FARE AFFARI IN CINA Guida alle normative cinesi sugli affari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FARE AFFARI IN CINA Guida alle normative cinesi sugli affari"

Transcript

1 IE - A I FARE AFFARI IN INA G v M 2013 A IE S

2 INDIE P v : 3 L v 7 I v 12 T v L U R 15 L (WFOE 21 L J V 27 L 34 I 36 L 39 L v v 45 I b 49 I v 54 L 56 V : v 57 Iv I: v I 60 A: I v 63

3 P L G b v q. P v q v v v b v v (v q M S. 2

4 PERHE INVESTIRE IN INA: ONSIGLI UTILI O v v (IDE. N 2011 P v IDE 124 USD 8% 2010 S U 1. Rv G - L 2012 IDE 66 USD 364%. A 2010 v v 2. D vv P P A ( b 1978 v v v v v v. Iv b b v. Tv bv bb P v : v vv v. L b. v v q bb v. 1 F: UNTAD Db. 2 F: S Ybk. 3

5 O P v v : v vq v v v ; v P b v. I q q. S v v b v v. P v b b bv v q v v : S v L U R q v vv v. E D q v b b bv. I v q. I v ( v q. Tv bv. S v L Wy F-Ow E WFOE J V - JV 4

6 Eqy J V - EJV v J V JV v v. L v v v q bb ( v v v Iv bv q. O. L x v b v. L v q. S v v v L b WFOE JV 2004 v v b. T F Iv E FIE q bb b bv. M b v b. S v v E b U R v v (.. L G b v v b q 5

7 v. T G : v v v U v P v v v v. I q IE : 7 U (P S H K Tj N 46 I v. Ovv P v v b vv v. A q IE. I v v v v bb v v bv. S bb v v vv b vbb b. 6

8 LA SELTA DELLA FORMA DELL INVESTIMENTO L v L v v v v. U à v F Iv E (FIE. I FIE : (Wy F-Ow E - WFOE : q q v ; (J V : Eqy J V (EJV v J V (JV. L Eqy J V (EJV b v. L v J V (JV b v q b q b q b. L v v q v. I v v WFOE v v G F Iv I q v b. I b v J V. I b v 2004 v q FIE - F Iv E. L FIE WFOE J V. 7

9 L L y Lw v L v v : 1. L Lby y (LL: à bà bb ; 2. O-P L Lby y: à bà ; 3. J Sk L y:. L (FIE F Iv E q v v y Lw. L U R (b U q U R v v v v. L U v b. L U v v q v. F v b q v. L y Lw v b b ( L v v v v v. N v b q b v 3. 3 Gv P M Ov D D T E. 8

10 S v I v. L v v v v b v v. O q bv v. I v v q. L v v q v v. T v v : v v v v ; v v v; v q v ; v v vv. U v v v q bv v. U k 4 : 4 D S & A Iv B G S Y Rv D T E

11 H K? E RMB? L v v v/q / v? L v v v v b q? L v q? I v v v v? S v v v? Dv v v? E v v v vv? E v b? S b v? U v v q v. N bb v q v v. I IE ( : v ; v v ; q v b; v v v b; à ; v ( v.; 10

12 ; v v ; P I v ; b v;. L IE v à v v v v. 11

13 IL ATALOGO SETTORIALE DEGLI INVESTIMENTI STRANIERI I v b v v : q v b. D q bb v q b ( bb v 50% q. I q b v (WFOE. P v v G F Iv I v q q v b. L v v ' 24 Db 2011 N Dv R My. I v v : b. L v : q v. I b v ù v IVA. I v v à v ò ù. I b

14 S I v ' v. I 250 và q v: ; ( J V; v ; ( J V; ; v ; bb v; bb v v P v v v;. S D P I P : ://www.v.v. S G v b 'b. V v q v v. 13

15 I : ; bb; ( ; ; P : ://www.v.v. S b I b v q ' bb q. I b : P v ; Lv è v ; Fbb ; b ; I ; I ' bb; vv. G V Sv P : ://www.v.v./ 14

16 L UFFIIO DI RAPPRESENTANZA N v U R L (Rv O RO. I RO à v v v k qà v. I RO ò v và ò v ò v. F RO b b v và v. I RO ò q b v ( FESO S. N è RO à v 2 5. P v v. I A Iy (SAI. 5 S v 2010 S A Iy My Pb Sy q P Rv O F E (N. 4/

17 L L v : 1. M ; 2. V ; 3. L b B; 4. v ; 5. Vb b b RO ; 6. L v v: 7. V v v: 8. ; P v 2-6 ( b. v I. A v vv. Sv v Tb O G P P. T v v I. U v ò vv. L RO v v v ( b v. L SAI q v v SAI 6. E 3 SAI à RO 7. 6 S v 2010 N. 4/ S v 2010 N. 4/

18 T v v N. 4/2010 v RO q. Q v 30 SAI q vv v. L U R L N.18/2010 S A Tx 20 bb 2010 v v 1º 2010 b RO 2010 v bb b b b v. L v b q b v: 1. T v N RO v b b Tx B v. T RO b x 5% 25%. S v : b b. 2. T (- N RO b b v Tx B. I v b Tx B 10% q vb q 15% 8. 8 L N.19/2010 b 3 : 15%-30% RO v v ; 30-50% RO v ; 15% ( RO v v v v v. Tv v v v. 17

19 I Tx B RO v. I Tx B v v. I q v RO : I Tx = Rv * T * 25% B Tx = Rv * 5% 3. T (- N RO b b v. S v. L v b b. bb v 10% 15%. L b b : B Ib = B x = 5% 1- T -B Tx R U v b b b b x : B Tx = B Ib * 5% M I Tx q 25% b b: I Tx = B Ib * T * 25% 18

20 L A Tx B vv v v v b. I b b S Tx B v RO v b v vv q. 9 D 15% (. A v RO q v v b v S 15% ( b : R = / (1-15% - 5% = 100 / (1-15% - 5% = 125 I Tx (IT IT = R * 15% * 25% = 125 * 15% * 25% = 469 B Tx (BT BT = Rv * 5% = 125 * 5% = 625 Tb ( S v Rv M Tx (RT RT = BT * 1% = 6.25 * 1% = 006 T = 11% 9 &A ADVISORS Tx & A S Tx Nw F M

21 L L v v v à RO ù vv v b ( L. 31 b T b v b : ; b ; ; q ; q v bb 10. I RO b 11. T RO v Tx B b v v v v. P v: - S A Iy My Pb Sy q P Rv O F E (N. 4/ S A Tx Tx A P Rv O F E (N.18/ S A Tx Tx A I Tx - (N.19/ A. 5 3 L. 31 b N.607/

22 LA SOIETA A TOTALE APITALE STRANIERO (WFOE I WFOE G v v b (J- V (WFOE- Wy F Ow E. N WFOE v v. I WFOE è q JV v 2000 MOFOM M % v WFOE 27% G v WFOE v. I bb v WTO v ù v v v. I q b v v b F Iv I G A 2000 v v WFOE v. I WFOE : v bbv ; q q ; v vv. F v L y Lw v v v v WFOE. 21

23 I v RMB 12 WFOE L Lby y (LL RMB WFOE O-P L Lby y (O-P LL v v b v. Tv v q A' S q P v ' v ( S v v USD. S WFOE J Sk y v 5 RMB. L v v 2006 b J Sk y q J Sk y. S - q b v - J Sk y v. I WFOE v v v v bb q v v b bk-v 13. A v v bb SAI 1987 v b : Iv /Iv M 3 USD A 7/10 T 3 10 USD ( A 1/2 T USD ( A 2/5 O 30 USD A 1/3 12 P v v 1 Rb qv 012 E. 13 D S & A Iv G Eb WFOE. 22

24 N WFOE : b à. I b v v è WFOE v. I v 30% v. L v b WFOE 14. L v v vv b v. A v. L WFOE v WFOE v v. I WFOE. N WFOE v v VAT ( v. Av S L v v v v v v. P v v v M. I v à. 14 B A G v H K IE IL S 24 O. 23

25 N M S v b v 15 : Nv v v v 100 USD v 50 USD v Dv R S S F Iv. D v q v v N Dv R - NDR P v v ; L A S M P Gv: Wq F T Z Zj Pk Iy Z L Nw y Y F T P A x I x v v 100 USD v 30 USD q ; L A S (Lw H J X Hk P Zb Y M v v 100 USD v v 30 USD q ; L A S (J Sj B Q J Fx v v 100 USD v 30 USD q ; L P Nw A v v 100 USD A; L A M v v USD ( v v 50 USD. 15 S Dv R. 24

26 P WFOE S I WOFE : 1. ; 2. à v v v; 3. bà ( bb ; 4. WFOE; 5. v; 6. b WFOE; 7. vb b b WFOE; 8. bà v B; 9. ; 10. v v à; 11. v. 12. L (. v bb v vv. v v Tb O G P P. T v v Ab I. L WFOE S v 16 : 1. v 3 b S A Iy -SAI. L v ; 2. v v v SAI v S F Iv -SFI v WFOE 16 S My F Iv Dv B (FID. 25

27 . L v ; (SFI v v v; 4. v v v v q à ; v Av v v B L (SAI v WFOE v v. A v I-Ex L v ; (SAI B L. L q q WFOE q ; 6. v Pb Sy B b b b ; 7. v O L S M B Qy T Sv; 8. L v S Tx B; 9. v F y A F Ex; 10. v F y v v (RMB b ; 11. WFOE. 12. WFOE b b. L v b v. L v WFOE vv. P v: - Lw P' Rb Wy F-Ow E (WFOE ( R P' Rb A R ( y Lw P Rb (

28 LA JOINT VENTURE I J V L J V (JV à v à ( H K M Tw à. L S-F Eqy J V Lw 1979 ( 2001 b. D JV v v. b v v J-V v : v ; b / ; v 100% (v WFOE. I v JV à b v. Tv JV è v q q v WFOE (78% 2008 v b. U k- b v : v à v ; ; b ; ; 27

29 b b vv ; qà v JV; ; bà à và. F j v L JV Eqy JV v ( JV v b v v. S EJV JV 17 S bà Obb v Q R v S EJV L EJV v b (LL v. L I v I b v 25%. 1 G M 2 Dy b v q JV L JV ò v b (LL. G v b bb L v bb. N JV E v v b v JV ( ù v. 1 GM 17 B B G S Y Rv D T E D S & A. 28

30 I L EJV JV 18 bb y Lw 1993 ( 2005 v 1/1/2006. L v v v v : RMB 19 LL (à b 5 RMB J Sk y. Tv v q ' q v ' v. I JV v v v v bb q v v b bk-v. A v v bb SAI 1987 v b : Iv / Iv M 3 USD A 7/10 T 3 10 ( A 1/2 T ( A 2/5 O 30 A 1/3 18 P JV b. 19 P v v 1 Rb qv 012 E. 29

31 I J V II JV è v v (G M v. I JV è q v q 50%. U b q G M Dy G M. E b v v v v A (B D G M Dy G M v. Av JV S L v v v v v v. P v v v M. I v à. N M S v b v 20 : Nv v v v 100 USD v 50 USD v Dv 20 S Dv R 30

32 R S S F Iv. D v q v v N Dv R NDR P v v ; L A S M P Gv: Wq F T Z Zj Pk Iy Z L Nw y Y F T P A x I x v v 100 USD v 30 USD q ; L A (Lw H J X Hk P Zb Y M v v 100 USD v v 30 USD q ; L A (J Sj B Q J Fx v v 100 USD v 30 USD q ; L P Nw A v v 100 USD A ( ; L A M v v USD ( v v 50 USD. 31

33 P J V S I JV : 1. ; 2. à v v v; 3. bà ( bb ; 4. JV JV; 5. v; 6. b JV; 7. vb b v b JV; 8. bà v b; 9. ; 10. v v à; 11. v. I JV v. L JV v 21 : 1. v 3 b S A Iy -SAI. L v ; 2. U v v v SAI S F Iv -SFI à v JV b. L v ; 21 S My F Iv Dv B (FID. 32

34 3. 90 (SFI v v v; 4. v v Av q ; v Av v B L (SAI v G M JV v v. A ò I-Ex L é è 2004; 6. (SAI B L. L b q JV q v ; 7. JV Pb Sy B b ; 8. JV O L S M B Qy T Sv; 9. JV S Tx B; 10. JV F y A F Ex; 11. v F y JV b v (RMB b ; 12. JV. 13. WFOE b b. L v b v. U v ò 4-5. P v: - Lw P Rb S-F Eqy J V ( Lw P Rb S-F J V ( R P' Rb A R ( y Lw P Rb (

35 LA SOIETA DI TRADING D v v M A F Iv S v à (F Iv E-FIE q v và. T v b b v. L à v (à v J V (JV à (WFOE. L v và: v - v b v v v TV b ; v ' - v b v b b ( y bk v ' v kw-w b ; b v à à. A v L v à bà v. Q v à v v và à v à v v. T v q v b. N v v à q v v v v -q: 34

36 v vv ; v v. L è MOFOM (M b bà v q v b. I q v v v (v. S I v vv b à v v. I Nv 2004 v ù v v b: b b b b. I b b và. L v v S F Iv -SFI q MOFOM v. I v ' v q. L è 30 à v q ò 40. P v: - M A F Iv F ( F T Lw P Rb ( R F R F T O P (

37 IL FRANHISING I M (MOFOM bb 2004 WTO Av M b 1 bb T v v (F Iv E-FIE. N 2007 Gv "M A F R A F" M M v b v. T q. L v v. Tv à v v v à (q q v v à. O v: ( v; bv kw-w b ( bv kw-w ; v ; v b bv. 36

38 A 2007 v v. A à 15. Dv v. I bb I v v v. Q è v ò. I v : I b ; ; ; v ; v bb v qà /v ; bbà; v. Obb v I 2007 bb v v 30. N. Sb v v ( bv v q v. 37

39 T I Gv v ' ' v bb. L v q. I q (FIE q : ; q à q ( -b. L v b b -b v ' v M (MOFOM. L à v và v vv v MOFOM. Q v bv q à ( Tk/P B. P v: - R A F ( M A F Iv F ( M Gv F (

40 LA TASSAZIONE DELLE IMPRESE STRANIERE L v : L I Tx - IT; L V A Tx - VAT IVA ; L B Tx. L : q q F Iv E (FIE E I Tx Lw 2007 v 2008 q 2009 VAT B Tx. 1. I Tx v v A. L I Tx b v b B. v I b v : (R E: q v v ;. WFOE JV à ; (N-R E: q v v v v ; q v v bb b. G U R (v S U R. 22 S L Q v v

41 . A q L v ; ;. L E I Tx Lw 25% q ' ' (FIE. D. I v v. L v v v. L I Tx v b v 15. U b v v: b v b q v b. E. Av N' v v b v ' v. L FIE ' b 15% q I Tx. N S b v v S Ty q v q v S Ty M S. S v b q v 3 q v v v. 40

42 I v v b b 20% q I Tx FIE q: b 30 RMB v 3 RMB; b 30 RMB 80 v 10 RMB. A v Z E S v 'Ov. O q v v v b v v v v. T v bb v v. Tv b q v. S v 2008 v b v v : v (x y v 50% v. F. R L E I Tx Lw q 10% v b FIE v v v v. 2. VAT A. L V A Tx - VAT vv v (IVA v v v b. B. v I b IVA v b bà : 23 P v E RMB v 8 (b

43 b q bà v b v b v è RMB b b v RMB '; b v b v q b. Tv v b b v b v b.. A q L VAT 3% b 13% b v b 17% b. S b v q b q v q. I b VAT Rv I Tx vv VAT q 24 ( v bb v. S b. D. I VAT v v v. I b v VAT L VAT b v v I R V A Tx v 2009 R T v -b -b. 42

44 I b v VAT 15. E. Rb G 2009 b VAT y VAT y q (F Iv E FIE. L b VAT bb. L v v v v v v. L q Rb Gv 2009 v bb b v. I b VAT : bb: 16%; v : 13%; b b : 15%; TV : 17%; b v b b: 9% 11% 13%. G U IE v b b HS v v v b. 3. B Tx A. v L B Tx VAT: q v IVA b v b. B. A q L B Tx vb 3% 20% b v: 43

45 : 3%; v b v b : 5%; : 5% 20%.. A q VAT v v B Tx v. I b v B Tx 5. I b v B Tx 15. I v v v v v. v v v B Tx. D. E S v v v. T v. E b vb 2011 vbb B Tx ( b v IVA ( ò I v vbb v à Gv P P v v Mà S v à v P. L q: v v v 44

46 v v. S v. P P v b /. P v: - I Tx Lw ( Pv R V A Tx ( Pv R B Tx (

47 LA NORMATIVA SUL LAVORO L v v vv v. I v b: q v v 16 v I v b (v b v. T vy v v 25. A q v bb v. S è v à v q. S v 12 v v. I v. O vv v v v. D v v v. I v v 10 v è q. I v vv 40. L v x v. I v q Hb S Iv G

48 I b v v. I b v 15. I v v v q v (300%. v v. L v v b 6. I v v v bb v q. I v è bb à (v y v v ( v 12. I v v v v v à ( v. L v v. I v v vv 26 : v v v; v v v b v; v v v v v; v v v ; v b. U vv 30 v v: b v v v; v v v 26 A. 39 Lb Lw (J

49 ; v v b v. U v : v v; v ; v; bb v 15 v v 5. I v vv 30. T vv v v v ( b. I A- F T U (AFTU q S Py (P. F 1925 AFTU 2009 v 226 b 185. L AFTU 36 v 10. L ( v v q. L v v v v v. 27 I v v (960 RMB S b v. 28. L b v. 27 A. 20 T U Lw (Nvb D Lb Lw P Rb (Jy Lb Lw P Rb (Jy

50 L v. L bb T U Lw ( 2001 q b v v. L. T v v. Tv v bb v. G. E v v v (.. FESO F E Sv y. P v v q v v. I v q (. L FIE q q v. P b v v v b x y v. P v: - T Ey Lw P Rb T R I Ey Lw P Rb T U Lw T R b M F Iv E ( v à. - T Av R Ey F ( v. 49

51 I DIRITTI D USO DI TERRENI E I IMMOBILI I : ; v v b ; v 1999 v P I v S b. I v v L q v v L Lw L S vb v 29. L (A L U bb. L q. I b. I v S q. L (G L U ( v b. I v b. L v v. I S bb. P q v v b x. I b q q v v 29 S L Q v v

52 q. I ( b q O N. 171 O A F Iv R E Mk 11 L 2006 v b F Iv y (FIE vv b x v FIE 30. U v q v v. I q v. L q bb v q v v (G L U. N v q v b q v v vv ( I v L U Tx v b A v v : RMB/q/ ; RMB/ q/ ; RMB/ q/. L A v v / L U Tx. 30 G T L q v P &. 51

53 L q (b I v L P (Py Lw 2007 v v b bb bb q. I b q q bb v ( E b v v v v b bb v. I v ( b v v. N v v b. I q v b (A. 149 Py Lw. L FIE (Wy Ow F E J V q b : v b bb FIE b. N v b q b b v. L Py Lw (2007 b v. I q v q b A b (L R H Av B. I b b. 52

54 I v q v q ( 30%. Eb v L R H Av B b v v. L v. Sv 15 B v b. L q b : T ( x 15 % v b ( x 05% v q; B x (5% I Tx (25% v Iv I Tx ( q vb b v v. I b b H Tx 12% v b L U Tx. L v b v bb v v bb v ( PIT Iv P B b v. D b vv. L q b bv L b RO v v q b bv. T b. q b v q b 53

55 . I q b bv 70. Tv 70 q b v v. T v v Py Lw 2007 b bv. P b q bv v v b b. N 2007 b vv v v b v. L q b FIE R E y v v b v v. L q b bv : ( x 15% v b ( x 05% v q; B x (5% I Tx (25% ( x 15% v v. N q b - vv -v v b 5 q vv b x Iv x. 54

56 IL ONTRATTO DI OMPRAVENDITA L b I v v bb. L Lw 1999 v b (A I b à ù v ( v q v. I b v V INOTERMS. I b v b v ( b. L q. I F q q b I q v. O bb v b v T I v. N b (L P S Z M IETA ( I E T Ab b v 1954 P b I OIT S S (://www... 55

57 I b : ; ; qà qà b ; à ; bà v ; v v. N v v b q é. V v I ò v v q v à v. L I v b b è ; q b - bb v - à v ' b. 56

58 LA LEGALIZZAZIONE DEGLI ATTI O q ò ' v v v. N v b b ' b b. L v ' v '. N v b v. I ò q à. I v (. v P v I. E v q vv. v v S. T v v v I. U v v 'à à 15 vv. T v S v é. L' à à v v ' b. 57

59 VIAGGIARE IN INA PER AFFARI: I VISTI D INGRESSO IN INA P v v v (.. I v v - Rbb P I R M F (v. S v q v v q b b. Q v. L'IE q' vv ' b 'v v ' q v 'v v v ' b (. P b v v v ( q q b. U - I: AMBASIATA DELLA REPUBBLIA POPOLARE INESE PRESSO LA REPUBBLIA ITALIANA I: VIA BRUXELLES ROMA T: Fx: E-: S wb: ://.-by. 58

60 ONSOLATO GENERALE DELLA REPUBBLIA POPOLARE INESE IN MILANO I: VIA BENAO MILANO T: Fx: ( S wb: ://.-. ONSOLATO GENERALE DELLA REPUBBLIA POPOLARE INESE IN FIRENZE I: VIA DEI DELLA ROBBIA FIRENZE T: Fx: S Wb: ://.-. I v và 6 b b v. I v v. Q v : V L (V T: v v v v v. I v b v b; V F (V A: b - 6. P v v à q v q v v. I v ò v à ; V X (V S: v. P V X M R S S (M JW201 M JW202 L A q 59

61 v v E M S; V Z (V S M Lv: 6. O v à v M Lv q E U A E ; V G (V T:. I v v v b ; V J-1 (V G: à ; V J-2 (V G: bv. S v è v. Dv v à v U S M A E à Ab. Rq à wb 'Ab G v. 60

62 INVITARE OPERATORI INESI IN ITALIA: I VISTI D INGRESSO IN ITALIA N v v v v I ( by (. R q v I v v. E v v b. U v b : ://www.yv./y-/v. S ( q. I 6 S (M S Pv A J Zj v v : Iy V A (IVA 3/F G Dv Bk Tw 555 Xj R L W D S ://www.yv. :

63 L ò : 1. è à S A J Zj; 2. S A J Zj 6 v; 3. S A J Zj 6. I v : 1. v. I b : ://www.yv./y-/vaf.; 2. ; 3. v 90 v ; 4. v. L v. Dv b b ' x ' I ( S v v. U v b : ://www.yv./y-/v.; 5. v; 6. v q v; 7.. L v. Dv b b ' x ' I ( S v v ; 8. b ; 9. b ; 10. b; 62

64 11. v q 50 E ; 12. v E. N k IVA b v ( v. I I (I b v v b P I Ab I. I v b k IVA. U b wb M A E (://www../v/ q G I S (://www.../_s/m/i_sv/p / -: 63

65 APPENDIE IL ATALOGO SETTORIALE DEGLI INVESTIMENTI STRANIERI E F Iv I I. F Fy A Hby Fy I (1 P v wy b w (2 G vb ( b w v (3 Dv w y -y (4 P w y b (5 P bb (6 v ( qy j v j v (7 R v w k v (8 P ( bb v v w b v y y (9 B q (x qy v (10 v j v. 64

66 (11 B q w - b q b - II. M Qy I (1 P x -b ( qy j v j v (2 V x ( qy j v j v (3 Ex ( w w ( qy j v j v (4 Dv w vy ( qy j v j v (5 Dv w x y w w w.( j v (6 P x v vy vy ( j v (7 P x b (8 Dv w v v vy y y (9 P x v b y ( j v 65

67 III. M I 1. F P P Iy (1 Dv by w k q (2 Aq v w (3 S vb w vk 2. F M Iy (1 Dv bb w (2 Dv (3 P v ( qy j v j v 3. Dk M Iy (1 Dv k vb b vb 4. Tb P Iy (1 P y w ( qy j v j v (2 P b wy k ( qy j v j v (3 P ( qy j v j v 5. Tx Iy 66

68 (1 P /w x wv wv k y (2 Wv y w - b v y-v - q (3 P b y q v y v ( b b bb b by k w (4 P w y (5 P - b wwk 6. L F (Dw F P Iy (1 (2 P w w y (3 T- ( 7. Lb P Iy W Bb B P G P Iy (1 Dv w y v "b-qy w w" bb 8. P Mk P P Iy (1 Pj b w y v 300 w y v 100 w ( qy j v j v 9. P R k Iy 67

69 (1 D k 6 y b Rw M P M Iy (1 P y w y v (T y v jy (2 P v w w- b w yvy (3 P w y : y x wy x y w y x v y y ND w PEN HDM w PT PETG (4 P y b w : vy y y 66 y b 1 3 (5 P y bb: q b y bb by b (x y-b bb by bb y bb y bb y bb y bb yy-bb bb bb bb (6 P y: P POM y PPS PEEK y y PAR q y y (7 F y y: w y y xy v; y y (; - -k v v (x NNy -w x v w v b. (8 P v-y k v-y - (9 P y 68

70 (10 P by w v w (11 P b b (12 bb b (13 P y (14 - w bv b DME w bv w y ( y jy (15 Dv w y y (16 P b- b b (17 Dv b v (18 Dv w-y : b -y b b k b b (19 Dv w v v v y xy v (x (20 Dv b b- : b b b y b b 69

71 (21 v x q w (22 P y : v y k by P Dy P b L- by b y y x y 11. M P P Iy (1 P w y v ( bk (2 P : y (3 P w w -bv w v y (4 P w y b y (5 V AIDS v v v v v w v (6 P b v (7 Ex (8 D : w w - b (9 Ex b w y ( jv (10 A b ( b y (11 Ex b w 70

72 71 (12 P w 12. M Iy Fb (1 P - b b b b yy - - yy (PPS (2 P w y b -b y: PTT PEN PT PETG (3 T wb v y b b Ly bb w b PLA b PHA b (4 P y y 150 y (5 P y b y 13. Iy P P (1 P v w - w b (2 D y w (3 Ex w y w (b N- M P P Iy (1 Dv y v v w b w ț b w ț b w ț b w ț b w ț b w ț w ț w ț w ț w ț w ț w ț w ț w ț w ț w ț w ț w ț w ț w ț ț ț ț ț b (2 U w y-v - (3 P q.. b w -qy w( 2

73 72 EPDM w b PV ( 2 w TPO w (4 Nw y v : b q q q q q q q q q q q q q q q q q q q q q q q q q q q q q q q q q q q q q q q q q q (b b q v b q v b q v b q v b q v b q v b q v b q v b q v b q v b q v b q v b q v b q v q v q v q v q v q v q v q v v v v v v v v v v v v v v w y w x ( wv v q ( wv v q ( wv v q ( wv v q ( wv v q ( wv v q ( wv v q wv v q wv v q wv v q wv v q wv v q wv v q wv v q wv v q w v v q v v q v v q v q v q v q v q v q v q v q q q q q q q q q q q b b b y(9 b b b y(9 b b b y(9 b b y(9 b b y(9 b b y(9 b b y(9 b b y(9 b b y(9 b b y(9 b b y(9 b b y(9 b b y(9 b b y(9 b b y(9 b b y(9 b b y(9 b y(9 b y(9 b y(9 b y(9 b y(9 b y(9 b y(9 b y(9 b y(9 b y(9 b y(9 b y(9 b y(9 b y(9 b y(9 b y(9 b y(9 y(9 y(9 y(9 y(9 y(9 y(9 y(9 y(9 y(9 y(9 y(9 y(9 y(9 y(9 y(9 y(9 y(9 y(9 y(9 y(9 y (9 (9 ( %. 98% 9 98% 9 8% 8 % % ( 9 9.9% y w ( 9 9.9% y w ( 9 9.9% y w ( 9 9.9% y w ( 9 9.9% y w ( 9 9.9% y w ( 9 9.9% y w ( 9 9.9% y w ( 9 9.9% y w ( 9 9.9% y w ( 9 9.9% y w9 9.9% y w 9 9.9% y w 9. 9 % y w. 9% y w 9 9% y w 9 9% y w 9 % y w % y w y wy w y w y w y w w w w w w w w w w w w w w w w w w w w w w w w w w w w w w w ww w w w (5 b (6 G b b : w b q b b b (7 O b : b b b b b b b b b b b b b b b b b b b b b b b b b b b b v (8 S w v (9 b bk k vy-- y ( y ( y ( y ( y ( y ( y ( y ( ( ( (10 A (AIN b (11 I - : ( ( ( ( ( ( bk k x bb (12 O (13 H : b > 300 w b b b b b b b b b b b b b b b b b b b b b b b b b b b b b b b b b b b b b b b b b b b b b b b b b b b b ( - w

74 73 ( w v b b / b x x x y 320 MP 320 MP 320 MP 320 MP 320 MP 320 MP 320 MP 320 MP 320 MP 320 MP 320 MP 320 MP 320 MP 320 MP 320 MP 320 MP 320 MP 320 MP 320 MP 320 MP 3 20 MP 2 0 MP 0 MP M P P (14 P w : b (S w : b (S w : b (S w : b (S w : b (S w : b (S w : b (S w : b (S w : b (S w : b (S w : b (S w : b (S w : b (S w : b (S w : b (S w : b (S w : b (S w : b (S w : b (S w : b (S w : b (S w : b (S w : b (S w : b (S w : b (S w : b (S w : b (S w : b (S w : b (S w : b (S w : b (S w : b (S w : b (S w : b (S w : b (S w : b (S w : b (S : b (S : b (S : b (S : b (S : b (S : b (S : b (S : b (S : b (S : b (S : b (S b (S b (S b (S b (S b (S b (S b (S b (S b (S b (S b (S b (S b (S (S (S (S (S ( S S w (y> 99% v <1µ (S3N4 w (y> 99% v <1µ y w (y>99.9% v <0.5µ w x (ZO2 w ( (15 H q y y y v q y y y v q y y y v q y y y v q y y y v y y y v y y y v y y y v y y y v y y y v y y y v y y v y y v y y v y y v y y v y y v y y v y y v y y v y y v y y v y y v y y v y y v y y v y y v y y v y y v y y v y y v y y v y y v y y v y y v y y v y v y v y v y v y v y v y v y v y v y v y v y v v v v v v v v v v v v v v : qy y y ( y v y y ( b b y ( b b y y y ( y w - y y - -w k 0.3 k 0.3 k 0.3 k 0.3 k 0.3 k 0.3 k 0.3 k 0.3 k 0.3 k 0.3 k 0.3 k 0.3 k 0.3 k 0.3 k 0.3 k 0.3 y k 0.3 k 0.3 k 0.3 k 0.3 k 0.3 k 0.3 k 0.3 k 0.3 k 0.3 k 0.3 k 0.3 k 0.3 k 0.3 k 0.3 k 0.3 k 0.3 k 0.3 k 0.3 k 0.3 k 0.3 k 0.3 k 0.3 k 0.3 k 0.3 k 0.3 k 0.3 k 0.3 k 0.3 k 0.3 k 0.3 k 0.3 k w b w (16 N y ( y ( y ( y ( y ( y ( y ( y ( y ( y ( y ( y ( y ( y ( y ( y ( y ( y ( y ( y ( y ( y ( y ( y ( y ( y ( y ( y ( y ( y ( y ( y ( y ( y y y y y y y y y y y y y y y y y y y y y y y y y y y y y y y y (17 U w. (18 P ( : 3-150µ. (19 M- - v b b b (20 U w y k w (21 w y (22 U by- y (23 N- w y v

75 15. N-F M S R P Iy (1 P > 200 y y. (2 P - : w y by y y by ( Rx y y ( k y y ( b ( y y b k y y wy b - x y by k y by b k bb y - y b bbb y j y yb. 16. M y (1 P v b v w (bywk b y b y. (2 Dv - w w q w. (3 P ( k (k < 0.3 k k vb bv y. (4 P k 17. G M-b Iy 74

76 M P M (1 M y v ky : y w x q k y w x q k v - k x. (2 M (3 M q bk (4 M FTL (5 M v b w b w q (6 M : w q x q - w- w- b k (7 M w w 300 ( qy j v j v (8 D ( 35MP w- b qy ( 35MP (9 M Hy y v wk 35MP vv -y v Hy M-wy (10 D - vv ( MP vv 0.35W -qy vv 200H (11 D y v v (12 Dv - 10MP y 10MP ( x v 75

77 v 5 M y x w (13 Dv v b(b y - q (14 M b x 3 4 ( b x x x ( v x k 3-4µ - w b x( x x -w 120/ -b 2 - wy x(w 200k/ w- x vb Z4 (Z4 Z4P V4 V4Pv P4 P2 x v x w b (bv 1.5 MW w b x x x. x ( x x x y x. ( 15 M y x w y b y (16 M vb b w w y y y w vb y vy y bx y (17 P (w F H w (18 Dv bb (19 M - (8.9 bv v ( (20 M y wy v q y q - v 18. S Eq M 76

78 (1 M y v: v 200 b w 50003/ 8 3 v 2500 kw (2 M y q: MEME y y w w q MWD w (3 M x q: y y w w wk 500 w wk 600 q (4 M b 2 30 b w y v w w 300 v w w (5 D b w 520 bv (6 D 100 3/ v v 5000 (7 D - w b (8 M w : 9 w (9 M v b (10 M v v w y (11 L Rwy wy b y q ky 77

79 (12 M ( q v q (13 M y y w y q w v v y y q y y q (14 D -b (w k 10 (15 M v - -w - (16 M ky v /y x v : yy x w k /y w 1000 w w (17 M v ( qy j v j v (18 D ( x k (19 D v b b j b y (20 D q Av by (21 P M: D w 0.02 w 0.05 (22 D 78

80 (23 M b v b / k v 5 b / v b / (24 M ky q y v (25 M q 10/ ky (26 M b bx v (27 M w /( w /( w /( (28 M w /( w /( (29 M w 300/ v 1000 w 100 / 450 w (30 M - y y w y qy w y -x v - v y v y b-j v (31 E (32 D q q (33 M w y ( k 79

81 (34 M q w w q (35 Dv M w q: w q v y k y vb w q-; qy q ; qy q ' ; R; F; v q; Hy w q ; 5- j q;q D w M; A k q S- ; Pk M A k DVS B S Dy P D-y S (36 M A y: y q( A q A Eq N Lq E vb y q S y T w 120 kw bv M w Lw w w- Sy M w R b Rvy U H- v A vy w- S-v M R M(Hy v v v v b v (37 M w y q (38 M q w v (39 M q v w w w vk w b (40 M v w-v A q: k k w vy y w ( vy v 80

82 (41 M q w q L (42 M (43 M F (44 M M q ky ( v X-y y q q. (45 M M U T(3D (46 M b y q (47 A y y y y (48 M Hy B F (49 M q y ( w b. (50 Nw q qy w q (51 Nw y q x q v v (52 N PV b w- -y x bw q (53 Dv M q w y k Ky Tx by q (54 M Jq (55 M S Eq 81

83 (56 A q: wn w NOX b y q w q v x v vy w (57 P q: w y b b 50k / bv 10k / bv x v v w q vy w w (58 S w q: ww q y 500 q w y q b b w q w w w v q q (59 Dv v y q (60 Eq T (61 W bb by y q y (62 Ry q w x (63 R q w (64 M v v w (65 Ty q y v q (66 b b w q 82

84 (67 N-v w q w qy q (68 I w ywk q ( k q (69 Dv M b bv Dy w y y q (70 M M bv y q (71 Dv S S Nwk Mb bv y Sy M q (72 M b (73 M R T b (74 M w H T Dv T q (75 M q y y y (76 M w Hvy A N S k 0.5 bw S T 1000 bv - x (77 M R q (78 Lw -w q 19. T Eq I (1 M b v : w w 55 kw w w 45 kw y bw 3 83

85 v ( I GB T v y 6 0 v y y w w 35 kw y bv 3 v by w (2 M ky b w v ky : Db T (DT y (AMT b v (-w v ( vv y y b b j y ( x j 2000 P vb y b (VGT vb b (VNT v v q (ITM by w y w b b y v v bb y v y bb b ky (3 Ab v R&D: y ky v y (b y v y v b wk y ( j v y ( y ( w y ( j v b y ( j v y y y vv y v ABS / TS / ESP y bk y (BBW 00 0 (TU y (TPMS v (OBD y y v y b y (4 T ky w y v ( x 50%: y Ey- b y by y (y y ( 110W/k y y by ( y 150A / y 2000 y 80% by (k 15-40µ y 40% -60%; by y y v E ; v v (k w y 2.5kW/k v : 65% wk y 80% v D / D ( v 100V-400V w - w v ( IGBT v 600V 300A; - yb v y; 84

86 bk w ; - y; w y k v y y - q (5 L ( > 250 y ky : My EFI y ( j v y v (6 Eq wy ( qy j v j v : v w ky (v y y bk y wy wy y wy k wy q b wy ; v w v q wy wy y wy b wy w v y ; v w wy b q wy wy y wy q x wy v wy vb q y q wy (7 D v : k b ( jy ( qy j v j v (8 P v (9 D v : ( jy ( qy j v j v (10 P v (11 M w ( jy 85

87 (12 D - ( jy (13 D w w y ( qy j v j v (14 D v -b q ( qy j v j v (15 M q: v q v wk q q q q v q q q v y q v q k q y v x k (16 M q (17 M -b (18 Lxy S (3000 q ( j v (19 M q ( ( y jy (20 D v w ( qy j v j v (21 D w v ( jy (22 D k v ( v jy 86

88 (23 D y v: y q v b b y v (24 D b ( qy j v j v 20. E My Eq I (1 M v q - v KW v KW y ( qy j v v j v y vv vv (2 M q v kw N-w ( qy j v v j v P vv N N II (3 - w y q (4 D q -y y (5 M q -w (6 Pw q ( qy j v v j v: y 500kV bv v w w v (1000kV 50 ka 500kV bv w v ( kv A D T ( kv A v w D w y ± 800 kv D w v vv (w- q D q w EU RHS v - Pb (7 Nw y w q ky q ( j v : v w w w wv w w w v 3 w w w q 87

89 v v (8 350MW bv w b ( j v : b v vb vb -- b w x v y q y S (9 M (10 E v y (11 H-T by : y k-y b k- b v b b (12 D y O2 wb y ( w q (13 M y y (14 M b y yy y b (15 M - v wb 21. q q (1 M y TFT-LD PDP OLED FED( SED y (2 M j - j b LOS j y (x 6 6 b w TFT- LD b (3 M v q b TV q b TV y q 88

90 b q v v v b S Fqy Nwk(SFN TV -k - q SMATV (4 D w w w 0.18 y 0.8 v q BGA PGA SP MM (5 L - - w 100 b -k v w 1 y (6 M y b (7 M y (8 Dv -by k v (9 M - y q w by 100 TB (10 M A D(- AD A T (AT A M(AM A E(AE y (11 Dv w (12 Dv ( x v b (13 M q q (14 M w y : v qy x w y y 89

91 -y k b- b y xb b xb b k b (15 T Sy (. (16 H-b LBD w y 100/W x LBD(b w y 100/W w b w y 100/W w 200W (17 Dv ky D v (18 R -y k b k (19 D v { jy } (20 M v v y ( jy (21 M v (22 M y q (23 M v q v ky (24 M v w 10Gb/ (25 U B B (UWB q (26 M w L A Nwk(W A Nwk (27 40Gb bv -v x q (TDM wv v x q (DWDM Bb Pv wk q ( EPON GPON WDMPON. x- DSL q (OX 90

92 w wk q (ASON 40G/SDH b q bv (28 B IPv6 x I y q q q w v (29 Dv - w b y b b wk q wk q (30 Dv - wk w 1 k (31 M y q( j v 22. My I I M O (1 I y v : b y - b (PL w- w w w (2 Dv - : w w 2kw G/MS y v y y X-y y y T - b y - qy w / - b -y y 500 b vy 3- - v vy H- w w b (3 M - v (w v b bv 91

93 (4 W Pw q (5 M w q y v (6 VXI b y ( w IEEE1155 (7 Dv v y - - y (8 M q b bv q: vy y D y - y (> <1 <0.5 wb (φ < 5 qy b hz qv qk <10-9/ qk y xv -w qk bv b y vy y GPS v ( INSAR v y b v w 1 v D w y b y vby ( y w vby w k y v b w v w (x w RASS GPS b y O2/H2O bv y by y y (3-20µ - -w (9 M v : SO2 NOX NO2 O3 O b x y OD BOD by DO TO 92

94 A y y vy - q - y w b xy w qy q (10 M q y w (11 M x q: - w v w -b x w bb v w- x y w w w y y v - w w y 90% - - w w y 85% - w b( 99.7% w- w q w y M y by b by b vy (XTD -- w qy w qy ( wk 3-6 v D ( y vy - ( (12 M bv 1000 x (13 O My M: -- q b bv (14 F My M: 2K 4K j v v q 23. O (1 Dv - ( q w- - 93

95 (2 by w v w ( (3 P bb (4 W b q bb by y IV. P Sy Pw G W (1 y w by y y b (IG b 0.3 kw P F B b b y(pfb 0.1 kw (2 bk b w (3 yw w w (4 -w ( jy (5 w y w ( y w y y y y b y. (6 U w ( w w y w (7 b w-y (8 Ry (9 M v by 94

96 V. T S P T Sv 1. k wy ( jy 2. wy wy b y ( qy j v j v 3. v - wy wy y ( jy 4. wy b 5. R 6. b k 7. v ( y v jy 8. A ( jy 9. G v y ( qy j v j v 10. I b ( y v jy 11. I ( ( w 13. vy 14. v 95

97 VI. W R T Iy 1. T j b w b - v 2. R b VII. R b v 1. A ( qy j v j v 2. I y y v 3. E y b w v y y v bk bk v v w v by v 4. V y 5. IPR v VIII. S y v x 1. B q b- q 2. I q 3. S v y v y v y v v - y b v y 4. S vy y( wv y v b b x v y 96

98 5. vy v y b w 6. O y v w y xv w v y v 7. Dv y-v y 8. Ty y v v y y w by 9. Ty v 10. Ey-v - b w y w w w 11. Ty v v 12. v y b 13. A q v 14. R v 15. Ib - w v b IX. W v b y y 1. ky w j v ( y v jy 2. b - 97

99 3. y ( jy 4. w b w ( v X. E 1. Av (y j v v 2. V k XI. Pb y w 1. Sv y XII. 1. O (( y v jy 2. O y by- y v 98

100 R F Iv I I. F Fy A Hby Fy I 1. B v w b ( y jy 2. P v ( qy j v j v 3. (w II. M I 1. Ex x ( jy 2. Ex b ( qy j v j v 3. Ex ( v 4. Ex - y y w 5. Ex y x k b 6. M by by 7. M 8. M O M N ( jy 99

101 III. M I 1. F Sby F Iy (1 P yb b ( jy (2 M by q 2. Bv M I (1 Yw w w ( jy 3. Tb I (1 M b 4. P y R V (1 P b ( jy x k 5. P P k I N F (1 A v w 1000 / y F w 150 / R ( x w 100 / y yk w 150 / y 6. Rw M P M Iy (1 S yx bw bkw y (2 P v (3 P b 100

102 (4 P w y ( 3 4- y y-2- y 1-y-2- x (5 Hy w- HF F (6 B bb y b bb y-b bb (7 Ay y y bw - (8 bkw y b (9 P by (10 R v bkw y 7. M P P Iy (1 P G y yy k y y xyy y ky y x x (2 P V B1 V B2 V V E v (3 P y v b x x (BG v y DPT v v Ty-B b v w S' P (4 P A yv ( jy (5 P b 101

103 8. Fb P Iy (1 P b wwk v (2 P y v b 9. N-F M S R P Iy (1 N- yb (x y ( y x y (2 N- y - (3 S ( qy j v j v 10. P Eq M Iy (1 M k (0 x y ( b (2 M w ( 500 w ( 600 ( j v 11. S P Eq M Iy (1 M q b (2 M w 320 w y xv 30 w w k- k - k x v q y y y ( y v 102

104 12. M (1 R ( b ( jy 13. M A E I (1 P v v ky IV. P Sy Pw G W 1. v - w w y kW w w X Xj H v w -x w 2. w wk 3. y w wk w 100 ( y jy V. T S P T Sv 1. Rwy 2. Rwy ( jy 3. wy 4. -v y 5. w ( jy 103

105 6. G v y ( jy 7. T : v ( 50 v b b b ( Db 2007 VI. W R T I 1. y I 2. G ; W b vb b b ( jy w v 30 b k b - 3. Db v (x v ( 4. S ( jy y v ( qy j v j v 5. W ( jy w v 30 b k b - VII. Bk I I 1. Bk v y bk 2. I ( - 50% 3. Sy ( A - B H v y b y v ( - 49% 104

106 4. I bk 5. F ( jy VIII. R E Iy 1. Dv ( qy j v j v 2. -k v - b xb 3. R - k bk IX. L Sv Iy 1. L 2. Mk R ( qy j v j v 3. S qy v X. S R Sv I G P 1. M ( jy 2. I v x 3. Py v ( k y k x y qy j v XI. E 1. H ( 105

107 XII. A S E I 1. P b b TV k ( j v 2. ( jy 3. k 4. Bk y XIII. O by S k 106

108 Pb F Iv I I. F Fy A Hby Fy I 1. R&D v ' b v ( y by q y 2. G- b y b vk y 3. F w Gv j - w II. M Qy I 1. Ex yb y 2. Ex v 3. Ex III. M Iy 1. Bv Iy (1 P w ' ( k. 2. M P P Iy (1 P v b R v M W M M R R E P (2 A q y k y xb 107

109 3. N-F M S R P Iy (1 S v 4. S Eq M Iy (1 M W A 5. E My Eq M Iy (1 M -- y B Ty Sv Ox y- b y k / by / by k 6. Iy P O M I (1 Ivy v (2 T- (3 P b qw (4 P (5 P X- ( - b k (6 P IV. P Sy Pw G W 1. v - w w y kW w w X Xj H v w -x w 108

110 V. T S. P T Sv v x v VI. L Sv Iy 1. S v VII. S R Sv I G P 1. Dv y y 2. G vy y v v VIII. I v b 1. v y y 2. Dv b w b v by IX. E 1. I y k y y X. A S E I 1. Nw 2. B b bk w 109

111 3. B b v b 4. R TV TV wk v v ( y TV -k v wv b b TV wk 5. b TV 6. k b 7. Nw wb - v v b wb v b (x 9. v 10. Gb y ( b 11. P Iy XI. O I 1. Pj y y XII. O by S k 110

112 IE - A I 意 大 利 对 外 贸 易 委 员 会 I T U S 上 海 代 表 处 R 1901B T 989 R S 地 址 : 上 海 市 长 乐 路 989 号 世 纪 商 贸 广 场 1901B 邮 编 : T/ 电 话 : / Fx/ 传 真 : E-/ 电 子 邮 箱 Wb/ 网 址 :

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA ANUGA COLONIA 05-09 OTTOBRE 2013 Ragione Sociale Inviare a : all'attenzione di : Padiglione Koelnmesse Srl Giulia Falchetti/Alessandra Cola Viale Sarca 336 F tel. 02/86961336 Stand 20126 Milano fax 02/89095134

Dettagli

REQUISITI DI SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI R. Paciucci E. Ragno Servizio sicurezza e protezione - CNR

REQUISITI DI SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI R. Paciucci E. Ragno Servizio sicurezza e protezione - CNR REQUISITI DI SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI R. P E. R Svz szz pz - CNR L f sh s s mp pph ; p è pps pm pssbà p sss è ss vs, s s mp mq sz, ; s (, svh.) pss ss s z. I sh ss s spsv è sfvm fz m pph s p:

Dettagli

3. SPAZI VETTORIALI CON PRODOTTO SCALARE

3. SPAZI VETTORIALI CON PRODOTTO SCALARE 3 SPAZI VETTORIALI CON PRODOTTO SCALARE 31 Prodotti scalari Definizione 311 Sia V SV(R) Un prodotto scalare su V è un applicazione, : V V R (v 1,v 2 ) v 1,v 2 tale che: i) v,v = v,v per ogni v,v V ; ii)

Dettagli

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06 Analisi Mat. - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 3-3-6 Sia p il polinomio di quarto grado definito da pz = z 4. Sia S il settore circolare formato dai numeri complessi che hanno modulo minore o

Dettagli

FOGLIO 4 - Applicazioni lineari. { kx + y z = 2 x + y kw = k. 2 k 1

FOGLIO 4 - Applicazioni lineari. { kx + y z = 2 x + y kw = k. 2 k 1 FOGLIO 4 - Applicazioni lineari Esercizio 1. Si risolvano i seguenti sistemi lineari al variare di k R. { x y + z + 2w = k x z + w = k 2 { kx + y z = 2 x + y kw = k Esercizio 2. Al variare di k R trovare

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

Logica del primo ordine

Logica del primo ordine Logica del primo ordine Sistema formale sviluppato in ambito matematico formalizzazione delle leggi del pensiero strette relazioni con studi filosofici In ambito Intelligenza Artificiale logica come linguaggio

Dettagli

DISTRIBUZIONI DI VARIABILI CASUALI DISCRETE

DISTRIBUZIONI DI VARIABILI CASUALI DISCRETE DISTRIBUZIONI DI VARIABILI CASUALI DISCRETE variabile casuale (rv): regola che associa un numero ad ogni evento di uno spazio E. variabile casuale di Bernoulli: rv che può assumere solo due valori (e.g.,

Dettagli

Capitolo Dodicesimo CALCOLO DIFFERENZIALE PER FUNZIONI DI PIÙ VARIABILI

Capitolo Dodicesimo CALCOLO DIFFERENZIALE PER FUNZIONI DI PIÙ VARIABILI Capitolo Dodicesimo CALCOLO DIFFERENZIALE PER FUNZIONI DI PIÙ VARIABILI CAMPI SCALARI Sono dati: un insieme aperto A Â n, un punto x = (x, x 2,, x n )T A e una funzione f : A Â Si pone allora il PROBLEMA

Dettagli

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali.

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. CAPITOLO 7 Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. Esercizio 7.1. Determinare il rango delle seguenti matrici al variare del parametro t R. 1 4 2 1 4 2 A 1 = 0 t+1 1 A 2 = 0 t+1 1

Dettagli

Il calcolo dei predicati per R.C. Agenti logici: la logica del prim ordine. Esempio: il mondo dei blocchi. Concettualizzazione

Il calcolo dei predicati per R.C. Agenti logici: la logica del prim ordine. Esempio: il mondo dei blocchi. Concettualizzazione Il calcolo dei predicati per R.C. Agenti logici: la logica del prim ordine Sintassi, semantica, inferenza Maria Simi a.a. 2014-2015 Nella logica dei predicati abbiamo assunzioni ontologiche più ricche:

Dettagli

C.L. Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro Polo di Rieti. Calendario Lezioni 3 anno 2 Semestre - A.A.

C.L. Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro Polo di Rieti. Calendario Lezioni 3 anno 2 Semestre - A.A. I Settiman 2-6 Ore Lunedi 2 Martedi 3 Mercoledi 4 Giovedì 5 Venerdì 6 II 09-13 Ore Lunedì 9 Martedì 10 Mercoledì 11 Giovedì 12 Venerdì 13 III 16-20 Ore Lunedì 16 Martedì 17 Mercoledì 18 Giovedì 19 Venerdì

Dettagli

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte)

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte) Corso di Geometria I (seconda parte) anno acc. 2009/2010 Cambiamento del sistema di riferimento in E 3 Consideriamo in E 3 due sistemi di riferimento ortonormali R e R, ed un punto P (x, y, z) in R. Lo

Dettagli

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara Esercizi di Algebra Lineare Claretta Carrara Indice Capitolo 1. Operazioni tra matrici e n-uple 1 1. Soluzioni 3 Capitolo. Rette e piani 15 1. Suggerimenti 19. Soluzioni 1 Capitolo 3. Gruppi, spazi e

Dettagli

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie PROGETTO PON SICUREZZA 27-213 Gli investimenti delle mafie SINTESI Progetto I beni sequestrati e confiscati alle organizzazioni criminali nelle regioni dell Obiettivo Convergenza: dalle strategie di investimento

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PROTEZIONE CONTRO I FULMINI. di struttura adibita a Ufficio. relativa alla

RELAZIONE TECNICA PROTEZIONE CONTRO I FULMINI. di struttura adibita a Ufficio. relativa alla II I RELAZIONE TECNICA t relativa alla PROTEZIONE CONTRO I FULMINI di struttura adibita a Ufficio. sita nel comune di AF.EZZO (AR) PROPRIET A' AP{EZZO MULTISERVIZI SRL Valutazione del rischio dovuto al

Dettagli

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility ERASMUS PLUS Disposizioni nazionali allegate alla Guida al Programma 2015 Settore Istruzione Scolastica, Educazione degli Adulti e Istruzione Superiore KA1 School education staff mobility/ Adult education

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

3. TEORIA DELL INFORMAZIONE

3. TEORIA DELL INFORMAZIONE 3. TEORIA DELL INFORMAZIONE INTRODUZIONE MISURA DI INFORMAZIONE SORGENTE DISCRETA SENZA MEMORIA ENTROPIA DI UNA SORGENTE NUMERICA CODIFICA DI SORGENTE 1 TEOREMA DI SHANNON CODICI UNIVOCAMENTE DECIFRABILI

Dettagli

Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto

Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto Relatore Prof. Andrea

Dettagli

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1,

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1, NUMERI QUANTICI Le autofuzioi soo caratterizzate da tre parametri chiamati NUMERI QUANTICI e soo completamete defiite dai loro valori: : umero quatico pricipale l : umero quatico secodario m : umero quatico

Dettagli

Appunti di Algebra Lineare

Appunti di Algebra Lineare Appunti di Algebra Lineare Indice 1 I vettori geometrici. 1 1.1 Introduzione................................... 1 1. Somma e prodotto per uno scalare....................... 1 1.3 Combinazioni lineari e

Dettagli

Nota: Eventi meno probabili danno maggiore informazione

Nota: Eventi meno probabili danno maggiore informazione Entropia Informazione associata a valore x avente probabilitá p(x é i(x = log 2 p(x Nota: Eventi meno probabili danno maggiore informazione Entropia di v.c. X P : informazione media elementi di X H(X =

Dettagli

Serie RTC. Prospetto del catalogo

Serie RTC. Prospetto del catalogo Serie RTC Prospetto del catalogo Bosch Rexroth AG Pneumatics Serie RTC Cilindro senza stelo, Serie RTC-BV Ø 16-80 mm; a doppio effetto; con pistone magnetico; guida integrata; Basic Version; Ammortizzamento:

Dettagli

Equazioni differenziali ordinarie

Equazioni differenziali ordinarie Capitolo 2 Equazioni differenziali ordinarie 2.1 Formulazione del problema In questa sezione formuleremo matematicamente il problema delle equazioni differenziali ordinarie e faremo alcune osservazioni

Dettagli

1 Se dy = x converge ==> y(x) è definita perogni x > 0. se diverge è definita solo in [0, x] 2. f definita perogni y > y0

1 Se dy = x converge ==> y(x) è definita perogni x > 0. se diverge è definita solo in [0, x] 2. f definita perogni y > y0 Punti Critici, classificazione e studio: equazione autonoma del prim'ordine: y' = f(y) con f C1 in I. studiamo il PC: y' = f(y) && y(0) = y0. y0 in I quindi PC ha una sola soluzione locale se f(y0) = 0

Dettagli

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici.

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. 1250(&(, &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. &(, Legge 46/ 90 - Guida per la compilazione della dichiarazione di conformità e relativi allegati &(,9

Dettagli

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti.

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Def. Si dice equazione differenziale lineare del secondo ordine

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

Calcolo differenziale per funzioni di più variabili reali

Calcolo differenziale per funzioni di più variabili reali CAPITOLO 3 Calcolo differenziale per funzioni di più variabili reali Scopo di questo capitolo è studiare le principali caratteristiche dei grafici di funzioni di più variabili, con particolare attenzione

Dettagli

TI-30X B e TI-30X S. Calcolatrici scientifiche. Immissioni precedenti # $ Ultima risposta %i. Ordine delle operazioni. Informazioni generali

TI-30X B e TI-30X S. Calcolatrici scientifiche. Immissioni precedenti # $ Ultima risposta %i. Ordine delle operazioni. Informazioni generali TI-30X B e TI-30X S Calcolatrici scientifiche Texas Instruments 7800 Banner Dr. Dallas, TX 75251 U.S.A. Texas Instruments Holland B.V. Rutherfordweg 102 3542 CG Utrecht - The Netherlands ¾ www.ti.com/calc

Dettagli

Soluzioni Esercitazione VIII. p(t)dt = R

Soluzioni Esercitazione VIII. p(t)dt = R S. a Si ha Soluioni Esercitaione VIII PT > + ptt ptt perché pt per t u + perché

Dettagli

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA Prerequisiti - Impiego di Multipli e Sottomultipli nelle equazioni - Equazioni lineari di primo grado e capacità di ricavare le formule inverse - nozioni base di fisica

Dettagli

M A G N E T I C I G E N E R A L I T A'

M A G N E T I C I G E N E R A L I T A' S C H E R M I M A G N E T I C I G E N E R A L I T A' Gli schermi magnetici hanno la funzione di proteggere oggetti sensibili dall'aggressione magnetica esterna. Questi schermi possono essere suddivisi

Dettagli

Cilindri idraulici HMIX con trasduttori integrati Cilindri metrici con feedback per pressioni di esercizio fino a 210 bar

Cilindri idraulici HMIX con trasduttori integrati Cilindri metrici con feedback per pressioni di esercizio fino a 210 bar Cilindri idraulici HMIX con trasduttori integrati Cilindri metrici con feedback per pressioni di esercizio fino a 0 bar Catalogo HY07-75/IT Introduzione Introduzione L aggiunta di un trasduttore e dell'elettronica

Dettagli

DECISIONE DEL CONSIGLIO

DECISIONE DEL CONSIGLIO L 282/50 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 24.10.2013 DECISIONI DECISIONE DEL CONSIGLIO del 17 ottobre 2013 relativa alla posizione che dev essere adottata, a nome dell Unione europea, in sede di

Dettagli

QUADERNI DI DIDATTICA

QUADERNI DI DIDATTICA Department of Applied Mathematics, University of Venice QUADERNI DI DIDATTICA Tatiana Bassetto, Marco Corazza, Riccardo Gusso, Martina Nardon Esercizi sulle funzioni di più variabili reali con applicazioni

Dettagli

Esercitazioni per il corso di Logica Matematica

Esercitazioni per il corso di Logica Matematica Esercitazioni per il corso di Logica Matematica Luca Motto Ros 14 marzo 2005 Nota importante. Queste pagine contengono appunti personali dell esercitatore e sono messe a disposizione nel caso possano risultare

Dettagli

NUMERI DI OSSIDAZIONE

NUMERI DI OSSIDAZIONE NUMERI DI OSSIDAZIONE Numeri in caratteri romani dotati di segno Tengono conto di uno squilibrio di cariche nelle specie poliatomiche Si ottengono, formalmente, attribuendo tutti gli elettroni di valenza

Dettagli

IDENTIFICAZIONE dei MODELLI e ANALISI dei DATI. Lezione 40: Filtro di Kalman - introduzione. Struttura ricorsiva della soluzione.

IDENTIFICAZIONE dei MODELLI e ANALISI dei DATI. Lezione 40: Filtro di Kalman - introduzione. Struttura ricorsiva della soluzione. IDENTIFICAZIONE dei MODELLI e ANALISI dei DATI Lezione 40: Filtro di Kalman - introduzione Cenni storici Filtro di Kalman e filtro di Wiener Formulazione del problema Struttura ricorsiva della soluzione

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA Stefania Naddeo (anno accademico 4/5) INDICE PARTE PRIMA: STATISTICA DESCRITTIVA. DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA E FUNZIONE DI RIPARTIZIONE. VALORI CARATTERISTICI

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

Matlab: Funzioni. Informatica B. Daniele Loiacono

Matlab: Funzioni. Informatica B. Daniele Loiacono Matlab: Funzioni Informatica B Funzioni A cosa servono le funzioni? 3 x = input('inserisci x: '); fx=1 for i=1:x fx = fx*x if (fx>220) y = input('inserisci y: '); fy=1 for i=1:y fy = fy*y A cosa servono

Dettagli

Evola. Evolution in Logistics.

Evola. Evolution in Logistics. Evola. Evolution in Logistics. Viaggiamo nel tempo per farvi arrivare bene. Siamo a vostra disposizione ed operiamo per voi dal 1993, inizialmente specializzati nel mercato italiano e successivamente come

Dettagli

A i è un aperto in E. i=1

A i è un aperto in E. i=1 Proposizione 1. A è aperto se e solo se A c è chiuso. Dimostrazione. = : se x o A c, allora x o A = A o e quindi esiste r > 0 tale che B(x o, r) A; allora x o non può essere di accumulazione per A c. Dunque

Dettagli

6. Calcolare le derivate parziali prime e seconde, verificando la validità del teorema di Schwarz:

6. Calcolare le derivate parziali prime e seconde, verificando la validità del teorema di Schwarz: FUNZIONI DI PIU VARIABILI Esercizi svolti. Determinare il dominio delle seguenti funzioni e rappresentarlo graficamente : (a) f log( x y ) (b) f log(x + y ) (c) f y x 4 (d) f sin(x + y ) (e) f log(xy +

Dettagli

Rexroth Pneumatics. Cilindro senz asta Cilindri senza stelo. Pressione di esercizio min/max Temperatura ambiente min./max.

Rexroth Pneumatics. Cilindro senz asta Cilindri senza stelo. Pressione di esercizio min/max Temperatura ambiente min./max. Rexroth Pneumatics 1 Pressione di esercizio min/max 2 bar / 8 bar Temperatura ambiente min./max. -10 C / +60 C Fluido Aria compressa Dimensione max. particella 5 µm contenuto di olio dell aria compressa

Dettagli

FORME DIFFERENZIALI IN R 3 E INTEGRALI

FORME DIFFERENZIALI IN R 3 E INTEGRALI FORME DIFFERENZIALI IN R 3 E INTEGRALI CLADIO BONANNO Contents 1. Spazio duale di uno spazio vettoriale 1 1.1. Esercizi 3 2. Spazi tangente e cotangente 4 2.1. Esercizi 6 3. Le forme differenziali e i

Dettagli

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO APPUNTI PER IL CORSO DI ANALISI MATEMATICA I G. MAUCERI Indice 1. Introduzione 1 2. La funzione esponenziale 2 3. Il numero e di Nepero 9 4. L irrazionalità di e

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Progettazione sismica di edifici prefabbricati in c.a. Aspetti normativi ed esempio applicativo

Progettazione sismica di edifici prefabbricati in c.a. Aspetti normativi ed esempio applicativo UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO ORDINE INGG. BERGAMO Pagina i/53 LE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI - D.M. 14 Gennaio 2008 AZIONE SISMICA E PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE Progettazione sismica di

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 23 dicembre 2009, n. 191. Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2010). La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

Breve introduzione al metodo del Analytic Hierarchy Process (AHP)

Breve introduzione al metodo del Analytic Hierarchy Process (AHP) Breve introduzione al metodo del Analytic Hierarchy Process (AHP) Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova 2 Il metodo SAW costruisce un peso con cui valutare le alternative

Dettagli

f(x, y, z) = (x + ky + z, x y + 2z, x + y z) f(x, y, z) = (x + 2y z, x + y z, x + 2y) F (f(x)) = (f(0), f(1), f(2))

f(x, y, z) = (x + ky + z, x y + 2z, x + y z) f(x, y, z) = (x + 2y z, x + y z, x + 2y) F (f(x)) = (f(0), f(1), f(2)) Algebra Lineare e Geometria Analitica Politecnico di Milano Ingegneria Applicazioni Lineari 1. Sia f : R 3 R 3 l applicazione lineare definita da f(x, y, z) = (x + ky + z, x y + 2z, x + y z) per ogni (x,

Dettagli

Laboratorio di Elettrotecnica

Laboratorio di Elettrotecnica 1 Laboratorio di Elettrotecnica Rappresentazione armonica dei Segnali Prof. Pietro Burrascano - Università degli Studi di Perugia Polo Scientifico Didattico di Terni 2 SEGNALI: ANDAMENTI ( NEL TEMPO, NELLO

Dettagli

Lezioni del corso AL430 - Anelli Commutativi e Ideali

Lezioni del corso AL430 - Anelli Commutativi e Ideali Lezioni del corso AL430 - Anelli Commutativi e Ideali a.a. 2011-2012 Introduzione alla Teoria delle Valutazioni Stefania Gabelli Testi di Riferimento M. F. Atiyah and I. G. Macdonald, Introduction to Commutative

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

Equazioni differenziali e alle differenze

Equazioni differenziali e alle differenze CAPITOLO 2 Equazioni differenziali e alle differenze Introduciamo le equazioni differenziali e alle differenze partendo da un semplice problema: quello di studiare la crescita di una popolazione. Indichiamo

Dettagli

ITALIA REPUBBLICA POSTA ORDINARIA. 2-1-1-2 S.S. 2 C.E.I. Luog. 500. 60 c. 50 c 5-1-1-5 S.S. 5 C.E.I. 503. 9-1-1-9 S.S. 9 C.E.I. Luog. 507.

ITALIA REPUBBLICA POSTA ORDINARIA. 2-1-1-2 S.S. 2 C.E.I. Luog. 500. 60 c. 50 c 5-1-1-5 S.S. 5 C.E.I. 503. 9-1-1-9 S.S. 9 C.E.I. Luog. 507. 10 c 20 c 25 c 1-1-1-1 S.S. 1 C.E.I. Luog. 499 2-1-1-2 S.S. 2 C.E.I. Luog. 500 3-1-1-3 S.S. 3 C.E.I. 501 40 c 50 c 60 c 80 c 4-1-1-4 S.S. 4 C.E.I. Luog. 502 5-1-1-5 S.S. 5 C.E.I. 503 6-1-1-6 S.S. 6 C.E.I.

Dettagli

Alla pagina successiva trovate la tabella

Alla pagina successiva trovate la tabella Tabella di riepilogo per le scomposizioni Come si usa la tabella di riepilogo per le scomposizioni Premetto che, secondo me, questa tabella e' una delle pochissime cose che in matematica bisognerebbe "studiare

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

Sistemi e modelli matematici

Sistemi e modelli matematici 0.0.. Sistemi e modelli matematici L automazione è un complesso di tecniche volte a sostituire l intervento umano, o a migliorarne l efficienza, nell esercizio di dispositivi e impianti. Un importante

Dettagli

Il problema della fattorizzazione nei domini di Dedekind

Il problema della fattorizzazione nei domini di Dedekind Il problema della fattorizzazione nei domini di Dedekind Stefania Gabelli Dipartimento di Matematica, Università degli Studi Roma Tre Note per i corsi di Algebra Commutativa a.a. 2010/2011 1 Indice 1 Preliminari

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI. Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto

CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI. Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto Percentuale in peso = g soluto / g soluzione x 100 H 2 O 2 al 3% Percentuale

Dettagli

Nota su Crescita e Convergenza

Nota su Crescita e Convergenza Nota su Crescita e Convergenza S. Modica 28 Ottobre 2007 Nella prima sezione si considerano crescita lineare ed esponenziale e le loro proprietà elementari. Nella seconda sezione si spiega la misura di

Dettagli

Problemi di ottimizzazione di forma. su classi di insiemi convessi

Problemi di ottimizzazione di forma. su classi di insiemi convessi Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Matematica Anno Accademico 995/996 Tesi di Laurea Problemi di ottimizzazione di forma su classi di insiemi

Dettagli

M P = PA^V. Il risultante e denito semplicemente come la somma dei vettori di a

M P = PA^V. Il risultante e denito semplicemente come la somma dei vettori di a VETTORI APPLICATI Sistema di vettori applicati L'ente matematico costituito da un punto P e da un vettore (libero) V, si dice vettore applicato in P e si denota con (P;V). E comodo rappresentare il vettore

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

Rette e piani con le matrici e i determinanti

Rette e piani con le matrici e i determinanti CAPITOLO Rette e piani con le matrici e i determinanti Esercizio.. Stabilire se i punti A(, ), B(, ) e C(, ) sono allineati. Esercizio.. Stabilire se i punti A(,,), B(,,), C(,, ) e D(4,,0) sono complanari.

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

Algebra Relazionale. algebra relazionale

Algebra Relazionale. algebra relazionale Algebra Relazionale algebra relazionale Linguaggi di Interrogazione linguaggi formali Algebra relazionale Calcolo relazionale Programmazione logica linguaggi programmativi SQL: Structured Query Language

Dettagli

+ t v. v 3. x = p + tv, t R. + t. 3 2 e passante per il punto p =

+ t v. v 3. x = p + tv, t R. + t. 3 2 e passante per il punto p = 5. Rette e piani in R 3 ; sfere. In questo paragrafo studiamo le rette, i piani e le sfere in R 3. Ci sono due modi per desrivere piani e rette in R 3 : mediante equazioni artesiane oppure mediante equazioni

Dettagli

Lezione 4: Principi di Conservazione Conservazione della quantità di moto e del momento della quantità di moto

Lezione 4: Principi di Conservazione Conservazione della quantità di moto e del momento della quantità di moto Lezione 4: Principi di Conservazione Conservazione della quantità di moto e del momento della quantità di moto Claudio Tamagnini Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Università degli Studi di

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni : criteri e indicazioni di Ilaria Moroni Ultimo aggiornamento: giugno 2010 A) Sistema classico (autore-titolo) nel corpo del testo: es. frase citata da un libro ¹ [N nota in apice] in nota a piè di pag.:

Dettagli

Progetto di un sistema di controllo di sospensioni attive in ambiente Matlab

Progetto di un sistema di controllo di sospensioni attive in ambiente Matlab Università di Padova FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ing. dell' Informazione Progetto di un sistema di controllo di sospensioni attive in ambiente Matlab Relatore: Prof. Alessandro Beghi Presentata

Dettagli

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il Circuiti in Corrente Continua direct currentdc ASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica l Potenziale Elettrico La legge di Ohm l resistore codice dei colori esistenze in serie ed in parallelo

Dettagli

Equazioni non lineari

Equazioni non lineari CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Equazioni non lineari Metodi iterativi per l approssimazione di radici Corso di calcolo numerico 2 01/11/2010 Manuela Carta INDICE Introduzione Metodo

Dettagli

Perché il Controllo Fuzzy?

Perché il Controllo Fuzzy? Pregi - Non è necessario un modello matematico dettagliato 2 - Può incorporare facilmente esperienza umana espressa in termini "qualitativi" 3 - E' robusto 4 - E' adattabile alle modifiche del processo

Dettagli

SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO SPETTRO DI PROGETTO

SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO SPETTRO DI PROGETTO SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO SPETTRO DI PROGETTO 1 (Ridis. con modifiche da M. De Stefano, 2009) 2 3 Concetto di duttilità 4 5 6 7 E necessario avere i valori di q dallo strutturista ( ma anche qo). Per

Dettagli

Matrice rappresent. Base ker e img. Rappresentazione cartesiana ker(f) + im(f).

Matrice rappresent. Base ker e img. Rappresentazione cartesiana ker(f) + im(f). Due Matrici A,B. Ker f = ker g. 1- Ridurre a scala A e B e faccio il sistema. 2 Se Vengono gli stessi valori allora, i ker sono uguali. Cauchy 1 autovalore, 1- Metto a matrice x1(0),x2(0),x3(0) e la chiamo

Dettagli

Teoria dei Fibrati. Filippo Bracci

Teoria dei Fibrati. Filippo Bracci Teoria dei Fibrati Filippo Bracci DIPARTIMENTO DI MATEMATICA UNIVERSITÀ DI ROMA TOR VERGATA VIA DELLA RICERCA SCIENTIFICA 1, 00133 ROMA, ITALY. E-mail address: fbracci@mat.uniroma2.it Indice Capitolo

Dettagli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli I numeri complessi Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli 1 Introduzione Studiare i numeri complessi può sembrare inutile ed avulso dalla realtà;

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 31.3.2015 COM(2015) 145 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO Relazione sull'applicazione del regolamento (UE) n. 211/2011 riguardante l'iniziativa

Dettagli

Informazioni su peso massimo, dimensioni massime e tempo di trasporto nei paesi

Informazioni su peso massimo, dimensioni massime e tempo di trasporto nei paesi Informazioni su peso massimo, dimensioni massime e tempo di trasporto nei paesi ) Tempi di recapito medi in giorni feriali (lunedi venerdi), giorno d impostazione escluso. I tempi di consegna pubblicati

Dettagli

Prolog: aritmetica e ricorsione

Prolog: aritmetica e ricorsione Capitolo 13 Prolog: aritmetica e ricorsione Slide: Aritmetica e ricorsione 13.1 Operatori aritmetici In logica non vi è alcun meccanismo per la valutazione di funzioni, che è fondamentale in un linguaggio

Dettagli

Esercizi svolti sui numeri complessi

Esercizi svolti sui numeri complessi Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 1 Risolvere l equazione z 1 + i = 1. Soluzione. Moltiplichiamo entrambi i membri per 1 + i in definitiva la soluzione è z 1 + i 1 + i = 1 1 + i z = 1 1 i. : z =

Dettagli

Lo Spettro primo di un anello. Carmelo Antonio Finocchiaro

Lo Spettro primo di un anello. Carmelo Antonio Finocchiaro Lo Spettro primo di un anello Carmelo Antonio Finocchiaro 2 Indice 1 Lo spettro primo di un anello: introduzione 5 1.1 Le regole del gioco................................ 5 1.2 Prime definizioni e risultati

Dettagli

Appunti di Logica Matematica

Appunti di Logica Matematica Appunti di Logica Matematica Francesco Bottacin 1 Logica Proposizionale Una proposizione è un affermazione che esprime un valore di verità, cioè una affermazione che è VERA oppure FALSA. Ad esempio: 5

Dettagli

Esercitazione IX - Calorimetria

Esercitazione IX - Calorimetria Esercitazione IX - Calorimetria Esercizio 1 Un blocco di rame di massa m Cu = 5g si trova a una temperatura iniziale T i = 25 C. Al blocco viene fornito un calore Q = 120J. Determinare la temperatura finale

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

VARIABILI ALEATORIE CONTINUE

VARIABILI ALEATORIE CONTINUE VARIABILI ALEATORIE CONTINUE Se X è una variabile aleatoria continua, la probabilità che X assuma un certo valore x fissato è in generale zero, quindi non ha senso definire una distribuzione di probabilità

Dettagli

CAPITOLO I SPAZI TOPOLOGICI

CAPITOLO I SPAZI TOPOLOGICI CAPITOLO I SPAZI TOPOLOGICI 1 Topologie su un insieme Sia X un insieme. Una topologia su X è una famiglia τ di sottoinsiemi di X, che si dicono aperti. Gli aperti di una topologia su X devono soddisfare

Dettagli

PROBLEMI DI PRIMO E SECONDO GRADO CON ATTENZIONE AI CASI LIMITE

PROBLEMI DI PRIMO E SECONDO GRADO CON ATTENZIONE AI CASI LIMITE PROBLEMI DI PRIMO E SECONDO GRADO CON ATTENZIONE AI CASI LIMITE Scuola secondaria di 2 o grado Classe terza Grazia Landini Barbara Magnani Milena Rabbi Maria Ragagni Roberto Ricci 125 126 Indice Problemi

Dettagli

Una nuova solidarietà tra le generazioni di fronte ai cambiamenti demografici

Una nuova solidarietà tra le generazioni di fronte ai cambiamenti demografici Una nuova solidarietà tra le generazioni di fronte ai cambiamenti demografici Libro verde Occupazione affari sociali Commissione europea Una nuova solidarietà tra le generazioni di fronte ai cambiamenti

Dettagli

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo).

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo). 1 Modelli matematici Un modello è un insieme di equazioni e altre relazioni matematiche che rappresentano fenomeni fisici, spiegando ipotesi basate sull osservazione della realtà. In generale un modello

Dettagli