LA GESTIONE FINANZIARIA, LA SUA PIANIFICAZIONE & IL BUSINESS PLAN. Previsione dei fabbisogni e gestione dei flussi aziendali

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA GESTIONE FINANZIARIA, LA SUA PIANIFICAZIONE & IL BUSINESS PLAN. Previsione dei fabbisogni e gestione dei flussi aziendali"

Transcript

1 LA GESTIONE FINANZIARIA, LA SUA PIANIFICAZIONE & IL BUSINESS PLAN Previsione dei fabbisogni e gestione dei flussi aziendali

2 AGENDA CARATTERI GENERALI DELLA FUNZIONE FINANZIARIA PERCHE L AZIENDA NECESSITA DELLA FUNZIONE FINANZIARIA L ATTIVITA PREVISIONALE NELLA FUNZIONE FINANZIARIA : Il Budget Finanziario GLI STRUMENTI DI FINANZIAMENTO LA TESORERIA AZIENDALE ED IL CASH MANAGEMENT IL RAPPORTO BANCA IMPRESA IL BUSINESS PLAN CONCLUSIONI

3 ASPETTI GENERALI DELLA FUNZIONE FINANZIARIA (Dr. Mirco Bonamini)

4 DEFINIZIONE DI GESTIONE FINANZIARIA Complesso di decisioni ed operazioni volte a reperire ed impiegare il capitale nell impresa La Gestione Finanziaria riguarda, quindi, la Gestione del Denaro

5 PROBLEMA PER LA GESTIONE FINANZIARIA Il denaro ha un costo In termini di interessi passivi se ottenuto in prestito In termini di interessi sulle disponibilità liquide Obiettivo Fare in modo che: Non esistano mai somme inutilizzate Non vengano percepiti interessi attivi non remunerativi

6 OBIETTIVI DELLA GESTIONE AZIENDALE GESTIONE FINANZIARIA EQUILIBRIO ECONOMICO Bilanciamento tra Ricavi e Costi Obiettivo : il prevalere dei primi sui secondi PROFITTO EQUILIBRIO FINANZIARIO Bilanciamento tra impieghi e fonti di Capitale Obiettivo: impieghi e investimenti abbiano la giusta copertura SOLVIBILITA EQUILIBRIO MONETARIO Bilanciamento tra entrate ed uscite di cassa Obiettivo : preservare la liquidità in termini di Cash Flow LIQUIDITA

7 COMPITI DELLA GESTIONE FINANZIARIA La programmazione finanziaria a lungo, breve e brevissimo termine La gestione del piano finanziario Il governo della liquidità

8 CAPITALE FISSO E CAPITALE CIRCOLANTE IL CAPITALE FISSO è quello necessario ad acquisire immobilizzazioni, o, più in generale, quello necessario per effettuare investimenti IL CAPITALE CIRCOLANTE è quello necessario a far fronte alla gestione corrente, o, più in generale, quello necessario per effettuare il ciclo acquisti produzione - vendita

9 Composto essenzialmente da: Scorte di magazzino Crediti Commerciali Debiti Commerciali Attività Finanziarie Altre Attività e Passività correnti CAPITALE CIRCOLANTE CAPITALE CIRCOLANTE Scorte di magazzino + Crediti Commerciali - Debiti Commerciali CAPITALE CIRCOLANTE (NETTO) COMMERCIALE + Attività Finanziarie (Liquidità) ± Altre Attività e Passività Correnti CAPITALE CIRCOLANTE NETTO

10 DINAMICA DEI FLUSSI Denaro Fattori Produttivi Beni Merci Servizi destinati alla vendita Crediti v.so Clienti Denaro

11 DINAMICA DEI FLUSSI (Esempio) Azienda in Start Up FASE 1 Avvio ATTIVO PASSIVO Cassa 1.200,00 Capitale Proprio 1.200,00 Totale Attivo 1.200,00 Totale Passivo 1.200,00 FASE 2 Approvvigionamento dei fattori produttivi ATTIVO PASSIVO Cassa 0,00 Capitale Proprio 1.200,00 Magazzino 1.200,00 Totale Attivo 1.200,00 Totale Passivo 1.200,00

12 Azienda in Start Up LA GESTIONE FINANZIARIA, LA SUA PIANIFICAZIONE E IL BUSINESS PLAN DINAMICA DEI FLUSSI (Esempio) FASE 3 Trasformazione dei fattori produttivi ATTIVO FASE 4 Chiusura e riapertura del ciclo PASSIVO Cassa 0,00 Capitale Proprio 1.200,00 Magazzino 1.700,00 Debiti v/fornitori 500,00 Totale Attivo 1.700,00 Totale Passivo 1.700,00 ATTIVO PASSIVO Cassa 400,00 Capitale Proprio 1.200,00 Crediti v/clienti 2.000,00 Debiti v/fornitori 1.200,00 Magazzino 500,00 Utile 500,00 Totale Attivo 2.900,00 Totale Passivo 2.900,00

13 EFFETTO LEVA FINANZIARIA (Levarage) Effetto prodotto da una redditività del Capitale Proprio che cresce all aumentare del livello di indebitamento dell azienda. Redditività del Capitale investito è maggiore del costo del finanziamento (tasso d interesse) ROI>i (passivo)

14 METODI PER DECISIONI DI INVESTIMENTO Valore attuale netto Prende in considerazione i flussi di cassa attualizzati e ne valuta il differenziale positivo o negativo Tasso di rendimento interno Confronta il tasso di rendimento interno dell investimento con il costo del capitale. Ci sarà un vantaggio quando il TIR>i Tempo di recupero dell investimento (pay back period) Prende in considerazione il periodo necessario ai flussi monetari in entrata per recuperare il flusso iniziale in uscita. Quanto minore sarà il periodo, tanto maggiore sarà la convenienza ad investire

15 IL CASH FLOW Misura i flussi di cassa e rappresenta il risultato della gestione Monetaria dell Impresa. Può essere misurato attraverso due diverse metodologie: Flussi di cassa - entrate ed uscite di periodo provenienti dalla gestione di tesoreria Flussi di fondi variazioni intercorse tra un periodo ed il successivo nelle fonti e negli impieghi del capitale classificato sotto l aspetto finanziario

16 IL CASH FLOW DA FLUSSI DI TESORERIA Viene determinato attraverso la differenza tra: - Entrate Monetarie (Inflow) - Uscite Monetarie (Outflow) Teoreticamente può essere distinto in: - Cash Flow Totale o Globale : riferito all intera vita dell azienda ed è una quantità puramente teorica - Cash Flow di periodo : generalmente riferito all esercizio o frazioni di esso e misura il flusso di cassa generato Il Cash Flow di periodo è composto da: - Entrate ed Uscite Correnti : saldo di cassa corrente che misura il flusso monetario che deriva dalla vendita di prodotti e servizi e dalle acquisizioni di fattori produttivi - Entrate ed Uscite non Correnti : riguardano investimenti e disinvestimenti in fattori produttivi a lento rigiro

17 IL CASH FLOW DA FLUSSI DEI FONDI Utilizzato dove si preferisce effettuare la rilevazione attraverso il reddito ed il capitale (generalmente nelle imprese industriali). Il punto di partenza è il reddito di esercizio rettificato (Cash Flow Operativo Lordo); le rettifiche riguardano tutte le poste non monetarie confluite nel reddito d esercizio: - quote d ammortamento - quote di fondi svalutazione crediti - quote di accantonamento a fondi rischi e oneri - svalutazioni e/o rivalutazioni - quote di TFR Successivamente si prendono in esame le variazioni dei fondi, degli impieghi e dei finanziamenti intervenute nel periodo

18 IL CASH FLOW DA FLUSSI DEI FONDI A seconda degli impieghi e delle fonti di finanziamento presi in esame, si avranno diverse tipologie di RENDICONTO FINANZIARIO Cash flow statement (Rendiconto delle variazioni di liquidità) Variazioni delle disponibilità liquide che danno origine ai flussi di cassa. Il risultato è lo stesso del Cash Flow Totale Working Capital Statement (Rendiconto delle variazioni del Capitale Circolante) Variazioni delle Attività e Passività correnti E il metodo consigliato dal Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti Funds Flow Statement (Rendiconto delle variazioni delle risorse finanziarie totali) Prende in esame le variazioni di tutte le voci dello Stato Patrimoniale, comprendendo anche quelle variazioni che non comportano variazioni monetarie. Il risultato è il classico rapporto Fonte-Impieghi

19 L ATTIVITA PREVISIONALE NELLA FUNZIONE FINANZIARIA (Dr. Pietro Parodi)

20 GLI ELEMENTI TRANSAZIONALI DELLA GESTIONE FINANZIARIA TRANSAZIONI DI NATURA PATRIMONIALE Movimentazione di Debiti e Crediti Misurando la Redditività del Capitale Investito TRANSAZIONI DI NATURA MONETARIA Entrate ed Uscite Analisi di flussi monetari cercando di assicurarne l equilibrio

21 GLI OBIETTIVI DELLA PROGRAMMAZIONE FINANZIARIA Ottimizzare l utilizzo delle risorse finanziare per la gestione aziendale Assicurare la liquidità necessaria nel momento opportuno garantendo la solvibilità dell impresa Pianificare l approvvigionamento delle risorse finanziarie a supporto degli investimenti Minimizzare i costi della Gestione Finanziaria Analizzare la redditività di iniziative d investimento supportando le decisioni dell imprenditore

22 ORIZZONTI TEMPORALI DELLA PROGRAMMAZIONE FINANZIARIA Orizzonte di Medio Lungo Termine oltre anno utilizzato per la pianificazione degli investimenti e piani di sviluppo (triennali, quinquennali etc.) Business Plan Orizzonte di Breve Termine entro l anno utilizzato per la programmazione della gestione aziendale Budget Finanziario Orizzonte di Brevissimo Termine entro il trimestre utilizzato per gestione puntuale delle risorse Forecast puntuale

23 GLI STRUMENTI DELLA PROGRAMMAZIONE FINANZIARIA Il BUSINESS PLAN Supporto alla base della decisione di avvio di una nuova impresa (Start up) o di un nuovo investimento. L obiettivo è l analisi dei flussi generati dall investimento analizzandone la convenienza. Il BUDGET FINANZIARIO Effettua stime sull andamento dei flussi monetari futuri con l obiettivo di armonizzare le entrate ed uscite di cassa garantendo la liquidità aziendale. Il FORECAST Effettua stime sull andamento dei flussi monetari futuri analizzando quanto accaduto nei periodi precedenti. Si utilizza per correggere le stime precedentemente effettuate.

24 IL BUDGET FINANZIARIO CARATTERISTICHE Trasforma le previsioni gestionali (Budget Gestionale) in flussi monetari Il processo di creazione è flusso complesso E composto sia da dati «certi» che da dati previsionali Determina i fabbisogni di cassa per periodo Favorisce le scelte di tesoreria del periodo

25 IL BUDGET FINANZIARIO DATI IN INPUT Budget Gestionale Vendite, Consumi, Investimenti, Spese etc. Condizioni di pagamento Clienti, Fornitori, Contratti Previsioni di andamento delle condizioni bancarie tassi di interesse, spese bancarie, affidamenti Previsioni di investimento Serie storiche dell andamento degli input principali DATI IN OUTPUT Flussi Monetari di cassa periodicizzati con evidenza della liquidità disponibile e delle eventuali necessità di cassa Costi e Ricavi attesi della Gestione Finanziaria Risultato della Gestione Finanziaria

26 IL BUDGET FINANZIARIO IL FLUSSO OPERATIVO Budget Vendite Budget Produzione Budget Budget Finanziario Budget Aziendale Personale e Servizi Generali

27 IL BUDGET FINANZIARIO ESEMPIO - DATI Tipo Azienda : Produzione Linee Prodotto : 3 produzione propria e 2 di rivendita Fatturato Esercizio precedente : Dipendenti : 15 Previsioni : fatturato > 8% tasso d interesse su portafoglio 8,00% tasso d interesse su scoperto c/c 12,00%

28 IL BUDGET FINANZIARIO - Esempio

29 IL BUDGET FINANZIARIO - Esempio

30 ESEMPIO DI BUDGET FINANZIARIO BADGET VENDITE

31 ESEMPIO DI BUDGET FINANZIARIO TERMINI DI PAGAMENTO GIORNI CLIENTI Totale R.D. Ri.Ba. FORNITORI % 24% 9% 20% % 11% 30% 50% % 26% 30% 30% % 35% 24% % 2% 5% Oltre 150 1% 2% 2% TOTALE 40% 60%

32 ESEMPIO DI BUDGET FINANZIARIO DISTRIBUZIONE DELLE ENTRATE NEL TEMPO

33 ESEMPIO DI BUDGET FINANZIARIO DISTRIBUZIONE DELLE USCITE NEL TEMPO

34 ESEMPIO DI BUDGET FINANZIARIO

35 ESEMPIO DI BUDGET FINANZIARIO (Movimenti Bancari)

36 ESEMPIO DI BUDGET FINANZIARIO

37 IL FORECAST CARATTERISTICHE Effettua previsioni basandosi su quanto avvenuto in passato Adeguamento continuo delle stime in base alle previsioni future E una tipologia di previsione dinamica Determina i fabbisogni di cassa per periodo Favorisce le scelte di tesoreria di brevissimo periodo

38 IL FORECAST - ESEMPIO

39 IL FORECAST - ESEMPIO

40 GLI STRUMENTI DI FINANZIAMENTO (Dr. Mirco Bonamini)

41 GLI STRUMENTI DI FINANZIAMENTO Essenzialmente suddivisi in due macrocategorie: Finanziamento con il ricorso a mezzi propri: Autofinanziamento : generazione di risorse finanziarie dalla gestione aziendale Capitali provenienti dalla Proprietà : aumento dei mezzi propri attraverso aumenti di Capitale sottoscritti direttamente dalla Proprietà Mercato di Capitali : aumento dei mezzi propri attraverso aumenti di Capitale sottoscritti dalla Borsa Finanziamento con il ricorso a mezzi forniti da terzi: Banche o altre istituzioni finanziarie (Società di Leasing e/o Factoring) Finanziamento Mercantile: in particolare fornitori

42 CRITERI DI SCELTA DELLA FONTE FINANZIARIA Gli elementi che concorrono alla scelta del metodo di finanziamento dipendono da: Le caratteristiche del fabbisogno finanziario: finanziamento del ciclo breve (capitale circolante) o di un investimento fisso La convenienza economica del finanziamento (Pay Back Period) e sua sostenibilità finanziaria Aspetto fiscale dell operazione di investimento e del relativo finanziamento

43 CRITERI DI SCELTA DELLA FONTE FINANZIARIA L appoggio creditizio dovrebbe sempre essere adeguato alle effettive necessità aziendali con particolare riferimento all orizzonte temporale Il ricorso alla Banca, come forma di finanziamento, pone l imprenditore in una posizione di dipendenza dalle decisioni altrui, obbligandolo a volte a sottostare a comportamenti dalla cui realizzazione può dipendere l accesso al credito.

44 STRUMENTI FINANZIARI Principali forme tecniche nel finanziamento a medio lungo termine Mutui chirografari e ipotecari Operazioni di leasing (Immobiliare e mobiliare) Principali forme tecniche nel finanziamento a breve termine o capitale circolante Scoperto di Conto Corrente Anticipo su crediti futuri (contratti) Anticipi su crediti Anticipi su Portafoglio presentato Sbf Anticipo su cessioni di Credito

45 LE GARANZIE SUGLI STRUMENTI FINANZIARI Assunto Ogni accesso al credito richiede il rilascio di garanzie Possono assumere forme diverse a seconda del tipo di strumento finanziario richiesto (fidejussioni, garanzie reali su beni, diritti di rivalsa etc.) La loro assenza spesso comporta l esclusione dal supporto finanziario

46 GARANZIE : CONSORZI FIDI CHI SONO? Operatori finanziari, in genere organizzati in consorzi, che rilasciano garanzie a favore di operatori economici. Possono essere iscritti ad apposito Albo (ex art. 107 T.U.B.) I soggetti iscritti all Albo sono sottoposti alla Vigilanza della Banca d Italia COME OPERANO? Attraverso il rilascio di garanzie a favore di Banche convenzionate, nell'interesse di aziende associate, a copertura di una determinata percentuale di rischio. I tassi di interesse sono generalmente concordati con gli Istituti bancari direttamente dal Confidi, generalmente più contenuti rispetto alle normali condizioni di mercato (funzione calmieratrice). Gli oneri accessori ridotti.

47 LA TESORERIA AZIENDALE ED IL CASH MANAGEMENT (Dr. Pietro Parodi)

48 TESORERIA E CASH MANAGEMENT GENERALITA E la funzione aziendale che si occupa della gestione della cassa della società Gestisce ed armonizza gli incassi ed i pagamenti aziendali Gestisce ed ottimizza i costi della gestione finanziaria Reperisce i mezzi di finanziamento per gli investimenti Assicura la liquidità necessaria nei tempi necessari Supporta le altre funzioni aziendali nelle loro attività

49 TESORERIA E CASH MANAGEMENT RELAZIONI TRA LA TESORERIA E LE ATRE FUNZIONI AZIENDALI La Tesoreria, rappresentando la cassa della società, dovrebbe ricoprire un ruolo centrale nella gestione aziendale. La quasi totalità delle azioni di ogni singola funzione aziendale, trasformandosi in denaro (o flussi di esso), influiscono sull attività della Tesoreria La Tesoreria, quindi, dovrebbe essere consultata/informata sulle scelte effettuate dalle altre funzioni

50 TESORERIA E CASH MANAGEMENT RELAZIONI TRA LA TESORERIA E LE ATRE FUNZIONI AZIENDALI Commerciale Acquisti e Servizi Ufficio Tecnico Personale Tipo di pagamento Scadenze Dilazioni Tipo di pagamento Scadenze Sconti Impegni Fondi per investimenti Manutenzioni ordinarie e straordinarie Premi Anticipi Anticipi TFR TESORERIA

51 TESORERIA E CASH MANAGEMENT GLI STRUMENTI NECESSITA Interfacciamento con il software di Remote Banking adottato dall azienda Riconciliazioni dei dati Capacità di analisi sulle movimentazioni di denaro Gestione di piani di ammortamento finanziario Gestione di Budget Finanziari Capacità di effettuare simulazioni Gli ordinari software di contabilità non sono in grado di fornire le indicazioni necessarie alla Tesoreria

52 Fogli di Calcolo Evoluti LA GESTIONE FINANZIARIA, LA SUA PIANIFICAZIONE E IL BUSINESS PLAN TESORERIA E CASH MANAGEMENT GLI STRUMENTI Software specifici di facile utilizzo ed a costi contenuti Software specifici di grandi dimensioni in grado di elaborazioni complesse Prodotti integrati nei Software Gestionali e nei grandi ERP Applicazioni web based Le esigenze della singola impresa determinano il giusto strumento

53 IL RAPPORTO BANCA IMPRESA (Dr. Mirco Bonamini)

54 BASILEA 2 E il nuovo accordo internazionale sui requisiti patrimoniali delle banche. In base ad esso le banche dei paesi aderenti dovranno accantonare quote di capitale proporzionali al rischio derivante dai vari rapporti di credito assunti, valutato attraverso lo strumento del rating. Il contenuto del Nuovo Accordo si articola su tre pilastri: 1. I Requisiti patrimoniali minimi in funzione del rischio di credito. 2. Il controllo delle Banche Centrali che avranno una maggiore discrezionalità nel valutare l'adeguatezza patrimoniale delle banche, potendo imporre una copertura superiore ai requisiti minimi. 3. Disciplina del Mercato e Trasparenza per l'informazione al pubblico sui livelli patrimoniali, sui rischi e sulla loro gestione.

55 BASILEA 2 Gli Istituti Bancari pongono quindi attenzione su due aspetti principali: La Struttura Patrimoniale della aziende: in particolare la quantità dei mezzi propri impiegati nell attività aziendale La valutazione del rapporto con la banca: come l azienda si pone nel rapporto con la banca Basilea 2 ha normato ciò che era già prassi

56 IL RATING L indice di sintesi della valutazione che la Banca fa dell Azienda Ogni Banca fissa in modo indipendente la propria scala di Rating Ogni singolo istituto fissa in modo indipendente le procedure di attribuzione del Rating Le procedure di attribuzione vengono validate dalla Banca d Italia La presenza del Rating: Da una parte irrigidisce il rapporto Banca Impresa Dall altro sprona l azienda ad una maggiore attenzione alla gestione del business

57 IL RAPPORTO BANCA - IMPRESA Banca e Impresa, in linea teorica, dovrebbero instaurare rapporti basati sulla massima collaborazione (partner?): - Per la Banca l azienda rappresenta il Cliente: lo sviluppo del sistema imprenditoriale sul singolo territorio favorisce anche lo sviluppo della banca stessa - Per l Impresa il sistema bancario rappresenta il fornitore della risorsa finanziaria con il quale cogliere le proprie opportunità di sviluppo Nella realtà questo non avviene quasi mai Perché?

58 IL RAPPORTO BANCA - IMPRESA Azienda Opportunità Richiede supporto finanziario Banca non ottiene le info complete e rifiuta il supporto o lo limita Banca Analizza opportunità chiede dettagli Azienda Ritiene confermata la propria diffidenza ed è sempre più restia a fornire info Banca Ritiene insufficienti i dati E diffida..ulteriore richiesta Azienda Diffidente Difficoltà a fornire dati

59 IL RAPPORTO BANCA - IMPRESA Le ragioni di un rapporto improntato alla reciproca diffidenza Mancanza di sensibilizzazione da parte della PMI alle problematiche della finanza aziendale Inadeguatezza degli strumenti di analisi delle imprese Mancanza di conoscenza da parte delle strutture bancarie della realtà socio economica in cui operano le aziende

60 IL BUSINESS PLAN (Dr. Pietro Parodi)

61 IL BUSINESS PLAN GENERALITA IL BUSINESS PLAN (Studio di fattibilità) è normalmente inteso come supporto alla decisione di avvio di una nuova «impresa» (avventura?): Start-up di nuove aziende Espansione della capacità produttiva Lancio di un nuovo prodotto Acquisizioni Finanziarie OBIETTIVO Valutare la remuneratività di un progetto di business, e se questo sia conveniente in alternativa ad altre opportunità di investimento.

62 IL BUSINESS PLAN GENERALITA Assume quasi sempre una prospettiva Pluriennale L elaborazione di un BP non garantisce il successo di un iniziativa, ma aiuta a ridurre i margini di aleatorietà nelle scelte imprenditoriali di investimento Costituisce quasi sempre uno strumento indispensabile per la concessione di finanziamenti pubblici e/o privati

63 IL BUSINESS PLAN STRUTTURA Parte descrittiva Illustrazione del progetto Fattibilità di mercato strategia di marketing Fattibilità Tecnica Tecnologia utilizza, vincoli Fattibilità Economico Finanziaria Convenienza dell investimento Analisi dei Rischi

64 IL BUSINESS PLAN FATTIBILITA ECONOMICO FINANZIARIA Tende ad accertare se il progetto è in grado di realizzare gli equilibri fondamentali di: Solidità Patrimoniale equilibrio tra le fonti e gli impieghi Solvibilità Finanziaria capacità dell azienda a far fronte in ogni momento aille uscite di cassa Redditività Economica capacità di generare reddito ad un tasso che consenta di remunerare gli investimenti in modo conveniente L analisi avviene attraverso l utilizzo di Bilanci Riclassificati (Stato Patrimoniale e Conto Economico)

65 IL BUSINESS PLAN UN ESEMPIO (*) (*) Il Business Plan: Guida Strategico Operativa F. Carriero, A.Ferrandina IPSOA Edizioni 2005

66 IL BUSINESS PLAN UN ESEMPIO (*) (*) Il Business Plan: Guida Strategico Operativa F. Carriero, A.Ferrandina IPSOA Edizioni 2005

67 IL BUSINESS PLAN UN ESEMPIO (*) (*) Il Business Plan: Guida Strategico Operativa F. Carriero, A.Ferrandina IPSOA Edizioni 2005

68 IL BUSINESS PLAN UN ESEMPIO (*) (*) Il Business Plan: Guida Strategico Operativa F. Carriero, A.Ferrandina IPSOA Edizioni 2005

69 IL BUSINESS PLAN UN ESEMPIO (*) (*) Il Business Plan: Guida Strategico Operativa F. Carriero, A.Ferrandina IPSOA Edizioni 2005

70 IL BUSINESS PLAN UN ESEMPIO (*) (*) Il Business Plan: Guida Strategico Operativa F. Carriero, A.Ferrandina IPSOA Edizioni 2005

71 IL BUSINESS PLAN UN ESEMPIO (*) (*) Il Business Plan: Guida Strategico Operativa F. Carriero, A.Ferrandina IPSOA Edizioni 2005

72 IL BUSINESS PLAN UN ESEMPIO (*) (*) Il Business Plan: Guida Strategico Operativa F. Carriero, A.Ferrandina IPSOA Edizioni 2005

73 CONCLUSIONI

74 CONCLUSIONI PERCHE POTENZIARE LA GESTIONE FINANZIARIA IN AZIENDA IMPORTANZA DECISIVA DELL ASPETTO FINANZIARIO NELLA GESTIONE AZIENDALE A SUPPORTO DELLE SCELTE OPERATIVE L INCREMENTO DELLA CONOSCENZA DEI FATTORI FINANZIARI FACILITA LE OPPORTUNITA DI SVILUPPO UN MAGGIOR COORDINAMENTO TRA TESORERIA E LE DIVERSE FUNZIONI AZIENDALI RIDUCE ED OTTIMIZZA I COSTI FINANZIARI MIGLIORAMENTO DELL IMMAGINE AZIENDALE VERSO I FINANZIATORI TERZI

75 LA GESTIONE FINANZIARIA, LA SUA PIANIFICAZIONE E IL BUSINESS PLAN

76 LA GESTIONE FINANZIARIA, LA SUA PIANIFICAZIONE & IL BUSINESS PLAN Previsione dei fabbisogni e gestione dei flussi aziendali GRAZIE PER L ATTENZIONE Per Informazioni:

LA GESTIONE FINANZIARIA

LA GESTIONE FINANZIARIA LA GESTIONE FINANZIARIA Nella letteratura la gestione finanziaria viene frequentemente definita come il complesso di decisioni ed operazioni volte a reperire ed impiegare il capitale in impresa. La gestione

Dettagli

L analisi dei flussi finanziari. 1. I flussi finanziari 1/5

L analisi dei flussi finanziari. 1. I flussi finanziari 1/5 focus modulo 4 lezione 50 La gestione finanziaria La correlazione tra investimenti e finanziamenti L analisi dei flussi finanziari 1. I flussi finanziari I flussi finanziari che hanno origine dall attività

Dettagli

Contiene le coperture finanziarie necessarie per l acquisizione delle risorse produttive, con l eventuale avanzo o disavanzo finanziario.

Contiene le coperture finanziarie necessarie per l acquisizione delle risorse produttive, con l eventuale avanzo o disavanzo finanziario. Il processo di formulazione del budget dell impresa si conclude con il consolidamento dei singoli budget settoriali in un unico bilancio previsionale (MASTER BUDGET), che si compone dei seguenti documenti

Dettagli

BUDGET FINANZA E CONTROLLO

BUDGET FINANZA E CONTROLLO CONTROLLO DI GESTIONE AVANZATO IL BILANCIO: APPROFONDIMENTI E STRUMENTI PRATICI PER NON SPECIALISTI IL CREDITO COMMERCIALE: GESTIONE, SOLLECITO, RECUPERO COME AVVIARE LA CONTABILITÀ INDUSTRIALE CALCOLARE

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET Il sistema di pianificazione aziendale integrato. 1. Scenari ambientali, previsionali generali, bilanci passati Riferimenti ambientali Posizionamento strategico

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

(Cash Flow Statements)

(Cash Flow Statements) RENDICONTO FINANZIARIO IAS 7 (Cash Flow Statements) 1 SOMMARIO Concetti generali sul Rendiconto Finanziario Come si fa a redigere un Rendiconto Finanziario? 2 1 Concetti generali sul Rendiconto Finanziario

Dettagli

La valutazione dell Impresa e l analisi dei flussi 1

La valutazione dell Impresa e l analisi dei flussi 1 Newsletter Phedro dicembre 2007 La valutazione dell Impresa e l analisi dei flussi 1 Prof. Roberto Cappelletto 2 e Dott. Gabriele Toniolo 3 1) Dalla Logica Contabile all Analisi dei Flussi Come si è potuto

Dettagli

La finanza e l intraprendere

La finanza e l intraprendere Istituto G. Sommeiller La finanza e l intraprendere Torino, 17 aprile 2015 Intervento: Dr. Giancarlo Somà L origine del fabbisogno finanziario Sfasamento del ciclo economico e del ciclo monetario 17 aprile

Dettagli

Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio

Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio Erika Cresti Firenze, 18 ottobre 2013 Indice La gestione della variabile finanziaria Il rendiconto finanziario: normativa e principi contabili di riferimento

Dettagli

La riclassificazione del bilancio d esercizio

La riclassificazione del bilancio d esercizio La riclassificazione del bilancio d esercizio Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani), Mc Graw-Hill 2001, cap. 4 1 Il bilancio pubblico. Il sistema informativo di bilancio secondo

Dettagli

Libera Università Maria SS. Assunta

Libera Università Maria SS. Assunta Libera Università Maria SS. Assunta Corso di Economia e Gestione delle Imprese La gestione finanziaria 1 Definizione Alla funzione finanziaria è affidato il complesso di decisioni ed operazioni volte a

Dettagli

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano Il piano economico-finanziario Ruolo e inquadramento dello strumento Il piano economico-finanziario (PEF) costituisce una parte di un più ampio strumento di formalizzazione di un idea imprenditoriale :

Dettagli

IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE

IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE Newsletter Phedro settembre 2007 IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE IL BUDGET ECONOMICO Il budget economico deriva dal consolidamento dei budget settoriali e dei costi programmati per il successivo

Dettagli

Capitolo XV. La gestione della finanza: investimenti e finanziamenti

Capitolo XV. La gestione della finanza: investimenti e finanziamenti Capitolo XV La gestione della finanza: investimenti e finanziamenti La funzione finanziaria Nella funzione finanziaria si comprende il complesso di decisioni e di operazioni volte a reperire e ad impiegare

Dettagli

DINAMICA DEI FLUSSI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani

DINAMICA DEI FLUSSI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani DINAMICA DEI FLUSSI FINANZIARI Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Analisi finanziaria: i flussi di cassa I flussi di cassa: le 4 aree gestionali Il flusso di cassa della gestione corrente I flussi

Dettagli

FARMACIA LA STRUTTURA FINANZIARIA- ECONOMICA. di Ghelardi Sergio sergio@laboratoriofarmacia.it. Con il contributo di

FARMACIA LA STRUTTURA FINANZIARIA- ECONOMICA. di Ghelardi Sergio sergio@laboratoriofarmacia.it. Con il contributo di FARMACIA LA STRUTTURA FINANZIARIA- ECONOMICA di Ghelardi Sergio sergio@laboratoriofarmacia.it Con il contributo di IL BILANCIO DELLA FARMACIA HA DUE DOCUMENTI >LO STATO PATRIMONIALE >IL CONTO ECONOMICO

Dettagli

Forum APB Milano, 4 Aprile 2006

Forum APB Milano, 4 Aprile 2006 Contenuti, logiche ed effetti di Basilea 2 sulle PMI Le informazioni qualitative rilevanti ai fini del rating qualitativo: il controllo di gestione aziendale come elemento importante dei dati qualitativi

Dettagli

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Bilanci preventivi e piani finanziari perché utilizzarli? Simulazione di scenari e valutazione impatto variabili di business Analisi compatibilità

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

queste ricordiamo: la direzione del personale; la direzione della ricerca e sviluppo; la direzione generale.

queste ricordiamo: la direzione del personale; la direzione della ricerca e sviluppo; la direzione generale. IL BUDGET DELLE STRUTTURE CENTRALI Le strutture centrali riguardano le funzioni aziendali non coinvolte direttamente nel processo produttivo - distributivo. Tra queste ricordiamo: la direzione del personale;

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti La funzione finanziaria Prof. Arturo Capasso ARGOMENTI Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti Una premessa Funzione Finanziaria e Finanza Aziendale.

Dettagli

BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO

BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO La riclassificazione del bilancio Lo schema di bilancio attualmente utilizzato nell'unione Europea non soddisfa interamente le esigenze degli analisti. E'

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La riclassificazione del bilancio d esercizio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it Il bilancio pubblico Il Bilancio è il documento contabile in cui trovano rappresentazione

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE ECAPITAL 2016 PERCORSO DI FORMAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO DOTT. CARLO SCIDA Guida alla compilazione del Business Plan ASPETTI GENERALI L orizzonte temporale previsto

Dettagli

bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : I dati previsionali per l anno x+1

bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : I dati previsionali per l anno x+1 un esempio molto semplice con la redazione di : bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : ATTIVO Cassa 5.000 Fornitori Clienti 300.000 Banche

Dettagli

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti 1 Il Conto Economico Il prospetto di CE può essere redatto:

Dettagli

La dimensione economico finanziaria del business plan. Davide Moro

La dimensione economico finanziaria del business plan. Davide Moro La dimensione economico finanziaria del business plan Davide Moro I prospetti economico finanziari Da cosa è costituito un prospetto economicofinanziario Un preventivo economico-finanziario completo richiede

Dettagli

IL RENDICONTO FINANZIARIO

IL RENDICONTO FINANZIARIO IL RENDICONTO FINANZIARIO IL RENDICONTO FINANZIARIO INDICE IL RENDICONTO FINANZIARIO,... 2 LA POSIZIONE FINANZIARIA NETTA,... 3 IL RENDICONTO FINANZIARIO DELLA POSIZIONE FINANZIARIA NETTA,... 6 PRIMO PASSO:

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio

La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio 1 di 6 La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio Come possono essere classificate le operazioni di gestione? La gestione aziendale è l insieme coordinato di operazioni attraverso le quali l impresa

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO A SUPPORTO DELLA CRESCITA DEL PAESE NEL 2013 MERITO CREDITIZIO E RUOLO DEL CONFIDI E DEL COMMERCIALISTA NEL RAPPORTO BANCA IMPRESA

IL SISTEMA BANCARIO A SUPPORTO DELLA CRESCITA DEL PAESE NEL 2013 MERITO CREDITIZIO E RUOLO DEL CONFIDI E DEL COMMERCIALISTA NEL RAPPORTO BANCA IMPRESA IL SISTEMA BANCARIO A SUPPORTO DELLA CRESCITA DEL PAESE NEL 2013 MERITO CREDITIZIO E RUOLO DEL CONFIDI E DEL COMMERCIALISTA NEL RAPPORTO BANCA IMPRESA SIRACUSA Martedì 29 Gennaio 2013 Il processo e gli

Dettagli

L elaborazione avviene attraverso il caricamento automatico dei dati contabili direttamente dal programma gestionale installato in azienda.

L elaborazione avviene attraverso il caricamento automatico dei dati contabili direttamente dal programma gestionale installato in azienda. Il sistema FLUXUS consente l elaborazione ed il trattamento delle informazioni contabili residenti sul gestionale aziendale, traducendone i dati in chiave finanziaria. Attraverso una soluzione interfacciabile

Dettagli

IL RENDICONTO FINANZIARIO. Prof. Luca Fornaciari

IL RENDICONTO FINANZIARIO. Prof. Luca Fornaciari IL RENDICONTO FINANZIARIO Prof. Luca Fornaciari 1 SOMMARIO 1. Finalità e Normativa di riferimento 2. Ruolo del Rendiconto nel Bilancio d esercizio 3. Contenuto, Struttura e Metodi d analisi 4. Logiche

Dettagli

Esercitazione di Economia aziendale

Esercitazione di Economia aziendale Esercitazione di Economia aziendale Il bilancio di previsione per la programmazione economica e finanziaria: il caso Olistar S.r.l. Corso di Economia aziendale Presentazione della situazione aziendale

Dettagli

TECNICA DI DETERMINAZIONE DEL FLUSSO DI CASSA BASATA SUL CONFRONTO TRA STATI PATRIMONIALI SUCCESSIVI.

TECNICA DI DETERMINAZIONE DEL FLUSSO DI CASSA BASATA SUL CONFRONTO TRA STATI PATRIMONIALI SUCCESSIVI. TECNICA DI DETERMINAZIONE DEL FLUSSO DI CASSA BASATA SUL CONFRONTO TRA STATI PATRIMONIALI SUCCESSIVI. SP0 SP1 SP2 FCND1 FCND2 Analizziamo le voci che compongono lo Stato Patrimoniale. SP31/12/t0 SP31/12/t1

Dettagli

A volte il risultato della revisione è l'attribuzione di un rating peggiorativo, che può portare alla revoca in tronco degli affidamenti!

A volte il risultato della revisione è l'attribuzione di un rating peggiorativo, che può portare alla revoca in tronco degli affidamenti! Accade spesso che la banca vada a visitare l azienda solo quando deve acquisirne la relazione o, successivamente, per collocare nuovi prodotti o chiedere maggiori flussi di lavoro o relazioni indotte,

Dettagli

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it Il Business Plan Che cos è il business plan Documento di pianificazione e comunicazione che analizza e descrive l idea imprenditoriale e ne consente una

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E IL BILANCIO D ESERCIZIO A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO LE NOZIONI DI CONTABILITÀ GENERALE E BILANCIO

Dettagli

Il BUDGET di CASSA. (gestione tesoreria) A cura del Prof.Berruti

Il BUDGET di CASSA. (gestione tesoreria) A cura del Prof.Berruti Il BUDGET di CASSA (gestione tesoreria) A cura del Prof.Berruti PROGRAMMAZIONE FINANZIARIA comprendente il complesso di analisi e valutazioni con le quali il management si prefigge di verificare scelte

Dettagli

Analisi di Bilancio per flussi

Analisi di Bilancio per flussi Analisi di Bilancio per flussi Premessa L analisi della situazione economica, patrimoniale e finanziaria dell azienda attraverso il bilancio si conclude con l analisi dei movimenti di risorse finanziarie

Dettagli

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE Un decalogo per l impresa ODCEC Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Macerata e Camerino Confidi Macerata Società Cooperativa per Azioni Possiamo

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La previsione finanziaria Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I. Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it L analisi di bilancio e la proiezione della gestione

Dettagli

Il software pur essendo abbastanza complesso strutturalmente è invece facile da utilizzare.

Il software pur essendo abbastanza complesso strutturalmente è invece facile da utilizzare. Il presente software può essere utilizzato da quelle aziende che devono avviare una nuova attività, per effettuare l'analisi di fattibilità economico-finanziaria relativa ai prossimi 5 esercizi. Il software

Dettagli

il rendiconto finanziario PROF. NICOLA CASTELLANO Università di Macerata

il rendiconto finanziario PROF. NICOLA CASTELLANO Università di Macerata il rendiconto finanziario PROF. NICOLA CASTELLANO Università di Macerata Il rendiconto finanziario Il rendiconto finanziario è un prospetto riassuntivo delle variazioni intervenute nelle grandezze patrimoniali

Dettagli

L ANALISI DI BILANCIO: Caso esemplificativo

L ANALISI DI BILANCIO: Caso esemplificativo L ANALISI DI BILANCIO: Caso esemplificativo Partendo dal bilancio di verifica della società TWENTY SpA si effettui un analisi delle tre dimensioni della: - Liquidità - Solidità - Redditività STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Indici Basilea 2 + Business Plan Società di persone e Autonomi

Indici Basilea 2 + Business Plan Società di persone e Autonomi Indici Basilea 2 + Business Plan Società di persone e Autonomi La procedura è quasi tutta automatizzata restando a carico dell'utente le seguenti, limitate, attività: 1. Inserimento degli ultimi 2 Bilanci

Dettagli

Dai flussi di CCN ai flussi di liquidità

Dai flussi di CCN ai flussi di liquidità Il rendiconto finanziario dei flussi di liquidità Dai flussi di CCN ai flussi di liquidità La risorsa finanziaria liquidità è operazionalizzata come nel principio OIC 12, ovvero è da intendere come somma

Dettagli

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO per passare all analisi del fabbisogno e della copertura finanziaria occorre terminare l analisi economica. i ricavi sono stati previsti nel dossier mercato alcuni costi sono

Dettagli

Analisi di bilancio 2007-2008

Analisi di bilancio 2007-2008 Analisi di bilancio 2007-2008 1 L analisi di bilancio Svilupperemo l analisi di bilancio sulla base di un sistema integrato di indicatori Obiettivo 1) 1) Valutare andamento dell impresa nel nel suo suo

Dettagli

Analisi per flussi. 1. Considerazioni generali

Analisi per flussi. 1. Considerazioni generali Capitolo 8 Analisi per flussi 1. Considerazioni generali Il rendiconto finanziario è un prospetto che raggruppa, in relazione a determinati scopi di formazione, le variazioni (flussi) intervenute nella

Dettagli

LA GESTIONE AZIENDALE

LA GESTIONE AZIENDALE LA GESTIONE AZIENDALE GESTIONE = insieme delle operazioni che l impresa effettua, durante la sua esistenza, per realizzare gli obiettivi perseguiti dal soggetto economico. ESERCIZIO = parte di gestione

Dettagli

In momenti di incertezza e di instabilità

In momenti di incertezza e di instabilità LA GESTIONE DELLA TESORERIA ALLA LUCE DELLA CRISI DEI MERCATI FINANZIARI In momenti di incertezza e di instabilità finanziaria il governo dei flussi di tesoreria assume una notevole importanza all interno

Dettagli

La redazione del bilancio preventivo. Determinazione del fabbisogno finanziario, scelte di copertura e sintesi dei risultati

La redazione del bilancio preventivo. Determinazione del fabbisogno finanziario, scelte di copertura e sintesi dei risultati Michele Pisani La redazione del bilancio preventivo modulo 4 Determinazione del fabbisogno finanziario, scelte di copertura e sintesi dei risultati Le macro-fasi di redazione del preventivo operazioni

Dettagli

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale Unità Competenze professionali Conoscenze Abilità Strumenti

Dettagli

Dott. Maurizio Massaro

Dott. Maurizio Massaro Dott. Maurizio Massaro Ph. D. in Scienze Aziendali Ricercatore Universitario nell Università degli Studi di Udine 09, Ragioneria 1 La misurazione della performance economicofinanziaria. I sistemi fondati

Dettagli

LE PREVISIONI ECONOMICO-FINANZIARIE Nuovi progetti imprenditoriali

LE PREVISIONI ECONOMICO-FINANZIARIE Nuovi progetti imprenditoriali LE PREVISIONI ECONOMICO-FINANZIARIE Nuovi progetti imprenditoriali v Evidenziare gli investimenti iniziali v Valutare economicità v Evidenziare i flussi di cassa netti v Predisporre la copertura finanziaria

Dettagli

IL RENDICONTO FINANZIARIO

IL RENDICONTO FINANZIARIO IL RENDICONTO FINANZIARIO Arezzo, 04 aprile 2014 1 IL RENDICONTO FINANZIARIO Resoconto di tutte le entrate ed uscite di denaro avvenuto in un certo periodo di tempo per effetto di: risultato della gestione;

Dettagli

Corso di Finanza aziendale

Corso di Finanza aziendale I RISULTATI ECONOMICI e FINANZIARI tendono a divergere: Corso di Finanza aziendale La dinamica finanziaria Risultato economico: somma algebrica costi e ricavi flussi reddituali comprende poste derivanti

Dettagli

fac simile di Relazione Illustrativa ad un BUSINESS PLAN Periodo n I dati contenuti nei prospetti sono casuali

fac simile di Relazione Illustrativa ad un BUSINESS PLAN Periodo n I dati contenuti nei prospetti sono casuali fac simile di Relazione Illustrativa ad un BUSINESS PLAN Periodo n I dati contenuti nei prospetti sono casuali INDICE ELABORATO 1) Illustrazione delle ipotesi alla base del Business Plan 2) Analisi sintetica

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO. Il rendiconto finanziario OIC 10

TEMI SPECIALI DI BILANCIO. Il rendiconto finanziario OIC 10 TEMI SPECIALI DI BILANCIO Il rendiconto finanziario OIC 10 Parma, 1 Ottobre 2014 1 Indice 1. Finalità del principio 3 2. Ambito di applicazione 4 3. Definizioni 5 4. Contenuto e struttura 6 5. Classificazione

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Economia e gestione delle imprese La gestione finanziaria:scelta dei progetti di investimento, rischio finanziario e strumenti di programmazione e controllo dott. Matteo Rossi Benevento, 2 maggio 2007

Dettagli

IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA

IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA IN OTTICA BASILEA 2 DOTT. GABRIELE TROISE - troise@innofin.net 1 PRINCIPI ISPIRATORI DI BASILEA 2 BASILEA 2 E UNA NORMATIVA DIRETTA ALLE BANCHE. FUNZIONE PRECIPUA DELLA

Dettagli

INDICE. Pagina 1 di 11 Economia e gestione delle aziende ristorative 2 Selezione a cura di Marcello Sanci

INDICE. Pagina 1 di 11 Economia e gestione delle aziende ristorative 2 Selezione a cura di Marcello Sanci INDICE LA GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE RISTORATIVE... 2 Il fabbisogno finanziario:concetto e problematiche... 3 Definizione di fabbisogno finanziario... 3 Le fonti di finanziamento... 3 Scelta tra

Dettagli

1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno Iva % Amm.% iva. - - - - - 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno Iva % Amm.% iva. - - - - - 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 1) Immobilizzazioni Macchinari e attrezzature di produzione 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno Iva % Amm.% iva - 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno a) 20% 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 b) 20% 33,0% 0,00 0,00

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici è incentrato sul controllo di gestione ed è articolato in una parte obbligatoria e tre

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (M PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

Impostazione dell equazione

Impostazione dell equazione Impostazione dell equazione In base all equazione generale ATTIVO = PASSIVO si giunge allo stesso risultato impostando: Equazione di Equilibrio Dove: X=(A-P0-R0)/(1-i) X = Fabbisogno finanziario a breve

Dettagli

PARTE SECONDA La gestione aziendale

PARTE SECONDA La gestione aziendale PARTE SECONDA La gestione aziendale Di cosa parleremo In questo capitolo analizzeremo le diverse operazioni della gestione, che si distinguono in fatti esterni o di scambio e fatti interni o di produzione

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

26/10/2010. I processi di finanziamento. Processi di finanziamento. Processi di gestione monetaria. FABBISOGNO di mezzi finanziari

26/10/2010. I processi di finanziamento. Processi di finanziamento. Processi di gestione monetaria. FABBISOGNO di mezzi finanziari 1. Pianificazione finanziaria: fabbisogno e fonti di finanziam. Processi di finanziamento 4. Rimborso dei finanziamenti I processi di finanziamento Processi economici di produzione 2. Acquisizione dei

Dettagli

IL RENDICONTO FINANZIARIO.

IL RENDICONTO FINANZIARIO. IL RENDICONTO FINANZIARIO. Lezione 3 Castellanza, 3 Ottobre 2007 2 Il Rendiconto Finanziario Il Rendiconto Finanziario costituisce per l analisi della dinamica finanziaria ciò che il conto economico rappresenta

Dettagli

INDIRIZZO ECONOMICO GIURIDICO CLASSE A017 - n. 2

INDIRIZZO ECONOMICO GIURIDICO CLASSE A017 - n. 2 INDIRIZZO ECONOMICO GIURIDICO CLASSE A017 - n. 2 l) Le riserve di capitale: a) costituiscono autofinanziamento per l impresa b) derivano da sottovalutazione di elementi dell attivo c) costituiscono una

Dettagli

I processi di finanziamento

I processi di finanziamento I processi di finanziamento 1. pianificazione finanziaria: fabbisogno e fonti di finanziamento 2. acquisizione del finanziamento tutte quelle attività volte a reperire, gestire e rimborsare i finanziamenti

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI. Rapporto fiduciario

SCHEMA DI SINTESI. Rapporto fiduciario GESTIONED IMPRESA ACCESSO AL CREDITO SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI APPROFONDIMENTI ESEMPI FASCICOLO BANCHE COME NUOVO STRUMENTO DI COMUNICAZIONE FINANZIARIA (valutazione del merito creditizio) La crescente

Dettagli

CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario. Il Business Plan

CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario. Il Business Plan CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario Il Business Plan Roma, 15 maggio 2014 1 Definizione, obiettivi e requisiti [1/2] OBIETTIVI DEL BUSINESS

Dettagli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Rendiconto Finanziario GIA-L03

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Rendiconto Finanziario GIA-L03 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria prof. Stefano Pedrini Rendiconto Finanziario GIA-L03 Analisi dei flussi di cassa Attraverso l analisi dei flussi di cassa (o del cash flow) è possibile

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione finanziaria. La scelta dei progetti di investimento

Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione finanziaria. La scelta dei progetti di investimento Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione finanziaria. La scelta dei progetti di investimento dott. Matteo Rossi La gestione finanziaria La gestione finanziaria ha ad oggetto il complesso di decisioni

Dettagli

Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali

Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali Esame di Stato anno scolastico 2014/2015 Svolgimento seconda prova di Economia aziendale La

Dettagli

La Gestione del Credito in. Banca. La gestione del credito in banca. dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli

La Gestione del Credito in. Banca. La gestione del credito in banca. dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli La Gestione del Credito in La gestione del credito in banca Banca dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli LE FUNZIONI DI UNA BANCA Funzione creditizia Intermediare tra

Dettagli

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO 1 COSTRUZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO E UNO STRUMENTO CHE INDIVIDUA LE DINAMICHE DEL CAPITALE METTENDO IN

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale. Nelle imprese industriali possiamo individuare le seguenti attività:

Commento al tema di Economia aziendale. Nelle imprese industriali possiamo individuare le seguenti attività: Commento al tema di Economia aziendale Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici è incentrato sulla scomposizione del reddito di esercizio nei risultati parziali generati

Dettagli

La pianificazione dell equilibrio finanziario

La pianificazione dell equilibrio finanziario La pianificazione dell equilibrio finanziario Sebastiano Di Diego - Fabrizio Micozzi 1 L ottimizzazione della gestione delle fonti di finanziamento richiede l analisi di una metodologia di calcolo del

Dettagli

Il Factoring e le piccole e medie imprese

Il Factoring e le piccole e medie imprese Il Factoring e le piccole e medie imprese Uno strumento per migliorare le performance aziendali e ridurre i rischi finanziari delle PMI anche in ottica di Basilea 2 Marino Baratti Amministratore Delegato

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La dinamica finanziaria Il Rendiconto Finanziario Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I. Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it La divergenza fra risultato

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO. Il rendiconto finanziario: aspetti definitori, tecniche di redazione e riferimenti normativi. Parma, 26 novembre 2012

TEMI SPECIALI DI BILANCIO. Il rendiconto finanziario: aspetti definitori, tecniche di redazione e riferimenti normativi. Parma, 26 novembre 2012 TEMI SPECIALI DI BILANCIO Il rendiconto finanziario: aspetti definitori, tecniche di redazione e riferimenti normativi Parma, 26 novembre 2012 Dott. Luca Fornaciari luca.fornaciari@unipr.it 1 Il rendiconto

Dettagli

L analisi per flussi ed il rendiconto finanziario

L analisi per flussi ed il rendiconto finanziario L analisi per flussi ed il rendiconto finanziario L analisi di bilancio si compone di due strumenti complementari per la valutazione delle condizioni di economicità delle aziende: gli indici ed il rendiconto

Dettagli

L analisi finanziaria

L analisi finanziaria L analisi finanziaria MUTINA CONSULTING L ANALISI FINANZIARIA Il management non deve controllare e pianificare solo gli aspetti economici della gestione ma dovrà soffermarsi anche sugli aspetti finanziari

Dettagli

12 L ECONOMICITA AZIENDALE. 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1

12 L ECONOMICITA AZIENDALE. 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1 12 L ECONOMICITA AZIENDALE 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1 L economicità Tutte le aziende, per poter conseguire i propri fini, devono essere in grado di operare in condizioni di: -autonomia

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a

Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a UNITÀ B La gestione e i suoi risultati: il patrimonio e il reddito Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a La gestione delle aziende di produzione: settori e profili di analisi Documento Esercizi Operazioni

Dettagli

ESEMPI DI STAMPE E GRAFICI OTTENIBILI CON I VARI SOFTWARE DELLA SUITE

ESEMPI DI STAMPE E GRAFICI OTTENIBILI CON I VARI SOFTWARE DELLA SUITE ESEMPI DI STAMPE E GRAFICI OTTENIBILI CON I VARI SOFTWARE DELLA SUITE ALCUNE STAMPE OTTENIBILI CON IL SOFTWARE BUDGET & BUSINESS PLAN BUDGET DELLE VENDITE (Euro) PRODOTTI E 2014 2015 2016 2017 2018 2019

Dettagli

BUSINESS PLAN: IL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO. CLaSEP - Simulazioni e Business Plan

BUSINESS PLAN: IL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO. CLaSEP - Simulazioni e Business Plan BUSINESS PLAN: IL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO A cosa serve un Business Plan Il Business plan ha tre funzioni: 1. Per lo sviluppo della gestione aziendale: uno strumento di pianificazione e applicativo

Dettagli

La programmazione delle scelte finanziarie

La programmazione delle scelte finanziarie Economia e gestione delle imprese II La programmazione delle scelte finanziarie dott. Matteo Rossi Benevento, 23 febbraio 2009 La gestione finanziaria La gestione finanziaria ha ad oggetto il complesso

Dettagli

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA aggiornato al 24/10/2011 L.P. 13 dicembre 1999, n. 6, articolo 5 RICERCA APPLICATA PROCEDURA VALUTATIVA RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA per domande di agevolazione di importo fino a 1,5 milioni di euro

Dettagli

TEMA 2: Pianificazione finanziaria a breve termine

TEMA 2: Pianificazione finanziaria a breve termine TEMA 2: Pianificazione finanziaria a breve termine Legame tra decisioni di finanziamento a lungo e breve termine e prospetto fonti-impieghi (Brealey, Meyers, Allen, Sandri: cap. 3) Corso di: GESTIONI FINANZIARIE

Dettagli

al budget di cassa mensile

al budget di cassa mensile un esempio molto semplice : dal bilancio previsionale al budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : ATTIVO PASSIVO Cassa 5.000 Fornitori Clienti 300.000 Banche Scorte 100.000 Capitale

Dettagli

Concetto di patrimonio

Concetto di patrimonio Concetto di patrimonio Il patrimonio o capitale si può definire, in prima approssimazione, come l insieme l dei beni a disposizione del soggetto aziendale in un determinato momento; in un accezione più

Dettagli