RSU : IN VENETO SLP CISL VINCE CON IL 52,79%.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RSU : IN VENETO SLP CISL VINCE CON IL 52,79%."

Transcript

1 Quindicinale Aut. Tribunale di VE n.1370 del Sped. in A.P. - art. 2 comma 20/c-L.662/96-DCI/VE Dir. Fabio Colombo Dir. Resp. Clara Grossi Poste Domani VENETO Anno 8 n. 5 - dicembre 2008 RSU : IN VENETO SLP CISL VINCE CON IL 52,79%. SOMMARIO 1 ELEZIONI RSU/RLS Poste Italiane riorganizzazione continua 3 Progetto Filiali Pianificazione e controllo 4 Competence Center 5 Palmari ai portalettere 6 Pressioni commerciali di fine anno 7 Organismo Paritetico Regionale SLP CISL ha superato il 50% dei voti a livello nazionale sfiorando, in Veneto, il 53% dei consensi. Un balzo in avanti di 9 punti rispetto alla tornata del 2003 dove aveva raggiunto il 44%. Significa che 87 rappresentanti (il 40% donne) su 171 eletti. I Circa lavoratori di Poste Italiane (al 60% donne) occupati in Veneto negli Uffici Postali, presso il Call Center, nel Cuas e nei 3 CMP ( i Centri di smistamento operanti a Padova, Venezia e Verona) hanno assegnato alla Cisl la vittoria elettorale in tutte le province e collocato le altre sigle sindacali al seguito con 54 eletti alla Cgil, 16 al Sailp, 8 alla Failp e 5 ai Cobas. Lo slogan della nostra lista per cambiare, perché così non va - spiega Fabio Colombo segretario generale Slp Cisl Veneto - ha sintetizzato il nostro programma ma più ancora il sentire e le attese della maggioranza dei lavoratori di Poste Italiane. Da oltre 10 mesi infatti il management di quella che è la più grande azienda italiana (SPA con circa dipendenti) lavora per dividere il sindacato ed e- marginare la Cisl, seppure primo sindacato da 40 anni. Una strategia, a cui ci siamo subito opposti, per cui si è tentato da parte della Direzione Aziendale di aprire tavoli negoziali separati, con la Cisl su uno e Cgil ed autonomi sull altro. Ne sono usciti degli accordi aziendali al ribasso, sottoscritti da Cgil Uil e Sailp, come quello sugli organici degli uffici postali. Stessa cosa per il premio di produttività trattativa conclusa con un accordo separato, senza la nostra firma, dove si è spacciato per aumento un semplice anticipo della retribuzione dovuta per il Ora questo management sa - conclude Colombo - che il sindacato che rappresenta i lavoratori, con maggioranza assoluta di voti e di delegati, è la Cisl. Abbiamo vinto - aggiunge Franca Porto, segretaria generale Cisl Veneto - non con i richiami ideologici, ma sostenendo con forza e perseveranza la necessità di una vera contrattazione sindacale in questa azienda che, seppure privata da anni, continua a mantenere atteggiamenti statalistici. Ci siamo confermati come il sindacato della contrattazione vera, concreta, e se serve anche dura. Ed è di questo sindacato che hanno bisogno i lavoratori di Poste Italiane, una società che ha avuto in pochi anni repentini e profondi cambiamenti sull organizzazione del lavoro, sui rapporti con il personale, sulle professionalità. Cambiamenti che non sono COBAS 2,80% ELEZIONI RSU/RLS 2008 FAILP 4,67% SLC-CGIL 30,18% SAILP 9,56% SLP-CISL 52,79% finiti e che richiedono una grande attività di tutela da parte del sindacato. Per questo il caso RSU Poste Italiane, oltre a rappresentare un indubbio momento di orgoglio per tutta la nostra organizzazione è anche un interessante esperienza di strategia Cisl in una grande a- zienda privata da cui attingere idee e pratiche.

2 Poste Domani VENETO Anno 8 n. 5 - dicembre 2008 Pagina 2 POSTE ITALIANE LA RIORGANIZZAZIONE CONTINUA Sono molti progetti di riorganizzazione presentati dall Azienda, che non convincono a pieno il nostro Sindacato. Necessario un confronto più approfondito per la valorizzazione del territorio e delle professionalità. Nell incontro del 25 novembre tra Azienda ed Organizzazioni Sindacali sono state molte le questioni affrontate. Dagli orari degli Uffici postali al Progetto di riduzione delle Filiali, dai Competence Center alla riorganizzazione del Servizio P.C.G. (Pianificazione Controllo di Gestione), ecco un quadro di sintesi per ciascuno dei temi al momento prioritari per la riorganizzazione aziendale e il futuro dei nostri lavoratori. Orari Uffici Postali e organizzazione del Lavoro Migliorare l erogazione del servizio attraverso standard che garantiscono omogeneità sul territorio e valorizzino gli strumenti di flessibilità previsti dal CCNL: questo l obiettivo al quale l Azienda intende pervenire, intervenendo sul territorio e sull organizzazione degli Uffici Postali. L intenzione ormai nota dell Azienda è sfruttare appieno la flessibilità, sia negli orari di apertura al pubblico, sia nell applicazione del personale degli Uffici Postali. E un tentativo non tiene conto della cronica carenza di addetti alla Sportelleria, ed è su questo punto che SLP-CISL ha espresso le maggiori perplessità. Per il senso di responsabilità affidato dai lavoratori al nostro Sindacato, SLP-CISL ha richiesto un confronto preventivo sugli organici di ogni territorio, non per sottrarsi al merito della discussione, ma per fondarne la prosecuzione a partire dalle effettive condizioni degli Uffici Postali, ridefinendo gli strumenti di intervento a partire dallo stato reale delle risorse disponibili. La questione è stata sostenuta anche dalle altre Organizzazione Sindacali firmatarie dell accordo dello scorso giugno sul CDMA e sulle Zone di Servizio Minori, che hanno denunciato la mancata realizzazione degli impegni assunti dall Azienda in merito agli organici.

3 Poste Domani VENETO Anno 8 n. 5 - dicembre 2008 Pagina 3 PROGETTO FILIALI La razionalizzazione delle Filiali da 140 a 115. Il progetto presentato dall Azienda varia rispetto al precedente rispetto alla tempistica delle fasi di implementazione sul territorio. Tre le fasi in cui si articolerebbe la pianificazione degli accorpamenti per le 15 Filiali interessate: GENNAIO - LUGLIO 2009 Entro dicembre 2009 Dal 1 g ennaio 2010 Bassano del Grappa, Tolmezzo, Ivrea, San Remo, Fermo, Foligno, Viareggio, Locri, Empoli Alessandria 2, Alba, Bergamo 2, Catania 2, Legnago, Busto Arsizio, castrovillari Genova 2, Bologna2, Messina2, Firenze2, Palermo2, Caserta2, Brescia2, Sala Consilina2, Pinerolo SLP-CISL ritiene che il progetto aziendale abbia come effetto l indebolimento del presidio di Poste Italiane sul territorio, all opposto delle esigenze da noi ritenute fondamentali per il rilancio della nostra Azienda. Tale intervento non creerebbe maggiore efficienza operativa, al contrario, determinerebbe innanzitutto disagio ed incertezza sulla ricollocazione del personale. Progetto ancora da rivedere dunque, secondo la valutazione del nostro Sindacato, in attesa che venga completato il progetto generale Deleghe al Territorio, alla cui presentazione sarà possibile esprimere una valutazione complessiva sulla questione. Pianificazione Controllo di Gestione di Filiale (PGC) Il progetto di riorganizzazione del PCG di Filiale si propone di far evolvere le funzioni territoriali verso un ruolo maggiormente in linea con le funzioni di business. In particolare, le attività di PCG verrebbero ricondotte a livello di macro-ambiti, accentrando i razionali e introducendo un nuovo sistema informatico. In questo modo le attuali 140 sedi la funzione sarebbe attribuita a 35, con un sostanziale e forte abbattimento delle unità applicate. Di nuovo, l obiettivo che si intuisce è sempre lo stesso: ridurre ulteriormente il personale, attraverso discutibili fasi di riorganizzazione. SLP-CISL si è riservata di esplicitare le proprie osservazioni in merito a quanto presentato, una volta esaminati con attenzione i dettagli dell intero progetto.

4 Poste Domani VENETO Anno 8 n. 5 - dicembre 2008 Pagina 4 Progetto Competence Center Nel precedente incontro sul progetto Competence Center, le Organizzazioni Sindacali avevano mosso numerose osservazioni in merito. In questa sede, l Azienda ha tenuto a precisare di aver voluto valorizzare quanto precedentemente indicato dalla parte sindacale, in particolare rispetto alla gradualità di implementazione del progetto, alla sua sperimentazione e al numero complessivo delle sedi interessate. Di fatti, sono apprezzabili le novità presentate da Poste Italiane in merito ai tempi di implementazione e rispetto alla riduzione del numero delle sedi interessate dalla chiusura, sottraendo cinque sedi (Brescia, Padova, Novara, Sanremo e Catania) all elenco di quelle precedentemente considerate. In realtà, al di là di questi due interventi correttivi, null altro è variato. Resta ferma la posizione dell SLP-CISL nel ribadire la disponibilità a raggiungere un accordo solo dopo una fase di sperimentazione che applichi la trasformazione ad alcuni centri, in modo da aver occasione di verificare gli effetti che si determinerebbero a livello nazionale. E solo così che si potrà siglare un accordo per rendere operativo il progetto. Di conseguenza così l Azienda ha proposto un verbale di accordo in cui si parla di una verifica sperimentale e non, quindi, di una sperimentazione preliminare alla definizione di un accordo. Inaccettabile, per il nostro Sindacato, sottoscrivere quanto proposto. Si resta dunque in attesa di una nuova proposta aziendale da cui si definiranno i successivi sviluppi della trattativa. Nuovo orario portalettere A fronte degli inutili cambiamenti organizzativi degli ultimi anni, SLP continua a denunciare l'incapacità dell Azienda di attuare riorganizzazioni indirizzate all'aumento della produttività, alla soddisfazione del cliente al recupero dei servizi soprattutto nel settore del recapito dove si continua a perdere clienti e posta pregiata. Poste Italiane invece di correre ai ripari, dichiara che il vero problema non è l'incapacità organizzativa ma la scarsa produttività del personale del recapito che deve posticipare l'orario di lavoro per non rimanere i- noperoso negli uffici in attesa della corrispondenza da recapitare. Abbiamo già detto al tavolo regionale che stavamo trattando un falso problema, che si sconvolgeva la vita delle persone senza alcun risultato che i problemi veri erano i mezzi di lavoro, la mancanza di regole, la perequazione delle zone,ecc Abbiamo anche denunciato che si sarebbe creato un grosso problema al sabato per il diverso orario degli agenti di recapito e degli uffici postali e ci era stata garantita una soluzione tempestiva almeno a questo problema. Oggi, a sperimentazione in corso, denunciamo che le assicurazioni avute a quel tavolo sono state disattese: il nuovo orario posticipato è partito in via sperimentale, ma fino ad oggi non c'è stata alcuna soluzione se non obbligare i quadri a rimanere in ufficio oltre il proprio orario o lasciare i portalettere inoperosi. Non possiamo accettare né la mancanza di disposizione per i portalettere né le pressioni sui direttori degli uffici, pertanto inviteremo i direttori a non fermarsi in ufficio oltre il loro orario e a sperimentazione conclusa, attueremo tutte le azioni previste a tutela del personale.

5 Poste Domani VENETO Anno 8 n. 5 - dicembre 2008 Pagina 5 Terminali ai portalettere Al via l estensione del progetto Si estende l uso dei palmari ai portalettere, già testati in via sperimentale. Pur in mancanza di un accordo siglato sul progetto, inizia il percorso che porterà i terminali elettronici ai portalettere di tutta Italia. Chiusa la fase sperimentazione, effettuata nei Centri di Distribuzione, è proseguito per tutto il mese di novembre il confronto sull estensione dell uso di palmari elettronici ai portalettere su tutto il territorio nazionale. In fase di test, i terminali, affidati ai circa cinquecento portalettere, hanno consentito di accelerare i i processi di gestione della posta registrata (ovvero raccolta raccomandate, assicurate e atti giudiziari) e di scansione dei codici di identificazione di quella non registrata. Sul tavolo della trattativa, due le garanzie richieste da SLP-CISL a tutela dei lavoratori: evitare che lo strumento possa essere utilizzato per controllare a distanza l attività dei portalettere e garantire l assenza dei rischi per la salute in conseguenza dell esposizione prolungata ai campi e- lettromagnetici emessi al terminale. Due questioni decisive su cui l Azienda ha dati risposte soddisfacenti, ritenute tali da tutte le Organizzazioni Sindacali presenti alla trattativa. Dopo una dettagliata analisi sulle sperimentazioni in atto, si è delineato un percorso condiviso di implementazione, attraverso cui arrivare ad estendere il progetto in tutta Italia e dotare di palmari tutti gli addetti al recapito. Nei primi mesi del 2009, il progetto Terminali ai Portalettere verrà esteso a tutti i capoluoghi di Provincia, in particolare in quelle realtà dove l adozione del palmare risulta più strategica per esigenze di business aziendale. In totale, verranno coinvolti circa dodicimila portalettere. POSTE: NUOVE REGOLE PER IL SERVIZIO Due nuovi decreti dal Ministero dello Sviluppo Economico per il settore postale: nuove regole per il servizio universale e per l accesso agli Uffici Postali. Il ministero dello sviluppo Economico ha emanato due importanti Decreti riguardanti il settore postale, entrambi pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale nel mese di ottobre. Nel primo, sono contenute le condizioni generali per l espletamento del servizio postale universale. Si individuano i servizi che rientrano nella tipologia e si indicano le condizioni economiche e di accesso ai servizi di corrispondenza. Per il settore del Recapito, il Decreto fissa norme precise per le cassette domiciliari, dovranno essere accessibili ai portalettere ed installate dal destinatario a proprie spese. Inoltre, il provvedimento stabilisce anche il termine di giacenza e i soggetti abilitati al ritiro degli invii. Il secondo Decreto riguarda invece i criteri di distribuzione dei punti di accesso alla rete postale pubblica. L art.1 individua quali punti di accesso tutti gli Uffici Postali e le cassette postali: nello specifico, il Decreto fissa i criteri di distribuzione degli Uffici Postali, sia in termini di distanza dal luogo di residenza, sia al fine di assicurare un Ufficio nel 96% dei Comuni italiani. Riferito a Poste Italiane, in quanto fornitore del servizio universale, ciò determina l impossibilità di sopprimere Uffici Postali nei comuni con un unico presidio postale, garantendo in tali uffici un apertura non inferiore a tre giorni e a diciotto ore settimanali.

6 Poste Domani VENETO Anno 8 n. 5 - dicembre 2008 Pagina 6 Ultimissime dalla Segreteria regionale PRESSIONI COMMERCIALI DI FINE ANNO Questa la lettera inviata all azienda: Il 2008, come ormai ogni anno, si chiude con il consueto insostenibile carico di stress caricato sulle spalle dell'ultimo anello del servizio commerciale di questa azienda: l'ufficio postale ed in particolare il suo DUP cui viene stravolta all'ultimo momento l'obiettivo commerciale vanificando la programmazione di mesi. Anche quest'anno assistiamo infatti ai soliti incredibili ed inverosimili cambiamenti commerciali: ovviamente aumentano i ricavi richiesti agli uffici e diminuiscono i risultati fatti con buona pace delle linee guida del Codice Etico a cui devono essere improntati i comportamenti nelle relazioni interne e nei rapporti con tutti gli stakeholder. Addirittura viene chiesto ai DUP di non pagare i buoni (anche quelli scaduti)! E' arrivato il tempo che l'azienda, e quindi i responsabili regionali e nazionali, si renda conto che le condizioni dei cittadini sono cambiate e la tempesta finanziaria li ha resi diffidenti e molto cauti nelle scelte d'investimento creando maggiori difficoltà. L'Azienda risolve ogni problema aumentando le pressioni sugli addetti alle attività commerciali ma SLP respinge con forza questo tipo di pressione, fatta indiscriminatamente su tutti i DUP, e ricorda che costoro non possono essere le uniche vittime sacrificali di questa frenesia aziendale. Se i risultati non saranno quelli auspicati, diffidiamo l'azienda dal ritenere responsabili i soli dipendenti ed auspichiamo una diversa politica del settore fatta di maggiore coinvolgimento agli obiettivi e partecipazione degli addetti e da una seria e trasparente politica meritocratica. CARTA SERVIZI: POSITIVO ACQUISIRE IL SERVI- ZIO, CARENTE L ORGANIZZAZIONE E LA FOR- MAZIONE Questa la lettera inviata all azienda: Facendo seguito alla comunicazione di ieri che evidenziava le troppe criticità connesse al servizio Carta Acquisti, vorremmo che l Azienda responsabilmente,seppur tardivamente, assumesse alcune decisioni che potrebbero agevolare i colleghi negli uffici postali. Sarebbe opportuno disporre, ad esempio, la chiusura anticipata degli uffici per consentire lo svolgimento del corso relativo al servizio o già da oggi consentirne la fruizione con pagamento di straordinario. Tale corso, peraltro insufficiente, non è stato fatto da molti sportellisti a causa del caos organizzativo aziendale che mentre inserisce nuovi servizi e dispone i relativi corsi, manda in ferie d ufficio il personale già normalmente insufficiente ad affrontare momenti di criticità, ma si sa l obiettivo aziendale va oltre ogni buon senso! Le disposizioni inviate agli uffici segnalano un numero gratuito dell INPS che verrà sicuramente preso d assalto da tutta l Italia e non potrà quindi supportare gli uffici in modo adeguato. Sarebbe il caso di predisporre una task force nelle filiali in grado di risolvere le problematiche che emergeranno intasando i pagamenti pensioni ed aumentando la criticità dei tempi di attesa nei primi giorni del mese, tanto accuratamente monitorata dall azienda. In questo modo aumenterebbe l efficienza del servizio e per una volta gli sportellisti e tutto il front end si sentirebbero sostenuti dalla dirigenza aziendale e non dovrebbero, come sempre, farsi carico di tutte le problematiche.

7 Poste Domani VENETO Anno 8 n. 5 - dicembre 2008 Pagina 7 ORGANISMO PARITETICO REGIONALE DICEMBRE 2008 Il nuovo decreto legislativo 81/08 impone una serie di novità nelle modalità di valutazione del rischio dei processi di lavoro. Quando avvengono significativi cambiamenti la legge impone che vengano consultati gli RLS e che le loro osservazioni vengano esaminate e sintetizzate nell organismo paritetico regionale previsto dalla legge stessa composto da parte aziendale e parte sindacale. Tutti gli RLS hanno evidenziato che i cambiamenti proposti dall azienda in materia di valutazione del rischio nei vari settori aziendali non recepivano pienamente le indicazioni dell articolo 28 del decreto che impone di valutare tutti i rischi, ivi compresi quelli riguardanti gruppi di lavoratori e- sposti a rischi particolari, tra cui anche quelli collegati allo stress lavoro-correlato, secondo i contenuti dell accordo europeo dell 8 ottobre 2004, e quelli riguardanti le lavoratrici in stato di gravidanza, secondo quanto previsto dal decreto legislativo 26 marzo 2001, n. 151, nonché quelli connessi alle differenze di genere, all età, alla provenienza da altri paesi. In particolare sullo stress lavoro correlato l azienda, fonte essa stessa di stress a causa della carente organizzazione del lavoro, propone un percorso totalmente auto gestito per misurare il clima nei posti di lavoro! Negli scorsi mesi gli RLS erano stati consultati per il Rischio rapina e ancora non conosciamo le misure definitive di valutazione e prevenzione ma solo la proposta, fatto che ci preoccupa soprattutto rispetto al rischio stress e alle donne in gravidanza. Siamo ancora in attesa, visto il riconoscimento degli sportellisti come videoterminalisti, delle visite di cui al protocollo sanitario, delle pause o mutamento di attività previste, di un piano di intervento sugli uffici per ripristinare una condizione ergonomia decente. Nei giorni 18 e 22 dicembre tutti gli RLS saranno convocati per la riunione periodica che va convocata almeno una volta all anno - e di più non si fa anche se sarebbe opportuno - e in questa sede sicuramente verranno ripresi tutti i temi elencati, ci auguriamo di trovare nei datori di lavoro regionali una disponibilità ad affrontare seriamente le questioni che saranno loro sottoposte anche se il materiale preparatorio inviato ci crea qualche perplessità nel merito. BENVENUTO DOTT. ROBERTO SALVATORE MINICUCI -- Seppure con ritardo siamo lieti di dare il nostro benvenuto al nuovo Country Manager dott. Minicuci oggi rinominato Responsabile Area Territoriale Mercato Privati Nord Est. Il dott. Minicuci proviene dalla Filiale di Brescia e per questo ci auguriamo non abbia dimenticato le difficoltà dei territori: inadeguatezza dell organico e della strumentazione, precarie condizioni degli uffici e ricadute in tema di salute e sicurezza, pressioni commerciali, formazione insufficiente.. Comprendiamo che il ruolo gli imporrà di gestire con fermezza il percorso verso gli importanti obiettivi di questa regione, ma confidiamo in una corretta gestione delle relazioni industriali per consentire una fattiva collaborazione nei rispettivi ruoli.

8 Poste Domani VENETO Anno 8 n. 5 - dicembre 2008 Pagina 8 LA SEGRETERIA REGIONALE DEL VENETO AUGURA A TUTTI UN SERENO NATALE E UN FELICE ANNO NUOVO

Dr. Paolo Faieta Risorse Umane e Org.ne R.I. Poste Italiane S.p.A. Viale Europa 175 00144 ROMA. Roma, 14 settembre 2011

Dr. Paolo Faieta Risorse Umane e Org.ne R.I. Poste Italiane S.p.A. Viale Europa 175 00144 ROMA. Roma, 14 settembre 2011 Dr. Paolo Faieta Risorse Umane e Org.ne R.I. Poste Italiane S.p.A. Viale Europa 175 00144 ROMA Oggetto:- Apertura conflitto di lavoro a livello Nazionale.- Ormai da tempo si denota una preoccupante indifferenza

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALLA ELEZIONE ED ATTRIBUZIONI DEI RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA DEL COMPARTO DELLA ASL VITERBO

REGOLAMENTO RELATIVO ALLA ELEZIONE ED ATTRIBUZIONI DEI RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA DEL COMPARTO DELLA ASL VITERBO REGIONE LAZIO AZIENDA SANITARIA LOCALE VITERBO REGOLAMENTO RELATIVO ALLA ELEZIONE ED ATTRIBUZIONI DEI RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA DEL COMPARTO DELLA ASL VITERBO REVISIONE DATA 0 15.06.2004

Dettagli

Indice. 1. Carta dei servizi La Post@ Nazionale. 2. Il contesto normativo. 2.1 La liberalizzazione del mercato postale.

Indice. 1. Carta dei servizi La Post@ Nazionale. 2. Il contesto normativo. 2.1 La liberalizzazione del mercato postale. Carta dei servizi Indice 1. Carta dei servizi La Post@ Nazionale 2. Il contesto normativo 2.1 La liberalizzazione del mercato postale. 2.2 I servizi affidati in via esclusiva a Poste Italiane (Fornitore

Dettagli

Centro studi dei Consulenti del Lavoro della provincia di Messina

Centro studi dei Consulenti del Lavoro della provincia di Messina Centro studi dei Consulenti del Lavoro della provincia di Messina Guida rapida all adempimento in scadenza il prossimo 16 maggio 2009 DLGS 81/2008 LA NOMINA DEL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA

Dettagli

Incontro sulle azioni di Piano strategico della funzione PCL

Incontro sulle azioni di Piano strategico della funzione PCL Incontro sulle azioni di Piano strategico della funzione PCL Si è svolto questa mattina l atteso incontro con l Azienda per l illustrazione delle azioni specifiche della Funzione Posta, Comunicazione e

Dettagli

Allegati: lettera CGIL e Linee guida per la revisione dell accordo 1996 relativo ai RLS

Allegati: lettera CGIL e Linee guida per la revisione dell accordo 1996 relativo ai RLS Protocollo n. 202/U Roma, 31 luglio 2001 Alle segreterie regionali Alle segreterie comprensoriali Oggetto: RLS: Revisione Accordo Quadro Care compagne e cari compagni, siamo finalmente in condizione di

Dettagli

CONVOCAZIONE ASSEMBLEA

CONVOCAZIONE ASSEMBLEA CONVOCAZIONE ASSEMBLEA Con la presente si convoca l assemblea generale dei lavoratori per il giorno / / alle ore : presso la sede legale dell azienda sita in Via n a ( ) per discutere e re in merito ai

Dettagli

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A.

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. 1 Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 1 giugno

Dettagli

Tutto il personale impiegato in Webkorner è maggiorenne.

Tutto il personale impiegato in Webkorner è maggiorenne. SA8000 IN WEBKORNER LAVORO INFANTILE Webkorner si impegna a non utilizzare né a favorire l utilizzo di manodopera infantile e minorile. L azienda, ritenendo la tutela dei minori di assoluta priorità, ha

Dettagli

SETTORE ASSICURATIVO. Il giorno 18 aprile 1995. tra. l ANIA. le OO.SS. premesso che

SETTORE ASSICURATIVO. Il giorno 18 aprile 1995. tra. l ANIA. le OO.SS. premesso che SETTORE ASSICURATIVO Il giorno 18 aprile 1995 tra l ANIA e le OO.SS. premesso che Le Parti intendono, con il presente accordo, dare attuazione agli adempimenti loro demandati dal decreto legislativo 19

Dettagli

A Tutti i Dipendenti R.A.S. Amministrazione CFVA Enti Agenzie - Aziende Loro Sedi

A Tutti i Dipendenti R.A.S. Amministrazione CFVA Enti Agenzie - Aziende Loro Sedi Prot. 222/2011 Cagliari 18 aprile 2011 A Tutti i Dipendenti R.A.S. Amministrazione CFVA Enti Agenzie - Aziende Loro Sedi Come preannunciato nel nostro comunicato dell 8 aprile u.s., il 15 aprile 2011 è

Dettagli

Conciliazione paritetica

Conciliazione paritetica Conciliazione paritetica Che cos è? La conciliazione paritetica è una procedura volontaria per risolvere bonariamente, con la mediazione dei conciliatori, una controversia che vede coinvolti gli utenti

Dettagli

Comunicato ai lavoratori e-utile FERIE NO! FERIE. SI!

Comunicato ai lavoratori e-utile FERIE NO! FERIE. SI! FERIE NO! FERIE. SI! Veniamo a conoscenza che i Responsabili OGGI stanno obbligando le proprie risorse a pianificare entro fine anno il residuo ferie arretrato. Gli stessi Responsabili IERI hanno negato

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99

DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99 DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99 Le modifiche introdotte dal DL Sviluppo bis in materia concorsuale riguardano:

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ( EX MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA)

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ( EX MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA) MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ( EX MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA) COMPARTO MINISTERI - PERSONALE DELLE AREE FUNZIONALI CONTRATTAZIONE

Dettagli

POSTA CLASSICA La posta tradizionale con noi è più efficiente

POSTA CLASSICA La posta tradizionale con noi è più efficiente CARTA DELLA QUALITA A. PRINCIPI ISPIRATORI E OBIETTIVI DELLA CARTA DELLA QUALITÀ La Carta della Qualità di Consorzio S.M.B. recepisce gli obiettivi di qualità dei servizi rientranti nell ambito del servizio

Dettagli

L aggiornamento degli accordi

L aggiornamento degli accordi L aggiornamento degli accordi Le Confederazioni Artigiane CONFARTIGIANATO Imprese Piemonte, CNA Piemonte, CASA Artigiani Piemonte e le Confederazioni Sindacali CGIL Piemonte, CISL Piemonte, UIL Piemonte

Dettagli

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI SEGRETERIA NAZIONALE 00198 ROMA VIA TEVERE, 46 TEL. 06.84.15.751 FAX 06.85.59.220 06.85.52.275 SITO INTERNET: www.fabi.it E-MAIL: federazione@fabi.it FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI Ai Sindacati

Dettagli

1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene:

1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene: 1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene: SUL PIANO GENERALE. in una fase storica mondiale di grandi cambiamenti e grandi tragedie. Pensiamo solo alla rapida evoluzione tecnologica,

Dettagli

Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza. Guida. alla sua Nomina, alle sue Funzioni e alla sua Formazione

Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza. Guida. alla sua Nomina, alle sue Funzioni e alla sua Formazione Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Guida alla sua Nomina, alle sue Funzioni e alla sua Formazione Ma chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza? E il soggetto eletto o designato

Dettagli

Vodafone Case Study UnoPiù. Utilizziamo Vodafone da quando in azienda ci sono i cellulari. E da allora abbiamo sempre avuto un unico operatore.

Vodafone Case Study UnoPiù. Utilizziamo Vodafone da quando in azienda ci sono i cellulari. E da allora abbiamo sempre avuto un unico operatore. Utilizziamo Vodafone da quando in azienda ci sono i cellulari. E da allora abbiamo sempre avuto un unico operatore. L esperienza di Vodafone ci è utile anche per comprendere meglio quali tra le tante tecnologie

Dettagli

Carta dei servizi. Ottobre 2014. Rete postale in franchising Sailpost. Titolare: Citypost S.p.A.

Carta dei servizi. Ottobre 2014. Rete postale in franchising Sailpost. Titolare: Citypost S.p.A. Carta dei servizi Ottobre 2014 Rete postale in franchising Sailpost Titolare: Citypost S.p.A. Sede legale: Via del Fischione 19, 56019 Vecchiano (PI) Partita Iva: 01528040502 Sommario 1. Carta dei servizi

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 2 OGGETTO: Approvazione Linee guida per la predisposizione dei Piani triennali di ambito sociale obiettivi 2005-2007 LA VISTO il documento istruttorio, riportato in calce alla presente deliberazione, predisposto

Dettagli

Ruolo primario dei Ccnl per la definizione del tempo di lavoro retribuito del Rls

Ruolo primario dei Ccnl per la definizione del tempo di lavoro retribuito del Rls I permessi retribuiti del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza Mario Gallo Docente di Diritto del lavoro nell Università degli Studi di Cassino Le novità della disciplina sui permessi retribuiti

Dettagli

CODICE ATECO 2007: SETTORE CODICE n.

CODICE ATECO 2007: SETTORE CODICE n. SCHEDA DI ADESIONE Divisione seminari RLS Va Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza ai sensi del T.U. D.Lgs 81/08 D.Lgs 106/09 Questo corso viene svolto in ottemperanza a quanto previsto dall'art.

Dettagli

Questionario per i Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS)

Questionario per i Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) Questionario per i Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) Struttura del questionario Sezione I - Caratteristiche degli RLS - soggettive e professionali - e delle imprese Sezione II Risorse,

Dettagli

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 COMUNE DI CIVIDATE AL PIANO (Provincia di Bergamo) RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 Il Segretario Comunale - Dott. Ivano Rinaldi Nell ambito del processo di riforma della Pubblica Amministrazione, con

Dettagli

Presso la sede dell Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento. tra

Presso la sede dell Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento. tra In data 21 ottobre 2003 Presso la sede dell Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento tra L Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento, rappresentata dal

Dettagli

Ipotesi Rinnovo Contratto Integrativo Aziendale HPI

Ipotesi Rinnovo Contratto Integrativo Aziendale HPI Ipotesi Rinnovo Contratto Integrativo Aziendale HPI PREMESSA Nel sottolineare l importanza del ruolo che il Contratto Collettivo Nazionale e gli accordi vigenti assegnano alla contrattazione di secondo

Dettagli

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34 UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34 TELEFONO 47531 1000 BRUXELLES TELEX 622425 TELEFONO 00322 / 2178838

Dettagli

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE per la realizzazione delle pari opportunità tra uomo e donna 2010/2012 PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2010 2012 Fonti normative:

Dettagli

Software a supporto della Gestione amministrativa dello Sportello Unico Versione 2.1

Software a supporto della Gestione amministrativa dello Sportello Unico Versione 2.1 Pag. 1 di 9 Software a supporto della Gestione amministrativa dello Sportello Unico Versione 2.1 Interventi sul software RE V. REDAZIONE VERIFICHE ED APPROVAZIONI CONTROLLO APPROVAZIONE AUTORIZZAZIONE

Dettagli

1. BILANCIO CONSUNTIVO AL 31.12.2003 DELLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DI PREVIAMBIENTE

1. BILANCIO CONSUNTIVO AL 31.12.2003 DELLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DI PREVIAMBIENTE 1. BILANCIO CONSUNTIVO AL 31.12.2003 DELLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DI PREVIAMBIENTE Il bilancio consuntivo al 31/12/03 di Previambiente è stato redatto con l ausilio tecnico del Collegio dei Revisori Contabili

Dettagli

Servizio Politiche attive per il Lavoro Servizio Formazione professionale. Titolo. Parti. Tra

Servizio Politiche attive per il Lavoro Servizio Formazione professionale. Titolo. Parti. Tra Servizio Politiche attive per il Lavoro Servizio Formazione professionale Protocollo Titolo CONVENZIONE QUADRO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO NELLE COOPERATIVE SOCIALI DEI LAVORATORI DISABILI CON GRAVI DIFFICOLTA

Dettagli

Entro il 16.08.2009 (a seguito di proroga) le organizzazioni con Rappresentanti dei Lavoratori

Entro il 16.08.2009 (a seguito di proroga) le organizzazioni con Rappresentanti dei Lavoratori Studio Commerciale Associato Balestieri - Galdenzi Data: 21 luglio 2009 Circolare: 17/2009 Argomento: RESPONSABILE SICUREZZA Destinatari: Clienti in indirizzo Dott. Paolo Balestieri Dottore Commercialista

Dettagli

Firmato l accordo tra Upa, Assocom e Unicom per le linee guida sulle gare di comunicazione private

Firmato l accordo tra Upa, Assocom e Unicom per le linee guida sulle gare di comunicazione private Fonte primaonline.it 07 novembre 2013 12:19 Firmato l accordo tra Upa, Assocom e Unicom per le linee guida sulle gare di comunicazione private Upa, Assocom e Unicom hanno sottoscritto un documento che

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI. Art. 1 Costituzione - Presidenza

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI. Art. 1 Costituzione - Presidenza Una Società Finmeccanica REGOLAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI Art. 1 Costituzione - Presidenza 1. Il Comitato Controllo e Rischi (il Comitato ) è costituito con delibera del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Nota della Uilca sul Decreto Legislativo approvato dal Consiglio dei Ministri l 1/4/2008 in attuazione della Legge delega 123/2007

Nota della Uilca sul Decreto Legislativo approvato dal Consiglio dei Ministri l 1/4/2008 in attuazione della Legge delega 123/2007 DIPARTIMENTO SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO 00187 ROMA VIA LOMBARDIA 30 TEL. 06.420.35.91 FAX 06.484.704 e-mail: dssl@uilca.it pagina web: www.uilca.it UILCA UIL CREDITO, ESATTORIE E ASSICURAZIONI

Dettagli

Spett.le. Oggetto: Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.). Procedure di nomina e ruolo. Scheda di aggiornamento

Spett.le. Oggetto: Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.). Procedure di nomina e ruolo. Scheda di aggiornamento Spett.le. Oggetto: Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.). Procedure di nomina e ruolo. Scheda di aggiornamento Al fine di agevolare l Impresa ed i lavoratori nell assolvimento delle vigenti

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI CAMPOBASSO: UN ENTE DIGITALE

CAMERA DI COMMERCIO DI CAMPOBASSO: UN ENTE DIGITALE CAMERA DI COMMERCIO DI CAMPOBASSO: UN ENTE DIGITALE La Camera di Commercio La Camera di Commercio è un ente autonomo di diritto pubblico che svolge, nell ambito della circoscrizione territoriale di competenza,

Dettagli

Convenzione per programmi di inserimento lavorativo in cooperative sociali

Convenzione per programmi di inserimento lavorativo in cooperative sociali Convenzione per programmi di inserimento lavorativo in cooperative sociali la Provincia di Rimini la Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini le Associazioni imprenditoriali provinciali di Rimini: Confindustria

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO Art. 1 Finalità Il presente Regolamento ha per oggetto le norme di funzionamento del Comitato Esecutivo di Slow Food Italia. Art. 2 Il Comitato Esecutivo.

Dettagli

Art. 1 Campo di applicazione

Art. 1 Campo di applicazione REGOLAMENTO Per l individuazione dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) nell ASL Frosinone e la definizione delle modalità di esercizio dell attività per l espletamento del mandato Art.

Dettagli

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 116 del 29/07/2002 modificato con

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Città di Somma Lombardo Provincia di Varese REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 63 del 15 ottobre 2007 ) P.zza Vittorio

Dettagli

PROTOCOLLO DI RELAZIONI SINDACALI TRA CGIL CISL UIL Piemonte ANCI Piemonte - LEGA DELLE AUTONOMIE LOCALI Piemonte

PROTOCOLLO DI RELAZIONI SINDACALI TRA CGIL CISL UIL Piemonte ANCI Piemonte - LEGA DELLE AUTONOMIE LOCALI Piemonte PROTOCOLLO DI RELAZIONI SINDACALI TRA CGIL CISL UIL Piemonte ANCI Piemonte - LEGA DELLE AUTONOMIE LOCALI Piemonte Premessa Le politiche delle Amministrazioni locali, ed in particolare le politiche di bilancio,

Dettagli

Piano formativo. Formazione Fisascat Milano Metropoli ... Strumenti per la gestione del futuro 2014/2015

Piano formativo. Formazione Fisascat Milano Metropoli ... Strumenti per la gestione del futuro 2014/2015 . A cura della FISASCAT CISL MILANO METROPOLI Formazione Fisascat Milano Metropoli Piano formativo.......... Strumenti per la gestione del futuro 2014/2015 Programma di formazione sindacale per il biennio

Dettagli

CREDITO ALLE INDUSTRIE

CREDITO ALLE INDUSTRIE CREDITO ALLE INDUSTRIE COFIRE: CONSORZIO FIDI DELL INDUSTRIA DI REGGIO EMILIA ASSEMBLEA DI BILANCIO 2015. OLTRE 36 MILIONI DI EURO EROGATI NELL ESERCIZIO NETTA CRESCITA SU ANNO PASSATO. RIPRESI GLI INVESTIMENTI

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO

REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO Articolo 1 Premessa Il presente Regolamento disciplina la costituzione, il funzionamento ed i compiti del comitato per il Controllo Interno (il Comitato

Dettagli

LA FALCRI PER IL CAMBIAMENTO: FOCUS SU CLIMA INTERNO NEL GRUPPO UBI

LA FALCRI PER IL CAMBIAMENTO: FOCUS SU CLIMA INTERNO NEL GRUPPO UBI LA FALCRI PER IL CAMBIAMENTO: FOCUS SU CLIMA INTERNO NEL GRUPPO UBI Il presente documento analizza più dettagliatamente la problematica relativa al clima interno alle Aziende del Gruppo UBI, da tempo notevolmente

Dettagli

DOCUMENTO DI RIESAME DELLA DIREZIONE

DOCUMENTO DI RIESAME DELLA DIREZIONE DOCUMENTO DI RIESAME DELLA DIREZIONE REPORT SULLO STATO DI GESTIONE DEL SISTEMA DI RESPONSABILITA SOCIALE IN BASE AI REQUISITI DELLA NORMA SA 8000/08 AGGIORNATO AL 3 NOVEMBRE 2014 Doc. Riesame della Direzione

Dettagli

LA MEDIAZIONE CIVILE NELL INTERPRETAZIONE DEI GIUDICI

LA MEDIAZIONE CIVILE NELL INTERPRETAZIONE DEI GIUDICI RITA BEVACQUA LA MEDIAZIONE CIVILE NELL INTERPRETAZIONE DEI GIUDICI L istituto della Mediazione civile quale strumento alternativo di giustizia è stato introdotto dal Decreto Legislativo 4 marzo 2010,

Dettagli

RELAZIONE BILANCIO SOCIALE 2014

RELAZIONE BILANCIO SOCIALE 2014 RELAZIONE BILANCIO SOCIALE 2014 Quanta ha ottenuto la certificazione in conformità allo standard internazionale SA 8000, standard che ha come punti cardini il rispetto dei diritti umani, il rispetto dei

Dettagli

NOVITA SULLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE Presentazione

NOVITA SULLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE Presentazione NOVITA SULLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE Presentazione RIUNIONE DEL 9 NOVEMBRE 2006 SALA BRUNO BUOZZI NOVITA APPORTATE DALLA FINANZIARIA 2007: -ANTICIPO RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE AL 1 GENNAIO

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COS È UN OBIETTIVO... 3 IL CONTROLLO DI GESTIONE...

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

CARTA DELLA QUALITA' DEI SERVIZI POSTALI

CARTA DELLA QUALITA' DEI SERVIZI POSTALI CARTA DELLA QUALITA' DEI SERVIZI POSTALI POSTA SERVIZI LTD Operatore postale autorizzato dal Ministero dello Sviluppo Economico della Repubblica Italiana Lic. ind. 1049/2011 Aut. Gen. 2307/2011 Sede Legale:

Dettagli

Metodologia per la graduazione delle posizioni dirigenziali

Metodologia per la graduazione delle posizioni dirigenziali Sommario: Metodologia per la graduazione delle posizioni dirigenziali... 1 Fattori oggetto di valutazione... 1 Percorso della pesatura... 3 Metodologia per la valutazione della performance dei dirigenti...

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. tra. premesso che

VERBALE DI ACCORDO. tra. premesso che VERBALE DI ACCORDO Il giorno 22 aprile 2010, in Siena tra Banca CR Firenze S.p.A. (di seguito CRF) Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. (di seguito BMPS) e le sottoscritte Organizzazioni Sindacali premesso

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE PER IL TRIENNIO 2012 2014. Premessa

PIANO DI AZIONI POSITIVE PER IL TRIENNIO 2012 2014. Premessa PIANO DI AZIONI POSITIVE PER IL TRIENNIO 2012 2014 Premessa Nell ambito delle finalità espresse dalla L. 125/1991 e successive modificazioni ed integrazioni, ossia favorire l occupazione femminile e realizzare

Dettagli

FUSIONE TRA CVS E POLESINE ACQUE: UN PROGETTO PER GARANTIRE CHE L ACQUA RESTI BENE COMUNE

FUSIONE TRA CVS E POLESINE ACQUE: UN PROGETTO PER GARANTIRE CHE L ACQUA RESTI BENE COMUNE PROGETTO DI FUSIONE CVS POLESINE ACQUE 26/08/2015 FUSIONE TRA CVS E POLESINE ACQUE: UN PROGETTO PER GARANTIRE CHE L ACQUA RESTI BENE COMUNE Avviata la gara per la due diligence, fotografia dello stato

Dettagli

BANCA ESTESA. Dopo una serrata discussione nell'ultimo incontro insieme alle altre organizzazioni abbiamo ottenuto:

BANCA ESTESA. Dopo una serrata discussione nell'ultimo incontro insieme alle altre organizzazioni abbiamo ottenuto: Azioni a supporto su Filiali BANCA ESTESA Dopo una serrata discussione nell'ultimo incontro insieme alle altre organizzazioni abbiamo ottenuto: 1. L'aumento strutturale, ad oggi, di circa 260 lavoratori

Dettagli

REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE (POR) OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013)

REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE (POR) OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013) REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA POR OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013) Comitato di Sorveglianza 13 maggio 2011 REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO

Dettagli

allegato alla determinazione dirigenziale n. 35 del 16/02/2015

allegato alla determinazione dirigenziale n. 35 del 16/02/2015 allegato alla determinazione dirigenziale n. 35 del 16/02/2015 Avviso di mobilità volontaria esterna riservato a dipendenti di amministrazioni pubbliche di cui all art. 1 comma 2 del D.Lgs. 165/2001 e

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO dott. rag. Marco Ansaldi e rag. Antonella Bolla CONSULENZA FISCALE E DEL LAVORO 06.08.2010 VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO I continui cambiamenti a livello di organizzazione del lavoro,

Dettagli

ACCORDO QUADRO EX ART. 18 CCNL 12.2.2005 SULLA DIVISIONALIZZAZIONE. Il giorno 24 gennaio 2007. In Padova PREMESSO CHE

ACCORDO QUADRO EX ART. 18 CCNL 12.2.2005 SULLA DIVISIONALIZZAZIONE. Il giorno 24 gennaio 2007. In Padova PREMESSO CHE ACCORDO QUADRO EX ART. 18 CCNL 12.2.2005 SULLA DIVISIONALIZZAZIONE Il giorno 24 gennaio 2007 In Padova Tra la S.P.A. e le Segreterie degli Organi di coordinamento delle RR.SS.AA. PREMESSO CHE nelle riunioni

Dettagli

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale)

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) CAMERA DEI DEPUTATI XI Commissione (Lavoro pubblico e privato) (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) 27 novembre 2013 AUDIZIONI ABI 2013 AUDIZIONI ABI - 2013 Le proposte

Dettagli

IVU IL NUOVO SISTEMA LA SITUAZIONE ATTUALE

IVU IL NUOVO SISTEMA LA SITUAZIONE ATTUALE FILT Lombardia Fed er azion e Italiana Lavorat ori Trasporti IL NUOVO SISTEMA IVU LA SITUAZIONE ATTUALE I Turni del personale di macchina e bordo sono da sempre costruiti successivamente alla definizione

Dettagli

SPECIALE SAPI. salute e sicurezza sul lavoro IL NUOVO TESTO UNICO

SPECIALE SAPI. salute e sicurezza sul lavoro IL NUOVO TESTO UNICO Supplemento n. 1 al periodico l Ar tigianato Anno LIX - N. 8 - Luglio 2008 Lavoratori autonomi e impresa familiare TAB. B - Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (conv.

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS DA LAVORO CORRELATO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS DA LAVORO CORRELATO «DVR _ STRESS LAVORO CORRELATO» Pagina 1 di 9 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS DA LAVORO CORRELATO (Art. 28 comma 1 D. Lgs. 9 aprile 2008 n.81 così come modificato dal D.Lgs. 106/09) conforme

Dettagli

PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI

PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI REGOLAMENTO PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI Approvato con deliberazione n. 463 del 10.08.2015

Dettagli

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia Programma triennale per la trasparenza e l integrità (Decreto Legislativo n. 33 del 14 marzo 2013) Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. del PREMESSA

Dettagli

Il volontariato: ruolo e impegni per la Conferenza dei Servizi

Il volontariato: ruolo e impegni per la Conferenza dei Servizi Il volontariato: ruolo e impegni per la Conferenza dei Servizi Rel. sig. Giancarlo Cavallin Volontarinsieme Coordinamento delle Associazioni di volontariato della provincia di Treviso. Gruppo Salute, ospedale

Dettagli

PROCEDURA CONCILIATIVA

PROCEDURA CONCILIATIVA PROCEDURA CONCILIATIVA PROTOCOLLO D INTESA tra Findomestic Banca S.p.A, con sede legale in Via J. Da Diacceto, 48 50128 Firenze (di seguito Findomestic ) e le Associazioni di Consumatori Adiconsum, Adoc

Dettagli

Roma, ottobre 2013. Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore

Roma, ottobre 2013. Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore Roma, ottobre 2013 Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore OGGETTO: NOMINA DEI RESPONSABILI DEL TRATTAMENTO DEI DATI L AGESCI Associazione Guide e Scouts Cattolici Italiani,

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

S T A T U T O. Art. 1 COSTITUZIONE ASSOCIAZIONE

S T A T U T O. Art. 1 COSTITUZIONE ASSOCIAZIONE S T A T U T O Art. 1 COSTITUZIONE ASSOCIAZIONE 1) In attuazione dell articolo 46 del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del comparto degli Enti pubblici non economici stipulato il 6 luglio 1995,

Dettagli

CONCORSO DI IDEE. Ai sensi dell art. 108 del Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163 (art. 57, D.P.R. n. 554/1999)

CONCORSO DI IDEE. Ai sensi dell art. 108 del Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163 (art. 57, D.P.R. n. 554/1999) CONCORSO DI IDEE Ai sensi dell art. 108 del Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163 (art. 57, D.P.R. n. 554/1999) RIQUALIFICAZIONE IGIENICA ED URBANISTICA DEL RIONE SCACCERA 1. ENTE APPALTANTE Denominazione:

Dettagli

Sicurezza e salute dei lavoratori

Sicurezza e salute dei lavoratori Sicurezza e salute dei lavoratori Il giorno, 12 marzo 1997, in Roma tra - l Associazione fra le Casse di Risparmio Italiane (ACRI) - l Associazione Sindacale fra le Aziende del Credito (ASSICREDITO) e

Dettagli

89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI

89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI SERVIZIO NORMATIVA E POLITICHE DI VIGILANZA Roma 28 luglio 2015 Prot. n. All.ti n. 89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia Alle Imprese capogruppo e, p.c. Rappresentanze

Dettagli

Il 2012 non ha prodotto serie iniziative di integrazione dei sistemi produttivi e del tessuto professionale di Inps, ex Inpdap, ex Enpals.

Il 2012 non ha prodotto serie iniziative di integrazione dei sistemi produttivi e del tessuto professionale di Inps, ex Inpdap, ex Enpals. Il 2012 non ha prodotto serie iniziative di integrazione dei sistemi produttivi e del tessuto professionale di Inps, ex Inpdap, ex Enpals. Il 2013 dovrà essere caratterizzato, a partire dal 1 aprile p.v.

Dettagli

Comunicazione ai lavoratori in merito alla possibilità di eleggere il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) Informa i Lavoratori che:

Comunicazione ai lavoratori in merito alla possibilità di eleggere il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) Informa i Lavoratori che: OGGETTO: Comunicazione ai lavoratori in merito alla possibilità di eleggere il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) Con la presente la sottoscritta impresa con sede in Via...::::: Informa

Dettagli

La destinazione del Tfr alla previdenza complementare: le ricadute sul datore di lavoro

La destinazione del Tfr alla previdenza complementare: le ricadute sul datore di lavoro La destinazione del Tfr alla previdenza complementare: le ricadute sul datore di lavoro di Luca Avallone Dal 1 gennaio 2007, con l entrata in vigore del decreto legislativo 252/2005 si ampliano le possibilità

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI RACCONIGI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI RACCONIGI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI RACCONIGI Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina l attività del Comitato Unico

Dettagli

LA GIUNTA. A voti unanimi e palesi, anche per quanto riguarda l immediata esecutività dell atto:

LA GIUNTA. A voti unanimi e palesi, anche per quanto riguarda l immediata esecutività dell atto: Oggetto: Modifica di alcune condizioni di svolgimento del Telelavoro nella Provincia di Bologna. Approvazione del relativo Progetto Generale e autorizzazione alla sottoscrizione del Contratto Collettivo

Dettagli

Città di Verbania ASSEMBLEA STRAORDINARIA / ORDINARIA DI VENETO BANCA SABATO 19 DICEMBRE 2015

Città di Verbania ASSEMBLEA STRAORDINARIA / ORDINARIA DI VENETO BANCA SABATO 19 DICEMBRE 2015 ASSEMBLEA STRAORDINARIA / ORDINARIA DI VENETO BANCA SABATO 19 DICEMBRE 2015 Il SINDACO del Comune di VERBANIA, appoggia l indicazione del sì alla costituzione in SOCIETÀ PER AZIONI, quale unica via percorribile

Dettagli

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA REGOLAMENTO DEL 18 LUGLIO 2014 Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria per l Italia (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007,

Dettagli

Area Pianvallico. Linea di Intervento B. Progetto S..C..A..L..A..R..E.. Studi di Fattibilità PIANVALLICO. Data: Giugno 2011

Area Pianvallico. Linea di Intervento B. Progetto S..C..A..L..A..R..E.. Studi di Fattibilità PIANVALLICO. Data: Giugno 2011 Progetto S..C..A..L..A..R..E.. Linea di Intervento B Azione B2 Studi di Fattibilità Area Pianvallico Data: Giugno 2011 File rif.:.doc Tecnico: David Giraldi INDICE PREMESSA... 1 1. GESTIONE DEI RIFIUTI

Dettagli

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Cagliari, 22 luglio 2010 ore 10.00 Intervento di apertura dei lavori del Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori Edili Simona Pellegrini Vi

Dettagli

Provincia Autonoma TRENTO

Provincia Autonoma TRENTO Provincia Autonoma TRENTO 1 INDICE :::::::::::::: 1. Introduzione a. processo di ascolto 2. Principali temi emersi 3. Le buone pratiche regionali 2 Introduzione 1La Provincia Autonoma di Trento ha attivato

Dettagli

SOMMARIO. Art. 1 - Finalità della valutazione -------------------------------------------------------------------------- 3

SOMMARIO. Art. 1 - Finalità della valutazione -------------------------------------------------------------------------- 3 REGOLAMENTO SISTEMA PREMIANTE - AREA DEL COMPARTO - Adottato con Deliberazione n. 280 del 22/04/2015 1 SOMMARIO Art. 1 - Finalità della valutazione --------------------------------------------------------------------------

Dettagli

D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006

D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006 D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006 Approvazione criteri per l assegnazione contributi ai Soggetti gestori delle funzioni socioassistenziali per le attività delle Equipe Adozioni e per la promozione dell affidamento

Dettagli

Indicatori Etici SA 8000

Indicatori Etici SA 8000 Da anni la Ditta Giuntoli G&G si occupa della produzione di ghiaccioli, granite e gelato artigianale. L'azienda produce una vasta gamma di prodotti tutti relativi alla gelateria e sorbetteria: ghiaccioli,

Dettagli

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE Non c è mai una seconda occasione per dare una prima impressione 1. Lo scenario Oggi mantenere le proprie posizioni o aumentare le quote di mercato

Dettagli

Premessa. Relazioni Industriali

Premessa. Relazioni Industriali Piattaforma per il rinnovo contrattuale del CCNL Trasporti e Onoranze Funebri private (FENIOF) 2012 2014 1 Premessa Il settore delle imprese esercenti attività di servizi e trasporto funebre composto da

Dettagli

VERBALE DELLA SEDUTA DI INFORMAZIONE DEL 6 MAGGIO 2016 CRITERI DI VALORIZZAZIONE DOCENTI A.S. 2015/16

VERBALE DELLA SEDUTA DI INFORMAZIONE DEL 6 MAGGIO 2016 CRITERI DI VALORIZZAZIONE DOCENTI A.S. 2015/16 VERBALE DELLA SEDUTA DI INFORMAZIONE DEL 6 MAGGIO 2016 CRITERI DI VALORIZZAZIONE DOCENTI A.S. 2015/16 Il giorno 6 maggio 2016 alle ore 13,10 nel locale di presidenza dell istituto, si tiene la seduta di

Dettagli

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE rev. 0 Data: 01-03-2006 pag. 1 10 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

Piano triennale delle azioni positive per attuare parità e pari opportunità tra uomini e donne 2011 2013

Piano triennale delle azioni positive per attuare parità e pari opportunità tra uomini e donne 2011 2013 Piano triennale delle azioni positive per attuare parità e pari opportunità tra uomini e donne 2011 2013 - Direzione centrale personale e organizzazione - Sommario 1. Premessa... 3 2. I presupposti del

Dettagli