Novanta del secolo XX

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Novanta del secolo XX"

Transcript

1 Filozofická fakulta Masarykovy univerzity v Brně Ústav románských jazyků a literatur Diplomová práce Analisi morfologica dei neologismi in italiano negli anni Novanta del secolo XX (Campo semantico di informatica, telecomunicazioni, tecnologie e nuovi media) Autor diplomové práce: Desislava Dimitrovová Vedoucí diplomové práce: PhDr. Jan Pavlík Brno, prosinec 2005

2 Za pečlivé vedení diplomové práce a cenné připomínky děkuji PhDr. Janu Pavlíkovi. Dále bych chtěla poděkovat MŠTČR a italskému Ministero degli Affari Esteri za udělení stipendia, díky němuž se mi podařilo získat odbornou literaturu, a v neposlední řadě děkuji také profesorům z Facoltà di Lettere di Università di Padova, Prof. Lorenzu Renzovi a Prof. M. G. La Duca, za zapůjčení odborné literatury a cenné rady. Prohlašuji, že jsem diplomovou práci vypracovala samostatně a jen s použitím uvedené literatury a pramenů. V Brně, 4. prosince

3 «Mirabile invero è la vita che anima questi minuscoli organismi, cioè p a r o l e, ombre seguaci, segni di idee e di cose: recano in sé uno spirito di vita, paiono nuove e sono antiche, risorgono come Fenice dalla loro morte, nascono per connubio e per gemme, da bruchi divengono farfalle, hanno percorso strano e tortuoso viaggio, son peregrine lontane ovvero fiorirono al nostro sole, ma tutte rispondono ad una filosofica legge e ad una varia necessità; hanno un loro movimento, quasi orbita di moto, una loro vita, o molte volte secolare od effimera, vita solitaria o mondana: si combattono o si sorreggono insieme» A. Panzini, Prefazione alla I edizione del Dizionario moderno 3

4 INDICE ABBREVIAZIONI... 6 INTRODUZIONE NEOLOGISMI Parola, lessema (unità lessicali) Termini e parole, periferia e centro di una lingua Tipologia dei neologismi Neologismi Il prestito linguistico Diacronia della neologia Delimitazione del periodo temporale La datazione dei neologismi INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLA LINGUA Europeizzazione e internazionalizzazione Italiano come una lingua aperta TECNICHE DI RICERCA CAMPO SEMANTICO E MATERIALI DELLA RICERCA CARATTERIZZAZIONE DEL MATERIALE Caratteristiche quantitative Classificazione di lessemi Neologismi e espressioni effimere PRESTITI Osservazioni Il lessema on line Internet analisi del lessema Internet, internet e l Internet Sinonimi del lessema Internet Caratterizzazione semantica FORMAZIONE DEI LESSEMI I. -DERIVAZIONE Integrazione dei prestiti nell italiano Derivazione Suffissazione Sostantivi Aggettivi Verbi Avverbi Prefissazione Sostantivi Aggettivi Verbi Conclusione Caratterizzazione semantica FORMAZIONE DEI LESSEMI II. COMPOSIZIONE Introduzione Composizione per mezzo dei prefissoidi e suffissoidi Considerazioni preliminari Produttività dei prefissoidi nell italiano contemporaneo Il prefissoide ciber-/cyber Composti con altri prefissoidi Altri composti e la loro caratterizzazione semantica

5 8.3.1 Osservazioni Caratterizzazione semantica Conclusione UNITÀ LESSICALI SUPERIORI (LOCUZIONI) Introduzione Caratterizzazione semantica NEOLOGISMI SEMANTICI Introduzione Transfert Navigazione virtuale Scansione e scannerizzazione Gli animali informatici e le malattie informatiche Specializzazione del significato Conclusione CONCLUSIONE INDICE DI TABELLE BIBLIOGRAFIA APPENDICI APPENDICE APPENDICE

6 ABBREVIAZIONI ALCI Annali del lessico contemporaneo italiano DISC-04 Dizionario Sabatini Coletti 2004 DO-02/03 Dizionario Devoto Oli NQ Dizionario Neologismi quotidiani 2003 Z-03 Dizionario Zingarelli Zanichelli 2003 A aggettivo abbr. abbreviazione agg. aggettivo agg.le aggettivale a.s. altro significato avv. avverbio avv.le avverbiale cca circa comp. composto deaggett. deaggettivale denom. denominale der. derivato deverb. deverbale dnte determinante dto determinato f. femminile fr. frequenza fra. francese ingl. inglese inv. invariabile locuz. locuzione m. maschile morfol. morfologico N nome p.p. participio passato pl. plurale prefiss. prefissazione prep. preposizione pron. pronominale rifl. riflessivo s. sostantivo semant. semantico seminingl. semiinglese sg. singolare sig. sigla sim. simile sintatt. sintattico sost. sostantivale suffiss. suffissazione v. vedi v.intr. verbo intransitivo v.le verbale v.tr. verbo transitivo > più di < meno di 6

7 INTRODUZIONE L italiano è una lingua relativamente giovane, 1 è una lingua aperta, estroversa e libertaria, molto accogliente nei confronti delle parole nuove ed in particolare degli anglicismi che negli ultimi anni penetrano nel linguaggio comune; è una lingua viva e vivente che, come tutte le altre lingue, trascrive il perpetuo mutare della società. Ciò che rispecchia questo trasmutare sono spesso i neologismi, che possono essere considerati anche segni della realtà in cui viviamo, simboli dei bisogni della realtà presente. Dietro un neologismo non sta soltanto il cambiare della società, ma anche l attività dei media che, spesso tesi ad un discorso che colpisca ed attiri, producono un importante porzione di materiale neologico. Forte è l influsso dei mass-media nella messa in circolazione di termini nuovi, spesso tratti dai linguaggi settoriali. Il mutare della società comprova anche chi crea il neologismo: un tempo lo coniava lo scrittore noto, stimato ed onorato. Oggi, a dar vita alla voce nuova è spesso la sfera non letteraria, la società del consumo, il giornalista, la politica, la divulgazione scientifica. La presente tesi cerca di studiare i neologismi dell ultimo decennio del secolo XX. La ricerca è stata basata sull annata del giornale La Stampa 2001 e studia le voci nuove soprattutto dal punto di vista morfologico. Essendo state le nostre fonti limitate non osiamo sostenere che i risultati rispecchiano lo stato reale della lingua e società italiana ma sicuramente possiamo presupporre che non ne stiano lontani. I primi cinque capitoli della tesi sono strutturati come segue: nel primo capitolo cerchiamo di definire il neologismo dal punto di vista lessicologico e cronologico e definiamo i criteri per la loro datazione. Nel secondo capitolo riflettiamo sulla cosiddetta internazionalizzazione della lingua italiana. Nei capitoli 3 4 stabiliamo tecniche di ricerca e caratterizziamo il campo semantico e il materiale della nostra ricerca. 1 A. Petralli parla di cca 40 anni: L italiano è Lingua giovane, ancora in piena crescita, ed è affettivamente usata da ampie fasce della popolazione nei diversi ambiti della quotidianità da non più di una quarantina di anni, in Neologismi e nuovi media, p

8 A base del capitolo 5, che descrive il materiale raccolto e la sua classificazione, riportiamo i risultati del nostro studio dividendoli in successivi capitoli: prestiti, derivazione, composizione, unità lessicali superiori e neologismi semantici. Fanno parte della presente tesi anche appendici che riportano tabelle e risultati (corpus) della nostra ricerca. 8

9 1. NEOLOGISMI Studiando i neologismi dobbiamo definire alcune questioni teoriche che incontriamo subito all inizio del nostro studio. Prima di tutto dobbiamo porci la domanda che cos è un neologismo? Prendiamo la risposta da Alessio Petralli:«Il neologismo è una parola nuova» 2. La sua risposta provoca però immediatamente, come lo stesso Petralli ammette, altri interrogativi di tipo: che cos è una parola e rispetto a chi e/o a che cosa deve essere nuova? Parola, lessema (unità lessicali) La parola è tradizionalmente considerata un unità elementare di lessico. Anche se potesse sembrare che si tratti di un fatto linguistico facilmente definibile, non è ancora stata trovata una definizione soddisfacente che definisca, da una parte, tutte le parole e, dall altra, non possa includere altre unità della lingua. La causa di tutto ciò è una vasta diversità di forma, di significato e di funzione delle parole. Příruční mluvnice češtiny definisce brevemente la parola come «un unità stabile della lingua, formata mediante una sequela di fonemi (grafemi) spostabile nella frase e che porta un significato lessicale e/o grammaticale» 4 o semplicemente come «un segno linguistico» 5. Tra le altre definizioni della parola possiamo nominare quelle scolastiche di J. Melichar o di B. Havránek che definiscono la parola come «un gruppo di voci che hanno un chiaro significato» 6. Tali definizioni però non separano abbastanza distintamente le parole da altri gruppi di voci che pure hanno un significato (p. es. morfemi ). Un anglista ceco, B. Trnka, definisce la parola così: «La parola è la 2 A. Petralli, Neologismi e nuovi media, p Ibidem. 4 Příruční mluvnice češtiny, p Ivi, p J. Melichar, Český jazyk, p. 25, B. Havránek, Stručná mluvnice česká, p

10 minima unità funzionale formata dai fonemi capace di essere spostata all interno della frase o separata da questa» 7. Questa definizione non è però applicabile alle lingue con una struttura della frase più o meno fissa, perché le parole dentro le frasi possono essere difficilmente spostate. Il linguista J. Černý sostiene che la parola è un termine inesperto e problematico; p. es. espressioni leggo o lat. feminae sono formate da una parola ma l espressione ho letto è già formata da due e nello stesso tempo si tratta in tutti i casi di una denominazione con un unico significato lessicale; la differenza sta soltanto nell esprimere le sue categorie grammaticali (sintattiche o analitiche). Per queste ragioni la linguistica preferisce altri termini, come per esempio espressione, forma, denominazione, unità lessicale o monema 8. Anche J. Hrbáček è praticamente dello stesso parere. Afferma che «la parola è un unità linguistica molto complessa e perciò difficilmente definibile. Per tale ragione molti linguisti descrivendo il sistema linguistico cercano di evitare l uso del termine parola» 9. Pure de Saussure ha considerato ogni definizione della parola inutile e anche lui ha preferito usare altri termini, come per esempio segno al posto della parola 1 0. Data la difficoltà di definire la parola e viste le necessità specifiche della lessicologia, sono state astratte alcune altre unità per la descrizione del lessico. Le forme compro, compri, compravo, comprerò hanno diverse forme ma hanno lo stesso significato lessicale. La loro differenza formale serve soltanto per la distinzione dei significati grammaticali. La lessicologia s interessa soprattutto dei significati lessicali, perciò è stata astratta l unità del lessema come un unità astratta del sistema lessicale superiore a tutte le realizzazioni concrete. I lessemi (denominati anche unità lessicali ) possono contenere anche 7 Citazione secondo J. Hrbáček, Úvod do studia jazyka, p J. Černý, Úvod do studia jazyka, p J. Hrbáček, Úvod do studia jazyka, p F. de Saussure, Kurs obecné lingvistiky, pp ,

11 più parole; si parlerà quindi delle cosiddette unità lessicali superiori (ferro da stiro). Riguardo alla definizione del lessema i linguisti si accordano; p. es. secondo J. Hrbáček «il lessema è un insieme delle forme che esprimono lo stesso significato lessicale (o un certo gruppo dei significati lessicali prossimi)» 1 1. Quanto alla terminologia italiana, i linguisti italiani adoperano spesso il termine parola ma di solito evitano di definirla. Anche Maurizio Dardano usa questo termine ma non lo definisce. Pure lui ammette che è un termine difficilmente definibile, le cui spiegazioni si ispirano a diversi criteri, non del tutto soddisfacenti. Riassume che il termine parola viene generalmente determinato da alcuni caratteri, secondo lui fondamentali, come, per esempio, l autonomia discorsiva, la permutabilità esterna, le restrizioni che regolano la separabilità dei costituenti interni, il fatto di possedere una funzione sintattica minima. Altri criteri di classificazione dipendono dal fatto che le parole si distinguono secondo le categorie grammaticali e secondo la loro struttura interna: semplici, monomorfematiche, prefissate, suffissate, composte, e sim. Il lessema, un unità lessicale più generale, comprende, secondo il linguista sopra nominato, sia i singoli elementi (p. es. cane, macchina, luce, ecc.) sia le unità lessicali superiori (macchina da scrivere, sistema esperto, aver timore, all improvviso, ecc.), che hanno la stessa funzione delle parole semplici. Secondo un concetto estensivo di lessema, rientrano in tale categoria anche le espressioni idiomatiche (p. es. tirare le cuoia, prendere un granchio, fare la cresta, ecc.), il cui significato non può essere dedotto dai contenuti semantici dei propri costituenti. Dardano distingue inoltre i lessemi come unità del lessico, le forme di base, distinte dalle varie forme attualizzate: vado, andiamo, andai, andassi, ecc. 1 2 Lo studioso conclude dunque che il lessema è l unità di base dell analisi del lessico J. Hrbáček, Úvod do studia jazyka, p Le forme vado, andiamo, andai, andassi sono varianti della stessa unità sottostante, cioè dello stesso lessema. Ma Dardano si pone la domanda con quale termine dovremmo indicare l unità sottostante a tali varianti se queste sono chiamate parole? Gli sembra inadeguato affermare che queste quattro parole sono differenti forme della stessa parola. Al tempo stesso il vocabolo parola è inservibile per designare sia le cosiddette unità lessicali superiori sia le espressioni idiomatiche; infatti nell uno come nell altro caso abbiamo singole unità di significato, costituite da due o più parole. M. Dardano: Lessico e semantica, p M. Dardano, Lessico e semantica, p

12 Il termine lessema viene usato nella presente tesi sia per singoli elementi sia per unità lessicali superiori inclusivo tutto il paradigma flessivo, e il termine forma attualizzata per le varietà di un determinato lessema paradigma. Evitiamo l uso del termine parola per mantenere un significato univoco. Se non sarà necessario distinguere tra il lessema e la forma, il termine vocabolo sarà usato come il sinonimo del primo. 1.2 Termini e parole, periferia e centro di una lingua Con termine s intende un unità lessicale che è propria di una determinata disciplina tecnica e/o scientifica (cioè terminologia, p. es., medica, economica, giuridica): un vocabolo che serve per definire esattamente un significato, per metterlo entro certi confini, 1 4 e, che è, di solito, riservato a un gruppo ristretto di utenti. I limiti tra la terminologia tecnica e la lingua comune si sono però sciolti significativamente negli ultimi decenni. A partire dall ultimo dopoguerra si sono affermate nuove fonti della lingua e nuove modalità di trasmissione e di ricezione dei messaggi; i testi letterari hanno perduto parte del loro prestigio a favore dei testi tecnico-scientifici. Con il progresso della comunicazione aumenta gradatamente la mobilità del lessico sia tra i singoli settori tecnici sia tra tali settori e la lingua comune. Le tendenze linguistiche appena descritte sono legate al nostro modo di vivere e ai nostri costumi e perciò non sono un fenomeno specificamente italiano ma sono comuni anche ad altre lingue europee 1 5. Non ci sembra opportuno, per le ragioni sopra nominate, tentare di demarcare un chiaro limite tra la terminologia tecnica e la lingua comune; preferiamo parlare piuttosto del concetto di un centro e di una periferia di un sistema lessicale che funziona come legame senza limiti ben definiti e facilita i passaggi delle unità lessicali tra il centro e la periferia M. Dardano, Manualetto di linguistica italiana, p M. Dardano, Lessico e semantica, pp Nel centro del lessico di ogni lingua si trova un nucleo contenente parole determinanti le più importanti realtà della vita comune e che sono perciò indispensabili per la comunicazione (p. es. figlio, acqua, sole, sale ecc.). Le parole del nucleo appartengono, 12

13 Quanto al concetto del termine tecnico e della parola comune, M. Dardano ci offre quattro criteri per distinguere tra di essi: 1)la polisemia e la monosemia (il lessema, contrariamente al termine tecnico, tende alla polisemia); 2)la specificità del termine che appartiene a un campo terminologico ben definito nei suoi confini e nella sua struttura; 3)un opposizione bilaterale o multilaterale di ciascun termine tecnico in cui si trova con gli altri termini tecnici che compongono un determinato vocabolario scientifico; 4)un legame privilegiato del termine tecnico con la cosa denotata (cioè il termine non è tanto determinato dalla situazione comunicativa e dall espressività) 1 7. Secondo quest interpretazione il vocabolario scientifico si presenta ben definito dal punto di vista formale e semantico: i termini sono univoci; l interferenza sinonimica è controllata e ridotta al minimo; il significato è staccato il più possibile dalla situazione comunicativa e da condizioni di espressività. Ma lo stesso Dardano aggiunge che i termini tecnici possiedono diversi gradi di polisemia e che quindi una loro monosemia assoluta è piuttosto illusoria 1 8. Cercheremo nel nostro lavoro di esaminare proprio quel settore linguistico in cui i vocaboli originalmente tecnici si spostano verso la lingua comune. Al passaggio di una certa unità lessicale dalla periferia verso il centro sono legati molti mutamenti, di cui i più importanti sono: la perdita dell univocità, una maggiore dipendenza del significato dalla comunicazione, tendenza alla polisemia, ecc. Proveremo di dimostrare tali cambiamenti su un materiale concreto. per lo più, alle unità più antiche e più stabili del lessico. In prevalenza si tratta di parole neutrali, la cui quantità nella lingua non è grande ma la cui frequenza è, generalmente, altissima. L opposto del nucleo lessicale rappresentano le unità poco frequenti stanti per qualche ragione alla periferia del sistema lessicale (per esempio arcaismi, termini tecnici e scientifici ecc.). Citazione secondo Příruční mluvnice češtiny, pp M. Dardano, Lessico e semantica, pp Ivi, p

14 1.3 Tipologia dei neologismi Neologismi I neologismi sono parole relativamente nuove, che non hanno tuttora ancorato bene nella coscienza di tutti gli utenti di una lingua o che sono almeno ancora concepite come nuove. Gradualmente perdono questo segno di novità, cominciano ad essere usate con più frequenza e diventano una parte valida del sistema lessicale. La velocità di tale processo può essere varia, alcuni neologismi non rimarranno affatto nella lingua e spariranno (i cosiddetti neologismi effimeri o occasionali) 1 9. Il passaggio all uso effettivo dipende inoltre da vari altri fattori, come per esempio dalla funzionalità e la necessità del neologismo, dal prestigio di cui gode l individuo o il gruppo sociale che l ha prodotto, dal giudizio di gruppi qualificati di parlanti, dalla moda ecc. 2 0 Un neologismo può essere sia una parola ripresa da una lingua straniera (camping, bistecca) sia una parola derivata da una parola già esistente in italiano (lottizzare da lotto, prepensionamento da pensionamento). M. Dardano preferisce invece chiamare prestito un vocabolo ripreso da una lingua straniera e neologismo una parola derivata da un altra parola italiana di base, tramite un suffisso, un prefisso o tramite un altro procedimento della formazione delle parole. Tali operazioni devono avvenire in tal maniera che il parlante si renda conto del rapporto che intercorre tra la parola di base e il derivato. Lo studioso suggerisce inoltre di lasciare da parte non soltanto lo studio del prestito linguistico ma anche lo studio dell onomatopea, della creazione dal nulla e dei vari procedimenti della formazione di sigle, che egli considera aspetti marginali del processo neologico Příruční mluvnice češtiny, p M. Dardano, Manualetto di linguistica italiana, p M. Dardano, Profilo dell italiano contemporaneo, p

15 Il linguista sopra nominato distingue i neologismi in due categorie: - neologismi combinatori (o sintattici ) che provengono dalla combinazione di vari elementi della lingua (lottizzare, da lotto + il suffisso izzare; prepensionamento, da pensionamento e il prefisso pre-); un neologismo combinatorio consiste anche nel riunire insieme in un sintagma stabile due o più parole (lotta di classe, offerta di lancio, ripresa in diretta, servizio pubblico, ecc.). - neologismi semantici che comportano un mutamento di significato, anche se la forma rimane identica (orchestrare è un verbo del linguaggio musicale che significa scrivere le parti dei vari strumenti che compongono l orchestra ; però successivamente si è detto orchestrare una campagna elettorale, un azione politica ecc.; in questi nuovi contesti orchestrare indica organizzare ed è infatti un neologismo semantico); fanno parte dei neologismi di questo tipo anche i calchi semantici 2 2 [come memoria (del computer), navigare (in rete), e sim.] 2 3. La convinzione di Dardano di comprendere nell ambito della neologia soltanto la formazione di nuovi lessemi partendo da basi già esistenti nella lingua (neologia sintattica o combinatoria) e il mutamento di significato di lessemi già esistenti si fonda sul presupposto teorico dell equivalenza tra un derivato e una frase sottostante; conseguentemente considera la neologia lessicale come una possibilità di creare nuovi lessemi tramite le regole incluse nel sistema lessicale Il prestito linguistico «Il prestito linguistico è un altro modo di arricchimento del lessico 22 Ma come si vedrà nel prossimo capitolo sui prestiti, lo stesso Dardano conta questo tipo di neologismi, cioè i calchi semantici, anche tra i prestiti; il ciò significa che la linguistica italiana non determina un limite chiaro tra i neologismi veri e propri e i prestiti, anche se preferisce distinguerli ed escludere i prestiti dallo studio della neologia. 23 M. Dardano, Manualetto di linguistica italiana, pp M. Dardano, Lessico e semantica, pp

16 e appare in seguito ai contatti politici, economici e culturali tra paesi e nazioni» 2 5. Il prestito si ha quando la lingua utilizza e assume un tratto linguistico (di solito un vocabolo) che esiste in un altra lingua 2 6. M. Dardano distingue tra il prestito esterno, cioè un vocabolo preso da un altra lingua, e quello interno, preso da un dialetto 2 7. Anche se Dardano preferisce escludere il prestito dallo studio della neologia, ammette che questo è un fenomeno importante che dipende dal prestigio di una lingua e del popolo che la parla, ma può dipendere anche dal disprezzo con cui l una e l altro sono considerati 2 8. I prestiti possono essere presi nella loro forma originaria (p. es. bar, computer, film, leader, équipe, lager), oppure possono essere adattati alla fonologia e alla morfologia dell italiano (p. es. treno, bistecca). Nel primo caso si parla dei cosiddetti prestiti non integrati, nel secondo dei cosiddetti prestiti integrati. La linguistica italiana distingue vari tipi e caratteri del prestito linguistico, la cui classificazione e la relativa terminologia varia da studioso a studioso. Un tipo particolare di prestito è il calco che si distingue, secondo Dardano, in due varietà principali: - calco semantico (chiamato anche prestito semantico ) che si ha quando una parola italiana assume un nuovo significato prendendolo da una parola straniera; il fenomeno si concretizza quando due parole hanno in comune un significato e/o una somiglianza formale (p. es. conforti agi, comodità dall inglese comforts; autorizzare dal francese autoriser). - calco traduzione (chiamato anche calco formale o strutturale ) che si forma con materiali italiani traducendo alla lettera gli elementi di un composto di una lingua straniera; (p. es. grattacielo, lotta di classe) J. Černý:...Výpůjčky ( ) jsou další způsob obohacování slovní zásoby; dochází k němu v důsledku politických, ekonomických a kulturních styků mezi zeměmi a národy..., Úvod do studia jazyka, pp M. Dardano, Manualetto di linguistica italiana, p Ivi, p Ivi, p M. Dardano, Manualetto di linguistica italiana, p

17 Esistono, naturalmente, altre classificazioni dei prestiti come, per esempio, quelle di I. Klajn 3 0 o R. Gusmani 3 1. A base della funzione o del prestigio di una lingua o di un popolo, possiamo, inoltre, distinguere tra prestito di necessità e prestito di lusso (detto anche di moda ). In quanto il primo si ha quando si prende insieme la parola e il referente (p. es. patata, caffè, zero, camper, juke-box); il prestito di lusso ha un fine stilistico e aspira alla promozione sociale: serve a evocare una civiltà, una cultura, un modo di vita considerati prestigiosi (p. es. leader, speaker, flirt, baby-sitter, week-end). Tali prestiti possono essere spesso sostituiti dai vocaboli della lingua ricevente. Un prestito può entrare attraverso la lingua scritta o attraverso il parlato. Se è entrato attraverso la lingua scritta, si pronuncia all italiana, cioè come è scritto (p. es. / tunnel/). Se è invece entrato con la lingua parlata, la sua pronuncia somiglia a quella della lingua d origine (p. es. / bad з εt/ dall inglese /bad з it/). L italiano prende in prestito soprattutto i sostantivi, che sono seguiti, con percentuali inferiori, da verbi e aggettivi. Il prestito di verbi e di aggettivi testimonia in genere una convivenza più stretta tra le due comunità linguistiche; ossia indica una vera e propria condizione di bilinguismo. Lo stesso possiamo dire del prestito di elementi morfologici (p. es. i suffissi -ingo, -ardo, -aldo; iere; o essa, -ista, -ismo, -ico, izzare) 3 2. Quanto al prestito interno ricordiamo che questo occorreva già nel Medioevo e ha sempre riguardato prevalentemente il lessico. Come abbiamo visto, la distinzione tra i neologismi veri e propri e i prestiti non è chiaramente definita 3 3 ed entrambi i campi infiltrano uno 30 I. Klajn parla di calchi omonimici (abolizionismo < ingl. abolitionism), di calchi sinonimici (fuorilegge < ingl. outlaw) e calchi sinonimici di locuzioni (alta fedeltà < ingl. high fidelity); in corrispondenza parla poi di prestiti semantici sinonimici (stella = diva del cinema < ingl. star) e prestiti omonimici (classe = distinzione, eleganza < ingl. class). Secondo M. Dardano, Manualetto di linguistica italiana, pp R. Gusmani, distingue tra i prestiti i calchi strutturali, che possono essere di derivazione (comportamentismo < ingl. behaviourism) o di composizione (fuorilegge < ingl. outlaw), e calchi sinonimici, in cui ambito distingue tra calchi sintagmatici (in cui avviene il calco di un sintagma) e i calchi sistematici (guerra fredda < ingl. cold war). Secondo M. Dardano, Manualetto di linguistica italiana, pp M. Dardano, Manualetto di linguistica italiana, pp Si consulti anche lo scritto sui neologismi semantici nel capitolo della presente tesi. 17

18 nell altro almeno parzialmente. Nella presente tesi cercheremo di studiare tutti i tipi di neologismi distinguendo tra i prestiti non integrati e quelli integrati che insieme ai neologismi veri e propri divideremo a seconda della loro classificazione in quattro gruppi: derivati, composti, unità lessicali superiori e neologismi semantici. Ci concentreremo principalmente sulla loro analisi morfologica. In quanto ai prestiti non integrati, ci limiteremo a elaborazione di un elenco di questi e a una definizione semantica dei vocaboli non inseriti in nessun dizionario italiano usato durante la ricerca. Contrariamente alla linguistica italiana 3 4 includiamo anche alcune sigle, essendo queste usate frequentemente come lessemi veri e propri in funzione sostantivale e/o aggettivale 3 5. Siamo coscienti del fatto che, non essendo l italiano la nostra madrelingua, possiamo difficilmente distinguere tutti i neologismi, soprattutto i neologismi semantici. Dall altra parte la scelta del campo semantico ci faciliterà in parte il nostro lavoro anche se ci rimane sempre il problema della datazione. Molti dizionari non datano la variazione del significato, il cosiddetto transfert 3 6. Nonostante ciò inseriamo quei neologismi semantici che riusciamo a distinguere e la cui datazione è legata alla nascita della realtà determinata. 1.4 Diacronia della neologia Delimitazione del periodo temporale Secondo il concetto tradizionale di de Saussure, la neologia appartiene alla prospettiva diacronica. Incontriamo però il problema come, ovvero dove, stabilire i limiti del periodo per lo studio dei neologismi. De Saussure 34 Si consulti per esempio M. Dardano, Profilo dell italiano contemporaneo, pp Si noti nel seguente esempio: E nelle stesse ore anche dal mondo delle tlc arrivano grandi accordi: negli Usa la Comcast si è aggiudicata per 72 miliardi di dollari la divisione larga banda della At&t dando vita a un colosso delle telecomunicazioni, (La Stampa, p. 21, ). 36 M. Dardano, Profilo dell italiano contemporaneo, p

19 afferma che «un certo stato di una lingua non è un punto ma un periodo di tempo più, o meno, lungo durante il quale succede un minimo numero di mutamenti. Può durare dieci anni, una generazione, un secolo, o anche di più. Una lingua può essere non soggetta ai cambiamenti per un periodo lungo e poi, all improvviso, soffrire notevoli cambiamenti in pochi anni» 3 7. Il linguista A. Petralli sostiene invece che l aspetto diacronico della neologia è inseparabile da quello sincronico, «visto che la dimensione sociale del lessico fa della stessa parola, in un determinato momento a seconda del parlante, un neologismo diffuso o un tecnicismo specializzato, un termine ignoto o un acquisizione già salda (con tutte le sfumature intermedie). Tutto dipende di volta in volta dal parlantericevente e dal contesto» 3 8. Dobbiamo però distinguere tra i singoli livelli linguistici. Mentre il sistema fonetico e morfologico è relativamente chiuso, il sistema lessicale è un sistema sempre aperto, legato allo sviluppo del mondo, pensamento e società, e può essere perciò sistemato soltanto nell ambito di un certo settore semantico. Il determinato periodo dello studio non può essere scelto del tutto casualmente; il linguista deve rispettare le trasformazioni sociali che influiscono direttamente sul lessico 3 9. Il nostro studio si concentra soprattutto sull ultimo decennio del secolo XX perché le realtà nuove che hanno cominciato a entrare nella conoscenza delle masse all inizio degli anni novanta, si sono gradatamente stabilizzate sia nella società che nella lingua. Ci orienteremo principalmente sullo studio dei lessemi passati dalla periferia nel centro linguistico F. de Saussure, Kurs obecné lingvistiky, p A. Petralli, Neologismi e nuovi media, pp L. Guilbert, secondo J. Radimský, Neologismy v současné italštině na pozadí francouzštiny, pp M. Dardano, per esempio, centra la sua attenzione anche sulla terminologia tecnica, e quindi sul vocabolario della periferia linguistica. 19

20 1.4.2 La datazione dei neologismi Prima di proseguire con la nostra ricerca dobbiamo stabilire come verificare se si tratti veramente di un neologismo. Abbiamo, in effetti, due possibilità: o prendiamo come punto di partenza gli elenchi delle unità lessicali già esistenti per un certo periodo, o possiamo tentare di stabilire se l utente del determinato vocabolo consideri questo vocabolo come nuovo. Entrambi i metodi comportano però certi pericoli. Nel primo caso, la lessicografia italiana offre delle fonti ricchissime. Approssimativamente a partire dagli anni Ottanta 4 1 appaiono sia dizionari monolingui 4 2 sia raccolte di neologismi che registrano molte novità lessicali senza alcun pregiudizio puristico 4 3 ; bensì spesso accolgono occasionalismi effimeri scomparsi poco dopo la registrazione lessicografica 4 4. La linguistica italiana considera il letterato Alfredo Panzini, con il suo Dizionario moderno, il padre dei dizionari moderni di neologismi. Panzini è stato il primo a raccogliere le parole che non «si trovano negli altri dizionari» 4 5 e a mettere in dubbio l atteggiamento purista. La sua posizione è, in effetti, stata formata dall editore milanese Ulrico Hoepli 4 6. Dopo la morte di Panzini, la sua opera ha trovato continuazione nel lavoro di Migliorini (e di Schiaffini nell edizione del 1942), che l ha portata fino al suo Dizionario di parole nuove del La staffetta è passata poi a M. Cortelazzo e U. Cardinale, autori del Dizionario di parole nuove del 1989; nelle ricerche neologiche hanno continuato in seguito 41 P. D Achille data questo fenomeno già negli anni Sessanta, in Sui neologismi, p M. Dardano menziona per esempio Zingarelli 1983 e Devoto Oli 1990, in Lessico e semantica, p Secondo Dardano questo fenomeno è probabilmente una reazione alle tendenze puristiche nel periodo fascista, in Profilo dell italiano contemporaneo, p M. Dardano, Lessico e semantica, p A. Panzini nella prefazione al Dizionario moderno. Citato secondo A. Petralli, in Neologismi e nuovi media, p Panzini nella prefazione della seconda edizione del dizionario a proposito di Hoepli dice: Il comm. Hoepli mi notificò che egli non intendeva menomamente far questione di mostri e di mostricini; di bizzarra filosofia del linguaggio; di italianità sì o no corrotta, e simili cose; egli faceva semplicemente una questione di fatto e di praticità. Lei mi disse registri, senza tanti condimenti di osservazioni personali, le parole nuove, buone o cattive, nazionali o forestiere, che sono introdotte nella nuova lingua italiana, che si cercano nei dizionari e non si trovano: e tutte! [ ], citato secondo A. Petralli, in Neologismi e nuovi media, p

Indice del volume. 1 La comunicazione 2. 1 Per una corretta pronuncia. 2 Quale italiano? La nostra lingua, 2 Scrivere senza errori 39

Indice del volume. 1 La comunicazione 2. 1 Per una corretta pronuncia. 2 Quale italiano? La nostra lingua, 2 Scrivere senza errori 39 Parte I Premesse teoriche per un uso consapevole della lingua 1 Dal latino all italiano Come leggere i messaggi pubblicitari 1 La comunicazione 2 1 Cos è la comunicazione: significante, significato, segno

Dettagli

Competenze Abilità Conoscenze Tempi

Competenze Abilità Conoscenze Tempi DIPARTIMENTO DI INGLESE PRIMO BIENNIO Primo anno COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI Utilizza gli strumenti espressivi per gestire l interazione comunicativa per i principali scopi di uso quotidiano. - comprende

Dettagli

Indice del volume. Dai suoni alle lettere. La fonetica

Indice del volume. Dai suoni alle lettere. La fonetica Indice del volume PARTE 1 Dai suoni alle lettere Fonetica, ortografia, punteggiatura 1 La fonetica Test d ingresso, p. 2 1 Pronuncia e scrittura... 3 2 L alfabeto... 3 Alle radici dell italiano Le lettere

Dettagli

! Approvato AD Data 01/06/2013

! Approvato AD Data 01/06/2013 1 Dipartimento di: Lettere Linguistico: latino 1. COMPETENZE DISCIPLINARI 2. ARTICOLAZIONE DELLE COMPETENZE DISCIPLINARI Anno scolastico: 2014-2015 X Primo biennio Secondo biennio Quinto anno Competenze

Dettagli

Per informazioni: contattare l agente Licosa di zona. Oppure: banchedati@licosa.com. il Sansoni Francese. il Sabatini Coletti. il Sansoni Tedesco

Per informazioni: contattare l agente Licosa di zona. Oppure: banchedati@licosa.com. il Sansoni Francese. il Sabatini Coletti. il Sansoni Tedesco il Sabatini Coletti versione professionale 190.000 lemmi e accezioni 39.300 locuzioni 1580 polirematiche 45.400 sinonimi 83.000 etimologie e date della prima attestazione Divisione in sillabe e pronuncia

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA PSI_ITALIANO QUARTO BIENNIO_CLASSE SECONDA COMPETENZA ABILITA CONOSCENZE Competenza

Dettagli

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno scolastico 2011/12 Docente Di Bella Carmela Disciplina Italiano Classe I Sezione F n. alunni 25 SITUAZIONE DI PARTENZA Livello della classe (indicare con X a sinistra):

Dettagli

PON I ciclo Educazione Linguistica Italiano

PON I ciclo Educazione Linguistica Italiano PON I ciclo Educazione Linguistica Italiano Titolo percorso Parole senza frontiere Autore Nicola De Laurentiis Unità teorica di riferimento Modulo 7 Lessico e dizionari dell italiano Nucleo tematico di

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE LATINO- CLASSI PRIME

Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE LATINO- CLASSI PRIME Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE LATINO- CLASSI PRIME OBIETTIVI 1. Acquisizione di competenza linguistica in vari campi del sapere 2. Oggettivazione e formalizzazione delle strutture linguistiche,

Dettagli

Risposte alle domande del Capitolo 4

Risposte alle domande del Capitolo 4 Linguistica generale, 2e Giovanni Gobber, Moreno Morani Copyright 2014 McGraw Hill Education (Italy) 4.1 Qual è l oggetto di indagine della morfologia? Risposte alle domande del Capitolo 4 La morfologia

Dettagli

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA ASCOLTO E PARLATO Intervenire nel dialogo e nella conversazione in modo pertinente. Interagire nello scambio comunicativo formulando domande e risposte adeguate al contesto. Esprimere il proprio punto

Dettagli

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti.

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti. CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA EUROPEA DI LEGITTIMAZIONE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 L alunno: SVILUPPO DELLE ASCOLTO L alunno ascolta: il lessico di

Dettagli

Eventuale anticipo di elementi di analisi poetica o del testo teatrale. Lettura più ampia possibile dei Promessi sposi

Eventuale anticipo di elementi di analisi poetica o del testo teatrale. Lettura più ampia possibile dei Promessi sposi PROGRAMMAZIONE ELABORATA DAL DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO VIAN La programmazione di Dipartimento ha carattere indicativo dei contenuti ritenuti imprescindibili per ciascun anno, i quali potranno essere

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE Le linee programmatiche del Dipartimento, sulla base della tassonomia specificata nel Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Straniere (1996)

Dettagli

Italiano e dialetto nella lingua degli immigrati. Lezione del 27 novembre 2014

Italiano e dialetto nella lingua degli immigrati. Lezione del 27 novembre 2014 Italiano e dialetto nella lingua degli immigrati Lezione del 27 novembre 2014 Finora si è parlato dell uso del dialetto da parte degli italiani Ma come si pongono di fronte ai dialetti gli stranieri che

Dettagli

PER UNA DIDATTICA DEL PLURILINGUISMO DAL CAPITOLO 5 DEL QUADRO COMUNE EUROPEO DI RIFERIMENTO: LE COMPETENZE DI CHI APPRENDE E USA LA LINGUA

PER UNA DIDATTICA DEL PLURILINGUISMO DAL CAPITOLO 5 DEL QUADRO COMUNE EUROPEO DI RIFERIMENTO: LE COMPETENZE DI CHI APPRENDE E USA LA LINGUA PER UNA DIDATTICA DEL PLURILINGUISMO DAL CAPITOLO 5 DEL QUADRO COMUNE EUROPEO DI RIFERIMENTO: LE COMPETENZE DI CHI APPRENDE E USA LA LINGUA Lingua e visione del mondo. Universali linguistici Nei brani

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA Nucleo tematico Oralità Traguardi per lo sviluppo delle competenze -Partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti -Ascolta e comprende messaggi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio.

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio. ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio Obiettivi specifici ITALIANO Attività ASCOLTO - Applicare le strategie dell ascolto

Dettagli

3. Latino. progressivo di conoscenze e abilità nei tre ambiti implica che l allievo sia disposto. pensare:

3. Latino. progressivo di conoscenze e abilità nei tre ambiti implica che l allievo sia disposto. pensare: 3. Latino 129 3.1. Significato e finalità formative della disciplina Il latino, lingua del popolo romano, è stato usato per più di dieci secoli nel mondo antico e per altrettanti in quello moderno, e si

Dettagli

La comunicazione. Quando viene a mancare anche uno solo di questi elementi, la comunicazione non si realizza in modo completo.

La comunicazione. Quando viene a mancare anche uno solo di questi elementi, la comunicazione non si realizza in modo completo. La comunicazione Comunicare significa mettere in comune, entrare in relazione con gli altri per informare, chiedere, ordinare, scambiare idee, desideri, sentimenti, dubbi, pensieri, progetti Tutta la vita

Dettagli

ITALIANO - CLASSE PRIMA

ITALIANO - CLASSE PRIMA ITALIANO - CLASSE PRIMA L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti (conversazione) attraverso messaggi semplici, chiari e pertinenti. Comprende semplici testi di intrattenimento e

Dettagli

SCUOLA MEDIA GALLO CORDERO FRANK MONDOVI PROGRAMMAZIONE ALFABETIZZAZIONE I LIVELLO II LIVELLO TUTTE LE SEDI

SCUOLA MEDIA GALLO CORDERO FRANK MONDOVI PROGRAMMAZIONE ALFABETIZZAZIONE I LIVELLO II LIVELLO TUTTE LE SEDI SCUOLA MEDIA GALLO CORDERO FRANK MONDOVI PROGRAMMAZIONE ALFABETIZZAZIONE I LIVELLO II LIVELLO TUTTE LE SEDI TUTTI I DOCENTI DI ALFABETIZZAZIONE ITALIANO MATEMATICA REFERENTE INTERCULTURA: MARIANGELA BERTINO

Dettagli

DIZIONARI E CORSI DI LINGUE

DIZIONARI E CORSI DI LINGUE CATALOGO 2015 DIZIONARI E CORSI DI LINGUE EDITORE 3 MOTIVI PER IMPARARE LE LINGUE CON I CORSI DI LINGUA DIGITAL PUBLISHING Corso 1 inglese 59,00 Contenuto: cd-rom libro di testo cuffia-microfono NUOVA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE LETTERE SULLA BASE DELLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICULO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

Dettagli

MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO

MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO CULTURA ITALIANA CONTEMPORANEA MODULO 4. MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO Arianna Alessandro ariannaalessandro@um.es BLOCCO 2. La lingua italiana nei mezzi di comunicazione di massa Arianna Alessandro

Dettagli

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

LATINO (biennio linguistico)

LATINO (biennio linguistico) LATINO (biennio linguistico) OBIETTIVI (CLASSE I) Al termine della classe prima lo studente dovrà essere in possesso delle seguenti: morfologia e sintassi della lingua italiana (recupero e consolidamento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Hanno risposto 32 insegnanti: 15 insegnano nella scuola secondaria inferiore, 17 in quella superiore. 2. Di questo campione, 23 insegnano

Dettagli

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Competenze chiave Comunicazione nella madre lingua competenza digitale imparare a imparare competenze

Dettagli

TRADUTTRICE E TRADUTTORE

TRADUTTRICE E TRADUTTORE Aggiornato il 9 luglio 2009 TRADUTTRICE E TRADUTTORE 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE... 8 Quali competenze sono necessarie?...

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE)

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Lo studente acquisisce competenze linguistico-comunicative corrispondenti

Dettagli

QUADRO DI RIFERIMENTO COMPETENZA LINGUISTICA LINGUA MADRE (ITALIANO) Esame di Qualifica Professionale

QUADRO DI RIFERIMENTO COMPETENZA LINGUISTICA LINGUA MADRE (ITALIANO) Esame di Qualifica Professionale QUADRO DI RIFERIMENTO COMPETENZA LINGUISTICA LINGUA MADRE (ITALIANO) Esame di Qualifica Professionale Esame di Diploma Professionale I riferimenti per la costruzione delle prove sono: lo Standard Formativo

Dettagli

PROGETTAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE LICEO SCIENTIFICO. PRIMO BIENNIO SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO

PROGETTAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE LICEO SCIENTIFICO. PRIMO BIENNIO SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO LA PROGETTAZIONE PER COMPETENZE E PER TRAGUARDI FORMATIVI DAL PRIMO BIENNIO ALL ULTIMO ANNO Rete delle scuole secondarie di II grado della provincia di Udine (Istituto capofila: Liceo G. Marinelli Udine)

Dettagli

ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI AD ASCOLTO E PARLATO L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo)

Dettagli

ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE

ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE Interagire e comunicare verbalmente in contesti di diversa natura Quando ascolta,

Dettagli

4. Inglese. II. Il settore lingue 37. 4.1. Considerazioni preliminari. 4.1.1. Premessa

4. Inglese. II. Il settore lingue 37. 4.1. Considerazioni preliminari. 4.1.1. Premessa II. Il settore lingue 37 4. Inglese 4.1. Considerazioni preliminari 4.1.1. Premessa Considerata la crescente importanza dell inglese e il crescente numero di parole inglesi usate correntemente nelle altre

Dettagli

DIZIONARI E CORSI DI LINGUE

DIZIONARI E CORSI DI LINGUE CATALOGO 2016 DIZIONARI E CORSI DI LINGUE EDITORE 3 MOTIVI PER IMPARARE LE LINGUE CON I CORSI DI LINGUA DIGITAL PUBLISHING Corso 1 inglese 59,00 Contenuto: cd-rom libro di testo cuffia-microfono NUOVA

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO REPUBBLICA ITALIANA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI Via Giovanni XXIII, n. 64-38065 MORI Cod. Fisc. 94024510227 - Tel. 0464-918669 Fax 0464-911029 www.icmori.it e-mail: segr.ic.mori@scuole.provincia.tn.it

Dettagli

LINGUA INGLESE I^A Liceo ANNA VALDEVIT OBIETTIVI

LINGUA INGLESE I^A Liceo ANNA VALDEVIT OBIETTIVI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE a.s. 2014-2015 LINGUA INGLESE I^A Liceo ANNA VALDEVIT OBIETTIVI 1- Competenze: - acquisire un livello di competenza comunicativa che metta l alunno in grado di conversare con

Dettagli

Il morbus anglicus nell italiano di oggi Lezione del 7 novembre 2014

Il morbus anglicus nell italiano di oggi Lezione del 7 novembre 2014 Il morbus anglicus nell italiano di oggi Lezione del 7 novembre 2014 [Fonti: A. Castellani, Morbus anglicus; C. Giovanardi-R. Gualdo, Inglese-italiano 1-1; E. Picchiorri, intervista a Tullio De Mauro;

Dettagli

Liceo Fogazzaro. Programmazione

Liceo Fogazzaro. Programmazione Liceo Fogazzaro Dipartimento di Tedesco Programmazione LICEO LINGUISTICO LICEO DELLE SCIENZE UMANE opz. economico-sociale Per la descrizione dei livelli di apprendimento si fa riferimento a Gemeinsamer

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2008-2009. Istituto di Istruzione Superiore. Latino e Geografia 1E, 1G, 1H LICEO

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2008-2009. Istituto di Istruzione Superiore. Latino e Geografia 1E, 1G, 1H LICEO Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: TECNICO TURISTICO

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: TECNICO TURISTICO PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: TECNICO TURISTICO DOCENTE: SILVIA ZANICHELLI CLASSE: 1^ T MATERIA DI INSEGNAMENTO: LINGUA E CIVILTA STRANIERA INGLESE NUMERO

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: B 2 ALBERGHIERO

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: B 2 ALBERGHIERO PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: B 2 ALBERGHIERO DOCENTE: SILVIA ZANICHELLI CLASSE: 1^ B MATERIA DI INSEGNAMENTO: LINGUA E CIVILTA STRANIERA INGLESE NUMERO ORE

Dettagli

Introduzione alla lingua cinese moderna

Introduzione alla lingua cinese moderna Introduzione alla lingua cinese moderna Per lingua cinese moderna si intende la lingua ufficiale, parlata e scritta, nella Repubblica Popolare Cinese, lingua definita dal 1956 Ptnghuà 普 通 话 (letter.: lingua

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO. Classe 1 Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO. Classe 1 Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare: ITALIANO Classe 1 Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della scuola secondaria di 1

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Disciplina ITALIANO a.s. 2015/2016 Classe: 1 Sez. E INDIRIZZO: Tecnico Nautico Trasporti e Logistica Docente : Prof.ssa Pasqualina Marrosu ANNO SCOLASTICO 2015/16

Dettagli

I DISCORSI E LE PAROLE

I DISCORSI E LE PAROLE SCUOLA DELL INFANZIA INDICATORI I DISCORSI E LE PAROLE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3 anni 4 anni 5 anni ASCOLTARE E Ascoltare brevi e semplici racconti. Capire il messaggio delle parole usate dall insegnante.

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO della scuola primaria

CURRICOLO DI ITALIANO della scuola primaria CURRICOLO DI ITALIANO della scuola primaria CURRICOLO DI ITALIANO al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI ITALIANO al termine della classe seconda della scuola primaria...5

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE AREA LINGUISTICA L2:

CURRICOLO DISCIPLINARE AREA LINGUISTICA L2: CURRICOLO DISCIPLINARE AREA LINGUISTICA L2: Inglese, Spagnolo, Francese. Traguardi di sviluppo delle competenze prima e seconda lingua straniera L alunno: organizza il proprio apprendimento; utilizza lessico,

Dettagli

Discipline e competenze

Discipline e competenze Discipline e competenze Per assistenza è possibile contattare lo staff Pearson scrivendo al seguente indirizzo e-mail: helpdesk@pearson.it oppure chiamando il numero : 0332.802251 La didattica per competenze

Dettagli

della scuola secondaria di primo grado Non ci sono venti favorevoli per chi non sa dove andare Seneca

della scuola secondaria di primo grado Non ci sono venti favorevoli per chi non sa dove andare Seneca Istituto Comprensivo di Mozzate Viale Libertà, 3 22076 Mozzate (CO) tel. 0331 831491- fax 0331 262484 codice meccanografico COIC83400P c.f. 80017540131 email: COIC83400P@istruzione.it - info@comprensivomozzate.it

Dettagli

Istituto Comprensivo «G. Marconi», Castelfranco Emilia CURRICOLO VERTICALE DI GRAMMATICA e RIFLESSIONE LINGUISTICA

Istituto Comprensivo «G. Marconi», Castelfranco Emilia CURRICOLO VERTICALE DI GRAMMATICA e RIFLESSIONE LINGUISTICA Istituto Comprensivo «G. Marconi», Castelfranco Emilia CURRICOLO VERTICALE DI GRAMMATICA e RIFLESSIONE LINGUISTICA INDICE 1 - Prerequisiti in entrata alla Scuola Primaria 2 Scuola Primaria Classe prima

Dettagli

INGLESE - SCUOLA PRIMARIA Classe 1 a

INGLESE - SCUOLA PRIMARIA Classe 1 a INGLESE - SCUOLA PRIMARIA Classe a comprendere testi di vario tipo. Colori Oggetti di uso comune Animali domestici Numeri (-0) Identificare la corrispondenza parole/immagini e viceversa di : colorioggetti-animali-numeri

Dettagli

I T A L I A N O MATERIA OBIETTIVI INFANZIA

I T A L I A N O MATERIA OBIETTIVI INFANZIA MER BE SCRE E CMPREDERE FZ PRMR SECDR D GRD scolta e comprendere brevi messaggi e consegne. scolta e comprendere brevi racconti fiabe e favole lette dagli insegnanti. Mantiene l attenzione ponendosi in

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE Istituto Comprensivo di Calderara di Reno Scuola Secondaria di Primo Grado Due Risorgimenti PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE CONTENUTI LETTURA Conoscere le strategie

Dettagli

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati.

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CLUSONE A.S. 2014-2015 CURRICOLO DI ITALIANO Scuola Primaria Classe QUARTA _ QUARTO BIMESTRE_ COMPETENZE Indicazioni ABILITA CONOSCENZE AMBIENTE DI APPRENDIMENTO ASCOLTO E PARLATO

Dettagli

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA COMPETENZE NUCLEO FONDANTE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Comunicare -Ascoltare con attenzione le collegamenti ASCOLTO E PARLATO comunicazioni degli adulti e e dei compagni

Dettagli

ITALIANO RIFLESSIONE SULLA LINGUA

ITALIANO RIFLESSIONE SULLA LINGUA RIFLESSIONE SULLA LINGUA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado ü L alunno interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, sostiene

Dettagli

Linee guida per la redazione di testi di comunicazione pubblica

Linee guida per la redazione di testi di comunicazione pubblica Linee guida per la redazione di testi di comunicazione pubblica a cura di Chiara Di Benedetto, Elena Lombardo, Marianna Schiavon, Matteo Viale, con il coordinamento di Michele A. Cortelazzo Sii chiaro

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE

PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE PREMESSA FONDAMENTALE Tra gli obiettivi fondamentali della Scuola Secondaria di primo grado c è stata l introduzione dello studio di una seconda

Dettagli

Competenza 3: Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi. al termine del primo biennio della scuola primaria

Competenza 3: Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi. al termine del primo biennio della scuola primaria Competenza 3: Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi. al termine del primo biennio della scuola primaria Competenza Abilità Conoscenze Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI Lingua e cultura inglese AREA LINGUISTICA LINGUA E CULTURA INGLESE

OBIETTIVI FORMATIVI Lingua e cultura inglese AREA LINGUISTICA LINGUA E CULTURA INGLESE AREA LINGUISTICA LINGUA E CULTURA INGLESE OBIETTIVI FORMATIVI (LINGUISTICO) LINGUA INGLESE Obiettivi formativi del Biennio Funzioni linguistico-comunicative - Funzioni linguistico-comunicative necessarie

Dettagli

LICEO CLASSICO SOCRATE PROGRAMMAZIONE DI LINGUA STRANIERA INGLESE A.S. 2014/2015

LICEO CLASSICO SOCRATE PROGRAMMAZIONE DI LINGUA STRANIERA INGLESE A.S. 2014/2015 LICEO CLASSICO SOCRATE PROGRAMMAZIONE DI LINGUA STRANIERA INGLESE A.S. 2014/2015 PROFILO GENERALE E COMPETENZE Lo studio della lingua e della cultura straniera dovrà procedere lungo due assi fondamentali:

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

Programmazione di greco e latino. Primo e secondo anno dell indirizzo internazionale

Programmazione di greco e latino. Primo e secondo anno dell indirizzo internazionale Programmazione di greco e latino Primo e secondo anno dell indirizzo internazionale -Premessa Lo studio della lingua e della letteratura greca e latina è, per comune consenso, indispensabile a tutti coloro

Dettagli

Dipartimento di Lingue Straniere Inglese Francese Programmazione didattico educativa A.S. 2012-2013

Dipartimento di Lingue Straniere Inglese Francese Programmazione didattico educativa A.S. 2012-2013 Allegato N 11 Dipartimento di Lingue Straniere Inglese Francese Programmazione didattico educativa A.S. 2012-2013 Finalità Le finalità generali dell insegnamento della lingua straniera comprendono: l acquisizione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSE PRIMA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSE PRIMA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSE PRIMA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PER LA CLASSE PRIMA E RELATIVI COMUNICAZIONE ORALE MANTENERE L ATTENZIONE SUL MESSAGGIO ORALE,

Dettagli

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 e-mail: info@istitutocalvino.gov.it Codice Fiscale: 97270410158 internet: www.istitutocalvino.gov.it

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

Istituto Comprensivo di Cologna Veneta Curricolo Scuola Primaria a.s. 2015/2016

Istituto Comprensivo di Cologna Veneta Curricolo Scuola Primaria a.s. 2015/2016 Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazioni, discussioni, di classe o di gruppi) con compagni e insegnanti rispettando

Dettagli

Liceo Scientifico Statale Innocenzo XII ANZIO (Roma) Programmazione Generale Dipartimento di Lettere BIENNIO SCIENTIFICO

Liceo Scientifico Statale Innocenzo XII ANZIO (Roma) Programmazione Generale Dipartimento di Lettere BIENNIO SCIENTIFICO Liceo Scientifico Statale Innocenzo XII ANZIO (Roma) Programmazione Generale Dipartimento di Lettere BIENNIO SCIENTIFICO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA Questa programmazione fornisce orientamenti generali

Dettagli

Insegnare italiano L2: la sintassi

Insegnare italiano L2: la sintassi L apprendimento dell italiano L2 Insegnare italiano L2: la sintassi Cecilia Andorno Una domanda preliminare, anzi due Che cosa bisogna insegnare? ovvero: 1. Che cosa c è da imparare? 2. Che cosa sa (già)

Dettagli

LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA

LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA Nella redazione degli elaborati di esame è di fondamentale importanza porre molta attenzione alla scrittura, sotto tutti i profili: grafico, ortografico, semantico e stilistico.

Dettagli

AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA

AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA CLASSE 4^ a.s. 2012/2013 TRAGUARDI DI COMPETENZA ABILITÀ CONOSCENZE 1) PARTECIPARE A SCAMBI COMUNICATIVI DI VARIO GENERE CON Quando ascolta, l alunno è in grado di:

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO Ascolto e parlato Ascoltare testi prodotti da altri, anche trasmessi

Dettagli

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^ ISTITUTO COMPRENSIVO di OPPEANO Via A. Moro, 12 tel. 045/7135458 telefax: 045/7135049 e-mail vric843009@istruzione.it - www.icoppeano.gov.it Nell ambito di una Visione Interdisciplinare, gli Insegnanti,

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE a.s.2012/2013 ITALIANO A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO Prof. David Baragiola 1 L AMBITO DISCIPLINARE DI ITALIANO STABILISCE

Dettagli

Lo studente sarà capace di: Generali:

Lo studente sarà capace di: Generali: FACULTAD DE LETRAS GUIDA DIDATTICA DELL INSEGNAMENTO FACOLTÀ DI LETTERE 1. DATI GENERALI DEL CORSO NOME: Italiano II CODICE: TIPOLOGIA (indicare con una X la modalità corrispondente): Attività formativa

Dettagli

Lingua e cultura latina e Lingua e cultura greca

Lingua e cultura latina e Lingua e cultura greca Lingua e cultura latina e Lingua e cultura greca Introduzione La finalità essenziale della lettura dei testi antichi è il contatto diretto con il patrimonio di cultura e civiltà trasmesso dal mondo antico,

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2014 2015 Piano di lavoro individuale Classe: 3 D SIA Materia: Francese Docente: Cavicchi Clara Daniela Situazione di partenza della classe Gli alunni del gruppo di francese, provengono

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare ITALIANO Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SOVIZZO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO DI FRANCESE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SOVIZZO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO DI FRANCESE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SOVIZZO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO DI FRANCESE FINALITA L insegnamento della lingua straniera deve tendere, in armonia con le altre discipline, ad una formazione

Dettagli

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado Anno

Dettagli

Richard K. Larson, Grammar as Science, Cambridge (Mass.) London, MIT Press, 2010, pp. 433.

Richard K. Larson, Grammar as Science, Cambridge (Mass.) London, MIT Press, 2010, pp. 433. Richard K. Larson, Grammar as Science, Cambridge (Mass.) London, MIT Press, 2010, pp. 433. Il volume si presenta come un manuale di introduzione alla teoria della sintassi per studenti universitari di

Dettagli

LINGUA INGLESE RICEZIONE ORALE (ASCOLTO) - SCUOLA PRIMARIA

LINGUA INGLESE RICEZIONE ORALE (ASCOLTO) - SCUOLA PRIMARIA LINGUA INGLESE RICEZIONE ORALE (ASCOLTO) - SCUOLA PRIMARIA L alunno riconosce se ha o meno capito messaggi verbali orali, chiede spiegazioni, svolge i compiti secondo le indicazioni date in lingua straniera

Dettagli

http://digital.casalini.it/8884535131 ISBN-10: 88-8453-513-1 (online) ISBN-13: 978-88-8453-513-9 (online)

http://digital.casalini.it/8884535131 ISBN-10: 88-8453-513-1 (online) ISBN-13: 978-88-8453-513-9 (online) IV PRIMA UNITÀ Nuovi itinerari alla scoperta del greco antico : le strutture fondamentali della lingua greca : fonetica, morfologia, sintassi, semantica, pragmatica / Francesco Michelazzo. Firenze : Firenze

Dettagli

Alcuni suggerimenti per il processo di prima e seconda alfabetizzazione

Alcuni suggerimenti per il processo di prima e seconda alfabetizzazione ITALIANO L2 Alcuni suggerimenti per il processo di prima e seconda alfabetizzazione 1. Definire il significato di interlingua, lingua per comunicare e lingua per lo studio 2. Definire il ruolo della grammatica

Dettagli

INDIRIZZO LICEO ASSE DEI LINGUAGGI PRIMO BIENNIO :

INDIRIZZO LICEO ASSE DEI LINGUAGGI PRIMO BIENNIO : INDIRIZZO LICEO ASSE DEI LINGUAGGI PRIMO BIENNIO : Competenze in uscita 1 Lo studente legge, comprende su lettura o ascolto o ascolto/visione e interpreta testi verbali e non verbali di vario tipo riconoscendo

Dettagli

a. Legga questo primo brano e scelga il titolo corretto tra i tre proposti: Una parola chiave non comune di questo primo brano è speculazione.

a. Legga questo primo brano e scelga il titolo corretto tra i tre proposti: Una parola chiave non comune di questo primo brano è speculazione. Recupero TVI per matricole straniere a.a. 2010-11 Rosella Bozzone Costa - Lingua Italiana (13049 e 92020) Materiale 1c PROVA DI COMPRENSIONE SCRITTA TEST D INGRESSO CHIAVI E PRIMI ESERCIZI a. Legga questo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE*

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE* Liceo Chiabrera Martini Classico-Linguistico-Artistico 17100 Savona Via Caboto, 2 - Tel. 019/821277-8 Fax 019/821277 Cod. fis. 92090320091 Cod. Mecc. SVIS00800D E-mail: classico@liceochiabrera.it www.chiabreramartini.it

Dettagli

ITALIANO, STORIA E GEOGRAFIA, LATINO E GRECO ITALIANO

ITALIANO, STORIA E GEOGRAFIA, LATINO E GRECO ITALIANO ITALIANO, STORIA E GEOGRAFIA, LATINO E GRECO PRIMO BIENNIO ITALIANO OBIETTIVI -Conoscenza delle strutture fondamentali della lingua italiana e delle sue relazioni con le altre lingue oggetto di studio,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VIA ALDO MORO BUCCINASCO I. PROGRAMMAZIONE LINGUA SPAGNOLA a. s. 2012/2013. Professori: Francesco Paolo Faggiano Silvia Ragusa

ISTITUTO COMPRENSIVO VIA ALDO MORO BUCCINASCO I. PROGRAMMAZIONE LINGUA SPAGNOLA a. s. 2012/2013. Professori: Francesco Paolo Faggiano Silvia Ragusa ISTITUTO COMPRENSIVO VIA ALDO MORO BUCCINASCO I PROGRAMMAZIONE LINGUA SPAGNOLA a. s. 2012/2013 Professori: Francesco Paolo Faggiano Silvia Ragusa CLASSI PRIME METODO Il metodo utilizzato sarà di tipo nozionale-funzionale

Dettagli

DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI

DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI 58 DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI Elaborazione della figura strumentale per il curricolo e la valutazione ins. Dott. Sabini Maria Rosaria 59 Indicatore Disciplinare

Dettagli