Ipsos Retail Solutions

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ipsos Retail Solutions"

Transcript

1 Ipsos Retail Solutions Ipsos Italy 04/02/2015 n. 1, Febbraio 2015 Editoriale di Carlo Oldrini Il primo numero del 2015 della nostra newsletter coincide con un nuovo formato, un po più moderno nello stile, ma anche ripensato nei contenuti. Da quest anno, infatti, oltre ad un nostro punto di vista sugli avvenimenti più rilevanti dell attualità economica, troveranno spazio anche interventi di professionisti che sono in contatto con Ipsos e che arricchiranno il nostro periodico, pur mantenendo la focalizzazione su tutti gli aspetti che riguardano il mondo dei retailer nel nostro Paese. Nuova veste per Ipsos Retail Solutions Newsletter Troviamo quindi oggi un intervento di Andrea Alemanno e Fabio Era (Ipsos Public Affairs) su uno dei trend di consumo più sorprendenti che stiamo studiando; Filippo Genzini ci illustra poi la posizione di alcuni grandi gruppi in tema di Responsabilità Sociale, sempre più elemento fondante dell immagine di Marca; a conclusione Nikos Kotoulas ci illustra i risultati di una indagine appena condotta sui motivi di infedeltà alle insegne della GDO da parte dei consumatori Italiani. Buona lettura! In questo numero Punto di vista pag. 1 La sharing economy e gli italiani pag. 2 Responsabilità sociale pag. 4 Da cosa nasce l infedeltà dei clienti nella GDO? pag. 9 Punto di vista Il calo del prezzo del petrolio ha determinato una riduzione percepibile del prezzo dei carburanti alla pompa e i consumatori se ne sono accorti. Il 15% del prezzo finale di un prodotto di largo consumo fresco è costituito dal trasporto, ci si potrebbe quindi aspettare un calo dei prezzi di alcuni prodotti. Non credo che succederà, alcuni ci diranno che la filiera doveva rientrare dei margini persi nei lunghi mesi della crisi, altri diranno che il calo dei prezzi è pericoloso e costituisce un segnale di deflazione. Non c è nulla di male se le imprese fanno ogni tanto dei margini imprevisti. Ma visto che per i consumatori non ci sarà da sorridere speriamo solo che le risorse impreviste vengano impiegate per migliorare l efficienza delle filiere. 1

2 La sharing economy e gli italiani: un nuovo modo di consumare e di acquistare A cura di Andrea Alemanno e Fabio Era L economia della condivisione sta incidendo sulle modalità di consumo degli italiani, non solo sui consumi stessi. Si basa su tre fondamenti: risparmio economico, valore morale e innovazione sociale. Le potenzialità di crescita sono elevate ma per favorirne la diffusione è necessario sia far evolvere l approccio, sia i canali e le piattaforme distributive, non solo web based. La crisi economica che sta interessando il nostro Paese ha spinto la maggior parte degli italiani a modificare le proprie abitudini di consumo: tra quelli che hanno modificato le spese, 2 rispondenti su 3 le hanno ridimensionate. Ma oltre al ridimensionamento dei consumi si sono affermate nuove modalità di consumo, e nuovi canali di consumo, che guadagnano consenso ed uso giorno dopo giorno: ride sharing, car sharing, condivisione della casa, bike sharing, gas. Anche tra chi non le ha mai provate, solo una minoranza le considera destinate a restare fenomeni di nicchia: il 57% degli intervistati prevede infatti una forte diffusione del ride sharing, il 47% ritiene che l house sharing crescerà nel prossimo futuro, mentre i settori che sembrano avere maggiori potenzialità, almeno nella testa degli italiani, sono il coworking e il car sharing, citati rispettivamente dal 61% e dal 53% degli intervistati. Senza dimenticare i gas, sia auto-organizzati dai consumatori stessi, sia dai produttori o da alcuni intermediari che tendono a professionalizzare sempre più il servizio. L Italia sembra essere la culla perfetta per lo sviluppo della sharing economy come testimoniano i risultati delle ricerche di Ipsos, commissionate da Airbnb, BlaBlaCar e Enjoy, che hanno fotografato il fenomeno della economia della condivisione nel nostro paese. Infatti la condivisione, con i suoi risvolti relazionali e sociali, è estremamente connaturata allo spirito italiano, ed unita alla necessità di risparmiare sembra in grado di vincere molte resistenze, per lo più legate alla diffidenza ed all avversione al rischio. Il 75% degli intervistati ha sentito parlare di sharing economy e, tra coloro che conoscono questo fenomeno, il 67% lo identifica soprattutto con i beni e servizi (ride sharing, condivisione della propria casa, bike sharing, ecc.), mentre solo il 21% lo associa più che altro ad un tema di vantaggio economico, segno che questo non è prioritario nell immaginario collettivo. L immagine della sharing economy è positiva presso gli italiani: un 11% si dichiara già utilizzatore, il 31% è interessato a utilizzarla e solo il 27% è invece chiuso e negativo verso il fenomeno, mentre il restante 31% sta alla finestra : non è né entusiasta ma nemmeno così critico. 2

3 Le motivazioni fondamentali che spingono all adesione alla sharing economy cambiano a seconda dei profili degli utenti: il bisogno parla agli utilizzatori anonimi, ossia i più marginali e ai pragmatici, i risparmiatori per natura che ricercano soprattutto una nuova stabilità economica; la sfida anima gli avventurieri, chi ha voglia di provarsi in situazioni nuove, e ama anche un po il rischio ed i sociali, che cercano la condivisione soprattutto per fare nuove esperienze relazionali tutti costoro mirano a una crescita a livello sociale ed esperienziale; gli ideali parlano invece agli educatori, ossia coloro che vogliono migliorare il mondo ma non da soli e ai valoriali, che contrappongono il consumo responsabile allo spreco che aspirano a un percorso che implichi responsabilità sociale e sostenibilità ambientale. I profili si collocano in una linea evolutiva di crescita personale passando dal focus individuale a quello interpersonale e infine a quello collettivo. Ma a parte i motivi che animano coloro che si sperimentano nella sharing economy, quali sono i pilastri che la sostengono? Secondo il 38% degli intervistati, convenienza e risparmio sono due elementi chiave che descrivono e connotano la sharing economy, il 26% la associa soprattutto alla sostenibilità ambientale mentre per il 22% rappresenta un innovazione sociale. Se da un lato la crisi e la necessità di far quadrare il bilancio familiare hanno certamente agevolato le pratiche di sharing, dall altro la leva economica, pur preminente, non è la sola alla base della diffusione del fenomeno. La novità e l innovazione, la socialità ma anche la sostenibilità ambientale e l etica implicite nella condivisione di beni e servizi, sono le determinanti emergenti, che possono sostenere la sharing economy una volta superata la crisi. L economia della condivisione appare quindi una delle risposte più efficaci all attuale crisi economica ma, per diffondersi in modo più ampio, richiede due elementi fondamentali. Da una parte sono necessarie efficienti piattaforme di sharing, che uniscano efficienza e rassicurazione dell utente. Dall altra è fondamentale una sempre maggiore focalizzazione sul valore sociale ed etico generato dalla condivisione stessa, piuttosto che sulla mera quantità, altrimenti rischia di avere gambe deboli ed il fiato corto una volta che l economia tornasse ad avere una dinamica più tranquilla. E proprio il caso di dire che bisogna riuscire a fare della necessità una virtù! (*)Nota. Ricerca La Sharing Economy Ipsos La ricerca ha cercato di descrivere la situazione del nostro Paese attraverso un indagine quantitativa su un campione rappresentativo della popolazione italiana dai anni, composto da 1000 individui e un indagine qualitativa effettuata su 2 focus group composti da 8 partecipanti ciascuno con età compresa tra i 20 e i 55 anni, 50% uomini e 50% donne, tutti utilizzatori abituali di internet. 3

4 Responsabilità sociale A cura di Filippo Genzini La fase storica, sociale ed economica in cui ci troviamo evidenzia un crescente atteggiamento critico da parte del pubblico nei confronti delle aziende (per non parlare delle istituzioni!). Tendenza che riguarda sia il mondo dei prodotti di marca che il retail. Tuttavia per le insegne distributive, ma anche per le catene della ristorazione veloce, la possibilità di creare una relazione di lungo periodo con i propri clienti è condizionata in misura considerevole dall immagine, dal posizionamento e dal rapporto di sintonia d intenti costruiti nel tempo. Che dipendono quindi oggi molto più che in passato dal modo in cui l azienda interagisce con l ambiente, il contesto sociale in cui opera e i valori etici che promuove. Di qui una grande attenzione da parte dei principali player del settore rivolta a iniziative nell ambito della responsabilità sociale. Vediamo nel dettaglio qualche filone di attività coerente con l orientamento del pubblico. 1) Rifiuto degli sprechi e rivalutazione del riciclo. H&M raccoglie e ripropone abiti usati, proprio come ha fatto Ikea in Norvegia dove, nel corso di una campagna promozionale, ha consentito ai clienti di vendere il mobilio usato, 4 promozionato per alcuni giorni anche attraverso la sua pagina Facebook, trasformata per l occasione in un mercatino delle pulci. Se il mercato della moda americana vale 520 miliardi di dollari, il 50% è di articoli femminili, il 30% dei quali non sono mai stati indossati. Un altro terzo è stato usato poche volte. Un ampio inventario di capi di abbigliamento che potrebbero entrare nel mercato in pieno sviluppo del re-commerce. Nel mondo brick & mortar il fenomeno è consolidato. Famoso Children s Orchard, un franchising di riciclo di articoli in buone condizioni per l infanzia, nato negli anni 80 e sviluppatosi poi con Style Trader nel mercato degli adolescenti e degli adulti. Poshmark, invece, è un portale basato su una piattaforma che sfrutta la capacità degli smartphone di fare e trasmettere foto, per popolare gli scaffali di un sito che propone anch esso abbigliamento di seconda mano. Oggi sono almeno 60 gli e-retailer in questo segmento. Tanto nel mondo offline che in quello online gli articoli possono essere venduti, regalati al negozio, oppure dati in conto vendita. Alcuni operatori trattano solo articoli di lusso, altri quelli che hanno superato una selezione, altri ancora qualsiasi offerta postata dall utente, relativa a capi mai usati o

5 usati poco. Il successo del re-commerce dipende dalla possibilità di recuperare denaro per finanziare altri acquisti così come dal desiderio che qualcun altro utilizzi capi di cui si desidera liberarsi ma ai quali in qualche modo si è affezionati. E quindi diffusa la pratica di raccontare la storia personale legata a ciascun capo. Accanto all utenza privata sono presenti nei siti anche professionisti della ricerca, selezione e acquisto di occasioni in giro per il mondo. Così, se da Poshmark in media un utente propone in vendita 19 articoli, c è chi ne ha anche E spesso il venditore crea delle relazioni durature con il proprio pubblico, diventando una sorta di guru in grado di influenzarne le scelte. Se il fenomeno è recente, esiste già una segmentazione piuttosto accentuata. I siti posizionati sul lusso sono Vaunte, The Real Real, Portero, Shop Hers, Covetique, Designer Social. Quelli orientati al vintage Refashioner, Wiseling, Byronesque, Nifty Thrifty. La formula della merce in deposito si trova da S.I.N.N., Closet Rich, Fashionably Yours e Twice. Il baratto si esercita da Bib + Tuck, 99 Dresses, Closet Dash, Charity Focused, I-Ell e WebThriftstore. Infine, gli specializzati: Bootleg Market per le scarpe, Bag Borrow e Steal per le borsette, Nearly Newlywed e Hustle Your Bustle per abiti da cerimonia, Swap e thredup per i bambini, capi in regalo da Copious. 2) Attenzione alle condizioni di lavoro nonché allo sfruttamento delle risorse e dell ambiente. Dopo i luttuosi incidenti sul lavoro accaduti in Estremo Oriente, sono stati molti i distributori che hanno adottato criteri più restrittivi nella selezione dei fornitori. A partire da Walmart che ha annunciato una politica di tolleranza zero nei confronti delle deviazioni dai suoi standard globali di produzione, aggiungendo 5 vincoli severi in materia di subappalto. I fornitori devono altresì assicurare che un proprio dipendente lavori presso ciascun subappaltatore, per controllare il rispetto delle norme di sicurezza. Tutti gli stabilimenti produttivi appartenenti ai fornitori del colosso americano, poi, vengono sottoposti a nuovi controlli relativi all adeguatezza degli impianti elettrici e delle norme di sicurezza. Food Lion ha implementato una politica di sostenibilità per la categoria del pesce, che comprende referenze tra quelle fresche, surgelate o in scatola. Obiettivo la protezione delle specie e la garanzia di un allevamento responsabile. Per festeggiare la partenza del progetto sono stati donati confezioni di prodotto a banche alimentari in tutti gli Stati Uniti. Tra gli standard rispettati la piena tracciabilità del prodotto assicurata dai fornitori, la scelta di quelli che se praticano la pesca in mare aperto si sono attrezzati con reparti scientifici in grado di bilanciare i volumi pescati con la conservazione della popolazione marina necessaria per garantire il fabbisogno futuro, la certificazione che i vivai non danneggino le comunità in cui sono inseriti, i lavoratori, l ambiente e la salute. La garanzia sulla gestione responsabile dei fornitori è affidata al Gulf of Maine Research Institute. McDonald s si sta ponendo nuovi ambiziosi obiettivi per tutto ciò che riguarda la filiera degli ingredienti utilizzati, la salubrità dei piatti offerti e il modo migliore per dialogare con un pubblico sempre più attento agli aspetti sociali

6 e ambientali. La strategia da qui al 2020 si fonda su cinque aree che vanno dal cibo, alle fonti di approvvigionamento, il pianeta, la gente e la comunità. Obiettivi ambiziosi che possono lasciare il segno, considerando i ristoranti gestiti, il numero di fornitori coinvolti e l impatto sull ambiente. Nei quali peraltro si sono già cimentati alcuni concorrenti, come per esempio Chipotle Mexican Grill il cui claim è food with integrity. I risultati che McDonald s desidera raggiungere sono la certificazione da parte di un gruppo ambientalista che tutto il packaging in fibra è riciclato, alzare dal 36 al 50% la percentuale di riciclo nei ristoranti, raddoppiare la quantità venduta di frutta, verdura, latticini a basso contenuto di grassi e farina integrale, ridurre la percentuale di sodio, zucchero, grassi saturi e calorie in tutti i menù, acquistare olio di palma e caffè solo da fornitori certificati per la coltivazione sostenibile. McDonald's è membro del Conservation International Business and Sustainability Council dalla sua costituzione nel 2003 e tra i fondatori del Global Roundtable for Sustainable Beef. A inizio anno la società ha annunciato di voler sviluppare criteri globali per supportare l allevamento sostenibile della carne bovina e di volere cominciare ad acquistarla a partire dal Un buon principio visto che la catena è già responsabile di quasi il 2% degli acquisti su scala mondiale di questa importante materia prima. L impegno di McDonald s non è ovviamente solo quello di ottenere il consenso presso i propri fornitori, quanto piuttosto di far comprare il proprio disegno di riposizionamento strategico ai dipendenti e ai franchisee. Un passo indispensabile per riverberare lo sforzo realizzato sulla clientela. 3) Desiderio di privilegiare il territorio e l economia locale. Sempre Walmart è impegnata in corsi di formazione per dipendenti che lavorano nel reparto ortofrutta. Perché siano sempre più in grado di garantire la qualità a livello locale e lavorare gomito a gomito con i fornitori, visto che entro il 2015 l insegna vuole raddoppiare la quantità di frutta e verdura vendute prodotta in loco. Per favorire gli agricoltori locali e la tendenza a privilegiare prodotti a chilometro 0. Zady si contrappone invece al concetto di fast fashion usa e getta proponendo uno stile senza tempo e prodotti sostenibili prodotti a mano da artigiani e con risorse locali. Il sito, dove compaiono tutti i capi proposti, dispone di una mappa interattiva che mostra in modo trasparente da dove provengono le materie prime, la localizzazione degli stabilimenti e i negozi dove si possono acquistare i prodotti, ovvero abbigliamento e articoli per la casa. Di ciascun viene raccontata anche la storia che ha portato alla sua realizzazione. Coerentemente con i propri principi Whole Foods ha cominciato a estendere la sua presenza in alcuni dei quartieri più difficili da servire degli Stati Uniti, all interno di una strategia di crescita che la porterà ad aprire oltre punti di vendita cittadini di prossimità, in mercati che non avrebbe mai preso in considerazione solo 10 anni fa. Come Brooklyn, Boise, il centro di Detroit o Englewood, sobborgo problematico di Chicago dove si propone di diventare accessibile alla massa del pubblico che ancora non conosce la sua offerta, aiutandolo ad adottare uno stile alimentare più sano. In queste piazze il management è impegnato a concentrarsi su iniziative mirate alle esigenze della comunità locale, offrendo prodotti selezionati attentamente a prezzi più bassi, la maggior parte appartenenti alla linea di prodotto 365 6

7 Everyday Value, e il fresco prezzato non a peso ma a pezzo. Ma anche accettando i coupon alimentari del servizio regionale di assistenza ai redditi più bassi. Inoltre, in ogni comunità, la catena cerca di svolgere un ruolo attivo. A Englewood, per esempio, la sua Whole Kids Foundation ha donato un assegno di dollari da destinare alla coltivazione di orti nelle scuole pubbliche della cittadina. La società si è poi impegnata a collaborare con il college poco distante dal punto vendita e a offrire 100 posti di lavoro ai residenti. 4) Rispettare la diversità e le minoranze. Sempre Walmart, in concomitanza con la festa della donna, ha lanciato sul proprio sito web una linea di prodotti provenienti da piccole aziende create da imprenditrici, quale ulteriore segnale del suo desiderio di posizionarsi come leader nel sostegno all indipendenza economica dell universo femminile. La sezione del sito, chiamata 'Empowering Women Together ospita dai gioielli alle borse per ipad, dal caffè in grani all abbigliamento. I prodotti provengono al momento da 9 paesi tra i quali la Cambogia, Haiti e gli Stati Uniti. Le referenze poi fanno parte dello Store for Good, perché la loro vendita reca benefici ai produttori, ai clienti e all ambiente. Non a caso in futuro vi saranno inseriti anche prodotti ecologici e cibi salutistici. La sezione dedicata allo Store for Good è segnalata nella pagina principale di Walmart.com e riguarda al momento solo la vendita online. Tra i partner del progetto Full Circle Exchange e Global Goods Partners, organizzazioni no-profit che vendono prodotti realizzati da aziende guidate da donne. La catena di grandi magazzini di lusso Barneys, invece, ha lanciato nel recente passato una campagna chiamata 'Brothers, Sisters, Sons & Daughters il cui soggetto sono brevi video in cui 17 transgender raccontano origini ed esperienze. Una provocazione coerente con il posizionamento dell insegna, interessata all aspetto umano dei propri clienti così come ai cambiamenti sociali. L idea è nata dall osservazione dei progressi compiuti nel corso degli ultimi anni in termine di integrazione da parte di lesbiche, gay e bisex, fenomeno che tuttavia ha in qualche misura lasciato indietro proprio i transgender, quarta componente del segmento LGBT, da tempo sotto la lente d ingrandimento delle aziende americane in quanto numericamente consistente e portatore di un vissuto e di valori molto specifici. Per questa campagna Barneys ha collaborato con il National Center for Transgender Equality e il LGBT Community Center. 5) Trasformare le occasioni di consumo in solidarietà per i bisognosi. Toms, ha replicato il suo modello di business di successo nel mercato delle scarpe e degli occhiali anche in quello del caffè. Se nei casi precedenti regalava paia di scarpe (10 milioni) e visite oculistiche ( persone che hanno riacquistato la vista), ora finanzia pozzi d acqua potabile con la vendita di pacchi di caffè. Ogni pacchetto Toms Roasting Company venduto finanzia una settimana di consumo d acqua per una persona bisognosa. Ogni tazzina di caffè venduta nella rete delle caffetterie e negozi Toms un giorno d acqua. 7

8 Il modello, mutuato da Warby Parker e Baby Teresa, ha avuto applicazioni anche presso grandi aziende come Neiman Marcus e General Mills le vendite della cui marca di snack alla frutta Betty Crocker sono associate all acquisto di computer per i bambini dell Africa. Secondo la Stanford Social Innovation Review questo modello può essere replicato infinite volte, anche se i nuovi venuti non potranno sfruttare più di tanto la cassa di risonanza della novità, mentre il rischio di giocarsi la reputazione aumenta al crescere delle repliche. L efficacia di queste strategie di posizionamento nell ambito della responsabilità sociale avranno tanto più successo quanto più sono coerenti con il business dell azienda, i prodotti venduti ma, soprattutto, la sua cultura intrinseca, che si manifesta anche attraverso le decisioni e i comportamenti di ogni giorno della proprietà, del management e del suo personale. A maggior ragione, perciò, risulta indispensabile monitorare giorno dopo giorno l evoluzione della sensibilità del pubblico e misurare poi nel tempo le modifiche dell immagine percepita a livello globale e nei suoi elementi distintivi. E a quelle aziende che si occupano di ambiente, sociale e territorio ma, non avendo obiettivi di marketing specifici sottesi, trovano più fine non farlo sapere, dico che forse è il caso di ripensare a questa posizione e permettere al pubblico di avere una visione a 360 della personalità dell insegna. Che nel remoto e non auspicabile caso di una situazione di crisis management può aiutare a rendere tutti più comprensivi. 8

9 Da cosa nasce l infedeltà dei clienti nella GDO? A cura di Nikos Kotoulas Da tempo ci diciamo e ridiciamo che non si dovrebbe parlare di fedeltà, concetto semplicistico e fin troppo riduttivo, come d altronde quello di consumatore. Questo, oggi, non ti perdona nulla. E anche quando non ha particolari motivi d insoddisfazione, trova comunque occasione di tradire la propria Insegna di riferimento per la spesa. Si può dire che l occasione, che sia legata a una promozione, alla disponibilità, alla qualità di un prodotto, di una categoria o ad altri motivi ancora, fa lo shopper fedifrago: difatti si parla di fedeltà poligama dei clienti della GDO. Ma esploriamo più in profondità le tentazioni esterne e le ragioni d insoddisfazione che indeboliscono il legame con l Insegna, con conseguenze sulla frequenza di visita e sullo share of wallet per specifiche categorie, oltre che sul percepito d immagine e sulla raccomandazione tramite passaparola. Abbiamo intervistato 250 shopper tra Milano e Roma per raccogliere le loro esperienze e alcune confessioni sono estremamente significative nel farci capire come sia sempre più difficile acquisire un nuovo cliente, ma allo stesso tempo sempre più facile perderne uno. L 85% degli shopper ha, infatti, almeno una ragione di insoddisfazione nei confronti del punto vendita abituale con i giovani (sotto i 35 anni), particolarmente esigenti e critici. E quindi indubbia la necessità di conoscere come siano avvenuti questi cortocircuiti nella relazione con - quasi la totalità della clientela. Un giovane impiegato di Milano, ci dice: Rimango sempre deluso del supermarket di via xxx a Milano. Gli scaffali sono poco forniti di prodotti di marca e quelli in promozione terminano subito. Il personale è scortese e maleducato, soprattutto al reparto salumi e formaggi. Gli ambienti sono sporchi e tocca fare lunghe file alle casse. In poche righe si condensa un esperienza negativa che tocca diversi ambiti: assortimento, personale, ambiente e servizio. Tutti aspetti che vengono confermati a livello più esteso: il 13% degli shopper lamenta il caos del punto vendita, ma anche la scarsa pulizia dei locali, mentre l 8% ha da ridire sul personale e il servizio alla cassa. I giovani, particolarmente insofferenti rispetto alla confusione e all affollamento, si lamentano poi degli orari di apertura che poco incontrano i loro bisogni. C è però anche chi, su questo tema, è soddisfatto Apprezzo molto l orario di chiusura alle e, in più, dopo le c è il 10% di sconto!. Anche piccoli episodi - e soprattutto come questi vengono gestiti dall Insegna - possono colpire i clienti, tanto da rimanere vivi nei ricordi: Sono rimasta delusa dal mio supermercato una volta che ho assistito a una brutta sceneggiata in cui venivano riprese 2 cassiere in malo modo perché, forse, avevano fatto una pausa troppo lunga. E ancora Ho visto un vigilantes che litigava inveendo contro un ragazzo: aldilà del fatto commesso, mi sono sentita meno sicura in quel supermercato per la reazione spropositata del vigilantes!. 9

10 Episodi che possono riguardare gli atteggiamenti del personale, la disponibilità e la preparazione il commesso mi ha detto che era lì da poco perché interinale, quindi di chiedere al punto accoglienza. Oppure la flessibilità: Riguardo un cambio prodotto, siccome la confezione non era integra -secondo i loro criteri- non volevano farmi il buono ritirando il reso. Lo shopper di oggi è estremamente sensibile, direi insofferente, verso qualsiasi inefficienza: il punto vendita è caotico a causa delle operazioni di scarico e carico merci, in quanto i carrelli e gli attrezzi per questa esigenza impediscono il flusso dei clienti e a volte impediscono addirittura la vista dei prodotti. Lo spirito ipercritico permette però di trarre spunti utili anche su questi particolari della vita di tutti i giorni. Piccolezze magari agli occhi dei più, ma evidentemente importanti per il cliente - tanto da parlarcene - e che possono aprire la strada a riflessioni sui processi, su servizi più attenti ai bisogni (evitare il riassortimento in orari di punta?) e sull innovazione (carrelli-merce più stretti, meno ingombranti?). Un terzo delle ragioni di disamoramento verso la propria Insegna dipendono, invece, dai prodotti, sia che si tratti di assortimento (19%), sia di qualità della merce (13%). Sul primo punto la mancanza a scaffale del prodotto desiderato ha impatti negativi sia sul lato pratico (leggere: mi tocca tornare o cercare altrove, quindi perdere tempo), sia sul versante emotivo (un desiderio che sfuma, un aspettativa che cade). Mi è capitato di andare lì e che fossero finiti diversi dei prodotti che stavo cercando per fare la spesa "grossa". Mi sono sentita scocciata perché sarei dovuta tornare e perdere tempo. Sono rimasta delusa in particolare quando cercavo del muesli visto in tv da mesi e loro, pur essendo un grande super, non ne erano provvisti! Lo shopper attento matura aspettative sull assortimento, ancor più se si tratta di offerta online Per quanto riguarda i prodotti di bellezza, invece di ampliare la gamma dei prodotti disponibili per la spesa online, negli ultimi mesi ho visto una diminuzione. Quando si tratta di qualità, arrivano le note dolenti, soprattutto per il fresco e il freschissimo. Carne, pesce poco freschi o, peggio, avariati. Prodotti scaduti, latticini con la muffa. Frutta e verdura che non valgono il loro prezzo. Deficit nell assortimento, pecche nella qualità: tutto ciò comporta che ben oltre la metà degli intervistati ci dichiara di aver tradito, negli ultimi mesi, il proprio punto vendita abituale per motivi legati a specifiche categorie di prodotto. Il 9% per prodotti per la casa, l 8% per la carne e sempre l 8% per i surgelati, mentre frutta/verdura e pesce rappresentano rispettivamente il 4% e il 5%. Infine, è il tema dei prezzi e delle offerte che scalda maggiormente gli animi, sollevando critiche da parte della metà e più degli shopper. Mentre il 17% lamenta prezzi troppo alti o uno sconveniente rapporto qualitàprezzo, sono le offerte e le promozioni che infervorano gli animi. L oggetto della discordia, che riguarda ben il 32% dei clienti, nasce dal confronto con offerte migliori, se non addirittura dalla credibilità delle stesse: A volte le offerte non corrispondono a verità: praticamente viene aumentato il prezzo per fare le offerte!, I prezzi in offerta corrispondono ai prezzi pieni di 6 mesi fa 10

11 Il sistema delle promozioni può presentare zone d ombra che, se non gestite, soprattutto con il buon senso ci viene da dire, possono rivelarsi un arma a doppio taglio: Il mese scorso volevo utilizzare un buono sconto dato da una promoter, ma non mi è stato fatto utilizzare perché il prodotto era in offerta: mi sono sentito molto deluso!. Ho comprato dei prodotti sotto l'etichetta "offerta", arrivata in cassa sono passati a prezzo intero, ho chiesto il rimborso e volevano "accreditarmi" dei punti sulla carta fedeltà al posto del rimborso monetario. Immaginatevi il mio disappunto per l indicazione di un prezzo scontato ma la cui promozione cominciava il giorno seguente! A fronte di queste ragioni d insoddisfazione, abbiamo chiesto agli shopper di razionalizzarle in un elenco che riportasse, in ordine d importanza, le motivazioni che hanno spinto e spingono a cambiare la propria Insegna di riferimento per la spesa La leva principale, per il 44% dei clienti, è sempre quella economica, declinata in promozioni (30%) e prezzi più bassi (13%). Soprattutto gli uomini, sotto i 35 anni, risultano sensibili al prezzo, mentre le promozioni sono rilevanti trasversalmente su tutti i target. Clienti degli Iper e dei discount danno, ovviamente, ancora più importanza al borsellino. Seguono, come driver dell infedeltà, gli aspetti legati al prodotti (18%) e al punto vendita (17%, dove la prossimità con l abitazione/lavoro è determinante). Sul primo aspetto, l assortimento è leva per il cambiamento per l 11%, più ancora rispetto alla qualità (7%). Cosa che però si ribalta per gli shopper più giovani, che attribuiscono maggior importanza a quest ultimo aspetto (13%). Ma cosa si intende per assortimento? Più ampiezza e profondità, più novità, più marche premium, presenza di categorie diverse (abbigliamento, cancelleria, ecc.)? Sicuramente la sicurezza di trovare i prodotti abituali, congiuntamente con una maggior varietà di scelta. Oggi, il consumatore è quindi disilluso, accorto, attrezzato. Come ci dice un impiegata di 53 anni sono in grado, grazie al motorino, di girovagare da un supermercato all altro pur di acquistare buoni prodotti a prezzi inferiori!. Alla luce di queste evidenze e ripensando a quanto si è detto in apertura sulla fedeltà del cliente, viene da pensare che forse lo shopper vive, oggi, il rapporto con l insegna abituale come una convivenza opportunistica. Capire quindi le ragioni - i perché - dietro scelte, i bisogni e le attese degli shopper, ma anche i piccoli episodi di cortocircuito nella relazione con l Insegna, diventa fondamentale ed è quello in cui crediamo in Ipsos Retail Solutions. Limitarsi alla lettura, pur approfondita, dei comportamenti dalla Carte è limitante un po come, perdonate l iperbole, pensare di capire il proprio partner, le sue difficoltà e i suoi desideri, sulla base di cosa vi ha preparato per cena. Ascoltare invece i propri clienti, come d altronde si ascolterebbe il proprio partner, è il vero passo in avanti verso una maggiore considerazione e restituita fiducia, magari fedeltà, da parte degli stessi. 11

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini Vicenza, 5 marzo 2013 Relatore: FABIO VENTURI Consulente di direzione e formatore. Testimonianza:

Dettagli

Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa

Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa Bologna 19 Febbraio 2003 1 Il mercato Internet Il numero totale degli utenti varia a seconda delle fonti ma è stimabile intorno a 9/10 milioni di persone.

Dettagli

TRONY. Profilo dell insegna

TRONY. Profilo dell insegna TRONY Profilo dell insegna Chi è Trony La mission L offerta sul punto vendita E-Commerce e CRM Trony e i fattori di successo Il nuovo modello di vendita L importanza del personale di vendita La comunicazione

Dettagli

TradeLab per NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE

TradeLab per NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE Introduzione Il perché della ricerca La presenza di prodotti non alimentari nelle diverse formule della distribuzione

Dettagli

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Accordi verticali e pratiche concordate SVILUPPO PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Il progetto nasce da una valutazione strategica circa l esigenza di approfondire la tematica

Dettagli

Soluzioni su misura per le flotte aziendali A confronto con André Siegrist della società René Faigle AG

Soluzioni su misura per le flotte aziendali A confronto con André Siegrist della società René Faigle AG Soluzioni su misura per le flotte aziendali A confronto con della società René Faigle AG La René Faigle AG svolge la sua attività con successo da più di ottant anni. L azienda svizzera a conduzione familiare

Dettagli

Brochure per fornitori e partner

Brochure per fornitori e partner La grande catena di negozi per tutta la famiglia Brochure per fornitori e partner SOMMARIO Sommario... 3 Il Gruppo CIA Diffusione Abbigliamento... 4 La Rete dei Punti Vendita... 4 I motivi di un successo...

Dettagli

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte EDIZIONE 16 prima parte SETTEMBRE La voce di Databank 2012 Cerved Group Spa Tutti i diritti riservati Riproduzione vietata ABBIGLIAMENTO INFANTILE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE

Dettagli

FAST QUALITY. Progetto per il Master di I Livello in Fashion Design Management. Miriam Martine Manco @: miriam-martine@live.it

FAST QUALITY. Progetto per il Master di I Livello in Fashion Design Management. Miriam Martine Manco @: miriam-martine@live.it FAST QUALITY Progetto per il Master di I Livello in Fashion Design Management Miriam Martine Manco @: miriam-martine@live.it FAST QUALITY: UNA MODA VELOCE A KM ZERO La Moda si sta direzionando sempre più

Dettagli

Sta cambiando qualcosa?

Sta cambiando qualcosa? Andrea Corti, SymphonyIRI Group Fabrizio Pavone, Qberg 1 Lo scenario La Distribuzione Italiana continua ad investire molto nei volantini promozionali (in-store flyers) che vengono distribuiti nei punti

Dettagli

IL MARKETING DELLA RISTORAZIONE. La promozione di un ristorante

IL MARKETING DELLA RISTORAZIONE. La promozione di un ristorante IL MARKETING DELLA RISTORAZIONE La promozione di un ristorante La promozione interna Si tratta delle strategie di vendita rivolte al cliente che è già «entrato» nel locale: Elaborazione di nuove proposte

Dettagli

articolo http://www.helpconsumatori.it/acquisti/format-confcommercio-il-web-cambia-gli-acquistianche-quelli-tradizionali/85671

articolo http://www.helpconsumatori.it/acquisti/format-confcommercio-il-web-cambia-gli-acquistianche-quelli-tradizionali/85671 Format-Confcommercio: il web cambia gli acquisti, anche quelli tradizionali Il web chiama al cambiamento anche i negozi tradizionali, che dovranno imparare a coinvolgere i clienti creando una esperienza

Dettagli

Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi

Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi 2 Pure Performance La nostra Cultura Alfa Laval è un azienda focalizzata sul cliente e quindi sul prodotto con una forte cultura

Dettagli

Alimentazione naturale

Alimentazione naturale B Alimentazione naturale Secondo i dati dell ISMEA (Osservatorio del mercato dei prodotti biologici), in un anno di crisi come il 2010 i consumi di prodotti ortofrutticoli biologici hanno avuto un andamento

Dettagli

Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità

Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità di Rossella Sobrero presidente di Koinètica Come cambia la comunicazione in tempo di crisi Le imprese socialmente responsabili sanno affrontare

Dettagli

Estensione territoriale: nazionale Numerosità campionaria: 1000

Estensione territoriale: nazionale Numerosità campionaria: 1000 Public Affairs S.r.l. Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO SONDAGGIO IPSOS La spesa alimentare tra sicurezza, qualità e convenienza Risultati Pubblicati sul Messaggero del 24 novembre 2009 e presentati in

Dettagli

Rimettere le scarpe ai sogni

Rimettere le scarpe ai sogni www.pwc.com Rimettere le scarpe ai sogni 25 ottobre 2013 Erika Andreetta Retail & Consumer Goods Consulting Leader PwC Agenda Il contesto economico Gli scenari evolutivi del mondo Consumer & Retail: Global

Dettagli

Alimentazione al Femminile A cura di

Alimentazione al Femminile A cura di Milano, 22 Giugno 2015 Alimentazione al Femminile A cura di SCENARIO E OBIETTIVI DELLA RICERCA PRESSO LE DONNE ITALIANE Questa ricerca ha l obiettivo di indagare a 360 gradi il tema dell alimentazione

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business I risultati della survey Workshop Milano,12 giugno 2012 Il campione 30 SGR aderenti, rappresentative di circa il 75% del patrimonio

Dettagli

Il Mercato del Biologico

Il Mercato del Biologico Il Mercato del Biologico Tendenza del mercato biologico Mercato Bio globale Nel mondo gli acquisti di prodotti bio continuano a crescere con una media del 7-9% e hanno raggiunto un mercato di 19,5 miliardi

Dettagli

Il nostro spreco quotidiano

Il nostro spreco quotidiano Il nostro spreco quotidiano Torino, 23 ottobre 2014 Franca Braga Responsabile Centro studi alimentazione e salute Chi siamo? La prima e più diffusa organizzazione di consumatori italiana ALTROCONSUMO è

Dettagli

Verso una Coop 2.0. Media e comunicazione nelle imprese cooperative: tecnologie comunicative, pratiche e partecipazione.

Verso una Coop 2.0. Media e comunicazione nelle imprese cooperative: tecnologie comunicative, pratiche e partecipazione. Verso una Coop 2.0 Media e comunicazione nelle imprese cooperative: tecnologie comunicative, pratiche e partecipazione Agata Meneghelli Obiettivi ricerca Che potenzialità hanno i nuovi media digitali per

Dettagli

Newsletter Dicembre 2015

Newsletter Dicembre 2015 Retail Solutions Newsletter Dicembre 2015 L Editoriale Dopo un sabato pomeriggio interamente dedicato alla spesa settimanale in un grande supermercato urbano, all acquisto di alcuni accessori fotografici

Dettagli

La Sharing Economy in Italia

La Sharing Economy in Italia La Sharing Economy in Italia Valori % La crisi ha cambiato i comportamenti di consumo degli italiani La crisi economica ha cambiato alcuni dei suoi comportamenti di consumo, il suo stile di vita? Base:

Dettagli

COMPANY PROFILE COMPANY PROFILE

COMPANY PROFILE COMPANY PROFILE COMPANY PROFILE pag. 1 Maiora s.r.l. è il soggetto della distribuzione organizzata del Sud Italia, nato nel 2012 dall accordo tra le società Ipa Sud s.p.a. di Barletta e Cannillo s.r.l. di Corato. La sua

Dettagli

«Lo spreco domestico: un indagine qualitativa per comprendere le cause, la corretta conservazione degli alimenti e la gestione della data di scadenza»

«Lo spreco domestico: un indagine qualitativa per comprendere le cause, la corretta conservazione degli alimenti e la gestione della data di scadenza» Lo spreco come risorsa: strategie e tecnologie per la riduzione delle eccedenze e dello spreco nella filiera alimentare Venezia Mestre, 28 Marzo 2014 «Lo spreco domestico: un indagine qualitativa per comprendere

Dettagli

SCENARI DEL TURISMO. 11-12 2015 www.mastermeeting.it

SCENARI DEL TURISMO. 11-12 2015 www.mastermeeting.it Smartphone e Tablet hanno registrato tassi di crescita in termini di acquisti turistici pari rispettivamente al 70% e al 20%. Credit: Sony Xperia Cresce il turismo in Italia, giunto ormai nel 2015 a un

Dettagli

Un altro anno di crescita per Media Vending

Un altro anno di crescita per Media Vending edia Vending Un altro anno di crescita per edia Vending e i t e n d i v R l I e r c a t o d d e l V e n d i n g edia Vending è una dinamica rivendita che da alcuni anni opera con successo nella Provincia

Dettagli

TURISMO SOCIALE E FAMIGLIE. 3 Workshop preparatorio al Congresso BITES Rimini 31 luglio 2010

TURISMO SOCIALE E FAMIGLIE. 3 Workshop preparatorio al Congresso BITES Rimini 31 luglio 2010 TURISMO SOCIALE E FAMIGLIE 3 Workshop preparatorio al Congresso BITES Rimini 31 luglio 2010 Chi siamo? Nuova Planetario Viaggi spa, è un azienda autonoma, che opera nel settore del turismo, ma è anche

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA

LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA vision guide line 6 LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA QUANDO SI PARLA DI UN MERCATO COMPLESSO COME QUELLO DELL EDILIZIA E SI DEVE SCEGLIERE UN PARTNER CON CUI CONDIVIDERE L ATTIVITÀ SUL MERCATO, È MOLTO

Dettagli

REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA

REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA Principi, obiettivi e istruzioni IL SOSTEGNO A DISTANZA che cos è Con il termine Sostegno a Distanza si vuole convenzionalmente indicare una forma di solidarietà, oggi molto

Dettagli

LE DECISIONI DI DISTRIBUZIONE. (cap. 15)

LE DECISIONI DI DISTRIBUZIONE. (cap. 15) LE DECISIONI DI DISTRIBUZIONE (cap. 15) IL RUOLO ECONOMICO DEI CANALI DI DISTRIBUZIONE Un canale di distribuzione può essere definito come una struttura formata da partner interdipendenti che mettono beni

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

Discount e Volantini Quali evidenze?

Discount e Volantini Quali evidenze? a cura di Andrea Corti, IRI Fabrizio Pavone, Qberg Introduzione (1) Analisi dal punto di vista EDITORIALE (2) Analisi dal punto di vista GEOGRAFICO (3) Analisi dal punto di vista della COMUNICAZIONE (4)

Dettagli

venerdì 28 giugno 2013, 17:22

venerdì 28 giugno 2013, 17:22 A tutto Gas 1 Cambiare il mondo si può A tutto Gas Un modo semplice e rivoluzionario di fare la spesa venerdì 28 giugno 2013, 17:22 di Silvia Allegri A tutto Gas 2 A tutto Gas 3 A tutto Gas 4 A tutto Gas

Dettagli

N O W L G E F O R E D. Waste Watcher - Knowledge for Expo. Expo Milano Ottobre 2014

N O W L G E F O R E D. Waste Watcher - Knowledge for Expo. Expo Milano Ottobre 2014 K N O W L E D G E F O R Waste Watcher - Knowledge for Expo Expo Milano Ottobre 2014 Waste Watcher 2014 / Knowledge for Expo L osservatorio sullo spreco domestico Waste Watcher è promosso da Last Minute

Dettagli

CONGIUNTURA FLASH Inizio anno scolastico 2012 ASCOM del Emilia - Romagna

CONGIUNTURA FLASH Inizio anno scolastico 2012 ASCOM del Emilia - Romagna CONGIUNTURA FLASH Inizio anno scolastico 2012 Report documento per ASCOM dell Emilia - Romagna ottobre 2012 SOMMARIO 1. PREMESSA... 1 1.1 La descrizione del campione... 1 2. L INDAGINE SULLE VENDITE PER

Dettagli

Parte Quinta Le Strategie Cliente

Parte Quinta Le Strategie Cliente Parte Quinta Le Strategie Cliente Con il simbolo ^ le slide che non sono state discusse in aula C è una sola definizione valida dello scopo del business: creare un cliente. Sarà quest ultimo che determinerà

Dettagli

CRIF DECISION SOLUTIONS - EURISKO OSSERVATORIO SULLE CARTE DI CREDITO

CRIF DECISION SOLUTIONS - EURISKO OSSERVATORIO SULLE CARTE DI CREDITO CRIF DECISION SOLUTIONS - EURISKO OSSERVATORIO SULLE CARTE DI CREDITO Settembre 2003 INDICE PRESENTAZIONE DELL'OSSERVATORIO...pag. 1 EXECUTIVE SUMMARY... 3 Capitolo 1 STATO ED EVOLUZIONE DEL MERCATO...7

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

Progetto: Il radicamento nel territorio come posizionamento distintivo di Coop

Progetto: Il radicamento nel territorio come posizionamento distintivo di Coop Progetto: Il radicamento nel territorio come posizionamento distintivo di Coop IL CONTESTO Coop è inserita, per base sociale e rete di vendita, in territori differenti dal punto di vista culturale, sociale

Dettagli

LE DETERMINANTI DEL COMPORTAMENTO DI CONSUMO E DI ACQUISTO DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA: I RISULTATI DELLA RICERCA

LE DETERMINANTI DEL COMPORTAMENTO DI CONSUMO E DI ACQUISTO DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA: I RISULTATI DELLA RICERCA ADEM LAB- UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA LE DETERMINANTI DEL COMPORTAMENTO DI CONSUMO E DI ACQUISTO DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA: I RISULTATI DELLA RICERCA Silvia Bellini Università degli Studi di

Dettagli

Settore di appartenenza

Settore di appartenenza Impresa e filantropia III^ edizione curata da Osservatorio IID di Sostegno al Non Profit Sociale settembre 2009 1 Anche per il 2009 l Istituto ha ripetuto la sua indagine sull universo di Aziende Socie

Dettagli

Tecniche di Marketing. Parola chiave: Formula imprenditoriale. Formula imprenditoriale coerente

Tecniche di Marketing. Parola chiave: Formula imprenditoriale. Formula imprenditoriale coerente Tecniche di Marketing Progetto F.I.S.I.Agri 7 e 13 dicembre 2007 Luisa Baldeschi Parola chiave: Formula imprenditoriale La formula imprenditoriale è il cuore della pianificazione strategica La coerenza

Dettagli

I giovani e il rapporto con le assicurazioni

I giovani e il rapporto con le assicurazioni I giovani e il rapporto con le assicurazioni Francesco Saita Patrizia Contaldo CAREFIN, Università Bocconi Roma, 21 ottobre 2014 Introduzione (1) I giovani hanno un mix di caratteristiche che possono rendere

Dettagli

Attrezzature e componenti di arredo per retail e GDO

Attrezzature e componenti di arredo per retail e GDO marketing highlights Attrezzature e componenti di arredo per retail e GDO A cura di: Marino Serafino Identificazione del settore Produzione e distribuzione di attrezzature, soluzioni e componenti di arredo

Dettagli

NON PROFIT REPORT 2012

NON PROFIT REPORT 2012 NON PROFIT REPORT 2012 I COMPORTAMENTI DIGITALI DEGLI UTENTI FEDELI NEL TERZO SETTORE ABSTRACT Non Profit Report 2012 / 1 @contactlab #nonprofitreport PERCHÈ UNA RICERCA SUL NON PROFIT? GLI OBIETTIVI DELL

Dettagli

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Lingue e Cultura per l Impresa Economia e Gestione delle Imprese Turistiche A.A. 2007-2008 Ddr Fabio Forlani

Dettagli

L opinione dei consumatori sulle aperture domenicali

L opinione dei consumatori sulle aperture domenicali L opinione dei consumatori sulle aperture domenicali degli esercizi commerciali c Il confronto dei risultati riferiti al campione di popolazione italiana Milano, gennaio 2013 Per 6 italiani su 10 si tratta

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO (Relazione al Convegno: Fondazioni e Banche: i sistemi economici locali Fondazione Cassa di Risparmio

Dettagli

IL Più GRANDE NETWORK-FRANCHISING ITALIANO PER PRIVATI, AZIENDE E ASSOCIAZIONI.

IL Più GRANDE NETWORK-FRANCHISING ITALIANO PER PRIVATI, AZIENDE E ASSOCIAZIONI. IL Più GRANDE NETWORK-FRANCHISING ITALIANO PER PRIVATI, AZIENDE E ASSOCIAZIONI. start! scopri il mondo wision55 Il più grande network-franchising con la propria moneta complementare Wkey, un portale e-commerce,

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

Moda e tendenze nel retail online. Una nuova passerella per i marchi della moda. tradedoubler.com

Moda e tendenze nel retail online. Una nuova passerella per i marchi della moda. tradedoubler.com Moda e tendenze nel retail online Una nuova passerella per i marchi della moda tradedoubler.com I consumatori stanno reinventando il modo in cui vivono e acquistano articoli di moda; i marchi che si rifiutano

Dettagli

Low cost e lusso: la polarizzazione dei comportamenti dello shopper Europeo nei punti vendita

Low cost e lusso: la polarizzazione dei comportamenti dello shopper Europeo nei punti vendita Low cost e lusso: la polarizzazione dei comportamenti dello shopper Europeo nei punti vendita Laura Volponi International Shopper Insights Director IRI Indice Il contesto modifica le abitudini La parola

Dettagli

NOTA INFORMATIVA. Temi/Fenomeni oggetto del sondaggio: Analisi sugli stili di vita e sulle abitudini di consumo in 6 paesi europei

NOTA INFORMATIVA. Temi/Fenomeni oggetto del sondaggio: Analisi sugli stili di vita e sulle abitudini di consumo in 6 paesi europei NOTA INFORMATIVA (in ottemperanza all art. 5 del Regolamento in materia di pubblicazione e diffusione dei sondaggi sui mezzi di comunicazione di massa approvato dall Autorità per le garanzie nelle comunicazioni

Dettagli

CHARM IN ITALY L ASSOCIAZIONE PER LO SVILUPPO DEL TURISMO E LA PROMOZIONE DEL CONSUMO

CHARM IN ITALY L ASSOCIAZIONE PER LO SVILUPPO DEL TURISMO E LA PROMOZIONE DEL CONSUMO ti invita ad essere CHARM IN ITALY L ASSOCIAZIONE PER LO SVILUPPO DEL TURISMO E LA PROMOZIONE DEL CONSUMO L associazione Charm in Italy nasce con l intento di donare nuova linfa al mercato turistico ricettivo

Dettagli

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA AZIENDALE CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE Alessandro

Dettagli

Approcci di marketing per la valorizzazione della carne e dei suoi derivati

Approcci di marketing per la valorizzazione della carne e dei suoi derivati La nuova qualità nel settore delle carni Approcci di marketing per la valorizzazione della carne e dei suoi derivati Roberta Moruzzo Dipartimento di Produzioni Animali, Università di Pisa robemoru@vet.unipi.it

Dettagli

ISO 22000 SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ALIMENTARE

ISO 22000 SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ALIMENTARE ISO 22000 SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ALIMENTARE Lo standard ISO 22000 si applica a tutte le organizzazioni direttamente o indirettamente coinvolte nella filiera alimentare. La norma è compatibile

Dettagli

Sharing economy italiana: chi, cosa, quanto quando e dove?

Sharing economy italiana: chi, cosa, quanto quando e dove? Sharing economy italiana: chi, cosa, quanto quando e dove? Federico Capeci Chief Digital Office & CEO Italia TNS Federico Capeci CEO and Chief Digital Officer, TNS Italia La terza edizione di Sharitaly,

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

Carte e marketing: opportunità collegamenti possibili sfide

Carte e marketing: opportunità collegamenti possibili sfide Carte e marketing: opportunità collegamenti possibili sfide Anna Omarini Università L. Bocconi SDA Bocconi School of Management anna.omarini@unibocconi.it ABI CARTE DIEM Roma, 27-28 Novembre 2008 Agenda

Dettagli

SPERIMENTAZIONI. SIMULAZIONE: il business plan di una impresa legata ai rifiuti. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti»

SPERIMENTAZIONI. SIMULAZIONE: il business plan di una impresa legata ai rifiuti. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» SPERIMENTAZIONI SIMULAZIONE: il business plan di una impresa legata ai rifiuti GREEN JOBS Formazione e Orientamento L idea In questo modulo sono

Dettagli

R S U E S S E L U N G A CORBETTA

R S U E S S E L U N G A CORBETTA Analisi questionario Questa relazione nasce dalla necessità di sintetizzare ed analizzare il risultato del questionario proposto ai lavoratori Esselunga di Corbetta. Il sondaggio (anonimo) ideato e realizzato

Dettagli

PICCOLA? MEDIA? GRANDE!

PICCOLA? MEDIA? GRANDE! PICCOLA? MEDIA? GRANDE! UNA NUOVA REALTÀ PER LE IMPRESE Il mondo odierno è sempre più guidato dall innovazione, dall importanza delle nuove idee e dallo spirito di iniziativa richiesti dalla moltitudine

Dettagli

Retail & Consumer Summit 2011

Retail & Consumer Summit 2011 www.pwc.com/it Retail & Consumer Summit 2011 La gestione della discontinuità e del cambiamento: sfide e opportunità 11 ottobre 2011 1 1 Discontinuità nei consumi: come sta cambiando il comportamento d

Dettagli

LO SVILUPPO DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA

LO SVILUPPO DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA LO SVILUPPO DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA 15 marzo 2008 1. ANALISI DELLE DESTINAZIONI TURISTICHE 2. TIPOLOGIE DI DESTINAZIONI TURISTICHE 3. IL CICLO DI VITA DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA 4. LO SVILUPPO

Dettagli

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati 7 Area di indagine: Io e il fumo Analisi e commento dei dati All interno di questa prima area di indagine le asserzioni fra cui gli alunni erano chiamati

Dettagli

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI 1. La rilevazione La rilevazione presso le famiglie con bambini da zero a 3 anni, residenti nei comuni dell Ambito territoriale dei servizi sociali

Dettagli

Concorso idee imprenditoriali

Concorso idee imprenditoriali Concorso idee imprenditoriali Ancona, 28 febbraio 2008 Il contenuto del business plan Descrizione dell idea di business descrizione dell idea imprenditoriale; analisi del mercato e della concorrenza; definizione

Dettagli

Marketing Introduzione al marketing strategico

Marketing Introduzione al marketing strategico http://www.dimeg.poliba.it/kmlab Marketing Introduzione al marketing strategico Prof. Michele Gorgoglione m.gorgoglione@poliba.it Sommario Quattro definizioni di marketing 1. Concetti di base dal bisogno

Dettagli

Le sfide e le opportunità per la distribuzione assicurativa

Le sfide e le opportunità per la distribuzione assicurativa Convegno Nazionale dei Gruppi Agenti di Fondiaria e Sai Roma, 12 13 ottobre 2012 Le sfide e le opportunità per la distribuzione assicurativa Fabio Orsi, IAMA Consulting Uno scenario complesso La grande

Dettagli

Web o e-commerce? Domenico Consoli USR Marche. Le piattaforme web: risorse strategiche per il commercio elettronico

Web o e-commerce? Domenico Consoli USR Marche. Le piattaforme web: risorse strategiche per il commercio elettronico Web o e-commerce? Domenico Consoli USR Marche Le piattaforme web: risorse strategiche per il commercio elettronico IIS Podesti Calzecchi Onesti Ancona, 13 gennaio 2016 Agenda Stato dell arte dell e-commerce

Dettagli

La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche

La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche Da un confronto con la situazione fotografata quattro anni fa si evidenzia

Dettagli

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 6. Eccoci arrivate alla fine di questo percorso con il sesto ed ultimo modulo.

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 6. Eccoci arrivate alla fine di questo percorso con il sesto ed ultimo modulo. PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... pazza! MODULO 6 Eccoci arrivate alla fine di questo percorso con il sesto ed ultimo modulo. Dopo aver ragionato su quanto una spiccata consapevolezza

Dettagli

network per lo scambio di servizi e competenze www.trustandshare.com

network per lo scambio di servizi e competenze www.trustandshare.com network per lo scambio di servizi e competenze www.trustandshare.com IDEA DI BUSINESS NOME: TRUSTANDSHARE FONDATORI: Carla Ciatto, Elvira Ester Di Re DESCRIZIONE: network per lo scambio di servizi,

Dettagli

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING Dalla fine degli anni 70 la distribuzione commerciale italiana è stata protagonista di un imponente processo di cambiamento

Dettagli

CEREF Soc. Coop. a r.l. Viale Monza, 12 20127 Milano www.ceref.net - Catalogo corsi di Formazione per la Distribuzione Commerciale -

CEREF Soc. Coop. a r.l. Viale Monza, 12 20127 Milano www.ceref.net - Catalogo corsi di Formazione per la Distribuzione Commerciale - 3333 CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE PER LA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE INDICE AREA COMMERCIALE E GESTIONALE Lo scenario e gli sviluppi della GD in Italia e in Europa pag. 2 Le leve commerciali della distribuzione

Dettagli

Il Ciclo di Vita del Prodotto nella Moda

Il Ciclo di Vita del Prodotto nella Moda Il Ciclo di Vita del Prodotto nella Moda Conoscendo l evoluzione storica della moda, è possibile affermarne la caratteristica di variabilità nel tempo, che dà vita ad un processo di cambiamento continuo,

Dettagli

Capitolo 13. La distribuzione al dettaglio e all ingrosso. Capitolo 13- slide 1

Capitolo 13. La distribuzione al dettaglio e all ingrosso. Capitolo 13- slide 1 Capitolo 13 La distribuzione al dettaglio e all ingrosso Capitolo 13- slide 1 e all ingrosso Obiettivi di di apprendimento La distribuzione al dettaglio. Le decisioni di marketing dell impresa al dettaglio.

Dettagli

Alcune osservazioni in merito alla promozione all estero dei prodotti alimentari di qualità della Regione.

Alcune osservazioni in merito alla promozione all estero dei prodotti alimentari di qualità della Regione. Alcune osservazioni in merito alla promozione all estero dei prodotti alimentari di qualità della Regione. Scegliere i settori su cui sia opportuno investire fondi pubblici a fini promozionali, non è sempre

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 LE CONSIDERAZIONI STRATEGICHE DA FARE SUI FORNITORI... 4 CONCENTRARSI SUGLI OBIETTIVI... 4 RIDURRE

Dettagli

Osservatorio SANA 2012

Osservatorio SANA 2012 Osservatorio SANA 2012 A cura di: Evento organizzato da: In collaborazione con: I CONSUMI ALIMENTARI BIOLOGICI DI FRONTE ALLA CRISI ECONOMICA I risultati dell indagine di Nomisma Fabio Lunati - Silvia

Dettagli

Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari

Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari Obiettivi di apprendimento Sono sempre di più le aziende interessate ad approfondire la conoscenza degli strumenti di collaborazione per migliorare la propria

Dettagli

CONSUMABILI DI STAMPA

CONSUMABILI DI STAMPA CONSUMABILI DI STAMPA #2012 L AZIENDA 39 35 37.00-16 11 17.07 Fin dal 1995, Sanzo Srl, è un azienda leader nel settore della produzione di consumabili di stampa che fornisce servizi e soluzioni integrate

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

Multicanalità in Ferrovie: alcune riflessioni

Multicanalità in Ferrovie: alcune riflessioni Multicanalità in Ferrovie: alcune riflessioni Alessandro Musumeci Direttore Centrale Sistemi Informativi Roma, 18 aprile 2013 Ora esiste il Web 2.0: le persone al centro. Interconnesse Informate Disintermediate

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

Ricerchiamo sempre l' atteggiamento mentale positivo, perché noi crediamo che solo con la fiducia in se stessi e negli altri, oltre che con la

Ricerchiamo sempre l' atteggiamento mentale positivo, perché noi crediamo che solo con la fiducia in se stessi e negli altri, oltre che con la Ricerchiamo sempre l' atteggiamento mentale positivo, perché noi crediamo che solo con la fiducia in se stessi e negli altri, oltre che con la determinazione giusta, si possono raggiungere gli obiettivi

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

BAROMETRO CONSUMATORI

BAROMETRO CONSUMATORI INDICOD BAROMETRO CONSUMATORI Presentazione dei principali risultati 2 a fase A. LA STRUTTURA DEL MERCATO I GRUPPI TIPOLOGICI A1. DIMENSIONE DEI GRUPPI TIPOLOGICI (BASE: SECONDA FASE N=400) FIDUCIOSI NELLA

Dettagli

Corso di Strategie d impresa

Corso di Strategie d impresa Corso di Strategie d impresa A.A. 2009/2010 Prof. Tonino Pencarelli - Dott. Simone Splendiani CASO J- BasicNet strategy Un sistema innovativo basato su tecnologia e stile A cura di: Sara Barone e Alessandra

Dettagli

< G. TECILLA > < BIO > il il contatto tra domanda e offerta: un progetto di piattaforma e-commerce per il il mercato del biologico

< G. TECILLA > < BIO > il il contatto tra domanda e offerta: un progetto di piattaforma e-commerce per il il mercato del biologico 1 il il contatto tra domanda e offerta: un progetto di piattaforma e-commerce per il il mercato del biologico Punto sul mercato bio 2 Il mercato del biologico è in continua crescita sia in Italia che in

Dettagli

INCONTRO ANNUALE CONSOB CON IL MERCATO FINANZIARIO MILANO, 9 MAGGIO 2011

INCONTRO ANNUALE CONSOB CON IL MERCATO FINANZIARIO MILANO, 9 MAGGIO 2011 INCONTRO ANNUALE CONSOB CON IL MERCATO FINANZIARIO MILANO, 9 MAGGIO 2011 RINGRAZIO IL PRESIDENTE VEGAS PER AVERMI INVITATO IN OCCASIONE DELLA SUA PRIMA RELAZIONE ANNUALE. IL FATTO CHE SIAMO QUI OGGI TESTIMONIA

Dettagli

Social media e btb: un binomio possibile? Prima parte Relatore: Federico Rossi

Social media e btb: un binomio possibile? Prima parte Relatore: Federico Rossi Social media e btb: un binomio possibile? Prima parte Relatore: Federico Rossi Prima parte - Parleremo di evoluzione della comunicazione btb Ma le aziende btb comunicano? Come cambia la comunicazione btb

Dettagli

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Economia > News > Italia - lunedì 13 gennaio 2014, 16:00 www.lindro.it Segnali positivi Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Antonio Forte La

Dettagli

Web reputation, un patrimonio da mantenere ed accrescere

Web reputation, un patrimonio da mantenere ed accrescere Web reputation, un patrimonio da mantenere ed accrescere «La reputazione? È una veste effimera e convenzionale, guadagnata spesso senza merito e perduta senza colpa» W. Shakespeare Relatore: Marco Magistri,

Dettagli

Artability. Tlab - 2 interim report

Artability. Tlab - 2 interim report Artability Tlab - 2 interim report Introduzione Il progetto Artability è un progetto biennale che promuove lo scambio di buone pratiche per motivare le persone con disabilità a partecipare al processo

Dettagli