6. ANALISI LESSICALE AVANZATA ED ESPORTAZIONE DEI DATI TESTUALI CON TALTAC

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "6. ANALISI LESSICALE AVANZATA ED ESPORTAZIONE DEI DATI TESTUALI CON TALTAC"

Transcript

1 6. ANALISI LESSICALE AVANZATA ED ESPORTAZIONE DEI DATI TESTUALI CON TALTAC Il trattamento del testo con TALTAC, l estrazione del lessico, dei segmenti e le opzioni di modifica del corpus comportano la possibilità e a volte la necessità - di esportare i file per analisi da condurre successivamente con altri software, come DTM, SPAD, Alceste, WordMapper, ecc. In questo capitolo vedremo come gli strumenti messi a disposizione da TALTAC permettono di esportare tabelle lessicali ricche di informazioni e facilmente elaborabili da fogli elettronici come Excel, oppure di ricostruire il corpus secondo particolari esigenze di ricerca. Con questo scopo l analisi lessicale può essere condotta con strumenti più raffinati e con modifiche dei testi che possono incidere in modo significativo sulle forme grafiche e anche sul contenuto stesso del corpus. Alcune procedure illustrate in questo capitolo devono essere usate con molta cautela a- vendo bene in vista le finalità ultime dell analisi e quindi le ipotesi che la sostengono IL TAGGING GRAMMATICALE AVANZATO Il riconoscimento di base delle categorie grammaticali lascia inalterate (e quindi non riconosciute) molte forme grafiche. Tra le forme flesse dei verbi, ad esempio, non vengono riconosciute le enclitiche, cioè le forme con i suffissi glielo, gliene, melo, telo, tene, ecc. Come pure non vengono classificate le forme 83

2 Capitolo 6 alterate con suffissi diminutivi, vezzeggiativi, peggiorativi, come gattino, gattaccio, libretto, libriccino, ecc.; o i derivati di sostantivi e aggettivi come decenne, ventenne, tredicenne, assistenziale, adolescenziale. Vi sono poi i prefissi come anti-, super-, a-, ri-, in forme come antinvecchiamento, superlavoro, apolitico, rifare, ecc. Dal menu Moduli, selezioniamo Analisi lessicale Tagging grammaticale Vocabolario [TALTAC] e poi, nella finestra di dialogo (fig. 4.8) le fasi di tagging avanzato Enclitiche verbali, Derivati e Alterati, Forme con prefissi più comuni, Forme con altri Prefissi. Le forme riconosciute, che nel tagging di base erano 2.914, in seguito a questa procedura sono su un totale di forme distinte. Le forme flesse dei verbi, che erano 425 nel tagging di base, ora sono 468. Sulla nuova lista Vocabolario, dal menu Calcola, selezioniamo il comando Fusioni di Lemma/Lessia. I lemmi dei verbi individuati sono ora 284 a fronte dei 267 del passaggio di base. Il guadagno di informazione, in questo caso, non è altissimo: le 43 nuove forme flesse appartengono tutte alla classe degli hapax e quindi, in termini di occorrenze, non comportano un guadagno significativo nella copertura del testo. Questo risultato, tuttavia, è condizionato dalla dimensioni del corpus e dalla ricchezza del vocabolario. In genere questo passaggio di raffinamento del tagging rende più efficiente la lemmatizzazione dei verbi che, spesso, è l unica forma di lemmatizzazione consigliata con una procedura automatica senza dover intervenire con operazioni manuali RICOSTRUZIONE DEL CORPUS Dopo la fase di tagging gramaticale è possibile procedere alla ricostruzione del corpus sulla base delle forme grafiche categorizzate. Questo può essere molto utile per l esportazione del corpus e per analisi successive. Dal menu Moduli selezioniamo Gestione unità lessicali e poi Ricostruzione del Corpus con forme categorizzate. L output ci fornisce nuovamente il corpus aggiungendo alle forme un etichetta che ne permette l identificazione. Le forme ambigue (J) sono senza etichetta di identificazione (J) con il segno di underline (Regno_); le forme non riconosciute rimangono inalterate (Sardegna, Cipro, Gerusalemme). 84

3 Analisi lessicale avanzata ed esportazione dei dati testuali con TALTAC $P#A_Statuto statuto_n del_prep Regno_ di_ Sardegna Carlo_Alberto_NM per_prep la_ grazia_di_dio_n Re_N di_ Sardegna, di_ Cipro e_ di_ Gerusalemme, Duca_N di_ Savoja, di_ Genova, di_ Monferrato, d'_prep Aosta, eccetera_avv con_prep lealtà_n di_ Re_N e_ con_prep affetto_ di_ Padre_N Noi_PRON veniamo_v oggi_ a_ compiere_v quanto_ avevamo_v annunziato_ ai_ Nostri_ amatissimi_a sudditi_ col_prep Nostro_ proclama_ dell'_prep 8_NUM dell'_prep ultimo_ scorso_ febbraio_n, con_prep cui_pron abbiamo_v voluto_ dimostrare_v, in_mezzo_agli_prep eventi_n straordinarii_a che_ circondavano_v il_det paese_n, come_ la_ Nostra_ confidenza_n in_ loro_ crescesse_v colla_ gravità_n delle_prep circostanze_n, e_ come_ prendendo_v unicamente_avv consiglio_ dagli_ impulsi_ Il file così generato viene salvato automaticamente nella cartella di lavoro con un nome di file già identificato: LEX1_TT_ricoFG.txt (ricostruzione delle Forme Grafiche). La ricostruzione del corpus può avvenire anche in base alle forme lemmatizzate. Dal menu Moduli selezioniamo Ricostruzione del corpus e poi la voce: Con lemmi. L output ci fornisce ancora una volta il corpus sostituendo, dove è possibile, alle forme grafiche il lemma corrispondente. Le forme ambigue o non riconosciute restano inalterate. Come si è detto nel par. 4.6, questo tipo di lemmatizzazione automatica effettuata per tutte le categorie grammaticali non dà risultati attendibili. La procedura, per essere davvero efficiente, richiede degli interventi manuali di disambiguazione da parte dell analista. $P#A_Statuto statuto_n di_prep Regno_ di_ Sardegna Carlo_Alberto_NM per_prep la_ grazia_di_dio_n re_n di_ Sardegna, di_ Cipro e_ di_ Gerusalemme, duca_n di_ Savoja, di_ Genova, di_ Monferrato, di_prep Aosta, eccetera_avv con_prep lealtà_n di_ re_n e_ con_prep affetto_ di_ padre_n noi_pron veniamo_v oggi_ a_ compiere_v quanto_ avere_v annunziato_ ai_ nostro_ amato_a suddito_ con_prep nostro_ proclama_ di_prep 8_NUM di_prep ultimo_ scorso_ febbraio_n, con_prep cui_pron avere_v voluto_ dimostrare_v, in_mezzo_a_prep evento_n straordinario_a che_ circondare_v il_det paese_n, come_ la_ nostro_ confidenza_n in_ loro_ crescere_v colla_ gravità_n di_prep circostanza_n, e_ come_ prendere_v unicamente_avv consiglio_ dagli_ impulsi_ di_prep nostro_ cuore_n fosse_ 85

4 Capitolo 6 Va osservato come la forma amatissimi_a (forma alterata) sia stata trasformata durante la lemmatizzazione in amato_a, la forma avevamo_v in avere_v, ecc. La forma Nostra_ confidenza_n è modificata in nostro_ confidenza_n perché nel vocabolario la forma ambigua Nostra_J (A+N+PRON) può essere inequivocabilmente lemmatizzata in nostro_ anche senza essere stata disambiguata nelle sue categorie grammaticali distinte. Il file così generato viene salvato automaticamente nella cartella di lavoro con il nome: LEX1_TT_ricoLEMMI.txt (ricostruzione delle Forme Grafiche) RICOSTRUZIONE DEL CORPUS CON SELEZIONE DI ALCUNE CATEGORIE Una terza modalità di ricostruzione del corpus ci permette di selezionare quali forme vogliamo lemmatizzare lasciando le altre inalterate. Fig Selezione delle categorie grammaticali Come si è detto nel par. 6.2, la lemmatizzazione dei verbi in genere porta ad ottimi risultati anche in una procedura del tutto automatizzata. Le forme flesse dei verbi e le enclitiche verbali generano raramente forme ambigue delle quali il programma non sia in grado di decidere la categoria grammaticale di appartenenza. Questo vale, sebbene in misura minore, anche per gli aggettivi che vengono ricondotti alla forma maschile singolare. Ve detto che per gli aggettivi la lemmatizzazione fa perdere questa distinzione di genere che, invece, è 86

5 Analisi lessicale avanzata ed esportazione dei dati testuali con TALTAC fortemente connotata sul piano semantico. In ogni caso queste sono scelte che l analista può compiere con consapevolezza attraverso la procedura di selezione della categorie grammaticali. Dal menu Moduli selezioniamo Ricostruzione del corpus e poi la voce: Con selezione di alcune categorie. Nella finestra di dialogo (fig. 6.1) possiamo lasciare inalterate le categorie di default oppure de-selezionare aggettivi e preposizioni lasciando esclusivamente i verbi. Il corpus verrà ricostruito con le forme grafiche originali, lemmatizzando esclusivamente le categorie indicate. Il file così generato viene salvato automaticamente nella cartella di lavoro con un nome di file già identificato: LEX1_TT_ricoSELCAT.txt. $P#A_Statuto statuto_n di_prep Regno_ di_ Sardegna Carlo_Alberto_NM per_prep la_ grazia_di_dio_n Re_N di_ Sardegna, di_ Cipro e_ di_ Gerusalemme, Duca_N di_ Savoja, di_ Genova, di_ Monferrato, di_prep Aosta, eccetera_avv con_prep lealtà_n di_ Re_N e_ con_prep affetto_ di_ Padre_N Noi_PRON veniamo_v oggi_ a_ compiere_v quanto_ avere_v annunziato_ ai_ Nostri_ amato_a sudditi_ con_prep Nostro_ proclama_ di_prep 8_NUM di_prep ultimo_ scorso_ febbraio_n, con_prep cui_pron avere_v voluto_ dimostrare_v, in_mezzo_a_prep eventi_n straordinario_a che_ circondare_v il_det paese_n, come_ la_ Nostra_ confidenza_n in_ loro_ crescere_v colla_ gravità_n di_prep circostanze_n, e_ come_ prendere_v unicamente_avv consiglio_ dagli_ impulsi_ di_prep Nostro_ cuore_n fosse_ ferma_ Nostra_ intenzione_n di_ conformare_v le_ loro_ sorti_ alla_ ragione_n dei_ tempi_n, agli_ interessi_ ed_cong alla_ dignità_n di_prep Nazione_N. In questo caso, avendo scelto di lemmatizzare solo aggettivi, preposizione e verbi (A, PREP, V) le forme ai_ Nostri_ amati_a sudditi sono state stata modificate in ai_ Nostri_ amato_a sudditi. Utilizzando questa procedura è possibile generare un corpus in cui sono state cancellate alcune forme grafiche a scelta dell analista. Per questo scopo si utilizza la casella in basso a sinistra della finestra di dialogo (fig. 6.1). La procedura è la seguente. 1) Dal menu Moduli selezioniamo Estrazione di informazione e poi la voce Visualizza DataBase di Sessione (la procedura si effettua più rapidamente dal menu Finestra, se i DB di Sessione sono già state aperti in precedenza). 2) Apriamo la lista Vocabolario [TALTAC] (con TAG grammaticale de- 87

6 Capitolo 6 selezionando la casella a destra in basso della finestra di dialogo Sola lettura in modo da aprire la lista in modalità scrittura. 3) Ora, nella lista delle forme grafiche, in corrispondenza delle forme che desideriamo cancellare nella ricostruzione del corpus, scriviamo DEL (delete) nella colonna Categoria grammaticale. Questa procedura può essere compiuta anche per selezione delle categorie con lo strumento Text/Data Mining (vedi 6.4). Al termine di questa operazione, tutte le forme che desideriamo eliminare nella ricostruzione del corpus riporteranno il tag DEL nel campo Categoria grammaticale. In questo esempio abbiamo marcato con il tag DEL le preposizioni, i determinanti, le congiunzioni e i pronomi. Dal menu Moduli selezioniamo Ricostruzione del corpus e poi la voce: Con selezione di alcune categorie. Nella finestra di dialogo (fig. 6.1) lasciamo inalterate le opzioni di default e marchiamo la casella in basso a sinistra: Elimina FG classificate con DEL (funzione di pulitura del testo). Il risultato sarà il seguente: $P#A_Statuto statuto_n Regno_ di_ Sardegna Carlo_Alberto_NM la_ grazia_di_dio_n Re_N di_ Sardegna, di_ Cipro e_ di_ Gerusalemme, Duca_N di_ Savoja, di_ Genova, di_ Monferrato, Aosta, eccetera_avv lealtà_n di_ Re_N e_ affetto_ di_ Padre_N veniamo_v oggi_ a_ compiere_v quanto_ avere_v annunziato_ ai_ Nostri_ amato_a sudditi_ Nostro_ proclama_ 8_NUM ultimo_ scorso_ febbraio_n, avere_v voluto_ dimostrare_v, eventi_n straordinario_a che_ circondare_v paese_n, come_ la_ Nostra_ confidenza_n in_ loro_ crescere_v colla_ gravità_n circostanze_n, e_ come_ prendere_v unicamente_avv consiglio_ dagli_ impulsi_ cuore_n fosse_ ferma_ Nostra_ intenzione_n di_ conformare_v le_ loro_ sorti_ alla_ ragione_n dei_ tempi_n, agli_ interessi_ alla_ dignità_n Nazione_N. Questa procedura può essere molto utile per la pulitura di testi digitalizzati con un alta componente di rumore, come i messaggi o i messaggi di forum e newsgroup (Giuliano, 2004), oppure per ridurre le dimensioni di corpora molto grandi alle sole forme ritenute significative per l analisi, specialmente nell analisi multimensionale. 88

7 Analisi lessicale avanzata ed esportazione dei dati testuali con TALTAC TEXT/DATA MINING ED ESPORTAZIONE DI MATRICI Lo strumento Text/Data Mining è di grande utilità, non solo per l esplorazione del corpus attraverso le liste generate dal programma, ma anche per selezionare le matrici da esportare per il loro utilizzo in altri software di analisi testuale. Negli esempi che seguono prenderemo come riferimento il Vocabolario della sessione, ma le stesse operazioni possono essere compiute sulle altre liste come le liste di fusione delle forme/lessie, le liste dei segmenti, le liste di specificità o le liste di confronto tra lessici (intersezione, u- nione o forme originali). Con la lista Vocabolario aperta nella finestra di lavoro, rendiamo attivo un campo selezionando la colonna sulla quel desideriamo operare; per esempio selezioniamo la colonna Forma grafica ponendo il cursore sull intestazione della colonna stessa. Così facendo la colonna assume un colore e questo indica che è attiva. Ora clicchiamo sull icona Text/Data Mining della barra degli strumenti (oppure selezioniamo il comando Text/Data Mining dal menu Record) ed apriamo la finestra di dialogo: Fig Finestra di dialogo del Text/Data Mining 89

8 Capitolo 6 Come si può osservare (fig. 6.2) il criterio di selezione del campo indicato nella casella è quello da noi selezionato: Forma grafica. I parametri successivi ci permettono di compiere delle operazioni logiche e delle operazioni di selezione tali da visualizzare esclusivamente i record di nostro interesse. Tali record visibili possono essere salvati in matrici da esportare. Per esempio rispetto al campo Forma Grafica, per il criterio Records LIKE scriviamo giur*. L asterisco * sta per qualsiasi carattere. Così facendo otterremo l elenco delle forme grafiche che iniziano per giur (fig. 6.3). Fig Selezione delle forme grafiche che iniziano con giur-. Oppure, selezionando il campo Categoria grammaticale, per il criterio Records LIKE scriviamo V ottenendo solo le forme grafiche della categoria Verbi (fig. 6.4). Fig Selezione delle forme grafiche: verbi 90

9 Analisi lessicale avanzata ed esportazione dei dati testuali con TALTAC Ciascuna di queste matrici è dotata di tutte le informazioni contenute nelle colonne della lista, compresi i campi nascosti, sempre visualizzabili dal menu Formato, voce Scopri campo, e poi selezionando il campo da scoprire (per e- sempio le sub-occorrenze del corpus). La matrice attiva nella finestra di lavoro è esportabile in un file di testo (perfettamente importabile in Excel) dal menu File, comando Esporta in un file di testo, voce Solo i record visibili. Le operazioni di selezione più interessanti che si possono compiere dalla finestra di dialogo dello strumento Text/Data Mining sono: 1) La selezione dei nomi astratti (non direttamente percepibili dai sensi) come libertà, proprietà, famiglia, maggioranza, sicurezza, dignità, società, ecc. Nel corpus LEX1 sono ) La selezione secondo il numero delle occorrenze con gli operatori di > < e =. Per esempio una selezione sulla base delle occorrenze maggiori di 5 visualizza una matrice di 393 record (forme grafiche distinte). 3) La selezione Records LIKE che, come si è visto, permette di individuare le forme grafiche oppure di selezionare sulla base delle categorie grammaticali. 4) La selezione dei campi vuoti/non vuoti. Il campo vuoto è un campo in cui non vi è alcun carattere. Le forme non riconosciute dal tag grammaticale hanno il campo vuoto. La casella Applica solo i records visibili permette le operazioni di affinamento della selezioni: marcando la casella, la selezione successiva avviene solo sulla lista selezionata attiva. Lo strumento Text/Data Mining permette di eseguire molte altre operazioni utili per la costruzione di matrici di lavoro. La consultazione del manuale, l esperienza dell utente, la sua fantasia e i problemi che si presentano in ogni analisi in modo originale ed imprevisto, possono generare nuove soluzioni e nuovi percorsi. L analisi dei dati testuali non trova facilmente procedure standardizzate valide una volte per tute e applicabili a tutti i testi. Questo fa parte del suo fascino. L obiettivo è sempre molto ambizioso: ricavare da una massa enorme di dati le informazioni ritenute essenziali e dotate di senso. E una sfida sempre aperta all innovazione e quindi tale da richiedere approcci nuovi e ancora inesplorati. 91

10

11 7. ANALISI MULTIMENSIONALE DEI DATI TESTUALI CON DTM DTM (Data and Text Mining) è un software di statistica per l esplorazione multidimensionale di dati complessi che comprendono dati numerici e testuali. Il software è stato sviluppato sotto la direzione di Ludovic Lebart sulla base della versione per DOS di SPAD-N (Système Portable pour l Analyse des Données) e SPAD-T. Le applicazioni principali riguardano l elaborazioni di dati quantitativi tratti da questionari e di risposte aperte (oppure di testi). In particolare, per quanto riguarda l analisi testuale, DTM permette di effettuare l analisi delle corrispondenze sulle tabelle di incrocio tra vocabolario e testi (APLUM) e tra parole e risposte (ASPAR), di costruire le tabelle lessicali di contingenza tra parole e testi (MOTEX e TALEX), di effettuare la classificazione gerarchica automatica delle risposte (RECIP). Il programma (aggiornato al 9 settembre 2004), sviluppato per fini didattici, è scaricabile dal sito e funziona in Windows (qualsiasi versione) principalmente sulla base di esempi di applicazione delle procedure principali. Seguendo le istruzioni è però possibile, con molte limitazioni rispetto al software completo ( soggetti, righe; variabili, colonne), far girare il software anche sui propri dati. In generale si tratta di un software di uso non facilitato che è rivolto a studiosi e non ad un generico pubblico di utenti. Ne è una testimonianza lo stesso linguaggio utilizzato, una versione mista in francese e in inglese. L uso del programma richiede l apprendimento (in gran parte esecutivo ) di istruzioni e sintassi molto rigide sulle quali operare pochi cambiamenti, trascurando tutto ciò che non è immediatamente utile e lasciando inalterati molti parametri senza entrare nel merito delle loro funzioni. 93

12 Capitolo PREPARAZIONE DEL CORPUS Dopo aver installato il programma (seguendo le istruzioni fornite sul sito) prendiamo in esame, prima di tutto, il corpus originale del nostro esempio (LEX1.txt) così come è stato ricostruito da TALTAC in seguito alla fase di tagging grammaticale di base, senza la lessicalizzazione dei segmenti. Chiameremo questo corpus con il nome di LEX1_TT_ricoFG.txt e lo copiamo nella cartella di lavoro LEX1_DTM (la cartella di lavoro può essere posizionata dovunque, anche sul desktop). Tab. 7.1 Caso A: un individuo / una riga ****Testo 1 questa è la prima riga del testo 1! Individuo 1 Testo 1 questa è la seconda riga del testo 1! Individuo 2 Testo 1... questa è la i-esima riga del testo 1! Individuo i Testo 1... questa è la n-esima riga del testo 1! Individuo n Testo 1 ****Testo 2 questa è la prima riga del testo 2! Individuo 1 Testo 2 questa è la seconda riga del testo 2! Individuo 2 Testo 2... questa è la i-esima riga del testo 2! Individuo i Testo 2... questa è la n-esima riga del testo 1! Individuo n Testo 2 ****Testo j... ****Testo k questa è la prima riga del testo k! Individuo 1 Testo k questa è la seconda riga del testo k! Individuo 2 Testo k... questa è la i-esima riga del testo k! Individuo i Testo k... questa è la n-esima riga del testo k! Individuo n Testo k ==== Tab. 7.2 Caso B: un individuo / più righe ****Testo 1 questa è la prima riga del testo 1 questa è la seconda riga del testo 1 Individuo 1 Testo

13 Analisi multidimensionale dei dati testuali con DTM ---- questa è la i-esima riga del testo 1 Individuo i Testo questa è la n-esima riga del testo 1 Individuo n Testo 1... ****Testo 2 questa è la prima riga del testo 2 questa è la seconda riga del testo 2 Individuo 1 Testo 2... questa è la i-esima riga del testo questa è la n-esima riga del testo 2 Individuo n Testo 2... ****Testo j... ****Testo k questa è la prima riga del testo k questa è la seconda riga del testo k Individuo 1 Testo k... questa è la i-esima riga del testo k questa è la n-esima riga del testo k Individuo n Testo k ==== Il file deve essere preparato per il trattamento in DTM. La strategia generale che adotteremo consiste esclusivamente nell analisi del corpus secondo la partizione in quattro testi. Pertanto occorre inserire nel file i marcatori adeguati per una corretta decodifica da parte del software. In questo tipo di applicazione, che convenzionalmente si chiama Texte o Text, il corpus può avere una delle due forme indicate in tabella 1 (caso A: un individuo / una riga) o in tabella 2 (caso B: un individuo / più righe). Nel caso A ogni riga (risposta) viene considerata come un individuo. Ogni testo è composto di n individui (risposte). Nel caso B ogni individuo può avere una risposta che continua su più righe. Pertanto la risposta viene considerata come un individuo. Anche in questo caso ogni testo è composto di n individui (risposte). Ogni risposta è delimitata dal marcatore In entrambi i casi (e anche per la redazione di tutti i file di lavoro: parametri, dizionario, dati) la lunghezza delle righe deve obbligatoriamente contenere al massimo 80 colonne (caratteri). 95

14 Capitolo 7 preparazione del testo viene effettuata nell editor di testi TextPad (cap. 2) per la riduzione della lunghezza delle righe e l inserimento dei marcatori. In seguito al passaggio in TextPad, il corpus (salvato con il nome LEX1_TT_ricoFG80.txt ) si presenterà come segue: ****A_Statuto statuto_n del_prep Regno_ di_ Sardegna Carlo_Alberto_NM per_prep la_ grazia_di_dio_n Re_N di_ Sardegna, di_ Cipro e_ di_ Gerusalemme, Duca_N di_ Savoja, di_ Genova, di_ Monferrato, d'_prep Aosta, eccetera_avv con_prep lealtà_n di_ Re_N e_ con_prep affetto_ di_ Padre_N Noi_PRON veniamo_v oggi_ a_ compiere_v quanto_ avevamo_v annunziato_ ai_ Nostri_ amatissimi_a sudditi_ col_prep Nostro_ proclama_ dell'_prep 8_NUM dell'_prep ultimo_ scorso_ febbraio_n, con_prep cui_pron abbiamo_v voluto_ dimostrare_v... ****B_Roma costituzione_n DELLA_PREP REPUBBLICA_N ROMANA_, 1849_NUM principii_n FONDAMENTALI_ la_ sovranità_n è_v per_diritto_avv eterno_ nel_prep popolo_. il_det popolo_ dello_prep Stato_N Romano_NM è_v costituito_ in_ repubblica_n democratica_. il_det regime_n democratico_ ha_ per_prep regola_ l'_det eguaglianza_n, la_ libertà_n, la_ fraternità_n. non_ riconosce_v titoli_ di_ nobiltà_n,... ****C_Italia costituzione_n della_prep Repubblica_N italiana_ edizione_n del_prep 1_NUM gennaio_n 1948_NUM principî fondamentali_ l'_det Italia_N è_v una_ Repubblica_N democratica_, fondata_ sul_lavoro_avv... ****D_ONU dichiarazione_n UNIVERSALE_ DEI_ DIRITTI_ DELL'_PREP UOMO_N preambolo_n considerato_ che_ il_det riconoscimento_n della_prep dignità_n inerente_ a_ tutti_ i_ membri_ della_prep famiglia_n umana_, i_ loro_ diritti_, uguali_ ed_cong inalienabili_a, costituisce_v il_det fondamento_n della_prep libertà_n, della_prep giustizia_ e_ della_prep pace_n nel_prep mondo_ ;... un_det atto_ mirante_v alla_ distruzione_n dei_ diritti_ e_ delle_prep libertà_n in_ essa_ enunciati_. 10_NUM dicembre_n 1948_NUM ==== 96

15 Analisi multidimensionale dei dati testuali con DTM ANALISI DELLE CORRISPONDENZE BINARIE: PREPARAZIONE DEL FILE DEI PARAMETRI PER LA PROCEDURA APLUM DTM esegue il programma in fasi che devono essere sequenziali in base alle istruzioni contenute nel file dei parametri. ARTEX SELOX NUMER MOTEX MOCAR APLUM Fig Fasi della procedura APLUM Nella nomenclatura dei parametri illustrati qui di seguito, con: individuo (individu/individual) si intende l entità in cui viene ripartito il testo (ogni individuo può fornire una o più domande/risposte); risposte (réponses/responses) sono i testi attribuiti a ciascun individuo a seconda delle domande (questions); stampa si intende la modalità di visualizzazione nel file di output dei risultati dall analisi (imp.txt). I termini domande aperte e risposte derivano dal fatto che il software è utilizzato soprattutto per l elaborazione delle risposte alle domande aperte dei questionari. Il file di output dei risultati viene ricoperto ad ogni analisi successiva. Se si desidera salvare il risultato per ogni fase occorre rinominare il file imp.txt prima di procedere con l esecuzione della fase successiva. ARTEX è la fase in cui viene costruito l archivio dei dati testuali. Parametri: ityp: tipo di dati testuali nel file ntexz (text = 1, enquire = 2). ncol: lirep: lunghezza dei record delle risposte. indica la fine implicita della risposta (1 = 1 riga/1 risposta). 97

16 Capitolo 7 SELOX è la fase in cui vengono scelte le domande aperte da trattare. Parametri: numq: indice delle domande selezionate; se numq = -1 o numq = list allora ci saranno insieme diverse domande (nella riga successiva saranno elencate le domande secondo il n. d ordine). Se si tratta di un corpus suddiviso in testi (come nel caso in esempio), allora nella fase ARTEX ityp = 1, ne consegue che nella fase SELOX numq = 1, cioè si istruisce il programma ad elaborare una sola domanda. NUMER è la fase di codifica numerica dei testi. Parametri: coef: valore di default 1; da 2 a 10 per corpora più grandi). Si tratta di un coefficiente tecnico che indica al programma la frequenza delle forme grafiche per lunghezza; in alcuni casi può essere sostituito da histo (vedi sotto). nseu: numero che indica la soglia di frequenza delle forme grafiche da trattare. nxlet: numero massimo di lettere per forma. nxmax: numero massimo di forme distinte. ledit: stampa delle parole (0 = no, 1 ordine alfabetico, 2 ordine di frequenza, 3 = tutto). nmomi: numero che indica la soglia di lunghezza delle parole. weak '"-+ (separatori deboli). strong.;:()!?, (separatori forti). histo > (parametri di default che possono essere modificati secondo le necessità). end (fine della fase). Con il parametro coef il comando histo non è necessario. La sequenza di valori inserita qui come esempio è semplicemente la sequenza di default che viene attivata da coef = 1. Con coef = 2 i valori della sequenza saranno moltiplicati per 2: > Questi valori indicano che il programma si attende che ci siano 80 forme grafi- 98

17 Analisi multidimensionale dei dati testuali con DTM che distinte con una lunghezza di 1 carattere; 220 con lunghezza 2, 440 con lunghezza 3; e così via fino a 10 con lunghezza 20. Non è previsto che vi siano parole più lunghe di 20 caratteri. Per quanto riguarda le parole di una lingua questo è quasi sempre vero (benché la parola più lunga del vocabolario italiano sia di 26 lettere). Se vi sono parole più lunghe il programma le legge, ma le tronca al ventesimo carattere. Questo non è un grosso problema perché le forme sono quasi sempre riconoscibili con venti caratteri (cioè è piuttosto raro che due forme con 21 o più caratteri abbiano i primi 20 caratteri nella stessa sequenza). Invece si tratta di un errore grave se le forme massime previste per una certa lunghezza di caratteri sono inferiori a quelle effettive. Se accade questo, il programma ignora le forme eccedenti. Nell output questo è segnalato dal fatto che alcuni valori della distribuzione delle forme per lunghezza sono identici sia per le forme previste che per le forme effettive riscontrate. La procedura è corretta solo se per tutti e venti i valori la forme previste eccedono di almeno 1 le forme effettive. Se questo non si verifica allora bisogna inserire, al posto del parametro coef che può essere ignorato, il comando histo (senza il segno di = ) seguito da una sequenza di valori secondo le necessità. La sequenza di valori corretta si ottiene attraverso prove successive fino a quando tutti i valori previsti sono maggiori dei valori effettivi. Per l esempio in corso dovremo preparare il seguente il file dei parametri (denominato LEX1par1.txt) da salvare nella cartella di lavoro LEX1_DTM che conterrà già il file con il corpus. Tra gli esempi contenuti nel software non c è un file parametri da seguire come traccia per questa procedura. Occorre sottolineare anche che i nomi dei parametri e dei comandi in alcuni esempi sono in inglese (weak, strong) mentre nell help sono riportati in francese (faible, fort). Funzionano in entrambe le dizioni. Anche le modalità dei parametri sono utilizzate in forma diversa (pur essendo identiche); per esempio, nel seguente file di parametri, nella fase NUMER, il parametro LEDIT può essere indicato come =3 oppure =tot. Anche l uso delle lettere maiuscole o minuscole è indifferente. #****** Il programma richiede 2 file in formato txt # #****** 1) Il presente file di parametri (LEX1_par1.txt) # 2) Il file di testo (NTEXZ = 'LEX1_TT_ricoFG80.txt') #****** Il programma produce il file di output IMP.txt (risultati) #****** Sintassi: ">"= continuazione, "#"= commenti LISTP = no, LISTF = no # (lascia questo così com è) NTEXZ = 'LEX1_TT_ricoFG80.txt' # nome file di testo (nome libero) 99

18 Capitolo 7 STEP ARTEX ==== Archive - Texts or responses to open ended questions ITYP=1 LIREP=1 NCOL=80 STEP SELOX ==== Selection of open questions and of individuals NUMQ = 1 STEP NUMER ==== Numerical coding of words NSEU=0 NMOMI=0 LEDIT=3 NXLET =20 NXMAX=5000 weak "-+ strong.;:()!?, histo > end STOP Tra i separatori deboli è stato eliminato l apostrofo per evitare che le forme create da TALTAC come: DELL'_PREP al_principio_d'_prep all'_prep vengano spezzate nelle forme distinte: DELL PREP al_principio_d PREP all PREP Il corpus ricostruito da TALTAC contiene sempre forme molto più lunghe delle parole in lingua italiana, in quanto ogni parola riconosciuta è stata classificata in una forma grammaticale e quindi identificata da una tag. Inoltre vi sono molti poliformi o segmenti lessicalizzati (creati dall analista) che portano la lunghezza delle forme ad eccedere il numero massimo di 20 caratteri (il poliforme dell esempio qui sotto è costituito da 37 caratteri). Questo comporta un innalzamento della frequenza di forme grafiche attese nelle classi di lunghezza Purtroppo, in questi casi, accade anche che le forme abbiano i primi 20 caratteri in comune, per cui le forme vengono troncate e conteggiate come se 100

19 Analisi multidimensionale dei dati testuali con DTM appartenessero ad una forma unica. Per esempio: presidente_del_consiglio_dei_ministri occorr. 5 presidente_del_consiglio occorr. 1 Le due forme vengono riconosciute come: presidente_del_consi occorr. 6 L unico modo per distinguere le due forme (se fosse ritenuto necessario per l analisi) è di modificarle con un codice come prefisso. Per esempio: 1presidente_del_Cons (iglio_dei_ministri) 2presidente_del_Cons (iglio) A questo punto, con il file del corpus LEX1_TT_ricoFG80.txt e con il file dei parametri LEX1par1.txt nella stessa cartella di lavoro possiamo aprire il programma cliccando sull icona DTM per accedere alla barra dei menu: Fig Barra dei menu di DTM Dalla menu Parameters selezioniamo la voce Open e apriamo il file parametri LEX1_par1.txt nella cartella di lavoro. Se necessario, possiamo modificare i parametri, ricordandoci però di salvare il nuovo file dal menu File Save o Save as... Se non sono necessarie modifiche, clicchiamo sul comando Return e ritorniamo sulla barra del menu principale. Clicchiamo su Execute per avviare l esecuzione del programma. Dopo qualche secondo appare una finestra di controllo delle fasi (step) eseguite. 101

20 Capitolo 7 Fig Finestra di controllo delle fasi eseguite Se non ci sono errori di scrittura della sintassi (segnalati da una interruzione del programma) possiamo esaminare l output cliccando sul menu Results Open. L output va esaminato con estrema attenzione anche nel caso in cui tutte le fasi vengano eseguite perché possono esserci ugualmente degli errori, sebbene non così decisivi da bloccare l esecuzione del programma. L output (file imp.txt nella cartella di lavoro) è sempre piuttosto pesante e dovremo esaminarlo, per quanto è possibile, da monitor, stampando solo le parti essenziali quando riterremo di aver completato l analisi. L output illustra tutte le fasi eseguite e i rispettivi parametri, fornendo le tabelle e gli eventuali grafici richiesti (che però sono visualizzabili in modo più efficace sul visualizzatore grafico, come vedremo). Nella fase NUMER dovremo fare attenzione ad alcune informazioni: number of responses per class: ci dice quante righe (individui) ci sono per ogni testo. In questo caso la partizione in righe è solo una partizione di comodo che non ha alcun significato per l analisi, che verrà condotta sulla tabella di contingenza delle forme testi; in altri casi però può essere un dato di controllo essenziale. frequency according to the number of letters: occorre prestare attenzione (come si è detto) al valore delle frequenze osservate in corrispondenza delle frequenze massime previste per ciascuna classe di lunghezza delle forme. Se la frequenza massima è uguale alla frequenza osservata è possibile che qualche forma sia stata scartata in quanto eccedente il valore massimo indicato. In questo caso sarà necessario aumentare il valore della frequenza massima prevista nel comando histo ed eseguire di nuovo il programma. Di seguito abbiamo i risultati principali del conteggio delle occorrenze: 102

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale Analisi esplorative di dati testualilezione 2 Le principali tecniche di analisi testuale Facendo riferimento alle tecniche di data mining,

Dettagli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli ITCG C. CATTANEO via Matilde di Canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (Reggio Emilia) Costruzione del grafico di una funzione con Microsoft Excel Supponiamo di aver costruito la tabella riportata in figura

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Software Emeris Communication Manager

Software Emeris Communication Manager ecm Software Emeris Communication Manager Manuale operativo Fantini Cosmi S.p.A. Via dell Osio 6 20090 Caleppio di Settala MI Tel 02.956821 - Fax 02.95307006 e-mail: info@fantinicosmi.it http://www.fantinicosmi.it

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze. Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1

Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze. Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1 Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1 Utilizzare Dev-C++ Tutti i programmi che seranno realizzati richiedono progetti separati

Dettagli

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole Guida rapida Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Riunisce geometria, algebra, tabelle,

Dettagli

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0 Documentazione Servizio SMS WEB Versione 1.0 1 Contenuti 1 INTRODUZIONE...5 1.1 MULTILANGUAGE...5 2 MESSAGGI...7 2.1 MESSAGGI...7 2.1.1 INVIO SINGOLO SMS...7 2.1.2 INVIO MULTIPLO SMS...9 2.1.3 INVIO MMS

Dettagli

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati.

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. La prima colonna indica il tasto da premere singolarmente e poi rilasciare. La seconda e terza colonna rappresenta la combinazione dei i tasti da premere

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Analisi delle Corrispondenze Multiple Prof. Roberto Fantaccione

Analisi delle Corrispondenze Multiple Prof. Roberto Fantaccione Analisi delle Corrispondenze Multiple Prof. Roberto Fantaccione Consideriamo il nostro dataset formato da 468 individui e 1 variabili nominali costituite dalle seguenti modalità : colonna D: Age of client

Dettagli

Dati importati/esportati

Dati importati/esportati Dati importati/esportati Dati importati Al workspace MATLAB script Dati esportati file 1 File di testo (.txt) Spreadsheet Database Altro Elaborazione dati Grafici File di testo Relazioni Codice Database

Dettagli

Come scaricare sul Desktop i dati necessari allo svolgimento di un esercitazione link Save it to disk OK.

Come scaricare sul Desktop i dati necessari allo svolgimento di un esercitazione link Save it to disk OK. Come scaricare sul Desktop i dati necessari allo svolgimento di un esercitazione Per svolgere correttamente alcune esercitazioni operative, è previsto che l utente utilizzi dei dati forniti attraverso

Dettagli

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Manuale utente Data ultima revisione: 22/10/2008 Fondamenti di informatica Università Facoltà Corso di laurea Politecnico di Bari 1 a Facoltà di

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD WORD SOMMARIO 1. Muoversi nel testo... 1 2. Taglia, copia e incolla... 2 3. Aprire, salvare e chiudere... 3 4. Trovare e sostituire... 4 5. Visualizzare in modi diversi... 6 6. Formattare e incolonnare...

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

Importazione dati da Excel

Importazione dati da Excel Nota Salvatempo Spesometro 4.3 19 MARZO 2015 Importazione dati da Excel In previsione della prossima scadenza dell'invio del Modello Polivalente (Spesometro scadenza aprile 2015), è stata implementata

Dettagli

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO:

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO: ASTA IN GRIGLIA PRO Asta in Griglia PRO è un software creato per aiutare il venditore Ebay nella fase di post-vendita, da quando l inserzione finisce con una vendita fino alla spedizione. Il programma

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

MANUALE DOS INTRODUZIONE

MANUALE DOS INTRODUZIONE MANUALE DOS INTRODUZIONE Il DOS è il vecchio sistema operativo, che fino a qualche anno fa era il più diffuso sui PC, prima dell avvento di Windows 95 e successori. Le caratteristiche principali di questo

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT 1 1 Introduzione al programma 3 2 La prima volta con Powerpoint 3 3 Visualizzazione

Dettagli

RefWorks Guida all utente Versione 4.0

RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Accesso a RefWorks per utenti registrati RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Dalla pagina web www.refworks.com/refworks Inserire il proprio username (indirizzo e-mail) e password NB: Agli utenti remoti

Dettagli

BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2

BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2 BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2 Premessa. In questa nuova versione è stata modificata la risoluzione (dimensione) generale delle finestre. Per gli utenti che navigano nella modalità a Finestre, la dimensione

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 Download Si può scaricare gratuitamente la versione per il proprio sistema operativo (Windows, MacOS, Linux) dal sito: http://www.codeblocks.org

Dettagli

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari Sistema Regionale ECM Pagina 1 di 7 1 Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari 1. Presentazione: L evento, destinato alle figure professionali di Tecnici

Dettagli

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE Access permette di specificare una maschera che deve essere visualizzata automaticamente all'apertura di un file. Vediamo come creare una maschera di

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa

Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa di Ilaria Lorenzo e Alessandra Palma Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa Code::Blocks

Dettagli

Client PEC Quadra Guida Utente

Client PEC Quadra Guida Utente Client PEC Quadra Guida Utente Versione 3.2 Guida Utente all uso di Client PEC Quadra Sommario Premessa... 3 Cos è la Posta Elettronica Certificata... 4 1.1 Come funziona la PEC... 4 1.2 Ricevuta di Accettazione...

Dettagli

Manipolazione di testi: espressioni regolari

Manipolazione di testi: espressioni regolari Manipolazione di testi: espressioni regolari Un meccanismo per specificare un pattern, che, di fatto, è la rappresentazione sintetica di un insieme (eventualmente infinito) di stringhe: il pattern viene

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC Barra di Formattazione Barra Standard Barra del Menu Intestazione di colonna Barra di Calcolo Contenuto della cella attiva Indirizzo della cella attiva Cella attiva Intestazione

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

EndNote Web. Quick Reference Card THOMSON SCIENTIFIC

EndNote Web. Quick Reference Card THOMSON SCIENTIFIC THOMSON SCIENTIFIC EndNote Web Quick Reference Card Web è un servizio online ideato per aiutare studenti e ricercatori nel processo di scrittura di un documento di ricerca. ISI Web of Knowledge, EndNote

Dettagli

Gestione Nuova Casella email

Gestione Nuova Casella email Gestione Nuova Casella email Per accedere alla vecchia casella questo l indirizzo web: http://62.149.157.9/ Potrà essere utile accedere alla vecchia gestione per esportare la rubrica e reimportala come

Dettagli

Principal Component Analysis

Principal Component Analysis Principal Component Analysis Alessandro Rezzani Abstract L articolo descrive una delle tecniche di riduzione della dimensionalità del data set: il metodo dell analisi delle componenti principali (Principal

Dettagli

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. "Generate debugging information"

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. Generate debugging information FASE DEBUGGING: Prima della compilazione, si devono inserire 1 nel progetto informazioni per il debug cioè si devono visualizzare le opzioni di progetto seguendo il percorso: controllando che la voce Genera

Dettagli

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Il presente documento applica il Regolamento sulla gestione delle segnalazioni e dei reclami

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Guida agli strumenti etwinning

Guida agli strumenti etwinning Guida agli strumenti etwinning Registrarsi in etwinning Prima tappa: Dati di chi effettua la registrazione Seconda tappa: Preferenze di gemellaggio Terza tappa: Dati della scuola Quarta tappa: Profilo

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Tutti i tipi di dato utilizzati dal Matlab sono in forma di array. I vettori sono array monodimensionali, e così possono essere viste le serie temporali,

Dettagli

Guida rapida di IBM SPSS Statistics 20

Guida rapida di IBM SPSS Statistics 20 Guida rapida di IBM SPSS Statistics 20 Nota: Prima di utilizzare queste informazioni e il relativo prodotto, leggere le informazioni generali disponibili in Note legali a pag. 162. Questa versione si applica

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

ESTRAZIONE AUTOMATICA D INFORMAZIONE DAI TESTI

ESTRAZIONE AUTOMATICA D INFORMAZIONE DAI TESTI ESTRAZIONE AUTOMATICA D INFORMAZIONE DAI TESTI L'analisi automatica dei testi si è sviluppata soprattutto in virtù della crescente disponibilità di tecnologie informatiche e linguistiche e consente di

Dettagli

REGEL - Registro Docenti

REGEL - Registro Docenti REGEL - Registro Docenti INFORMAZIONI GENERALI Con il Registro Docenti online vengono compiute dai Docenti tutte le operazioni di registrazione delle attività quotidiane, le medesime che si eseguono sul

Dettagli

l Editor vi vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile con qualsiasi tipo di terminale.

l Editor vi vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile con qualsiasi tipo di terminale. l Editor vi Negli ambienti Unix esistono molti editor di testo diversi; tuttavia vi è l unico che siamo sicuri di trovare in qualsiasi variante di Unix. vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile

Dettagli

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso Parte 5 Adv WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso 1 di 30 Struttura di un Documento Complesso La realizzazione di un libro, di un documento tecnico o scientifico complesso, presenta

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

Non tutto, ma un po di tutto

Non tutto, ma un po di tutto ALFREDO MANGIA Non tutto, ma un po di tutto Nozioni fondamentali per conoscere e usare un foglio di calcolo. Corso di alfabetizzazione all informatica Settembre 2004 SCUOLA MEDIA GARIBALDI Genzano di Roma

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

Porta di Accesso versione 5.0.12

Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 1 di 22 Controlli da effettuare in seguito al verificarsi di ERRORE 10 nell utilizzo di XML SAIA Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 2 di 22 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. VERIFICHE DA ESEGUIRE...3

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento -

Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento - Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento - Nota preliminare La presente guida, da considerarsi quale mera indicazione di massima fornita a titolo esemplificativo,

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi.

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Guida all uso Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Legenda Singolo = Fax o SMS da inviare ad un singolo destinatario Multiplo = Fax o SMS da inviare a tanti destinatari

Dettagli

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005 Appunti sugli Elaboratori di Testo D. Gubiani Università degli Studi G.D Annunzio di Chieti-Pescara 19 Luglio 2005 1 Cos è un elaboratore di testo? 2 3 Cos è un elaboratore di testo? Cos è un elaboratore

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

Breve guida all uso di PubMed

Breve guida all uso di PubMed Breve guida all uso di PubMed http://www4.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/ I. Pagina iniziale A destra di appare una finestra di interrogazione dove è possibile inserire uno o più termini. Al di sotto di questa

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL Inserire una funzione dalla barra dei menu Clicca sulla scheda "Formule" e clicca su "Fx" (Inserisci Funzione). Dalla finestra di dialogo "Inserisci Funzione" clicca sulla categoria

Dettagli

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL This project funded by Leonardo da Vinci has been carried out with the support of the European Community. The content of this project does not necessarily reflect the position of the European Community

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

con software libero Modulo 4 Spreadsheets (Fogli elettronici) Pag. 1

con software libero Modulo 4 Spreadsheets (Fogli elettronici) Pag. 1 con software libero Modulo 4 Spreadsheets (Fogli elettronici) Pag. 1 Indice generale GUIDA A CALC 3.5... 3 1 Utilizzo dell'applicazione... 3 1.1 LAVORARE CON IL FOGLIO ELETTRONICO...3 1.2 MIGLIORARE LA

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

Invio di SMS con FOCUS 10

Invio di SMS con FOCUS 10 Sommario I Sommario 1 1 2 Attivazione del servizio 1 3 Server e-service 3 4 Scheda anagrafica 4 4.1 Occhiale... pronto 7 4.2 Fornitura... LAC pronta 9 4.3 Invio SMS... da Carico diretto 10 5 Videoscrittura

Dettagli

La Valutazione Euristica

La Valutazione Euristica 1/38 E un metodo ispettivo di tipo discount effettuato da esperti di usabilità. Consiste nel valutare se una serie di principi di buona progettazione sono stati applicati correttamente. Si basa sull uso

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it PROCEDURA E-COMMERCE BUSINESS TO BUSINESS Guida alla Compilazione di un ordine INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it INDICE 1. Autenticazione del nome utente

Dettagli

PMS (PROJECT MANAGEMENT SYSTEM) SOFTWARE PER LA GESTIONE DI UN UNITÁ DI PROJECT MANAGEMENT

PMS (PROJECT MANAGEMENT SYSTEM) SOFTWARE PER LA GESTIONE DI UN UNITÁ DI PROJECT MANAGEMENT PMS SYSTEM PMS (PROJECT MANAGEMENT SYSTEM) SOFTWARE PER LA GESTIONE DI UN UNITÁ DI PROJECT MANAGEMENT Giovanni Serpelloni 1), Massimo Margiotta 2) 1. Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria Azienda

Dettagli

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 Installazione GEST-L 4 Versione per Mac - Download da www.system-i.it 4 Versione per Mac - Download da Mac App Store 4 Versione per Windows 4 Prima apertura del programma

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

CMN4i (Vers. 1.1.0 del 27/02/2014)

CMN4i (Vers. 1.1.0 del 27/02/2014) CMN4i (Vers. 1.1.0 del 27/02/2014) Il monitoring che permette di avere la segnalazione in tempo reale dei problemi sul vostro sistema IBM System i Sommario Caratterisitche... Errore. Il segnalibro non

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

Manuale Utente IMPORT IATROS XP

Manuale Utente IMPORT IATROS XP Manuale Utente IMPORT IATROS XP Sommario Prerequisiti per l installazione... 2 Installazione del software IMPORT IATROS XP... 2 Utilizzo dell importatore... 3 Report della procedura di importazione da

Dettagli

1x1 qs-stat. Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità. Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n.

1x1 qs-stat. Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità. Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n. 1x1 qs-stat Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n.: PD-0012 Copyright 2010 Q-DAS GmbH & Co. KG Eisleber Str. 2 D - 69469 Weinheim

Dettagli

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Guida all'installazione di SLPct Manuale utente Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Premessa Il redattore di atti giuridici esterno SLpct è stato implementato da Regione

Dettagli

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t.

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t. Il programma MATLAB In queste pagine si introduce in maniera molto breve il programma di simulazione MAT- LAB (una abbreviazione di MATrix LABoratory). Introduzione MATLAB è un programma interattivo di

Dettagli

SID - GESTIONE FLUSSI SALDI

SID - GESTIONE FLUSSI SALDI Dalla Home page del sito dell Agenzia delle Entrate Cliccare sulla voce SID Selezionare ACCREDITAMENTO Impostare UTENTE e PASSWORD Gli stessi abilitati ad entrare nella AREA RISERVATA del sito (Fisconline

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli