BRESCIANET.COM Sito didattico - Prof. Sechi Marco Passa al contenuto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BRESCIANET.COM Sito didattico - Prof. Sechi Marco Passa al contenuto"

Transcript

1 BRESCIANET.COM Sito didattico - Prof. Sechi Marco Passa al contenuto Cerca Ricerca avanzata [ Pannello di Controllo Moderatore ] Cerca Modulo 1 - Classe 5N Rispondi al messaggio Cerca qui 22 messaggi Pagina 1 di 3 1, 2, 3 Modulo 1 - Classe 5N di e01692» 14/09/2009, 9:05 Cerca Appunti estemporanei relativi al 1 Modulo - classe 5N 17/09/ Classe 5N di e01692» 17/09/2009, 8:16 Pc standalone =>non collegato alla rete. le risorse locali non risultano condivise Ad esempio una risorsa locale è l'hd, supporti di massa etc - standalone => isolato da altre realtà Prime cfg di rete prevedevano un server centrale dove girava un prg (di solito la contabilità) e diversi pc (client) si collegavano mediante un procedimento detto di emulazione Mainframe (host): grande unità elaborativa dove giravano i prg Tramite dei terminali posso utilizzare i prg che girano sul mainframe. Il terminale non ha alcuna cpu (unità elaborativa) ma si preoccupa solo di visualizzare del testo che viene trasmesso dal mainframe e di inviare i caratteri digitati da tastiera client => dispositivo che utilizza dei servizi server => dispositivo che eroga dei servizi Vantaggi del MAINFRAME (configurazione iniziale) 1) centralizzazione delle risorse (e quindi dei problemi( 2) I terminali sono macchine stupide simili a dei televisori per cui la loro cfg non richiede alcuna operazione tecnica) 3) Performance elevatissime 4) può essere utilizzato in presenza di comunicazioni molto scarse poichè trasmette solo caratteri svantaggi del MAINFRAME

2 1) COSTI IMMENSI SIA DI HW CHE DI KNOW HOW 2) Potenza elaborativa di tipo grafico molto limitata ==> posso usare solo applicazioni testuali. Le applicazioni testuali essendo molto ostiche non risultano di facile utilizzo (o conosco i comandi oppure sono bloccato) Alla base dell'architettura mainframe/terminale ho la connessione tra le due entità Le prime connessioni erano basate su collegamenti seriali o paralleli (le porte sono presenti sui terminali fin dalle prime versioni) La necessità di produrre documentazione grafica appetibile (esempio una brochure commerciale) ha portato ad avere sulla stessa scrivania un pc (dotato di capacità elaborativa) e un terminale con conseguenti problemi di occupazione spaziale sulla scrivania. Per ovviare il terminale è stato implementato in un prg. Il terminale sotfware per eccellenza è il telnet Il modem consente la connessione remota utilizzando le linee telefoniche analogiche - Le prime versioni avevano velocità di trasmissione molto basse (circa 300bit per secondo - un terminale è composto da 80colonne x 24 righe ==> 1920 caratteri -> 1920 byte => bit => 51 secondi per uno schermo pieno riprendere dal modem... Modulo 1 - Classe 5N - 21/09/2009 di e01692» 21/09/2009, 9:57 Comunicazione seriale all'inizio rete poi ELEMENTI DI UNA COMUNICAZIONE Mezzo trasmissivo:

3 etere => wireless cavo => doppino telefonico, ethernet, rete elettrica mediante opportuni dispositivi (powerline) -livello fisico di trasmissione protocollo => regole di comunicazione tra due entità che devono scambiarsi delle info (ad esempio l'italiano) servizi offerti => contenuto - esempio condivisione di files NIC => network Interface CARD => scheda di rete - tutti i pc hanno la scheda di rete ad oggi PCI => slot sulla mother board per innestare nuove schede HW (esempio la scheda) Velocità di trasmissione 10MBps => eth base t 100MBps => fast eth 1000MBps => giga eth Sui ns pc: NIC Fast Ethernet PCI Realtek RTL8139 Family Unità di misura per le trasmissioni MegaBit per secondo wireless => 11mbps ==> 85MBps nelle versioni 11g Tutti i pc connessi abbattono la propria velocità a quella del PC con scheda + lenta rete 10bASEt gli ATTACCHI SONO A BAIONETTA (bnc) - il CAVO rg58 è COASSIALE (UNA GUAINA CHE AVVOLGE IL CAVO DI RAME INTERNO PER MINIMIZZARE LE INTERFERENZE il SEGNALE ethernet è di tipo broadcast. tutti i PC (NIC) ricevono un segnale emesso da un PC - Il NIC scarta i segnali che non sono destinati a quel PC Il terminatore è una resistenza che ha la funzione di dissipare il segnale evitando meccanismi di echo Se la rete 10baseT si apre tutta la rete collassa per i citati meccanismi di echo La rete 10baseT ha una A) gestione complicata sia per la localizzazione delle rotture ma anche per la B) distribuzione del cabling - C) manca inoltre di una gestione La centralizzazione della gestione ha portato alla diffusione degli HUB (hanno + porcentralizzata.

4 Modulo 1 - Classe 5N - 24/09/2009 di e01692» 24/09/2009, 8:26 la topologia della rete 10 baset è lineare La centralizzazione della gestione ha portato alla diffusione degli HUB 10baseT => instabile, non centralizzata con l'hub ila rete ETH diventa stellare anche se struttura interna si mantiene lineare. l'hub consente la centralizzazione delle connessioni. Dei led sul pannello frontale consente di vedere quali pc sono connessi La stesura del cablaggio è molto costosa. L'evoluzione degli organigrammi aziendali => usi differenti nel tempo dello stesso ufficio. => devo avere la possibilità di aprire nuove connessioni di rete senza rompere i muri => tramite degli armadi (+ o meno grossi hub) sono in grado di abilitare all'interno della stessa stanza nuove connessioni oppure di toglierle Powerline => cablaggio eth che utilizza la rete elettrica per connettere + PC Vantaggi? - Velocità => dai 10mbps a 185Mbps - utilizzabile per reti con un numero basso di PC LAN => rete locale WAN => rete geografica Ogni scheda ETH ha una targa che la identifica in modo univoco su tutto il pianeta: il MAC address ( o indirizzo fisico). Le società che producono NIC eth possono produrre schede con un MAC address tra quelli che sono stati assegnati da un ente americano che è preposto a questa gestione menu start => esegui => cmd => vado in dos ipconfig /all => visualizzo le cfg di rete C:\Documents and Settings\Utente1>ipconfig /all Configurazione IP di Windows Nome host : doc_info2

5 Suffisso DNS primario : Tipo nodo : Sconosciuto Routing IP abilitato : No Proxy WINS abilitato : No Scheda Ethernet Connessione alla rete locale (LAN): Suffisso DNS specifico per connessione: Descrizione : NIC Fast Ethernet PCI Realtek RT L8139 Family Indirizzo fisico : D-60-BD DHCP abilitato : No Indirizzo IP : Subnet mask : Gateway predefinito : Server DNS : IN una rete la collisione è l'emissione contemporanea del segnale da parte di due dispositivi. La collisione determina la perdita dell'informazione trasmessa (dovuto all'interferenza tra i due segnali). La collisione deve essere gestita: in eth si usa csma => ovvero quando due NIC si accorgono di emettere un segnale in contemporanea allora entrambe sospendono l'attività di trasmissione e la riprendono dopo un lasso di tempo la cui durata è casuale. Nella comunicazione l'informazione trasmessa deve contenere il MAC Address sorgente ( il destinatario saprà a chi inviare la risposta) e quello di destinazione. SERVER=> dispositivo che eroga servizi CLIENT=> dispositivo che usufruisce di servizi Si tratta di ruoli operativi che quindi possono invertirsi BACKUP => salvataggio dei dati che mi evita di perdere i dati in caso di rottura di una macchina SISTEMA OPERATIVO => collezione di prg che mi consentono l'uso della macchina e delle risorse locali SISTEMA OPERATIVO DI RETE (NOS) => collezione di prg che mi consentono l'uso della risorse di rete VANTAGGI DELLE LAN 1) condivisione di risorse (scanner o un fax di rete, stampanti, router, dati ed applicazioni =>

6 collaborazione tra + attori della rete) I due possibili utilizzi della LAN: peer to peer oppure client server a) client-server => alcune macchine forniscono dei servizi (server) - altre ne ususfruiscono (client) a) peer to peer => i pc hanno un ruolo paritetico: possono essere server o client a secondo dei casi. Vantaggi PEER to PEER 1) poco costosa 2) non richiede un know-how elevato 3) adatta ad un numero di pc basso Svantaggi PEER to PEER 1) performance loffi 2) La non presenza di una macchina centrale che contenga i dati aziendali (ogni persona salva sul suo PC) non consente la centralizzazione del backup e crea problemi sull'identificazione dell'ultima versione dei documenti prodotti. I dati sono ovunque e quindi la gestione puntuale del backup risulta molto onerosa. Per ovviare ai problemi di gestione del backup e delle versioni si tende ad eleggere una delle macchine (di regola quella + potente) come contenitore centrale dei dati. Nelle reti peer to peer non esistono meccanismi di autenticazione che attribuiscano agli utenti diritti di accesso diversi a secondo della persona che si connette. Si passa dalla p2p a CS nel momento in cui una delle macchine non ha solo un ruolo logico di centrale dei dati ma ha anche un software adeguato (SO di rete). win98, win Me, win XP, win VISTA win 7 => so (sistemi operativi) locali o stand alone win 2000 server - win 2003 server - win 2008 server - Linux Modulo 1 - Classe 5N - 28/09/2009 di e01692» 28/09/2009, 9:56 Vantaggi c/s

7 1) Consente di gestire l'accesso ad un numero elevato di client purchè struttura HW e SW siano adeguate => costi elevati (dischi con accessi molto veloci: ad esempio scsi (si legge scasi) - Generalmente un server ha come ruolo principale quello di files server (condivisione di files => dischi veloci) - E' possibile che si abbia condivisione di applicazioni (Application server - l'applicazione viene distribuita dal server => molta ram sul server poichè si fa in parte carico dello dispendio computazionale di un applicativo) 2) centralità della gestione delle risorse (backup centralizzato semplice) 3) controllo completo delle modalità di accesso alle risorse di rete Svantaggi C/S 1) costi elevati 2) know how elevato Terminal server (TS) => i client hanno un piccolo modulo sw capace di ricevere le videate windows virtuali eseguite su un server. i client non hanno disco - il client invia gli input (mouse e tastiera) al server il quale invia una videata virtuale che il terminal client visualizza dando l'impressione di avere un PC vero e proprio. vantaggi TS 1) gestione centralizzata 2) gli utenti non possono portare via delle informazioni aziendali 3) interfaccia grafica Windows like svantaggi TS 1) La macchina deve essere altamente sofisticata (2 gb per ogni client Win VISTA) 2) linee di comunicazione molto veloci (almeno un gigabit) Il ts è l'estremizzazione di un application server. sul client non gira alcuna applicazione se non quella che trasferisce l'input e riceve l'output. Esistono client TS anche per palmari un application server sono quelle dotate di Web Application ovvero quelle che usano come terminale il browser (interfaccia gestita dal client - controllo db dal server) - La divisione dei compiti ottimizza le performance e consente la centralizzazione degli aggiornamenti (un nuovo campo si traduce in una modifica sulle pagine web salvate sul server) applicazioni CLient Server pure => sul client ho un pezzo di prg che si preoccupa

8 dell'input - sul server l'altro sw che si preoccupa degli aggiornamenti e delle ricerche sul db. Svantaggio => una modifica sul client => che un mio operatore deve andare ad aggiornare tutti i client (la sw distribution consente in parte di evitarlo => sw distribution => prg che automatizza via rete gli aggiornamenti) - Questa modalità è apparsa dopo i terminali ma prima delle web-based Le policies => direttive che dicono cosa può fare un utente sulla macchina le policies impostate sul server ricoprono quelle locali impedendo l'accesso a chiunque non risulti autorizzato Modulo 1 - Classe 5N - 01/10/2009 di e01692» 01/10/2009, 8:21 quando il ruolo di server diventa sistematico hw e sw devono essere opportunamente tarati per rispondere in modo efficace alle richieste dei client file server => macchina che mette in condivisione i propri dischi e ha delle policies relative alle modalità di accesso. la gestione degli accessi concorrenti ai dischi è gestita dal nos => dischi veloci -> molta ram dove grosse porzioni di disco vengono caricate per offrire performance elevate -> meccanismi di fault tolerance E possibile l'accesso concorrente al disco in una macchina standalone? si se il SO è multitasking (+ applicazioni che viaggiano in concomitanza) Fault tolerance: capacità di un sistema di continuare ad erogare un servizio anche in presenza di rotture o interruzioni di corrente (gruppi di continuità accumulatori) Ridondanza => politica di duplicazione delle componenti hw al fine di garantire il massimo fault tolerance (FT). Server ridondato => il server è duplicato (sia come hw sia come dati) mediante meccanismi di mirroring (i due server sono collegati in fibra ottica oppure sono installati all'interno dello stesso cabinet) il livello minimo di FT è il backup - il massimo tutto il sistema ridondato raid 5 => modalità con la quale le info vengono suddivise su + dischi. se uno si rompe l'info richiede linee veloci per trasferire grosse quantità di dati originale è comunque recuperabile con meccanismi di controllo di parità. => utile numero di dischi basso - nessun hd risulta + importante degli altri per cui la probabilità di rottura è distribuita in modo uniforme. Il livello di fault tolerance è adeguato ai costi che un'azienda deve sopportare in caso di interruzione del servizio. Aziende grosse con un numero elevato di dipendenti hanno costi del personale elevati che giustificano investimenti consistenti in politiche di fault tolerance

9 In alcuni casi la duplicazione arriva a livello di rete application server => distribuisce servizi sotto forma di applicazioni (applicazioni distribuite sul client e sul server oppure nelle web based appl si usa il browser come terminale) => obbiettivo diminuire il carico di rete - evitare installazioni decentralizzate) cosa è pci -isa => sono i connettori sulla mother board dove attacco le schede (ad esempio un nic) rg58 => cavo coassiale della rete 10 baset - connettori bnc rj-45 => connettore sul cavo usato per le reti eth rj 11 => connettore usato nei telefoni cosa è un ISP => internet service provider => vettore che rende disponibile la connessione ad internet provider => colui che garantisce un servizio + pc attaccati => + collisioni => + lenta la rete => soluzione obbiettivo degli switch => separare elettricamente le porzioni di rete in modo che i broadcast non dilaghino su tutta la rete => rallentamento. switch detto anche hub intelligente - lo switch impedisce il passaggio delle informazioni (segnali) verso altre reti se il mac address è tra quelli registrati sulle sue porte rj45 il modem è un router un router collega reti fisicamente differenti Pc potrebbe essere un router? si come? modem usb implementa da una parte una sorta di rete (una rete tcp virtuale) sul cavo seriale (mediante il driver) - dall'altra si collega ad una rete di tipo analogico/digitale a secondo modem => modulatore - demodulatore trasforma un segnale di 0,1 in onda (segnale analogico) tipico delle linee telefoniche che devono trasportare la voce - la portante viene modificata in modo da trasferire l'info al ricevitore Modulo 1 - Classe 5N - 05/10/2009 di e01692» 08/10/2009, 6:09 La virtual machine (VM) è un sw che emula l'hw di un pc => vmware e Virtual PC della microsoft 1) la VM usa come disco fisso un file => che se configuro un VM posso salvare tale file per ripristinarlo tutte le volte che la VM risulta corrotta da installazioni e navigazioni offshore modem analogico => 56kb --- vedere

10 teamviewer firewall (fw) => sw o hw che controlla gli ingressi e le uscite da/a una rete personal fw (pfw) => sw che controlla gli ingressi e le uscite sul mio pc il pfw è presente anche in win dalla XP sp2 (service pack) Gli antivirus hanno sia un modulo fw che antivirus => (esempio norton security pack e norton antivirus) = il pfw è molto pesante in termini computazionali Modulo 1 - Classe 5N - 08/10/2009 di e01692» 08/10/2009, 8:10 cosa è il restore? Installazione teamviewer si dice controllo remoto : altri prodotti VNC 1) supporto 2) posso usare il mio pc da remoto 3) posso trasferire i files Vantaggi di tale prodotto: 1) è gratuito per usi privati 2) non richiede alcuna configurazione del router 3) non è necessario installare il sw 4) consente la creazione di VPN per inserire all'interno di una lan un pc remoto (che appare come se fosse locale) L'accesso remoto (AR) in termini operativi è molto simile al terminal server (TS) (immaginate la videata a pieno schermo: è difficile distinguere se si tratta del proprio pc o di un altro). La differenza sta nel fatto che nel TS la videata gira in un pc virtuale gestito dal server mentre nell'ar dall'altra parte ho un pc reale La connessione a desktop remoto è molto simile a quella vista con teamviewer però quando mi connetto ad un PC questo si blocca (sul pc la videata si oscura con una logo di win e la tastiera viene disabilitata) sul lato client mentre che si connette lavora tranquillamente ma da solo su quel PC (è è così garantito il vincolo MONOUTENTE) Monoutente Multiutente Monotask e multitask

11 MONOTASK => una sola applicazione alla volta => esempio il dos (in realtà si potevano usare + applicazioni allo stesso tempo ma questo sfruttando caratteristiche del processore e non del SO) Tale tecnica prendeva il nome di tsr (terminate and stay resident) ed era utilizzata per gestire le stampe consentendo l'uso del pc anche in presenza di stampe lunghissime (che senza il tsr dovevano essere gestite dall'unico processo/programma possibile) Perchè un sistema monotask non può essere multiuser? MULTIUSER => + persone usano contemporaneamente lo stesso PC (chiaramente diversi applicativi) in sessioni distinte - Windows server, Linux/UNIX MONOUSER => solo un utente accede alla volta. L'esistenza di + utenti di accesso (profili) non è indice di multiuser ma almeno di multiaccounting (esempio win PROF, Win HOME) MULTITASK: + processi sono attivi contemporaneamente. Un processo non è sempre un programma - un programma talvolta è composto da un solo processo oppure da molti processi Suddividere i programmi in processi consente la condivisione di funzionalità comuni (si pensi al controllo ortografico disponibile in tutti gli applicativi di office e volendo di win - la gestione della stampa e cosi via..). La suddivisione delle applicazioni in moduli (corrispondenti ai singoli processi) ha evitato la costruzione di immense applicazioni monolitiche che dovevano gestire la comunicazione con tutte le stampanti => numerosi floppy uno per ogni tipo di stampante gestita) Le dll sono i file contenenti le funzionalità condivise: ad esempio winword non disegna direttamente la finestra ma invia una serie di comandi al processo che gestisce le finestre (winmgr). Con le dll il SO fornisce una gran varietà di funzionalità disponibili per lo sviluppo di prg. un programmatore non deve scrivere il codice per disegnare punto per punto la finestra ma utilizza un richiamo ad una particolare funzione (esempio openwin).

12 nei processi viaggiano le dll classificazione dei so => griglia monotask - multitask monouser multiuser protocollo => insieme di regole protocollo di rete => regole utilizzate da due entità per comunicare tra loro tcp/ip => è un protocollo di rete le cfg del tcp /ip sono visibili con il comando dos ipconfig /all nomi in dos 8+3 caratteri => 3 estensione => usata da win per riconoscere le applicazioni :esempio ppt => powerpoint nel tcp/ip le macchine sono identificate con una quadrupla di numeri => le regole verranno viste successivamente all'interno della stessa lan non possono esistere ip identici. All'avvio "bootstrap" un particolare processo gestito dalla dll inet.dll controlla che non esistano in rete duplicati. se si tale pc non accede alla lan e ne rimane escluso Il mio pc deve sapere se una richiesta (effettuata ad esempio da Internet Explorer) riguarda la mia lan oppure un'altra rete Netmask => consente al pc di capire se una determinata richiesta di rete riguarda la lan oppure deve essere instradata all'esterno quando il netmask è il pc sa che tutte le richieste verso IP che hanno i primi 3 numeri uguali sono da considerarsi all'interno della stessa rete riprendere da qui quindi una richiesta su IE di questo tipo verrà considerata interna mentre questa verrà rigirata al router Modulo 1 - Classe 5N -12/10/2009 di e01692» 15/10/2009, 6:11 quindi una richiesta su IE di questo tipo

13 verrà considerata interna mentre questa verrà rigirata al router il gateway dovrà risolvere le richieste ad indirizzi non appartenenti alla ns rete locale => generalmente è l'indirizzo del router se elimino nelle cfg l'ip del gateway non riesco + a navigare comando tracert => visualizza i router attraversati C:\>tracert Rilevazione instradamento verso [ ] su un massimo di 30 punti di passaggio: 1 * * * Richiesta scaduta. 2 <1 ms <1 ms <1 ms ms 17 ms 16 ms ms 17 ms 17 ms fe-core2-mi.tzm.net [ ] 5 16 ms 17 ms 16 ms f gw-border.uli.it [ ] 6 33 ms 36 ms 36 ms f0-1.gw.mix.uli.it [ ] 7 16 ms 17 ms 17 ms interbusiness.mix-it.net [ ] 8 17 ms 18 ms 17 ms r-mi265-gw-mi-nap2.opb.interbusiness.it [ ] 9 18 ms 17 ms 17 ms r-mi213-vl4.opb.interbusiness.it [ ] ms 28 ms 29 ms r-rm198-mi213.opb.interbusiness.it [ ] ms 29 ms 26 ms r-rm225-rm198.opb.interbusiness.it [ ] Ricordarsi che connettersi ad internet consiste nel connettersi alla sottorete del vostro provider (esempio tmz) il quale a sua volta connette la sua a quella del suo vettore telefonico primario. Quando un pc effettua una richiesta questa viene spezzata in piccoli pacchetti. Ogni pacchetto segue percorsi diversi prima di arrivare a destinazione. La scelta dei percorsi è determinata dalla raggiungibilità e dal grado di affollamento delle diverse sottoreti. Tracert visualizza i nodi attraversati. Perchè il percorso per arrivare a destinazione continua a cambiare? xchè l'elenco dei router attraversati cambia a seconda dell'istante in cui digito tracert? Spiegato xchè ripetendo il comando tracert ottengo elenchi diversi Modulo 1 - Classe 5N - 15/10/2009 di e01692» 15/10/2009, 7:47 dns risolve i nomi mnemonici con gli IP corrispondenti ai server i dns sono del provider di connessione (è meglio ma non obbligatorio!). se ho un abbonamento alice => dns di telecom => posso usare quelli di infostrada ma i tempi di risoluzione sono + lenti poichè la mia richiesta deve attraversare + gateway

14 ping <ip> ping <nome mnemonico> ping consente di testare se una macchina è in linea o meno. Le macchine però possono essere configurate per non rispondere al ping C:\DOCUME~1\UTENTE1>ping Esecuzione di Ping [ ] con 32 byte di dati: Risposta da : byte=32 durata=74ms TTL=52 Risposta da : byte=32 durata=74ms TTL=52 Risposta da : byte=32 durata=73ms TTL=52 Risposta da : byte=32 durata=74ms TTL=52 Statistiche Ping per : Pacchetti: Trasmessi = 4, Ricevuti = 4, Persi = 0 (0% persi), Tempo approssimativo percorsi andata/ritorno in millisecondi: Minimo = 73ms, Massimo = 74ms, Medio = 73ms C:\DOCUME~1\UTENTE1>ing "ING" non è riconosciuto come comando interno o esterno, un programma eseguibile o un file batch. C:\DOCUME~1\UTENTE1>ping Impossibile trovare l'host che il nome sia corretto e riprovare. C:\DOCUME~1\UTENTE1>ping Esecuzione di Ping con 32 byte di dati: Richiesta scaduta. Richiesta scaduta. Richiesta scaduta. Richiesta scaduta. Statistiche Ping per : Pacchetti: Trasmessi = 4, Ricevuti = 0, Persi = 4 (100% persi), ISP => internet service provider => società che vi da la connessione Cache => salvo in modo temporaneo delle informazioni con l'obbiettivo di velocizzare delle operazioni cache DNS => salva le risoluzioni dei nomi mnemonici e li considera validi per un determinato periodo Fatto vedere come svuotare la cache DNS da WIN ipconfg => impostazioni di rete della macchina ipconfig /renew => reset della cache DNS

15 file hosts => antenato del dns => elenco abbinamenti IP = nomi mnemonici arpanet => antento di internet i pc collegati erano pochi per cui su ogni PC veniva mantenuto l'elenco che permetteva di risolvere il nome mnemonico Il file hosts è il primo ad essere usato => localhost implica oppure ping come IE utilizza il DNS o il file hosts per risolvere i nomi DHCP => servizio che eroga IP dinamici alle macchine che si collegano ad una rete. IP Pubblico => visibile su tutta la rete Internet IP Privato => visibile solo sulla lan => IP 256^4 combinazioni un provider di connessione ha a disposizione un numero limitato di IP pubblici (acquistati dall'icann americano) tutti i client quando navigano devono avere un ip pubblico poichè devono ricevere la risposta del server (che sta mandando le pagine richieste) i ISP calcolano il numero medio di connessioni attive (esempio in media 100 su 1000 clienti) -> acquistano 100 ip pubblici e tramite un dhcp assegnano ai router che si collegano uno degli IP pubblici non ancora utilizzati IP Dinamico => determinato da un dhcp (cambia ad ogni connessione alla LAN o ad internet) IP Statico => configurato nelle impostazioni di rete della macchina (non cambia mai nel tempo) In realtà è possibile tramite il mac address riservare ad una determinata macchina sempre lo stesso IP tramite il dhcp (sono ip statici) DHCP => usato nelle aziende poichè consente una gestione centralizzata degli IP IP statico pubblico => usato per i server WEB - perchè?

16 IP dinamico pubblico => usato per i client - perchè? dynamic DNS => sul router imposto una connessione verso questo servizio. Quando mi connetto ad internet ottengo un IP dinamico pubblico. Tale indirizzo viene inviato al server Dynamic DNS che abbina il nuovo IP ad un nome mnemonico pippo.brescianet.com. Essendo questo servizio un DNS sulla rete automaticamente anche usando un IP dinamico posso avere un server WEB attestato su quell'ip il Dynamic DNS è usato per server WEB casarecci oppure per connettersi a macchine remote collegate mediante un normale abbonamento ADSL Prossimo Visualizza ultimi messaggi: Tutti i messaggi 6 Ordina per Ora di invio 6 Crescente 6 Vai Rispondi al messaggio 22 messaggi Pagina 1 di 3 1, 2, 3 Torna a 1 MODULO - Appunti Strumenti di moderazione: Blocca argomento 6 Vai Chi c è in linea Visitano il forum: e01692 e 0 ospiti Powered by phpbb 2000, 2002, 2005, 2007 phpbb Group Traduzione Italiana phpbb.it Pannello di Controllo Amministratore

17 BRESCIANET.COM Sito didattico - Prof. Sechi Marco Passa al contenuto Cerca Ricerca avanzata [ Pannello di Controllo Moderatore ] Cerca Modulo 1 - Classe 5N Rispondi al messaggio Cerca qui 22 messaggi Pagina 2 di 3 1, 2, 3 Cerca Re: Modulo 1 - Classe 5N di e01692» 19/10/2009, 9:56 protocolli divisi in livelli - hw (LIVELLO FISICO) - livello di trasporto e comunicazione (PERMETTE DI INVIARE I COMANDI NECESSARI AL SERVIZIO) - livello di servizio fatto esempio della stampante - spiegato il ruolo del driver della stampante. Protocolli proprietari: NetBios x win (PRIMA DEL 98) appletalk PER mac tcp/ip PER UNIX ipx/spx PER NOVELL/NETWARE TCP/ip HA PRESO IL POSTO DI TUTTI GLI ALTRI. novell - VECCHIO nos CHE CONSENTE SERVIZI DI TIPO fileserver LA PARTE RELATIVA AL CLIENT NELLE CFG DI RETE win CONSENTONO ALLA MACCHINA CLIENT DI USUFRUIRE DEI SERVIZI EROGATI DAL SERVER. Perchè si stratificano i protocolli? Cosa succede se il protocollo è gestito in modo monolitico? Chi sviluppa il prg emule non si deve preoccupare di sviluppare anche un protocollo di comunicazione che chiaramente dovrà essere installato su tutte le macchine che devono comunicare

18 Modello OSI/ISO => RIFERIMENTO CHE SI DEVE RISPETTARE PER CHI SVILUPPA PROTOCOLLI. PING CLIENT DI ECHO - ie CLIENT DI http Modulo 1 - Classe 5N - 22/10/2009 di e01692» 22/10/2009, 7:50 ping <ip> ping <nomemnemonico> C:\Documents and Settings\Utente1>ping Esecuzione di Ping con 32 byte di dati: Risposta da : byte=32 durata<1ms TTL=128 Risposta da : byte=32 durata<1ms TTL=128 Risposta da : byte=32 durata<1ms TTL=128 Risposta da : byte=32 durata<1ms TTL=128 Statistiche Ping per : Pacchetti: Trasmessi = 4, Ricevuti = 4, Persi = 0 (0% persi), Tempo approssimativo percorsi andata/ritorno in millisecondi: Minimo = 0ms, Massimo = 0ms, Medio = 0ms la risposta al ping può essere disabilitato per motivi di sicurezza prg/servizio => protocollo di servizio -> protocollo di trasporto ping => echo => icmp outlook => smtp/pop3 => tcp internet explorer => http => tcp Il comando netstat visualizza il socket è una quintupla di valori: Ip sorgente, IP destinazione, porta sorgente, porta destinazione, protocollo usato C:\Documents and Settings\Utente1>netstat Connessioni attive Proto Indirizzo locale Indirizzo esterno Stato TCP doc_info2:1102 localhost:5152 FIN_WAIT_2 TCP doc_info2:1107 localhost:10080 ESTABLISHED TCP doc_info2:5152 localhost:1102 CLOSE_WAIT TCP doc_info2:10080 localhost:1107 ESTABLISHED

19 TCP doc_info2: :netbios-ssn ESTABLISHED TCP doc_info2: :netbios-ssn ESTABLISHED TCP doc_info2: :netbios-ssn ESTABLISHED TCP doc_info2: :netbios-ssn ESTABLISHED TCP doc_info2: :netbios-ssn ESTABLISHED TCP doc_info2: :netbios-ssn ESTABLISHED TCP doc_info2: :netbios-ssn ESTABLISHED TCP doc_info2: :netbios-ssn ESTABLISHED TCP doc_info2:1106 webs22.aruba.it:80 FIN_WAIT_2 TCP doc_info2:1108 webs22.aruba.it:http ESTABLISHED è equivalente a le porte permettono di distinguere tra i diversi servizi offerti da un server UDP e TCP sono allo stesso livello ma con funzionalità diverse UDP e TCP sono repsonsabili della definizione delle porte entrambe effettuano controlli dell'errore - tcp se si accorge dell'errore scarta il pacchetto e richiede la trasmissione - udp le scarta e basta tcp + lento di udp ma + sicuro => la connessione viene continuamente testata per garantire che il messaggio sia arrivato a destinazione tcp => ricostruisce il pacchetto spezzettato Udp no streaming => performance in trasferimento => la modalità di trasmissione è tipo broadcast. Nello streaming video se un frame arriva errato questo viene scartato. Il pacchetto è ricostruito a livello applicativo (sarà il plug-in di youtube [prg in flash] che ricostruirà i pacchetti) sull'esercitazione 7 è spiegata bene la differenza tra UDP e TCP controllo di parità (è un esempio di controllo dell'errore) dal sorgente aggiunge se 1 sono pari altrimenti 1 a destinazione a causa di un errore => il destinatario si accorge e richiede la ritrasmissione

20 => errore doppio ma non me ne accorgo porta identificata mediante un numero. quando il mio browser richiede una pagina web al server verrà inviata sia l'ip della mia macchina che la porta utilizzata. Le porte dei client sono dinamiche e continuano a cambiare facendo un controllo di parità oltre che per riga anche per colonna aumenta la capacità di identificazione degli errori STATI NETSTAT ESTABLISHED CLOSE_WAIT LISTENING IIS => è nel set di base di WIN httpd => identifica un prg servente che eroga il servizio http ftpd => identifica un prg servente che offre un servizio di scambio dei files (ftp) smtpd/pop3d => identifica un prg servente che offre un servizio di posta di invio/ricezione d sta per demone => in unix (dove è nato internet) un demone è un prg in background In Windows i processi in background (eseguiti di "nascosto") è consultabile mediante ii pannello di controllo - strumenti di amministrazione - servizi Cfg di IIS => IP e porta del server document root => cartella contenente i documenti erogati dal server (percorso locale) http => hyper text tranfer protocol => reole per il trasferimento di files ipertestuali scrivere equivale a se il documento predefinito (directory index) è index.htm

Indice del forum -> Appunti - Classi 5. Inviato: 25 Giu 2005 11:28 am Soggetto: I MODULO - RETI - CLASSE 5N

Indice del forum -> Appunti - Classi 5. Inviato: 25 Giu 2005 11:28 am Soggetto: I MODULO - RETI - CLASSE 5N Brescianet.com Sito didattico - Prof. Sechi Marco FAQ Cerca Lista degli utenti Gruppi utenti Profilo Non ci sono nuovi messaggi Esci [ ] I MODULO - RETI - CLASSE 5N Indice del forum -> Appunti - Classi

Dettagli

Indice del forum -> Appunti - Classi 5. Inviato: 25 Giu 2005 11:43 am Soggetto: I MODULO - RETI - CLASSE 5I

Indice del forum -> Appunti - Classi 5. Inviato: 25 Giu 2005 11:43 am Soggetto: I MODULO - RETI - CLASSE 5I Brescianet.com Sito didattico - Prof. Sechi Marco FAQ Cerca Lista degli utenti Gruppi utenti Profilo Non ci sono nuovi messaggi Esci [ ] I MODULO - RETI - CLASSE 5I Indice del forum -> Appunti - Classi

Dettagli

Lavorare in Rete Esercitazione

Lavorare in Rete Esercitazione Alfonso Miola Lavorare in Rete Esercitazione Dispensa C-01-02-E Settembre 2005 1 2 Contenuti Reti di calcolatori I vantaggi della comunicazione lavorare in rete con Windows Internet indirizzi IP client/server

Dettagli

C) supponendo che la scuola voglia collegarsi in modo sicuro con una sede remota, valutare le possibili soluzioni (non risolto)

C) supponendo che la scuola voglia collegarsi in modo sicuro con una sede remota, valutare le possibili soluzioni (non risolto) PROGETTO DI UNA SEMPLICE RETE Testo In una scuola media si vuole realizzare un laboratorio informatico con 12 stazioni di lavoro. Per tale scopo si decide di creare un unica rete locale che colleghi fra

Dettagli

Conoscere la terminologia di base attraverso la presentazione delle principali componenti hardware di un computer.

Conoscere la terminologia di base attraverso la presentazione delle principali componenti hardware di un computer. Classe 3^ Istituto Istruzione Superiore di Baronissi ind. tecnico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI Sistemi e Reti Articolazione: Informatica Anno scolastico 2012-2013 MODULI CONTENUTI OBIETTIVI METODOLOGIE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI SISTEMI Indirizzo: Informatica Progetto Abacus Anno scolastico 2013-2014

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI SISTEMI Indirizzo: Informatica Progetto Abacus Anno scolastico 2013-2014 Classe 5^ PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI SISTEMI Indirizzo: Informatica Progetto Abacus Anno scolastico 2013-2014 MODULI CONTENUTI OBIETTIVI METODOLOGIE DI LAVORO I primi elementi sulle reti e i mezzi di

Dettagli

Indice. Indice V INTRODUZIONE... XIII PARTE PRIMA... 1

Indice. Indice V INTRODUZIONE... XIII PARTE PRIMA... 1 Indice V Indice INTRODUZIONE................................................ XIII PARTE PRIMA...................................................... 1 1 Il business delle reti di computer.........................................

Dettagli

brescianet.com Sito didattico - Prof. Sechi Marco http://lnx.brescianet.com/scuolaforum2009/

brescianet.com Sito didattico - Prof. Sechi Marco http://lnx.brescianet.com/scuolaforum2009/ brescianet.com Sito didattico - Prof. Sechi Marco http://lnx.brescianet.com/scuolaforum2009/ Classe 5M - Modulo 1 http://lnx.brescianet.com/scuolaforum2009/viewtopic.php?f=7&t=7 Classe 5M - Modulo 1 Appunti

Dettagli

Sistemi informatici in ambito radiologico

Sistemi informatici in ambito radiologico Sistemi informatici in ambito radiologico Dott. Ing. Andrea Badaloni A.A. 2015 2016 Reti di elaboratori, il modello a strati e i protocolli di comunicazione e di servizio Reti di elaboratori Definizioni

Dettagli

Lezioni frontali. Riprendere i concetti basilari del processore utilizzato e la programmazione a basso livello

Lezioni frontali. Riprendere i concetti basilari del processore utilizzato e la programmazione a basso livello Istituto Istruzione Superiore di Baronissi ind. tecnico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI SISTEMI Indirizzo: Informatica Progetto Abacus Anno scolastico 2012-2013 Classe 4^ MODULI CONTENUTI OBIETTIVI METODOLOGIE

Dettagli

Le Reti (gli approfondimenti a lezione)

Le Reti (gli approfondimenti a lezione) Le Reti (gli approfondimenti a lezione) Per migliorare la produttività gli utenti collegano i computer tra di loro formando delle reti al fine di condividere risorse hardware e software. 1 Una rete di

Dettagli

Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31. 0 net id host id. 1 0 net id host id. 1 1 0 net id host id. 1 1 1 0 multicast address

Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31. 0 net id host id. 1 0 net id host id. 1 1 0 net id host id. 1 1 1 0 multicast address CAPITOLO 11. INDIRIZZI E DOMAIN NAME SYSTEM 76 Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31 A B C D E 0 net id host id 1 0 net id host id 1 1 0 net id host id 1 1 1 0 multicast address 1 1 1 1 0 riservato per usi

Dettagli

TEST DI RETI. 2. Quali di questi può essere un indirizzo IP, espresso in sistema decimale? 1000.250.3000.0 300.120.120.0 10.20.30.40 130.128.

TEST DI RETI. 2. Quali di questi può essere un indirizzo IP, espresso in sistema decimale? 1000.250.3000.0 300.120.120.0 10.20.30.40 130.128. TEST DI RETI 1. Quali di questi può essere un indirizzo IP, espresso in sistema binario? 1000.0110.1000.1001 001010.101111.101010.101010 12312312.33344455.33236547.11111111 00000000.00001111.11110000.11111111

Dettagli

Indice del forum -> Classe 5N - 1 Modulo. Inviato: 11 Set 2005 08:41 am Oggetto: 1 Modulo - Classe 5N

Indice del forum -> Classe 5N - 1 Modulo. Inviato: 11 Set 2005 08:41 am Oggetto: 1 Modulo - Classe 5N lnx.brescianet.com Sito didattico - Prof. Sechi Marco FAQ Cerca Lista degli utenti Gruppi utenti Profilo Non ci sono nuovi messaggi Logout [ ] 1 Modulo - Classe 5N Vai a pagina 1, 2 Successivo Indice del

Dettagli

Programmazione modulare 2015-2016

Programmazione modulare 2015-2016 Programmazione modulare 05-06 Indirizzo: Informatica Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: 4 B Docente: Buscemi Letizia Ore settimanali previste: 4 ore ( teoria + ) Totale ore previste: 4 ore per 33 settimane

Dettagli

Reti standard. Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet

Reti standard. Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet Reti standard Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet Rete globale Internet è una rete globale di calcolatori Le connessioni fisiche (link) sono fatte in vari modi: Connessioni elettriche

Dettagli

Configurare una rete con PC Window s 98

Configurare una rete con PC Window s 98 Configurare una rete con PC Window s 98 In estrema sintesi, creare una rete di computer significa: realizzare un sistema di connessione tra i PC condividere qualcosa con gli altri utenti della rete. Anche

Dettagli

Programmazione modulare 2014-2015

Programmazione modulare 2014-2015 Programmazione modulare 2014-2015 Indirizzo: Informatica Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: 5 A e 5 B Docente: Buscemi Letizia Ore settimanali previste: 4 ore (2 teoria + 2 laboratorio) Totale ore previste:

Dettagli

Comandi di Rete. Principali Comandi di Rete. Verificare, testare ed analizzare da Riga di Comando

Comandi di Rete. Principali Comandi di Rete. Verificare, testare ed analizzare da Riga di Comando Comandi di Rete Principali Comandi di Rete. Verificare, testare ed analizzare da Riga di Comando PING: verifica la comunicazione tra due pc Il comando ping consente di verificare la connettività a livello

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

lnx.brescianet.com Sito didattico - Prof. Sechi Marco Classe 5M - 1 Modulo Vai a 1, 2 Successivo Appunti illustrati in laboratorio

lnx.brescianet.com Sito didattico - Prof. Sechi Marco Classe 5M - 1 Modulo Vai a 1, 2 Successivo Appunti illustrati in laboratorio lnx.brescianet.com Sito didattico - Prof. Sechi Marco FAQ Cerca Lista utenti Gruppi Profilo Non ci sono nuovi messaggi Log out [ ] Classe 5M - 1 Modulo Vai a 1, 2 Successivo Indice del forum -> Classe

Dettagli

Dal protocollo IP ai livelli superiori

Dal protocollo IP ai livelli superiori Dal protocollo IP ai livelli superiori Prof. Enrico Terrone A. S: 2008/09 Protocollo IP Abbiamo visto che il protocollo IP opera al livello di rete definendo indirizzi a 32 bit detti indirizzi IP che permettono

Dettagli

Finalità delle Reti di calcolatori. Le Reti Informatiche. Una definizione di Rete di calcolatori. Schema di una Rete

Finalità delle Reti di calcolatori. Le Reti Informatiche. Una definizione di Rete di calcolatori. Schema di una Rete Finalità delle Reti di calcolatori Le Reti Informatiche Un calcolatore isolato, anche se multiutente ha a disposizione solo le risorse locali potrà elaborare unicamente i dati dei propri utenti 2 / 44

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016. Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA

PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016. Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016 Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA Docenti: Gualdi (teoria), Travaglioni (laboratorio) Ore settimanali previste: 2 TEORIA +

Dettagli

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti e.visciotti@gmail.com Il termine generico rete (network) definisce un insieme di entità (oggetti, persone, ecc.) interconnesse le une alle altre. Una rete permette

Dettagli

Introduzione a Internet

Introduzione a Internet Contenuti Architettura di Internet Principi di interconnessione e trasmissione World Wide Web Posta elettronica Motori di ricerca Tecnologie delle reti di calcolatori Servizi Internet (come funzionano

Dettagli

Utilizzo del Modulo Datacom

Utilizzo del Modulo Datacom Utilizzo del Modulo Datacom 1. Premessa Dalla versione software V3.0x è possibile collegare un nuovo modulo di comunicazione alla gamma di centrali PX e QX. Il modulo Datacom permette la connessione di

Dettagli

lnx.brescianet.com Sito didattico - Prof. Sechi Marco Classe 5N - 1 Modulo Vai a 1, 2 Successivo Appunti illustrati in classe

lnx.brescianet.com Sito didattico - Prof. Sechi Marco Classe 5N - 1 Modulo Vai a 1, 2 Successivo Appunti illustrati in classe lnx.brescianet.com Sito didattico - Prof. Sechi Marco FAQ Cerca Lista utenti Gruppi Profilo Non ci sono nuovi messaggi Log out [ ] Classe 5N - 1 Modulo Vai a 1, 2 Successivo Indice del forum -> Classe

Dettagli

Materiali per il Modulo 1 E.C.D.L.

Materiali per il Modulo 1 E.C.D.L. Materiali per il Modulo 1 E.C.D.L. Queste due sigle indicano LAN Local Area Network Si tratta di un certo numero di Computer (decine centinaia) o periferici connessi fra loro mediante cavi UTP, coassiali

Dettagli

Internet: Connettività. conoscerlo al meglio per usarlo meglio. 2011 Gabriele Riva - Arci Barzanò

Internet: Connettività. conoscerlo al meglio per usarlo meglio. 2011 Gabriele Riva - Arci Barzanò Internet: conoscerlo al meglio per usarlo meglio Connettività Lezione 3 (connettività): Adsl, Router, Hub, Switch, Wi-Fi Modem GSM - Edge Umts Hsdpa Hsupa Reti Il file di hosts Adsl (Asymmetric Digital

Dettagli

- 1 - LINUX E le Reti. Corso Linux 2014. di Giuseppe Zingone

- 1 - LINUX E le Reti. Corso Linux 2014. di Giuseppe Zingone - 1 - LINUX E le Reti Corso Linux 2014 di Giuseppe Zingone - 2 - Cenni sulle reti Introduzione Linux e le reti vanno mano nella mano. Il kernel di Linux ha il supporto per tutti i protocolli di rete comuni

Dettagli

Connessioni e indirizzo IP

Connessioni e indirizzo IP Connessioni e indirizzo IP Questo argomento include le seguenti sezioni: "Installazione della stampante" a pagina 3-2 "Impostazione della connessione" a pagina 3-6 Installazione della stampante Le informazioni

Dettagli

Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore)

Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore) Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore) 1. L hardware del PC (3 Lezioni - 9 ore) 2. Troubleshooting (1 Lezione - 3 ore) 3. Ambiente Operativo (5 Lezioni - 15 ore) 4.

Dettagli

Networking Wireless con Windows XP

Networking Wireless con Windows XP Networking Wireless con Windows XP Creare una rete wireless AD HOC Clic destro su Risorse del computer e quindi su Proprietà Clic sulla scheda Nome computer e quindi sul pulsante Cambia Digitare il nome

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE RETI: UN APPROCCIO PRATICO

INTRODUZIONE ALLE RETI: UN APPROCCIO PRATICO INTRODUZIONE ALLE RETI: UN APPROCCIO PRATICO okfabian@yahoo.com Fabian Chatwin Cedrati Ogni scheda di rete ha un indirizzo MAC univoco L'indirizzo IP invece viene impostato dal Sistema Operativo HUB 00:50:DA:7D:5E:32

Dettagli

Questo capitolo è estratto dal libro soluzioni di rete 1.0 http://www.soluzionidirete.com/files/presentazione_libro.htm L autore lavora sui PC dal

Questo capitolo è estratto dal libro soluzioni di rete 1.0 http://www.soluzionidirete.com/files/presentazione_libro.htm L autore lavora sui PC dal Questo capitolo è estratto dal libro soluzioni di rete 1.0 http://www.soluzionidirete.com/files/presentazione_libro.htm L autore lavora sui PC dal 1983, ha un attività per la vendita di prodotti informatici

Dettagli

Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore)

Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore) Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore) 1. L hardware del PC (3 Lezioni - 9 ore) 2. Troubleshooting (1 Lezione - 3 ore) 3. Ambiente Operativo (5 Lezioni - 15 ore) 4.

Dettagli

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Classe V sez. E ITC Pacioli Catanzaro lido 1 Stack TCP/IP Modello TCP/IP e modello OSI Il livello internet corrisponde al livello rete del modello OSI, il suo

Dettagli

Sistemi Di Elaborazione Dell informazione

Sistemi Di Elaborazione Dell informazione Sistemi Di Elaborazione Dell informazione Dott. Antonio Calanducci Lezione III: Reti di calcolatori Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Anno accademico 2009/2010 Reti di calcolatori Una rete

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet Informatica Generale Andrea Corradini 10 - Le reti di calcolatori e Internet Cos è una rete di calcolatori? Rete : È un insieme di calcolatori e dispositivi collegati fra loro in modo tale da permettere

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI CLASSIFICAZIONE DELLE RETI A seconda dei ruoli dei computer le reti si classificano in: Reti Client Server in cui sono presenti computer con ruoli diversi, alcuni funzionano da client e uno o più da server

Dettagli

Progettare una Rete Locale "Client/Server

Progettare una Rete Locale Client/Server Progettare una Rete Locale "Client/Server Premessa - Cos'è una rete Locale o LAN (Local Area Network)? Le reti locali si estendono su di un'area geografica piuttosto limitata; si tratta per lo più di reti

Dettagli

Local Area Network. Topologia di rete

Local Area Network. Topologia di rete Introduzione In questa guida illustreremo come installare un piccola rete domestica di 2 o più computer. Inizieremo spiegando velocemente cosa è una LAN e cosa ci serve per crearla, senza addentrarci profondamente

Dettagli

Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011. Paola Zamperlin. Internet. Parte prima

Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011. Paola Zamperlin. Internet. Parte prima Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011 Paola Zamperlin Internet. Parte prima 1 Definizioni-1 Una rete di calcolatori è costituita da computer e altri

Dettagli

Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL ADSL2+ Browser Un browser Client Un client

Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL ADSL2+ Browser Un browser Client Un client Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL è una tecnica di trasmissione dati che permette l accesso a Internet fino a 8 Mbps in downstream ed 1 Mbps

Dettagli

Internet e Tecnologia Web

Internet e Tecnologia Web INTERNET E TECNOLOGIA WEB Corso WebGis per Master in Sistemi Informativi Territoriali AA 2005/2006 ISTI- CNR c.renso@isti.cnr.it Internet e Tecnologia Web...1 TCP/IP...2 Architettura Client-Server...6

Dettagli

Guida rapida - rete casalinga (con router)

Guida rapida - rete casalinga (con router) Guida rapida - rete casalinga (con router) Questa breve guida, si pone come obiettivo la creazione di una piccola rete ad uso domestico per la navigazione in internet e la condivisione di files e cartelle.

Dettagli

Progettazione di reti AirPort

Progettazione di reti AirPort apple Progettazione di reti AirPort Indice 1 Per iniziare con AirPort 5 Utilizzo di questo documento 5 Impostazione Assistita AirPort 6 Caratteristiche di AirPort Admin Utility 6 2 Creazione di reti AirPort

Dettagli

Lo scenario: la definizione di Internet

Lo scenario: la definizione di Internet 1 Lo scenario: la definizione di Internet INTERNET E UN INSIEME DI RETI DI COMPUTER INTERCONNESSE TRA LORO SIA FISICAMENTE (LINEE DI COMUNICAZIONE) SIA LOGICAMENTE (PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE SPECIALIZZATI)

Dettagli

Reti di calcolatori protocolli

Reti di calcolatori protocolli Reti di calcolatori Reti di calcolatori Rete = sistema di collegamento tra vari calcolatori che consente lo scambio di dati e la cooperazione Ogni calcolatore e un nodo, con un suo indirizzo di rete, il

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

Brescianet.com Sito didattico - Prof. Sechi Marco http://lnx.brescianet.com/scuolaforum2011/

Brescianet.com Sito didattico - Prof. Sechi Marco http://lnx.brescianet.com/scuolaforum2011/ http://lnx.brescianet.com/scuolaforum2011/viewtopic.php?f=5&t=8&view=print Pagina 1 di 17 Brescianet.com Sito didattico - Prof. Sechi Marco http://lnx.brescianet.com/scuolaforum2011/ Classe 5N - Appunti

Dettagli

Internet e protocollo TCP/IP

Internet e protocollo TCP/IP Internet e protocollo TCP/IP Internet Nata dalla fusione di reti di agenzie governative americane (ARPANET) e reti di università E una rete di reti, di scala planetaria, pubblica, a commutazione di pacchetto

Dettagli

Reti locati e reti globali. Tecnologie: Reti e Protocolli. Topologia reti. Server e client di rete. Server hardware e server software.

Reti locati e reti globali. Tecnologie: Reti e Protocolli. Topologia reti. Server e client di rete. Server hardware e server software. Reti locati e reti globali Tecnologie: Reti e Protocolli Reti locali (LAN, Local Area Networks) Nodi su aree limitate (ufficio, piano, dipartimento) Reti globali (reti metropolitane, reti geografiche,

Dettagli

Le reti linguaggio comune chiamato protocollo.

Le reti linguaggio comune chiamato protocollo. As 2015-2016 Le reti Una rete è una serie di dispositivi informatici (principalmente computer, ma anche stampanti, apparecchiature diagnostiche, router,...) collegati fisicamente tra di loro. Tali dispositivi,

Dettagli

Insegnamento di Informatica CdS Scienze Giuridiche A.A. 2007/8. Strumenti di lavoro cooperativo: reti Internet posta elettronica

Insegnamento di Informatica CdS Scienze Giuridiche A.A. 2007/8. Strumenti di lavoro cooperativo: reti Internet posta elettronica Insegnamento di Informatica CdS Scienze Giuridiche A.A. 2007/8 Strumenti di lavoro cooperativo: reti Internet posta elettronica Lez11 del 30.11.06 Strumenti di comunicaione e di lavoro cooperativo 1 Reti

Dettagli

Come creare una rete domestica con Windows XP

Come creare una rete domestica con Windows XP Lunedì 13 Aprile 2009 - ore: 12:49 Pagina Reti www.google.it www.virgilio.it www.tim.it www.omnitel.it Come creare una rete domestica con Windows XP Introduzione Una rete locale (LAN,

Dettagli

La classificazione delle reti

La classificazione delle reti La classificazione delle reti Introduzione Con il termine rete si intende un sistema che permette la condivisione di informazioni e risorse (sia hardware che software) tra diversi calcolatori. Il sistema

Dettagli

LEZIONE 8. Strumenti di lavoro cooperativo: reti Internet posta elettronica

LEZIONE 8. Strumenti di lavoro cooperativo: reti Internet posta elettronica LEZIONE 8 Strumenti di lavoro cooperativo: reti Internet posta elettronica Proff. Giorgio Valle Raffaella Folgieri Lez8 Strumenti di comunicaione e di lavoro cooperativo 1 Reti e dati RETI Perchè: Risparmio

Dettagli

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Reti di computer- Internet- Web Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti n n n Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello timesharing,

Dettagli

Le reti e Internet. Corso di Archivistica e gestione documentale. Perché Internet? Non è tutto oro quello che luccica. Definizione di rete

Le reti e Internet. Corso di Archivistica e gestione documentale. Perché Internet? Non è tutto oro quello che luccica. Definizione di rete Corso di Archivistica e gestione documentale Prima Parte - Area Informatica Le reti e Internet Lezione 2 Internet Abbatte le barriere geografiche È veloce Ha costi contenuti È libero È semplice da usare

Dettagli

Reti di Calcolatori. Telematica: Si occupa della trasmissione di informazioni a distanza tra sistemi informatici, attraverso reti di computer

Reti di Calcolatori. Telematica: Si occupa della trasmissione di informazioni a distanza tra sistemi informatici, attraverso reti di computer Reti di Calcolatori 1. Introduzione Telematica: Si occupa della trasmissione di informazioni a distanza tra sistemi informatici, attraverso reti di computer Reti di calcolatori : Un certo numero di elaboratori

Dettagli

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti Locali Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti di Calcolatori una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi

Dettagli

TOPOLOGIA di una rete

TOPOLOGIA di una rete TOPOLOGIA di una rete Protocolli di rete un protocollo prevede la definizione di un linguaggio per far comunicare 2 o più dispositivi. Il protocollo è quindi costituito dai un insieme di convenzioni

Dettagli

Internet. Cos'è internet? I parte

Internet. Cos'è internet? I parte Internet Da leggere: Cap.6, in particolare par. 6.4 del Console Ribaudo (testo B) I parte Cos'è internet? Milioni di dispositivi di calcolo tra loro interconnessi: host o end-systems Pc, workstation, server

Dettagli

Classe 1Q - Appunti MODULO 3 http://lnx.brescianet.com/scuolaforum2011/viewtopic.php?f=18&t=30

Classe 1Q - Appunti MODULO 3 http://lnx.brescianet.com/scuolaforum2011/viewtopic.php?f=18&t=30 Brescianet.com Sito didattico - Prof. Sechi Marco http://lnx.brescianet.com/scuolaforum2011/ Classe 1Q - Appunti MODULO 3 http://lnx.brescianet.com/scuolaforum2011/viewtopic.php?f=18&t=30 Classe 1Q - Appunti

Dettagli

Realizzazione di una rete dati IT

Realizzazione di una rete dati IT Realizzazione di una rete dati IT Questo documento vuole semplicemente fornire al lettore un infarinatura di base riguardo la realizzazione di una rete dati. Con il tempo le soluzioni si evolvono ma questo

Dettagli

CORSO EDA Informatica di base. Introduzione alle reti informatiche Internet e Web

CORSO EDA Informatica di base. Introduzione alle reti informatiche Internet e Web CORSO EDA Informatica di base Introduzione alle reti informatiche Internet e Web Rete di computer Una rete informatica è un insieme di computer e dispositivi periferici collegati tra di loro. Il collegamento

Dettagli

Reti di calcolatori: Internet

Reti di calcolatori: Internet Reti di calcolatori: Internet Sommario Introduzione Le reti reti locali: LAN La rete geografica Internet protocollo TCP-IP i servizi della rete Rete di calcolatori Interconnessione di computer e accessori

Dettagli

Il lavoro d ufficio e la rete

Il lavoro d ufficio e la rete Il lavoro d ufficio e la rete Quale parola meglio rappresenta e riassume il secolo XX appena trascorso? La velocità Perché? L evoluzione della tecnologia ha consentito prima la contrazione del tempo poi

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Corso Creare una rete locale Lezione n. 1

Corso Creare una rete locale Lezione n. 1 Introduzione al Networking Introduzione Al giorno d oggi il Networking non è più un sistema riservato solo alle aziende di enormi dimensioni, ma interessa anche i piccoli uffici, le scuole e le case. Infatti

Dettagli

APPUNTI INTRODUTTIVI ALLE RETI DI COMPUTER. Una rete è l insieme di tutte quegli apparati che consentono a più PC di dialogare tra loro.

APPUNTI INTRODUTTIVI ALLE RETI DI COMPUTER. Una rete è l insieme di tutte quegli apparati che consentono a più PC di dialogare tra loro. APPUNTI INTRODUTTIVI ALLE RETI DI COMPUTER Una rete è l insieme di tutte quegli apparati che consentono a più PC di dialogare tra loro. Perché due o più macchine possano scambiarsi informazioni è necessario

Dettagli

Dispense corso Laboratorio di Internet

Dispense corso Laboratorio di Internet Universitá di Roma Sapienza Dipartimento di Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Dispense corso Laboratorio di Internet Luca Chiaraviglio E-mail: {luca.chiaraviglio}@diet.uniroma1.it 3 marzo

Dettagli

Capitolo 2 Risoluzione di problemi

Capitolo 2 Risoluzione di problemi Capitolo 2 Risoluzione di problemi Questo capitolo fornisce informazioni per risolvere eventuali problemi del modem router ADSL wireless. Dopo la descrizione di ogni problema, vengono fornite istruzioni

Dettagli

Indice del forum -> Classe 5M - 1 Modulo. Inviato: 11 Set 2005 08:40 am Oggetto: 1 Modulo - Classe 5M

Indice del forum -> Classe 5M - 1 Modulo. Inviato: 11 Set 2005 08:40 am Oggetto: 1 Modulo - Classe 5M lnx.brescianet.com Sito didattico - Prof. Sechi Marco FAQ Cerca Lista degli utenti Gruppi utenti Profilo Non ci sono nuovi messaggi Logout [ ] 1 Modulo - Classe 5M Vai a pagina 1, 2 Successivo Indice del

Dettagli

Tecnologie Informatiche. service. Sicurezza aziendale Servizi Internet e Groupware

Tecnologie Informatiche. service. Sicurezza aziendale Servizi Internet e Groupware Tecnologie Informatiche service Sicurezza aziendale Servizi Internet e Groupware Neth Service è un sistema veloce, affidabile e potente per risolvere ogni necessità di comunicazione. Collega la rete Aziendale

Dettagli

Tecnologie per il web e lo sviluppo multimediale. Reti di Calcolatori e Internet

Tecnologie per il web e lo sviluppo multimediale. Reti di Calcolatori e Internet Tecnologie per il web e lo sviluppo multimediale Reti di Calcolatori e Internet Luca Pulina Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Università degli Studi di Sassari A.A. 2015/2016 Luca Pulina (UNISS)

Dettagli

Guida rapida - rete casalinga (con router) Configurazione schede di rete con PC

Guida rapida - rete casalinga (con router) Configurazione schede di rete con PC Guida rapida - rete casalinga (con router) Questa breve guida, si pone come obiettivo la creazione di una piccola rete ad uso domestico per la navigazione in internet e la condivisione di files e cartelle.

Dettagli

INFORMATICA LIVELLO BASE

INFORMATICA LIVELLO BASE INFORMATICA LIVELLO BASE INTRODUZIONE 3 Fase Che cos'è una rete? Quali sono i vantaggi di avere una Rete? I componenti di una Rete Cosa sono gi Gli Hub e gli Switch I Modem e i Router Che cos è un Firewall

Dettagli

SIDA Multisede online

SIDA Multisede online SIDA Multisede online Manuale tecnico per uso esclusivo dei tecnici installatori e della rete commerciale Sida By Autosoft Versione 2009.1.1 Revisione 1, 11 maggio 2009 Tutti i diritti sono riservati dagli

Dettagli

Livello Applicazione. Davide Quaglia. Motivazione

Livello Applicazione. Davide Quaglia. Motivazione Livello Applicazione Davide Quaglia 1 Motivazione Nell'architettura ibrida TCP/IP sopra il livello trasporto esiste un unico livello che si occupa di: Gestire il concetto di sessione di lavoro Autenticazione

Dettagli

Guida pratica all utilizzo di Zeroshell

Guida pratica all utilizzo di Zeroshell Guida pratica all utilizzo di Zeroshell Il sistema operativo multifunzionale creato da Fulvio.Ricciardi@zeroshell.net www.zeroshell.net Proteggere una piccola rete con stile ( Autore: cristiancolombini@libero.it

Dettagli

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Dalle reti a e Cazzaniga Paolo Dip. di Scienze Umane e Sociali paolo.cazzaniga@unibg.it Dalle reti a Outline 1 Dalle reti a Dalle reti a Le reti Quando possiamo parlare di rete di calcolatori? Quando abbiamo

Dettagli

Introduzione a TI-Nspire Navigator NC Teacher Software - Amministratori del dipartimento tecnico

Introduzione a TI-Nspire Navigator NC Teacher Software - Amministratori del dipartimento tecnico Introduzione a TI-Nspire Navigator NC Teacher Software - Amministratori del dipartimento tecnico La presente Guida è relativa alla versione 3.6 del software TI-Nspire. Per ottenere la versione più aggiornata

Dettagli

I COMPONENTI DI UNA RETE

I COMPONENTI DI UNA RETE I COMPONENTI DI UNA RETE LE SCHEDE DI RETE (O INTERFACCE 'NIC') Tutti I PC, per poterli utilizzare in rete, devono essere dotati di schede di rete (NIC). Alcuni PC sono dotati di NIC preinstallate. Nello

Dettagli

Brescianet.com Sito didattico - Prof. Sechi Marco http://lnx.brescianet.com/scuolaforum2011/

Brescianet.com Sito didattico - Prof. Sechi Marco http://lnx.brescianet.com/scuolaforum2011/ http://lnx.brescianet.com/scuolaforum2011/viewtopic.php?f=5&t=7&view=print Pagina 1 di 18 Brescianet.com Sito didattico - Prof. Sechi Marco http://lnx.brescianet.com/scuolaforum2011/ Classe 5M - Appunti

Dettagli

TCP/IP. Principali caratteristiche

TCP/IP. Principali caratteristiche TCP/IP Principali caratteristiche 1 TCP/IP Caratteristiche del modello TCP/IP Struttura generale della rete Internet IL MONDO INTERNET Reti nazionali e internazionali ROUTER Rete Azienade ROUTER ROUTER

Dettagli

Convertitore di rete NETCON

Convertitore di rete NETCON MANUALE DI PROGRAMMAZIONE INTERFACCIA TCP/IP PER SISTEMI REVERBERI Convertitore di rete NETCON RMNE24I0 rev. 1 0708 I N D I C E 1. Scopo... 4 2. Descrizione... 4 3. Collegamenti elettrici del dispositivo...

Dettagli

ETI/Domo. Italiano. www.bpt.it. ETI-Domo Config 24810070 IT 29-07-14

ETI/Domo. Italiano. www.bpt.it. ETI-Domo Config 24810070 IT 29-07-14 ETI/Domo 24810070 www.bpt.it IT Italiano ETI-Domo Config 24810070 IT 29-07-14 Configurazione del PC Prima di procedere con la configurazione di tutto il sistema è necessario configurare il PC in modo che

Dettagli

Manuale. di configurazione. Interfaccia di gestione. Configurazioni. Storage. Stampanti SOMMARIO

Manuale. di configurazione. Interfaccia di gestione. Configurazioni. Storage. Stampanti SOMMARIO Manuale di configurazione 2 Configurazioni 8 Storage 30 Stampanti 41 Manuale Interfaccia di gestione di configurazione SOMMARIO Interfaccia di gestione INTRODUZIONE La configurazione del modem può essere

Dettagli

Le Reti Telematiche. Informatica. Tipi di comunicazione. Reti telematiche. Modulazione di frequenza. Analogico - digitale.

Le Reti Telematiche. Informatica. Tipi di comunicazione. Reti telematiche. Modulazione di frequenza. Analogico - digitale. Informatica Lezione 5a e World Wide Web Insieme di cavi, protocolli, apparati di rete che collegano tra loro distinti i cavi trasportano fisicamente le informazioni opportunamente codificate dedicati/condivisi

Dettagli

Guida ragionata al troubleshooting di rete

Guida ragionata al troubleshooting di rete Adolfo Catelli Guida ragionata al troubleshooting di rete Quella che segue è una guida pratica al troubleshooting di rete in ambiente aziendale che, senza particolari avvertenze, può essere tranquillamente

Dettagli

Concetti di base della Tecnologia dell'informazione

Concetti di base della Tecnologia dell'informazione Corso ECDL Concetti di base della Tecnologia dell'informazione Modulo 1 Le reti informatiche 1 Le parole della rete I termini legati all utilizzo delle reti sono molti: diventa sempre più importante comprenderne

Dettagli

Brescianet.com. 5O - 1 MODULO http://lnx.brescianet.com/scuolaforum2012/viewtopic.php?f=14&t=11. 5O - 1 MODULO by e01692

Brescianet.com. 5O - 1 MODULO http://lnx.brescianet.com/scuolaforum2012/viewtopic.php?f=14&t=11. 5O - 1 MODULO by e01692 http://lnx.brescianet.com/scuolaforum2012/viewtopic.php?f=14&t=11&view=print Brescianet.com Sito di supporto alla didattica http://lnx.brescianet.com/scuolaforum2012/ 5O - 1 MODULO http://lnx.brescianet.com/scuolaforum2012/viewtopic.php?f=14&t=11

Dettagli

collegamento Ethernet

collegamento Ethernet Sommario Ethernet collegamento Ethernet La funzione Ethernet incorporata della stampante consente di collegare direttamente la stampante a una rete Ethernet senza l'ausilio di un server di stampa esterno.

Dettagli

Reti, Protocolli e Indirizzi. DIMENSIONE della RETE. Arpanet e Internetworking. Topologia a Stella

Reti, Protocolli e Indirizzi. DIMENSIONE della RETE. Arpanet e Internetworking. Topologia a Stella Premessa breve Reti, Protocolli e Indirizzi Lo sviluppo delle telecomunicazioni ha avuto due fattori determinanti : L esistenza di una rete esistente (quella telefonica) La disponibilita di HW e SW adeguati

Dettagli

offerti da Internet Calendario incontri

offerti da Internet Calendario incontri Introduzione ai principali servizi Come funziona Internet (9/6/ 97 - ore 16-19) offerti da Internet Calendario incontri Navigazione e motori di ricerca (11/6/ 97 - ore 16-19) Comunicazione con gli altri

Dettagli

www.associazioni.milano.it - Il sito dedicato alle associazioni no-profit di Milano e provincia

www.associazioni.milano.it - Il sito dedicato alle associazioni no-profit di Milano e provincia Pubblicare le pagine via FTP Per pubblicare le pagine web della vostra Associazione sullo spazio all'indirizzo: http://www.associazioni.milano.it/nome occorrono i parametri sotto elencati, comunicati via

Dettagli