PRESENTAZIONE DEL PROGETTO EMIP

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRESENTAZIONE DEL PROGETTO EMIP"

Transcript

1 PRESENTAZIONE DEL PROGETTO EMIP Electromechanical Mobile Industrial Platform Piattaforma Mobile ad Azionamento Elettromeccanico Underground Hangar for Helicopters

2

3 BOTOLA D'ACCESSO SCORREVOLE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO EMIP SCANNER AREA SCANNER AREA Sommario GENERALITÀ 4 NELLO SPECIFICO 4 DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA CHE OSPITA LA PIATTAFORMA 5 DESCRIZIONE MECCANICA DELLA PIATTAFORMA 5 DESCRIZIONE MECCANICA COPERTURA PIATTAFORMA 6 DESCRIZIONE AUTOMAZIONI ELETTRONICHE 6 NORMATIVE APPLICATE 7 ACCESSORI OPZIONALI IMPIANTO 7

4 GENERALITÀ La piattaforma mobile ad elevata automatizzazione, oggetto del Progetto EMIP, è un innovativo sistema di rimessaggio degli Elicotteri a due o più pale. Se fino ad oggi il rimessaggio degli elicotteri avviene su ampie superfici dedicate e attrezzate sia per l atterraggio che per la movimentazione nonché per il rimessaggio nei cosiddetti hangar, con EMIP tutto viene semplificato con riduzione dell impatto ambientale in valore aggiunto. EMIP oltre che essere un luogo di rimessaggio è anche un mezzo di movimentazione degli elicotteri. L elicottero a due o più pale che atterra su di essa viene automaticamente collocato in sicurezza e a scomparsa sotto il livello di calpestio senza uso manuale di mezzi e carrelli accessori. Nello specifico l innovazione del progetto EMIP si può riassumere in significativa riduzione degli spazi dedicati al rimessaggio degli elicotteri, inutilizzo di mezzi e spazi dedicati alle movimentazioni degli elicotteri, riduzione dell impatto ambientale. Con EMIP è possibile evitare l impatto ambientale e paesaggistico derivante dalle costruzioni fuori terra, spesso prefabbricate e spesso di divieto normativo se collocate nelle immediate vicinanze di centri abitati. EMIP con i suoi ridotti ingombri può anche essere incentivante e di ottimo ausilio per le collocazioni strategiche in campo sanitario e di soccorso nelle immediate vicinanze di Ospedali e punti di soccorso civile. La Piattaforma Mobile, oltre che su terra, può essere impiegata anche su imbarcazioni, di dimensioni e portata idonea. NELLO SPECIFICO I vantaggi rispetto ai metodi fino ad ora normalmente usati per il rimessaggio degli elicotteri a due o più pale, generalmente realizzati a livello del terreno in appositi prefabbricati comunemente denominati hangar sono: Possibilità di evitare la costruzione di un normale hangar fuori terra che, oltre a costituire una evidente forzatura a livello ambientale e paesaggistico nelle immediate vicinanze della abitazione, può andare incontro a divieti imposti da precise normative di edilizia urbana e rispetto del territorio, sia comunali che provinciali o regionali. Facilitazione dell operazione di rimessaggio dell elicottero che, atterrando direttamente sulla piattaforma mobile, non necessita di alcuna ulteriore movimentazione di trasporto in quanto il successivo abbassamento della piattaforma medesima ne consente il posizionamento completo all interno della struttura adibita ad hangar interrato. Allo stato dell arte l atterraggio di un elicottero avviene in prossimità dell hangar esterno con conseguente necessità di trasporto al suo interno tramite l impiego di appositi carrelli motorizzati o manuali. L area di atterraggio di EMIP, coincide con la piattaforma mobile di posizionamento dell elicottero all interno dell hangar interrato con conseguente minima necessità di spazio necessario al parcheggio dell elicottero medesimo. 4

5 La successiva chiusura automatica dell hangar interrato consente il ripristino della superficie piana senza la presenza all esterno dei volumi ingombranti costituiti dai normali hangar. Facilitazione della fase di decollo senza l utilizzo di mezzi accessori per il trasporto dell elicottero all esterno dell hangar. L automazione per il decollo parte tramite comando telefonico. Un sms o un comando vocale ordina al sistema l apertura dei portelloni e il successivo sollevamento della piattaforma. Dopo il decollo, trascorsi uno o due minuti, automaticamente parte la fase di chiusura dell hangar. Quest ultima fase consiste della discesa automatica della piattaforma con abbassamento parziale quanto basta per consentire la successiva chiusura del piano di copertura. In fase di atterraggio: a. automatizzazione tramite comando telefonico delle operazioni di apertura elettromeccanica o oleodinamica del piano di copertura in fase di avvicinamento dell elicottero con successivo atterraggio diretto sulla piattaforma mobile; b. discesa controllata elettronicamente della piattaforma mobile porta elicottero all interno dell hangar interrato; c. automatizzazione elettromeccanica della chiusura dei pannelli di copertura tramite comando telefonico. La Piattaforma Mobile, oltre che su terra in prossimità di abitazioni civili o in qualsiasi altro luogo, può essere impiegata anche su imbarcazioni, di dimensioni e portata idonea, tipo Yacht, Panfili, ecc.. Il sistema di movimentazione elettromeccanico o oleodinamico tramite comando telefonico della piattaforma mobile e dei pannelli di copertura sarà analogo a quello precedentemente descritto e relativo agli hangar terrestri. Unica avvertenza in più dovrà essere quella di tener conto, in fase di progettazione dell attrezzatura, del movimento di rollio e beccheggio dell imbarcazione e di provvedere, ad atterraggio avvenuto e dopo aver fatto abbassare la piattaforma porta elicottero all interno della stiva dello Yacht, all indispensabile collegamento fisso fra elicottero e piattaforma mobile al fine di evitare che i movimenti suddetti di rollio e beccheggio causino spostamenti dell elicottero medesimo dalla sua corretta posizione di atterraggio sulla piattaforma mobile. DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA CHE OSPITA LA PIATTAFORMA È un ambiente interrato realizzato in cemento armato suddiviso in due zone, in collegamento fra di loro tramite una porta di accesso, delle quali la prima provvista di botola ad azionamento manuale per l accesso, contenente la scala di entrata e la centrale elettrica, la seconda, provvista di portelloni di chiusura, contenente la piattaforma mobile. DESCRIZIONE MECCANICA DELLA PIATTAFORMA La piattaforma EMIP scorre verticalmente su sei colonne con guide a basso coefficiente 5

6 di attrito, provvista, nella zona di contatto con i pattini dell elicottero, di una seconda piattaforma mobile, girevole sulla prima e munita di un sistema di rulli di traslazione per il corretto posizionamento lineare ed angolare dell elicottero. La piattaforma può avere due sistemi di meccanica: 1. AZIONAMENTO MECCANICO Un sistema di motorizzazione della traslazione verticale della piattaforma mobile composto da sei viti e chiocciole trapezoidali, azionate da un unico motoriduttore elettrico centrale ad elevata coppia spunto, tramite una catena cinematica composta da alberi di trasmissione, supporti e rinvii angolari. La movimentazione della piattaforma mobile è adeguatamente bilanciata tramite appositi contrappesi che ne facilitano la traslazione e che, di conseguenza, aiutano il motore elettrico consentendo il montaggio di un motore più piccolo e un importante risparmio energetico. Il meccanismo vitechiocciola trapezoidale assicura la quasi totale irreversibilità del moto. 2. AZIONAMENTO OLEODINAMICO Il sistema di motorizzazione della traslazione verticale della piattaforma mobile è costituito da un azionamento oleodinamico formato da un pistone idraulico posizionato in ogni colonna, regolati da valvole, il tutto movimentato da una pompa. DESCRIZIONE MECCANICA COPERTURA PIATTAFORMA Il sistema di chiusura-copertura dell hangar è composto da due pannelli di portata idonea rispetto a quanto previsto dalla vigente normativa sulle coperture. I pannelli di chiusura scorrono su apposite guide a basso coefficiente di attrito, le quali sono azionate da due motoriduttori controllati elettronicamente o da pistoni oleodinamici. Le caratteristiche degli sportelloni sono: la coibentazione con pannelli di materiale coibente. La finitura superiore all esterno con pavimento di gomma (antitrauma). Colore verde a dare l effetto di prato. Questo per quanto riguarda la piattaforma a terra, mentre per quella su yacht la finitura si può personalizzare. DESCRIZIONE AUTOMAZIONI ELETTRONICHE Il sistema EMIP può funzionare sia in modalità automatica con comandi telefonici sia in modalità manuale tramite pulsantiera mobile removibile. Per il decollo, un sms o una telefonata ordina ad EMIP la preparazione dell elicottero. Le fasi automatiche sono: apertura dei portelloni e salita della piattaforma. Dopo il decollo, trascorsi uno o due minuti si attiva l abbassamento della piattaforma di poche decine di cm e la richiusura dei portelloni. L atterraggio dell elicottero, con sistema automatico attivato, viene preceduto da un messaggio sms inviato dal pilota. A piattaforma pronta per l atterraggio, il sistema risponde con un sms di conferma. Nello specifico le fasi sono: ricezione dell sms, apertura dei portelloni, avvio risalita piattaforma, accensione delle luci di segnalazione per il pilota. A piattaforma pronta il sistema invia un messaggio di conferma al pilota con informazioni sullo stato ambientale del luogo grazie ad una stazione meteorologica dedicata. Ad atterraggio ultimato, superata la verifica di allineamento dell elicottero, il pilota potrà 6

7 inviare un sms di rimessaggio che in sequenza abbassa la piattaforma e richiude i portelloni. NORMATIVE APPLICATE Il progetto e la successiva realizzazione degli impianti rispetteranno la piena osservanza di più norme di seguito elencate allo scopo di universalizzare e rendere il progetto adeguato per ogni stato sede dello stesso: Direttiva Macchine 2006/42/CE Legge 1 Marzo 1968 n 186 Norme CEI attualmente in vigore D.M. 37/08 Tabella UNEL Norme di armonizzazione emanate dal CENELEC Prescrizioni e regolamentazioni di legge sulla prevenzione infortuni; UNI 9798/2010 EN EN50205 CEI EN CEI (GAS) Oltre a quanto sopra saranno osservate le eventuali prescrizioni o consigli dell ente distributore di energia elettrica, della Unità Sanitaria Locale e del locale comando dei V.V.F. I materiali e gli apparecchi impiegati saranno scelti tra quelli muniti dalla prevista marcatura CE, del marchio Italiano di qualità o di altro marchio equivalente previsto negli Stati comunitari per l Europa; per quanto detto le apparecchiature che da Stato a Stato possono variare per normativa, verranno definite per funzionalità e sicurezza persone e macchinari demandando all installatore la verifica indiretta del luogo. ACCESSORI OPZIONALI IMPIANTO Doppio Radar Scanner di uso militare per il maggior controllo dell area EMIP; Touchscreen di visualizzazione movimenti e allarmi del sistema; Sistema di supervisione remoto su computer; Stazione meteo per il controllo a distanza dei limiti di vento temperatura e pioggia; Serbatoio carburante per rifornimento; Gruppo di continuità. Domanda Internazionale PCT/IB2014/ Rivendicazione Priorità della domanda Italiana AR2013A

8

9

10 Piattaforma per elicotteri con più di due pale Piattaforma per elicotteri a due pale oleodinamica Piattaforma per elicotteri a due pale elettromeccanica

11

12 Emip srl Unip. Loc. Ponte Buriano, Arezzo P. IVA

PARCHEGGI MECCANIZZATI CON FOSSA PER L INTERNO Modello DUO BOX Mod. C 02 C 04

PARCHEGGI MECCANIZZATI CON FOSSA PER L INTERNO Modello DUO BOX Mod. C 02 C 04 DESCRIZIONE IMPIANTO DUO BOX Mod. C 02 Sollevatore per auto e sistema per il parcheggio di autoveicoli a comando elettrico con movimentazioni oleodinamiche con due piattaforme singole sovrapposte idonee

Dettagli

PARCHEGGI MECCANIZZATI CON FOSSA PER L INTERNOL Modello DUO BOX Mod. DP 03 DP 06

PARCHEGGI MECCANIZZATI CON FOSSA PER L INTERNOL Modello DUO BOX Mod. DP 03 DP 06 DESCRIZIONE IMPIANTO MOD. DP03 Sistema per il parcheggio di autoveicoli a comando elettrico con movimentazioni oleodinamiche con tre piattaforme singole sovrapposte idonee a parcheggiare in modo indipendente

Dettagli

CERTIFICAZIONE SISTEMI QUALITÁ AZIENDALI MINIASCENSORE* Mod. OPLÁ PIATTAFORMA ELEVATRICE CON DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ

CERTIFICAZIONE SISTEMI QUALITÁ AZIENDALI MINIASCENSORE* Mod. OPLÁ PIATTAFORMA ELEVATRICE CON DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ CERTIFICAZIONE SISTEMI QUALITÁ AZIENDALI MINIASCENSORE* Mod. OPLÁ PIATTAFORMA ELEVATRICE CON DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ MINIASCENSORE* OPLÁ sistema di sollevamento verticale senza vano per persone sistema

Dettagli

Art. 1072/E. STRINGO (montaferetri oleodinamico elettrico) PRESENTAZIONE:

Art. 1072/E. STRINGO (montaferetri oleodinamico elettrico) PRESENTAZIONE: Pag. 1 Art. 1072/E. STRINGO (montaferetri oleodinamico elettrico) PRESENTAZIONE: Alla semplicità strutturale si accompagnano soluzioni avanzate che fanno una macchina molto versatile utilizzabile in tutte

Dettagli

Progettazione di macchina semovente innovativa per il soccorso e la rimozione di veicoli

Progettazione di macchina semovente innovativa per il soccorso e la rimozione di veicoli Progettazione di macchina semovente innovativa per il soccorso e la rimozione di veicoli candidato Emanuele Placuzzi rel. Prof. Luca Piancastelli correl. Dott. Maurizio Tappi Dott. Gialuca Piraccini Tesi

Dettagli

ELICOTTERO AB212. PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com

ELICOTTERO AB212. PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com ELICOTTERO AB212 Descrizione generale COSTRUTTORE AGUSTA su licenza della Bell Helicopter Company ( U.S.A. ). TIPOLOGIA DELLE MISSIONI Addestramento al volo; Concorso in operazioni S.A.R. ( Search And

Dettagli

IMPIANTI ASCENSORI PAG. 1

IMPIANTI ASCENSORI PAG. 1 Cap. XII IMPIANTI ASCENSORI PAG. 1 12.2 OPERE COMPIUTE I prezzi comprendono fornitura dei materiali, trasporto in cantiere, prestazioni di tecnico specializzato montatore; gli accessori ed il fissaggio

Dettagli

Carrelli per il trasporto e il

Carrelli per il trasporto e il Trasporti interni Carrelli per il trasporto e il sollevamento Classificazione dei carrelli Tipologie esistenti Caratteristiche e prestazioni Predisposizioni antinfortunistiche 2 2005 Politecnico di Torino

Dettagli

DESCRIZIONE IMPIANTO. IMPIANTO MONTAUTO A PANTOGRAFO Modello DUO BOX Mod. PB1 con persona a bordo

DESCRIZIONE IMPIANTO. IMPIANTO MONTAUTO A PANTOGRAFO Modello DUO BOX Mod. PB1 con persona a bordo DESCRIZIONE IMPIANTO Ascensore per auto a comando elettrico con movimentazioni oleodinamiche per traslazione di autovetture tra piani definiti a pantografo senza coperchio di chiusura fossa e CON PERSONA

Dettagli

MANUALE D USO E MANUTENZIONE

MANUALE D USO E MANUTENZIONE MANUALE D USO E MANUTENZIONE PORTA BASCULANTE Manuale / Automatizzata A cura della : Sistema Qualità ISO MANUALE D USO E MANUTENZIONE Pagina 2 di 19 INDICE 1 - LETTERA ALLA CONSEGNA... 3 2 INFORMAZIONI

Dettagli

PIATTAFORMA AEREA CINGOLATA CON MOTORE A BENZINA

PIATTAFORMA AEREA CINGOLATA CON MOTORE A BENZINA ALLEGATO A Oggetto: Piattaforma di lavoro. CAPITOLATO TECNICO DEL PROGETTO PIATTAFORMA AEREA CINGOLATA CON MOTORE A BENZINA La Piattaforma di Lavoro Elevabile a braccio articolato e traslazione su cingoli

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DEL FASCICOLO TECNICO DI PORTE E CANCELLI MOTORIZZATI AI SENSI DELLA DIRETTIVA MACCHINE (89/392/CEE)

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DEL FASCICOLO TECNICO DI PORTE E CANCELLI MOTORIZZATI AI SENSI DELLA DIRETTIVA MACCHINE (89/392/CEE) Costruttore: (Nome, indirizzo, telefono) FEDERAZIONE DELLE ASSOCIAZIONI NAZIONALI DELL INDUSTRIA MECCANICA VARIA ED AFFINE ASSOCIAZIONE NAZIONALE COSTRUTTORI DI INFISSI MOTORIZZATI E DI AUTOMATISMI PER

Dettagli

Caratteristiche della Home Automation Le tecnologie per la domotica permettono inoltre di ottenere alcuni vantaggi quali ad esempio:

Caratteristiche della Home Automation Le tecnologie per la domotica permettono inoltre di ottenere alcuni vantaggi quali ad esempio: La domotica è la disciplina che si occupa dell integrazione delle tecnologie che consentono di automatizzare una serie di operazioni all interno della casa. Si occupa dell integrazione dei dispositivi

Dettagli

PROGETTAZIONE, FORNITURA, MARCATURA CE ENGINEERING, SUPPLY, CE MARKING

PROGETTAZIONE, FORNITURA, MARCATURA CE ENGINEERING, SUPPLY, CE MARKING PROGETTAZIONE, FORNITURA, MARCATURA CE ENGINEERING, SUPPLY, CE MARKING 2 CHI SIAMO Contec Industry srl è una società di ingegneria che opera principalmente nell ambito della consulenza e progettazione

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea (2006/C 306/02)

Gazzetta ufficiale dell'unione europea (2006/C 306/02) C 306/2 Comunicazione della Commissione nell'ambito dell'applicazione della direttiva 94/9/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 marzo 1994, concernente il ravvicinamento delle legislazioni

Dettagli

LISTA DI CONTROLLO APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DENOMINATI: Rif. UNI 12159 e LINEE GUIDA ISPESL

LISTA DI CONTROLLO APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DENOMINATI: Rif. UNI 12159 e LINEE GUIDA ISPESL LISTA DI CONTROLLO APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DEMINATI: Rif. UNI 12159 e LINEE GUIDA ISPESL ASCENSORI DA CANTIERE Ascensori installati temporaneamente, destinati all utilizzo da parte di persone a cui

Dettagli

SHELTER ESTENSIBILE OFFICINA/MAGAZZINO MOD. C.E. 130

SHELTER ESTENSIBILE OFFICINA/MAGAZZINO MOD. C.E. 130 12/04/2005 Pagina 1 di 14 Company certified CLAQ-110 (AQAP 110 UNI EN ISO 9001) SHELTER ESTENSIBILE OFFICINA/MAGAZZINO MOD. C.E. 130 O.M.A.R. TECHNOLOGY S.R.L. VIA CIVESIO, 14-20097 S. DONATO MILANESE

Dettagli

Relazione tecnica Pag. 2. 1 Il Sistema GAIA...3. 2 Isola Ecologica Interrata GAIA...4

Relazione tecnica Pag. 2. 1 Il Sistema GAIA...3. 2 Isola Ecologica Interrata GAIA...4 Relazione tecnica La società IMAN PACK S.p.A. eco division si riserva di applicare modifiche senza preavviso Diritti riservati a IMAN PACK S.p.A. eco division Riproduzione vietata. Relazione tecnica Pag.

Dettagli

caricat carica ori f ori f estali

caricat carica ori f ori f estali caricatori forestali Caricatore Forestale CF 325 Z Caricatore Forestale CF 350 N Caricatore Forestale CF 400 Z Caricatore Forestale CF 450 Z 1 caricatori forestali La nostra azienza è presente da anni

Dettagli

DESCRIZIONE IMPIANTO. IMPIANTO MONTAUTO A PANTOGRAFO Modello DUO BOX Mod. PB3 con persona a bordo

DESCRIZIONE IMPIANTO. IMPIANTO MONTAUTO A PANTOGRAFO Modello DUO BOX Mod. PB3 con persona a bordo DESCRIZIONE IMPIANTO Montauto a comando elettrico con movimentazioni oleodinamiche per traslazione di autovetture tra piani definiti a PANTOGRAFO, SENZA COLONNE SULLA PIATTAFORMA e CON PERSONA A BORDO

Dettagli

Prima dell acquisto di una determinata attrezzatura, è quindi bene porsi alcune domande: l attrezzatura da acquistare è adatta all uso previsto?

Prima dell acquisto di una determinata attrezzatura, è quindi bene porsi alcune domande: l attrezzatura da acquistare è adatta all uso previsto? La presente nota informativa si rivolge ai soggetti che hanno responsabilità in materia di sicurezza per le persone nell uso di attrezzature ed impianti (datori di lavoro, dirigenti, preposti, RSPP, ecc.)

Dettagli

della sicurezza per gli operatori di CARRELLI SEMOVENTI

della sicurezza per gli operatori di CARRELLI SEMOVENTI LUCIO FATTORI della sicurezza per gli operatori di CARRELLI SEMOVENTI manuale ad uso dei lavoratori Informazione dei lavoratori ai sensi dell art. 36 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m. Contenuti conformi

Dettagli

1 - Che cosa è un impianto BUS 2 - KNX standard mondiale per l automazione dei fabbricati 3 - Applicazioni e vantaggi di un impianto KNX

1 - Che cosa è un impianto BUS 2 - KNX standard mondiale per l automazione dei fabbricati 3 - Applicazioni e vantaggi di un impianto KNX 1 - Che cosa è un impianto BUS 2 - KNX standard mondiale per l automazione dei fabbricati 3 - Applicazioni e vantaggi di un impianto KNX Pag. 2 1 NUOVI REQUISITI PER GLI EDIFICI Oggi nella realizzare di

Dettagli

CFRM 2010 - IT CFRM CORSI DI FORMAZIONE PER OPERATORI

CFRM 2010 - IT CFRM CORSI DI FORMAZIONE PER OPERATORI CFRM 2010 - IT CFRM CORSI DI FORMAZIONE PER OPERATORI La formazione vincente. CFRM CENTRO FORMAZIONE E RICERCA MACCHINE Una formazione adeguata è fondamentale per realizzare una prevenzione effi cace.

Dettagli

Seminario Tecnico Sistemi di Sollevamento a Pignone-Cremagliera. Sabato 7 Maggio 2011

Seminario Tecnico Sistemi di Sollevamento a Pignone-Cremagliera. Sabato 7 Maggio 2011 Maber Costruzioni srl Seminario Tecnico co Sistemi di Sollevamento a Pignone-Cremagliera Sabato 7 Maggio 2011 Scuola Edile di Reggio Emilia Maber Costruzioni srl Azienda italiana specializzata nella progettazione

Dettagli

CAPITOLATO. Sistema di automazione domestica. Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione lusso. Divisione My Home Progettazione Applicazioni Domotiche

CAPITOLATO. Sistema di automazione domestica. Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione lusso. Divisione My Home Progettazione Applicazioni Domotiche CAPITOLATO Sistema di automazione domestica Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione lusso Pagina 1 di 17 25/09/06 Introduzione Divisione My Home Da alcuni anni si sta assistendo ad una radicale trasformazione

Dettagli

SERRANDA INDUSTRIALE MOTORIZZATA MANUALE D USO E MANUTENZIONE

SERRANDA INDUSTRIALE MOTORIZZATA MANUALE D USO E MANUTENZIONE SERRANDA INDUSTRIALE MOTORIZZATA MANUALE D USO E MANUTENZIONE INDICE 2 LETTERA ALLA CONSEGNA INFORMAZIONI GENERALI Identificazione della macchina Dati del costruttore Servizio assistenza tecnica Garanzia

Dettagli

Manuale Uso e Manutenzione

Manuale Uso e Manutenzione Manuale Uso e Manutenzione SOLLEVATORE BIBRACCIO BBI-BBO-BBV-BBC Brevettato Ed. 10.10.2013 1 MARIANI Srl Via Aldo Moro 25, 46020 PEGOGNAGA (MN) Copyright: MARIANI Srl Pubblicato in data: 10 Ottobre 2013

Dettagli

Apparecchi di sollevamento. Ing. Paolo Magliano

Apparecchi di sollevamento. Ing. Paolo Magliano Apparecchi di sollevamento Ing. Paolo Magliano Gru a torre Definizione La gru a torre è un apparecchio di sollevamento azionato da un proprio motore e costituito da una torre verticale munita nella parte

Dettagli

Tecnologia ed arte in terra di Toscana... La nostra azienda

Tecnologia ed arte in terra di Toscana... La nostra azienda Tecnologia ed arte in terra di Toscana... Nell impaginazione del depliant di presentazione della nostra azienda, ci siamo sentiti in obbligo di lasciare spazio sia alle bellezze paesaggistiche della nostra

Dettagli

Antamatic si occupa di questo. Apre e chiude quando lo desidero, oppure quando è necessario

Antamatic si occupa di questo. Apre e chiude quando lo desidero, oppure quando è necessario Antamatic si occupa di questo Apre e chiude quando lo desidero, oppure quando è necessario Home Indice installazioni Automazioni per SERRAMENTI SCURI e PERSIANE Installazione con TRAVERSA A VISTA pag.

Dettagli

VALVOLE MISCELATRICI / TERMOREGOLATRICI ELETTRONICHE CON SENSORE DI TEMPERATURA A SEMICONDUTTORE

VALVOLE MISCELATRICI / TERMOREGOLATRICI ELETTRONICHE CON SENSORE DI TEMPERATURA A SEMICONDUTTORE Diamix-Compamix Scheda Tecnica. - 5 IMPIEGO Le valvole motorizzate miscelatrici/termoregolatrici Diamix PRO e Compamix PRO trovano specifico impiego per: miscelazione di acqua calda sanitaria riscaldamento

Dettagli

PN SMS. Combinatore telefonico. Manuale di installazione ed uso

PN SMS. Combinatore telefonico. Manuale di installazione ed uso si riserva il diritto di modificare in qualsiasi momento i dati contenuti nel presente senza alcun preavviso Combinatore telefonico PN SMS Manuale di installazione ed uso Tutti i diritti sono riservati.

Dettagli

Prestare particolare attenzione alle istruzioni precedute dalle simbologie di seguito riportate:

Prestare particolare attenzione alle istruzioni precedute dalle simbologie di seguito riportate: PER GARANTIRE CONDIZIONI DI LAVORO ASSOLUTAMENTE SICURE È INDISPENSABILE LEGGERE ATTENTAMENTE QUESTO MANUALE E RISPETTARE LE ISTRUZIONI ED I DIVIETI IN ESSO CONTENUTI PRIMA DI EFFETTUARE QUALSIASI OPERAZIONE

Dettagli

(Pubblicazione di titoli e riferimenti di norme armonizzate ai sensi della direttiva)

(Pubblicazione di titoli e riferimenti di norme armonizzate ai sensi della direttiva) (Pubblicazione di titoli e riferimenti di norme armonizzate ai sensi della direttiva) OEN ( 1 ) CEN EN 1010-1:2004 Sicurezza del macchinario Requisiti di sicurezza per la progettazione e la costruzione

Dettagli

in collaborazione con Powered by

in collaborazione con Powered by Allo scopo di offrire un servizio sempre aggiornato e rispondente alle più recenti normative vigenti in materia, Maxima è associata ad Assodimi, l Associazione dei Distributori e Noleggiatori di Macchine

Dettagli

Più sicuri. www.allegraimpianti.it. Decreto 23 luglio 2009. In ascensore. con la nuova normativa nazionale per la sicurezza

Più sicuri. www.allegraimpianti.it. Decreto 23 luglio 2009. In ascensore. con la nuova normativa nazionale per la sicurezza Più sicuri Via C. Perazzi, 54-28100 Novara Tel. 0321 467313 Fax 0321 491434 Mail: info@allegraimpianti.it www.allegraimpianti.it In ascensore con la nuova normativa nazionale per la sicurezza Decreto 23

Dettagli

CENTRALINE OLEODINAMICHE E SISTEMI DI SOLLEVAMENTO SINCRONO F.P.T.

CENTRALINE OLEODINAMICHE E SISTEMI DI SOLLEVAMENTO SINCRONO F.P.T. CENTRALINE OLEODINAMICHE E SISTEMI DI SOLLEVAMENTO SINCRONO F.P.T. Le centraline F.P.T. sono progettate e costruite per adattarsi alle molteplici esigenze che si presentano per l utilizzo di attrezzature

Dettagli

Hospital Accessories. La nuova passamalati senza il piano fisso di traslazione. Struttura autoportante in acciaio INOX.

Hospital Accessories. La nuova passamalati senza il piano fisso di traslazione. Struttura autoportante in acciaio INOX. Transitus - LA FINESTRA Passamalati La nuova passamalati senza il piano fisso di traslazione Hospital Division Antibatterico Apertura Touchless Anti X-RAY Kit batterie emergenza Garanzia due anni Radar

Dettagli

Tagliafuoco. Manuale. Serranda industriale motorizzata. d uso e manutenzione

Tagliafuoco. Manuale. Serranda industriale motorizzata. d uso e manutenzione La Greppi Antonio SpA si riserva la facoltà di apportare tutte le variazioni necessarie per il miglioramento dei prodotti - Edizione 1-2005 Certificazioni Greppi Antonio SpA, Tecnoserranda Srl e Penta

Dettagli

>>> RISCHI PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI <<< 4. PORTE, VIE E USCITE IN CASO DI EMERGENZA

>>> RISCHI PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI <<< 4. PORTE, VIE E USCITE IN CASO DI EMERGENZA 01. E stata effettuata una specifica Valutazione dei rischi associati alle porte dei locali, e alle porte e vie di uscita in caso di emergenza 02. Le porte dei locali di lavoro consentono una comoda e

Dettagli

IL CATALOGO ATTREZZATURE

IL CATALOGO ATTREZZATURE IL CATALOGO ATTREZZATURE Petronas Lubricants Italy ha sviluppato il catalogo attrezzature per le più moderne esigenze dell attività dell autoriparatore. Le scelte dei prodotti selezionati per la realizzazione

Dettagli

OSPEDALE SAN LEOPOLDO MANDIC -MERATE PROGETTO DEFINITIVO COMPUTO METRICO ELEVATORI

OSPEDALE SAN LEOPOLDO MANDIC -MERATE PROGETTO DEFINITIVO COMPUTO METRICO ELEVATORI AENDA OSPEDALIERA OSPEDALE DI LECCO REGIONE LOMBARDIA Programma pluriennale degli investimenti in Sanità ex art. 20L. 67/1988 IV Atto integrativo dell accordo di programma quadro in sanità del 3/3/1999.

Dettagli

Tramev S.r.l. dal 1977 produce dispositivi di supporto, rotazione e movimentazioni per matasse e aspi per vergella, trafilato e pelato.

Tramev S.r.l. dal 1977 produce dispositivi di supporto, rotazione e movimentazioni per matasse e aspi per vergella, trafilato e pelato. Tramev S.r.l. dal 1977 produce dispositivi di supporto, rotazione e movimentazioni per matasse e aspi per vergella, trafilato e pelato. Con anni di esperienza nel campo delle trafilerie, bullonerie, corderie

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

Manuale Uso e Manutenzione

Manuale Uso e Manutenzione Manuale Uso e Manutenzione GRADINO ESI.1150 RIENTRANTE A FUNZIONAMENTO ELETTRONICO Brevettato Ed. 24.02.2014 1 MARIANI Srl Via Aldo Moro 25, 46020 PEGOGNAGA (MN) Copyright: MARIANI Srl Pubblicato in data:

Dettagli

FRESATRICE A BANCO FISSO FMC 4 ASSI

FRESATRICE A BANCO FISSO FMC 4 ASSI 1 FRESATRICE A BANCO FISSO FMC 4 ASSI (QUATTRO ASSI LINEARI ) CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE STRUTTURA DELLA MACCHINA La struttura, realizzata completamente in fusione di ghisa perlitica stabilizzata, garantisce

Dettagli

TREVIGLIO FUTURA S.p.a. RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA SETTI A DUE PIANI INTERRATI

TREVIGLIO FUTURA S.p.a. RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA SETTI A DUE PIANI INTERRATI Committente: TREVIGLIO FUTURA S.p.a. Societa' Trasformazione Urbana Piazza Manara, 1-24047 Treviglio (BG) Progetto: RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA SETTI A DUE PIANI INTERRATI 00 REVISIONE Emissione disegno

Dettagli

EKS 210/EKS 312. Commissionatore verticale (1000 kg/1200 kg) Sistema di navigazione in magazzino (opzionale) per un ottimizzazione dei tempi di arrivo

EKS 210/EKS 312. Commissionatore verticale (1000 kg/1200 kg) Sistema di navigazione in magazzino (opzionale) per un ottimizzazione dei tempi di arrivo Sistema di navigazione in magazzino (opzionale) per un ottimizzazione dei tempi di arrivo Duplice recupero di energia e gestione energetica efficiente Elevata flessibilità grazie alla struttura modulare

Dettagli

DESCRIZIONE DELLE CARATTERISTICHE TECNICHE

DESCRIZIONE DELLE CARATTERISTICHE TECNICHE DESCRIZIONE DELLE CARATTERISTICHE TECNICHE Le macchine per lavoro aereo in esecuzione telescopica della serie EAGLE, nate per poter operare in altezza, a notevole sbraccio, sono dotate di braccio telescopico

Dettagli

ELEVATORI PER NASTRI

ELEVATORI PER NASTRI NASTRI TRASPORTATORI ELEVATORI PER NASTRI ELEVATORE CONTINUO A RIPIANI Per le esigenze di trasporto in verticale realizziamo elevatori verticali a piano fisso. Queste apparecchiature svolgono sia la funzione

Dettagli

CPSsrl. Sedelegaleedoperativa: www.cs-cps.it-info@cs-cps.it-0984934655

CPSsrl. Sedelegaleedoperativa: www.cs-cps.it-info@cs-cps.it-0984934655 CPSsrl Sedelegaleedoperativa: viacamigliatelo,snc-87046montaltouffugo(cs) www.cs-cps.it-info@cs-cps.it-0984934655 SERBATOIGPL SERVIZI E SETTORI OPERATIVI Trasformazione e riqualifica CE di serbatoi GPL

Dettagli

ALL. 1 SPECIFICHE TECNICHE

ALL. 1 SPECIFICHE TECNICHE COMUNE DI PADOVA Settore Servizi Istituzionali e Affari Generali PROGETTO DI UN IMPIANTO DI ARMADI COMPATTABILI PER IL NUOVO ARCHIVIO GENERALE - COMPLESSO SARPI ALL. 1 SPECIFICHE TECNICHE IL CAPO SETTORE

Dettagli

Verifiche Periodiche di Ascensori e Montacarichi D.P.R. 162/99 Linee Guida per gli adempimenti di Legge

Verifiche Periodiche di Ascensori e Montacarichi D.P.R. 162/99 Linee Guida per gli adempimenti di Legge SERVIZIO PREVENZIONE E RISCHIO TECNOLOGICO Verifiche Periodiche di Ascensori e Montacarichi D.P.R. 162/99 Linee Guida per gli adempimenti di Legge a cura del Servizio Prevenzione e Rischio Tecnologico

Dettagli

RICERCA, CERTIFICAZIONI E VERIFICHE UNITA OPERATIVA TERRITORIALE BERGAMO

RICERCA, CERTIFICAZIONI E VERIFICHE UNITA OPERATIVA TERRITORIALE BERGAMO RICERCA, CERTIFICAZIONI E VERIFICHE UNITA OPERATIVA TERRITORIALE BERGAMO Montacarichi da cantiere MC Ascensori da cantiere Acc Ascensore da cantiere Acp Piattaforme di lavoro autosollevanti su colonne

Dettagli

DOMOFOX IMPIANTI DOMOTICI

DOMOFOX IMPIANTI DOMOTICI DOMOFOX IMPIANTI DOMOTICI SCOPRI UN FUTURO INTELLIGENTE DOMOFOX IMPIANTI DOMOTICI Nati dalla passione per la tecnologia progettata per migliorare la qualità di vita, l efficienza e il risparmio energetico,

Dettagli

APPENDICE A LISTE DI CONTROLLO PER APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DI TIPO FISSO E RELATIVI ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO

APPENDICE A LISTE DI CONTROLLO PER APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DI TIPO FISSO E RELATIVI ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO APPENDICE A LISTE DI CONTROLLO PER APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DI TIPO FISSO E RELATIVI ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO Le check-list riportate di seguito riassumono, per ciascuna delle figure coinvolte nei controlli

Dettagli

La vigilanza sulla sicurezza delle macchine

La vigilanza sulla sicurezza delle macchine Dipartimento Prevenzione ASL RM H Direttore prof. Agostino Messineo 1 WORKSHOP SICUREZZA MACCHINE DLgs 81/2008 e recepimento direttiva 2006/42/CE attraverso il DLgs 17/2010 Obblighi nella gestione e conduzione

Dettagli

Vendita capannone industriale ubicato in Via Enea Stefani n 3 40138 Bologna (BO) (Zona Industriale Roveri)

Vendita capannone industriale ubicato in Via Enea Stefani n 3 40138 Bologna (BO) (Zona Industriale Roveri) Vendita capannone industriale ubicato in Via Enea Stefani n 3 40138 Bologna (BO) (Zona Industriale Roveri) Pagina 1 di 6 La ns. società Gentili S.p.A. ha recentemente posto in vendita un immobile di sua

Dettagli

OFFICINA MOBILE CAMPALE IN CONTAINER ISO 1C P/N: 5387.AE.99.0063

OFFICINA MOBILE CAMPALE IN CONTAINER ISO 1C P/N: 5387.AE.99.0063 SISTEMI E TECNOLOGIE INTEGRATE OFFICINA MOBILE CAMPALE IN CONTAINER ISO 1C P/N: 5387.AE.99.0063 CARATTERISTICHE DI BASE L Officina Mobile in container è stata progettata e realizzata al fine di soddisfare

Dettagli

120-25. RIFORNIMENTO Capacità serbatoio olio... 20 l Capacità serbatoio carburante... 30 l Capacità carter trasmissione a catena...

120-25. RIFORNIMENTO Capacità serbatoio olio... 20 l Capacità serbatoio carburante... 30 l Capacità carter trasmissione a catena... 120-25 45 35 2985 530 1982 1895 2381 27 150 803 2253 2810 1200 1075 1180 MOTORE Marca...................................................................................................... YANMAR Tipo...........................................................................................................

Dettagli

Sollevamento, trasporto, lavorazioni in sospensione

Sollevamento, trasporto, lavorazioni in sospensione Sollevamento 2014 www.essoll.it commerciale@essoll.it Tel. 0039-045 - 6020965 Sollevamento, trasporto, lavorazioni in sospensione Una parte di ciò che produciamo Bilancini ad X Bilancini ad X, ne abbiamo

Dettagli

160 ATJ 180 ATJ. 16,25 m (160 ATJ) 17,65 m (180 ATJ) 9,10 m (160 ATJ) 10,60 m (180 ATJ)

160 ATJ 180 ATJ. 16,25 m (160 ATJ) 17,65 m (180 ATJ) 9,10 m (160 ATJ) 10,60 m (180 ATJ) 160 ATJ 180 ATJ 160 ATJ 180 ATJ MANITOU, leader della movimentazione fuoristrada, ha l ambizione di perseguire il proprio sviluppo accompagnandovi su tutti i terreni. Le macchine 160 / 180 ATJ sono state

Dettagli

U N A V I L L A U N I F A M I L I A R E I N T E L L I G E N T E E A M I S U R A D 'U O M O

U N A V I L L A U N I F A M I L I A R E I N T E L L I G E N T E E A M I S U R A D 'U O M O L intento è quello di mostrare come anche all interno di un progetto architettonico semplice e totalmente a misura d uomo possa essere proposta una soluzione impiantistica all avanguardia che si svincola

Dettagli

1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE

1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE 1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE RIGUARDANO LA VENDITA DEI MACCHINARI? Pagina 1 di 18 Convegno fallimentare - 9 novembre

Dettagli

E.P. Elevatori Premontati srl. Stepper. montascale con pedana. Tecnologie in Elevazione

E.P. Elevatori Premontati srl. Stepper. montascale con pedana. Tecnologie in Elevazione E.P. Elevatori Premontati srl montascale con pedana Tecnologie in Elevazione Il montascale o servoscala è una macchina per il trasporto di persone lungo scale o percorsi inclinati, rivolto ad anziani o

Dettagli

Aggiornamento sulle norme UNI e CEI

Aggiornamento sulle norme UNI e CEI Aggiornamento sulle norme UNI e C Elenco tematico delle norme UNI e C per l edilizia nuove o aggiornate, suddiviso in 7 capitoli: I. sistema edilizio e tecnologico; II. applicazioni di fisica tecnica;

Dettagli

SEMINARIO. Le nuove regole

SEMINARIO. Le nuove regole SEMINARIO Le nuove regole I lavori non elettrici alla luce della IV edizione della norma CEI 11-27 Ing. Fausto Di Tosto INAIL Coordinatore del GdL INAIL per i Lavori sotto tensione ROMA, 11 MARZO 2014

Dettagli

INDICAZIONI TECNICHE RELATIVE ALLE MISURE DI PROTEZIONE DA ADOTTARE PER LA RIDUZIONE DEI RISCHI

INDICAZIONI TECNICHE RELATIVE ALLE MISURE DI PROTEZIONE DA ADOTTARE PER LA RIDUZIONE DEI RISCHI 5 INDICAZIONI TECNICHE RELATIVE ALLE MISURE DI PROTEZIONE DA ADOTTARE PER LA RIDUZIONE DEI RISCHI PREMESSA Il presente paragrafo è stato elaborato a partire dalle situazioni di pericolo individuate dall

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti PROVVEDITORATO INTERREGIONALE PER LE OPERE PUBBLICHE EMILIA ROMAGNA - MARCHE BOLOGNA CAPITOLO 16

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti PROVVEDITORATO INTERREGIONALE PER LE OPERE PUBBLICHE EMILIA ROMAGNA - MARCHE BOLOGNA CAPITOLO 16 ANA REPV BBLICA Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti PROVVEDITORATO INTERREGIONALE PER LE OPERE PUBBLICHE EMILIA ROMAGNA - MARCHE BOLOGNA ITALI CAPITOLO 16 IMPIANTI ASCENSORI MONTACARICHI MONTALETTIGHE

Dettagli

TKA 61 KS LA NUOVA DIMENSIONE

TKA 61 KS LA NUOVA DIMENSIONE TKA 61 KS LA NUOVA DIMENSIONE MASSIMA ALTEZZA DI LAVORO Con un altezza di lavoro di 61 metri, uno sbraccio laterale di 39 metri e una portata del cestello di 120 kg la TKA 61 KS apre all utilizzatore dimensioni

Dettagli

Impianti Elettrici Automazioni

Impianti Elettrici Automazioni Impianti Elettrici Automazioni Sistemi di Sicurezza Impianti Tecnici I mpianti elettrici Ramo fondamentale e punto di partenza nella crescita dell azienda, T realizza impianti elettrici civili e industriali,

Dettagli

PALA COMPATTA CINGOLATA

PALA COMPATTA CINGOLATA PALA COMPATTA CINGOLATA Motore KUBOTA V2203-M Cilindrata cc 2200 Potenza massima Kw 36 - Hp 49 Peso operativo Kg 2380 Design innovativo, potenza, capacità idraulica, inarrestabilità. Dalla qualità di progettazione

Dettagli

PRODUZIONE GRANDE SERIE

PRODUZIONE GRANDE SERIE TAVOLE ELEVATRICI IDRAULICHE SU RUOTE Sollevare, abbassare, trasportare. Sicure e di facile manovrabilità Struttura robusta in profilati acciaio Impugnatura di spinta cromata Sollevamento a pedale con

Dettagli

Automatismo per porte a battente FDC e F4 Compatto. Universale. Sicuro.

Automatismo per porte a battente FDC e F4 Compatto. Universale. Sicuro. Automatismo per porte a battente FDC e F4 Compatto. Universale. Sicuro. 2 Comodo e potente L automatismo conferisce maggiore comfort alla classica porta manuale. Il flusso di persone aumenta. L apertura

Dettagli

Verifica ed analisi dei rischi per cancelli scorrevoli

Verifica ed analisi dei rischi per cancelli scorrevoli Verifica ed analisi dei rischi per cancelli scorrevoli Rev 3.00 In conformità alla Direttiva Macchine 98/37/CE e alle parti applicabili delle norme EN 13241-1; EN 12453; EN 12445; EN 12635. 01/09/2007

Dettagli

ASCENSORI E MONTACARICHI

ASCENSORI E MONTACARICHI ASCENSORI E MONTACARICHI Sistema di alimentazione: TT, TN Norme di riferimento: o Norma CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500

Dettagli

Domanda di collaudo di impianto distributore di carburanti. D.Lgs. 11.2.1998 nr. 32, art. 1, comma 5 e L.R. nr. 33/88, art. 17.

Domanda di collaudo di impianto distributore di carburanti. D.Lgs. 11.2.1998 nr. 32, art. 1, comma 5 e L.R. nr. 33/88, art. 17. Cod. modello 3.1.2.03 domanda collaudo.doc Da presentare in unica copia in bollo Prima di consegnare il presente modulo, munirsi di una fotocopia da far timbrare per ricevuta dall ufficio comunale competente

Dettagli

Cancelli motorizzati (Scheda) CANCELLI MOTORIZZATI. Ultimo aggiornamento: 1 apr. 2007. Sistema di alimentazione: TT. Norme di riferimento:

Cancelli motorizzati (Scheda) CANCELLI MOTORIZZATI. Ultimo aggiornamento: 1 apr. 2007. Sistema di alimentazione: TT. Norme di riferimento: CANCELLI MOTORIZZATI Sistema di alimentazione: TT Norme di riferimento: o Norma UNI EN 12427 Porte e cancelli industriali, commerciali e da garage - Permeabilità all'aria - Metodo di prova ; o Norma UNI

Dettagli

04J-2 SK04J-2 SK04J-2. POTENZA NETTA SAE J1349 15,5 kw - 20,8 HP P ALA COMPATTA. PESO OPERATIVO 1.550 kg. CARICO OPERATIVO 390 kg

04J-2 SK04J-2 SK04J-2. POTENZA NETTA SAE J1349 15,5 kw - 20,8 HP P ALA COMPATTA. PESO OPERATIVO 1.550 kg. CARICO OPERATIVO 390 kg SK 04J-2 P ALA COMPATTA POTENZA NETTA SAE J1349 15,5 kw - 20,8 HP PESO OPERATIVO 1.550 kg CARICO OPERATIVO 390 kg P ALA C O M PAT TA PRESTAZIONI IN SICUREZZA Manutenzione La manutenzione ed i controlli

Dettagli

JCB MINI ESCAVATORI 8040 & 8045 ZTS

JCB MINI ESCAVATORI 8040 & 8045 ZTS PESO OPERATIVO: POTENZA MASSIMA: 4300 4750 kg 34,1 kw H E I F K C J A B D G L JCB MINI ESCAVATORI 8040 & 8045 ZTS A Interasse ruote 1845 1990 B Lunghezza totale carro 2385 2530 C Luce libera supporto escavatore

Dettagli

Normativa UNI 11292 Locali destinati ad ospitare unità di pompaggio per impianti antincendio. Caratteristiche costruttive e funzionali

Normativa UNI 11292 Locali destinati ad ospitare unità di pompaggio per impianti antincendio. Caratteristiche costruttive e funzionali Normativa UNI 11292 Locali destinati ad ospitare unità di pompaggio per impianti antincendio. Caratteristiche costruttive e funzionali Definizione di norma tecnica Le norme sono documenti prodotti mediante

Dettagli

LIBER PORTONE A LIBRO SENZA GUIDA INFERIORE

LIBER PORTONE A LIBRO SENZA GUIDA INFERIORE LIBER PORTONE A LIBRO SENZA GUIDA INFERIORE a libro scorrevoli Porte a battente a impacco verticale sezionali Porte ad impacco rapido Porte ad avvolgimento rapido Chiusure tagliafuoco Logistica IL COSTRUTTORE

Dettagli

SNC. Via A Manzoni n 3 25028 Verolanuova Bs Tel./Fax030.9921130 E-mail info@tas-equitech.com. Manuale Utente. Impianto di alimentazione caldaie

SNC. Via A Manzoni n 3 25028 Verolanuova Bs Tel./Fax030.9921130 E-mail info@tas-equitech.com. Manuale Utente. Impianto di alimentazione caldaie SNC Via A Manzoni n 3 25028 Verolanuova Bs Tel./Fax030.9921130 E-mail info@tas-equitech.com Manuale Utente Impianto di alimentazione caldaie Comm. 7073 Matr. 7073 Anno 2010 1 MANUALE DI UTILIZZO E MANUTENZIONE

Dettagli

TECNICA. Nuovo. Usato

TECNICA. Nuovo. Usato di Renato Delmastro, Danilo Rabino e Marco Delmastro li spandiconcime sono attrezzature usate G in agricoltura per distribuire sul terreno concime sotto forma solida, liquida o gassosa. In questa sede

Dettagli

Centri di lavorazione meccanica. Il centro di lavoro Gli elementi secondari Gli utensili Il mandrino. Il centro di lavoro

Centri di lavorazione meccanica. Il centro di lavoro Gli elementi secondari Gli utensili Il mandrino. Il centro di lavoro Centri di lavorazione meccanica Il centro di lavoro Gli elementi secondari Gli utensili Il mandrino Il centro di lavoro Il centro di lavoro Il centro di lavoro è una macchina utensile dotata di controllo

Dettagli

VOLUMEDIA. Via Roma, 21 20090 SEGRATE (Milano) Italy

VOLUMEDIA. Via Roma, 21 20090 SEGRATE (Milano) Italy VOLUMEDIA By Via Roma, 21 20090 SEGRATE (Milano) Italy CARATTERISTICHE GENERALI I sistemi tradizionali di magazzinaggio ed archiviazione con scaffalature statiche, per consentire l accesso ai materiali

Dettagli

GETINGE AGS (AIR GLIDE SYSTEM) PER UN EFFICACE AUTOMAZIONE DI DIVERSI TERMODISINFETTORI. Always with you

GETINGE AGS (AIR GLIDE SYSTEM) PER UN EFFICACE AUTOMAZIONE DI DIVERSI TERMODISINFETTORI. Always with you GETINGE AGS (AIR GLIDE SYSTEM) PER UN EFFICACE AUTOMAZIONE DI DIVERSI TERMODISINFETTORI Always with you MASSIMO VOLUME DI PRODUZIONE - MINIMO SFORZO I grandi ospedali che richiedono l impiego di diversi

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. 2774 del 22/09/09 pag. 1/10

ALLEGATO A Dgr n. 2774 del 22/09/09 pag. 1/10 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 2774 del 22/09/09 pag. 1/10 ISTRUZIONI TECNICHE RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E

Dettagli

ALLEGATO B Dgr n. 97 del 31.01.2012 pag. 1/7

ALLEGATO B Dgr n. 97 del 31.01.2012 pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO B Dgr n. 97 del 31.01.2012 pag. 1/7 ISTRUZIONI TECNICHE RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L

Dettagli

Trasportatori meccanici fissi

Trasportatori meccanici fissi Trasporti interni Trasportatori meccanici fissi Trasportatori meccanici fissi Trasportatori a rulli e a catene trasportatori a rulli trasportatori a catene Trasportatori a nastro Trasportatori a piastre

Dettagli

Il centro di lavoro. Centri di lavorazione meccanica. Il centro di lavoro. Macchina utensile

Il centro di lavoro. Centri di lavorazione meccanica. Il centro di lavoro. Macchina utensile Centri di lavorazione meccanica Il centro di lavoro Gli elementi secondari Gli utensili Il mandrino Il centro di lavoro Il centro di lavoro è una macchina utensile dotata di controllo numerico in grado

Dettagli

«Gli apparecchi di sollevamento utilizzati in cantiere»

«Gli apparecchi di sollevamento utilizzati in cantiere» 1 Settore Ricerca, Certificazione e Verifica «Gli apparecchi di sollevamento utilizzati in cantiere» L Aquila 06 Febbraio 2015 Ing. Raffaele Iovene Ing. Roberta Vasile 2 PRINCIPALI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO

Dettagli

CAPITOLO 18 I SISTEMI DELL AUTOGIRO

CAPITOLO 18 I SISTEMI DELL AUTOGIRO CAPITOLO 18 I SISTEMI DELL AUTOGIRO Di autogiri ne esistono di tutti i tipi e la gamma spazia dalle costruzioni amatoriali ai velivoli certificati. Parimenti è altrettanto vasta la gamma dei sistemi impiegati

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Direzione Generale Territoriale Centro Ufficio Motorizzazione Civile di Roma

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Direzione Generale Territoriale Centro Ufficio Motorizzazione Civile di Roma Oggetto: Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Direzione Generale Territoriale Centro Ufficio Motorizzazione Civile di Roma Sede Motorizzazione Civile di Roma Nord Sede M.C.T.C. Roma Nord - Via

Dettagli

Amministrazione Provinciale di Catanzaro Piazza Rossi,1-88100 Catanzaro

Amministrazione Provinciale di Catanzaro Piazza Rossi,1-88100 Catanzaro Amministrazione Provinciale di Catanzaro Piazza Rossi,1-88100 Catanzaro PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE ISTITUTO SCOLASTICO OGGETTO D INTERVENTO LICEO SCIENTIFICO L. SICILIANI - CATANZARO CODICE MECCANOGRAFICO:

Dettagli

L intervento ricade all interno della cinta portuale del porto di Gioia Tauro. L area oggetto

L intervento ricade all interno della cinta portuale del porto di Gioia Tauro. L area oggetto RELAZIONE TECNICA L intervento ricade all interno della cinta portuale del porto di Gioia Tauro. L area oggetto dell intervento è individuata come Area Franca ed istituita dalla Regione Calabria con legge

Dettagli