L Informatore AVVISO DI CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA ORDINE DEL GIORNO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L Informatore AVVISO DI CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA ORDINE DEL GIORNO"

Transcript

1 L Informatore della Barbarano Romano Inaugurata la filiale di Vetralla supplemento al n. 5/ del periodico Il Centro Italia - editore S. ED s.r.l. - Viterbo - Via Polidori snc - Tel. 0761/ Fax 0761/ Alla presenza di molte autorità e di un nummeroso pubblico il 1 marzo 2008 è stata inaugurata la nuova filiale della nostra Banca a Vetralla centro, sita in Piazza Marconi. Ha portato il saluto e il ringraziamento il Presidente della B.C.C., Domenico Didoni, che si è sofferamto sul ruolo della Banca nel contesto socio economico in cui opera e sulla diversità della B.C.C. dalle altre banche. E seguito l intervento del direttore generale, Giovanni Battista Giulianelli, del Prof. Pierre Di Toro, Vice Rettore dell Università della Tuscia. Il saluto del Comune è stato portato dal Dr. Pierluigi Marini e da quello del Vescovo Vicario Don Pietro. E intervenuto il vice direttore della Federazione Lazio, Umbria, Sardegna, Dr. Gilberto Casandri. Erano presenti inoltre presidenti e rappresentanti del mondo economico viterbese e della Croce Rossa Italiana, sezione di Vetralla. AVVISO DI CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA L assemblea dei Soci è convocata per il giorno 24 Aprile 2008 alle ore 08,30 in prima convocazione e, per il giorno 25 Aprile 2008 alle ore 10,30 in seconda convocazione, presso l Auditorium Sant Angelo di Barbarano Romano, per discutere e deliberare sul seguente ORDINE DEL GIORNO 1) Discussione e approvazione del bilancio e della nota integrativa al 31 Dicembre 2007, udita la relazione degli Amministratori e dei Sindaci sull andamento della gestione e sulla situazione dell impresa. Destinazione dell utile netto d esercizio. Discussione e deliberazioni in merito. 2 Determinazione dei compensi per i componenti del Consiglio di Amministrazione e della remunerazione del Collegio Sindacale; 3) Elezione dei componenti del Consiglio di Amministrazione, previa determinazione del loro numero; 4) Elezione dei componenti il Collegio Sindacale; 5) Elezione dei componenti il Collegio dei Probiviri. N.B. potranno prendere parte alle votazioni tutti i soci che, alla data di svolgimento dell Assemblea, risultino iscritti da almeno tre mesi nel libro dei soci. Barbarano Romano, 20 Marzo 2008 Il Presidente Domenico Didoni

2 Un percorso positivo non L Informatore della Il Presidente Domenico Didoni propone una sintesi La Banca in questi anni ha raddoppiato le proprie filiali chiudendo i bilanci di esercizio sempre in attivo. E cresciuto il capitale sociale. Sono triplicati i dipendenti. In questi anni gli utili di esercizio sono più che raddoppiati.tutto ciò è stato possibile grazie alla saggezza degli amministratori e alla professionalità del personale dipendente che hanno sempre posto al primo posto l interesse per la banca e i suoi soci Carissimi soci, l Assemblea ordinaria, che annualmente viene convocata per l approvazione del bilancio consuntivo dell anno appena concluso, si apre, come per gli anni passati, sotto i migliori auspici. L andamento positivo del nostro istituto avviene in un periodo in cui la situazione economica e finanziaria internazionale, nazionale e provinciale presenta, come è noto, molte difficoltà. Il risultato conseguito nel 2007, non è certamente casuale, ma è frutto di una gestione prudente e nello stesso tempo aperta al sostegno verso il mondo produttivo e le famiglie. E la conferma che le scelte strategiche compiute in questi anni, sono giuste. La crescita si è concretizzata, in questi ultimi mesi, con l apertura di due nuove filiali a Vejano e a Vetralla centro storico. In pochi anni le nostre filiali sono raddoppiate passando da tre a sei. Inoltre gli utili hanno permesso di aumentare il capitale sociale e quindi il patrimonio della banca. Non solo ma una parte degli utili, conseguiti annualmente, vengono distribuiti sul territorio 2 Domenico Didoni - Presidente della B.C.C. di Barbarano Romano attraverso contributi: alle scuole, enti sportivi, assistenziali, culturali, ecc. La Banca di Credito Cooperativo è una banca diversa dalle altre banche, perchè non ha lo scopo di lucro. Cioè i soci non ricevono dividendi dall attività svolta. Questo ci permette di effettuare interventi che le banche private non fanno perchè gli utili prodotti vengono distribuiti fra gli azionisti. Tuttavia i nostri associati, nel rispetto delle norme che regolano l attività bancaria, sono agevolati sui tassi praticati e sulle condizioni più favorevoli. Vengono poi programmati, dalla banca, iniziative che possono riguardare altre aspetti della vita associativa, come le borse di studio ai figli, diplomati e laureati, dei soci. Inoltre i soci di una Banca di Credito Cooperativo hanno ruoli molto importanti. Eleggono gli organi amministrativi formati esclusivamente dai soci. I benefici che riceve la comunità, che opera in sintonia con la banca, sono quindi importanti. Per questo motivo l obiettivo è quello di investire sul territorio le risorse disponibili. I nostri principi ispiratori si richiamano al buon padre di famiglia. Il compito che ogni persona responsabile si deve prefiggere è quello di migliorare le condizioni di vita individuali, della propria famiglia e più in generale di tutta la comunità in cui opera. Questo modello vale anche per le banche, in particolare quelle nate ed operanti in funzione dello sviluppo del territorio. Le Banche di Credito Cooperativo sono aggregate in 15 Federazioni, queste a sua volta, esprimono a livello nazionale la Federcasse Federazione Italiana delle Banche di Credito Cooperativo, che svolge nei confronti delle associate funzioni di promozione, coordinamento, assistenza tecnica e revisione, quindi attraverso la Federcasse aderiscono all Associazione delle Banche Cooperative Europee, con sede a Bruxelles. Mentre il versante imprenditoriale è rappresentato invece dalla società capogruppo Iccrea Holding Spa. Grazie all appartenenza della nostra Banca alla Federazione Lazio, Umbria, Sardegna, a livello regionale, e alla Federcas- se a livello nazionale, siamo in grado di soddisfare tutte le esigenze in tempi molto rapidi, sicuramente molto più snelli rispetto ad altre realtà bancarie operanti sul mercato, con alle spalle un solido fondo di garanzia in grado di far fronte ad ogni valido investimento. La nostra volontà di ben operare, stando vicino alla gente, è dimostrata da quasi cinquant anni di vita segnata da una continua crescita. Nell assumere il ruolo di amministratori, nove anni fa, ritenemmo arrivato il momento di lavorare per espandere il ruolo della banca su un territorio più vasto. I risultati positivi l avevano consolidata grazie alla buona gestione dei consigli di amministrazione che ci avevano preceduto. L ambizioso obiettivo di crescita doveva essere perseguito: - nella garanzia per tutti i soci e risparmiatori che credono nel nostro Istituto, - nel rispetto degli equilibri di bilancio, - nel rispetto delle nostre consorelle con le quali intendiamo mantenere buoni rapporti. Il percorso intrapreso, è stato positivo e la banca è cresciuta. Tuttavia questo percorso non è stato ancora concluso perchè riteniamo, di poter ulteriormente espandere la nostra presenza in altri comuni per diventare banca di riferimento più influente a vantaggio della comunità.

3 ancora concluso L Informatore della dell attività svolta nei nove anni dell incarico Senza peccare di presunzione ritengo, insieme ai consiglieri, al direttore generale ed a tutti i dipendenti, di aver fatto il nostro dovere. Ricopro la carica di presidente dal 1999 e sta per scadere il mio terzo mandato. In questi dieci anni, circa, la banca è cresciuta, oltre alle tre filiali aperte, i bilanci d esercizio hanno chiuso sempre in attivo. I dipendenti dal 1999 al 2007 sono passati da 7 a 22. Nello stesso periodo gli utili d esercizio sono saliti da circa Euro ad oltre Euro annui. Personalmente, con questi risultati, ci sentiamo più che soddisfatti, confortati dalla convenzione di aver operato nell interesse dei soci e di tutto il territorio di competenza della banca. Un momento dell inauguarzione della nuova Filiale di Vetralla Domenico Didoni Presidente della B.C.C. di Barbarano Romano L offerta dei servizi previsti nell ambito di "Banca in Casa" è articolata su due livelli operativi a cui corrisponde un rispettivo target di clientela: Privati/Famiglie Il servizio è basato sul Phone Banking che prevede per la clientela la possibilità di accedere ad informazioni sui propri rapporti intrattenuti con la Banca di Cavola e Sassuolo mediante un semplice apparecchio telefonico, sia esso fisso o cellulare. Presso le nostre strutture apparecchiature vox/fax provvedono a fornire alla clientela informazioni vocali o, su richiesta, a trasmettere le stesse via fax relativamente a Saldi e Movimentazione dei Conti correnti. L uso del prodotto, offerto alla clientela gratuitamente, è estremamente intuitivo e di facile accesso. I dati disponibili hanno una storicizzazione di 3 mesi, consentendo alla Clientela di disporre di informazioni aggiornate ed esaustive. Imprese Servizi di Remote Banking e Corporate Banking: Alle imprese viene distribuito un software "Client", dotato dei necessari criteri di sicurezza accessi, in grado di collegarsi al server della Banca per la rice/spedizione di flussi informativi/dispositivi e di operare quindi successivamente in modalità stand-alone od integrata con il sistema informativo dell impresa. I servizi di Remote e Corporate Banking alle imprese vengono erogati mediante il medesimo prodotto che consente di usufruire di tutte le procedure previste dal Corporate Banking Interbancario (flussi informativi e dispositivi), integrati opportunamente con alcuni servizi complementari che caratterizzano "Banca in Casa" rispetto alla concorrenza rendendolo un prodotto di successo. 3

4 L Informatore della Giovanni Battista Giulianelli Arriva il mese di Aprile ed arriva il classico appuntamento con i soci per l approvazione del bilancio d esercizio. Prima di parlare di numeri e percentuali va ricordato che il 2007 è stato un anno molto importante ed intenso per la nostra Banca. Lo sforzo organizzativo di adeguamento alla evoluzione normativa, -Mifid, Basilea 2, Com- pliance, 3a Direttiva Antiriciclaggio- è notevole, ha coinvolto e sta coinvolgendo tutti; il personale dipendente, gli amministratori e il collegio sindacale. E stato completato nei primi mesi dell anno l ampliamento e l ammodernamento della filiale di Blera, operazione necessaria da una parte per sostenere l aumentata operatività e dall altra SI CONFERMA IL TREND POSITIVO Dichiarazione del direttore generale per creare un ambiente confortevole sia per la clientela che per le risorse allocate. Subito dopo sono iniziate tutte le attività tecnico-valutative e deliberative, propedeutiche all allestimento della filiale di Vetralla; inaugurata poi, come è noto, il 1 marzo A inizio dicembre dalla BCC di Capranica è stata acquisita la filiale di Vejano, comune dove già erano numerosi i nostri clienti e soci e quindi è stata rafforzata ulteriormente la presenza della Banca sul territorio. Per quanto riguarda l andamento della gestione i risultati raggiunti sono molto lusinghieri: la raccolta diretta ha fatto registrare un incremento del 9,5% a dimostrazione della fiducia riposta dalla clientela e delle condizioni praticate. Gli impieghi un incremento del 10,96% in più rispetto all anno precedente. La forma tecnica che ha avuto il Società di Intermediazione Mobiliare 4 maggior incremento e quella relativa ai mutui per l acquisto/costruzione di abitazioni. Le percentuali salgono significativamente se sommiamo i volumi intermediati dalla filiale di Veiano. L utile netto di esercizio sale di oltre il 16 % rispetto al precedente esercizio con riflessi altrettanto positivi sul patrimonio della Banca. I dipendenti a fine esercizio salgono a 22; il numero dei soci ammonta a 786. I dati riportati in estrema sintesi, e quelli relativi ai primi tre mesi del 2008 confermano il trend di crescita e il buon andamento della Banca. Confermano inoltre che la serietà, l impegno e la professionalità dimostrate da tutti possono dare ottimi risultati. Giovanni Battista Giulianelli Direttore Generale BCC Barbarano Romano Barbarano Romano Directa è una Società di Intermediazione Mobiliare costituita a Torino nel 1995, con l'obiettivo di permettere agli investitori privati di comprare e vendere azioni per via telematica, direttamente dal loro PC, con esecuzione immediata degli ordini e costi ridotti. Ha iniziato l'operatività nel marzo 1996 con un sistema non-internet proprietario, risultando il primo broker telematico in Italia e uno dei primi nel mondo, e si è progressivamente specializzata per le esigenze di una clientela costituita da investitori molto attivi (day trader e scalper). Nel dicembre 1998 ha attivato il suo sistema di trading via Internet, una piattaforma interamente proprietaria che viene arricchita e perfezionata di continuo con innovazioni protette da copyright, spesso accogliendo le richieste dei clienti su forum e newsgroup, mezzi di comunicazione ai quali la società partecipa direttamente e dedica grande attenzione. Da quando è stata fondata, la società ha chiuso in lieve perdita solo i primi due esercizi (1995 e 1996), facendo registrare costantemente un utile di bilancio nei successivi esercizi, dal 1997 al I clienti operativi crescono rapidamente: a gennaio 1999 superano il traguardo dei 1.000, sono oltre nel settembre dello stesso anno, a fine 2001, a fine 2003 (+7% rispetto al 2002) e a fine 2005.

5 L Informatore della Il gradito intervento del Prof. Di Toro Originalità delle Banche di Credito Cooperativo oggi Nell era della globalizzazione, da molti anni ci sono ristoranti in Giappone dove si mangiano spaghetti all italiana ed altri in Italia dove si consuma pesce crudo alla giapponese. Ormai si viaggia all estero come turisti per ritrovarsi a comprare abbigliamento «made in Italy» a Praga o cristalli di Boemia a New York. Tutto si omologa e ogni cosa si trova ovunque: allo stesso modo, senza più «sapori» legati ad una terra specifica, senza più prodotti di un artigianato che possa definirsi «locale». I cinesi non esportano abiti su misura, né i nord-africani propongono cd originali. Un mondo in cui finisce la personalizzazione e la differenziazione. Tutto si appiattisce: un omogeneizzato senza attenzione alle esigenze ed ai gusti personali. Ogni cosa è standardizzata, dai format televisivi ai rating per il credito aziendale. C è altro da aggiungere per raffigurare l inestimabile valore aggiunto che solo una banca veramente locale può dare? Comprensione dei bisogni del singolo cliente, conoscenza dell impegno e della dedizione di ogni imprenditore, sensibilità per i cicli alterni della specifica azienda. Non una valutazione al computer uguale per tutti, nessun prodotto standard inadeguato alle specificità del singolo; niente «servizi di massa» freddi ed omogenei. Dove nelle grandi banche è il cliente che deve adeguarsi a quello che gli viene offerto, qui è la banca che può adattarsi - nei limiti di una sana e prudente gestione - ai «momenti finanziari» del proprio interlocutore. Perché per guardare negli occhi «i più piccoli» ci vuole una banca «alla propria altezza»; per stare vicino alle famiglie occorre una banca che ci sia «familiare»; per chi cerca cooperazione ecco un credito cooperativo. È un rapporto «uno ad uno», «insieme» ed «al fianco»: ed il socio è la pietra fondante di un solido Prof. Pierre Di Toro a sinistra con il Presidente Domenico Didoni e il Direttore Generale Giovanni Battista Giulianelli durante l intervento all inaugurazione della Filiale di Vetralla centro della B.C.C. di Barbarano Romano sistema di protezione delle differenziazioni del territorio, delle potenzialità dell artigianato locale, dell esistenza di un commercio del prodotto tipico. La banca locale nasce dai soci, si nutre del loro impegno, cresce con essi, per poi passare ad accudirli, a seguirli nella loro maturità professionale ed imprenditoriale, fino a curarli nei loro momenti di eventuale declino. Un percorso figlio-genitore, che diviene - come per ogni generazione familiare - un rapporto tra adulto ed adulto; che genera nuove generazioni di iniziative economiche e che assiste i passaggi generazionali da fondatore d impresa a figlio imprenditore. La banca di credito cooperativo, dunque: un attore prezioso del territorio; una risorsa che preserva «sapori» autentici, antichi, per «palati» che distinguono e «gusti» casalinghi, per «cucine» familiari, per «trattorie» artigianali tipiche, per «focolari» di energie professionali e «casate» di imprenditoria. Un luogo in cui ci sono persone da incontrare, non solo numeri da contare. Prof. Pierre Di Toro Consigliere di filiale della Banca d Italia Ordinario di Economia Aziendale della Facoltà di Economia dell Università della Tuscia BORSE DI STUDIO AI FIGLI DEI SOCI ANNO 2007 Verranno premiati con un assegno personale il giorno dell Assemblea dei Soci DIPLOMA DI MATURITA Corzani Giacinto Barbarano Romano Mantovani Mario Blera Polidori Erika Barbarano Romano Difrancesco Susanna Barbarano Romano Giulianelli Carlo Villa S.G. in Tuscia D Alessio Sara Villa S.G. in Tuscia Di Vano Cristina Blera DIPLOMA DI LAUREA Giuliani Nicoletta Barbarano Romano Deidda Valentina Blera Menicocci Marco Blera Difrancesco Rita Maria Barbarano Romano Pietrini Danila Vejano Anitori Elisa Barbarano Romano Fabbri Francesca Villa S.G. in Tuscia Bacocco Francesco Villa S. G. in Tuscia Leotta Giuliano Blera 5

6 L Informatore della LA CARTA DEI VALORI DELLE B.C.C. Centralità della persona e ricerca delle soluzioni ai problemi economici individuali anche per quelle richieste la cui entità economica è modesta e non redditizia per la banca. In questo modo le BCC contribuiscono alla valorizzazione del capitale umano permettendo la crescita delle iniziative valide Il bene comune è il presupposto per lo sviluppo della comunità locale sulla base di un sistema democratico e di partecipazione di tutta la popolazione. In questo senso un ruolo di grande rilievo è ricoperto dalla figura del socio espressione diretta della realtà sociale nella quale opera la BCC La Carta dei valori del Credito Cooperativo riporta, in undici articoli, i principi fondamentali della B.C.C. Rappresenta quindi la via maestra da seguire per mantenere intatto lo spirito originario che le qualifica Banche diverse dalle altre Banche. Proviamo ad approfondire i primi due articoli alla ricerca degli elementi che sono all origine della diversità: ARTICOLO 1 PRIMATO E CENTRALITÀ DELLA PERSONA Il Credito Cooperativo ispira la propria attività all attenzione e alla promozione della persona. Il Credito Cooperativo investe sul capitale umano - costituito dai soci, dai clienti e dai collaboratori - per valorizzarlo stabilmente. ARTICOLO 2 L IMPEGNO L impegno del Credito Cooperativo si concentra, in particolare, nel soddisfare i bisogni finanziari dei soci e dei clienti, ricercando il miglioramento continuo della qualità e della convenienza dei prodotti e dei servizi offerti. Obbiettivo del Credito Cooperativo è produrre utilità e vantaggi, è creare valore economico, sociale e culturale a beneficio dei soci e della comunità locale a fabbricare fiducia. Lo stile di servizio, la buona conoscenza del territorio, l eccellenza nella relazione con i soci e cliente, l approccio solidale, la cura della professionalità costituiscono lo stimolo costante per chi amministra le aziende del Credito Cooperativo e per chi vi presta la propria attività professionale. Scopo della B.C.C. è la promozione della persona. Individuano nella centralità della persona, nella sua crescita sociale ed economica, lo scopo principale della loro funzione nella società. Se l obiettivo è la persona allora, la B.C.C., non può operare soltanto a favore delle attività lucrative, fortemente convenienti. Deve intervenire in tutte quelle situazioni economiche che seppure di piccola entità possono contribuire a consolidare, ad esempio, di un piccolo artigiano oppure permettere ad una famiglia di sottoscrivere un mutuo per l acquisto di una casa. Si dirà, ma tutte le banche operano in questo modo. Non è vero, perchè le altre banche hanno come fine il guadagno (lucro), e il loro agire è dettato esclusivamente da questo principio e non dalla promozione della persona. Le B.C.C., al contrario, non pongono al primo punto del loro agire il lucro, bensì la promozione della persona, tanto è vero che i soci della B.C.C. non percepiscono utili dall attività della Banca. Quest ultima investe una parte dei guadagni proprio nella promozione sociale, culturale, sportiva, ecc., al fine della crescita della comunità nella quale operano. Sotto questo aspetto la B.C.C. è una banca in cui si esalta l agire insieme, ruolo dei soci, che mira al raggiungimento del bene comune. Si richiamano gli scritti e gli interventi di Papa Giovanni Paolo II che nelle sue ricerche sulla centralità della persona umana definisce il concetto di partecipazione come... il legame esistenziale con il prossimo in cui ogni persona compie il suo agire con gli altri e mira al bene comune.... Dall analisi del primo articolo della Carta dei Valori delle Banche di Credito Cooperativo emerge la radice culturale di ispirazione cristiana su cui si fonda la civiltà europea. L articolo concentra la sua attenzione sulla specifica attività in cui la B.C.C. deve operare, secondo il principio della promozione umana riportato nell art.1. Soddisfare i bisogni finanziari dei soci e dei clienti con i prodotti qualitativamente migliori e più convenienti significa non mirare ad ottenere il massimo guadagno ma permettere a tutti coloro che si rivolgono alla B.C.C. di poter soddisfare i propri bisogni ai costi più vantaggiosi, significa permettere alla persona di ottenere quella prestazione con la migliore offerta. In questo senso entra in scena la scelta del mercato di libera concorrenza in cui la competizione determina una migliore qualità della proposta al minor costo. Da questo punto di vista quindi il ruolo della B.C.C. nel libero mercato è anche quello di evitare che tutte le banche che hanno come fine prioritario il guadagno, non possano alzare i costi per la clientela secondo la loro massima convenienza. Quindi la B.C.C. produce utilità e vantaggi ai soci e clienti e all intero corpo sociale ponendosi come freno all aumento indiscriminato dei costi del denaro. Tutto questo determina inoltre un legame molto stretto con il territorio di competenza che si esprime attraverso un più profondo rapporto fra il personale dipendente della B.C.C., i soci e i clienti. In questo modo il personale dipendente, sollecitato anche dagli organi amministrativi della B.C.C., espressione democratica dei soci, raffina la sua sensibilità nel rapporto di lavoro migliorando così il servizio a favore dei soci e della clientela. La conseguenza logica di queste attenzioni verso la clientela, è quella di contribuire a ricercare per ogni socio e cliente la formula giusta e personalizzata per la soluzione di ogni singolo problema. 6

7 L Informatore della Quarant anni di impegno per la Comunità locale Molti amici mi hanno chiesto di scrivere qualcosa della costituzione della Cassa Rurale di Barbarano, ricordare, dopo quarantaquattro anni, quel pomeriggio non è difficile, dire del numero di sottoscrittori, del luogo, delle difficoltà di raggiungere il capitale minimo di 900,000 lire, ne parlerò in futuro. Oggi solo loro, i fondatori hanno un posto di assoluto rispetto e gratitudine nella mia memoria. Ricordarli è il rifiuto di lasciar cadere nell oblio persone che hanno rischiato il loro patrimonio costituendo una società a responsabilità illimitata, per il loro benessere, delle loro famiglie e di tutta la comunità locale. La memoria è resistenza, la memoria è il senso della coralità di tutti gli uomini anche se non più con noi, dar vita a coloro che non ci sono più è per me un atto d amore, questo ricordare ha ben poco a vedere con la nostalgia sentimentale del passato come se fosse stato migliore del presente, un passato spesso difficile ma anche pieno di soddisfazioni. La memoria è la pietra su cui poggia la consapevolezza di se stessi, delle proprie origini, contraddizioni, valori ed affetti, la speranza di un futuro migliore. Oggi questa Banca ha programmi validi, apparecchiature sofisticate, un organico all altezza, un pacchetto servizi alla clientela di primissimo ordine e un ufficio di Presidenza a disposizione per qualsiasi esigenza e necessità. Che ne sarebbe del Nostro territorio se non ci fosse stata la BCC che ha avuto come scopo la crescita economica, morale e culturale della comunità, ci sarebbero ancora famiglie senza la casa di proprietà in cui abitare, iniziative imprenditoriali mai avviate, posti di lavoro mai creati. La BCC è stata sempre presente in tutte le manifestazioni a sostegno di istituzioni, associazioni e Pro-Loco, ha partecipato alla ristrutturazione di opere d arte, campanili, fontane, è stata ed è presente in scuole ed asili. La nostra BCC, ora come allora, intende rilanciare un patto con la propria comunità locale nella convinzione che molto la cooperazione ha ancora da dire e da fare per lo sviluppo del nostro comprensorio, un patto di fiducia, di ottimismo, futuro, speranza e fraternità, un patto su virtù forti e sui valori guida della cooperazione, un patto fondato su una coraggiosa rivisitazione dell ideale mutualistico. Un pensiero affettuoso ed un grazie sentito a tutti i soci che per tanti anni mi hanno accordato la loro fiducia nel difficile compito del controllo legale dei conti, spero di essere stato all altezza delle loro aspettative. Mario Guerrini Presidente del Collegio Sindacale della B.C.C. di Barbarano Romano AVVISO ALLA CLIENTELA Nuova normativa antiriciclaggio di cui al decreto legislativo 21 novembre 2007 n. 231 Si informa la spettabile clientela che, a seguito dell'emanazione della nuova normativa antiriciclaggio di cui al decreto legislativo 21 novembre 2007, n , cambiano alcune disposizioni circa l'utilizzo di denaro contante, titoli al portatore, assegni e libretti al portatore. Di seguito si riportano le principali novità: TRASFERIMENTO DI DENARO CONTANTE O DI LIBRETTI DI DEPOSITO BANCARIO POSTALI AL PORTATORE O DI TITOLI AL PORTATORE A decorrere dal 30 aprile 2008 è vietato il trasferimento di denaro contante o di libretti di deposito bancari o postali al portatore o di titoli al portatore in euro o in valuta estera, effettuato a qualsiasi titolo tra soggetti diversi quando il valore dell'operazione, anche frazionata, è complessivamente pari o superiore a euro. Il trasferimento può tuttavia essere eseguito per il tramite di banche, istituti di moneta elettronica e Poste Italiane S.p.A. ASSEGNI BANCARI, POSTALI E CIRCOLARI Tutti gli assegni bancari, postali e circolari d'importo pari o superiore a euro, emessi a decorrere dal 30 aprile 2008, devono recare l'indicazione del nome o della ragione sociale del benefici ari o e la clausola di non trasferibilità. Sempre a decorrere dal 30 aprile 2008, gli assegni bancari e postali, emessi all'ordine del traente (c.d. assegni a me medesimo) possono essere girati unicamente per l'incasso a una banca o a Poste Italiane S.p.A., e ciò a prescindere dall'importo recato dagli stessi. Infine, dal 30 aprile 2008 le banche, nel rispetto delle nuove disposizioni, rilasceranno gli assegni muniti della clausola di non trasferibilità. Il cliente tuttavia potrà richiedere per iscritto il rilascio, in forma libera, di assegni circolari e di moduli di assegni bancari, da utilizzarsi, in detta forma libera, esclusivamente per importi inferiori a euro (vale a dire fino a 4.999,99 euro), eccettuate le ipotesi in cui le beneficiarie dei titoli siano Banche o Poste Italiane S.pA. In tal caso il richiedente dovrà corrispondere, a titolo di imposta di bollo, la somma di 1,50 euro per ciascun modulo di assegno o vaglia richiesto e in caso di girata dovrà essere apposto, a pena di nullità, il codice fiscale del girante indipendentemente dall'importo del titolo. LIBRETTI AL PORTATORE A decorrere dal 30 aprile 2008, il saldo dei libretti di deposito bancari o postali al portatore deve essere inferiore a euro. In caso di trasferimento di libretti al portatore, indipendentemente dal saldo, il cedente è tenuto a comunicare, entro 30 giorni, alla banca emittente, i dati identificativi del cessionario e la data del trasferimento. I libretti di deposito bancari o postali al portatore con saldo pari o superiore a euro, esistenti alla data di entrata in vigore della nuova normativa, devono essere estinti dal portatore owero il loro saldo deve essere ridotto a una somma inferiore al predetto importo entro il 30 giugno Si invita pertanto la clientela a voler prendere buona nota dell'entrata in vigore di tali disposizioni normative al fine di evitare, in caso di violazione delle stesse, la conseguente applicazione delta relativa sanzione amministrativa pecuniaria. Ogni ulteriore informazione potrà essere richiesta al nostro personale dipendente. 7

8 le nuove obbligazioni la soluzione giusta per i tuoi risparmi Le obbligazioni della Bcc di Barbarano Romano sono garantite dal Fondo di garanzia PRESTITO GARANTITO DAL FONDO DI GARANZIA DEGLI OBBLIGAZIONISTI DEL CREDITO COOPERATIVO CARTABCC CLASSIc è l evoluzione della nostra Carta di Credito Cooperativo Base, mantiene inalterate le caratteristiche della carta precedente con in più la maggiore sicurezza fornita dalla tecnologia a Microchip. Il colore blu è la sua caratteristica identificativa. Una grande libertà di scelta. Potete scegliere se pagare gli acquisti in modo tradizionale, cioè a saldo, o rateale. La scelta può essere fatta sia al momento del contratto che successivamente, senza cambiare la vostra CartaBCC Classic. Chiedetelo semplicemente alla vostra banca. Una garanzia di riservatezza La modalità di pagamento scelta (a saldo o rateale) non è individuabile, nè dall esercente nè attraverso il codice numerico della carta. Un ampia spendibilità con punti di accettazione in Italia e oltre 20 milioni nel mondo, potete usarla in tutti gli esercizi commerciali che espongono i marchi VISA e MasterCard, ai caselli autostradali, nei distributori di benzina o anche solo per ottenere denaro contante. Disporrete così di un mezzo di pagamento di giorno e di notte, in Italia e all estero. Una modalità di pagamento su misura Emessa con modalità di pagamento rateale, consente di scegliere tra varie tipologie di rimborso: una rata mensile pari a 1/18 del saldo residuo, con un minimo di Euro 100,00, oppure scegliendo tra 3 livelli di rata fissa. Il tasso di interesse è decrescente in funzione dell utilizzo. Un limite di spesa ideale La carta prevede vari livelli di plafond di spesa, ideali per rispondere sempre alle vostre esigenze. Potete definire il vostro plafond direttamente con la vostra Banca di Credito Cooperativo. Un ampia serie di servizi accessori. Particolarmente interessanti sono i servizi accessori ed i pacchetti assicurativi di base collegati alla CartaBcc Classic. CartaBCC Classic Uno strumento di pagamento per far fronte a ogni tipo di spesa senza usare denaro contante. Pratico e sicuro sia per la spesa sotto casa sia quando si fa un viaggio all estremo capo del mondo. Creata per i clienti delle Banche di credito Cooperativo, è un offerta veramente esclusiva. Chiedetela alla vostra banca. BARBARANO ROMANO Viale IV Novembre, 5 Tel VILLA SAN GIOVANNI IN TUSCIA Piazza Savoia, 4 Tel BLERA Piazza Giovanni XXIII, 2 Tel CURA DI VETRALLA Via Cassia Tel VEJANO Piazza XX Settembre, 1/2 Tel VETRALLA Piazza G. Marconi Tel messaggio pubblicitario. prospetto informativo semplificato.il modello completo è disponibile presso le nostre filiali

AVVISO ALLA CLIENTELA

AVVISO ALLA CLIENTELA AVVISO ALLA CLIENTELA Si informa la spettabile clientela che, a seguito dell emanazione del Decreto Legge del 6 dicembre 2011, n. 201 (cd. decreto Monti ) cambiano alcune disposizioni circa l utilizzo

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio N. 165 del 6 Novembre 2013 News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi POS obbligatorio per esercenti di attività di vendita di prodotti e servizi, anche professionali (Articolo 15 commi

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma PRODOTTO BASE UTENTE INFORMAZIONI SULL EMITTENTE ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo Sede legale e amministrativa Numero telefonico: 800.991.341 Numero fax: 06.87.41.74.25 E-mail

Dettagli

FISCALI. con il cd. decreto «salva Italia» (D.L. 6

FISCALI. con il cd. decreto «salva Italia» (D.L. 6 Guida ai NOVITÀ CIRCOLAZIONE del CONTANTE: LIMITAZIONI NAZIONALI e COMUNITARIE Analisi della circolazione del contante alla luce degli interventi chiarificatori offerti dal Mef, dall Agenzia delle Entrate,

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Il conto corrente in parole semplici

Il conto corrente in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il conto corrente in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il conto corrente dalla A alla Z conto corrente Il conto corrente bancario

Dettagli

Internet Banking Aggiornato al 13.01.2015

Internet Banking Aggiornato al 13.01.2015 Foglio informativo INTERNET BANKING INFORMAZIONI SULLA BANCA Credito Cooperativo Mediocrati Società Cooperativa per Azioni Sede legale ed amministrativa: Via Alfieri 87036 Rende (CS) Tel. 0984.841811 Fax

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO CONVENZIONE POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO FOR INSURANCE BROKER SRL, Società di Brokeraggio con sede principale a Castelfranco V.to, Ha stipulato con i

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking.

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per aziende ed enti. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

Deutsche Bank Easy. db contocarta. Guida all uso.

Deutsche Bank Easy. db contocarta. Guida all uso. Deutsche Bank Easy. Guida all uso. . Le caratteristiche. è il prodotto di Deutsche Bank che si adatta al tuo stile di vita: ti permette di accedere con facilità all operatività tipica di un conto, con

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI Mod. 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI La preghiamo di leggere con attenzione il

Dettagli

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12 Data ultima revisione del presente documento: domenica 8 maggio 2011 Indice Sommario Descrizione prodotto.... 3 Licenza e assunzione di responsabilità utente finale:... 4 Prerequisiti:... 5 Sistema Operativo:...

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

SERVIZIO DI OPERATIVITÀ TRAMITE FILIALI DI ALTRE BANCHE DEL GRUPPO UNIONE DI BANCHE ITALIANE

SERVIZIO DI OPERATIVITÀ TRAMITE FILIALI DI ALTRE BANCHE DEL GRUPPO UNIONE DI BANCHE ITALIANE DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE CONDIZIONI CONTRATTUALI DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI - (Titolo VI Testo Unico Bancario - D. Lgs. 385/1993) FOGLIO INFORMATIVO Il presente Foglio

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD: MANUALE/FAQ

CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD: MANUALE/FAQ CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD: MANUALE/FAQ A) ASPETTI GENERALI SU CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD na Carta di Credito TOP senza uguali sul mercato. Per gli Associati che non vorranno o non potranno avere

Dettagli

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI INFO BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI Le informazioni contenute in questo documento non vanno in alcun modo a sostituire i contenuti dei bandi e

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO TRA

CONVENZIONE QUADRO TRA PROVINCIA DI PESARO E URBINO CONVENZIONE QUADRO Espletamento dei servizi finanziari connessi all emissione di prestiti obbligazionari ed altri servizi finanziari accessori e servizio di advisory per la

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART.

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. 1 E costituita, nello spirito della Costituzione della Repubblica

Dettagli

ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) Articolo 2 (Sede Legale) Articolo 3 (Finalità e attività) costruzione di un centro

ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) Articolo 2 (Sede Legale) Articolo 3 (Finalità e attività) costruzione di un centro 1 ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) È istituita per opera dei coniugi GASPARINI LUCIANO e PRAVATO CANDIDA, l Associazione UNA NUOVA SPERANZA O.N.L.U.S. con sede in Mirano (VE) Scaltenigo Via

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI VINCI LA SPESA PER 20 ANNI

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI VINCI LA SPESA PER 20 ANNI REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI VINCI LA SPESA PER 20 ANNI 1. Soggetto promotore Lidl Italia srl, con sede legale e amministrativa in via Augusto Ruffo, 36, Arcole (VR).

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... Come accade per tutte quelle aziende che servono in ogni momento

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

STATUTO DELLA S.I.A.

STATUTO DELLA S.I.A. STATUTO DELLA S.I.A. Art. 1 È costituita a tempo indeterminato una Associazione sotto la denominazione Società Italiana di Agopuntura S.I.A. Art. 2 La Società Italiana di Agopuntura ha lo scopo di dare

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015

17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015 17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015 Il Campionato di Borsa con Denaro Reale, organizzato in collaborazione con Directa Sim, Binck Bank, Finanza on Line Brown

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Il presente modulo, sottoscritto e corredato della documentazione necessaria, può essere: consegnato in un qualunque Ufficio Postale

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli