ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO GIACOMO CHILESOTTI Elettronica ed Elettrotecnica-Informatica e Telecomunicazioni-Trasporti e Logistica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO GIACOMO CHILESOTTI Elettronica ed Elettrotecnica-Informatica e Telecomunicazioni-Trasporti e Logistica"

Transcript

1 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE 1. Dati generali Docente Maria Terenzia Mazzucco Materia Italiano Classe 5 C Informatica Anno scolastico: 2014/ SINTESI GENERALE DELLA CLASSE La classe risulta composta da 28 alunni. La classe può essere divisa in due gruppi: studenti che hanno dimostrato un impegno e uno studio costante ottenendo dei buoni risultati; studenti che hanno studiato in modo discontinuo e superficiale ottenendo risultati non sempre sufficienti. Alcuni hanno difficoltà nell esposizione orale. Per quanto riguarda lo scritto, soprattutto nella tipologia B, la difficoltà maggiore riguarda l elaborazione e l apporto di conoscenze personali in quanto essa prevede la conoscenza di discipline, che non fanno parte del corso di studi dell ITT Indirizzo informatico, come Storia dell Arte, Filosofia, Diritto, Economia, Scienze ecc. Si è cercato di supplire a queste carenze con il Progetto Il Quotidiano in classe. L anno scorso la classe ha partecipato al concorso Focus Scuola e a Novembre 2014 è stata premiata a Roma come classe vincitrice. 3. Risultati di apprendimento: Competenze Utilizzare gli strumenti culturali e metodologici per porsi in modo responsabile di fronte alla realtà, ai suoi problemi, ai suoi fenomeni Utilizzare gli strumenti di comunicazione più appropriati per intervenire nei contesti organizzativi e professionali Conoscenze Tecniche compositive per le tipologie della produzione scritta previste dall Esame di Stato - Social network e new media come fenomeno comunicativo Movimenti culturali, testi e autori della letteratura italiana con riferimenti alle letterature di altri Paesi Collegamenti tra letteratura e altre espressioni artistiche Beni artistici e culturali del territorio Abilità Individuare le correlazioni tra le innovazioni scientifiche e tecnologiche e le trasformazioni linguistiche -Produrre relazioni, sintesi, commenti ed altri testi di ambito professionale con linguaggio specifico Identificare e analizzare temi e idee sviluppate dai principali autori italiani ed esteri Cogliere elementi di identità e di diversità tra la cultura italiana e le culture di altri Paesi Identificare le problematiche connesse alla tutela e alla conservazione dei beni culturali e del territorio

2 4. Unità disciplinari e tempi di realizzazione Percorso formativo VERIFICHE SCRITTE E ORALI LEOPARDI POSITIVISMO NATURALISMO VERISMO E GIOVANNI VERGA DECADENTISMO ESTETISMO SIMBOLISMO FUTURISMO E DADAISMO (Le Avanguardie) GIOVANNI PASCOLI GABRIELE D ANNUNZIO GIUSEPPE UNGARETTI LUIGI PIRANDELLO LA NARRATIVA DEL PRIMO NOECENTO E IL RIFIUTO DELLA TRADIZIONE ITALO SVEVO LE AVANGUARDIE- I CREPUSCOLARI SALVATORE QAUSIMODO EUGENIO MONTALE UMBERTO SABA Il NEORALISMO Ore preventivate (33 x n 4 ore settimanale) Periodo Ott-maggio Settembre Ottobre Ottobre Ottobre Ott-Nov Nov-Dic. Gennaio Gennaio Genn-Febb. Marzo Marzo-Aprile Aprile Maggio Maggio Maggio Mag-Giugno Totale ore Formati didattici Didattiche espositive 6. Strumenti e materiali didattici Testi adottati Risorse Internet LIM 7. Tipologia delle prove di verifica Prove scritte previste dall'esame di stato: A, B, C, D. Prove strutturate sugli argomenti di studiati Verifiche orali Sono previste almeno 3 prove tra scritte e orali nel primo quadrimestre e almeno 4 nel secondo. Le prove orali potranno essere sostituite da prove strutturate o semistrutturate.

3 8. Griglie di valutazione TIPOLOGIA B INDICATORI DESCRITTORI PUNTEGGI COMRENSIONE E UTILIZZAZIONE DEI DOCUMENTI. INTRODUZIONE E UTILIZZAZIONE DI CONOSCENZE PERSONALI Lo studente fraintende gravemente i documenti e non li sa utilizzare Il testo mostra limitata capacità di analizzare e utilizzare i materiali a disposizione. Le conoscenze personali introdotte sono limitate e generiche Lo studente utilizza, analizza interpreta e confronta i materiali in maniera accettabile. Introduce conoscenze personali pertinenti, ma non approfondite. Lo studente utilizza, analizza, interpreta e confronta i materiali con sicura padronanza. Le conoscenze personali introdotte sono complete e approfondite ARTICOLAZIONE, COESIONE E COERENZA DELL ARGOMENTAZIONE CORRETTEZZA E PROPRIETÀ LINGUISTICHE Il testo è disorganizzato, manca di coerenza e presenta gravi contraddizioni logiche Il testo è frammentario e disordinato. L esposizione è confusa Il testo è coerente e coeso Lo studente argomenta in modo bene organizzato e logico Il testo è in parecchi punti scorretto, anche se comprensibile. Il lessico è a volte improprio Il testo è sostanzialmente corretto ma il lessico è limitato La correttezza formale e la fluidità sono buone. Il lessico è appropriato CAPACITA DI ELABORAZIONE CRITICA, ORIGINALITA E CREATIVITA RISPETTO DELLE CONSEGNE E DELLE RICHIESTE DELLA TRACCIA L elaborazione critica è assai scarsa Lo studente rielabora solo parzialmente le conoscenze e non fornisce interpretazioni personali Lo studente rielabora in modo accettabile le conoscenze e presenta un taglio abbastanza personale nell argomentazione Lo studente rielabora con sicurezza le conoscenze e fornisce interpretazioni personali approfondite. L elaborato mostra originalità e creatività. Il testo non rispetta le consegne Il testo rispetta in parte le richieste della consegna Il testo rispetta le richieste della traccia

4 TIPOLOGIA C-D INDICATORI DESCRITTORI PUNTEGGI PERTINENZA ALLA TRACCIA E CONOSCENZA DEI CONTENUTI La pertinenza alla traccia risulta assai scarsa o nulla La traccia è stata svolta in modo assai limitato. La pertinenza rispetto all argomento proposto è solo parziale Lo svolgimento risulta limitato e superficiale Lo svolgimento è incompleto. La conoscenza dell argomento proposto è parziale e superficiale Lo svolgimento è pertinente Lo svolgimento risulta completo e approfondito L elaborato mostra apprezzabili capacità critiche CAPACITA DI CONTESTUALIZZAZIONE, APPROFONDIMENTO ED ELABORAZIONE CRITICA ARTICOLAZIONE, COESIONE E COERENZA DELL ARGOMENTAZIONE CORRETTEZZA E PROPRIETA LINGUISTICHE Il testo risulta estremamente superficiale e dispersivo La rielaborazione delle conoscenze è solo parziale, sono contestualizzati solo alcuni aspetti. Non sono presenti interpretazioni personali Il testo è sufficientemente contestualizzato. E presente una accettabile rielaborazione delle conoscenze. Gli apporti personali sono limitati Il testo risulta ben contestualizzato ed arricchito da approfondite considerazioni personali Il testo è disorganizzato, manca di coerenza e presenta gravi contraddizioni logiche Il testo è in alcuni punti poco coeso. L esposizione è talvolta confusa Il testo è coerente Argomentazione bene organizzata Il testo è in parecchi punti scorretto. Il lessico è a volte improprio Il testo è sostanzialmente corretto ma il lessico è limitato La correttezza formale e la fluidità sono buone. Il lessico è appropriato

5 TIPOLOGIA A INDICATORI DESCRITTORI PUNTEGGI ANALISI DEL TESTO E SUA INTERPRETAZIONE Il testo è gravemente frainteso L analisi e l interpretazione sono gravemente superficiali e imprecise Il testo è compreso solo parzialmente. L interpretazione appare superficiale Il testo è compreso con alcune incertezze e fraintendimenti. L interpretazione risulta non del tutto adeguata Il testo è compreso nel suo complesso. L interpretazione è accettabile ma non approfondita Comprensione e interpretazione sono pertinenti e corrette Comprensione corretta, interpretazione approfondita ed esauriente CONTESTUALIZZAZIONE E APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE ESPOSITIVA E STRUTTURALE CORRETTEZZA E PROPRIETA LINGUISTICHE Assenti o gravemente lacunosi Contestualizzazione e approfondimento risultano generici e superficiali Contestualizzazione e approfondimento sono adeguati, ma essenziali. Lo studente riconosce alcune caratteristiche del testo che sa ricollegare all autore. Contestualizzazione e approfondimento sono articolati e arricchiti da spunti personali. Lo studente riesce pienamente a ricondurre il testo all autore e al quadro di riferimento generale. Il testo è disorganizzato, manca di coerenza e presenta gravi contraddizioni logiche Il testo è frammentario e disordinato. L esposizione è confusa Il testo è sufficientemente articolato e coerente Argomentazione bene organizzata Il testo è in parecchi punti scorretto, anche se comprensibile. Il lessico è a volte impreciso Il testo è sostanzialmente corretto ma il lessico è limitato La correttezza formale e la fluidità sono buone. Il lessico è appropriato

6 Prove orali Voto 1 Conoscenze nulle 2 Conoscenze quasi nulle 3 Contenuti molto scarsi, esposizione scorretta 4 Conoscenze scarse, esposizione non strutturata 5 Conoscenza incompleta degli argomenti richiesti ed esposizione imprecisa sul piano lessicale e grammaticale 6 Conoscenza essenziale degli argomenti, esposizione semplice con qualche imprecisione 7 Buona conoscenza degli argomenti, esposizione non sempre ordinata 8 Capacità di collegare gli argomenti, esposizione ordinata con un lessico appropriato 9 Capacità di operare collegamenti significativi 10 Esposizione articolata e arricchita da approfondimenti personali, precisa nella struttura e nel lessico 9. Attività di recupero, sostegno, approfondimento Il recupero si è svolto in orario curricolare. Data di compilazione: 7 maggio 2015 Il docente / i docenti Maria Terenzia Mazzucco

7 ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO Giacomo Chilesotti PROGRAMMA SVOLTO a.s. 2014/20153 Docente Materia Maria Terenzia Mazzucco Italiano Classi V C Informatica Anno scolastico: 2014/2015 Libro di testo: M. Magri, V. Vittorini, Storia e testi della letteratura 2 vol 2, Paravia M. Magri, V. Vittorini, Storia e testi della letteratura 3 vol 3, Paravia Vol.2 Giacomo Leopardi Il pensiero filosofico di Leopardi L Infinito Il Sabato del Villaggio UdA 1 (vol.3) contesto Le linee generali della cultura europea (Positivismo, Naturalismo, Verismo) UdA5 autore: Giovanni Verga I Malavoglia: La prefazione Novelle rusticane: La roba Mastro Don Gesualdo (video: L asta) UdA 6 contesto: Le linee generali della cultura europea Decadentismo Henri Bergson: l intuizione e il tempo come durata Friedrich Nietzsche: La teoria del superuomo UdA8 autore: Giovanni Pascoli La poetica del fanciullino da Il fanciullino Agosto La mia sera UdA 9 autore: Gabriele D Annunzio La filosofia del dandy da Il piacere La pioggia nel pineto UdA11 contesto: La scoperta dell inconscio Freud: es, io, superio Il Manifesto del Futurismo UdA12 genere: La poesia delle avanguardie Tristan Tzara: Per fare una poesia dadaista I crepuscolari Sergio Corazzini: Desolazione del povero poeta sentimentale Aldo Palazzeschi : Lasciatemi divertire (tra Crepuscolarismo e Futurismo) UdA13 genere: La narrativa del primo Novecento e il rifiuto della tradizione James Joyce e la dissoluzione delle strutture narrative: il flusso di coscienza Il monologo di Molly Bloom da Ulisse Marcel Proust e la memoria involontaria: La madeleine da Alla ricerca del tempo perduto Franz Kafka: La metamorfosi UdA15 autore: Luigi Pirandello Uno, nessuno e centomila: La conclusione Nome file: Programma Italiano Pagina 1 di 2 Via dei Tigli n Thiene (VI ) Codice scuola. VITF06000A - Internet :

8 ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO Giacomo Chilesotti Novelle per un anno: Ciàula scopre la luna; Il treno ha fischiato Sei personaggi in cerca d autore: L incipit Video : L uomo dal fiore in bocca UdA16 autore: opera Il fu Mattia Pascal (sintesi) UdA17 autore: Italo Svevo La coscienza di Zeno Il vizio del fumo: il sintomo della malattia Lo schiaffo del padre morente UdA19 genere: La poesia in Italia Salvatore Quasimodo Ed è subito sera Alle fronde dei salici UdA22 autore: Umberto Saba A mia moglie UdA24 autore: Montale Non chiederci la parola Meriggiare pallido e assorto Spesso il male di vivere ho incontrato UdA20 genere : La narrativa dagli anni Venti agli anni Cinquanta Primo Levi: Nell inferno di Auschwitz da Se questo è un uomo Testo scritto Tipologia A (Analisi testuale) Tipologia B (Saggio breve; articolo di giornale) Tipologia C ( Tema storico) Tipologia D (Tema di ordine generale) Ripasso testo argomentativo Attività Il Quotidiano in classe Video: Gabriele D Annunzio (filmati originali sulla vita dell artista) Film: L onda Thiene,08/05/2015 Gli Studenti La Docente Nome file: Programma Italiano Pagina 2 di 2 Via dei Tigli n Thiene (VI ) Codice scuola. VITF06000A - Internet :

9 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE 1. Dati generali Docente Maria Terenzia Mazzucco Materia Storia Classe 5 C Informatica Anno scolastico: 2014/ SINTESI GENERALE DELLA CLASSE La classe è composta da 28 studenti. Alcuni hanno seguito le lezioni con interesse e hanno dimostrato uno studio continuo ed approfondito, altri hanno dimostrato un impegno alterno e un interesse superficiale finalizzato alle interrogazioni e alle verifiche. Nel complesso gli studenti hanno raggiunto le conoscenze, le competenze e le abilità previste. Da parte di qualcuno permangono delle difficoltà. 3. Risultati di apprendimento: - Individuare correlazioni tra la conoscenza storica generale e gli sviluppi scientifici e tecnologici - Riconoscere le connessioni tra gli aspetti dell ambiente naturale e antropico e l evoluzione demografica, economica e sociale nel corso del tempo - Rafforzare l attitudine a problematizzare, a formulare domande e ipotesi interpretative Conoscenze - Principali persistenze e trasformazioni tra la fine del secolo I e il secolo I in Italia, in Europa e nel mondo - Problematiche economiche, sociali ed etiche caratterizzanti l evoluzione dei diversi settori produttivi e del mondo del lavoro - Innovazioni scientifiche e tecnologiche, modelli e mezzi di comunicazione - Radici storiche della Costituzione italiana - Dibattito sulla Costituzione europee Abilità - Analizzare problematiche significative del periodo considerato - Riconoscere i diversi sistemi economici e politici e il loro sviluppo storico - Confrontare testi di diverso orientamento storiografico - Analizzare le radici storiche e l evoluzione delle istituzioni internazionali e nazionali

10 4. Unità disciplinari e tempi di realizzazione Percorso formativo VERIFICHE SCRITTE E ORALI SIONISMO-RAZZISMO IMPERIALISMO L EUROPA DELLA BELLE EPOQUE GUERRA E RIVOLUZIONE TOTALITARISMI E DEMOCRAZIE (Fascismo, Nazismo, Stalinismo, il mondo e l Europa fra le due guerre, Guerra, Shoah, Resistenza) Ore preventivate (33 x n 2 ore settimanale) Periodo Ott-Maggio Settembre Settembre Ottobre Ottobre-Dic. Gennaio- Maggio Totale ore Formati didattici Didattiche espositive 6. Strumenti e materiali didattici Testi adottati Risorse Internet LIM 7. Tipologia delle prove di verifica Prove scritte previste dall'esame di stato: A, B, C, D. Prove strutturate sugli argomenti di studiati Verifiche orali Sono previste almeno 3 prove tra scritte e orali nel primo quadrimestre e almeno 4 nel secondo. Le prove orali potranno essere sostituite da prove strutturate o semistrutturate. 8. Griglie di valutazione Prove orali Voto 1 Conoscenze nulle 2 Conoscenze quasi nulle 3 Contenuti molto scarsi, esposizione scorretta 4 Conoscenze scarse, esposizione non strutturata 5 Conoscenza incompleta degli argomenti richiesti ed esposizione imprecisa sul piano lessicale e grammaticale 6 Conoscenza essenziale degli argomenti, esposizione semplice con qualche imprecisione 7 Buona conoscenza degli argomenti, esposizione non sempre ordinata 8 Capacità di collegare gli argomenti, esposizione ordinata con un lessico appropriato 9 Capacità di operare collegamenti significativi 10 Esposizione articolata e arricchita da approfondimenti personali, precisa nella struttura e nel lessico

11 9. Attività di recupero, sostegno, approfondimento Il recupero si è svolto in orario curricolare. Data di compilazione: 7 maggio 2015 Il docente / i docenti Maria Terenzia Mazzucco

12 ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO Giacomo Chilesotti PROGRAMMA SVOLTO a.s. 2014/20153 Docente Materia Maria Terenzia Mazzucco Storia Classi V C Informatica Anno scolastico: 2014/2015 Libro di testo: M. Fossati-G. Luppi-E. Zanette, L esperienza della storia vol. 2, Pearson M. Fossati-G. Luppi-E. Zanette, L esperienza della storia vol. 2, Pearson Vol. 2 Vol. 3 Il sionismo Il discorso razzista L imperialismo (sintesi) Verso il Novecento (sintesi) Partiti di massa (sintesi) Bismarck Inizio secolo. Le inquietudini della modernità La situazione nei Balcani Triplice Alleanza Giolitti Prima Guerra Mondiale Lo sterminio degli Armeni Russia: rivoluzioni e guerra civile Le radici del problema mediorientale (Trattati di pace della Prima Guerra Mondiale. L eredità ottomana) Gennaio 1979: La rivoluzione di Khomeini. Sunniti e sciiti Il Fascismo Il Nazismo Lo Stalinismo Il New Deal La Guerra civile spagnola La Seconda Guerra Mondiale La Resistenza Trattati di pace Video: Hitler e Mussolini Thiene,. Gli Studenti La Docente Nome file: ~WRL2566.tmp Pagina 1 di 1 Via dei Tigli n Thiene (VI ) Codice scuola. VITF06000A - Internet :

13 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE 1. Dati generali Docente De Antoni Chiara Materia Inglese Classe 5C Anno scolastico: 2014/ SINTESI GENERALE DELLA CLASSE Pochi alunni si sono distinti per partecipazione ed impegno serio e costante alle varie attività proposte. Gli altri hanno risposto all' azione educativa e didattica alternando momenti di sufficiente interesse ed impegno ad altri di incostanza e superficialità, non rispondendo alle sollecitazioni dell'insegnante. 3. Risultati di apprendimento: Competenze - Comprendere in maniera globale testi orali. - Sostenere semplici conversazioni adeguate al contesto e alla situazione comunicativa. - Comprendere testi scritti di tipo tecnico, storico, letterario e di attualità. - Rispondere per iscritto a domande relative a testi scritti di tipo tecnico, storico, letterario e di attualità - Rispondere oralmente in modo sufficientemente chiaro a domande sugli argomenti svolti. Conoscenze - Nozioni linguistiche e strutture morfosintattiche di livello pre-intermedio. - Terminologia specifica e principali informazioni contenute nelle letture svolte. Abilità Solo un gruppo di alunni sa utilizzare e rielaborare le conoscenze e le competenze con discreti, buoni e in qualche caso ottimi risultati. Dei rimanenti, alcuni incontrano qualche difficoltà nella produzione scritta e nell'esposizione orale, con risultati comunque sufficienti,altri presentano ancora numerose lacune con risultati inferiori alle loro reali capacità, non completamente sfruttate per mancanza di impegno serio e costante.

14 4. Unità disciplinari e tempi di realizzazione Percorso formativo Periodo ore Attività e materiali per lo sviluppo delle abilità linguistiche Tutto l'anno Lessico, strutture e riflessione grammaticale Argomenti tecnici, storici e letterari Tutto l'anno Tutto l'anno 5. Formati didattici Per lo sviluppo delle quattro abilità linguistiche ho preferito un approccio eclettico che mi ha permesso di integrare le tecniche della metodologia comunicativa con quelle di altre teorie e che mi ha consentito di far fronte a diverse situazioni di insegnamento.ho privilegiato la lezione frontale partecipata. 6. Strumenti e materiali didattici Il testo English for new technology é stato integrato con fotocopie che riguardano argomenti interdisciplinari di tecnologia, di storia e di letteratura. E' stato utilizzato il laboratorio linguistico per la visione e l'analisi di film collegati agli argomenti svolti. 7. Tipologia delle prove di verifica - Domande aperte su argomenti tecnici,storici e letterari svolti. - Accertamento della conoscenza della lingua straniera tramite la comprensione di un testo tecnico e domande riferite al brano.

15 8. Griglie di valutazione Per le domande aperte relative alla verifica delle conoscenze dei contenuti e della lingua: Indicatori Descrittori Punteggio Comprensione, pertinenza, coerenza o conoscenza dei contenuti Competenza grammaticale, sintattica e lessicale Scarso Gravemente insufficiente Insufficiente Sufficiente Buono Ottimo Scarso Incomprensibile Gravemente insufficiente Insufficiente Sufficiente Buono Ottimo Rielaborazione e organizzazione logica dei contenuti Scarso Insufficiente Sufficiente Buono Totale /15 9. Attività di recupero, sostegno, approfondimento L'attività di recupero é stata svolta contestualmente allo svolgimento delle lezioni curriculari, come correzione delle prove di verifica,esercitazioni di riepilogo, ripasso delle lezioni precedenti. Data di compilazione: 09/05/15 Il docente Chiara De Antoni

16 PROGRAMMA SVOLTO a.s. 2014/20153 Classe 5C Programma di Inglese 1. Argomenti tecnici Computer networks Wireless communication How the Internet developed The man who invented the web The Internet and its services Web 2.0 E-commerce Technology and the surveillance society You are being watched 2. Argomenti storici e letterari South Africa - life during Apartheid - Nelson Mandela Steve Biko Films: Cry Freedom, Invictus The First World War The war poets: W. Owen s Futility - S. Sassoon s Declaration Film: Regeneration The Roaring twenties in the U.S.A. Prohibition Film: the Untouchables The Wall Street Crash and the Great Depression The New Deal The Second World War ( G.B. and the U.S.A.) The Cold war George Orwell and 1984 (some hints) Film: The Truman show Il docente Chiara De Antoni

17 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE 1. Dati generali Docente REGHELLIN LUIGI Materia Insegnamento della Religione Cattolica (Irc) Classe 5^ sez. C Anno scolastico: 2014/ SINTESI GENERALE DELLA CLASSE La classe, formata da 28 alunni 24 dei quali si sono avvalsi dell irc, ha mostrato durante l anno scolastico una sufficiente disponibilità ad impegnarsi nelle attività didattiche proposte, anche se la partecipazione è stata piuttosto discontinua. L atteggiamento di diversi studenti è stato spesso passivo; solo alcuni hanno espresso un interesse che andasse oltre l attività proposta dall insegnante e si sono inseriti nel dialogo educativo in modo propositivo. Molto differenziati fra gli studenti sono apparsi il livello dell interesse culturale e l iniziativa personale per l ampliamento e l approfondimento critico dei contenuti. Gli esiti formativi sono molto differenziati all interno della classe. 3. Risultati di apprendimento: Competenze interrogarsi sulla propria identità umana, religiosa e spirituale, in relazione con gli altri e con il mondo, al fine di sviluppare un maturo senso critico e un personale progetto di vita riconoscere l incidenza del cristianesimo nel corso della storia, nella valutazione e trasformazione della realtà in dialogo con altre religioni e sistemi di significato confrontarsi con la visione cristiana del mondo in modo da elaborare una posizione personale libera e responsabile, aperta alla pratica della giustizia e della solidarietà Conoscenze saper operare un confronto critico sulle questioni di senso più rilevanti individuare il rapporto tra coscienza, libertà e verità nelle scelte morali conoscere gli orientamenti della Chiesa sull etica personale e sociale riflettere sul rapporto della Chiesa con il mondo contemporaneo interpretare la presenza della religione nella società contemporanea in un contesto di pluralismo culturale e religioso, nella prospettiva di un dialogo costruttivo. Abilità impostare criticamente la riflessione su Dio riconoscere differenze e complementarità tra fede e ragione e tra fede e scienza argomentare le scelte etico-religiose proprie o altrui confrontarsi con la dimensione della multiculturalità anche in chiave religiosa

18 4. Unità disciplinari e tempi di realizzazione Percorso formativo Periodo ore Il benessere personale settembre - 9 problematiche e significati connessi all uso di droghe novembre vissuto giovanile e uso di sostanze. L'evasione legalità, illegalità, legalizzazione l alcool e i suoi effetti dare un senso alla vita nella società dei consumi fra impegno ed evasione Società e diritti: il carcere e i suoi problemi la situazione carceraria in Italia l art 27 della Costituzione e le finalità del carcere gennaio 4 partecipazione al progetto Carcere e scuola promosso dal Csi di Vicenza La questione di Dio Fede, religione, società. Stato laico e stato confessionale. I giovani e la questione di Dio La questione dell'ateismo nei testi del Concilio Vaticano II La ricerca di Dio e il monachesimo Uomo, ambiente, sviluppo simbolo e valore dei beni nella vita personale e nelle relazioni Laboratorio: approfondimenti in gruppo La condizione della donna oggi L'ateismo Giovani e alcool I videogiochi I social newtwork febbraio - marzo marzo - maggio da dicembre a maggio Ore preventivate (33 x n 1 ora settimanale) Totale ore Formati didattici previsti Si è fatto ricorso a: gruppi di lavoro per la ricerca, la riflessione, il confronto su temi a carattere esistenziale, sociale, culturale o religioso individuati dagli studenti (laboratorio); momenti frontali e riflessioni guidate con analisi di brani forniti dall insegnante; utilizzo di strumenti multimediali; incontro con esperti; uso della piattaforma di E-learning per l'approfondimento personale dei contenuti affrontati in classe. 6. Strumenti e materiali didattici Sono stati utilizzati: strumenti audiovisivi e multimediali; materiali didattici messi a disposizione degli studenti sulla piattaforma di E-learning; risorse reperite su internet per avviare e/o approfondire la discussione su temi specifici. Il testo consigliato è la Sacra Bibbia: nel corso del quinquennio, oltre che per la consultazione personale, viene usata per l'approfondimento di testi di particolare rilievo in riferimento a singole tematiche affrontate.

19 7. Tipologia delle prove di verifica Si è svolta una osservazione sistematica, tramite il dialogo educativo, del grado di impegno, interesse, partecipazione e dello sviluppo delle diverse competenze da parte dei singoli studenti. Sono stati proposti due momenti di autovalutazione al termine dei due quadrimestri. 8. Griglie di valutazione La valutazione ha considerato l impegno, l attenzione, la partecipazione al dialogo educativo, lo sviluppo delle diverse competenze. Il giudizio va da insufficiente a ottimo, secondo la griglia seguente: Insufficiente: l allievo dimostra atteggiamenti di disinteresse e di rifiuto, ha conoscenze molto scarse o inesistenti. Sufficiente: l allievo dimostra un impegno occasionale legato all interesse per i singoli argomenti e una partecipazione poco attiva. Conosce pochi contenuti, a volte in modo piuttosto approssimativo. Buono: l allievo segue con discreto interesse e di solito si impegna. Conosce, anche se non in modo approfondito, i contenuti fondamentali. Distinto: l allievo dimostra impegno continuo e attenzione. Ha una buona conoscenza, anche se non approfondita, dei contenuti proposti che rielabora esprimendo osservazioni pertinenti. Ottimo: l allievo dimostra impegno e interesse e interviene in modo costruttivo. Ha una conoscenza approfondita dei contenuti proposti e dimostra una buona capacità di sintesi. Sa esprimere e fondare valutazioni personali. 9. Attività di recupero, sostegno, approfondimento L'intera attività didattica si è svolta in classe nell'orario mattutino. All'interno di tale orario si sono inseriti momenti di recupero e di approfondimento, in base ai bisogni e agli interessi manifestati dagli studenti. Data di compilazione: 4/5/2015 Il docente / i docenti Luigi Reghellin

20 ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA-INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI-TRASPORTI E LOGISTICA Docente Materia Classe PROGRAMMA SVOLTO a.s. 2014/2015 REGHELLIN LUIGI Insegnamento della Religione cattolica (IRc) 5^ C Il benessere personale problematiche e significati connessi all uso di droghe vissuto giovanile e uso di sostanze. L'evasione legalità, illegalità, legalizzazione l alcool e i suoi effetti dare un senso alla vita nella società dei consumi fra impegno ed evasione Società e diritti: il carcere e i suoi problemi la situazione carceraria in Italia l art 27 della Costituzione e le finalità del carcere partecipazione al progetto Carcere e scuola promosso dal Csi di Vicenza La questione di Dio Fede, religione, società. Stato laico e stato confessionale. I giovani e la questione di Dio La questione dell'ateismo nei testi del Concilio Vaticano II La ricerca di Dio e il monachesimo Uomo, ambiente, sviluppo simbolo e valore dei beni nella vita personale e nelle relazioni Laboratorio: approfondimenti in gruppo La condizione della donna oggi L'ateismo Giovani e alcool I videogiochi I social newtwork Thiene: 4/5/2015 gli studenti l'insegnante

21 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE 1. Dati generali Docente FATTORE ROBERTO Materia EDUCAZIONE FISICA Classe 5CI Anno scolastico: 2014/ SINTESI GENERALE DELLA CLASSE La classe, piuttosto numerosa, ha manifestato nell'arco del triennio un discreto interesse per l'attività proposta, anche se in modo un po' differenziato all'interno del gruppo. Alcuni di loro sono stati un po' discontinui nella qualità dell'impegno e altri si sono trovati un po' in difficoltà di fronte ad alcune esercitazioi. La maggior parte si è nel tempo migliorata, sia come abilità che responsabilità e motivazioi. La classe ha dimostrato un buon affiatamento generale, anche se in alcune situazioni, alcuni di loro, sono stati un po' di disturbo. Quest'anno sono complessivamente migliorati, ad eccezione del torneo di volley, dove iscrittisi, non si sono poi presentati alla partita e sono stati squalificati. Complessivamente buono è stato l'inserimento dei ripetenti. 3. Risultati di apprendimento: Competenze Gli studenti sono discretamente consapevoli del percorso effettuato per il miglioramento della conoscenza del loro stato di salute dinamica, sono in grado di ben lavorare e di correggersi in modo autonomo, di valutare tecnicamente il gesto motorio dei compagni e di far loro assistenza dove è prevista. Conoscenze Gran parte degli allievi conoscono discretamente bene: - le norme comportamentali e le progressioni propedeutiche per il raggiungimento e/o mantenimento della salute dinamica; - le caratteristiche tecnico tattiche metodologiche delle principali attività praticate. Abilità Gli allievi sono in grado di esercitarsi in modo efficacie per migliorare la propria postura, le capacità condizionali e le capacità coordinative, di conoscere e praticare, per quanto possibile, le varie attività specifiche proposte. 4. Unità disciplinari e tempi di realizzazione Percorso formativo Periodo ore Potenziamento organico Sett. Dic. 8 Calcio a 5 Ott..Gen. 9 Potenziamento muscolare senza e con sovraccarico Ott. Apr. 7 Esercizi coordinativi con funicella Sett.--Mag. 4 Pallavolo Febb. Mar. 7

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI DI ITALIANO - BIENNIO DI TUTTI GLI INDIRIZZI Conoscenze a) Conoscenza completa e ragionata della grammatica e dell

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA)

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) L allenamento della Forza come capacità condizionale, è oggi di rigore anche nelle discipline sportive in cui era

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE 5^ SIA. Indirizzo: Sistemi Informatici Aziendali A.S. 2014-2015. Sede Istituto Tecnico Economico

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE 5^ SIA. Indirizzo: Sistemi Informatici Aziendali A.S. 2014-2015. Sede Istituto Tecnico Economico 1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI LUZZATTI www.istluzzatti.gov.it Mail: VIIS00300P@istruzione.it - Pec: VIIS00300P@pec.istruzione.it Tel. 0445 401197 - Fax 0445 408488 Istituto Tecnico Economico

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO U.S. ALESSANDRIA CALCIO 1912 SETTORE GIOVANILE ALLENAMENTO PORTIERI SCHEDA TIPO DELLA SETTIMANA ALLENATORE ANDREA CAROZZO GRUPPO PORTIERI STAGIONE 2009/2010 GIOVANISSIMI NAZIONALI 1995 ALLIEVI REGIONALI

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli