Le competenze delle Aziende USL in materia di maltrattamenti

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le competenze delle Aziende USL in materia di maltrattamenti"

Transcript

1 Legge 189 del 20 luglio 2004 Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali Le competenze delle Aziende USL in materia di maltrattamenti roberto mattioli massimo romeo Bologna 8 giugno 2006

2 «Per quanto concerne gli animali non si può parlare propriamente di soggettività giuridica mancando in loro quelle doti di razionalità, di libero volere e di responsabilità che sono proprie della personalità; non si può tuttavia considerarli come cose, ma creature sensibili che fanno parte della nostra convivenza, concorrendo ad integrare la nostra collettività. Si pone, naturalmente, in corrispondenza ai diritti degli animali, una somma di doveri per gli uomini, considerati singolarmente e nella loro collettività organizzata, impersonata nello Stato.» Procuratore Generale della Corte Suprema di Cassazione (1961)

3 Benessere Il benessere di un individuo è la sua condizione rispetto alla capacità di adattarsi all ambiente Protezione Necessità di porre limiti allo sfruttamento degli animali che spesso implicava sofferenze senza necessità Maltrattamento Chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona morte o lesioni ad un animale ovvero lo sottopone a sevizie o a comportamenti o a fatiche o a lavori insopportabili per le sue caratteristiche etologiche è punito..

4 benessere protezione maltrattamento

5 Cani, gatti, pets Allevamento Trasporti Macello Sperimentazione

6 Cani, gatti, pets Allevamento Trasporti Macello Sperimentazione

7 Norme a tutela del benessere animale Legge Regionale n. 5/05 - Strutture di commercio, allevamento, addestramento, e custodia animali da compagnia - Esposizioni, competizioni, spettacoli - Tutela della fauna alloctona e autoctona - Tutela dei volatili ornamentali - Tutela dei pesci ornamentali e degli animali da acquario - Controllo dei colombi liberi urbani - Controllo dei muridi e altri animali infestanti Programmi di informazione e di educazione a tutela degli animali da compagnia

8 Norme a tutela del benessere animale Legge Regionale n. 5/05 indicazioni tecniche Modalità di protezione e tutela degli animali da compagnia, condizioni minime di ricovero e contenzione di piccoli mammiferi, pesci ornamentali ed animali da acquario, uccelli ornamentali, anfibi e rettili nel commercio e nell allevamento Indicazioni tecniche per lo svolgimento di gare di equidi o altri ungulati nel corso di manifestazioni popolari

9 Norme a tutela del benessere animale Legge Regionale n. 5/05 La vigilanza è svolta da Aziende Unità sanitarie locali Provincie Comuni

10 Cani, gatti, pets Allevamento Trasporti Macello Sperimentazione

11 Protezione degli animali negli allevamenti D.Lgs. 146/2001 Le autorità sanitarie territorialmente competenti dispongono ispezioni per la verifica del rispetto delle disposizioni del decreto; la conformità delle modalità di allevamento e custodia va valutata tenuto conto della specie, del grado di sviluppo, adattamento e addomesticamento, nonché delle esigenze fisiologiche ed etologiche secondo l esperienza acquisita e le conoscenze scientifiche

12

13 Protezione dei vitelli D.Lgs. 533/1992 Protezione dei suini D.Lgs. 534/1992 Protezione delle galline ovaiole D.Lgs. 267/2003 [0(1-2-3)IT001T036]

14 Cani, gatti, pets Allevamento Trasporti Macello Sperimentazione

15 Protezione degli animali negli allevamenti D.Lgs. 146/2001. stabilisce le misure minime da osservare negli allevamenti per la protezione degli animali, Animale: qualsiasi animale, inclusi pesci, rettili e anfibi, allevato e custodito per la produzione di derrate alimentari, lana, pelli, pellicce o altri scopi agricoli Proprietario/custode/detentore: qualsiasi persona fisica o giuridica che, anche temporaneamente, è responsabile o si occupa di animali Autorità competente: il Ministero della Salute e le autorità sanitarie territorialmente competenti: regioni, province autonome e le aziende sanitarie locali

16 Protezione degli animali durante il trasporto e operazioni connesse Regolamento n. 1/2005/CE Applicabile dal 5 gennaio Idoneità al trasporto degli animali - Caratteristiche dei mezzi e contenitori per trasporto di animali (strada, rotaia, nave e aereo) - Procedure di carico, scarico e accudimento - Disposizioni per il lunghi viaggi: > 8 ore - Spazi a disposizione degli animali nei mezzi di trasporto - Pianificazione del viaggio - Autorizzazione dei trasportatori - Formazione dei conducenti

17 Protezione degli animali durante il trasporto e operazioni connesse Regolamento n. 1/2005/CE Controlli L autorità competente effettua, in qualsiasi momento del viaggio, appropriati controlli estemporanei o mirati per verificare la veridicità dei tempi di viaggio e il rispetto del regolamento Il veterinario ufficiale verifica la idoneità degli animali al carico/trasporto e vigila sulle strutture interessate al trasporto del bestiame (centri di raccolta, mezzi di trasporto, contenitori, ecc.)

18

19 Cani, gatti, pets Allevamento Trasporti Macello Sperimentazione

20 Protezione degli animali durante la macellazione D.Lgs. 333/1998 Art. 1 Il decreto si applica al trasferimento, alla stabulazione, all immobilizzazione, allo stordimento, alla macellazione, ed all abbattimento degli animali detenuti per la produzione di carni, pelli, pellicce o altri prodotti, nonché all abbattimento degli animali a fini di profilassi e lotta contro le malattie infettive e diffusive

21 Protezione degli animali durante la macellazione D.Lgs. 333/1998 Norme tecniche - Trasferimento e stabulazione degli animali nei macelli con mezzi di trasporto o contenitori - Immobilizzazione degli animali prima della macellazione - Stordimento e abbattimento - Dissanguamento - Metodi di abbattimento nel quadro della lotta contro le malattie - Metodi di abbattimento degli animali da pelliccia - Eliminazione di pulcini ed embrioni in eccedenza

22 Cani, gatti, pets Allevamento Trasporti Macello Sperimentazione

23 Protezione degli animali utilizzati a fini sperimentali o ad altri fini scientifici D.Lgs. 116/1992 L utilizzazione degli animali negli esperimenti è consentito solo per uno o più dei seguenti fini: - sviluppo, produzione e prove di qualità, efficacia e innocuità dei preparati farmaceutici, degli alimenti e di altre sostanze che servono per profilassi, diagnosi e cura delle malattie o per valutazione, rilevazione e controllo delle condizione fisiologiche di uomo e animali - protezione dell ambiente naturale nell interesse della salute e del benessere dell uomo e degli animali

24 Protezione degli animali utilizzati a fini sperimentali o ad altri fini scientifici D.Lgs. 116/1992 I servizi veterinari delle USL svolgono vigilanza permanente. senza trascurare il controllo del benessere animale adottando tutte le misure ritenute necessarie Organo di controllo locale Un medico veterinario controlla il benessere e le condizioni di salute degli animali allo scopo di evitare danni durevoli, dolore, inutili sofferenze ed angoscia

25 Legge 20 luglio 2004, n. 189 Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali, nonché di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate

26 Legge 20 luglio 2004, n Uccisione di animali - Maltrattamento di animali (lesioni, sevizie, fatiche sostanze stupefacenti o vietate..) - Spettacoli o manifestazioni vietate (. che comportino sevizie o strazio per gli animali..) - Detenzione di animali in condizioni incompatibili con la loro natura, e produttive di gravi sofferenze

27 Legge 20 luglio 2004, n. 189 Attività formative (art. 5) Lo Stato e le regioni possono promuovere l integrazione dei programmi didattici delle scuole ai fini di una effettiva educazione degli alunni in materia di etologia comportamentale degli animali e del loro rispetto, anche con prove pratiche

28 Benessere, protezione, maltrattamento,.. Allevamenti, trasporti, sperimentazioni, Sfruttamento, illegalità,.. La tutela degli animali: - problema complesso e vasto - forte attenzione sociale CHE FARE?!

29 COORDINAMENTO TRA TUTTE LE REALTA CHIAMATE ALLA VIGILANZA Articolo 6 della legge 189 (vigilanza).. coordinamento dell attività della Polizia di Stato, dell Arma dei Carabinieri, del Corpo della Guardia di Finanza, del Corpo Forestale dello Stato, e dei Corpi di Polizia Municipale e Provinciale.Associazioni protezionistiche e zoofile riconosciute

30 Che cosa ha in campo l Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna

31

32 Uffici veterinari sul territorio Bologna Casalecchio di Reno Porretta Terme San Lazzaro di Savena San Giorgio di Piano San Giovanni in Persiceto presidi: Anzola Emilia, Bazzano, Vergato, Castiglione dei Pepoli, Pianoro e Budrio

33 Pronta disponibilità veterinaria notturna e festiva Bologna Casalecchio di Reno Porretta Terme San Lazzaro di Savena San Giorgio in Piano San Giovanni in Persiceto

34 Ipotesi di COORDINAMENTO per esche avvelenate e sospetti avvelenamenti

35 Cittadini, Polizia Provinciale, Polizia Municipale, Polizia di Stato, Corpo Forestale dello Stato, Carabinieri, Volontari, Ambulatori e Cliniche Veterinarie Azienda Unità Sanitaria Locale Servizio Veterinario Igiene Pubblica (coordinamento tecnico) Istituto Zooprofilattico Provincia Polizia Provinciale (mappatura del territorio)

36

Approvato definitivamente dal Parlamento l 8 luglio 2004

Approvato definitivamente dal Parlamento l 8 luglio 2004 Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali nonché di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate Approvato definitivamente dal Parlamento l

Dettagli

1. Dopo il titolo IX del libro II del codice penale è inserito il seguente: «TITOLO IX-BIS - DEI DELITTI CONTRO IL SENTIMENTO PER GLI ANIMALI

1. Dopo il titolo IX del libro II del codice penale è inserito il seguente: «TITOLO IX-BIS - DEI DELITTI CONTRO IL SENTIMENTO PER GLI ANIMALI L. 20 luglio 2004, n. 189 (1). Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali, nonché di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate. (1) Pubblicata

Dettagli

testo in vigore dal: 1-8-2004 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga

testo in vigore dal: 1-8-2004 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga LEGGE 20 luglio 2004, n.189 Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali, nonche' di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate. (GU n. 178

Dettagli

** NORMATTIVA - Stampa *** http://www.normattiva.it/do/atto/export

** NORMATTIVA - Stampa *** http://www.normattiva.it/do/atto/export Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali, nonche' di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate. Vigente al: 2-3-2014 La Camera dei deputati

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Prot. n. (VET/07/86072) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Richiamate: la legge 20 luglio 2004, n. 189 Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali,nonché di impiego degli stessi

Dettagli

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA la seguente legge: Promulga Art. 1 (Modifiche al codice penale). 1. Dopo il titolo IX del libro II del

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE IL CONSIGLIO COMUNALE PREMESSO che il Comune di Bentivoglio, nell ambito dei principi giuridici e indirizzi fissati dalle Leggi, dai Regolamenti e dal proprio Statuto promuove il diritto alla presenza,

Dettagli

Direzione. Ordine di servizio n 131/C. Firenze, 31/07/2004. Al Vicecomandante V. Ai Coordinatori d area Agli appartenenti al Corpo.

Direzione. Ordine di servizio n 131/C. Firenze, 31/07/2004. Al Vicecomandante V. Ai Coordinatori d area Agli appartenenti al Corpo. Direzione Ordine di servizio n 131/C Firenze, 31/07/2004 Al Vicecomandante V. Ai Coordinatori d area Agli appartenenti al Corpo Loro sedi Oggetto: Legge 20/07/2004 n. 189. Disposizioni concernenti il divieto

Dettagli

Tutela degli animali da compagnia - aggiornamenti normativi e strumenti operativi per il controllo. Ferrara, 16 maggio 2012

Tutela degli animali da compagnia - aggiornamenti normativi e strumenti operativi per il controllo. Ferrara, 16 maggio 2012 Tutela degli animali da compagnia - aggiornamenti normativi e strumenti operativi per il controllo Ferrara, 16 maggio 2012 Legge regionale 17.02.05, n. 5 Norme a tutela del benessere animale Finalità La

Dettagli

CENTRI RECUPERO ANIMALI SELVATICI (C.R.A.S.) IN PIEMONTE : SITUAZIONE ATTUALE E PROSPETTIVE

CENTRI RECUPERO ANIMALI SELVATICI (C.R.A.S.) IN PIEMONTE : SITUAZIONE ATTUALE E PROSPETTIVE IV WORKSHOP REGIONALE CENTRI RECUPERO ANIMALI SELVATICI (C.R.A.S.) IN PIEMONTE : SITUAZIONE ATTUALE E PROSPETTIVE CRAS E BENESSERE Alessandro Bianchi Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia

Dettagli

CODICE PENALE LIBRO SECONDO DEI DELITTI IN PARTICOLARE. TITOLO IX-BIS Dei delitti contro il sentimento per gli animali

CODICE PENALE LIBRO SECONDO DEI DELITTI IN PARTICOLARE. TITOLO IX-BIS Dei delitti contro il sentimento per gli animali CODICE PENALE LIBRO SECONDO DEI DELITTI IN PARTICOLARE TITOLO IX-BIS Dei delitti contro il sentimento per gli animali Art. 544-bis Uccisione di animali Chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona

Dettagli

REGIONE PIEMONTE LEGGE REGIONALE n. 34 DEL 26-07-1993 Tutela e controllo degli animali da affezione

REGIONE PIEMONTE LEGGE REGIONALE n. 34 DEL 26-07-1993 Tutela e controllo degli animali da affezione REGIONE PIEMONTE LEGGE REGIONALE n. 34 DEL 26-07-1993 Tutela e controllo degli animali da affezione Art. 1. (Finalità della legge) 1. La legge tutela le condizioni di vita degli animali di affezione e

Dettagli

COMUNE di TRIUGGIO. Regolamento Comunale di Polizia Urbana

COMUNE di TRIUGGIO. Regolamento Comunale di Polizia Urbana COMUNE di TRIUGGIO Regolamento Comunale di Polizia Urbana Approvato con Delibera di C.C. n 41 del 29/11/2006 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI TITOLO V CUSTODIA E CIRCOLAZIONE DEGLI ANIMALI Art. 36 Diritti

Dettagli

1. LE COMPETENZE IN MATERIA DI TUTELA DEGLI ANIMALI D AFFEZIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E DELLE AZIENDE USL

1. LE COMPETENZE IN MATERIA DI TUTELA DEGLI ANIMALI D AFFEZIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E DELLE AZIENDE USL 1. LE COMPETENZE IN MATERIA DI TUTELA DEGLI ANIMALI D AFFEZIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E DELLE AZIENDE USL L elevata presenza sul territorio nazionale di animali da compagnia (secondo l'istat

Dettagli

Task Force. Tutela degli animali d affezione, lotta al randagismo e ai canili lager

Task Force. Tutela degli animali d affezione, lotta al randagismo e ai canili lager Task Force Tutela degli animali d affezione, lotta al randagismo e ai canili lager Convivenza con gli animali Cambiamento della società: approccio più etico nella relazione con gli animali d affezione

Dettagli

AREA SANITÁ PUBBLICA VETERINARIA DIPARTIMENTO SANITÁ PUBBLICA

AREA SANITÁ PUBBLICA VETERINARIA DIPARTIMENTO SANITÁ PUBBLICA AREA SANITÁ PUBBLICA VETERINARIA DIPARTIMENTO SANITÁ PUBBLICA 1/7 Premessa Il Dipartimento di Sanità Pubblica dell Azienda USL di Bologna ha la finalità di prevenire le malattie, promuovere, proteggere

Dettagli

sulla tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo

sulla tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo Ministero della Salute Direzione generale della sanità animale e dei farmaci veterinari NORME NAZIONALI sulla tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo Competenze e responsabilità NORME NAZIONALI

Dettagli

PREMESSA IL PRESENTE OPUSCOLO

PREMESSA IL PRESENTE OPUSCOLO NORME NAZIONALI SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI D'AFFEZIONE E LOTTA AL RANDAGISMO COMPETENZE E RESPONSABILITÀ NORME NAZIONALI SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI D'AFFEZIONE E LOTTA AL RANDAGISMO PREMESSA IL PRESENTE

Dettagli

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE Provincia di Pistoia PRONTUARIO SANZIONI AMMINISTRATIVE E PENALI SETTORE VETERINARIO

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE Provincia di Pistoia PRONTUARIO SANZIONI AMMINISTRATIVE E PENALI SETTORE VETERINARIO TABELLA A PRONTUARIO SANZIONI AMMINISTRATIVE E PENALI SETTORE VETERINARIO NORMA VIOLATA SANZIONE COMPETENZE REGOLAMENTO COMUNALE TUTELA DEGLI ANIMALI COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE Tenere animali all esterno

Dettagli

PRONTUARIO SANZIONI Legge regionale 20 luglio 2006, n. 16 "Lotta al randagismo e tutela degli animali di affezione"

PRONTUARIO SANZIONI Legge regionale 20 luglio 2006, n. 16 Lotta al randagismo e tutela degli animali di affezione Provincia di Milano Direzione Centrale Polizia Provinciale e Protezione Civile PRONTUARIO SANZIONI Legge regionale 20 luglio 2006, n. 16 "Lotta al randagismo e tutela degli animali di affezione" Coordinamento

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BRAMBILLA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BRAMBILLA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 308 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato BRAMBILLA Modifiche al codice penale e altre disposizioni in materia di delitti contro gli

Dettagli

QUESTURA DI TORINO UFFICIO PREVENZIONE GENERALE Squadra Cinofili

QUESTURA DI TORINO UFFICIO PREVENZIONE GENERALE Squadra Cinofili QUESTURA DI TORINO UFFICIO PREVENZIONE GENERALE Squadra Cinofili L Organico della Squadra Cinofili della questura di Torino è composto da: 4 UNITA CINOFILE DA ORDINE PUBBLICO/POLIZIA GIUDIZIARIA 4 UNITA

Dettagli

POLIZIA MUNICIPALE FANO NUCLEO OPERATIVO POLIZIA AMBIENTALE

POLIZIA MUNICIPALE FANO NUCLEO OPERATIVO POLIZIA AMBIENTALE POLIZIA MUNICIPALE FANO NUCLEO OPERATIVO POLIZIA AMBIENTALE NUCLEO OPERATIVO POLIZIA AMBIENTALE PROGRAMMA: «LA SCUOLA ADOTTA UN CANILE» 2011 ATTIVITA DI CONTROLLO E INTERVENTO NORME Legge Regionale n 10

Dettagli

Taviano Città dei Fiori

Taviano Città dei Fiori Taviano Città dei Fiori REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE DEI CANI E LA PREVENZIONE DEL RANDAGISMO CANINO Articolo 1 - Oggetto del Regolamento Il presente regolamento detta norme finalizzate a tutelare

Dettagli

Allevamenti abusivi di animali da compagnia: applicazione della L.R. n. 5/2005 e della L. n. 189/2004

Allevamenti abusivi di animali da compagnia: applicazione della L.R. n. 5/2005 e della L. n. 189/2004 Allevamenti abusivi di animali da compagnia: applicazione della L.R. n. 5/2005 e della L. n. 189/2004 Giuseppe Diegoli La tutela degli animali da compagnia: attività di controllo e provvedimenti negli

Dettagli

UNITA OPERATIVA IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI E DELLE PRODUZIONI ZOOTECNICHE

UNITA OPERATIVA IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI E DELLE PRODUZIONI ZOOTECNICHE PROGRAMMAZIONE 2014 UNITA OPERATIVA IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI E DELLE PRODUZIONI ZOOTECNICHE Premessa: L unità Organizzativa complessa Igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche svolge principalmente

Dettagli

sulla tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo

sulla tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo Ministero della Salute Direzione generale della sanità animale e dei farmaci veterinari NORME NAZIONALI sulla tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo Competenze e responsabilità La tutela

Dettagli

LEGGE 20 luglio 2004, n. 189

LEGGE 20 luglio 2004, n. 189 LEGGE 20 luglio 2004, n. 189 Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali, nonché' di impiego degli Stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate. pubblicata

Dettagli

Accordo Stato-Regioni sul benessere degli animali da compagnia e pet-therapy. 6 febbraio 2003. Articolo 1) Finalità e definizioni

Accordo Stato-Regioni sul benessere degli animali da compagnia e pet-therapy. 6 febbraio 2003. Articolo 1) Finalità e definizioni Accordo Stato-Regioni sul benessere degli animali da compagnia e pet-therapy 6 febbraio 2003 Articolo 1) Finalità e definizioni 1. Con il presente accordo le Regioni e il Governo si impegnano, ciascuno

Dettagli

Art. 1 Finalità della legge.

Art. 1 Finalità della legge. Page 1 of 11 Leggi Regionali d'italia Piemonte L.R. 26-7-1993 n. 34 Tutela e controllo degli animali da affezione. Pubblicata nel B.U. Piemonte 4 agosto 1993, n. 31. L.R. 26 luglio 1993, n. 34 (1). Tutela

Dettagli

LEGGE 20 luglio 2004, n.189 Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali, nonché di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate. Gazzetta Ufficiale

Dettagli

"Norme contro il maltrattamento, sulla detenzione e la tenuta degli animali"

Norme contro il maltrattamento, sulla detenzione e la tenuta degli animali TESTO DI ORDINANZA MODELLO DA PROPORRE AI SINDACI DEI COMUNI AI SENSI DEL D.P.R.31/03/79 "Norme contro il maltrattamento, sulla detenzione e la tenuta degli animali" IL SINDACO Considerato che il rispetto

Dettagli

Francesca Rescigno Università degli Studi di Bologna. I diritti degli esseri animali: una vita ed una morte dignitosa

Francesca Rescigno Università degli Studi di Bologna. I diritti degli esseri animali: una vita ed una morte dignitosa Francesca Rescigno Università degli Studi di Bologna I diritti degli esseri animali: una vita ed una morte dignitosa Pescara 29 novembre 2009 LA DOTTRINA ANTROPOCENTRICA ARISTOTELE LA RIFLESSIONE CRISTIANA

Dettagli

Animali: uccisione, maltrattamento, combattimenti, abbandono

Animali: uccisione, maltrattamento, combattimenti, abbandono Animali: uccisione, maltrattamento, combattimenti, abbandono Con la legge n. 189/2004 è stato introdotto nel Codice Penale il TITOLO IX-BIS DEI DELITTI CONTRO IL SENTIMENTO PER GLI ANIMALI il quale modifica

Dettagli

Norme del C.C., C.P., C.C.P. Attività sanzionatoria

Norme del C.C., C.P., C.C.P. Attività sanzionatoria Corso di formazione per operatori di canili martedi, 29 ottobre 2013 Norme del C.C., C.P., C.C.P. Attività sanzionatoria t.p.a.l.l. dr. arch nino garofalo dal Codice di Procedura Penale Titolo III Polizia

Dettagli

Commissione Regionale per la lotta agli avvelenamenti degli animali ai sensi della D.G. 520/07

Commissione Regionale per la lotta agli avvelenamenti degli animali ai sensi della D.G. 520/07 Giunta Regionale Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Servizio Veterinario e Igiene degli Alimenti Commissione Regionale per la lotta agli avvelenamenti degli animali ai sensi della D.G. 520/07

Dettagli

Normativa in materia di affezione e prevenzione del randagismo

Normativa in materia di affezione e prevenzione del randagismo Normativa in materia di affezione e prevenzione del randagismo Dott.ssa Annalisa Lombardini AUSL Modena L EGGE 14 agosto 1991 n. 281 Legge quadro in materia di affezione e prevenzione del randagismo 1

Dettagli

REGIONE UMBRIA LEGGE REGIONALE N. 19 DEL

REGIONE UMBRIA LEGGE REGIONALE N. 19 DEL REGIONE UMBRIA LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 19-07-1994 Norme per la tutela degli animali di affezione e per la prevenzione ed il controllo del fenomeno del randagismo. BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE UMBRIA

Dettagli

PROTEZIONE DEGLI ANIMALI AL MACELLO. VALENTINA DE NADAI Dirigente del servizio veterinario igiene degli alimenti di origine animale

PROTEZIONE DEGLI ANIMALI AL MACELLO. VALENTINA DE NADAI Dirigente del servizio veterinario igiene degli alimenti di origine animale PROTEZIONE DEGLI ANIMALI AL MACELLO VALENTINA DE NADAI Dirigente del servizio veterinario igiene degli alimenti di origine animale QUADRO NORMATIVO Direttiva 93/119/CE Decreto Legislativo 333/98 ABROGATI

Dettagli

ABBATTIMENTO DEGLI ANIMALI PER LA MACELLAZIONE IN PILLOLE LA NUOVA NORMATIVA IN VIGORE DALL 1.1.2013

ABBATTIMENTO DEGLI ANIMALI PER LA MACELLAZIONE IN PILLOLE LA NUOVA NORMATIVA IN VIGORE DALL 1.1.2013 ABBATTIMENTO DEGLI ANIMALI PER LA MACELLAZIONE IN PILLOLE LA NUOVA NORMATIVA IN VIGORE DALL 1.1.2013 a cura di Gianluca Felicetti REGOLAMENTO (CE) N. 1099/2009 del Consiglio del 24 settembre 2009 relativo

Dettagli

La detenzione di animali esotici

La detenzione di animali esotici La detenzione di animali esotici La Legge regionale n. 89/1990, all articolo 1, definisce gli animali esotici: tutte le specie di mammiferi, uccelli, rettili e anfibi facenti parte della fauna selvatica

Dettagli

Dott.ssa Riu Raffaela

Dott.ssa Riu Raffaela Dott.ssa Riu Raffaela MINISTERO DELLA SALUTE Il riconoscimento degli animali quali esseri senzienti, e quindi portatori di diritto, è uno dei Europea La sicurezza della catena alimentare è indirettamente

Dettagli

Benessere dei suini. Aspetti normativi per l allevamento, il trasporto e la pre-macellazione. macellazione. Paolo Candotti IZSLER, Brescia

Benessere dei suini. Aspetti normativi per l allevamento, il trasporto e la pre-macellazione. macellazione. Paolo Candotti IZSLER, Brescia Rassegna Suinicola Internazionale, Reggio Emilia 16.04.09 Benessere dei suini Aspetti normativi per l allevamento, il trasporto e la pre-macellazione macellazione Paolo Candotti IZSLER, Brescia Un po di

Dettagli

Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali ORDINANZA Ordinanza contingibile ed urgente concernente norme sul divieto di utilizzo e di detenzione di esche o di bocconi avvelenati. IL

Dettagli

MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 20 GENNAIO 1997, N. 10 NORME IN MATERIA DI ANIMALI DA AFFEZIONE E PREVENZIONE DEL RANDAGISMO

MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 20 GENNAIO 1997, N. 10 NORME IN MATERIA DI ANIMALI DA AFFEZIONE E PREVENZIONE DEL RANDAGISMO REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELIBERAZIONE LEGISLATIVA APPROVATA DALL ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE NELLA SEDUTA DEL 14 APRILE 2015, N. 193 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 20 GENNAIO 1997, N.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI Il comune di Coredo, al fine di proteggere gli animali e di tutelare la salute pubblica e l ambiente, promuove un corretto rapporto dell uomo con gli animali

Dettagli

MALTRATTAMENTO DEGLI ANIMALI. Normativa e modalità operative

MALTRATTAMENTO DEGLI ANIMALI. Normativa e modalità operative MALTRATTAMENTO DEGLI ANIMALI Normativa e modalità operative Bergamo, 18 giugno 2010 DIPARTIMENTO PREVENZIONE VETERINARIO Dr. Paolo Antoniolli tel. 035-2270.684 - Cell 334-6878766 Email: pantoniolli@asl.bergamo.it

Dettagli

GLI ANIMALI DI AFFEZIONE E RANDAGISMO

GLI ANIMALI DI AFFEZIONE E RANDAGISMO GLI ANIMALI DI AFFEZIONE E RANDAGISMO La legge quadro sul randagismo n 281 del 1991 La 281 è la Legge quadro in materia di animali di affezione e prevenzione del randagismo. Tra le enunciazioni principali

Dettagli

Art. 1 Sostituzione dell articolo 2 della legge regionale n. 5 del 2005

Art. 1 Sostituzione dell articolo 2 della legge regionale n. 5 del 2005 Deliberazione legislativa n. 58/2013 2 Art. 1 Sostituzione dell articolo 2 della legge regionale n. 5 del 2005 1. L articolo 2 della legge regionale 17 febbraio 2005, n. 5 (Norme a tutela del benessere

Dettagli

Ministero della Salute. Puppytradeand the italian penalcode. Dr.ssa Gaetana Ferri. Bruxelles - 28 October 2013

Ministero della Salute. Puppytradeand the italian penalcode. Dr.ssa Gaetana Ferri. Bruxelles - 28 October 2013 Ministero della Salute Dipartimento della sanitàpubblica veterinaria, della sicurezza alimentare e degli organi collegiali per la tutela della salute Direzione Generale della Sanitàanimale e dei Farmaci

Dettagli

I l M in i s t e r o d e l L a v o r o, d e l l a S a l u t e e d e l l e P o li t i c h e S o c i a l i

I l M in i s t e r o d e l L a v o r o, d e l l a S a l u t e e d e l l e P o li t i c h e S o c i a l i I l M in i s t e r o d e l L a v o r o, d e l l a S a l u t e e d e l l e P o li t i c h e S o c i a l i ORDINANZA Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell incolumità pubblica dall

Dettagli

Corso di formazione per operatori di canili mercoledi, 19 settembre 2012

Corso di formazione per operatori di canili mercoledi, 19 settembre 2012 Corso di formazione per operatori di canili mercoledi, 19 settembre 2012 Norme del Codice Civile, Penale, di Procedura Penale relative agli animali di affezione L attività sanzionatoria ed i rapporti con

Dettagli

Provincia di Como DISPOSIZIONI PARTICOLARI PER L ALLEVAMENTO DI FAUNA SELVATICA A SCOPO ALIMENTARE, ORNAMENTALE E AMATORIALE

Provincia di Como DISPOSIZIONI PARTICOLARI PER L ALLEVAMENTO DI FAUNA SELVATICA A SCOPO ALIMENTARE, ORNAMENTALE E AMATORIALE Provincia di Como DISPOSIZIONI PARTICOLARI PER L ALLEVAMENTO DI FAUNA SELVATICA A SCOPO ALIMENTARE, ORNAMENTALE E AMATORIALE Art. 1 Finalità La Provincia di Como con le presenti disposizioni disciplina

Dettagli

Il maltrattamento degli animali è un REATO, previsto e punito dgli artt. 544 ter e 727 del c.p.

Il maltrattamento degli animali è un REATO, previsto e punito dgli artt. 544 ter e 727 del c.p. Il maltrattamento degli animali è un REATO, previsto e punito dgli artt. 544 ter e 727 del c.p. Art. 500 Diffusione di malattia degli animali Chiunque cagiona la diffusione di una malattia alle piante

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA PER LA PROTEZIONE DEGLI ANIMALI DA COMPAGNIA. Conclusa a Strasburgo il 13 novembre 1987

CONVENZIONE EUROPEA PER LA PROTEZIONE DEGLI ANIMALI DA COMPAGNIA. Conclusa a Strasburgo il 13 novembre 1987 CONVENZIONE EUROPEA PER LA PROTEZIONE DEGLI ANIMALI DA COMPAGNIA Firmata, ma non ratificata dall Italia Art. 1 Definizioni Conclusa a Strasburgo il 13 novembre 1987 1. Per animale da compagnia si intende

Dettagli

IL SINDACO. Visto il Regolamento di Polizia Veterinaria approvato con decreto del Presidente della Repubblica 8 febbraio 1954, n.

IL SINDACO. Visto il Regolamento di Polizia Veterinaria approvato con decreto del Presidente della Repubblica 8 febbraio 1954, n. Reg. Ord. n. 942 del 28/10/2009 Prot. N. del IL SINDACO Visto il Regolamento di Polizia Veterinaria approvato con decreto del Presidente della Repubblica 8 febbraio 1954, n. 320; Visto l'art. 32 della

Dettagli

Art. 1. Oggetto. 1. La presente legge detta norme sulla detenzione e sul commercio degli animali esotici.

Art. 1. Oggetto. 1. La presente legge detta norme sulla detenzione e sul commercio degli animali esotici. L.R. 24 luglio 2002, n. 12 ( 1). Norme sulla detenzione e sul commercio di animali esotici. (giurisprudenza) (1) Pubblicata nel B.U. Marche 1 agosto 2002, n. 87. Art. 1 Oggetto. 1. La presente legge detta

Dettagli

Oggetto: esche avvelenate illegali presso le aree golenali di Tabellano

Oggetto: esche avvelenate illegali presso le aree golenali di Tabellano Area Servizi al Territorio Suzzara, 17/06/2014 Oggetto: esche avvelenate illegali presso le aree golenali di Tabellano Il Comune di Suzzara ha coordinato nei giorni scorsi le operazioni di accertamento

Dettagli

Articolo 1 1. La presente direttiva definisce norme minime riguardo alla protezione degli animali negli allevamenti. 2. Essa non si applica:

Articolo 1 1. La presente direttiva definisce norme minime riguardo alla protezione degli animali negli allevamenti. 2. Essa non si applica: Direttiva 98/58/CE del Consiglio del 20 luglio 1998 riguardante la protezione degli animali negli allevamenti Gazzetta ufficiale n. L 221 del 08/08/1998 PAG. 0023-0027 Testo: DIRETTIVA 98/58/CE DEL CONSIGLIO

Dettagli

Il controllo del Benessere Animale durante il trasporto Sanzioni, notizie di reato e falso in atto pubblico

Il controllo del Benessere Animale durante il trasporto Sanzioni, notizie di reato e falso in atto pubblico Il controllo del Benessere Animale durante il trasporto Sanzioni, notizie di reato e falso in atto pubblico Ferrara, 31 maggio 2013 dott. Andrea Poli REGOLAMENTO CE 1/2005 VIAGGIO: l intera operazione

Dettagli

la tutela del benessere degli animali da compagnia: dalla legge n. 281/91 ad oggi Cremona 09 aprile 2008

la tutela del benessere degli animali da compagnia: dalla legge n. 281/91 ad oggi Cremona 09 aprile 2008 la tutela del benessere degli animali da compagnia: dalla legge n. 281/91 ad oggi Cremona 09 aprile 2008 dott.ssa rosalba matassa ministero della salute direzione generale della sanità animale e del farmaco

Dettagli

III - ANIMALI 157 III ANIMALI

III - ANIMALI 157 III ANIMALI 943270010 - III Animali 17-05-2007 18:19 Pagina 157 III - ANIMALI 157 III ANIMALI Introduzione Gli obblighi di colui che detiene animali d affezione sono disciplinati, oltre che da responsabilità morali,

Dettagli

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga la seguente legge:

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga la seguente legge: LEGGE 20 luglio 2004, n.189 Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali, nonche' di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate. Gazzetta Ufficiale

Dettagli

DIVIETO DI MALTRATTAMENTO DEGLI ANIMALI / Legge n 189 del 20 Luglio 2004 Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale N. 178 del 31 Luglio 2004 Disposizioni

DIVIETO DI MALTRATTAMENTO DEGLI ANIMALI / Legge n 189 del 20 Luglio 2004 Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale N. 178 del 31 Luglio 2004 Disposizioni DIVIETO DI MALTRATTAMENTO DEGLI ANIMALI / Legge n 189 del 20 Luglio 2004 Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale N. 178 del 31 Luglio 2004 Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali,

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali ORDINANZA Ordinanza contingibile ed urgente concernente la disciplina di manifestazioni popolari pubbliche o private nelle quali vengono impiegati

Dettagli

REGOLAMENTO 9 gennaio 2014, n. 1. PROCEDURE PER LA NOMINA E L IMPIEGO DELLE GUARDIE ZOOFILE" (legge regionale n. 16 del 2001) LA GIUNTA REGIONALE

REGOLAMENTO 9 gennaio 2014, n. 1. PROCEDURE PER LA NOMINA E L IMPIEGO DELLE GUARDIE ZOOFILE (legge regionale n. 16 del 2001) LA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO 9 gennaio 2014, n. 1 PROCEDURE PER LA NOMINA E L IMPIEGO DELLE GUARDIE ZOOFILE" (legge regionale n. 16 del 2001) LA GIUNTA REGIONALE ha deliberato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE visto

Dettagli

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga. la seguente legge:

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga. la seguente legge: LEGGE 20 luglio 2004, n.189 Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali, nonche' di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate. La Camera dei

Dettagli

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga la seguente legge:

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga la seguente legge: LEGGE 20 luglio 2004, n.189 Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali, nonche' di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate. Gazzetta Ufficiale

Dettagli

Gazzetta Ufficiale N. 178 del 31 Luglio 2004

Gazzetta Ufficiale N. 178 del 31 Luglio 2004 Gazzetta Ufficiale N. 178 del 31 Luglio 2004 LEGGE 20 luglio 2004, n.189 Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali, nonche' di impiego degli stessi in combattimenti clandestini

Dettagli

Elementi di etologia delle specie e di ecologia del territorio per il riconoscimento e trattamento delle specie

Elementi di etologia delle specie e di ecologia del territorio per il riconoscimento e trattamento delle specie Elementi di etologia delle specie e di ecologia del territorio per il riconoscimento e trattamento delle specie Inquadramento normativo e competenze: Oggetto della tutela Sono tutelate le popolazioni di

Dettagli

1. Dopo il titolo IX del libro II del codice penale e' inserito il seguente: "TITOLO IX-BIS - DEI DELITTI CONTRO IL SENTIMENTO PER GLI ANIMALI"

1. Dopo il titolo IX del libro II del codice penale e' inserito il seguente: TITOLO IX-BIS - DEI DELITTI CONTRO IL SENTIMENTO PER GLI ANIMALI LEGGE 20 luglio 2004, n.189 (Gazzetta Ufficiale N. 178 del 31 Luglio 2004 ) Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali, nonche' di impiego degli stessi in combattimenti clandestini

Dettagli

Lotta al randagismo e tutela degli animali da affezione in Lombardia:

Lotta al randagismo e tutela degli animali da affezione in Lombardia: Nota Informativa sull attuazione delle politiche regionali N. 10/2008 Lotta al randagismo e tutela degli animali da affezione in Lombardia: una prima analisi dell attuazione della legge regionale 20 luglio

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI. - reperibile (reperibilità continua: diurna e notturna, feriale e festiva) - in grado di assicurare l intervento in tempi brevi.

GUIDA AI SERVIZI. - reperibile (reperibilità continua: diurna e notturna, feriale e festiva) - in grado di assicurare l intervento in tempi brevi. GUIDA AI SERVIZI SERVIZIO DI CATTURA E CUSTODIA DEI CANI VAGANTI La presenza di cani randagi costituisce un problema sia sotto l aspetto sanitario sia per quanto riguarda la sicurezza dell abitato. La

Dettagli

Movimentazione comunitaria dei cani e gatti

Movimentazione comunitaria dei cani e gatti Verona 18 aprile 2013 Movimentazione comunitaria dei cani e gatti Alberto Camerini Dipartimento di Prevenzione -Servizio Veterinario Multizonale. acamerini@ulss.tv.it alberto-camerini@regione.veneto.it

Dettagli

SERVIZIO VETERINARIO SERVIZIO VETERINARIO AREA "A"

SERVIZIO VETERINARIO SERVIZIO VETERINARIO AREA A SERVIZIO VETERINARIO Il Servizio Veterinario è costituito da una Area di Coordinamento e da tre Aree Funzionali: > AREA A: sanità animale; > AREA B: igiene della produzione, trasformazione e trasporto

Dettagli

Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell'incolumità pubblica dall'aggressione dei cani. (2)

Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell'incolumità pubblica dall'aggressione dei cani. (2) O.M. 3 marzo 2009 (1). Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell'incolumità pubblica dall'aggressione dei cani. (2) (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 23 marzo 2009, n. 68. (2) Emanata

Dettagli

Corso di formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro

Corso di formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro Corso di formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro - Sicurezza nelle aziende zootecniche- - Dott. Giovanni Di Feliciantonio - Dott. Alfredo Di Domenicantonio Teramo, marzo 2015 Obiettivi formativi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI COMUNE DI CORTONA Assessorato Ambiente REGOLAMENTO PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI INDICE Titolo I - Principi... 2 art. 1 Profili Istituzionali....2 art. 2 Valori etici e culturali...2 art. 3 Competenze del

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali ORDINANZA 3 marzo 2009 Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell'incolumita' pubblica dall'aggressione dei cani. (G.U. Serie

Dettagli

L uso del farmaco veterinario Stato dell Arte, novità e prospettive

L uso del farmaco veterinario Stato dell Arte, novità e prospettive L uso del farmaco veterinario Stato dell Arte, novità e prospettive Cosimo Iavecchia Presidente Ordine dei Medici Veterinari della provincia di Benevento Solopaca 03/10/2015 Medicinale veterinario: (art.

Dettagli

REGIONE CALABRIA LEGGE REGIONALE N. 41 DEL

REGIONE CALABRIA LEGGE REGIONALE N. 41 DEL REGIONE CALABRIA LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 5-05-1990 Istituzione anagrafe canina, prevenzione randagismo e protezione degli animali. BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA N. 44 del 14 maggio 1990

Dettagli

VISTO il Regio Decreto n. 1265 del 27 Luglio 1934, e s.m.i.: Testo unico delle leggi sanitarie ;

VISTO il Regio Decreto n. 1265 del 27 Luglio 1934, e s.m.i.: Testo unico delle leggi sanitarie ; VISTO il Regio Decreto n. 1265 del 27 Luglio 1934, e s.m.i.: Testo unico delle leggi sanitarie ; VISTO l art. 32 della Costituzione; VISTO il Decreto del Presidente della Repubblica n. 320 del 8 Febbraio

Dettagli

Prontuario delle infrazioni in materia zoofila

Prontuario delle infrazioni in materia zoofila Prontuario delle infrazioni in materia zoofila AUTORI LE GEV DI TORINO ZOOFILIA 1 Tutela e controllo degli animali da affezione pag 3 2 Identificazione elettronica degli animali da affezione e banca dati

Dettagli

Comune di Cesano Boscone. provincia di milano REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA

Comune di Cesano Boscone. provincia di milano REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA provincia di milano REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA TITOLO V MANTENIMENTO, PROTEZIONE E TUTELA DEGLI ANIMALI Regolamento di Polizia Urbana 1 Art. 54 Tutela degli animali domestici 1. In ogni luogo e circostanza

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BRAMBILLA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BRAMBILLA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2854 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato BRAMBILLA Riconoscimento dei conigli quali animali di affezione nonché divieto della vendita

Dettagli

R E G O L A M E N T O DI TUTELA DEGLI ANIMALI

R E G O L A M E N T O DI TUTELA DEGLI ANIMALI COMUNE DI JESOLO PROVINCIA DI VENEZIA R E G O L A M E N T O DI TUTELA DEGLI ANIMALI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 50 del 10/04/2007 INDICE Art. 1 Definizioni ed ambito di applicazione

Dettagli

Decreto Legislativo 26 marzo 2001, n. 146

Decreto Legislativo 26 marzo 2001, n. 146 Decreto Legislativo 26 marzo 2001, n. 146 "Attuazione della direttiva 98/58/CE relativa alla protezione degli animali negli allevamenti" Gazzetta Ufficiale n. 95 del 24 aprile 2001 IL PRESIDENTE DELLA

Dettagli

REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 6 DEL

REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 6 DEL REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 6 DEL 25-01-1993 Norme sulla prevenzione e sul controllo del randagismo.istituzione anagrafica canina e protezione degli animali di affezione BOLLETTINO UFFICIALE

Dettagli

CANI E GATTI 15-01-09 16-01-2009 7:49 Pagina 1

CANI E GATTI 15-01-09 16-01-2009 7:49 Pagina 1 CANI E GATTI 15-01-09 16-01-2009 7:49 Pagina 1 CANI E GATTI 15-01-09 16-01-2009 7:49 Pagina 2 CANI E GATTI 15-01-09 16-01-2009 7:49 Pagina 3 I CANI, I GATTI E... NOI Manuale per un corretto rapporto INDICE

Dettagli

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano VISTO gli articoli 2, comma 2, lett. b) e 4, comma 1 del decreto legislativo 28 agosto 1997,

Dettagli

COMUNE DI COGGIOLA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE DEI CANI E ALTRI ANIMALI

COMUNE DI COGGIOLA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE DEI CANI E ALTRI ANIMALI REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI BIELLA COMUNE DI COGGIOLA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE DEI CANI E ALTRI ANIMALI Approvato con C.C. n. 4 in data 26/03/2007 INDICE Articolo 1 Articolo 2 Articolo

Dettagli

Se l ambulatorio medico veterinario non è a norma, scatta la condanna.

Se l ambulatorio medico veterinario non è a norma, scatta la condanna. www.dirittoambiente.net Commento a sentenza del 25 maggio 2011 del Tribunale penale di Civitavecchia (depositata il 9 luglio 2011) Se l ambulatorio medico veterinario non è a norma, scatta la condanna.

Dettagli

Legge federale sulla protezione degli animali

Legge federale sulla protezione degli animali Legge federale sulla protezione degli animali (LPAn) 455 del 16 dicembre 2005 (Stato 1 maggio 2014) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 80 capoversi 1 e 2 nonché 120

Dettagli

ISPEZIONE E CONTROLLO SELVAGGINA CACCIATA E ALLEVATA. Cenni di legislazione venatoria relativa agli aspetti sanitari

ISPEZIONE E CONTROLLO SELVAGGINA CACCIATA E ALLEVATA. Cenni di legislazione venatoria relativa agli aspetti sanitari ISPEZIONE E CONTROLLO SELVAGGINA CACCIATA E ALLEVATA Cenni di legislazione venatoria relativa agli aspetti sanitari Legge 11 febbraio 1992, n. 157 Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma

Dettagli

Tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo

Tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo Regione Siciliana AssessorAto regionale della sanità dipartimento Attività sanitarie e osservatorio epidemiologico Tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo Negli ultimi decenni, gli animali

Dettagli

REGIONE SARDEGNA LEGGE REGIONALE N. 35 DEL

REGIONE SARDEGNA LEGGE REGIONALE N. 35 DEL REGIONE SARDEGNA LEGGE REGIONALE N. 35 DEL 1-08-1996 Integrazioni e modifiche alla legge regionale 18 maggio 1994, n. 21, recante: Norme per la protezione degli animali e istituzione dell' anagrafe canina.

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GIAMMANCO, BRAMBILLA, CATANOSO GENOESE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GIAMMANCO, BRAMBILLA, CATANOSO GENOESE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 960 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI GIAMMANCO, BRAMBILLA, CATANOSO GENOESE Introduzione del titolo XIV-bis del libro primo del

Dettagli

I problemi legati agli animali sono tanti, soprattutto in una società che si sta solo ora mettendo al passo con le loro esigenze.

I problemi legati agli animali sono tanti, soprattutto in una società che si sta solo ora mettendo al passo con le loro esigenze. I problemi legati agli animali sono tanti, soprattutto in una società che si sta solo ora mettendo al passo con le loro esigenze. È quindi fondamentale portare le persone che posseggono animali, o vorrebbero

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI TUTELA DEGLI ANIMALI E DI POLIZIA VETERINARIA

REGOLAMENTO COMUNALE DI TUTELA DEGLI ANIMALI E DI POLIZIA VETERINARIA REGOLAMENTO COMUNALE DI TUTELA DEGLI ANIMALI E DI POLIZIA VETERINARIA (Testo approvato dal C.C. del 29 ottobre 2001) CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Principi generali e finalità 1. Il Comune di...,

Dettagli

PROGETTO CONVIVENZA DELLE PERSONE E DEGLI ANIMALI NEI LUOGHI PUBBLICI

PROGETTO CONVIVENZA DELLE PERSONE E DEGLI ANIMALI NEI LUOGHI PUBBLICI CORPO POLIZIA MUNICIPALE III DISTRETTO MUNICIPIO BASSA VAL BISAGNO PROGETTO CONVIVENZA DELLE PERSONE E DEGLI ANIMALI NEI LUOGHI PUBBLICI Gentile Cittadino Nell ambito di una fattiva collaborazione tra

Dettagli