6. ANALISI LESSICALE AVANZATA ED ESPORTAZIONE DEI DATI TESTUALI CON TALTAC

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "6. ANALISI LESSICALE AVANZATA ED ESPORTAZIONE DEI DATI TESTUALI CON TALTAC"

Transcript

1 6. ANALISI LESSICALE AVANZATA ED ESPORTAZIONE DEI DATI TESTUALI CON TALTAC Il trattamento del testo con TALTAC, l estrazione del lessico, dei segmenti e le opzioni di modifica del corpus comportano la possibilità e a volte la necessità - di esportare i file per analisi da condurre successivamente con altri software, come DTM, SPAD, Alceste, WordMapper, ecc. In questo capitolo vedremo come gli strumenti messi a disposizione da TALTAC permettono di esportare tabelle lessicali ricche di informazioni e facilmente elaborabili da fogli elettronici come Excel, oppure di ricostruire il corpus secondo particolari esigenze di ricerca. Con questo scopo l analisi lessicale può essere condotta con strumenti più raffinati e con modifiche dei testi che possono incidere in modo significativo sulle forme grafiche e anche sul contenuto stesso del corpus. Alcune procedure illustrate in questo capitolo devono essere usate con molta cautela a- vendo bene in vista le finalità ultime dell analisi e quindi le ipotesi che la sostengono IL TAGGING GRAMMATICALE AVANZATO Il riconoscimento di base delle categorie grammaticali lascia inalterate (e quindi non riconosciute) molte forme grafiche. Tra le forme flesse dei verbi, ad esempio, non vengono riconosciute le enclitiche, cioè le forme con i suffissi glielo, gliene, melo, telo, tene, ecc. Come pure non vengono classificate le forme 83

2 Capitolo 6 alterate con suffissi diminutivi, vezzeggiativi, peggiorativi, come gattino, gattaccio, libretto, libriccino, ecc.; o i derivati di sostantivi e aggettivi come decenne, ventenne, tredicenne, assistenziale, adolescenziale. Vi sono poi i prefissi come anti-, super-, a-, ri-, in forme come antinvecchiamento, superlavoro, apolitico, rifare, ecc. Dal menu Moduli, selezioniamo Analisi lessicale Tagging grammaticale Vocabolario [TALTAC] e poi, nella finestra di dialogo (fig. 4.8) le fasi di tagging avanzato Enclitiche verbali, Derivati e Alterati, Forme con prefissi più comuni, Forme con altri Prefissi. Le forme riconosciute, che nel tagging di base erano 2.914, in seguito a questa procedura sono su un totale di forme distinte. Le forme flesse dei verbi, che erano 425 nel tagging di base, ora sono 468. Sulla nuova lista Vocabolario, dal menu Calcola, selezioniamo il comando Fusioni di Lemma/Lessia. I lemmi dei verbi individuati sono ora 284 a fronte dei 267 del passaggio di base. Il guadagno di informazione, in questo caso, non è altissimo: le 43 nuove forme flesse appartengono tutte alla classe degli hapax e quindi, in termini di occorrenze, non comportano un guadagno significativo nella copertura del testo. Questo risultato, tuttavia, è condizionato dalla dimensioni del corpus e dalla ricchezza del vocabolario. In genere questo passaggio di raffinamento del tagging rende più efficiente la lemmatizzazione dei verbi che, spesso, è l unica forma di lemmatizzazione consigliata con una procedura automatica senza dover intervenire con operazioni manuali RICOSTRUZIONE DEL CORPUS Dopo la fase di tagging gramaticale è possibile procedere alla ricostruzione del corpus sulla base delle forme grafiche categorizzate. Questo può essere molto utile per l esportazione del corpus e per analisi successive. Dal menu Moduli selezioniamo Gestione unità lessicali e poi Ricostruzione del Corpus con forme categorizzate. L output ci fornisce nuovamente il corpus aggiungendo alle forme un etichetta che ne permette l identificazione. Le forme ambigue (J) sono senza etichetta di identificazione (J) con il segno di underline (Regno_); le forme non riconosciute rimangono inalterate (Sardegna, Cipro, Gerusalemme). 84

3 Analisi lessicale avanzata ed esportazione dei dati testuali con TALTAC $P#A_Statuto statuto_n del_prep Regno_ di_ Sardegna Carlo_Alberto_NM per_prep la_ grazia_di_dio_n Re_N di_ Sardegna, di_ Cipro e_ di_ Gerusalemme, Duca_N di_ Savoja, di_ Genova, di_ Monferrato, d'_prep Aosta, eccetera_avv con_prep lealtà_n di_ Re_N e_ con_prep affetto_ di_ Padre_N Noi_PRON veniamo_v oggi_ a_ compiere_v quanto_ avevamo_v annunziato_ ai_ Nostri_ amatissimi_a sudditi_ col_prep Nostro_ proclama_ dell'_prep 8_NUM dell'_prep ultimo_ scorso_ febbraio_n, con_prep cui_pron abbiamo_v voluto_ dimostrare_v, in_mezzo_agli_prep eventi_n straordinarii_a che_ circondavano_v il_det paese_n, come_ la_ Nostra_ confidenza_n in_ loro_ crescesse_v colla_ gravità_n delle_prep circostanze_n, e_ come_ prendendo_v unicamente_avv consiglio_ dagli_ impulsi_ Il file così generato viene salvato automaticamente nella cartella di lavoro con un nome di file già identificato: LEX1_TT_ricoFG.txt (ricostruzione delle Forme Grafiche). La ricostruzione del corpus può avvenire anche in base alle forme lemmatizzate. Dal menu Moduli selezioniamo Ricostruzione del corpus e poi la voce: Con lemmi. L output ci fornisce ancora una volta il corpus sostituendo, dove è possibile, alle forme grafiche il lemma corrispondente. Le forme ambigue o non riconosciute restano inalterate. Come si è detto nel par. 4.6, questo tipo di lemmatizzazione automatica effettuata per tutte le categorie grammaticali non dà risultati attendibili. La procedura, per essere davvero efficiente, richiede degli interventi manuali di disambiguazione da parte dell analista. $P#A_Statuto statuto_n di_prep Regno_ di_ Sardegna Carlo_Alberto_NM per_prep la_ grazia_di_dio_n re_n di_ Sardegna, di_ Cipro e_ di_ Gerusalemme, duca_n di_ Savoja, di_ Genova, di_ Monferrato, di_prep Aosta, eccetera_avv con_prep lealtà_n di_ re_n e_ con_prep affetto_ di_ padre_n noi_pron veniamo_v oggi_ a_ compiere_v quanto_ avere_v annunziato_ ai_ nostro_ amato_a suddito_ con_prep nostro_ proclama_ di_prep 8_NUM di_prep ultimo_ scorso_ febbraio_n, con_prep cui_pron avere_v voluto_ dimostrare_v, in_mezzo_a_prep evento_n straordinario_a che_ circondare_v il_det paese_n, come_ la_ nostro_ confidenza_n in_ loro_ crescere_v colla_ gravità_n di_prep circostanza_n, e_ come_ prendere_v unicamente_avv consiglio_ dagli_ impulsi_ di_prep nostro_ cuore_n fosse_ 85

4 Capitolo 6 Va osservato come la forma amatissimi_a (forma alterata) sia stata trasformata durante la lemmatizzazione in amato_a, la forma avevamo_v in avere_v, ecc. La forma Nostra_ confidenza_n è modificata in nostro_ confidenza_n perché nel vocabolario la forma ambigua Nostra_J (A+N+PRON) può essere inequivocabilmente lemmatizzata in nostro_ anche senza essere stata disambiguata nelle sue categorie grammaticali distinte. Il file così generato viene salvato automaticamente nella cartella di lavoro con il nome: LEX1_TT_ricoLEMMI.txt (ricostruzione delle Forme Grafiche) RICOSTRUZIONE DEL CORPUS CON SELEZIONE DI ALCUNE CATEGORIE Una terza modalità di ricostruzione del corpus ci permette di selezionare quali forme vogliamo lemmatizzare lasciando le altre inalterate. Fig Selezione delle categorie grammaticali Come si è detto nel par. 6.2, la lemmatizzazione dei verbi in genere porta ad ottimi risultati anche in una procedura del tutto automatizzata. Le forme flesse dei verbi e le enclitiche verbali generano raramente forme ambigue delle quali il programma non sia in grado di decidere la categoria grammaticale di appartenenza. Questo vale, sebbene in misura minore, anche per gli aggettivi che vengono ricondotti alla forma maschile singolare. Ve detto che per gli aggettivi la lemmatizzazione fa perdere questa distinzione di genere che, invece, è 86

5 Analisi lessicale avanzata ed esportazione dei dati testuali con TALTAC fortemente connotata sul piano semantico. In ogni caso queste sono scelte che l analista può compiere con consapevolezza attraverso la procedura di selezione della categorie grammaticali. Dal menu Moduli selezioniamo Ricostruzione del corpus e poi la voce: Con selezione di alcune categorie. Nella finestra di dialogo (fig. 6.1) possiamo lasciare inalterate le categorie di default oppure de-selezionare aggettivi e preposizioni lasciando esclusivamente i verbi. Il corpus verrà ricostruito con le forme grafiche originali, lemmatizzando esclusivamente le categorie indicate. Il file così generato viene salvato automaticamente nella cartella di lavoro con un nome di file già identificato: LEX1_TT_ricoSELCAT.txt. $P#A_Statuto statuto_n di_prep Regno_ di_ Sardegna Carlo_Alberto_NM per_prep la_ grazia_di_dio_n Re_N di_ Sardegna, di_ Cipro e_ di_ Gerusalemme, Duca_N di_ Savoja, di_ Genova, di_ Monferrato, di_prep Aosta, eccetera_avv con_prep lealtà_n di_ Re_N e_ con_prep affetto_ di_ Padre_N Noi_PRON veniamo_v oggi_ a_ compiere_v quanto_ avere_v annunziato_ ai_ Nostri_ amato_a sudditi_ con_prep Nostro_ proclama_ di_prep 8_NUM di_prep ultimo_ scorso_ febbraio_n, con_prep cui_pron avere_v voluto_ dimostrare_v, in_mezzo_a_prep eventi_n straordinario_a che_ circondare_v il_det paese_n, come_ la_ Nostra_ confidenza_n in_ loro_ crescere_v colla_ gravità_n di_prep circostanze_n, e_ come_ prendere_v unicamente_avv consiglio_ dagli_ impulsi_ di_prep Nostro_ cuore_n fosse_ ferma_ Nostra_ intenzione_n di_ conformare_v le_ loro_ sorti_ alla_ ragione_n dei_ tempi_n, agli_ interessi_ ed_cong alla_ dignità_n di_prep Nazione_N. In questo caso, avendo scelto di lemmatizzare solo aggettivi, preposizione e verbi (A, PREP, V) le forme ai_ Nostri_ amati_a sudditi sono state stata modificate in ai_ Nostri_ amato_a sudditi. Utilizzando questa procedura è possibile generare un corpus in cui sono state cancellate alcune forme grafiche a scelta dell analista. Per questo scopo si utilizza la casella in basso a sinistra della finestra di dialogo (fig. 6.1). La procedura è la seguente. 1) Dal menu Moduli selezioniamo Estrazione di informazione e poi la voce Visualizza DataBase di Sessione (la procedura si effettua più rapidamente dal menu Finestra, se i DB di Sessione sono già state aperti in precedenza). 2) Apriamo la lista Vocabolario [TALTAC] (con TAG grammaticale de- 87

6 Capitolo 6 selezionando la casella a destra in basso della finestra di dialogo Sola lettura in modo da aprire la lista in modalità scrittura. 3) Ora, nella lista delle forme grafiche, in corrispondenza delle forme che desideriamo cancellare nella ricostruzione del corpus, scriviamo DEL (delete) nella colonna Categoria grammaticale. Questa procedura può essere compiuta anche per selezione delle categorie con lo strumento Text/Data Mining (vedi 6.4). Al termine di questa operazione, tutte le forme che desideriamo eliminare nella ricostruzione del corpus riporteranno il tag DEL nel campo Categoria grammaticale. In questo esempio abbiamo marcato con il tag DEL le preposizioni, i determinanti, le congiunzioni e i pronomi. Dal menu Moduli selezioniamo Ricostruzione del corpus e poi la voce: Con selezione di alcune categorie. Nella finestra di dialogo (fig. 6.1) lasciamo inalterate le opzioni di default e marchiamo la casella in basso a sinistra: Elimina FG classificate con DEL (funzione di pulitura del testo). Il risultato sarà il seguente: $P#A_Statuto statuto_n Regno_ di_ Sardegna Carlo_Alberto_NM la_ grazia_di_dio_n Re_N di_ Sardegna, di_ Cipro e_ di_ Gerusalemme, Duca_N di_ Savoja, di_ Genova, di_ Monferrato, Aosta, eccetera_avv lealtà_n di_ Re_N e_ affetto_ di_ Padre_N veniamo_v oggi_ a_ compiere_v quanto_ avere_v annunziato_ ai_ Nostri_ amato_a sudditi_ Nostro_ proclama_ 8_NUM ultimo_ scorso_ febbraio_n, avere_v voluto_ dimostrare_v, eventi_n straordinario_a che_ circondare_v paese_n, come_ la_ Nostra_ confidenza_n in_ loro_ crescere_v colla_ gravità_n circostanze_n, e_ come_ prendere_v unicamente_avv consiglio_ dagli_ impulsi_ cuore_n fosse_ ferma_ Nostra_ intenzione_n di_ conformare_v le_ loro_ sorti_ alla_ ragione_n dei_ tempi_n, agli_ interessi_ alla_ dignità_n Nazione_N. Questa procedura può essere molto utile per la pulitura di testi digitalizzati con un alta componente di rumore, come i messaggi o i messaggi di forum e newsgroup (Giuliano, 2004), oppure per ridurre le dimensioni di corpora molto grandi alle sole forme ritenute significative per l analisi, specialmente nell analisi multimensionale. 88

7 Analisi lessicale avanzata ed esportazione dei dati testuali con TALTAC TEXT/DATA MINING ED ESPORTAZIONE DI MATRICI Lo strumento Text/Data Mining è di grande utilità, non solo per l esplorazione del corpus attraverso le liste generate dal programma, ma anche per selezionare le matrici da esportare per il loro utilizzo in altri software di analisi testuale. Negli esempi che seguono prenderemo come riferimento il Vocabolario della sessione, ma le stesse operazioni possono essere compiute sulle altre liste come le liste di fusione delle forme/lessie, le liste dei segmenti, le liste di specificità o le liste di confronto tra lessici (intersezione, u- nione o forme originali). Con la lista Vocabolario aperta nella finestra di lavoro, rendiamo attivo un campo selezionando la colonna sulla quel desideriamo operare; per esempio selezioniamo la colonna Forma grafica ponendo il cursore sull intestazione della colonna stessa. Così facendo la colonna assume un colore e questo indica che è attiva. Ora clicchiamo sull icona Text/Data Mining della barra degli strumenti (oppure selezioniamo il comando Text/Data Mining dal menu Record) ed apriamo la finestra di dialogo: Fig Finestra di dialogo del Text/Data Mining 89

8 Capitolo 6 Come si può osservare (fig. 6.2) il criterio di selezione del campo indicato nella casella è quello da noi selezionato: Forma grafica. I parametri successivi ci permettono di compiere delle operazioni logiche e delle operazioni di selezione tali da visualizzare esclusivamente i record di nostro interesse. Tali record visibili possono essere salvati in matrici da esportare. Per esempio rispetto al campo Forma Grafica, per il criterio Records LIKE scriviamo giur*. L asterisco * sta per qualsiasi carattere. Così facendo otterremo l elenco delle forme grafiche che iniziano per giur (fig. 6.3). Fig Selezione delle forme grafiche che iniziano con giur-. Oppure, selezionando il campo Categoria grammaticale, per il criterio Records LIKE scriviamo V ottenendo solo le forme grafiche della categoria Verbi (fig. 6.4). Fig Selezione delle forme grafiche: verbi 90

9 Analisi lessicale avanzata ed esportazione dei dati testuali con TALTAC Ciascuna di queste matrici è dotata di tutte le informazioni contenute nelle colonne della lista, compresi i campi nascosti, sempre visualizzabili dal menu Formato, voce Scopri campo, e poi selezionando il campo da scoprire (per e- sempio le sub-occorrenze del corpus). La matrice attiva nella finestra di lavoro è esportabile in un file di testo (perfettamente importabile in Excel) dal menu File, comando Esporta in un file di testo, voce Solo i record visibili. Le operazioni di selezione più interessanti che si possono compiere dalla finestra di dialogo dello strumento Text/Data Mining sono: 1) La selezione dei nomi astratti (non direttamente percepibili dai sensi) come libertà, proprietà, famiglia, maggioranza, sicurezza, dignità, società, ecc. Nel corpus LEX1 sono ) La selezione secondo il numero delle occorrenze con gli operatori di > < e =. Per esempio una selezione sulla base delle occorrenze maggiori di 5 visualizza una matrice di 393 record (forme grafiche distinte). 3) La selezione Records LIKE che, come si è visto, permette di individuare le forme grafiche oppure di selezionare sulla base delle categorie grammaticali. 4) La selezione dei campi vuoti/non vuoti. Il campo vuoto è un campo in cui non vi è alcun carattere. Le forme non riconosciute dal tag grammaticale hanno il campo vuoto. La casella Applica solo i records visibili permette le operazioni di affinamento della selezioni: marcando la casella, la selezione successiva avviene solo sulla lista selezionata attiva. Lo strumento Text/Data Mining permette di eseguire molte altre operazioni utili per la costruzione di matrici di lavoro. La consultazione del manuale, l esperienza dell utente, la sua fantasia e i problemi che si presentano in ogni analisi in modo originale ed imprevisto, possono generare nuove soluzioni e nuovi percorsi. L analisi dei dati testuali non trova facilmente procedure standardizzate valide una volte per tute e applicabili a tutti i testi. Questo fa parte del suo fascino. L obiettivo è sempre molto ambizioso: ricavare da una massa enorme di dati le informazioni ritenute essenziali e dotate di senso. E una sfida sempre aperta all innovazione e quindi tale da richiedere approcci nuovi e ancora inesplorati. 91

10

11 7. ANALISI MULTIMENSIONALE DEI DATI TESTUALI CON DTM DTM (Data and Text Mining) è un software di statistica per l esplorazione multidimensionale di dati complessi che comprendono dati numerici e testuali. Il software è stato sviluppato sotto la direzione di Ludovic Lebart sulla base della versione per DOS di SPAD-N (Système Portable pour l Analyse des Données) e SPAD-T. Le applicazioni principali riguardano l elaborazioni di dati quantitativi tratti da questionari e di risposte aperte (oppure di testi). In particolare, per quanto riguarda l analisi testuale, DTM permette di effettuare l analisi delle corrispondenze sulle tabelle di incrocio tra vocabolario e testi (APLUM) e tra parole e risposte (ASPAR), di costruire le tabelle lessicali di contingenza tra parole e testi (MOTEX e TALEX), di effettuare la classificazione gerarchica automatica delle risposte (RECIP). Il programma (aggiornato al 9 settembre 2004), sviluppato per fini didattici, è scaricabile dal sito e funziona in Windows (qualsiasi versione) principalmente sulla base di esempi di applicazione delle procedure principali. Seguendo le istruzioni è però possibile, con molte limitazioni rispetto al software completo ( soggetti, righe; variabili, colonne), far girare il software anche sui propri dati. In generale si tratta di un software di uso non facilitato che è rivolto a studiosi e non ad un generico pubblico di utenti. Ne è una testimonianza lo stesso linguaggio utilizzato, una versione mista in francese e in inglese. L uso del programma richiede l apprendimento (in gran parte esecutivo ) di istruzioni e sintassi molto rigide sulle quali operare pochi cambiamenti, trascurando tutto ciò che non è immediatamente utile e lasciando inalterati molti parametri senza entrare nel merito delle loro funzioni. 93

12 Capitolo PREPARAZIONE DEL CORPUS Dopo aver installato il programma (seguendo le istruzioni fornite sul sito) prendiamo in esame, prima di tutto, il corpus originale del nostro esempio (LEX1.txt) così come è stato ricostruito da TALTAC in seguito alla fase di tagging grammaticale di base, senza la lessicalizzazione dei segmenti. Chiameremo questo corpus con il nome di LEX1_TT_ricoFG.txt e lo copiamo nella cartella di lavoro LEX1_DTM (la cartella di lavoro può essere posizionata dovunque, anche sul desktop). Tab. 7.1 Caso A: un individuo / una riga ****Testo 1 questa è la prima riga del testo 1! Individuo 1 Testo 1 questa è la seconda riga del testo 1! Individuo 2 Testo 1... questa è la i-esima riga del testo 1! Individuo i Testo 1... questa è la n-esima riga del testo 1! Individuo n Testo 1 ****Testo 2 questa è la prima riga del testo 2! Individuo 1 Testo 2 questa è la seconda riga del testo 2! Individuo 2 Testo 2... questa è la i-esima riga del testo 2! Individuo i Testo 2... questa è la n-esima riga del testo 1! Individuo n Testo 2 ****Testo j... ****Testo k questa è la prima riga del testo k! Individuo 1 Testo k questa è la seconda riga del testo k! Individuo 2 Testo k... questa è la i-esima riga del testo k! Individuo i Testo k... questa è la n-esima riga del testo k! Individuo n Testo k ==== Tab. 7.2 Caso B: un individuo / più righe ****Testo 1 questa è la prima riga del testo 1 questa è la seconda riga del testo 1 Individuo 1 Testo

13 Analisi multidimensionale dei dati testuali con DTM ---- questa è la i-esima riga del testo 1 Individuo i Testo questa è la n-esima riga del testo 1 Individuo n Testo 1... ****Testo 2 questa è la prima riga del testo 2 questa è la seconda riga del testo 2 Individuo 1 Testo 2... questa è la i-esima riga del testo questa è la n-esima riga del testo 2 Individuo n Testo 2... ****Testo j... ****Testo k questa è la prima riga del testo k questa è la seconda riga del testo k Individuo 1 Testo k... questa è la i-esima riga del testo k questa è la n-esima riga del testo k Individuo n Testo k ==== Il file deve essere preparato per il trattamento in DTM. La strategia generale che adotteremo consiste esclusivamente nell analisi del corpus secondo la partizione in quattro testi. Pertanto occorre inserire nel file i marcatori adeguati per una corretta decodifica da parte del software. In questo tipo di applicazione, che convenzionalmente si chiama Texte o Text, il corpus può avere una delle due forme indicate in tabella 1 (caso A: un individuo / una riga) o in tabella 2 (caso B: un individuo / più righe). Nel caso A ogni riga (risposta) viene considerata come un individuo. Ogni testo è composto di n individui (risposte). Nel caso B ogni individuo può avere una risposta che continua su più righe. Pertanto la risposta viene considerata come un individuo. Anche in questo caso ogni testo è composto di n individui (risposte). Ogni risposta è delimitata dal marcatore In entrambi i casi (e anche per la redazione di tutti i file di lavoro: parametri, dizionario, dati) la lunghezza delle righe deve obbligatoriamente contenere al massimo 80 colonne (caratteri). 95

14 Capitolo 7 preparazione del testo viene effettuata nell editor di testi TextPad (cap. 2) per la riduzione della lunghezza delle righe e l inserimento dei marcatori. In seguito al passaggio in TextPad, il corpus (salvato con il nome LEX1_TT_ricoFG80.txt ) si presenterà come segue: ****A_Statuto statuto_n del_prep Regno_ di_ Sardegna Carlo_Alberto_NM per_prep la_ grazia_di_dio_n Re_N di_ Sardegna, di_ Cipro e_ di_ Gerusalemme, Duca_N di_ Savoja, di_ Genova, di_ Monferrato, d'_prep Aosta, eccetera_avv con_prep lealtà_n di_ Re_N e_ con_prep affetto_ di_ Padre_N Noi_PRON veniamo_v oggi_ a_ compiere_v quanto_ avevamo_v annunziato_ ai_ Nostri_ amatissimi_a sudditi_ col_prep Nostro_ proclama_ dell'_prep 8_NUM dell'_prep ultimo_ scorso_ febbraio_n, con_prep cui_pron abbiamo_v voluto_ dimostrare_v... ****B_Roma costituzione_n DELLA_PREP REPUBBLICA_N ROMANA_, 1849_NUM principii_n FONDAMENTALI_ la_ sovranità_n è_v per_diritto_avv eterno_ nel_prep popolo_. il_det popolo_ dello_prep Stato_N Romano_NM è_v costituito_ in_ repubblica_n democratica_. il_det regime_n democratico_ ha_ per_prep regola_ l'_det eguaglianza_n, la_ libertà_n, la_ fraternità_n. non_ riconosce_v titoli_ di_ nobiltà_n,... ****C_Italia costituzione_n della_prep Repubblica_N italiana_ edizione_n del_prep 1_NUM gennaio_n 1948_NUM principî fondamentali_ l'_det Italia_N è_v una_ Repubblica_N democratica_, fondata_ sul_lavoro_avv... ****D_ONU dichiarazione_n UNIVERSALE_ DEI_ DIRITTI_ DELL'_PREP UOMO_N preambolo_n considerato_ che_ il_det riconoscimento_n della_prep dignità_n inerente_ a_ tutti_ i_ membri_ della_prep famiglia_n umana_, i_ loro_ diritti_, uguali_ ed_cong inalienabili_a, costituisce_v il_det fondamento_n della_prep libertà_n, della_prep giustizia_ e_ della_prep pace_n nel_prep mondo_ ;... un_det atto_ mirante_v alla_ distruzione_n dei_ diritti_ e_ delle_prep libertà_n in_ essa_ enunciati_. 10_NUM dicembre_n 1948_NUM ==== 96

15 Analisi multidimensionale dei dati testuali con DTM ANALISI DELLE CORRISPONDENZE BINARIE: PREPARAZIONE DEL FILE DEI PARAMETRI PER LA PROCEDURA APLUM DTM esegue il programma in fasi che devono essere sequenziali in base alle istruzioni contenute nel file dei parametri. ARTEX SELOX NUMER MOTEX MOCAR APLUM Fig Fasi della procedura APLUM Nella nomenclatura dei parametri illustrati qui di seguito, con: individuo (individu/individual) si intende l entità in cui viene ripartito il testo (ogni individuo può fornire una o più domande/risposte); risposte (réponses/responses) sono i testi attribuiti a ciascun individuo a seconda delle domande (questions); stampa si intende la modalità di visualizzazione nel file di output dei risultati dall analisi (imp.txt). I termini domande aperte e risposte derivano dal fatto che il software è utilizzato soprattutto per l elaborazione delle risposte alle domande aperte dei questionari. Il file di output dei risultati viene ricoperto ad ogni analisi successiva. Se si desidera salvare il risultato per ogni fase occorre rinominare il file imp.txt prima di procedere con l esecuzione della fase successiva. ARTEX è la fase in cui viene costruito l archivio dei dati testuali. Parametri: ityp: tipo di dati testuali nel file ntexz (text = 1, enquire = 2). ncol: lirep: lunghezza dei record delle risposte. indica la fine implicita della risposta (1 = 1 riga/1 risposta). 97

16 Capitolo 7 SELOX è la fase in cui vengono scelte le domande aperte da trattare. Parametri: numq: indice delle domande selezionate; se numq = -1 o numq = list allora ci saranno insieme diverse domande (nella riga successiva saranno elencate le domande secondo il n. d ordine). Se si tratta di un corpus suddiviso in testi (come nel caso in esempio), allora nella fase ARTEX ityp = 1, ne consegue che nella fase SELOX numq = 1, cioè si istruisce il programma ad elaborare una sola domanda. NUMER è la fase di codifica numerica dei testi. Parametri: coef: valore di default 1; da 2 a 10 per corpora più grandi). Si tratta di un coefficiente tecnico che indica al programma la frequenza delle forme grafiche per lunghezza; in alcuni casi può essere sostituito da histo (vedi sotto). nseu: numero che indica la soglia di frequenza delle forme grafiche da trattare. nxlet: numero massimo di lettere per forma. nxmax: numero massimo di forme distinte. ledit: stampa delle parole (0 = no, 1 ordine alfabetico, 2 ordine di frequenza, 3 = tutto). nmomi: numero che indica la soglia di lunghezza delle parole. weak '"-+ (separatori deboli). strong.;:()!?, (separatori forti). histo > (parametri di default che possono essere modificati secondo le necessità). end (fine della fase). Con il parametro coef il comando histo non è necessario. La sequenza di valori inserita qui come esempio è semplicemente la sequenza di default che viene attivata da coef = 1. Con coef = 2 i valori della sequenza saranno moltiplicati per 2: > Questi valori indicano che il programma si attende che ci siano 80 forme grafi- 98

17 Analisi multidimensionale dei dati testuali con DTM che distinte con una lunghezza di 1 carattere; 220 con lunghezza 2, 440 con lunghezza 3; e così via fino a 10 con lunghezza 20. Non è previsto che vi siano parole più lunghe di 20 caratteri. Per quanto riguarda le parole di una lingua questo è quasi sempre vero (benché la parola più lunga del vocabolario italiano sia di 26 lettere). Se vi sono parole più lunghe il programma le legge, ma le tronca al ventesimo carattere. Questo non è un grosso problema perché le forme sono quasi sempre riconoscibili con venti caratteri (cioè è piuttosto raro che due forme con 21 o più caratteri abbiano i primi 20 caratteri nella stessa sequenza). Invece si tratta di un errore grave se le forme massime previste per una certa lunghezza di caratteri sono inferiori a quelle effettive. Se accade questo, il programma ignora le forme eccedenti. Nell output questo è segnalato dal fatto che alcuni valori della distribuzione delle forme per lunghezza sono identici sia per le forme previste che per le forme effettive riscontrate. La procedura è corretta solo se per tutti e venti i valori la forme previste eccedono di almeno 1 le forme effettive. Se questo non si verifica allora bisogna inserire, al posto del parametro coef che può essere ignorato, il comando histo (senza il segno di = ) seguito da una sequenza di valori secondo le necessità. La sequenza di valori corretta si ottiene attraverso prove successive fino a quando tutti i valori previsti sono maggiori dei valori effettivi. Per l esempio in corso dovremo preparare il seguente il file dei parametri (denominato LEX1par1.txt) da salvare nella cartella di lavoro LEX1_DTM che conterrà già il file con il corpus. Tra gli esempi contenuti nel software non c è un file parametri da seguire come traccia per questa procedura. Occorre sottolineare anche che i nomi dei parametri e dei comandi in alcuni esempi sono in inglese (weak, strong) mentre nell help sono riportati in francese (faible, fort). Funzionano in entrambe le dizioni. Anche le modalità dei parametri sono utilizzate in forma diversa (pur essendo identiche); per esempio, nel seguente file di parametri, nella fase NUMER, il parametro LEDIT può essere indicato come =3 oppure =tot. Anche l uso delle lettere maiuscole o minuscole è indifferente. #****** Il programma richiede 2 file in formato txt # #****** 1) Il presente file di parametri (LEX1_par1.txt) # 2) Il file di testo (NTEXZ = 'LEX1_TT_ricoFG80.txt') #****** Il programma produce il file di output IMP.txt (risultati) #****** Sintassi: ">"= continuazione, "#"= commenti LISTP = no, LISTF = no # (lascia questo così com è) NTEXZ = 'LEX1_TT_ricoFG80.txt' # nome file di testo (nome libero) 99

18 Capitolo 7 STEP ARTEX ==== Archive - Texts or responses to open ended questions ITYP=1 LIREP=1 NCOL=80 STEP SELOX ==== Selection of open questions and of individuals NUMQ = 1 STEP NUMER ==== Numerical coding of words NSEU=0 NMOMI=0 LEDIT=3 NXLET =20 NXMAX=5000 weak "-+ strong.;:()!?, histo > end STOP Tra i separatori deboli è stato eliminato l apostrofo per evitare che le forme create da TALTAC come: DELL'_PREP al_principio_d'_prep all'_prep vengano spezzate nelle forme distinte: DELL PREP al_principio_d PREP all PREP Il corpus ricostruito da TALTAC contiene sempre forme molto più lunghe delle parole in lingua italiana, in quanto ogni parola riconosciuta è stata classificata in una forma grammaticale e quindi identificata da una tag. Inoltre vi sono molti poliformi o segmenti lessicalizzati (creati dall analista) che portano la lunghezza delle forme ad eccedere il numero massimo di 20 caratteri (il poliforme dell esempio qui sotto è costituito da 37 caratteri). Questo comporta un innalzamento della frequenza di forme grafiche attese nelle classi di lunghezza Purtroppo, in questi casi, accade anche che le forme abbiano i primi 20 caratteri in comune, per cui le forme vengono troncate e conteggiate come se 100

19 Analisi multidimensionale dei dati testuali con DTM appartenessero ad una forma unica. Per esempio: presidente_del_consiglio_dei_ministri occorr. 5 presidente_del_consiglio occorr. 1 Le due forme vengono riconosciute come: presidente_del_consi occorr. 6 L unico modo per distinguere le due forme (se fosse ritenuto necessario per l analisi) è di modificarle con un codice come prefisso. Per esempio: 1presidente_del_Cons (iglio_dei_ministri) 2presidente_del_Cons (iglio) A questo punto, con il file del corpus LEX1_TT_ricoFG80.txt e con il file dei parametri LEX1par1.txt nella stessa cartella di lavoro possiamo aprire il programma cliccando sull icona DTM per accedere alla barra dei menu: Fig Barra dei menu di DTM Dalla menu Parameters selezioniamo la voce Open e apriamo il file parametri LEX1_par1.txt nella cartella di lavoro. Se necessario, possiamo modificare i parametri, ricordandoci però di salvare il nuovo file dal menu File Save o Save as... Se non sono necessarie modifiche, clicchiamo sul comando Return e ritorniamo sulla barra del menu principale. Clicchiamo su Execute per avviare l esecuzione del programma. Dopo qualche secondo appare una finestra di controllo delle fasi (step) eseguite. 101

20 Capitolo 7 Fig Finestra di controllo delle fasi eseguite Se non ci sono errori di scrittura della sintassi (segnalati da una interruzione del programma) possiamo esaminare l output cliccando sul menu Results Open. L output va esaminato con estrema attenzione anche nel caso in cui tutte le fasi vengano eseguite perché possono esserci ugualmente degli errori, sebbene non così decisivi da bloccare l esecuzione del programma. L output (file imp.txt nella cartella di lavoro) è sempre piuttosto pesante e dovremo esaminarlo, per quanto è possibile, da monitor, stampando solo le parti essenziali quando riterremo di aver completato l analisi. L output illustra tutte le fasi eseguite e i rispettivi parametri, fornendo le tabelle e gli eventuali grafici richiesti (che però sono visualizzabili in modo più efficace sul visualizzatore grafico, come vedremo). Nella fase NUMER dovremo fare attenzione ad alcune informazioni: number of responses per class: ci dice quante righe (individui) ci sono per ogni testo. In questo caso la partizione in righe è solo una partizione di comodo che non ha alcun significato per l analisi, che verrà condotta sulla tabella di contingenza delle forme testi; in altri casi però può essere un dato di controllo essenziale. frequency according to the number of letters: occorre prestare attenzione (come si è detto) al valore delle frequenze osservate in corrispondenza delle frequenze massime previste per ciascuna classe di lunghezza delle forme. Se la frequenza massima è uguale alla frequenza osservata è possibile che qualche forma sia stata scartata in quanto eccedente il valore massimo indicato. In questo caso sarà necessario aumentare il valore della frequenza massima prevista nel comando histo ed eseguire di nuovo il programma. Di seguito abbiamo i risultati principali del conteggio delle occorrenze: 102

DIPLOMA DI STATISTICA

DIPLOMA DI STATISTICA Università di Roma La Sapienza DIPLOMA DI STATISTICA PROGETTO CAMPUS Guida all uso dello Spad-T Applicazione Texte Luca Giuliano Alessandro Stabellini Anno 2000 DOS Sigla della locuz. ingl. Disk Operating

Dettagli

aided content analysis)

aided content analysis) T-Lab Stefano Nobile L analisi del contenuto computerizzata (computer aided content analysis) I software in commercio per l analisi l del contenuto computerassistita possono essere distinti in due grandi

Dettagli

Analisi statistica di dati testuali: il software SPAD

Analisi statistica di dati testuali: il software SPAD Analisi statistica di dati testuali: il software SPAD Prof.ssa D. Fioredistella Iezzi Università di Roma Tor Vergata stella.iezzi@uniroma2.it SPAD Procedure testuali in SPAD MOTS: Creazione di un vocabolario

Dettagli

Il software Epi Info

Il software Epi Info Il software Epi Info Descrizione e analisi dei dati dello studio sulla compliance: Modulo Analizza i dati I tipi di variabili (aleatorie) (1) Variabile: fenomeno misurato Aleatorio: il risultato di questa

Dettagli

Guida Rapida all utilizzo di Microsoft Excel

Guida Rapida all utilizzo di Microsoft Excel Guida Rapida all utilizzo di Microsoft Excel Giorgio Delzanno L ambiente Excel Excel è un foglio elettronico costituito da tre diverse componenti: un gestore di cartelle di lavoro, un gestore di database

Dettagli

EXCEL PER WINDOWS95. sfruttare le potenzialità di calcolo dei personal computer. Essi si basano su un area di lavoro, detta foglio di lavoro,

EXCEL PER WINDOWS95. sfruttare le potenzialità di calcolo dei personal computer. Essi si basano su un area di lavoro, detta foglio di lavoro, EXCEL PER WINDOWS95 1.Introduzione ai fogli elettronici I fogli elettronici sono delle applicazioni che permettono di sfruttare le potenzialità di calcolo dei personal computer. Essi si basano su un area

Dettagli

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.6 Preparazione stampa

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.6 Preparazione stampa Università degli Studi dell Aquila Corso ECDL programma START Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.6 Preparazione stampa Maria Maddalena Fornari Impostazioni di pagina: orientamento È possibile modificare le

Dettagli

MODULO 4: FOGLIO ELETTRONICO (EXCEL)

MODULO 4: FOGLIO ELETTRONICO (EXCEL) MODULO 4: FOGLIO ELETTRONICO (EXCEL) 1. Introduzione ai fogli elettronici I fogli elettronici sono delle applicazioni che permettono di sfruttare le potenzialità di calcolo dei Personal computer. Essi

Dettagli

Laboratorio di Informatica. Facoltà di Economia Università di Foggia. Prof. Crescenzio Gallo

Laboratorio di Informatica. Facoltà di Economia Università di Foggia. Prof. Crescenzio Gallo . Laboratorio di Informatica Facoltà di Economia Università di Foggia Prof. Crescenzio Gallo Word è un programma di elaborazione testi che consente di creare, modificare e formattare documenti in modo

Dettagli

Strumenti informatici 2.1 - Realizzare grafici e tabelle con Excel e SPSS

Strumenti informatici 2.1 - Realizzare grafici e tabelle con Excel e SPSS Strumenti informatici 2.1 - Realizzare grafici e tabelle con Excel e SPSS Realizzare un grafico con Excel è molto semplice, e permette tutta una serie di varianti. Il primo passo consiste nell organizzare

Dettagli

MICROSOFT WORD. Funzioni ed ambiente di lavoro

MICROSOFT WORD. Funzioni ed ambiente di lavoro INFORMATICA MICROSOFT WORD Prof. D Agostino Funzioni ed ambiente di lavoro...1 Interfaccia di Word...1 Stesso discorso per i menu a disposizione sulla barra dei menu: posizionando il puntatore del mouse

Dettagli

Microsoft Word 2007. La BARRA DI ACCESSO RAPIDO, che contiene alcuni comandi sempre visibili e può essere personalizzata.

Microsoft Word 2007. La BARRA DI ACCESSO RAPIDO, che contiene alcuni comandi sempre visibili e può essere personalizzata. Microsoft Word 2007 Microsoft Office Word è il programma di elaborazione testi di Microsoft all interno del pacchetto Office. Oggi Word ha un enorme diffusione, tanto da diventare l editor di testi più

Dettagli

Excel Guida introduttiva

Excel Guida introduttiva Excel Guida introduttiva Informativa Questa guida nasce con l intento di spiegare in modo chiaro e preciso come usare il software Microsoft Excel. Questa è una guida completa creata dal sito http://pcalmeglio.altervista.org

Dettagli

8.9 CREARE UNA TABELLA PIVOT

8.9 CREARE UNA TABELLA PIVOT 8.9 CREARE UNA TABELLA PIVOT Utilizziamo la tabella del foglio di Excel Consumo di energia elettrica in Italia del progetto Aggiungere subtotali a una tabella di dati, per creare una Tabella pivot: essa

Dettagli

Corso di introduzione all informatica. Microsoft Excel. Tutorial. Prof. Elena Spera

Corso di introduzione all informatica. Microsoft Excel. Tutorial. Prof. Elena Spera Corso di introduzione all informatica Microsoft Excel Tutorial Prof. Elena Spera Sommario Introduzione Formattazione del foglio di lavoro Formule e funzioni Grafici e cartine Manipolazione dei dati Integrazione

Dettagli

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR UTILIZZO DI WORD PROCESSOR (ELABORAZIONE TESTI) Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

INDICE L ambiente di lavoro... 2 Interfaccia di Word... 2 Le visualizzazioni... 5 Digitazione e revisione del testo...6 Modalità di selezione del

INDICE L ambiente di lavoro... 2 Interfaccia di Word... 2 Le visualizzazioni... 5 Digitazione e revisione del testo...6 Modalità di selezione del INDICE L ambiente di lavoro... 2 Interfaccia di Word... 2 Le visualizzazioni... 5 Digitazione e revisione del testo...6 Modalità di selezione del testo... 6 Selezione attraverso il mouse... 6 Selezione

Dettagli

zonamatematica etutor EDITOR Guida all uso versione 4.1

zonamatematica etutor EDITOR Guida all uso versione 4.1 zonamatematica Il portale De Agostini Scuola dedicato all insegnamento e all apprendimento della matematica nella scuola secondaria etutor EDITOR Guida all uso versione 4.1 zonamatematica etutor EDITOR

Dettagli

Prova di informatica & Laboratorio di Informatica di Base

Prova di informatica & Laboratorio di Informatica di Base Prova di informatica & Laboratorio di Informatica di Base Prof. Orlando De Pietro Programma L' hardware Computer multiutente e personal computer Architettura convenzionale di un calcolatore L unità centrale

Dettagli

&RUVRGLLQWURGX]LRQH DOO LQIRUPDWLFD. Microsoft Word. Tutorial

&RUVRGLLQWURGX]LRQH DOO LQIRUPDWLFD. Microsoft Word. Tutorial &RUVRGLLQWURGX]LRQH DOO LQIRUPDWLFD Microsoft Word Tutorial Sommario Introduzione Formattazione del documento Formattazione della pagina Layout di pagina particolari Personalizzazione del documento Integrazione

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica Corso di Sistemi di Elaborazione delle Informazioni A.A. 2011/2012 Prof. Ing. Ivan Giammona

Dettagli

MODULO 5 Basi di dati (database)

MODULO 5 Basi di dati (database) MODULO 5 Basi di dati (database) I contenuti del modulo: questo modulo riguarda la conoscenza da parte del candidato dei concetti fondamentali sulle basi di dati e la sua capacità di utilizzarli. Il modulo

Dettagli

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale Analisi esplorative di dati testualilezione 2 Le principali tecniche di analisi testuale Facendo riferimento alle tecniche di data mining,

Dettagli

Prof.ssa Paola Vicard

Prof.ssa Paola Vicard Questa nota consiste perlopiù nella traduzione da Descriptive statistics di J. Shalliker e C. Ricketts, 2000, University of Plymouth Consideriamo come esempio il data set contenuto nel foglio excel esercizio2_dati.xls.

Dettagli

Corso di Informatica di Base

Corso di Informatica di Base Corso di Informatica di Base LEZIONE N 3 Cortina d Ampezzo, 4 dicembre 2008 ELABORAZIONE TESTI Grazie all impiego di programmi per l elaborazione dei testi, oggi è possibile creare documenti dall aspetto

Dettagli

GESTIONE CONTO CORRENTE BANCARIO

GESTIONE CONTO CORRENTE BANCARIO GESTIONE CONTO CORRENTE BANCARIO parte seconda LA GESTIONE DEL CONTO CORRENTE PER TUTTI manuale seconda parte pag. 1 La gestione dei movimenti Prima di caricare i movimenti, è indispensabile aprire il

Dettagli

Sommario. Copyright 2008 Apogeo

Sommario. Copyright 2008 Apogeo Sommario Prefazione xix Modulo 1 Concetti di base della Tecnologia dell Informazione 1 1.1 Fondamenti 3 Algoritmi...3 Diagramma di flusso...4 Progettare algoritmi non numerici...5 Progettare algoritmi

Dettagli

Suite di produttività office automation

Suite di produttività office automation Suite di produttività office automation Cosa è una SUITE Una suite è una collezione di applicativi software ciascuno dei quali svolge un ruolo specifico all interno di un medesimo ambito (es: sicurezza,

Dettagli

Microsoft Word Nozioni di base

Microsoft Word Nozioni di base Corso di Introduzione all Informatica Microsoft Word Nozioni di base Esercitatore: Fabio Palopoli SOMMARIO Esercitazione n. 1 Introduzione L interfaccia di Word Gli strumenti di Microsoft Draw La guida

Dettagli

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 6.0)

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 6.0) Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 6.0) Nota Bene: Si raccomanda di leggere queste dispense di fronte al computer, provando passo dopo passo le funzionalità descritte. Per

Dettagli

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 7.0)

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 7.0) Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 7.0) Nota Bene: Si raccomanda di leggere queste dispense di fronte al computer, provando passo dopo passo le funzionalità descritte. Per

Dettagli

MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE PRIMI PASSI

MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE PRIMI PASSI MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE Si tratta di un software appartenente alla categoria dei fogli di calcolo: con essi si intendono veri e propri fogli elettronici, ciascuno dei quali è diviso in righe e colonne,

Dettagli

Concetti Fondamentali

Concetti Fondamentali EXCEL Modulo 1 Concetti Fondamentali Excel è un applicazione che si può utilizzare per: Creare un foglio elettronico; costruire database; Disegnare grafici; Cos è un Foglio Elettronico? Un enorme foglio

Dettagli

Guida SH.Shop. Inserimento di un nuovo articolo:

Guida SH.Shop. Inserimento di un nuovo articolo: Guida SH.Shop Inserimento di un nuovo articolo: Dalla schermata principale del programma, fare click sul menu file, quindi scegliere Articoli (File Articoli). In alternativa, premere la combinazione di

Dettagli

Dispensedi Word. CampusLab - Agenzia Formativa Sede Provinciadi Cuneo Sede Provinciadi Torino Sede Provinciadi Vercelli Sede Liguria C.

Dispensedi Word. CampusLab - Agenzia Formativa Sede Provinciadi Cuneo Sede Provinciadi Torino Sede Provinciadi Vercelli Sede Liguria C. Accreditamento Regione Piemonte Sede operativa di formazione professionale Organismo: certificato nr. 098/001 ER 0988/2003 ES-0988/2003 ISO 9001:2000 Dispensedi Word CampusLab - Agenzia Formativa Sede

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE GRAFICA E ANALISI DEI DATI SPERIMENTALI CON EXCEL

RAPPRESENTAZIONE GRAFICA E ANALISI DEI DATI SPERIMENTALI CON EXCEL RAPPRESENTAZIONE GRAFICA E ANALISI DEI DATI SPERIMENTALI CON EXCEL 1 RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Per l analisi dati con Excel si fa riferimento alla versione 2007 di Office, le versioni successive non differiscono

Dettagli

Programma Corso Office ECDL

Programma Corso Office ECDL Programma Corso Office ECDL FASE DI AULA PRIMA LEZIONE MICROSOFT WORD Concetti generali: Primi passi Aprire (e chiudere) Microsoft Word. Aprire uno o più documenti. Creare un nuovo documento (predefinito

Dettagli

FONDAMENTI DI INFORMATICA. 3 Elaborazione testi

FONDAMENTI DI INFORMATICA. 3 Elaborazione testi FONDAMENTI DI INFORMATICA 3 Elaborazione testi Microsoft office word Concetti generali Operazioni principali Formattazione Oggetti Stampa unione Preparazione della stampa Schermata iniziale di Word Come

Dettagli

Note operative per Windows XP

Note operative per Windows XP Note operative per Windows XP AVVIO E ARRESTO DEL SISTEMA All avvio del computer, quando l utente preme l interruttore di accensione, vengono attivati i processi di inizializzazione con i quali si effettua

Dettagli

MODULO DOMANDE INDICE

MODULO DOMANDE INDICE INDICE INDICE... 2 IL PROGRAMMA... 3 LA VIDEATA PRINCIPALE... 4 IL MENU FILE... 7 Esportare i file... 9 LA FINESTRA DELLA RISPOSTA... 11 TUTTI I MODI PER INSERIRE IL TESTO... 11 I Collegamenti... 12 MODELLI

Dettagli

FOGLIO ELETTRONICO (SPREADSHEET)

FOGLIO ELETTRONICO (SPREADSHEET) FOGLIO ELETTRONICO (SPREADSHEET) I fogli elettronici sono programmi che consentono di condurre calcoli matematici, creare tabelle correlate tra loro, impostare piani di gestione e realizzare grafici dei

Dettagli

A destra è delimitata dalla barra di scorrimento verticale, mentre in basso troviamo una riga complessa.

A destra è delimitata dalla barra di scorrimento verticale, mentre in basso troviamo una riga complessa. La finestra di Excel è molto complessa e al primo posto avvio potrebbe disorientare l utente. Analizziamone i componenti dall alto verso il basso. La prima barra è la barra del titolo, dove troviamo indicato

Dettagli

Operazioni di base per l inserimento del testo

Operazioni di base per l inserimento del testo Office automation dispensa n.2 su Word Pagina 1 di 13 Operazioni di base per l inserimento del testo Usando un elaboratore di testi è consigliabile seguire alcune regole di scrittura che permettono di

Dettagli

Foglio di calcolo. Numero Valuta Testo Data e Ora Percentuale

Foglio di calcolo. Numero Valuta Testo Data e Ora Percentuale Foglio di calcolo Foglio di calcolo Foglio organizzato in forma matriciale: migliaia di righe e centinaia di colonne In corrispondenza di ciascuna intersezione tra riga e colonna vi è una CELLA Una cella

Dettagli

LUdeS Informatica 2 EXCEL. Prima parte AA 2013/2014

LUdeS Informatica 2 EXCEL. Prima parte AA 2013/2014 LUdeS Informatica 2 EXCEL Prima parte AA 2013/2014 COS E EXCEL? Microsoft Excel è uno dei fogli elettronici più potenti e completi operanti nell'ambiente Windows. Un foglio elettronico è un programma che

Dettagli

Operazioni fondamentali

Operazioni fondamentali Elaborazione testi Le seguenti indicazioni valgono per Word 2007, ma le procedure per Word 2010 sono molto simile. In alcuni casi (per esempio, Pulsante Office /File) ci sono indicazioni entrambe le versioni.

Dettagli

Sistemi di Elaborazione delle Informazioni

Sistemi di Elaborazione delle Informazioni Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Sistemi di Elaborazione delle Informazioni - Metodologia della Ricerca applicata - A.A. 2013/14 Docente: Gianni Pantaleo Dipartimento

Dettagli

Le query. Lezione 6 a cura di Maria Novella Mosciatti

Le query. Lezione 6 a cura di Maria Novella Mosciatti Lezione 6 a cura di Maria Novella Mosciatti Le query Le query sono oggetti del DB che consentono di visualizzare, modificare e analizzare i dati in modi diversi. Si possono utilizzare query come origine

Dettagli

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE 1 MICROSOFT WORD INTRODUZIONE Word è il programma più diffuso per elaborazione di testi, il cui scopo fondamentale è assistere l utente nelle operazioni di digitazione, revisione e formattazione di testi.

Dettagli

Struttura logica di un programma

Struttura logica di un programma Struttura logica di un programma Tutti i programmi per computer prevedono tre operazioni principali: l input di dati (cioè l inserimento delle informazioni da elaborare) il calcolo dei risultati cercati

Dettagli

Excel. A cura di Luigi Labonia. e-mail: luigi.lab@libero.it

Excel. A cura di Luigi Labonia. e-mail: luigi.lab@libero.it Excel A cura di Luigi Labonia e-mail: luigi.lab@libero.it Introduzione Un foglio elettronico è un applicazione comunemente usata per bilanci, previsioni ed altri compiti tipici del campo amministrativo

Dettagli

Esplorazioni e visualizzazioni Rocco Tripodi rocco@unive.it

Esplorazioni e visualizzazioni Rocco Tripodi rocco@unive.it Università Ca Foscari di Venezia Linguistica Informatica Mod. 1 Anno Accademico 2010-2011 Esplorazioni e visualizzazioni Rocco Tripodi rocco@unive.it Schema Input Text Teoria informazione Espressioni Regolari

Dettagli

Dipartimento di Scienze dell Educazione Università degli studi Roma Tre

Dipartimento di Scienze dell Educazione Università degli studi Roma Tre Dipartimento di Scienze dell Educazione Università degli studi Roma Tre Materiale del Laboratorio sulle Procedure Statistiche di base con SPSS CASD Centro Analisi Statistica Dati 1 1. Il Questionario Nella

Dettagli

Prof. Antonio Sestini

Prof. Antonio Sestini Prof. Antonio Sestini 1 - Formattazione Disposizione del testo intorno ad una tabella Selezionare la tabella Dal menù contestuale scegliere il comando «proprietà» Selezionare lo stile di disposizione del

Dettagli

Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 4. Lezione 3: Grafici Impostazione e verifica del foglio Opzioni di stampa. Anno 2011/2012 Syllabus 5.

Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 4. Lezione 3: Grafici Impostazione e verifica del foglio Opzioni di stampa. Anno 2011/2012 Syllabus 5. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 4 Lezione 3: Grafici Impostazione e verifica del foglio Opzioni di stampa Anno 2011/2012 Syllabus 5.0 Una delle funzioni più importanti di un foglio elettronico

Dettagli

IMPARIAMO WORD. Nella prima lezione abbiamo digitato un breve testo e abbiamo imparato i comandi base per formattarlo, salvarlo e stamparlo.

IMPARIAMO WORD. Nella prima lezione abbiamo digitato un breve testo e abbiamo imparato i comandi base per formattarlo, salvarlo e stamparlo. II^ lezione IMPARIAMO WORD Nella prima lezione abbiamo digitato un breve testo e abbiamo imparato i comandi base per formattarlo, salvarlo e stamparlo. Oggi prendiamo in esame, uno per uno, i comandi della

Dettagli

Creare e formattare i documenti

Creare e formattare i documenti Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Elaborazione di testi Creare e formattare i documenti 1 IL WORD PROCESSOR I programmi per l elaborazione di testi ( detti anche di videoscrittura

Dettagli

MANUALE OPERATORE CMS ASMENET

MANUALE OPERATORE CMS ASMENET MANUALE OPERATORE CMS ASMENET 2.0 Pag. 1 di 46 INDICE Termini e definizioni... pag. 3 Introduzione... pag. 4 Descrizione generale e accesso al back office... pag. 5 1 Gestione della pagina... pag. 6 1.1

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Microsoft Access 2000

Microsoft Access 2000 Microsoft Access 2000 Corso introduttivo per l ECDL 2004 Pieralberto Boasso Indice Lezione 1: le basi Lezione 2: le tabelle Lezione 3: creazione di tabelle Lezione 4: le query Lezione 5: le maschere Lezione

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CONFIGURAZIONE ED

GUIDA PRATICA ALLA CONFIGURAZIONE ED GUIDA ALL UTILIZZO DI MICROSOFT EXCEL 2000 GUIDA PRATICA ALLA CONFIGURAZIONE ED ALL UTILIZZO DEL FOGLIO ELETTRONICO MICROSOFT EXCEL 2000 A CURA DI FABIO SOLARINO dott. Fabio Solarino -- Servizio web della

Dettagli

Le query di raggruppamento

Le query di raggruppamento Le query di raggruppamento Le "Query di raggruppamento" sono delle Query di selezione che fanno uso delle "Funzioni di aggregazione" come la Somma, il Conteggio, il Massimo, il Minimo o la Media, per visualizzare

Dettagli

Statistica Sociale Laboratorio 2

Statistica Sociale Laboratorio 2 CORSO DI STATISTICA SOCIALE Statistica Sociale Laboratorio 2 Dott.ssa Agnieszka Stawinoga agnieszka.stawinoga@unina.it Le variabili qualitative ( mutabili ) Le variabili qualitative (mutabili) assumono

Dettagli

g. Ferrari m. cerini d. giallongo Piattaforma matematica Informatica Aritmetica 1 trevisini EDITORE

g. Ferrari m. cerini d. giallongo Piattaforma matematica Informatica Aritmetica 1 trevisini EDITORE g. Ferrari m. cerini d. giallongo Piattaforma matematica Aritmetica 1 trevisini EDITORE 2 Excel: la matematica con i fogli di calcolo Excel è il programma di fogli di calcolo, o fogli elettronici, più

Dettagli

L ANALISI AUTOMATIZZATA dei DATI TESTUALI: IL SOFTWARE ALCESTE

L ANALISI AUTOMATIZZATA dei DATI TESTUALI: IL SOFTWARE ALCESTE AIP Seminario residenziale Psicologia del discorso e analisi dei discorsi L ANALISI AUTOMATIZZATA dei DATI TESTUALI: IL SOFTWARE ALCESTE Silvia Gattino e Stefano Tartaglia Dipartimento di Psicologia Università

Dettagli

LA CORRISPONDENZA COMMERCIALE

LA CORRISPONDENZA COMMERCIALE LA CORRISPONDENZA COMMERCIALE GLI ELEMENTI ESSENZIALI DELLA LETTERA COMMERCIALE Intestazione Individua il nome e il cognome o la ragione sociale di chi scrive; contiene inoltre l indirizzo e i recapiti

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

ANALISI DEI DATI PER IL MARKETING 2014

ANALISI DEI DATI PER IL MARKETING 2014 ANALISI DEI DATI PER IL MARKETING 2014 Marco Riani mriani@unipr.it http://www.riani.it LA CLASSIFICAZIONE CAP IX, pp.367-457 Problema generale della scienza (Linneo, ) Analisi discriminante Cluster Analysis

Dettagli

Sommario. MODULO 1 Concetti di base della tecnologia dell informazione, 1

Sommario. MODULO 1 Concetti di base della tecnologia dell informazione, 1 Sommario MODULO 1 Concetti di base della tecnologia dell informazione, 1 UD 1.1 Algoritmo, 3 L algoritmo, 4 Diagramma di flusso, 4 Progettare algoritmi non numerici, 5 Progettare algoritmi numerici, 5

Dettagli

ECDL - Modulo 4 Foglio elettronico

ECDL - Modulo 4 Foglio elettronico ECDL - Modulo 4 Foglio elettronico Roberto Albiero 1 Concetti generali Il foglio elettronico, chiamato anche foglio di calcolo o spreadsheet, è un software che permette d inserire dati all interno di

Dettagli

Massimo Curci, Fabrizio Recchia... Errore. Il segnalibro non è definito. Elisa Donzella... Errore. Il segnalibro non è definito.

Massimo Curci, Fabrizio Recchia... Errore. Il segnalibro non è definito. Elisa Donzella... Errore. Il segnalibro non è definito. Word 2000 Core SOMMARIO Premessa... 4 Utilizzare il comando Annulla, Ripristina e Ripeti... 5 Applicare formato carattere: grassetto, corsivo e sottolineato... 5 Utilizzare il controllo ortografico...

Dettagli

REALIZZAZIONE DI REPORT MEDIANTE MICROSOFT EXCEL 2007

REALIZZAZIONE DI REPORT MEDIANTE MICROSOFT EXCEL 2007 SISTEMA A SUPPORTO DEI PROCESSI DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE NELLE ORGANIZZAZIONI PUBBLICHE REALIZZAZIONE DI REPORT MEDIANTE MICROSOFT EXCEL 2007 Copyright 2010 CSIO Società di Informatica

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Personalizzazione stampe con strumento Fincati

Personalizzazione stampe con strumento Fincati Personalizzazione stampe con strumento Fincati Indice degli argomenti Introduzione 1. Creazione modelli di stampa da strumento Fincati 2. Layout per modelli di stampa automatici 3. Impostazioni di stampa

Dettagli

CONTROLLO ORTOGRAFICO E GRAMMATICALE

CONTROLLO ORTOGRAFICO E GRAMMATICALE CONTROLLO ORTOGRAFICO E GRAMMATICALE Quando una parola non è presente nel dizionario di Word, oppure nello scrivere una frase si commettono errori grammaticali, allora si può eseguire una delle seguenti

Dettagli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli ITCG C. CATTANEO via Matilde di Canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (Reggio Emilia) Costruzione del grafico di una funzione con Microsoft Excel Supponiamo di aver costruito la tabella riportata in figura

Dettagli

Prof.ssa Paola Vicard

Prof.ssa Paola Vicard DISTRIBUZIONE DI FREQUENZE PER CARATTERI QUALITATIVI Questa nota consiste per la maggior parte nella traduzione (con alcune integrazioni) da Descriptive statistics di J. Shalliker e C. Ricketts, 2000,

Dettagli

4.6 LISTINI PLUS: Importazione listini fornitori [5.20.0/10]

4.6 LISTINI PLUS: Importazione listini fornitori [5.20.0/10] - 88 - Manuale di Aggiornamento 4.6 LISTINI PLUS: Importazione listini fornitori [5.20.0/10] È ora possibile importare i listini fornitori elencati in un file Excel. Si accede alla funzione dal menù Magazzino

Dettagli

Modulo 2 - ECDL. Uso del computer e gestione dei file. Fortino Luigi

Modulo 2 - ECDL. Uso del computer e gestione dei file. Fortino Luigi 1 Modulo 2 - ECDL Uso del computer e gestione dei file 2 Chiudere la sessione di lavoro 1.Fare Clic sul pulsante START 2.Cliccare sul comando SPEGNI COMPUTER 3.Selezionare una delle opzioni STANDBY: Serve

Dettagli

MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003

MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003 1. Novità di Excel 2003 MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003 CAPITOLO 1 Microsoft Office Excel 2003 ha introdotto alcune novità ed ha apportato miglioramenti ad alcune funzioni già esistenti nelle precedenti versioni

Dettagli

MANUALE PERSONALIZZAZIONE STAMPE PROGRAMMI ARGO DEL 12/05/2008

MANUALE PERSONALIZZAZIONE STAMPE PROGRAMMI ARGO DEL 12/05/2008 MANUALE PERSONALIZZAZIONE STAMPE PROGRAMMI ARGO DEL 12/05/2008 Tutti i nominativi riportati in questo documento sono inventati e non riconducibili a nessuna persona realmente esistente (in ottemperanza

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

Creazione ed uso di un data base in ACCESS Lezioni ed esercizi

Creazione ed uso di un data base in ACCESS Lezioni ed esercizi Creazione ed uso di un data base in ACCESS Lezioni ed esercizi 1 ACCESS Gli archivi Gli archivi sono un insieme organizzato di informazioni. Aziende Clienti e fornitori Personale Magazzino Enti pubblici

Dettagli

Introduzione al QMF per Windows

Introduzione al QMF per Windows Query Management Facility Introduzione al QMF per Windows Versione 7 SC13-2907-00 Query Management Facility Introduzione al QMF per Windows Versione 7 SC13-2907-00 Nota Prima di utilizzare questo prodotto

Dettagli

Uso della tastiera per accedere a Windows

Uso della tastiera per accedere a Windows Usabilità e Accesso David Colven Uso della tastiera per accedere a Windows auxiliarisorse Aprile 2004 Traduzione e adattamento a cura di Auxilia Versione del testo originale: Ottobre 2002 Copyright: David

Dettagli

Quick Introduction T-LAB 9.1. Strumenti per l Analisi dei Testi. Marzo 2014. Copyright 2001-2014 T-LAB by Franco Lancia All rights reserved.

Quick Introduction T-LAB 9.1. Strumenti per l Analisi dei Testi. Marzo 2014. Copyright 2001-2014 T-LAB by Franco Lancia All rights reserved. T-LAB 9.1 Marzo 2014 Quick Introduction Strumenti per l Analisi dei Testi Copyright 2001-2014 T-LAB by Franco Lancia All rights reserved. Website: http://www.tlab.it/ E-mail: info@tlab.it T-LAB is a registered

Dettagli

Sistemi operativi: interfacce

Sistemi operativi: interfacce Sistemi operativi: interfacce I sistemi operativi offrono le risorse della macchina a soggetti diversi: alle applicazioni, tramite chiamate di procedure da inserire nel codice all utente, tramite interfaccia

Dettagli

Manualle dell Utente. Suite di Traduzione IdiomaX

Manualle dell Utente. Suite di Traduzione IdiomaX Manualle dell Utente Suite di Traduzione IdiomaX Le informazioni contenute nel presente manuale sono soggette a modifiche senza preavviso e non vincolano in alcun modo la IdiomaX LLC. Questo programma

Dettagli

"LA SICUREZZA NEL CANTIERE"

LA SICUREZZA NEL CANTIERE Andrea Maria Moro "LA SICUREZZA NEL CANTIERE" 1 Il programma allegato al volume è un utile strumento di lavoro per gestire correttamente in ogni momento il cantiere, nel rispetto delle norme a tutela della

Dettagli

AMBIENTI INTEGRATI STRUMENTI DI OFFICE

AMBIENTI INTEGRATI STRUMENTI DI OFFICE AMBIENTI INTEGRATI STRUMENTI DI OFFICE Gli ambienti integrati sono pacchetti applicativi che contengono le applicazioni per la produttività personale di uso più frequente. un programma di elaborazione

Dettagli

per immagini guida avanzata Uso delle tabelle e dei grafici Pivot Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1

per immagini guida avanzata Uso delle tabelle e dei grafici Pivot Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1 Uso delle tabelle e dei grafici Pivot Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1 Una tabella Pivot usa dati a due dimensioni per creare una tabella a tre dimensioni, cioè una tabella

Dettagli

Appunti utili per la certificazione ECDL

Appunti utili per la certificazione ECDL MODULO 3 ELABORAZIONE TESTI Sezione Argomento Procedura 3.1 Concetti generali Aprire (e chiudere) un programma di elaborazione testi Aprire uno o più documenti. Creare un nuovo documento (predefinito o

Dettagli

Sito web della Provincia di Udine Guida pratica per pubblicatori

Sito web della Provincia di Udine Guida pratica per pubblicatori Sito web della Provincia di Udine Guida pratica per pubblicatori Indice Premessa... 3 1. Redazione del sito web... 4 2. Inserire un file/documento in un sito... 5 3. Edit delle pagine web... 8 3.1 Regole

Dettagli

SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese.

SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese. Presentazione: SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese. Il programma si distingue per la rapidità e l elasticità del processo di gestione

Dettagli

Funzioni utili - Virus e antivirus

Funzioni utili - Virus e antivirus u t o n e n i t à i m d r e n d i a p p Funzioni utili - Virus e antivirus Competenze specifiche L utilizzo della funzione Guida in linea e supporto tecnico di Windows L utilizzo della funzione Cerca per

Dettagli

Manuale Utente QueryGenerator

Manuale Utente QueryGenerator SOFTWARE DI GESTIONE DEL CORPUS API Manuale Utente QueryGenerator Cirass Sommario Introduzione 1 1. Presentazione 1 2. Requisiti di Sistema 2 3. Installazione 2 4. Utilizzo 3 5. Logica d interrogazione

Dettagli

MICROSOFT ACCESS. Fabrizio Barani 1

MICROSOFT ACCESS. Fabrizio Barani 1 MICROSOFT ACCESS Premessa ACCESS è un programma di gestione di banche dati, consente la creazione e modifica dei contenitori di informazioni di un database (tabelle), l inserimento di dati anche mediante

Dettagli

LABORATORIO-EXCEL N. 2-3 XLSTAT- Pro Versione 7 VARIABILI QUANTITATIVE

LABORATORIO-EXCEL N. 2-3 XLSTAT- Pro Versione 7 VARIABILI QUANTITATIVE LABORATORIO-EXCEL N. 2-3 XLSTAT- Pro Versione 7 VARIABILI QUANTITATIVE DESCRIZIONE DEI DATI DA ESAMINARE Sono stati raccolti i dati sul peso del polmone di topi normali e affetti da una patologia simile

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

MACRO DEFINIZIONE MACRO IN OFFICE. Di Luca Bazzani

MACRO DEFINIZIONE MACRO IN OFFICE. Di Luca Bazzani MACRO Di Luca Bazzani DEFINIZIONE Se si esegue spesso un'operazione in Microsoft Excel, è possibile automatizzarla con una macro. Una macro è costituita da una serie di comandi e funzioni memorizzata in

Dettagli