RELAZIONE DI MERIDA MADEO SEGRETARIA NAZIONALE FISAC/CGIL SALUTE, SICUREZZA, BENESSERE:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE DI MERIDA MADEO SEGRETARIA NAZIONALE FISAC/CGIL SALUTE, SICUREZZA, BENESSERE:"

Transcript

1 RICCIONE 4 APRILE 2011 RELAZIONE DI MERIDA MADEO SEGRETARIA NAZIONALE FISAC/CGIL SALUTE, SICUREZZA, BENESSERE: SONO LE PAROLE ATTORNO ALLE QUALI RUOTERANNO I RAGIONAMENTI, LE ANALISI E GLI APPROFINDIMENTI IN QUESTE DUE GIORNATE DI LAVORO CHE SVOLGEREMO A RICCIONE. ABBIAMO CHIAMATO QUESTO APPUNTAMENTO ASSEMBLEA NAZIONALE DEI/DELLE RLS MA IN REALTA LA PLATEA CHE ABBIAMO COSTRUITO TIENE CONTO DI TUTTE LE STRUTTURE NELLE QUALI SI ARTICOLA LA NOSTRA ORGANIZZAZIONE E QUINDI, RLS MA ANCHE COMPAGNE/I DELLE RSA, DEI CAC E CAN AZIENDALI, DELLE SEGRETERIE DI GRUPPO, DELLE

2 SEGRETERIE REGIONALI E COMPRENSORIALI FINO ALLA SEGRETERIA NAZIONALE. E STATA QUESTA UNA SCELTA POLTICA CHIARA: METTERE TUTTA L ORGANIZZAZIONE A CONFRONTO CON LE PROBLEMATICHE CHE ANALIZZEREMO CON I NISTRI OSPITI, SINDACALISTI, MEDICI, ESPERTI CHE GIA CONOSCONO IL NOSTRO SETTORE. LA SALUTE, LA SICUREZZA, IL BENESSERE ORGANIZZATIVO SONO PER LA FISAC ELEMENTI ESSENZIALI PER POTER AFFRONTARE I PROBLEMI E LE SITUAZONI REALI CHE LE LAVORATRICI E LAVORATORI VIVONO QUOTIDIANAMENTE. L ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO CHE E SPESSO CAUSA DI MALESSERE, DISAGI E STRESS E STORICAMENTE UN TERRENO IMPORTANTE PER IL SINDACATO, A COMINCIARE DAI LIVELLI DI BASE.

3 EPPURE, NONOSTANTE QUESTA CONVINZIONE DI FONDO CHE SICURAMENTE TUTTE E TUTTI I PRESENTI IN QUESTA SALA ABBIAMO, CI DOBBIAMO DIRE CHE GLI SFORZI CHE FIN QUI ABBIAMO FATTO NON SONO OGGI SUFFICIENTI. NON LO SONO PERCHE I PROCESSI DI CAMBIAMENTO CHE ANCORA ATTRAVERSANO IL NOSTRO SETTORE SONO PONDEROSI E COMPLICATI, CHE IL COINVOLGIMENTO DELLE COLLEGHE E COLLEGHI DA PARTE DELLE AZIENDE IN TALI FASI NON E SUFFICIENTE, QUANDO NON E ASSENTE, CHE NUOVI MODELLI DI FUNZIONAMENTO SI STANNO FACENDO STRADA NELLE BANCHE E NEI GRUPPI. LA CRISI FINANZIARIA A LIVELLO GLOBALE HA RESO MAGGIORMENTE DIFFICILE LA SITUAZIONE. ALCUNE IMPORTANTI AZIENDE, PER ESEMPIO, STANNO RISTRUTTURANDO IN MODO PROFONDISSIMO IL MODELLO DI FUNZIONAMENTO, CONCENTRANDO DECINE DI MIGLIAIA DI LAVORATRICI E LAVORATORI IN

4 UN UNICA BANCA MENTRE, SOLO ALCUNI ANNI FA, AVEVA FATTO IL CONTRARIO, CON TUTTE LE CONSEGUENZE IN TERMINI DI RIORGANIZZAZIONE DELLE FILIALI E DELLE STRUTTURE DELL AZIENDA E CON PROBLEMI DI RIPOSIZIONAMENTO DI FIGURE PROFESSIONALI, MOMENTI DI CONFUSIONE ORGANIZZATIVA E ANSIA DEI COLLEGHI/E PER NUOVE SOLUZIONI DA DOVER SPERIMENTARE. NELLO STESSO TEMPO I CALL CENTER E LE BANCHE TELEFONICHE SI SONO SVILUPPATE CONSIDEREVOLMENTE; SONO CRESCIUTE LE ATTIVITA IN TERMINI QUANTITATIVI, E AUMENTATA LA VARIETA DELLE OPERAZIONI CHE POSSONO SVOLGERE. IL FUTURO SEMBRA ANDARE SEMPRE PIU IN QUESTA DIREZIONE SIA PER IL SETTORE BANCARIO CHE ASSICURATIVO. Il LAVORO CLASSICO CHE SI SVOLGEVA NELLE AGENZIE STA CAMBIANDO, L INTRODUZIONE MASSIVA DI ATM INTELLIGENTI E COMPLESSI

5 OLTRE ALL ATTIVITA HOME BANKING, STANNO MUTANDO ULTERIORMENTE UN PANORAMA CHE E IN MOVIMENTO ORMAI DA OLTRE VENT ANNI NEL NOSTRO SETTORE. ASSISTIAMO ALLA MODIFICA DI MANSIONI E ALLA CREAZIONE DI NUOVE FIGURE PROFESSIONALI IBRIDE CHE CONCENTRANO NELLE STESSE PERSONE COMPITI DIVERSI E PROBLEMATICHE NUOVE, CON CONSEGUENTE AUMENTO DELLO STRESS. A FRONTE DI DIFFICOLTA DENUNCIATE DALLE AZIENDE NEI LORO PIANI INDUSTRIALI CHE SPESSO SI SONO CONCRETIZZATE IN DICHIARAZIONI DI ESUBERO DI PERSONALE, SONO USCITI, IN GENERE CON LO STRUMENTO DEL FONDO DI SOLIDARIETA, MIGLIAIA DI COLLEGHE E COLLEGHI. NON SEMPRE QUESTE PERSONE CHE COSTITUIVANO UN IMPORTANTE KNOW HOW DI ESPERIENZE, SONO STATE SOSTITUITE, CON IL RISULTATO CHE COLORO CHE SONO RIMASTI AL LAVORO HANNO VISTO AUMENTARE IL CARICO DI LAVORO, AUMENTARE

6 IL SENSO DI FRUSTRAZIONE INSIEME A UN DIFFUSO SENSO DI INADEGUATEZZA. ABBIAMO ATTRAVERSATO ANNI CARATTERIZZATI DA POLITICHE DELLA VENDITA SPREGIUDICATE E OSSESSIVE, DI CUI SI PAGA OGGI IL PREZZO A LIVELLO DI SISTEMA E CHE HANNO SIGNIFICATO PRESSIONI COMMERCIALI FORTISSIME SULLE LAVORATRICI E SUI LAVORATORI, IN ALCUNI CASI AL DI LÀ DI OGNI LIMITE E AL DI LA DI OGNI ETICA. EPPURE AVEVAMO FIRMATO NEL 2004 INSIEME AD ABI UN PROTOCOLLO SU QUESTI TERRENI MA DOBBIAMO DIRE CHE QUEI CONTENUTI E QUELLE INTESE SONO STATI DISATTESI E I COSTI IN TERMINI DI CONDIZIONI DI STRESS PER I LAVORATORI E LAVORATRICI SONO STATI FORTISSIMI. ABBIAMO PENSATO E SPERATO NEI MESI SCORSI CHE I GUASTI CHE IL MERCATO E L IDEOLOGIA CHE ATTORNO AD ESSO È STATA COSTRUITA, QUELL IDEOLOGIA CHE È STATA SCONFITTA

7 DALLA CRISI FINANZIARIA, SERVISSE DA UNA PARTE A RAFFORZARE I CONTROLLI INTERNAZIONALI, DALL ALTRA A DARE UNO STOP A QUEL MODELLO DI FARE FINANZA BASATO SULLA RICERCA DI ALTISSIMI PROFITTI DA FARE NEL BREVE PERIODO. QUELLO CHE SI VEDE OGGI È, INVECE, L ASSENZA DI UNA POLITICA EUROPEA E GLOBALE DI CONTROLLO SULLE ATTIVITÀ FINANZIARIE E, NEL CONTEMPO, STA GIA RIPRENDENDO IN PIU DI UN AZIENDA LA SPINTA A VENDERE E VENDERE. A PRESCINDERE. ABBIAMO AFFRONTATO QUESTE TEMATICHE IN AMBITO INTERNAZIONALE NELLE SCORSE SETTIMANE A LISBONA, DOVE SI SONO SVOLTE LA CONFERENZA EUROPEA E QUELLA MONDIALE DI UNI FINANZA, IL SINDACATO INTERNAZIONALE AL QUALE ADERISCONO QUASI TUTTE LE OOSS DEL NOSTRO SETTORE. IN QUELLA CONFERENZA ABBIAMO APPROVATO UNA MOZIONE CHE PONE IN MODO FORTE E

8 DETERMINATO IL PROBLEMA DELLE VENDITE RESPONSABILI. IN QUESTI ANNI HANNO CERCATO DI CONVINCERCI CHE TUTTO AVESSE UNA LOGICA IN UN MERCATO CHE SI AUTOALIMENTAVA E SI AUTOCONTROLLAVA. IL RISULTATO È DI FRONTE AGLI OCCHI DI TUTTI. MA NON È DELLA CRISI FINANZIARIA CHE VOGLIO PARLARE MA INVECE DENUNCIARE COME IN MOLTI CASI SCELLERATE SCELTE COMMERCIALI DELLE AZIENDE CI SONO STATE PRESENTATE COME INEVITABILI E INELUDIBILI. SONO STATI ANNI DI AUTENTICA SOFFERENZA PER MIGLIAIA DI PERSONE CHE LAVORANO NEI NOSTRI SETTORI E NOI NON POSSIAMO PIÙ PERMETTERE CHE SI POSSANO RIPETERE SITUAZIONI SIMILI.

9 A FRONTE DI REMUNERAZIONI CHE PER MANAGER E BANCHIERI VANNO AL DI LÀ DI OGNI DECENZA NON POTREMO PIÙ ASCOLTARE LE LAMENTELE SULLE VENDITE INSUFFICIENTI CON ULTERIORI TENTATIVI DI SPOSTARE I PROBLEMI SUI SOGGETTI CHE CON LE LORO FACCE E IL LORO LAVORO QUOTIDIANO RAPPRESENTANO LE AZIENDE NEI CONFRONTI DEI CLIENTI. E 0RA IL MOMENTO DI TENERE ALTA LA GUARDIA SU QUESTE PROBLEMATICHE. OCCORRE AVERE IL CORAGGIO DI AFFRONTARE LA QUESTIONE DI COME E COSA SI VENDE NELLE NOSTRE AZIENDE. E QUESTO IL MOMENTO DI PARLARE DI ETICA DELLA VENDITA E NON SOLO FARNE OGGETTO DI DISCUSSIONE NEI CONVEGNI MA PRATICARLA NELLE FILIALI, NELLE AGENZIE DOVE CONCRETAMENTE AVVENGONO.

10 E IL MOMENTO PER LE AZIENDE DI ACCETTARE UN CONFRONTO VERO SULLE POLITICHE INCENTIVANTI CHE NEGLI ANNI HANNO ASSUNTO UN PESO ESORBITANTE, METTENDO LE LAVORATRICI ED I LAVORATORI SPESSO IN CONCORRENZA FRA DI LORO, CON UNA POLITICA INDIVIDUALE PERICOLOSA E DANNOSA. E NOI SAPPIAMO CHE C E UN ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO CHE COMPLESSIVAMENTE È STATA PLASMATA E UTILIZZATA A QUESTO FINE. LE ODIOSE STATISTICHE INDIVIDUALI, LA PRESSIONE ESERCITATA SU UN INSIEME DI FIGURE CON DIVERSI LIVELLI DI RESPONSABILITÀ, HANNO CREATO UNA SPIRALE SPESSO INSOSTENIBILE CHE E STATA CAUSA DI DANNI E DISAGI ALLE COLLEGHE E AI COLLEGHI. UNA POLITICA COMMERCIALE CHE HA SPESSO LESO PESANTEMENTE LA FIDUCIA DEI CONSUMATORI E DEI CITTADINI NEI CONFRONTI DELLE AZIENDE.

11 IN QUESTI CONTESTI ORGANIZZATIVI COSÌ RIGIDAMENTE CONCEPITI PIÙ CHE DELLE PERSONE CI SI È PREOCCUPATI DEI NUMERI, DI QUELLE STATISTICHE CHE SPESSO A DISTANZA DI POCHE ORE, DOVEVANO DARE IL SENSO DELLA SITUAZIONE, CHE HANNO SPOSSATO MIGLIAIA DI PERSONE, INSOMMA QUEI NUMERI CHE DOVEVANO GARANTIRE ROE A DUE CIFRE A QUALUNQUE COSTO. NON È ANDARE FUORI TEMA DUNQUE PARLARE IN QUESTA ASSEMBLEA DI QUESTI ASPETTI PERCHÉ, COME CI SPIEGA MOLTO BENE IL PROFESSORE CARLO SMURAGLIA IL GRANDE MERITO DEL D.LGS 81/2008 È QUELLO DI RAVVISARE UN DATO SISTEMATICO IN TUTTI I RIFERIMENTI CHE SONO DEDICATI ALL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO. INFATTI NEL TESTO UNICO SI PARLA DI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI UNA POLITICA AZIENDALE CHE SI RIFERISCE ANCHE ALL ORGANIZZAZONE DEL LAVORO. SONO CONVINTO, AGGIUNGE

12 SMURAGLIA, CHE L ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO SIA UNO DEI FATTORI PRINCIPALI, PRIMARI DI RISCHIO E CHE PARLARE DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO A PROPOSITO DI SICUREZZA, COSA CHE PER MOLTISSIMI ANNI HA RAPPRESENTATO UNA SORTE DI TABU ) SIA INVECE FONDAMENTALE E IMPRESCINDIBILE. INFATTI ALL ART.15 DEL Dls 81 SI PARLA DI PROGRAMMAZIONE DELLA PREVENZIONE MIRATA AD UN COMPLESSO CHE INTEGRI NELLA PREVENZONE LE CONDIZIONI TECNO PRODUTTIVE DELL AZIENDA, RIAFFERMANDO L ESIGENZA DEL RISPETTO DEI PRINCIPI ERGONOMICI, SI FA RIFERIMENTO ALLA DEFINIZIONE DEI METODI DI LAVORO E DI PRODUZONE SOPRATTUTTO PER RIDURRE GLI EFFETTI SULLA SALUTE DEL LAVORO MONOTONO E RIPETITIVO. I MOLTISSIMI RICHIAMI CHE IL TESTO UNICO FA ALL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO, DEI

13 QUALI SPESSO SI PARLA POCO E SENZA COGLIERVI UN NESSO SISTEMATICO, CONTINUA SMURAGLIA, SONO INVECE DEGNI DELLA PIÙ AMPIA RIFLESSIONE, PERCHÉ IL VERO SALTO DI QUALITÀ NELLA MATERIA DELLA PREVENZIONE SI FARÀ SOLTANTO IL GIORNO IN CUI SI COGLIERÀ APPIENO QUESTO ASPETTO: CHE BISOGNA AGIRE SULLA ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO IN TUTTI I SENSI E NON SOLO QUINDI NEL SENSO PIU CLASSICO E PIU RISALENTE NEL TEMPO, MA ANCHE NEL SENSO PIU MODERNO DELLE RELAZIONI INTERPERSONALI ALL INTERNO DELL AZIENDA, RAVVISANDO IN QUESTO ASPETTO FONDAMENTALE NON SOLO L INTERESSE PER LA SALUTE MA PERSINO L INTERESSE DELL AZIENDA E DELLA SUA PRODUTTIVITA. IN UNA NOTA DI COMMENTO AI LAVORI DELLA COMMISSIONE CONSULTIVA PER LA

14 VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS CORRELATO, LA COMPAGNA BENEDETTINI DELLA CGIL, RIPORTANDO UN PASSO DEL DIARIO DELLA PREVENZIONE CI RICORDA CHE MOLTI ELEMENTI DETERMINANTI CHE POSSONO GENERARE STRESS LAVORO- CORRELATO SONO CAUSATI DA SCELTE SPECIFICHE O GENERALI DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO, DA STILI DI MANAGEMENT AZIENDALE NEGLIGENTI NELLA GESTIONE DELLE RELAZIONI TRA DIRIGENTI E PERSONALE. GRAN PARTE DI QUESTI ASPETTI POSSONO ESSERE MODIFICATI CON UNA BUONA E COMPETENTE CONTRATTAZIONE DELLE CONDIZIONI DI LAVORO..DI PERCORSI CI CONTRATTAZIONE E CONDIVISIONE DI PROBLEMI DA RISOLVERE E DI RICERCA DI MIGLIORAMENTO DELLA ORGANIZZAZIONE

15 DEL LAVORO E DELLE RELAZIONI SUL LUOGO DI LAVORO. ELEMENTO ESSENZIALE IN QUESTI PERCORSI È IL COINVOLGIMENTO DI TUTTE LE FIGURE CHE IL DECRETO LEGISLATIVO 81 RICONOSCE E VALORIZZA E ANCORA PIÙ SIGNIFICATIVO È LA PRESA IN CARICO DEL SINDACATO, DELLE RSA DEI PROBLEMI E IL COINVOLGIMENTO DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI. SONO LORO CHE SPESSO SI SENTONO ESCLUSI DA QUESTI PROCESSI E DENUNCIANO L IMPOSSIBILITÀ DI METTERE A FATTOR COMUNE ESPERIENZE E PROBLEMI. SAPPIAMO QUINDI CHE CONIUGARE SALUTE, BENESSERE ORGANIZZATIVO E SICUREZZA E, AL TEMPO STESSO MIGLIORARE LE CONDIZIONI DI LAVORO E QUINDI ANCHE MIGLIORARE LA

16 PRODUTTIVITÀ, È POSSIBILE SE SI AGISCE IN UN AMBITO DI SISTEMA AZIENDA, NEL QUALE I DIVERSI SOGGETTI AGISCONO E INTERAGISC0NO AVENDO CHIARI GLI OBIETTIVI. IN QUESTA NOSTRA VISIONE SUFFRAGATA DA AUTOREVOLI OPINIONI E STUDI NON C È NESSUNA VISIONE MECCANICISTA O SEMPLICISTICA. NOI SIAMO CONVINTI CHE MIGLIORARE I LUOGHI DI LAVORO SIA POSSIBILE ED È IN QUESTA DIREZIONE CHE CHIEDIAMO UN IMPEGNO NUOVO E MAGGIORE ALLE NOSTRE STRUTTURE, ALLLE ALTRE OOSS E ALLE AZIENDE. LA CULTURA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA È UNA CULTURA FORTEMENTE UNITARIA NEI NOSTRI SETTORI. ABBIAMO LAVORATO

17 INSIEME IN QUESTI ANNI SIA PER PROPORRE UN ACCORDO NUOVO PER QUANTO RIGUARDA LA REGOLAMENTAZIONE DI AMBITI E SPAZI PER I RLS, RISPETTO A QUELLO DEL 1997, SUPERATO NEI FATTI, SIA NELL ELABORAZIONE DI LINEE E PROPOSTE SU TUTTA LA MATERIA DELLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO. E LO STESSO SPIRITO CON IL QUALE CI SIAMO APPROCCIATI AL RINNOVO DEL CCNLA CUI PIATTAFORMA SARÀ PRONTA NEI PROSSIMI GIORNI. SIAMO INTERVENUTI SULLA STRUTTURA DEL CCNL ATTUALMENTE IN VIGORE CON UN IMPOSTAZIONE NUOVA ANDANDO A MODIFICARE IL CAPITOLO 8, VALORIZZANDO LA MATERIA RELATIVA ALLE POLITICHE SOCIALI E SALUTE E SICUREZZA SUDDIVIDENDOLO IN DUE SUB CAPITOLI: NEL PRIMO VENGONO RIORDINATE TUTTE LE MATERIE RIFERITE AI TEMI DELLA SALUTE E SICUREZZA; NEL SECONDO VENGONO ORDINATE

18 SPECIFICAMENTE LE MATERIE VOLTE ALLE POLITICHE SOCIALI E AL WALFARE. E STATA RIDEFINITA IN MODO AMPIO LA PREMESSA, DOVE VENGONO MESSE A FUOCO IN MODO INCISIVO ALCUNE PRIORITÀ SIGNIFICATIVE QUALI: BENESSERE ORGANIZZATIVO, RISCHI PSICO SOCIALI, RISCHI COLLEGATI ALLO STRESS CORRELATO AL LAVORO, DIFFERENZE DI GENERE E DISABILITÀ E LORO COLLOCAZIONE APPROPRIATA NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI: MOBBING, MOLESTIE, COMPORTAMENTI VESSATORI.

19 IN PARTICOLARE E STATO RIBADITO CHE LE PARTI INDIVIDUANO COME VALORI CONDIVISI LA TUTELA DELLA SALUTE, DELLA SICUREZZA E DELLA DIGNITA DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO, IL RISPETTO DELL AMBIENTE E CONCORDANO SULLA NECESSITA DI CONSOLIDARE E DIFFONDERE COMPORTAMENTI E PRASSI OPERATIVE CONSAPEVOLI E COERENTI, CON UN ATTENZIONE E UN APPROCCIO GLOBALE AI FATTORI DI RISCHIO, VOLTE A GARANTIRE CONDIZIONI DI BENESSERE LAVORATIVO, NELL AMBITO DELLE RELATIVE NORME DI LEGGE E CONTRATTUALI. E STATO INOLTRE RIVISTO IL CAPITOLO SUI VIDEOTERMINALI. VIENE AMPLIATO IL COINVOLGIMENTO DELLA FIGURA DEL RLS ATTRAVERSO LA PREVISIONE DI MOMENTI DELLA LORO CONSULTAZIONE- PARTECIPAZIONE IN RIFERIMENTO AD ALCUNI

20 CAPITOLI CONTRATTUALI, IN MODO DA COSTRUIRE IL PERCORSO PER UNA VALUTAZIONE DEI RISCHI DINAMICA ED IN COSTANTE AGGIORNAMENTO ANCHE IN CONSIDERAZIONE DELLA CONTINUA MOBILITÀ, ORGANIZZATIVA E SPAZIALE, DEL MONDO BANCARIO. IN PARTICOLARE GLI ART. 10, 15, 17, 21 VENGONO INTEGRATI DALLA RICHIESTA DI UNA PROCEDURA, SOPRATTUTTO INFORMATIVA, CHE VEDA IL COINVOLGIMENTO DI RLS COME PREVISTO DAL D.LGS 81/08. PARTICOLARE ATTENZIONE VIENE DATA AL TEMA DELLE RISTRUTTURAZIONI,DEI TRASFERIMENTI D AZIENDA, DEL CONFRONTO A LIVELLO DI GRUPPO E DEGLI APPALTI.

21 LA TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA SUL POSTO DI LAVORO DEVE DIVENTARE NEI FATTI UN OBIETTIVO D IMPRESA, COSI COME DEVE ESSERE UN ELEMENTO IMPORTANTE SUL QUALE MISURARE LA SCELTA AZIENDALE DI ASSUMERE LA RESPONSABILITÀ SOCIALE E LA SOSTENIBILITÀ COME PARTE INTEGRANTE DELLE SUE POLITICHE E COME CARTINA DI TORNASOLE FRA LE AFFERMAZIONI CHE LE AZIENDE E L ABI ESPRIMONO E LA PRATICA QUOTIDIANA. SPESSO IL SINDACATO E STATO INDICATO COME ELEMENTO DI CONSERVAZIONE CONTRO LA MODERNITÀ. ANDANDO OLTRE IL CONCETTO DI STRUMENTALITÀ CHE QUESTA AFFERMAZIONE CONTIENE, NOI PROPONIAMO ALLE AZIENDE UN MODELLO DI IMPRESA MODERNA E ACCOGLIENTE, DOVE IL TEMPO DI LAVORO SIA UN TEMPO VISSUTO BENE E PARTE

22 IMPORTANTE E POSITIVA DELLA PROPRIA GIORNATA, PERCHE SE LE LAVORATRICI E I LAVORATORI VIVONO CON AGIO LA PROPRIA SITUAZIONE LAVORATIVA ANCHE LA QUALITÀ DEL LAVORO NE POTRA TRARRE VANTAGGI. SAPPIAMO CHE NEL PANORAMA NAZIONALE ALCUNE AZIENDE DEL NOSTRO SETTORE INSIEME AL SINDACATO, STANNO SPERIMENTANDO BUONE PRASSI, DANDO VALORE ALLE DIVERSITÀ CHE SONO QUELLE DI GENERE MA NON SOLO, CERCANDO DI AGIRE SU ORARI DI LAVORO CON POLITICHE DI CONCILIAZIONE, CERCANDO OPPORTUNITÀ PER DIPENDENTI E AZIENDE, FAVORENDO STRADE DIVERSE DA QUELLE FINORA GESTITE CON ECCESSIVE RIGIDITA. IN QUESTA PROSPETTIVA ANCHE IL CLIMA AZIENDALE COMPLESSIVO NE GUADAGNERÀ. NON E UNA POLITICA CONTRO QUELLA CHE PROPONIAMO MA UNA POLITICA PER. DA

23 CONDIVIDERE CON LE AZIENDE NELL INTERESSE DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI. SAPPIAMO ANCHE CHE NUOVE INSICUREZZE SONO SORTE IN QUESTI ANNI; SIAMO CONSAPEVOLI CHE LE MIGLIIAIA DI GIOVANI CHE SONO IN AZIENDA CON CONTRATTI PRECARI NON VIVONO CERTAMENTE IN UN CLIMA DI TRANQUILLITÀ, SI È STA CREANDO UNA SORTE DI SEPARATEZZA FRA COLORO CHE HANNO LA SICUREZZA DEL POSTO DI LAVORO E COLORO CHE INVECE NON C E L HANNO. OLTRE LA METÀ DELLE NUOVE ASSUNZIONI AVVIENE A TEMPO NON INDETERMINATO, SPESSO CON CONTRATTI A SCADENZA CHE VENGONO PIÙ VOLTE CAMBIATI DI TIPOLOGIA E COSÌ SI VA AVANTI PER ANNI. E QUALI SONO I PROGETTI PROFESSIONALI PREVISTI PER QUESTI GIOVANI? QUALI PROGETTI DI VITA? SAPPIAMO CHE IL SINDACATO È IMPEGNATO COSTANTEMENTE PER LA

24 STABLIZZAZIONE DI QUESTE LAVORATRICI E LAVORATORI MA SPESSO PASSANO ANNI PRIMA CHE CIÒ AVVENGA. E DAVVERO UTILE QUESTO SISTEMA PER LE AZIENDE? VERAMENTE È MOTIVANTE PER LE RAGAZZE ED I RAGAZZI CHE COSI LAVORANO? NOI PENSIAMO DI NO E SUGGERIAMO ALTRE STRADE CHE VADANO AL DI LÀ DEL MERO RISPARMIO A BREVE TERMIN; RITENIAMO INVECE NECESSARIO INVESTIRE SU DI LORO E DARE A QUESTA NUOVA GENERAZIONE LA POSSIBILITÀ DA SUBITO DI SENTIRSI PARTE INTEGRANTE DI UN AMBITO COLLETTIVO NEL QUALE DEVONO ESSERE ACCOLTI E VALORIZZATI. L INSICUREZZA E UN ALTO ELEMENTO DI STRESS. COSI COME E ALTAMENTE STRESSANTE LAVORARE IN UN AGENZIA E SAPERE CHE POTREBBE TOCCARE PROPRIO A TE ESSERE RAPINATO DA UN DELINQUENTE O DA UN SEMPLICE BALORDO. FORSE NON TI SUCCEDERÀ

25 MA LA POTENZIALITA DI QUESTO AVVENIMENTO FA PARTE DELLA TUA VITA. LA SICUREZZA DA QUESTO PUNTO DI VISTA È ANCORA ARGOMENTO SPINOSO. SE È VERO CHE LE RAPINE STANNO DIMINUENDO COME CI DIRÀ UGO BALZAMETTI NEL SUO INTERVENTO, È PUR VERO CHE IN ITALIA LE TENTATE RAPINE E QUELLE EFFETTUATE SONO LE PIÙ NUMEROSE D EUROPA. EPPURE IL SISTEMA BANCARIO SPENDE CIFRE RAGGUARDEVOLI PER LA SICUREZZA ANTIRAPINA. ALLORA OCCORE ANDARE PIU A FONDO, PER CAPIRE QUALI SONO GLI ELEMENTI DI INTERVENTO DA RETTIFICARE E COME AGIRE CONGIUNTAMENTE A TUTTI I LIVELLI PER RIDURRE IN MODO ESSENZIALE QUESTO PERICOLOSO FENOMENO CRIMINALE. ABBIAMO AVUTO MOMENTI DI SCONTRO CON ABI SU QUESTA MATERIA CHE SONO ANDATI AVANTI PER MOLTO TEMPO. FINALMENTE,

26 GRAZIE AL PROFICUO LAVORO SVOLTO FRA LE PARTI SOCIALI E LA CONFERENZA STATO REGIONI, SONO STATE PRODOTTE LE LINEE D INDIRIZZO PER PREVENIRE E RIDURRE I DANNI FISICI E PSICOFISICI DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI BANCARI CORRELATI ALLE RAPINE. MA DI QUESTO SI PARLERÀ APPROFONDITAMENTE NELLE SUCCESSIVE RELAZIONI. IL PANORAMA DEI NOSTRI SETTORI CI PRESENTA ALTRI ELEMENTI DI CRITICITÀ IN CONTINUA CRESCITA. ABBIAMO DETTO CHE IN QUESTI ANNI L UTILIZZO DI CALL CENTER, DI BANCHE TELEFONICHE E DEL WEB E AUMENTATO IN MODO ESPONENZIALE. SAPPIAMO CHE IL RICORSO A QUESTI STRUMENTI AUMENTERA ANCORA A SPESE DI MODALITÀ PIU TRADIZIONALI DI LAVORO.

27 I CALL CENTER GIÀ OGGI PER TIPOLOGIA DI ATTIVITA, PER ORARI, PER CONDIZIONI CONTRATTUALI, IN SPECIE NEL SETTORE ASSICURATIVO, VIVONO MAGGIORI PROBLEMI DI ALTRE SITUAZIONI LAVORATIVE. L UTILIZZO DI VIDEO, CUFFIE ECC, AMBIENTI SPESSO RUMOROSI, TEMPI MOLTO RIGIDI CREANO SITUAZIONI DI ALTO DISAGIO. LA FISAC HA INDAGATO IN QUESTI ULTIMI DUE ANNI LE CONDIZIONI DI LAVORO DEI CALL CENTER A LIVELLO NAZIONALE, SOMMINISTRANDO OLTRE 2500 QUESTIONARI, ELABORATI CON ESPERTI DI DIVERSE DISCIPLINE. QUEST0 LAVORO IN QUESTI GIORNI VEDRÀ LA CONCLUSIONE. E LA PRIMA INDAGINE SVOLTA ESCLUSIVAMENTE NEI NOSTRI SETTORI. I RISULTATI APPAIONO ESTREMAMENTE SIGNIFICATIVI A GIUDICARE DAI RISCONTRI CHE ABBIAMO AD OGGI. I RISULTATI FINALI LI

28 METTEREMO A DISPOSIZIONE DI TUTTI E CHIAMEREMO LE AZIENDE E L ABI AD UN CONFRONTO SU DI ESSI. ABBIAMO AFFERMATO CON FORZA L IMPORTANZA DELL ORGANZZAZIONE DEL LAVORO E DEL CLIMA AZIENDALE. ABBIAMO VOLUTO INDAGARE QUESTE REALTA LAVORATIVE PER OTTENERE UN RISULTATO SERIO E ATTENDIBILE DALPUNTO DI VISTA STATISTICO E SCIENTIFICO. HANNO LAVORATO CON NOI MOLTI RLS; INSIEME ABBIAMO ANALIZZATO I QUESTIONARI, LI ABBIAMO SEMPLIFICATI O ARRICCHITI CON LA LORO ESPERIENZA CONCRETA. I DATI CHE AVREMO SARANNO AGGREGATI A LIVELLO COMPLESSIVO MA SARANNO ANCHE DISAGGREGATI ANCHE PER TERRITORIO, PER AZIENDA PER GENERE, AFFINCHÈ OGNI STRUTTURA, OGNI RSA POSSA UTILIZZARLI AL MEGLIO NEL RAPPORTO CON LE LAVORATRICI E

29 LAVORATORI E NEI CONFRONTI DELLE E AZIENDE. AVREMO UNO SPACCATO INTERESSANTE SIA PERCHÉ L INDAGINE RIGUARDA TUTTI I NOSTRI SETTORI, CREDITO, ASSICURAZIONI, RISCOSSIONE, PARA BANCARIO, SIA PERCHÉ L ETÀ DI QUESTE LAVORATRICI E LAVORATORI È MEDIAMENTE PIU BASSA E SI TRATTA SI OCCUPAZIONE PREVALENTEMENTE FEMMINILE. LE COSE DETTE FINORA RAPPRESENTANO ALCUNI DEI TEMI CHE TRATTEREMO IN QUESTE DUE GIORNATE DI LAVORO. AFFRONTEREMO LE DIVERSE PROBLEMATICHE PER APPROFONDIRE E RENDERE OMOGEEE LE NOSTRE CONOSCENZE, PER AVERE UN METODO DI LAVORO ARTICOLATO SUI TERRITORI MA CON UN A ELABORAZIONE NAZIONALE A DIASPOSIZIONE DI TUTTE LE STRUTTURE E DALLE STRUTTURE E DAI TERRITORI DOVRANNO VENIRE STIMOLI E ARRICCHIMENTI. PIU SI È VICINI AI LUOGHI E

30 ALLE PERSONE PIÙ EFFICACE È IL NOSTRO INTERVENTO, LAVOREREMO INSIEME ALLE COLLEGHE E COLLEGHI DELLE ALTRE OOSS DEL NOSTRO SETTORE. SI È PARLATO NEGLI ANNI SCORSI DELLA SOLITUDINE DEI RLS O COMUNQUE DELLE FIGURE CHE PIÙ SPECIFICAMENTE SI OCCUPANO DI SALUTE E SICUREZZA. SIAMO IN UNA FASE DIVERSA PER CONSAPEVOLEZZA DIFFUSA, PER COMPETENZE CRESCIUTE PER VOGLIA DI AGIRE. GARANTIRE DIGNITÀ AL LAVORO, IL RISPETTO DELLE PERSONE, LA NECESSITÀ DI RIPORTARE I LORO BISOGNI AL CENTRO DELLO SCENARIO COLLETTIVO CI IMPONGONO UNO SFORZO E UN IMPEGNO COSTANTE ED EFFICACE. E LA FISAC OGGI CHE QUI SI ASSUME LA RESPONSABILITÀ DI PORTARE AVANTI UNA FORTE CAMPAGNA SU QUESTI TERRENI, FRA LE LAVORATRICI ED I LAVORATORI, ISCRITTE E GLI

31 ISCRITTI, FRA LE RSA E RLS E FRA TUTTI COLORO CHE HANNO IL COMPITO DI CONTRATTARE NELLE AZIENDE. CI SAREMO COLLETTIVAMENTE, CON IDEE E SPIRITO COSTRUTTIVO E UNITARIO. OCCORRE ASSUMERE INSIEME ALLE ALTRE ORGANIZZAZIONI SINDACALI UN FORTE IMPEGNO PER ARRIVARE ALLA GENERALIZZAZIONE DELL ELEZIONE DEI RLS NEI NOSTRI SETTORI. LE DIFFICOLTÀ CHE A VOLTE SI CREANO FRA LE OOSS NELL ARRIVARE AD ACCORDI IN AZIENDA, NON POSSONO ESSERE UN ALIBI NE PER NOI NE PER LE AZIENDE. OGGI SIAMO QUI A RIBADIRE QUESTO NOSTRO IMPEGNO E LAVOREREMO IN QUESTA DIREZIONE.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

CONDIVIDE E PARTECIPA

CONDIVIDE E PARTECIPA il 13 OTTOBRE 2007 - inform@ su: Delibera della Direzione Nazionale il S.I.A.P. privilegia il confronto interno Dal Governo Consiglio dei Ministri nr. 69 Decreto di razionalizzazione dell assetto organizzativo

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

CCNL Mobilità/Area AF 20.7.2012. CCNL della Mobilità/ Area contrattuale Attività Ferroviarie del 20 luglio 2012

CCNL Mobilità/Area AF 20.7.2012. CCNL della Mobilità/ Area contrattuale Attività Ferroviarie del 20 luglio 2012 CCNL della Mobilità/ Area contrattuale Attività Ferroviarie del 20 luglio 2012 di rinnovo del CCNL delle Attività Ferroviarie del 16 aprile 2003 1 PREMESSA (Nuovo CCNL della Mobilità) Le parti, visto il

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo?

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo? PREMESSA Cos è il benessere organizzativo? Negli ultimi anni la P.A. ha preso in considerazione, almeno in teoria, la dimensione del benessere organizzativo dei propri dipendenti, in quanto il miglioramento

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o Gli Indicatori di Processo Come orientare un azienda al miglioramento continuo Formazione 18 Novembre 2008 UN CIRCOLO VIRTUOSO Miglioramento continuo del sistema di gestione per la qualità Clienti Gestione

Dettagli

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE GIOSUÈ CARDUCCI LICEO CLASSICO, SCIENTIFICO, SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO V.le Trento e Trieste n 26-56048 - Volterra (PI) - tel. 0588 86055 - fax 0588 90203 ISTITUTO STATALE

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa

I social protection floors per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Conferenza Internazionale del Lavoro 101^ Sessione 2012 IV Rapporto (2B) I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Quarto punto dell'agenda Ufficio Internazionale

Dettagli

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA 1 LE SOCIETÀ UMANE E IL BENE COMUNE Ciascuna persona partecipa a più società umane di varia natura: famiglie, Stato, istituti pubblici

Dettagli

Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas

Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas Con questo termine si identifica lo spazio pubblico, diverso dallo Stato, creato all interno dei café francesi dell

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana Equivale a livello regionale al Parlamento nazionale E composto da 65 consiglieri Svolge il compito di valutare /

Dettagli

Contribuite anche voi al nostro successo.

Contribuite anche voi al nostro successo. Entusiasmo da condividere. Contribuite anche voi al nostro successo. 1 Premi Nel 2009 e nel 2012, PostFinance è stata insignita del marchio «Friendly Work Space» per la sua sistematica gestione della salute.

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 A seguito delle riunioni con le strutture regionali, sono state approfondite le tematiche relative al rinnovo

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

DOMANDA 1.1 * Nella tua vita professionale ti é capitato di essere incolpato/a di errori o malfunzionamenti di strumenti senza motivo?

DOMANDA 1.1 * Nella tua vita professionale ti é capitato di essere incolpato/a di errori o malfunzionamenti di strumenti senza motivo? QUESTIONARIO CUG *Campo obbligatorio INFORMAZIONI ANAGRAFICHE GENERE * MASCHIO FEMMINA CATEGORIA DI INQUADRAMENTO * RELAZIONE E ORGANIZZAZIONE DOMANDA 1.1 * Nella tua vita professionale ti é capitato di

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione?

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione? 1. Anagrafica 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? Cooperativa Sociale Comune Consorzio Sociale ASL Azienda Servizi alla persona Organizzazione di volontariato Azienda Speciale Comunità

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

La valutazione e gestione dello stress lavoro-correlato

La valutazione e gestione dello stress lavoro-correlato La valutazione e gestione dello stress lavoro-correlato Maggio 2010 PREFAZIONE Al fine di contribuire ad un adeguata gestione dei rischi psicosociali, negli ultimi anni l ISPESL ha adottato una strategia

Dettagli