Collaborazione ferro-aria: Il collegamento ferroviario al terminal T2 dell aeroporto di Malpensa

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Collaborazione ferro-aria: Il collegamento ferroviario al terminal T2 dell aeroporto di Malpensa"

Transcript

1 Coordinato da Organizzato da Area Tematica: TRAM E TRENI NELLE AREE METROPOLITANE Realizzazioni e proposte Collaborazione ferro-aria: Il collegamento ferroviario al terminal T2 dell aeroporto di Malpensa Ing. Alberto CROCE Consulente Indipendente Tel.: Si autorizza la pubblicazione del testo nel C.D. Il contesto e i presupposti del progetto L aeroporto di Malpensa è uno dei pochi aeroporti italiani raggiungibili con il treno dove l accesso tramite il servizio ferroviario gioca un ruolo di una certa consistenza. Dal 1998, anno di attivazione del collegamento ferroviario attestato al Terminal 1 (T1), la quota di viaggiatori che utilizza il treno per recarsi in aeroporto e viceversa è progressivamente aumentata fino a superare i 2 milioni di unità all anno. Nell ultimo biennio si è registrata un ulteriore importante crescita dopo l intensificazione del servizio con la città di Milano che è strutturato con due corse orarie per entrambe le relazioni tra l aeroporto e la città, ovvero Milano Cadorna e Milano P.ta Garibaldi / MI Centrale. Si tratta di 132 corse giornaliere (sostanzialmente una ogni 15 nell arco diurno e serale della giornata). Considerando che il traffico viaggiatori di Malpensa si è attestato intorno ai milioni di passeggeri/anno, l utenza viaggiatori che si serve della ferrovia ne rappresenta una quota intorno al 12%. Si tratta di un valore non disprezzabile ma comunque suscettibile di un ulteriore crescita se lo mettiamo a confronto con i valori di modal share ferroviario che altri aeroporti europei collegati via ferro hanno già conseguito, se consideriamo le opportunità offerte dai progetti di sviluppo per Malpensa e anche se si tiene in conto che come è stato rilevato in recenti indagini di mercato -

2 una parte rilevante di passeggeri aerei ancora oggi non conosce la stessa esistenza del servizio ferroviario per/da Malpensa. L assetto attuale di Malpensa comporta una suddivisione della movimentazione passeggeri tra due distinti terminali, in cui solo quello più moderno (T1) collocato al bordo ovest dell area aeroportuale è collegato dalla ferrovia. Il T1 assorbe circa due terzi del traffico dell aeroporto e quindi il Terminal 2 (T2) oggi raggiungibile solo via strada muove un volume di passeggeri di oltre 6 milioni di unità all anno, quantità paragonabile a quella di un aeroporto di medio rango. In tutta evidenza si tratta di un mercato importante e che potrebbe vantaggiosamente beneficiare di un servizio ferroviario. Il terminal T2 collocato alla testata nord delle due piste, a circa 3,5 km di distanza dal T1 - è attualmente utilizzato dalla compagnia low cost Easy Jet che vi opera oltre 40 destinazioni giornaliere ed è quindi utilizzato da una clientela maggiormente sensibile al fattore prezzo, potenzialmente più interessata a scegliere vettori di trasporto più economici per raggiungere l aeroporto rispetto al mezzo privato; quest ultimo sconta la penalizzazione di costi di viaggio e parcheggio aeroportuale particolarmente elevati oltre a non poter assicurare i livelli di affidabilità e puntualità che, viceversa, caratterizzano la ferrovia (causa frequenti situazioni di congestione sulle autostrade che collegano l aeroporto). Sebbene i due terminali siano collegati da un servizio gratuito di bus navetta che opera con continuità lungo l intero arco giornaliero (h24, con frequenze diurne di 7-8 ), gli indubbi disagi provocati dalle attese, dal tempo di trasferimento aggiuntivo (circa 10 ) e, soprattutto dalla rottura di carico specie per viaggiatori con bagagli - rappresentano tutti elementi che dissuadono l uso del treno. Va peraltro evidenziato che i servizi bus che operano tra Milano Centrale e il Terminal 2 che finora hanno rappresentato un alternativa apprezzata da una parte di clientela un po più ampia di quella che sceglie il treno, a partire dalla primavera 2012 non godono più di un differenziale vantaggioso di prezzo (le tariffe odierne di 10,0 per la corsa semplice da/per Milano C.le in bus e treno si equivalgono perfettamente, mentre sulla tratta da/per Milano Cadorna - dove operano i servizi nostop - la tariffa treno vale 11,0 ). Inoltre, i tempi di percorrenza bus - da 45 a 55, a seconda della fascia giornaliera - sono decisamente superiori a quelli offerti dal treno (29 da Cadorna e da Milano P.ta Garibaldi a seconda del numero di fermate intermedie). I tempi sembrano oggi maturi per realizzare l estensione del servizio ferroviario al T2. L idea di servire anche il T2 a mezzo ferrovia nasce nel 2003 quando RFI promosse il cosiddetto Global project, con lo scopo di creare una linea passante a servizio di entrambe i terminali T1 e T2 di Malpensa sull esempio dei migliori e più redditizi esempi esteri che presupponeva la realizzazione di un allacciamento ferroviario da nord ; in particolare, questo disegno aveva l obbiettivo di garantire un accesso diretto alle linee del Sempione e del Gottardo per allargare al territorio transfrontaliero e prealpino svizzero il bacino di influenza dell aeroporto di Malpensa. Il progetto di prolungamento della ferrovia dal T1 al T2 e gli studi economici in corso Il progetto RFI del 2003 fu recepito solo parzialmente dalla Regione Lombardia (Delibera del ) che ne valutò positivamente l idea portante ma ne approvò unicamente la parte che riguarda il tratto di connessione tra T1 e T2, chiedendone sostanziali modifiche tecniche per assicurare la piena integrazione di questo nuovo tratto con la linea FERROVIENORD esistente che già raggiunge il T1, rimandando nel tempo la parte di connessione oltre il T2 verso nord. Alla luce delle prospettive di sviluppo dell aeroporto, la società SEA (gestore del sistema aeroportuale milanese) e le FERROVIENORD (in qualità di concessionario e gestore della rete ferroviaria omonima che comprende la linea ferroviaria a servizio di Malpensa), considerata la costante crescita dell utenza che si serve del treno sulla relazione Malpensa-Milano e il ruolo

3 sempre maggiore che ha assunto il Terminal 2 - giunto a movimentare un traffico di 6 milioni di passeggeri all anno - hanno ritenuto matura l idea di prolungare la linea ferroviaria che attualmente termina in corrispondenza del Terminal T1 dell aeroporto, in modo da poter servire con il treno anche il T2, evitando la rottura di carico sul bus navetta. A tale scopo hanno sviluppato congiuntamente la progettazione di questa infrastruttura, beneficiando di un contributo della Comunità Europea, nell ambito dei finanziamenti dedicati alle reti TEN-T cui Malpensa appartiene ( Malpensa Airport Railway Link-Up T1-T2 Project IT S). Il Progetto Preliminare è stato sviluppato nel corso del 2011 ed è stato approvato in linea tecnica dalla Regione Lombardia (Decreto ) mentre il Progetto Definitivo è stato approvato lo scorso 10 ottobre 2012 (Decreto 8975), oltre ad aver ottenuto i nulla osta e i pareri positivi dai vari enti competenti (ENAC, USTIF, Parco Ticino, ANAS, Provincia di Varese, ecc.), nonché la pronuncia di compatibilità ambientale (Decreto R.L del ). La Fig.1 illustra l ubicazione del tracciato (interrato) del prolungamento della ferrovia dal T1 al T2. Figura 1 Tracciato collegamento T1-T2. La partnership SEA-FERROVIENORD attivata per redigere i progetti preliminare e definitivo ha avuto uno sviluppo molto positivo, sia nei suoi esiti tecnici sia per quanto concerne gli aspetti di governance, tanto da essere stata inclusa tra le 4 azioni finaliste dell AIRRAIL Award dell edizione 2012 per il premio di categoria e da indurre le due società, in associazione anche con la Regione Lombardia, a chiedere alla Comunità Europea un ulteriore finanziamento per sviluppare uno studio di approfondimento economico, finanziario e legale, allo scopo di individuare i parametri di redditività dell opera, approfondire i possibili schemi di pricing da applicare e i modelli di servizio commerciale, oltre a quello di esplorare le diverse possibilità di finanziamento dell opera, inclusa l ipotesi di un partenariato pubblico-privato e l utilizzo dei project bonds. La richiesta è stata giudicata positivamente dalla Agenzia Esecutiva per le reti TEN-T e la CE ha accordato il proprio sostegno finanziario per la metà dell importo previsto per condurre le attività di studio, complessivamente pari a 1,048 milioni di Euro. Le attività iniziali hanno preso avvio nel giugno 2012 e sono consistite in un analisi approfondita della domanda, condotta sulla base di due

4 successive campagne di indagine (a luglio e settembre) articolate in tre blocchi, ovvero interviste face-to-face ai viaggiatori in partenza al T2 e a un largo campione di addetti operanti presso le strutture del medesimo terminal, accompagnate da ulteriori interviste telefoniche a un campione della popolazione residente nei tre comuni contermini allo scalo aeroportuale. Il potenziamento della rete ferroviaria a servizio di Malpensa L estensione del collegamento ferroviario dal T1 al T2 si inserisce in un insieme di altri interventi di potenziamento dell intero sistema ferroviario del quadrante nord della Lombardia, in parte già conclusi e in parte in esecuzione che hanno lo scopo di migliorare i servizi ferroviari di accesso a Malpensa, aumentando la copertura territoriale e il numero di relazioni servite (vedi Figura 2). L obbiettivo fondamentale di questi interventi è quello di rendere possibile una diversificazione degli istradamenti nei collegamenti tra Milano e Malpensa, così da aumentare i poli urbani connessi direttamente a Malpensa e, nel contempo, ottenere una maggiore flessibilità operativa. In particolare, con il raccordo ferroviario già operativo tra rete RFI e rete FN in prossimità del nodo di Bovisa (cosiddetto Passantino ), completato nel 2010, è stato possibile offrire servizi ferroviari cadenzati anche tra la stazione Centrale di Milano e Malpensa (e non più solo da MI Cadorna), in cui i treni vengono instradati transitando per la stazione di MI Garibaldi (nodo di interscambio con servizi delle linee S, la metropolitana MM2 e la metropolitana MM5 in corso di costruzione). Il nodo di MI Garibaldi, in effetti, rappresenta il fulcro del servizio non solo per il fatto che vi convergono molte linee a carattere regionale (linee S) e le citate linee metrò ma anche per la aumentata valenza urbanistica che esso ha assunto, in relazione agli sviluppi immobiliari nelle immediate adiacenze della stazione. Detta stazione, inoltre, nel giorni feriali è servita da ben 24 coppie di treni AV che operano sulla direttrice Bologna-Firenze-Roma (18 sono operate da NTV con il brand Italo e 6 sono treni FrecciaRossa di Trenitalia) delle quali 13 sono passanti, in quanto hanno capolinea a Torino. Si tratta di un offerta quantitativamente e qualitativamente significativa che può assicurare un apporto di clientela business importante per l aeroporto, tenuto conto della facilità di interscambio possibile nella stazione di MI Garibaldi, anche se i tempi di attesa per il cambio al momento restano lunghi (da 10 a 25 ) in mancanza di un coordinamento degli orari. Figura 2 Interventi di potenziamento sulla rete ferroviaria di accesso a Malpensa

5 Esiste un secondo punto di interconnessione tra le reti RFI e FN collocato a sud della stazione RFI di Busto Arsizio tra la linea del Sempione (Rho - Gallarate - Sesto Calende) e la tratta Saronno- Busto Arsizio, appartenente alla cosiddetta gronda nord. Esso mette in comunicazione la stazione RFI di Busto Arsizio con quella delle FN e viene utilizzato attualmente dai treni operati dalla società TiLo che collegano Bellinzona con Malpensa via Luino. Nel contempo si sta lavorando anche alla costruzione di un allacciamento tra il ramo da/per Saronno e la stazione RFI di Busto Arsizio ( Raccordo Z ) che sarà operativo nel Un ulteriore allacciamento ( Raccordo Y ) è previsto nel quadrante sud-ovest e consentirà di mettere in comunicazione diretta la tratta verso/da Legnano-Rho della linea del Sempione con la stazione FN di Busto Arsizio - e quindi l aeroporto di Malpensa - a partire dal Infine, si sta provvedendo al potenziamento dell intera dorsale ferroviaria Novara-Saronno- Seregno-Carnate-(Bergamo), conosciuta anche come Gronda nord ed in particolare: - il raddoppio della tratta tra il ponte sul Ticino e l innesto per Malpensa nella tratta verso Novara dove i lavori sono in corso; - il ripristino della tratta Seregno-Saronno (15 km circa) che ha permesso la riattivazione dei servizi passeggeri a partire dal 9 dicembre 2012 della quale è stato eseguito il parziale raddoppio e l esecuzione di alcune varianti con nuove stazioni che apre la prospettiva all attivazione di servizi diretti per Malpensa da Lecco e/o Monza ed eventualmente Bergamo. Gli interventi indicati consentiranno di attuare un modello di servizio ferroviario su Malpensa ancor più consistente di quello esistente e proporre una combinazione di instradamenti molto più ampia. In proposito, già nell ambito delle attività progettuali preliminari si sono studiati diversi possibili modelli di esercizio, allo scopo di verificare sia la capacità degli impianti e il layout della nuova stazione del T2 (sotto il profilo dell esercizio, della funzionalità per l utenza, della sicurezza) sia per impostare una prima serie di possibili schemi di offerta, come schematicamente illustra la Figura 3 seguente. Fig. 3: itinerari di collegamento previsti nel medio termine tra Milano e Malpensa

6 Il modello di esercizio E stata considerata una sequenza di scenari, via via più complessi, in correlazione a diversi orizzonti temporali (2015, 2020 e lungo termine) che, associati alle previsioni di traffico aeroportuale e alle stime di diversione modale progressivamente crescenti nel tempo, hanno consentito di disegnare una serie di modelli alternativi e/o complementari di esercizio e di offerta commerciale. La situazione attuale e i prossimi sviluppi A partire dal dicembre 2010, Malpensa T1 viene servito da 130 treni al giorno che operano sotto il brand Malpensa Express e sono gestiti dalla società TRENORD(Tab.1). In pratica, il centro di Milano e Malpensa sono oggi collegati con 4 treni ogni ora, alternativamente ogni 30 da/per Milano Cadorna e ogni 30 da/per Milano Garibaldi (Milano Centrale). Tab. 1- Offerta servizi ferroviari tra Milano e l aeroporto Malpensa (giorno feriale situazione attuale) Corse con Totale corse/ Relazione Corse dirette fermate giorno intermedie MILANO CADORNA MXP e viceversa Andata Ritorno Totale MILANO CENTRALE MXP e viceversa Andata =21 26 Ritorno =19 25 Totale TOTALE Ad essi per un certo periodo si sono aggiunte anche 2 coppie/giorno di treni Frecciarossa Trenitalia che via Milano Centrale Milano Garibaldi assicuravano relazioni dirette con Roma- Napoli. Questi collegamenti sono stati sospesi, probabilmente in relazione all insuccesso commerciale che hanno avuto, testimoniato dalla ridottissima frequentazione registrata. Da settembre 2011 è stato attivato anche un servizio da parte della joint venture Ti.Lo. (Ticino- Lombardia), promossa congiuntamente dalle autorità elvetiche e dalla Regione Lombardia. Si tratta del collegamento transfrontaliero attestato a Malpensa che ha il suo terminale nord a Bellinzona e che opera via Luino Gallarate e tramite il raccordo X con 14 coppie di treni al giorno. Figura 4 : Treni Ti.Lo. in servizio da settembre 2011 tra Canton Ticino e Malpensa via Luino ripresi alla stazione T1 di Malpensa.

7 Per le sue caratteristiche questo servizio è rivolto all utenza dei lavoratori pendolari delle zone attraversate mentre la messa in esercizio del collegamento tra Arcisate e Stabio entro il prossimo biennio permetterà di attivare dei servizi diretti dedicati al traffico aeroportuale da/per il Canton Ticino utilizzando sempre il Raccordo X. Una tappa intermedia tra la situazione attuale e quella in cui potrà essere attivo il collegamento T1-T2 (la cui apertura ipotizzata per l anno 2015) è quella relazionata all entrata in esercizio della linea tra Varese e Stabio in Svizzera, prevista entro il Pertanto, a breve termine sarà possibile migliorare sostanzialmente i collegamenti con il Canton Ticino, attivando servizi ferroviari più veloci di quelli attuali via Luino (di tipo multi-stop anziché regionale) con drastica riduzione dei tempi di viaggio tra Lugano e Malpensa. In questa sede non è possibile soffermarsi sulle molteplici ipotesi alternative di modelli di offerta sviluppate all interno della progettazione preliminare; d altra parte, esse rappresentano possibili schemi teorici che sono stati configurati solo per testare le diverse condizioni di esercizio della rete ferroviaria interessata (attraverso gli opportuni strumenti di simulazione computerizzata di cui dispone il Centro operativo delle FERROVIENORD) ma devono ancora trovare una validazione sotto il profilo commerciale attraverso l interlocuzione che si andrà a sviluppare tra la Regione Lombardia e TRENORD, attuale concessionario del servizio regionale ferroviario entro cui ricade il servizio con Malpensa. Qualche maggiore dettaglio è rinvenibile in un recente articolo divulgativo dell autore a cui si rimanda. In sintesi, sulla base di alcuni parametri operativi prefissati che rispecchiano i vincoli e le condizioni strutturali a cui resta soggetto l esercizio ferroviario, e precisamente: - 4 binari di attestamento; - sezione di blocco unica per l intera lunghezza di binario lungo la banchina di stazione; - lunghezza utile delle banchine di stazione pari a 400 metri di sviluppo; - tempo minimo per l effettuazione della inversione di marcia pari a 12 minuti, si è accertato che la capacità di movimentazione della stazione di testa (T1 nella situazione attuale, T2 quando sarà attivo il prolungamento) è di 8 coppie di treni/ora, valore che va considerato come limite pratico di riferimento, corrispondente ad un volume di traffico giornaliero massimo pari a 256 treni (se calcolato su di un nastro orario di 16 ore). Verifica layout stazione T2 e occupazione binari - Ipotesi di traffico con 8 coppie di treni/ora Servizi con Lugano, Bergamo e Torino ogni 60 per ognuna delle tre relazioni Collegamenti con Milano Cadorna ogni 30 (2 coppie/ora) Collegamenti con Milano Centrale ogni 30 alternati via raccordo Y e via Saronno Collegamenti AV via Milano con direttrici VERONA/Venezia e BOLOGNA/Firenze ogni BINARIO BINARIO BINARIO BINARIO MPX-MI Cadorna MPX-MI Centrale via Raccordo Y 30 AV via Raccordo Y 30 MPX-MI Centrale via Saronno TORINO via Novara LUGANO via Raccordo X BERGAMO via Saronno

8 Lo schema grafico riportato sopra fornisce una visualizzazione delle condizioni di occupazione dei 4 binari della stazione terminale di Malpensa nella situazione di massima espansione dell offerta di servizi (8 coppie di treni/ora) con funzionamento della stazione T2 come stazione di testa, cioè nelle condizioni più critiche ipotizzabili. Il modello di movimentazione considerato nelle simulazioni include il mantenimento dei servizi svolti con treni FrecciaRossa anche se attualmente non più operativo per verificare le condizioni di stress del sistema più severe, riducendo però la durata dello stazionamento massimo per i convogli AV a 30, così da poterne effettuare la programmazione in modo congruente con le tracce orarie disponibili. In ogni caso, dalle simulazioni è possibile concludere che: - la stazione è in grado di operare ai livelli di capacità massima oraria sopra indicati con un layout di 4 binari; - è raccomandabile che la messa in esercizio della stazione T2 venga anticipata dalla attivazione del Raccordo Y ; - l inserimento di relazioni lungo la direttrice Saronno-Seregno-Carnate, con destinazione/ provenienza Lecco/Bergamo possibile da dicembre 2012 grazie al ripristino della linea Saronno-Seregno va coordinata con i servizi S che sono stati attivati sulla medesima linea, a causa della persistenza di un tratto a singolo binario che rappresenta un evidente restrizione di capacità. La situazione di offerta che è possibile prefigurare è quella indicata nel prospetto seguente che ricalca le indicazioni espresse ed esemplifica i due modelli di esercizio che al momento appaiono più rispondenti alle esigenze di collegamento dell aeroporto di Malpensa ma di cui occorre verificare ancora la sostenibilità economica e la fattibilità tecnica in relazione ai limiti di capacità della linea Saronno-Seregno. Modelli di servizio simulati per le verifiche di capacità per la fase di medio termine Alternativa A 6 coppie corse/ora Alternativa B - 7 coppie corse/ora In questa ipotesi la potenzialità degli istradamenti lungo il raccordo X viene utilizzata al 50% Questa opzione rappresenta l evoluzione dell Alternativa A. Si prevede di mantenere costante l offerta su Bergamo e di inserire con cadenza oraria collegamenti da/per Torino, via Novara 2 da/per Milano C.le 1 via Rho - Raccordo Y 1 via Saronno 2 da/per Milano C.le 1 via Rho-Raccordo Y 1 via Saronno 2 da/per Milano Cadorna 1 via Saronno 1 via Raccordo Y 2 da/per Milano Cadorna 1 via Saronno 1 via Raccordo Y 1 da/per Lugano 1 via Raccordo X 1 da/per Lugano 1 via Raccordo X 1 da/per Bergamo 1 via Saronno 1 da/per Bergamo 1 via Saronno 1 da/per Torino 1 via Novara Occorre evidenziare una volta ancora che le ipotesi sopra indicate in astratto sono solo alcune tra quelle possibili. In particolare, va osservato che l articolazione dei collegamenti dovrà essere accompagnata anche da una scelta sulla loro tipologia (no stop, multi-stop, regionale) e su una auspicabile ristrutturazione degli orari, al fine di poter offrire alla clientela un servizio integralmente cadenzato e meglio riconoscibile rispetto a quello attuale. In proposito, le indagini condotte presso i passeggeri aerei in partenza dal T2, svolte nell ambito dello Studio economico in corso, hanno evidenziato una diffusa e preoccupante ignoranza della maggioranza del campione intervistato circa l esistenza stessa del servizio ferroviario su

9 Malpensa, fatto che indica la necessità di adeguare rapidamente le attività di comunicazione verso le fasce di clientela potenzialmente interessate in modo da migliorarne l efficacia. In definitiva, il ventaglio di possibilità che si aprirà a seguito dei potenziamenti infrastrutturali sulle reti RFI e FN a valle di Malpensa, indipendentemente dall apertura del collegamento tra T1 e T2 consentirà già di migliorare in modo notevole il livello di accessibilità all aeroporto (in termini quantitativi, di tempi di viaggio, di puntualità del servizio) e di ampliare il numero di punti di accesso alla rete. Il decisivo salto di qualità potrà avvenire a seguito della messa in servizio del sopracitato Raccordo Y che consentirà di distribuire i servizi tra Malpensa e Milano ripartendoli su due instradamenti alternativi (linea FN via Saronno e linea RFI via Rho-Fiera) ottimizzando la capacità del sistema e aumentando l affidabilità del servizio (grazie alla riduzione delle perturbazioni connesse all intensità di traffico che, in assenza di interventi, approssima la capacità massima delle medesime linee). In particolare, una parte dei servizi Malpensa Express potrà essere instradata via Rho-Fiera, alleggerendo il traffico sulla linea FN di Saronno; nel contempo, ci si assicurerà un collegamento rapido con le aree di Fiera Milano ed EXPO 2015 servite dalla medesima linea e si potrà inserire la fermata di Legnano che potrà diventare un polo importante di accesso, come emerso dalle preferenze espresse dall utenza aeroportuale. SEMPIONE LOSANNA-BASILEA VARESE-LUGANO VARESE COMO LINK UP T1-T2 La stazione del T1 diventa «passante» e tutti i treni vengono attestati alla nuova MXP T2 MXP T2 GALLARATE INTERCONNESS. FN/RFI BUSTO ARSIZIO RFI SARONNO SEREGNO-BERGAMO MXP T1 RACCORDO X BUSTO ARSIZIO FN Treni da/per Torino transitano per linea Novara ammodernata RACCORDO Y RHO FIERA EXPO 2015 BOVISA FN «PASSANTINO» MILANO GARIBALDI-CENTRALE NOVARA-TORINO Treni da/per MI C.le usano «Raccordo Y» con transito da Rho - Expo 2015 MILANO FN CADORNA Visualizzazione di una tra le relazioni di traffico oggetto di studio rese possibili dall attivazione del Raccordo Y Infine, l ammodernamento della linea con Novara concorrerà a rendere possibile un arricchimento dell offerta su Malpensa anche verso Novara/Torino. In questo contesto nuove interessanti prospettive anche per l alimentazione dell aeroporto di Malpensa si potranno aprire per i collegamenti della fascia pedemontana est-ovest (gronda ferroviaria Bergamo-Carnate-Seregno-Saronno-Malpensa/Novara), pur con le cautele espresse sopra.

10 Il futuro: ipotesi di medio periodo (2020) Il progetto descritto, come si è detto, rappresenta la prima fase del cosiddetto Global project che riguarda l insieme delle nuove connessioni ferroviarie che nel medio-lungo periodo dovrebbero estendere la linea ferroviaria a nord del Terminal 2 di Malpensa. Questa visione strategica è quella che giustifica - anche economicamente - la scelta del vettore ferroviario nel collegamento tra T1 e T2 e che in assenza di questa prospettiva di lungo termine avrebbe potuto essere sviluppata tramite un sistema di trasporto alternativo, ad esempio tipo people mover intra-aeroportuale In effetti, malgrado le oggettive difficoltà a portare a compimento l intero disegno del collegamento nord (a causa sia degli alti costi sia per la presenza di un contesto altamente antropizzato che consigliano molta cautela nel ritenere cantierabile l opera senza averne anticipatamente analizzato a fondo gli impatti), non v è dubbio che la sola costruzione di un raccordo - anche a semplice e binario tra la futura stazione del T2 e la stazione di Gallarate RFI consentirebbe di attivare una circuitazione sull anello ferroviario che dalla stazione di Busto Arsizio RFI segue il percorso Raccordo X, Busto Arsizio FN, MXP T1, MXP T2, Gallarate, per chiudersi di nuovo su Busto Arsizio (come mostrato nello schizzo sotto riportato). La sua realizzazione aumenterebbe le possibilità di schemi di esercizio alternativi e permetterebbe anche di incrementare la capacità dell intero sistema, grazie alla eliminazione delle manovre di inversione di marcia e dei perditempo associati per un certo numero di relazioni. L orizzonte per questo intervento è quello dell anno 2020 (Fase 2A del progetto). Collegamento da nord tra MXP T2 e linea del Sempione (lato Gallarate) Come messo in luce dagli schemi seguenti, con la messa in funzione del collegamento da/per Gallarate l accessibilità ferroviaria di Malpensa guadagnerebbe una grande flessibilità operativa e si potrebbero impostare diversi modelli di esercizio alternativi. In particolare, si potrebbe: - attivare un certo numero di collegamenti diretti svolti con treni AV; - alleggerire l occupazione di binario sulla tratta Busto Arsizio FN Malpensa instradando sulla linea del Sempione (via Gallarate) i servizi da/per Seregno (Monza) o, in alternativa, alcuni servizi con Milano.

11 SEMPIONE LOSANNA-BASILEA VARESE-LUGANO VARESE COMO FASE 2A Schema nuovi servizi SEMPIONE LOSANNA-BASILEA VARESE-LUGANO VARESE COMO FASE 2A Schema nuovi servizi MPX T2 MPX T1 RACCORDO X INTERCONNESS. GALLARATE FN/RFI BUSTO ARSIZIO RFI BUSTO ARSIZIO FN SARONNO SEREGNO-BERGAMO MPX T2 MPX T1 RACCORDO X INTERCONNESS. GALLARATE FN/RFI BUSTO ARSIZIO RFI BUSTO ARSIZIO FN SARONNO SEREGNO-BERGAMO RACCORDO Y RHO FIERA EXPO 2015 BOVISA FN «PASSANTINO» MILANO GARIBALDI-CENTRALE RACCORDO Y RHO FIERA EXPO 2015 BOVISA FN «PASSANTINO» MILANO GARIBALDI-CENTRALE NOVARA-TORINO Treni da/per Bergamo possono essere trasformati in treni «passanti» nei due terminals di MPX circuitando in senso orario. MILANO FN CADORNA NOVARA-TORINO Treni AV media-lunga distanza (Venezia/ Firenze-Roma) da/per MI C.le usano «Raccordo Y» con transito da Rho-Expo 2015 e circuitano in senso orario per T1 e T2 Possibili istradamenti per servizi ferroviari tra Malpensa, Milano e la gronda pedemontana MILANO FN CADORNA Conclusioni Il prolungamento della linea ferroviaria da Malpensa T1 a T2 rappresenta una opportunità importante per tutti gli attori coinvolti, in primis il gestore dell aeroporto, gli operatori ferroviari, le comunità locali; in ogni caso esso rappresenta un decisivo innalzamento della qualità per il sistema dei trasporti a livello nazionale grazie ai miglioramenti che innesca ad ampia scala, specie se messo in sinergia con lo sviluppo dell offerta dell Alta Velocità. Infatti, la sua realizzazione consentirebbe di offrire piena accessibilità a entrambe le strutture aeroportuali in cui oggi è articolato l Aeroporto e porterebbe ad un deciso miglioramento del livello di servizio per una parte rilevante di utenza, oltre che per un numero non trascurabile di addetti aeroportuali. Agli operatori ferroviari offrirebbe un ampliamento della domanda sostanzioso (valutabile prudenzialmente almeno dell ordine del 50% della clientela odierna) e quindi la possibilità di aumentare la redditività della attuale gestione a costi marginali. Per il gestore aeroportuale, la disponibilità della nuova stazione al T2 apporterebbe nuovo traffico passeggeri grazie ai nuovi collegamenti AV e alla irradiazione territoriale possibile grazie a nuovi schemi di esercizio che aumenteranno l area di influenza dell Aeroporto. In proposito, non va trascurato l apporto che la stazione AV Mediopadana collocata all altezza di Reggio Emilia sulla linea AV Milano-Bologna potrà generare a partire dalla prevista attivazione nel 2013 (appena i vettori AV sapranno coglierne le grandi potenzialità, tra cui quella di collegamenti facilitati con Malpensa, raggiungibile in tempi inferiori a 1 h 45, (anche in caso di trasbordo e relativi tempi di interscambio). Infine, dal punto di vista degli enti di governo regionale e locale, il collegamento al T2 apre un punto di accesso strategico sulla rete ferroviaria lombarda, a servizio del varesotto, favorendo gli spostamenti pendolari verso Milano, evita un ulteriore consumo di territorio (dato che risolve l esigenza di reperire altri spazi di parcheggio intorno all aeroporto), riduce l uso delle infrastrutture stradali migliorando l equilibrio modale. In conclusione, considerati gli importanti benefici attesi dalla sua realizzazione, il progetto presenta valenze più ampie di quelle di carattere strettamente trasportistico, ottenibili con costi di entità certamente non trascurabile ma comunque marginali rispetto alle somme fin qui investite globalmente per il potenziamento dello scalo aeroportuale di Malpensa e per la realizzazione del sistema di collegamenti stradali e ferroviari.

Pianificazione Integrata del Servizio. Milano - Malpensa: razionalizzazione del servizio

Pianificazione Integrata del Servizio. Milano - Malpensa: razionalizzazione del servizio Pianificazione Integrata del Servizio Milano - Malpensa: razionalizzazione del servizio 23 novembre 2011 Servizi ferroviari a Malpensa oggi Il collegamento ferroviario con Malpensa è oggi caratterizzato

Dettagli

CRMT Centro di Ricerca sui Trasporti e le Infrastrutture

CRMT Centro di Ricerca sui Trasporti e le Infrastrutture CRMT Centro di Ricerca sui Trasporti e le Infrastrutture Università Carlo Cattaneo LIUC Castellanza LE NUOVE FERROVIE Opportunità per il territorio? Varese, CCIAA, marzo 2014 1 Agenda Il contesto generale

Dettagli

Relazioni e opportunità comuni fra Milano e il Canton Ticino

Relazioni e opportunità comuni fra Milano e il Canton Ticino Relazioni e opportunità comuni fra Milano e il Canton Ticino Direttore Settore Attuazione Mobilità Trasporti Ambiente Corridoi Europei in Italia (Reti TEN) Milano: una posizione strategica rispetto alle

Dettagli

ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA ACCESSIBILITA A MALPENSA

ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA ACCESSIBILITA A MALPENSA ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA ACCESSIBILITA A MALPENSA Dicembre 2011 1. Inquadramento territoriale e programmatico L aeroporto di Malpensa è localizzato in una delle aree

Dettagli

Il nodo di bologna come esempio di integrazione nell ambito del sistema ferroviario

Il nodo di bologna come esempio di integrazione nell ambito del sistema ferroviario 1 La riqualificazione delle grandi infrastrutture Il nodo di bologna come esempio di integrazione nell ambito del sistema ferroviario ing. Vincenzo Conforti 1 Scelte economiche e tecniche nel Nodo di Bologna

Dettagli

Aggiornamento progetto AlpTransit e collegamento Lugano-Mendrisio-Varese-Malpensa

Aggiornamento progetto AlpTransit e collegamento Lugano-Mendrisio-Varese-Malpensa Aggiornamento progetto AlpTransit e collegamento Lugano-Mendrisio-Varese-Malpensa Dr. Adriano Cavadini Presidente Associazione svizzera Alta Capacità Lugano-Milano già Consigliere nazionale Il Corridoio

Dettagli

I trasporti pubblici nella Svizzera italiana Valutazione delle tesi e dei principi d offerta

I trasporti pubblici nella Svizzera italiana Valutazione delle tesi e dei principi d offerta ATA - Sezione della Svizzera italiana I trasporti pubblici nella Svizzera italiana Valutazione delle tesi e dei principi d offerta Capitolo 03: Obiettivi dell offerta ATA - Sezione della Svizzera italiana

Dettagli

Accessibilità e connettività per i trasporti a medio e lungo raggio in Lombardia

Accessibilità e connettività per i trasporti a medio e lungo raggio in Lombardia Accessibilità e connettività per i trasporti a medio e lungo raggio in Lombardia Indice Analisi congiunturale Indicatori di accessibilità 2 Analisi congiunturale 3 Aeroporti e segmenti di mercato Mercato

Dettagli

La mobilità delle merci nell area metropolitana milanese: vincoli e opportunità. L opportunità offerta da Milano Malpensa Cargo

La mobilità delle merci nell area metropolitana milanese: vincoli e opportunità. L opportunità offerta da Milano Malpensa Cargo La mobilità delle merci nell area metropolitana milanese: vincoli e opportunità L opportunità offerta da Milano Malpensa Cargo Giulio De Metrio Chief Operating Officer and Deputy CEO SEA Aeroporti di Milano

Dettagli

EXPO 2015 Infrastrutture e sistema della mobilità per l Expo l. MOBILITY CONFERENCE Milano, 10 febbraio 2009

EXPO 2015 Infrastrutture e sistema della mobilità per l Expo l. MOBILITY CONFERENCE Milano, 10 febbraio 2009 EXPO 2015 Infrastrutture e sistema della mobilità per l Expo l 2015 MOBILITY CONFERENCE Milano, 10 febbraio 2009 LE OPERE ESSENZIALI (FONDI STATALI EXPO) PRIVATI PREVISTI COMUNI PROVINCIA REGIONE INTERVENTI

Dettagli

Servizio Ferroviario Metropolitano Bolognese. Collegamento tra la Stazione Centrale di Bologna e la Fiera SFM 6. Elementi di fattibilità.

Servizio Ferroviario Metropolitano Bolognese. Collegamento tra la Stazione Centrale di Bologna e la Fiera SFM 6. Elementi di fattibilità. Servizio Ferroviario Metropolitano Bolognese Collegamento tra la Stazione Centrale di Bologna e la Fiera SFM 6 Elementi di fattibilità Ottobre 2011 Collegamento tra la Stazione Centrale di Bologna e la

Dettagli

UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA ACCESSIBILITA A MALPENSA

UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA ACCESSIBILITA A MALPENSA ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA ACCESSIBILITA A MALPENSA Gennaio 2010 1. Inquadramento territoriale e programmatico L aeroporto di Malpensa è localizzato in una delle aree

Dettagli

alta velocità per il Ticino?

alta velocità per il Ticino? AlpTransit 2019: un futuro ad alta velocità per il Ticino? 24 marzo 2011 SUPSI, Lugano-Trevano Alptransit e le infrastrutture italiane del Nordovest: stato di avanzamento, problemi e prospettive Vittorio

Dettagli

Progetti e servizi per la mobilità regionale

Progetti e servizi per la mobilità regionale ECORailS Progetti e servizi per la mobilità regionale in Regione Lombardia Elena Foresti, Giorgio Stagni Brescia, 14.04.2011 1 Il trasporto regionale in Lombardia 1.920 km di linee con oltre 400 stazioni

Dettagli

Legnano, 5 maggio 2009. FIERA - MALPENSA: Andata / Ritorno

Legnano, 5 maggio 2009. FIERA - MALPENSA: Andata / Ritorno Legnano, 5 maggio 2009 FIERA - MALPENSA: Andata / Ritorno 1 Progetti Prioritari rete TEN e corridoi paneuropei 2 Progetto Prioritario 6 (TEN.T) e del Corridoio Paneuropeo V Connessione con il sistema dei

Dettagli

ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA ACCESSIBILITA A MALPENSA

ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA ACCESSIBILITA A MALPENSA ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA ACCESSIBILITA A MALPENSA Dicembre 2008 1. Inquadramento territoriale e programmatico L aeroporto di Malpensa è localizzato in una delle aree

Dettagli

Approva l Accordo a Latere sottoscritto dal Comune con R.F.I. S.p.A. e FS Sistemi Urbani;

Approva l Accordo a Latere sottoscritto dal Comune con R.F.I. S.p.A. e FS Sistemi Urbani; PROGETTO PEOPLE MOVER 16 luglio 2011 A cura di Comune di Pisa, SAT e PISAMO Contenuti della delibera del 14 luglio 2011 Contenuti Prende atto dell Accordo di Programma siglato in data 13 aprile 2011 da

Dettagli

Rete Ferroviaria Italiana Gianpiero Strisciuglio, Direttore Commerciale ed Esercizio Rete

Rete Ferroviaria Italiana Gianpiero Strisciuglio, Direttore Commerciale ed Esercizio Rete Rete Ferroviaria Italiana Gianpiero Strisciuglio, Direttore Commerciale ed Esercizio Rete 1 Overview Brescia e l Europa: i corridoi della Rete TEN-T Nodo di Brescia: infrastruttura e servizi Il Piano TPL

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI MILANO REGIONE LOMBARDIA E FERROVIE DELLO STATO ITALIANE

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI MILANO REGIONE LOMBARDIA E FERROVIE DELLO STATO ITALIANE TRASFORMAZIONE URBANISTICA DELLE AREE FERROVIARIE DISMESSE E POTENZIAMENTO DEL SISTEMA FERROVIARIO DI MILANO Comune di Milano ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI MILANO REGIONE LOMBARDIA E FERROVIE DELLO

Dettagli

GOVERNANCE DEL PROGETTO DA PARTE DELL OSSERVATORIO ATTIVITÀ DI PROPOSTA E DI INTERAZIONE

GOVERNANCE DEL PROGETTO DA PARTE DELL OSSERVATORIO ATTIVITÀ DI PROPOSTA E DI INTERAZIONE . GOVERNANCE DEL PROGETTO DA PARTE DELL OSSERVATORIO ATTIVITÀ DI PROPOSTA E DI INTERAZIONE PROPOSTE PROVENIENTI DAL TERRITORIO RELATIVAMENTE ALLA TRATTA FUNZIONALE GRONDA MERCI (SETTORE NORD OVEST) ED

Dettagli

CdL Vicenza 16 gennaio 2015 Ilario Simonaggio Segretario Generale Filt Veneto

CdL Vicenza 16 gennaio 2015 Ilario Simonaggio Segretario Generale Filt Veneto CdL Vicenza 16 gennaio 2015 Ilario Simonaggio Segretario Generale Filt Veneto 16/01/2015 1 Contesto nazionale e locale Utile premessa: nessuna linea ferroviaria italiana supera gli standard internazionali

Dettagli

8.10: CONFRONTO SCENARIO TENDENZIALE CANTIERE B VISTA SUD EST

8.10: CONFRONTO SCENARIO TENDENZIALE CANTIERE B VISTA SUD EST Tavola 8.10: CONFRONTO SCENARIO TENDENZIALE CANTIERE B VISTA SUD EST - Flussi di traffico sulla rete viaria locale. Fascia oraria 7:30 8:30. Veicoli equivalenti Pagina 135/145 Tavola 8.11: CONFRONTO SCENARIO

Dettagli

0.742.140.345.43. Convenzione

0.742.140.345.43. Convenzione Testo originale 0.742.140.345.43 Convenzione tra il Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni e il Ministero dei trasporti e della navigazione della Repubblica

Dettagli

Gli interventi per il nuovo assetto del nodo di Novara prevedono:

Gli interventi per il nuovo assetto del nodo di Novara prevedono: Gli interventi per il nuovo assetto del nodo di Novara prevedono: La realizzazione di un nuovo asse merci Vignale-Novara. Consente di potenziare il traffico merci da e per Domodossola-Luino e di liberare

Dettagli

01/06/2014-1 - AEROPORTO DI MILANO-BERGAMO

01/06/2014-1 - AEROPORTO DI MILANO-BERGAMO 01/06/2014-1 - AEROPORTO DI MILANO-BERGAMO LA PORTA D ACCESSO DELLA ZONA EST DELLA REGIONE LOMBARDIA Uno dei principali fattori di successo dell Aeroporto di Milano Bergamo è dato dalla posizione geografica,

Dettagli

Ecco tutte le novità che verranno introdotte con il nuovo orario del servizio ferroviario regionale che entrerà in vigore il prossimo 12 dicembre.

Ecco tutte le novità che verranno introdotte con il nuovo orario del servizio ferroviario regionale che entrerà in vigore il prossimo 12 dicembre. Ecco tutte le novità che verranno introdotte con il nuovo orario del servizio ferroviario regionale che entrerà in vigore il prossimo 12 dicembre. "Come ho già avuto modo di affermare - è il commento dell'assessore

Dettagli

Analisi di capacità di infrastruttura regionale; dallo stato attuale al Piano di potenziamento

Analisi di capacità di infrastruttura regionale; dallo stato attuale al Piano di potenziamento SEF 15-4 Convegno Nazionale Sicurezza ed Esercizio Ferroviario Università La Sapienza Facoltà di Ingegneria Analisi di capacità di infrastruttura regionale; dallo stato attuale al Piano di potenziamento

Dettagli

LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEL TRASPORTO AEREO PASSEGGERI E MERCI NEL NORD ITALIA

LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEL TRASPORTO AEREO PASSEGGERI E MERCI NEL NORD ITALIA Intervento Giuseppe Castelli Vice Presidente Assolombarda Seminario LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEL TRASPORTO AEREO PASSEGGERI E MERCI NEL NORD ITALIA Sala Falck Assolombarda 10 febbraio 2009 Tutte le relazioni

Dettagli

La nuova Linea di Alta Capacità Napoli-Bari

La nuova Linea di Alta Capacità Napoli-Bari La nuova Linea di Alta Capacità Napoli-Bari Dario Gentile - aprile 2009 1 LE TAPPE DEL PROGETTO DELLA LINEA DI ALTA CAPACITÀ NAPOLI-BARI Il rilancio della linea Napoli-Bari è stato possibile dopo anni

Dettagli

YOUR WAY TO EXPO. Trenord è rivenditore ufficiale

YOUR WAY TO EXPO. Trenord è rivenditore ufficiale YOUR WAY TO EXPO Trenord è rivenditore ufficiale 1 Rivenditore autorizzato LA LOMBARDIA SU FERRO TRENORD è nata il 3 maggio 2011 dalla fusione di due aziende leader nel trasporto ferroviario Trenitalia

Dettagli

COME RAGGIUNGERE fieramilano

COME RAGGIUNGERE fieramilano MILANO SPECIALE EXPO 2015 INDICE Metropolitana pag. 1 Mezzi di Superficie pag. 2 Auto pag. 2 Mappa accessibilità pag. 3 Treno pag. 4 Mappa Metropolitane e Linee S pag. 5 Mappa Servizio Ferroviario Suburbano

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla delibera n. 380/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a) l ambito dell intervento regolamentare proposto, con particolare

Dettagli

CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO

CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO Accessibilità Malpensa Collegamento tra la S.S. n. 11 "Padana Superiore" a Magenta e la Tangenziale Ovest di Milano, con variante di Abbiategrasso e adeguamento in sede del

Dettagli

L interruzione della A19 Palermo-Catania: una stima preliminare del danno

L interruzione della A19 Palermo-Catania: una stima preliminare del danno L interruzione della A19 Palermo-Catania: una stima preliminare del danno Raffaele Grimaldi, Andrea Debernardi, Emanuele Ferrara, Paolo Beria NOTA TECNICA 1/2015 APRILE 2015 TRASPOL LABORATORIO DI POLITICA

Dettagli

Alptransit 2017 Infrastrutture per il trasferimento del traffico merci

Alptransit 2017 Infrastrutture per il trasferimento del traffico merci Alptransit 2017 Infrastrutture per il trasferimento del traffico merci Alptransit sarà all altezza delle esigenze di mercato? Nel 2008, circa 900.000 spedizioni stradali hanno attraversato le Alpi svizzere

Dettagli

Un progetto per il Paese

Un progetto per il Paese Un progetto per il Paese ASSISE 2011 La funzione di Unindustria Introduzione Lo sviluppo dell 'aeroporto "Leonardo da Vinci" di Roma Fiumicino rappresenta uno degli obiettivi più importanti per la crescita

Dettagli

LA LOMBARDIA PER IL RILANCIO DI MALPENSA E PER LA SOLUZIONE DELLA CRISI ALITALIA

LA LOMBARDIA PER IL RILANCIO DI MALPENSA E PER LA SOLUZIONE DELLA CRISI ALITALIA Nel corso degli ultimi dieci anni, la Lombardia ha fortemente investito in una strategia di rafforzamento dell accessibilità aerea propria e dell Italia settentrionale, operando per il rafforzamento della

Dettagli

Empoli. Centrale. inquadramento ciclostazioni

Empoli. Centrale. inquadramento ciclostazioni Empoli Centrale numero di treni e passeggeri giornalieri feriali sabato domenica 198 189 124 6.961 4.580 3.315 Localizzazione La stazione di Empoli ha una posizione molto centrale, a poca distanza dal

Dettagli

Il 13 dicembre 2009 a Vignate arrivano le linee S: il treno quasi come un metrò

Il 13 dicembre 2009 a Vignate arrivano le linee S: il treno quasi come un metrò Il 13 dicembre 2009 a Vignate arrivano le linee S: il treno quasi come un metrò Quadrante Est Tratta Milano - Treviglio Cambio orario del 13 dicembre 2009 1 Il cambio orario del 13 dicembre 2009 Con il

Dettagli

Osservazioni di Trenitalia S.p.A. Allegato A alla Delibera dell Autorità di Regolazione dei Trasporti n. 103 del 30 novembre 2015

Osservazioni di Trenitalia S.p.A. Allegato A alla Delibera dell Autorità di Regolazione dei Trasporti n. 103 del 30 novembre 2015 Osservazioni di Trenitalia S.p.A. Allegato A alla Delibera dell Autorità di Regolazione dei Trasporti n. 103 del 30 novembre 2015 Misure concernenti il contenuto minimo degli specifici diritti, anche di

Dettagli

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 07 - LE STAZIONI

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 07 - LE STAZIONI UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 07 - LE STAZIONI Docente: Ing. Marinella Giunta DEFINIZIONI Vengono definite

Dettagli

Le infrastrutture ferroviarie del Nord Est

Le infrastrutture ferroviarie del Nord Est Le infrastrutture ferroviarie del Nord Est Grazie agli interventi di potenziamento infrastrutturale e di ammodernamento tecnologico delle linee ferroviarie del Nord Est portati a termine negli ultimi anni

Dettagli

Commissione Potenziamento Ferroviario Rho-Gallarate. Comune di Vanzago 29 Settembre 2014

Commissione Potenziamento Ferroviario Rho-Gallarate. Comune di Vanzago 29 Settembre 2014 Commissione Potenziamento Ferroviario Rho-Gallarate Comune di Vanzago 29 Settembre 2014 Agenda Accordo MIT-RFI - Agosto 2014 Assemblea Generale Consiglio Superiore Lavori Pubblici del 26/9/2014 Consultazione

Dettagli

MOBILITY CONFERENCE 2015

MOBILITY CONFERENCE 2015 MOBILITY CONFERENCE 2015 IL GOVERNO DELLE CITTÀ METROPOLITANE PER LA COMPETITIVITÀ DEL TERRITORIO Opportunità, nodi da sciogliere e possibili soluzioni per costruire la mobilità del futuro. Milano, 9 febbraio

Dettagli

Il 13 dicembre 2009 a Cassano d Adda arrivano le linee S: il treno quasi come un metrò

Il 13 dicembre 2009 a Cassano d Adda arrivano le linee S: il treno quasi come un metrò Il 13 dicembre 2009 a Cassano d Adda arrivano le linee S: il treno quasi come un metrò Quadrante Est Tratta Milano - Treviglio Cambio orario del 13 dicembre 2009 1 Il cambio orario del 13 dicembre 2009

Dettagli

FNM: COSA SUCCEDE. GIOVEDI 28 maggio ORE 21 SALA CONFERENZE BIBLIOTECA CIVICA

FNM: COSA SUCCEDE. GIOVEDI 28 maggio ORE 21 SALA CONFERENZE BIBLIOTECA CIVICA Il Circolo Pd di Castellanza organizza una ASSEMBLEA PUBBLICA SU FNM: COSA SUCCEDE GIOVEDI 28 maggio ORE 21 SALA CONFERENZE BIBLIOTECA CIVICA Aprile 2001 Atto integrativo all'accordo di programma Giugno

Dettagli

80.000 mq di terreno adiacente all aeroporto di Milano Malpensa. Un ubicazione strategica e di prestigio per realizzare i vostri progetti.

80.000 mq di terreno adiacente all aeroporto di Milano Malpensa. Un ubicazione strategica e di prestigio per realizzare i vostri progetti. di terreno adiacente all aeroporto di Milano Malpensa. Un ubicazione strategica e di prestigio per realizzare i vostri progetti. Indice Generale 80.000 mq - UBICAZIONE GENERALE - DETTAGLIO INFRASTRUTTURE

Dettagli

Quadrante Est Tratta Milano - Treviglio Cambio Orario del 13 dicembre 2009

Quadrante Est Tratta Milano - Treviglio Cambio Orario del 13 dicembre 2009 Il 13 dicembre 2009 a Pioltello un treno e più ogni 15 minuti: le linee S raddoppiano e e la stazione diventa crocevia per il Passante, Lambrate, Centrale e Greco Quadrante Est Tratta Milano - Treviglio

Dettagli

6.1. Generalità LA SITUAZIONE ATTUALE

6.1. Generalità LA SITUAZIONE ATTUALE 6. Modelli di esercizio ferroviario 6.1. eneralità La definizione di uno o più modelli di esercizio ferroviario, che specifichi quali treni dovranno circolare sulla rete di progetto ai vari orizzonti temporali,

Dettagli

GUIDA AL MERCATO DEGLI UFFICI DI MILANO E HINTERLAND 2013-2015

GUIDA AL MERCATO DEGLI UFFICI DI MILANO E HINTERLAND 2013-2015 ESTRATTO GUIDA AL MERCATO DEGLI UFFICI DI MILANO E HINTERLAND 2013-2015 Domanda, offerta e rating di zona per investire e vendere al meglio Il mercato degli uffici di Milano e hinterland è il più importante

Dettagli

PROFILO DEL GRUPPO Group overview

PROFILO DEL GRUPPO Group overview Group overview Lorem ipsum GRUPPO FNM. IL È TUTTO GRUPPO FNM FNM è il principale gruppo integrato nel trasporto e nella mobilità in Lombardia ed il più importante operatore non statale italiano nel settore.

Dettagli

VERSO MALPENSA DUEMILA

VERSO MALPENSA DUEMILA AEROPORTI & MALPENSA VERSO MALPENSA DUEMILA Dopo anni di stasi il programma di attuazione dell aeroporto intercontinentale del nord Italia e del collegamento ferroviario con Milano è entrato in una fase

Dettagli

La MM, un fattore di successo nei processi di riqualificazione di Milano

La MM, un fattore di successo nei processi di riqualificazione di Milano 1 La riqualificazione delle grandi infrastrutture La MM, un fattore di successo nei processi di riqualificazione di Milano Sergio Viganò 1 ABSTRACT Lo sviluppo di Milano dell ultimo decennio è avvenuto

Dettagli

ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA ACCESSIBILITA A EXPO 2015

ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA ACCESSIBILITA A EXPO 2015 ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA ACCESSIBILITA A EXPO 2015 Dicembre 2008 1. Inquadramento territoriale e programmatico L esposizione universale che si realizzerà a Milano

Dettagli

La Ferrovia Trento - Borgo Valsugana - Bassano e l esperienza della Provincia Autonoma di Trento

La Ferrovia Trento - Borgo Valsugana - Bassano e l esperienza della Provincia Autonoma di Trento Allegato n.1 La Ferrovia Trento - Borgo Valsugana - Bassano e l esperienza della Provincia Autonoma di Trento L infrastruttura La ferrovia Trento Bassano del Grappa o ferrovia della Valsugana è una linea

Dettagli

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France 27 Novembre 2012 Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France Laurence Debrincat, STIF Workshop sui Piani Urbani della Mobilità Sostenibile - Milano 2 Sommario Il contesto delle politiche

Dettagli

L IMPEGNO DI RFI IN LIGURIA

L IMPEGNO DI RFI IN LIGURIA L IMPEGNO DI RFI IN LIGURIA Imperia-Porto Maurizio, 21 luglio 2008 Il territorio della Liguria è interessato da un intenso programma di potenziamento infrastrutturale e tecnologico. Rete Ferroviaria Italiana

Dettagli

Campidoglio due, la città dei cittadini Piano per la rilocalizzazione degli uffici centrali del Comune di Roma

Campidoglio due, la città dei cittadini Piano per la rilocalizzazione degli uffici centrali del Comune di Roma Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Roma Risorse per Roma Spa Campidoglio due, la città dei cittadini Piano per la rilocalizzazione degli uffici centrali del Comune di Roma Piano

Dettagli

Guardando alla data odierna, Milano, ha già superato il bonus di pm 10 dei 35 giorni.

Guardando alla data odierna, Milano, ha già superato il bonus di pm 10 dei 35 giorni. 1 Prima di qualsiasi altra valutazione, vorrei soffermarmi su tre considerazioni, per me fondamentali per meglio definire il contesto in cui si sviluppa la nostra azione o le nostre pratiche sindacali,

Dettagli

SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO

SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO La collina degli Erzelli, occupata in precedenza da attività di deposito e movimentazione container, è interessata oggi da un progetto volto

Dettagli

AdmiRail. Future of Humane Machine Interface. Piattaforma IT a supporto della gestione operativa per l ottimizzazione della circolazione ferroviaria

AdmiRail. Future of Humane Machine Interface. Piattaforma IT a supporto della gestione operativa per l ottimizzazione della circolazione ferroviaria Future of Humane Machine Interface Piattaforma IT a supporto della gestione operativa per l ottimizzazione della circolazione ferroviaria AdmiRail AdmiRail : La sfida di partenza Il progetto AdmiRail nasce

Dettagli

La città che cambia. Per ospitare eventi Con un grande parco urbano

La città che cambia. Per ospitare eventi Con un grande parco urbano La città che cambia Per ospitare eventi Con un grande parco urbano Variante al piano strutturale per nuove funzioni pubbliche e strutture di servizio complementari all aeroporto Comune di Pisa Perchè la

Dettagli

COME RAGGIUNGERE fieramilano e fieramilanocity

COME RAGGIUNGERE fieramilano e fieramilanocity e fieramilanocity MILANO e fieramilanocity INDICE COME RAGGIUNGERE fieramilano pg. 1...Metropolitana pg. 2...Mezzi di superficie e Auto pg. 3...Mappa accessibilità pg. 4...Treno pg. 5...Mappa servizio

Dettagli

APPALTI e CONCESSIONI

APPALTI e CONCESSIONI DOTAZIONE INFRASTRUTTURE: DATI UE E NAZIONALI L ISPO (Istituto per gli studi sulla Pubblica opinione) ha reso noti i dati di una ricerca comparata sulle infrastrutture, sia a livello comunitazio che nazionnale.

Dettagli

Collegamenti ferroviari con la Svizzera in territorio della Provincia di Varese

Collegamenti ferroviari con la Svizzera in territorio della Provincia di Varese Collegamenti ferroviari con la Svizzera in territorio della Provincia di Varese Bellinzona Luino Laveno Mombello Laveno Mombello Gallarate Sesto Calende Laveno Mombello Varese 29 aprile 2014 Fonte: CIM

Dettagli

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it INTRODUZIONE Definizioni Si definisce stazione ogni complesso organico di impianti

Dettagli

UN NUOVO SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE AUTOMOBILISTICO E MARITTIMO PER IL FRIULI VENEZIA GIULIA

UN NUOVO SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE AUTOMOBILISTICO E MARITTIMO PER IL FRIULI VENEZIA GIULIA UN NUOVO SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE AUTOMOBILISTICO E MARITTIMO PER IL FRIULI VENEZIA GIULIA [CONFERENZA STAMPA] Udine - 27 Ottobre 2014 Assessorato Infrastrutture, Mobilità, Pianificazione

Dettagli

Negli studi P047.1 e P065.1 sono stati messi in evidenza i numerosi fattori di criticità della rete ferroviaria cremonese.

Negli studi P047.1 e P065.1 sono stati messi in evidenza i numerosi fattori di criticità della rete ferroviaria cremonese. 2. CRITICITÀ 2.1 LA STRUTTURA DELLA RETE Negli studi P047.1 e P065.1 sono stati messi in evidenza i numerosi fattori di criticità della rete ferroviaria cremonese. Il fatto che essa sia integralmente a

Dettagli

Dal 9 dicembre 2012 la linea S9 arriva a Saronno

Dal 9 dicembre 2012 la linea S9 arriva a Saronno Dal 9 dicembre 2012 la linea S9 arriva a Saronno Quadrante Nord Tratta Saronno - Seregno Materiale per accompagnare l avvio dei nuovi servizi ferroviari del 9 dicembre 2012 1 Un nuovo servizio per Monza

Dettagli

Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo

Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo Assessorato ai Trasporti Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo La mobilità delle persone in ambito urbano

Dettagli

Programma Infrastrutture Strategiche

Programma Infrastrutture Strategiche Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Programma Infrastrutture Strategiche 6 Documento di Programmazione Economica e Finanziaria Programmare il Territorio le Infrastrutture le Risorse Giugno 2008

Dettagli

CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO

CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO Accessibilità ferroviaria Malpensa Opere connesse all'expo: tratta Rho-Gallarate e Raccordo Y per la connessione diretta tra Rho-Fiera/Expo e Malpensa SCHEDA N. 13 LOCALIZZAZIONE

Dettagli

(ma non solo) Presentazione Caroline Camponovo Presidente Sezione SI ATA Bruno Storni Membro Comitato Centrale ATA

(ma non solo) Presentazione Caroline Camponovo Presidente Sezione SI ATA Bruno Storni Membro Comitato Centrale ATA (ma non solo) Presentazione Caroline Camponovo Presidente Sezione SI ATA Bruno Storni Membro Comitato Centrale ATA Nel 2012 l ATA, Sezione della Svizzera italiana, ha fatto allestire dalla mrs partner

Dettagli

Tavolo regionale per la mobilità delle merci

Tavolo regionale per la mobilità delle merci Tavolo regionale per la mobilità delle merci Scenari e prospettive di contesto Milano 04 Marzo 2011 Oliviero Baccelli CERTeT Università Bocconi Indice dei temi trattati Gli scenari socio-economici di riferimento

Dettagli

PIT Progetto Integrato Territoriale Stazione accessibile. Integrazione delle politiche di riqualificazione del centro urbano di Terni

PIT Progetto Integrato Territoriale Stazione accessibile. Integrazione delle politiche di riqualificazione del centro urbano di Terni PIT Progetto Integrato Territoriale Stazione accessibile. Integrazione delle politiche di riqualificazione del centro urbano di Terni IL PIT Il Progetto Integrato Territoriale ed il POR-FESR 2007-13 Il

Dettagli

ITALO-SVIZZERA. economia e territorio

ITALO-SVIZZERA. economia e territorio economia e territorio D opo almeno un decennio di costosi studi da parte delle Ferrovie dello Stato e delle Ferrovie federali svizzere, e contrastanti prese di posizione da parte italiana e svizzera su

Dettagli

Sistema Tangenziale di Lucca. Progetto Preliminare INDICE

Sistema Tangenziale di Lucca. Progetto Preliminare INDICE INDICE 1 PREMESSA... 2 2 COSTI DI REALIZZAZIONE E COSTI DI GESTIONE... 4 3 BENEFICI TRASPORTISTICI... 6 4 VARIAZIONE DELLA SICUREZZA... 8 5 BENEFICI AMBIENTALI -VARIAZIONE INQUINAMENTO ATMOSFERICO... 11

Dettagli

ASSE 2 CABINA DI REGIA PER GOVERNARE LE TRASFORMAZIONI

ASSE 2 CABINA DI REGIA PER GOVERNARE LE TRASFORMAZIONI ASSE 2 CABINA DI REGIA PER GOVERNARE LE TRASFORMAZIONI COMUNE DI NOVARA CODICE15.3.1.5 Cabina di Regia: funzioni di rango urbano e gateway Scheda azioni Immateriali Cabina di Regia: funzioni di rango urbano

Dettagli

16 maggio 2013 Regione Lombardia DG Infrastrutture e Mobilità. Tavolo territoriale SFR per il Quadrante Est

16 maggio 2013 Regione Lombardia DG Infrastrutture e Mobilità. Tavolo territoriale SFR per il Quadrante Est 16 maggio 2013 Regione Lombardia DG Infrastrutture e Mobilità Tavolo territoriale SFR per il Quadrante Est Tavolo territoriale del SFR - Quadrante Est Tavolo Numero dir Nome direttrice Tipo linea Numero

Dettagli

La qualità ferroviaria in Emilia - Romagna

La qualità ferroviaria in Emilia - Romagna Direzione Generale Reti infrastrutturali, Logistica e Sistemi di mobilità La qualità ferroviaria in Emilia - Romagna Laura Brugnolo Servizio Ferrovie Convegno Verso il nuovo PRIT - Qualità & TPL: dalla

Dettagli

1. Il contesto territoriale e delle infrastrutture di mobilità. 2. I lavori di riqualificazione della linea suburbana Ferrara-Codigoro

1. Il contesto territoriale e delle infrastrutture di mobilità. 2. I lavori di riqualificazione della linea suburbana Ferrara-Codigoro Un ramo secco rifiorisce? Ferrara Il collegamento tram-treno tra città e nuovo Ospedale Ing. Alberto Croce Dirigente area tecnica AMI - Agenzia Mobilità e Impianti di Ferrara La presentazione 1. Il contesto

Dettagli

La sviluppo della macroarea Genova-Milano in funzione dell industria logistica del Nord Ovest

La sviluppo della macroarea Genova-Milano in funzione dell industria logistica del Nord Ovest Porti e La sviluppo della macroarea Genova-Milano in funzione dell industria logistica del Nord Ovest Riccardo Fuochi Presidente Propeller Port Club di Milano Genova 19 settembre 2013 Il Propeller Port

Dettagli

Gerarchia dei servizi e delle infrastrutture nel trasporto pubblico

Gerarchia dei servizi e delle infrastrutture nel trasporto pubblico Programmazione, esercizio e gestione di reti di trasporto pubblico di interesse regionale e locale: esperienze europee a confronto Convegno Nazionale 5a edizione Genova, 7 maggio 2014 Gerarchia dei servizi

Dettagli

Servizi di traghettamento sullo Stretto di Messina. Informativa per le OOSS nazionali. Roma, 2 febbraio 2015

Servizi di traghettamento sullo Stretto di Messina. Informativa per le OOSS nazionali. Roma, 2 febbraio 2015 Servizi di traghettamento sullo Stretto di Messina Informativa per le OOSS nazionali Roma, 2 febbraio 2015 Servizi su Stretto di Messina fino al 31 dicembre 2014 Servizio di traghettamento di treni passeggeri

Dettagli

MILANO. a cura ufficio DO-L-SAM

MILANO. a cura ufficio DO-L-SAM COME RAGGIUNGERE fieramilano e fieramilanocity MILANO COME RAGGIUNGERE fieramilano e fieramilanocity INDICE COME RAGGIUNGERE fieramilano pg. 1...Metropolitana pg. 2...Mezzi di superficie e Auto pg. 3...Mappa

Dettagli

Lo scenario di riferimento del PUM

Lo scenario di riferimento del PUM Lo scenario di riferimento del PUM I principali elementi invarianti che caratterizzano lo scenario di riferimento sono: Interventi sulla viabilità Riassetto nodo autostradale / Gronda di Ponente Tunnel

Dettagli

[ ] ****** IMPEGNI PRESENTATI DA TRENITALIA

[ ] ****** IMPEGNI PRESENTATI DA TRENITALIA [ ] ****** IMPEGNI PRESENTATI DA TRENITALIA 1. IMPEGNO NEI CONFRONTI DI GVG Il presente impegno ha ad oggetto le richieste formulate da GVG in merito alla costituzione di una associazione internazionale

Dettagli

IL PARCHEGGIO D INTERSCAMBIO DI FAMAGOSTA

IL PARCHEGGIO D INTERSCAMBIO DI FAMAGOSTA IL PARCHEGGIO D INTERSCAMBIO DI FAMAGOSTA Uno dei maggiori parcheggi periferici di interscambio di Milano, realizzato dalla Metropolitana Milanese, si avvia a servire l area sud del capoluogo lombardo

Dettagli

9 dicembre 2012: la linea S9 arriva a Ceriano Laghetto-Solaro. il treno quasi come un metrò

9 dicembre 2012: la linea S9 arriva a Ceriano Laghetto-Solaro. il treno quasi come un metrò 9 dicembre 2012: la linea S9 arriva a Ceriano Laghetto-Solaro. il treno quasi come un metrò Quadrante Nord Tratta Saronno - Seregno Materiale per accompagnare l avvio dei nuovi servizi ferroviari del 9

Dettagli

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 Verso un utilizzo più strategico imparando dall esperienza maturata Roberto D Auria Mario Guido Gruppo di lavoro Competitività Roma, 28 ottobre 2013 L esperienza

Dettagli

L esperienza delle LAM a Prato e la Prospettiva del Tram

L esperienza delle LAM a Prato e la Prospettiva del Tram L esperienza delle LAM a Prato e la Prospettiva del Tram MOBILITA SOSTENIBILE PER LE CITTA MEDI PICCOLE SCELTE LOGICHE E NON IDEOLOGICHE Forlimpopoli / novembre 2008 1 2 !"# $ " % &" &" ' ( %!) &" $!"%

Dettagli

Progetto promosso e finanziato dalla. Unione Regionale delle Camere di Commercio del Lazio

Progetto promosso e finanziato dalla. Unione Regionale delle Camere di Commercio del Lazio Osservatorio infrastrutture, trasporti e ambiente della Regione Lazio Progetto promosso e finanziato dalla Unione Regionale delle Camere di Commercio del Lazio Dossier conclusivo Maggio 2008 Il presente

Dettagli

Fiumicino e Malpensa: due sistemi aeroportuali a confronto. IL SISTEMA DEI VALICHI ALPINI Monitoraggio dei flussi e valutazione degli effetti sulle

Fiumicino e Malpensa: due sistemi aeroportuali a confronto. IL SISTEMA DEI VALICHI ALPINI Monitoraggio dei flussi e valutazione degli effetti sulle Fiumicino e Malpensa: due sistemi aeroportuali a confronto Maggio 2007 IL SISTEMA DEI VALICHI ALPINI Monitoraggio dei flussi e valutazione degli effetti sulle 1 Premessa La presentazione che segue si pone

Dettagli

CATEGORIE DI ATTIVITA CONSULENZE IN PROCEDIMENTI GIUDIZIARI 4.0 BONIFICA ACUSTICA/ PROGETTAZIONE ACUSTICA

CATEGORIE DI ATTIVITA CONSULENZE IN PROCEDIMENTI GIUDIZIARI 4.0 BONIFICA ACUSTICA/ PROGETTAZIONE ACUSTICA 1. Tabella delle categorie di attività CATEGORIE DI ATTIVITA MISURE RELAZIONI TECNICHE REQUISITI ACUSTICI DELLE SORGENTI SONORE NEI LUOGHI DI INTRATTENIMENTO DANZANTE E DI PUBBLICO SPETTACOLO ex DPCM 215/99

Dettagli

PROPRIETARIA e PROPONENTE EURNOVA S.R.L. Data: 28 agosto 2014 RELAZIONE TECNICA RELATIVA ALLE MODIFICHE ALLO STUDIO DI FATTIBILITA'

PROPRIETARIA e PROPONENTE EURNOVA S.R.L. Data: 28 agosto 2014 RELAZIONE TECNICA RELATIVA ALLE MODIFICHE ALLO STUDIO DI FATTIBILITA' PROPRIETARIA e PROPONENTE EURNOVA S.R.L. Data: 28 agosto 2014 RELAZIONE TECNICA RELATIVA ALLE MODIFICHE ALLO STUDIO DI FATTIBILITA' Relazione tecnica relativa alle modifiche al progetto di fattibilita

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

IL NUOVO PIANO NAZIONALE DELLA LOGISTICA 2011-2020: EFFETTI SUL TERRITORIO EMILIANO-ROMAGNOLO. Modena, 4 aprile 2011

IL NUOVO PIANO NAZIONALE DELLA LOGISTICA 2011-2020: EFFETTI SUL TERRITORIO EMILIANO-ROMAGNOLO. Modena, 4 aprile 2011 IL NUOVO PIANO NAZIONALE DELLA LOGISTICA 2011-2020: EFFETTI SUL TERRITORIO EMILIANO-ROMAGNOLO Modena, 4 aprile 2011 1 PIANO NAZIONALE DELLA LOGISTICA Strumento per la Competitività del Paese In un paese

Dettagli

PRA PLANIMETRIA DEL TERRITORIO

PRA PLANIMETRIA DEL TERRITORIO PRA PLANIMETRIA DEL TERRITORIO Scalo Smistamento Retroporto Casello Alessandria sud A27 Genova - Gravellona Toce Strada di collegamento con la tangenziale 1 PRA STRADA DI COLLEGAMENTO CON LA TANGENZIALE

Dettagli

IL PIANO REGOLATORE GENERALE

IL PIANO REGOLATORE GENERALE DOSSIER TORINO Lo sviluppo dell aeroporto di Torino Caselle è regolato da un Piano Regolatore Generale (Master Plan), definito dalla Società di gestione nel 1986, che individua le aree su cui devono essere

Dettagli

MUOVERSI CON I MEZZI PUBBLICI UTILIZZANDO MAPPE

MUOVERSI CON I MEZZI PUBBLICI UTILIZZANDO MAPPE ObiettivO dell attività COllegamenti COn altre discipline realizzazione Sapersi muovere con i mezzi pubblici, utilizzando mappe dei percorsi e tabelle orarie / Saper scegliere percorsi e mezzi economici

Dettagli