Novanta del secolo XX

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Novanta del secolo XX"

Transcript

1 Filozofická fakulta Masarykovy univerzity v Brně Ústav románských jazyků a literatur Diplomová práce Analisi morfologica dei neologismi in italiano negli anni Novanta del secolo XX (Campo semantico di informatica, telecomunicazioni, tecnologie e nuovi media) Autor diplomové práce: Desislava Dimitrovová Vedoucí diplomové práce: PhDr. Jan Pavlík Brno, prosinec 2005

2 Za pečlivé vedení diplomové práce a cenné připomínky děkuji PhDr. Janu Pavlíkovi. Dále bych chtěla poděkovat MŠTČR a italskému Ministero degli Affari Esteri za udělení stipendia, díky němuž se mi podařilo získat odbornou literaturu, a v neposlední řadě děkuji také profesorům z Facoltà di Lettere di Università di Padova, Prof. Lorenzu Renzovi a Prof. M. G. La Duca, za zapůjčení odborné literatury a cenné rady. Prohlašuji, že jsem diplomovou práci vypracovala samostatně a jen s použitím uvedené literatury a pramenů. V Brně, 4. prosince

3 «Mirabile invero è la vita che anima questi minuscoli organismi, cioè p a r o l e, ombre seguaci, segni di idee e di cose: recano in sé uno spirito di vita, paiono nuove e sono antiche, risorgono come Fenice dalla loro morte, nascono per connubio e per gemme, da bruchi divengono farfalle, hanno percorso strano e tortuoso viaggio, son peregrine lontane ovvero fiorirono al nostro sole, ma tutte rispondono ad una filosofica legge e ad una varia necessità; hanno un loro movimento, quasi orbita di moto, una loro vita, o molte volte secolare od effimera, vita solitaria o mondana: si combattono o si sorreggono insieme» A. Panzini, Prefazione alla I edizione del Dizionario moderno 3

4 INDICE ABBREVIAZIONI... 6 INTRODUZIONE NEOLOGISMI Parola, lessema (unità lessicali) Termini e parole, periferia e centro di una lingua Tipologia dei neologismi Neologismi Il prestito linguistico Diacronia della neologia Delimitazione del periodo temporale La datazione dei neologismi INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLA LINGUA Europeizzazione e internazionalizzazione Italiano come una lingua aperta TECNICHE DI RICERCA CAMPO SEMANTICO E MATERIALI DELLA RICERCA CARATTERIZZAZIONE DEL MATERIALE Caratteristiche quantitative Classificazione di lessemi Neologismi e espressioni effimere PRESTITI Osservazioni Il lessema on line Internet analisi del lessema Internet, internet e l Internet Sinonimi del lessema Internet Caratterizzazione semantica FORMAZIONE DEI LESSEMI I. -DERIVAZIONE Integrazione dei prestiti nell italiano Derivazione Suffissazione Sostantivi Aggettivi Verbi Avverbi Prefissazione Sostantivi Aggettivi Verbi Conclusione Caratterizzazione semantica FORMAZIONE DEI LESSEMI II. COMPOSIZIONE Introduzione Composizione per mezzo dei prefissoidi e suffissoidi Considerazioni preliminari Produttività dei prefissoidi nell italiano contemporaneo Il prefissoide ciber-/cyber Composti con altri prefissoidi Altri composti e la loro caratterizzazione semantica

5 8.3.1 Osservazioni Caratterizzazione semantica Conclusione UNITÀ LESSICALI SUPERIORI (LOCUZIONI) Introduzione Caratterizzazione semantica NEOLOGISMI SEMANTICI Introduzione Transfert Navigazione virtuale Scansione e scannerizzazione Gli animali informatici e le malattie informatiche Specializzazione del significato Conclusione CONCLUSIONE INDICE DI TABELLE BIBLIOGRAFIA APPENDICI APPENDICE APPENDICE

6 ABBREVIAZIONI ALCI Annali del lessico contemporaneo italiano DISC-04 Dizionario Sabatini Coletti 2004 DO-02/03 Dizionario Devoto Oli NQ Dizionario Neologismi quotidiani 2003 Z-03 Dizionario Zingarelli Zanichelli 2003 A aggettivo abbr. abbreviazione agg. aggettivo agg.le aggettivale a.s. altro significato avv. avverbio avv.le avverbiale cca circa comp. composto deaggett. deaggettivale denom. denominale der. derivato deverb. deverbale dnte determinante dto determinato f. femminile fr. frequenza fra. francese ingl. inglese inv. invariabile locuz. locuzione m. maschile morfol. morfologico N nome p.p. participio passato pl. plurale prefiss. prefissazione prep. preposizione pron. pronominale rifl. riflessivo s. sostantivo semant. semantico seminingl. semiinglese sg. singolare sig. sigla sim. simile sintatt. sintattico sost. sostantivale suffiss. suffissazione v. vedi v.intr. verbo intransitivo v.le verbale v.tr. verbo transitivo > più di < meno di 6

7 INTRODUZIONE L italiano è una lingua relativamente giovane, 1 è una lingua aperta, estroversa e libertaria, molto accogliente nei confronti delle parole nuove ed in particolare degli anglicismi che negli ultimi anni penetrano nel linguaggio comune; è una lingua viva e vivente che, come tutte le altre lingue, trascrive il perpetuo mutare della società. Ciò che rispecchia questo trasmutare sono spesso i neologismi, che possono essere considerati anche segni della realtà in cui viviamo, simboli dei bisogni della realtà presente. Dietro un neologismo non sta soltanto il cambiare della società, ma anche l attività dei media che, spesso tesi ad un discorso che colpisca ed attiri, producono un importante porzione di materiale neologico. Forte è l influsso dei mass-media nella messa in circolazione di termini nuovi, spesso tratti dai linguaggi settoriali. Il mutare della società comprova anche chi crea il neologismo: un tempo lo coniava lo scrittore noto, stimato ed onorato. Oggi, a dar vita alla voce nuova è spesso la sfera non letteraria, la società del consumo, il giornalista, la politica, la divulgazione scientifica. La presente tesi cerca di studiare i neologismi dell ultimo decennio del secolo XX. La ricerca è stata basata sull annata del giornale La Stampa 2001 e studia le voci nuove soprattutto dal punto di vista morfologico. Essendo state le nostre fonti limitate non osiamo sostenere che i risultati rispecchiano lo stato reale della lingua e società italiana ma sicuramente possiamo presupporre che non ne stiano lontani. I primi cinque capitoli della tesi sono strutturati come segue: nel primo capitolo cerchiamo di definire il neologismo dal punto di vista lessicologico e cronologico e definiamo i criteri per la loro datazione. Nel secondo capitolo riflettiamo sulla cosiddetta internazionalizzazione della lingua italiana. Nei capitoli 3 4 stabiliamo tecniche di ricerca e caratterizziamo il campo semantico e il materiale della nostra ricerca. 1 A. Petralli parla di cca 40 anni: L italiano è Lingua giovane, ancora in piena crescita, ed è affettivamente usata da ampie fasce della popolazione nei diversi ambiti della quotidianità da non più di una quarantina di anni, in Neologismi e nuovi media, p

8 A base del capitolo 5, che descrive il materiale raccolto e la sua classificazione, riportiamo i risultati del nostro studio dividendoli in successivi capitoli: prestiti, derivazione, composizione, unità lessicali superiori e neologismi semantici. Fanno parte della presente tesi anche appendici che riportano tabelle e risultati (corpus) della nostra ricerca. 8

9 1. NEOLOGISMI Studiando i neologismi dobbiamo definire alcune questioni teoriche che incontriamo subito all inizio del nostro studio. Prima di tutto dobbiamo porci la domanda che cos è un neologismo? Prendiamo la risposta da Alessio Petralli:«Il neologismo è una parola nuova» 2. La sua risposta provoca però immediatamente, come lo stesso Petralli ammette, altri interrogativi di tipo: che cos è una parola e rispetto a chi e/o a che cosa deve essere nuova? Parola, lessema (unità lessicali) La parola è tradizionalmente considerata un unità elementare di lessico. Anche se potesse sembrare che si tratti di un fatto linguistico facilmente definibile, non è ancora stata trovata una definizione soddisfacente che definisca, da una parte, tutte le parole e, dall altra, non possa includere altre unità della lingua. La causa di tutto ciò è una vasta diversità di forma, di significato e di funzione delle parole. Příruční mluvnice češtiny definisce brevemente la parola come «un unità stabile della lingua, formata mediante una sequela di fonemi (grafemi) spostabile nella frase e che porta un significato lessicale e/o grammaticale» 4 o semplicemente come «un segno linguistico» 5. Tra le altre definizioni della parola possiamo nominare quelle scolastiche di J. Melichar o di B. Havránek che definiscono la parola come «un gruppo di voci che hanno un chiaro significato» 6. Tali definizioni però non separano abbastanza distintamente le parole da altri gruppi di voci che pure hanno un significato (p. es. morfemi ). Un anglista ceco, B. Trnka, definisce la parola così: «La parola è la 2 A. Petralli, Neologismi e nuovi media, p Ibidem. 4 Příruční mluvnice češtiny, p Ivi, p J. Melichar, Český jazyk, p. 25, B. Havránek, Stručná mluvnice česká, p

10 minima unità funzionale formata dai fonemi capace di essere spostata all interno della frase o separata da questa» 7. Questa definizione non è però applicabile alle lingue con una struttura della frase più o meno fissa, perché le parole dentro le frasi possono essere difficilmente spostate. Il linguista J. Černý sostiene che la parola è un termine inesperto e problematico; p. es. espressioni leggo o lat. feminae sono formate da una parola ma l espressione ho letto è già formata da due e nello stesso tempo si tratta in tutti i casi di una denominazione con un unico significato lessicale; la differenza sta soltanto nell esprimere le sue categorie grammaticali (sintattiche o analitiche). Per queste ragioni la linguistica preferisce altri termini, come per esempio espressione, forma, denominazione, unità lessicale o monema 8. Anche J. Hrbáček è praticamente dello stesso parere. Afferma che «la parola è un unità linguistica molto complessa e perciò difficilmente definibile. Per tale ragione molti linguisti descrivendo il sistema linguistico cercano di evitare l uso del termine parola» 9. Pure de Saussure ha considerato ogni definizione della parola inutile e anche lui ha preferito usare altri termini, come per esempio segno al posto della parola 1 0. Data la difficoltà di definire la parola e viste le necessità specifiche della lessicologia, sono state astratte alcune altre unità per la descrizione del lessico. Le forme compro, compri, compravo, comprerò hanno diverse forme ma hanno lo stesso significato lessicale. La loro differenza formale serve soltanto per la distinzione dei significati grammaticali. La lessicologia s interessa soprattutto dei significati lessicali, perciò è stata astratta l unità del lessema come un unità astratta del sistema lessicale superiore a tutte le realizzazioni concrete. I lessemi (denominati anche unità lessicali ) possono contenere anche 7 Citazione secondo J. Hrbáček, Úvod do studia jazyka, p J. Černý, Úvod do studia jazyka, p J. Hrbáček, Úvod do studia jazyka, p F. de Saussure, Kurs obecné lingvistiky, pp ,

11 più parole; si parlerà quindi delle cosiddette unità lessicali superiori (ferro da stiro). Riguardo alla definizione del lessema i linguisti si accordano; p. es. secondo J. Hrbáček «il lessema è un insieme delle forme che esprimono lo stesso significato lessicale (o un certo gruppo dei significati lessicali prossimi)» 1 1. Quanto alla terminologia italiana, i linguisti italiani adoperano spesso il termine parola ma di solito evitano di definirla. Anche Maurizio Dardano usa questo termine ma non lo definisce. Pure lui ammette che è un termine difficilmente definibile, le cui spiegazioni si ispirano a diversi criteri, non del tutto soddisfacenti. Riassume che il termine parola viene generalmente determinato da alcuni caratteri, secondo lui fondamentali, come, per esempio, l autonomia discorsiva, la permutabilità esterna, le restrizioni che regolano la separabilità dei costituenti interni, il fatto di possedere una funzione sintattica minima. Altri criteri di classificazione dipendono dal fatto che le parole si distinguono secondo le categorie grammaticali e secondo la loro struttura interna: semplici, monomorfematiche, prefissate, suffissate, composte, e sim. Il lessema, un unità lessicale più generale, comprende, secondo il linguista sopra nominato, sia i singoli elementi (p. es. cane, macchina, luce, ecc.) sia le unità lessicali superiori (macchina da scrivere, sistema esperto, aver timore, all improvviso, ecc.), che hanno la stessa funzione delle parole semplici. Secondo un concetto estensivo di lessema, rientrano in tale categoria anche le espressioni idiomatiche (p. es. tirare le cuoia, prendere un granchio, fare la cresta, ecc.), il cui significato non può essere dedotto dai contenuti semantici dei propri costituenti. Dardano distingue inoltre i lessemi come unità del lessico, le forme di base, distinte dalle varie forme attualizzate: vado, andiamo, andai, andassi, ecc. 1 2 Lo studioso conclude dunque che il lessema è l unità di base dell analisi del lessico J. Hrbáček, Úvod do studia jazyka, p Le forme vado, andiamo, andai, andassi sono varianti della stessa unità sottostante, cioè dello stesso lessema. Ma Dardano si pone la domanda con quale termine dovremmo indicare l unità sottostante a tali varianti se queste sono chiamate parole? Gli sembra inadeguato affermare che queste quattro parole sono differenti forme della stessa parola. Al tempo stesso il vocabolo parola è inservibile per designare sia le cosiddette unità lessicali superiori sia le espressioni idiomatiche; infatti nell uno come nell altro caso abbiamo singole unità di significato, costituite da due o più parole. M. Dardano: Lessico e semantica, p M. Dardano, Lessico e semantica, p

12 Il termine lessema viene usato nella presente tesi sia per singoli elementi sia per unità lessicali superiori inclusivo tutto il paradigma flessivo, e il termine forma attualizzata per le varietà di un determinato lessema paradigma. Evitiamo l uso del termine parola per mantenere un significato univoco. Se non sarà necessario distinguere tra il lessema e la forma, il termine vocabolo sarà usato come il sinonimo del primo. 1.2 Termini e parole, periferia e centro di una lingua Con termine s intende un unità lessicale che è propria di una determinata disciplina tecnica e/o scientifica (cioè terminologia, p. es., medica, economica, giuridica): un vocabolo che serve per definire esattamente un significato, per metterlo entro certi confini, 1 4 e, che è, di solito, riservato a un gruppo ristretto di utenti. I limiti tra la terminologia tecnica e la lingua comune si sono però sciolti significativamente negli ultimi decenni. A partire dall ultimo dopoguerra si sono affermate nuove fonti della lingua e nuove modalità di trasmissione e di ricezione dei messaggi; i testi letterari hanno perduto parte del loro prestigio a favore dei testi tecnico-scientifici. Con il progresso della comunicazione aumenta gradatamente la mobilità del lessico sia tra i singoli settori tecnici sia tra tali settori e la lingua comune. Le tendenze linguistiche appena descritte sono legate al nostro modo di vivere e ai nostri costumi e perciò non sono un fenomeno specificamente italiano ma sono comuni anche ad altre lingue europee 1 5. Non ci sembra opportuno, per le ragioni sopra nominate, tentare di demarcare un chiaro limite tra la terminologia tecnica e la lingua comune; preferiamo parlare piuttosto del concetto di un centro e di una periferia di un sistema lessicale che funziona come legame senza limiti ben definiti e facilita i passaggi delle unità lessicali tra il centro e la periferia M. Dardano, Manualetto di linguistica italiana, p M. Dardano, Lessico e semantica, pp Nel centro del lessico di ogni lingua si trova un nucleo contenente parole determinanti le più importanti realtà della vita comune e che sono perciò indispensabili per la comunicazione (p. es. figlio, acqua, sole, sale ecc.). Le parole del nucleo appartengono, 12

13 Quanto al concetto del termine tecnico e della parola comune, M. Dardano ci offre quattro criteri per distinguere tra di essi: 1)la polisemia e la monosemia (il lessema, contrariamente al termine tecnico, tende alla polisemia); 2)la specificità del termine che appartiene a un campo terminologico ben definito nei suoi confini e nella sua struttura; 3)un opposizione bilaterale o multilaterale di ciascun termine tecnico in cui si trova con gli altri termini tecnici che compongono un determinato vocabolario scientifico; 4)un legame privilegiato del termine tecnico con la cosa denotata (cioè il termine non è tanto determinato dalla situazione comunicativa e dall espressività) 1 7. Secondo quest interpretazione il vocabolario scientifico si presenta ben definito dal punto di vista formale e semantico: i termini sono univoci; l interferenza sinonimica è controllata e ridotta al minimo; il significato è staccato il più possibile dalla situazione comunicativa e da condizioni di espressività. Ma lo stesso Dardano aggiunge che i termini tecnici possiedono diversi gradi di polisemia e che quindi una loro monosemia assoluta è piuttosto illusoria 1 8. Cercheremo nel nostro lavoro di esaminare proprio quel settore linguistico in cui i vocaboli originalmente tecnici si spostano verso la lingua comune. Al passaggio di una certa unità lessicale dalla periferia verso il centro sono legati molti mutamenti, di cui i più importanti sono: la perdita dell univocità, una maggiore dipendenza del significato dalla comunicazione, tendenza alla polisemia, ecc. Proveremo di dimostrare tali cambiamenti su un materiale concreto. per lo più, alle unità più antiche e più stabili del lessico. In prevalenza si tratta di parole neutrali, la cui quantità nella lingua non è grande ma la cui frequenza è, generalmente, altissima. L opposto del nucleo lessicale rappresentano le unità poco frequenti stanti per qualche ragione alla periferia del sistema lessicale (per esempio arcaismi, termini tecnici e scientifici ecc.). Citazione secondo Příruční mluvnice češtiny, pp M. Dardano, Lessico e semantica, pp Ivi, p

14 1.3 Tipologia dei neologismi Neologismi I neologismi sono parole relativamente nuove, che non hanno tuttora ancorato bene nella coscienza di tutti gli utenti di una lingua o che sono almeno ancora concepite come nuove. Gradualmente perdono questo segno di novità, cominciano ad essere usate con più frequenza e diventano una parte valida del sistema lessicale. La velocità di tale processo può essere varia, alcuni neologismi non rimarranno affatto nella lingua e spariranno (i cosiddetti neologismi effimeri o occasionali) 1 9. Il passaggio all uso effettivo dipende inoltre da vari altri fattori, come per esempio dalla funzionalità e la necessità del neologismo, dal prestigio di cui gode l individuo o il gruppo sociale che l ha prodotto, dal giudizio di gruppi qualificati di parlanti, dalla moda ecc. 2 0 Un neologismo può essere sia una parola ripresa da una lingua straniera (camping, bistecca) sia una parola derivata da una parola già esistente in italiano (lottizzare da lotto, prepensionamento da pensionamento). M. Dardano preferisce invece chiamare prestito un vocabolo ripreso da una lingua straniera e neologismo una parola derivata da un altra parola italiana di base, tramite un suffisso, un prefisso o tramite un altro procedimento della formazione delle parole. Tali operazioni devono avvenire in tal maniera che il parlante si renda conto del rapporto che intercorre tra la parola di base e il derivato. Lo studioso suggerisce inoltre di lasciare da parte non soltanto lo studio del prestito linguistico ma anche lo studio dell onomatopea, della creazione dal nulla e dei vari procedimenti della formazione di sigle, che egli considera aspetti marginali del processo neologico Příruční mluvnice češtiny, p M. Dardano, Manualetto di linguistica italiana, p M. Dardano, Profilo dell italiano contemporaneo, p

15 Il linguista sopra nominato distingue i neologismi in due categorie: - neologismi combinatori (o sintattici ) che provengono dalla combinazione di vari elementi della lingua (lottizzare, da lotto + il suffisso izzare; prepensionamento, da pensionamento e il prefisso pre-); un neologismo combinatorio consiste anche nel riunire insieme in un sintagma stabile due o più parole (lotta di classe, offerta di lancio, ripresa in diretta, servizio pubblico, ecc.). - neologismi semantici che comportano un mutamento di significato, anche se la forma rimane identica (orchestrare è un verbo del linguaggio musicale che significa scrivere le parti dei vari strumenti che compongono l orchestra ; però successivamente si è detto orchestrare una campagna elettorale, un azione politica ecc.; in questi nuovi contesti orchestrare indica organizzare ed è infatti un neologismo semantico); fanno parte dei neologismi di questo tipo anche i calchi semantici 2 2 [come memoria (del computer), navigare (in rete), e sim.] 2 3. La convinzione di Dardano di comprendere nell ambito della neologia soltanto la formazione di nuovi lessemi partendo da basi già esistenti nella lingua (neologia sintattica o combinatoria) e il mutamento di significato di lessemi già esistenti si fonda sul presupposto teorico dell equivalenza tra un derivato e una frase sottostante; conseguentemente considera la neologia lessicale come una possibilità di creare nuovi lessemi tramite le regole incluse nel sistema lessicale Il prestito linguistico «Il prestito linguistico è un altro modo di arricchimento del lessico 22 Ma come si vedrà nel prossimo capitolo sui prestiti, lo stesso Dardano conta questo tipo di neologismi, cioè i calchi semantici, anche tra i prestiti; il ciò significa che la linguistica italiana non determina un limite chiaro tra i neologismi veri e propri e i prestiti, anche se preferisce distinguerli ed escludere i prestiti dallo studio della neologia. 23 M. Dardano, Manualetto di linguistica italiana, pp M. Dardano, Lessico e semantica, pp

16 e appare in seguito ai contatti politici, economici e culturali tra paesi e nazioni» 2 5. Il prestito si ha quando la lingua utilizza e assume un tratto linguistico (di solito un vocabolo) che esiste in un altra lingua 2 6. M. Dardano distingue tra il prestito esterno, cioè un vocabolo preso da un altra lingua, e quello interno, preso da un dialetto 2 7. Anche se Dardano preferisce escludere il prestito dallo studio della neologia, ammette che questo è un fenomeno importante che dipende dal prestigio di una lingua e del popolo che la parla, ma può dipendere anche dal disprezzo con cui l una e l altro sono considerati 2 8. I prestiti possono essere presi nella loro forma originaria (p. es. bar, computer, film, leader, équipe, lager), oppure possono essere adattati alla fonologia e alla morfologia dell italiano (p. es. treno, bistecca). Nel primo caso si parla dei cosiddetti prestiti non integrati, nel secondo dei cosiddetti prestiti integrati. La linguistica italiana distingue vari tipi e caratteri del prestito linguistico, la cui classificazione e la relativa terminologia varia da studioso a studioso. Un tipo particolare di prestito è il calco che si distingue, secondo Dardano, in due varietà principali: - calco semantico (chiamato anche prestito semantico ) che si ha quando una parola italiana assume un nuovo significato prendendolo da una parola straniera; il fenomeno si concretizza quando due parole hanno in comune un significato e/o una somiglianza formale (p. es. conforti agi, comodità dall inglese comforts; autorizzare dal francese autoriser). - calco traduzione (chiamato anche calco formale o strutturale ) che si forma con materiali italiani traducendo alla lettera gli elementi di un composto di una lingua straniera; (p. es. grattacielo, lotta di classe) J. Černý:...Výpůjčky ( ) jsou další způsob obohacování slovní zásoby; dochází k němu v důsledku politických, ekonomických a kulturních styků mezi zeměmi a národy..., Úvod do studia jazyka, pp M. Dardano, Manualetto di linguistica italiana, p Ivi, p Ivi, p M. Dardano, Manualetto di linguistica italiana, p

17 Esistono, naturalmente, altre classificazioni dei prestiti come, per esempio, quelle di I. Klajn 3 0 o R. Gusmani 3 1. A base della funzione o del prestigio di una lingua o di un popolo, possiamo, inoltre, distinguere tra prestito di necessità e prestito di lusso (detto anche di moda ). In quanto il primo si ha quando si prende insieme la parola e il referente (p. es. patata, caffè, zero, camper, juke-box); il prestito di lusso ha un fine stilistico e aspira alla promozione sociale: serve a evocare una civiltà, una cultura, un modo di vita considerati prestigiosi (p. es. leader, speaker, flirt, baby-sitter, week-end). Tali prestiti possono essere spesso sostituiti dai vocaboli della lingua ricevente. Un prestito può entrare attraverso la lingua scritta o attraverso il parlato. Se è entrato attraverso la lingua scritta, si pronuncia all italiana, cioè come è scritto (p. es. / tunnel/). Se è invece entrato con la lingua parlata, la sua pronuncia somiglia a quella della lingua d origine (p. es. / bad з εt/ dall inglese /bad з it/). L italiano prende in prestito soprattutto i sostantivi, che sono seguiti, con percentuali inferiori, da verbi e aggettivi. Il prestito di verbi e di aggettivi testimonia in genere una convivenza più stretta tra le due comunità linguistiche; ossia indica una vera e propria condizione di bilinguismo. Lo stesso possiamo dire del prestito di elementi morfologici (p. es. i suffissi -ingo, -ardo, -aldo; iere; o essa, -ista, -ismo, -ico, izzare) 3 2. Quanto al prestito interno ricordiamo che questo occorreva già nel Medioevo e ha sempre riguardato prevalentemente il lessico. Come abbiamo visto, la distinzione tra i neologismi veri e propri e i prestiti non è chiaramente definita 3 3 ed entrambi i campi infiltrano uno 30 I. Klajn parla di calchi omonimici (abolizionismo < ingl. abolitionism), di calchi sinonimici (fuorilegge < ingl. outlaw) e calchi sinonimici di locuzioni (alta fedeltà < ingl. high fidelity); in corrispondenza parla poi di prestiti semantici sinonimici (stella = diva del cinema < ingl. star) e prestiti omonimici (classe = distinzione, eleganza < ingl. class). Secondo M. Dardano, Manualetto di linguistica italiana, pp R. Gusmani, distingue tra i prestiti i calchi strutturali, che possono essere di derivazione (comportamentismo < ingl. behaviourism) o di composizione (fuorilegge < ingl. outlaw), e calchi sinonimici, in cui ambito distingue tra calchi sintagmatici (in cui avviene il calco di un sintagma) e i calchi sistematici (guerra fredda < ingl. cold war). Secondo M. Dardano, Manualetto di linguistica italiana, pp M. Dardano, Manualetto di linguistica italiana, pp Si consulti anche lo scritto sui neologismi semantici nel capitolo della presente tesi. 17

18 nell altro almeno parzialmente. Nella presente tesi cercheremo di studiare tutti i tipi di neologismi distinguendo tra i prestiti non integrati e quelli integrati che insieme ai neologismi veri e propri divideremo a seconda della loro classificazione in quattro gruppi: derivati, composti, unità lessicali superiori e neologismi semantici. Ci concentreremo principalmente sulla loro analisi morfologica. In quanto ai prestiti non integrati, ci limiteremo a elaborazione di un elenco di questi e a una definizione semantica dei vocaboli non inseriti in nessun dizionario italiano usato durante la ricerca. Contrariamente alla linguistica italiana 3 4 includiamo anche alcune sigle, essendo queste usate frequentemente come lessemi veri e propri in funzione sostantivale e/o aggettivale 3 5. Siamo coscienti del fatto che, non essendo l italiano la nostra madrelingua, possiamo difficilmente distinguere tutti i neologismi, soprattutto i neologismi semantici. Dall altra parte la scelta del campo semantico ci faciliterà in parte il nostro lavoro anche se ci rimane sempre il problema della datazione. Molti dizionari non datano la variazione del significato, il cosiddetto transfert 3 6. Nonostante ciò inseriamo quei neologismi semantici che riusciamo a distinguere e la cui datazione è legata alla nascita della realtà determinata. 1.4 Diacronia della neologia Delimitazione del periodo temporale Secondo il concetto tradizionale di de Saussure, la neologia appartiene alla prospettiva diacronica. Incontriamo però il problema come, ovvero dove, stabilire i limiti del periodo per lo studio dei neologismi. De Saussure 34 Si consulti per esempio M. Dardano, Profilo dell italiano contemporaneo, pp Si noti nel seguente esempio: E nelle stesse ore anche dal mondo delle tlc arrivano grandi accordi: negli Usa la Comcast si è aggiudicata per 72 miliardi di dollari la divisione larga banda della At&t dando vita a un colosso delle telecomunicazioni, (La Stampa, p. 21, ). 36 M. Dardano, Profilo dell italiano contemporaneo, p

19 afferma che «un certo stato di una lingua non è un punto ma un periodo di tempo più, o meno, lungo durante il quale succede un minimo numero di mutamenti. Può durare dieci anni, una generazione, un secolo, o anche di più. Una lingua può essere non soggetta ai cambiamenti per un periodo lungo e poi, all improvviso, soffrire notevoli cambiamenti in pochi anni» 3 7. Il linguista A. Petralli sostiene invece che l aspetto diacronico della neologia è inseparabile da quello sincronico, «visto che la dimensione sociale del lessico fa della stessa parola, in un determinato momento a seconda del parlante, un neologismo diffuso o un tecnicismo specializzato, un termine ignoto o un acquisizione già salda (con tutte le sfumature intermedie). Tutto dipende di volta in volta dal parlantericevente e dal contesto» 3 8. Dobbiamo però distinguere tra i singoli livelli linguistici. Mentre il sistema fonetico e morfologico è relativamente chiuso, il sistema lessicale è un sistema sempre aperto, legato allo sviluppo del mondo, pensamento e società, e può essere perciò sistemato soltanto nell ambito di un certo settore semantico. Il determinato periodo dello studio non può essere scelto del tutto casualmente; il linguista deve rispettare le trasformazioni sociali che influiscono direttamente sul lessico 3 9. Il nostro studio si concentra soprattutto sull ultimo decennio del secolo XX perché le realtà nuove che hanno cominciato a entrare nella conoscenza delle masse all inizio degli anni novanta, si sono gradatamente stabilizzate sia nella società che nella lingua. Ci orienteremo principalmente sullo studio dei lessemi passati dalla periferia nel centro linguistico F. de Saussure, Kurs obecné lingvistiky, p A. Petralli, Neologismi e nuovi media, pp L. Guilbert, secondo J. Radimský, Neologismy v současné italštině na pozadí francouzštiny, pp M. Dardano, per esempio, centra la sua attenzione anche sulla terminologia tecnica, e quindi sul vocabolario della periferia linguistica. 19

20 1.4.2 La datazione dei neologismi Prima di proseguire con la nostra ricerca dobbiamo stabilire come verificare se si tratti veramente di un neologismo. Abbiamo, in effetti, due possibilità: o prendiamo come punto di partenza gli elenchi delle unità lessicali già esistenti per un certo periodo, o possiamo tentare di stabilire se l utente del determinato vocabolo consideri questo vocabolo come nuovo. Entrambi i metodi comportano però certi pericoli. Nel primo caso, la lessicografia italiana offre delle fonti ricchissime. Approssimativamente a partire dagli anni Ottanta 4 1 appaiono sia dizionari monolingui 4 2 sia raccolte di neologismi che registrano molte novità lessicali senza alcun pregiudizio puristico 4 3 ; bensì spesso accolgono occasionalismi effimeri scomparsi poco dopo la registrazione lessicografica 4 4. La linguistica italiana considera il letterato Alfredo Panzini, con il suo Dizionario moderno, il padre dei dizionari moderni di neologismi. Panzini è stato il primo a raccogliere le parole che non «si trovano negli altri dizionari» 4 5 e a mettere in dubbio l atteggiamento purista. La sua posizione è, in effetti, stata formata dall editore milanese Ulrico Hoepli 4 6. Dopo la morte di Panzini, la sua opera ha trovato continuazione nel lavoro di Migliorini (e di Schiaffini nell edizione del 1942), che l ha portata fino al suo Dizionario di parole nuove del La staffetta è passata poi a M. Cortelazzo e U. Cardinale, autori del Dizionario di parole nuove del 1989; nelle ricerche neologiche hanno continuato in seguito 41 P. D Achille data questo fenomeno già negli anni Sessanta, in Sui neologismi, p M. Dardano menziona per esempio Zingarelli 1983 e Devoto Oli 1990, in Lessico e semantica, p Secondo Dardano questo fenomeno è probabilmente una reazione alle tendenze puristiche nel periodo fascista, in Profilo dell italiano contemporaneo, p M. Dardano, Lessico e semantica, p A. Panzini nella prefazione al Dizionario moderno. Citato secondo A. Petralli, in Neologismi e nuovi media, p Panzini nella prefazione della seconda edizione del dizionario a proposito di Hoepli dice: Il comm. Hoepli mi notificò che egli non intendeva menomamente far questione di mostri e di mostricini; di bizzarra filosofia del linguaggio; di italianità sì o no corrotta, e simili cose; egli faceva semplicemente una questione di fatto e di praticità. Lei mi disse registri, senza tanti condimenti di osservazioni personali, le parole nuove, buone o cattive, nazionali o forestiere, che sono introdotte nella nuova lingua italiana, che si cercano nei dizionari e non si trovano: e tutte! [ ], citato secondo A. Petralli, in Neologismi e nuovi media, p

Per informazioni: contattare l agente Licosa di zona. Oppure: banchedati@licosa.com. il Sansoni Francese. il Sabatini Coletti. il Sansoni Tedesco

Per informazioni: contattare l agente Licosa di zona. Oppure: banchedati@licosa.com. il Sansoni Francese. il Sabatini Coletti. il Sansoni Tedesco il Sabatini Coletti versione professionale 190.000 lemmi e accezioni 39.300 locuzioni 1580 polirematiche 45.400 sinonimi 83.000 etimologie e date della prima attestazione Divisione in sillabe e pronuncia

Dettagli

! Approvato AD Data 01/06/2013

! Approvato AD Data 01/06/2013 1 Dipartimento di: Lettere Linguistico: latino 1. COMPETENZE DISCIPLINARI 2. ARTICOLAZIONE DELLE COMPETENZE DISCIPLINARI Anno scolastico: 2014-2015 X Primo biennio Secondo biennio Quinto anno Competenze

Dettagli

Risposte alle domande del Capitolo 4

Risposte alle domande del Capitolo 4 Linguistica generale, 2e Giovanni Gobber, Moreno Morani Copyright 2014 McGraw Hill Education (Italy) 4.1 Qual è l oggetto di indagine della morfologia? Risposte alle domande del Capitolo 4 La morfologia

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE LATINO- CLASSI PRIME

Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE LATINO- CLASSI PRIME Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE LATINO- CLASSI PRIME OBIETTIVI 1. Acquisizione di competenza linguistica in vari campi del sapere 2. Oggettivazione e formalizzazione delle strutture linguistiche,

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

PON I ciclo Educazione Linguistica Italiano

PON I ciclo Educazione Linguistica Italiano PON I ciclo Educazione Linguistica Italiano Titolo percorso Parole senza frontiere Autore Nicola De Laurentiis Unità teorica di riferimento Modulo 7 Lessico e dizionari dell italiano Nucleo tematico di

Dettagli

Il morbus anglicus nell italiano di oggi Lezione del 7 novembre 2014

Il morbus anglicus nell italiano di oggi Lezione del 7 novembre 2014 Il morbus anglicus nell italiano di oggi Lezione del 7 novembre 2014 [Fonti: A. Castellani, Morbus anglicus; C. Giovanardi-R. Gualdo, Inglese-italiano 1-1; E. Picchiorri, intervista a Tullio De Mauro;

Dettagli

DIZIONARI E CORSI DI LINGUE

DIZIONARI E CORSI DI LINGUE CATALOGO 2015 DIZIONARI E CORSI DI LINGUE EDITORE 3 MOTIVI PER IMPARARE LE LINGUE CON I CORSI DI LINGUA DIGITAL PUBLISHING Corso 1 inglese 59,00 Contenuto: cd-rom libro di testo cuffia-microfono NUOVA

Dettagli

La comunicazione. Quando viene a mancare anche uno solo di questi elementi, la comunicazione non si realizza in modo completo.

La comunicazione. Quando viene a mancare anche uno solo di questi elementi, la comunicazione non si realizza in modo completo. La comunicazione Comunicare significa mettere in comune, entrare in relazione con gli altri per informare, chiedere, ordinare, scambiare idee, desideri, sentimenti, dubbi, pensieri, progetti Tutta la vita

Dettagli

LICEO CLASSICO SOCRATE PROGRAMMAZIONE DI LINGUA STRANIERA INGLESE A.S. 2015/2016

LICEO CLASSICO SOCRATE PROGRAMMAZIONE DI LINGUA STRANIERA INGLESE A.S. 2015/2016 LICEO CLASSICO SOCRATE PROGRAMMAZIONE DI LINGUA STRANIERA INGLESE A.S. 2015/2016 PROFILO GENERALE E COMPETENZE Lo studio della lingua e della cultura straniera dovrà procedere lungo due assi fondamentali:

Dettagli

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^ ISTITUTO COMPRENSIVO di OPPEANO Via A. Moro, 12 tel. 045/7135458 telefax: 045/7135049 e-mail vric843009@istruzione.it - www.icoppeano.gov.it Nell ambito di una Visione Interdisciplinare, gli Insegnanti,

Dettagli

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Hanno risposto 32 insegnanti: 15 insegnano nella scuola secondaria inferiore, 17 in quella superiore. 2. Di questo campione, 23 insegnano

Dettagli

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado Anno

Dettagli

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO (1) ITALIANO L allievo interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, attraverso modalità dialogiche sempre rispettose delle idee degli altri; con ciò

Dettagli

TRADUTTRICE E TRADUTTORE

TRADUTTRICE E TRADUTTORE Aggiornato il 9 luglio 2009 TRADUTTRICE E TRADUTTORE 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE... 8 Quali competenze sono necessarie?...

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

Alcuni suggerimenti per il processo di prima e seconda alfabetizzazione

Alcuni suggerimenti per il processo di prima e seconda alfabetizzazione ITALIANO L2 Alcuni suggerimenti per il processo di prima e seconda alfabetizzazione 1. Definire il significato di interlingua, lingua per comunicare e lingua per lo studio 2. Definire il ruolo della grammatica

Dettagli

LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014. SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO

LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014. SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Schema di PROGETTAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELL ASSE dei LINGUAGGI SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO 1 SECONDO BIENNIO E

Dettagli

http://digital.casalini.it/8884535131 ISBN-10: 88-8453-513-1 (online) ISBN-13: 978-88-8453-513-9 (online)

http://digital.casalini.it/8884535131 ISBN-10: 88-8453-513-1 (online) ISBN-13: 978-88-8453-513-9 (online) IV PRIMA UNITÀ Nuovi itinerari alla scoperta del greco antico : le strutture fondamentali della lingua greca : fonetica, morfologia, sintassi, semantica, pragmatica / Francesco Michelazzo. Firenze : Firenze

Dettagli

LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA

LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA Nella redazione degli elaborati di esame è di fondamentale importanza porre molta attenzione alla scrittura, sotto tutti i profili: grafico, ortografico, semantico e stilistico.

Dettagli

DIPARTIMENTO DI ITALIANO CORSO DI LAUREA IN LINGUA E LETTERATURA ITALIANA * PRIMO SEMESTRE

DIPARTIMENTO DI ITALIANO CORSO DI LAUREA IN LINGUA E LETTERATURA ITALIANA * PRIMO SEMESTRE DIPARTIMENTO DI ITALIANO CORSO DI LAUREA IN LINGUA E LETTERATURA ITALIANA * PRIMO SEMESTRE a cura di Roberto Vetrugno, Antonio Morone (per i corsi di storia), Barbara Airò (per i corsi di traduzione).

Dettagli

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse

Dettagli

INGLESE - SCUOLA PRIMARIA Classe 1 a

INGLESE - SCUOLA PRIMARIA Classe 1 a INGLESE - SCUOLA PRIMARIA Classe a comprendere testi di vario tipo. Colori Oggetti di uso comune Animali domestici Numeri (-0) Identificare la corrispondenza parole/immagini e viceversa di : colorioggetti-animali-numeri

Dettagli

Curricolo d Istituto per

Curricolo d Istituto per Istituto Comprensivo Dante Alighieri Trieste Scuola secondaria di primo grado Curricolo d Istituto per LINGUA STRANIERA Le lingue straniere offerte sono le seguenti: inglese, francese, tedesco e spagnolo.

Dettagli

ELABORAZIONE CURATA DALLA FIGURA STRUMENTALE Ins. Dott.ssa MARIA ROSARIA SABINI

ELABORAZIONE CURATA DALLA FIGURA STRUMENTALE Ins. Dott.ssa MARIA ROSARIA SABINI 325 ELABORAZIONE CURATA DALLA FIGURA STRUMENTALE Ins. Dott.ssa MARIA ROSARIA SABINI 326 2 Modulo Operativo Le abilità linguistiche: parlare modulare Acquisire la capacità di comunicare oralmente il proprio

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

RACCORDO TRA LE COMPETENZE

RACCORDO TRA LE COMPETENZE L2 RACCORDO TRA LE COMPETENZE (AREA SOCIO AFFETTIVA E COGNITIVA) L2 COLLEGAMENTO TRA LE COMPETENZE DELLA SCUOLA PRIMARIA E DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Il Quadro Comune di riferimento Europeo distingue

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PER L INSEGNAMENTO DELLA LINGUA E CIVILTA INGLESE - I BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PER L INSEGNAMENTO DELLA LINGUA E CIVILTA INGLESE - I BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE ANNUALE PER L INSEGNAMENTO DELLA LINGUA E CIVILTA INGLESE - I BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 L insegnamento di lingue straniere nel biennio si propone di promuovere lo sviluppo graduale

Dettagli

Lessico specialistico, linguaggi settoriali e linguaggio giornalistico UNA SCIENZA È UN LINGUAGGIO BEN FATTO (CONDILLAC) ISABELLA CHIARI

Lessico specialistico, linguaggi settoriali e linguaggio giornalistico UNA SCIENZA È UN LINGUAGGIO BEN FATTO (CONDILLAC) ISABELLA CHIARI Lessico specialistico, linguaggi settoriali e linguaggio giornalistico 1 UNA SCIENZA È UN LINGUAGGIO BEN FATTO (CONDILLAC) ISABELLA CHIARI Terminologia della lessicologia Parole chiave Lessema Lemma Termine

Dettagli

Senso della storia e azione politica

Senso della storia e azione politica Francesco Rossolillo Senso della storia e azione politica II. La battaglia per la Federazione europea a cura di Giovanni Vigo Società editrice il Mulino Sull inglese come lingua universale La decisione

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

a.s. 2012/2013 ITALIANO INGLESE MATEMATICA ABILITA TRASVERSALI

a.s. 2012/2013 ITALIANO INGLESE MATEMATICA ABILITA TRASVERSALI a.s. 2012/2013 Riportiamo alcune delle domande che spesso vengono rivolte ai docenti durante gli incontri di orientamento con gli alunni della scuola secondaria di primo grado e con i loro genitori: 1.

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini Nella scuola dell'infanzia non si può parlare di vere e proprie "discipline", bensì di CAMPI DI ESPERIENZA educativa. Con questo termine si indicano i diversi ambiti del fare e dell'agire e quindi i settori

Dettagli

Discipline e competenze

Discipline e competenze Discipline e competenze Per assistenza è possibile contattare lo staff Pearson scrivendo al seguente indirizzo e-mail: helpdesk@pearson.it oppure chiamando il numero : 0332.802251 La didattica per competenze

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO 1 di 7 04/12/2013 157 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SECONDO BIENNIO DISCIPLINA Lingua e civiltà tedesca DOCENTI A.Cavessi,

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE

PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE PREMESSA FONDAMENTALE Tra gli obiettivi fondamentali della Scuola Secondaria di primo grado c è stata l introduzione dello studio di una seconda

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SOVIZZO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO DI FRANCESE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SOVIZZO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO DI FRANCESE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SOVIZZO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO DI FRANCESE FINALITA L insegnamento della lingua straniera deve tendere, in armonia con le altre discipline, ad una formazione

Dettagli

CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA

CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA UdA n.1 - LEGGERE, COMPRENDERE E INTERPRETARE TESTI 1. Comprendere e analizzare narrativi, descrittivi, espositivi e poetici 2. Riconoscere e classificare diversi tipi di

Dettagli

ITALIANO CLASSI PRIME- SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO CLASSI PRIME- SCUOLA PRIMARIA FINALITA Lo sviluppo di competenze linguistiche ampie e sicure è una condizione indispensabile per la crescita della persona e per l esercizio pieno della cittadinanza, per l accesso critico a tutti gli

Dettagli

I dizionari Zanichelli online. La più grande banca dati lessicale del mondo a portata di un click

I dizionari Zanichelli online. La più grande banca dati lessicale del mondo a portata di un click I dizionari Zanichelli online La più grande banca dati lessicale del mondo a portata di un click Per studiare, comunicare, tradurre e discutere di affari. Dizionari e opere di consultazione di: Italiano,

Dettagli

Sintassi 1. (1) Sintassi: si occupa della combinazione di parole in frasi e della struttura delle frasi stesse.

Sintassi 1. (1) Sintassi: si occupa della combinazione di parole in frasi e della struttura delle frasi stesse. LINGUISTICA GENERALE, Linguistica di base D, a.a 2010/11, Ada alentini Mat. 8 Sintassi 1 (1) Sintassi: si occupa della combinazione di parole in frasi e della struttura delle frasi stesse. A. Il livello

Dettagli

Esercizi di morfologia e lessico (SOLUZIONI IN FONDO)

Esercizi di morfologia e lessico (SOLUZIONI IN FONDO) Corso di laurea in Scienze dell Educazione A. A. 2011 / 2012 Istituzioni di Linguistica (M-Z) Dr. Giorgio Francesco Arcodia (giorgio.arcodia@unimib.it) Esercizi di morfologia e lessico (SOLUZIONI IN FONDO)

Dettagli

1.1 Opera multimediale come software

1.1 Opera multimediale come software Possibile qualificazione dell opera multimediale in base alle categorie di opere dell ingegno: software; opera cinematografica; banca di dati; opera letteraria Dopo aver affrontato un possibile inquadramento

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

Cambiare mentalità. Il lavoro come vocazione

Cambiare mentalità. Il lavoro come vocazione Cambiare mentalità. di Jaime Ortega Professore ordinario di Organizzazione aziendale, Dipartimento di Economia aziendale, Università Carlos III di Madrid Negli ultimi vent anni (1991-2011) in Europa e

Dettagli

DIPARTIMENTO LINGUISTICO a. s. 2013/14

DIPARTIMENTO LINGUISTICO a. s. 2013/14 DIPARTIMENTO LINGUISTICO a. s. 2013/14 BIENNIO (S.C., L.S., ITT, T.T.) OBIETTIVI COMPORTAMENTALI E TRASVERSALI Il dipartimento linguistico individua obiettivi comportamentali trasversali indispensabili

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2014 2015 Piano di lavoro individuale Classe: 3 D SIA Materia: Francese Docente: Cavicchi Clara Daniela Situazione di partenza della classe Gli alunni del gruppo di francese, provengono

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE

CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE I. Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati. II. Sa esprimere e comunicare

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Riflessioni sull ammissibilità e rilevanza d istituti giuridici stranieri nell ordinamento giuridico italiano

Riflessioni sull ammissibilità e rilevanza d istituti giuridici stranieri nell ordinamento giuridico italiano STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale

TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale avanzato intermedio elementare C2 C1 B2 B1 A2 A1 È in grado di comprendere senza sforzo praticamente tutto ciò che ascolta o legge. Sa riassumere

Dettagli

Geocultura e geopolitica del Mediterraneo. Il Mare Nostrum nell'epoca dell'americanizzazione del mondo.

Geocultura e geopolitica del Mediterraneo. Il Mare Nostrum nell'epoca dell'americanizzazione del mondo. Geocultura e geopolitica del Mediterraneo. Il Mare Nostrum nell'epoca dell'americanizzazione del mondo. Mirko Bradley Geocultura e geopolitica del Mediterraneo. Il Mare Nostrum nell'epoca dell'americanizzazione

Dettagli

Progetto Finale: Modelli semantici dei dati in domini applicativi specifici

Progetto Finale: Modelli semantici dei dati in domini applicativi specifici Progetto Finale: Modelli semantici dei dati in domini applicativi specifici Roberto Basili, Marco Pennacchiotti Corso di Fondamenti di Informatica a.a. 2003-2004 Definizioni Generali e Regole d esame Il

Dettagli

COME SI SCRIVE UN ARTICOLO DI GIORNALE

COME SI SCRIVE UN ARTICOLO DI GIORNALE 273 COME SI SCRIVE UN ARTICOLO DI GIORNALE L articolo di giornale è principalmente un testo che informa su una notizia, che racconta un fatto, cercando di esporre il maggior numero di elementi necessari

Dettagli

Terra Iberica. Collana diretta da Patrizia Botta Sezione I, Didattica A10 215

Terra Iberica. Collana diretta da Patrizia Botta Sezione I, Didattica A10 215 Terra Iberica Collana diretta da Patrizia Botta Sezione I, Didattica 9 A10 215 Collana Terra Iberica diretta da Patrizia BOTTA Comitato di redazione Elisabetta VACCARO (Capo Redattore) e Carla BUONOMI

Dettagli

Programmazione di INGLESE Indicazioni Nazionali 2012

Programmazione di INGLESE Indicazioni Nazionali 2012 ISTITUTO COMPRENSIVO "Dante Alighieri" di COLOGNA VENETA (Vr) Via Rinascimento, 45-37044 Cologna Veneta - tel. 0442 85170 - fax 0442 419294 www.iccolognaveneta.it - e-mail: vric89300a@istruzione.it - vric89300a@pec.istruzione.it

Dettagli

Analisi del Nuovo modello per la certificazione delle competenze. Anno scolastico 2014-15. Istituto comprensivo di Monte San Pietro - Bologna

Analisi del Nuovo modello per la certificazione delle competenze. Anno scolastico 2014-15. Istituto comprensivo di Monte San Pietro - Bologna Analisi del Nuovo modello per la certificazione delle competenze. Anno scolastico 2014-15 Istituto comprensivo di Monte San Pietro - Bologna Scuola primaria e Scuola secondaria di primo grado Maria Cassani

Dettagli

Linguistica. Programmazione Didattico-Curriculare 2015/2016. Indirizzo: Professionale Servizi commerciali Classe: Quarte. Unità di Apprendimento N.

Linguistica. Programmazione Didattico-Curriculare 2015/2016. Indirizzo: Professionale Servizi commerciali Classe: Quarte. Unità di Apprendimento N. Istituto Statale Istruzione Superiore E U R O P A Via Fiuggi, 14-80038 - Pomigliano d'arco - NA Tel +39 081 19668187 Http://www.isiseuropa.gov.it - Email: info@isiseuropa.gov.it Programmazione Didattico-Curriculare

Dettagli

Il Tempo libero nell 800 italiano

Il Tempo libero nell 800 italiano Il Tempo libero nell 800 italiano Il tempo libero dell 800 A partire dall 800, il tempo libero diviene elemento NON secondario dell organizzazione sociale La sua evoluzione è percepibile attraverso alcuni

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO DISCIPLINARE CLASSE PRIMA

UNITÀ DI APPRENDIMENTO DISCIPLINARE CLASSE PRIMA UNITÀ DI APPRENDIMENTO DISCIPLINARE CLASSE PRIMA UA 1. VIAGGIANDO NEL FANTASTICO 1. Conosce le caratteristiche di un testo narrativo 2. Conosce alcune tipologie (favola, leggenda,fiaba, filastrocca) e

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

CURRICOLO DI INGLESE

CURRICOLO DI INGLESE CURRICOLO DI INGLESE FINALITÀ Le finalità dell insegnamento della lingua inglese nella Scuola Primaria e Secondaria di primo grado del nostro Istituto riguardano: a) l area formativa: la lingua straniera

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA DOCENTI: DI MARCO LOREDANA, GIOFFREDI ANGELA, DI NANNO STEFANIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA DOCENTI: DI MARCO LOREDANA, GIOFFREDI ANGELA, DI NANNO STEFANIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE Pag. 1 di 3 ANNO SCOLASTICO 2014-15 DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE INDIRIZZO AFM SIA RIM CLASSE BIENNIO TRIENNIO DOCENTI: DI MARCO LOREDANA, GIOFFREDI ANGELA, DI NANNO STEFANIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

Dettagli

antiana Testi Ricerche Materiali sull irradiazione di Kant

antiana Testi Ricerche Materiali sull irradiazione di Kant antiana Testi Ricerche Materiali sull irradiazione di Kant Progetto di ricerca 0. Presentazione Kantiana è un progetto di ricerca finanziato dall Università della Valle d Aosta e, in precedenza, dall Università

Dettagli

DIPARTIMENTO LINGUE STRANIERE. OBIETTIVI MINIMI Inglese - I ANNO A1-A2

DIPARTIMENTO LINGUE STRANIERE. OBIETTIVI MINIMI Inglese - I ANNO A1-A2 Comprensione della lingua orale DIPARTIMENTO LINGUE STRANIERE OBIETTIVI MINIMI Inglese - I ANNO A1-A2 - Comprende brevi messaggi contenenti lunghe pause che gli permettono di coglierne il senso. - Comprende

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI COMMERCIALI, SOCIO- SANITARI, PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITA ALBERGHIERA. Alessandro Filosi - Terracina

ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI COMMERCIALI, SOCIO- SANITARI, PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITA ALBERGHIERA. Alessandro Filosi - Terracina SEDE LEGALE: Via Roma, 125-04019 - Terracina (LT) - Tel. +39 0773 70 28 77 - +39 0773 87 08 98 - +39 331 18 22 487 SUCCURSALE: Via Roma, 116 - Tel. +39 0773 70 01 75 - +39 331 17 45 691 SUCCURSALE: Via

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI E DELLE COMPETENZE

OBIETTIVI FORMATIVI E DELLE COMPETENZE E DELLE MONOENNIO ITALIANO monoennio 1. saper ascoltare interlocutori in contesti diversi 2. saper comunicare oralmente 3. acquisire la tecnica della lettura 4. acquisire la tecnica della scrittura a)

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E DI GEOGRAFIA 1- IDEA, SVILUPPO E RAPPRESENTAZIONE DELLO SPAZIO CLASSE 1^ CURRICOLO - Uso corretto dei principali indicatori topologici Riconoscere la propria posizione

Dettagli

Dai 3 anni Bene In parte No Comprende semplici consegne e risponde utilizzando prevalentemente codici extralinguistici

Dai 3 anni Bene In parte No Comprende semplici consegne e risponde utilizzando prevalentemente codici extralinguistici 1. Comunicare oralmente:comprensione e produzione Dai 3 anni Bene In parte No Comprende semplici consegne e risponde utilizzando prevalentemente codici extralinguistici Risponde fisicamente a semplici

Dettagli

ASCOLTO (comprensione orale) -Comprende i punti essenziali di semplici discorsi e testi su argomenti relativi alla vita quotidiana e di studio.

ASCOLTO (comprensione orale) -Comprende i punti essenziali di semplici discorsi e testi su argomenti relativi alla vita quotidiana e di studio. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Via Venezia, 15-66020 SAN GIOVANNI TEATINO (CH) www.istitutocomprensivosgt.it CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE I SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO INGLESE SVILUPPO

Dettagli

Osservatorio sull euroletto. Analisi interlinguistica e intralinguistica delle varietà giuridiche in contesto UE.

Osservatorio sull euroletto. Analisi interlinguistica e intralinguistica delle varietà giuridiche in contesto UE. Osservatorio sull euroletto. Analisi interlinguistica e intralinguistica delle varietà giuridiche in contesto UE. Laura Mori (laura.mori@unint.eu) UNINT.EU Il Gruppo di ricerca (2013-2016): 11 lingue UE

Dettagli

Italiano Primo biennio

Italiano Primo biennio PROFILO IN USCITA DELLO STUDENTE IN TERMINI DI COMPETENZE E ABILITÀ TECNICO-ECONOMICO Italiano Primo biennio Competenze Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi di base indispensabili per

Dettagli

Programmazione Didattico-Curriculare 2015/2016 Tecnico-Turistico Classe: Quinta

Programmazione Didattico-Curriculare 2015/2016 Tecnico-Turistico Classe: Quinta Istituto Statale Istruzione Superiore E U R O P A Via Fiuggi, 14-80038 - Pomigliano d'arco - NA Tel +39 081 19668187 Http://www.isiseuropa.gov.it - Email: info@isiseuropa.gov.it Programmazione Didattico-Curriculare

Dettagli

COMPETENZE IN USCITA PREVISTE AL TERMINE DEL MONOENNIO ( CLASSE 1 )

COMPETENZE IN USCITA PREVISTE AL TERMINE DEL MONOENNIO ( CLASSE 1 ) COMPETENZE IN USCITA PREVISTE AL TERMINE DEL MONOENNIO ( CLASSE 1 ) Funzioni comunicative previste. Per il lessico si fa riferimento alla metodologia del docente Funzioni comunicative per: salutare, congedarsi,

Dettagli

I MILLE VIAGGI DELLE PAROLE

I MILLE VIAGGI DELLE PAROLE I MILLE VIAGGI DELLE PAROLE Dossier per gli insegnanti _ Fondazione Musei Civici di Venezia Ufficio Attività Educative _ Testi: Cristina Gazzola,, Valentina Medda,, Elisabetta Turcato Supervisione: Caterina

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN ANNO SCOLASTICO : 2014-2015 PROGRAMMAZIONE CLASSE II C MATERIA :INGLESE DOCENTE : PROF.SSA PATRIZIA ZAMPETTI

LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN ANNO SCOLASTICO : 2014-2015 PROGRAMMAZIONE CLASSE II C MATERIA :INGLESE DOCENTE : PROF.SSA PATRIZIA ZAMPETTI LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN ANNO SCOLASTICO : 2014-2015 PROGRAMMAZIONE CLASSE II C MATERIA :INGLESE DOCENTE : PROF.SSA PATRIZIA ZAMPETTI OBIETTIVI : Lo studente che conclude il primo biennio deve

Dettagli

Unité d apprentissage 1

Unité d apprentissage 1 Unité d apprentissage 1 Classe 1ª Titolo: Les copains et moi Attività interdisciplinari: socializzazione del gruppo classe Apprendimento unitario da promuovere Mettersi in relazione con coetanei, presentandosi,

Dettagli

SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO:

SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: Amministrazione, Finanza e Marketing Costruzioni, Ambiente e Territorio Liceo Linguistico Liceo Scientifico.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: LINGUA E LETTERATURA LATINA liceo scientifico

PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: LINGUA E LETTERATURA LATINA liceo scientifico PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: LINGUA E LETTERATURA LATINA liceo scientifico FINALITÀ FORMATIVE GENERALI Riconoscendo che la cultura classica costituisce una delle radici più significative della cultura europea,

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto Istituto Comprensivo di Bosco Chiesanuova Piazzetta Alpini 5 37021 Bosco Chiesanuova Tel 045 6780 521-

Dettagli

SCUOLA MEDIA UNIFICATA "PIUMATI-CRAVERI-DALLA CHIESA" BRA ANNO SCOLASTICO 2012-2013

SCUOLA MEDIA UNIFICATA PIUMATI-CRAVERI-DALLA CHIESA BRA ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCUOLA MEDIA UNIFICATA "PIUMATI-CRAVERI-DALLA CHIESA" BRA ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE ANNUALE PER LA PRIMA LINGUA STRANIERA - INGLESE E necessario che all apprendimento delle lingue venga

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame di Stato ha

Dettagli

Presentazione dell Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini del Comune di Prato

Presentazione dell Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini del Comune di Prato Presentazione dell Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini del Comune di Prato La nuova biblioteca pubblica della città di Prato, l Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini, è situata

Dettagli

LINGUA E CULTURA STRANIERA

LINGUA E CULTURA STRANIERA LINGUA E CULTURA STRANIERA LICEO CLASSICO LINEE GENERALI E COMPETENZE Lo studio della lingua e della cultura straniera deve procedere lungo due assi fondamentali tra loro interrelati: lo sviluppo di competenze

Dettagli

Programma Corso Standard Italiano per stranieri A2

Programma Corso Standard Italiano per stranieri A2 Programma Corso Standard Italiano per stranieri A2 1) Conoscenze e abilità da conseguire L obiettivo di questo corso è di portare gli studenti al livello A2 o soglia, così definito dal Quadro comune Europeo

Dettagli

COMPETENZE E INSEGNAMENTO. Dott.ssa Franca Da Re

COMPETENZE E INSEGNAMENTO. Dott.ssa Franca Da Re COMPETENZE E INSEGNAMENTO Dott.ssa Franca Da Re UN TENTATIVO DI DEFINIZIONE INTEGRATO INTEGRAZIONE DI CONOSCENZE E ABILITA DI TIPO COGNITIVO, PERSONALE, SOCIALE, RELAZIONALE PER SVOLGERE UN ATTIVITA E

Dettagli

IPOTESI DI CURRICOLO

IPOTESI DI CURRICOLO ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Enrico Fermi via Capitano Di Castri - 72021 Francavilla Fontana (BR) Tel. e fax 0831/ 852132 (centr.) 0831/852133 (pres.) Specializzazioni: ELETTRONICA E TELECOM. -

Dettagli

PROPOSTA DI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI

PROPOSTA DI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI PROPOSTA DI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI Silvana Cantù Graziella Favaro Arcangela Mastromarco Centro COME Cooperativa Farsi Prossimo Via Porpora, 26 20131 Milano tel 02.29.53.74.62

Dettagli

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE Dalla competenza chiave alla competenza base Competenza chiave: comunicazione nelle lingue straniere. Competenza base:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO D I P A R T I M E N T O D I L I N G U E S T R A N I E R E

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO D I P A R T I M E N T O D I L I N G U E S T R A N I E R E ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO D I P A R T I M E N T O D I L I N G U E S T R A N I E R E D I P A R T I M E N T O D I L I N G U E S T R A N I E R E L apprendimento di due lingue comunitarie permette

Dettagli

NORMA INTERNAZIONALE

NORMA INTERNAZIONALE Appendice I NORMA INTERNAZIONALE Terminologia - Vocabolario ISO 1087 Prima Edizione 1990-05-01 (Traduzione *) PREFAZIONE L'ISO (Organizzazione Internazionale di Normazione) è un'associazione mondiale di

Dettagli

I Diplomi dell Istituto Italiano di Cultura SILLABO

I Diplomi dell Istituto Italiano di Cultura SILLABO I Diplomi dell Istituto Italiano di Cultura SILLABO L Istituto Italiano di Cultura rilascia 5 Diplomi di conoscenza dell'italiano come lingua straniera secondo una scala di cinque livelli, disegnati in

Dettagli

Indici di Leggibilità

Indici di Leggibilità Leggibilità: il problema Indici di Leggibilità Giuseppe Di Modica Corso di Elaborazione del Linguaggio Naturale Negli ultimi decenni il problema della leggibilità dei testi ha acquistato una crescente

Dettagli

1. L analisi statistica

1. L analisi statistica 1. L analisi statistica Di cosa parleremo La statistica è una scienza, strumentale ad altre, concernente la determinazione dei metodi scientifici da seguire per raccogliere, elaborare e valutare i dati

Dettagli

MAPPE CONCETTUALI E SEMANTICHE PER ORIENTARE LA LETTURA DEI DOCUMENTI IPERTESTUALI E LORO APPLICAZIONE NELL INSEGNAMENTO DI UNA L2

MAPPE CONCETTUALI E SEMANTICHE PER ORIENTARE LA LETTURA DEI DOCUMENTI IPERTESTUALI E LORO APPLICAZIONE NELL INSEGNAMENTO DI UNA L2 MAPPE CONCETTUALI E SEMANTICHE PER ORIENTARE LA LETTURA DEI DOCUMENTI IPERTESTUALI E LORO APPLICAZIONE NELL INSEGNAMENTO DI UNA L2 Abstract Mappe concettuali, semantiche, mentali, lessicali. Comunque le

Dettagli