FIPAV Comitato Regionale Campania

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FIPAV Comitato Regionale Campania"

Transcript

1 FIPAV Comitato Regionale Campania Stagione Agonistica Norme Campionati Regionali i

2 NORME GENERALI PER I CAMPIONATI REGIONALI Si informa che è attiva la piattaforma web che interessa le Società che partecipano ai Campionati Regionali. Pertanto le attività relative alle iscrizioni ai campionati, alla gestione delle notizie utili, agli spostamenti gara e al servizio risultati dovranno essere effettuate direttamente via internet tramite questo strumento. SEDE CR FIPAV CAMPANIA il CR FIPAV Campania ha sede presso il Centro Federale FIPAV Caravita sito in Via Matilde Serao Cercola (NA) ALBO VIRTUALE Tutti i provvedimenti disciplinari saranno riportati nel Comunicato Ufficiale che sarà pubblicato ogni mercoledì dopo le ore sul sito web e tramite l Affissione all Albo presso la sede del Comitato Regionale. Inoltre, il Comunicato Ufficiale sarà inviato a tutte le Società tramite posta elettronica sulla casella segnalata nella sezione SOCIETA campo INDIRIZZO (usato per comunicazioni interne) della piattaforma web Non sarà più utilizzato il servizio postale o il fax. Solo ed esclusivamente per la comunicazione di particolari provvedimenti adottati dal G.U.R. Campania, come squalifiche sospensioni ripetizioni gare, sarà usato anche il canale della trasmissione a mezzo SMS alle società interessate. SI RICORDA CHE L UNICA NOTIFICA UFFICIALE, COME PIU VOLTE RIBADITO DAL CONSIGLIO FEDERALE, E L AFFISSIONE ALL ALBO E PERTANTO E FATTO OBBLIGO ALLE SOCIETA PRENDERNE VISIONE. VERSAMENTI

3 VERSAMENTI I versamenti, effettuati a qualsiasi titolo, a favore del Comitato Regionale FIPAV Campania devono essere effettuati unicamente a mezzo conto corrente postale sul ccp intestato a FIPAV Comitato Regionale Campania Casella Postale 502 Uff. Postale NA Napoli oppure tramite bonifico bancario al seguente IBAN : IT17F E fatto obbligo alle Società di compilare i bollettini postali anche nella parte della causale specificando il codice della Società ed il motivo del versamento. Si raccomanda inoltre la massima attenzione nell utilizzo dei bollettini di conto corrente postale, onde evitare che versamenti del Comitato Regionale possano essere inviati alla FIPAV Roma o al Comitato Provinciale. In caso di errore si dovrà comunque provvedere al versamento dovuto, senza attendere il rimborso da parte della struttura federale a cui erroneamente è stato fatto il versamento, pena l esclusione dal campionato. Si invitano le Società ad inoltrare SEMPRE via fax le copie dei versamenti effettuati. IMPORTANTE LA CORRISPONDENZA ALL INDIRIZZO DI CASELLA POSTALE DEL COMITATO VA INOLTRATA A MEZZO POSTA PRIORITARIA. SI INVITA PERTANTO A NON SPEDIRE RACCOMANDATE CON RICEVUTA DI RITORNO PERCHE RISCHIANO DI ESSERE RISPEDITE AL MITTENTE PER COMPIUTA GIACENZA. ISCRIZIONI La domanda di iscrizione ai campionati regionali è da formulare tramite la piattaforma web avendo cura di inoltrare il modulo di iscrizione cartaceo prodotto dalla procedura di iscrizione debitamente firmato e timbrato, entro 2 giorni tramite fax al CR FIPAV Campania A pena di inammissibilità, oltre al predetto modulo, dovrà essere allegata l attestazione di versamento di rinnovo dell affiliazione per la stagione in corso, le ricevute di versamento o bonifico delle quote che di seguito si riportano e che non saranno in nessun caso restituite in caso di rinuncia anche prima della formulazione degli organici e della stesura dei calendari, (la rinuncia effettuata dopo la stesura del calendario definitivo sarà sanzionata anche con l applicazione della multa per ritiro dal Campionato) La Segreteria della COGR, verificata la documentazione inviata notificherà via la conferma o il rifiuto motivato dell'iscrizione al Campionato. In mancanza di questa notifica la Società dovrà ritenersi comunque non iscritta al Campionato. Ai sensi delle disposizioni vigenti del Regolamento Gare, entro cinque giorni dalla data su indicata potranno essere prese in considerazione istanze pervenute in ritardo previa maggiorazione del 50% della tassa di iscrizione; anche per tale evenienza l iscrizione dovrà essere fatta sempre tramite la piattaforma web Oltre i cinque giorni il portale non permetterà più alcuna iscrizione. Non saranno prese in considerazione iscrizioni mancanti delle attestazioni di versamento o non debitamente compilate in ogni loro parte, né quelle avanzate da Società Sportive aventi con la FIPAV ed in particolare con il Comitato Regionale Campania pendenze economiche. Queste, così come innanzi evidenziato, dovranno essere saldate prima dell'iscrizione.

4 Le Società che hanno pendenze nei conforti del Comitato Regionale e dei Comitati Provinciali non potranno procedere all iscrizione ai campionati in quanto il portale automaticamente ne bloccherà l inserimento; pertanto, è opportuno provvedere al pagamento delle predette somme. Al fine di sbloccare il portale, si deve inviare l attestazione di versamento a mezzo fax alla COGR. ORARIO DI GIOCOSPOSTAMENTI DI DATA - ORARIO - CAMPO DI GIOCO SPOSTAMENTI DI DATA ORARIO CAMPO DI GIOCO Il contributo per spostamento di data, orari e campi è dovuto nella misura di 50,00 per ciascuna richiesta e relativa autorizzazione di spostamento, anche cumulativa. La COGR. si riserva di concederli solo per i casi assolutamente eccezionali o per cause di forza maggiore. Per la regolarità del campionato, per eventuali ed improvvise indisponibilità del campo di gara ufficiale, la COGR potrà disporre la disputa della gara sui campi federali del Palavesuvio o del Centro Federale Caravita. Le richieste, da formulare esclusivamente tramite la piattaforma web (le istruzioni per richiedere le variazioni tramite il portale sono riportate nel manuale disponibile), devono essere documentate e presentate nei termini previsti dal Reg. Gare; per documentazione si deve intendere non la generica indicazione di indisponibilità del campo o altre motivazioni, ma una probante certificazione da parte del gestore e/o proprietario dell impianto dei motivi determinanti la richiesta di spostamento. Al fine di garantire la regolarità del Campionato, la COGR, dalla presente stagione agonistica, è autorizzata ad effettuare periodici controlli per verificare l effettiva necessità dello spostamento concesso; nei confronti dei responsabili di false dichiarazioni sarà avviato il relativo procedimento disciplinare. I recuperi di gare non disputate per eventi straordinari non prevedibili, dovranno obbligatoriamente essere disputati il Martedì, Mercoledì o Giovedì della settimana successiva alla data fissata in calendario con orario d'inizio fra le e le 21.00; le richieste di spostamento avanzate dalle Società ed i recuperi conseguenti ad eventi programmabili (elezioni etc..) saranno invece effettuati nella settimana antecedente. Per le Società che sul modulo d'iscrizione non indicheranno il giorno di recupero per eventuali gare non disputate, provvederà la COGR a stabilire d'ufficio il giorno di recupero a propria discrezione; la Società ospitante dovrà, comunque, reperire per tale giorno un campo di gioco con le eventuali conseguenze disciplinari che potrebbero derivare in caso di mancata disputa dell'incontro; in alternativa si potrà disputare il recupero sul campo della squadra ospitata. Si ricorda che non é sufficiente l'accordo tra le Società per rendere esecutivo uno spostamento. La COGR potrà, infatti, non concederlo ove ne ravvisasse gli estremi oppure lo ritenesse dannoso al regolare svolgimento del campionato. Non è necessario l assenso dell altra società in caso di solo spostamento del campo di gioco purché orario e giorno siano invariati. Si precisa che il termine relativo ai 5 giorni precedenti la data di effettuazione della gara si riferisce non alla data di spedizione ma a quella di ricevimento da parte della COGR. Al fine di agevolare il lavoro di tutti, è assolutamente necessario non tenere in sospeso sulla piattaforma web le richieste per più di 3 giorni. Per il buon funzionamento del sistema è fondamentale, qualora una Società non sia d accordo sullo spostamento richiesto, NON ACCETTARE clikkando sul relativo pulsante in modo da non lasciare in sospeso la richiesta. La COGR non prenderà in considerazione richieste prive della regolare documentazione, del previsto contributo di. 50,00 da versare al Comitato Regionale e dell'accordo dell'altra Società interessata alla variazione. Non saranno accettate richieste per via telefonica né tantomeno per fax. In mancanza di comunicazione tramite da parte della COGR, la variazione é da intendersi non concessa. Si rammenta che le norme federali prevedono la possibilità di disputare gli incontri su un campo diverso da quello indicato in calendario o anche in altro Comune, purché siano rispettate le disposizioni del Reg. Gare. La Commissione potrà apportare variazioni d ufficio al calendario in presenza di particolari esigenze connesse alla programmazione dell attività regionale anche in deroga al limite temporale previsto per variazioni; si ricorda che nessun rimborso a qualsiasi titolo è dovuto dalla FIPAV in conseguenza di

5 variazioni al calendario. Dopo l eventuale invio di calendari provvisori potranno essere concessi spostamenti di orario e data privi di assenso delle altre società. Gli spostamenti di orario e data cumulativi richiesti dopo l approvazione e l invio dei calendari definitivi e comunque nella settimana che precede l inizio del Campionato necessitano dell assenso delle altre società. AZIONI ECCEZIONALIRECUPERI O RIPETIZIONI DELLE GARE CAMPO DI GARA 1. Tutte le partite devono essere disputate in impianti regolarmente omologati dalla FIPAV. 2. Tutte le gare dei campionati regionali devono essere disputate in impianti al coperto. Nessuna deroga per i campionati regionali è prevista in merito alle misure dei campi di gioco. 3. I campi di gara devono essere omologati, per la stagione 2012/ Per omologare l'impianto di gara la società deve versare il relativo diritto di segreteria all'organo omologante, che rilascia il verbale di omologa previo accertamento. La società è tenuta ad esibirlo all'arbitro prima di ogni gara. 5. In caso più squadre della stessa società utilizzino lo stesso impianto, l'omologa viene effettuata dal Comitato competente all'organizzazione del campionato di serie maggiore. 6. Nel caso di impianti utilizzati da più società, ognuna di queste deve versare il previsto diritto di segreteria per l'omologazione del campo. 7. La Commissione Verifica Omologa Campi Regionali visiterà gli ulteriori impianti sportivi per le opportune verifiche. 8. Le gare per le fasi PLAY OFF dovranno essere disputate obbligatoriamente in impianti omologati per i campionati nazionali. OBBLIGO DI PARTECIPAZIONE AI CAMPIONATI DI CATEGORIA OBBLIGO DI PARTECIPAZIONE AI CAMPIONATI GIOVANILI SERIE C e D Il Consiglio Regionale della FIPAV Campania, con il parere della Consulta Regionale, ha deliberato l obbligatorietà di partecipazione delle società di serie regionale ad almeno 2 campionati di categoria dello stesso settore per cui la società è iscritta. In caso di mancata partecipazione comporteranno per la società di serie C e D la multa di 500,00 per ciascun campionato giovanile non disputato. Per le società che disputano più campionati di diverse serie nell'ambito di uno stesso settore, l'obbligatorietà di partecipazione ai campionati di categoria viene assolta in base a quanto previsto per il campionato maggiore a cui partecipano. Il Consiglio Federale, rilevata la peculiarità e la specificità dell'attività svolta, ha deliberato di esonerare dall'obbligo di partecipazione a detti campionati, i CUS e i Gruppi Sportivi delle Forze Armate affiliati alla FIPAV. MODALITA' DI RISCOSSIONE DELLE MULTE SQUALIFICHE Nel caso di un tesserato che svolga con la stessa squadra di campionato le funzioni di atleta e di allenatore, le sanzioni disciplinari verranno applicate indipendentemente dalla funzione svolta; pertanto nel caso di una squalifica, questa comporterà l'inibizione a svolgere sia la funzione di atleta che quella di allenatore per quella squadra e per quel campionato. SI RICORDA CHE LE SOCIETA' DEVONO ATTENDERE CHE IL PROVVEDIMENTO VENGA AFFISSO ALL'ALBO TRAMITE COMUNICATO UFFICIALE. Le squalifiche comminate devono essere scontate nello stesso campionato per cui è stata sanzionata; ovviamente fra gare di diversi campionati non c'è sommatoria di richiami, ammonizioni o diffide. Se a fine stagione restano pendenti delle giornate di squalifica, si segue questa procedura: - se il tesserato nella stagione successiva resta tesserato con la stessa società, dovrà scontare la squalifica nello stesso Campionato della stagione precedente (o in quello superiore in caso di promozione o acquisizione del titolo e in quello inferiore in caso di retrocessione o acquisizione del titolo); - se il tesserato nella stagione successiva si trasferisce ad altra società, dovrà scontare la squalifica

6 nel campionato che disputa. SOSPENSIONE DIRIGENTE DI SOCIETA SOSPENSIONE DIRIGENTE DI SOCIETA La sospensione di un proprio dirigente da ogni attività federale comporta un ammenda di 50,00 per ogni dirigente sospeso. PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI A CARICO DEL CAPITANO PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI A CARICO DEL CAPITANO Le sanzioni disciplinari a carico del Capitano vengono maggiorate di 1 penalità. RITARDO INIZIO GARA RITARDATO INIZIO DI GARA Per i Sodalizi che ritarderanno l inizio della gara, verrà sanzionata una multa di 2,00 per ogni minuto di ritardo. OBBLIGATORIETA' DELLA PRESENZA DELL'ALLENATORE IN DIRIGENTE ADDETTO ALL ARBITRO Il Dirigente addetto all arbitro è obbligatorio nei campionati regionali, inoltre lo stesso deve essere abilitato dal CR FIPAV Campania. I dirigenti privi di abilitazione dovranno ottenere la stessa partecipando ad uno stage gratuito, della durata di mezza giornata, che sarà indetto prima dell inizio dei campionati. L abilitazione sarà valida per la stagione corrente e per le due successive, anche in caso di cambio di società. L obbligo non vige nei confronti dei 6 dirigenti obbligatori del Consiglio Direttivo delle società La mancanza dello stesso comporta un ammenda pari a 50,00. DIRIGENTE ACCOMPAGNATORE Per poter sedere in panchina nei campionati di serie C e D, il dirigente accompagnatore deve essere abilitato dal CR FIPAV Campania. I dirigenti privi di abilitazione dovranno ottenere la stessa partecipando ad uno stage gratuito, della durata di mezza giornata, che sarà indetto prima dell inizio dei campionati. L abilitazione sarà valida per la stagione corrente e per le due successive, anche in caso di cambio di società. L obbligo di partecipazione allo stage non vige nei confronti dei 6 dirigenti obbligatori del Consiglio Direttivo delle società. I dirigenti abilitati dovranno mostrare all arbitro apposita tessera regionale pena la non possibilità di svolgere funzione di dirigente accompagnatore o addetto all arbitro.e IN SERIE C ATLETI GIOVANI SECONDO LIBERO E consentito l utilizzo del Secondo LIBERO nei Campionati Regionali e Coppa Campania con il seguente limite d età : nati/e negli anni 1994 e successivi. Pertanto, ogni squadra potrà iscrivere a referto : 12 atleti/e senza alcun Libero; 11 atleti/e ed un Libero; 11 atleti/e e due Libero di cui uno /a secondo i limiti d età su riportati. Ovviamente durante la gara potrà entrare in campo un solo Libero. SERVIZIO RISULTATI E attivo il Servizio Risultati, con la procedura automatizzata; il servizio fornirà notizie su risultati e classifiche dei Campionati Regionali di serie C e D tramite il servizio web l invio per posta elettronica e, limitatamente ai soli risultati, via SMS, come di seguito dettagliatamente descritto: SERVIZIO WEB Gli ufficiali di gara, al termine di ogni partita, tramite un particolare servizio SMS, invieranno i risultati ad un portale che automaticamente

7 aggiornerà le pagine presenti sul sito web. Dall invio dell SMS da parte dell arbitro trascorreranno all incirca 20/30 secondi ed il risultato sarà presente sul sito che automaticamente aggiornerà la classifica. Per accedere a questo servizio basterà connettersi al sito INVIO PER POSTA ELETTRONICA - Le Società partecipanti ai Campionati Regionali riceveranno tutte le Classifiche e i Risultati direttamente sulla casella di posta elettronica segnalate nella sezione SOCIETA campo INDIRIZZO (usato per comunicazioni interne) del Portale. INVIO SMS Appena sarà comunicato l ultimo risultato del proprio Campionato e Girone, le Società riceveranno i risultati del proprio Campionato e Girone via SMS al numero segnalato nella sezione SOCIETA campo NUMERO CELLULARE (usato per comunicazioni interne) del Portale. INFORMATIVA EX ART. 13 D.LGS. N 196 DEL 30/06/2003 Ai sensi dell articolo 13 del D.Lgs. n 196 del 30/03/2003, si informa che: I dati personali forniti in relazione alle procedure di affiliazione, tesseramento e/o iscrizione ai campionati formeranno oggetto di trattamento nel rispetto della normativa succitata. Tali dati verranno trattati per finalità strettamente connesse all attività sportiva della pallavolo ed in modo da garantire la sicurezza anche attraverso strumenti autorizzati. Il conferimento di tali dati è indispensabile per la realizzazione dell attività sportiva cui si riferiscono e per gli obblighi correlati. Pertanto, un eventuale rifiuto a fornire tutti dati richiesti, comporterebbe l impossibilità di omologare l iscrizione ai campionati. Ferme restando le comunicazioni e diffusioni effettuate in esecuzioni di obblighi di legge e di contratto, i dati personali potranno essere comunicati in Italia ed all estero ai soli fini della realizzazione di attività, iniziative e manifestazioni connesse con i fini istituzionali della Federazione ed altri soggetti pubblici o privati e organismi associativi. I dati verranno trattati per tutta la durata del rapporto di iscrizione ai campionati ed anche successivamente per le finalità istituzionali della FIPAV. Relativamente ai dati medesimi l interessato può esercitare i diritti previsti all articolo 7 del Decreto Legislativo n 196/03 succitato. Titolare del trattamento dei dati personali è la Federazione Italiana Pallavolo Comitato Regionale CAMPANIA. PASSAGGI DIRITTI SPORTIVI SERIE C-D SCADENZA E possibile la cessione dei diritti dei campionati di serie C e D maschile e femminile tra società all interno della stessa Regione. Alla richiesta deve essere allegata la seguente documentazione : Attestazione avvenuta affiliazione 2012/2013 dei due associati Delibera da parte di entrambi gli associati interessati rispettivamente di consenso alla cessione e alla acquisizione del diritto La società che acquisisce deve allegare la ricevuta di versamento di 1.000,00 per il titolo di serie C o di 500,00 per il titolo di serie D da versare al Comitato Regionale Tutta la documentazione dovrà essere presentata entro il 26 AGOSTO 2012 al Comitato Regionale che, integrandola con il proprio parere motivato obbligatorio, provvederà ad inviarla all Ufficio Tesseramento FIPAV. ULTIME GIORNATE DI GARA REGULAR SEASON Le gare delle ultime 2 giornate di gara dei campionati regionali di serie C e D dovranno essere disputate con inizio alle ore La COGR si riserva di autorizzare solo anticipi di gare non influenti ai fini della classifica.

8 PROGETTO GIOVANI DIRITTI SPORTIVI Le società che già possiedono il titolo di serie Regionale e che saranno incluse nel girone/i giovani non perderanno i diritti acquisiti in caso di diversa volontà l anno successivo a partecipare al Progetto. Per le società, che non hanno titolo di serie regionale che saranno incluse nel girone/i giovani I DIRITTI PROGETTO GIOVANI non entrano nella loro disponibilità, ma restano sotto il controllo del CR Campania. Infatti per incentivare e qualificare l attività giovanile non potranno essere né ceduti né acquisiti, ma in caso di rinuncia alla partecipazione l anno successivo la società ritornerà nei campionati di pertinenza senza nulla a pretendere. REQUISITI PER L OMOLOGA DEL CAMPO DI GIOCO Allo scopo di consentire alle Società una corretta programmazione agonistica per la stagione sportiva 2012/2013, si riportano di seguito i requisiti per lo svolgimento delle attività di livello Regionale e Provinciale. MISURE AMMESSE PER LA STAGIONE SPORTIVA Serie e Categoria Campionati Serie C e D Campionati 1 e 2 Div Campionati di Categoria Campionati Under 13 Zona di rispetto laterale e di fondo campo Tolleranza Misura minima Metri 3,00 5 % Metri 2,85 Metri 7,00 Metri 1,50 Metri 6,00 Metri 1,50 Metri 5,00 Metri 1,50 Metri 4,80 CARATTERISTICHE DELL AREA DI GIOCO Altezza Tolleranza Misura minima 4 % Metri 6,72 Linee di demarcazione del campo e loro misure: le linee di demarcazione del campo, fatta eccezione per quella centrale, debbono essere dello stesso colore, ben visibili e realizzate con tinte in contrasto con la colorazione della pavimentazione. ( Larghezza linea 5 cm ) Si ricorda che le linee di attacco vanno prolungate oltre le linee laterali con cinque tratti di 15 cm distanti 20 cm uno dall altro, per un totale di 1,75 metri. OBBLIGATORIA PER I CAMPIONATI REGIONALI LA LINEA PER L ALLENATORE. Superficie di gioco e pavimentazione: La superficie deve essere piana, orizzontale ed uniforme. La superficie non deve presentare alcun pericolo per gli atleti/e per cui i campi che hanno la pavimentazione con materiale vinilico, gomma, ecc. non dovranno presentare sporgenze in prossimità delle giunzioni. Misure minime delle aree libere: L area libera laterale e di fondo campo deve essere simmetrica e delimitata, se non lo è già naturalmente, con transenne e/o pannelli pubblicitari. Nell area libera è compresa la zona di servizio che non può estendersi oltre il limite prefissato. La zona libera non deve presentare ostacoli che non siano le attrezzature di gioco e l eventuale impianto fisso di Basket. L intera area libera, misurata a partire dall esterno delle linee del perimetro di gioco fino al primo punto di salto del piano di gioco e/o ostacolo fisso, non può essere occupata da spettatori. L area libera può accogliere esclusivamente:

9 o Il seggiolone arbitrale; o Il tavolo del segnapunti; o Le panchine; o Il tabellone segnapunti. Lo spazio libero in altezza, misurato dal pavimento al primo ostacolo riscontrato, si estende per l intera area di gioco ivi compresa le aree libere laterali e di fondo campo. L area libera in altezza può accogliere esclusivamente: o l impianto di Basket fisso; o il tabellone segnapunti a parete; o gli elementi di riscaldamento a parete ( termoconvettori ); o gli elementi sporgenti dell illuminazione a parete. Pali di sostegno della rete: i pali che sostengono la rete debbono essere arrotondati e lisci, avere una altezza regolabile ed essere resistenti agli strappi. I pali non dovranno portare ulteriori elementi di fissaggio che non siano quelli al suolo; sono vietati tiranti a terra ed alla sommità dei pali e non sono permesse né piattaforme al suolo né parti sporgenti. I pali debbono essere fissati al suolo ad una distanza di 0,50 mt. (circa) da ciascuna linea laterale. Illuminazione: l impianto di illuminazione artificiale dell area di gioco deve assicurare una sufficiente visibilità su tutta l area e deve essere realizzato in modo da evitare fenomeni di abbagliamento per gli atleti/e; l intensità luminosa ad un metro dal suolo non deve essere inferiore a 500 lux. I locali adibiti a spogliatoi e servizi igienici devono essere sufficientemente illuminati con luce naturale e/o artificiale in modo da assicurare una sufficiente visibilità. Spogliatoi: i locali appositamente destinati ad uso spogliatoio per gli atleti devono essere in numero di due, essi devono essere possibilmente vicini alla palestra di gioco, protetti dall introspezione, aerati, illuminati e sufficientemente riscaldati. Annessi agli spogliatoi o nelle immediate vicinanze dovranno trovarsi i locali igienici con almeno un WC ed un lavabo. E consentito l uso di aule scolastiche, debitamente attrezzate, in sostituzione di appositi locali spogliatoi. In presenza di un solo locale ad uso spogliatoio, la squadra ospitante provvederà con soluzioni alternative alla propria sistemazione riservando l unico locale alla squadra ospite. Apposito locale ad uso spogliatoio dovrà essere riservato all arbitro. Tutti i locali spogliatoi e servizi dovranno risultare inaccessibili da parte del pubblico. Le installazioni, gli arredi, i locali spogliatoi ed i servizi igienici devono essere mantenuti sempre in stato di scrupolosa pulizia ed efficienza. Seggiolone Arbitro: il seggiolone del 1 arbitro deve essere rigido, stabile, di limitato ingombro, trasportabile, privo di sporgenze o spigoli pericolosi per gli atleti ed opportunamente protetto con materiale antiurto. Il seggiolone deve essere realizzato in modo da consentire ad ogni arbitro, seduto o in piedi, di seguire agevolmente il gioco con un punto di vista a circa 0,50 mt. al di sopra dl filo superiore della rete. Il seggiolone dove essere dotato di scaletta di accesso e di eventuale parapetto. Tavolo Segnapunti: il tavolo del segnapunti deve essere di dimensioni tali da consentire l agevole espletamento delle funzioni riservate al segnapunti. Il tavolo non deve presentare sporgenze pericolose per gli atleti/e e se necessario rivestito con materiale antiurto. Panchine: le panchine, in alternativa sedie fissate una all altra, devono contenere dieci posti a sedere; in ogni caso non inferiori a mt. 3,00. Le panchine vanno poste lateralmente al tavolo del segnapunti a partire dall altezza del prolungamento della linea di attacco verso la linea di fondo campo. Le panchine debbono essere in buono stato di conservazione e prive di sporgenze

10 pericolose. Presidi di sicurezza: tutte le parti che compongono le attrezzature di gioco, in modo particolare vanno realizzate apposite imbottiture ai pali che sorreggono la rete ed al seggiolone arbitrale. CAMPIONATI DI CATEGORIA SETTORE MASCHILE CATEGORIA LIMITI DI ETÀ ALT.RETE Utilizzo LIBERO Utilizzo 2 LIBERO UNDER SI SI UNDER SI SI UNDER NO NO UNDER NO NO UNDER 13 6vs NO NO UNDER 13 3vs NO NO SETTORE FEMMINILE CATEGORIA LIMITI DI ETÀ ALT.RETE Utilizzo LIBERO Utilizzo 2 LIBERO UNDER SI SI UNDER SI SI UNDER NO NO UNDER NO NO PERIODO DI SVOLGIMENTO CAMPIONATI DI CATEGORIA 2012/2013 MASCHILI FASE UNDER19 UNDER17 UNDER 15 UNDER 14 UNDER 13 6vs6 UNDER 13 3vs3 PROVINCIALE 27/2/ /04/ /04/ /05/ /05/ /05/2013 REGIONALE 10/3/2013 5/5/ /4/ /5/ /5/ /5/2013 INTERREGIONALE 18/5 19/5 11/5 12/5 NAZIONALE 23/3 1/4 6/6 9/6 30/5 2/6 23/5 26/5 Giugno 2013 FEMMINILI FASE UNDER18 UNDER16 UNDER 14 UNDER 13 PROVINCIALE 24/04/ /04/ /05/ /05/2013 REGIONALE 5/5/ /4/ /5/ /5/2013 INTERREGIONALE 18/5 19/5 11/5 12/5 NAZIONALE 6/6 9/6 30/5 2/6 23/5 26/5 FASE REGIONALE CAMPIONATI DI CATEGORIA Il Consiglio Federale ha ribadito che le fasi provinciali e/o interprovinciali di tutti i campionati di categoria dovranno essere svolte con la partecipazione di almeno 5 squadre con una formula che preveda la disputa di almeno 8 gare per squadra, ad eccezione del Campionato Under 13 maschile. Quei Comitati Provinciali che avranno meno di 5 squadre iscritte dovranno essere accorpate ad altra provincia con la disputa di una fase interprovinciale, in base alle opportune verifiche effettuate dalla Consulta Regionale. Accedono alla Fase Regionale le 5 squadre vincenti delle fasi provinciali regolari. Per garantire l organizzazione dei 2 gironi a 3, sarà inoltre ammessa la seconda classificata della provincia avente la squadra campione regionale in carica. Nel caso di rinunce il posto vacante non sarà integrato da alcuna squadra. La formula di svolgimento sarà comunicata con apposita circolare.

11 DOCUMENTI RICONOSCIMENTO ATLETI MINORI Si comunica a tutte le Società della Campania che, in base alle nuove disposizioni introdotte daldecreto Legge 13 Maggio 2011 relative alle NOVITA SUL RILASCIO DELLA CARTA D IDENTITA PER MINORI, è stato soppresso il limite minimo di quindici anni per il rilascio del predetto documento. Pertanto, a partire dal 1 luglio 2012, in tutte le gare ufficiali dei campionati regionali e provinciali, di categoria e promozionali (Minivolley e Under 12), non sarà più consentito il riconoscimento degli Atleti/e mediante altro documento diverso dalla Carta d identità e quindi non saranno più ritenuti validi attestati d identità, certificati di nascita con autocertificazioni, fotocopie di documenti vari, ecc. Vista questa nuova disposizione di legge si invitano i Sigg. Presidenti delle Società Sportive della Campania a sollecitare i propri atleti/e a richiedere il rilascio della propria Carta d Identità. PER QUANTO NON CONTEMPLATO NELLA PRESENTE SI FA RIFERIMENTO ALLA GUIDA PRATICA 2012/2013

12 FIPAV Comitato Regionale Campania Stagione Agonistica Indizione Campionati Regionali ISCRIZIONI dal al

13 COPPA CAMPANIA SERIE D MASCHILE E FEMMINILE ISCRIZIONI Alla COPPA CAMPANIA parteciperanno FACOLTATIVAMENTE tutte le società che si iscriveranno al campionato regionale di serie D M/F. CONTRIBUTI Iscrizione 25,00 Contributo gestione attività : 25,00 Omologazione Campo 52,00 Contributo Gara 25,00 FORMULA E PERIODO DI SVOLGIMENTO Per le società maschile/femminile si prevede : 1^ Fase Qualificazione: Gironi al max 4 squadre con incontri di solo andata. Si qualificano 8 squadre. Accoppiamenti secondo criterio vicinanza. 2^ Fase Semifinali: 2 Gironi di 4 squadre con incontri di solo andata. Accoppiamenti secondo criterio vicinanza. 3^ Fase Finali: Le vincenti di ogni girone disputeranno la finale 1 e 2 posto. Gli arbitri saranno (almeno per le prime 3 fasi) designati fra quelli di ruolo regionale della Provincia in cui viene disputato l incontro. NORME PARTICOLARI Saranno applicate le norme valevoli per i campionati regionali. Esclusivamente nella sola prima fase di qualificazione le società possono schierare in campo atleti in prova regolarmente tesserati per la corrente stagione sportiva. Per usufruire di tale opzione la società dovrà mostrare al direttore di gara un Nulla Osta della società che presta in prova l atleta su cui sono riportati oltre i dati e tessera FIPAV dell atleta anche il sodalizio di partenza e quello di arrivo. Copia di tale Nulla Osta deve essere inoltrata a mezzo fax anche al CR Campania. Dalle seconda fase in poi le squadre possono schierare in campo soltanto i propri atleti tesserati per i campionati regionali e quelli partecipanti a campionati di serie inferiore sempre per lo stesso sodalizio.

14 CAMPIONATO SERIE C MASCHILE e FEMMINILE CONTRIBUTI Iscrizione: 260,00 Contributo gestione attività : 280,00 Omologazione Campo: 52,00 Contributo Gara: 90,00 FORMULA DI SVOLGIMENTO Il campionato di Serie C è articolato in gironi da massimo 14 squadre di cui uno o più riservati al progetto giovani; Le gare si svolgeranno con la formula del girone all italiana, con gare di andata e ritorno ed al meglio di 3 set su cinque. Sono previsti per ogni set, ad esclusione dell eventuale set di spareggio, 2 Tempi Tecnici di Riposo della durata di 60 secondi al raggiungimento del 8 e 16 punto; PROMOZIONI E RETROCESSIONI Al termine della Regular Season: Playoff Con apposita circolare verranno indicate le modalità per la promozione di n 2 squadre in serie B2 Nazionale ; le classificate dal 13 al 14 posto dei gironi tradizionali retrocedono in serie D PERIODO DI SVOLGIMENTO Inizio: ottobre 2012 Termine: giugno 2013 ( play off compresi ) GIORNI ED ORARI DI GIOCO Gli incontri si disputano esclusivamente nei seguenti fasce orarie: Sabato: dalle alle Domenica: dalle alle Domenica: dalle alle Gli orari che vedono le Società isolane come squadra ospite vengono fissate d ufficio alle ore 17.00*. Gli orari che vedono le Società non isolane come squadra ospite in gare sulle isole vengono fissate d ufficio alle ore 17.00*. *salvo diversi accordi tra i sodalizi interessati PROGETTO GIOVANI Nel quadro di una riequilibratura dei campionati regionali e provinciali e di una valorizzazione dei settori giovani con una ricaduta positiva sull attività dei Centri di Qualificazione Provinciale e Regionale e soprattutto sul movimento femminile in generale si intende costituire: 1 girone di serie CF giovane composta da atlete 1992 ed anni seguenti. composto dalle società aventi diritto alla serie CF

15 RI CAMPIONATO SERIE D MASCHILE e FEMINILE CONTRIBUTI Iscrizione: 130,00 Contributo gestione attività : 150,00 Omologazione Campo: 52,00 Contributo Gara: 75,00 FORMULA DI SVOLGIMENTO Il campionato di Serie D è articolato in gironi minimo da 10 fino ad un massimo di 14 squadre di cui uno o più riservati al progetto giovani; Le gare si svolgeranno con la formula del girone all italiana, con gare di andata e ritorno ed al meglio di 3 set su cinque. Sono previsti per ogni set, ad esclusione dell eventuale set di spareggio, 2 Tempi Tecnici di Riposo della durata di 60 secondi al raggiungimento del 8 e 16 punto; PROMOZIONI Al termine della Regular Season: Playoff Con apposita circolare verranno indicate le modalità per la promozione di n 4 squadre in serie C regionale ; le ultime 3 classificate dei gironi tradizionali retrocedono in 1 Divisione Provinciale 2013/2014. PERIODO DI SVOLGIMENTO Inizio: ottobre 2012 Termine: giugno 2013 ( play off compresi ) GIORNI ED ORARI DI GIOCO Gli incontri si disputano esclusivamente nei seguenti fasce orarie: Venerdì: dalle alle Sabato: dalle alle Domenica: dalle alle Domenica: dalle alle Lunedì: dalle alle Gli orari che vedono le Società isolane come squadra ospite vengono fissate d ufficio alle ore 17.00*. Gli orari che vedono le Società non isolane come squadra ospite in gare sulle isole vengono fissate d ufficio alle ore 17.00*. *salvo diversi accordi tra i sodalizi interessati PROGETTO GIOVANI Nel quadro di una riequilibratura dei campionati regionali e provinciali e di una valorizzazione dei settori giovani con una ricaduta positiva sull attività dei Centri di Qualificazione Provinciale e Regionale e soprattutto sul movimento femminile in generale si intende costituire: 1 girone di serie DF giovane composta da atlete 1995 ed anni seguenti. 1 girone di serie DM giovane composta da atleti 1993 ed anni seguenti.

16 CAMPIONATO UNDER 16 FEMMINILE D ECCELLENZA Cercando di adeguare l attività del nostro movimento a quella delle regioni che hanno numeri ed attività di gran lunga superiori si vara la prima sperimentazione di un campionato d Eccellenza. L obiettivo è quello di offrire qualità dell attività, accessibilità e partecipazione a tutti, dare dinamicità ed efficienza attraverso un percorso di differenziazione premiante che permetterà a tutte le società di avere come obiettivo un risultato da raggiungere. Al Campionato d Eccellenza, che quest anno per sperimentazione è soltanto Under 16, saranno invitate 12 squadre scelte da una rosa di società, indicate dai Comitati Provinciali, che dovranno garantire il possesso uno o più dei seguenti requisiti: - Partecipazione ad un Campionato di Serie Nazionale - 1 punto - Marchio di Qualità - 1 punto - Scuola di Pallavolo - 1 punto - Partecipazione alle fasi regionali dei campionati di categoria negli ultimi 3 anni 1 punto per ogni anno - Partecipazione alla Serie D Progetto Giovani 2011/ punto - Atlete partecipanti alle rappresentative Provinciali e/o Regionali 2011/ punto CONTRIBUTI Iscrizione: 50,00 Contributo gestione attività : 50,00 Omologazione Campo: 52,00 Contributo Gara: 25,00 FORMULA DI SVOLGIMENTO Le gare si svolgeranno con la formula del girone all italiana, con gare di andata e ritorno ed al meglio di 3 set su cinque. Sono previsti per ogni set, ad esclusione dell eventuale set di spareggio, 2 Tempi Tecnici di Riposo della durata di 60 secondi al raggiungimento del 8 e 16 punto; PERIODO DI SVOLGIMENTO Inizio: ottobre 2012 Termine: giugno 2013 GIORNI ED ORARI DI GIOCO Gli incontri si disputano esclusivamente infrasettimanalmente. Gli orari che vedono le Società isolane come squadra ospite vengono fissate d ufficio alle ore 17.00*. Gli orari che vedono le Società non isolane come squadra ospite in gare sulle isole vengono fissate d ufficio alle ore 17.00*. *salvo diversi accordi tra i sodalizi interessati

17 CAMPIONATO UNDER 17 MASCHILE D ECCELLENZA Cercando di adeguare l attività del nostro movimento a quella delle regioni che hanno numeri ed attività di gran lunga superiori si vara la prima sperimentazione di un campionato d Eccellenza. L obiettivo è quello di offrire qualità dell attività, accessibilità e partecipazione a tutti, dare dinamicità ed efficienza attraverso un percorso di differenziazione premiante che permetterà a tutte le società di avere come obiettivo un risultato da raggiungere. Al Campionato d Eccellenza, che quest anno per sperimentazione è soltanto Under 17, saranno invitate 12 squadre scelte da una rosa di società, indicate dai Comitati Provinciali, che dovranno garantire il possesso uno o più dei seguenti requisiti: - Partecipazione ad un Campionato di Serie Nazionale - 1 punto - Marchio di Qualità - 1 punto - Scuola di Pallavolo - 1 punto - Partecipazione alle fasi regionali dei campionati di categoria negli ultimi 3 anni 1 punto per ogni anno - Partecipazione alla Serie D Progetto Giovani 2011/ punto - Atlete partecipanti alle rappresentative Provinciali e/o Regionali 2011/ punto CONTRIBUTI Iscrizione: 50,00 Contributo gestione attività : 50,00 Omologazione Campo: 52,00 Contributo Gara: 25,00 FORMULA DI SVOLGIMENTO Le gare si svolgeranno con la formula del girone all italiana, con gare di andata e ritorno ed al meglio di 3 set su cinque. Sono previsti per ogni set, ad esclusione dell eventuale set di spareggio, 2 Tempi Tecnici di Riposo della durata di 60 secondi al raggiungimento del 8 e 16 punto; PERIODO DI SVOLGIMENTO Inizio: ottobre 2012 Termine: giugno 2013 GIORNI ED ORARI DI GIOCO Gli incontri si disputano esclusivamente infrasettimanalmente. Gli orari che vedono le Società isolane come squadra ospite vengono fissate d ufficio alle ore 17.00*. Gli orari che vedono le Società non isolane come squadra ospite in gare sulle isole vengono fissate d ufficio alle ore 17.00*. *salvo diversi accordi tra i sodalizi interessati

18 MATRICI CALENDARI DI GIOCO REGULAR SEASON GIRONI A 14 SQUADRE GIRONI A 12 SQUADRE Lo sviluppo dei calendari verrà effettuato secondo le matrici sopra riportate abbinando le squadre secondo l ordine presentato nella composizione dei gironi.

19 ORGANICI CAMPIONATI REGIONALI SERIE C FEMMINILE PALL.AVERSA LIB.CE RETROCESSA B ORAKOM VIRTUS FARI SALERNO RETROCESSA B VC BATTIPAGLIA SA RETROCESSA B NORMANNI PALLAVOLO AVERSA SERIE C OLIMPIA VOLLEY SAN SALVATORE TELESINO SERIE C A.S. D. MEGARIDE SERIE C CENTRO ESTER SSD ARL SERIE C ONMIC VOLLEY SERIE C P.G.S. GRUPPO 2000 SERIE C A.S.D. INDOMITA SALERNO SERIE C A.S.D.PALLAVOLO NEMESI SERIE C ASS.NE POLISPORTIVA PARTENOPE SERIE C CUS CASERTA SERIE C S.S.D.R.L. ROTA VOLLEY SERIE C SOC.SPORTIVA FIAMMA TORRESE SERIE C SAN GIUSEPPE VESUVIANO VOLLEY SERIE C A.S.D. VOLLEY SCAFATI SERIE C NOLA CITTA' DEI GIGLI SERIE C A.S.D. VIRTUS VOLLEY CAVA SERIE C A.S.D. VOLLEY PAESTUM SERIE C ASD ANCIS VILLARICCA SERIE C A.S.D. CAVA DE TIRRENI VOLLEY SERIE C A.D. POLISPORTIVA PORTICI SERIE C INSIEME PER CERCOLA SERIE C A.S.D. POLISPORTIVA SANT'AGATA SERIE C ASD ALP VOLLEY AVERSA PROMOSSA SERIE D A.S.S.D. OTTAVIMA PROMOSSA SERIE D A.S.D.ROCCARAINOLA PROMOSSA SERIE D PALLAVOLO COGEMAL S.S.D.A R.L. PROMOSSA SERIE D

20 SERIE C MASCHILE ELPRAL ARS ET LABOR SIRIGNANO AV RETROCESSA B ITC CERAM.CICCIANO NA RETROCESSA B VESUVIO OPLONTI TORRE ANNUNZ.NA RETROCESSA B VERDITALIA S.MARZANO SA RETROCESSA B A. S. D. FOLGORE MASSA SERIE C BLACK LIONS VOLLEY NAPOLI SERIE C A.S.D. VOLLEYBALL AVERSA SERIE C A.S.D. VOLLEY CASALNUOVO SERIE C PALLAVOLO 2000 SERIE C A.S.D.PALLAVOLO BATTIPAGLIA SERIE C ASD OLIMPO NAPOLI SERIE C NOLA VOLLEY 1968 SERIE C GS VV.F.D. PADULA SERIE C A.S.D. INDOMITA SALERNO SERIE C A.S.D. CENTRO VOLLEY S.MARCO SERIE C A. D. POLISPORTIVA CIMITILE SERIE C PALLAVOLO MARCIANISE SERIE C A.S.D. OLIMPIA SERIE C A.S.D. NUOVA G.S. OLIMPICA SERIE C FOLGORE VAIRANO SERIE C A.S.D. S. ESPEDITO VOLLEY WORLD SERIE C APD CAROTENUTO SANT'AGNELLO SERIE C A.S.D. VOLLEYBALL STABIA SERIE C A.S.D. ATELLANA VOLLEY SERIE C A.S.D. LIBER. SPARANISE VOLLEY SERIE C A.S. I KOALA BEARS SERIE C ELEVEN CICCIANO PROMOSSA SERIE D PALLAVOLO MONTESARCHIO PROMOSSA SERIE D A.S. ISCHIA PALLAVOLO PROMOSSA SERIE D ASD VOLLEY VOLLA PROMOSSA SERIE D

VADEMECUM GARE. Fipav Monza Brianza CAMPIONATI PROVINCIALI DI SERIE E DI CATEGORIA NORME GENERALI VALIDE PER LA STAGIONE AGONISTICA 2013/14

VADEMECUM GARE. Fipav Monza Brianza CAMPIONATI PROVINCIALI DI SERIE E DI CATEGORIA NORME GENERALI VALIDE PER LA STAGIONE AGONISTICA 2013/14 Fipav Monza Brianza VADEMECUM GARE CAMPIONATI PROVINCIALI DI SERIE E DI CATEGORIA NORME GENERALI VALIDE PER LA STAGIONE AGONISTICA 2013/14 Il presente fascicolo è parte integrante delle Circolari di Indizione

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI ALTRE DISPOSIZIONI Vengono di seguito fornite le informazioni relative a: campo di gioco attrezzature controlli preliminari modulo CAMP3 componenti delle squadre assenza della squadra o degli Ufficiali

Dettagli

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 PERIODO TEMPORALE CONSIDERATO Viene considerata tutta l attività svolta dalla prima settimana di novembre 2012 (5 11 novembre 2012 ), all ultima

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 COMUNICATO UFFICIALE N. 1097 del 10 maggio 2014 Indice

Dettagli

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 03-2013 COMUNICAZIONI

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 03-2013 COMUNICAZIONI COMUNICAZIONI Si comunica che al fine di disporre in tempo utile dei risultati delle gare per poterli trasmettere in tempo a giornali e televisioni locali, si invitano i responsabili delle società che

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2014/2015 Tornei organizzati da società Norme, disposizioni

Dettagli

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 -AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 Arcore 26/03/2015 REGOLAMENTO Art. 1 - ORGANIZZAZIONE Il GILERA CLUB ARCORE con sede in Arcore via N. Sauro 12 (mail : motoclubarcore@gmail.com) e il MOTO CLUB BIASSONO con

Dettagli

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 04-2013 COMUNICAZIONI

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 04-2013 COMUNICAZIONI COMUNICAZIONI Si comunica che al fine di disporre in tempo utile dei risultati delle gare per poterli trasmettere in tempo a giornali e televisioni locali, si invitano i responsabili delle società che

Dettagli

CAMPIONATI GIOVANILI 2014-2015 COMUNICATO UFFICIALE N 20 del 28 MAGGIO 2015

CAMPIONATI GIOVANILI 2014-2015 COMUNICATO UFFICIALE N 20 del 28 MAGGIO 2015 CAMPIONATI GIOVANILI 2014-2015 COMUNICATO UFFICIALE N 20 del 28 MAGGIO 2015 Si comunica a tutte le società dei campionati giovanili che a partire dal 12.05.2015 NON sono più accettati spostamenti via posta

Dettagli

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N.

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. 1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. A) Disposizioni generali [1] Il vincolo di tesseramento degli atleti in favore delle società è temporaneo e la sua durata e l eventuale

Dettagli

COMUNICAZIONE DEL COMITATO PROVINCIALE

COMUNICAZIONE DEL COMITATO PROVINCIALE C o m i t a t o P r o v i n c i a l e M e s s i n a Via Rossini, 4-98076 Sant'Agata Militello (Me) Tel. / Fax 0941/721948 e-mail: segreteria@pgsmessina - www.pgsmessina.it COMUNICATO UFFICIALE N 49 Stagione

Dettagli

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora.

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora. WCM Sport è un software che tramite un sito web ha l'obbiettivo di aiutare l'organizzazione e la gestione di un campionato sportivo supportando sia i responsabili del campionato sia gli utilizzatori/iscritti

Dettagli

Ufficio Attività Agonistica Giudice Sportivo Territoriale

Ufficio Attività Agonistica Giudice Sportivo Territoriale F E D E R A Z I O N E I T A L I A N A G I U O C O H A N D B A L L P a l l a m a n o AREA TERRITORIALE LIGURIA PIEMONTE LOMBARDIA - VENETO - FRIULI V. G. Ufficio Attività Agonistica Giudice Sportivo Territoriale

Dettagli

Gran Fondo PUNT DEL DIAU

Gran Fondo PUNT DEL DIAU LANZO TORINESE - SABATO 04 OTTOBRE 2014 Gran Fondo PUNT DEL DIAU REGOLAMENTO LA GARA GRAN FONDO DI CORSA IN MONTAGNA PUNT DEL DIAU avrà una lunghezza di circa km.25 e un dislivello positivo di circa 1450

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI AREA PATRIMONIO AMBIENTE UFFICIO TUTELA DEL PAESAGGIO E SUPPORTO AMMINISTRATIVO ALL AREA SETTORE PATRIMONIO E MANUTENZIONI REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI (Approvato con deliberazione

Dettagli

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014 Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma BANDO DI CONCORSO CORSO DI FORMAZIONE PER ISTRUTTORE DI 1 GRADO DI TENNIS ISTRUTTORE DI 1 LIVELLO DI BEACH TENNIS

Dettagli

NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A.

NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A. NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A. Art. 1 - Organi tecnici A. ORGANI TECNICI NAZIONALI Gli Organi Tecnici Nazionali dell A.I.A. composti da un Responsabile e più componenti, sono:

Dettagli

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE l originale www.casadelcammino.it for SI RINGRAZIANO IN MODO

Dettagli

Oggetto: Rinnovo tesseramenti 2011.

Oggetto: Rinnovo tesseramenti 2011. Alle Compagnie Ai Comitati Regionali Loro Sedi Rif.: 049/2010. Milano, 1 ottobre 2010. Oggetto: Rinnovo tesseramenti 2011. Gentile Presidente, con il rinnovo del tesseramento per il 2011, colgo l'occasione

Dettagli

ORGANIZZA Corsa podistica non competitiva su strada di km. 6.

ORGANIZZA Corsa podistica non competitiva su strada di km. 6. ASSOCIAZIONE MEZZAMARATONA DEL GIUDICATO DI ORISTANO REGOLAMENTO CORSA PODISTICA NON COMPETITIVA SU STRADA L Associazione MEZZAMARATONA DEL GIUDICATO DI ORISTANO, con il patrocinio del Comune e della Provincia

Dettagli

XX ODERZO CITTA' ARCHEOLOGICA Corsa internazionale su strada Juniores/Promesse/Seniores M/F. GLADIATORVM RACE Corsa su strada Seniores M/F

XX ODERZO CITTA' ARCHEOLOGICA Corsa internazionale su strada Juniores/Promesse/Seniores M/F. GLADIATORVM RACE Corsa su strada Seniores M/F MAGGIO 2015 VENERDÌ 1 ODERZO (TV) Piazza Grande XX ODERZO CITTA' ARCHEOLOGICA Corsa internazionale su strada Juniores/Promesse/Seniores M/F GLADIATORVM RACE Corsa su strada Seniores M/F XIX Trofeo Mobilificio

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SETTORE TECNICO

REGOLAMENTO DEL SETTORE TECNICO REGOLAMENTO DEL SETTORE TECNICO Parte I Attribuzioni, struttura e organizzazione del Settore Tecnico Art. 1 Attribuzioni e funzioni 1. Il Settore Tecnico della F.I.G.C., tenuto anche conto delle esperienze

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

CALENDARIO REGIONALE 2014/2015

CALENDARIO REGIONALE 2014/2015 CALENDARIO REGIONALE 2014/2015 www.federnuoto.piemonte.it nuoto@federnuoto.piemonte.it INDICE REGOLAMENTO ATTIVITÀ...pag.4 AVVERTENZE DI CARATTERE GENERALE...pag.5 ISCRIZIONI...pag.6 Norme generali...pag.6

Dettagli

Comunicato Ufficiale n. 21 del 05 Gennaio 2012 ATTIVITÀ DI SETTORE GIOVANILE 2011/2012

Comunicato Ufficiale n. 21 del 05 Gennaio 2012 ATTIVITÀ DI SETTORE GIOVANILE 2011/2012 Federazione Italiana Giuoco Calcio Lega Nazionale Dilettanti DELEGAZIONE PROVINCIALE AVELLINO Via Carlo Del Balzo, 81 83100 Avellino Stagione Sportiva 20011/2012 Tel (0825) 31087 Fax (0825) 780011 Sito

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO ALL. D) REGOLA 5 Persone ammesse nel recinto di gioco 1) Per le gare organizzate dalla LNP, dalla Lega PRO e dalla Lega Nazionale Dilettanti in ambito nazionale sono ammessi

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

Al Comune di Padova Settore Servizi Sportivi Ufficio Impianti Sportivi Viale N. Rocco, 60 35135 PADOVA

Al Comune di Padova Settore Servizi Sportivi Ufficio Impianti Sportivi Viale N. Rocco, 60 35135 PADOVA Spazio Marca da bollo Al Comune di Padova Settore Servizi Sportivi Ufficio Impianti Sportivi Viale N. Rocco, 60 35135 PADOVA Spazio Protocollo Oggetto: Richiesta concessione temporanea Impianto Sportivo

Dettagli

Prossime gare ECCELLENZA - Girone UNICO Giorn Squadre Data Ora Campo R 8. A.S.D.POL. TIRLI IN MAREMMA - POL. TORNIELLA lun ROCCASTRADA

Prossime gare ECCELLENZA - Girone UNICO Giorn Squadre Data Ora Campo R 8. A.S.D.POL. TIRLI IN MAREMMA - POL. TORNIELLA lun ROCCASTRADA ultati ECCELLENZA - GIRONI - Girone UNICO R 5 A.S.D.POL. TIRLI IN MAREMMA - ATLETICO GROSSETO 2012 1-1 R 6 GAVORR TIRRENO CARRELLI SER - C.C. e SPORT POLVEROSA 1-2 Squadra P.Ti G V N P RF RS DR CD Pen

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Che cos è un Master Universitario? Il Master Universitario è un corso di perfezionamento scientifico e di alta qualificazione formativa, finalizzato

Dettagli

IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI

IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI DAGLI AMATORI AI PROFESSIONISTI DI FATTO ATTRAVERSO LO STUDIO DELLE SOCIETÀ CALCISTICHE a cura di MATTEO SPERDUTI 2 0 1 5 INDICE ACRONIMI E ABBREVIAZIONI......

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

Regolamenti 2013: parti generali

Regolamenti 2013: parti generali Regolamenti 2013: parti generali Regole Generali Attraverso gli sport del nuoto, tuffi, sincronizzato, pallanuoto e nuoto in acque libere il programma Master deve promuovere il benessere, l'amicizia, la

Dettagli

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430.

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Ditta Promotrice Billa Aktiengesellschaft sede secondaria

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI ISTITUTO di ISRUZIONE SUPERIORE - Luigi Einaudi Sede Legale ed Amministrativa Porto Sant Elpidio (FM) - Via Legnano C. F. 81012440442 E-mail: apis00200g@istruzione.it Pec: apis00200g@pec.istruzione.it

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE

IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE SELEZIONE PUBBLICA PER ESAMI, PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA PER ASSUNZIONI A TEMPO DETERMINATO DI ASSISTENTE AI SERVIZI AMMINISTRATIVI E CONTABILI CAT. C1. IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE,

Dettagli

47 Anno Domini Triathlon Festival

47 Anno Domini Triathlon Festival 47 Anno Domini Triathlon Festival Campionati Italiani Assoluti di Triathlon Sprint Staffetta a squadre Coppa Crono a Squadre Sabato 05 ottobre 2013 Domenica 06 ottobre 2013 Parco Le Bandie, Lovadina (TV)

Dettagli

NORMATIVA GENERALE AFFILIAZIONI E TESSERAMENTI NORMATIVA ATTIVITA PROPAGANDA

NORMATIVA GENERALE AFFILIAZIONI E TESSERAMENTI NORMATIVA ATTIVITA PROPAGANDA NORMATIVA GENERALE AFFILIAZIONI E TESSERAMENTI * * * * NORMATIVA ATTIVITA PROPAGANDA E SCUOLE NUOTO FEDERALI * * * * STAGIONE 2014 2015 APPROVATA CON DELIBERA C.F. 7/7/2014 AGGIORNATA AL 07/10/2014 INDICE

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio - Direzione Generale Ufficio III Coordinamento Regionale del Servizio di Educazione Motoria Fisica e

Dettagli

NORME GENERALI PER L ATTIVITA SPORTIVA NAZIONALE ORGANIZZATA IN ITALIA

NORME GENERALI PER L ATTIVITA SPORTIVA NAZIONALE ORGANIZZATA IN ITALIA FEDERAZIONE ITALIANA VELA Settore Programmazione Attività Sportiva Nazionale NORME GENERALI PER L ATTIVITA SPORTIVA NAZIONALE ORGANIZZATA IN ITALIA Edizione 2009 (versione n. 15 con variazioni del 25.03)

Dettagli

GESTIONE DEI CONFLITTI AZIENDALI E DELLE RELAZIONI SINDACALI MASTER PART TIME. When you have to be right

GESTIONE DEI CONFLITTI AZIENDALI E DELLE RELAZIONI SINDACALI MASTER PART TIME. When you have to be right MASTER PART TIME GESTIONE DEI CONFLITTI AZIENDALI E DELLE RELAZIONI SINDACALI 2 0 1 4 TERZA EDIZIONE R E G G I O E M I L I A When you have to be right LA SCUOLA DI FORMAZIONE IPSOA La Scuola di Formazione

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

Cycling Marathon SPORT INFORMATION GUIDE

Cycling Marathon SPORT INFORMATION GUIDE Cycling Marathon SPORT INFORMATION GUIDE 1 INDICE INDICE...2 1. Date degli eventi... 2 2. Percorso... 3 3. L area dei Paddock... 4 4. Organizzazione... 5 5. Regolamento 12H Cycling Marathon... 6 Safety

Dettagli

CALENDARIO PROVVISORIO Campionato: Under 19 Maschile Fase : 2 fase - Italiana Girone : VA SILVER 3 Gara N Squadra A Squadra B Giorno Data Ora

CALENDARIO PROVVISORIO Campionato: Under 19 Maschile Fase : 2 fase - Italiana Girone : VA SILVER 3 Gara N Squadra A Squadra B Giorno Data Ora FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO CR LOMBARDIA COMUNICATO UFFICIALE N. 1430 DEL 30/12/2014 UFFICIO GARE N. 2 1 Giornata di andata 2290 POSS CAFFE Garbagnate La Sportiva Gavirate Lun 12/01/2015 20:00 2291

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT. L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani

WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT. L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani Il programma ideato da Luigi Pelizzari con il Patrocinio del Comitato Regionale Lombardo della

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Comitato Regionale del Piemonte

Comitato Regionale del Piemonte Il Comitato Regionale ha programmato anche per quest anno il Progetto Giovani, il cui Regolamento Nazionale presenta una novità importante riguardante le sedi di svolgimento che saranno abbinate alle tappe

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

Lega Pattinaggio a Rotelle UISP Norme di Attività di Pattinaggio Artistico 2013

Lega Pattinaggio a Rotelle UISP Norme di Attività di Pattinaggio Artistico 2013 Agg. Al 05 dicembre 2012 1 INDICE REGOLE GENERALI Specialità: definizione Attività: struttura Attività di singolo Coppie Artistico e Coppie Danza Categorie: singolo Formula Uisp Livelli Coppia artistico

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Comune di Sanluri Provincia del Medio Campidano Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n 66 del 26.11.2004. Sommario Art.

Dettagli

DISCIPLINARE ATTUATIVO TARIFFARIO. Valido dal 1 Gennaio 2015

DISCIPLINARE ATTUATIVO TARIFFARIO. Valido dal 1 Gennaio 2015 DISCIPLINARE ATTUATIVO TARIFFARIO Valido dal 1 Gennaio 2015 SOMMARIO 1 Premessa... 3 2 Descrizione della Nuova Struttura Tariffaria...4 2.1 Classe Tariffaria URBANO NAPOLI... 6 2.2 Classe Tariffaria URBANO

Dettagli

Regolamento. sullo status e sui trasferimenti dei calciatori

Regolamento. sullo status e sui trasferimenti dei calciatori Regolamento sullo status e sui trasferimenti dei calciatori 1 REGOLAMENTO SULLO STATUS E SUL TRASFERIMENTO DEI CALCIATORI... 3 DEFINIZIONI... 4 I. DISPOSIZIONE INTRODUTTIVA... 5 II. STATUS DEI CALCIATORI...

Dettagli

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 Art. 1 PRINCIPI GENERALI Il football a 9 contro 9 Master (o 7 contro 7) verrà giocato secondo le regole del regolamento ufficiale NCAA per i campionati a 11 giocatori,

Dettagli

1 REQUISITI DI PARTECIPAZIONE ISCRIZIONE PER ATLETI RESIDENTI IN ITALIA

1 REQUISITI DI PARTECIPAZIONE ISCRIZIONE PER ATLETI RESIDENTI IN ITALIA Regolamento Il Gruppo Sportivo Bancari Romani, sotto l egida della IAAF e della FIDAL, con il patrocinio di Roma Capitale e della Regione Lazio, indice ed organizza la 41ª edizione della Roma Ostia Half

Dettagli

TITOLO I. Regolamento Organico F.I.N. INDICE CAPO I CAPO II CAPO III

TITOLO I. Regolamento Organico F.I.N. INDICE CAPO I CAPO II CAPO III Regolamento Organico F.I.N. INDICE TITOLO I CAPO I LE SOCIETA Art. 1 Affiliazione pag. 1 Art. 2 Domanda di affiliazione pag. 1 Art. 3 Domanda di riaffiliazione pag. 2 Art. 4 Accettazione della domanda

Dettagli

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione tra Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione F.I.N. C.N.S. FIAMMA La Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.), con sede legale in Roma, rappresentata

Dettagli

FIN - Comitato Regionale Ligure

FIN - Comitato Regionale Ligure FIN - 1. 0 NORMATIVE GENERALI Iscrizioni alle gare 1. Le iscrizioni alle gare vanno effettuate tramite procedura online dal sito http://online.federnuoto.it/iscri/iscrisocieta.php utilizzando il software

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

CONCORSO A PREMI DENOMINATO #MilionidiNomi CL 141/2015

CONCORSO A PREMI DENOMINATO #MilionidiNomi CL 141/2015 CONCORSO A PREMI DENOMINATO #MilionidiNomi CL 141/2015 SOGGETTO PROMOTORE: F.C. Internazionale Milano Spa, Corso Vittorio Emanuele II 9, 20122 Milano P.IVA 04231750151 (di seguito Promotore ). SOGGETTO

Dettagli

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA STATUTO FEDERALE CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA APPROVATO CON DELIBERA PRESIDENTE CONI N. 130/56 E RATIFICATO DALLA GIUNTA C.O.N.I. IL 4/9/2012 INDICE

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015

17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015 17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015 Il Campionato di Borsa con Denaro Reale, organizzato in collaborazione con Directa Sim, Binck Bank, Finanza on Line Brown

Dettagli

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO STUDENTI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Approvato dal Senato Accademico con delibera del 10 giugno 2008 e modificato con delibera del Senato Accademico del 14 giugno 2011 Decreto rettorale

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

OPERATORI TECNICI ALTA SCUOLA TECNICI ALTA SCUOLA FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO

OPERATORI TECNICI ALTA SCUOLA TECNICI ALTA SCUOLA FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO OPERATORI TECNICI ALTA SCUOLA TECNICI ALTA SCUOLA FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO 1 GENERALITA L Alta Scuola nasce in Italia nel XV sec. I tra i grandi maestri, i più noti ci sono: Giambattista Pignatelli,

Dettagli

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13 Con l Europa investiamo nel vostro futuro DIREZIONE DIDATTICA STATALE Circolo San Giovanni Bosco C.so Fornari, 68-70056 - MOLFETTA (Ba) Tel 080809 Fax 0808070 Codice Fiscale N 80047079 Distretto n. 6 Molfetta

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE

CONTRATTO CON LO STUDENTE Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE Il presente

Dettagli

Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015

Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015 GRAND SOLEIL CUP CALA GALERA 2015 Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015 Il Circolo Nautico e della Vela Argentario, in collaborazione con il Marina Cala Galera, il Cantiere del Pardo,

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Federazione Italiana Nuoto. Propaganda-Scuole Nuoto Prot. AP/pr/ar/2013/8904 Roma 15 novembre 2014

Federazione Italiana Nuoto. Propaganda-Scuole Nuoto Prot. AP/pr/ar/2013/8904 Roma 15 novembre 2014 Federazione Sportiva Nazionale riconosciuta dal Coni Federazione Italiana Nuoto F.I.N.A. LE.N. I.LS.E. I.L.S. Propaganda-Scuole Nuoto Prot. AP/pr/ar/2013/8904 Roma 15 novembre 2014 Ai Presidenti dei Comitati

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD: MANUALE/FAQ

CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD: MANUALE/FAQ CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD: MANUALE/FAQ A) ASPETTI GENERALI SU CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD na Carta di Credito TOP senza uguali sul mercato. Per gli Associati che non vorranno o non potranno avere

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI

ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI Il Regolamento del Giuoco del Calcio corredato dalle Decisioni Ufficiali FIGC e dalla Guida Pratica AIA Edizione 2013 FEDERATION INTERNATIONALE DE FOOTBALL ASSOCIATION (FIFA)

Dettagli

Una Grande Famiglia per il Volley

Una Grande Famiglia per il Volley Una Grande Famiglia per il Volley il Notiziario della Settimana n.30 di lunedì 18 Maggio 2015 SOMMARIO : : Campionato Nazionale: Terminato!! : Campionato Regionale: 30a giornata pag.2,3 : Campionato Provinciale:

Dettagli

RINUNCIO IN UNA GRADUATORIA ACCETTO IN UNA GRADUATORIA ACCETTO SU SOSTEGNO HO AVUTO IL RUOLO SECONDO LE ISTRUZIONI MINISTERIALI DEL 25 AGOSTO 2009

RINUNCIO IN UNA GRADUATORIA ACCETTO IN UNA GRADUATORIA ACCETTO SU SOSTEGNO HO AVUTO IL RUOLO SECONDO LE ISTRUZIONI MINISTERIALI DEL 25 AGOSTO 2009 SECONDO LE ISTRUZIONI MINISTERIALI DEL 25 AGOSTO 2009 a cura di Laura Razzano RINUNCIO IN UNA GRADUATORIA PER QUEST'ANNO (2009/2010)O NON POTRO' PIU' LAVORARE NELLA GRADUATORIA DI QUELLA PROVINCIA POTRO'

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

30-APRILE/03 MAGGIO-2015.

30-APRILE/03 MAGGIO-2015. INFORMAZIONI GENERALI Il corso ISA 2015 DISCIPLINE OLIMPICHE è un corso formativo ed evolutivo relativamente alle discipline della Fossa Olimpica Skeet Double Trap, e viene organizzato per la 1 volta in

Dettagli

Premiato nel 2008 dalla FIS e FISI come miglior sci club d Italia Riconosciuto nel 2010 dalla FIS tra i migliori 8 sci club al mondo

Premiato nel 2008 dalla FIS e FISI come miglior sci club d Italia Riconosciuto nel 2010 dalla FIS tra i migliori 8 sci club al mondo I corsi del C.A.S. in collaborazione con le Scuole Sci Monte Pora, Spiazzi, Vareno, 90 Foppolo e Alta Valle Brembana Stagione 2010-2011 Formula Località Giorno e Orario Livelli Età bus (*) White M. Pora

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

Termini e condizioni dell iniziativa Scopri il valore di stare con Samsung

Termini e condizioni dell iniziativa Scopri il valore di stare con Samsung Termini e condizioni dell iniziativa Scopri il valore di stare con Samsung Samsung Electronics Italia S.p.A., con sede legale in Cernusco sul Naviglio (MI), Via C. Donat Cattin n. 5, P.IVA 11325690151

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

Codice IBAN: IT 52 H 07601 03200 001013078355

Codice IBAN: IT 52 H 07601 03200 001013078355 Pagamenti Per iscriversi a uno dei corsi di lingua italiana della Scuola Romit è necessario il pagamento della tassa di iscrizione di 50 euro più l importo equivalente al 20% del totale costo del corso,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO Le comunicazioni che seguono sono suggerimenti che serviranno ad una buona gestione della Manifestazione e ad ottenere una uniformità interpretativa in tutte le gare. Sono suggerimenti

Dettagli