Rete di Calcolatori. Elementi di Informatica. Servizi. Un Po di Storia. Condivisione di Risorse - 2. Condivisione di Risorse - 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rete di Calcolatori. Elementi di Informatica. Servizi. Un Po di Storia. Condivisione di Risorse - 2. Condivisione di Risorse - 1"

Transcript

1 Università degli Studi di Udine Facoltà di Ingegneria CORSO DI LAUREA IN SCIENZE dell ARCHITETTURA Elementi di Informatica Reti di Calcolatori D. Gubiani Una rete di calcolatori è un insieme di elaboratori autonomi collegati fra di loro mediante collegamenti fisici al fine di utilizzare nel miglior modo possibile le risorse disponibili e di offrire vari servizi di comunicazione 2 maggio 2011 D. Gubiani Reti di Calcolatori 1 D. Gubiani Reti di Calcolatori 2 Un Po di Storia Servizi I primi tentativi di trasmissione dati fra due elaboratori risalgono agli anni 40 Le reti come le concepiamo oggi hanno fatto le loro comparsa negli anni 70 - dapprima in ambiente militare - poi negli ambienti universitari Solo nell ultimo decennio c è stata un espansione globale Pari passo allo sviluppo delle reti sono aumentati i servizi a disposizione : gli utenti della rete possono, indipendentemente dalla loro locazione fisica, condividere risorse sia software che hardware Miglioramento dell affidabilità: nel suo complesso si ha la disponibilità di risorse alternative sostituibili l una all altra : possibilità per gli utenti di comunicare Pubblicazione: possibilità di rendere disponibili risorse informative D. Gubiani Reti di Calcolatori 3 D. Gubiani Reti di Calcolatori 4 di Risorse - 1 di Risorse - 2 Il collegamento fisico fra diversi elaboratori (nodi) consente di poter raggiungere risorse di un altro nodo L utente di un nodo ha il possesso virtuale di tutta una serie di risorse messe a disposizione dal complesso della rete Possono essere condivise diverse tipologie di risorse - unità disco: limita la duplicazione di dati e programmi - stampanti: aumenta la percentuale di tempo di utilizzo - modem e fax D. Gubiani Reti di Calcolatori 5 D. Gubiani Reti di Calcolatori 6

2 Trasferimento di File fra Utenti Il trasferimento di file da un nodo ad un altro della rete può avvenire facilmente tramite il protocollo FTP (File Transfer Protocol) - l accesso ai file richiede username e password - la modalità anonymous permette l accesso a tutti gli utenti e viene utilizzata per diffondere programmi freeware o shareware Altri servizi simili: - banche dati online (ricerche online - thesaurus) - terminale virtuale Attraverso l utilizzo della rete è possibile la comunicazione fra vari utenti che si trovano fisicamente lontani in varie forme: - sincrona - asincrona D. Gubiani Reti di Calcolatori 7 D. Gubiani Reti di Calcolatori 8 Posta Elettronica - 1 Posta Elettronica - 2 La posta elettronica (electronic mail o ) è il servizio attualmente più conosciuto e usato Permette lo scambio di corrispondenza fra utenti Metodologia: un mittente spedisce un messaggio, eventualmente dotato di un oggetto, ad un destinatario indicando da un indirizzo L informazione che si vuole inviare può non essere semplicemente un messaggio testuale ma si possono incollare al messaggio file veri e propri (attachment) Vantaggi: - il tempo di ricezione dipende dal percorso fisico e dal carico delle linee, ma è inferiore alla posta tradizionale - costi concorrenziali rispetto posta, fax e telefono Rispetto ai collegamenti interattivi è asincrona - server SMTP - server POP D. Gubiani Reti di Calcolatori 9 D. Gubiani Reti di Calcolatori 10 Posta Elettronica - 3 Posta Elettronica - 4 Tutti gli indirizzi di posta elettronica presentano la forma dove: - utente identifica l utente - dominio individua l elaboratore che si occupa della gestione della casella di posta elettronica Esempio. Le mailing list (o liste di discussione) prevedono meccanismi automatici per la gestione di discussioni su specifiche tematiche - liste di indirizzi I newsgroup hanno funzionalità simili alle mailing list ma, invece di utilizzare , i partecipanti ai gruppi possono leggere i messaggi da una lista (USEnet o forum) D. Gubiani Reti di Calcolatori 11 D. Gubiani Reti di Calcolatori 12

3 Caratteristiche e Qualità del Segnale La rete necessita di un supporto fisico per il collegamento Il mezzo trasmissivo incide sulle caratteristiche della rete Due grosse tipologie di mezzi trasmissivi: - guidati: linee fisiche che portano il segnale elettrico o ottico - non guidati: basate sull irradiazione di segnali elettromagnetici nello spazio Capacità di canale: anche detta impropriamente larghezza di banda, indica il numero di bit che il canale è in grado di trasmettere nell unità di tempo Attenuazione del segnale: fenomeno che comporta la riduzione del segnale e limita la distanza che il segnale può percorrere (soluzione: ripetitori) Interferenze fra segnali: possono creare distorsioni di trasmissione (soluzione nei mezzi guidati: schermatura) Numero di ricevitori: indica il numero di utenti che possono partecipare al collegamento D. Gubiani Reti di Calcolatori 13 D. Gubiani Reti di Calcolatori 14 Doppino Telefonico Cavo Coassiale Costituito da due o più coppie di fili di rame, singolarmente ricoperti di materiale isolante, intrecciati uno intorno all altro e isolati da una guaina Poichè ogni doppino fornisce un singolo collegamento, generalmente più doppini vengono raggruppati in un unico cavo Velocità fino a 200 Mbps Bassa sensibilità a disturbi esterni Di semplice utilizzo (spesso già posato) ed economico Per reti locali e tratti di reti più grandi Costituito da un corpo centrale conduttorericoperto da materiale isolante sul quale viene avvolta una calza metallica, racchiusa a sua volta in una guaina protettiva Insensibile alle interferenze elettromagnetiche Più costoso ma permette di trasmettere il segnale senza bisogno di ripetitori per distanze superiori al doppino Velocità fino a 500 Mbps Attualmente sostituito dal doppino telefonico nelle piccole reti e dalle fibre ottiche sulle distanze piccole D. Gubiani Reti di Calcolatori 15 D. Gubiani Reti di Calcolatori 16 Fibre Ottiche Costituita da sottili fili di materiale trasparente alla luce in cui la trasmissione di un fascio luminoso avviene sfruttando il principio di riflessione E costituito da un cavo conduttore centrale avvolto da un rivestimento di rifrazione contenuto a sua volta in una guaina opaca Velocità molto elevata, ridotta attenuazione del segnale e immunità dalle interferenze, ma aumentano i costi Tabella Riassuntiva sui Guidati D. Gubiani Reti di Calcolatori 17 D. Gubiani Reti di Calcolatori 18

4 Mezzi Trasmissivi Non Guidati Trasmissioni a Microonde I segnali vengono trasmessi e ricevuti mediante antenne - l antenna del trasmettitore invia nello spazio onde elettromagnetiche - l antenna del ricevitore le capta Sono utilizzati per grandi distanze, il ritardo nella comunicazione può essere elevato, i costi sono elevati A seconda delle frequenze utilizzate si parla di trasmissione a radiofrequenza, micronde o infrarossi Un sistema di trasmissione a microonde può essere - basato a terra: prevede ripetitori per superare gli ostacoli e le distanze - via satellite: utilizza come ripetitore un satellite D. Gubiani Reti di Calcolatori 19 D. Gubiani Reti di Calcolatori 20 Trasmissioni a Radiofrequenza Un sistema che utilizza le onde radio è il sistema di telefonia che utilizza diverse tecnologie - Global System for Mobile communications (GSM): velocità dell ordine di 10Kbit/s massimi - General Packet Radio Service (GPRS): evoluzione de GSM, velocità media dell ordine dei 50Kbit/s (teorica massima 170) - Universal Mobile Telecommunication System (UMTS): ulteriore evoluzione del GSM che presenta una copertura a due livelli con velocità di 384 Kbit/s (FDD) e 2Mbit/s (TDD) Il metodo con cui sono collegati i vari elaboratori (topologia) influenza le caratteristiche della rete - tolleranza ai guasti - costi Si possono distinguere due tipologie di trasmissione - punto-a-punto (point-to-point) - a diffusione globale (broadcast) D. Gubiani Reti di Calcolatori 21 D. Gubiani Reti di Calcolatori 22 Collegamento Punto-Punto (point-to-point) Topologia di Connessioni Punto-Punto Collegamento fra due singoli nodi A STELLA AD ANELLO Il collegamento punto-a-punto fra diverse coppie di nodi è alla base di reti più complesse I messaggi (pacchetti) inviati dal mittente per raggiungere il destinatario potrebbero dover visitare più nodi secondo diversi possibili cammini Nodo centrale collegato direttamente con tutti gli altri nodi della rete Ogni nodo è collegato ad un nodo che lo precede, da cui riceve i messaggi, e da un nodo che lo segue, a cui invia i messaggi D. Gubiani Reti di Calcolatori 23 D. Gubiani Reti di Calcolatori 24

5 Collegamento a diffusione globale (broadcast) Un singolo canale è condiviso da tutti i nodi della rete (più di due nodi) I messaggi (pacchetti) inviati dal nodo mittente vengono ricevuti da tutti gli altri nodi che li analizzano e solo se è indirizzato a loro viene elaborato Client-Server: è presente un nodo dedicato, detto server, che gestisce centralmente l intera rete - tutti gli altri nodi della rete, detti client, effettuano delle richieste al server - il server risponde Peer-to-Peer: sono presenti un insieme di nodi connessi in modo paritetico - ogni nodo può inviare messaggi e condividere risorse D. Gubiani Reti di Calcolatori 25 D. Gubiani Reti di Calcolatori 26 Client-Server VS Peer-to-Peer Consistenza del software: CS evita incompatibilità ma è possibile un sovraccarico della rete Flessibilità haware: i client posso avere capacità limitate rispetto al server mentre nel PP tutti i nodi devono essere di agire sia da client che da server Memorizzazione dei dati: nel CS i dati devono risiedere sul disco del server che diventa punto critico, nel PP risiedono sul disco del proprietario (copia unica per evitare inconsistenza) Sicurezza: gestita centralmente nel CS, nel PP sta ad ogni nodo gestirla limitatamente a se stesso Backup: semplificata dalla centralità del server nel CS, gestita da ogni nodo nel PP Si possono distinguere due distinte modalità di connessione - commutazione di circuito (circuit switching) - commutazione di pacchetto (packet switching) D. Gubiani Reti di Calcolatori 27 D. Gubiani Reti di Calcolatori 28 Commutazione di Circuito - 1 Commutazione di Circuito - 2 La commutazione di circuito stabilisce un canale dedicato fra utente e destinatario - l utente stabilisce la connessione - utilizza la connessione - rilascia la connessione I messaggi inviati dal mittente vengono ricevuti dal destinatario nello stesso ordine in cui sono stati spediti La commutazione di circuito è tipicamente usata nelle comunicazioni telefoniche D. Gubiani Reti di Calcolatori 29 D. Gubiani Reti di Calcolatori 30

6 Commutazione di Pacchetto - 1 Commutazione di Pacchetto - 2 La commutazione di pacchetto è una tecnica utilizzata per condividere un canale di comunicazione tra più stazioni Dati trasmessi vengono trasmessi in piccoli frammenti che viaggiano indipendenti - la sorgente suddivide i messaggi in pacchetti - la destinazione ricostruisce i dati originali Ogni pacchetto contiene informazione sufficiente per la consegna e può seguire cammini diversi Utilizzata generalmente per realizzare reti di calcolatori D. Gubiani Reti di Calcolatori 31 D. Gubiani Reti di Calcolatori 32 Reti LAN In base all estensione le reti possono essere suddivise in: Una rete locale o LAN (Local Area Network) è composta da un gruppo di nodi (elaboratori e altre risorse) che si trovano all interno dello stesso edificio o in edifici adiacenti Tradizionalmente utilizza un approccio di tipo broadcast Topologie tipiche: bus, a stella, ad anello D. Gubiani Reti di Calcolatori 33 D. Gubiani Reti di Calcolatori 34 Reti Senza Filo o Wireless Reti MAN Soprattutto con il grande sviluppo dei portatili ha portato allo sviluppo delle reti senza fili o wireless - veloce installazione - potrebbe essere più economica Trasmissione dei dati mediante la modulazione di onde elettromagnetiche Una rete metropolitana o MAN (Metropolitan Area Network) è una versione ingrandita di LAN e utilizza tecnologie simili Può coprire più edifici o intere città Può essere pubblica o privata D. Gubiani Reti di Calcolatori 35 D. Gubiani Reti di Calcolatori 36

7 Reti WAN Protocolli di Trasmissione - 1 Una rete geografica o WAN (Wide Area Network) copre una grande area geografica (nazione o continente) In genere una WAN è composta da un insieme di sottoreti collegate fra di loro Ogni rete è composta da dispositivi HW e risorse SW Un protocollo di trasmissione è un insieme di regole atte a specificare come i vari nodi della rete devono interagire Per ridurre la complessità di progettazione i protocolli sono organizzati in strati o livelli Lo scopo di un livello è quello di offrire certi servizi al livello superiore che possono essere: - controllo dell errore (affidabilità) - controllo del flusso (evita il sovraccarico) - frammentazione e riassemblaggio - stabilire la connessione D. Gubiani Reti di Calcolatori 37 D. Gubiani Reti di Calcolatori 38 Protocolli di Trasmissione - 2 Schema Generico di Protocolli di Trasmissione In particolare, un protocollo governa il formato e il significato dei blocchi di informazione, dei pacchetti o dei messaggi che vengono scambiate fra le entità pari Fra ogni coppia di livelli c è un interfaccia che definisce quali operazioni e servizi offre il livello sottostante a quello superiore Un insieme di livelli e di protocolli è chiamato architettura di rete D. Gubiani Reti di Calcolatori 39 D. Gubiani Reti di Calcolatori 40 Messaggi fra Livelli Tipi di Servizi Forniti dai Protocolli Ogni livello comunica con quello corrispondente di un altro nodo per mezzo delle informazioni memorizzate nelle intestazioni dei messaggi che vengono inviati Ogni strato aggiunge la sua intestazione davanti al messaggio proveniente dal livello immediatamente superiore Le intestazioni sono concatenati all inizio del messaggio e quando il messaggio attraversa la rete vengono decodificate livello per livello I protocolli forniscono due tipi di servizi - orientati alla connessione (connection oriented) - privi di connessione (connectionless) D. Gubiani Reti di Calcolatori 41 D. Gubiani Reti di Calcolatori 42

8 Servizi Orientati alla Connessione (Connection Oriented) Sono modellati sul sistema telefonico - l utente stabilisce la connessione - utilizza la connessione - rilascia la connessione I messaggi inviati dal mittente vengono ricevuti dal destinatario nello stesso ordine in cui sono stati spediti Servizi Privi di Connessione (connectionless) Sono modellati sul sistema postale Ogni messaggio viaggia in modo indipendente anche se viene inviato dallo stesso mittente al medesimo destinatario allo stesso momento - ogni messaggio porta con se l indirizzo del destinatario - l ordine di ricezione è indipendente dall ordine di avvio D. Gubiani Reti di Calcolatori 43 D. Gubiani Reti di Calcolatori 44 ISO/OSI: Livelli - 1 L ISO (International Standard Organization) ha definito il modello ISO/OSI (Open System Interconnection) che si basa su 7 livelli Per ogni livello sono definiti i servizi, i protocolli di comunicazione e i dettagli operativi - Applicazione: contiene un insieme di protocolli per permettere che i programmi applicativi possano comunicare (es. terminale virtale, trasferimento file, mail agent,...) - Presentazione: gestisce la sintassi e la codifica (es ASCII, EBCDIC) che può avere diverse rappresentazioni interne - Sessione: organizza (sincronizza, tiene traccia delle comunicazioni correnti) il dialogo tra i due end-system ed è raramente utilizzato D. Gubiani Reti di Calcolatori 45 D. Gubiani Reti di Calcolatori 46 ISO/OSI: Livelli - 2 ISO/OSI: Livelli Trasporto: fornisce il trasferimento trasparente end-to-end dell informazione (frammentazione del flusso, correzione errori, prevenzione della congestione,..) - Network: gestisce l instradamento dei messaggi, cioè determina come i pacchetti devono percorrere la rete per raggiungere dal sorgente il destinatario e include i protocolli X25 (connection oriented) ed IP (connection-less) - Data-Link: si occupa della trasmissione affidabile, quindi priva di errori di trasmissione non segnalati, mediante l inserimento di Frame Control Sequence (FCS), e decomprime i dati da spedire in pacchetti spediti in sequenza attendendo poi il messaggio di avvenuta ricezione - Fisico: si occupa della trasmissione di sequenze binarie sul canale di comunicazione D. Gubiani Reti di Calcolatori 47 D. Gubiani Reti di Calcolatori 48

9 ISO/OSI: Invio Dati Sistemi Intermedi Se un processo mittente vuole inviare dei dati a un processo destinatario utilizzando il modello ISO/OSI: - passa i dati al livello applicazione che aggiunge la sua intestazione e passa il blocco dei dati al livello di presentazione - questo processo viene ripetuto fino al raggiungimento del livello fisico - a livello fisico il blocco di dati viene trasmesso al destinatario - salendo nei livelli, ogni livello elimina la relativa intestazione - al processo destinatario arriva il messaggio originario Non sempre lo scambio di informazioni avviene direttamente tra le applicazioni dei due sistemi finali (End Systems) La connessione spesso comporta l attraversamento di sistemi intermedi che fungono da inoltratori (relayers) di informazione Gli inoltratori assumo nomi diversi secondo il livello in cui avviene l operazione: - Ripetitore (livello 1) - Bridge (livello 2) - Router (livello 3) - Gateway (livelli superiori) D. Gubiani Reti di Calcolatori 49 D. Gubiani Reti di Calcolatori 50 fra Livelli La rete, sviluppata durante la fase di standardizzazione ISO, ha imposto come standard il modello TCP/IP (Transmission Control Protocol/ Protocol) - più libertà rispetto ad ISO/OSI D. Gubiani Reti di Calcolatori 51 D. Gubiani Reti di Calcolatori 52 : Livelli Protocollo IP Ogni livello ha diversi compiti: - : permette ad un host di inviare pacchetti in una qualsiasi rete in modo che viaggino indipendentemente verso la destinazione e sfrutta il protocollo IP ( Protocol) che si occupa di consegnare i pacchetti dove si suppone debbano andare (scelta del cammino) - Trasporto: serve per portare avanti la comunicazione fra mittente e destinatario e si basa su due protocolli: TCP (Transmission Control Protocol) orientato alla connessione e UDP (User Datagram Protocol) privo di connessione - Applicazione: contiene tutti i protocolli ad alto livello: TELNET (terminale virtuale), FTP (trasferimento di file) e SMTP (posta elettronica) È un protocollo del livello internet che fornisce un servizio privo di connessione Fornisce la comunicazione logica fra gli host Invia ogni pacchetto al destinatario ma non da garanzie sulla consegna, sull ordine e sull integrità dei dati D. Gubiani Reti di Calcolatori 53 D. Gubiani Reti di Calcolatori 54

10 Indirizzi IP Per collegare un elaboratore a è necessario poterlo individuare univocamente: indirizzo IP - indirizzo a 32 bit - rappresentato in forma decimale con quattro gruppi di cifre che possono variare da 0 a 255 e che specificano la rete di appartenenza e il numero del singolo nodo Esempio: Indirizzi IP e Indirizzi Simbolici Un alternativa all utilizzo dell indirizzo ip è l utilizzo di un indirizzo simbolico (o nome) associato ad ogni macchina, che corrisponde ad un particolare indirizzo IP Esempio: Il Domain Name System (DNS) traduce i nomi associati ai singoli nodi nel corrispondente indirizzo IP L insieme dei nomi collegati a è raggruppato in domini, ogni dominio può essere suddiviso in sottodomini,... D. Gubiani Reti di Calcolatori 55 D. Gubiani Reti di Calcolatori 56 Protocollo TCP - 1 Protocollo TCP - 2 È un protocollo del livello di trasporto che fornisce un servizio affidabile orientato alla connessione Estende il servizio di spedizione del protocollo IP individuando univocamente i processi a cui devono essere consegnati i dati attraverso le porte associate ai processi Esiste un secondo livello di indirizzi univoci all interno dell host, chiamati porte - consente la consegna dei dati al processo corretto Fornisce un trasferimento affidabile dei dati usando controllo del flusso, serie di sequenze, riscontri e timer Controlla l integrità (correttezza e ordine) dei dati mediante l utilizzo di campi di rilevamento dell errore Controlla la congestione prevenendo la saturazione D. Gubiani Reti di Calcolatori 57 D. Gubiani Reti di Calcolatori 58 Le Origini del - 1 è la rete di calcolatori che collega elaboratori situati in ogni parte del mondo Ha origine dalla rete ARPANET, la rete militare del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, nata alla fine degli anni 70 La vera nascita di è stata nel 1983 per collegare le più importanti università e agevolare la diffusione di informazioni scientifiche Il nasce da un progetto realizzato presso l Organizzazione Europea per le Ricerche Nucleari (CERN) di Ginevra fra il 1989 e la fine del 1990 L obiettivo era quello di creare un servizio basato su per il recupero e lo scambio via rete di pubblicazioni scientifiche all interno del CERN D. Gubiani Reti di Calcolatori 59 D. Gubiani Reti di Calcolatori 60

11 Le Origini del - 2 Le Origini del - 3 Presso il CERN nel 1991 furono messi a punto i costituenti base del servizio web: - programma fornitore del servizio (web server) - programma per la consultazione ipertestuale (web client o browser) - prime versioni di HyperText Markup Language (HTML) e HyperText Transfer Protocol (HTTP) Il primo prototipo, realizzato su architettura NeXT, fu presentato alla conferenza mondiale degli ipertesti 1 da Berners-Lee e Caillieu nel 1991 Nel 1992 un gruppo di ricercatori del National Center for Supercomputer Applications (NCSA, USA) esaminò il prototipo e decise di realizzare una propria versione che portò nel 1993 alla realizzazione del browser Mosaic - perse la capacità di editing - capacità di visualizzare semplici GIF Dopo un primo avvio (furono prodotte versioni di Mosaic per X e Windows) i realizzatori si trovarono la strada sbarrata 1 Prima edizione nel 1987 D. Gubiani Reti di Calcolatori 61 D. Gubiani Reti di Calcolatori 62 Le Origini del - 4 Le Origini del - 5 Nel 1993 Clark fondò la Mosaic corporation (poi rinominata Netscape Corporation per evitare problemi con NCSA) da cui arrivò Netscape Navigator nel 1994 Nel 1994 fu fondato il World Wide Web Consortium (W3C), consorzio internazionale con l obiettivo di sviluppare a pieno le potenzialità del web Ben presto arriva la concorrenza della Microsoft che, dopo una falsa partenza con Microsoft Network, inizia a realizzare Explorer (integrato poi in Windows) e un suo server HTTP (Microsoft Information Server) Nel 1998 Netscape rilascia il codice sorgente della versione 5 da cui nasce il progetto Mozilla.org basato sui principi di linux Nascono diverse altre proposte ma di minor importanza: Opera, Konqueror... D. Gubiani Reti di Calcolatori 63 D. Gubiani Reti di Calcolatori 64 - Tecnologia Link Ipertestuali La tecnologia World Wide Web () permette di dislocare fra i moltissimi elaboratori connessi alla rete un immensa quantità di informazioni attraverso un unico ipertesto distribuito Un ipertesto è un documento elettronico formato da testo, immagini, suoni e filmati organizzato in modo sequenziale ma la cui lettura può seguire percorsi alternativi Per saltare da un punto ad un altro del documento ipertestuale sono utilizzati i link ipertestuali (collegamenti ipertestuali) - collegamenti associati a particolari parole o immagini che permettono al lettore di passare ad un altra parte del documento o ad un altro documento logicamente collegato al precedente con un semplice click D. Gubiani Reti di Calcolatori 65 D. Gubiani Reti di Calcolatori 66

12 URL - 1 URL - 2 Per identificare i singoli documenti ipertestuali è necessario associare ad ognuno di essi un nome particolare È stato sviluppato l URL (Uniform Resource Locator) per rappresentare il nome con cui una risorsa è conosciuta nella rete della seguente forma: tipo://indirizzo/percorso/oggetto dove - tipo è il protocollo di trasferimento o il tipo di servizio (http, ftp, file,...) - indirizzo è l indirizzo IP dell elaboratore su cui si trova fisicamente la risorsa - percorso è la localizzazione logica all interno dell elaboratore - oggetto è il nome della risorsa D. Gubiani Reti di Calcolatori 67 D. Gubiani Reti di Calcolatori 68 Per fare in modo che tutti gli elaboratori possano passarsi dati e leggerli nello stesso modo sono stati concordati degli standard - HTTP (HyperText Transfer Protocol) ed un linguaggio di formattazione - HTML (HyperText Markup Language) I browser sono dei particolari programmi che utilizzano il protocollo HTTP per raggiungere e recuperare le informazioni e il linguaggio HTML per impaginare l ipertesto - Explorer, Netscape, FireFox Mozilla,... HyperText Transfer Protocol (HTTP) definisce sia il linguaggio di scambio che i formati dei messaggi scambiati Adottato dal W3C dal 1990: - HTTP/0.9: solo servizio di trasferimento file - HTTP/1.0: consente scambio di messaggi nel formato MINE - HTTP/1.1: introduce il tipo di connessione permanente Fornisce un insieme (estensibile) aperto di metodi e campi per indicare lo scopo della richiesta D. Gubiani Reti di Calcolatori 69 D. Gubiani Reti di Calcolatori 70 - Architettura Modalità di Il è basato sull architettura client-server - il client, un qualsiasi browser ( Explorer, Netscape Navigator, Mozilla/Firefox...) - il server web (ad esempio Apache) In generale il protocollo HTTP consiste nello scambio di messaggi del tipo richiesta/risposta - il client invia una richiesta costituita da metodo, identificatore URL, versione e un messaggio in formato MINE con intestazione ed eventuale corpo - il server risponde con una linea di stato (versione + successo o meno) seguita da un messaggio in formato MINE contenente informazioni del server, metadati e l eventuale corpo D. Gubiani Reti di Calcolatori 71 D. Gubiani Reti di Calcolatori 72

13 Metodi Accesso a una Pagina Web - 1 Metodi Descrizione GET richiede di leggere una pagina web HEAD richiede di leggere l intestazione di una pagina PUT richiede di memorizzare una pagina web POST accoda alla risorsa indicata DELETE rimuove la pagina web TRACE mostra la richiesta in ingresso CONNECT riservato per utilizzi futuri OPTIONS interroga determinate opzioni Uso del metodo GET tra un browser Mozilla e un server web con un proxy D. Gubiani Reti di Calcolatori 73 D. Gubiani Reti di Calcolatori 74 Accesso a una Pagina Web - 2 HyperText Markup Language (HTML) è un linguaggio per la strutturazione dell informazione in forma di ipertesto D. Gubiani Reti di Calcolatori 75 D. Gubiani Reti di Calcolatori 76 Linguaggi di Rappresentazione Simboli di Annotazione Un documento in forma elettronica possiede tre principali caratteristiche: - struttura: organizzazione logica dei documenti (parti in cui è composto e relazioni fra di esse) - contenuto: dati del documento (gli oggetti) - presentazione: stesura e grafica (font, stili, allineamenti...) Una tecnica per aggiungere informazioni sulle caratteristiche è aggiungere annotazioni tramite simboli di annotazione o markup tag, detti anche marcatori o tag Si distinguono due tipi di simboli: - di markup descrittivo o semantico: per denotare elementi significativi della struttura del documento - di markup procedurale: specificano le azioni che un programma di formattazione deve effettuare in un dato punto (es. salto pagina, allineamento, caratteri...) D. Gubiani Reti di Calcolatori 77 D. Gubiani Reti di Calcolatori 78

14 Linguaggi di Annotazione (o Markup) Esempio di Documento Un linguaggio di annotazione (o markup) è un sistema formale per scambiare e pubblicare informazioni in modo strutturato costituito da: - definizione di elementi e tag - sintassi dei tag - eventuale semantica dei tag Uno dei più importanti ling. di annotazione è lo Standard Generalized Murkup Language (SGML) (standard internazionale nel 1986) Da esso è derivata un ampia gamma di linguaggi: XML, HTML e XHTML, Rich Text Format (RTF) e LaTeX D. Gubiani Reti di Calcolatori 79 D. Gubiani Reti di Calcolatori 80 Linguaggi di Presentazione a CSS L evoluzione del web ha richiesto la separazione fra contenuto e presentazione I requisiti di multicanalità e accessibilità hanno favorito l origine e lo sviluppo dei linguaggi di presentazione Attualmente due sono i primcipali ling. di presentazione: - Cascading Style Sheets (CSS) - extensible Style Sheets (XSL) Raccomandati dal W3C, la prima specifica fu approvata nel 1996 (CSS1), la seconda nel 1998 (CSS2) e attualmente è in fase di sviluppo la terza (CSS3) I fogli di stile CSS associano all insieme di elementi del contenuto una o più proprietà di presentazione I browser, nell interpretare un documento, accedono anche al foglio di stile specificato nell intestazione del documento e lo usano per la realizzazione della sua presentazione D. Gubiani Reti di Calcolatori 81 D. Gubiani Reti di Calcolatori 82 Esempio CSS - 1 Esempio CSS - 2 D. Gubiani Reti di Calcolatori 83 D. Gubiani Reti di Calcolatori 84

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Appunti di Antonio Bernardo

Appunti di Antonio Bernardo Internet Appunti di Antonio Bernardo Cos è Internet Internet può essere vista come una rete logica di enorme complessità, appoggiata a strutture fisiche e collegamenti di vario tipo (fibre ottiche, cavi

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET Programmi Outlook Express Internet Explorer 72 DNS Poiché riferirsi a una risorsa (sia essa un host oppure l'indirizzo di posta elettronica di un utente) utilizzando un

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

LA POSTA ELETTRONICA

LA POSTA ELETTRONICA LA POSTA ELETTRONICA Nella vita ordinaria ci sono due modi principali di gestire la propria corrispondenza o tramite un fermo posta, creandosi una propria casella postale presso l ufficio P:T., oppure

Dettagli

PAOLO CAMAGNI RICCARDO NIKOLASSY. I linguaggi. Web. del. HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP

PAOLO CAMAGNI RICCARDO NIKOLASSY. I linguaggi. Web. del. HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP PAOLO CAMAGNI RICCARDO NIKOLASSY I linguaggi del Web HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP Paolo Camagni Riccardo Nikolassy I linguaggi del Web HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP EDITORE ULRICO

Dettagli

IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP

IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP Reti di Calcolatori IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 6-1 Applicazioni di Rete Domain Name System (DNS) Simple Network Manag. Protocol (SNMP) Posta elettronica

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette.

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+...

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+... Setup delle ConnessioniTCP Una connessione TCP viene instaurata con le seguenti fasi, che formano il Three-Way Handshake (perchè formato da almeno 3 pacchetti trasmessi): 1) il server si predispone ad

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 7

Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Il protocollo Programma della lezione file transfer protocol descrizione architetturale descrizione

Dettagli

GESTIONE DELLA E-MAIL

GESTIONE DELLA E-MAIL GESTIONE DELLA E-MAIL Esistono due metodologie, completamente diverse tra loro, in grado di consentire la gestione di più caselle di Posta Elettronica: 1. tramite un'interfaccia Web Mail; 2. tramite alcuni

Dettagli

CORSO RETI INFORMATICHE

CORSO RETI INFORMATICHE CORSO RETI INFORMATICHE Che cos è una rete Una rete è un sistema di interconnessione non gerarchico tra diverse unità. Nel caso dei computer la rete indica l insieme delle strutture hadware, tra cui anche

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice Pagina 1 di 14 Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice servizi del livello trasporto multiplexing/demultiplexing trasporto senza connesione: UDP principi del trasferimento dati affidabile trasporto

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di

Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di Trapa L., IBN Editore, a cui si può fare riferimento per maggiori approfondimenti. Altri argomenti correlati

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato Un protocollo è un insieme di regole che permettono di trovare uno standard di comunicazione tra diversi computer attraverso la rete. Quando due o più computer comunicano tra di loro si scambiano una serie

Dettagli

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito, semplice da utilizzare e fornisce

Dettagli

Posta Elettronica. Claudio Cardinali claudio@csolution.it

Posta Elettronica. Claudio Cardinali claudio@csolution.it Posta Elettronica Claudio Cardinali claudio@csolution.it Posta Elettronica: WebMail Una Webmail è un'applicazione web che permette di gestire uno o più account di posta elettronica attraverso un Browser.

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A.

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Reti di Calcolatori Livello di applicazione DNS A.A. 2013/2014 1 Livello di applicazione Web e HTTP FTP Posta elettronica SMTP, POP3, IMAP DNS Applicazioni P2P

Dettagli

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA Ottimizzazione dei processi aziendali Con il modulo E-mail Integrata, NTS Informatica ha realizzato uno strumento di posta elettronica

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

Funzioni nuove e modificate

Funzioni nuove e modificate Gigaset S675 IP, S685 IP, C470 IP, C475 IP: Funzioni nuove e modificate Questo documento integra il manuale di istruzioni dei telefoni VoIP Gigaset: Gigaset C470 IP, Gigaset C475 IP, Gigaset S675 IP e

Dettagli

Considerazioni generali nella progettazione di una rete

Considerazioni generali nella progettazione di una rete Considerazioni generali nella progettazione di una rete La tecnologia che ormai costituisce lo standard per le reti LAN è l Ethernet per cui si sceglie di realizzare una LAN Ethernet 100BASE-TX (FastEhernet)

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

Introduzione alle reti radiomobili. Meglio wireless o wired???

Introduzione alle reti radiomobili. Meglio wireless o wired??? GSM - GPRS Introduzione alle reti radiomobili Wireless Vs Wired L unica differenza sembra consistere nel mezzo trasmissivo radio, eppure: Le particolari caratteristiche del mezzo trasmissivo hanno un grosso

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005 Appunti sugli Elaboratori di Testo D. Gubiani Università degli Studi G.D Annunzio di Chieti-Pescara 19 Luglio 2005 1 Cos è un elaboratore di testo? 2 3 Cos è un elaboratore di testo? Cos è un elaboratore

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

3. La SemPeMuBaS INTRODUZIONE 3.1 LA SEM-PE-MU-BAS

3. La SemPeMuBaS INTRODUZIONE 3.1 LA SEM-PE-MU-BAS La SemPeMuBaS 3. La SemPeMuBaS INTRODUZIONE In questo capitolo viene introdotta la SemPeMuBaS (Semi-Permanent MultiBase Station - Stazione Semi-permanente per il posizionamento RTK in real time), in particolare

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux DNS (Domain Name System) Gruppo Linux Luca Sozio Matteo Giordano Vincenzo Sgaramella Enrico Palmerini DNS (Domain Name System) Ci sono due modi per identificare un host nella rete: - Attraverso un hostname

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Guida alle impostazioni generali

Guida alle impostazioni generali Istruzioni per l uso Guida alle impostazioni generali 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Collegamento della macchina Impostazioni di sistema Impostazioni Copiatrice/Document server Impostazioni fax Impostazioni Stampante

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione SEGNALAZIONE Segnalazione e sistemi di segnalazione Segnalazione Messaggi tra elementi di una rete a commutazione di circuito (apparecchi di utente e centrali o fra le varie centrali) che permettono la

Dettagli

Procedura accesso e gestione Posta Certificata OlimonTel PEC

Procedura accesso e gestione Posta Certificata OlimonTel PEC Procedura accesso e gestione Posta Certificata OlimonTel PEC Informazioni sul documento Revisioni 06/06/2011 Andrea De Bruno V 1.0 1 Scopo del documento Scopo del presente documento è quello di illustrare

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Formazione VPN

Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Formazione VPN Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Sommario Premessa Definizione di VPN Rete Privata Virtuale VPN nel progetto Sa.Sol Desk Configurazione Esempi guidati Scenari futuri Premessa Tante Associazioni

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT

Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT Il Titolare di una nuova casella PEC può accedere al sistema sia tramite Web (Webmail i ), sia configurando il proprio account

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema Software 2 Insieme di istruzioni e programmi che consentono il funzionamento del computer Il software indica all hardware quali sono le operazioni da eseguire per svolgere determinati compiti Valore spesso

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

G e s t i o n e U t e n z e C N R

G e s t i o n e U t e n z e C N R u t e n t i. c n r. i t G e s t i o n e U t e n z e C N R G U I D A U T E N T E Versione 1.1 Aurelio D Amico (Marzo 2013) Consiglio Nazionale delle Ricerche - Sistemi informativi - Roma utenti.cnr.it -

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4)

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4) Guida al nuovo sistema di posta CloudMail UCSC (rev.doc. 1.4) L Università per poter migliorare l utilizzo del sistema di posta adeguandolo agli standard funzionali più diffusi ha previsto la migrazione

Dettagli

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail Configurare un programma di posta con l account PEC di Il Titolare di una nuova casella PEC può accedere al sistema sia tramite Web (Webmail i ), sia configurando il proprio account ii nel programma di

Dettagli

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Tobia Castaldi Alessandro Amirante Lorenzo Miniero Simon Pietro Romano Giorgio Ventre 02/10/2009 GARR 2009 "Network

Dettagli

GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE...

GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE... GUIDA ALLE RETI INDICE 1 BENVENUTI... 4 2 GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE... 5 2.1 COMPONENTI BASE DELLA RETE... 5 2.2 TOPOLOGIA ETHERNET... 6 2.2.1 Tabella riassuntiva... 7 2.3 CLIENT E

Dettagli

Guida all'impostazione

Guida all'impostazione Guida all'impostazione dello scanner di rete Guida introduttiva Definizione delle impostazioni dalla pagina Web Impostazione delle password Impostazioni di base per la scansione di rete Impostazioni del

Dettagli

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi I semestre 03/04 Inidirizzi IP e Nomi di Dominio Domain Name System Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it)

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) In una rete TCP/IP, se un computer (A) deve inoltrare una richiesta ad un altro computer (B) attraverso la rete locale, lo dovrà

Dettagli

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads.

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads. MailStore Proxy Con MailStore Proxy, il server proxy di MailStore, è possibile archiviare i messaggi in modo automatico al momento dell invio/ricezione. I pro e i contro di questa procedura vengono esaminati

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

AVCP Generatore di XML

AVCP Generatore di XML AVCP Generatore di XML Perché è necessario... 2 Come Funziona... 3 Appalto... 3 Indice... 5 Anagrafiche... 6 Lotto... 7 Partecipanti... 9 Partecipante in Solitario (Partecipante)... 9 Partecipante in Raggruppamento...

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Altre opzioni Optralmage

Altre opzioni Optralmage di Personalizzazione delle impostazioni............ 2 Impostazione manuale delle informazioni sul fax......... 5 Creazione di destinazioni fax permanenti................ 7 Modifica delle impostazioni di

Dettagli

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows Progettare network AirPort con Utility AirPort Mac OS X v10.5 + Windows 1 Indice Capitolo 1 3 Introduzione a AirPort 5 Configurare un dispositivo wireless Apple per l accesso a Internet tramite Utility

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli