Il futuro dei Real Time Location System, integrazione tra sistemi e piattaforme

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il futuro dei Real Time Location System, integrazione tra sistemi e piattaforme"

Transcript

1 Facoltà di Scienze della Comunicazione Corso di Laurea Specialistica in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo Il futuro dei Real Time Location System, integrazione tra sistemi e piattaforme Relatore: Prof. Carlo Maria Medaglia Correlatore: Prof. Ugo Biader Ceipidor Candidato: Andrea Ingrosso matr Anno Accademico 2006/2007 1

2 2

3 A Sabrina, che mi ha insegnato il valore di un sorriso 3

4 4

5 Indice Introduzione... 7 Capitolo 1 Real Time Location System GPS Global Positioning System LaTrilaterazione A GPS Accenni di localizzazione GSM WLAN WI FI Wlan Positioning Fingerprinting Ultra Wide Band UWB Positioning RFId RFId Positioning ZigBee ZigBee positioning Capitolo 2 I nuovi sistemi di computing Ubiquitous Computing Location Based Service Tassonomia dei Location Based Service Gli attori dei Location Based Service LBS, applicazione pratica

6 Introduzione Capitolo 3 LBS e Privacy L ordinamento nazionale. Codice in materia di protezione dei dati personali Disposizioni generali (Parte I) Disposizioni relative a specifici settori (Parte II) Il provvedimento del Garante (9 marzo 2005) Il problema della privacy negli ambiti di applicazione Capitolo 4 La piattaforma Ubiquicom Struttura del software Installazione, configurazione, fase di Learning i test di localizzazione CATTID CNIPA Caratterizzazione e testing del sistema Modalità e prove sul campo Risultati Capitolo cinque Idee progettuali Child control Idee progettuali (parte seconda) Conclusioni Allegati Bibliografia Sitografia Ringraziamenti

7 Introduzione Questo lavoro di tesi nasce dopo quasi due anni di lavoro all interno dell RFId Lab del Cattid all Università Sapienza di Roma. Conosciuto il Prof. Medaglia, il mondo RFId e quello della geolocalizzazione il passo per decidere di concludere il mio corso di studi con una tesi tecnologica è stato davvero molto breve. L ambiente di laboratorio e l aver trovato splendide persone con cui lavorare è stato il completamento di un esperienza che mi ha insegnato molto sotto il profilo umano e culturale. L ambiente di ricerca in laboratorio mi ha dato inoltre la possibilità di toccare con mano le tecnologie rendendomi sicuramente più partecipe ed interessato ad argomenti che fino a poco tempo prima rimanevano soltanto interessate letture. Questa esperienza oltre a questi tesi ha prodotto anche un articolo pubblicato sul mensile Wireless Management che mi ha visto impegnato insieme alla presenza del Prof. Ugo Biader Ceipidor e del prof. Carlo Medaglia. L argomento della mia tesi è il mondo della geolocalizzazione, dai Real Time Location System (la tecnologia) ai servizi sviluppati e sviluppabili (Location 7

8 Introduzione Based Service). Obiettivo della stessa è esplorare l intero universo di componenti che costruiscono un servizio di localizzazione, studiarne le potenzialità, i limiti ed i possibili sviluppi futuri. Tutto questo senza dimenticare come la tecnologia si sia evoluta e conseguentemente di come si sia evoluto il rapporto dell uomo con essa. Nel primo capitolo prendo in esame le tecnologie che al momento sono le più utilizzate per la localizzazione, esponendo pregi e difetti di ognuna e facendo i dovuti confronti. Il secondo è diviso in due parti; la prima in cui ho esposto la base teorica dei nuovi mezzi di comunicazione e dell evoluzione del mondo del computing, la seconda si occupa dei Location Based Service, dalla loro tassonomia ad esempi pratici. Il terzo capitolo va ad esaminare il rapporto fra il rispetto della privacy e l installazione e l utilizzo dei sistemi di localizzazione nei vari contesti d uso. Il quarto capitolo riassume la mia esperienza di laboratorio incentrata fondamentalmente sull utilizzo della piattaforma di localizzazione di Ubiquicom, il lavoro effettuato per installare la piattaforma ed i vari test condotti. 8

9 Introduzione Infine nella quinta ed ultima parte di questo lavoro propongo due servizi progettati a conclusione di questo lavoro di ricerca. 9

10 10

11 Capitolo 1 Real Time Location System Immaginiamo di aver spedito un pacco e di volerne conoscere la posizione momento per momento, fino al suo arrivo; oppure di trovarci in una città sconosciuta e di voler sapere qual è il ristorante più vicino alla nostra posizione; o ancora voler controllare a distanza il percorso che sta compiendo un automezzo della nostra compagnia, oppure semplicemente sapere se al prossimo incrocio dobbiamo svoltare a destra o sinistra per raggiungere il nostro nuovo posto di lavoro. Queste operazioni sono possibili grazie all uso dei sistemi di localizzazione in tempo reale (Real Time Location System o RTLS in inglese). Nella loro accezione più generale, gli RTLS sono la varietà di sistemi atti a fornire informazioni sulla posizione nello spazio di oggetti e persone in tempo reale. Sotto la spinta dell esigenza di una sempre più puntuale e precisa localizzazione, lo sviluppo tecnologico è stato considerevole. Negli ultimi 10 anni, lo sviluppo e la messa a regime di nuovi standard tecnologici ha reso possibile la nascita di 11

12 Capitolo uno Real Time Location System un ampia gamma di sistemi RTLS che riescono a soddisfare le esigenze dei numerosi campi di applicazione in cui oggi vengono utilizzati. Basti considerare che fino a poco tempo fa l unica tecnologia disponibile era il GPS, con tutti i limiti che verranno descritti nel prosieguo del capitolo. L attuale trend, invece, vede diverse tecnologie quali GPS, Wi Fi 1, ZigBee 2, Ultra Wide Band 3 ed RFId concorrere a creare RTLS di varia natura che si adattano perfettamente a diverse esigenze in numerosi campi di applicazione. L utilizzo di una soluzione invece di un altra è strettamente correlato con le esigenze da soddisfare: ogni tecnologia ha caratteristiche peculiari per quanto concerne le caratteristiche di costo, accuratezza e copertura del sistema di localizzazione. Lo schema (Figura 1) riassume le caratteristiche in termini di accuratezza nella localizzazione delle varie tecnologie a disposizione per la creare di sistemi RTLS. La regola generale chiaramente deducibile dallo schema è che ad una maggiore copertura del segnale 1 fi.org WI FI Alliance 2 Zigbee Alliance 3 Ultra Wide Band Forum 12

13 Capitolo uno Real Time Location System corrisponde una sempre minore precisione della localizzazione. Figura 1 Modelli di funzionamento, precisione, consumo energetico e costo d implementazione rendono una tecnologia più o meno adatta all applicazione in un dato ambiente. In molti casi, soprattutto in ambienti con esigenze eterogenee si può ricorrere all integrazione tra 13

14 Capitolo uno Real Time Location System più tecnologie. Questo è reso possibile dall utilizzo di middleware 4, software che consentono di utilizzare tecnologie diverse ma di gestirle con un unica piattaforma. 4 Il termine middleware è una caratterizzazione generica per tutti quei programmi che fanno da collante tra altri programmi e tecnologie diverse, facendo in modo che le varie applicazioni possano comunicare 14

15 Capitolo uno Real Time Location System 15

16 Capitolo uno Real Time Location System Nel prosieguo del capitolo saranno prese in esame alcune tecnologie: GPS, Wi Fi, UWB, RFId e Zigbee. Questi sistemi sono, allo stato attuale di avanzamento, i più diffusi e testati in ambito commerciale. Le caratteristiche tecniche dei diversi sistemi fanno sì che ognuno di questi sia collocabile in un particolare ambito applicativo. Il Gps si colloca oramai nel paradiso dei sistemi di localizzazione: bassi costi di utilizzo e versatilità, sono ottime caratteristiche per renderlo appetibile sia in ambito privato che in ambito commerciale. La localizzazione della propria autovettura dopo un furto o di un automezzo della flotta aziendale piuttosto che il cercare la strada migliore per arrivare a destinazione sono applicazioni standard e ampiamente testate. Il più grande limite del GPS è la sua precisione: margini d errore nell ordine dei 20 metri sono accettabili solo se dobbiamo localizzare asset di grosse dimensioni come auto, navi, container o treni. Non sarà ovviamente possibile applicare sistemi di localizzazione GPS su asset di piccole dimensioni, o utilizzarlo in ambienti chiusi 5 5 Limite imposto dalla necessità del sistema di inviare/ricevere i segnali dai satelliti 16

17 Capitolo uno Real Time Location System Per quanto riguarda la tecnologia Wi Fi, sebbene la tecniche di localizzazione non siano standard 6, si può affermare che sia un sistema affermato e sufficientemente testato. Molti dei vendor presenti sul mercato riescono ad offrire prestazioni che si attestano attorno ai 5 metri di margine d errore. Ciò consente l utilizzo di questo tipo di localizzazione in numerosi ambiti, soprattutto in ambienti indoor 7. Inoltre, la presenza di diversi tipi di tag (per dimensioni e peso), applicabili a persone o cose ne consente un utilizzo abbastanza flessibile. I sistemi fin qui presentati hanno margini d errore abbastanza elevati, ed è qui che si inserisce il discorso sulla tecnologia Ultra Wide Band. Questo sistema di localizzazione consente precisione fino a cm, questo lo colloca in una fascia fin ora rimasta scoperta; di contro, il raggio di azione è limitato a circa metri il che consente quindi una ottima applicazione in ambito indoor. 6 La maggior parte dei software usano lo stesso algoritmo di localizzazione, ma gestiscono in modo molto diverso le interferenze di segnale e il calcolo effettivo. 7 In ambienti outdoor, come si noterà successivamente, sono possibili maggiori interferenze di segnale. 17

18 Capitolo uno Real Time Location System La tecnologia RFId, esplosa negli ultimi 10 anni, ma ancora in piena fase di espansione, consente, più che la localizzazione in senso stretto, una attività di monitoraggio della posizione 8. L utilizzazione di RFId consente di sapere la posizione di un pacco o di un paziente (se ha attraversato determinati punti di passaggio). 1.1 GPS Global Positioning System Subito dopo la seconda Guerra mondiale le agenzie delle forze armate americane insieme alla NASA ed al Ministero dei Trasporti cominciarono ad occuparsi di sistemi di localizzazione basati sull utilizzo di satelliti. Nel 1970 Il Ministero della Difesa degli Stati Uniti creò il NAVSTAR GPS (Navigation System with Timing and Ranging Global Positioning System) oggi chiamato semplicemente GPS..Dopo i test iniziati nel 1974, nel 1984 fu lanciato in orbita il primo satellite. Nel 1990 i satelliti in orbita erano già 12. Con 21 satelliti dedicati al 8 Utilizzando RFID non è possibile effettuare operazioni di triangolazione di segnale. 18

19 Capitolo uno Real Time Location System sistema e 3 di riserva nel 1993 furono effettuati i test di funzionamento generale del sistema; nel 1995 (con 24 satelliti dedicati al sistema) ne fu dichiarata la piena funzionalità. Fino al 2000, il segnale per uso civile veniva degradato per ridurre la precisione attraverso la Selective Availability (SA), consentendo precisioni nellʹordine di m. Nel 2003 l allora presidente degli Stati Uniti Bill Clinton decise di disattivare la degradazione del segnale consentendo quindi una accuratezza della localizzazione che si attesta attorno ai 10 metri. Inoltre nei ricevitori GPS è presente un dispositivo che ne limita il funzionamento ad altezze e velocità inferiori a determinati valori in modo da impedirne l uso su missili artigianali. In modo da garantire la copertura globale del pianeta i 24 satelliti si muovono in 6 differenti orbite (Fig. 2). Il movimento dei satelliti è studiato in modo tale che da qualsiasi punto della terra ne siano raggiungibili da quatto a undici. A causa della presenza di ostacoli (edifici, montagne) i satelliti effettivamente raggiungibili possono diminuire. Per avere un posizionamento si ha bisogno di almeno tre satelliti. La presenza del segnale del quarto satellite serve solo come conferma della 19

20 Capitolo uno Real Time Location System posizione dedotta grazie agli altri segnali 9. Oltre ai satelliti, il sistema GPS comprende anche 4 stazioni di controllo a terra che si occupano costantemente di verificare lo stato dei satelliti, di correggere i loro orologi atomici 10 e la loro posizione orbitale. Senza queste stazioni terrestri il sistema non sarebbe coordinato e quindi in grado di funzionare. La costante manutenzione del sistema è fondamentale per il suo corretto funzionamento: si calcola che senza di essa il sistema diventerebbe inutile in circa due settimane. La localizzazione si basa su 5 punti: 1. La trilaterazione dai satelliti è la base del sistema GPS 2. Il GPS misura la distanza dai satelliti conoscendo il tempo impiegato dal segnale del 10 I Satelliti di navigazione satellitare hanno orologi atomici a bordo, estremamente precisi. Vengono chiamati così perché usano le oscillazioni di un particolare atomo come loro metronomo, il più preciso e accurato riferimento temporale mai sviluppato. Gli orologi atomici sono indispensabili per il posizionamento, in quanto il GPS sfrutta anche la differenza di tempo nell arrivo dei segnali. 20

21 Capitolo uno Real Time Location System satellite per raggiungere il punto di ricezione e la velocità del segnale 3. Per poter misurare la distanza dai satelliti con la dovuta precisione è necessario l orologio atomico e un quarto satellite 4. I satelliti trasmettono la loro posizione e conoscendone la distanza, è possibile calcolare la posizione del ricevitore 5. Si analizzano infine i vari errori dovuti alla propagazione del segnale nellʹatmosfera e alla geometria dei satelliti Figura 2 21

22 Capitolo uno Real Time Location System LaTrilaterazione La trilaterazione è il calcolo effettivo utilizzato per ottenere la posizione. Il GPS fornisce informazioni sulla posizione in tre dimensioni. In seguito si riporta un esempio riguardante la localizzazione in 11 due dimensioni, ove facilitarne la comprensione. Per calcolare la nostra posizione abbiamo bisogno di almeno tre dati, ovvero distanze da punti noti. Il primo dato potrebbe essere: Distanza da Napoli = 215 Km Figura 2 22

23 Capitolo uno Real Time Location System Se consideriamo Napoli come centro significa che si potrebbe essere in un qualsiasi punto della circonferenza considerata (Fig. 3). Introduciamo adesso la seconda informazione: Distanza da Firenze = 271 Km Rappresentando graficamente anche questa informazione avremo la seguente situazione: Figura 3 Considerando le due informazioni, si può essere sicuri di essere in un punto che dista 271 Km da Firenze e 215 da Napoli. Solo due punti (le intersezioni fra le due circonferenze) rispondono a queste caratteristiche (Fig.4). 23

24 Capitolo uno Real Time Location System In conclusione si ha bisogno della terza informazione per ottenere con precisione la posizione: Distanza da Roma = 80 Km A questo punto possiamo con certezza affermare che ci troviamo nell unico punto al mondo che dista 271 Km da Firenze, 215 da Napoli e 80 da Roma. Il risultato in questo caso è Rieti (Fig. 5). Rieti Figura 4 24

25 Capitolo uno Real Time Location System In realtà il GPS utilizza 4 misurazioni e il calcolo viene effettuato nello spazio tridimensionale, quindi al posto delle circonferenze ci sono delle sfere. Il terminale GPS riceve il segnale dai satelliti (le frequenze usate sono MHz e MHz) e, per ottenere la distanza tra il dispositivo ed il satellite, si deduce il tempo che il segnale ha impiegato per arrivare a terra. La misurazione avviene secondo un procedimento abbastanza complesso. Ad un ora prestabilita il satellite genera un codice (pseudo random code) e lo trasmette. Nello stesso istante anche il dispositivo GPS genera lo stesso codice e registra l orario per cui, quando il segnale dal satellite arriva a terra e viene letto dal dispositivo, questo lo riconosce ed è in grado di calcolare quanto tempo ha impiegato per percorrere la distanza che separa il ricevitore dal satellite. L effettiva distanza viene poi calcolata in quanto nota la velocità di propagazione del segnale (velocità della luce nel vuoto e nell atmosfera). Per ottenere la distanza tra il satellite ed il dispositivo GPS si deve moltiplicare il tempo per la velocità della luce (che nel vuoto è circa Km/s, nell atmosfera è 25

26 Capitolo uno Real Time Location System inferiore che nel vuoto e dipende anche dalle condizioni atmosferiche stesse). In questo processo la precisione è necessaria per una buona accuratezza della localizzazione. L orario preciso in cui il segnale parte dal satellite è di fondamentale importanza: un solo millesimo di secondo di differenza potrebbe causare nella rilevazione un errore dell ordine dei 300 Km. Come accennato precedentemente, per evitare errori di questo tipo, i satelliti sono dotati di quattro orologi atomici, che sfruttano le oscillazioni degli atomi di Cesio e Rubidio e che garantiscono uno standard di precisione assoluto (l errore è di circa un secondo ogni anni). Il dispositivo GPS non può, per ovvi motivi di costi, essere dotato di orologi atomici, quindi sono dotati di orologi cmq molto precisi che si auto correggono sfruttando il segnale dei satelliti A GPS L assisted GPS o A GPS è un sistema che consente di abbattere i tempi necessari alla prima localizzazione GPS. È particolarmente utile nei punti in cui si ha difficoltà a reperire la lista dei satelliti visti dal terminale (vie strette, 26

27 Capitolo uno Real Time Location System viali alberati). Uno dei problemi principali dei dispositivi GPS è quello della prima localizzazione (il Fixing). Il dispositivo alla prima accensione deve ottenere la lista dei satelliti che riesce a vedere in quel momento per riuscire ad agganciarli ed a usarli per la localizzazione. Tale processo è in genere alquanto dispendioso in termini di tempo e risorse, ed il sistema A GPS è stato studiato al fine di limitare questi problemi, anche in previsione di un utilizzo su dispositivi con basse capacità di elaborazione o con risorse energetiche limitate, come i telefoni cellulari. Lo scopo di questo sistema è quello di assistere il ricevitore GPS nel calcolo della posizione cercando di fornirgli informazioni sui satelliti in vista. Il sistema funziona sfrutta il principio che ogni cella 12 di 12 Una cella radio è lʹelemento unitario di una rete radio cellulare usata per la telefonia mobile (GSM/UMTS). La copertura radio di una cella è garantita da particolari antenne che, a seconda della tecnologia di rete mobile utilizzata, vengono chiamate BTS (per il GSM) o Node B(per lʹumts). Le singole celle sono collegate agli altri network element della rete cellulare tramite specifici cavi o ponti radio, talvolta anche satellitari. Fonte: ʺCella radio.ʺ Wikipedia, Lʹenciclopedia libera. 4 mag 2007, 16:33 <http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=cella_radio&oldid= >. 27

28 Capitolo uno Real Time Location System telefonia mobile ha una sua posizione fissa e si fa in modo che sia la cella stessa a ricavare quale siano i satelliti GPS ad essa in vista momento per momento. Quando un dispositivo A GPS vuole conoscere la posizione, si collega tramite la rete cellulare ad un Assistance Server al quale viene inviata l informazione della cella al quale è agganciato il dispositivo. Visto che i satelliti visti dalla cella sono una informazione disponibile si può ipotizzare che anche il dispositivo Lo scopo principale di questo sistema è quello di ʺassistereʺ il ricevitore GPS nel calcolo della posizione, fornendogli informazioni sui satelliti in vista. Tale metodologia richiede il supporto dellʹoperatore di possa contattare gli stessi satelliti. Quindi il server crea la lista dei satelliti e la invia al dispositivo mobile che può ricavare la posizione così la sua posizione. 1.2 Accenni di localizzazione GSM I metodi di localizzazione utilizzati nel contesto GSM per localizzare i terminali radiomobili all interno delle aree coperte dal segnale sono sostanzialmente tre: Cell Global Identity: questa tecnica si basa sull individuazione della cella radio entro cui si 28

29 Capitolo uno Real Time Location System trova il terminale da localizzare; la precisione di questa tecnica può andare da 35km a 100m. Una differenza così netta è giustificata dalla grandezza della cella entro cui il terminale si trova, più piccola è la cella, maggiore sarà la precisione. Figura 6 Una prima ottimizzazione può essere ottenuta nel caso in cui le antenne riescano a distinguere più settori all interno della cella; in tal caso si può identificare quello dal quale proviene il segnale: Figura G. Raffa, Monitoraggio della posizione di unità mobili in aree confinate, resi di laurea, Università degli studi di Bologna, a.a 2001/

30 Capitolo uno Real Time Location System Cell Global Identity + Timing Advance Questo metodo si base sull individuazione di un arco di una cella entro cui si trova il terminale da localizzare. Questo offre una precisione di circa 500m. Enhanced Observed Time Difference: si basa sulla misura da parte del terminale delle differenze dei tempi di arrivo di una stessa sequenza di bit proveniente da più stazioni radio base; offre una precisione dell ordine di m; 1.3 WLAN WI FI Con il termine WLAN si indica una rete locale che sfrutta le tecnologie wireless per connettere dispositivi di diversa natura senza l utilizzo di cavi. La tecnologia wireless, cioè senza fili, è principalmente utilizzata per trasferire dati tra computer o dispositivi similari, sfruttando un segnale radio ad alta frequenza. La comunicazione è garantita dallʹuso di 30

31 Capitolo uno Real Time Location System interfacce o schede di rete atte a trasmettere e ricevere segnali radio. La tecnologia WLAN più diffusa è quella basata sulle specifiche IEEE (nota anche con il nome commerciale Wi Fi). Il primo standard della famiglia IEEE (IEEE Institute of Electrical and Electronics Engineers), il protocollo di riferimento per le WLAN, risale al 1977 e garantiva una velocità nella trasmissioni dati assai limitata rispetto alle odierne possibilità e pari a circa 1 o 2 Mbps. Dal 1977 questo protocollo ha subito continue evoluzioni fino ad approdare allʹattuale versione, IEEE b/g, detto anche Wi fi, cioè il marchio che indica i dispositivi che permettono di effettuare comunicazioni digitali proprio con questo protocollo. L attuale protocollo utilizzato consente velocità di trasferimento che si aggirano intorno ai 54 Mbit/s. Per la realizzazione di una rete Wi Fi vengono utilizzati dispositivi chiamate access point che comunicano attraverso onde radio nelle bande dei 2,4 Ghz e 5,5 Ghz. Gli access point costituiscono una sorta di collegamento tra la sottorete wireless e il network tradizionale. La copertura che offrono gli access point è 31

32 Capitolo uno Real Time Location System abbastanza limitata. In ambiente indoor la copertura può arrivare fino a 300 metri, a condizione però che il segnale nella sua linea non incontri alcun ostacolo (in pratica però è impossibile trovare uno spazio al chiuso di lunghezze tali senza la presenza di ostacoli), solitamente i valori reali si attestano attorno ai 100 metri. Per coprire grandi aree, centri commerciali, aeroporti, si costituiscono reti composte da numerosi access point Gli access point possono avere antenne di due tipi: omnidirezionali e direzionali. Le prime sono utilizzate per coprire ambienti piccoli, come uffici e abitazioni. Le antenne direzionali invece consentono una copertura misurata in chilometri quadrati, vengono utilizzate infatti per portare la banda larga in zone non raggiunte dall ADSL. In questo caso però non si parla più di access point ma di collegamenti punto punto Wlan Positioning Le reti WLAN Wi Fi sono oramai una realtà ben sviluppata e consolidata. Numerosi edifici pubblici, aeroporti, stazioni, grandi ambienti di lavoro hanno risolto il problema del cablaggio degli edifici in modo semplice ed indolore: eliminando i cablaggi. 32

33 Capitolo uno Real Time Location System Inoltre un numero sempre maggiore di PDA e telefoni cellulari dispone di una scheda per il collegamento Wi Fi. Questi due fattori rendono questa tecnologia un campo aperto e sempre maggiormente sviluppato per la localizzazione indoor. Tutti i sistemi di localizzazione si basano su tre tipi di misurazioni sul segnale Wi Fi: SNR Signal to Noise Ratio: rapporto fra segnale e rumore 14 Proximity Sensing: potenza del segnale più forte RSS Received Signal Strength: potenze dei segnali ricevuti 15 Le misurazioni dei segnali vengono effettuate dal dispositivo che si intende localizzare, un software dedicato calcolerà la posizione usando dei modelli matematici. 14 Vedi Allegato A1 15 RSS o RSSI ( Information): misura (generalmente in scala logaritmica) del segnale ricevuto da unʹantenna o da qualsiasi dispositivo ricevitore, rappresenta una delle grandezze più importanti nella stima complessiva delle prestazioni di un sistema di comunicazione. 33

34 Capitolo uno Real Time Location System L osservazione dei segnali sia inviati che ricevuti dai dispositivi conduce all applicazione di tre metodi di localizzazione: Proximity sensing: La posizione del dispositivo è calcolata in base alla posizione dell access point da cui il dispositivo ha ricevuto il segnale più forte. Lateration: Le distanze tra gli access point ed il terminale sono determinate dalla perdita di intensità del segnale 16 durante la trasmissione dello stesso. Fingerprinting: Il pattern RSS creato dalla ricezione dei segnali dei vari access point viene messo a confronto con i vari pattern osservati durante la fase di addestramento. Fra i tre metodi, il fingerprinting è la tecnica che è stata scelta da tutte le applicazioni commerciali nate in questo campo. Nel paragrafo successivo ne viene data una breve spiegazione. 16 Path Loss vedi Allegato A2 34

35 Capitolo uno Real Time Location System Fingerprinting Tutti i sistemi di localizzazione Wi Fi per un loro corretto funzionamento hanno bisogno di una attenta e curata fase di addestramento. In pratica si insegna al sistema la composizione dell ambiente all interno del quale vogliamo localizzare cose o persone. In questa fase la tecnica del Fingerprinting ci aiuta a creare delle reference position che vengo memorizzate in un database che costituirà la nostra mappa dei segnali. Le reference position sono dei punti sulla cartina dove viene posizionato fisicamente il nostro dispositivo (Laptop, cellulare, PDA) e registriamo l intensità dei segnali ricevuti dagli access point in quel determinato punto. Questo fa sì che all interno del database si crei una tabella di valori, dove ad una posizione sono associati i segnali ricevuti dei vari access point (Tabella 1). La scelta delle posizioni dove effettuare le misurazioni per l addestramento, risulta quindi essere una delle fasi più importanti per ottenere poi una buona localizzazione. Si deve tener conto della posizione degli access point, della conformazione dello spazio (spessore dei muri), posizione di eventuali ostacoli che possono ostacolare la 35

36 Capitolo uno Real Time Location System normale propagazione del segnale (strutture in ferro, armadi, ecc). Position X Y AP 1 AP 2 AP 3 AP 4 235,2 122,7 35 db 70 db 67 db 11 db 123,5 321,8 72 db 66 db 88 db 78 db 211, db 43 db 11 db 77 db 234,6 321,6 32 db 77 db 78 db 82 db ,9 67 db 90 db 45 db 56 db 562,4 345,3 12 db 23 db 27 db 43 db 765,3 567,4 56 db 45 db 21 db 89 db Tabella 1 Nella fase di runtime il software usa i valori in tabella 1 valori per calcolare la posizione dei dispositivi. L approccio più utilizzato in questa procedura è quello statistico. Per spiegare la base del procedimento prendiamo in considerazione una tabella formata soltanto da tre misurazioni. Position X Y AP 1 AP 2 AP 3 AP 4 235,2 122,7 35 db 70 db 67 db 11 db 123,5 321,8 72 db 66 db 88 db 78 db 211, db 43 db 11 db 77 db Tabella 2 36

37 Capitolo uno Real Time Location System I tre punti presi in considerazione formano un triangolo con una superficie definita grazie ai valori delle potenze dei vari access point. (Tabella 2). In base a queste informazioni il software può dirci con una buona approssimazione se il dispositivo che stiamo localizzando sia presente o assente all interno del triangolo di valori che stiamo considerando. Considerando spazi molto piccoli questo dato potrebbe anche essere interessante, ma nel caso di spazi più o meno estesi si ha bisogno di sapere la posizione di un dato dispositivo all interno del triangolo, non la sua semplice presenza o assenza. 37

38 Capitolo uno Real Time Location System Figura 8 Per aumentare la precisione delle localizzazione ci si serve del concetto di granularità del dato. I valori degli access point vengono utilizzati per calcolare la posizione di punti intermedi all interno del triangolo. In questo modo si vedrà la creazione di alcuni sotto triangoli che andranno ad accrescere la precisione del posizionamento all interno della superficie considerata (Fig. 8 9). 38

39 Capitolo uno Real Time Location System Figura 9 In questa situazione il software potrà dirci in quali dei quattro triangoli si trova il nostro dispositivo. Aumentando la granularità (Fig. 10) possiamo ovviamente avere risultati migliori, a patto però di non considerare soltanto tre reference position, perché ovviamente più un singolo dato viene scomposto e più ne risente la precisione in ambiente reale. Il margine d errore di questo tipo di sistemi è intorno ai 3/5 m, ragion per cui abbiamo bisogno di un cospicuo numero 39

40 Capitolo uno Real Time Location System di registrazioni per avvicinare quanto più è possibile il calcolo del software alle reali posizioni nello spazio. 1.4 Ultra Wide Band Figura 10 Con Ultra Wide Band (banda ultra larga) (UWB) si indica una tecnologia sviluppata per trasmettere e ricevere segnali mediante lʹutilizzo di impulsi di energia in radiofrequenza di durata estremamente ridotta (da 40

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

Progettazione di sistemi Embedded

Progettazione di sistemi Embedded Progettazione di sistemi Embedded Corso introduttivo di progettazione di sistemi embedded A.S. 2013/2014 proff. Nicola Masarone e Stefano Salvatori Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di

Dettagli

TURBINE MP ROTATOR STATICI VALVOLE PROGRAMMATORI SENSORI SISTEMI CENTRALIZZATI MICRO. Sistema di controllo centrale

TURBINE MP ROTATOR STATICI VALVOLE PROGRAMMATORI SENSORI SISTEMI CENTRALIZZATI MICRO. Sistema di controllo centrale IMMS 3.0 TURBINE MP ROTATOR STATICI VALVOLE PROGRAMMATORI SENSORI SISTEMI CENTRALIZZATI MICRO Sistema di controllo centrale Aprite la finestra sul vostro mondo Il software di monitoraggio e gestione dell

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI Gaetano Licitra, Fabio Francia Italia - Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 Introduzione SmartCard: Carta intelligente Evoluzione della carta magnetica Simile a piccolo computer : contiene memoria (a contatti elettrici)

Dettagli

GSM: Global System for Mobile communications

GSM: Global System for Mobile communications GSM: Global System for Mobile communications Sommario Introduzione Architettura di rete Tecnologia radio Canali GSM Procedure Introduzione Introduzione GSM è il primo standard di comunicazione cellulare

Dettagli

Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi

Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi rapporti tecnici 2008 Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi Giuseppe Anania Sezione provinciale Bologna Campi elettromagnetici INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. LO STANDARD

Dettagli

Stazione Meteorologica PCE-FWS 20

Stazione Meteorologica PCE-FWS 20 www.pce-italia.it Istruzioni d uso Stazione Meteorologica PCE-FWS 20 1 Istruzioni d uso www.pce-italia.it Indice dei contenuti Titolo 1. Visione generale... 3 2. Contenuto della spedizione... 3 3. Informazione

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI FUNZIONANTE SU RETE LonWorks (ANSI/EIA 709, EN 14908) E CONFORME ALLE DIRETTIVE LonMark DI INTEROPERABILITA.

SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI FUNZIONANTE SU RETE LonWorks (ANSI/EIA 709, EN 14908) E CONFORME ALLE DIRETTIVE LonMark DI INTEROPERABILITA. APICE s.r.l. SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI FUNZIONANTE SU RETE LonWorks (ANSI/EIA 709, EN 14908) E CONFORME ALLE DIRETTIVE LonMark DI INTEROPERABILITA. Descrizione del sistema Luglio 2006 SISTEMA DI CONTROLLO

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE FOCUS TECNICO IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE ADEGUAMENTO ALLE NORMATIVE DETRAZIONI FISCALI SUDDIVISIONE PIÙ EQUA DELLE SPESE RISPARMIO IN BOLLETTA MINOR CONSUMO GLOBALE DI TUTTO IL CONDOMINIO COSTO

Dettagli

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio Radioastronomia Come costruirsi un radiotelescopio Come posso costruire un radiotelescopio? Non esiste un unica risposta a tale domanda, molti sono i progetti che si possono fare in base al tipo di ricerca

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com DEFENDER HYBRID Sistema antintrusione ibrido wireless e filare Il sistema Un sistema completamente nuovo e flessibile Impianto filare o wireless? Da oggi Defender Hybrid Defender Hybrid rivoluziona il modo

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

Prof. Like you. Prof. Like you. Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01. Email info@zerounoinformatica.it / Web www.hottimo.

Prof. Like you. Prof. Like you. Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01. Email info@zerounoinformatica.it / Web www.hottimo. Pag. 1/7 Prof. Like you Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01 Email / Web / Social Pag. 2/7 hottimo.crm Con CRM (Customer Relationship Management) si indicano tutti gli aspetti di interazione

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

Il Wi-Fi e il suo uso per reti pubbliche

Il Wi-Fi e il suo uso per reti pubbliche Il Wi-Fi e il suo uso per reti pubbliche Francesco Vatalaro Dipartimento di Ingegneria dell Impresa Mario Lucertini Università di Roma Tor Vergata Padova, Orto Botanico - Aula Emiciclo, 27 Marzo 2015 Contenuti

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 4. Cenni di topografia e GPS

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 4. Cenni di topografia e GPS Università degli studi di Firenze Facoltà di Lettere e Filosofia TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA a.a. 2010-2011 4. Cenni di topografia e GPS Camillo Berti camillo.berti@gmail.com Argomenti 1. Definizione e scopi

Dettagli

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE UN SISTEMA INTEGRATO COMUNICAZIONE VERSO L ESTERNO Istituti di vigilanza Invio allarmi con protocollo CONTACT ID Comunicatore PSTN Espansione GSM Telefono

Dettagli

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Istruzioni sull aggiornamento per i modelli di navigazione: AVIC-F40BT, AVIC-F940BT, AVIC-F840BT e AVIC-F8430BT

Dettagli

Radiazioni non ionizzanti

Radiazioni non ionizzanti 12. Da sempre sulla Terra è presente un fondo naturale di radiazione elettromagnetica non ionizzante dovuto ad emissioni del sole, della Terra stessa e dell atmosfera. Il progresso tecnologico ha aggiunto

Dettagli

Attività 9. La città fangosa Minimal Spanning Trees

Attività 9. La città fangosa Minimal Spanning Trees Attività 9 La città fangosa Minimal Spanning Trees Sommario la nostra società ha molti collegamenti in rete: la rete telefonica, la rete energetica, la rete stradale. Per una rete in particolare, ci sono

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

AUTOMAZIONE DI FABRICA IDENTIFICAZIONE DEI CODICI 1D E 2D LETTORI PORTATILI DI CODICI DATA MATRIX

AUTOMAZIONE DI FABRICA IDENTIFICAZIONE DEI CODICI 1D E 2D LETTORI PORTATILI DI CODICI DATA MATRIX AUTOMAZIONE DI FABRICA IDENTIFICAZIONE DEI CODICI 1D E 2D LETTORI PORTATILI DI CODICI DATA MATRIX ADATTATO PER QUALSIASI APPLICAZIONE DISPOSITIVI PORTATILI DI PEPPERL+FUCHS SICUREZZA INTRINSECA I lettori

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

Caratteristiche principali

Caratteristiche principali Il regolatore semaforico Hydra nasce nel 1998 per iniziativa di CTS Engineering. Ottenute le necessarie certificazioni, già dalla prima installazione Hydra mostra sicurezza ed affidabilità, dando avvio

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Stefano Bonetti Framework per la valutazione progressiva di interrogazioni di localizzazione

Stefano Bonetti Framework per la valutazione progressiva di interrogazioni di localizzazione Analisi del dominio: i sistemi per la localizzazione Definizione e implementazione del framework e risultati sperimentali e sviluppi futuri Tecniche di localizzazione Triangolazione Analisi della scena

Dettagli

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA Allegato 1 al bando di gara SCUOLA TELECOMUNICAZIONI FF.AA. CHIAVARI REQUISITO TECNICO OPERATIVO MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA MASTER DI 2 LIVELLO 1. DIFESA

Dettagli

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio?

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Carlo Cosmelli, Dipartimento di Fisica, Sapienza Università di Roma Abbiamo un problema, un grosso

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

Delorme InReach SE & Explorer Comunicatore Satellitare, l SOS nel palmo della tua mano

Delorme InReach SE & Explorer Comunicatore Satellitare, l SOS nel palmo della tua mano Delorme InReach SE & Explorer Comunicatore Satellitare, l SOS nel palmo della tua mano Guida Rapida caratteristiche 1. Introduzione InReach SE è il comunicatore satellitare che consente di digitare, inviare/ricevere

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Marco Robutti October 13, 2014 Lo sviluppo in serie di Taylor di una funzione è uno strumento matematico davvero molto utile, e viene spesso utilizzato in

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE

SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE Pag. 1 / 6 SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE Foglio Informativo INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Salimbeni 3-53100 - Siena Numero verde. 800.41.41.41 (e-mail info@banca.mps.it

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

Come creare un satellite metereologico?

Come creare un satellite metereologico? NATIONAL OCEANIC AND ATMOSPHERIC ADMINISTRATION U.S. DEPARTMENT OF COMMERCE Come creare un satellite metereologico? Libretto adattato dal lavoro originale di Ed Koenig Sono un metereologo. Devo poter vedere

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT)

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT) Wi-Fi Amantea Il Comune di Amantea offre a cittadini e turisti la connessione gratuita tramite tecnologia wi-fi. Il progetto inserisce Amantea nella rete wi-fi Guglielmo ( www.guglielmo.biz), già attivo

Dettagli

Internet Of Things: come migliorerà la nostra vita e le nostre aziende

Internet Of Things: come migliorerà la nostra vita e le nostre aziende Internet Of Things: come migliorerà la nostra vita e le nostre aziende Che cos è l internet degli oggetti intelligenti? Quali sono gli ambiti di applicazione? Come possono le aziende trarre vantaggio da

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY

GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY Con Kaspersky, adesso è possibile. www.kaspersky.it/business Be Ready for What's Next SOMMARIO Pagina 1. APERTI 24 ORE SU 24...2

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intelligente per controllare i punti vendita: sorveglianza IP Guida descrittiva dei vantaggi dei sistemi di gestione e di sorveglianza IP per i responsabili dei punti vendita

Dettagli

1. Scopo dell esperienza.

1. Scopo dell esperienza. 1. Scopo dell esperienza. Lo scopo di questa esperienza è ricavare la misura di tre resistenze il 4 cui ordine di grandezza varia tra i 10 e 10 Ohm utilizzando il metodo olt- Amperometrico. Tale misura

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Bergamo più europea con il nuovo Bergamo WiFi

Bergamo più europea con il nuovo Bergamo WiFi 19 maggio 2015 Bergamo più europea con il nuovo Bergamo WiFi 62 punti d accesso in tutta la città, una copertura di quasi 1,3 milioni di metri quadrati, con una tecnologia all avanguardia e una potenza

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

ACCENDIAMO IL RISPARMIO

ACCENDIAMO IL RISPARMIO ACCENDIAMO IL RISPARMIO PUBBLICA ILLUMINAZIONE PER LA SMART CITY Ing. Paolo Di Lecce Tesoriere AIDI Amministratore Delegato Reverberi Enetec srl LA MISSION DI REVERBERI Reverberi Enetec è una trentennale

Dettagli