Uscire dalla crisi tutelando sicurezza e salute dei lavoratori: il ruolo del medico del lavoro consulente globale per la prevenzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Uscire dalla crisi tutelando sicurezza e salute dei lavoratori: il ruolo del medico del lavoro consulente globale per la prevenzione"

Transcript

1 Società Italiana di Medicina del Lavoro ed Igiene Industriale 75 CONGRESSO Nazionale SIMLII Uscire dalla crisi tutelando sicurezza e salute dei lavoratori: il ruolo del medico del lavoro consulente globale per la prevenzione Brescia/Bergamo ottobre 2012 Sede congressuale Fiera di Bergamo

2 Organizzato da SIMLII - USC Medicina del Lavoro Ospedali Riuniti di Bergamo Medicina del Lavoro ed Igiene Industriale, Università degli Studi di Brescia Con l'alto Patrocinio della Presidenza della Repubblica Con il Patrocinio di Ministero della Salute Regione Lombardia Università degli Studi di Brescia Università degli Studi di Bergamo Azienda Ospedaliera di Bergamo

3 Presidenti del Congresso Pietro Apostoli, Giovanni Mosconi Comitato Scientifico Presidenti P. Apostoli, G. Mosconi G. Abbritti M. Barbaro GB. Bartolucci A. Basso G. Bonifaci M. Corradi V. Cupelli S. Iavicoli M. Imbriani L. Isolani N. L Abbate A. Magrini M. Manno A. Moretto N. Mucci A. Bergamaschi PA. Bertazzi M. Bovenzi D. Cottica G. Costa A. Cristaudo GM. Giachino G. Muzi D. Picciotto PG. Piolatto E. Ramistella L. Riboldi F. Roscelli A. Sancini N. Sannolo P. Sartorelli M. L. Scapellato A. Serra L. Soleo F. Tomei F. Violante G. Macchia A. Mutti E. Pira R. Roberti C. Romano P. Seghizzi Comitato Organizzatore Presidenti P. Apostoli, G. Mosconi L. Belotti P. Leghissa D. Borleri G. Luzzana S. Catalani G. Neri G. De Palma MM. Riva R. Ghitti M. Santini 3

4 PRESENTAZIONE A tutte le Socie ed a tutti i Soci della nostra Società, a tutti i Medici del Lavoro ed ai Medici Competenti il più caldo benvenuto al nostro 75 Congresso Nazionale che quest anno è organizzato da SIMLII con le due Unità Operative - Sezioni Universitaria ed Ospedaliere di Brescia e Bergamo. Inizialmente si era pensato di organizzare l evento parte a Brescia e parte a Bergamo, ma una approfondita analisi delle problematiche logistiche, economiche e del rischio (accentuato dalla decisione, da tutti apprezzata, di ridurre i giorni del Congresso da 4 a 3) di dover diminuire tempi effettivamente dedicati ai lavori congressuali, ci hanno convinto di identificare nella location fieristica di Bergamo, la sede unica della nostra manifestazione. Resta valida la scelta di fondo fatta di organizzare qui ed insieme il 75 Congresso SIMLII. Brescia e Bergamo o Bergamo e Brescia sono due province che da sempre hanno condiviso storia e destini economico-sociali, a partire dai secoli di comune appartenenza alla Serenissima Repubblica costituendone il retroterra economico e produttivo nella terraferma padana. Non è quindi un caso che messer Pietro Beretta risulti, da documenti del 400, come il fornitore di armi da fuoco per vari Dogi. Sono le nostre due realtà che soprattutto in tempi più recenti hanno condiviso attività culturali, finanziarie, economiche e di servizi: dalle iniziative musicali, alle fusioni bancarie e delle municipalizzate. Le due Università da almeno due anni si stanno confrontando per ricercare una forma di collaborazione che ne rafforzi le capacità formative e di ricerca, specie nei campi economico giuridico, ingegneristico e sanitario. Brescia e Bergamo hanno anche in comune numerose problematiche che riguardano la tutela della salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro e le Unità Ospedaliere Universitarie di Medicina del Lavoro, all interno della Associazione Lombarda di Medicina del Lavoro prima e di SIMLII poi, hanno negli ultimi due decenni condiviso numerosi ed importanti momenti di confronto ed approfondimento tecnico e scientifico, puntando in particolare sulla organizzazione dei servizi vocati alla pratica della Medicina del Lavoro e delle attività sul campo dei Medici del Lavoro,a partire dalla loro efficacia ed efficienza. è stato dunque naturale, quasi inevitabile, che si arrivasse alla decisione di organizzare insieme questo 75 Congresso Nazionale. Esso rappresenta l ideale continuazione del percorso iniziato con grande successo a Torino lo scorso anno: partire dalla conoscenza delle diverse componenti del lavoro ed oggi, necessariamente, dagli aggiornamenti su tecnologie, materiali utilizzati, aspetti organizzativi per mettere il Medico del Lavoro in grado di misurare esposizione e rischi, formulare le diagnosi delle alterazioni dello stato di salute, proporre gli adeguati interventi preventivi e riabilitativi. Lo faremo trattando temi come la metallurgia (produzione di acciaio e ghisa, cuproleghe, alluminio) la galvanica; i materiali refrattari, la chimica in edilizia (dal cemento ai nuovi prodotti di sintesi); il trasporto di merci e persone e quelli interni alle realtà produttive; gli abituali temi liberi. Temi tradizionali, ma anche attuali ed impegnativi per i professionisti che si occupano di rischi occupazionali, loro misura, sorveglianza prevenzione. Saranno inoltre riproposti in ambito precongressuale, numerosi temi di aggiornamento pratico interattivo, decisione che tanto successo ha riscosso nei nostri ultimi appuntamenti nazionali. E saranno presentate due nuove linee guida del nostro consolidato programma di aggiornamento e qualificazione professionali. Vale quindi, ad avviso nostro e degli organi Direttivi della Società, la pena di partecipare ad un Congresso di que- 5

5 Informazione Scientifiche sto tipo, certi, come siamo, di ripetere e possibilmente migliorare quanto fatto a Torino nel congresso del 150 anniversario dell Unità d Italia: uscire da questa occasione di incontro arricchiti scientificamente e professionalmente, ma soprattutto avere l opportunità di incontrarci, stare insieme, discutere, valorizzando questo come momento, di scambio di esperienze e di proposte operative, di incontro tra amici ed incrementando,anche per questa via, il senso di appartenenza alla nostra Società Scientifica. Destinatari Il Congresso si rivolge a tutti gli operatori della prevenzione e della sicurezza nei luoghi di lavoro, medici specialisti in medicina del lavoro, medici del lavoro competenti, igienisti occupazionali, ergonomi, tecnici della prevenzione, operatori della sanità pubblica, responsabili dei servizi di prevenzione e protezione, specializzandi, dottorandi, studenti, e anche agli attori principali, ovvero i lavoratori, i datori di lavoro e gli amministratori, che hanno interesse ad approfondire le tematiche presentate. I Presidenti del Congresso Prof. Pietro Apostoli Dr. Giovanni Mosconi Accreditamento ECM Il Congresso è inserito nel Programma di Educazione Continua in Medicina (ECM) del Ministero della Salute. Sono stati richiesti crediti ECM per laureati in Medicina e Chirurgia, in Chimica, Biologia, per i Tecnici della Prevenzione nell Ambiente e nei Luoghi di Lavoro, per gli Infermieri, per gli Assistenti Sanitari e per gli Psicologi Clinici. Crediti ECM assegnati Corsi Pre-Congressuali: 4 crediti Congresso: 18 crediti Attestato di Partecipazione Venerdì 19 ottobre a conclusione del Congresso, sarà possibile ritirare l attestato di partecipazione presso il desk della Segreteria Organizzativa. Attestato ECM Secondo le procedure del Provider che ha accreditato il Congresso e i Corsi pre-congressuali, come già comunicato, è necessario regolarizzare l iscrizione registrandosi al sito: Una volta completata la registrazione è necessario procedere con l iscrizione al Corso/Congresso selezionando l evento dall elenco proposto on line. 7

6 Tale procedura è OBBLIGATORIA al fine dell acquisizione dei crediti formativi ECM. Ricordiamo infatti che i crediti saranno rilasciati soltanto a coloro che: da lettere alfabetiche e un numero progressivo. La stessa indicazione è stata riportata sui pannelli dell area Poster per definire con esattezza lo spazio assegnato a ciascun Poster. - parteciperanno all 80% delle ore formative del Congresso e al 100% delle ore formative dei Corsi - certificheranno propria presenza attraverso firma di ingresso e d uscita negli appositi registri. Una volta verificata la corretta partecipazione all evento, sul link anticipato, saranno disponibili e scaricabili gli attestati di partecipazione con i relativi crediti formativi ECM. Puntuale comunicazione in merito sarà inviata agli interessati a chiusura della manifestazione. Atti congressuali Ai partecipanti regolarmente iscritti saranno consegnati gli atti congressuali contenenti i testi delle relazioni ed i contributi scientifici per esteso (delle comunicazioni e dei poster) pubblicati su testata scientifica. Poster I Poster saranno riassunti e discussi da uno o più Rapporteur in Sessioni dedicate, cui dovrà essere presente almeno uno degli autori del contributo. Dimensioni massime: 70cm (larghezza) x 100cm (altezza) con affissione mediante nastro adesivo. Il Poster dovrà essere affisso prima dell inizio dei lavori della giornata in cui è prevista la discussione guidata dei singoli Poster (giovedì 18 ottobre e venerdì 19 ottobre) e staccato entro la fine della giornata. I Poster non rimossi saranno eliminati. I Poster pervenuti sono stati suddivisi per aree tematiche e ad ognuno di essi è stata assegnata una posizione designata Presentazioni orali La pen drive con il testo della presentazione in formato Power Point dovrà essere identificabile (con nome e cognome nel titolo della presentazione) e consegnata personalmente dal relatore al Centro Slide almeno un ora prima della sessione di presentazione. Si raccomanda di non preparare più di una diapositiva per ogni minuto di presentazione (inclusa quella iniziale con titolo e autore), dimezzando il numero in caso di diapositive contenenti dati in forma tabulare o particolarmente complesse. La presentazione avrà durata di 6 o 8 minuti e sarà seguita da 2 minuti di discussione, con rigoroso rispetto dei tempi che sarà garantito, come già avvenuto in precedenti Congressi SIMLII, da un sistema automatico di chiusura del circuito microfonico. Segreteria Scientifica Tel Fax Segreteria Alberghiera Turisberg Viaggi Via Camozzi 34-38, Bergamo Tel Fax Segreteria Organizzativa Meneghini&Associati Viale Trento 56 F Vicenza Tel Fax Cell

7 Informazioni Generali Sede ENTE FIERA PROMOBERG (FIERA DI BERGAMO) Via Lunga c/o Fiera Bergamo Bergamo Come raggiungere la sede congressuale In auto Il complesso della Fiera di Bergamo è posizionato sulla circonvallazione di Bergamo, raggiungibile in pochi minuti dalle uscite di Bergamo e Seriate dell autostrada Milano-Venezia. In treno Giungendo in treno è possibile raggiungere la Fiera Bergamo sia in taxi, sia in autobus. Per gli orari dei treni consultare il sito di Trenitalia In autobus Fiera Bergamo è collegata al centro cittadino, alla Stazione FS da: Linea ATB 1A/1B/1C, ad eccezione degli autobus diretti verso l aeroporto. Info su In aereo L aeroporto più vicino è Bergamo Orio al Serio, tutte le corse dell autobus in partenza dall Aeroporto portano, in soli 20 minuti, alla stazione di Bergamo (a due passi dal centro cittadino) e in Città Alta direttamente o con cambi alla stazione ferroviaria o a Porta Nuova (con lo stesso biglietto). Numeri Utili Aeroporto Orio al Serio Call Center Treni Piazza Marconi 7 Bergoni Tel Radio Taxi Tel IAT Bergamo - Città Bassa Ufficio Informazioni ed Accoglienza Turistica c/o Urban Center, Viale Papa Giovanni XXIII, 57 Bergamo Tel Fax e.mail IAT Bergamo - Città Alta Ufficio Informazioni e Accoglienza Turistica Via Gombito, 13 Bergamo Tel Fax Funicolare e Autobus ATB Point Largo Porta Nuova, 16 Bergamo Aperto da lunedì a venerdì dalle 8.20 alle e il sabato dalle 9.30 alle Call Center

8 PLANIMETRIA 5 Stand Guardaroba Area poster 4 2 Area Lunch 3 1 Segreteria Legenda 1 2 Sala Plenaria Sala Michelangelo 4 5 Sala Raffaello Sala Caravaggio 7 8 Sala Leonardo Sala Monet Sala del Consiglio e Sala Ovale al primo piano 3 Sala Giotto 6 Sala Botticelli 9 Sala Colleoni 13

9 PROSPETTO GENERALE DEL CONGRESSO MERCOLEDì 17 OTTOBRE PLENARIA Cerimonia Inaugurale Saluto delle Autorità Sessione Plenaria Aggiornamenti in tema di Metallurgia Acciaio e ghisa Caravaggio (450 posti) Michelangelo (200 posti) Raffaello (200 posti) Corso Pre-Congressuale Sorveglianza sanitaria e giudizi di idoneità dei lavoratori a rischio di sovraccarico biomeccanico Corso pre-congressuale Giudizi di idoneità e reinserimento al lavoro del cardio vasculopatico Corso pre-congressuale Obblighi connessi alle segnalazioni delle malattie professionali Altri metalli Giotto (200 posti) Botticelli (200 posti) Corso pre-congressuale Ruolo del Medico Competente nella valutazione del rischio e nella gestione del Servizio Sanitario Aziendale Corso pre-congressuale Valutazione del rischio stress lavoro correlato nelle piccole imprese: il ruolo del Medico Competente Storia della tutela della salute dei lavoratori Leonardo (200 posti) Corso pre-congressuale Aggiornamenti in tema di diagnosi e prevenzione delle dermopatiti professionali Monet (50 posti) del Consiglio (30 posti) Ovale (30 posti) Corso pre-congressuale Valutazione del rischio e sorveglianza sanitaria in agricoltura Consiglio Direttivo Nazionale SIMLII Collegio Professori Ordinari ColleonI (30 posti) 15

10 PROSPETTO GENERALE DEL CONGRESSO GIOVEDì 18 OTTOBRE PLENARIA Sessione Plenaria Aggiornamenti in tema di edilizia Materiali, tenologie e rischi Aggiornamenti in tema di edilizia Valutazione del rischio, epidemiologia e sorveglianza sanitaria Assemblea dei Soci SIMLII Caravaggio (450 posti) Rischi, patologie e prevenzione nell industria di produzione del cemento Ergonomia in edilizia Comunicazioni in tema di Ergonomia Michelangelo (200 posti) Cuore e lavoro Comunicazioni in tema di Cuore e lavoro Rischi Fisici Raffaello (200 posti) Disabilità e lavoro Comunicazioni in tema di Disabilità ed idoneità al lavoro Giotto (200 posti) Dermopatie professionali Comunicazioni in tema di Edilizia Botticelli (200 posti) Rischi in sanità Comunicazioni in tema di Rischi nella sanità Leonardo (200 posti) Comunicazioni in tema di Amianto Discussione poster in tema di Edilizia - Amianto - Ergonomia - Rischi fisici - Agricoltura Discussione poster in tema di Cuore e lavoro Dermatologia - Temi liberi Monet (50 posti) del Consiglio (30 posti) Ovale (30 posti) Discussione poster in tema di Qualità e sorveglianza sanitaria - Idoneità e Infortuni Assemblea B. Ramazzini Discussione poster in tema di Sanità e rischio biologico - Promozione della salute Riunione GdL Medici Competenti ColleonI (30 posti) SESSIONE AIRM Radiazioni Ionizzanti 17

11 PROSPETTO GENERALE DEL CONGRESSO VENERDì 19 OTTOBRE PLENARIA Sessione Plenaria Aggiornamenti in tema di trasporti Tecnologie e rischi Sessione Plenaria Aggiornamenti in tema di trasporti Guida e tutela della salute Cerimonia conclusiva chiusura del Congresso Caravaggio (450 posti) Epidemiologia, sorveglianza sanitaria e idoneità alla guida Comunicazioni in tema di Trasporti, Sonno e Lavoro Michelangelo (200 posti) Raffaello (200 posti) Giotto (200 posti) Botticelli (200 posti) Leonardo (200 posti) Monet (50 posti) del Consiglio (30 posti) Agricoltura Promozione della salute nei luoghi di lavoro La qualità del lavoro del Medico Competente Comunicazioni in tema di Tossicologia Sonno e guida Comunicazioni in tema di Stress Comunicazioni in tema di Agricoltura - Tumori Comunicazioni in tema di Promozione della salute Temi liberi Comunicazioni in tema di Sorveglianza Sanitaria Temi liberi L'industria agroalimentare: tecnologie e risch Discussione poster in tema di Trasporti Discussione poster in Sonno e lavoro tema di Tossicologia Sostanze psicotrope Tumori Stress e lavoro Sessione AIDII Riunione GdL Specializzandi Ovale (30 posti) ColleonI (30 posti) Riunione Soci italiani ICOH Presentazione del libro di G. Volante Direttori Scuole di Specializzazione Conclusione programma rinnovo dell accreditamento d eccellenza 19

12 PROGRAMMA SCIENTIFICO MERCOLEDì 17 OTTOBRE 2012 CORSI PRE-CONGRESSUALI Sala Caravaggio Coordinatore: F. Violante Sorveglianza sanitaria e giudizi di idoneità dei lavoratori a rischio di sovraccarico biomeccanico La valutazione cardiologica finalizzata al reinserimento lavorativo: la stratificazione del rischio clinico R. Borchini La valutazione funzionale del cardiopatico: test cardio-polmonare in Medicina del Lavoro D. Borleri 8.30 Disturbi e danni da movimentazione di carichi: dati epidemiologici S. Mattioli Variabili psicologiche che favoriscono il reinserimento lavorativo del paziente cardiopatico I. Giorgi Come valutare il rischio da movimentazione di carichi F. Violante Idoneità alla movimentazione di carichi: il problema delle patologie muscolo scheletriche R. Bonfiglioli Casi di studio: quale idoneità alla movimentazione dei carichi F. Violante Sala Michelangelo Coordinatore: M. Ferrario Giudizi di idoneità e reinserimento al lavoro del cardio-vasculopatico 9.00 Le malattie cardiovascolari in età da lavoro: una problematica emergente V. Cupelli 9.30 I rischi lavorativi tradizionali di preminente rilevanza per il paziente cardiopatico A. Pietroiusti Il rischio ipertensione nelle attività lavorative G. Arcangeli Ipertensione e ipotensione arteriosa. Stratificazione del rischio lavorativo e gestione del paziente con attività a rischio: lavoro a turni/orari irregolari e stimolo gravitazionale protratto F. Barbic Esempi di giudizio d idoneità alla mansione specifica per il lavoratore cardiopatico B. Ponticiello Sala Raffaello Coordinatore: A. Ossicini Obblighi connessi alle segnalazioni delle malattie professionali 9.00 Le statistiche delle malattie professionali: in Italia ed a livello Regionale dal Rapporto Annuale INAIL 2012 M. Clemente, T. Taroppio L iter per il riconoscimento delle malattie professionali. Fasi procedurali INAIL e rapporti con il Medico Competente E. Berlingò 21

13 11.00 Il nesso di causa delle malattie professionali: differenza dell onere probatorio tra sistema tabellare ed extra tabellare L. Polo Sala Botticelli Coordinatore: M. S. Spada Valutazione del rischio stress lavoro correlato nelle piccole imprese: il ruolo del Medico Competente Obblighi e responsabilità dei medici in tema di malattie professionali: segnalazione/denuncia, I Certificato medico, Referto A. Ossicini Esercitazioni pratiche su casi simulati con discussione e registrazione del feedback e questionario A. Ossicini Sala Giotto Coordinatore: E. Ramistella Ruolo del Medico Competente nella valutazione del rischio e nella gestione del Servizio Sanitario Aziendale 9.00 Introduzione: cornice legislativa e focus dell intervento G. Mosconi 9.30 Esercitazione pratica sull attribuzione di significato al concetto di stress V. Strappa Dallo stress come stimolo alla salute organizzativa M. S. Spada Il metodo di valutazione dello stress lavoro correlato elaborato dal Laboratorio Stress e Lavoro degli Ospedali Riuniti di Bergamo M. S. Spada 9.30 Relazioni introduttive sul tema del corso: Il Medico Competente, consulente globale del datore di lavoro per la valutazione dei rischi di natura sanitaria sul luogo di lavoro. La corretta gestione dei Servizi Sanitari di Azienda, nel settore pubblico e nel settore privato E. Ramistella Dibattito guidato con interventi dei colleghi presenti e interventi preordinati di Medici del Lavoro Competenti A. Serra Divisione in gruppi per esercitazioni su di casi concreti di valutazione del rischio da parte del Medico Competente; alla fine di nuovo in plenaria per seguire l esempio di una riunione della Sicurezza in una azienda di grandi dimensioni E. Ramistella Esercitazione sull intervista al DL V. Strappa Discussione plenaria G. Mosconi Sala Leonardo Coordinatore: P. Sartorelli Aggiornamenti in tema di diagnosi e prevenzione delle dermatiti professionali 9.00 Il rischio cutaneo P. Sartorelli 9.30 Epidemiologia delle dermatiti professionali C. Acciai Contributo del Medico Competente nella definizione e quantificazione del rischio allergologico cutaneo P. Leghissa 23

14 11.00 Aspetti clinici ed iter diagnostico D. Gambini Nuovi apteni in dermatologia professionale R. Valsecchi Giudizio di idoneità lavorativa e reinserimento lavorativo M. Crippa Casi clinici da discutere con i partecipanti al Corso P. Leghissa, P. Sartorelli Sala Monet Coordinatore: C. Colosio Valutazione del rischio e sorveglianza sanitaria in agricoltura 9.00 Rischi per la salute e malattie professionali nel comparto agricoltura C. Colosio, I. Cucchi 9.30 l rischio biologico quale rischio emergente in agricoltura e allevamento F. Vellere Criteri per la sorveglianza sanitaria dei lavoratori agricoli: proposte di protocolli per specifiche mansioni; problematiche emergenti (lavoro stagionale e temporaneo; lavoratori migranti) C. Somaruga Nuovi strumenti per la valutazione e gestione del rischio chimico in agricoltura F. M. Rubino, G. Vianello Dimostrazione pratica del monitoraggio dell esposizione con le tecniche Whole body e pads F. M. Rubino, G. Vianello Dalla misura sul campo alla valutazione di rischio: calcoli e decisioni F. M. Rubino, G. Vianello Discussione di casi emblematici I. Cucchi, C. Colosio, F. Vellere, C. Somaruga MERCOLEDì 17 OTTOBRE 2012 CERIMONIA INAUGURALE Sala Plenaria Presentazione ed apertura del Congresso Consegna premio di laurea Franco D Andrea Interventi delle Autorità La medicina del lavoro a Bergamo. Quarant anni dopo: ieri ed oggi P. Seghizzi Intervento del Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare C. Clini SESSIONE PLENARIA Sala Plenaria Aggiornamenti in tema di metallurgia Moderatori: S. Panza, M. Barbaro Aggiornamenti tecnologici in tema di metallurgia: i comparti di Acciaio e Ghisa R. Roberti 25

15 Misura degli agenti chimici in ambito metallurgico: acciaieria elettrica D. Cottica, E. Grignani, R. Ghitti, D. Festa, P. Apostoli Revisione dei principali contributi scientifici sulle patologie respiratorie dei lavoratori metallurgici P. Apostoli, S. Catalani, I. Cortesi Prospettive nello studio dei rischi in metallurgia: la sfida epigenetica P. A. Bertazzi, V. Bollati, M. Bonzini Nuove prospettive nel monitoraggio biologico dei metalli: l esempio del cromo A. Mutti, G. De Palma, M. Goldoni Discussione SESSIONI PARALLELE Sala Plenaria Acciaio e ghisa Moderatori: P. Apostoli, S. Panza La produzione industriale di materiali refrattari, natura chimica, processi di trasformazione ed aspetti igienistici per la tutela della salute dei lavoratori P. Pedersini, F. Maier, G. Alessandro, M. Maion, A. Romano Rischi per la salute e patologie da lavoro nelle fonderie di ghisa E. Brunelli, M. Sarnico, S. Garattini, F. Carminati, F. Borghetti, P.G. Barbieri Esposizione a polveri e a silice nella manutenzione dei rivestimenti refrattari dei forni metallurgici S. Garattini, P. G. Barbieri, F. Bottone, E. Brunelli, F. Carminati, R. Chiari, M. Sarnico Follow-up di 15 anni di sorveglianza sanitaria in un acciaieria ad arco elettrico P. Corti Interventi tecnici ed organizzativi per la salute e la sicurezza in un impianto siderurgico M. Fusato Discussione Sala Caravaggio Altri metalli Moderatori: A. Mutti, G. Assenato Quale futuro per la galvanica in Italia ed Europa P. L. Cavallotti Monitoraggio ambientale e biologico nell industria galvanica D. M. Cavallo, A. Cattaneo Rame e leghe di rame. Aggiornamenti tecnologici V. Loconsolo, M. Crespi Esposizione cumulativa a policlorurodibenzodiossine (PCDD), policlorodibenzofurani (PCDF) e policlorobifenili (PCB) in lavoratori metallurgici e nella popolazione generale della provincia di Brescia P. G. Barbieri, S. Garattini, T. Pizzoni, R. Festa, A. Abballe,V. Marra, N. Iacovella, A. M. Ingelido, S. Valentini, E. De Felip 27

16 Monitoraggio biologico dell esposizione ad elementi metallici cancerogeni e ad idrocarburi policiclici aromatici in quattro settori metallurgici secondari G. De Palma, A. Corsini, E. Gilberti, V. Gabusi, G. Tagliani, C. Tomasi, A. Gandellini, P. Apostoli Valutazione dei rischi alla salute nell industria del riciclo dei rottami metallici: il caso di Brescia G. B. Corsaro, V. Gabusi, A. Pilisi Discussione Sala Botticelli Storia della tutela della salute dei lavoratori Moderatori: G. Abbritti, G. Piolatto Introduzione S. Iavicoli Presentazione opera La salute al lavoro: storia della società italiana di medicina del lavoro e igiene industriale dalle origini ai nostri giorni L. Tommassini La tutela della salute del lavoratore edile nella storia M. A. Riva, G. Cesana, G. Mosconi Crespi d Adda: i rischi psicosociali in un villaggio operaio di fine 800 S. Punzi Stress e lavoro: problema non risolto R. Latocca, M. A. Riva, G. Cesana Ergonomia, igiene e razionalità. La Casa elettrica di Monza [1930] A. Colombo, A. Porro, A. F. Franchini Storia della previdenza marittima G. Bonifaci, C. De Rosa, M. A. Riva Discussione Cocktail Area Lounge Dante poeta del desiderio - Franco Nembrini GIOVEDì 18 OTTOBRE SESSIONE PLENARIA Aggiornamenti in tema di edilizia Sala Plenaria Materiali, tecnologie e rischi Moderatori: C. Macchia, G. Bonifaci Materiali per l edilizia C. Macchia Materiali cementizi: innovazione e sostenibilità G. L. Guerrini e S. Gardi Chimica per un edilizia sostenibile: 20 anni di progresso R. Leoni Il fenomeno infortunistico e tecnopatico nel settore dell edilizia: l esperienza dell Inail M. Clemente, G. Bonifaci, Goggiamani Edilizia: criticità e tutela della salute G. Mosconi, M. M. Riva, M. Santini Discussione 29

17 SESSIONI PARALLELE Sala Plenaria Valutazione del rischio, epidemiologia e sorveglianza sanitaria Moderatori: P. A. Bertazzi, D. Cottica Valutazione del rischio chimico in edilizia: principi e criticità M. Manno Percorsi di valutazione del rischio chimico in edilizia D. Cottica, E. Grignani, M. L. Scapellato, R. Butera, G. B. Bartolucci Esperienze di monitoraggio ambientale e biologico in edilizia G. B. Bartolucci, G. Mosconi, M. Carrieri, D. Cottica Malattie lavoro-correlate e giudizio di idoneità lavorativa in edilizia M. M. Riva, C. Bancone, F. Bigoni, M. Bresciani, M. Santini, G. Mosconi Epidemiologia dei tumori in edilizia G. Assennato, F. Cuccaro Esposizione a Silice Libera Cristallina in edilizia: valutazione degli effetti biologici E. Pira, P. G. Piolatto Discussione Sala Caravaggio Rischi, patologie e prevenzione nell industria di produzione del cemento Moderatori: A. Bergamaschi, S. Gardi La valutazione dei rischi A. Bergamaschi La determinazione della SLC nel cemento M. Mecchia La posizione europea rispetto al TLV della SLC J. Madera La sorveglianza sanitaria A. Magrini Significato e valore della determinazione della frazione toracica del particolato nei lavoratori dell industria del cemento K. C. Nordby Il TiO2 quale componente del cemento I. Iavicoli Discussione SESSIONI PARALLELE Sala Caravaggio Ergonomia in edilizia Moderatori: F. Violante, R. Lucchini Analisi posturale e biomeccanica della modellazione di barre metalliche in un officina ortopedica F. Draicchio, A. Miccio, S. Mari, A. Silvetti, F. Forzano, A. Ranavolo 31

18 Valutazione ergonomica della realizzazione del tavolato e intonacatura L. Dellera e G. Buratti Valutazione del rischio da sovraccarico biomeccanico agli arti e rachide negli addetti alla pavimentazione lapidea stradale E. Sala, R. Bonfiglioli, F. S. Violante, P. Apostoli Il dispendio energetico in edilizia D. Borleri, M. Santini, M. Bresciani, M. M. Riva, M. Ielapi, G. Bonelli, G. Mosconi Le patologie muscolo scheletriche in edilizia: analisi di una casistica ospedaliera M. Santini, M. M. Riva, G. Mosconi Rilevazione dei disturbi muscoloscheletrici in un gruppo di 2755 artigiani edili nella provincia di Bergamo N. Battevi, N. Vitelli Sala Giotto Dermopatie Professionali Moderatori: P. Sartorelli, L. Soleo La valutazione delle sensibilizzazioni professionali utilizzando i risultati multicentrici dei patch test: l esperienza del Triveneto F. Larese Filon, F. Rui, M. Bovenzi Gli indicatori biologici di dose ed effetto nella diagnostica delle patologie asbesto-correlate e nella sorveglianza sanitaria degli ex-esposti L. Montomoli, R. Romeo, A. G. Sisinni, A.C. Serio, V. Paolucci, G. Scancarello, L. Barabesi, D. Orsi, P. Sartorelli Esposizione a oli lubrorefrigeranti vegetali: effetti sulla salute M. M. Riva, G. Mosconi, P. Leghissa Rischio da radiazione ottica in edilizia F. M. Gobba, A. Modenese Dermatiti da Nichel, sindrome sistemica, immunogenesi e immunotolleranza: studio italiano A. M. Cirla, P. E. Cirla Verifica dell efficacia protettiva dei Dispositivi di Protezione Individuale per la cute, nei confronti dell esposizione per via cutanea a nicotina, in operatori addetti alla lavorazione del tabacco R. Foddis, M. Iuzzolini, E. Pantani, A. Ferraro, A. Baggiani, A. Cristaudo Allergie cutanee in un gruppo di lavoratori edili P. Cauz, F. Rui, M. Bovenzi, A. Prodi, F. Larese Filon Dermopatie in addetti alla vendita di prodotti ittici nella città di Bari L. Macinagrossa, T. Massaro, S. Potenza, G.L.M. Martina, A. Baldassarre, A. Longo, N. Schiavulli, M. Musti L utilizzo delle creme barriera in Medicina del Lavoro: finalità, limiti ed attuale impiego nella pratica clinica M. Morfea, M.I. D Orso, U. Giaroli, M.A. Riva, G.Cesana Prevalenza delle dermatiti da contatto occupazionali in una coorte di lavoratori edili seguiti presso il comitato paritetico territoriale di Bergamo nel periodo C. Bancone, M. Bresciani, M. M Riva, M. Santini, G. Mosconi 33

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Congresso Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Nel corso degli ultimi anni lo studio degli aspetti nutrizionali, dei

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro Indagine nazionale sulla salute e sicurezza sul lavoro Servizi di Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro PREMESSA La legge L. 833/1978 ha istituito il Sistema Sanitario Nazionale (SSN) e successive norme

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3 Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DI LECCE GIOVANNI Indirizzo Via Lancisi, 137 61121 PESARO (PU) - ITALIA - Telefono Casa: 0721201445 cell. 3396173661 E-mail giangidile@libero.it Cittadinanza

Dettagli

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova Genova 31 gennaio 2014 CORSO RESIDENZIALE nuovi paradigmi per una terapia personalizzata nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto CON IL PATROCINIO DI Obiettivi Il trattamento del

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Attività delle regioni e delle province autonome per la prevenzione nei luoghi di lavoro

Attività delle regioni e delle province autonome per la prevenzione nei luoghi di lavoro CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 13/030/CR7c/C7 Attività delle regioni e delle province autonome per la prevenzione nei luoghi di lavoro Anno 2011 Attività delle regioni e delle province

Dettagli

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale A cura di: - Inail Direzione Regionale Lombardia - Regione Lombardia - Direzione Generale Sanità Documento realizzato nell ambito della

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO Generalità (per informazioni specifiche sui singoli corsi (date, sedi,) consultare il sito del provider

Dettagli

Convegno. riflessioni PRESENTAZIONE. Copernico, 38. Via. Rev. 0 del 19/10/2010. pag. 1 di 6

Convegno. riflessioni PRESENTAZIONE. Copernico, 38. Via. Rev. 0 del 19/10/2010. pag. 1 di 6 Convegno AL TERMINE DI TELEMACO riflessioni a margine dell esperienza svolta www.telemaco.regione.lombardia.it Codice evento: SDSS 10092/AE VENERDI 12 NOVEMBRE 2010, ore 10.000 18.00 Politecnico di Milano

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

Infortunio sul lavoro:

Infortunio sul lavoro: Infortunio sul lavoro: evento che determina un danno alla persona, che si verifica per causa violenta in occasione di lavoro nell ambiente di lavoro, in un breve periodo di tempo (< 8 ore lavorative) Malattia

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME PATROCINI E COLLABORAZIONI MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE NOP NATIONAL O J E C T OUTCOME P R Assessorato alle Politiche Sociali Assessore Stefano Valdegamberi O sservatorio

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende Formazione e informazione perla prevenzione nell hotellerie e nella Gastronomia 2 Traduzione e adattamento italiani a cura di: Gruppo di lavoro

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro

Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro ID 142-115743 Edizione 1 Procedura per sottoscrivere la partecipazione: Il professionista sanitario che voglia conoscere i dettagli per l iscrizione al corso

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

ECOPED 2011. Corso di Perfezionamento in Ecografia Pediatrica. PISTOIA 27-30 Giugno 2011

ECOPED 2011. Corso di Perfezionamento in Ecografia Pediatrica. PISTOIA 27-30 Giugno 2011 Gruppo di Studio di Ecografia Pediatrica Società Italiana di Pediatria Corso di Perfezionamento in Ecografia Pediatrica ECOPED 2011 PISTOIA 27-30 Giugno 2011 PROGRAMMA DOCENTI E TUTORS Giuseppe Atti Carlo

Dettagli

11 Congresso Regionale. 2 Congresso Nazionale SIMG LOMBARDIA SIMG AREA PNEUMOLOGICA. Società Italiana di Medicina Generale

11 Congresso Regionale. 2 Congresso Nazionale SIMG LOMBARDIA SIMG AREA PNEUMOLOGICA. Società Italiana di Medicina Generale MONZA BRIANZA, 6-7 Maggio 2011 Devero Hotel Società Italiana di Medicina Generale 1 11 Congresso Regionale PRESIDENTI DEL CONGRESSO Claudio Cricelli e Aurelio Sessa PRESIDENTE ONORARIO Ovidio Brignoli

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 Testo coordinato con il Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

INCONTR-AIOSS 2015 COMPETENZE E ETICA BEST PRACTICE VS. 15-17 Ottobre 2015 AIOSS. Hotel Serena Majestic Montesilvano Lido (PE)

INCONTR-AIOSS 2015 COMPETENZE E ETICA BEST PRACTICE VS. 15-17 Ottobre 2015 AIOSS. Hotel Serena Majestic Montesilvano Lido (PE) Brochure Montesilvano 2015 30/07/15 12: Pagina 1 Associazione Italiana Operatori Sanitari di Stomaterapia INCONTR- 2015 Certificazione EN ISO 9001:2008 IQ-0905-12 per formazione ed aggiornamento COMPETENZE

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

20 SETTEMBRE - 2 a SESSIONE: Infermiere e Project Management

20 SETTEMBRE - 2 a SESSIONE: Infermiere e Project Management Il unitamente all Università degli Studi di Foggia Facoltà di Medicina e Chirurgia - Master di II livello in Project Manager in Sanità - ed i Collegi di Bari, BAT, Benevento, Bergamo, Campobasso, Caserta,

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

48 Congresso SItI. Milano, 14-18 Ottobre 2015 Opportunita' d'intervento riservate agli Sponsors. www.siti2015.org

48 Congresso SItI. Milano, 14-18 Ottobre 2015 Opportunita' d'intervento riservate agli Sponsors. www.siti2015.org 48 Congresso Milano, 14-18 Ottobre 2015 Opportunita' d'intervento riservate agli Sponsors COMITATI Presidente del Congresso: Carlo Signorelli, Presidente Presidente Comitato organizzatore: Francesco Auxilia,

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C. laformazione che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.M Premessa Di recente i disturbi specifici dell

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Programma di CORSO. Con il patrocinio di

Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Programma di CORSO. Con il patrocinio di Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Con il patrocinio di Corso di formazione ECM con metodo Problem Based Learning LE MALFORMAZIONI VASCOLARI CONGENITE: IL SOSPETTO DIAGNOSTICO E LA COMUNICAZIONE

Dettagli

CORSO SULLE STRATEGIE DI COMUNICAZIONE AUMENTATIVA E ALTERNATIVA: DAL GIOCO ALL AUSILIO

CORSO SULLE STRATEGIE DI COMUNICAZIONE AUMENTATIVA E ALTERNATIVA: DAL GIOCO ALL AUSILIO Rif. Organizzatore 8568-10035201 IN COLLABORAZIONE CON ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM CORSO SULLE STRATEGIE DI COMUNICAZIONE AUMENTATIVA

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Milano 2015. RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA.indd 1. Giovedì, Giovedì, RIPARLIAMO DI. Milano 2015

Milano 2015. RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA.indd 1. Giovedì, Giovedì, RIPARLIAMO DI. Milano 2015 Giovedì, Giovedì, RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA 26 marzo - 16 aprile - 7 maggio 18 giugno - 9 luglio - 24 settembre 8 ottobre - 19 novembre Relatori Dr. Alessandro Ceccherini,

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I Edizione 28 Settembre 2012 II Edizione 23 Novembre 2012 Martinengo - Sala Congressi Diapath L evento è stato

Dettagli

Cardioaritmologia nel Lazio

Cardioaritmologia nel Lazio Cardioaritmologia nel Lazio Regione Lazio Roma, 27-28 marzo 2015 Ergife Palace Hotel PROGRAMMA AVANZATO Con il Patrocinio di ANCE Cardiologia Italiana del Territorio Sezione Regionale Lazio Coordinatori:

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

CARDIOPATIA CRONICA. edizione 1 DELLA ISCHEMICA. STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare. corso di aggiornamento GESTIONE

CARDIOPATIA CRONICA. edizione 1 DELLA ISCHEMICA. STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare. corso di aggiornamento GESTIONE corso di aggiornamento GESTIONE DELLA CARDIOPATIA ISCHEMICA CRONICA STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare Direttore scientifico: 18 aprile 2015 Sala Rosangelo Mazzarino (CL) edizione 1 PROGRAMMA

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Corso ECM di formazione per gli operatori addetti alla gestione del Sistema Informativo sulle Malattie Professionali (Malprof )

Corso ECM di formazione per gli operatori addetti alla gestione del Sistema Informativo sulle Malattie Professionali (Malprof ) Centro nazionale per r la Prevenzione e il Controllo delle Malattie Conferenza dei Presidenti delle Regioni e delle Province Autonome Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro Dipartimento

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali

Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali S.C. Fisica Sanitaria S.C. Medicina Nucleare Pietra Ligure S.C. Neuroradiologia Diagnostica ed Interventistica S.C. Radiologia Diagnostica

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011 PROGRAMMA DEL CORSO: L'OCCHIO VEDE CIO' CHE L'OCCHIO CONOSCE: DAL NORMALE AL PATOLOGICO NELL'APPARATO LOCOMOTORE - APPLICAZIONE CLINICA DELLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DOCENTE : Dott. Nicola Gandolfo RESPONSABILE

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti. Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico

Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti. Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico Procedura per sottoscrivere la partecipazione Il professionista sanitario che voglia

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DELPIANO Laura Indirizzo Via Torino n. 112 int. 2 10036 SETTIMO TORINESE Telefono 011.898.26.34 Mobile: 333.10.60.176 Fax 011.898.26.34 E-mail laura.delpiano@cespi-centrostudi.it

Dettagli

GESTIONE DELLE PROBLEMATICHE CHIRURGICHE DEL NEONATO: UPDATE COMUNICATO STAMPA

GESTIONE DELLE PROBLEMATICHE CHIRURGICHE DEL NEONATO: UPDATE COMUNICATO STAMPA GESTIONE DELLE PROBLEMATICHE CHIRURGICHE DEL NEONATO: UPDATE COMUNICATO STAMPA Si terrà a Catania dal 30 Maggio all 1 Giugno 2013 un importante evento a livello nazionale che tratterà la tematica del neonato

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE

D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE Pag. 51 D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE Responsabile: Prof. Lucio SANTORO Sedi: Edifici 17 16-11G - 20 Direzione 4645 Segreteria 2788 Fax 2657 Portineria 2355 U.O.C.

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Alessandra Aste Indirizzo VIA IS MIRRIONIS 92, 09121 CAGLIARI Telefono 070 6095934 3346152648 Fax 0706096059

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli