Il futuro dei Real Time Location System, integrazione tra sistemi e piattaforme

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il futuro dei Real Time Location System, integrazione tra sistemi e piattaforme"

Transcript

1 Facoltà di Scienze della Comunicazione Corso di Laurea Specialistica in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo Il futuro dei Real Time Location System, integrazione tra sistemi e piattaforme Relatore: Prof. Carlo Maria Medaglia Correlatore: Prof. Ugo Biader Ceipidor Candidato: Andrea Ingrosso matr Anno Accademico 2006/2007 1

2 2

3 A Sabrina, che mi ha insegnato il valore di un sorriso 3

4 4

5 Indice Introduzione... 7 Capitolo 1 Real Time Location System GPS Global Positioning System LaTrilaterazione A GPS Accenni di localizzazione GSM WLAN WI FI Wlan Positioning Fingerprinting Ultra Wide Band UWB Positioning RFId RFId Positioning ZigBee ZigBee positioning Capitolo 2 I nuovi sistemi di computing Ubiquitous Computing Location Based Service Tassonomia dei Location Based Service Gli attori dei Location Based Service LBS, applicazione pratica

6 Introduzione Capitolo 3 LBS e Privacy L ordinamento nazionale. Codice in materia di protezione dei dati personali Disposizioni generali (Parte I) Disposizioni relative a specifici settori (Parte II) Il provvedimento del Garante (9 marzo 2005) Il problema della privacy negli ambiti di applicazione Capitolo 4 La piattaforma Ubiquicom Struttura del software Installazione, configurazione, fase di Learning i test di localizzazione CATTID CNIPA Caratterizzazione e testing del sistema Modalità e prove sul campo Risultati Capitolo cinque Idee progettuali Child control Idee progettuali (parte seconda) Conclusioni Allegati Bibliografia Sitografia Ringraziamenti

7 Introduzione Questo lavoro di tesi nasce dopo quasi due anni di lavoro all interno dell RFId Lab del Cattid all Università Sapienza di Roma. Conosciuto il Prof. Medaglia, il mondo RFId e quello della geolocalizzazione il passo per decidere di concludere il mio corso di studi con una tesi tecnologica è stato davvero molto breve. L ambiente di laboratorio e l aver trovato splendide persone con cui lavorare è stato il completamento di un esperienza che mi ha insegnato molto sotto il profilo umano e culturale. L ambiente di ricerca in laboratorio mi ha dato inoltre la possibilità di toccare con mano le tecnologie rendendomi sicuramente più partecipe ed interessato ad argomenti che fino a poco tempo prima rimanevano soltanto interessate letture. Questa esperienza oltre a questi tesi ha prodotto anche un articolo pubblicato sul mensile Wireless Management che mi ha visto impegnato insieme alla presenza del Prof. Ugo Biader Ceipidor e del prof. Carlo Medaglia. L argomento della mia tesi è il mondo della geolocalizzazione, dai Real Time Location System (la tecnologia) ai servizi sviluppati e sviluppabili (Location 7

8 Introduzione Based Service). Obiettivo della stessa è esplorare l intero universo di componenti che costruiscono un servizio di localizzazione, studiarne le potenzialità, i limiti ed i possibili sviluppi futuri. Tutto questo senza dimenticare come la tecnologia si sia evoluta e conseguentemente di come si sia evoluto il rapporto dell uomo con essa. Nel primo capitolo prendo in esame le tecnologie che al momento sono le più utilizzate per la localizzazione, esponendo pregi e difetti di ognuna e facendo i dovuti confronti. Il secondo è diviso in due parti; la prima in cui ho esposto la base teorica dei nuovi mezzi di comunicazione e dell evoluzione del mondo del computing, la seconda si occupa dei Location Based Service, dalla loro tassonomia ad esempi pratici. Il terzo capitolo va ad esaminare il rapporto fra il rispetto della privacy e l installazione e l utilizzo dei sistemi di localizzazione nei vari contesti d uso. Il quarto capitolo riassume la mia esperienza di laboratorio incentrata fondamentalmente sull utilizzo della piattaforma di localizzazione di Ubiquicom, il lavoro effettuato per installare la piattaforma ed i vari test condotti. 8

9 Introduzione Infine nella quinta ed ultima parte di questo lavoro propongo due servizi progettati a conclusione di questo lavoro di ricerca. 9

10 10

11 Capitolo 1 Real Time Location System Immaginiamo di aver spedito un pacco e di volerne conoscere la posizione momento per momento, fino al suo arrivo; oppure di trovarci in una città sconosciuta e di voler sapere qual è il ristorante più vicino alla nostra posizione; o ancora voler controllare a distanza il percorso che sta compiendo un automezzo della nostra compagnia, oppure semplicemente sapere se al prossimo incrocio dobbiamo svoltare a destra o sinistra per raggiungere il nostro nuovo posto di lavoro. Queste operazioni sono possibili grazie all uso dei sistemi di localizzazione in tempo reale (Real Time Location System o RTLS in inglese). Nella loro accezione più generale, gli RTLS sono la varietà di sistemi atti a fornire informazioni sulla posizione nello spazio di oggetti e persone in tempo reale. Sotto la spinta dell esigenza di una sempre più puntuale e precisa localizzazione, lo sviluppo tecnologico è stato considerevole. Negli ultimi 10 anni, lo sviluppo e la messa a regime di nuovi standard tecnologici ha reso possibile la nascita di 11

12 Capitolo uno Real Time Location System un ampia gamma di sistemi RTLS che riescono a soddisfare le esigenze dei numerosi campi di applicazione in cui oggi vengono utilizzati. Basti considerare che fino a poco tempo fa l unica tecnologia disponibile era il GPS, con tutti i limiti che verranno descritti nel prosieguo del capitolo. L attuale trend, invece, vede diverse tecnologie quali GPS, Wi Fi 1, ZigBee 2, Ultra Wide Band 3 ed RFId concorrere a creare RTLS di varia natura che si adattano perfettamente a diverse esigenze in numerosi campi di applicazione. L utilizzo di una soluzione invece di un altra è strettamente correlato con le esigenze da soddisfare: ogni tecnologia ha caratteristiche peculiari per quanto concerne le caratteristiche di costo, accuratezza e copertura del sistema di localizzazione. Lo schema (Figura 1) riassume le caratteristiche in termini di accuratezza nella localizzazione delle varie tecnologie a disposizione per la creare di sistemi RTLS. La regola generale chiaramente deducibile dallo schema è che ad una maggiore copertura del segnale 1 fi.org WI FI Alliance 2 Zigbee Alliance 3 Ultra Wide Band Forum 12

13 Capitolo uno Real Time Location System corrisponde una sempre minore precisione della localizzazione. Figura 1 Modelli di funzionamento, precisione, consumo energetico e costo d implementazione rendono una tecnologia più o meno adatta all applicazione in un dato ambiente. In molti casi, soprattutto in ambienti con esigenze eterogenee si può ricorrere all integrazione tra 13

14 Capitolo uno Real Time Location System più tecnologie. Questo è reso possibile dall utilizzo di middleware 4, software che consentono di utilizzare tecnologie diverse ma di gestirle con un unica piattaforma. 4 Il termine middleware è una caratterizzazione generica per tutti quei programmi che fanno da collante tra altri programmi e tecnologie diverse, facendo in modo che le varie applicazioni possano comunicare 14

15 Capitolo uno Real Time Location System 15

16 Capitolo uno Real Time Location System Nel prosieguo del capitolo saranno prese in esame alcune tecnologie: GPS, Wi Fi, UWB, RFId e Zigbee. Questi sistemi sono, allo stato attuale di avanzamento, i più diffusi e testati in ambito commerciale. Le caratteristiche tecniche dei diversi sistemi fanno sì che ognuno di questi sia collocabile in un particolare ambito applicativo. Il Gps si colloca oramai nel paradiso dei sistemi di localizzazione: bassi costi di utilizzo e versatilità, sono ottime caratteristiche per renderlo appetibile sia in ambito privato che in ambito commerciale. La localizzazione della propria autovettura dopo un furto o di un automezzo della flotta aziendale piuttosto che il cercare la strada migliore per arrivare a destinazione sono applicazioni standard e ampiamente testate. Il più grande limite del GPS è la sua precisione: margini d errore nell ordine dei 20 metri sono accettabili solo se dobbiamo localizzare asset di grosse dimensioni come auto, navi, container o treni. Non sarà ovviamente possibile applicare sistemi di localizzazione GPS su asset di piccole dimensioni, o utilizzarlo in ambienti chiusi 5 5 Limite imposto dalla necessità del sistema di inviare/ricevere i segnali dai satelliti 16

17 Capitolo uno Real Time Location System Per quanto riguarda la tecnologia Wi Fi, sebbene la tecniche di localizzazione non siano standard 6, si può affermare che sia un sistema affermato e sufficientemente testato. Molti dei vendor presenti sul mercato riescono ad offrire prestazioni che si attestano attorno ai 5 metri di margine d errore. Ciò consente l utilizzo di questo tipo di localizzazione in numerosi ambiti, soprattutto in ambienti indoor 7. Inoltre, la presenza di diversi tipi di tag (per dimensioni e peso), applicabili a persone o cose ne consente un utilizzo abbastanza flessibile. I sistemi fin qui presentati hanno margini d errore abbastanza elevati, ed è qui che si inserisce il discorso sulla tecnologia Ultra Wide Band. Questo sistema di localizzazione consente precisione fino a cm, questo lo colloca in una fascia fin ora rimasta scoperta; di contro, il raggio di azione è limitato a circa metri il che consente quindi una ottima applicazione in ambito indoor. 6 La maggior parte dei software usano lo stesso algoritmo di localizzazione, ma gestiscono in modo molto diverso le interferenze di segnale e il calcolo effettivo. 7 In ambienti outdoor, come si noterà successivamente, sono possibili maggiori interferenze di segnale. 17

18 Capitolo uno Real Time Location System La tecnologia RFId, esplosa negli ultimi 10 anni, ma ancora in piena fase di espansione, consente, più che la localizzazione in senso stretto, una attività di monitoraggio della posizione 8. L utilizzazione di RFId consente di sapere la posizione di un pacco o di un paziente (se ha attraversato determinati punti di passaggio). 1.1 GPS Global Positioning System Subito dopo la seconda Guerra mondiale le agenzie delle forze armate americane insieme alla NASA ed al Ministero dei Trasporti cominciarono ad occuparsi di sistemi di localizzazione basati sull utilizzo di satelliti. Nel 1970 Il Ministero della Difesa degli Stati Uniti creò il NAVSTAR GPS (Navigation System with Timing and Ranging Global Positioning System) oggi chiamato semplicemente GPS..Dopo i test iniziati nel 1974, nel 1984 fu lanciato in orbita il primo satellite. Nel 1990 i satelliti in orbita erano già 12. Con 21 satelliti dedicati al 8 Utilizzando RFID non è possibile effettuare operazioni di triangolazione di segnale. 18

19 Capitolo uno Real Time Location System sistema e 3 di riserva nel 1993 furono effettuati i test di funzionamento generale del sistema; nel 1995 (con 24 satelliti dedicati al sistema) ne fu dichiarata la piena funzionalità. Fino al 2000, il segnale per uso civile veniva degradato per ridurre la precisione attraverso la Selective Availability (SA), consentendo precisioni nellʹordine di m. Nel 2003 l allora presidente degli Stati Uniti Bill Clinton decise di disattivare la degradazione del segnale consentendo quindi una accuratezza della localizzazione che si attesta attorno ai 10 metri. Inoltre nei ricevitori GPS è presente un dispositivo che ne limita il funzionamento ad altezze e velocità inferiori a determinati valori in modo da impedirne l uso su missili artigianali. In modo da garantire la copertura globale del pianeta i 24 satelliti si muovono in 6 differenti orbite (Fig. 2). Il movimento dei satelliti è studiato in modo tale che da qualsiasi punto della terra ne siano raggiungibili da quatto a undici. A causa della presenza di ostacoli (edifici, montagne) i satelliti effettivamente raggiungibili possono diminuire. Per avere un posizionamento si ha bisogno di almeno tre satelliti. La presenza del segnale del quarto satellite serve solo come conferma della 19

20 Capitolo uno Real Time Location System posizione dedotta grazie agli altri segnali 9. Oltre ai satelliti, il sistema GPS comprende anche 4 stazioni di controllo a terra che si occupano costantemente di verificare lo stato dei satelliti, di correggere i loro orologi atomici 10 e la loro posizione orbitale. Senza queste stazioni terrestri il sistema non sarebbe coordinato e quindi in grado di funzionare. La costante manutenzione del sistema è fondamentale per il suo corretto funzionamento: si calcola che senza di essa il sistema diventerebbe inutile in circa due settimane. La localizzazione si basa su 5 punti: 1. La trilaterazione dai satelliti è la base del sistema GPS 2. Il GPS misura la distanza dai satelliti conoscendo il tempo impiegato dal segnale del 10 I Satelliti di navigazione satellitare hanno orologi atomici a bordo, estremamente precisi. Vengono chiamati così perché usano le oscillazioni di un particolare atomo come loro metronomo, il più preciso e accurato riferimento temporale mai sviluppato. Gli orologi atomici sono indispensabili per il posizionamento, in quanto il GPS sfrutta anche la differenza di tempo nell arrivo dei segnali. 20

21 Capitolo uno Real Time Location System satellite per raggiungere il punto di ricezione e la velocità del segnale 3. Per poter misurare la distanza dai satelliti con la dovuta precisione è necessario l orologio atomico e un quarto satellite 4. I satelliti trasmettono la loro posizione e conoscendone la distanza, è possibile calcolare la posizione del ricevitore 5. Si analizzano infine i vari errori dovuti alla propagazione del segnale nellʹatmosfera e alla geometria dei satelliti Figura 2 21

22 Capitolo uno Real Time Location System LaTrilaterazione La trilaterazione è il calcolo effettivo utilizzato per ottenere la posizione. Il GPS fornisce informazioni sulla posizione in tre dimensioni. In seguito si riporta un esempio riguardante la localizzazione in 11 due dimensioni, ove facilitarne la comprensione. Per calcolare la nostra posizione abbiamo bisogno di almeno tre dati, ovvero distanze da punti noti. Il primo dato potrebbe essere: Distanza da Napoli = 215 Km Figura 2 22

23 Capitolo uno Real Time Location System Se consideriamo Napoli come centro significa che si potrebbe essere in un qualsiasi punto della circonferenza considerata (Fig. 3). Introduciamo adesso la seconda informazione: Distanza da Firenze = 271 Km Rappresentando graficamente anche questa informazione avremo la seguente situazione: Figura 3 Considerando le due informazioni, si può essere sicuri di essere in un punto che dista 271 Km da Firenze e 215 da Napoli. Solo due punti (le intersezioni fra le due circonferenze) rispondono a queste caratteristiche (Fig.4). 23

24 Capitolo uno Real Time Location System In conclusione si ha bisogno della terza informazione per ottenere con precisione la posizione: Distanza da Roma = 80 Km A questo punto possiamo con certezza affermare che ci troviamo nell unico punto al mondo che dista 271 Km da Firenze, 215 da Napoli e 80 da Roma. Il risultato in questo caso è Rieti (Fig. 5). Rieti Figura 4 24

25 Capitolo uno Real Time Location System In realtà il GPS utilizza 4 misurazioni e il calcolo viene effettuato nello spazio tridimensionale, quindi al posto delle circonferenze ci sono delle sfere. Il terminale GPS riceve il segnale dai satelliti (le frequenze usate sono MHz e MHz) e, per ottenere la distanza tra il dispositivo ed il satellite, si deduce il tempo che il segnale ha impiegato per arrivare a terra. La misurazione avviene secondo un procedimento abbastanza complesso. Ad un ora prestabilita il satellite genera un codice (pseudo random code) e lo trasmette. Nello stesso istante anche il dispositivo GPS genera lo stesso codice e registra l orario per cui, quando il segnale dal satellite arriva a terra e viene letto dal dispositivo, questo lo riconosce ed è in grado di calcolare quanto tempo ha impiegato per percorrere la distanza che separa il ricevitore dal satellite. L effettiva distanza viene poi calcolata in quanto nota la velocità di propagazione del segnale (velocità della luce nel vuoto e nell atmosfera). Per ottenere la distanza tra il satellite ed il dispositivo GPS si deve moltiplicare il tempo per la velocità della luce (che nel vuoto è circa Km/s, nell atmosfera è 25

26 Capitolo uno Real Time Location System inferiore che nel vuoto e dipende anche dalle condizioni atmosferiche stesse). In questo processo la precisione è necessaria per una buona accuratezza della localizzazione. L orario preciso in cui il segnale parte dal satellite è di fondamentale importanza: un solo millesimo di secondo di differenza potrebbe causare nella rilevazione un errore dell ordine dei 300 Km. Come accennato precedentemente, per evitare errori di questo tipo, i satelliti sono dotati di quattro orologi atomici, che sfruttano le oscillazioni degli atomi di Cesio e Rubidio e che garantiscono uno standard di precisione assoluto (l errore è di circa un secondo ogni anni). Il dispositivo GPS non può, per ovvi motivi di costi, essere dotato di orologi atomici, quindi sono dotati di orologi cmq molto precisi che si auto correggono sfruttando il segnale dei satelliti A GPS L assisted GPS o A GPS è un sistema che consente di abbattere i tempi necessari alla prima localizzazione GPS. È particolarmente utile nei punti in cui si ha difficoltà a reperire la lista dei satelliti visti dal terminale (vie strette, 26

27 Capitolo uno Real Time Location System viali alberati). Uno dei problemi principali dei dispositivi GPS è quello della prima localizzazione (il Fixing). Il dispositivo alla prima accensione deve ottenere la lista dei satelliti che riesce a vedere in quel momento per riuscire ad agganciarli ed a usarli per la localizzazione. Tale processo è in genere alquanto dispendioso in termini di tempo e risorse, ed il sistema A GPS è stato studiato al fine di limitare questi problemi, anche in previsione di un utilizzo su dispositivi con basse capacità di elaborazione o con risorse energetiche limitate, come i telefoni cellulari. Lo scopo di questo sistema è quello di assistere il ricevitore GPS nel calcolo della posizione cercando di fornirgli informazioni sui satelliti in vista. Il sistema funziona sfrutta il principio che ogni cella 12 di 12 Una cella radio è lʹelemento unitario di una rete radio cellulare usata per la telefonia mobile (GSM/UMTS). La copertura radio di una cella è garantita da particolari antenne che, a seconda della tecnologia di rete mobile utilizzata, vengono chiamate BTS (per il GSM) o Node B(per lʹumts). Le singole celle sono collegate agli altri network element della rete cellulare tramite specifici cavi o ponti radio, talvolta anche satellitari. Fonte: ʺCella radio.ʺ Wikipedia, Lʹenciclopedia libera. 4 mag 2007, 16:33 <http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=cella_radio&oldid= >. 27

28 Capitolo uno Real Time Location System telefonia mobile ha una sua posizione fissa e si fa in modo che sia la cella stessa a ricavare quale siano i satelliti GPS ad essa in vista momento per momento. Quando un dispositivo A GPS vuole conoscere la posizione, si collega tramite la rete cellulare ad un Assistance Server al quale viene inviata l informazione della cella al quale è agganciato il dispositivo. Visto che i satelliti visti dalla cella sono una informazione disponibile si può ipotizzare che anche il dispositivo Lo scopo principale di questo sistema è quello di ʺassistereʺ il ricevitore GPS nel calcolo della posizione, fornendogli informazioni sui satelliti in vista. Tale metodologia richiede il supporto dellʹoperatore di possa contattare gli stessi satelliti. Quindi il server crea la lista dei satelliti e la invia al dispositivo mobile che può ricavare la posizione così la sua posizione. 1.2 Accenni di localizzazione GSM I metodi di localizzazione utilizzati nel contesto GSM per localizzare i terminali radiomobili all interno delle aree coperte dal segnale sono sostanzialmente tre: Cell Global Identity: questa tecnica si basa sull individuazione della cella radio entro cui si 28

29 Capitolo uno Real Time Location System trova il terminale da localizzare; la precisione di questa tecnica può andare da 35km a 100m. Una differenza così netta è giustificata dalla grandezza della cella entro cui il terminale si trova, più piccola è la cella, maggiore sarà la precisione. Figura 6 Una prima ottimizzazione può essere ottenuta nel caso in cui le antenne riescano a distinguere più settori all interno della cella; in tal caso si può identificare quello dal quale proviene il segnale: Figura G. Raffa, Monitoraggio della posizione di unità mobili in aree confinate, resi di laurea, Università degli studi di Bologna, a.a 2001/

30 Capitolo uno Real Time Location System Cell Global Identity + Timing Advance Questo metodo si base sull individuazione di un arco di una cella entro cui si trova il terminale da localizzare. Questo offre una precisione di circa 500m. Enhanced Observed Time Difference: si basa sulla misura da parte del terminale delle differenze dei tempi di arrivo di una stessa sequenza di bit proveniente da più stazioni radio base; offre una precisione dell ordine di m; 1.3 WLAN WI FI Con il termine WLAN si indica una rete locale che sfrutta le tecnologie wireless per connettere dispositivi di diversa natura senza l utilizzo di cavi. La tecnologia wireless, cioè senza fili, è principalmente utilizzata per trasferire dati tra computer o dispositivi similari, sfruttando un segnale radio ad alta frequenza. La comunicazione è garantita dallʹuso di 30

31 Capitolo uno Real Time Location System interfacce o schede di rete atte a trasmettere e ricevere segnali radio. La tecnologia WLAN più diffusa è quella basata sulle specifiche IEEE (nota anche con il nome commerciale Wi Fi). Il primo standard della famiglia IEEE (IEEE Institute of Electrical and Electronics Engineers), il protocollo di riferimento per le WLAN, risale al 1977 e garantiva una velocità nella trasmissioni dati assai limitata rispetto alle odierne possibilità e pari a circa 1 o 2 Mbps. Dal 1977 questo protocollo ha subito continue evoluzioni fino ad approdare allʹattuale versione, IEEE b/g, detto anche Wi fi, cioè il marchio che indica i dispositivi che permettono di effettuare comunicazioni digitali proprio con questo protocollo. L attuale protocollo utilizzato consente velocità di trasferimento che si aggirano intorno ai 54 Mbit/s. Per la realizzazione di una rete Wi Fi vengono utilizzati dispositivi chiamate access point che comunicano attraverso onde radio nelle bande dei 2,4 Ghz e 5,5 Ghz. Gli access point costituiscono una sorta di collegamento tra la sottorete wireless e il network tradizionale. La copertura che offrono gli access point è 31

32 Capitolo uno Real Time Location System abbastanza limitata. In ambiente indoor la copertura può arrivare fino a 300 metri, a condizione però che il segnale nella sua linea non incontri alcun ostacolo (in pratica però è impossibile trovare uno spazio al chiuso di lunghezze tali senza la presenza di ostacoli), solitamente i valori reali si attestano attorno ai 100 metri. Per coprire grandi aree, centri commerciali, aeroporti, si costituiscono reti composte da numerosi access point Gli access point possono avere antenne di due tipi: omnidirezionali e direzionali. Le prime sono utilizzate per coprire ambienti piccoli, come uffici e abitazioni. Le antenne direzionali invece consentono una copertura misurata in chilometri quadrati, vengono utilizzate infatti per portare la banda larga in zone non raggiunte dall ADSL. In questo caso però non si parla più di access point ma di collegamenti punto punto Wlan Positioning Le reti WLAN Wi Fi sono oramai una realtà ben sviluppata e consolidata. Numerosi edifici pubblici, aeroporti, stazioni, grandi ambienti di lavoro hanno risolto il problema del cablaggio degli edifici in modo semplice ed indolore: eliminando i cablaggi. 32

33 Capitolo uno Real Time Location System Inoltre un numero sempre maggiore di PDA e telefoni cellulari dispone di una scheda per il collegamento Wi Fi. Questi due fattori rendono questa tecnologia un campo aperto e sempre maggiormente sviluppato per la localizzazione indoor. Tutti i sistemi di localizzazione si basano su tre tipi di misurazioni sul segnale Wi Fi: SNR Signal to Noise Ratio: rapporto fra segnale e rumore 14 Proximity Sensing: potenza del segnale più forte RSS Received Signal Strength: potenze dei segnali ricevuti 15 Le misurazioni dei segnali vengono effettuate dal dispositivo che si intende localizzare, un software dedicato calcolerà la posizione usando dei modelli matematici. 14 Vedi Allegato A1 15 RSS o RSSI ( Information): misura (generalmente in scala logaritmica) del segnale ricevuto da unʹantenna o da qualsiasi dispositivo ricevitore, rappresenta una delle grandezze più importanti nella stima complessiva delle prestazioni di un sistema di comunicazione. 33

34 Capitolo uno Real Time Location System L osservazione dei segnali sia inviati che ricevuti dai dispositivi conduce all applicazione di tre metodi di localizzazione: Proximity sensing: La posizione del dispositivo è calcolata in base alla posizione dell access point da cui il dispositivo ha ricevuto il segnale più forte. Lateration: Le distanze tra gli access point ed il terminale sono determinate dalla perdita di intensità del segnale 16 durante la trasmissione dello stesso. Fingerprinting: Il pattern RSS creato dalla ricezione dei segnali dei vari access point viene messo a confronto con i vari pattern osservati durante la fase di addestramento. Fra i tre metodi, il fingerprinting è la tecnica che è stata scelta da tutte le applicazioni commerciali nate in questo campo. Nel paragrafo successivo ne viene data una breve spiegazione. 16 Path Loss vedi Allegato A2 34

35 Capitolo uno Real Time Location System Fingerprinting Tutti i sistemi di localizzazione Wi Fi per un loro corretto funzionamento hanno bisogno di una attenta e curata fase di addestramento. In pratica si insegna al sistema la composizione dell ambiente all interno del quale vogliamo localizzare cose o persone. In questa fase la tecnica del Fingerprinting ci aiuta a creare delle reference position che vengo memorizzate in un database che costituirà la nostra mappa dei segnali. Le reference position sono dei punti sulla cartina dove viene posizionato fisicamente il nostro dispositivo (Laptop, cellulare, PDA) e registriamo l intensità dei segnali ricevuti dagli access point in quel determinato punto. Questo fa sì che all interno del database si crei una tabella di valori, dove ad una posizione sono associati i segnali ricevuti dei vari access point (Tabella 1). La scelta delle posizioni dove effettuare le misurazioni per l addestramento, risulta quindi essere una delle fasi più importanti per ottenere poi una buona localizzazione. Si deve tener conto della posizione degli access point, della conformazione dello spazio (spessore dei muri), posizione di eventuali ostacoli che possono ostacolare la 35

36 Capitolo uno Real Time Location System normale propagazione del segnale (strutture in ferro, armadi, ecc). Position X Y AP 1 AP 2 AP 3 AP 4 235,2 122,7 35 db 70 db 67 db 11 db 123,5 321,8 72 db 66 db 88 db 78 db 211, db 43 db 11 db 77 db 234,6 321,6 32 db 77 db 78 db 82 db ,9 67 db 90 db 45 db 56 db 562,4 345,3 12 db 23 db 27 db 43 db 765,3 567,4 56 db 45 db 21 db 89 db Tabella 1 Nella fase di runtime il software usa i valori in tabella 1 valori per calcolare la posizione dei dispositivi. L approccio più utilizzato in questa procedura è quello statistico. Per spiegare la base del procedimento prendiamo in considerazione una tabella formata soltanto da tre misurazioni. Position X Y AP 1 AP 2 AP 3 AP 4 235,2 122,7 35 db 70 db 67 db 11 db 123,5 321,8 72 db 66 db 88 db 78 db 211, db 43 db 11 db 77 db Tabella 2 36

37 Capitolo uno Real Time Location System I tre punti presi in considerazione formano un triangolo con una superficie definita grazie ai valori delle potenze dei vari access point. (Tabella 2). In base a queste informazioni il software può dirci con una buona approssimazione se il dispositivo che stiamo localizzando sia presente o assente all interno del triangolo di valori che stiamo considerando. Considerando spazi molto piccoli questo dato potrebbe anche essere interessante, ma nel caso di spazi più o meno estesi si ha bisogno di sapere la posizione di un dato dispositivo all interno del triangolo, non la sua semplice presenza o assenza. 37

38 Capitolo uno Real Time Location System Figura 8 Per aumentare la precisione delle localizzazione ci si serve del concetto di granularità del dato. I valori degli access point vengono utilizzati per calcolare la posizione di punti intermedi all interno del triangolo. In questo modo si vedrà la creazione di alcuni sotto triangoli che andranno ad accrescere la precisione del posizionamento all interno della superficie considerata (Fig. 8 9). 38

39 Capitolo uno Real Time Location System Figura 9 In questa situazione il software potrà dirci in quali dei quattro triangoli si trova il nostro dispositivo. Aumentando la granularità (Fig. 10) possiamo ovviamente avere risultati migliori, a patto però di non considerare soltanto tre reference position, perché ovviamente più un singolo dato viene scomposto e più ne risente la precisione in ambiente reale. Il margine d errore di questo tipo di sistemi è intorno ai 3/5 m, ragion per cui abbiamo bisogno di un cospicuo numero 39

40 Capitolo uno Real Time Location System di registrazioni per avvicinare quanto più è possibile il calcolo del software alle reali posizioni nello spazio. 1.4 Ultra Wide Band Figura 10 Con Ultra Wide Band (banda ultra larga) (UWB) si indica una tecnologia sviluppata per trasmettere e ricevere segnali mediante lʹutilizzo di impulsi di energia in radiofrequenza di durata estremamente ridotta (da 40

Un applicazione client per la localizzazione via Bluetooth e Wi-Fi di dispositivi Smartphone Anno Accademico 2005/2006

Un applicazione client per la localizzazione via Bluetooth e Wi-Fi di dispositivi Smartphone Anno Accademico 2005/2006 tesi di laurea Un applicazione client per la localizzazione via Bluetooth e Wi-Fi di dispositivi Anno Accademico 2005/2006 relatore Ch.mo prof. Stefano Russo correlatore Ing. Massimo Ficco candidato Giorgio

Dettagli

Capitolo 6. Wireless LAN: via i fili!

Capitolo 6. Wireless LAN: via i fili! Capitolo 6 Wireless LAN: via i fili! Spesso la realizzazione di una rete impone maggiori problemi nella realizzazione fisica che in quella progettuale: il passaggio dei cavi all interno di apposite guide

Dettagli

WiFi: Connessione senza fili. di Andreas Zoeschg

WiFi: Connessione senza fili. di Andreas Zoeschg WiFi: Connessione senza fili di Andreas Zoeschg Introduzione Le tecnologie wireless risultano particolarmente adatte qualora sia necessario supportare la mobilità dei dispositivi utenti o per il deployment

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Giovedì 22-05-2014 1 Reti wireless Una

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Martedì 26-05-2015 1 Confronto tra switch

Dettagli

METODI DI LOCALIZZAZIONE

METODI DI LOCALIZZAZIONE METODI DI LOCALIZZAZIONE Angolo di arrivo (AOA) la posizione è determinata dalla direzione dei segnali in entrata inviati da altri trasmettitori la cui posizione è nota. Tecnica di triangolazione i per

Dettagli

Un Sistema Location-based per la mappatura degli Access Point

Un Sistema Location-based per la mappatura degli Access Point 1 Un Sistema Location-based per la mappatura degli Access Point Pasquale Cautela pasquale.cautela@studio.unibo.it Marco Peca marco.peca@studio.unibo.it Rosario Salpietro rosario.salpietro@studio.unibo.it

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI CLASSIFICAZIONE DELLE RETI A seconda dei ruoli dei computer le reti si classificano in: Reti Client Server in cui sono presenti computer con ruoli diversi, alcuni funzionano da client e uno o più da server

Dettagli

Wireless LAN. Scritto da BigDaD

Wireless LAN. Scritto da BigDaD Una Wireless local area network, WLAN, è un sistema di comunicazione flessibile e implementabile nella sua estensione, o alternativo, ad una rete fissa (wired LAN). In una W-LAN viene utilizzata una tecnologia

Dettagli

LE RETI DI COMUNICAZIONE

LE RETI DI COMUNICAZIONE LE RETI DI COMUNICAZIONE (Prima parte) Settembre 2002 I diritti di riproduzione, di memorizzazione elettronica e di adattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo, compresi i microfilm e le copie fotostatiche

Dettagli

INTEGRAZIONE ED ESPANSIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASTELLAMMARE DI STABIA TITOLO ELABORATO: MODULO ISOLE WI-FI HOT SPOT

INTEGRAZIONE ED ESPANSIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASTELLAMMARE DI STABIA TITOLO ELABORATO: MODULO ISOLE WI-FI HOT SPOT INTEGRAZIONE ED ESPANSIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASTELLAMMARE DI STABIA TITOLO ELABORATO: MODULO ISOLE WI-FI HOT SPOT INDICE 1. PREMESSA 4 2. ARCHITETTURA RETI MESH 5 3. DISPOSITIVI

Dettagli

La classificazione delle reti

La classificazione delle reti La classificazione delle reti Introduzione Con il termine rete si intende un sistema che permette la condivisione di informazioni e risorse (sia hardware che software) tra diversi calcolatori. Il sistema

Dettagli

invisibile Bluetooth, la porta

invisibile Bluetooth, la porta Tecnologia Mobile Bluetooth, la porta invisibile L interfaccia Bluetooth, presente ormai in una gran parte dei moderni telefoni cellulari, permette di collegare numerose periferiche: ecco come funziona

Dettagli

SISTEMI DI INTEGRAZIONE ELETTRONICA Il sistema GPS e la tecnologia RFID

SISTEMI DI INTEGRAZIONE ELETTRONICA Il sistema GPS e la tecnologia RFID ferrigno@unicas.it Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale SISTEMI DI INTEGRAZIONE ELETTRONICA Il sistema GPS e la tecnologia RFID Docente: Luigi Ferrigno GPS Il sistema GPS (Global Positioning

Dettagli

per Global Sensing Srl RFID Asset Management - 1

per Global Sensing Srl RFID Asset Management - 1 per Global Sensing Srl RFID Asset Management - 1 La tecnologia RFID è la soluzione per aumentare l efficienza e ridurre i costi delle attività di Asset Management permettendo di ottenere: Aumento sostanziale

Dettagli

Tecnologie Radio Cellulari. Reti Cellulari. Forma e Dimensione delle Celle. Organizzazione di una Rete Cellulare

Tecnologie Radio Cellulari. Reti Cellulari. Forma e Dimensione delle Celle. Organizzazione di una Rete Cellulare I semestre 04/05 Tecnologie Radio Cellulari Reti Cellulari Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

CAMPI ELETTROMAGNETICI

CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI Che cos è un campo elettromagnetico? Un campo elettromagnetico è una regione dello spazio in cui c è tensione elettrica. È il caso, ad esempio, della regione di spazio in cui vi

Dettagli

Richiami sulla telefonia cellulare

Richiami sulla telefonia cellulare Richiami sulla telefonia cellulare Riuso delle frequenze I Sistemi Sistemi : prima analogici (TACS) poi numerici (GSM, UMTS, LTE ) con codifica LPC della voce e crittografia Accesso (per ciascuna cella)

Dettagli

Le Reti di Computer. Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione. I.S.I.S.S. Sartor CASTELFRANCO V.TO. Prof. Mattia Amadori

Le Reti di Computer. Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione. I.S.I.S.S. Sartor CASTELFRANCO V.TO. Prof. Mattia Amadori I.S.I.S.S. Sartor CASTELFRANCO V.TO Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione Le Reti di Computer Prof. Mattia Amadori Anno Scolastico 2015/2016 COS È UNA RETE DI COMPUTER? Rete di computer è

Dettagli

Manuale Intel su reti Wireless

Manuale Intel su reti Wireless Manuale Intel su reti Wireless Una rete basata su cavi non e sempre la soluzione piu pratica, spesso una connettivita wireless risolve i problemi legati alla mobilita ed alla flessibilita che richiediamo

Dettagli

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet Informatica Generale Andrea Corradini 10 - Le reti di calcolatori e Internet Cos è una rete di calcolatori? Rete : È un insieme di calcolatori e dispositivi collegati fra loro in modo tale da permettere

Dettagli

Reti di calcolatori. Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.)

Reti di calcolatori. Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.) Reti di calcolatori Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.) Reti di calcolatori Inizialmente, con l avvento dei PC, il mondo dell elaborazione dati era diviso in due

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO WI-FI CGIL

ATTUAZIONE DEL PROGETTO WI-FI CGIL Seminario Nazionale ATTUAZIONE DEL PROGETTO WI-FI CGIL 10 luglio 2009 Sala Fernando Santi - CGIL nazionale - Corso d Italia 25 - Roma PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Wi-Fi CGIL All interno del Progetto nazionale

Dettagli

1.2 CLASSIFICAZIONE DELLE RETI SULLA BASE DELL ESTENSIONE

1.2 CLASSIFICAZIONE DELLE RETI SULLA BASE DELL ESTENSIONE Reti di calcolatori 1.1 Definizione di rete di calcolatori Una rete di calcolatori è un'insieme di computer, collegati fra di loro mediante un opportuna infrastruttura, ed in grado di comunicare allo scopo

Dettagli

1.4.1 Architettura protocollare 802.15. 1.4.2 Architettura Core System

1.4.1 Architettura protocollare 802.15. 1.4.2 Architettura Core System Introduzione Capitolo 1: Le Reti Wireless 1.1 Introduzione 1.2 Le reti Cellulari 1.2.1 Struttura di una rete cellulare 1.2.2 Stabilimento e mantenimento di una chiamata 1.3 Panoramica sulle diverse generazioni

Dettagli

Su misura a tutte le strutture che vogliono guardare al futuro e rimanere al passo coi tempi

Su misura a tutte le strutture che vogliono guardare al futuro e rimanere al passo coi tempi Soluzione HOT SPOT Su misura a tutte le strutture che vogliono guardare al futuro e rimanere al passo coi tempi Chi viaggia per lavoro molto spesso ha la necessità di scaricare posta, inviare e-mail, trasmettere

Dettagli

Appunti di telecomunicazione

Appunti di telecomunicazione Servizio radiomobile GSM Cenni storici Il primo sistema telefonico radiomobile della storia nacque negli USA nel 1964 e funzionava nella gamma di frequenza dei 160/450 MHz con soli 23 canali bidirezionali.

Dettagli

Introduzione (2/3) A seconda dei casi, l elemento di accoppiamento è costituito da una spira o da una antenna

Introduzione (2/3) A seconda dei casi, l elemento di accoppiamento è costituito da una spira o da una antenna Introduzione (1/3) Radio Frequency IDentification (RFID) = possibilità di acquisire informazioni su di un oggetto per mezzo della radio-comunicazione ( contactless) fra un Tag ( etichetta ) fisicamente

Dettagli

IL TEST JIG PER IL SOTTOSISTEMA COMMS DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE

IL TEST JIG PER IL SOTTOSISTEMA COMMS DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE IL TEST JIG PER IL SOTTOSISTEMA COMMS DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE INDICE 1. Introduzione...3 2. Lista delle abbreviazioni...3 3. Requisiti e architettura del test jig COMMS...4 3.1 I compiti

Dettagli

Il Sistema di Posizionamento Globale (GPS)

Il Sistema di Posizionamento Globale (GPS) Il Sistema di Posizionamento Globale (GPS) Metodo di base: triangolazione nello spazio I satelliti GPS Determinazione delle distanze dai satelliti mediante misure di tempi di arrivo dei segnali Come è

Dettagli

Roma, 24 Novembre 2014

Roma, 24 Novembre 2014 Roma, 24 Novembre 2014 Piano di rete Comune di GUARDIAGRELE (CH) Piano 2015 Indice dei contenuti INTRODUZIONE 1 ACCENNI SUL SISTEMA CELLULARE 1.1 UMTS E HSDPA: LA NUOVA TECNOLOGIA E LA SUA EVOLUZIONE 1.2

Dettagli

ALLEGATO 1 NOTE SULL USO DEL METODO DI RILIEVO LASER SCANNER PER LE CAVE DEL COMUNE DI NUVOLENTO.

ALLEGATO 1 NOTE SULL USO DEL METODO DI RILIEVO LASER SCANNER PER LE CAVE DEL COMUNE DI NUVOLENTO. ALLEGATO 1 NOTE SULL USO DEL METODO DI RILIEVO LASER SCANNER PER LE CAVE DEL COMUNE DI NUVOLENTO. A)Generalità Una prima importante precisazione: il metodo non ricorre a tecniche aerofotogrammetriche,

Dettagli

Video Comunicazione su Rete Internet

Video Comunicazione su Rete Internet Video Comunicazione su Rete Internet 1 Introduzione alla comunicazione video su rete Internet. La rapida evoluzione dell Information Technology negli ultimi anni ha contribuito in maniera preponderante

Dettagli

Si introdurranno poi le topologie delle reti di calcolatori per capire meglio come gli apparati vengono interconnessi e secondo quali standard.

Si introdurranno poi le topologie delle reti di calcolatori per capire meglio come gli apparati vengono interconnessi e secondo quali standard. Pagina 1 di 8 Installare e configurare componenti hardware di rete Topologie di rete In questo approfondimento si daranno alcune specifiche tecniche per l'installazione e la configurazione hardware dei

Dettagli

Termini che è necessario capire:

Termini che è necessario capire: Per iniziare 1........................................ Termini che è necessario capire: Hardware Software Information Technology (IT) Mainframe Laptop computer Unità centrale di elaborazione (CPU) Hard

Dettagli

Esame di INFORMATICA COS E UNA RETE. Lezione 6 COMPONENTI DI UNA RETE VANTAGGI DI UNA RETE

Esame di INFORMATICA COS E UNA RETE. Lezione 6 COMPONENTI DI UNA RETE VANTAGGI DI UNA RETE Università degli Studi di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA A.A. 2008/09 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite

Dettagli

MobiMESH. Wireless Mesh a banda larga. Ing. Stefano Napoli Product Manager

MobiMESH. Wireless Mesh a banda larga. Ing. Stefano Napoli Product Manager MobiMESH Wireless Mesh a banda larga Ing. Stefano Napoli Product Manager Un paradigma di networking Architettura di rete MobiMESH Rete Cablata: integrata nel routing Backbone: infrastruttura wireless multihop

Dettagli

GSM/GPRS/UMTS/HSDPA: evoluzione delle tecnologie e nuovi scenari applicativi

GSM/GPRS/UMTS/HSDPA: evoluzione delle tecnologie e nuovi scenari applicativi www.telit.com GSM/GPRS/UMTS/HSDPA: evoluzione delle tecnologie e nuovi scenari applicativi Sergio Sciarmella I sistemi di telecomunicazione e le reti wireless in particolare sono cambiate in modo radicale

Dettagli

Reti di Sensori Wireless (WSN) per il telecontrollo nelle energie rinnovabili

Reti di Sensori Wireless (WSN) per il telecontrollo nelle energie rinnovabili Reti di Sensori Wireless (WSN) per il telecontrollo nelle energie rinnovabili Matteo Bambini Technical Marketing Manager Forum Telecontrollo Reti Acqua Gas ed Elettriche Roma 14-15 ottobre 2009 Agenda

Dettagli

Esame di INFORMATICA

Esame di INFORMATICA Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 6 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite cavi oppure

Dettagli

LA TECNOLOGIA TELEPASS NELLA GESTIONE DELLE FLOTTE DI TRASPORTO PUBBLICO L APPLICAZIONE DELLA C.T.P.

LA TECNOLOGIA TELEPASS NELLA GESTIONE DELLE FLOTTE DI TRASPORTO PUBBLICO L APPLICAZIONE DELLA C.T.P. LA TECNOLOGIA TELEPASS NELLA GESTIONE DELLE FLOTTE DI TRASPORTO PUBBLICO L APPLICAZIONE DELLA C.T.P. Maggio 2002 Direzione Pianificazione e Ricerca Area Controllo di Gestione, Nuove Tecnologie e Qualita

Dettagli

WIRELESS: TECNICHE DI COMUNICAZIONE

WIRELESS: TECNICHE DI COMUNICAZIONE Autore: Classe: Michele Naso QUINTA INFORMATICA (5IA) Anno scolastico: 2003/2004 Scuola: Itis Euganeo WIRELESS: TECNICHE DI COMUNICAZIONE Dispensa Il presente lavoro vuole mostrare le tecniche di codifica

Dettagli

RISCHI DA CAMPI ELETTROMAGNETICI E SISTEMI WI-FI

RISCHI DA CAMPI ELETTROMAGNETICI E SISTEMI WI-FI RISCHI DA CAMPI ELETTROMAGNETICI E SISTEMI WI-FI PRINCIPALI FONTI DI CAMPI ELETTROMAGNETICI: ELETTRODOTTI ELETTRODOMESTICI TELEFONIA MOBILE RETI DATI WIRELESS ANTENNE RADIO BC 1 IL CAMPO ELETTRICO È una

Dettagli

03 L architettura del computer e la CPU (parte 2) Dott.ssa Ramona Congiu

03 L architettura del computer e la CPU (parte 2) Dott.ssa Ramona Congiu 03 L architettura del computer e la CPU (parte 2) Dott.ssa Ramona Congiu 1 Anatomia del computer Dott.ssa Ramona Congiu 2 L Unità centrale 3 Anatomia del computer 4 La scheda madre All interno del computer

Dettagli

SISTEMA DI MONITORAGGIO AMBIENTALE TRAMITE WSN

SISTEMA DI MONITORAGGIO AMBIENTALE TRAMITE WSN Università degli Studi di Pavia Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica SISTEMA DI MONITORAGGIO AMBIENTALE TRAMITE WSN Relatore: Prof. Paolo Ettore Gamba Correlatore:

Dettagli

Ogni stazione base viene collegata via cavo ad altri nodi della rete fissa.

Ogni stazione base viene collegata via cavo ad altri nodi della rete fissa. Reti cellulari La rete cellulare è una rete per cui la copertura geografica è realizzata con una tassellazione a celle: porzioni di area geografica che unite ricoprono perfettamente una zona. La prerogativa

Dettagli

Laboratorio Informatico: RETI E INTERNET I. Laerte Sorini. laerte@uniurb.it Lezione 03 parte 1

Laboratorio Informatico: RETI E INTERNET I. Laerte Sorini. laerte@uniurb.it Lezione 03 parte 1 Laboratorio Informatico: RETI E INTERNET I Laerte Sorini laerte@uniurb.it Lezione 03 parte 1 Introduzione Indispensabili per l esistenza delle reti, sono spesso sottovalutati mezzi fisici o guidati (conducted

Dettagli

LE AREE TEMATICHE : L INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO

LE AREE TEMATICHE : L INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO LE AREE TEMATICHE : L INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO Quando si parla di inquinamento elettromagnetico o più comunemente elettrosmog ci si riferisce alle alterazioni del campo magnetico naturale generate

Dettagli

Scopi e classificazioni

Scopi e classificazioni Reti di calcolatori Scopi e classificazioni Samuel Rota Bulò DAIS Università Ca Foscari di Venezia Classificazione reti R1.1 Reti Nozione di rete, molto diffusa in diversi contesti Ogni rete corrisponde

Dettagli

GPS? SINTETICAMENTE STRUTTURA WGS 84 TECNICHE DI MISURAZIONE RILIEVO TOPOGRAFICO PRECISIONE E FONTI DI ERRORE RETE GPS

GPS? SINTETICAMENTE STRUTTURA WGS 84 TECNICHE DI MISURAZIONE RILIEVO TOPOGRAFICO PRECISIONE E FONTI DI ERRORE RETE GPS GPS GPS? SINTETICAMENTE STRUTTURA WGS 84 TECNICHE DI MISURAZIONE RILIEVO TOPOGRAFICO PRECISIONE E FONTI DI ERRORE RETE GPS GPS Global Positioning System è costituito da una costellazione di satelliti NAVSTAR

Dettagli

Wireless Internet Banda Larga

Wireless Internet Banda Larga Wireless Internet Banda Larga SERVIZI FORNITI DA ROMAGNA RIPETITORI Romagna Ripetitori Srl Via Lasie 10/L - Imola (BO) www.romagnaripetitori.it info@romagnaripetitori.it Tel. 0542.066536 Fax. 051.3764109

Dettagli

WIFI FAQ. TEMA Domanda Risposta

WIFI FAQ. TEMA Domanda Risposta WIFI FAQ TEMA Domanda Risposta Informazioni generali Che cos'è un Hot spot? Con il termine Hot spot ci si riferisce comunemente ad un'intera area dove è possibile accedere ad Internet senza fili, utilizzando

Dettagli

MEZZI TRASMISSIVI 1. Il doppino 2. Il cavo coassiale 3. La fibra ottica 5. Wireless LAN 7

MEZZI TRASMISSIVI 1. Il doppino 2. Il cavo coassiale 3. La fibra ottica 5. Wireless LAN 7 MEZZI TRASMISSIVI 1 Il doppino 2 Il cavo coassiale 3 La fibra ottica 5 Wireless LAN 7 Mezzi trasmissivi La scelta del mezzo trasmissivo dipende dalle prestazioni che si vogliono ottenere, da poche centinaia

Dettagli

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Reti di computer- Internet- Web Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti n n n Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello timesharing,

Dettagli

Il quarto stadio evolutivo della logistica integrata

Il quarto stadio evolutivo della logistica integrata insider reports COLLANA WHITE PAPERS Con i link alle lezioni di Marco Locatelli sulla logistica integrata real-time Il quarto stadio evolutivo della logistica integrata Come le nuove tecnologie di identificazione

Dettagli

2 - Canali e Multiplazione

2 - Canali e Multiplazione Università degli studi di Bergamo Università degli studi di Bergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici Reti di Calcolatori prof. F. Martignon 2 - Canali e Multiplazione 1

Dettagli

Sistemi a larga banda (Broadband)

Sistemi a larga banda (Broadband) 61 Sistemi a larga banda (Broadband) Le applicazioni informatiche e i servizi multimediali (musica, film, manifestazioni sportive) offerti sulla grande rete Internet e attraverso la televisione digitale

Dettagli

Reti di accesso e mezzi trasmissivi

Reti di accesso e mezzi trasmissivi Reti di accesso e mezzi trasmissivi Domanda: come si connettono gli host agli edge router? Reti di accesso residenziale (da casa) Reti di accesso istituzionali (scuole, università, aziende) Reti di accesso

Dettagli

Le reti di calcolatori

Le reti di calcolatori Le reti di calcolatori 1 La storia Computer grandi e costosi Gli utenti potevano accerdervi tramite telescriventi per i telex o i telegrammi usando le normali linee telefoniche Successivamente le macchine

Dettagli

MobiMESH. Presentazione tecnico-commerciale. Ing. Stefano Napoli Product Manager

MobiMESH. Presentazione tecnico-commerciale. Ing. Stefano Napoli Product Manager MobiMESH Presentazione tecnico-commerciale Ing. Stefano Napoli Product Manager Un paradigma di networking Architettura di rete MobiMESH Rete Cablata: integrata nel routing Backbone: infrastruttura wireless

Dettagli

Esame di INFORMATICA Lezione 6

Esame di INFORMATICA Lezione 6 Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 6 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite cavi oppure

Dettagli

Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti

Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti Indice Mezzi e tecniche di trasmissione dati Cavi in rame Fibre ottiche Onde radio e sistemi wireless Modulazione e demodulazione Reti di calcolatori

Dettagli

Rilheva. La soluzione per il monitoraggio

Rilheva. La soluzione per il monitoraggio Rilheva. La soluzione per il monitoraggio non presidiato. Vemer-Siber Group S.p.A. - Sede Commerciale di Brugherio - Via Belvedere, 11-20047 Brugherio (MI) Tel. 039 20901 - Fax 039 2090222 - www.vemersiber.it

Dettagli

Reti di calcolatori. Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti

Reti di calcolatori. Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello time-sharing, centri di calcolo Anni 80: reti di

Dettagli

Wi-Fi, la libertà di navigare in rete senza fili. Introduzione.

Wi-Fi, la libertà di navigare in rete senza fili. Introduzione. Wi-Fi, la libertà di navigare in rete senza fili. Introduzione. L evoluzione delle tecnologie informatiche negli ultimi decenni ha contribuito in maniera decisiva allo sviluppo del mondo aziendale, facendo

Dettagli

RETI GEOGRAFICHE Introduzione alle reti geografiche Trasmissione dati su linea telefonica analogica. Lenee dedicate Reti a commutazione di pacchetto

RETI GEOGRAFICHE Introduzione alle reti geografiche Trasmissione dati su linea telefonica analogica. Lenee dedicate Reti a commutazione di pacchetto 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 RETI GEOGRAFICHE Introduzione alle reti geografiche Trasmissione dati su linea telefonica analogica ISDN ADSL RAS Lenee dedicate Reti a commutazione di pacchetto ATM Reti wireless

Dettagli

SINER ACCESS. Sistema per il controllo degli accessi

SINER ACCESS. Sistema per il controllo degli accessi SINER ACCESS Sistema per il controllo degli accessi INTRODUZIONE Sia in ambito civile che industriale, è da anni costantemente più avvertita l esigenza di sviluppare forme evolute di controllo di determinate

Dettagli

Localizzazione e tracciamento indoor con e senza infrastrutture

Localizzazione e tracciamento indoor con e senza infrastrutture Localizzazione e tracciamento indoor con e senza infrastrutture Davide Merico (davide.merico@disco.unimib.it) Università degli Studi di Milano-Bicocca DISCo, NOMADIS TECH IT EASY - Telemobility Forum 08

Dettagli

Gps e Cartografia Digitale Sistema e principi di funzionamento. 2 Corso ASE Popoli, 5 luglio 2015 AE Arturo Acciavatti

Gps e Cartografia Digitale Sistema e principi di funzionamento. 2 Corso ASE Popoli, 5 luglio 2015 AE Arturo Acciavatti Gps e Cartografia Digitale Sistema e principi di funzionamento 2 Corso ASE Popoli, 5 luglio 2015 AE Arturo Acciavatti Carta topografica Bussola Altimetro Orientamento classico 2 L orientamento classico

Dettagli

Titolo: È gradita una competenza base in Matlab. Conoscenze linguistiche: padronanza della lingua inglese

Titolo: È gradita una competenza base in Matlab. Conoscenze linguistiche: padronanza della lingua inglese Titolo: Studio e sviluppo di applicazioni innovative basate su tecnologia di sensori indossabili Descrizione: Le body sensor networks (BSN) sono costituite da piccoli dispositivi che posti sul corpo umano

Dettagli

Lezione E1. Sistemi embedded e real-time

Lezione E1. Sistemi embedded e real-time Lezione E1 Sistemi embedded e real-time 3 ottobre 2012 Dipartimento di Ingegneria Civile e Ingegneria Informatica Università degli Studi di Roma Tor Vergata SERT 13 E1.1 Di cosa parliamo in questa lezione?

Dettagli

Sistema di rilevamento integrato a lungo raggio Rilevamento a fibre ottiche e rete di comunicazione integrati

Sistema di rilevamento integrato a lungo raggio Rilevamento a fibre ottiche e rete di comunicazione integrati Sistema di rilevamento integrato a lungo raggio Rilevamento a fibre ottiche e rete di comunicazione integrati Rilevamento interrato, su recinzione, su muri e su tubazioni Distanza fino a 50 km e punto

Dettagli

Reti di Calcolatori:

Reti di Calcolatori: Reti di Calcolatori: Internet, Intranet e Mobile Computing a.a. 2007/2008 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/reti/reti0708.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì

Dettagli

RFID, WIRELESS e GPS: nuovi orizzonti nell automazione

RFID, WIRELESS e GPS: nuovi orizzonti nell automazione Piero G. Squizzato RFID, WIRELESS e GPS: nuovi orizzonti nell automazione Le trasmissioni in radiofrequenza hanno avuto continue evoluzioni nell ultimo decennio che, oltre a diffondersi in ogni campo della

Dettagli

Lez. 2 L elaborazione

Lez. 2 L elaborazione Lez. 2 L elaborazione Prof. Giovanni Mettivier 1 Dott. Giovanni Mettivier, PhD Dipartimento Scienze Fisiche Università di Napoli Federico II Compl. Univ. Monte S.Angelo Via Cintia, I-80126, Napoli mettivier@na.infn.it

Dettagli

Linguaggio e Architettura

Linguaggio e Architettura Parte 1 Linguaggio e Architettura IL LINGUAGGIO DELL INFORMATICA 1.1 1 Importante imparare il linguaggio dell informatica L uso Lusodella terminologia giusta è basilare per imparare una nuova disciplina

Dettagli

Piano di rete Comune di VASTO (CH) Roma, 21Dicembre 2015

Piano di rete Comune di VASTO (CH) Roma, 21Dicembre 2015 Piano di rete Comune di VASTO (CH) Roma, 21Dicembre 2015 Indice dei contenuti INTRODUZIONE 1 ACCENNI SUL SISTEMA CELLULARE 1.1 UMTS E HSDPA: LA NUOVA TECNOLOGIA E LA SUA EVOLUZIONE 1.2 LE POTENZIALITÀ

Dettagli

Sistemi Di Elaborazione Dell informazione

Sistemi Di Elaborazione Dell informazione Sistemi Di Elaborazione Dell informazione Dott. Antonio Calanducci Lezione III: Reti di calcolatori Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Anno accademico 2009/2010 Reti di calcolatori Una rete

Dettagli

La t ecnologia WSN La piattaforma NI WSN Ambiente di programmazione Real Time (NI LabVIEW):

La t ecnologia WSN La piattaforma NI WSN Ambiente di programmazione Real Time (NI LabVIEW): La programmazione grafica di Reti di Sensori Wireless (Wireless Sensor Networks - WSN) in ambito industriale Massimiliano Banfi - Systems Engineers Manager - National Instruments Italy La t ecnologia WSN

Dettagli

UNA RETE SENZA FILI. C O N L E A Z I E N D E V E R S O N U O V E I M P R E S E

UNA RETE SENZA FILI. C O N L E A Z I E N D E V E R S O N U O V E I M P R E S E UNA RETE SENZA FILI. C O N L E A Z I E N D E V E R S O N U O V E I M P R E S E LA MOBILITÀ WLAN La mobilità aziendale non è più una frontiera tecnologica, ma una concreta necessità per competere ed essere

Dettagli

Finalità delle Reti di calcolatori. Le Reti Informatiche. Una definizione di Rete di calcolatori. Schema di una Rete

Finalità delle Reti di calcolatori. Le Reti Informatiche. Una definizione di Rete di calcolatori. Schema di una Rete Finalità delle Reti di calcolatori Le Reti Informatiche Un calcolatore isolato, anche se multiutente ha a disposizione solo le risorse locali potrà elaborare unicamente i dati dei propri utenti 2 / 44

Dettagli

La valutazione dei rischi da campi elettromagnetici in ambiente lavorativo

La valutazione dei rischi da campi elettromagnetici in ambiente lavorativo La valutazione dei rischi da campi elettromagnetici in ambiente lavorativo Generalità sui campi elettromagnetici (CEM) Campi elettromagnetici naturali Campo elettrico Campo magnetico Campi elettromagnetici

Dettagli

MERLOMOBILITY - IT MERLOMOBILITY. Tutto sotto controllo. Costruttori di fiducia.

MERLOMOBILITY - IT MERLOMOBILITY. Tutto sotto controllo. Costruttori di fiducia. MERLOMOBILITY - IT MERLOMOBILITY Tutto sotto controllo. Costruttori di fiducia. MerloMobility l infomobilità del Gruppo Merlo. MerloMobility controllo totale. MerloMobility offre vantaggi in esclusiva

Dettagli

Corso di formazione CerTIC Tablet

Corso di formazione CerTIC Tablet Redattore prof. Corso di formazione CerTIC Tablet Dodicesima Dispensa Comitato Tecnico Scientifico: Gruppo Operativo di Progetto CerticAcademy Learning Center, patrocinato dall assessorato al lavoro e

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 102 Sommario della

Dettagli

Applicazioni e considerazioni conclusive

Applicazioni e considerazioni conclusive Applicazioni e considerazioni conclusive 8.1 La telecamera tridimensionale Il sistema di scansione a luce debolmente strutturata permette di scandire un oggetto e di ricavarne un immagine tridimensionale

Dettagli

Negozio con RFID. Una soluzione innovativa per l'identificazione dei prodotti. Negozio con RFID. RF:: Radio Frequency ID:: IDentification

Negozio con RFID. Una soluzione innovativa per l'identificazione dei prodotti. Negozio con RFID. RF:: Radio Frequency ID:: IDentification Una soluzione innovativa per l'identificazione dei prodotti RF:: Radio Frequency ID:: IDentification Ha un costo per etichetta che, per volumi molto grandi (ordine del milione di pezzi), può arrivare a

Dettagli

I.I.S. G. MINUTOLI - MESSINA

I.I.S. G. MINUTOLI - MESSINA I.I.S. G. MINUTOLI - MESSINA OGGETTO : cenni sul seminario GPS del 24/09/2010 1) GNSS E PRINCIPI DI FUNZIONAMENTO: IL sistema GPS (ovvero Global Positioning System) è un sistema di posizionamento globale

Dettagli

Il radar meteorologico

Il radar meteorologico Il radar meteorologico Il radar meteorologico è uno strumento che sfrutta impulsi di onde elettromagnetiche per rilevare la presenza in atmosfera di idrometeore (goccioline d acqua, cristalli di neve o

Dettagli

Geo Sailing Tracks http://www.geost.it/

Geo Sailing Tracks http://www.geost.it/ Geo Sailing Tracks http://www.geost.it/ Sistema di gestione pratica, economica e sicura della flotta navale. Questa tecnologia rappresenta un sistema integrato che permette di conoscere, in ogni istante,

Dettagli

UTILIZZO DI RFID IN AMBITO DOMESTICO: RILEVAMENTO E IDENTIFICAZIONE DEI PRODOTTI

UTILIZZO DI RFID IN AMBITO DOMESTICO: RILEVAMENTO E IDENTIFICAZIONE DEI PRODOTTI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Scienze dell Informazione UTILIZZO DI RFID IN AMBITO DOMESTICO: RILEVAMENTO E IDENTIFICAZIONE DEI

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti e.visciotti@gmail.com Il termine generico rete (network) definisce un insieme di entità (oggetti, persone, ecc.) interconnesse le une alle altre. Una rete permette

Dettagli

L architettura dell applicazione La figura seguente rappresenta l architettura dell applicazione di Rilevazione Presenze.

L architettura dell applicazione La figura seguente rappresenta l architettura dell applicazione di Rilevazione Presenze. Rilevazione Presenze Molte aziende si avvalgono di personale che svolge la propria attività in mobilità, lontano dalla sede, e hanno la necessità di registrarne e certificarne la presenza e gli orari di

Dettagli

Gestione Globale delle Risorse Mobili

Gestione Globale delle Risorse Mobili Gestione Globale delle Risorse Mobili Localizza e Controlla con un unica Soluzione La Tecnologia Qastrack è la soluzione Qascom per la localizzazione ed il monitoraggio remoto delle risorse mobili, siano

Dettagli

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni Architettura dei Sistemi di Telelocalizzazione GPS/GALILEO Prof. Francesco Benedetto, fbenedet@uniroma3.it Dipartimento di Elettronica Applicata Cenni Storici I

Dettagli

Presentazione del sistema Adcon Telemetry

Presentazione del sistema Adcon Telemetry Presentazione del sistema Adcon Telemetry 1. Premessa Lo scopo del monitoraggio è quello di automatizzare i processi, nei vari campi di applicazione, mediante sistemi di controllo, di trasmissione, raccolta

Dettagli

Music Everywhere with BT

Music Everywhere with BT Music Everywhere with BT Acquaviva Luca 231767 luca.acquaviva@studio.unibo.it Colombini Gabriele 231491 gabriele.colombini@studio.unibo.it Manservisi Alberto 258370 alberto.manservisi@studio.unibo.it Abstract

Dettagli

Università degli Studi di Milano - Bicocca Piazza dell'ateneo Nuovo, 1 20126, Milano

Università degli Studi di Milano - Bicocca Piazza dell'ateneo Nuovo, 1 20126, Milano Dipartimento Provinciale di Milano U.O. Agenti Fisici Via Juvara, 22-20129 MILANO Tel. 02.74872261 Fax 02.70124857 Milano, 10 marzo 2009 Prot. N 32013 TIT. 3.3.4 Alla cortese attenzione del Chiar.mo Rettore

Dettagli