Si allegano per le delegazioni le conclusioni del Consiglio sul Sud Sudan, adottate dal Consiglio nella 3466ª sessione tenutasi il 23 maggio 2016.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Si allegano per le delegazioni le conclusioni del Consiglio sul Sud Sudan, adottate dal Consiglio nella 3466ª sessione tenutasi il 23 maggio 2016."

Transcript

1 Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 23 maggio 2016 (OR. en) 9110/16 RISULTATI DEI LAVORI Origine: in data: 23 maggio 2016 Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni n. doc. prec.: 8891/16 Oggetto: COAFR 137 CFSP/PESC 405 RELEX 411 COHAFA 36 COHOM 53 Sud Sudan - Conclusioni del Consiglio (23 Maggio 2016) Si allegano per le delegazioni le conclusioni del Consiglio sul Sud Sudan, adottate dal Consiglio nella 3466ª sessione tenutasi il 23 maggio /16 arb/sp 1 DG C 1 IT

2 ALLEGATO Conclusioni del Consiglio sul Sud Sudan 1. La formazione del governo transitorio di unità nazionale in Sud Sudan in data 29 aprile 2016 costituisce un importante passo avanti nell'attuazione dell'accordo dell'agosto 2015 sulla risoluzione del conflitto in Sud Sudan ("l'accordo"). L'Unione europea (UE) si rallegra dei messaggi di pace e di riconciliazione pronunciati dal presidente Salva Kiir e dal primo vicepresidente Riek Machar in occasione dell'insediamento del governo transitorio. 2. È importante che tali parole si trasformino in fatti. Le sfide politiche, economiche e umanitarie che il Sud Sudan ha di fronte sono enormi. In via prioritaria, il governo transitorio deve intraprendere rapidamente passi decisivi per ripristinare la pace e la stabilità garantendo che tutte le parti rispettino l'impegno per un cessate il fuoco permanente. 3. L'UE invita il governo transitorio ad andare avanti senza indugio con l'attuazione di tutti gli aspetti dell'accordo, comprese la creazione delle istituzioni da esso previste e l'organizzazione di elezioni entro il periodo di transizione. Tutte le parti devono astenersi da atti unilaterali suscettibili di compromettere l'accordo. A tale riguardo, l'ue appoggia il comunicato dell'autorità intergovernativa per lo sviluppo (IGAD) che sollecita la sospensione di qualsiasi misura di attuazione del decreto presidenziale volto a dividere il paese in ventotto Stati fino a quando una commissione per i confini comprendente tutte le parti dell'accordo non abbia formulato una proposta per gli Stati e i loro confini. 9110/16 arb/sp 2

3 4. L'UE è molto preoccupata per il deterioramento della situazione umanitaria e le sofferenze della popolazione del Sud Sudan, in particolare in un momento in cui il paese affronta la peggiore crisi alimentare dalla sua indipendenza e continuano i soprusi. Il persistere delle violenze e le restrizioni all'accesso da parte delle organizzazioni umanitarie e della società civile alle popolazioni in stato di bisogno continuano ad ostacolare le operazioni umanitarie; tali restrizioni sono inaccettabili. L'UE invita il governo transitorio a consentire e facilitare, conformemente alle pertinenti disposizioni del diritto internazionale e ai principi guida delle Nazioni Unite in materia di aiuto umanitario, la fornitura piena, sicura e senza restrizioni di aiuto umanitario a tutti coloro che ne hanno bisogno. La situazione dei milioni di sfollati interni e rifugiati deve altresì essere affrontata con urgenza. L'UE esorta il governo transitorio ad assumersi, con le parole e i fatti, la propria responsabilità per la protezione di tutti i civili. 5. L'UE ribadisce l'invito ad assicurare che le risorse del Sud Sudan siano utilizzate in modo responsabile per la ricostruzione e la ripresa del paese e a vantaggio della popolazione del Sud Sudan nel suo complesso. La crisi economica che colpisce il Sud Sudan deve essere affrontata immediatamente attraverso riforme economiche complessive, comprese misure volte ad eliminare il malgoverno e la corruzione, che stabiliscano obiettivi realistici di spesa pubblica e un meccanismo per la gestione trasparente dei fondi pubblici. L'UE incoraggia il governo transitorio a lavorare a stretto contatto con le istituzioni finanziarie internazionali a tal fine e ad aderire ai pertinenti strumenti internazionali e regionali, in particolare l'iniziativa per la trasparenza delle industrie estrattive. 9110/16 arb/sp 3

4 6. L'UE, operando in stretta collaborazione con i paesi vicini del Sud Sudan e tutti i partner internazionali, è pronta a sostenere gli sforzi del governo transitorio di unità nazionale nelle attività di attuazione dell'accordo. Da parte sua, il governo transitorio deve adoperarsi per superare le divisioni del recente passato e operare in uno spirito di tolleranza e inclusività a favore della riconciliazione nazionale nell'interesse di tutti i cittadini del Sud Sudan. L'UE esorta il Sud Sudan ad aderire quanto prima possibile all'accordo di partenariato di Cotonou. Una società civile vivace, pluralistica e indipendente è indispensabile per la pace e la democrazia in Sud Sudan; l'ue esorta il governo transitorio ad assicurare che il quadro normativo che disciplina le attività delle organizzazioni non governative non ostacoli le loro attività legittime. 7. Alla luce della relazione della missione di valutazione dell'alto Commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani del 10 marzo 2016 e della risoluzione 31/20 del Consiglio delle Nazioni Unite per i diritti umani sulla situazione dei diritti umani in Sud Sudan, l'ue ribadisce la sua profonda preoccupazione per il fatto che in Sud Sudano siano state perpetrate, da tutte le parti e in totale impunità, gravi violazioni del diritto internazionale dei diritti umani e del diritto internazionale umanitario, tra cui uccisioni di civili, stupri e altre forme di violenza sessuale nonché il reclutamento di bambini soldato. Tutti gli atti di violenza nonché le violazioni e gli abusi dei diritti umani devono cessare immediatamente e i responsabili devono rispondere delle loro azioni ed essere consegnati alla giustizia. A questo proposito, l'ue chiede la rapida attuazione degli aspetti dell'accordo inerenti alla giustizia e alla riconciliazione ed esorta l'unione africana ad andare avanti rapidamente con l'istituzione del tribunale ibrido per il Sud Sudan. L'UE invita tutte le parti in Sud Sudan a cooperare con la Commissione per i diritti umani in Sud Sudan, istituita dal Consiglio delle Nazioni Unite per i diritti umani. 9110/16 arb/sp 4

5 8. L'UE sostiene il lavoro fondamentale ed imparziale della commissione congiunta di monitoraggio e valutazione (JMEC) e del suo presidente Festus Mogae, del meccanismo di monitoraggio del cessate il fuoco e delle disposizioni di sicurezza transitorie (CTSAMM) e di Ellen Margrethe Løj, rappresentante speciale del Segretario generale delle Nazioni Unite per il Sud Sudan (UN SRSG) e della missione delle Nazioni Unite in Sud Sudan (UNMISS). L'UE plaude al ruolo svolto dall'unmiss nella protezione dei civili in Sud Sudan e nel sostenere l'attuazione dell'accordo. L'UE si aspetta che il governo transitorio fornisca una collaborazione piena e incondizionata alla JMEC, al CTSAMM, all'un SRSG e all'unmiss. 9. La sicurezza e la stabilità del Sud Sudan sono importanti anche per la sicurezza e la stabilità della regione. L'UE plaude agli sforzi profusi dall'unione africana e dall'igad ed esorta i paesi della regione a continuare a sostenere il lavoro della JMEC. L'UE invita il governo transitorio a rispettare gli accordi conclusi con gli Stati limitrofi al fine di risolvere le questioni ancora aperte riguardanti la sicurezza, le frontiere e l'economia. 10. L'UE sottolinea la necessità di un'efficace attuazione dell'embargo dell'ue sulle armi nei confronti del Sud Sudan, in particolare da parte dei paesi che hanno aderito a tale embargo. L'UE rimane pronta a prendere in considerazione ulteriori sanzioni nei confronti di qualsiasi persona che ostacoli il processo di pace in Sud Sudan. 9110/16 arb/sp 5

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 16 ottobre 2015 (OR. en) EUCO 26/15 CO EUR 10 CONCL 4 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Segretariato generale del Consiglio Destinatario: delegazioni Oggetto: Riunione del Consiglio

Dettagli

Distr.: General 19 June 2008

Distr.: General 19 June 2008 United Nations S/RES/1820 (2008) Security Council Distr.: General 19 June 2008 Risoluzione del Consiglio di Sicurezza 1820 (2008) La risoluzione è stata adottata dal Consiglio di Sicurezza alla sua 5916esima

Dettagli

Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 31.8.2011 COM(2011) 543 definitivo 2011/0235 (NLE) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO che sospende in parte l'applicazione dell'accordo di cooperazione tra la Comunità economica

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE

PROGETTO DI RELAZIONE ASSEMBLEA PARLAMENTARE PARETICA ACP-UE Commissione per gli affari politici 31.7.2014 PROGETTO DI RELAZIONE sulla sfida della riconciliazione nazionale nei paesi in situazione di postconflitto e di post-crisi

Dettagli

Pechino 15 anni dopo - Piattaforma delle Nazioni Unite per la parità di genere

Pechino 15 anni dopo - Piattaforma delle Nazioni Unite per la parità di genere P7_TA-PROV(2010)0037 Pechino 15 anni dopo - Piattaforma delle Nazioni Unite per la parità di genere Risoluzione del Parlamento europeo del 25 febbaio 2010 su Pechino +15: Piattaforma d'azione delle Nazioni

Dettagli

Misure restrittive dell'ue

Misure restrittive dell'ue SCHEDA INFORMATIVA Bruxelles, 29 aprile 2014 Misure restrittive dell'ue Le sanzioni sono uno degli strumenti dell'ue per promuovere gli obiettivi della politica estera e di sicurezza comune (PESC): pace,

Dettagli

CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA. Bruxelles, 15 maggio 2007 (21.05) (OR. EN) 9561/07 DEVGEN 91 SOC 205

CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA. Bruxelles, 15 maggio 2007 (21.05) (OR. EN) 9561/07 DEVGEN 91 SOC 205 CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA Bruxelles, 15 maggio 2007 (21.05) (OR. EN) 9561/07 DEVGEN 91 SOC 205 NOTA del: Segretariato generale in data: 15 maggio 2007 n. doc. prec.: 9178/07 + REV 1, + REV 1 ADD 1,

Dettagli

Relazioni giordani comunità Europea La storia delle relazioni tra Giordania e comunità europea risale al 1977, quando è stato siglato un accordo di

Relazioni giordani comunità Europea La storia delle relazioni tra Giordania e comunità europea risale al 1977, quando è stato siglato un accordo di Relazioni giordani comunità Europea La storia delle relazioni tra Giordania e comunità europea risale al 1977, quando è stato siglato un accordo di cooperazione, entrato in vigore nel 1978. Queste relazioni

Dettagli

9524/16 cip/tar/s 1 DG G 3 C

9524/16 cip/tar/s 1 DG G 3 C Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 26 maggio 2016 (OR. en) 9524/16 RISULTATI DEI LAVORI Origine: Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni IND 111 RECH 207 TELECOM 99 MI 389 COMPET

Dettagli

Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration)

Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration) Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration) Conferenza Europea sulle Politiche sanitarie: opportunità per il futuro Copenaghen, Danimarca, 5-9 dicembre 1994. La Conferenza ha concordato di

Dettagli

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE Dichiarazione di Brasilia sul lavoro minorile Noi, rappresentanti dei governi e delle organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori che hanno partecipato

Dettagli

DECISIONE N.7/14 PREVENZIONE E LOTTA ALLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

DECISIONE N.7/14 PREVENZIONE E LOTTA ALLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE MC.DEC/7/14/Corr.1 1 Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa Consiglio dei ministri Basilea 2014 ITALIAN Original: ENGLISH Secondo giorno della ventunesima Riunione Giornale MC(21)

Dettagli

Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)]

Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)] Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)] Dichiarazione delle Nazioni Unite sull educazione e la formazione ai diritti umani (Traduzione non ufficiale) L

Dettagli

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE GOVERNO ITALIANO Dipartimento Politiche Comunitarie COMMISSIONE EUROPEA PARLAMENTO EUROPEO LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

Dettagli

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA Doc. XXII n. 12 PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE d iniziativa del senatore MICHELONI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 23 OTTOBRE 2013 Istituzione di una Commissione

Dettagli

AUDIZIONE VM PISTELLI MARTEDÌ 22 LUGLIO 2014, BRUXELLES (COHAFA)

AUDIZIONE VM PISTELLI MARTEDÌ 22 LUGLIO 2014, BRUXELLES (COHAFA) AUDIZIONE VM PISTELLI MARTEDÌ 22 LUGLIO 2014, BRUXELLES PRESENTAZIONE DEL PROGRAMMA PER IL SEMESTRE DI PRESIDENZA ITALIANA DEL GRUPPO DI LAVORO SULL AIUTO UMANITARIO (COHAFA) Spunti di intervento 1 INTRODUZIONE

Dettagli

Risoluzione del Parlamento europeo del 15 gennaio 2009 sulla situazione nel Corno d'africa

Risoluzione del Parlamento europeo del 15 gennaio 2009 sulla situazione nel Corno d'africa P6_TA-PROV(2009)0026 Situazione nel Corno d'africa Risoluzione del Parlamento europeo del 15 gennaio 2009 sulla situazione nel Corno d'africa Il Parlamento europeo, viste le sue precedenti risoluzioni

Dettagli

8394/15 rus,bla/paz/gl/s 1 DPG LIMITE IT

8394/15 rus,bla/paz/gl/s 1 DPG LIMITE IT Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 22 giugno 2015 (OR. en) 8394/15 LIMITE CO EUR-PREP 20 NOTA Origine: Segretariato generale del Consiglio Destinatario: Consiglio Oggetto: Consiglio europeo (25 e

Dettagli

Risoluzione ONU 1973/2011 sulla Libia. Traduzione italiana dal testo inglese.

Risoluzione ONU 1973/2011 sulla Libia. Traduzione italiana dal testo inglese. Risoluzione ONU 1973/2011 sulla Libia. Traduzione italiana dal testo inglese. Ecco il testo integrale della risoluzione 1973 (2011) sulla Libia, approvata dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite

Dettagli

ORIENTAMENTI DELL'UNIONE EUROPEA SUI BAMBINI E I CONFLITTI ARMATI

ORIENTAMENTI DELL'UNIONE EUROPEA SUI BAMBINI E I CONFLITTI ARMATI ORIENTAMENTI DELL'UNIONE EUROPEA SUI BAMBINI E I CONFLTI ARMATI I. I BAMBINI E I CONFLTI ARMATI 1. Si stima che, solo nello scorso decennio, i conflitti armati abbiano mietuto le vite di oltre due milioni

Dettagli

Diversi modi di cooperare Documento per l insegnante. Autore: Patrick Gilliard (Con la collaborazione di Lucy Clavel Raemy)

Diversi modi di cooperare Documento per l insegnante. Autore: Patrick Gilliard (Con la collaborazione di Lucy Clavel Raemy) Diversi modi di cooperare Documento per l insegnante Autore: Patrick Gilliard (Con la collaborazione di Lucy Clavel Raemy) 1 «Se date un pesce a un povero mangerà un giorno, ma se gli insegnate a pescare,

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE C 183/12 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 14.6.2014 Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 21 maggio 2014, sul piano di

Dettagli

CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D'EUROPA SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE E LA VIOLENZA DOMESTICA

CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D'EUROPA SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE E LA VIOLENZA DOMESTICA CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D'EUROPA SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE E LA VIOLENZA DOMESTICA Preambolo Istanbul, 11 maggio 2011 Gli Stati membri del Consiglio d

Dettagli

1. Consiglio europeo straordinario - Bruxelles, 21 settembre 2001

1. Consiglio europeo straordinario - Bruxelles, 21 settembre 2001 1. Consiglio europeo straordinario - Bruxelles, 21 settembre 2001 B5-0666, 0668 e 0674/2001 Risoluzione del Parlamento europeo sulla riunione straordinaria del Consiglio europeo del 21 settembre 2001 a

Dettagli

Aggiornamento degli ORIENTAMENTI DELL'UNIONE EUROPEA SUI BAMBINI E I CONFLITTI ARMATI

Aggiornamento degli ORIENTAMENTI DELL'UNIONE EUROPEA SUI BAMBINI E I CONFLITTI ARMATI Aggiornamento degli ORIENTAMENTI DELL'UNIONE EUROPEA SUI BAMBINI E I CONFLITTI ARMATI I. I BAMBINI E I CONFLITTI ARMATI 1. Si stima che, solo nello scorso decennio, i conflitti armati abbiano mietuto le

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 20 marzo 2015 (OR. en) EUCO 11/15 CO EUR 1 CONCL 1 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Oggetto: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Riunione del Consiglio

Dettagli

Mare Nostrum o di tutti? Italia e Unione europea alla prova dell emergenza migranti

Mare Nostrum o di tutti? Italia e Unione europea alla prova dell emergenza migranti Mare Nostrum o di tutti? Italia e Unione europea alla prova dell emergenza migranti Seminario organizzato dalla Friedrich-Ebert-Stiftung e dalla Fondazione Italianieuropei Roma, venerdì 14 novembre ore

Dettagli

P7_TA-PROV(2013)0602 Situazione nella Repubblica Centrafricana

P7_TA-PROV(2013)0602 Situazione nella Repubblica Centrafricana P7_TA-PROV(2013)0602 Situazione nella Repubblica Centrafricana Risoluzione del Parlamento europeo del 12 dicembre 2013 sulla situazione nella Repubblica centrafricana (2013/2980(RSP)) Il Parlamento europeo,

Dettagli

Le delegazioni troveranno in allegato la versione finale delle conclusioni del Consiglio EPSCO adottate il 3 Ottobre 2011.

Le delegazioni troveranno in allegato la versione finale delle conclusioni del Consiglio EPSCO adottate il 3 Ottobre 2011. CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA Bruxelles, 3 Ottobre 2011 14552/11 SOC 804 JEUN 53 CULT 66 NOTA Da : Il Segretariato Generale del Consiglio a : Le Delegazioni N. doc. prec.: 14061/1/11 REV 1 SOC 759 JEUN

Dettagli

vista la Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali,

vista la Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali, Risoluzione del Parlamento europeo del 23 ottobre 2013 sui flussi migratori nel Mediterraneo, con particolare attenzione ai tragici eventi al largo di Lampedusa (2013/2827(RSP)) Il Parlamento europeo,

Dettagli

La Dichiarazione di Pechino

La Dichiarazione di Pechino La Dichiarazione di Pechino CAPITOLO I OBIETTIVI 1. Noi, Governi partecipanti alla quarta Conferenza mondiale sulle donne, 2. Riuniti qui a Pechino nel settembre del 1995, nel cinquantesimo anniversario

Dettagli

Rifugiati siriani: come organizzare e sostenere gli aiuti internazionali?

Rifugiati siriani: come organizzare e sostenere gli aiuti internazionali? Risoluzione 1971 (2014) Rifugiati siriani: come organizzare e sostenere gli aiuti internazionali? 1. L Assemblea parlamentare ha affrontato la situazione dei rifugiati siriani nella sua Risoluzione 1902

Dettagli

Albania, Croazia, Danimarca, * El Salvador, Israele, Perù, Filippine, Tailandia, Ucraina e Stati Uniti: bozza di risoluzione revisionata

Albania, Croazia, Danimarca, * El Salvador, Israele, Perù, Filippine, Tailandia, Ucraina e Stati Uniti: bozza di risoluzione revisionata Nazioni Unite Consiglio Economico e Sociale Rivisto E/CN.7/2012/L.8/Rev.1 Distribuzione Limitata 15 marzo 2012 Commissione stupefacenti 55ª sessione Vienna, 12-16 marzo 2012 Punto 6 (a) dell agenda Attuazione

Dettagli

Un piano programmatico (road map) per dare al conflitto israelo-palestinese una soluzione permanente basata sulla creazione di due Stati.

Un piano programmatico (road map) per dare al conflitto israelo-palestinese una soluzione permanente basata sulla creazione di due Stati. Un piano programmatico (road map) per dare al conflitto israelo-palestinese una soluzione permanente basata sulla creazione di due Stati. Quanto segue è un piano programmatico con precisi obiettivi, fasi,

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE

PROGETTO DI RELAZIONE PARLAMENTO EUROPEO 2014-2019 Commissione per lo sviluppo 20.10.2014 2014/2154(INI) PROGETTO DI RELAZIONE sui lavori dell'assemblea parlamentare paritetica ACP-UE (2014/2154(INI)) Commissione per lo sviluppo

Dettagli

Linee guida dell Unione Europea sui bambini e i conflitti armati *

Linee guida dell Unione Europea sui bambini e i conflitti armati * Linee guida dell Unione Europea sui bambini e i conflitti armati * * Adottate dal Consiglio dell Unione Europea «Affari generali e relazioni esterne» dell 8 dicembre 2003 (doc. 15309/05 + COR 1). Sottoposte

Dettagli

di guerra e d Senza spettatori SIERRA LEONE

di guerra e d Senza spettatori SIERRA LEONE 26 Senza spettatori SIERRA LEONE La guerra in Sierra Leone DDal 1991 al 2001 la Sierra Leone ha vissuto 10 anni di una guerra fratricida scatenata dall interesse per le ricche miniere di diamanti presenti

Dettagli

L aiuto umanitario della Confederazione. salvare vite, alleviare la sofferenza

L aiuto umanitario della Confederazione. salvare vite, alleviare la sofferenza L aiuto umanitario della Confederazione salvare vite, alleviare la sofferenza Mandato «L aiuto umanitario deve contribuire, mediante misure preventive e di soccorso, a preservare la vita umana in pericolo

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE 14.6.2014 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea C 183/5 Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 20 maggio 2014, su un piano

Dettagli

Raccomandazione del Parlamento europeo sulla situazione in Iraq (2003/2178(INI))

Raccomandazione del Parlamento europeo sulla situazione in Iraq (2003/2178(INI)) P5_TA(2003)0401 Situazione in Iraq Raccomandazione del Parlamento europeo sulla situazione in Iraq (2003/2178(INI)) Il Parlamento europeo, visto l'articolo 104 del suo regolamento, visto l articolo 17,

Dettagli

Risoluzione. L'Assemblea Legislativa dell'emilia-romagna

Risoluzione. L'Assemblea Legislativa dell'emilia-romagna Regione EmiliaRomagna Assemblea legislativa AL/2015/16305 del 16/04/2015 OGGETTO 473 Bologna, 14/04/2015 G Risoluzione Alla Presidente Dell'Assemblea Legislativa Simonetta Saliera Sede L'Assemblea Legislativa

Dettagli

SEGNALAZIONE N. 20/2015 DEL 30.03.2015 A CURA DELLA DIREZIONE GENERALE DELLA PRESIDENZA SERVIZIO PER L UFFICIO DI BRUXELLES

SEGNALAZIONE N. 20/2015 DEL 30.03.2015 A CURA DELLA DIREZIONE GENERALE DELLA PRESIDENZA SERVIZIO PER L UFFICIO DI BRUXELLES SEGNALAZIONE N. 20/2015 DEL 30.03.2015 A CURA DELLA DIREZIONE GENERALE DELLA PRESIDENZA SERVIZIO PER L UFFICIO DI BRUXELLES AVENUE DES ARTS, 3-4-5, 1210 BRUXELLES TEL. +32(0)2.894.99.70 FAX +32(0)2.894.99.71

Dettagli

L Assemblea Generale,

L Assemblea Generale, Dichiarazione delle Nazioni Unite sull educazione e la formazione ai diritti umani. Adottata il 23 marzo 2011 dal Consiglio diritti umani, con Risoluzione 16/1 L Assemblea Generale, 165 Riaffermando gli

Dettagli

10.2.2011 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 42/49

10.2.2011 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 42/49 10.2.2011 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 42/49 Parere del Comitato delle regioni sul tema «Creare uno spazio di libertà, sicurezza e giustizia per i cittadini europei Piano d'azione per l'attuazione

Dettagli

Obblighi giuridici internazionali e impegni politici

Obblighi giuridici internazionali e impegni politici Annesso alla MC(9).DEC/1/Corr.1 PIANO DI AZIONE DI BUCAREST PER LA LOTTA Al TERRORISMO I. Obiettivo del Piano d Azione 1. Il terrorismo è una minaccia alla pace e alla sicurezza internazionali, nell area

Dettagli

CONVENZIONI ONU DICHIARAZIONE SULL'ELIMINAZIONE DELLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

CONVENZIONI ONU DICHIARAZIONE SULL'ELIMINAZIONE DELLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE CONVENZIONI ONU DICHIARAZIONE SULL'ELIMINAZIONE DELLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE Assemblea Generale delle Nazioni Unite, risoluzione 48/104 del 23 febbraio 1994. (Traduzione italiana a cura del Centro di

Dettagli

Le politiche europee nel settore dei Diritti Uguaglianza e Cittadinanza. Programma Diritti Uguaglianza e Cittadinanza 2014-2020 (REC):

Le politiche europee nel settore dei Diritti Uguaglianza e Cittadinanza. Programma Diritti Uguaglianza e Cittadinanza 2014-2020 (REC): Le politiche europee nel settore dei Diritti Uguaglianza e Cittadinanza Programma Diritti Uguaglianza e Cittadinanza 2014-2020 (REC): Martine Parmantier Commissione Europea DG Giustizia e dei Consumatori

Dettagli

RESOCONTO 35 COMITATO IPA (Bruxelles, 5 dicembre 2012).

RESOCONTO 35 COMITATO IPA (Bruxelles, 5 dicembre 2012). Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA COMMERCIALE INTERNAZIONALE Divisione VI Europa e Mediterraneo RESOCONTO 35 COMITATO

Dettagli

Il trattato di Lisbona parte II La nuova architettura istituzionale europea prevista dal trattato di Lisbona

Il trattato di Lisbona parte II La nuova architettura istituzionale europea prevista dal trattato di Lisbona Il trattato di Lisbona parte II La nuova architettura istituzionale europea prevista dal trattato di Lisbona La nuova politica estera e di sicurezza Tra le politiche europee la politica estera e di sicurezza

Dettagli

UNA NUOVA TAPPA DELLA POLITICA EUROPEA PER LO

UNA NUOVA TAPPA DELLA POLITICA EUROPEA PER LO CRPMPPP120012 B0 CONFERENCE DES REGIONS PERIPHERIQUES MARITIMES D EUROPE CONFERENCE OF PERIPHERAL MARITIME REGIONS OF EUROPE 6, rue Saint-Martin, 35700 RENNES - FR Tel.: + 33 (0)2 99 35 40 50 - Fax: +

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi

Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi Il Trattato di Lisbona Padova, 19 marzo 2010 Istituto Tecnico Einaudi Matteo Fornara LA STORIA DELL UNIONE EUROPEA Storia breve: 50 anni Obiettivi

Dettagli

10255/16 don/tar/s 1 DGC 2B

10255/16 don/tar/s 1 DGC 2B Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 20 giugno 2016 (OR. en) 10255/16 COHOM 79 COPS 192 CFSP/PESC 485 CSDP/PSDC 344 FREMP 116 INF 110 JAI 579 RELEX 517 RISULTATI DEI LAVORI del: Segretariato generale

Dettagli

Consultazione per il programma del PSE per le elezioni europee 2009: Documento di lavoro. L Europa nel mondo

Consultazione per il programma del PSE per le elezioni europee 2009: Documento di lavoro. L Europa nel mondo Consultazione per il programma del PSE per le elezioni europee 2009: Documento di lavoro 1. La sfida L Europa nel mondo Negli ultimi 20 anni, il mondo è cambiato in modo irreversibile. La stessa natura

Dettagli

INDICE. INTRODUZIONE. PIANO DELL INDAGINE pag. 1 PARTE PRIMA CAPITOLO I L INGERENZA UMANITARIA UNILATERALE TRA LA DOTTRINA E LA PRASSI

INDICE. INTRODUZIONE. PIANO DELL INDAGINE pag. 1 PARTE PRIMA CAPITOLO I L INGERENZA UMANITARIA UNILATERALE TRA LA DOTTRINA E LA PRASSI INDICE INTRODUZIONE. PIANO DELL INDAGINE pag. 1 PARTE PRIMA CAPITOLO I L INGERENZA UMANITARIA UNILATERALE TRA LA DOTTRINA E LA PRASSI 1. Il significato giuridico di ingerenza umanitaria pag. 9 2. Grozio:

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 18 dicembre 2015 (OR. en) EUCO 28/15 CO EUR 13 CONCL 5 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Segretariato generale del Consiglio Destinatario: delegazioni Oggetto: Riunione del Consiglio

Dettagli

ASSISTENZA UMANITARIA

ASSISTENZA UMANITARIA Consiglio dell'unione europea ASSISTENZA UMANITARIA Salvare vite e alleviare le sofferenze umane Italian Cooperation/Annalisa Vandelli UN ESPRESSIONE DI SOLIDARIETÀ Fornendo assistenza umanitaria, l Unione

Dettagli

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA Quale è la competenze dell Unione europea nell ambito della cultura? Il trattato di Maastricht (1993) ha consentito all'unione europea, storicamente orientata

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO I I MODELLI DI CODIFICAZIONE DEL PRINCIPIO AUT DEDERE AUT JUDICARE

INDICE SOMMARIO CAPITOLO I I MODELLI DI CODIFICAZIONE DEL PRINCIPIO AUT DEDERE AUT JUDICARE CAPITOLO I I MODELLI DI CODIFICAZIONE DEL PRINCIPIO AUT DEDERE AUT JUDICARE INTRODUZIONE 1. Oggetto e scopo dell indagine.......................... 1 2. Cenni sulle origini del principio aut dedere aut

Dettagli

AFRICA BASE GIURIDICA ACCORDO DI COTONOU

AFRICA BASE GIURIDICA ACCORDO DI COTONOU AFRICA Le relazioni UE-Africa sono governate da quadri strategici parzialmente sovrapposti. I più importanti sono l'accordo di Cotonou (2000) e la strategia congiunta Africa-UE, entrambi contenenti una

Dettagli

Il Consiglio d'europa: attività e opportunità per i giovani. Lezioni d'europa Siena 24 Marzo 2014. Silvia Volpi

Il Consiglio d'europa: attività e opportunità per i giovani. Lezioni d'europa Siena 24 Marzo 2014. Silvia Volpi Il Consiglio d'europa: attività e opportunità per i giovani Lezioni d'europa Siena 24 Marzo 2014 Silvia Volpi Argomenti Cenni sul Consiglio d'europa e suoi organi La Corte Europea dei diritti umani Cenni

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

COMITATO SUI DIRITTI DELL INFANZIA

COMITATO SUI DIRITTI DELL INFANZIA COMITATO SUI DIRITTI DELL INFANZIA CRC/GC/2002/2 Trentaduesima sessione 13-31 gennaio 2003 COMMENTO GENERALE N. 2 Il ruolo delle istituzioni nazionali indipendenti per i diritti umani in materia di promozione

Dettagli

ORIENTAMENTI PER UNA POLITICA DELL'UE NEI CONFRONTI DEI PAESI TERZI IN MATERIA DI TORTURA E ALTRE PENE O TRATTAMENTI CRUDELI, DISUMANI O DEGRADANTI

ORIENTAMENTI PER UNA POLITICA DELL'UE NEI CONFRONTI DEI PAESI TERZI IN MATERIA DI TORTURA E ALTRE PENE O TRATTAMENTI CRUDELI, DISUMANI O DEGRADANTI ORIENTAMENTI PER UNA POLITICA DELL'UE NEI CONFRONTI DEI PAESI TERZI IN MATERIA DI TORTURA E ALTRE PENE O TRATTAMENTI CRUDELI, DISUMANI O DEGRADANTI (Aggiornamento degli orientamenti) OBIETTIVO L'obiettivo

Dettagli

CREARE UN ONU ADATTA AL 21 SECOLO

CREARE UN ONU ADATTA AL 21 SECOLO CREARE UN ONU ADATTA AL 21 SECOLO Il Vertice Mondiale 2005 dibatterà le proposte che potrebbero dar vita alla ristrutturazione di maggiore portata che le Nazioni Unite abbiano mai conosciuto nei sessanta

Dettagli

13. Diritti umani nel mondo

13. Diritti umani nel mondo C 65 E/336 Gazzetta ufficiale delle Comunità europee IT 14.3.2002 13. Diritti umani nel mondo A5-0193/2001 Risoluzione del Parlamento europeo sui diritti dell uomo nel mondo nel 2000 e la politica dell

Dettagli

Si trasmettono in allegato per le delegazioni le conclusioni della Presidenza del Consiglio europeo di Bruxelles (16 e 17 giugno 2005).

Si trasmettono in allegato per le delegazioni le conclusioni della Presidenza del Consiglio europeo di Bruxelles (16 e 17 giugno 2005). CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA Bruxelles, 18 giugno 2005 (OR. EN) 10255/05 CONCL 2 NOTA DI TRASMISSIONE della: Presidenza alle: Delegazioni Oggetto: CONSIGLIO EUROPEO DI BRUXELLES 16 e 17 GIUGNO 2005 CONCLUSIONI

Dettagli

Nuova strategia europea in materia di responsabilità sociale d'impresa - Posizione delle imprese a livello UE

Nuova strategia europea in materia di responsabilità sociale d'impresa - Posizione delle imprese a livello UE Nuova strategia europea in materia di responsabilità sociale d'impresa - Posizione delle imprese a livello UE Confindustria Relazioni Industriali, Sicurezza e Affari Sociali La nuova strategia è stata

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

1. Adozione dell'ordine del giorno Approvazione dei punti "I" in allegato

1. Adozione dell'ordine del giorno Approvazione dei punti I in allegato Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 13 maggio 2016 (OR. en) 8965/16 OJ CRP2 18 COMIX 370 ORDINE DEL GIORNO PROVVISORIO Oggetto: Data: 18 maggio 2016 Orario: 10.00 Luogo: 2586ª riunione del COMATO

Dettagli

CODICE DI RESPONSABILITÀ IN MATERIA DI FINANZIAMENTO AL SETTORE DEGLI ARMAMENTI

CODICE DI RESPONSABILITÀ IN MATERIA DI FINANZIAMENTO AL SETTORE DEGLI ARMAMENTI CODICE DI RESPONSABILITÀ IN MATERIA DI FINANZIAMENTO AL SETTORE DEGLI ARMAMENTI Un progetto di CODICE DI RESPONSABILITÀ IN MATERIA DI FINANZIAMENTO AL SETTORE DEGLI ARMAMENTI INTRODUZIONE Science for

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti non legislativi) DECISIONI

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti non legislativi) DECISIONI 1.12.2014 L 345/1 II (Atti non legislativi) DECISIONI DECISIONE DEL CONSIGLIO del 1 o dicembre 2014 relativa alla notifica da parte del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord che desidera partecipare

Dettagli

Convenzione quadro di partenariato

Convenzione quadro di partenariato Convenzione quadro di partenariato Tra Il Ministero della Salute, sito in viale Mohammed V, n 335, Rabat, rappresentato dal suo delegato del Ministero della Salute alla provincia di Khouribga, Da una parte

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE SEC( 2006 ) 829 DEFINITIVO BILANCIO GENERALE - ESERCIZIO 2006 SEZIONE III - COMMISSIONE TITOLI 23, 31 BRUXELLES, 28.06.2006 STORNO DI STANZIAMENTI N. DEC 27/2006 Aiuti

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO. Risoluzione sui diritti delle persone disabili. Annunziata il 22 gennaio 1997

CAMERA DEI DEPUTATI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO. Risoluzione sui diritti delle persone disabili. Annunziata il 22 gennaio 1997 Camera dei Deputati 1 Senato della Repubblica CAMERA DEI DEPUTATI Doc. XII N. 76 RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO APPROVATA NELLA SEDUTA DI VENERDÌ 13 DICEMBRE 1996 Risoluzione sui diritti delle persone

Dettagli

CALRE, Santiago de Compostela, 7 NOVEMBRE 2014.

CALRE, Santiago de Compostela, 7 NOVEMBRE 2014. CALRE, Santiago de Compostela, 7 NOVEMBRE 2014. Colleghi, il ruolo che mi è stato affidato, di coordinatore del Gruppo di lavoro sull immigrazione della Calre, nel 2013, rappresenta un compito molto delicato

Dettagli

Si allegano per le delegazioni le conclusioni del Consiglio sulla Somalia, adottate dal Consiglio nella 3482ª sessione tenutasi il 18 luglio 2016.

Si allegano per le delegazioni le conclusioni del Consiglio sulla Somalia, adottate dal Consiglio nella 3482ª sessione tenutasi il 18 luglio 2016. Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 18 luglio 2016 (OR. en) 11238/16 COAFR 220 CFSP/PESC 618 RISULTATI DEI LAVORI Origine: Segretariato generale del Consiglio in data: 18 luglio 2016 Destinatario:

Dettagli

CODICE ETICO AZIENDALE

CODICE ETICO AZIENDALE CODICE ETICO AZIENDALE 1. Introduzione La Bruzzi Autotrasporti è un azienda di trasporti c/terzi inserita nel settore del mercato siderurgico, opera con le principali aziende di produzione e commercializzazione

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, secondo l articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d Europa,

Il Comitato dei Ministri, secondo l articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d Europa, Raccomandazione Rec (2012)5 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sul Codice Europeo di Etica per il personale penitenziario (adottata dal Comitato dei Ministri il 12 aprile 2012 nel corso della

Dettagli

Politiche europee per i giovani

Politiche europee per i giovani Politiche europee per i giovani Roma, 25 maggio 2011 Natalja Montefusco della Commissione europea Base giuridica: Trattato di Lisbona Articolo 165 (ex articolo 149 del TCE) L'azione dell'unione è intesa

Dettagli

CONSIGLIO EUROPEO Bruxelles, 27 giugno 2013 (OR. en)

CONSIGLIO EUROPEO Bruxelles, 27 giugno 2013 (OR. en) CONSIGLIO EUROPEO Bruxelles, 27 giugno 2013 (OR. en) EUCO 104/13 EXT 1 CO EUR 9 CONCL 6 NOTA DI TRASMISSIONE del: Segretariato generale del Consiglio alle: delegazioni Oggetto: CONSIGLIO EUROPEO 27 e 28

Dettagli

Abstract Tesi di Laurea di Serena Sartini. L Unione Europea e gli aiuti umanitari. La Crisi dei Grandi Laghi.

Abstract Tesi di Laurea di Serena Sartini. L Unione Europea e gli aiuti umanitari. La Crisi dei Grandi Laghi. Abstract Tesi di Laurea di Serena Sartini L Unione Europea e gli aiuti umanitari. La Crisi dei Grandi Laghi. L oggetto principale dello studio è stata l analisi della politica di aiuto umanitario dell

Dettagli

I. STRATEGIA DELL OSCE PER FAR FRONTE ALLE MINACCE ALLA SICUREZZA E ALLA STABILITÀ NEL VENTUNESIMO SECOLO

I. STRATEGIA DELL OSCE PER FAR FRONTE ALLE MINACCE ALLA SICUREZZA E ALLA STABILITÀ NEL VENTUNESIMO SECOLO I. STRATEGIA DELL OSCE PER FAR FRONTE ALLE MINACCE ALLA SICUREZZA E ALLA STABILITÀ NEL VENTUNESIMO SECOLO STRATEGIA DELL OSCE PER AFFRONTARE LE MINACCE ALLA SICUREZZA E ALLA STABILITÀ NEL VENTUNESIMO

Dettagli

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana.

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana. signore e signori, è un grande onore per il mio Paese, per l Italia, essere qui oggi. Vorrei ringraziare la Repubblica Federale Democratica d Etiopia e il Presidente dell Assemblea Generale, Sam Kutesa,

Dettagli

Competitività del Sistema: Ricerca, innovazione e creatività. Regione Lombardia - Delegazione di Bruxelles

Competitività del Sistema: Ricerca, innovazione e creatività. Regione Lombardia - Delegazione di Bruxelles Competitività del Sistema: Ricerca, innovazione e creatività Regione Lombardia - Delegazione di Bruxelles Spesa per ricerca e sviluppo in percentuale del PIL, 2006 3,0% 3,3% 2,6% 1,8% 1,3% UE Obiettivo

Dettagli

Orientamenti dell'ue in materia di promozione e tutela dei diritti del bambino

Orientamenti dell'ue in materia di promozione e tutela dei diritti del bambino Orientamenti dell'ue in materia di promozione e tutela dei diritti del bambino I Introduzione 1. La Convenzione sui diritti del fanciullo è il trattato in materia di diritti umani più ampiamente ratificato

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE

PROGETTO DI RELAZIONE PARLAMENTO EUROPEO 2014-2019 Commissione per lo sviluppo 29.4.2015 2014/2204(INI) PROGETTO DI RELAZIONE sulla crisi dell'ebola: gli insegnamenti a lungo termine e come potenziare i sistemi sanitari nei

Dettagli

Consiglio europeo delle libere professioni. Valori comuni delle libere professioni (I) nell Unione europea. Versione rivista 2014.

Consiglio europeo delle libere professioni. Valori comuni delle libere professioni (I) nell Unione europea. Versione rivista 2014. Consiglio europeo delle libere professioni Valori comuni delle libere professioni (I) nell Unione europea Versione rivista 2014 Preambolo Nel marzo del 2000 il Consiglio europeo di Lisbona ha adottato

Dettagli

LA SICUREZZA ALIMENTARE NELL UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA ALIMENTARE NELL UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA ALIMENTARE NELL UNIONE EUROPEA Che cosa si intende per sicurezza alimentare? Con questo termine si intendono tutte quelle politiche e quelle strategie messe in atto dall'unione al fine di

Dettagli

109a sessione plenaria, 3 e 4 dicembre 2014 PROGETTO DI PARERE. Sesta relazione sulla coesione economica, sociale e territoriale

109a sessione plenaria, 3 e 4 dicembre 2014 PROGETTO DI PARERE. Sesta relazione sulla coesione economica, sociale e territoriale 109a sessione plenaria, 3 e 4 dicembre 2014 COTER-V-052 PROGETTO DI PARERE Sesta relazione sulla coesione economica, sociale e territoriale Relatore: Nicola Zingaretti (IT/PSE) presidente della regione

Dettagli

DICHIARAZIONE DI ROMA

DICHIARAZIONE DI ROMA IL PRESIDENTE DICHIARAZIONE DI ROMA V. GISCARD d ESTAING PRESIDENTE DELLA CONVENZIONE EUROPEA Roma 18 luglio 2003 I. Il 18 luglio 2003 Valery Giscard d'estaing, Presidente della Convenzione sul futuro

Dettagli

Tabella di marcia per eliminare le peggiori forme di lavoro minorile entro il 2016

Tabella di marcia per eliminare le peggiori forme di lavoro minorile entro il 2016 Tabella di marcia per eliminare le peggiori forme di lavoro minorile entro il 2016 Documento finale Conferenza mondiale de L Aia sul lavoro minorile 2010 Verso un mondo senza lavoro minorile Tabella di

Dettagli

LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO DELL UE

LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO DELL UE ROADSHOW 2015 LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO DELL UE NUOVI TREND ED OPPORTUNITÀ PER LE IMPRESE ITALIANE LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO DELL UE GIORGIO SQUINZI PRESIDENTE CONFINDUSTRIA

Dettagli

LA STRATEGIA DELL UNIONE EUROPEA A FAVORE DELLA GIOVENTÙ: Investire nei giovani e conferire loro maggiori responsabilità

LA STRATEGIA DELL UNIONE EUROPEA A FAVORE DELLA GIOVENTÙ: Investire nei giovani e conferire loro maggiori responsabilità LA STRATEGIA DELL UNIONE EUROPEA A FAVORE DELLA GIOVENTÙ: Investire nei giovani e conferire loro maggiori responsabilità Roma, 2 dicembre 2010 Vittorio Calaprice della Commissione europea Dal 2009 al 2010

Dettagli

POAT. Europa per i Cittadini. Presentare una proposta di progetto. Comune di Agrigento Giovedì 14 Maggio 2015

POAT. Europa per i Cittadini. Presentare una proposta di progetto. Comune di Agrigento Giovedì 14 Maggio 2015 POAT PROGETTO OPERATIVO DI ASSISTENZA TECNICA ALLE REGIONI DELL OBIETTIVO CONVERGENZA Linea 3 - Ambito 1 Azioni a supporto della partecipazione ai programmi comunitari a gestione diretta e al lavoro in

Dettagli

11246/16 ele/pdn/s 1 DGC 1

11246/16 ele/pdn/s 1 DGC 1 Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 18 luglio 2016 (OR. en) 11246/16 RISULTATI DEI LAVORI Origine: in data: 18 luglio 2016 Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni n. doc. prec.:

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 28 giugno 2016 (OR. en) EUCO 26/16 CO EUR 5 CONCL 3 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Segretariato generale del Consiglio Destinatario: delegazioni Oggetto: Riunione del Consiglio

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE

PROGETTO DI RELAZIONE Parlamento europeo 2014-2019 Commissione per gli affari esteri 2015/2096(INI) 30.6.2015 PROGETTO DI RELAZIONE recante una proposta di risoluzione non legislativa sul progetto di decisione del Consiglio

Dettagli

Risoluzione del Parlamento europeo del 14 marzo 2013 sulle partite truccate e la corruzione nello sport (2013/2567(RSP))

Risoluzione del Parlamento europeo del 14 marzo 2013 sulle partite truccate e la corruzione nello sport (2013/2567(RSP)) P7_TA-PROV(2013)0098 Partite truccate e corruzione nello sport Risoluzione del Parlamento europeo del 14 marzo 2013 sulle partite truccate e la corruzione nello sport (2013/2567(RSP)) Il Parlamento europeo,

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli