Contro l azienda etica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Contro l azienda etica"

Transcript

1

2 Carlo De Matteo Contro l azienda etica Per il bene comune Basic Edizioni

3 Proprietà Letteraria Riservata 2010 Carlo De Matteo Release 1 Prima edizione Stampato il 19 gennaio 2010

4 A mia moglie, il grande albero che custodisce la nostra famiglia

5 INTRODUZIONE La provocazione del realismo È certamente scomodo intitolare un libro: Contro l Azienda Etica. È così poco politically correct parlare in questo modo quando usare l aggettivo etico o etica e affiancarlo a qualsiasi concetto, comportamento o attività è diventato quasi la formula magica che mette tutto a posto e dà onorabilità a chi se ne fregia. Eppure, senza voler fare l apologetica spesse volte un po snob dell essere-contro, la forza di questo pamphlet è tutta nella sua capacità di uscire dai luoghi comuni e di voler guardare in faccia la realtà. Nel saggio di Carlo De Matteo che vi accingete a leggere non c è solo denuncia, ironia, a volte sarcasmo, nello smascherare il giochetto malsano di chi usa l etica come paravento o di chi sgancia l etica dalla sua radice, che è la moralità della coscienza. Questo pamphlet non è solo distruttivo. Il mondo di un certo management, che l autore conosce bene, emerge in questo libro con tutti i suoi limiti, ma c è, dall inizio alla fine, la proposta di una possibilità di costruzione, in meglio, per tutti. Per il bene comune, appunto, come dice il sottotitolo. Non è un caso che il saggio di De Matteo apra la nuova collana di Basic Edizioni intitolata Agitatori di idee : quello che di più manca nei dibattiti pubblici e nei discorsi quotidiani negli ambienti di lavoro, o a scuola, o in famiglia è la disponibilità ad ascoltare chi è capace di smontare le idee consuete 5

6 carlo de matteo e comuni e smuoverle, cercando però un adesione sincera ai dati della realtà. In una società che vive ancora delle tossine delle ideologie del Novecento, come nota bene De Matteo nella seconda parte del suo libro, si sente sempre maggiormente il bisogno dell ossigeno del realismo. PerchÈ, oggi come ieri, la vera battaglia è sicuramente tra sistematici e realisti. Due esseri, due modi di affrontare la realtà, che furono caratterizzati in modo esemplare dal grande pensatore, scrittore e poeta francese Charles Peguy. Una dicotomia messa in evidenza nel 1953, nel suo volume Lo spirito di sistema edito da Gallimard. Il sistematico, secondo Peguy, si comporta in questo modo: Quando il teorico, il ragionatore, si trova in presenza di una realtà complessa ( ) il primo istinto a cui si attiene ( ) è di prendere in considerazione solo una parte di questa realtà complessa, particolarmente una delle due parti nelle realtà doppie; egli elimina istintivamente, automaticamente tutto il resto, ciò che lo disturba, in particolar modo l altra parte di due parti, senza alcuna preoccupazione. ( ) Al contrario sarebbe preoccupato se conservasse molta realtà, se la rispettasse; sarebbe ansioso se conservasse tutta la realtà. E i realisti? Non sono dei ragazzi che si spingono nella gloria nè nella celebrità stessa dice Peguy poichè in ogni istante si rifanno, si riferiscono alla realtà; e siccome essi riferiscono alla realtà tutto il loro lavoro, sono costretti anche a riferire ad essa, lo vogliano o meno, tutto il loro valore. Un sistema è una realtà monca, annota Peguy. E, allora, guerra ai sistemi : i realisti hanno tutti un elemento in comune: la realtà, che è il loro modello comune. Il modello che guiderà la collana Agitatori di idee. Adriano Moraglio 6

7 PAMphlet Alcune cose che mi frullavano per la testa

8 Quando il Protocollo esautora la coscienza Prima di parlare di management e manager e in che cosa consista la vera eticità in rapporto al loro ruolo, dobbiamo identificare l impresa, l ambito sociale nel quale operano le persone con incarichi direzionali. L impresa, innanzitutto, non esiste in quanto entità in sè, ma come comunità di persone che secondo ruoli, responsabilità e legittimi interessi, ne esprimono dinamicamente i fini, l organizzazione, la struttura e, di conseguenza, la cultura. Quest affermazione, volutamente perentoria, entra in polemica con quelle concezioni dell impresa come entità valoriale portatrice in sè di una visione etica. Dico subito che l Azienda Etica si caratterizza oggi per un moralismo senza morale che è all origine, a mio modo di vedere, dei disastri economici che hanno caratterizzato l inizio di questo secolo. In questa concezione, l etica è intesa come l adesione a protocolli di comportamento statuiti dall impresa. La morale, invece, stando all etimologia latina, si rapporta alla coscienza della persona che deve operare il bene. Cioè protocolli al posto della coscienza. Questa deriva moralistica ha prodotto il proliferare di quella fiera delle banalità e dell ipocrisia che sono i codici etici, i bilanci di responsabilità sociale e le mission aziendali, che hanno fatto le fortune dei consulenti e sollevato le coscienze 8

9 carlo de matteo dei top manager. Voglio riportare qui di seguito alcuni esempi che, se non fossero drammatici, sarebbero semplicemente grotteschi ed esilaranti. Cito dal Bilancio di responsabilità sociale del 2007 di AIG, una delle più grandi società di assicurazioni al mondo, salvata a settembre 2008 dalla bancarotta dal Governo americano che ne detiene oggi 80% del capitale: AIG is devoting the resources necessary to manage our risks while developing innovative solutions to help our clients better manage their own risks. 1 (AIG dedica le risorse necessarie alla gestione dei propri rischi nel contempo sviluppando soluzioni innovative per aiutare i clienti a gestire meglio i loro). Leggiamo ora il comunicato stampa della Parmalat Finanziaria in occasione dell approvazione del Bilancio 2001: Il Presidente Tanzi ha comunicato che il Consiglio di Amministrazione ha redatto un apposita relazione sul proprio sistema di Corporate Governance che risulta sostanzialmente adeguato alle raccomandazioni e alle regole contenute nel Codice di Autodisciplina delle Società Quotate, redatto dal Comitato per la Corporate Governance delle società quotate e recepito dalla Borsa Italiana spa nel proprio quadro regolamentare. L informativa sul sistema di Corporate Governance di Parmalat Finanziaria è stata messa a disposizione dei Soci. Un terzo esempio riguarda la mission di UBS, la Banca svizzera che ha accettato di pagare una multa di 780 milioni di dollari all Amministrazione americana per evitare il processo penale relativo alle pratiche che hanno consentito a facoltosi contribuenti di evadere il fisco: The UBS mission is to have a clientfocused approach, creating customized financial solutions based on their global resources and ca- 1 AIG_2007_Corporate_Responsibility_Report.pdf 9

10 contro l azienda etica pabilities. They have a philosophy of, You & Us. UBS is committed to high standards of corporate behavior. (La missione di UBS è avere un approccio focalizzato al cliente creando soluzioni finanziarie personalizzate basate sulle loro risorse globali e capacità. Esse hanno una filosofia del voi e noi. UBS è impegnata in alti standard di comportamenti di Gruppo). Dopo il disastro della Enron del dicembre 2001, primo scandalo del turbo capitalismo della America Corporation che trascinò con sè la Arthur Andersen che ne certificava i bilanci, fu emanata nel 2002, la Sarbanes-Oxley Act che prevedeva una serie di misure tese a creare un sistema di controlli interni e esterni alle public company americane, tra cui l istituzione della Public Company Accounting Oversight Board, un agenzia che avrebbe dovuto controllare le società incaricate della revisione dei bilanci. In Italia il Dlgs 231 del 2001 ha esteso alle persone giuridiche la responsabilità per reati commessi in Italia e all estero da persone fisiche che operano per conto della società. Per la prima volta nel nostro ordinamento giuridico, che sino ad allora prevedeva solo la responsabilità della persona fisica che realizza l eventuale fatto illecito, la normativa ha introdotto anche la responsabilità in sede penale degli enti, per alcuni reati commessi nell interesse o a vantaggio degli stessi, da persone che rivestono funzioni di rappresentanza, di amministrazione o di direzione dello stesso ente o di una sua organizzazione dotata di autonomia finanziaria o funzionale e da persone sottoposte alla direzione o alla vigilanza di uno di quei soggetti. Tra i reati rientrano anche le false comunicazioni sociali (e dunque anche i bilanci), l illegale ripartizione degli utili, le operazioni in pregiudizio dei creditori, la formazione fittizia del capitale, l indebita influenza nell assemblea, l ostacolo all esercizio della funzione di pubblica vigilanza, l aggiotaggio. Tra le altre misure volte a rafforzare l apparato di control- 10

11 carlo de matteo li vi è la Legge n. 262 del 28 dicembre 2005 e successive modifiche (la cosiddetta Legge Risparmio ), che ha istituito la figura del Dirigente Preposto alla redazione dei documenti contabili societari e la normativa sull internal dealing che mira a regolamentare le operazioni sui titoli delle società quotate da parte di soggetti interni che hanno accesso a informazioni privilegiate. L Unione Europea nel 2003 ha deciso di diventare uno standard setter in materia contabile adottando i principi dello IASB (International Accounting Standars Board) con un apposito regolamento che li mette in bella copia (1725/2003). Per la tradizione contabile italiana s è trattato della fine della regola di contabilizzazione basata sul costo storico delle attività e delle passività a favore dell indefinibile Fair value 2 che avrebbe dovuto assicurare le magnifiche sorte progressive dei bilanci delle società quotate, finalmente espressivi del loro valore corrente (rectius di liquidazione!). Quanto ottusa e ideologica sia stata questa pretesa è reso evidente dal recente goffo tentativo dello IASB, di riformulare lo IAS 39, il principio contabile monolite del fair value cui il CFO (Chief Financial Officer) deve offrire in sacrificio rituale (peraltro sempre incruento) l impairment test (metodologia con cui si verifica la sostenibilità dei valori delle attività di bilancio rispetto a loro effettivo valore di mercato o valore d uso). Una società quotata deve, così, sopportare costi enormi di compliance (conformità): 1) l adesione al Codice di Autodisciplina delle società quotate, redatto nel 1999 dal Comitato per la Corporate Gover- 2 Per fair value si intende il corrispettivo al quale un attività può essere scambiata, o una passività estinta, tra parti consapevoli e disponibili, in una transazione tra terzi indipendenti. 11

12 contro l azienda etica nance promosso da Borsa Italiana che contiene raccomandazioni che costituiscono un modello di best practice per l organizzazione e il funzionamento delle società quotate italiane 3. Il codice prevede, tra l altro, la costituzione di un Comitato per il Controllo interno composto da Amministratori non esecutivi; 2) la costituzione dell Organismo di Vigilanza previsto dalla legge 231; 3) la nomina del il Collegio Sindacale cui il Codice Civile assegna la vigilanza sull osservanza della legge e dello statuto, sul rispetto dei principi di corretta amministrazione e, in particolare, dell assetto organizzativo, amministrativo e contabile; 4) la nomina della società di revisione che deve esprimere il proprio parere sulla correttezza del Bilancio e che ha la responsabilità del controllo contabile; 5) l Internal Auditing, struttura interna alla società e deputata al controllo dell osservanza delle procedure, alla riduzione dei rischi ed alla prevenzione e controllo delle frodi; 6) le procedure relative alla legge 262 del 2005 che ha istituito la figura del Dirigente Preposto alla redazione dei documenti contabili miranti al controllo sulla corretta contabilizzazione nel rispetto dei principi contabili adottati dalla Società. Il commento più istintivo porterebbe a chiedersi quanto tempo resti al management e ai professional per lavorare per i clienti esterni una volta soddisfatti tutti questi clienti interni i cui compiti, peraltro, molto spesso si sovrappongono. Quello più ragionato pone una domanda sull efficacia 3 Le raccomandazioni del Codice non sono vincolanti, ma le società quotate devono, in conformità alle Istruzioni al Regolamento di Borsa Italiana, tenere informati sia il mercato sia i propri azionisti in merito alla propria struttura di governance e al grado di adesione al Codice. 12

13 carlo de matteo di quest apparato normativo e organizzativo, parcellizzato e pletorico, rispetto agli obiettivi di controllo e di affidabilità e sulla sua efficienza in rapporto alle risorse impiegate. Moltiplicare i controllori non migliora i controlli ma incrementa solo la confusione, gli arbitraggi regolamentari, la deresponsabilizzazione, i costi e, in definitiva, ne riduce l efficienza e l efficacia. Summa lex, summa iniuria 4 (quando la legge cerca di essere massimamente perfetta, perfettamente diventa ingiusta). Ho citato questi passaggi non con un fine didattico, nè compilativi, ma esemplificativo di un paradosso: al rafforzamento dell apparato formale dei controlli sull operato delle imprese e dei manager, e delle regole, e dei principi di corporate governance, ha corrisposto un crescendo di scandali finanziari individuali, da una parte e dall altra dell oceano (cito solo a caso Wordcom, Cirio, Parmalat, Banca Popolare Italiana, i fondi neri della Siemens, i trader senza controllo della Societè General sino alla catarsi dei mutui subprime e all arresto di Bernie Madoff). Sei tutte chiacchiere e distintivo, recitava Robert De Niro nel film Gli Intoccabili. 4 Cicerone, De officiis. 13

14 Se è l Azienda Etica a decidere ciò che è giusto Esiste ormai una vasta letteratura che analizza le ragioni che hanno generato la crisi cominciata nella seconda parte del 2008, che ha portato al collasso istituzioni finanziarie come la Lehman Brothers e rovinato la vita di milioni di persone. I vari punti di vista sono stati affrontati con dovizia di analisi economiche. Tutto l apparato teorico che ha governato la deregulation e la finanziarizzazione dei mercati la Teoria delle Aspettative Razionali 5, lo Share Holding Value 6, il meccanicismo matematico della formu- 5 Si tratta di una teoria macroeconomica secondo cui le azioni di politica economica possono essere inefficienti o dannose in un sistema di aspettative razionali e prezzi flessibili, in quanto tali politiche, se previste, non avranno alcun effetto e se, non previste, avranno probabilmente una funzione destabilizzante della congiuntura economica. Si veda Robert Lucas e Thomas Sergent in «After Keynesian Macroeconomics», Secondo quest approccio, il successo di un impresa (e dunque il suo unico fine) si misura attraverso il valore creato per gli azionisti. L antesignano di questo credo manageriale, che si afferma nel 1980, è l allora CEO di General Electric, Jack Welch. 14

15 carlo de matteo la Black-Scholes-Merton 7 è stato attaccato dai nostalgici keynesiani e altrettanto tenacemente difeso dai teorici dell incidente di percorso. In definitiva, però, da tutto questo dibattito, sono rimasti fuori il fattore umano e la dinamica valoriale, comportamentale e motivazionale che ha portato migliaia di top manager, middle manager e di professional a mettere in atto quella colossale truffa in stile schema Ponzi che è stata alla base del modello originate e distribuite. Vale a dire: a) assumere una posizione di rischio finanziando soggetti che non erano in grado di restituire il capitale prestato (originate); b) chiudere questa posizione cedendo il credito a un altro soggetto finanziario (distribuite) che a sua volta lo impacca in polpette finanziarie avvelenate (obbligazioni, bond eccetera); c) cedere queste polpette ad altri soggetti finanziari (banche e fondi d investimento) i quali le commercializzano a clienti finali sotto forma di innocui investimenti di liquidità garantiti in tripla A da quelle istituzioni etiche per eccellenza che sono le società di rating. Il tutto riuscendo a lucrare utili enormi grazie a una leva finanziaria esasperata. Bene, se prima del grande botto, che ha fatto collassare la leva finanziaria (ogni cent di credito in default ha prodotto sino a 40 cent di perdite potenziali originate dalla catena di Sant Antonio del modello originate e distribute), un interlocutore naif avesse chiesto a un trader di Lehman o Gold- 7 Modello matematico che permette di assegnare un prezzo a uno strumento derivato (put & call), utilizzando come parametri il prezzo corrente dello strumento sottostante, il prezzo d esercizio, il tempo residuo fino all esercizio e la volatilità dei rendimenti dei titoli sottostanti all opzione stessa. Merton e Scholes hanno ricevuto nel 1997 il Premio Nobel per l economia. 15

16 contro l azienda etica man Sachs o a un professional di AIG se valutava eticamente corretto quello che stava facendo, sarebbe stato sicuramente guardato con commiserazione: il codice etico governa i comportamenti leciti, le linee guida li indirizzano, le procedure li controllano e io incasso bonus in proporzione agli utili generati per la banca. È la finanza, stupido!. è la dinamica dell Azienda Etica che porta il singolo a ritenere come eticamente corretto ogni comportamento legittimato da un protocollo, senza chiedersi se quanto sta facendo è giusto o sbagliato o, più semplicemente, ragionevole o meno. In nome dell Azienda Etica il singolo perde la dimensione della morale individuale in un processo di identificazione che lo rende pronto a compiere le peggiori nefandezze. Non sfugge ai più avveduti che questo processo psicologico di annichilimento dell io a vantaggio di un super-io collettivo è lo stesso che ha caratterizzato i grandi sistemi ideologici del Novecento: il nazifascismo e il comunismo. 16

17 carlo de matteo Tabella 1 dati di Bilancio primo trimestre 2009 da Plus 24-Il Sole- 24 Ore del 7 novembre 2009 Non è, però, solo la morale individuale a essere annichilita: è il senso della realtà che viene meno a vantaggio di una sua rappresentazione astratta e ridotta a un modello. Anni di studi in prestigiose università, MBA, algoritmi matematici, sofisticate tecniche di risk management, hanno prodotto economisti, premi nobel, top manager, trader, banchieri e governatori delle banche nazionali che hanno ballato la stessa danza sabbatica perdendo ogni contatto con l evidenza: 17

18 contro l azienda etica la saggezza popolare di Collodi ci insegna che solo i gonzi possono credere che seminando uno zecchino ne nasca una pianta con 40 senza lavorare (alias con un click su un computer). Il gatto e la volpe lo sapevano bene che non era vero, ma avevano predisposto un ottimo protocollo. Purtroppo Pinocchio è ritenuto solo un libro per bambini e non è letto nelle università. Grafico da Plus 24 Il Sole-24 Ore del 7 novembre 2009 Eppure non era impossibile applicare il ragionamento: in un sistema globalizzato la diversificazione del rischio sembra funzionare a livello individuale (originate e distribuite), ma è un gioco a somma zero a livello totale. Se il sistema collassa perchè il fenomeno ha raggiunto livelli esponenziali, nessuna istituzione finanziaria è in grado di onorare i CDS (Credit Default Swaps) posti a garanzia del credito e la traslazione del rischio torna indietro come la cambiale che, di girata in girata, ritorna per il pagamento al suo originale sottoscrittore. 18

19 carlo de matteo Nel famoso esempio utilizzato da Edward Lorenz 8 per esemplificare i sofisticati concetti matematici alla base della Teoria del Caos, il battito d ali di una farfalla in Brasile avrebbe potuto scatenare una sequenza di interazioni tali da modificare il clima in Texas. Analogamente, Mr. Smith del New Jersey, classificato come Ninja (No Incom, No Job, No Asset), ottiene un mutuo senza alcuna istruttoria 9 a un basso tasso fisso per i primi due anni e a uno elevato variabile negli anni successivi. L agenzia di credito immobiliare non si preoccupa più di tanto del merito di credito di Mr Smith fidando nel fatto che avrebbe in seguito ceduto il mutuo lucrando un minimo spread a qualche banca o istituzione finanziaria semigovernativa creata per la diffusione della proprietà immobiliare e che a sua volta lo avrebbe rivenduto ad altre istituzioni finanziarie eccetera. Mr. Smith, per pagare i debiti delle sue tre carte di credito, decide di richiedere un ulteriore mutuo sulla sua abitazione perchè, nel frattempo, la bolla immobiliare ne ha alzato ulteriormente il valore rispetto a quello finanziato dal precedente. Due anni dopo Mr. Smith salta la prima rata del suo mutuo anche perchè, nel frattempo, i tassi d interesse hanno cominciato a salire e l importo della rata è ben superiore a quella stimato in origine. La sua casa è messa in vendita fidando 8 Il 29 dicembre 1979 il fisico Edward Lorenz presentò alla Conferenza annuale della American Association for the Advancement of Science una relazione in cui ipotizzava come il battito delle ali di una farfalla in Brasile, a seguito di una catena di eventi, potesse provocare una tromba d aria nel Texas. 9 Mutui sub prime, cioè mutui erogati a soggetti che hanno una storia creditizia che include insolvenze, o addirittura problemi più gravi, come pignoramenti e fallimenti personali. 19

20 contro l azienda etica del fatto che il valore di mercato sarebbe stato superiore a quello del mutuo erogato. Peccato che la casa di Mr. Smith sia l ennesima che l agenzia di credito immobiliare mette in vendita in quel quartiere e i potenziali acquirenti siano meno dei venditori. Mr. Martinez, cittadino ispanoamericano di seconda generazione che cerca casa in quel quartiere, decide di modificare le proprie aspettative sull andamento del mercato immobiliare e, attendendosi prezzi in calo, decide di posporre l acquisto e annulla l appuntamento con l agente immobiliare sostenendo che il prezzo è troppo elevato. L agente immobiliare è desideroso di incassare la provvigione ed è pressato dalla banca che ha emesso obbligazioni che hanno come collateral il mutuo di Mr. Smith e che non vuole chiudere il suo fiscal year con un credito in sofferenza. Decide, dunque, di fare un piccolo sconto e corregge di conseguenza il prezzo esposto sul cartello. Altri potenziali acquirenti, notando il prezzo corretto al ribasso, decidono anch essi di modificare le proprie aspettative e attendono ulteriori sconti prima di procedere all acquisto. Ben presto i prezzi cominciano a scendere ben al disotto del valore nominale dei mutui erogati, in una spirale al ribasso sempre più accentuata che fa fallire l agenzia finanziaria. Di conseguenza, tutti i suoi mutui, in precedenza ceduti a una banca e da questa impaccati in CDO (Collateralized Debt Obligations) il cui flusso di pagamento degli interessi nonchè del capitale è garantito dagli n Mr Smith, diventano tossici rendendo tali tutti gli strumenti finanziari derivati che li hanno come collateral (garanzia). L onda d urto generata da tutti i Mr. Smith e i Mr. Martinez si diffonde nel mondo come un gigantesco tsunami finanziario e arriva fino al signor Ferrero, piccolo imprenditore meccanico di Givoletto, paese dell interland torinese, al quale la filiale richiede di rientrare dal fido perchè il Tier 3 della banca comincia ad abbassarsi e neanche Basi- 20

21 carlo de matteo lea II sta troppo bene. La prima cosa che fa il signor Ferrero rientrando in ufficio è annullare una serie di ordini ai fornitori e chiamare la propria organizzazione imprenditoriale per informarsi sulla cassa integrazione perchè anche le sue aspettative sono mutate: sente imminente la crisi, altrimenti perché la banca gli avrebbe chiesto di rientrare? 21

22 La pretesa di creare l uomo-azienda Un altro aspetto deleterio dell Azienda Etica è la sua pretesa di creare l uomo nuovo a una dimensione, la cui vita si identifica con la società per la quale lavora. Per manager e professional non c è soluzione di continuità tra la vita privata e quella lavorativa e l impresa etica diventa la nuova chiesa con una pretesa totalizzante sull esistenza dei propri dipendenti. L armamentario di questa mistica dell appartenenza, sono gli insulsi house organ, le cerimonie aziendali (convention, ritiri, corsi di team building, medaglie eccetera) e tutta la retorica che fa riferimento alla centralità della risorsa umana che non regge, di solito, oltre il primo bilancio in perdita. Un giovane professional che si affeziona a una azienda e rinuncia a perseguire in modo equilibrato un opportunità di crescita professionale in un altra società non riceverà in cambio la garanzia di un posto a vita, ma prepara le basi per il suo futuro licenziamento. L azienda non è un istituzione con dei fini astratti, ma ha come vero unico comune denominatore il legittimo interesse, sia quello dei dipendenti, dei manager, dell imprenditore (o gli azionisti che sono l imprenditore collettivo) sia quello esterno dei clienti, dei finanziatori, dei fornitori, dell amministrazione pubblica. È solo il corretto 22

23 carlo de matteo bilanciamento di tutti questi interessi, in cui tutti i soggetti esercitano il proprio ruolo e difendono i propri interessi, che garantisce il successo e la durata dell impresa. Se i top manager fissano i propri bonus, scrivono i bilanci e autovalutano le proprie performance vuol dire che questo bilanciamento è venuto meno e che gli altri portatori d interessi ne pagheranno il prezzo anche perchè non hanno esercitato correttamente il proprio ruolo tutelando i propri interessi. Per gli amanti dell inglese: check and balance. L assolutizzazione dei risultati a breve, determinato dal meccanismo distorto della retribuzione variabile del management basato su bonus e stock option, induce inoltre a una truffa contabile perché è a scapito degli utili degli anni futuri e ad assumere posizioni di rischio sempre più elevate. Il risultato è che l interesse al profitto a breve del management entra in conflitto con chi ha interesse alla continuità dell impresa e alla salvaguardia del suo capitale economico (gli azionisti in primis). Non è in discussione il concetto di retribuzione variabile legata ai risultati raggiunti, nè il fatto che i top manager debbano guadagnare in proporzione alle responsabilità e ai rischi personali (non ultimo quello di essere licenziati se non raggiungono gli obiettivi), ma che i meccanismi retributivi non tengano conto dell interesse alla continuità aziendale e alla sostenibilità dei profitti nel tempo: Un impresa che ha successo nel lungo periodo è tale in quanto riesce non solo a utilizzare al meglio le risorse esistenti, ma perchè sa accrescere continuamente il patrimonio di risorse di cui è dotata 10. In Italia l agglomerato mortifero di ideologia e moralismo ha associato alla parola interesse una valenza nega- 10 S. Vicari, Brand Equity, Il potenziale generativo della fiducia, EGEA edizioni, 1995, p.20 23

24 contro l azienda etica tiva, riducendolo alla materialità del tornaconto, invece è questo il vero motore del progresso umano: è per l interesse al soddisfacimento di un bisogno che l uomo si industria a trovare soluzioni sempre più progredite, è per un interesse al lavoro e alla bellezza dell opera che l artigiano medievale lavorava la parte interna, che non si vedeva, nello stesso modo di quella esterna, visibile. Lo stesso dono è espressione di un interesse: mi interessi tu ( I care, una delle poche espressioni inglesi che rendono meglio dell italiano). La parola interesse è transitiva perchè implica un oggetto, un fine anche quando è il sè. PerchÈ non si può coltivare il proprio interesse annichilendo quello degli altri: alla fine si annichilisce anche se stessi. Cosa giova all uomo guadagnare il mondo intero se poi perde se stesso? 11. Quindi il miglior payoff (la frasetta che oggi le società più trendy mettono sotto il loro marchio) è: noi facciamo i nostri legittimi interessi. In Italia abbiamo avuto il prototipo dell Azienda Etica per eccellenza: l Olivetti. Ai tempi gloriosi di Adriano Olivetti, essa custodiva i propri dipendenti dalla culla alla tomba; forniva servizi alla persona e ne organizzava la vita sociale e culturale. Quello che appare discutibile non sono i servizi che l azienda garantiva e che si poteva permettere grazie agli alti margini commerciali, ma quella deriva etica che fu il movimento di Comunità: la pretesa di creare intorno alla fabbrica una dimensione totalizzante e pervasiva, dandosi dei fini che trascendevano la dimensione produttiva. Quando si ha la pretesa di creare sistemi talmente perfetti che più nessuno avrebbe bisogno di essere buono 12 gli esiti sono nefasti. Dopo un gestio- 11 Luca 9, 24s 12 T.S. Eliot, de Cori della Rocca, in Opere, Bompiani,

25 carlo de matteo ne predatoria che ne ha succhiato ogni residua risorsa, dell Olivetti non resta che un marchio e il museo a cielo aperto della sua ex Company Town: Ivrea. Dunque ecco spiegato ciò che è avvenuto in questi anni e ciò che si è voluto eliminare: la persona e la sua irriducibilità come unico soggetto valoriale e quindi l impresa come esito operativo e dinamico di persone che si rapportano e operano secondo reciproci interessi per un legittimo scopo comune, che non è il solo scopo della loro vita. 25

26 Le insidie della tecnica e della modellizzazione Uno degli errori più perniciosi di un manager è la mitizzazione della tecnica come strumento di rappresentazione della realtà. Essa è un insieme di strumenti e conoscenze operative utili, ma non uniche, per analizzare e interpretare la realtà. L uso distorto della tecnica e la sua assolutizzazione producono un inversione dei mezzi con i fini: la tecnica crea una sua realtà e la rappresenta. In termini più generali si assiste a un processo di modellizzazione della realtà che induce i manager a ritenere di avere sotto controllo tutte le variabili chiave necessarie a prendere le decisioni. Anzi, che non sia nemmeno necessario decidere, ma solo implementare correttamente quello che il modello ha già calcolato essere l opzione ottimale. Dunque la tecnica diventa manifestazione di estrema volontà di potenza in quanto dà l illusione di assicurare il dominio della realtà nel suo divenire avendone domate le componenti stocastiche e aleatorie. Questo processo di astrazione fa dei manager degli 26

Le tipologie di rischio

Le tipologie di rischio Le tipologie di rischio In ambito fi nanziario il rischio assume diverse dimensioni, a diversi livelli. La distinzione principale da delineare è fra rischio generico e rischio specifi co, valida per tutti

Dettagli

Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista

Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista Convegno ODC Milano Milano 26 gennaio 2006 Intervento di Emanuele Facile e.facile@fin-innovations.com 1 Gli auspici

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 09 Il fallimento del fondo LTCM - Long Term Capital Management (cap 2) I fallimenti societari (cap 2) Il fallimento di LTCM - 1 Il fondo di investimento

Dettagli

8 Il futuro dei futures

8 Il futuro dei futures Introduzione Come accade spesso negli ultimi tempi, il titolo di questo libro è volutamente ambiguo, ma in questo caso non si tratta solo di un espediente retorico: come spero si colga nel corso della

Dettagli

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Internet Stock In concomitanza alla crescente popolarità del settore Internet osservata

Dettagli

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena INTERVENTO INTRODUTTIVO di Emilio Tonini Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena Buongiorno a tutti e un cordiale benvenuto a questa 4 edizione del forum internazionale Montepaschi Vita che,

Dettagli

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti:

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: Strumenti derivati Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: attività finanziarie (tassi d interesse, indici azionari, valute,

Dettagli

RINNOVO DEL CCNL PER L INDUSTRIA METALMECCANICA APERTURA DELLA TRATTATIVA DICHIARAZIONI DEL PRESIDENTE MASSIMO CALEARO Roma, 20 giugno 2007

RINNOVO DEL CCNL PER L INDUSTRIA METALMECCANICA APERTURA DELLA TRATTATIVA DICHIARAZIONI DEL PRESIDENTE MASSIMO CALEARO Roma, 20 giugno 2007 RINNOVO DEL CCNL PER L INDUSTRIA METALMECCANICA APERTURA DELLA TRATTATIVA DICHIARAZIONI DEL PRESIDENTE MASSIMO CALEARO Roma, 20 giugno 2007 Il 1 giugno abbiamo ricevuto la Vostra piattaforma per il rinnovo

Dettagli

SALVARE IL CAPITALISMO di Alfred Rappaport. di Giancarlo Forestieri pag. 9. di John C. Bogle. Parte prima Le cause e le conseguenze della veduta corta

SALVARE IL CAPITALISMO di Alfred Rappaport. di Giancarlo Forestieri pag. 9. di John C. Bogle. Parte prima Le cause e le conseguenze della veduta corta Indice SALVARE IL CAPITALISMO di Alfred Rappaport Prefazione all edizione italiana di Giancarlo Forestieri pag. 9 Prefazione di John C. Bogle Ringraziamenti Introduzione» 19» 25» 27 Parte prima Le cause

Dettagli

Obiettivi aziendali e compiti della finanza

Obiettivi aziendali e compiti della finanza Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Obiettivi aziendali e compiti della finanza Capitolo 1 Indice degli argomenti 1. Creazione di valore come idea guida 2. L impresa come

Dettagli

1.Che cos è e come si articola un Business Plan

1.Che cos è e come si articola un Business Plan CODINEXT 1 1.Che cos è e come si articola un Business Plan Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto

Dettagli

Crac delle borse: "Qua viene giù tutto!". Antonio Maria Rinaldi sulla crisi cinese

Crac delle borse: Qua viene giù tutto!. Antonio Maria Rinaldi sulla crisi cinese Crac delle borse: "Qua viene giù tutto!". Antonio Maria Rinaldi sulla crisi cinese Crac delle borse: Qua viene giù tutto!. Antonio Maria Rinaldi sulla crisi cinese Fonte e Link: byoblu Pubblicato il 24

Dettagli

MERCATO E FORMAZIONE DEI PREZZI Commento per il docente

MERCATO E FORMAZIONE DEI PREZZI Commento per il docente MERCATO E FORMAZIONE DEI PREZZI 1 Aspetti generali 1.1 Tematica e contenuto Il presente modulo ha per tema la formazione dei prezzi nei mercati in generale e, più in particolare, nei mercati trasparenti

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 Il rischio di interesse 2 Il rischio di tasso di interesse Il rischio di tasso di interesse può essere

Dettagli

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro.

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Henry Hansmann Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Prima di tutto è bene iniziare da una distinzione

Dettagli

ECOMONDO 2011. La necessità delle sinergie nei processi di trasformazione complessi. Vittorio Addis - Vicepresidente Associazione Bonifichexpo 2015

ECOMONDO 2011. La necessità delle sinergie nei processi di trasformazione complessi. Vittorio Addis - Vicepresidente Associazione Bonifichexpo 2015 ECOMONDO 2011 La necessità delle sinergie nei processi di trasformazione complessi Vittorio Addis - Vicepresidente Associazione Bonifichexpo 2015 Il tema della sostenibilità, insieme a quello dell innovazione,

Dettagli

DANTON INVESTMENT SA. Equilibrium. Il futuro non si prevede SI COSTRUISCE

DANTON INVESTMENT SA. Equilibrium. Il futuro non si prevede SI COSTRUISCE Equilibrium Il futuro non si prevede SI COSTRUISCE 2 Gestioni Patrimoniali Computerizzate Grazie ai notevoli investimenti realizzati negli anni, la DANTON INVESTMENT SA può oggi vantare di possedere uno

Dettagli

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione.

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione. Veneto Banca rafforza il patrimonio promuovendo un operazione di aumento di capitale in opzione ai soci fino ad un massimo di 500 milioni di euro e la conversione del prestito obbligazionario convertibile

Dettagli

e arrivano le prime perdite

e arrivano le prime perdite e arrivano le prime perdite Con i prezzi delle case in ribasso, le banche che avevano concesso molti mutui subprime ora iniziano a registrare delle perdite sempre più grandi. Concessione del mutuo Pignoramento

Dettagli

Premi di maggioranza e sconti di minoranza nella valutazione delle partecipazioni: aspetti teorici ed ambiti di applicazione

Premi di maggioranza e sconti di minoranza nella valutazione delle partecipazioni: aspetti teorici ed ambiti di applicazione Premi di maggioranza e sconti di minoranza nella valutazione delle partecipazioni: aspetti teorici ed ambiti di applicazione di Massimo Buongiorno docente di Finanza Aziendale, Università Bocconi, Milano

Dettagli

IL CONTRIBUTO DI. Roberto Nicastro. Direttore Generale UniCredit

IL CONTRIBUTO DI. Roberto Nicastro. Direttore Generale UniCredit LE BANCHE COMMERCIALI TRA I VINCOLI DELLA NUOVA NORMATIVA E LA CRISI DEI MERCATI Ricerca qualitativa IL CONTRIBUTO DI Roberto Nicastro Direttore Generale UniCredit milano, giugno 2011 1. LA CRISI DEI MODELLI

Dettagli

PROF. RAFFAELE GALANO Professore di Finanza e Risk Management e Presidente O.E.G.L.A.

PROF. RAFFAELE GALANO Professore di Finanza e Risk Management e Presidente O.E.G.L.A. PROF. RAFFAELE GALANO Professore di Finanza e Risk Management e Presidente O.E.G.L.A. ETICA PER L ECONOMIA E LA FINANZA Possono convivere Etica e finanza? Se rivolgiamo l attenzione ai fatti accaduti nelle

Dettagli

Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA

Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA Introduzione - 1 Una delle idee più importanti della teoria economica è che i mercati sotto alcune condizioni- allocano i beni

Dettagli

prima della gestione.

prima della gestione. 1 Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto ad esplicitare, esaminare e motivare in modo completo

Dettagli

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a.

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. Il bilancio delle banche e l analisi delle performance Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011 Premessa Il bilancio bancario presenta caratteristiche distintive

Dettagli

Empowerment Organizzativo:

Empowerment Organizzativo: Angelo Cilli Empowerment Organizzativo: il miglior metodo per coinvolgere e responsabilizzare i propri collaboratori Angelo Cilli Empowerment Organizzativo: il miglior metodo per coinvolgere e responsabilizzare

Dettagli

PRODOTTO STRUTTURALE PER CREDITI IMMOBILIARI ANOMALI. PMS - tutti i diritti riservati

PRODOTTO STRUTTURALE PER CREDITI IMMOBILIARI ANOMALI. PMS - tutti i diritti riservati PRODOTTO STRUTTURALE PER CREDITI IMMOBILIARI ANOMALI PMS - tutti i diritti riservati La crisi e il territorio Può una Banca essere vicina al territorio in un periodo di crisi? PMS - tutti i diritti riservati

Dettagli

Gli strumenti derivati

Gli strumenti derivati Gli strumenti derivati EMM A - Lezione 6 Prof. C. Schena Università dell Insubria 1 Gli strumenti derivati Derivati perché il loro valore deriva da quello di altre attività dette beni/attività sottostanti

Dettagli

Il dibattito sui sistemi di remunerazione dei manager

Il dibattito sui sistemi di remunerazione dei manager Il dibattito sui sistemi di remunerazione dei manager Volterra, 19.6.2014 Prof. Roberto Barontini Istituto di Management Scuola Superiore Sant Anna E-mail r.barontini@sssup.it Matematica Statistica Storia

Dettagli

di Sara Baroni Produzione e logistica >> Sistemi di management

di Sara Baroni Produzione e logistica >> Sistemi di management MISURE DI COMMESSA E MISURE DI SISTEMA COSTRUIRE UN PONTE TRA IL SINGOLO PROGETTO E GLI OBIETTIVI AZIENDALI di Sara Baroni Produzione e logistica >> Sistemi di management IL RUOLO DEL SISTEMA DI MISURA

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Alcuni strumenti finanziari particolari Alcuni strumenti proposti nel panorama internazionale Gli strumenti ai quali faremo riferimento sono: i financial

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione Relazione economica Posso dire che ritengo oggi ci siano tutte le condizioni per riportare la Banca al ruolo che le compete anche grazie all impegno dei colleghi, che ho potuto apprezzare in questo periodo,

Dettagli

Il processo decisionale di copertura del «cash flow interest rate risk» nelle imprese industriali

Il processo decisionale di copertura del «cash flow interest rate risk» nelle imprese industriali Il processo decisionale di copertura del «cash flow interest rate risk» nelle imprese industriali di Giuseppe Zillo e Elisabetta Cecchetto (*) La valutazione degli effetti delle variazioni dei tassi di

Dettagli

operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012

operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012 1 operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012 Interventi sul tema: Le origini della crisi La bolla dei sub-prime e il fallimento di Lehman Brothers La globalizzazione dei

Dettagli

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo...

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... Esame e analisi critica di un business plan Premessa... 1 Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3 Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... 3 Analisi di

Dettagli

L azionario vince sempre nel lungo periodo?

L azionario vince sempre nel lungo periodo? 1 L azionario vince sempre nel lungo periodo? Redatto il 03/08/2007 Introduzione Spesso accade di ascoltare la celebre ed inflazionata massima secondo la quale l azionario vince sempre nel lungo periodo.

Dettagli

Il manuale è concentrato su questi articoli:

Il manuale è concentrato su questi articoli: Questo manuale è stato creato per aiutare i team leader e gli assistenti nel loro lavoro, dandoli una dritta specifica su alcuni dei loro doveri principali nel dirigere i propri gruppi di lavoro. La dirigenza

Dettagli

Cosa devono fare le banche per favorire i processi di aggregazione?

Cosa devono fare le banche per favorire i processi di aggregazione? Cosa devono fare le banche per favorire i processi di aggregazione? Prima di provare a rispondere a questa domanda mi pare indispensabile una premessa che contestualizzi l attuale situazione. Perché a

Dettagli

La determinazione dell equilibrio finanziario nelle imprese

La determinazione dell equilibrio finanziario nelle imprese La determinazione dell equilibrio finanziario nelle imprese La ricerca dell equilibrio fra teoria e vincoli Fabrizio Bencini Partner Kon Spa, dottore commercialista e revisore contabile Leonardo Filippini

Dettagli

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100%

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% Risparmiare in acquisto è sicuramente una regola fondamentale da rispettare in tutti i casi e ci consente di ottenere un ritorno del 22,1% all

Dettagli

Come ottimizzare il rapporto rischio/rendimento

Come ottimizzare il rapporto rischio/rendimento Come ottimizzare il rapporto rischio/rendimento Quando si decide di investire, e non semplicemente di parcheggiare la propria liquidità, bisogna tener presente che non esistono investimenti completamente

Dettagli

PROFILO DEL. GRuPPO L ATTIVITÀ E LA STRUTTURA DEL GRUPPO 14 PRINCIPALI RISCHI E OPPORTUNITÀ DELLE ATTIVITÀ DI GTECH 15

PROFILO DEL. GRuPPO L ATTIVITÀ E LA STRUTTURA DEL GRUPPO 14 PRINCIPALI RISCHI E OPPORTUNITÀ DELLE ATTIVITÀ DI GTECH 15 PROFILO DEL GRuPPO L ATTIVITÀ E LA STRUTTURA DEL GRUPPO 14 PRINCIPALI RISCHI E OPPORTUNITÀ DELLE ATTIVITÀ DI GTECH 15 CORPORATE GOVERNANCE E COMPLIANCE 15 12 Bilancio di Sostenibilità GTECH Il Profilo

Dettagli

Introduzione all analisi per flussi

Introduzione all analisi per flussi C 1 a p i t o l o Introduzione all analisi per flussi 1 I flussi finanziari L obiettivo di questo libro è illustrare una diversa visione d impresa: non più quella statica legata alla contabilità e all

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Prof. Filippo Stefanini A.A. Corso 60012 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile Houston, we ve had a problem here Il 13 aprile 1970 gli astronauti

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTA DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA BIENNALE PERCORSO AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO CORSO CORPORATE GOVERNANCE E CONTROLLO INTERNO ANNO ACCADEMICO 2008/2009 PERIODO: II TRIMESTRE

Dettagli

Per quanto riguarda l attenzione alla qualità del prodotto è stato necessario far capire alle persone quale fosse l enorme costo della non qualità.

Per quanto riguarda l attenzione alla qualità del prodotto è stato necessario far capire alle persone quale fosse l enorme costo della non qualità. Anzitutto volevo ringraziare per l opportunità che mi è stata data di presentare qui oggi la mia azienda. Noi imprenditori di solito siamo orgogliosi delle nostre creature, e quindi siamo contenti quando

Dettagli

Governare in periodi di instabilità: Sempre più pressioni sul Comitato controllo e rischi

Governare in periodi di instabilità: Sempre più pressioni sul Comitato controllo e rischi Governare in periodi di instabilità: Sempre più pressioni sul Comitato controllo e rischi Di Don Wilkinson, Vice-Presidente Deloitte Amministratori, fate un respiro profondo: gli impegni previsti in agenda

Dettagli

Valore attuale, obiettivi dell impresa e corporate governance. dott. Matteo Rossi

Valore attuale, obiettivi dell impresa e corporate governance. dott. Matteo Rossi Valore attuale, obiettivi dell impresa e corporate governance dott. Matteo Rossi Prospetto F/I Happy Finance Conto Economico 2008 2009 Reddito Netto 350-500 Ammortamenti 800 800 Accantonamenti 2000 300

Dettagli

CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO

CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO 1 1. PREMESSA 3 2. MISSIONE E VISIONE ETICA 3 3. AMBITO DI APPLICAZIONE DEL CODICE 3 4. PRINCIPI E NORME DI RIFERIMENTO 5 4.1 Rispetto della Legge 5 4.2 Onestà e correttezza

Dettagli

Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann

Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann Obiettivo del questionario è rendere consapevole una persona della propria tendenza ad assumere in una conversazione uno o più

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario AREA FINANZA DISPENSA FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA Strumenti

Dettagli

serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009

serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009 serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009 SERFACTORING S.p.A. Sede Legale in San Donato Milanese (MI), Via dell Unione europea 3 Capitale Sociale Euro 5.160.000 i. v. Registro Imprese di Milano Codice

Dettagli

Corporate Governance - Oltre la compliance

Corporate Governance - Oltre la compliance Corporate Governance - Oltre la compliance Prof. Angelo Riccaboni Corso di Economia e Governo Aziendale Dipartimento di Studi Aziendali e Giuridici riccaboni@unisi.it www.disag.unisi.it Agenda L interesse

Dettagli

SEMPLICE STRATEGIA SULLE OPZIONI BINARIE

SEMPLICE STRATEGIA SULLE OPZIONI BINARIE Titolo SEMPLICE STRATEGIA SULLE OPZIONI BINARIE Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.24option.com/it ATTENZIONE: tutti i diritti sono riservati

Dettagli

Dividendi e valore delle azioni

Dividendi e valore delle azioni Dividendi e valore delle azioni La teoria economica sostiene che in ultima analisi il valore delle azioni dipende esclusivamente dal flusso scontato di dividendi attesi. Formalmente: V = E t=0 1 ( ) t

Dettagli

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012 PREMESSA La Circolare 216 di Banca d Italia del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, al Capitolo V, al fine di rafforzare la disciplina prudenziale per gli Intermediari Finanziari iscritti

Dettagli

ABC DEGLI INVESTIMENTI. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC DEGLI INVESTIMENTI. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC DEGLI INVESTIMENTI Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity International Specializzazione e indipendenza Fidelity International è una società

Dettagli

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Gli Strumenti Finanziari secondo i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Relatore: Dott. Stefano Grumolato Verona, aprile 2008 Overview dell intervento Strumenti finanziari e tecniche di valutazione

Dettagli

INCONTRO del 10 maggio 2008 ORIENTAMENTI ETICI USATI NEGLI INVESTIMENTI

INCONTRO del 10 maggio 2008 ORIENTAMENTI ETICI USATI NEGLI INVESTIMENTI INCONTRO del 10 maggio 2008 ORIENTAMENTI ETICI USATI NEGLI INVESTIMENTI Agenda Alcuni cenni sull Istituto Etica e Finanza L approccio dell Istituto agli investimenti Alcuni cantieri etici IOR Alcuni cenni

Dettagli

Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione Sodalitas

Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione Sodalitas Fondazione Sodalitas GfK Eurisko Le prospettive della Responsabilità Sociale in Italia Aprile 2010 Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione

Dettagli

Dott. Domenico Dall Olio

Dott. Domenico Dall Olio Responsabile didattico per il progetto QuantOptions Le basi delle opzioni www.quantoptions.it info@quantoptions.it 1 Opzioni: long call definizione e caratteristiche di base Le opzioni sono contratti finanziari

Dettagli

LA DIREZIONE DELLE RISORSE UMANE

LA DIREZIONE DELLE RISORSE UMANE E-book HRP 1_2013 LA DIREZIONE DELLE RISORSE UMANE Questo e-book è stato realizzato per esaudire la richiesta di molti partecipanti all evento V.I.P. Very Important Person. Ridiamo valore alle Persone

Dettagli

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI Il presente documento contiene le informazioni chiave per gli investitori di questo Comparto. Non si tratta di un documento promozionale. Le informazioni contenute

Dettagli

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video)

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) TNT IV Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) Al fine di aiutare la comprensione delle principali tecniche di Joe, soprattutto quelle spiegate nelle appendici del libro che

Dettagli

LA CITTA Gioco di simulazione

LA CITTA Gioco di simulazione LA CITTA Gioco di simulazione Il gioco di simulazione La città propone ai partecipanti di affrontare il tema della legalità riportandolo a vissuti vicini al loro quotidiano e analizzandolo dalla prospettiva

Dettagli

Comunicato Stampa. Il consiglio di amministrazione di Investimenti e Sviluppo S.p.A. approva il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2009

Comunicato Stampa. Il consiglio di amministrazione di Investimenti e Sviluppo S.p.A. approva il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2009 Comunicato Stampa Il consiglio di amministrazione di Investimenti e Sviluppo S.p.A. approva il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2009 Risultati consolidati al 31 marzo 2009: Ricavi netti pari

Dettagli

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita PRESENTAZIONE Bluform, società affermata nell ambito della Consulenza e della Formazione aziendale, realizza percorsi formativi rivolti ai dirigenti ed ai dipendenti delle aziende che vogliono far crescere

Dettagli

2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi

2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi 114 2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi 2.2.7.1 Gerarchia del fair value 2. Bilancio consolidato Le tabelle di seguito forniscono una ripartizione delle attività e passività per

Dettagli

Il Benessere aziendale

Il Benessere aziendale Il Benessere aziendale Oggi vogliamo parlare di Benessere aziendale, e cioè di tutti quelle pratiche, approcci e buone pratiche per vivere bene in un organizzazione. La cosa più importante che voglio capire

Dettagli

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management L organizzazione del lavoro per progetti è stata per lungo tempo una caratteristica prevalente delle aziende che operano

Dettagli

Esercizi di Teoria dei Giochi

Esercizi di Teoria dei Giochi Esercizi di Teoria dei Giochi ultimo aggiornamento: 11 maggio 2010 1. Si consideri il gioco fra 2 giocatori rappresentato (con le notazioni standard) dalla seguente matrice: (3, 1) (5, 0) (1, 0) (2, 6)

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

L ACQUISTO DI MACCHINE SICURE

L ACQUISTO DI MACCHINE SICURE L ACQUISTO DI MACCHINE SICURE E di difficile interpretazione la complessa normativa nazionale ed internazionale che dovrebbe regolamentare il tema della sicurezza delle macchine e degli impianti destinati

Dettagli

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014 I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS Federica Miglietta Bari, luglio 2014 GLI STRUMENTI DERIVATI Gli strumenti derivati sono così denominati perché il loro valore deriva dal prezzo di una attività sottostante,

Dettagli

La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo

La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo Le relazioni della Giornata Tecnica ANTIM di Parma La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo di Lorenzo Morandi - L.M.Consulting La motivazione non è una caratteristica intrinseca

Dettagli

AREA TEMATICA RETRIBUZIONE

AREA TEMATICA RETRIBUZIONE AREA TEMATICA RETRIBUZIONE L'area tratta delle problematiche legate alla retribuzione: la retribuzione caratteristiche della retribuzione struttura e sistemi di retribuzione voci della retribuzione adempimento

Dettagli

Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali. Il sistema di controllo interno

Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali. Il sistema di controllo interno Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali Il sistema di controllo interno Argomenti della lezione 1 - Controllo Interno: definizione e componenti 2 - Ambiente di controllo 3 - Valutazione

Dettagli

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**)

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) PAGINA: 60-64 L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) Nel nuovo contesto derivante dall introduzione di Basilea 2 l analisi dei

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA 580 ATTESTAZIONI SCRITTE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA 580 ATTESTAZIONI SCRITTE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 580 ATTESTAZIONI SCRITTE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 1 gennaio 2015 o successivamente)

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Prof. Antonio Renzi Economia e gestione delle imprese Parte sesta Governo delle imprese e assetti proprietari 1 Argomenti 1. Gli assetti proprietari 2. Proprietà e organo di governo 3. La struttura dell

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 2

Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 2 GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE 1 L EVOLUZIONE DEL SISTEMA BANCARIO Lezione 2 Gli strumenti finanziari a disposizione di un impresa 2 Apertura di credito Sconto di effetti Contratti bancari Anticipo

Dettagli

Strategie e tecniche d investimento con le opzioni

Strategie e tecniche d investimento con le opzioni FINANZA OPERATIVA Strategie e tecniche d investimento con le opzioni Dario Daolio FRANCOANGELI Am - La prima collana di management in Italia Testi advanced, approfonditi e originali, sulle esperienze più

Dettagli

Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori

Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori Le competenze organizzative come vantaggio distintivo di Domenico Bodega Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori rapidi nel pensiero, nel giudizio, nell azione e nella parola.

Dettagli

FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale

FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale 6 parte Prof. Giovanna Lo Nigro # 1 I titoli derivati # 2 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl Argomenti trattati Tipologie

Dettagli

Rappresentazione e valutazione degli strumenti finanziari

Rappresentazione e valutazione degli strumenti finanziari Università degli Studi di Trieste Ragioneria Generale ed Applicata (corso magistrale) Modulo di Ragioneria Internazionale Rappresentazione e valutazione degli strumenti finanziari di 1 Principi IFRS rilevanti

Dettagli

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS La fine della Seconda Guerra Mondiale aprì un periodo di gravi problemi economici, politici e sociali. Gli unici che uscirono economicamente rafforzati dalla

Dettagli

Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV

Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV Un Fondo Comune può essere paragonato ad una cassa collettiva dove confluiscono i risparmi di una pluralità di risparmiatori. Il denaro che confluisce in questa

Dettagli

SOMMARIO. Adottati con delibera del Consiglio di Amministrazione del 27 febbraio 2015

SOMMARIO. Adottati con delibera del Consiglio di Amministrazione del 27 febbraio 2015 PRIINCIIPII DII AUTODIISCIIPLIINA DII IINFRASTRUTTURE WIIRELESS IITALIIANE Adottati con delibera del Consiglio di Amministrazione del 27 febbraio 2015 SOMMARIO Articolo 1 Principi generali pag. 2 Articolo

Dettagli

Nota tecnica. Basilea 3. L accordo multilaterale per la riforma della vigilanza prudenziale

Nota tecnica. Basilea 3. L accordo multilaterale per la riforma della vigilanza prudenziale Nota tecnica Basilea 3 L accordo multilaterale per la riforma della vigilanza prudenziale Basilea 3 OBIETTIVO DELLA RIFORMA La riforma intende ovviare alle lacune e alle debolezze strutturali dell Accordo

Dettagli

Valutazione d Azienda Lezione 5

Valutazione d Azienda Lezione 5 Valutazione d Azienda Lezione 5 1 Le prospettive di valutazione [P.I.V. I.7] Generico operatore partecipante al mercato Specifico soggetto 2 I partecipanti al mercato Si tratta della generalità dei potenziali

Dettagli

CAPITOLO 11 INCENTIVI SALARIALI

CAPITOLO 11 INCENTIVI SALARIALI CAPITOLO 11 INCENTIVI SALARIALI 11-1. Fate l ipotesi che ci siano 100 lavoratori in un economia in cui operano due imprese. Per l impresa A, il prodotto marginale dei lavoratori è pari a 35 l ora. Per

Dettagli

CODICE ETICO. Emissione 01 : G2008-050R01E01-JAC/MAZ/rc Milano, 3 Giugno 2008. Emissione 02 : G2015-032R01E01-JAC/MAZ/sc Milano, 30 Aprile 2015

CODICE ETICO. Emissione 01 : G2008-050R01E01-JAC/MAZ/rc Milano, 3 Giugno 2008. Emissione 02 : G2015-032R01E01-JAC/MAZ/sc Milano, 30 Aprile 2015 CODICE ETICO Emissione 01 : G2008-050R01E01-JAC/MAZ/rc Milano, 3 Giugno 2008 Emissione 02 : G2015-032R01E01-JAC/MAZ/sc Milano, 30 Aprile 2015 (revisione approvata con delibera del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Nelle banche di credito cooperativo le esigenze di rafforzamento patrimoniale possono trovare ostacolo nella loro speciale forma giuridica.

Nelle banche di credito cooperativo le esigenze di rafforzamento patrimoniale possono trovare ostacolo nella loro speciale forma giuridica. Quale Credito cooperativo? Il Governatore di Banca d Italia, nel corso del suo recente intervento al Congresso annuale Assiom Forex del 7 febbraio c.te, ha dedicato una puntuale riflessione al sistema

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA A TASSO VARIABILE con FLOOR

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA A TASSO VARIABILE con FLOOR CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA A TASSO VARIABILE con FLOOR Bancasciano Credito Cooperativo - Società Cooperativa in qualità di Emittente

Dettagli

Rev. 1 del 10.09.2014 CODICE ETICO

Rev. 1 del 10.09.2014 CODICE ETICO Rev. 1 del 10.09.2014 CODICE ETICO INDICE INTRODUZIONE... 1 I. PRINCIPI GENERALI... 2 II. COMPORTAMENTO nella GESTIONE degli AFFARI... 3 A) Rapporti con i clienti.... 3 B) Rapporti con i fornitori....

Dettagli