LA FILIERA DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA FILIERA DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE"

Transcript

1 LA FILIERA DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE Il fair trade ci fa vedere come la scelta etica di una minoranza cosciente di consumatori del Nord possa migliorare le condizioni di vita dei produttori dei Sud del mondo. Tonino Perna Fair Trade

2 COS E L EQUO E SOLIDALE Il commercio equo e solidale nacque molti anni prima rispetto alla sua scoperta da parte del grande pubblico, avvenuta negli anni 80 del secolo scorso. Nel 1800 nacquero in America le prime realtà di commercio solidali come la "Free Produce Society", fondata da Thomas M'Clintock, che aveva lo scopo di commercializzare solo prodotti che non sfossero stati ottenuti dallo sfruttamento di schiavi. Dopo la seconda guerra mondiale vi fu un successivo sviluppo di questi commerci ad opera di organizzazioni noprofit di natura religiosa, che commercializzavano prodotti dell artigianato proveniente dalle nazioni in via di sviluppo. Nel 1960 vi fu una svolta nel commercio equo e solidale, durante la conferenza UNCTAD (United Nations Conference on Trade and Development) del 1968 a Delhi, dove viennn coniato il motto Trade Not Aid ovvero la richiesta di un commercio equo che garantisse la dignità dei paesi emergenti anziché un aiuto verso dei paesi poveri. Nel 1980 il mercato dell artigianato equo e solidale raggiunse una fase di stasi, ponendo alle organizzazioni la necessità di ripensare il loro modello di business e differenziarsi nell offerta al consumatore. La risposta fu un aumento dell offerta di beni agroalimentari che rapidamente si affiancarono ai manufatti per volumi di vendite arrivando a superarli in breve tempo. I primi scambi di prodotti agricoli erano caffè e tè, seguiti rapidamente da frutta secca, cacao, zucchero, succhi di frutta, riso e spezie. Il principale prodotto che sostenne il mercato fu però il caffè, che da solo riescì a coprire fino al 50% delle vendite dei prodotti (Dati International Fair Trade Association). A questa forma di commercio, una volta ottenuto il suo spazio sul mercato, si presentò il problema di espandere la distribuzione senza compromettere la fiducia dei consumatori nei prodotti del commercio equo e solidale. Una soluzione è stata trovata nel 1988, quando la prima etichetta Fairtrade è stata avviata su iniziativa di un ecumenico olandese. La certificazione indipendente ha permesso di portare la merce al di fuori delle botteghe, raggiungendo i supermercati e quindi un segmento di consumatori più grande, aumentando le vendite del commercio equo in modo significativo. La nascita di un etichettatura ha consentito sia ai clienti che ai distributori di monitorare l'origine dei prodotti e verificare che gli effettivi beneficiari del prezzo pagato fossero i produttori e non la catena di distribuzione. Dal lato dei produttori, l'iniziativa Max Havelaar, ha offerto loro un prezzo equo per le produzioni, significativamente al di sopra del prezzo di mercato. Il 1997, successivamente, vide l'istituzione della Fairtrade Labelling International (oggi FLO), l'associazione mondiale di marchio per il Commercio Equo, che ne stabiliva gli standard internazionali. Inizialmente i diversi marchi di prodotti fairtrade (Havelaars Max e Transfairs) avevano i propri standard ed i propri sistemi di monitoraggio. Nel 1994, grazie ad un processo di convergenza tra gli organismi di certificazione, iniziato con la costituzione di un gruppo di lavoro Transmax, si è assistito alla creazione della Fairtrade Labelling Organizations International (FLO) nel FLO è un'organizzazione la cui missione è quella di definire gli standard Fairtrade e regolarne la certificazione. Nel 2002 la FLO ha lanciato un nuovo marchio di certificazione Fairtrade internazionale, con la finalità di migliorare la visibilità del marchio sugli scaffali dei supermercati, facilitare gli scambi transfrontalieri e semplificare le procedure di esportazione. Nel gennaio 2004, la FLO è stata divisa in due organizzazioni indipendenti: FLO International, che stabilisce gli standard Fairtrade e fornisce sostegno alle imprese produttrici, e la FLO-CERT, che controlla e certifica le organizzazioni di produttori. Lo scopo della divisione è stato quello di garantire l'imparzialità, l'indipendenza del processo di certificazione e la conformità alle norme ISO 65 per gli organismi di certificazione dei prodotti.

3 Nel corso degli anni si sono sviluppate molte altre organizzazioni che, pur perseguendo le stesse finalità, presentano differenze nella gestione o negli strumenti adottati. Una di queste è la World Fair Trade Organization (WFTO), nata dalla International Federation of Alternative Traders (IFAT) nel Questa associazione racchiude 324 organizzazioni distribuite su più di 70 paesi. I membri sono cooperative di produttori, società di esportazione di marketing, importatori, rivenditori, reti nazionali e regionali del commercio equo e solidale. A livello europeo è presente anche la European Fair Trade Association, un associazione olandese istituita informalmente nel 1987 e formalizzata nel Raggruppa 11 importatori del commercio equo e solidale attivi in 9 paesi europei: Austria, Belgio, Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Spagna, Svizzera e Regno Unito. Sono membri dell'efta: Ctm Altromercato, Gepa3 Fiera Handelshaus e Traidcraft. Sebbene la realtà del commercio equo e solidale sia ben consolidata tutt ora manca una definizione univoca e riconosciuta a livello globale. Una definizione valida è quella fornita da F.I.N.E., un'associazione informale di quattro reti commerciali internazionali del mercato equo e solidale le cui iniziali compongono l acronimo (Fairtrade Labelling Organizations, International World Fair Trade Organization, Network of European Worldshops e l European Fair Trade Association): il commercio equo e solidale è un partenariato commerciale basato sul dialogo, sulla trasparenza e sul rispetto, che cerca una maggiore equità nel commercio internazionale. Esso contribuisce allo sviluppo sostenibile, offrendo migliori condizioni commerciali ed assicurando i diritti dei produttori e dei lavoratori, atori, soprattutto del sud del mondo. Le organizzazioni di commercio equo e solidale, supportate dai consumatori, sono impegnate attivamente per sostenere i produttori, promuovendo modifiche delle leggi e delle pratiche del commercio convenzionale. Sebbene e questa definizione sia abbastanza ampia da inglobare gli intenti di tutte le associazioni che lavorano nel commercio fairtrade, differenze negli strumenti e nelle finalità dei singoli enti non permettono la realizzazione di una definizione unica. Gli attori del commercio equo e solidale sono: I produttori: si tratta generalmente di piccole organizzazioni (familiari o con struttura cooperativa) localizzate in aree svantaggiate dei paesi del sud del mondo. Caratteristica comune di queste realtà è la difficoltà icoltà di inserimento all interno del mercato tradizionale. Questa filiera fornisce la possibilità di trovare un nuovo sbocco commerciale, garantendo

4 una tutela sia sul prezzo che sul ritiro della merce. In cambio il produttore deve adottare tecniche di produzione che siano sostenibili sotto l aspetto ambientale e sociale. I trader: sono i soggetti, spesso associazioni, che si occupano materialmente del trasporto delle merci. Hanno un ruolo fondamentale perché generalmente il produttore non avrebbe i mezzi per compiere questa operazione. I distributori: sono le organizzazioni che vendono i prodotti nei mercati occidentali o si occupano della distribuzione ai supermercati. Oltre a questo ruolo commerciale se ne affianca uno più culturale come la sensibilizzazione delle persone alle tematiche sociali coinvolte. Gli enti di certificazione: la presenza di una certificazione assicura al consumatore che il prodotto risponde a dei requisiti ben precisi, definiti all interno di un disciplinare. L ente di certificazione effettua un controllo iniziale al produttore per assicurarsi che risponda ai requisiti del disciplinare e se vi è una conformità viene rilasciata la certificazione su pagamento di un corrispettivo. Ogni anno il produttore è tenuto a rinnovarla ed è sottoposto a regolari visite ispettive. Non sempre però la filiera è organizzata in modo così complesso: piccole associazioni che effettuano commercio equo e solidale coprono più ruoli allo stesso tempo. Questa autoreferenzialità genera un conflitto di interessi che può portare dubbi nel consumatore riguardo alla reale validità di un prodotto che ha come certificatore lo stesso soggetto incaricato del trade. Altro punto critico della gestione della filiera è la difficile valutazione di prezzo equo che dovrebbe essere corrisposto al produttore. Sebbene è stabilito che la cifra debba garantire uno standard di vita dignitoso al produttore, questo concetto è vago e spesso varia tra le stesse associazioni dedite al fairtrade. IL LAVORO NEL SETTORE TESSILE Nel 2005 è terminato l Accordo Multifibre, che regolava gli scambi tessili a livello internazionale, lasciando il settore in balia del libero mercato ed alla competizione sfrenata. A seguito di questa liberalizzazione si è assistito al lento ma progressivo spostamento di molte aziende dai Paesi industrializzati alle aree più povere del mondo. Le ragioni che hanno portato a questo allontanamento sono principalmente di natura economica anche se vi se ne aggiungono altre importanti come la minore pressione legislativa nei Paesi in via di sviluppo sulle questioni ambientali. In questi nuovi siti di produzione (Cina, India, Pakistan, Thailandia, Bangladesh, Malesia, ecc.) il basso costo della manodopera, correlato spesso alla violazione dei diritti dei lavoratori, permette alle aziende di mantenere basso il costo di produzione e quindi di ottenere maggiori profitti. Questa ricerca del ribasso nei costi di produzione ha portato a condizioni insostenibili per buona parte dei lavoratori del settore, costretti a sottostare ad orari di lavoro massacranti per salari al limite della sussistenza. Si tratta dei nuovi working poors (poveri che lavorano), individui che anche lavorando 12 ore al giorno ma rimangono in uno stato endemico di povertà. Le condizioni disumane dei lavoratori comportano anche la violazione di diritti ritenuti fondamentali dall International Labour Organization, come la libertà di associazione e contrattazione collettiva, che rappresentano lo strumento di base per poter difendere tutti gli altri diritti. Ma per capire a fondo come sia articolato il processo si deve andare nei luoghi di massima produzione del settore, oggi rappresentato dalle Export Processing Zones (EPZ, ovvero zone

5 industriali di esportazione). L Organizzazione del lavoro definisce le EPZ come "zone industriali con incentivi speciali, istituite per attrarre gli investitori stranieri, in cui i materiali importati subiscono un certo grado di elaborazione prima di essere riesportati". Queste aree rappresentano il picco della globalizzazione: milioni di persone che lavorano in zone specificamente destinate alla trasformazione per la successiva esportazione in tutto il mondo. Dal 1970 le EPZ, conosciute anche come maquilas, sono diventate importanti strumenti di politica economica: i Paesi più poveri cercano di attirare gli investitori stranieri con incentivi finanziari ed un ambiente normativo liberale, in cambio della creazione di occupazione e di proventi da esportazione. Molte EPZ si sono evolute a partire da spazi già adibiti a questa pratica, come i porti ed i magazzini specializzati nella produzione per l'esportazione. In alcuni casi, però, lo stato di EPZ viene concesso non solo a spazi geograficamente definiti ma anche alle singole imprese che operano sul territorio nazionale, come ad esempio accade nelle Mauritius ed in Madagascar. In questi stati viene consentito alle aziende, situate sulle loro isole, di beneficiare delle condizioni agevolate indipendentemente da dove siano situate. C'è stata una rapida crescita del numero di EPZ nel corso degli ultimi tre decenni dal momento che enti importanti, come il Consiglio Economico e Sociale delle Nazioni Unite, le hanno promosse come una soluzione per i paesi economicamente arretrati per sviluppare le loro economie, creare occupazione, ed ottenere proventi dall esportazione. Rimangono però forti dubbi riguardo ai reali benefici che queste zone possono offrire: per loro stessa natura, le EPZ, garantiscono un investimento precario, che rischia di lasciare il paese senza preavviso qualora fossero in offerta altrove condizioni più favorevoli per la produzione. Per le aziende, l investimento nelle zone di esportazione, risulta particolarmente vantaggioso grazie ad una serie di incentivi che vengono offerti, principalmente: Franchigia doganale sulle materie prime destinate all esportazione; Facilitazioni burocratiche; Flessibilità delle leggi sul lavoro, a volte con completa esenzione dal diritto nazionale; Generose agevolazioni fiscali a lungo termine, quali la rinuncia all imposta sul valore aggiunto. Sebbene alcune zone franche sono aree industriali ben gestite, la maggior parte delle zone deve il suo successo all attrattiva che offrono verso una diversa classe di imprese. Si tratta di aziende che realizzano il loro successo grazie allo sfruttamento di manodopera a basso costo. Queste aziende operano prevalentemente nei settori industriali caratterizzati da una forte concorrenza e caratterizzate da un ciclo di vita del prodotto piuttosto breve, come l elettronica o la moda fast fashion. In queste EPZ i lavoratori, soprattutto giovani donne assunte tramite agenzie private, sono costrette a condizioni disumane, in cui non sono garantiti: - Pagamenti equi, - Liquidazione, - Contratti scritti, - Indennità di malattia, - Orari di lavoro non superiori alle 8 ore,

6 - Condizioni di lavoro secondo le norme di sicurezza. I datori di lavoro sono più propensi a favorire le donne per le mansioni di routine nelle industrie tessili, caratterizzate da un basso livello di tecnologia e da un alta richiesta di manodopera. Questo avviene perché alcuni considerano le donne più disciplinate e laboriose rispetto ai loro colleghi maschi, anche se spesso la motivazione è da trovare nella minore paga percepita e nella migliore possibilità di controllo. I tempi di consegna stretti ed il basso valore a cui viene ceduta la merce incoraggiano i datori di lavoro a sottopagare i lavoratori e a costringerli a lavorare oltre l orario pattuito. La retribuzione di base è frequentemente il salario minimo ed il lavoro straordinario, obbligatorio in alcuni casi, non viene nemmeno retribuito. La blanda applicazione delle leggi sul lavoro e la mancanza di ispezioni da parte di responsabili esterni all azienda portano alla sistematica violazione delle normative su sicurezza e salute. La mancanza di servizi igienici e le restrizioni sul loro uso, al fine di non rallentare i ritmi di lavoro, sono un motivo di seria preoccupazione. IL COTONE EQUO E SOLIDALE Le fibre che vanno a costituire gli abiti possono avere differenti origini: Fibre di origine chimica: si dividono in artificiali, cioè ottenute dalla manipolazione chimica di una materia prima vegetale, e sintetiche, ovvero ottenute dalla sintesi di molecole organiche semplici a partire da sostanze chimiche inorganiche o organiche; Fibre di origine naturale: vegetali o animali. Più della metà degli abiti che indossiamo (60% circa) appartengono alla prima categoria, quelli composti da fibre naturali rappresentano la minoranza. Il cotone è la fibra naturale più importante poiché da sola copre la maggior parte delle fibre naturali in commercio. Le varie specie di cotone (Gossypium spp) appartengono alla famiglia delle Malvacee e crescono in un ampio range di condizioni climatiche (regioni temperate, subtropicali e tropicali). Nonostante l ampia diffusione, è una pianta molto esigente sia di nutrienti che di acqua. In questo arbusto alto circa 50 cm la fibra è contenuta nella capsula che ha una forma a goccia tondeggiante nell'estremità inferiore. All'interno della capsula ci sono da 5 ad 8 semi su cui si sviluppa la fibra. Quando la capsula è matura si apre lungo le quattro linee di sutura, mostrando il batuffolo di cotone costituito dai peli unicellulari che avvolgono i semi. La fibra del cotone è composta per il 95% da cellulosa pura ed è una fibra morbida, leggera ad alta igroscopicità. La raccolta delle capsule può avvenire manualmente oppure mediante l utilizzo di apposite macchine; a seguito della raccolta viene effettuata la sgranatura ovvero la separazione della lanugine dal seme. In questa fase si ha un notevole calo del peso: da una tonnellata di cotone contenente semi si ottiene solamente 400 kg di fibre. Il cotone pulito viene pressato in balle che andranno alla filatura e successivamente alle fasi di tessitura e confezionamento dei capi. La produzione del cotone trova uso in molti settori: l abbigliamento copre solo il 60% delle richieste mentre il restante viene impiegato nell arredamento (33%) e nei prodotti medici e per l igiene personale. Anche i sottoprodotti come i semi trovano impiego grazie al loro alto contenuto in olio, mentre il panello residuo della spremitura viene impiegato come alimento zootecnico. I possibili metodi di coltivazione del cotone spaziano dall agricoltura intensiva alle nuove forme di agricoltura alternativa, nello specifico troviamo:

7 - Agricoltura tradizionale: basata su alti input sia chimici che energetici, questa tecnica ha visto la sua massima espressione nella coltivazione del cotone geneticamente modificato per la resistenza agli insetti; - Agricoltura biologica: mediante l adozione di un approccio sistemico, la coltivazione del cotone viene inserita in una rotazione che include altre colture; - Lotta integrata: questo metodo si pone ideologicamente a metà dei primi due e prevede la possibilità di ricorrere alla chimica solo quando diviene necessaria (superamento di soglie di danno). Nel mondo il cotone è prodotto in diversi paesi, ma con grandi differenze sia in termini di tecnica che economici. Mentre negli Stati Uniti d America troviamo produttori con appezzamenti medi di 800 ettari, in Africa occidentale ci sono 2 milioni di produttori con appezzamenti di 1.5 ettari. La minore meccanizzazione delle coltivazioni poste nei Paesi in via di sviluppo portano a costi di produzione decisamente inferiori vista l economicità della manodopera rispetto al costo dell innovazione tecnica adottata negli USA. Per ovviare alla scarsa competitività del cotone americano il governo stanzia annualmente sovvenzioni all agricoltura permettendo così di abbassare il prezzo, in una logica che esce dagli equilibri del mercato ed aggrava una lotta già impari. Vista questa insostenibilità sia ambientale che sociale della coltivazione del cotone, serve di ripensare la filiera. Un esperienza concreta atta ad invertire questa tendenza è la nascita di varie forme di commercio equo e solidale del cotone, tra cui troviamo: - Assisi Garments: una compagnia di suore francescane ha avviato in india una lavorazione di cotone biologico al fine di dare lavoro a ragazze disabili e sordomute, utilizzando i proventi per lo sviluppo dell azienda oltre che per azioni caritatevoli; - Sabahar: commercio di seta tinta con colori naturali dall Etiopia al fine di fornire un reddito equo ai lavoratori; - Thai Tribal Craft: nata da una fondazione cristiana attiva in Thailandia, riunisce lavoratori di 7 tribù montane del nord che creano 60 tipologie di prodotti (borse, strumenti musicali, cesteria, tessili..); - WSDP: donne nepalesi appartenenti alle fasce più emarginate che lavorano accessori vari (borse, artigianato, ecc) che vengono tessuti e confezionati a mano, l associazione offre alle proprie dipendenti borse di studio per i figli, aiuto in caso di malattia ed altri servizi sociali. Le certificazioni fairtrade del cotone non pongono come requisito l adozione del sistema di coltivazione organo-biologico. Spesso però i prodotti presentano entrambe le certificazioni, per poter usufruire non solo dei vantaggi che ciascuna offre, ma dell effetto sinergico delle due. LA CAMPAGNA ABITI PULITI Clean Clothes Campaign nasce ad Amsterdam nel 1989 con lo scopo di difendere i diritti dei lavoratori che operano nel settore tessile. Questa campagna internazionale, di cui Abiti Puliti è la coalizione italiana, ha portato alla luce i problemi del settore, dando voce ai lavoratori sfruttati, spesso donne e bambini, e sensibilizzando l opinione pubblica. Abiti Puliti è attiva su 15 paesi europei ed opera in collaborazione con 250 organizzazioni sparse per il mondo, prevalentemente organizzazioni non governative. La campagna si sviluppa attraverso quattro livelli di attività, coinvolgendo i diversi attori: 1. Fare pressione sulle aziende affinché adottino politiche di Responsabilità Sociale;

8 2. Sostenere i lavoratori anche mediante l aiuto ai sindacati ed alle organizzazioni non governative che si occupano della condizione dei lavoratori; 3. Fare formazione ed informazione verso i consumatori; 4. Agire sulle istituzioni per creare leggi che tutelino i lavoratori e fornire protezione legale a quest ultimi. Le iniziative di Abiti Puliti, svolte a livello internazionale, hanno portato molte aziende ad adottare "codici di condotta", un elenco di regole da seguire per portare la responsabilità sociale nella loro attività. Questi obiettivi non sarebbero stati raggiunti senza la partecipazione attiva dei cittadini che, interessati dalla tematica, hanno firmato le petizioni ed adottato una maggiore consapevolezza negli acquisti. La presa di coscienza del valore etico dietro ad operazioni quali il riutilizzo degli abiti o l acquisto presso negozi specializzati in prodotti fairetrade ha portato ad un inizio del cambiamento di rotta nel settore tessile. BIBLIOGRAFIA G. P. Barbetta (2006). Il commercio equo e solidale in Italia, Ricerca su Il commercio equo e solidale. Analisi e valutazione di un nuovo modello di sviluppo. Università Cattolica del Sacro Cuore. R. Dalla Rosa (2011). Vestiti che Fanno Male. A chi li indossa a chi li produce. Editore Terre di Mezzo

La storia del commercio equo e solidale

La storia del commercio equo e solidale Pagina 1 di 5 La storia del commercio equo e solidale 60 anni di fair trade: breve storia del movimento del commercio equo e solidale (versione ufficiale di IFAT scritta nel Gennaio 2004 ed aggiornata

Dettagli

L alternativa del Commercio Equo e Solidale

L alternativa del Commercio Equo e Solidale L alternativa del Commercio Equo e Solidale Non si vede bene che col cuore. l essenziale è invisibile agli occhi. (Antoine de Saint-Exupery) Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

Il commercio equo e solidale

Il commercio equo e solidale Il commercio equo e solidale Da sinistra: Paola, Alessandra, Ilaria, Antonietta, Lucia Alessandra e Ilaria presentano, con l'aiuto di diapositive, la realtà del Commercio equo e solidale oggi nel mondo

Dettagli

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ Secondo le Nazioni Unite, circa 25 mila persone muoiono di fame tutti i giorni, soprattutto bambini e anziani. Per ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ, è prioritario affrontare la questione della terra, del

Dettagli

Il boom mondiale del fair trade

Il boom mondiale del fair trade È di circa 100 milioni in Italia e 660 milioni in Europa il giro d affari del commercio equo-solidale. Un fenomeno, nato nel Centro e Nord Europa, che si sta sviluppando in tutti i Paesi occidentali. E

Dettagli

Allegato allo Schema di Contratto

Allegato allo Schema di Contratto Allegato allo Schema di Contratto AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125, COMMI 10 E 11, DEL D. LGS. N. 163/2006 E S.M.I. DELLE INDAGINI GEOGNOSTICHE, GEOTECNICHE E ARCHEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI

Dettagli

IL PROGETTO COSMIC CSR oriented supply-chain management to improve competitiveness (www.cosmic.sssup.it).

IL PROGETTO COSMIC CSR oriented supply-chain management to improve competitiveness (www.cosmic.sssup.it). LA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA DI PISA La Scuola Superiore Sant Anna di Pisa è un istituto universitario pubblico a statuto speciale che opera nel campo delle Scienze applicate. Si propone di sperimentare

Dettagli

Primo Rapporto sullo Stato dell Ambiente Provincia di Genova Anno 2003 Modelli di Consumo Sostenibile

Primo Rapporto sullo Stato dell Ambiente Provincia di Genova Anno 2003 Modelli di Consumo Sostenibile Inquadramento del tema Primo Rapporto sullo Stato dell Ambiente Provincia di Genova Anno 2003 Spesso noi tutti consideriamo le problematiche ambientali come qualcosa su cui non abbiamo responsabilità dirette

Dettagli

INDUSTRIA INDIANA della TRASFORMAZIONE ALIMENTARE

INDUSTRIA INDIANA della TRASFORMAZIONE ALIMENTARE INDUSTRIA INDIANA della TRASFORMAZIONE ALIMENTARE Novembre 2010 Report realizzato dalla Indo-Italian Chamber of Commerce & Industry Introduzione L industria della trasformazione alimentare in India è una

Dettagli

Dal Cacao al Cioccolato. Alla scoperta delle origini del cioccolato

Dal Cacao al Cioccolato. Alla scoperta delle origini del cioccolato Dal Cacao al Cioccolato Alla scoperta delle origini del cioccolato CHE COS È IL CHOCODAY? Il Chocoday intende celebrare e promuovere il Cioccolato di qualità: cioè un prodotto ottenuto esclusivamente con

Dettagli

Programma della lezione

Programma della lezione Programma della lezione 1) Introduzione: la necessità di scelte concrete per una economia di giustizia. A Villaguardia, si è svolta nello scorso mese di settembre una fiera piuttosto inusuale e dal nome

Dettagli

ECONOMIA DEL FAIR TRADE DEFINIZIONI DI RIFERIMENTO

ECONOMIA DEL FAIR TRADE DEFINIZIONI DI RIFERIMENTO ECONOMIA DEL FAIR TRADE DEFINIZIONI DI RIFERIMENTO 1 COSA S INTENDE CON FAIR TRADE Cos è FT per la gente della strada 20 Un movimento di cooperative, associazioni, organizzazioni non profit che commercializza

Dettagli

Proposta di Legge 20 dicembre 2013, n. 303 Disposizioni per il sostegno e la diffusione del commercio equo e solidale.

Proposta di Legge 20 dicembre 2013, n. 303 Disposizioni per il sostegno e la diffusione del commercio equo e solidale. Proposta di Legge 20 dicembre 2013, n. 303 Disposizioni per il sostegno e la diffusione del commercio equo e solidale. Art. 1 Oggetto e finalità 1. La Regione, in coerenza con i principi internazionali

Dettagli

Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia - 1 - XI Legislatura - Atti consiliari

Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia - 1 - XI Legislatura - Atti consiliari Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia - 1 - XI Legislatura - Atti consiliari TESTO PRESENTATO DAI PROPONENTI Art. 1 (Finalità)

Dettagli

filiamo d(i)ritti una filiera biologica ed equosolidale del cotone

filiamo d(i)ritti una filiera biologica ed equosolidale del cotone filiamo d(i)ritti una filiera biologica ed equosolidale del cotone Cofinanziato dall Unione Europea Nel quadro del progetto Fair Trade supply chain development in India and Nepal - DCI-NSA PVD/2009/200-842

Dettagli

Questionario semplificato di monitoraggio della conformità a standard sociali minimi

Questionario semplificato di monitoraggio della conformità a standard sociali minimi All. G Questionario semplificato di monitoraggio della conformità a standard sociali minimi Premessa Il questionario è parte integrante della documentazione relativa al contratto di affidamento, riguardante

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori AMATI, Disposizioni per la promozione del commercio equo e solidale Relazione Onorevoli Senatori. Il commercio equo e

Dettagli

Intervista a Giorgio Dal Fiume rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Presidente di World Fair Trade Organization Europe

Intervista a Giorgio Dal Fiume rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Presidente di World Fair Trade Organization Europe Intervista a Giorgio Dal Fiume rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Presidente di World Fair Trade Organization Europe Maggio 2015 L Europa è la culla del Fair Trade: come e quanto è diffuso?

Dettagli

COTONE. Business Game dell Università Cattaneo CREA LA TUA IMPRESA. Viale Sarca, 223-20126 Milano info@fondazionecotonelino.it

COTONE. Business Game dell Università Cattaneo CREA LA TUA IMPRESA. Viale Sarca, 223-20126 Milano info@fondazionecotonelino.it COTONE F O R E V E R CREA LA TUA IMPRESA Business Game dell Università Cattaneo Viale Sarca, 223-20126 Milano info@fondazionecotonelino.it Nel 1322, quando Sir John Mandeville di ritorno dall Oriente raccontò

Dettagli

Il commercio equo e solidale

Il commercio equo e solidale Il commercio equo e solidale Materiale e testi rispettivamente da Becchetti L. (Università di Roma Tor Vergata) e Becchetti L. e Paganetto L. (2005) Una definizione Il commercio equo e solidale (fair trade)

Dettagli

Palloni da calcio EquoSolidali. Consorzio Ctm altromercato info@altromercato.it www.altromercato.it 1

Palloni da calcio EquoSolidali. Consorzio Ctm altromercato info@altromercato.it www.altromercato.it 1 Palloni da calcio EquoSolidali 1 IL CONTESTO IL CONTESTO Più del 70% dei palloni da calcio prodotti al mondo vengono realizzati in un distretto produttivo particolare, quello localizzato a Sialkot, nella

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 10.06.2004 COM(2004)415 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Piano d azione europeo per l agricoltura biologica

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA

DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA ALLEGATO D DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA Commercio equo e solidale 1. Il commercio equo e solidale è l attività di cooperazione economica e sociale finalizzata a consentire o migliorare

Dettagli

IL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE e CONSUMO CRITICO I valori nello scambio Lo scambio di valori

IL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE e CONSUMO CRITICO I valori nello scambio Lo scambio di valori IL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE e CONSUMO CRITICO I valori nello scambio Lo scambio di valori SOMMARIO PERCHE CHE COSA E LE ORIGINI GLI OBIETTIVI I CRITERI I PRINCIPALI PRODOTTI IL PREZZO TRASPARENTE LA RETE

Dettagli

Ruolo del commercio equo e solidale nel sistema economico e nel rapporto tra etica ed economia

Ruolo del commercio equo e solidale nel sistema economico e nel rapporto tra etica ed economia COMMERCIO EQUO E SOLIDALE Definizione Con il termine Commercio Equo e Solidale (CEES) si definisce una modalità di relazione commerciale tra i produttori del Sud del mondo e i consumatori finali del Nord

Dettagli

Risoluzione del Parlamento europeo sul commercio equo e solidale e lo sviluppo (2005/2245(INI)) Il Parlamento europeo,

Risoluzione del Parlamento europeo sul commercio equo e solidale e lo sviluppo (2005/2245(INI)) Il Parlamento europeo, P6_TA(2006)0320 Commercio equo e sviluppo Risoluzione del Parlamento europeo sul commercio equo e solidale e lo sviluppo (2005/2245(INI)) Il Parlamento europeo, vista la sua risoluzione del 2 luglio 1998

Dettagli

RIESAME DELLA POLITICA DELL'UE IN MATERIA DI AGRICOLTURA BIOLOGICA - LEGISLAZIONE E PIANO D'AZIONE

RIESAME DELLA POLITICA DELL'UE IN MATERIA DI AGRICOLTURA BIOLOGICA - LEGISLAZIONE E PIANO D'AZIONE RIESAME DELLA POLITICA DELL'UE IN MATERIA DI AGRICOLTURA BIOLOGICA - LEGISLAZIONE E PIANO D'AZIONE È obbligatorio rispondere alle domande contrassegnate con un asterisco. 1. INFORMAZIONI SUI PARTECIPANTI

Dettagli

I valori su cui si basano le attività di Sabahar sono la sostenibilità, l innovazione e il prendersi cura degli altri.

I valori su cui si basano le attività di Sabahar sono la sostenibilità, l innovazione e il prendersi cura degli altri. SABAHAR Le stole e le sciarpe di seta e cotone di Auteurs du Monde arrivano dall Etiopia e nascono dalle mani esperte di donne e uomini che lavorano presso Sabahar, dove coltivano i bachi e tessono a mano

Dettagli

Petizione relativa al prossimo negoziato sul commercio internazionale dei prodotti del tessile-abbigliamento

Petizione relativa al prossimo negoziato sul commercio internazionale dei prodotti del tessile-abbigliamento Petizione relativa al prossimo negoziato sul commercio internazionale dei prodotti del tessile-abbigliamento Da dieci anni, ACTE, Associazione delle Comunità Tessili Europee, ha operato per la difesa e

Dettagli

COOPI E LE AZIENDE La partnership COOPI-Chiquita e la missione in Costa Rica e Panama. 23 febbraio 2010

COOPI E LE AZIENDE La partnership COOPI-Chiquita e la missione in Costa Rica e Panama. 23 febbraio 2010 COOPI E LE AZIENDE La partnership COOPI-Chiquita e la missione in Costa Rica e Panama 23 febbraio 2010 COOPI E LE AZIENDE: i concetti chiave Oltre la filantropia: ALLEANZA STRATEGICA Cooperazione Internazionale

Dettagli

PROGETTO DI LEGGE N. 0242

PROGETTO DI LEGGE N. 0242 REGIONE LOMBARDIA X LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 8485 PROGETTO DI LEGGE N. 0242 di iniziativa dei Consiglieri regionali: Ciocca, Alloni, Baldini, Barboni, Brambilla, Buffagni, Busi, Del Gobbo,

Dettagli

partecipare e diventare Fair trade town

partecipare e diventare Fair trade town partecipare e diventare Fair trade town VERSO IL RICONOSCIMENTO www.fairtradetown.ch Contenuto 3 PREMESSE 4 CAMPAGNA 5 COMMERCIO EQUO 6 SWISS FAIR TRADE 8 PRODOTTI DEL COMMERCIO EQUO 10 COME FUNZIONA 12

Dettagli

Le schede sono suddivise nei seguenti argomenti, secondo l età dei possibili destinatari e le due aree museali: ANNI 5 11 ANNI 11 16

Le schede sono suddivise nei seguenti argomenti, secondo l età dei possibili destinatari e le due aree museali: ANNI 5 11 ANNI 11 16 Gentile insegnante, preparare una visita al Museo e Villaggio Africano significa affrontare in una prospettiva interdisciplinare qualsiasi aspetto della realtà, dai gesti del corpo ai rapporti familiari,

Dettagli

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni CONCLUSIONI Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera all interno di un network. Si è svolta un attenta analisi della letteratura sui network, sulle conoscenze, sulla

Dettagli

Biologica. Una Guida per Azionisti, Agricoltori, Trasformatori e Distributori. Contatti. www.organic-farming.europa.eu

Biologica. Una Guida per Azionisti, Agricoltori, Trasformatori e Distributori. Contatti. www.organic-farming.europa.eu Commissione europea Agricoltura e Sviluppo rurale Contatti Servizi audiovisivi della Commissione Europea http://ec.europa.eu/avservices/home/index_en.cfm. Sito web sull agricoltura biologica della Commissione

Dettagli

Centro di Educazione Ambientale LABTER Provincia di Pesaro e Urbino ASUR Dipartimento di Prevenzione PROGETTO ALIMENTAZIONE TRIENNALE

Centro di Educazione Ambientale LABTER Provincia di Pesaro e Urbino ASUR Dipartimento di Prevenzione PROGETTO ALIMENTAZIONE TRIENNALE Centro di Educazione Ambientale LABTER Provincia di Pesaro e Urbino ASUR Dipartimento di Prevenzione Indicazioni sintetiche e generali: PROGETTO ALIMENTAZIONE TRIENNALE - Il Centro di Educazione Ambientale

Dettagli

Via Salieri,, 16 Tel. 0442/601061. Legnago. il riso. commercio equo e solidale

Via Salieri,, 16 Tel. 0442/601061. Legnago. il riso. commercio equo e solidale Legnago Via Salieri,, 16 Tel. 0442/601061 il riso commercio equo e solidale Legnago, 18 novembre 2006 La Thailandia Bangkok Come la conosciamo? La produzione di riso La Thailandia è il paese che esporta

Dettagli

SIRIA IL MERCATO DEL TESSILE E DELL'ABBIGLIAMENTO

SIRIA IL MERCATO DEL TESSILE E DELL'ABBIGLIAMENTO SIRIA IL MERCATO DEL TESSILE E DELL'ABBIGLIAMENTO Maggio 2011 Premessa L importazione in Siria è in espansione, ma e ancora contenuta a causa dei dazi doganali elevati e le importazioni di prodotti tessili

Dettagli

Fiera del Levante. La comunicazione in una strategia di Marketing territoriale. Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002

Fiera del Levante. La comunicazione in una strategia di Marketing territoriale. Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 Fiera del Levante La comunicazione in una strategia di Marketing territoriale Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 L agenzia E tra le prime 10 del mercato secondo la classifica Assorel, la seconda

Dettagli

Per sentirsi buoni dentro e belli fuori!

Per sentirsi buoni dentro e belli fuori! Per sentirsi buoni dentro e belli fuori! Da oltre 20 anni realizziamo ogni capo Naturaline con entusiasmo e passione, perché sappiamo cosa significa produrre tessili nel rispetto di standard etici ed ecologici.

Dettagli

Legge Regionale 30 aprile 2015 n. 9. Riconoscimento e sostegno delle organizzazioni di commercio equo e solidale.

Legge Regionale 30 aprile 2015 n. 9. Riconoscimento e sostegno delle organizzazioni di commercio equo e solidale. Legge Regionale 30 aprile 2015 n. 9 Riconoscimento e sostegno delle organizzazioni di commercio equo e solidale. (Lombardia, BUR 5 maggio 2015, n. 19, Supplemento) IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL

Dettagli

Le strategie internazionali

Le strategie internazionali Le strategie internazionali Le strategie internazionali costituiscono alternative di fondo seguite nella costruzione e/o nel rafforzamento del vantaggio competitivo in ambito internazionale (Valdani &

Dettagli

La certificazione Fairtrade. Presentazione generale per aziende

La certificazione Fairtrade. Presentazione generale per aziende La certificazione Fairtrade Presentazione generale per aziende Contenuti 1. La certificazione 2. La filiera 3. L attività di FLO - Cert 4. Il contratto di sub licenza La certificazione Fairtrade La certificazione

Dettagli

CITTÀ, POLITICHE E STRUMENTI DI GOVERNANCE

CITTÀ, POLITICHE E STRUMENTI DI GOVERNANCE A14 371 Giovanni Tocci CITTÀ, POLITICHE E STRUMENTI DI GOVERNANCE LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA IN ALCUNE CITTÀ MEDIE ITALIANE Copyright MMX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

INTERVENTI PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE PROGRAMMA ATTIVITÀ 2012

INTERVENTI PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE PROGRAMMA ATTIVITÀ 2012 INTERVENTI PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE PROGRAMMA ATTIVITÀ 2012 Area Commercio e Promozione Estero Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Treviso www.tv.camcom.it promozione@tv.camcom.it

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

Tabella dei principali marchi ambientali e sociali di prodotto e di processo

Tabella dei principali marchi ambientali e sociali di prodotto e di processo UNI-EN ISO TR 14021 International Organization for Standardization Autodichiarazioni ambientali per prodotti e servizi di consumo a scopo informativo senza obbligo di verifica esterna indipendente. Ad

Dettagli

SVILUPPO E SOTTOSVILUPPO

SVILUPPO E SOTTOSVILUPPO SVILUPPO E SOTTOSVILUPPO - C è una domanda fondamentale da porsi, affrontando questi problemi: Le risorse del nostro pianeta sono sufficienti per fornire a tutti gli uomini una vita dignitosa? - Una possibile

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

Banco Alimentare Campania ONLUS

Banco Alimentare Campania ONLUS La Rete Banco Alimentare opera da 21 anni sul territorio nazionale e provvede, in particolare, alla raccolta delle eccedenze di produzione agricole, dell industria, specialmente alimentare, della Grande

Dettagli

Thai-Italian Chamber of Commerce

Thai-Italian Chamber of Commerce IL MERCATO AGROALIMENTARE IN THAILANDIA Il settore del Food in Thailandia è sicuramente uno dei piu promettenti e in rapida crescita. La concorrenza sta crescendo di pari passo; ogni anno infatti assistiamo

Dettagli

Surplus Food Management Against Food Waste

Surplus Food Management Against Food Waste Surplus Food Management Against Food Waste Il recupero delle eccedenze alimentari. Dalle parole ai fatti. Autori Paola Garrone Marco Melacini Alessandro Perego Ricerca promossa in collaborazione da Outcomes

Dettagli

COMMERCIO. COSMIC Project Co-financed by: DG Enterprise & Industry

COMMERCIO. COSMIC Project Co-financed by: DG Enterprise & Industry COMMERCIO EQUO - SOLIDALE COSMIC Project Co-financed by: DG Enterprise & Industry SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA DI PISA: Istituto universitario pubblico che si propone di sperimentare percorsi formativi nella

Dettagli

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro.

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Henry Hansmann Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Prima di tutto è bene iniziare da una distinzione

Dettagli

Il rinnovato impegno della comunità internazionale

Il rinnovato impegno della comunità internazionale Il rinnovato impegno della comunità internazionale La situazione dei Paesi poveri Sei anni fa le Nazioni Unite hanno lanciato il programma Millennium Development Goals (MDGs, ossia «Obiettivi per lo sviluppo

Dettagli

ACQUSTI PUBBLICI SOSTENIBILI

ACQUSTI PUBBLICI SOSTENIBILI Alla scoperta degli ACQUSTI PUBBLICI SOSTENIBILI Lugano 9 marzo 2006 Ing. Andrea Rigato Sviluppo sostenibile Vari significati, attribuiti in ambiti diversi Definizione più comune (e accettata) Uno sviluppo

Dettagli

Per ulteriori informazioni, contattare: Colleen Parr al numero (214) 665-1334, o via e-mail, all indirizzo colleen.parr@fleishman.

Per ulteriori informazioni, contattare: Colleen Parr al numero (214) 665-1334, o via e-mail, all indirizzo colleen.parr@fleishman. Per ulteriori informazioni, contattare: Colleen Parr al numero (214) 665-1334, o via e-mail, all indirizzo colleen.parr@fleishman.com La prevista seconda ondata di crescita e sviluppo delle colture biotecnologiche

Dettagli

CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Oggetto: proposta di mozione. Trento, 4 ottobre 2006 San Francesco d Assisi Egr. Sig. Pallaoro Dario Presidente del Consiglio provinciale di Trento SEDE Adesione

Dettagli

CAPIRE MEGLIO LE POSTE IN GIOCO DELLA CARTA EUROPEA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI DI QUALITA DELLA MONTAGNA

CAPIRE MEGLIO LE POSTE IN GIOCO DELLA CARTA EUROPEA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI DI QUALITA DELLA MONTAGNA SEPTEMBRE 2005 CAPIRE MEGLIO LE POSTE IN GIOCO DELLA CARTA EUROPEA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI DI QUALITA DELLA MONTAGNA Troverete delle risposte alle seguenti domande : Perché una Carta europea sui prodotti

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 262. Disposizioni per la promozione del commercio equo e solidale

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 262. Disposizioni per la promozione del commercio equo e solidale Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 262 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori AMATI, BASSOLI, BASTICO, CASSON, DONAGGIO, GRANAIOLA, MAGISTRELLI, NEROZZI, PEGORER, Anna Maria SERAFINI, SBARBATI

Dettagli

ActionAid e le Aziende per la Giustizia Sociale!

ActionAid e le Aziende per la Giustizia Sociale! ActionAid e le Aziende per la Giustizia Sociale! Indice dei contenuti ActionAid Italia Giornata Mondiale per la Giustizia Sociale ActionAid e la Giustizia Sociale Progetto Etiopia Aziende in azione per

Dettagli

I Volti del Consumo. Il consumo nella decrescita. Settima settimana

I Volti del Consumo. Il consumo nella decrescita. Settima settimana I Volti del Consumo Il consumo nella decrescita Settima settimana Come accostarci.. 1. Il consumo di massa: trend 2. Consumo e stili di vita: gruppi sociali 3. Il consumo: ponte tra produzione e smaltimento

Dettagli

Economia e Politica agroalimentare

Economia e Politica agroalimentare Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Facoltà di Agraria Economia e Politica agroalimentare Corso di Laurea: Scienze e Tecnologie Alimentari Consumo etico e Consumo critico Il "critical

Dettagli

Il cioccolato. equo e solidale

Il cioccolato. equo e solidale Il cioccolato equo e solidale Che storia sta dietro a una tavoletta di cacao? Quanti km percorre? Il cacao è tutto uguale? Cosa vuol dire acquistare il cacao equo solidale? Cosa succede a chilometri di

Dettagli

Alimenti e servizi di catering: Criteri Chiave Procura + Versione estesa

Alimenti e servizi di catering: Criteri Chiave Procura + Versione estesa Alimenti e servizi di catering: Criteri Chiave Procura + Versione estesa 1 INTRODUZIONE 1 2 CRITERI CHIAVE PROCURA + PRODOTTI BIOLOGICI 2 3 CRITERI CHIAVE PROCURA + PRODOTTI DERIVANTI DAL MERCATO EQUO

Dettagli

Relazione al T.U. Promozione e sviluppo dell economia e della responsabilità sociale delle imprese cons. Civico Mattia

Relazione al T.U. Promozione e sviluppo dell economia e della responsabilità sociale delle imprese cons. Civico Mattia Relazione al T.U. Promozione e sviluppo dell economia e della responsabilità sociale delle imprese cons. Civico Mattia Ogni volta che acquistiamo un prodotto, nel gesto semplice con cui ci affacciamo al

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà. Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà. Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015 Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015 1 Il quarto Quadro strategico del Fondo regioni, di insicurezza alimentare

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Che cos è il Commercio Equo e Solidale? Gli obiettivi del Commercio Equo e Solidale

Che cos è il Commercio Equo e Solidale? Gli obiettivi del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale Che cos è il Commercio Equo e Solidale? Il Commercio Equo e Solidale è una partnership commerciale fondata sul dialogo, la trasparenza e il rispetto, che cerca di stabilire

Dettagli

SVOLGIMENTO IL PIANO DI MARKETING INTERNAZIONALE

SVOLGIMENTO IL PIANO DI MARKETING INTERNAZIONALE SVOLGIMENTO IL PIANO DI MARKETING INTERNAZIONALE La Pulcinella SpA è un azienda specializzata nella produzione di pizza surgelata con sede nella periferia di Napoli. La mission aziendale è quella di realizzare

Dettagli

Fare affari in Messico

Fare affari in Messico Fare affari in Messico Crescono gli investimenti italiani in Messico che è l'ottavo Paese al mondo per attrazione di Investimenti Diretti Esteri. L Ambasciata d Italia di Città del Messico, l Ufficio ICE

Dettagli

scegli i prodotti Altromercato BIO per il tuo negozio

scegli i prodotti Altromercato BIO per il tuo negozio scegli i prodotti Altromercato BIO per il tuo negozio ai tuoi clienti offri la giustizia, la naturalità e la qualità del commercio equo e solidale bio perché scegliere il commercio equo e solidale Rispetta

Dettagli

PROGRAMMA. Docente: Prof. Mario Pianta (Università Urbino Economia) Periodo: 06 Novembre 2008 Orario: 10:00-13:00; 14:00-17:00 Durata: 6 ore

PROGRAMMA. Docente: Prof. Mario Pianta (Università Urbino Economia) Periodo: 06 Novembre 2008 Orario: 10:00-13:00; 14:00-17:00 Durata: 6 ore PROGRAMMA Modulo 1) Economia dello sviluppo: teorie economiche prevalenti, istituzioni e ruolo del commercio internazionale nello sviluppo economico a livello locale. Docente: Prof. Mario Pianta (Università

Dettagli

ParTeciPare da subito in quanto commerciante, albergatore o ristoratore www.fairtradetown.ch

ParTeciPare da subito in quanto commerciante, albergatore o ristoratore www.fairtradetown.ch ParTeciPare da subito in quanto commerciante, albergatore o ristoratore ecco CoMe i CoMMeRCiANti, GLi ALbeRGAtoRi e i RiStoRAtoRi PoSSoNo CoNtRibUiRe AL SUCCeSSo DeLLA CAMPAGNA www.fairtradetown.ch 2 LA

Dettagli

Lezione 8. Le politiche commerciali II. Slide 9-1

Lezione 8. Le politiche commerciali II. Slide 9-1 Lezione 8 Le politiche commerciali II Slide 9-1 Road Map Altri strumenti di politica commerciale Gli effetti della politica commerciale: una sintesi Introduzione Le ragioni a favore del libero scambio

Dettagli

Consultazione sulla Food Policy nelle 9 zone

Consultazione sulla Food Policy nelle 9 zone Consultazione sulla Food Policy nelle zone Ecco i principali temi emersi nelle discussioni sulla Food Policy avvenuta nelle zone di Milano tra il e il maggio 0 TEMA ZONA EDUCAZIONE Educazione alimentare

Dettagli

GUSTO GIUSTO: LO ZUCCHERO EQUOSOLIDALE

GUSTO GIUSTO: LO ZUCCHERO EQUOSOLIDALE GUSTO GIUSTO: LO ZUCCHERO EQUOSOLIDALE STORIE PARALLELE L'origine della canna da zucchero va ricercata in Nuova Guinea, da dove la pianta si diffonde, alcuni decenni prima di Cristo, nelle Filippine, in

Dettagli

PIANO PER UNO SVILUPPO RESPONSABILE Documento sulle linee programmatiche-strategiche 2013>2018 In votazione

PIANO PER UNO SVILUPPO RESPONSABILE Documento sulle linee programmatiche-strategiche 2013>2018 In votazione PIANO PER UNO SVILUPPO RESPONSABILE Documento sulle linee programmatiche-strategiche 2013>2018 In votazione INTRODUZIONE Pace e Sviluppo dopo 20 anni di attività come Cooperativa si trova ad essere tra

Dettagli

Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro

Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro L AGROALIMENTARE ITALIANO: PROSPETTIVE DI SVILUPPO E CRITICITÀ. Forum Internazionale dell Agricoltura e dell Alimentazione. Coldiretti Antonio MARZANO Presidente

Dettagli

SINTESI. Introduzione

SINTESI. Introduzione SINTESI Introduzione Il mandato che ci è stato conferito verte su un argomento esteso e complesso: la dimensione sociale della globalizzazione. La nostra Commissione è ampiamente rappresentativa degli

Dettagli

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014 FEDERAZIONE NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DEI PRODUTTORI DI BENI STRUMENTALI E LORO ACCESSORI DESTINATI ALLO SVOLGIMENTO DI PROCESSI MANIFATTURIERI DELL INDUSTRIA E DELL ARTIGIANATO IL SETTORE DEI BENI

Dettagli

COSA SONO GLI O.G.M.?

COSA SONO GLI O.G.M.? COSA SONO GLI O.G.M.? Da secoli l uomo cerca di migliorare le specie animali e vegetali presenti nell ecosistema, per poterle utilizzare in maniera economicamente più vantaggiosa. Come allevatore ed agricoltore,

Dettagli

A SCUOLA DI MONDO. Percorsi di educazione interculturale e di educazione allo sviluppo per la scuola primaria ANNO SCOLASTICO 2013-14

A SCUOLA DI MONDO. Percorsi di educazione interculturale e di educazione allo sviluppo per la scuola primaria ANNO SCOLASTICO 2013-14 A SCUOLA DI MONDO Percorsi di educazione interculturale e di educazione allo sviluppo per la scuola primaria ANNO SCOLASTICO 2013-14 Il commercio non è né buono né cattivo [...] può sia contribuire al

Dettagli

Fairtrade 2010. Fairtrade Italia

Fairtrade 2010. Fairtrade Italia Fairtrade Italia Contenuti 1. Il consorzio 2. L attività di Fairtrade Italia 3. Prodotti in Italia 4. Canali di distribuzione Il consorzio Fairtrade Italia Fairtrade Italia è il consorzio che dal 1994

Dettagli

Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma

Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma Progetto promosso da: Con il patrocinio di: OSSERVATORIO SANA 2015 OSSERVATORIO SANA 2015 a cura di OBIETTIVI

Dettagli

IL MERCATO DELLE ARANCE

IL MERCATO DELLE ARANCE IL MERCATO DELLE ARANCE tendenze recenti e dinamiche attese Catania, 11 luglio 2013 QUALI ELEMENTI DI CRITICITÀ dimensione aziendale medio-bassa, impianti poco moderni, problemi fitosanitari (virosi) filiera

Dettagli

Il commercio equo e solidale in Italia

Il commercio equo e solidale in Italia UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE CENTRO DI RICERCHE SULLA COOPERAZIONE Working Paper n. 3 Gian Paolo Barbetta (Università Cattolica del Sacro Cuore) Il commercio equo e solidale in Italia Ricerca su

Dettagli

1 Elaborazioni Euricse su dati forniti dalla Federazione Trentina della Cooperazione e da Raiffeisenverband Sudtirol.

1 Elaborazioni Euricse su dati forniti dalla Federazione Trentina della Cooperazione e da Raiffeisenverband Sudtirol. La storia e la teoria economica ci insegnano che il superamento della povertà in ambito agricolo è legato dalla capacità dei produttori di operare su una scala che consenta l accesso a mercati più ampi

Dettagli

Parte 2 Approfondimenti settoriali dedicati alle singole filiere del riciclo e recupero

Parte 2 Approfondimenti settoriali dedicati alle singole filiere del riciclo e recupero .1 Valutazione del contesto di mercato internazionale.1.1 La gestione dei PFU nei Paesi europei Un analisi esaustiva e aggiornata dei flussi di pneumatici usati e in Europa, riferita a statistiche ufficiali

Dettagli

Analisi CSR per Ctm altromercato

Analisi CSR per Ctm altromercato Analisi CSR per Ctm altromercato Marzo 2006 L analisi della responsabilità sociale il nostro modello...1 Le fasi del processo di analisi...2 Analisi della responsabilità sociale per Ctm altromercato...3

Dettagli

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export Roberto Monducci Istituto nazionale di statistica Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche

Dettagli

Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane

Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane Roberto Cassanelli - Responsabile Commerciale Corporate Nord Est Verona, 8 aprile 2013 INDICE IL QUADRO

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

I PROGETTI ADOTTATI DA 4CITIES4DEV CIBO BUONO, PULITO E GIUSTO PER TUTTI: L ESPERIENZA DELLE COMUNITÀ DEL CIBO

I PROGETTI ADOTTATI DA 4CITIES4DEV CIBO BUONO, PULITO E GIUSTO PER TUTTI: L ESPERIENZA DELLE COMUNITÀ DEL CIBO I PROGETTI ADOTTATI DA 4CITIES4DEV CIBO BUONO, PULITO E GIUSTO PER TUTTI: L ESPERIENZA DELLE COMUNITÀ DEL CIBO Vaniglia di Mananara Paola Viesi Presidio Slow Food adottato dalla città di Riga This project

Dettagli

ISO 22000 SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ALIMENTARE

ISO 22000 SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ALIMENTARE ISO 22000 SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ALIMENTARE Lo standard ISO 22000 si applica a tutte le organizzazioni direttamente o indirettamente coinvolte nella filiera alimentare. La norma è compatibile

Dettagli

Solidal Domande frequenti F.A.Q.

Solidal Domande frequenti F.A.Q. 1 Solidal Domande frequenti F.A.Q. Oggi la vera divisione è tra chi vuole una globalizzazione selvaggia, senza il rispetto delle regole negoziate e condivise, senza il rispetto dei diritti umani e sociali,

Dettagli

Congresso Esportare di più si può, si deve

Congresso Esportare di più si può, si deve ICE AGENZIA PER LA PROMOZIONE ALL ESTERO E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ITALIANE Congresso Esportare di più si può, si deve Lecce, 16 ottobre 2014 Giovanni Sacchi Direttore Ufficio di coordinamento

Dettagli

La crisi del XVII secolo

La crisi del XVII secolo La crisi del XVII secolo L Europa visse nel XVII una grave emergenza economica e sociale. Nel XV e nel XVI secolo la popolazione era aumentata era necessario accrescere anche la produzione agricola. Le

Dettagli