPIO DEPOSITI, LOCALI SPORTIVI LOCALI DI PRODUZIONE CON ALTA UMIDITÀ E UN CERTO INQUINAMENTO ATMOSFERICO; PER ESEMPIO INDUSTRIE ALIMENTARI, LAVANDERIE, BIRRERIE, CASEIFICI IMPIANTI CHIMICI, PISCINE, CANTIERI COSTIERI PER IMBARCAZIONI EDIFICI O AREE CON CONDENSA QUASI PERMANENTE E CON ALTO INQUINAMENTO EDIFICI O AREE CON CONDENSA QUASI PERMANENTE E CON ALTO INQUINAMENTO AMBIENTI CON BASSO LIVELLO DI INQUINAMENTO, SOPRATTUTTO AREE RURALI (Cfr. definizione in appendice) AMBIENTI URBANI E INDUSTRIALI, MODESTO INQUINAMENTO DA ANIDRIDE SOLFOROSA, ZONE COSTIERE (Cfr. definizione in appendice) CON BASSA SALINITÀ AREE INDUSTRIALI E ZONE COSTIERE CON MODERATA SALINITÀ AREE INDUSTRIALI CON ALTA UMIDITÀ E ATMOSFERA AGGRESSIVA ZONE COSTIERE E OFFSHORE CON ALTA SALINITÀ NUOVAFINESTRA 416

3 110 Normativa garanzie di qualità rispetto alle sole norme tecniche di processo e di prodotto, in quanto prevedono, anche il rispetto di idonee procedure per il controllo della produzione sia in autocontrollo che attraverso visite ispettive di enti terzi. Indubitabili sono i vantaggi offerti dal possesso delle suddette Certificazioni; Infatti: - il costruttore delle strutture che effettua al proprio interno la verniciatura, avrebbe a disposizione uno strumento per dimostrare l affidabilità del lavoro svolto, a garanzia della caratteristica di durabilità degli elementi strutturali; - il costruttore che affida a terzi la verniciatura, può semplificare la qualifica del proprio fornitore che avrebbe a disposizione il requisito ottimale, appunto la certificazione, a garanzia del proprio lavoro. Compiti del costruttore e del verniciatore Il costruttore ha il compito di redigere un Capitolato di verniciatura concordato con il verniciatore che costituisce un estensione del FPC del costruttore, senza interrompere la tracciabilità del prodotto. Limitandoci alle costruzioni in ferro, un capitolato di verniciatura deve contenere, ove applicabili, i seguenti elementi: Tipo di substrato (acciaio o acciaio zincato); Grado di preparazione della superficie del substrato; Sistema di verniciatura utilizzato (sec. ISO o sec. specifiche Qualisteelcoat); Classe di corrosività e durabilità per cui è designato il sistema di verniciatura; Tipo di verniciatura (a polveri o a liquido); Tipologia dei prodotti vernicianti; Numero degli strati di vernice (primer, topcoat ecc.) e spessori dei singoli strati applicati; Spessore totale dello strato verniciato. Un aspetto importante da stabilire a priori è la durabilità che, Tabella 2 Sistemi di verniciatura per acciaio in categoria di corrosività C4 (tabella A.4 estratta dalla ISO ) Tabella 3 Sistemi di verniciatura per acciaio in categoria di corrosività C5-I e C5-M (tabella A.5 estratta dalla ISO ) Qualisteelcoat Quali strumenti ha oggi il costruttore di strutture in acciaio verniciato per garantire la durabilità del prodotto? Con la certificazione del processo di verniciatura Qualisteelcoat sono soddisfatti tutti i requisiti richiesti dalla norma EN 1090 per la protezione contro la corrosione delle strutture in acciaio.

4 111 Tabella 4 Sistemi di verniciatura a polveri per ESTERNI sec. QUALISTEELCOAT No Bis Substrate Surface Preparation Total coating Primer Intermediate coats Topcoat Durability system Binder Type µm Binder Type µm Binder Type µm Layers µm (*) C2 C3 C4 C5-I C5-M Z P C X X HDG X X Z P C X X HDG 3 P C X X Steel 3 E Z/ZF 50 P C X X Steel 3 E Z/ZF 70 P C X X Steel Sa 2 ½ E Z/ZF 50 P C X X Steel Sa 3 S Z 35 P C X X HDG 3 P C X X X Steel 3 E Z/ZF 50 E/P C 60 P C X X X Steel Sa 2 ½ E Z/ZF 70 P C X X X Steel Sa 3 S Z 50 P C X X X Steel 1 Ef C 15 P C X X X HDG 3 E C 60 P C X X X HDG 4 E C 60 P C X X X Steel Sa 2 ½ E Z/ZF 50 E/P C 60 P C X X X Steel Sa 3 S Z 35 E C 60 P C X X X Steel Sa 3 S Z 100 P C X X X Steel 1 Ef C 15 P C X X X HDG 3 E C 60 E/P C 60 P C X X X X X HDG 4 E C 60 E/P C 60 P C X X X X X Steel Sa 3 S Z 150 E C 60 P C X X X X X Steel 1 Ef C 15 E/P C 60 P C X X X X X NUOVAFINESTRA 416

5 112 Normativa Non esiste alcun obbligo per il verniciatore di certificare il processo FPC per mezzo di un Organismo Notificato. E necessario però che il costruttore dimostri di mantenere sotto controllo anche il ciclo di verniciatura dell acciaio dato in subappalto effettuando controlli presso il verniciatore o avvalersi di verniciatori che applicano sistemi di verniciatura certificati Qualisteelcoat secondo ISO , può essere prescelta tra uno dei seguenti tre livelli: bassa (L) = da 2 a 5 anni media (M) = da 5 a 15 anni alta (H) = più di 15 anni Altrettanto importante è la valutazione della corrosività dell ambiente nel quale dovrà essere installata la costruzione che, per la ISO , deve configurarsi in una delle seguenti Categorie: C1 = molto bassa C2 = bassa C3 = media C4 = alta C5 = molto alta Esemplificate nella tabella 1. La durabilità è il tempo previsto di durata dell efficacia della protezione anticorrosiva fino al primo importante intervento di manutenzione (associato ad un grado di arrugginimento Ri3 secondo ISO ). La norma ISO fornisce alcuni esempi di sistemi di verniciatura (a liquido) adatti ai diversi ambienti (v. es. nelle tabelle 2 e 3), mentre le Specifiche Qualisteelcoat (v. es. tabella 4) forniscono alcuni esempi di sistemi di verniciatura a polveri. L idoneità e/o la durabilità del sistema di verniciatura devono essere dimostrate mediante le prove previste dalla ISO In particolare, mediante l esito delle prove di resistenza alla corrosione in nebbia salina neutra (ISO 9227) è possibile stabilire in quale categoria di corrosività potrà essere destinato il componente in acciaio verniciato mantenendo per almeno 15 anni (alta durabilità) l efficacia del rivestimento anticorrosivo: Classe di corrosività C3H RESISTENZA 480 H Classe di corrosività C4H RESISTENZA 720 H Classe di corrosività C5H RESISTENZA 1440 H Il progettista/costruttore deve instaurare una stretta collaborazione con il verniciatore, al fine di individuare il sistema adatto alla particolare richiesta ed ottenere dal verniciatore una dichia- razione di conformità del sistema applicato. Compito del verniciatore è dichiarare quanto segue: Sistema di verniciatura utilizzato (sec. ISO o sec. specifiche Qualisteelcoat) e relativi prodotti vernicianti; Spessore totale dello strato verniciato e spessori dei singoli strati applicati; Esito delle prove di aderenza, di brillantezza e di resistenza alla corrosione in nebbia salina neutra (se il sistema di verniciatura non è certificato Qualisteelcoat). Il verniciatore consegnerà al committente le schede di controllo con le registrazioni dei controlli effettuati nelle fasi di pretrattamento meccanico e/o chimico e di verniciatura (secondo quanto stabilito nel capitolato). I dati di durabilità dichiarati nel DoP (Dichiarazione di Prestazione) dal costruttore devono essere coerenti con le specifiche del componente strutturale. Devono essere indicate: Le modalità di preparazione della superficie Il grado di preparazione delle imperfezioni (sec. ISO ) Tipologie e riferimenti del trattamento superficiale applicato (Esempio: verniciatura sec. ISO ) Per le verniciature a polveri si può fare riferimento a sistemi di verniciatura che hanno prestazioni valutate secondo la ISO (es. sistemi di verniciatura qualificati secondo le specifiche Qualisteelcoat). Non esiste alcun obbligo per il verniciatore di certificare il processo FPC (Controllo del processo di Fabbrica) per mezzo di un Organismo Notificato. E necessario però che il costruttore dimostri di mantenere sotto controllo anche il ciclo di verniciatura dato in subappalto e per far ciò ha due strade: effettuare periodicamente delle ispezioni presso il verniciatore, oppure avvalersi di verniciatori che applicano sistemi di verniciatura certificati Qualisteelcoat.

AMBIENTI DI ESPOSIZIONE E DURABILITÀ : Criteri di scelta del tipo di finitura superficiale

AMBIENTI DI ESPOSIZIONE E DURABILITÀ : Criteri di scelta del tipo di finitura superficiale Associazione Italiana Trattamenti superficiali Alluminio 28062 Cameri (Novara) Via Privata Ragni 13/15 tel. 0321 644195, fax 0321 517937 website: www.aital.eu, E-Mail: info@aital.eu Convegno Surface Treatments

Dettagli

Prestazioni, durabilità e eco-sostenibilità della struttura architettonica in acciaio

Prestazioni, durabilità e eco-sostenibilità della struttura architettonica in acciaio Prestazioni, durabilità e eco-sostenibilità della struttura architettonica in acciaio Vita nominale della struttura (NTC / febbraio 2008) Vita Nominale Descrizione 10 anni Opere provvisorie. Opere in

Dettagli

Applicazione e impatto della norma EN 1090 per i verniciatori

Applicazione e impatto della norma EN 1090 per i verniciatori Applicazione e impatto della norma EN 1090 per i verniciatori Ing. Rolando Ragazzini Padova, 22/05/2015 Programma La norma EN 1090-1 e la marcatura CE Requisiti tecnici per la fabbricazione (EN 1090-2

Dettagli

ISO 12944 Standard mondiale sulla corrosione

ISO 12944 Standard mondiale sulla corrosione ISO 12944 Standard mondiale sulla corrosione 2 3 ISO 12944 Pitture e vernici - Protezione dalla corrosione di strutture in acciaio per sistemi di verniciatura di protezione La norma ISO 12944 (parti 1-8)

Dettagli

SHORT MASTER2. Protezione e finitura superficiale di manufatti metallici: tecnologie e ricerca. Soluzioni e tecnologie per il ferro e per l alluminio.

SHORT MASTER2. Protezione e finitura superficiale di manufatti metallici: tecnologie e ricerca. Soluzioni e tecnologie per il ferro e per l alluminio. Soluzioni e tecnologie per il ferro Ottobre/Novembre 2015 In collaborazione con SPONSORS DELL INDUSTRIA DEI METALLI ORGANIZZATO DA: DESCRIZIONE Il corso si pone come obiettivo la formazione di figure professionali

Dettagli

I CICLI DI VERNICIATURA NELL ANTICORROSIONE COME SCEGLIERE I PRODOTTI IDONE

I CICLI DI VERNICIATURA NELL ANTICORROSIONE COME SCEGLIERE I PRODOTTI IDONE PREMESSA I CICLI DI VERNICIATURA NELL ANTICORROSIONE COME SCEGLIERE I PRODOTTI IDONE Nella scelta di un ciclo di verniciatura bisogna tener conto di: 1. Durata (aspettativa di durata) richiesta 2. Caratteristiche

Dettagli

SCHEMA. Mandato CEN M/120 - Prodotti metallici per impiego strutturale e loro accessori

SCHEMA. Mandato CEN M/120 - Prodotti metallici per impiego strutturale e loro accessori SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE di componenti per strutture di acciaio e d alluminio cui alla norma UNI EN 1090-1:2012 0 STORIA Edizione

Dettagli

LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI METALLICI STRUTTURALI IN ACCORDO ALLA NORMA EN 1090-1

LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI METALLICI STRUTTURALI IN ACCORDO ALLA NORMA EN 1090-1 LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI METALLICI STRUTTURALI IN ACCORDO ALLA NORMA RINA Services S.p.A. LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI METALLICI STRUTTURALI IN ACCORDO ALLA NORMA 1. Il panorama normativo: opere

Dettagli

La norma EN 1090-1: il controllo del processo di progettazione e le specifiche per la produzione

La norma EN 1090-1: il controllo del processo di progettazione e le specifiche per la produzione Regolamento (UE) n.305/11 e norme del gruppo EN1090 La Marcatura CE delle strutture metalliche alla luce delle Norme tecniche per le Costruzioni Firenze, 30/10/2014 La norma EN 1090-1: il controllo del

Dettagli

DELFLEET. The information provided is in good faith and is correct at time of print. It does not form part of a legal contract.

DELFLEET. The information provided is in good faith and is correct at time of print. It does not form part of a legal contract. PPG ITALIA SALES & SERVICES S.R.L. Via Alcide De Gasperi, 17/19-20020 Lainate (Mi) Tel. +39 02 9317921 - Fax +39 02 93179251 www.ppgrefinish.com DELFLEET The information provided is in good faith and is

Dettagli

La nuova UNI EN 1090-1

La nuova UNI EN 1090-1 . Come identificarlo, certificarlo e controllarlo attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011 La nuova UNI EN 1090-1 Agrigento, 18 giugno 2014 Geom. Raffaello Dellamotta Tel. 0541-322.324 r.dellamotta@giordano.it

Dettagli

La messa in opera delle strutture metalliche: dall accettazione delle opere in cantiere al montaggio delle strutture. Ing. Igor SOLUSTRI ICIC SPA

La messa in opera delle strutture metalliche: dall accettazione delle opere in cantiere al montaggio delle strutture. Ing. Igor SOLUSTRI ICIC SPA REGOLAMENTO (UE) N.305/11 E NORME DEL GRUPPO EN1090 LA MARCATURA CE DELLE STRUTTURE METALLICHE ALLA LUCE DELLE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI FIRENZE, 30/10/2014 La messa in opera delle strutture metalliche:

Dettagli

ZINCATURA A CALDO E MARCATURA CE PER LA COSTRUZIONE IN ACCIAIO Interazione tra zincatore e carpentiere per la conformità al CPR e alla normativa

ZINCATURA A CALDO E MARCATURA CE PER LA COSTRUZIONE IN ACCIAIO Interazione tra zincatore e carpentiere per la conformità al CPR e alla normativa ZINCATURA A CALDO E MARCATURA CE PER LA COSTRUZIONE IN ACCIAIO Interazione tra zincatore e carpentiere per la conformità al CPR e alla normativa armonizzata EN 1090-1 OBIETTIVO DELLA PRESENTAZIONE CHIARIRE

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP003 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP003 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE dei prodotti laminati a caldo di acciai per impieghi strutturali di cui alla norma UNI EN 10025-1, edizione

Dettagli

VIII-TRATTAMENTI SUPERFICIALI

VIII-TRATTAMENTI SUPERFICIALI VIII-TRATTAMENTI SUPERFICIALI 1-Trattamenti di preparazione e protezione superficiale: I trattamenti superficiali dei metalli sono una serie di operazioni volte a mantenere nel tempo le caratteristiche

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP007 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO 0.2 DOCUMENTI IGQ DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP007 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO 0.2 DOCUMENTI IGQ DI RIFERIMENTO SCHEMA per il rilascio del certificato di costanza della prestazione ai fine della marcatura CE di segnali permanenti di cui alla norma UNI EN 12899 1 ed. 2008 0 STORIA Edizione 0 14/10/2009 Schema per

Dettagli

Sistema di gestione. Criteri di acquisto e di controllo dell acciaio per opere. in carpenteria metallica pagina 1 di 7

Sistema di gestione. Criteri di acquisto e di controllo dell acciaio per opere. in carpenteria metallica pagina 1 di 7 in carpenteria metallica pagina 1 di 7 0 2014-07-07 Aggiornamenti secondo Reg. Eu. 305-2011 Servizio QSA Luca Bosi REV DATA DESCRIZIONE DELLE MODIFICHE PREPARATO VERIFICATO E APPROVATO 1.0 SCOPO Si stabiliscono

Dettagli

ISO 12944 6 CERTIFICAZIONE

ISO 12944 6 CERTIFICAZIONE 703 2009 ISO 2944 6 CERTIFICAZIONE Pitture e vernici Protezione delle strutture di acciaio dalla corrosione mediante sistema di verniciatura Valutazioni e Prove di laboratorio Ciclo di verniciatura PPG

Dettagli

I futuri obblighi di marcatura dei manufatti Dalla Iso3834 alla EN 1090

I futuri obblighi di marcatura dei manufatti Dalla Iso3834 alla EN 1090 Seminario: Elementi strutturali in acciaio; I futuri obblighi di marcatura dei manufatti Dalla Iso3834 alla EN 1090 Relatore: Ing. Filippo Lago Certification Product Manager Distretto Nord est RINA Services

Dettagli

Nuova edizione Linee Guida La gestione e controllo del processo di protezione dalla corrosione

Nuova edizione Linee Guida La gestione e controllo del processo di protezione dalla corrosione Convegno AICQ Settore trasporto su rotaia Giovedì 11 Dicembre 2014 Nuova edizione Linee Guida La gestione e controllo del processo di protezione dalla corrosione Introduzione alle Linee Guida AICQ La necessità

Dettagli

Settore Trasporto su Rotaia

Settore Trasporto su Rotaia Linee Guida - Protezione dalla corrosione nel Settore Ferroviario Parte 4 Formazione, Qualificazione e Certificazione del Personale Parte 2 Certificazione aziendale di Terza Parte Parte 2: Gestione e Controllo

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP004 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP004 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE dei profilati cavi di acciai non legati e a grano fine per impieghi strutturali di cui alle norme UNI

Dettagli

LE STRUTTURE DI CARPENTERIA METALLICA: DALLA DIRETTIVA PRODOTTI DA COSTRUZIONE ALLE NORME EN 1090

LE STRUTTURE DI CARPENTERIA METALLICA: DALLA DIRETTIVA PRODOTTI DA COSTRUZIONE ALLE NORME EN 1090 LE STRUTTURE DI CARPENTERIA METALLICA: DALLA DIRETTIVA PRODOTTI DA COSTRUZIONE ALLE NORME EN 1090 COME DEVONO OPERARE LE OFFICINE DI FABBRICAZIONE DI PRODOTTI METALLICI CHE DEVONO ESSERE INCORPORATE IN

Dettagli

ACCIAI PER STRUTTURE METALLICHE E STRUTTURE COMPOSTE

ACCIAI PER STRUTTURE METALLICHE E STRUTTURE COMPOSTE ACCIAI PER STRUTTURE METALLICHE E STRUTTURE COMPOSTE Documentazione di conformità secondo le nuove Norme Tecniche delle Costruzioni (DM 14 Gennaio 2008) Ing. Lorenzo Di Gregorio PRESIDER Srl Bastia Umbra,

Dettagli

Prodotti vernicianti in polvere: proprietà e prove di caratterizzazione.

Prodotti vernicianti in polvere: proprietà e prove di caratterizzazione. Convegno Surface Treatments News 2012 In ambito METEF Prodotti vernicianti in polvere: proprietà e prove di caratterizzazione. di Giuseppe Casati Verona, 19 Aprile 2012 Sommario Introduzione Formulazione

Dettagli

International Studies Ltd

International Studies Ltd www.internationalstudies.ltd.uk info@internationalstudies.ltd.uk pag. 1 di 6 Utilizzo dell acciaio in edilizia mediante saldatura e redazione delle WPS L'impiego dei processi di saldatura nel settore delle

Dettagli

La Marcatura CE di strutture metalliche (UNI EN 1090-1:2012).

La Marcatura CE di strutture metalliche (UNI EN 1090-1:2012). La Marcatura CE di strutture metalliche (UNI EN 1090-1:2012). DURATA: 8 ore Località: Padova. Presso Sede CONFINDUSTRIA Via Masini Edoardo Plinio, 2, (loc. Stanga) 35131 Padova PD tel. 049 822 7111 ORARI:

Dettagli

Morra Stefano IIS CERT Gruppo Istituto Italiano della saldatura - Genova

Morra Stefano IIS CERT Gruppo Istituto Italiano della saldatura - Genova 1 1 Il processo di saldatura nella realizzazione di strutture metalliche di carpenteria: la Direttiva CPD, il Regolamento CPR, il DM 14 gennaio 2008 e la norma armonizzata EN 1090. Morra Stefano IIS CERT

Dettagli

SCHEMA. Mandato CEN M/120 Prodotti metallici per impieghi strutturali e loro accessori.

SCHEMA. Mandato CEN M/120 Prodotti metallici per impieghi strutturali e loro accessori. SCHEMA per la certificazione del controllo di produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE dei prodotti di alluminio e di leghe di alluminio cui alla norma UNI EN 15088:2006 0 STORIA Edizione 0 08/06/2012

Dettagli

Voce di Capitolato e prestazioni tecniche

Voce di Capitolato e prestazioni tecniche Voce di Capitolato e prestazioni tecniche Serramenti Serie R40 Struttura dei serramenti I serramenti Sistema R della serie R40, prodotti da Sapa Profili srl, sono realizzati con profilati estrusi in lega

Dettagli

Prodotti per la protezione passiva dal fuoco di elementi, strutture e materiali in acciaio, legno, cemento armato e muratura.

Prodotti per la protezione passiva dal fuoco di elementi, strutture e materiali in acciaio, legno, cemento armato e muratura. Prodotti per la protezione passiva dal fuoco di elementi, strutture e materiali in acciaio, legno, cemento armato e muratura. Vernici intumescenti (reattive), vernici fuoco ritardanti. I rivestimenti reattivi

Dettagli

La Marcatura CE apposta, dovrà poi indicare la conformità all uso previsto così come specificato nelle varie opzioni della norma stessa.

La Marcatura CE apposta, dovrà poi indicare la conformità all uso previsto così come specificato nelle varie opzioni della norma stessa. Spett.le c.a. Via, Oggetto: Preventivo implementazione Sistema Gestione Uni EN 1090 integrato con Sistema Gestione Qualità UNI EN ISO 9001:2008 e con il disposto della ISO 3834 (necessario per chi opera

Dettagli

Come cambiano gli obblighi per le strutture metalliche a partire dal 1 luglio 2014

Come cambiano gli obblighi per le strutture metalliche a partire dal 1 luglio 2014 Regolamento (UE) n.305/11 e norme del gruppo EN1090 La Marcatura CE delle strutture metalliche alla luce delle Norme tecniche per le Costruzioni Firenze, 30/10/2014 Come cambiano gli obblighi per le strutture

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo SC001 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO. 0.2 Documenti IGQ di riferimento. Edizione 2 06/10/10

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo SC001 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO. 0.2 Documenti IGQ di riferimento. Edizione 2 06/10/10 SCHEMA per la certificazione dei tubi di acciaio per il convogliamento di acqua e di altri liquidi acquosi, di cui alla norma UNI EN 10224 - Ed. Marzo 2006 Il presente documento è stato approvato dalla

Dettagli

Qualificazione, Identificazione, Accettazione Ing. Massimo Pugliese e Ing. Fabio Pes - TUV Italia

Qualificazione, Identificazione, Accettazione Ing. Massimo Pugliese e Ing. Fabio Pes - TUV Italia Qualificazione, Identificazione, Accettazione Ing. Massimo Pugliese e Ing. Fabio Pes - TUV Italia costruire e rinnovare in modo sostenibile e sicuro 1 Obiettivi Travi PREM 2015 Evidenziare l impatto delle

Dettagli

www.airliquidewelding.it

www.airliquidewelding.it www.airliquidewelding.it Con il 1 luglio 2014 diventa cogente la norma EN 1090-1: 2009/EC 1-2011. La norma è rivolta ai produttori di componenti strutturali in acciaio o in alluminio, o parti di essi,

Dettagli

La Marcatura CE di strutture in acciaio secondo la norma UNI EN 1090-1:2012. Certificazione del Sistema FPC.

La Marcatura CE di strutture in acciaio secondo la norma UNI EN 1090-1:2012. Certificazione del Sistema FPC. presentano il SEMINARIO GRATUITO La Marcatura CE di strutture in acciaio secondo la norma UNI EN 1090-1:2012. Certificazione del Sistema FPC. DURATA: 8 ore LUOGO: Canosa di Puglia (BT), Via De Gasperi,

Dettagli

MANUALE DEL CONTROLLO DELLA PRODUZIONE DI FABBRICA - F.P.C.

MANUALE DEL CONTROLLO DELLA PRODUZIONE DI FABBRICA - F.P.C. MANUALE DEL CONTROLLO DELLA PRODUZIONE IN FABBRICA RIFERITO ALLA NORMA EN 1090-1:2009+A1:2011 Esecuzione di strutture di acciaio e di alluminio - Parte 1: Requisiti per la valutazione di conformità dei

Dettagli

MARCATURA CE CONGLOMERATI BITUMINOSI

MARCATURA CE CONGLOMERATI BITUMINOSI MARCATURA CE CONGLOMERATI BITUMINOSI COS E LA MARCATURA CE? La marcatura CE, é il principale indicatore della conformità di un prodotto alle normative UE e ne consente la libera commercializzazione entro

Dettagli

Qualità e Certificazione certificazione di prodotto - Marcantonio Catelani Facoltà di Ingegneria Firenze

Qualità e Certificazione certificazione di prodotto - Marcantonio Catelani Facoltà di Ingegneria Firenze Qualità e Certificazione certificazione di prodotto - Marcantonio Catelani Facoltà di Ingegneria Firenze 1 Focus sulla Certificazione Organismi di certificazione Certificazione personale Certificazione

Dettagli

Allegato A Elenco normativa applicabile e riferimenti bibliografici

Allegato A Elenco normativa applicabile e riferimenti bibliografici Pag. 1 di 5 Elenco normativa applicabile e riferimenti bibliografici Pag. 2 di 5 Normative di riferimento Nella tabella seguente vengono riportate le principali normative di riferimento da utilizzarsi

Dettagli

Marcatura CE. Controllo di produzione in fabbrica - FPC. Segnaletica stradale. Caratteristiche energetiche prodotti per edilizia

Marcatura CE. Controllo di produzione in fabbrica - FPC. Segnaletica stradale. Caratteristiche energetiche prodotti per edilizia ICMQ Certificazioni e controlli per le costruzioni La certificazione dei prodotti Le tipologie di certificazione rilasciate da ICMQ riguardano sia le certificazioni cogenti, cioè obbligatorie secondo la

Dettagli

Agrigento, 18 giugno 2014. Geom. Raffaello Dellamotta Tel. 0541-322.234 r.dellamotta@giordano.it

Agrigento, 18 giugno 2014. Geom. Raffaello Dellamotta Tel. 0541-322.234 r.dellamotta@giordano.it . Come identificarlo, certificarlo e controllarlo attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011 Specificazione e qualificazione delle procedure di saldatura per materiali metallici come richiesto dalla EN

Dettagli

GALVANICA CEDRATESE trattamenti superficiali dei metalli

GALVANICA CEDRATESE trattamenti superficiali dei metalli GALVANICA CEDRATESE Fondata nel 1952 con un organizzazione a carattere artigianale, la Galvanica Cedratese opera nel settore meccanico dei trattamenti superficiali dei metalli da oltre 60 anni. Oggi un

Dettagli

Centri di Trasformazione: requisiti secondo il D.M. 14 gennaio 2008

Centri di Trasformazione: requisiti secondo il D.M. 14 gennaio 2008 75 Convegno ATE - ASSOCIAZIONE TECNOLOGI PER L EDILIZIA: Le Saldature in Cantiere Centri di Trasformazione: requisiti secondo il D.M. 14 gennaio 2008 Materiale a cura di: P.I. BENEDETTO SCOTTI (AREA CONSULTING

Dettagli

Descrizione del prodotto è un sistema ad alte prestazioni di top coatings da polimerizzare a raggi UV, per pavimenti e segnaletica.

Descrizione del prodotto è un sistema ad alte prestazioni di top coatings da polimerizzare a raggi UV, per pavimenti e segnaletica. 1 SCHEDA INTRODUTTIVA 08-04-2012 Tecnologia ai raggi UV per la realizzazione istantanea di linee e segnaletica di sicurezza. Descrizione del prodotto è un sistema ad alte prestazioni di top coatings da

Dettagli

Presidenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Servizio Tecnico Centrale

Presidenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Servizio Tecnico Centrale Presidenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Servizio Tecnico Centrale PROCEDURA PER IL RILASCIO, DA PARTE DEL SERVIZIO TECNICO CENTRALE, DEL CERTIFICATO DI IDONEITÀ TECNICA ALL IMPIEGO, DI CUI

Dettagli

Alesta Primer ZeroZinc. La migliore protezione eco-compatibile dalla corrosione

Alesta Primer ZeroZinc. La migliore protezione eco-compatibile dalla corrosione A X A LTA C O AT I N G S Y S T E M S Alesta Primer ZeroZinc La migliore protezione eco-compatibile dalla corrosione Alesta Primer ZeroZinc La soluzione giusta per ogni esigenza La corrosione dell acciaio

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE AMBIENTALE

LA CERTIFICAZIONE AMBIENTALE Convegno SURFACE TREATMENTS News 2011 Fiera di Milano Rho LA CERTIFICAZIONE AMBIENTALE PER ANODIZZATORI E VERNICIATORI DELL ALLUMINIO Ing. Rolando Ragazzini 1 Principali aspetti ambientali nel settore

Dettagli

, ' *-- ' " $!,"""&& # " $%

, ' *-- '  $!,&& #  $% ! "#$ %"&"" $$' " (#! %")" * +'#!", ' *-- ' " $!,"""&& # " $% &' ())* %")" + +' # ++,! " %"" '+'$ " $( ++ %"&"" ' " '! $- &(.)'.())/ &/0 # $ %. " (' ' 1 + $ *2.&)/.33./ 0' 12' 3, & 4 5 3./.22, 4) 5 " &

Dettagli

LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI STRUTTURALI IN ACCIAIO SECONDO LA EN 1090-1 e il CPR 305/2011

LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI STRUTTURALI IN ACCIAIO SECONDO LA EN 1090-1 e il CPR 305/2011 LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI STRUTTURALI IN ACCIAIO SECONDO LA EN 1090-1 e il CPR 305/2011 Ing. Umberto Vicentini Umberto.vicentini@it.bureauveritas.com Tel. 345. 4559067 Argomenti trattati Il quadro

Dettagli

LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI STRUTTURALI IN ACCIAIO SECONDO LA EN 1090-1 e il CPR 305/2011

LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI STRUTTURALI IN ACCIAIO SECONDO LA EN 1090-1 e il CPR 305/2011 LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI STRUTTURALI IN ACCIAIO SECONDO LA EN 1090-1 e il CPR 305/2011 Ing. Umberto Vicentini Umberto.vicentini@it.bureauveritas.com Tel. 345. 4559067 Argomenti trattati Il quadro

Dettagli

Il marchio di qualità SISMIC per l acciaio da cemento armato. Contenuto tecnico e valore aggiunto

Il marchio di qualità SISMIC per l acciaio da cemento armato. Contenuto tecnico e valore aggiunto Il marchio di qualità SISMIC per l acciaio da cemento armato Contenuto tecnico e valore aggiunto Il Regolamento il marchio di qualità è attribuito da SISMIC a seguito della: dimostrazione del rispetto

Dettagli

LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI METALLICI STRUTTURALI IN ACCORDO ALLA NORMA EN 1090-1

LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI METALLICI STRUTTURALI IN ACCORDO ALLA NORMA EN 1090-1 LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI METALLICI STRUTTURALI IN ACCORDO ALLA NORMA EN 1090-1 Igor SOLUSTRI RINA Services S.p.A. Product Certification Central Italy LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI METALLICI STRUTTURALI

Dettagli

Un breve sommario delle specifiche menzionate è mostrato nella tabella 1; il documento completo è disponibile sul sito web www.qualanod.

Un breve sommario delle specifiche menzionate è mostrato nella tabella 1; il documento completo è disponibile sul sito web www.qualanod. Qualità dell'alluminio anodizzato Italfinish è licenziataria del marchio di qualità Qualanod e segue le Specifiche di Qualità per l'alluminio anodizzato in Acido Solforico redatte dal QUALANOD per stabilire

Dettagli

Dal 1 febbraio 2010 la marcatura CE dei serramenti sarà obbligatoria.

Dal 1 febbraio 2010 la marcatura CE dei serramenti sarà obbligatoria. Nessuna ulteriore proroga. N e Dal 1 febbraio 2010 la marcatura CE dei serramenti sarà obbligatoria. La proroga del periodo di coesistenza della Marcatura CE con la la Norma Tecnica Europea EN 14351 1,

Dettagli

Istituto Italiano della Saldatura

Istituto Italiano della Saldatura La corrosione può produrre nel tempo profonde alterazioni delle caratteristiche strutturali di componenti metallici tali da comprometterne anche la sicurezza e la funzionalità. Un efficace gestione del

Dettagli

Voce di Capitolato e prestazioni tecniche

Voce di Capitolato e prestazioni tecniche Voce di Capitolato e prestazioni tecniche Serramenti a taglio termico Serie R72TT 1.3 con ferramenta perimetrale Struttura dei serramenti I serramenti Sistema RTT della serie R72TT1.3 con ferramenta perimetrale,

Dettagli

QUALITA AD IMPATTO VISIVO E SENSORIALE

QUALITA AD IMPATTO VISIVO E SENSORIALE ACRYCOLOR Gli infissi colorati rendono possibile l unione armonica tra facciate e finestre. Proprio negli ambienti pubblici e abitativi pongono l accento sull effetto finale e donano un carattere individuale.

Dettagli

Marcatura CE Cancelli

Marcatura CE Cancelli SB studio www.essebistudio.com www.marcatura-ce-cancelli.com Marcatura CE Cancelli SB studio di Bertolo Sergio Borgo Treviso 152/C 31033 Castelfranco Veneto TV 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 Tipologie di cancelli

Dettagli

Prelaq Nova PLX. Laminati preverniciati per coperture in fogli aggraffati

Prelaq Nova PLX. Laminati preverniciati per coperture in fogli aggraffati Prelaq Nova PLX Laminati preverniciati per coperture in fogli aggraffati SOMMARIO Prelaq Nova PLX un prodotto sviluppato dagli addetti ai lavori per gli addetti ai lavori 4 Prelaq Nova PLX i vantaggi della

Dettagli

TRASMITTANZA TERMICA DEI SERRAMENTI

TRASMITTANZA TERMICA DEI SERRAMENTI TRASMITTANZA TERMICA DEI SERRAMENTI In Italia, il 19 agosto 2005 è sstato disposto il Decreto Legislativo n. 192 in attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia,

Dettagli

PAGINA 1 DI 5 MOLYKOTE

PAGINA 1 DI 5 MOLYKOTE PAGINA 1 DI 5 MOLYKOTE CARATTERISTICHE Le lacche Molykote sono dispersioni di sostanze lubrificanti solide, come ad esempio il bisolfuro di molibdeno, e di resine leganti organiche o inorganiche finemente

Dettagli

HEMPACORE. Protezione antincendio passiva

HEMPACORE. Protezione antincendio passiva HEMPACORE Protezione antincendio passiva Durabilità La robustezza dei nostri rivestimenti riduce al minimo i danni connessi al trasporto e alla movimentazione. Potete contare sulla qualità per una lunga

Dettagli

Saldature in cantiere alla luce della prossima entrata in vigore della UNI EN 1090

Saldature in cantiere alla luce della prossima entrata in vigore della UNI EN 1090 Saldature in cantiere alla luce della prossima entrata in vigore della UNI EN 1090 Come noto per gli addetti del settore, dal 1 Luglio 2014 diventerà obbligatoria anche in Italia l applicazione della UNI

Dettagli

NORMA EN 1856/1 e 1856/2 del 2009 - Marcatura

NORMA EN 1856/1 e 1856/2 del 2009 - Marcatura NORMA EN 1856/1 e 1856/2 del 29 - Marcatura Prodotti per sistema camino - Canne Fumarie metalliche La norma definisce i requisiti di prestazione per i condotti rigidi e flessibili, canali da fumo e raccordi

Dettagli

Norme sull alluminio vigenti in Italia. (aggiornamento al 29 aprile 2008)

Norme sull alluminio vigenti in Italia. (aggiornamento al 29 aprile 2008) Nelle tabelle seguenti riportiamo gli elenchi delle norme vigenti in Italia sull alluminio e sui trattamenti superficiali di verniciatura e di ossidazione anodica. L associazione non può rilasciare alcuna

Dettagli

UNI EN ISO 3834. Requisiti di qualità per la saldatura per fusione dei materiali metallici. info@marcelomartorelli.mobi

UNI EN ISO 3834. Requisiti di qualità per la saldatura per fusione dei materiali metallici. info@marcelomartorelli.mobi UNI EN ISO 3834 Requisiti di qualità per la saldatura per fusione dei materiali metallici Introduzione alle norme UNI EN ISO 3834:2006 Perché considerare la UNI EN ISO 3834:2006 nella propria azienda?

Dettagli

Compositi Expo 13 ottobre 2010 Modena. Con il contributo dello Studio Maestrelli

Compositi Expo 13 ottobre 2010 Modena. Con il contributo dello Studio Maestrelli Compositi Expo 13 ottobre 2010 Modena DOMANDA N 1 CERTIFICARE LA PRODUZIONE: PERCHÉ? DOMANDA N 2 CERTIFICARE: COSA SIGNIFICA? DOMANDA N 3 CERTIFICARE: A PRIORI O COME CONSEGUENZA? DOMANDA N 4 CERTIFICARE:

Dettagli

Riunione Ispettori CSI Spa. Milano, 21 Novembre 2014

Riunione Ispettori CSI Spa. Milano, 21 Novembre 2014 Riunione Ispettori CSI Spa Milano, 21 Novembre 2014 LA NORMATIVA NAZIONALE ( e quella UE) GLI ATTORI COINVOLTI D.M. 14.09.2005 Nuove Norme Tecniche Costruzioni D.M. 14.01.08 Nuove Norme Tecniche Costruzioni

Dettagli

EN 14342:2005+A1:2008: Marcatura CE per PAVIMENTAZIONI IN LEGNO A partire da MARZO 2009 - Obbligatoria a partire da MARZO 2010

EN 14342:2005+A1:2008: Marcatura CE per PAVIMENTAZIONI IN LEGNO A partire da MARZO 2009 - Obbligatoria a partire da MARZO 2010 Iscritto all'albo professionale del collegio dei Periti Industriali di PU al n 293 via Calamone, 1-61025 Montelabbate (PU) Tel. - Fax.: +39 0721 472036 Direttiva 89/106/CEE PRODOTTI DA COSTRUZIONE EN 14342:2005+A1:2008:

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ

DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Denominazione commerciale del prodotto: Plast inox Condotti in PPs / INOX 08 0063 DESIGNAZIONE DEL PRODOTTO SECONDO LA NORMA EN 14471 condotto Certificato n.: 0063-CPD-8602

Dettagli

TRATTAMENTI GALVANICI DELLE SUPERFICI METALLICHE

TRATTAMENTI GALVANICI DELLE SUPERFICI METALLICHE TRATTAMENTI GALVANICI DELLE SUPERFICI METALLICHE CHI SIAMO Galvanica Cedratese sas è un azienda che si occupa di trattamenti galvanici di superficie per i settori aeronavale, alimentare, motociclistico,

Dettagli

www.mpmsrl.com pavimentazioni sine materiali protettivi milano

www.mpmsrl.com pavimentazioni sine materiali protettivi milano www.mpmsrl.com pavimentazioni re sine materiali protettivi milano Tradizione, esperienza, innovazione tecnologica. Da oltre 50 anni MPM materiali protettivi milano s.r.l opera nel settore dell edilizia

Dettagli

Evoluzione normativa dalla CPD (Direttiva 89/106/CEE) al CPR (Regolamento n. 305/2011/UE) e al Regolamento Delegato (UE) n.

Evoluzione normativa dalla CPD (Direttiva 89/106/CEE) al CPR (Regolamento n. 305/2011/UE) e al Regolamento Delegato (UE) n. Evoluzione normativa dalla CPD (Direttiva 89/106/CEE) al CPR (Regolamento n. 305/2011/UE) e al Regolamento Delegato (UE) n. 157/2014 Ing. Lorenzo Bari Bari, 26 settembre 2014 MARCATURA CE Contesto legislativo

Dettagli

ENERGIA E RUMORE QUASI ZERO Nuove norme e soluzioni per gli edifici di domani

ENERGIA E RUMORE QUASI ZERO Nuove norme e soluzioni per gli edifici di domani ENERGIA E RUMORE QUASI ZERO Nuove norme e soluzioni per gli edifici di domani Il ruolo della posa e del serramento performante nella riqualificazione edilizia Diritti d autore: la presente presentazione

Dettagli

Balconi - Théatron. Applicazioni

Balconi - Théatron. Applicazioni Balconi Théatron Balconi - Théatron Essenzialità, durata e sicurezza. Il sitema ringhiere Théatron è stato creato per completare la gamma dei serramenti METRA. Théatron prevede un ampia scelta di modelli

Dettagli

Tecnologia Facciate continue Finestre e porte a battente V E Finestre e porte in Alluminio-Legno Finestre e porte scorrevoli

Tecnologia Facciate continue Finestre e porte a battente V E Finestre e porte in Alluminio-Legno Finestre e porte scorrevoli www.metrawindows.it PERSIANA SCORREVOLE Sistemi oscuranti METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA

Dettagli

RESIN FLOOR INDUSTRIE ALIMENTARI

RESIN FLOOR INDUSTRIE ALIMENTARI TM RESIN FLOOR INDUSTRIE ALIMENTARI RESINFLOOR: QUALITÀ E PROFESSIONALITÀ Dal 1980 in Italia ed Europa creiamo pavimenti e superfici di calpestio e finitura che hanno in comune l utilizzo della resina.

Dettagli

Le certificazioni, la dichiarazione di prestazioni, la marcatura CE. Dario Agalbato, Direttore IGQ, Presidente GNB CPR

Le certificazioni, la dichiarazione di prestazioni, la marcatura CE. Dario Agalbato, Direttore IGQ, Presidente GNB CPR Le certificazioni, la dichiarazione di prestazioni, la marcatura CE Dario Agalbato, Direttore IGQ, Presidente GNB CPR Il Regolamento prodotti da costruzione «EVOLUTION NOT REVOLUTION» 2 CPD CPR (1) La

Dettagli

Day training Prodotti siderurgici: - elenco norme armonizzate - marcatura CE - CPD e requisiti NTC - trasporto acque in collaborazione con

Day training Prodotti siderurgici: - elenco norme armonizzate - marcatura CE - CPD e requisiti NTC - trasporto acque in collaborazione con Unsider -ENTE ITALIANO DI UNIFICAZIONE SIDERURGICA - FEDERATO ALL UNI e-mail segreteria@unsider.it www.unsider.it Day training Prodotti siderurgici: - elenco norme armonizzate - marcatura CE - CPD e requisiti

Dettagli

Obbligo Di marcatura CE dei componenti del calcestruzzo. Obbligo di certificazione FPC per gli impianti di betonaggio. Responsabilità del Direttore

Obbligo Di marcatura CE dei componenti del calcestruzzo. Obbligo di certificazione FPC per gli impianti di betonaggio. Responsabilità del Direttore Obbligo Di marcatura CE dei componenti del calcestruzzo. Obbligo di certificazione FPC per gli impianti di betonaggio. Responsabilità del Direttore dei Lavori e del Collaudatore secondo il D.M. 14/01/2008

Dettagli

Pandolfo Alluminio PENSARE IN ALLUMINIO

Pandolfo Alluminio PENSARE IN ALLUMINIO Pandolfo Alluminio PENSARE IN ALLUMINIO il complesso aziendale padova sede centrale lentiai (bl) stabilimento di estrusione feltre (bl) uffici commerciali, trattamenti delle superfici e lavorazioni meccaniche

Dettagli

SCHEDA TECNICA GRES FINE PORCELLANATO

SCHEDA TECNICA GRES FINE PORCELLANATO SCHEDA TECNICA GRES FINE PORCELLANATO Serie CAMELOT 1. Caratteristiche tecniche Norma UNI EN 14411 - Appendice G Piastrelle ceramiche pressate a secco con basso assorbimento d acqua GRUPPO BIaGL DIMENSIONI

Dettagli

DIRETTIVA 97/23/CE PED PER LE ATTREZZATURE ED INSIEMI A PRESSIONE SEMINARIO INFORMATIVO DICEMBRE 2003

DIRETTIVA 97/23/CE PED PER LE ATTREZZATURE ED INSIEMI A PRESSIONE SEMINARIO INFORMATIVO DICEMBRE 2003 DIRETTIVA 97/23/CE PED PER LE ATTREZZATURE ED INSIEMI A PRESSIONE SEMINARIO INFORMATIVO DICEMBRE 2003 IL D.LGS 93 DEL 25.02.2000 E LA DIRETTIVA PED PER LE APPARECCHIATURE E GLI IMPIANTI A PRESSIONE LA

Dettagli

Milano, novembre 2006

Milano, novembre 2006 Milano, novembre 2006 Osservazioni in merito allo schema di decreto legislativo concernente Disposizioni correttive ed integrative al Dlgs. 19 agosto 2005 n. 192, recante attuazione della direttiva 2002/91/CE

Dettagli

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi www.metrawindows.it THEATRON Linea GLASS Sistemi per Balconi METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati

Dettagli

SPRAYFILM WB II SC. Caratteristiche tecniche e prestazioni

SPRAYFILM WB II SC. Caratteristiche tecniche e prestazioni Sprayfilm WBII SC è un prodotto verniciante intumescente a base acqua, per la protezione contro il fuoco di strutture in acciaio, con formulazione specifica per sezioni cave ed applicabile su ogni tipo

Dettagli

LE NORMATIVE EUROPEE E LA LORO VALENZA LE NORME DI BUONA TECNICA LE DIRETTIVE DI PRODOTTO

LE NORMATIVE EUROPEE E LA LORO VALENZA LE NORME DI BUONA TECNICA LE DIRETTIVE DI PRODOTTO LE NORMATIVE EUROPEE E LA LORO VALENZA LE NORME DI BUONA TECNICA LE DIRETTIVE DI PRODOTTO Trento 08 aprile 2010 stefano@armprocess.com - www.armprocess.com N 1 / 39 DEFINIZIONI conformità: Soddisfacimento

Dettagli

ISOLAMENTO TERMICO E VENTILAZIONE NEGLI EDIFICI INDUSTRIALI ISOLAMENTO TERMICO E VENTILAZIONE DEGLI EDIFICI INDUSTRIALI

ISOLAMENTO TERMICO E VENTILAZIONE NEGLI EDIFICI INDUSTRIALI ISOLAMENTO TERMICO E VENTILAZIONE DEGLI EDIFICI INDUSTRIALI ISOLAMENTO TERMICO E VENTILAZIONE DEGLI EDIFICI INDUSTRIALI BISOGNA ISOLARE GLI EDIFICI INDUSTRIALI? D.Lgs. 192/2005 integrato con il D.Lgs. 311/2006 art. 3 (ambito di intervento) Delibera 158/2008 Regione

Dettagli

Marcatura CE e quadro normativo per serramenti e pavimenti di legno. ing. Rita D Alessandro Ufficio Normative EdilegnoArredo/FederlegnoArredo

Marcatura CE e quadro normativo per serramenti e pavimenti di legno. ing. Rita D Alessandro Ufficio Normative EdilegnoArredo/FederlegnoArredo Marcatura CE e quadro normativo per serramenti e pavimenti di legno BOIS LAB Workshop Torino, 21 maggio 2010 ing. Rita D Alessandro Ufficio Normative EdilegnoArredo/FederlegnoArredo Direttiva Prodotti

Dettagli

NOVITA' IMPOSTE DAL DECRETO LGS. n. 311/2006 SULLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

NOVITA' IMPOSTE DAL DECRETO LGS. n. 311/2006 SULLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI NOVITA' IMPOSTE DAL DECRETO LGS. n. 311/2006 SULLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Il decreto legislativo n. 311 del 29.12.2006 (che modifica il precedente decreto n. 192/2005), pubblicato sulla

Dettagli

Il controllo tecnico delle strutture metalliche

Il controllo tecnico delle strutture metalliche Il controllo tecnico delle strutture metalliche Marco Torricelli, Ingegnere, Controllo Tecnico Strutture Il controllo tecnico delle strutture metalliche è regolato dal Decreto Ministeriale del 14/1/08

Dettagli

Capitolo III Impianti di raffreddamento industriali: installazione e manutenzione preventiva. Ing. Vera Ianiro - ARPA Molise

Capitolo III Impianti di raffreddamento industriali: installazione e manutenzione preventiva. Ing. Vera Ianiro - ARPA Molise Capitolo III Impianti di raffreddamento industriali: installazione e manutenzione preventiva Ing. Vera Ianiro - ARPA Molise Sistemi a basse temperature (< Tambiente) Sistemi ad alte temperature (T ambiente)

Dettagli

Confort 125. Sistemi scorrevoli. Sapa Building System

Confort 125. Sistemi scorrevoli. Sapa Building System Confort 125 Sistemi scorrevoli Sapa Building System Confort 125 è un sistema di finestre scorrevoli ad alte prestazioni, di facile uso e con buone proprietà di isolamento termico. Il sistema è disponibile

Dettagli

3974 AQUAPUR PRIMER 2K BEIGE

3974 AQUAPUR PRIMER 2K BEIGE 394 AQUAPUR PRIMER 2K BEIGE NOME CONVERTER DESTINAZIONE Primer idoneo per applicazione su superfici in ghisa, acciaio, leghe leggere (alluminio) e superfici zincate adeguatamente preparate. Idoneo per

Dettagli

GUIDA ALLA MARCATURA CE PER IL COSTRUTTORE DI SERRAMENTI BUROCRAZIA FACILE

GUIDA ALLA MARCATURA CE PER IL COSTRUTTORE DI SERRAMENTI BUROCRAZIA FACILE GUIDA ALLA MARCATURA CE PER IL COSTRUTTORE DI SERRAMENTI BUROCRAZIA FACILE BROCHURE_CE_A4.indd pagina:2 17/07/13 16:43 Techne Media Agency INDICE Che cos e la marcatura ce?... pag. 03 a. definire i prodotti

Dettagli

Contec Industry. Per il settore Industrie. Marzo 2015 rev. 00

Contec Industry. Per il settore Industrie. Marzo 2015 rev. 00 Contec Industry Per il settore Industrie Marzo 2015 rev. 00 www.contecindustry.it MARCATURA CE e SICUREZZA DELLE MACCHINE MARCATURA CE DI INSIEMI DI MACCHINE FACENTI PARTE DELLA NUOVA CONCA DI NAVIGAZIONE

Dettagli

Facciate ventilate più isolate e più sicure Migliorare la qualità dell offerta per vincere la crisi

Facciate ventilate più isolate e più sicure Migliorare la qualità dell offerta per vincere la crisi IMMAGINE PUBBLICITÀ EDITORIA UFFICIO STAMPA Vicenza - Corso Palladio, 155 Tel 0444 327206 Fax 0444 809819 e-mail: info@studioemmesrl.it Isolamento di pareti dall esterno Facciate ventilate più isolate

Dettagli

BULLONERIA ADATTA A PRECARICO (EN 14399-1)

BULLONERIA ADATTA A PRECARICO (EN 14399-1) BULLONERIA ADATTA A PRECARICO (EN 14399-1) Descrizione e composizione delle norme EN 14399 sul serraggio controllato UNI EN 14399 parti da 1 a 10 Bulloneria strutturale ad alta resistenza a serraggio controllato

Dettagli