Novanta del secolo XX

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Novanta del secolo XX"

Transcript

1 Filozofická fakulta Masarykovy univerzity v Brně Ústav románských jazyků a literatur Diplomová práce Analisi morfologica dei neologismi in italiano negli anni Novanta del secolo XX (Campo semantico di informatica, telecomunicazioni, tecnologie e nuovi media) Autor diplomové práce: Desislava Dimitrovová Vedoucí diplomové práce: PhDr. Jan Pavlík Brno, prosinec 2005

2 Za pečlivé vedení diplomové práce a cenné připomínky děkuji PhDr. Janu Pavlíkovi. Dále bych chtěla poděkovat MŠTČR a italskému Ministero degli Affari Esteri za udělení stipendia, díky němuž se mi podařilo získat odbornou literaturu, a v neposlední řadě děkuji také profesorům z Facoltà di Lettere di Università di Padova, Prof. Lorenzu Renzovi a Prof. M. G. La Duca, za zapůjčení odborné literatury a cenné rady. Prohlašuji, že jsem diplomovou práci vypracovala samostatně a jen s použitím uvedené literatury a pramenů. V Brně, 4. prosince

3 «Mirabile invero è la vita che anima questi minuscoli organismi, cioè p a r o l e, ombre seguaci, segni di idee e di cose: recano in sé uno spirito di vita, paiono nuove e sono antiche, risorgono come Fenice dalla loro morte, nascono per connubio e per gemme, da bruchi divengono farfalle, hanno percorso strano e tortuoso viaggio, son peregrine lontane ovvero fiorirono al nostro sole, ma tutte rispondono ad una filosofica legge e ad una varia necessità; hanno un loro movimento, quasi orbita di moto, una loro vita, o molte volte secolare od effimera, vita solitaria o mondana: si combattono o si sorreggono insieme» A. Panzini, Prefazione alla I edizione del Dizionario moderno 3

4 INDICE ABBREVIAZIONI... 6 INTRODUZIONE NEOLOGISMI Parola, lessema (unità lessicali) Termini e parole, periferia e centro di una lingua Tipologia dei neologismi Neologismi Il prestito linguistico Diacronia della neologia Delimitazione del periodo temporale La datazione dei neologismi INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLA LINGUA Europeizzazione e internazionalizzazione Italiano come una lingua aperta TECNICHE DI RICERCA CAMPO SEMANTICO E MATERIALI DELLA RICERCA CARATTERIZZAZIONE DEL MATERIALE Caratteristiche quantitative Classificazione di lessemi Neologismi e espressioni effimere PRESTITI Osservazioni Il lessema on line Internet analisi del lessema Internet, internet e l Internet Sinonimi del lessema Internet Caratterizzazione semantica FORMAZIONE DEI LESSEMI I. -DERIVAZIONE Integrazione dei prestiti nell italiano Derivazione Suffissazione Sostantivi Aggettivi Verbi Avverbi Prefissazione Sostantivi Aggettivi Verbi Conclusione Caratterizzazione semantica FORMAZIONE DEI LESSEMI II. COMPOSIZIONE Introduzione Composizione per mezzo dei prefissoidi e suffissoidi Considerazioni preliminari Produttività dei prefissoidi nell italiano contemporaneo Il prefissoide ciber-/cyber Composti con altri prefissoidi Altri composti e la loro caratterizzazione semantica

5 8.3.1 Osservazioni Caratterizzazione semantica Conclusione UNITÀ LESSICALI SUPERIORI (LOCUZIONI) Introduzione Caratterizzazione semantica NEOLOGISMI SEMANTICI Introduzione Transfert Navigazione virtuale Scansione e scannerizzazione Gli animali informatici e le malattie informatiche Specializzazione del significato Conclusione CONCLUSIONE INDICE DI TABELLE BIBLIOGRAFIA APPENDICI APPENDICE APPENDICE

6 ABBREVIAZIONI ALCI Annali del lessico contemporaneo italiano DISC-04 Dizionario Sabatini Coletti 2004 DO-02/03 Dizionario Devoto Oli NQ Dizionario Neologismi quotidiani 2003 Z-03 Dizionario Zingarelli Zanichelli 2003 A aggettivo abbr. abbreviazione agg. aggettivo agg.le aggettivale a.s. altro significato avv. avverbio avv.le avverbiale cca circa comp. composto deaggett. deaggettivale denom. denominale der. derivato deverb. deverbale dnte determinante dto determinato f. femminile fr. frequenza fra. francese ingl. inglese inv. invariabile locuz. locuzione m. maschile morfol. morfologico N nome p.p. participio passato pl. plurale prefiss. prefissazione prep. preposizione pron. pronominale rifl. riflessivo s. sostantivo semant. semantico seminingl. semiinglese sg. singolare sig. sigla sim. simile sintatt. sintattico sost. sostantivale suffiss. suffissazione v. vedi v.intr. verbo intransitivo v.le verbale v.tr. verbo transitivo > più di < meno di 6

7 INTRODUZIONE L italiano è una lingua relativamente giovane, 1 è una lingua aperta, estroversa e libertaria, molto accogliente nei confronti delle parole nuove ed in particolare degli anglicismi che negli ultimi anni penetrano nel linguaggio comune; è una lingua viva e vivente che, come tutte le altre lingue, trascrive il perpetuo mutare della società. Ciò che rispecchia questo trasmutare sono spesso i neologismi, che possono essere considerati anche segni della realtà in cui viviamo, simboli dei bisogni della realtà presente. Dietro un neologismo non sta soltanto il cambiare della società, ma anche l attività dei media che, spesso tesi ad un discorso che colpisca ed attiri, producono un importante porzione di materiale neologico. Forte è l influsso dei mass-media nella messa in circolazione di termini nuovi, spesso tratti dai linguaggi settoriali. Il mutare della società comprova anche chi crea il neologismo: un tempo lo coniava lo scrittore noto, stimato ed onorato. Oggi, a dar vita alla voce nuova è spesso la sfera non letteraria, la società del consumo, il giornalista, la politica, la divulgazione scientifica. La presente tesi cerca di studiare i neologismi dell ultimo decennio del secolo XX. La ricerca è stata basata sull annata del giornale La Stampa 2001 e studia le voci nuove soprattutto dal punto di vista morfologico. Essendo state le nostre fonti limitate non osiamo sostenere che i risultati rispecchiano lo stato reale della lingua e società italiana ma sicuramente possiamo presupporre che non ne stiano lontani. I primi cinque capitoli della tesi sono strutturati come segue: nel primo capitolo cerchiamo di definire il neologismo dal punto di vista lessicologico e cronologico e definiamo i criteri per la loro datazione. Nel secondo capitolo riflettiamo sulla cosiddetta internazionalizzazione della lingua italiana. Nei capitoli 3 4 stabiliamo tecniche di ricerca e caratterizziamo il campo semantico e il materiale della nostra ricerca. 1 A. Petralli parla di cca 40 anni: L italiano è Lingua giovane, ancora in piena crescita, ed è affettivamente usata da ampie fasce della popolazione nei diversi ambiti della quotidianità da non più di una quarantina di anni, in Neologismi e nuovi media, p

8 A base del capitolo 5, che descrive il materiale raccolto e la sua classificazione, riportiamo i risultati del nostro studio dividendoli in successivi capitoli: prestiti, derivazione, composizione, unità lessicali superiori e neologismi semantici. Fanno parte della presente tesi anche appendici che riportano tabelle e risultati (corpus) della nostra ricerca. 8

9 1. NEOLOGISMI Studiando i neologismi dobbiamo definire alcune questioni teoriche che incontriamo subito all inizio del nostro studio. Prima di tutto dobbiamo porci la domanda che cos è un neologismo? Prendiamo la risposta da Alessio Petralli:«Il neologismo è una parola nuova» 2. La sua risposta provoca però immediatamente, come lo stesso Petralli ammette, altri interrogativi di tipo: che cos è una parola e rispetto a chi e/o a che cosa deve essere nuova? Parola, lessema (unità lessicali) La parola è tradizionalmente considerata un unità elementare di lessico. Anche se potesse sembrare che si tratti di un fatto linguistico facilmente definibile, non è ancora stata trovata una definizione soddisfacente che definisca, da una parte, tutte le parole e, dall altra, non possa includere altre unità della lingua. La causa di tutto ciò è una vasta diversità di forma, di significato e di funzione delle parole. Příruční mluvnice češtiny definisce brevemente la parola come «un unità stabile della lingua, formata mediante una sequela di fonemi (grafemi) spostabile nella frase e che porta un significato lessicale e/o grammaticale» 4 o semplicemente come «un segno linguistico» 5. Tra le altre definizioni della parola possiamo nominare quelle scolastiche di J. Melichar o di B. Havránek che definiscono la parola come «un gruppo di voci che hanno un chiaro significato» 6. Tali definizioni però non separano abbastanza distintamente le parole da altri gruppi di voci che pure hanno un significato (p. es. morfemi ). Un anglista ceco, B. Trnka, definisce la parola così: «La parola è la 2 A. Petralli, Neologismi e nuovi media, p Ibidem. 4 Příruční mluvnice češtiny, p Ivi, p J. Melichar, Český jazyk, p. 25, B. Havránek, Stručná mluvnice česká, p

10 minima unità funzionale formata dai fonemi capace di essere spostata all interno della frase o separata da questa» 7. Questa definizione non è però applicabile alle lingue con una struttura della frase più o meno fissa, perché le parole dentro le frasi possono essere difficilmente spostate. Il linguista J. Černý sostiene che la parola è un termine inesperto e problematico; p. es. espressioni leggo o lat. feminae sono formate da una parola ma l espressione ho letto è già formata da due e nello stesso tempo si tratta in tutti i casi di una denominazione con un unico significato lessicale; la differenza sta soltanto nell esprimere le sue categorie grammaticali (sintattiche o analitiche). Per queste ragioni la linguistica preferisce altri termini, come per esempio espressione, forma, denominazione, unità lessicale o monema 8. Anche J. Hrbáček è praticamente dello stesso parere. Afferma che «la parola è un unità linguistica molto complessa e perciò difficilmente definibile. Per tale ragione molti linguisti descrivendo il sistema linguistico cercano di evitare l uso del termine parola» 9. Pure de Saussure ha considerato ogni definizione della parola inutile e anche lui ha preferito usare altri termini, come per esempio segno al posto della parola 1 0. Data la difficoltà di definire la parola e viste le necessità specifiche della lessicologia, sono state astratte alcune altre unità per la descrizione del lessico. Le forme compro, compri, compravo, comprerò hanno diverse forme ma hanno lo stesso significato lessicale. La loro differenza formale serve soltanto per la distinzione dei significati grammaticali. La lessicologia s interessa soprattutto dei significati lessicali, perciò è stata astratta l unità del lessema come un unità astratta del sistema lessicale superiore a tutte le realizzazioni concrete. I lessemi (denominati anche unità lessicali ) possono contenere anche 7 Citazione secondo J. Hrbáček, Úvod do studia jazyka, p J. Černý, Úvod do studia jazyka, p J. Hrbáček, Úvod do studia jazyka, p F. de Saussure, Kurs obecné lingvistiky, pp ,

11 più parole; si parlerà quindi delle cosiddette unità lessicali superiori (ferro da stiro). Riguardo alla definizione del lessema i linguisti si accordano; p. es. secondo J. Hrbáček «il lessema è un insieme delle forme che esprimono lo stesso significato lessicale (o un certo gruppo dei significati lessicali prossimi)» 1 1. Quanto alla terminologia italiana, i linguisti italiani adoperano spesso il termine parola ma di solito evitano di definirla. Anche Maurizio Dardano usa questo termine ma non lo definisce. Pure lui ammette che è un termine difficilmente definibile, le cui spiegazioni si ispirano a diversi criteri, non del tutto soddisfacenti. Riassume che il termine parola viene generalmente determinato da alcuni caratteri, secondo lui fondamentali, come, per esempio, l autonomia discorsiva, la permutabilità esterna, le restrizioni che regolano la separabilità dei costituenti interni, il fatto di possedere una funzione sintattica minima. Altri criteri di classificazione dipendono dal fatto che le parole si distinguono secondo le categorie grammaticali e secondo la loro struttura interna: semplici, monomorfematiche, prefissate, suffissate, composte, e sim. Il lessema, un unità lessicale più generale, comprende, secondo il linguista sopra nominato, sia i singoli elementi (p. es. cane, macchina, luce, ecc.) sia le unità lessicali superiori (macchina da scrivere, sistema esperto, aver timore, all improvviso, ecc.), che hanno la stessa funzione delle parole semplici. Secondo un concetto estensivo di lessema, rientrano in tale categoria anche le espressioni idiomatiche (p. es. tirare le cuoia, prendere un granchio, fare la cresta, ecc.), il cui significato non può essere dedotto dai contenuti semantici dei propri costituenti. Dardano distingue inoltre i lessemi come unità del lessico, le forme di base, distinte dalle varie forme attualizzate: vado, andiamo, andai, andassi, ecc. 1 2 Lo studioso conclude dunque che il lessema è l unità di base dell analisi del lessico J. Hrbáček, Úvod do studia jazyka, p Le forme vado, andiamo, andai, andassi sono varianti della stessa unità sottostante, cioè dello stesso lessema. Ma Dardano si pone la domanda con quale termine dovremmo indicare l unità sottostante a tali varianti se queste sono chiamate parole? Gli sembra inadeguato affermare che queste quattro parole sono differenti forme della stessa parola. Al tempo stesso il vocabolo parola è inservibile per designare sia le cosiddette unità lessicali superiori sia le espressioni idiomatiche; infatti nell uno come nell altro caso abbiamo singole unità di significato, costituite da due o più parole. M. Dardano: Lessico e semantica, p M. Dardano, Lessico e semantica, p

12 Il termine lessema viene usato nella presente tesi sia per singoli elementi sia per unità lessicali superiori inclusivo tutto il paradigma flessivo, e il termine forma attualizzata per le varietà di un determinato lessema paradigma. Evitiamo l uso del termine parola per mantenere un significato univoco. Se non sarà necessario distinguere tra il lessema e la forma, il termine vocabolo sarà usato come il sinonimo del primo. 1.2 Termini e parole, periferia e centro di una lingua Con termine s intende un unità lessicale che è propria di una determinata disciplina tecnica e/o scientifica (cioè terminologia, p. es., medica, economica, giuridica): un vocabolo che serve per definire esattamente un significato, per metterlo entro certi confini, 1 4 e, che è, di solito, riservato a un gruppo ristretto di utenti. I limiti tra la terminologia tecnica e la lingua comune si sono però sciolti significativamente negli ultimi decenni. A partire dall ultimo dopoguerra si sono affermate nuove fonti della lingua e nuove modalità di trasmissione e di ricezione dei messaggi; i testi letterari hanno perduto parte del loro prestigio a favore dei testi tecnico-scientifici. Con il progresso della comunicazione aumenta gradatamente la mobilità del lessico sia tra i singoli settori tecnici sia tra tali settori e la lingua comune. Le tendenze linguistiche appena descritte sono legate al nostro modo di vivere e ai nostri costumi e perciò non sono un fenomeno specificamente italiano ma sono comuni anche ad altre lingue europee 1 5. Non ci sembra opportuno, per le ragioni sopra nominate, tentare di demarcare un chiaro limite tra la terminologia tecnica e la lingua comune; preferiamo parlare piuttosto del concetto di un centro e di una periferia di un sistema lessicale che funziona come legame senza limiti ben definiti e facilita i passaggi delle unità lessicali tra il centro e la periferia M. Dardano, Manualetto di linguistica italiana, p M. Dardano, Lessico e semantica, pp Nel centro del lessico di ogni lingua si trova un nucleo contenente parole determinanti le più importanti realtà della vita comune e che sono perciò indispensabili per la comunicazione (p. es. figlio, acqua, sole, sale ecc.). Le parole del nucleo appartengono, 12

13 Quanto al concetto del termine tecnico e della parola comune, M. Dardano ci offre quattro criteri per distinguere tra di essi: 1)la polisemia e la monosemia (il lessema, contrariamente al termine tecnico, tende alla polisemia); 2)la specificità del termine che appartiene a un campo terminologico ben definito nei suoi confini e nella sua struttura; 3)un opposizione bilaterale o multilaterale di ciascun termine tecnico in cui si trova con gli altri termini tecnici che compongono un determinato vocabolario scientifico; 4)un legame privilegiato del termine tecnico con la cosa denotata (cioè il termine non è tanto determinato dalla situazione comunicativa e dall espressività) 1 7. Secondo quest interpretazione il vocabolario scientifico si presenta ben definito dal punto di vista formale e semantico: i termini sono univoci; l interferenza sinonimica è controllata e ridotta al minimo; il significato è staccato il più possibile dalla situazione comunicativa e da condizioni di espressività. Ma lo stesso Dardano aggiunge che i termini tecnici possiedono diversi gradi di polisemia e che quindi una loro monosemia assoluta è piuttosto illusoria 1 8. Cercheremo nel nostro lavoro di esaminare proprio quel settore linguistico in cui i vocaboli originalmente tecnici si spostano verso la lingua comune. Al passaggio di una certa unità lessicale dalla periferia verso il centro sono legati molti mutamenti, di cui i più importanti sono: la perdita dell univocità, una maggiore dipendenza del significato dalla comunicazione, tendenza alla polisemia, ecc. Proveremo di dimostrare tali cambiamenti su un materiale concreto. per lo più, alle unità più antiche e più stabili del lessico. In prevalenza si tratta di parole neutrali, la cui quantità nella lingua non è grande ma la cui frequenza è, generalmente, altissima. L opposto del nucleo lessicale rappresentano le unità poco frequenti stanti per qualche ragione alla periferia del sistema lessicale (per esempio arcaismi, termini tecnici e scientifici ecc.). Citazione secondo Příruční mluvnice češtiny, pp M. Dardano, Lessico e semantica, pp Ivi, p

14 1.3 Tipologia dei neologismi Neologismi I neologismi sono parole relativamente nuove, che non hanno tuttora ancorato bene nella coscienza di tutti gli utenti di una lingua o che sono almeno ancora concepite come nuove. Gradualmente perdono questo segno di novità, cominciano ad essere usate con più frequenza e diventano una parte valida del sistema lessicale. La velocità di tale processo può essere varia, alcuni neologismi non rimarranno affatto nella lingua e spariranno (i cosiddetti neologismi effimeri o occasionali) 1 9. Il passaggio all uso effettivo dipende inoltre da vari altri fattori, come per esempio dalla funzionalità e la necessità del neologismo, dal prestigio di cui gode l individuo o il gruppo sociale che l ha prodotto, dal giudizio di gruppi qualificati di parlanti, dalla moda ecc. 2 0 Un neologismo può essere sia una parola ripresa da una lingua straniera (camping, bistecca) sia una parola derivata da una parola già esistente in italiano (lottizzare da lotto, prepensionamento da pensionamento). M. Dardano preferisce invece chiamare prestito un vocabolo ripreso da una lingua straniera e neologismo una parola derivata da un altra parola italiana di base, tramite un suffisso, un prefisso o tramite un altro procedimento della formazione delle parole. Tali operazioni devono avvenire in tal maniera che il parlante si renda conto del rapporto che intercorre tra la parola di base e il derivato. Lo studioso suggerisce inoltre di lasciare da parte non soltanto lo studio del prestito linguistico ma anche lo studio dell onomatopea, della creazione dal nulla e dei vari procedimenti della formazione di sigle, che egli considera aspetti marginali del processo neologico Příruční mluvnice češtiny, p M. Dardano, Manualetto di linguistica italiana, p M. Dardano, Profilo dell italiano contemporaneo, p

15 Il linguista sopra nominato distingue i neologismi in due categorie: - neologismi combinatori (o sintattici ) che provengono dalla combinazione di vari elementi della lingua (lottizzare, da lotto + il suffisso izzare; prepensionamento, da pensionamento e il prefisso pre-); un neologismo combinatorio consiste anche nel riunire insieme in un sintagma stabile due o più parole (lotta di classe, offerta di lancio, ripresa in diretta, servizio pubblico, ecc.). - neologismi semantici che comportano un mutamento di significato, anche se la forma rimane identica (orchestrare è un verbo del linguaggio musicale che significa scrivere le parti dei vari strumenti che compongono l orchestra ; però successivamente si è detto orchestrare una campagna elettorale, un azione politica ecc.; in questi nuovi contesti orchestrare indica organizzare ed è infatti un neologismo semantico); fanno parte dei neologismi di questo tipo anche i calchi semantici 2 2 [come memoria (del computer), navigare (in rete), e sim.] 2 3. La convinzione di Dardano di comprendere nell ambito della neologia soltanto la formazione di nuovi lessemi partendo da basi già esistenti nella lingua (neologia sintattica o combinatoria) e il mutamento di significato di lessemi già esistenti si fonda sul presupposto teorico dell equivalenza tra un derivato e una frase sottostante; conseguentemente considera la neologia lessicale come una possibilità di creare nuovi lessemi tramite le regole incluse nel sistema lessicale Il prestito linguistico «Il prestito linguistico è un altro modo di arricchimento del lessico 22 Ma come si vedrà nel prossimo capitolo sui prestiti, lo stesso Dardano conta questo tipo di neologismi, cioè i calchi semantici, anche tra i prestiti; il ciò significa che la linguistica italiana non determina un limite chiaro tra i neologismi veri e propri e i prestiti, anche se preferisce distinguerli ed escludere i prestiti dallo studio della neologia. 23 M. Dardano, Manualetto di linguistica italiana, pp M. Dardano, Lessico e semantica, pp

16 e appare in seguito ai contatti politici, economici e culturali tra paesi e nazioni» 2 5. Il prestito si ha quando la lingua utilizza e assume un tratto linguistico (di solito un vocabolo) che esiste in un altra lingua 2 6. M. Dardano distingue tra il prestito esterno, cioè un vocabolo preso da un altra lingua, e quello interno, preso da un dialetto 2 7. Anche se Dardano preferisce escludere il prestito dallo studio della neologia, ammette che questo è un fenomeno importante che dipende dal prestigio di una lingua e del popolo che la parla, ma può dipendere anche dal disprezzo con cui l una e l altro sono considerati 2 8. I prestiti possono essere presi nella loro forma originaria (p. es. bar, computer, film, leader, équipe, lager), oppure possono essere adattati alla fonologia e alla morfologia dell italiano (p. es. treno, bistecca). Nel primo caso si parla dei cosiddetti prestiti non integrati, nel secondo dei cosiddetti prestiti integrati. La linguistica italiana distingue vari tipi e caratteri del prestito linguistico, la cui classificazione e la relativa terminologia varia da studioso a studioso. Un tipo particolare di prestito è il calco che si distingue, secondo Dardano, in due varietà principali: - calco semantico (chiamato anche prestito semantico ) che si ha quando una parola italiana assume un nuovo significato prendendolo da una parola straniera; il fenomeno si concretizza quando due parole hanno in comune un significato e/o una somiglianza formale (p. es. conforti agi, comodità dall inglese comforts; autorizzare dal francese autoriser). - calco traduzione (chiamato anche calco formale o strutturale ) che si forma con materiali italiani traducendo alla lettera gli elementi di un composto di una lingua straniera; (p. es. grattacielo, lotta di classe) J. Černý:...Výpůjčky ( ) jsou další způsob obohacování slovní zásoby; dochází k němu v důsledku politických, ekonomických a kulturních styků mezi zeměmi a národy..., Úvod do studia jazyka, pp M. Dardano, Manualetto di linguistica italiana, p Ivi, p Ivi, p M. Dardano, Manualetto di linguistica italiana, p

17 Esistono, naturalmente, altre classificazioni dei prestiti come, per esempio, quelle di I. Klajn 3 0 o R. Gusmani 3 1. A base della funzione o del prestigio di una lingua o di un popolo, possiamo, inoltre, distinguere tra prestito di necessità e prestito di lusso (detto anche di moda ). In quanto il primo si ha quando si prende insieme la parola e il referente (p. es. patata, caffè, zero, camper, juke-box); il prestito di lusso ha un fine stilistico e aspira alla promozione sociale: serve a evocare una civiltà, una cultura, un modo di vita considerati prestigiosi (p. es. leader, speaker, flirt, baby-sitter, week-end). Tali prestiti possono essere spesso sostituiti dai vocaboli della lingua ricevente. Un prestito può entrare attraverso la lingua scritta o attraverso il parlato. Se è entrato attraverso la lingua scritta, si pronuncia all italiana, cioè come è scritto (p. es. / tunnel/). Se è invece entrato con la lingua parlata, la sua pronuncia somiglia a quella della lingua d origine (p. es. / bad з εt/ dall inglese /bad з it/). L italiano prende in prestito soprattutto i sostantivi, che sono seguiti, con percentuali inferiori, da verbi e aggettivi. Il prestito di verbi e di aggettivi testimonia in genere una convivenza più stretta tra le due comunità linguistiche; ossia indica una vera e propria condizione di bilinguismo. Lo stesso possiamo dire del prestito di elementi morfologici (p. es. i suffissi -ingo, -ardo, -aldo; iere; o essa, -ista, -ismo, -ico, izzare) 3 2. Quanto al prestito interno ricordiamo che questo occorreva già nel Medioevo e ha sempre riguardato prevalentemente il lessico. Come abbiamo visto, la distinzione tra i neologismi veri e propri e i prestiti non è chiaramente definita 3 3 ed entrambi i campi infiltrano uno 30 I. Klajn parla di calchi omonimici (abolizionismo < ingl. abolitionism), di calchi sinonimici (fuorilegge < ingl. outlaw) e calchi sinonimici di locuzioni (alta fedeltà < ingl. high fidelity); in corrispondenza parla poi di prestiti semantici sinonimici (stella = diva del cinema < ingl. star) e prestiti omonimici (classe = distinzione, eleganza < ingl. class). Secondo M. Dardano, Manualetto di linguistica italiana, pp R. Gusmani, distingue tra i prestiti i calchi strutturali, che possono essere di derivazione (comportamentismo < ingl. behaviourism) o di composizione (fuorilegge < ingl. outlaw), e calchi sinonimici, in cui ambito distingue tra calchi sintagmatici (in cui avviene il calco di un sintagma) e i calchi sistematici (guerra fredda < ingl. cold war). Secondo M. Dardano, Manualetto di linguistica italiana, pp M. Dardano, Manualetto di linguistica italiana, pp Si consulti anche lo scritto sui neologismi semantici nel capitolo della presente tesi. 17

18 nell altro almeno parzialmente. Nella presente tesi cercheremo di studiare tutti i tipi di neologismi distinguendo tra i prestiti non integrati e quelli integrati che insieme ai neologismi veri e propri divideremo a seconda della loro classificazione in quattro gruppi: derivati, composti, unità lessicali superiori e neologismi semantici. Ci concentreremo principalmente sulla loro analisi morfologica. In quanto ai prestiti non integrati, ci limiteremo a elaborazione di un elenco di questi e a una definizione semantica dei vocaboli non inseriti in nessun dizionario italiano usato durante la ricerca. Contrariamente alla linguistica italiana 3 4 includiamo anche alcune sigle, essendo queste usate frequentemente come lessemi veri e propri in funzione sostantivale e/o aggettivale 3 5. Siamo coscienti del fatto che, non essendo l italiano la nostra madrelingua, possiamo difficilmente distinguere tutti i neologismi, soprattutto i neologismi semantici. Dall altra parte la scelta del campo semantico ci faciliterà in parte il nostro lavoro anche se ci rimane sempre il problema della datazione. Molti dizionari non datano la variazione del significato, il cosiddetto transfert 3 6. Nonostante ciò inseriamo quei neologismi semantici che riusciamo a distinguere e la cui datazione è legata alla nascita della realtà determinata. 1.4 Diacronia della neologia Delimitazione del periodo temporale Secondo il concetto tradizionale di de Saussure, la neologia appartiene alla prospettiva diacronica. Incontriamo però il problema come, ovvero dove, stabilire i limiti del periodo per lo studio dei neologismi. De Saussure 34 Si consulti per esempio M. Dardano, Profilo dell italiano contemporaneo, pp Si noti nel seguente esempio: E nelle stesse ore anche dal mondo delle tlc arrivano grandi accordi: negli Usa la Comcast si è aggiudicata per 72 miliardi di dollari la divisione larga banda della At&t dando vita a un colosso delle telecomunicazioni, (La Stampa, p. 21, ). 36 M. Dardano, Profilo dell italiano contemporaneo, p

19 afferma che «un certo stato di una lingua non è un punto ma un periodo di tempo più, o meno, lungo durante il quale succede un minimo numero di mutamenti. Può durare dieci anni, una generazione, un secolo, o anche di più. Una lingua può essere non soggetta ai cambiamenti per un periodo lungo e poi, all improvviso, soffrire notevoli cambiamenti in pochi anni» 3 7. Il linguista A. Petralli sostiene invece che l aspetto diacronico della neologia è inseparabile da quello sincronico, «visto che la dimensione sociale del lessico fa della stessa parola, in un determinato momento a seconda del parlante, un neologismo diffuso o un tecnicismo specializzato, un termine ignoto o un acquisizione già salda (con tutte le sfumature intermedie). Tutto dipende di volta in volta dal parlantericevente e dal contesto» 3 8. Dobbiamo però distinguere tra i singoli livelli linguistici. Mentre il sistema fonetico e morfologico è relativamente chiuso, il sistema lessicale è un sistema sempre aperto, legato allo sviluppo del mondo, pensamento e società, e può essere perciò sistemato soltanto nell ambito di un certo settore semantico. Il determinato periodo dello studio non può essere scelto del tutto casualmente; il linguista deve rispettare le trasformazioni sociali che influiscono direttamente sul lessico 3 9. Il nostro studio si concentra soprattutto sull ultimo decennio del secolo XX perché le realtà nuove che hanno cominciato a entrare nella conoscenza delle masse all inizio degli anni novanta, si sono gradatamente stabilizzate sia nella società che nella lingua. Ci orienteremo principalmente sullo studio dei lessemi passati dalla periferia nel centro linguistico F. de Saussure, Kurs obecné lingvistiky, p A. Petralli, Neologismi e nuovi media, pp L. Guilbert, secondo J. Radimský, Neologismy v současné italštině na pozadí francouzštiny, pp M. Dardano, per esempio, centra la sua attenzione anche sulla terminologia tecnica, e quindi sul vocabolario della periferia linguistica. 19

20 1.4.2 La datazione dei neologismi Prima di proseguire con la nostra ricerca dobbiamo stabilire come verificare se si tratti veramente di un neologismo. Abbiamo, in effetti, due possibilità: o prendiamo come punto di partenza gli elenchi delle unità lessicali già esistenti per un certo periodo, o possiamo tentare di stabilire se l utente del determinato vocabolo consideri questo vocabolo come nuovo. Entrambi i metodi comportano però certi pericoli. Nel primo caso, la lessicografia italiana offre delle fonti ricchissime. Approssimativamente a partire dagli anni Ottanta 4 1 appaiono sia dizionari monolingui 4 2 sia raccolte di neologismi che registrano molte novità lessicali senza alcun pregiudizio puristico 4 3 ; bensì spesso accolgono occasionalismi effimeri scomparsi poco dopo la registrazione lessicografica 4 4. La linguistica italiana considera il letterato Alfredo Panzini, con il suo Dizionario moderno, il padre dei dizionari moderni di neologismi. Panzini è stato il primo a raccogliere le parole che non «si trovano negli altri dizionari» 4 5 e a mettere in dubbio l atteggiamento purista. La sua posizione è, in effetti, stata formata dall editore milanese Ulrico Hoepli 4 6. Dopo la morte di Panzini, la sua opera ha trovato continuazione nel lavoro di Migliorini (e di Schiaffini nell edizione del 1942), che l ha portata fino al suo Dizionario di parole nuove del La staffetta è passata poi a M. Cortelazzo e U. Cardinale, autori del Dizionario di parole nuove del 1989; nelle ricerche neologiche hanno continuato in seguito 41 P. D Achille data questo fenomeno già negli anni Sessanta, in Sui neologismi, p M. Dardano menziona per esempio Zingarelli 1983 e Devoto Oli 1990, in Lessico e semantica, p Secondo Dardano questo fenomeno è probabilmente una reazione alle tendenze puristiche nel periodo fascista, in Profilo dell italiano contemporaneo, p M. Dardano, Lessico e semantica, p A. Panzini nella prefazione al Dizionario moderno. Citato secondo A. Petralli, in Neologismi e nuovi media, p Panzini nella prefazione della seconda edizione del dizionario a proposito di Hoepli dice: Il comm. Hoepli mi notificò che egli non intendeva menomamente far questione di mostri e di mostricini; di bizzarra filosofia del linguaggio; di italianità sì o no corrotta, e simili cose; egli faceva semplicemente una questione di fatto e di praticità. Lei mi disse registri, senza tanti condimenti di osservazioni personali, le parole nuove, buone o cattive, nazionali o forestiere, che sono introdotte nella nuova lingua italiana, che si cercano nei dizionari e non si trovano: e tutte! [ ], citato secondo A. Petralli, in Neologismi e nuovi media, p

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Capitolo primo La governance: che cos è?

Capitolo primo La governance: che cos è? Capitolo primo La governance: che cos è? 1. Definire la governance Governance è un termine mutuato dall inglese e se volessimo darne una definizione in italiano facendoci aiutare da un dizionario scopriremmo

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici 1. Introduzione Vengono oggi pubblicate sul sito dell ANVUR e 3 tabelle relative alle procedure dell abilitazione scientifica nazionale

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

1. Come si distinguono i tre modi di analisi del suono in fonetica?

1. Come si distinguono i tre modi di analisi del suono in fonetica? RISPOSTE ALLE DOMANDE DEL CAPITOLO 3 1. Come si distinguono i tre modi di analisi del suono in fonetica? I modi di analisi del suono sono tre: il percettivo, l'acustico e l'articolatorio. Possiamo ricondurre

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv di Blindsight Project (Onlus per Disabili Sensoriali www.blindsight.eu) INTRODUZIONE Le Linee Guida per l audiodescrizione filmica di Blindsight Project,

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO Perché una questione linguistica per l Unione europea? Il multilinguismo è oggi inteso come la capacità di società, istituzioni, gruppi e cittadini di relazionarsi

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale Analisi esplorative di dati testualilezione 2 Le principali tecniche di analisi testuale Facendo riferimento alle tecniche di data mining,

Dettagli

Il Principio di non Contraddizione

Il Principio di non Contraddizione Formulazione Il Principio di non Contraddizione Nel libro IV della Metafisica, Aristotele prende in esame quello che lui stesso chiama il principio più saldo di tutti (bebaiotáte archè), intorno a cui

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale)

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale) NORME ESSENZIALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA 1 (per i corsi di laurea in Lingue e culture moderne e Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale) STRUTTURA DELL ELABORATO

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni : criteri e indicazioni di Ilaria Moroni Ultimo aggiornamento: giugno 2010 A) Sistema classico (autore-titolo) nel corpo del testo: es. frase citata da un libro ¹ [N nota in apice] in nota a piè di pag.:

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Cenni sul calcolo combinatorio

Cenni sul calcolo combinatorio Cenni sul calcolo combinatorio Disposizioni semplici Le disposizioni semplici di n elementi distinti di classe k con kn sono tutti i gruppi di k elementi scelti fra gli n, che differiscono per almeno un

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica CdLS in Odontoiatria e Protesi Dentarie Corso di Informatica Prof. Crescenzio Gallo crescenzio.gallo@unifg.it L Informatica!2 Informatica Il termine informatica deriva dal francese Informatique Inform(ation

Dettagli

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP).

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP). In questa lezione abbiamo ricevuto Gabriella Stellutti che ci ha parlato delle difficoltà di uno studente brasiliano che studia l italiano in Brasile. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie

Dettagli

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Commissione tecnica per l elaborazione dei materiali d esame di Sociologia:

Dettagli

INTRODUZIONE ALLO STUDIO DEL LINGUAGGIO

INTRODUZIONE ALLO STUDIO DEL LINGUAGGIO INTRODUZIONE ALLO STUDIO DEL LINGUAGGIO ANALISI GRAMMATICALE E ANALISI LOGICA Analisi grammaticale: procedimento che ha la funzione di associare ad ogni parola presente all'interno di una frase la propria

Dettagli

* Cultura * Religione.

* Cultura * Religione. Ogni Paese è caratterizzato da tre fattori: * Lingua * Cultura * Religione. Le lingue del mondo Quante sono le lingue del mondo? Non c è una risposta precisa: si calcola che siano circa 6000 Questo numero

Dettagli

Lessico e registro [SLIDE 3] [SLIDE 4] [SLIDE 5]

Lessico e registro [SLIDE 3] [SLIDE 4] [SLIDE 5] Lessico e registro Lezione tenuta il 25 maggio 2015 nel polo Linceo di Calabria, l Università per Stranieri Dante Alighieri di Reggio Calabria, nell ambito del progetto Per una nuova didattica dell italiano.

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee Scuole Europee Ufficio del Segretario generale Segretariato Generale Rif. : 2009-D-422-it-5 Orig. : FR Versione: IT Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e

Dettagli

Esempi di algoritmi. Lezione III

Esempi di algoritmi. Lezione III Esempi di algoritmi Lezione III Scopo della lezione Implementare da zero algoritmi di media complessità. Verificare la correttezza di un algoritmo eseguendolo a mano. Imparare a valutare le prestazioni

Dettagli

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse)

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) I PRONOMI PERSONALI PRONOMI PERSONALI SOGGETTO Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) Ella, esso, essa sono forme antiquate. Esso,

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Se i segni e i prodotti e/o servizi sono simili, non significa necessariamente che vi sia rischio di confusione. I due

Se i segni e i prodotti e/o servizi sono simili, non significa necessariamente che vi sia rischio di confusione. I due Nella scelta del vostro marchio dovreste badare che non sia troppo simile ad altri marchi già registrati. Un marchio può infatti essere escluso dalla protezione se sussiste il rischio che possa essere

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca SEZIONE SITUAZIONE ANAGRAFICA SEZIONE POSIZIONE GIURIDICA (barrare la casella relativa) Pagina 1 di 7 SEZIONE DATI DI INSEGNAMENTO SEZIONE TIPOLOGIA DOMANDA (Barrare la casella di interesse) Pagina 2 di

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE UFFICIO III

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE UFFICIO III DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE UFFICIO III BANDO PER LA RICHIESTA DI CONTRIBUTI E PREMI PER LA DIVULGAZIONE DEL LIBRO ITALIANO E PER LA TRADUZIONE DI OPERE LETTERARIE E SCIENTIFICHE,

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Enunciati atomici e congiunzione In questa lezione e nelle successive, vedremo come fare

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas

Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas Con questo termine si identifica lo spazio pubblico, diverso dallo Stato, creato all interno dei café francesi dell

Dettagli

Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante

Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante COME SI FA UN EDIZIONE CRITICA Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante varie serie di correzioni. Prendiamo come esempio un testo leopardiano molto noto, e particolarmente

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli