PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali. Servizio Gare Provveditorato e Acquisti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali. Servizio Gare Provveditorato e Acquisti"

Transcript

1 Registro generale n del 2011 Determina senza Impegno DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali Servizio Gare Provveditorato e Acquisti Oggetto Affidamento del servizio di consulenza e brokeraggio assicurativo da prestare in favore della Provincia di Prato. Presa d atto delle osservazioni formulate in merito al capitolato speciale di appalto dalla AIBA. Formulazione chiarimenti. Direttore dell Area [Direttore] Ferrara Franca Documento informatico firmato digitalmente ai sensi del D.Lgs n. 82/2005 e s.m.i. e norme collegate, il quale sostituisce il documento cartaceo e la firma autografa; il documento informatico è prodotto, memorizzato e conservato digitalmente ed è rintracciabile nel sistema informativo della Provincia di Prato

2 Determina N del 05/08/2011 Oggetto: Affidamento del servizio di consulenza e brokeraggio assicurativo da prestare in favore della Provincia di Prato. Presa d atto delle osservazioni formulate in merito al capitolato speciale di appalto dalla AIBA. Formulazione chiarimenti. IL DIRETTORE RICHIAMATA la Determinazione dirigenziale n del 05/07/2011, avente ad oggetto Affidamento del servizio di consulenza e brokeraggio assicurativo da prestare in favore della Provincia di Prato. Indizione di gara. Approvazione progetto, schema di bando e relativi allegati. Adempimenti connessi e relativi impegni di spesa ; RICHIAMATA, altresì, la Determinazione Dirigenziale n del 13/07/2011, avente ad oggetto Affidamento del servizio di consulenza e brokeraggio assicurativo da prestare in favore della Provincia di Prato. Entrata in vigore del DPR 207/2010 e conversione in legge del D.L. 13/05/20112 n. 70. Adeguamento e riapprovazione atti di gara ; DATO ATTO che il bando di gara inerente la procedura di cui in oggetto è stato pubblicato sulla gazzetta ufficiale della repubblica Italiana V serie speciale n. 87 del 25/07/2011 e che la data di scadenza per la presentazione delle offerte è stata fissata per il 02/09/2011; VISTA la nota Prot sg/sa/ab in data 05/08/2011 (Prot. Prov. n del 05/08/2011) trasmessa dalla Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni, allegata al presente provvedimento, con cui con riferimento alla previsione nel Capitolato Speciale di appalto della possibilità di ricorrere all anticipazione dei premi assicurativi da parte del Broker per conto della Provincia (art. 2 del CSA) vengono svolte da parte dell AIBA le osservazioni di seguito riassunte: Osserviamo, in proposito, che tale previsione appare discutibile rispetto alle regole della contabilità pubblica, alle disposizioni della vigente normativa sull intermediazione e del TUB. Con essa si prefigura, innanzitutto, un attività di carattere finanziario che esula, senz altro, dalle competenze e dalle caratteristiche dell attività di intermediazione assicurativa e che, a nostro avviso, è riservata alle società finanziarie abilitate ed iscritte in appositi registri.

3 E indubbio, peraltro, che i rischi derivanti dallo svolgimento di un attività non riconducibile alla intermediazione assicurativa non troveranno, a nostro giudizio, la necessaria copertura nella polizza della RC professionale. La previsione di tale impegno, infine, potrebbe dare luogo ad una possibile censura da parte dell Isvap, organismo deputato al controllo del settore assicurativo, in quanto contrasta con le disposizioni di cui all art. 117 del Codice delle Assicurazioni e all art. 54 del Regolamento Isvap n. 5 che impongono al broker l istituzione di un conto separato dedicato alla raccolta dei premi, autonomo rispetto al conto di gestione della società di brokeraggio. Tenuto conto di quanto sopra, suggeriamo di eliminare, tra le prestazioni oggetto dell incarico, tale anomalo impegno che eccede gli obblighi di legge e le consuetudini di mercato ; RITENUTO in merito quanto segue: Che nella definizione datane dall'art. 106 del d.lgs. 209/2005, l'attività di intermediazione consiste nel presentare o proporre prodotti assicurativi e riassicurativi o nel prestare assistenza o consulenza finalizzate a tale attività e, se previsto dall'incarico, concludere contratti o collaborare alla gestione o all'esecuzione, segnatamente in caso di sinistri, dei contratti stipulati. Il Codice delle assicurazioni private, pur preoccupandosi di definire in dettaglio i requisiti per l'accesso alla professione di intermediario, è assolutamente laconico per quanto concerne la disciplina del contratto di intermediazione. Da qui anche le divergenze interpretative in merito alla qualificazione giuridica del brokeraggio assicurativo. Tre sono le tesi che, sul punto, si contendono il campo: la prima lo qualifica come mediazione, la seconda come prestazione d'opera intellettuale, la terza come contratto atipico. I fautori della tesi della natura promiscua, pur osservando che il rapporto di mediazione non può essere completamente obliterato, ritengono che il contratto di brokeraggio non sia interamente riconducibile a tale istituto e ciò perché il broker non si limita a mettere in relazione le parti per la conclusione del contratto di assicurazione, essendo sua comprimaria prestazione anche l'assistenza all'assicurato. Secondo tale filone interpretativo, dunque, accanto all'elemento della intermediazione, la prestazione del broker comprende il più complesso risk management dell'assicurato, dando vita ad un contratto atipico. L'impossibilità di risolvere il contratto di brokeraggio interamente nella mediazione trova riscontro nella prassi commerciale per cui la provvigione è pagata dall'assicuratore (e non già da entrambe le parti ai sensi dell'art c.c.). A sostegno di questa impostazione può osservarsi che l'art. 106 del d.lgs. 209/2005 ha espunto dalla definizione normativa dell'attività di brokeraggio il diretto rinvio alla mediazione civilistica contenuto nel previgente art. 1 della L.792/1984, prevedendo che essa consista genericamente nel presentare o proporre prodotti assicurativi e riassicurativi o nel prestare assistenza e consulenza finalizzate a tale attività. Questa definizione riprende, quasi testualmente, quella del Legislatore comunitario dell'art. 2,

4 comma 1, n. 3, direttiva 2002/92/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 9 dicembre In definitiva, può concludersi che nel recepire la disciplina comunitaria dell'intermediazione assicurativa, il d.lgs. 209/2005 ha rinunciato al tentativo di sussumere l'istituto sotto la categoria codicistica e si sia adeguato alla più ampia definizione comunitaria, la quale, a sua volta, prende atto del concreto atteggiarsi della prassi commerciale. Dunque il contratto di brokeraggio rimane un contratto solo parzialmente tipizzato in quanto sprovvisto di una esaustiva disciplina specifica intesa a delineare i profili strutturali della fattispecie. Dunque l'incarico di brokeraggio può sostanziarsi in una pluralità di attività in cui possono rintracciarsi elementi riferibili sul piano giuridico a diverse figure contrattuali, ove all'aspetto della consulenza e assistenza espletata a beneficio dell'assicurato si aggiunge anche la gestione del contratto assicurativo nella fase esecutiva e dunque concentrando nel contratto di brokeraggio un contratto misto in cui si sovrappongono elementi riferibili alla mediazione, al contratto d'opera intellettuale, all'appalto di servizi ed al mandato. Contratto appunto atipico che trova fonte nella prassi commerciale. Tra le attività svolte dal broker sicuramente è ricompresa la possibilità di regolare i pagamenti dei premi per il tramite dello stesso. Nella prassi dei rapporti assicurativi nella p.a. si è diffusa anche la circostanza di richiedere l'anticipazione dei premi per evitare scoperture assicurative all'ente. In tal senso già nella circolare dell'aiba n del 23/11/2005 che operava le prime valutazioni ed indicazioni in merito al D.Lgs. 209/2005, veniva rilevata da parte della stessa Associazione la circostanza per cui se alle scadenze convenute il contraente non paga i premi assicurativi, l'assicurazione resta sospesa dalle ore 24,00 del quindicesimo giorno dopo quello della scadenza. In relazione a ciò venivano rilevate dall Aiba nella stessa circolare le possibili soluzioni, per cui dato che i tempi di emissione di una nuova polizza sono estremamente lunghi, è stata trovata una soluzione, sancita negli accordi di collaborazione, che prevede la possibilità di tenere coperto il rischio, anche senza il pagamento del premio (in deroga all art. 1901), nel periodo compreso fra l intesa delle parti ed i trenta giorni successivi al ricevimento dei documenti contrattuali da parte del broker. Detta prassi operativa prosegue l AIBA nella sopraccitata circolare che di seguito si riassume, prevista dagli accordi di collaborazione Impresa/Broker, non ha nulla a che fare né con gli anticipi dei premi, né con le norme del Codice delle Assicurazioni sul Patrimonio separato, dato che prescinde dal pagamento del premio. Nei casi in cui però la compagnia non accordi la copertura del rischio senza il pagamento del premio secondo le modalità suddette (tipico è il caso delle prime rate delle polizze auto e delle polizze fideiussorie), oppure siano trascorsi i trenta giorni dal ricevimento dei documenti contrattuali (prima rata) o nel caso sia trascorso il periodo di mora (rate successive) è consuetudine che il broker ricorra all anticipo del premio scrive l AIBA. L anticipo del premio trae origine dalla volontà del broker (non dall obbligo) di non fare incorrere il contraente nella sospensione della garanzia. L intermediario, in tali casi, registra il pagamento del premio ed effettua la comunicazione di incasso all impresa, se prevista dall accordo di collaborazione. Al momento della rimessa dei premi alle compagnie (di norma il giorno 10 del mese successivo) l importo del premio anticipato viene comunque versato alla compagnia (al netto della provvigione), sia nel caso che sia stato nel frattempo pagato dal contraente, sia nel caso che non sia

5 stato pagato dal contraente. In questo secondo caso il broker resterà creditore nei confronti del cliente dell importo del premio, già materialmente versato alla compagnia. Dunque concludendo l'aiba nella predetta circolare che le disposizioni del Codice delle Assicurazioni sul conto separato non hanno nulla a che fare con la decorrenza o la sospensione della garanzia. Le stesse prevedono unicamente che gli importi dei premi versati all intermediario dai contraenti e gli importi dei sinistri versati all intermediario dalle compagnie costituiscono un Patrimonio separato, rispetto al patrimonio complessivo dell intermediario. Le rimesse dei saldi alle compagnie, contestuali alla trasmissione degli E/C mensili, continueranno con le identiche procedure in atto prima dell entrata in vigore del Codice delle Assicurazioni, sia che le disponibilità liquide siano giacenti per intero nel Patrimonio separato, sia che siano parzialmente giacenti i conti di transito del patrimonio del broker. Dunque il concetto di separazione patrimoniale espresso dall'art. 117 del D.Lgs. 209/2005 peraltro non nuovo essendo ancora da prima poiché ripreso dall'art. 22 del D.Lgs 58/98, non appare ostativo a quanto opzionato nel capitolato. Oltretutto lo stesso art. 117 del codice delle assicurazioni prevede in alternativa al conto separato l istituto della fideiussione, che consente una gestione tramite altri conti. RILEVATO inoltre che la fattibilità di una simile operazione, riportata nel Capitolato di cui trattasi, essendo prevista negli usi di settore, è tuttavia una operazione circoscritta dal Capitolato stesso a casi del tutto particolari e limitata nei presupposti e nelle finalità soprattutto se si tiene conto che le medesime finalità (evitare scoperture assicurative all ente) sono previamente raggiungibili con l ausilio dello stesso Broker con altri sistemi (prevedendo già nelle condizioni di polizza una dilazione del termine di pagamento ampiamente cautelativa e comunque richiedendo, tramite il broker, un ulteriore proroga all assicuratore in casi particolarmente complessi) si rileva come la clausola inserita nel capitolato sia di portata del tutto marginale e tale da non incidere in maniera né anomala, né significativa sul contratto; DATO ATTO inoltre che oltre ai limiti di fatto sopra specificati, l effettiva applicazione dell opzione prevista nel capitolato rimane subordinata per generale principio che regge il nostro ordinamento giuridico al ricorrere di tutti i presupposti di diritto per cui sicuramente in caso di impedimento assoluto derivante da disposizioni di legge, da verificare caso per caso, queste ultime prevarrebbero sulla clausola contrattuale, non ultima la normativa sulla tracciabilità dei flussi finanziari, con ampia garanzia per il contraente e per la stessa Amministrazione; RITENUTO OPPORTUNO precisare con riferimento alla condizione posta nel Capitolato speciale di appalto di cui trattasi, relativamente alla possibilità per l Ente di richiedere l anticipazione del premio da parte del Broker, a garanzia delle osservazioni mosse dalla AIBA

6 nella sopraccitata nota Prot sg/sa/ab in data 05/08/2011, che tale clausola è da intendersi oltre che assolutamente limitata nei presupposti di fatto nel Capitolato specificati, anche per superiore principio giuridico, al ricorrere dell assoluto rispetto di tutte le condizioni di legge comunque operanti in materia che in quanto tali sono da ritenersi integrative delle disposizioni convenzionali anche nel senso di una loro limitazione o se del caso disapplicazione. RIBADITO dunque in ogni caso che la possibilità potenziale prevista dal capitolato circa l'anticipazione del premio va letta nel senso di una previsione negoziale di accordo determinativo di un possibile contenuto del contratto, che rimane in ogni caso assolutamente subordinata nella concreta applicazione al determinarsi di tutte le condizioni di fatto e di diritto presupposte, tra cui sicuramente prevalente il rispetto formale e sostanziale della normativa in materia come derivante da principio generale per cui le clausole contrattuali devono comunque intendersi integrate dalle disposizioni normative. Dunque l eventuale anticipazione potrà avvenire solo compatibilmente con il rispetto della vigente normativa. DETERMINA 1. Di dare atto che le premesse sopra riportate formano parte integrante del presente dispositivo; 2. Di prendere atto delle osservazioni mosse al capitolato Speciale di appalto relativo alla gara di cui in oggetto formulate con nota Prot sg/sa/ab in data 05/08/2011 (Prot. Prov. n del 05/08/2011) dalla Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni; 3. di precisare in merito alle suddette osservazioni quanto segue: Che nella definizione datane dall'art. 106 del d.lgs. 209/2005, l'attività di intermediazione consiste nel presentare o proporre prodotti assicurativi e riassicurativi o nel prestare assistenza o consulenza finalizzate a tale attività e, se previsto dall'incarico, concludere contratti o collaborare alla gestione o all'esecuzione, segnatamente in caso di sinistri, dei contratti stipulati. Il Codice delle assicurazioni private, pur preoccupandosi di definire in dettaglio i requisiti per l'accesso alla professione di intermediario, è assolutamente laconico per quanto concerne la disciplina del contratto di intermediazione. Da qui anche le divergenze interpretative in merito alla qualificazione giuridica del brokeraggio assicurativo. Tre sono le tesi che, sul punto, si contendono il campo: la prima lo qualifica come mediazione, la seconda come prestazione d'opera intellettuale, la terza come

7 contratto atipico. I fautori della tesi della natura promiscua, pur osservando che il rapporto di mediazione non può essere completamente obliterato, ritengono che il contratto di brokeraggio non sia interamente riconducibile a tale istituto e ciò perché il broker non si limita a mettere in relazione le parti per la conclusione del contratto di assicurazione, essendo sua comprimaria prestazione anche l'assistenza all'assicurato. Secondo tale filone interpretativo, dunque, accanto all'elemento della intermediazione, la prestazione del broker comprende il più complesso risk management dell'assicurato, dando vita ad un contratto atipico. L'impossibilità di risolvere il contratto di brokeraggio interamente nella mediazione trova riscontro nella prassi commerciale per cui la provvigione è pagata dall'assicuratore (e non già da entrambe le parti ai sensi dell'art c.c.). A sostegno di questa impostazione può osservarsi che l'art. 106 del d.lgs. 209/2005 ha espunto dalla definizione normativa dell'attività di brokeraggio il diretto rinvio alla mediazione civilistica contenuto nel previgente art. 1 della L.792/1984, prevedendo che essa consista genericamente nel presentare o proporre prodotti assicurativi e riassicurativi o nel prestare assistenza e consulenza finalizzate a tale attività. Questa definizione riprende, quasi testualmente, quella del Legislatore comunitario dell'art. 2, comma 1, n. 3, direttiva 2002/92/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 9 dicembre In definitiva, può concludersi che nel recepire la disciplina comunitaria dell'intermediazione assicurativa, il d.lgs. 209/2005 ha rinunciato al tentativo di sussumere l'istituto sotto la categoria codicistica e si sia adeguato alla più ampia definizione comunitaria, la quale, a sua volta, prende atto del concreto atteggiarsi della prassi commerciale. Dunque il contratto di brokeraggio rimane un contratto solo parzialmente tipizzato in quanto sprovvisto di una esaustiva disciplina specifica intesa a delineare i profili strutturali della fattispecie. Dunque l'incarico di brokeraggio può sostanziarsi in una pluralità di attività in cui possono rintracciarsi elementi riferibili sul piano giuridico a diverse figure contrattuali, ove all'aspetto della consulenza e assistenza espletata a beneficio dell'assicurato si aggiunge anche la gestione del contratto assicurativo nella fase esecutiva e dunque concentrando nel contratto di brokeraggio un contratto misto in cui si sovrappongono elementi riferibili alla mediazione, al contratto d'opera intellettuale, all'appalto di servizi ed al mandato. Contratto appunto atipico che trova fonte nella prassi commerciale. Tra le attività svolte dal broker sicuramente è ricompresa la possibilità di regolare i pagamenti dei premi per il tramite dello stesso. Nella prassi dei rapporti assicurativi nella p.a. si è diffusa anche la circostanza di richiedere l'anticipazione dei premi per evitare scoperture assicurative all'ente. In tal senso già nella circolare dell'aiba n del 23/11/2005 che operava le prime valutazioni ed indicazioni in merito al D.Lgs. 209/2005, veniva rilevata da parte della stessa Associazione la circostanza per cui se alle scadenze convenute il contraente non paga i premi assicurativi, l'assicurazione resta sospesa dalle ore 24,00 del quindicesimo giorno dopo quello della scadenza. In relazione a ciò venivano rilevate dall Aiba nella stessa circolare le possibili soluzioni, per cui dato che i tempi di emissione di una nuova polizza sono estremamente lunghi, è stata trovata una soluzione, sancita negli accordi di collaborazione, che prevede la possibilità di tenere coperto il rischio, anche senza il pagamento del premio (in deroga all art. 1901), nel periodo compreso fra l intesa delle parti ed i trenta giorni successivi al ricevimento dei documenti contrattuali da parte del broker. Detta prassi operativa prosegue l AIBA nella sopraccitata circolare che di seguito si riassume, prevista dagli accordi di collaborazione Impresa/Broker, non ha nulla a che fare né con gli anticipi dei premi, né con le norme del Codice delle Assicurazioni sul Patrimonio separato, dato che prescinde dal pagamento del

8 premio. Nei casi in cui però la compagnia non accordi la copertura del rischio senza il pagamento del premio secondo le modalità suddette (tipico è il caso delle prime rate delle polizze auto e delle polizze fideiussorie), oppure siano trascorsi i trenta giorni dal ricevimento dei documenti contrattuali (prima rata) o nel caso sia trascorso il periodo di mora (rate successive) è consuetudine che il broker ricorra all anticipo del premio scrive l AIBA. L anticipo del premio trae origine dalla volontà del broker (non dall obbligo) di non fare incorrere il contraente nella sospensione della garanzia. L intermediario, in tali casi, registra il pagamento del premio ed effettua la comunicazione di incasso all impresa, se prevista dall accordo di collaborazione. Al momento della rimessa dei premi alle compagnie (di norma il giorno 10 del mese successivo) l importo del premio anticipato viene comunque versato alla compagnia (al netto della provvigione), sia nel caso che sia stato nel frattempo pagato dal contraente, sia nel caso che non sia stato pagato dal contraente. In questo secondo caso il broker resterà creditore nei confronti del cliente dell importo del premio, già materialmente versato alla compagnia. Dunque concludendo l'aiba nella predetta circolare che le disposizioni del Codice delle Assicurazioni sul conto separato non hanno nulla a che fare con la decorrenza o la sospensione della garanzia. Le stesse prevedono unicamente che gli importi dei premi versati all intermediario dai contraenti e gli importi dei sinistri versati all intermediario dalle compagnie costituiscono un Patrimonio separato, rispetto al patrimonio complessivo dell intermediario. Le rimesse dei saldi alle compagnie, contestuali alla trasmissione degli E/C mensili, continueranno con le identiche procedure in atto prima dell entrata in vigore del Codice delle Assicurazioni, sia che le disponibilità liquide siano giacenti per intero nel Patrimonio separato, sia che siano parzialmente giacenti i conti di transito del patrimonio del broker. Dunque il concetto di separazione patrimoniale espresso dall'art. 117 del D.Lgs. 209/2005 peraltro non nuovo essendo ancora da prima poiché ripreso dall'art. 22 del D.Lgs 58/98, non appare ostativo a quanto opzionato nel capitolato. Oltretutto lo stesso art. 117 del codice delle assicurazioni prevede in alternativa al conto separato l istituto della fideiussione, che consente una gestione tramite altri conti. 4. Di dare atto che la fattibilità dell anticipazione del premio da parte del Broker, riportata nel Capitolato di cui trattasi, essendo prevista negli usi di settore, è tuttavia una operazione circoscritta dal Capitolato stesso a casi del tutto particolari e limitata nei presupposti e nelle finalità soprattutto se si tiene conto che le medesime finalità (evitare scoperture assicurative all ente) sono previamente raggiungibili con l ausilio dello stesso Broker con altri sistemi (prevedendo già nelle condizioni di polizza una dilazione del termine di pagamento ampiamente cautelativa e comunque richiedendo, tramite il broker, un ulteriore proroga all assicuratore in casi particolarmente complessi) per cui si rileva come la clausola inserita nel capitolato sia di portata del tutto marginale e tale da non incidere in maniera né anomala, né significativa sul contratto; 5. Di dare atto che oltre ai limiti di fatto sopra specificati, l effettiva applicazione dell opzione prevista nel capitolato rimane subordinata per generale principio che regge il nostro ordinamento giuridico al ricorrere di tutti i presupposti di diritto per cui sicuramente in caso

9 di impedimento assoluto derivante da disposizioni di legge, da verificare caso per caso, queste ultime prevarrebbero sulla clausola contrattuale, non ultima la normativa sulla tracciabilità dei flussi finanziari, con ampia garanzia per il contraente e per la stessa Amministrazione; 6. di precisare con riferimento alla condizione posta nel Capitolato speciale di appalto di cui trattasi, relativamente alla possibilità per l Ente di richiedere l anticipazione del premio da parte del Broker, a garanzia delle osservazioni mosse dalla AIBA nella sopraccitata nota Prot sg/sa/ab in data 05/08/2011, che tale clausola è da intendersi oltre che assolutamente limitata nei presupposti di fatto nel Capitolato specificati, anche per superiore principio giuridico, al ricorrere dell assoluto rispetto di tutte le condizioni di legge comunque operanti in materia che in quanto tali sono da ritenersi integrative delle disposizioni convenzionali anche nel senso di una loro limitazione o se del caso disapplicazione; 7. di ribadire che in ogni caso la possibilità potenziale prevista dal capitolato circa l'anticipazione del premio va letta nel senso di una previsione negoziale di accordo determinativo di un possibile contenuto del contratto, che rimane tuttavia assolutamente subordinata nella concreta applicazione al determinarsi di tutte le condizioni di fatto e di diritto presupposte, tra cui sicuramente prevalente il rispetto formale e sostanziale della normativa in materia come derivante da principio generale per cui le clausole contrattuali devono comunque intendersi integrate dalle disposizioni normative. Dunque l eventuale anticipazione potrà avvenire solo compatibilmente con il rispetto della vigente normativa; 8. di rendere noto quanto con il presente provvedimento precisato all AIBA, nonché ai potenziali interessati mediante avviso sul Sito internet della Stazione Appaltante nell apposita sezione dedicata alla presente procedura di gara; 9. di trasmettere il presente provvedimento alla Segreteria Generale, per gli adempimenti di propria competenza. Per Il Direttore dell Area Entrate e Affari Generali Dott. Salvatore Santoro Il Direttore dell Area Istruzione, Formazione e Lavoro Dott.ssa Franca Ferrara (Giusto Decreto Presidenziale di sostituzione n. 54 del 01/08/2011)

10 PROVINCIA DI PRATO

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali. Servizio Gare Provveditorato e Acquisti

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali. Servizio Gare Provveditorato e Acquisti Registro generale n. 1133 del 2011 Determina con Impegno DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali Servizio Gare Provveditorato e Acquisti Oggetto Servizio di Brokeraggio

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali. Servizio Gare Provveditorato e Acquisti

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali. Servizio Gare Provveditorato e Acquisti Registro generale n. 3616 del 2012 Determina con Impegno di spesa DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali Servizio Gare Provveditorato e Acquisti Oggetto Area Entrate

Dettagli

RISOLUZIONE.7/E QUESITO

RISOLUZIONE.7/E QUESITO RISOLUZIONE.7/E Direzione Centrale Normativa Roma, 7 febbraio 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica - Esenzione da ritenute d acconto sulle provvigioni - Art. 25- bis, comma quinto, del DPR 29 settembre 1973,

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Risorse Umane e Finanziarie e Affari Generali

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Risorse Umane e Finanziarie e Affari Generali Registro generale n. 2281 del 31/07/2015 Determina di liquidazione di spesa DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Risorse Umane e Finanziarie e Affari Generali Servizio Gare Provveditorato e

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali. Servizio Gare Provveditorato e Acquisti

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali. Servizio Gare Provveditorato e Acquisti Registro generale n. 3615 del 2012 Determina con Impegno di spesa DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali Servizio Gare Provveditorato e Acquisti Oggetto Area Entrate

Dettagli

Comune di Cattolica Provincia di Rimini

Comune di Cattolica Provincia di Rimini Comune di Cattolica Provincia di Rimini DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 251 DEL 17/04/2015 AFFIDAMENTO SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO DEL COMUNE DI CATTOLICA, PERIODO 2015/2017 - PROCEDURA NEGOZIATA

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali. Servizio Gare Provveditorato e Acquisti

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali. Servizio Gare Provveditorato e Acquisti Registro generale n. 4260 del 17/12/2014 Determina con Impegno di spesa DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali Servizio Gare Provveditorato e Acquisti Oggetto Area Entrate

Dettagli

GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO DEL COMUNE DI CINISELLO BALSAMO

GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO DEL COMUNE DI CINISELLO BALSAMO COMUNE DI CINISELLO BALSAMO Via XXV Aprile n. 4 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIE E AZIENDE PARTECIPATE SERVIZIO ECONOMATO Tel. 0266023226-Fax 0266023244 e-mail alessia.peraboni@comune.cinisello-balsamo.mi.it

Dettagli

4. I mediatori di assicurazione e riassicurazione o brokers

4. I mediatori di assicurazione e riassicurazione o brokers La distribuzione del prodotto assicurativo 105 Subagente, coagenzia e procacciatore d affari Il subagente è un soggetto il quale viene incaricato da un agente, verso corrispettivo, di promuovere la conclusione

Dettagli

DIREZIONE BILANCIO FINANZA E TRIBUTI SETTORE GESTIONE BILANCIO FINANZIARIO APPUNTI IN MATERIA DI FIDEIUSSIONI

DIREZIONE BILANCIO FINANZA E TRIBUTI SETTORE GESTIONE BILANCIO FINANZIARIO APPUNTI IN MATERIA DI FIDEIUSSIONI DIREZIONE BILANCIO FINANZA E TRIBUTI SETTORE GESTIONE BILANCIO FINANZIARIO APPUNTI IN MATERIA DI FIDEIUSSIONI PREMESSA Il presente lavoro vuole essere un piccolo riassunto dei principali aspetti che è

Dettagli

Capitolato per il servizio di consulenza e brokeraggio assicurativo dell Università degli Studi di Camerino. Codice CIG: 03477181F8

Capitolato per il servizio di consulenza e brokeraggio assicurativo dell Università degli Studi di Camerino. Codice CIG: 03477181F8 ALLEGATO 2 Capitolato per il servizio di consulenza e brokeraggio assicurativo dell Università degli Studi di Camerino Codice CIG: 03477181F8 ART. 1 - OGGETTO DELL APPALTO E CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO

Dettagli

Determinazione Dirigenziale N. 539 del 01/04/2014

Determinazione Dirigenziale N. 539 del 01/04/2014 Determinazione Dirigenziale N. 539 del 01/04/2014 Classifica: 005.09 Anno 2014 (5420075) Oggetto ASSICURAZIONI. DETERMINAZIONE A CONTRARRE. PROCEDURA APERTA PER L AGGIUDICAZIONE DEL SERVIZIO DI COPERTURA

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali. Servizio Gare Provveditorato e Acquisti

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali. Servizio Gare Provveditorato e Acquisti Registro generale n. 1456 del 05/05/2014 Determina con Impegno di spesa DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali Servizio Gare Provveditorato e Acquisti Oggetto Area Entrate

Dettagli

Comune di Cattolica Provincia di Rimini

Comune di Cattolica Provincia di Rimini Comune di Cattolica Provincia di Rimini DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO Settore 2 Area P.O. N. 142 DEL 13/03/2015 DETERMINAZIONE A CONTRARRE EX ART. 192 D.LGS. 267/2000 E AFFIDAMENTO DELL'INCARICO

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali. Servizio Gare Provveditorato e Acquisti

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali. Servizio Gare Provveditorato e Acquisti Registro generale n. 1729 del 2012 Determina con di spesa DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali Servizio Gare Provveditorato e Acquisti Area Entrate e Affari Generali

Dettagli

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni.

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. QUADRO NORMATIVO ( Stralcio in Allegato n.1): L art. 23 della L.62/2005 (Comunitaria 2004) ha

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER IL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO

CAPITOLATO SPECIALE PER IL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE PER IL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO CIG 50773444D0 OGGETTO DELL'INCARICO L affidamento ha per oggetto lo svolgimento del servizio di brokeraggio assicurativo professionale,

Dettagli

Atto Dirigenziale n. 78 del 09/01/2012

Atto Dirigenziale n. 78 del 09/01/2012 Atto Dirigenziale N. 78 del 09/01/2012 Classifica: 005.09 Anno 2012 (4166161) Oggetto ASSICURAZIONI. PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG 3215426D76. AGGIUDICAZIONE

Dettagli

Oggetto: Indizione di una procedura aperta per l affidamento del servizio di brokeraggio e consulenza in campo assicurativo per la durata di 48 mesi.

Oggetto: Indizione di una procedura aperta per l affidamento del servizio di brokeraggio e consulenza in campo assicurativo per la durata di 48 mesi. 92 4.06.2012 Oggetto: Indizione di una procedura aperta per l affidamento del servizio di brokeraggio e consulenza in campo assicurativo per la durata di 48 mesi. Il Direttore del Servizio VISTA la deliberazione

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO ART. 1 - OGGETTO E PRESTAZIONI OGGETTO DELL INCARICO

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO ART. 1 - OGGETTO E PRESTAZIONI OGGETTO DELL INCARICO CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO ART. 1 - OGGETTO E PRESTAZIONI OGGETTO DELL INCARICO L incarico ha per oggetto l affidamento di consulenza e

Dettagli

COMUNE DI PERTICA ALTA Provincia di Brescia

COMUNE DI PERTICA ALTA Provincia di Brescia COMUNE DI PERTICA ALTA Provincia di Brescia DETERMINAZIONE N. 113 DEL 21.11.2013 OGGETTO: AFFIDAMENTO DIRETTO INCARICO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO ALLA SOCIETA JANUA BROKER SPA. TRIENNIO 01.11.2013 01.11.2016.

Dettagli

Il DIPARTIMENTO RISORSE FINANZIARIE ED ECONOMICHE UFFICIO PROVVEDITORATO. Determinazione n. 106 del 03/02/2015

Il DIPARTIMENTO RISORSE FINANZIARIE ED ECONOMICHE UFFICIO PROVVEDITORATO. Determinazione n. 106 del 03/02/2015 Il DIPARTIMENTO RISORSE FINANZIARIE ED ECONOMICHE UFFICIO PROVVEDITORATO Determinazione n. 106 del 03/02/2015 Oggetto: ACQUISTO MATERIALE TIPOGRAFICO '' DIVORZIO BREVE- SEPARAZIONI CONSENSUALI'' PER IL

Dettagli

CITTA' DI PIAZZA ARMERINA PROVINCIA DI ENNA

CITTA' DI PIAZZA ARMERINA PROVINCIA DI ENNA CITTA' DI PIAZZA ARMERINA PROVINCIA DI ENNA 1 Settore - Segreteria ed Affari Generali Determina n. 10052 del 12.02.2009 Oggetto: Affidamento del servizio di BROKERAGGIO ASSICURATIVO. Vista la deliberazione

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Risorse Umane e Finanziarie e Affari Generali.

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Risorse Umane e Finanziarie e Affari Generali. Registro generale n. 3589 del 17/12/2015 Determina con Impegno di spesa DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Risorse Umane e Finanziarie e Affari Generali Servizio di Staff Oggetto Determinazione

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali. Servizio Gare Provveditorato e Acquisti

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali. Servizio Gare Provveditorato e Acquisti Registro generale n. 4716 del 2012 Determina con Impegno di spesa DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali Servizio Gare Provveditorato e Acquisti Oggetto Fornitura di

Dettagli

RISOLUZINE N. 267/E. Roma, 30 ottobre 2009

RISOLUZINE N. 267/E. Roma, 30 ottobre 2009 RISOLUZINE N. 267/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 30 ottobre 2009 OGGETTO: Interpello articolo 11 legge 27 luglio 2000, n. 212 Operazioni esenti IVA Attività di intermediazione relative

Dettagli

Call center: collaborazioni a progetto anche per indagini di mercato, statistiche e scientifiche

Call center: collaborazioni a progetto anche per indagini di mercato, statistiche e scientifiche CIRCOLARE A.F. N. 141 del 20 Settembre 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Call center: collaborazioni a progetto anche per indagini di mercato, statistiche e scientifiche Gentile cliente, desideriamo informarla

Dettagli

COMUNE DI CORROPOLI. (Provincia di Teramo) Copia di DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE SEDUTA DEL 07/03/2014 N 16

COMUNE DI CORROPOLI. (Provincia di Teramo) Copia di DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE SEDUTA DEL 07/03/2014 N 16 COMUNE DI CORROPOLI (Provincia di Teramo) Copia di DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE SEDUTA DEL 07/03/2014 N 16 OGGETTO: ATTO DI INDIRIZZO AI FINI DELL AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROPONENTE Unità di staff Economato DIRETTORE SECCHI dott.ssa TANIA Numero di registro Data dell'atto 71 26/01/2015 Oggetto : Approvazione del progetto e contestuale indizione

Dettagli

APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZA ASSICURATIVA BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE

APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZA ASSICURATIVA BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZA ASSICURATIVA BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO Il presente capitolato ha per oggetto l appalto del servizio professionale

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE SERVIZIO SANITARIO REGIONALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 1 TRIESTINA TRIESTE DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n. 143 del 18/04/2014 OGGETTO Presa d'atto dell'avvenuto affidamento alla Willis

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali. Servizio Gare Provveditorato e Acquisti

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali. Servizio Gare Provveditorato e Acquisti Registro generale n. 296 del 2012 Determina senza Impegno di spesa DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali Servizio Gare Provveditorato e Acquisti Oggetto AREA ENTRATE

Dettagli

COMUNE DI RUBIERA (Provincia di Reggio Emilia) DETERMINAZIONE N 166 DEL 25/03/2015

COMUNE DI RUBIERA (Provincia di Reggio Emilia) DETERMINAZIONE N 166 DEL 25/03/2015 (Provincia di Reggio Emilia) C O P I A DETERMINAZIONE N 166 DEL 25/03/2015 SETTORE 1 - AFFARI GENERALI E ISTITUZIONALI Servizio/U.o.: Segreteria OGGETTO: CIG 6188851169 DETERMINAZIONE A CONTRATTARE: INDIZIONE

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 72/2014 del 02.07.2014 OGGETTO: AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER ANNI 1 (UNO). IL DIRIGENTE SCOLASTICO

DETERMINAZIONE N. 72/2014 del 02.07.2014 OGGETTO: AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER ANNI 1 (UNO). IL DIRIGENTE SCOLASTICO Sede Amm.va Segreteria Viale dei Mille n. 158 47042 Cesenatico (FC) DETERMINAZIONE N. 72/2014 del 02.07.2014 OGGETTO: AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER ANNI 1 (UNO). IL DIRIGENTE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI DIREZIONE GENERALE AVVISO PUBBLICO PER INDAGINE DI MERCATO FINALIZZATA ALL EVENTUALE AFFIDAMENTO DIRETTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER L UNIVERSITA DEGLI

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali. Servizio Gare Provveditorato e Acquisti

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali. Servizio Gare Provveditorato e Acquisti Registro generale n. 1480 del 2011 Determina di liquidazione DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali Servizio Gare Provveditorato e Acquisti Oggetto Area Entrate e Affari

Dettagli

N. Rep... SCHEMA DI CONTRATTO

N. Rep... SCHEMA DI CONTRATTO SCHEMA DI CONTRATTO N. Rep.... LAVORI PER LA NUOVA PAVIMENTAZIONE IN CALCESTRUZZO STAMPATO COME ESISTENTE NEL CORTILE INTERNO DELLA SEDE DI PIAZZA CARDINAL FERRARI DELL AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTO ORTOPEDICO

Dettagli

SERVIZIO: AFFARI GENERALI/AMMINISTRATIVO. Ufficio Affari Generali

SERVIZIO: AFFARI GENERALI/AMMINISTRATIVO. Ufficio Affari Generali COMUNE DI AZZATE PROV. VARESE SERVIZIO: AFFARI GENERALI/AMMINISTRATIVO Ufficio Affari Generali D E T E R M I N A Z I O N E N. 033 DEL 05.06.2015 OGGETTO: Rinnovo polizza RC Patrimoniale LLoyd s dal 30.06.2015

Dettagli

comma 1 sono ricompresi anche i contratti pubblici disciplina apposita

comma 1 sono ricompresi anche i contratti pubblici disciplina apposita Articolo 22 (Norme di interpretazione e modifiche al D.Lgs. 231/2002, recante attuazione della direttiva 2000/35/CE relativa alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali Caso

Dettagli

COMUNE di LAURIA SETTORE I AFFARI GENERALI - ISTITUZIONALI E LEGALI. DETERMINAZIONE N. 122 del 24/06/2013

COMUNE di LAURIA SETTORE I AFFARI GENERALI - ISTITUZIONALI E LEGALI. DETERMINAZIONE N. 122 del 24/06/2013 SETTORE I AFFARI GENERALI - ISTITUZIONALI E LEGALI DETERMINAZIONE N. 122 del 24/06/2013 N. Reg. Gen. 310 del 24/06/2013 Id. Documento 246715 Servizio/Ufficio proponente: SETTORE I AFFARI GENERALI - ISTITUZIONALI

Dettagli

Determinazione Dirigenziale N. 478 del 01/04/2016

Determinazione Dirigenziale N. 478 del 01/04/2016 Determinazione Dirigenziale N. 478 del 01/04/2016 Classifica: 005.10.04 Anno: 2016 (6711013) Oggetto AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI CARTA PER SERVIZI E UFFICI DELLA CITTA METROPOLITANA TRAMITE ORDINE

Dettagli

DETER I A I E DIRIGE IA E

DETER I A I E DIRIGE IA E DETER I A I E DIRIGE IA E 2380 DE 27 06 2014 SETTORE AFFARI GENERALI E ISTITUZIONALI - CONTRATTI APPALTI ESPROPRIAZIONI - UFFICIO CASA OGGETTO: SERVIZI ASSICURATIVI A COPERTURA DEI RISCHI INERENTI LA R.C.A.

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali. Servizio Gare Provveditorato e Acquisti

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali. Servizio Gare Provveditorato e Acquisti Registro generale n. 2940 del 2011 Determina con Impegno DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali Servizio Gare Provveditorato e Acquisti Oggetto Impegno per la pubblicazione

Dettagli

COMUNE DI GRADO Provincia di Gorizia AREA ECONOMICO FINANZIARIA E SOCIALE SERVIZIO BILANCIO - CONTABILITA' GENERALE - ECONOMATO E PROVVEDITORATO

COMUNE DI GRADO Provincia di Gorizia AREA ECONOMICO FINANZIARIA E SOCIALE SERVIZIO BILANCIO - CONTABILITA' GENERALE - ECONOMATO E PROVVEDITORATO COMUNE DI GRADO Provincia di Gorizia AREA ECONOMICO FINANZIARIA E SOCIALE O BILANCIO - CONTABILITA' GENERALE - ECONOMATO E PROVVEDITORATO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Determinazione nr. 223 Data adozione:

Dettagli

CSA SERVIZI DI BROKERAGGIO

CSA SERVIZI DI BROKERAGGIO CSA SERVIZI DI BROKERAGGIO 2015-2017 Brescia 10 giugno 2015 Brescia Infrastrutture CSA Gara Servizio di Brokeraggio 2015-2017 Pagina 1 INDICE 1. OGGETTO DELL APPALTO E CARATTERISTICHE MINIME DEL SERVIZIO...

Dettagli

Comune di Villa di Tirano

Comune di Villa di Tirano Comune di Villa di Tirano! "" #$% &' ( CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO 1. OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto l affidamento del servizio

Dettagli

Art. 1 - OGGETTO DELL INCARICO

Art. 1 - OGGETTO DELL INCARICO CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO DELL AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI DELLA PROVINCIA DI TRENTO Art. 1 - OGGETTO DELL INCARICO Il servizio ha per

Dettagli

Art. 63 (Trasferimento al registro delle persone fisiche iscritte nell Albo nazionale degli agenti di assicurazione) Comma 1

Art. 63 (Trasferimento al registro delle persone fisiche iscritte nell Albo nazionale degli agenti di assicurazione) Comma 1 (introducendo l esclusione della sanzione in caso di violazione di obblighi negoziali di contenuto meramente dispositivo contenuti nell incarico o nell accordo di intermediazione) e punto 6 (aggiungendo

Dettagli

Art. 1: Oggetto dell appalto

Art. 1: Oggetto dell appalto Art. 1: Oggetto dell appalto Il presente capitolato ha per oggetto il servizio di consulenza e brokeraggio assicurativo, ed in particolare: o il servizio di assistenza, consulenza e gestione del programma

Dettagli

Numero CIG 59174523DE RISPOSTA A RICHIESTA DI INFORMAZIONI COMPLEMENTARI N. 2

Numero CIG 59174523DE RISPOSTA A RICHIESTA DI INFORMAZIONI COMPLEMENTARI N. 2 Procedura aperta per l affidamento di gas naturale per il periodo 01.01.2015 31.12.2015. Autorizzata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 22.07.2014. Numero CIG 59174523DE RISPOSTA A RICHIESTA

Dettagli

APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE

APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE ART. 1 - OGGETTO DELL APPALTO Il presente capitolato ha per oggetto l appalto del servizio professionale di consulenza

Dettagli

Comune di Bassano del Grappa

Comune di Bassano del Grappa Comune di Bassano del Grappa DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Registro Unico OGGETTO: 807 / 2015 Area Staff AFFIDAMENTO SERVIZI ASSICURATIVI POLIZZA INCENDIO ED ALTRI EVENTI CATASTROFALI - C.I.G Z02151AD87,

Dettagli

Comune di Cattolica Provincia di Rimini

Comune di Cattolica Provincia di Rimini Comune di Cattolica Provincia di Rimini DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 193 DEL 26/03/2015 SERVIZIO DI MANUTENZIONE SOFTWARE DELLA SOLUZIONE CMS E DELLA TECNOLOGIA DI DATABASE CONTESTUALMENTE AL CATALOGO

Dettagli

C.I.G. n. Z211508FBE

C.I.G. n. Z211508FBE Prot. n. 3592/C14b Savona, 19 giugno 2015 BANDO DI SELEZIONE AD INVITO PER AFFIDAMENTO SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER LA STIPULA DELLA POLIZZA ASSICURATIVA SCOLASTICA INTEGRATIVA C.I.G. n. Z211508FBE

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DELLA COPERTURA ASSICURATIVA COMUNALE DEL SERVIZIO PROFESSIONALE DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO

SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DELLA COPERTURA ASSICURATIVA COMUNALE DEL SERVIZIO PROFESSIONALE DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DELLA COPERTURA ASSICURATIVA COMUNALE DEL SERVIZIO PROFESSIONALE DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha ad oggetto l affidamento del

Dettagli

IL AREA AMMINISTR.CONTABILE

IL AREA AMMINISTR.CONTABILE OGGETTO: Manutenzione ordinaria arredo urbano. Affidamento alla Cooperativa Promozione Lavoro di San Bonifacio. IL AREA AMMINISTR.CONTABILE RICHIAMATA la delibera di Giunta Comunale n. 13 del 01.03.2012,

Dettagli

ALLEGATO C CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

ALLEGATO C CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ALLEGATO C CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO relativo alla procedura aperta bandita ai sensi dell art. 55 del D.Lgs. n. 163/2006, per l affidamento del servizio di consulenza e brokeraggio assicurativo per

Dettagli

POLIZZA PER L ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ CIVILE AUTO LIBRO MATRICOLA

POLIZZA PER L ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ CIVILE AUTO LIBRO MATRICOLA Contraente / Ente POLIZZA PER L ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ CIVILE AUTO LIBRO MATRICOLA Partita I.V.A. COMUNE DI GUALTIERI 00440630358 sede legale c.a.p. Località Piazza Bentivoglio 26 42044 GUALTIERI

Dettagli

Unione Nazionale Agenti Professionisti di Assicurazione ISVAP *** ** ***

Unione Nazionale Agenti Professionisti di Assicurazione ISVAP *** ** *** ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazione Private e di Interesse Collettivo Via Del Quirinale, 21 00187 ROMA *** ** *** PROPOSTE DI EMENDAMENTO AL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 49/2012; SCHEMA

Dettagli

Questionario R.C. Merloni e Normativa

Questionario R.C. Merloni e Normativa Le informazioni trascritte nel presente modulo sono ad uso esclusivo di Euroconsul S.r.l. e verranno trattate con la massima riservatezza al solo fine di ottenere la quotazione del rischio dalle principali

Dettagli

CONSIDERATO, ALTRESÌ, CHE:

CONSIDERATO, ALTRESÌ, CHE: DELIBERAZIONE 15 NOVEMBRE 2012 473/2012/A AGGIUDICAZIONE DEFINITIVA ED EFFICACE DELLA PROCEDURA DI GARA APERTA IN AMBITO NAZIONALE - RIF. GOP 26/11, CIG 225763100A - FINALIZZATA ALLA SELEZIONE DI UNA APPOSITA

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Affari Generali. Servizio Gare Provveditorato e Acquisti

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Affari Generali. Servizio Gare Provveditorato e Acquisti Registro generale n. 365 del 2011 Determina di liquidazione DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Affari Generali Servizio Gare Provveditorato e Acquisti Oggetto Servizio di autonoleggio con

Dettagli

ALLE IMPRESE ASSOCIATE. Titolo IX Codice delle Assicurazioni - Art. 117 Separazione patrimoniale

ALLE IMPRESE ASSOCIATE. Titolo IX Codice delle Assicurazioni - Art. 117 Separazione patrimoniale 30 Falso Prot. 0426 Circolare Roma, 22 dicembre 2005 Distribuzione ALLE IMPRESE ASSOCIATE Titolo IX Codice delle Assicurazioni - Art. 117 Separazione patrimoniale In previsione dell imminente entrata in

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO Art. 1 OGGETTO DELL INCARICO Il presente capitolato disciplina l'incarico inerente il servizio professionale di

Dettagli

All appaltatore sarà infatti consentito subappaltare a imprese terze in possesso dei necessari requisiti una quota (massima) del 30% dei lavori di

All appaltatore sarà infatti consentito subappaltare a imprese terze in possesso dei necessari requisiti una quota (massima) del 30% dei lavori di Pagamento diretto dei subappaltatori e anticipazione su fattura: due novità che faranno discutere di Massimo Gentile 1. In attuazione di quanto disposto dall articolo 25, comma 3, della Legge 18 aprile

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Pianificazione Territoriale e Difesa del Suolo. Servizio Risorse Informatiche e SIT

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Pianificazione Territoriale e Difesa del Suolo. Servizio Risorse Informatiche e SIT Registro generale n. 1606 del 2011 Determina con Impegno DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Pianificazione Territoriale e Difesa del Suolo Servizio Risorse Informatiche e SIT Oggetto Servizio

Dettagli

D E T E R M I N A Z I O N E

D E T E R M I N A Z I O N E D E T E R M I N A Z I O N E n. 38-DTSF del 29.05.2013 OGGETTO: Determina a contrattare mediante procedura di cottimo fiduciario, approvazione dei capitolati speciali e documentazione afferente l affidamento

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER LA SOCIETA ASCOLI SERVIZI COMUNALI S.u.r.l.

CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER LA SOCIETA ASCOLI SERVIZI COMUNALI S.u.r.l. CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER LA SOCIETA ASCOLI SERVIZI COMUNALI S.u.r.l. ART. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO 1. Il servizio, qualificabile come

Dettagli

Prot. Gen.0048057/2013 Mantova li, 11 ottobre 2013

Prot. Gen.0048057/2013 Mantova li, 11 ottobre 2013 PROVINCIA DI MANTOVA - SETTORE PATRIMONIO, PROVVEDITORATO, ECONOMATO, APPALTI E CONTRATTI - Via P. Amedeo n.30-32 46100 Mantova Tel. 0376/ 204372-271 -382 Fax 0376/204707 appalti@provincia.mantova.it Prot.

Dettagli

COMUNE DI USSANA. Area Tecnica. DETERMINAZIONE N. 306 in data 20/11/2013

COMUNE DI USSANA. Area Tecnica. DETERMINAZIONE N. 306 in data 20/11/2013 COMUNE DI USSANA Area Tecnica DETERMINAZIONE N. 306 in data 20/11/2013 OGGETTO: Affidamento in economia mediante procedura di cottimo fiduciario interventi di manutenzione straordinaria e messa a punto

Dettagli

COMUNE DI FERENTILLO Provincia di Terni

COMUNE DI FERENTILLO Provincia di Terni COMUNE DI FERENTILLO Provincia di Terni SERVIZIO AFFARI GENERALI DETERMINAZIONE N. 78 Del 13/12/2013 OGGETTO: Servizio di assistenza per la predisposizione, la gestione e l'esecuzione di contratti assicurativi

Dettagli

COMUNE DI MOSCUFO. Provincia di Pescara DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO FINANZIARIO. ATTO N. 109 del 27/10/2014

COMUNE DI MOSCUFO. Provincia di Pescara DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO FINANZIARIO. ATTO N. 109 del 27/10/2014 COMUNE DI MOSCUFO Provincia di Pescara ORIGINALE DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO FINANZIARIO ATTO N. 109 del 27/10/2014 Reg. Gen 420 Oggetto: Affidamento mediante cottimo fiduciario del servizio

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali. Servizio Gare Provveditorato e Acquisti

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali. Servizio Gare Provveditorato e Acquisti Registro generale n. 3978 del 2012 Determina con Impegno di spesa DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali Servizio Gare Provveditorato e Acquisti Oggetto Trasloco Uffici

Dettagli

COMUNE DI CALCIO Provincia di Bergamo

COMUNE DI CALCIO Provincia di Bergamo COMUNE DI CALCIO Provincia di Bergamo AREA AFFARI GENERALI COPIA DETERMINAZIONE N.36/ 4 DEL 31/01/2013 OGGETTO: ACQUISIZIONE SERVIZI ASSICURATIVI - POLIZZE RCT/O E INCENDIO - PER IL PERIODO DAL 31.01.2013

Dettagli

COPIA SERVIZI FINANZIARI E TRIBUTARI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE. Registro di Settore N. 46 del 22/04/2014

COPIA SERVIZI FINANZIARI E TRIBUTARI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE. Registro di Settore N. 46 del 22/04/2014 COPIA SERVIZI FINANZIARI E TRIBUTARI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE Registro di Settore N. 46 del 22/04/2014 OGGETTO : IMPEGNO DI SPESA E LIQUIDAZIONE RATA PREMIO ANNUO POLIZZA RCT/O 2014/07/6090601

Dettagli

RISOLUZIONE N. 354/E

RISOLUZIONE N. 354/E RISOLUZIONE N. 354/E Roma, 06 dicembre 2007 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Interpello n. 954-578/2007 Art. 10 DPR 26 ottobre 1972, n. 633 ALFA S.p.A. La Direzione Regionale.. ha trasmesso

Dettagli

Prot. 4284/C14 Tolmezzo, 23.9.2014

Prot. 4284/C14 Tolmezzo, 23.9.2014 + ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE FERMO SOLARI V.le Aldo Moro 30-33028 Tolmezzo (UD) tel. 0433.2035, fax 0433.44638 codice fiscale 93012760307/codice scuola UDIS014006 Prot. 4284/C14 Tolmezzo,

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Risorse Umane e Finanziarie e Affari Generali

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Risorse Umane e Finanziarie e Affari Generali Registro generale n. 336 del 09/02/2015 Determina con Impegno di spesa DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Risorse Umane e Finanziarie e Affari Generali Servizio Gare Provveditorato e Acquisti

Dettagli

LOTTO N. 1 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO

LOTTO N. 1 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO LOTTO N. 1 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO 1. OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto l affidamento del servizio

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Risorse Umane e Finanziarie e Affari Generali.

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Risorse Umane e Finanziarie e Affari Generali. Registro generale n. 2993 del 23/10/2015 Determina con di spesa DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Risorse Umane e Finanziarie e Affari Generali Servizio di Staff Oggetto Interessi attivi

Dettagli

SERVIZIO LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, RISORSE UMANE E CONTRATTI DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

SERVIZIO LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, RISORSE UMANE E CONTRATTI DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE SERVIZIO LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, RISORSE UMANE E CONTRATTI DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 1222 DEL 19/12/2013 OGGETTO AFFIDAMENTO SERVIZI ASSICURATIVI LOTTI VARI DELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

Dettagli

COMUNE DI PAGANI. Provincia di Salerno. Copia. Determinazione del responsabile del SETTORE AFFARI GENERALI E GESTIONE DEL PERSONALE

COMUNE DI PAGANI. Provincia di Salerno. Copia. Determinazione del responsabile del SETTORE AFFARI GENERALI E GESTIONE DEL PERSONALE COMUNE DI PAGANI Provincia di Salerno Copia Determinazione del responsabile del SETTORE AFFARI GENERALI E GESTIONE DEL PERSONALE Num. determina: 85 Proposta n. 1244 del 20/10/2015 Determina generale num.

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali. Servizio Gare Provveditorato e Acquisti

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali. Servizio Gare Provveditorato e Acquisti Registro generale n. 1578 del 15/05/2014 Determina con Impegno di spesa DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali Servizio Gare Provveditorato e Acquisti Oggetto Area Entrate

Dettagli

COMUNE DI LOGRATO Provincia di Brescia

COMUNE DI LOGRATO Provincia di Brescia CAPITOLATO D ONERI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO ASSICURATIVO PER LE COPERTURE ASSICURATIVE DEL COMUNE DI LOGRATO Art. 1) OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto la stipulazione dei contratti assicurativi

Dettagli

(DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 12/2007)

(DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 12/2007) OSSERVAZIONI ANIA SULLO SCHEMA DI REGOLAMENTO ISVAP IN MATERIA DI CERTIFICATO DI ASSICURAZIONE, CONTRASSEGNO E MODULO DI DENUNCIA DI SINISTRO DELL ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA DEI VEICOLI A MOTORE E DEI

Dettagli

COMUNE DI MONTIGNOSO

COMUNE DI MONTIGNOSO COMUNE DI MONTIGNOSO SERVIZIO BIENNALE DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO DI GARA CIG Art. 1 FINALITA DEL SERVIZIO Il presente servizio ha per oggetto l affidamento, mediante gara a procedura aperta

Dettagli

COMUNE DI GAMBASCA PROV. DI CUNEO V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI GAMBASCA PROV. DI CUNEO V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA COMUNE DI GAMBASCA PROV. DI CUNEO V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E DELLA GIUNTA COMUNALE N. 66 OGGETTO: INCARICO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO TRIENNIO 2014/2016 -. L anno duemilatredici

Dettagli

professionalità, con l'obiettivo di garantire all amministrazione appaltante i migliori prezzi di mercato riferiti ai prodotti assicurativi

professionalità, con l'obiettivo di garantire all amministrazione appaltante i migliori prezzi di mercato riferiti ai prodotti assicurativi PROVINCIA DI BOLOGNA SETTORE BILANCIO E PROVVEDITORATO CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO SERVIZIO DI ASSISTENZA E DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO IN FAVORE DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA E DEL COMUNE DI MARZABOTTO

Dettagli

COMUNE DI CASTELNUOVO BERARDENGA PROVINCIA DI SIENA

COMUNE DI CASTELNUOVO BERARDENGA PROVINCIA DI SIENA COMUNE DI CASTELNUOVO BERARDENGA PROVINCIA DI SIENA ORIGINALE Determinazione n 5S/97 in data 07/09/2015 Determinazione del Funzionario Settore 5 PERSONALE (TRATTAMENTO ECONOMICO), BILANCIO, TRIBUTI, PROTOCOLLO,

Dettagli

A l l e g a t o C. C O M U N E D I C I S T E R N A D I L A T I N A P r o v i n c i a d i L a t i n a SETTORE PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO

A l l e g a t o C. C O M U N E D I C I S T E R N A D I L A T I N A P r o v i n c i a d i L a t i n a SETTORE PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO A l l e g a t o C C O M U N E D I C I S T E R N A D I L A T I N A P r o v i n c i a d i L a t i n a SETTORE PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO Capitolato d oneri per l aggiudicazione del servizio di brokeraggio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA IN MATERIA DI LAVORI PUBBLICI E I SERVIZI IN MATERIA

Dettagli

Prot. N. 25559 cc/sa/ab. Collaborazioni tra intermediari - standard di accordo e Convenzione Aiba- Polizza Rc Professionale

Prot. N. 25559 cc/sa/ab. Collaborazioni tra intermediari - standard di accordo e Convenzione Aiba- Polizza Rc Professionale ASSOCIAZIONE ITALIANA BROKERS DI ASSICURAZIONI E RIASSICURAZIONI Circolare N. 1492 Prot. N. 25559 cc/sa/ab Alle Aziende Associate Loro sedi Roma, 23 aprile 2013 Collaborazioni tra intermediari - standard

Dettagli

Comune di Cattolica Provincia di Rimini

Comune di Cattolica Provincia di Rimini Comune di Cattolica Provincia di Rimini DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 299 DEL 07/05/2015 ASSISTENZA E MANUTENZIONE DEI PROGRAMMI DELLA DITTA INFOLINE S.R.L. - APPROVAZIONE SCHEMA DI CONTRATTO PER L'ANNO

Dettagli

Direzione Avvocatura Civica

Direzione Avvocatura Civica COMUNE DI PISA TIPO ATTO DETERMINA CON IMPEGNO con FD N. atto DN-07 / 174 del 01/02/2013 Codice identificativo 870934 PROPONENTE Avvocatura Civica - Supporto Giuridico OGGETTO GARA D APPALTO PER LA GESTIONE

Dettagli

ARPA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l'ambiente dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi

ARPA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l'ambiente dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi ARPA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l'ambiente dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi Determinazione dirigenziale n. DET-2014-325 del 30/04/2014 Oggetto Direzione Tecnica. Aggiudicazione

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali. Servizio Gare Provveditorato e Acquisti

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali. Servizio Gare Provveditorato e Acquisti Registro generale n. 3703 del 2011 Determina con Impegno di spesa DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali Servizio Gare Provveditorato e Acquisti Oggetto Convenzione per

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma,

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma, Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione Roma, OGGETTO: Decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 141, e successive modificazioni - Attività di segnalazione

Dettagli

DIPARTIMENTO RISORSE FINANZIARIE ED ECONOMICHE SERVIZIO DEMANIO, PATRIMONIO, CASA, PROVVEDITORATO E CONTRATTI. Determinazione n. 1580 del 20/10/2015

DIPARTIMENTO RISORSE FINANZIARIE ED ECONOMICHE SERVIZIO DEMANIO, PATRIMONIO, CASA, PROVVEDITORATO E CONTRATTI. Determinazione n. 1580 del 20/10/2015 Prop. n. 1810 del 08.10.2015 DIPARTIMENTO RISORSE FINANZIARIE ED ECONOMICHE SERVIZIO DEMANIO, PATRIMONIO, CASA, PROVVEDITORATO E CONTRATTI Determinazione n. 1580 del 20/10/2015 Oggetto: DETERMINA A CONTRARRE

Dettagli

ART. 1. In particolare l'incarico riguarda:

ART. 1. In particolare l'incarico riguarda: SCHEMA DI CONVENZIONE PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO DELL AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA ARDITO DESIO ART. 1 Con la presente convenzione l Azienda Pubblica

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore]

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale..... Presidente Avv. Bruno De Carolis. Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio.. Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro designato

Dettagli