ASP 3.0 Il Sito Dinamico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ASP 3.0 Il Sito Dinamico"

Transcript

1

2 ASP 3.0 Il Sito Dinamico di Lorenzo Garassino Introduzione e scopo del libro 1. Scenario 1.1. Il panorama 1.2. Sito Statico o Dinamico? 1.3. Prospettive 2. Cos è ASP 2.1. Descrizione 2.2. A cosa serve 3. Linguaggio di ASP 3.1. Jscript 3.2. Vbscript 3.3. Variabili e costanti 3.4. Tipi di dati 3.5. Operatori 3.6. And, Or, Not 4. Struttura di ASP 4.1. Oggetti 4.2. Metodi 4.3. Eventi 4.4. Collezioni 4.5. Proprietà 5. Oggetti Integrati 5.1. Request 5.2. Response 5.3. Server 5.4. Session 5.5. Application 5.6. ASPError 5.7. ObjectContext 6. Gestione del Flusso strutture condizionali e loop 6.1. If Then Else 6.2. Select Case 6.3. Do Loop 6.4. While Wend 6.5. For Next 6.6. For Each Next

3 7. Le Procedure 7.1. Procedura Sub 7.2. Procedura Function 8. File esterni 8.1. Inclusioni 8.2. Il Global.asa 9. L oggetto File System Object (FSO) 9.1. Struttura di FSO 9.2. Accedere a drive e cartelle 9.3. Accedere a file 10. Integrazione Differenza tra script client-side e server-side e loro integrazione ASP e HTML ASP e Javascript ASP e Macromedia Flash Cenni di Actionscript ASP e XML 11. ASP e Basi di Dati La Struttura di un Database Relazionale Il ruolo di ASP ADO, ODBC, OLE-DB Introduzione e cenni di SQL 12. Ottimizzazione del Codice troubleshooting - individuazione degli errori e testing accorgimenti per velocizzare l interpretazione del codice Appendice A Esempi di Codice Appendice B Funzioni VBScript integrate Appendice C Termini Chiave e Operatori Appendice D - Glossario

4 CAPITOLO 6 - Gestione del Flusso Nell elaborazione del codice il server esegue le istruzioni in modo sequenziale, dalla prima all ultima. Risulta spesso necessario alterare questo metodo di elaborazione per eseguire operazioni che altrimenti richiederebbero numerose righe di codice ripetitivo, oppure per eseguire comandi in conseguenza ad un evento. Le strutture condizionali hanno il compito di valutare un evento ed eseguire operazioni differenti a seconda del risultato della valutazione. Forniscono pertanto al programma la capacità di decidere. Le strutture ricorsive alterano il normale flusso di dati allo scopo di rendere possibili operazioni comunemente utilizzate che altrimenti sarebbero estremamente laboriose o che non sarebbero possibili If Then [ Else] Dall inglese se allora altrimenti. E il costrutto più semplice, come dice il nome decide di eseguire una o più operazioni SE la condizione è soddisfatta. SINTASSI: IF condizione THEN blocco oppure IF condizione THEN blocco1 [ELSE blocco2] ESEMPIO 6.1A: Dim pioggia pioggia=true IF pioggia THEN Response.Write( oggi piove ) Se la variabile pioggia è TRUE, come in questo caso, l output sarà oggi piove, altrimenti nulla sarà stampato a video.

5 ESEMPIO 6.1B: Dim tempo tempo= soleggiato IF tempo= soleggiato THEN Response.Write ti consigliamo una gita al mare ELSE Response.Write meglio rimandare il viaggio Se la variabile tempo ha come valore soleggiato, come in questo caso, l output sarà ti consigliamo una gita al mare, se invece la variabile tempo assume qualsiasi altro valore, l output sarà meglio rimandare il viaggio. ESEMPIO 6.1C: Dim tempo tempo= soleggiato IF tempo= soleggiato THEN Response.Write ti consigliamo una gita al mare ELSEIF tempo= piovoso THEN Response.Write porta con te un ombrello ELSE Response.Write tempo incerto In questo esempio si introduce la keyword ELSEIF, che permette di collegare logicamente due strutture IF. Se la variabile tempo ha come valore soleggiato, come in questo caso, l output sarà ti consigliamo una gita al mare, se la variabile tempo ha come valore piovoso l output sarà porta con te un ombrello, se invece la variabile tempo assume qualsiasi altro valore, l output sarà tempo incerto. ESEMPIO 6.1D: Dim tempo tempo= soleggiato IF tempo= soleggiato THEN Response.Write ti consigliamo una gita al mare ELSE IF tempo= piovoso THEN Response.Write porta con te un ombrello ELSE Response.Write tempo incerto

6 In questo esempio vengono proposte due strutture IF nidificate, da confrontare con l esempio precedente. La prima struttura IF contiene una seconda struttura IF all interno del proprio blocco ELSE. Con processo differente otteniamo lo stesso risultato dell esempio precedente, ma in maniera più laboriosa e decisamente meno performante (soprattutto qualora le opzioni fossero più di due!) DA NOTARE: la condizione dopo IF deve essere seguita dalla keyword THEN. Questo a differenza di altri linguaggi (C, C++, Java, ActionScript, ) il blocco ELSE è opzionale il costrutto IF viene chiuso dalla keyword se il blocco THEN è costituito da un singolo periodo è possibile porre tutta la struttura IF( )THEN( ) sulla stessa riga ed omettere la keyword (esempio 6.1) la keyword ELSEIF scritta senza spazio è ben differente da ELSE IF, è infatti possibile nidificare diverse strutture IF, ad esempio inserendo una seconda struttura IF all interno del blocco ELSE (esempio 6.1C, 6.1D) 6.2 Select Case Il costrutto SELECT CASE svolge un ruolo simile al costrutto IF ELSEIF appena esaminato, fornendo lo stesso tipo di elaborazione, ma con la possibilità di rendere il codice più compatto e leggibile in caso di numerose opzioni. SINTASSI: SELECT CASE variabile CASE valore1 blocco1 [CASE valoren bloccon] [CASE ELSE blocco alternativo] END SELECT ESEMPIO 6.2A: Dim tempo tempo= soleggiato SELECT CASE tempo CASE piovoso Response.Write porta con te un ombrello CASE ventoso

7 Response.Write è la giornata giusta per un aquilone CASE soleggiato Response.Write ti consigliamo una gita al mare CASE afoso Response.Write non viaggiare nelle ore calde CASE ELSE Response.Write non ci sono indicazioni precise END SELECT Lo stesso compito poteva essere svolto da un costrutto IF ELSEIF di questo tipo: ESEMPIO 6.2B: Dim tempo tempo= soleggiato IF tempo = piovoso THEN Response.Write porta con te un ombrello ELSEIF tempo = ventoso THEN Response.Write è la giornata giusta per un aquilone ELSEIF tempo = soleggiato THEN Response.Write ti consigliamo una gita al mare ELSEIF tempo = afoso THEN Response.Write non viaggiare nelle ore calde ELSE Response.Write non ci sono indicazioni precise DA NOTARE: la struttura ELSEIF ha il vantaggio di poter valutare variabili differenti ad ogni blocco e più di una variabile per volta, a differenza della struttura SELECT CASE la struttura SELECT CASE è preferibile quando si presenta una sola variabile da valutare, è più compatta e leggibile 6.3 Do Loop Oltre ad eseguire codice in seguito ad una valutazione è utile poterlo eseguire ripetutamente. Deputate a questo compito sono le procedure ricorsive. Il costrutto Do Loop esegue un ciclo d iterazione se la condizione è soddisfatta. La condizione può influenzare diversamente l esecuzione del loop. SINTASSI 1:

8 DO WHILE condizione blocco LOOP ESEMPIO 6.3A: contatore=2 DO WHILE contatore < 10 Response.write ( ciclo numero & contatore & "<br>") contatore = contatore+1 LOOP Le parentesi tonde vengono utilizzate solamente per aumentere la leggibilità del codice. Questo ciclo viene eseguito mentre la condizione è soddisfatta, ossia mentre contatore < 10, quindi 8 volte. ciclo numero 3 ciclo numero 4 ciclo numero 5 ciclo numero 7 ciclo numero 8 ciclo numero 9 L utilizzo di "<br>" ha lo scopo di far continuare il testo su una nuova linea. SINTASSI 2: DO blocco LOOP WHILE condizione ESEMPIO 6.3B contatore=2 DO contatore = contatore + 1 LOOP WHILE contatore < 10 Anche questo ciclo viene eseguito mentre la condizione è soddisfatta, ossia mentre contatore <10, anche in questo caso 8 volte.

9 ciclo numero 3 ciclo numero 4 ciclo numero 5 ciclo numero 7 ciclo numero 8 ciclo numero 9 SINTASSI 3: DO UNTIL condizione blocco LOOP Questa sintassi è simile alla sintassi 1, è stata sostituita la keyword WHILE con UNTIL. La differenza è che il ciclo ora viene eseguito FINCHE la condizione viene realizzata. ESEMPIO 6.3C contatore=2 DO UNTIL contatore = 10 contatore = contatore + 1 LOOP Questo ciclo viene eseguito finchè la condizione viene soddisfatta, ossia finchè contatore = 10, quindi 8 volte. ciclo numero 3 ciclo numero 4 ciclo numero 5 ciclo numero 7 ciclo numero 8 ciclo numero 9 SINTASSI 4: DO blocco UNTIL condizione

10 ESEMPIO 6.3D contatore=2 DO contatore = contatore + 1 LOOP UNTIL contatore = 10 Anche questo ciclo viene eseguito finchè la condizione viene soddisfatta, ossia finchè contatore=10, quindi 8 volte. ciclo numero 3 ciclo numero 4 ciclo numero 5 ciclo numero 7 ciclo numero 8 ciclo numero 9 E possibile terminare forzatamente un ciclo DO LOOP utilizzando la keyword EXIT DO, ad esempio per prevenire la ripetizione infinita di un loop: ESEMPIO 6.3E contatore=2 DO WHILE contatore < 10 if contatore<0 THEN EXIT DO contatore = contatore - 1 LOOP Questo ciclo viene eseguito mentre la condizione è soddisfatta, ossia mentre contatore < 10, tuttavia per errore il contatore ad ogni ciclo viene decrementato di 1, quindi sarà sempre minore di 10, cosa che rende impossibile la terminazione del ciclo. Ciò è ovviabile inserendo una struttura IF che al verificarsi di contatore<0 termina forzatamente il ciclo, che altrimenti sarebbe stato ripetuto un numero infinito di volte. ciclo numero 1 ciclo numero 0

11 6.4 While Wend La struttura WHILE WEND ha lo stesso compito ed è molto simile alla struttura DO LOOP, tuttavia non è dotata della stessa flessibilità, inoltre non possiede una forma di controllo analoga ad EXIT DO. E pertanto consigliabile l utilizzo della struttura DO LOOP. SINTASSI: WHILE condizione blocco WEND ESEMPIO 6.4 contatore=2 WHILE contatore < 10 contatore = contatore + 1 WEND Questo ciclo viene eseguito mentre la condizione è soddisfatta, ossia mentre contatore<10, quindi 8 volte. ciclo numero 3 ciclo numero 4 ciclo numero 5 ciclo numero 7 ciclo numero 8 ciclo numero For Next La struttura FOR NEXT ha il compito di eseguire un blocco di codice un numero preciso di volte.

12 Una variabile contatore viene automaticamente incrementata o decrementata ad ogni ciclo. La keyword opzionale STEP seguita da un valore numerico indica l intervallo di incremento della variabile contatore, in sua assenza l incremento di default è +1. SINTASSI: FOR contatore=valoreinizio TO valorefine [STEP valorestep] blocco NEXT ESEMPIO 6.5 FOR contatore = 2 TO 10 NEXT Questo ciclo viene eseguito mentre la condizione è soddisfatta, ossia mentre contatore è compreso tra 2 e 10 estremi compresi, quindi 9 volte. ciclo numero 3 ciclo numero 4 ciclo numero 5 ciclo numero 7 ciclo numero 8 ciclo numero 9 ciclo numero 10 ESEMPIO 6.5B FOR contatore = 2 TO 10 STEP 4 NEXT Questo ciclo, come il precedente, viene eseguito mentre contatore è compreso tra 2 e 10 estremi compresi, stavolta però è stato impostato un intervallo di incremento di +4, quindi la condizione sarà soddisfatta solamente per i primi 3 cicli. ciclo numero 10

13 Analogamente alla struttura DO LOOP, è possibile terminare forzatamente l iterazione tramite l utilizzo di EXIT FOR. ESEMPIO 6.5C FOR contatore = 10 TO 2 STEP 2 IF contatore < 5 THEN EXIT FOR NEXT Questo viene eseguito mentre contatore è compreso tra 10 e 2 estremi compresi, l intervallo di incremento è di -2, inoltre viene forzata la terminazione del ciclo quando contatore<5. ciclo numero 10 ciclo numero For Each Next Quando si ha a che fare con un gruppo o con una matrice può risultare utile l utilizzo di una variante del costrutto FOR NEXT. La struttura FOR EACH NEXT permette infatti di ripetere un blocco di comandi per ogni elemento presente nel gruppo o per ogni elemento di una matrice, quindi senza sapere a priori quante volte deve essere eseguito. SINTASSI: FOR EACH elemento IN gruppo blocco NEXT

14 ESEMPIO 6.6 Dim classea Set classea = CreateObject("Scripting.Dictionary") classea.add "0", "Stefania" classea.add "1", "Lorenzo" classea.add "2", "Mauro" classea.add "3", "Roberto" For Each I in classea Response.write ( alunno & classea.item(i) & <br> ) NEXT In questo esempio un gruppo (classea) contiene 4 elementi (i nomi degli alunni di una classe). Tramite l utilizzo di FOR EACH NEXT è possibile ad esempio stampare a video l elenco degli alunni anche senza sapere quanti ne sono contenuti in classea. Se aggiungessimo o sottraessimo un nuovo alunno non sarebbe necessario modificare la struttura per ottenere l elenco completo. alunno Stefania alunno Lorenzo alunno Mauro alunno Roberto

Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini

Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini Introduzione all utilizzo di Visual Basic for Application Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini PROGRAMMAZIONE Insieme delle attività da svolgersi per creare

Dettagli

www.mtcube.com Manuale di ASP

www.mtcube.com Manuale di ASP Manuale di ASP Sommario degli argomenti Che cosa sono le Active Server Pages... 3 Struttura, creazione ed esecuzione della pagina Asp... 3 Variabili e tipi di dati... 4 Numero Intero... 4 Numeri in virgola

Dettagli

Prof. Giuseppe Chiumeo. Avete già studiato che qualsiasi algoritmo appropriato può essere scritto utilizzando soltanto tre strutture di base:

Prof. Giuseppe Chiumeo. Avete già studiato che qualsiasi algoritmo appropriato può essere scritto utilizzando soltanto tre strutture di base: LA STRUTTURA DI RIPETIZIONE La ripetizione POST-condizionale La ripetizione PRE-condizionale INTRODUZIONE (1/3) Avete già studiato che qualsiasi algoritmo appropriato può essere scritto utilizzando soltanto

Dettagli

Algebra Booleana ed Espressioni Booleane

Algebra Booleana ed Espressioni Booleane Algebra Booleana ed Espressioni Booleane Che cosa è un Algebra? Dato un insieme E di elementi (qualsiasi, non necessariamente numerico) ed una o più operazioni definite sugli elementi appartenenti a tale

Dettagli

Il DBMS Oracle. Express Edition. Donatella Gubiani e Angelo Montanari

Il DBMS Oracle. Express Edition. Donatella Gubiani e Angelo Montanari Gubiani & Montanari Il DBMS Oracle 1 Il DBMS Oracle Express Edition Donatella Gubiani e Angelo Montanari Il DBMS Oracle Il DBMS Oracle Oracle 10g Express Edition Il DBMS Oracle (nelle sue versioni più

Dettagli

Simulazione seconda prova Esame di Stato Sito Web - Gestione di un centro agroalimentare all ingrosso (Parte seconda)

Simulazione seconda prova Esame di Stato Sito Web - Gestione di un centro agroalimentare all ingrosso (Parte seconda) Simulazione seconda prova Esame di Stato Sito Web - Gestione di un centro agroalimentare all ingrosso (Parte seconda) Il candidato realizzi inoltre il sito Internet del centro che deve permettere, tra

Dettagli

Tecniche Web, stato dell arte

Tecniche Web, stato dell arte Tecniche Web, stato dell arte Presentazione delle tecnologia ASP Giuseppe MORELLI WWW: Architettura Si tratta di un sistema di strutturazione ed organizzazione di informazioni in rete. Questo tipo di organizzazione

Dettagli

VBScript. VBScript. Visual Basic Scripting Edition. Linguaggio di script per browser e server Microsoft Deriva da Visual Basic, ma è interpretato

VBScript. VBScript. Visual Basic Scripting Edition. Linguaggio di script per browser e server Microsoft Deriva da Visual Basic, ma è interpretato VBScript Visual Basic Scripting Edition 1 VBScript Linguaggio di script per browser e server Microsoft Deriva da Visual Basic, ma è interpretato 2 Pag. 1 Principali caratteristiche Fine istruzione singola

Dettagli

Lezione II: Web server e ambiente di lavoro

Lezione II: Web server e ambiente di lavoro Lezione II: Web server e ambiente di lavoro In questa lezione, in laboratorio, si mostrerà quali sono i passi necessari per creare ed eseguire una pagina ASP. Brevemente, verrà fatto anche vedere, come

Dettagli

Progetto Lauree Scientifiche Liceo Classico L.Ariosto, Ferrara Dipartimento di Matematica Università di Ferrara 24 Gennaio 2012

Progetto Lauree Scientifiche Liceo Classico L.Ariosto, Ferrara Dipartimento di Matematica Università di Ferrara 24 Gennaio 2012 Progetto Lauree Scientifiche Liceo Classico L.Ariosto, Ferrara Dipartimento di Matematica Università di Ferrara 24 Gennaio 2012 Concetti importanti da (ri)vedere Programmazione imperativa Strutture di

Dettagli

Corso basi di dati Introduzione al VBScript

Corso basi di dati Introduzione al VBScript Corso basi di dati Introduzione al VBScript Gianluca Di Tomassi Email: ditomass@dia.uniroma3.it Università di Roma Tre IL VBScript In Microsoft Visual Basic Scripting Edition, il linguaggio di programmazione

Dettagli

Accesso a basi di dati con ASP. Algoritmo per visualizzare un DB

Accesso a basi di dati con ASP. Algoritmo per visualizzare un DB Accesso a basi di dati con ASP 1 Algoritmo per visualizzare un DB 1. creare una connessione tra lo script ASP e il database 2. Costruire una QUERY in linguaggio SQL che opera sul database 3. Recuperare

Dettagli

Visual Basic for Applications (VBA) Francesco Brun Fondamenti di Informatica a.a. 2014/2015

Visual Basic for Applications (VBA) Francesco Brun Fondamenti di Informatica a.a. 2014/2015 Francesco Brun Fondamenti di Informatica a.a. 2014/2015 Scopo di questo approfondimento Lo scopo di questo approfondimento è rispondere alla domanda: e se nella vita mi troverò a dover utilizzare un linguaggio

Dettagli

PROGRAMMA CORSO Analista Programmatore JAVA - ORACLE

PROGRAMMA CORSO Analista Programmatore JAVA - ORACLE PROGRAMMA CORSO Analista Programmatore JAVA - ORACLE 1. JAVA 1.1 Introduzione a Java Introduzione Cosa è Java 1.2 Sintassi e programmazione strutturata variabili e metodi tipi di dati, array operatori

Dettagli

RenderCAD S.r.l. Formazione

RenderCAD S.r.l. Formazione Corso Descrizione La durata di questo corso è complessivamente di ore 150 di cui 85 ore di teoria, 35 ore di pratica e 30 ore di stage in azienda. Nel nostro territorio esiste una richiesta di tale figura,

Dettagli

Introduzione al MATLAB c Parte 2

Introduzione al MATLAB c Parte 2 Introduzione al MATLAB c Parte 2 Lucia Gastaldi Dipartimento di Matematica, http://dm.ing.unibs.it/gastaldi/ 18 gennaio 2008 Outline 1 M-file di tipo Script e Function Script Function 2 Costrutti di programmazione

Dettagli

Corso basi di dati Introduzione alle ASP

Corso basi di dati Introduzione alle ASP Corso basi di dati Introduzione alle ASP Gianluca Di Tomassi Email: ditomass@dia.uniroma3.it Università di Roma Tre Web statico e Web interattivo In principio il Web era una semplice collezione di pagine

Dettagli

GUIDA BASE DI PASCAL

GUIDA BASE DI PASCAL 1 GUIDA BASE DI PASCAL Un algoritmo, nel suo significato più ampio, è sequenza logica di istruzioni elementari (univocamente interpretabili) che, eseguite in un ordine stabilito, permettono la soluzione

Dettagli

A. Lorenzi Pagine ASP

A. Lorenzi Pagine ASP Pagine ASP Web server software per la gestione di un computer host Internet oppure di un server di rete, che mette a disposizione dati o applicativi per gli utenti della rete Web server IIS (Internet Information

Dettagli

DAL DIAGRAMMA AL CODICE

DAL DIAGRAMMA AL CODICE DAL DIAGRAMMA AL CODICE Un diagramma di flusso Appare, come un insieme di blocchi di forme diverse che contengono le istruzioni da eseguire, collegati fra loro da linee orientate che specificano la sequenza

Dettagli

Obiettivi d esame PHP Developer Fundamentals on MySQL Environment

Obiettivi d esame PHP Developer Fundamentals on MySQL Environment Obiettivi d esame PHP Developer Fundamentals on MySQL Environment 1.0 Ambiente di sviluppo 1.1 Web server e database MySQL Comprendere la definizione dei processi che si occupano di fornire i servizi web

Dettagli

Elementi di Informatica

Elementi di Informatica Università degli Studi di Udine Facoltà di Ingegneria CORSO DI LAUREA IN SCIENZE dell ARCHITETTURA Elementi di Informatica Algoritmi, e Programmi D. Gubiani 29 marzo 2010 D. Gubiani Algoritmi, e Programmi

Dettagli

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER L architettura CLIENT SERVER è l architettura standard dei sistemi di rete, dove i computer detti SERVER forniscono servizi, e computer detti CLIENT, richiedono

Dettagli

Corso di Visual Basic (Parte 8)

Corso di Visual Basic (Parte 8) Corso di Visual Basic (Parte 8) di MAURIZIO CRESPI Questo mese il corso di programmazione in Visual Basic focalizza la propria attenzione sulle procedure, talvolta dette subroutine L oggetto dell ottava

Dettagli

Strutture di controllo del flusso di esecuzione

Strutture di controllo del flusso di esecuzione Università degli Studi di Milano Laurea Specialistica in Genomica Funzionale e Bioinformatica Corso di Linguaggi di Programmazione per la Bioinformatica Strutture di controllo del flusso di esecuzione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE DI INFORMATICA CLASSE QUINTA - INDIRIZZO MERCURIO SEZIONE TECNICO

PROGRAMMAZIONE MODULARE DI INFORMATICA CLASSE QUINTA - INDIRIZZO MERCURIO SEZIONE TECNICO PROGRAMMAZIONE MODULARE DI INFORMATICA CLASSE QUINTA - INDIRIZZO MERCURIO SEZIONE TECNICO Modulo 1: IL LINGUAGGIO HTML Formato degli oggetti utilizzati nel Web Elementi del linguaggio HTML: tag, e attributi

Dettagli

Indice. 1.13 Configurazione di PHP 26 1.14 Test dell ambiente di sviluppo 28

Indice. 1.13 Configurazione di PHP 26 1.14 Test dell ambiente di sviluppo 28 Indice 25 184 Introduzione XI Capitolo 1 Impostazione dell ambiente di sviluppo 2 1.1 Introduzione ai siti Web dinamici 2 1.2 Impostazione dell ambiente di sviluppo 4 1.3 Scaricamento di Apache 6 1.4 Installazione

Dettagli

APPENDICE B Le Active Server Page

APPENDICE B Le Active Server Page APPENDICE B Le Active Server Page B.1 Introduzione ad ASP La programmazione web è nata con la Common Gateway Interface. L interfaccia CGI tuttavia presenta dei limiti: ad esempio anche per semplici elaborazioni

Dettagli

1 introdurre le monete per l importo necessario. 2 selezionare la quantità di zucchero. 3 selezionare la bevanda desiderata

1 introdurre le monete per l importo necessario. 2 selezionare la quantità di zucchero. 3 selezionare la bevanda desiderata Esempi di Problema: Prendere un Caffè al Distributore Università degli Studi di Udine Facoltà di Ingegneria CORSO DI LAUREA IN SCIENZE dell ARCHITETTURA Elementi di Informatica, e Programmi D. Gubiani

Dettagli

Appunti del corso di Informatica 1. 6 Introduzione al linguaggio C

Appunti del corso di Informatica 1. 6 Introduzione al linguaggio C Università di Roma Tre Dipartimento di Matematica e Fisica Corso di Laurea in Matematica Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C Marco Liverani (liverani@mat.uniroma3.it)

Dettagli

Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C

Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C Università di Roma Tre Facoltà di Scienze M.F.N. Corso di Laurea in Matematica Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C Marco Liverani (liverani@mat.uniroma3.it)

Dettagli

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore Cicli in Visual Basic for Application Le strutture del programma che ripetono l'esecuzione di una o più istruzioni sono chiamate Cicli. Alcune strutture per i cicli sono costruite in modo da venire eseguite

Dettagli

Questo punto richiederebbe uno sviluppo molto articolato che però a mio avviso va al di là delle possibilità fornite al candidato dal tempo a disposizione. Mi limiterò quindi ad indicare dei criteri di

Dettagli

CONTROLLI AUTOMATICI E AZIONAMENTI ELETTRICI Ingegneria Meccatronica

CONTROLLI AUTOMATICI E AZIONAMENTI ELETTRICI Ingegneria Meccatronica CONTROLLI AUTOMATICI E AZIONAMENTI ELETTRICI Ingegneria Meccatronica CONTROLLI AUTOMATICI e AZIONAMENTI ELETTRICI INTRODUZIONE A MATLAB Ing. Alberto Bellini Tel. 0522 522626 e-mail: alberto.bellini@unimore.it

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO "LEONARDO DA VINCI" - RC PROGRAMMA DI INFORMATICA A.S. 2014/15 - CLASSE: I Q - Indirizzo Scienze applicate Prof Miritello Rita

LICEO SCIENTIFICO LEONARDO DA VINCI - RC PROGRAMMA DI INFORMATICA A.S. 2014/15 - CLASSE: I Q - Indirizzo Scienze applicate Prof Miritello Rita LICEO SCIENTIFICO "LEONARDO DA VINCI" - RC PROGRAMMA DI INFORMATICA A.S. 2014/15 - CLASSE: I Q - Indirizzo Scienze applicate Modulo 1: Introduzione all informatica Fondamenti di teoria della elaborazione

Dettagli

Componenti Web: client-side e server-side

Componenti Web: client-side e server-side Componenti Web: client-side e server-side side Attività di applicazioni web Applicazioni web: un insieme di componenti che interagiscono attraverso una rete (geografica) Sono applicazioni distribuite logicamente

Dettagli

Excel & VBA. Excel e Visual Basic for Application

Excel & VBA. Excel e Visual Basic for Application Excel & VBA Excel e Visual Basic for Application Automazione Excel con VBA incorpora la tecnologia dell automazione (OLE automation) Excel dialoga con VBA attraverso un insieme di comandi detto libreria

Dettagli

Algoritmo. I dati su cui opera un'istruzione sono forniti all'algoritmo dall'esterno oppure sono il risultato di istruzioni eseguite precedentemente.

Algoritmo. I dati su cui opera un'istruzione sono forniti all'algoritmo dall'esterno oppure sono il risultato di istruzioni eseguite precedentemente. Algoritmo Formalmente, per algoritmo si intende una successione finita di passi o istruzioni che definiscono le operazioni da eseguire su dei dati (=istanza del problema): in generale un algoritmo è definito

Dettagli

Linguaggi di Programmazione

Linguaggi di Programmazione Corso di Base Visual Basic è un linguaggio di programmazione WUI (Windows User Interface) di casa Microsoft, abbastanza potente e molto semplice nella sintassi e nelle funzionalità, adatto quindi sia al

Dettagli

Libreria standard Java possiede un enorme libreria di classi standard organizzata in vari package che raccolgono le classi secondo un organizzazione

Libreria standard Java possiede un enorme libreria di classi standard organizzata in vari package che raccolgono le classi secondo un organizzazione Libreria standard Java possiede un enorme libreria di classi standard organizzata in vari package che raccolgono le classi secondo un organizzazione basata sul campo d utilizzo. I principali package sono:

Dettagli

Corso sul linguaggio Java

Corso sul linguaggio Java Corso sul linguaggio Java Modulo JAVA1 1.3 - Le strutture di controllo 1 Prerequisiti Istruzioni semplici Strutture di controllo Scittura di semplici applicazioni Java 2 1 Introduzione In molti casi le

Dettagli

Descrizione di un algoritmo

Descrizione di un algoritmo Descrizione di un algoritmo Un algoritmo descrive due tipi fondamentali di oper: calcoli ottenibili tramite le oper primitive su tipi di dato (valutazione di espressioni) che consistono nella modifica

Dettagli

Pagine Asp. Pagine Asp

Pagine Asp. Pagine Asp Pagine Asp Architettura web Esistono alcune limitazioni alle applicazioni che si possono realizzare in HTML, ad esempio non è possibile costruire un sito web che consenta all utente di accedere ai dati

Dettagli

SOLUZIONE SECONDA PROVA INFORMATICA ITC ESAME DI STATO 2002/2003 TRAMONTANA

SOLUZIONE SECONDA PROVA INFORMATICA ITC ESAME DI STATO 2002/2003 TRAMONTANA Esame di Stato Istituto Tecnico Commerciale CORSO SPERIMENTALE Progetto "MERCURIO" Indirizzo: PROGRAMMATORI Soluzione della Seconda Prova - Tema di: INFORMATICA Anno Scolastico: 2002-2003 Riflessioni e

Dettagli

3. La sintassi di Java

3. La sintassi di Java pag.9 3. La sintassi di Java 3.1 I tipi di dati statici In Java, come in Pascal, esistono tipi di dati statici predefiniti e sono i seguenti: byte 8 bit da -128 a 127 short 16 bit coincide con l integer

Dettagli

JAVASCRIPT. Tale file è associato alla pagina web mediante il tag