3. Sanità nazionale. Corriere Della Sera 20/07/2014 p. 36 Una barriera nell'intestino contro l'obesità grave Riccardo Renzi 8

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "3. Sanità nazionale. Corriere Della Sera 20/07/2014 p. 36 Una barriera nell'intestino contro l'obesità grave Riccardo Renzi 8"

Transcript

1 .

2 INDICE RASSEGNA STAMPA. 3. Sanità nazionale Avvenire 20/07/2014 p. 14 «Il Senato non pubblica le cartelle cliniche» 1 Avvenire 20/07/2014 p. 14 «Vi raccontiamo Stamina con gli occhi di Federico» Viviana Daloiso 2 Avvenire 20/07/2014 p. 18 Inchiesta sulle protesi all'anca difettose Coinvolti 5 dirigenti 5 di una società americana Corriere Della Sera 20/07/2014 p. 33 Adolescenti, alcol e droghe Claudio Mencacci 6 Corriere Della Sera 20/07/2014 p. 33 L'Italia ancora poco unita nel ricorso alle vaccinazioni 7 Corriere Della Sera 20/07/2014 p. 36 Una barriera nell'intestino contro l'obesità grave Riccardo Renzi 8 Corriere Della Sera 20/07/2014 p. 36 Quali possibilità come cura del diabete 2 10 Corriere Della Sera 20/07/2014 p. 37 Mi spieghi dottore Perché le immersioni richiedono molta Antonella 11 preparazione? Sparvoli Corriere Della Sera 21/07/2014 p. 31 Sigarette elettroniche 12 Corriere Della Sera - Corriereconomia Corriere Della Sera - Corriereconomia Corriere Della Sera - La Lettura Cronache Del Garantista 21/07/2014 p. 18 «I Google glass aiuteranno a curare meglio i pazienti» Michele Avitabile 21/07/2014 p. 19 Previdenza Il lato positivo del nuovo welfare privato Isidoro Trovato 20/07/2014 p. 8 Microbi e galassie, che vitaccia Sandro Modeo 20/07/2014 p. 10 A Torino indagati 5 manager Depuy Giornale 20/07/2014 p. 29 Ogni anno il diabete provoca 12mila ricoveri in ospedale 19 Giornale 20/07/2014 p. 29 Aiutiamo le nostre arterie Luigi Cucchi 20 Giornale 20/07/2014 p. 29 Il centro di osteoncologia del Regina Elena di Roma è"unico in 21 Italia Giornale 20/07/2014 p. 29 L'orticaria cronica dura per 6 settimane Ancora sconosciute le 22 cause scatenanti Giornale 20/07/2014 p. 29 Lenti a contatto supersmart per pazienti con il diabete Luisa Romagnoni 23 Messaggero 20/07/2014 p. 16 TORINO PROTESI D'ANCA DIFETTOSE INDAGATI 5 DIRIGENTI 24 Messaggero 20/07/2014 p. 17 Boom dei prodotti "gluten free" anche tra i sani 25 Messaggero 20/07/2014 p. 17 Fenomeno celiachia, +500% tra i bambini Carla Massi 26 Repubblica 21/07/2014 p. 17 Tabacco, sentenza record Dal gigante delle sigarette 19 Alberto Flores 27 miliardi a una vedova D'Arcais Secolo Xix 20/07/2014 p. 1 REGIONE INDEBITATA A RISCHIO GLI OSPEDALI GALLIERA E Roberto Sculli 29 DEL PONENTE Secolo Xix 21/07/2014 p. 4 Dall'Aifa all'iss, ecco come cambia la Sanità 32 Secolo Xix 21/07/2014 p. 13 Il fegato ci difende dai batteri nell'intestino 33 Secolo Xix 21/07/2014 p. 13 Sanità, troppe differenze fra le Regioni 34 Secolo Xix 21/07/2014 p. 13 Il benessere adesso viaggia anche in Rete 35 Secolo Xix 21/07/2014 p. 13 Questioni di naso, attenti all'olfatto Federico Mereta 36 Sole 24 Ore 21/07/2014 p. 4 Albi, l'inarrestabile discesa dei nuovi iscritti Valeria Uva 38 Sole 24 Ore - Risparmio E Famiglia 21/07/2014 p. 7 Il miglior guadagno viene dall'università Gaia Giorgio Fedi Stampa 21/07/2014 p. 13 Multa da 23 miliardi, una vedova abbatte il gigante del Paolo Mastrolilli 43 tabacco Tempo 20/07/2014 p. 20 Il glaucoma si vince a 40 anni senza operazione Marino 45 Collacciani Tempo 20/07/2014 p. 21 Guerra al ritorno della tubercolosi nei paesi ricchi Giovanni Battista 46 Migliori, Mario Raviglione Indice Rassegna Stampa Pagina I

3 INDICE RASSEGNA STAMPA. 8. La Ricerca Repubblica Affari Finanza Sole 24 Ore - Domenica 21/07/2014 p. 29 L'automa in ospedale per la riabilitazione motoria 20/07/2014 p. 24 Una fronda di 700 cervelli Sylvie Coyaud Sole 24 Ore - Nova 20/07/2014 p. 7 L'interpretazione delle ricerche Marco Passarello 49 Indice Rassegna Stampa Pagina II

4 m «Il Senato non pubblica le entre si attende - a dire il vero senza notizie di sorta-che il terzo comitato ministeriale chiamato dalla Lorenzin a esprimersi sul metodo Stamina produca il suo parere (a cui peraltro è legata l'obiezione di coscienza messa in campo dai medici di Brescia), procedono le audizioni in Commissione Sanità del Senato sulla vicenda. Questa settimana era toccato intervenire proprio alle famiglie dei pazienti, riunite nel Movimento vite sospese, di cui la mamma di Federico, Tiziana Massaro (che di professione fa l'avvocato), è rappresentante. Nel corso dell'audizione sono stati presentati numerosi documenti e in particolare le cartelle cliniche di 32 pazienti in cui si dimostrerebbero i miglioramenti che hanno ricevuto con le infusioni delle cellule trattate con il metodo Statuina. Ora però su quella documentazione scoppia un caso, perché il Senato - che aggiorna sul proprio sito i lavori della Commissione e allegapuntualrnente i vari documenti presentati da chi viene di volta in volta ascoltato - ha invece escluso proprio le cartelle cliniche e il video consegnati dal Movimento vite sospese. Che accusa: «Questa è la dimostrazione che vogliono nascondere la verità». Dal Senato fanno sapere che il materiale non è stato pubblicato «in quanto mancano le autorizzazioni delle famiglie» e che «contiene dati sensibili per la privacy di minori». Ma alla risposta delle famiglie che acconsentono alla pubblicazione sarebbe stata addotta- sempre secondo il Movimento vite sospese- un'altra scusa: che i file cioè erano in for- elle cliniche» mato jpg e non pdf (file poi convertiti, ma ancora assenti online, almeno fino alla tarda serata di ieri). Sull'altro fronte, anche i medici si muovono per chiedere chiarezza sulla vicenda: il sindacato che li riunisce (Smi) ha scritto una lettera al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano criticando duramente Csm, Aifa, ministeri della Salute e della Giustizia sull'immobilismo nella vicenda Stamina: «Nessuno prende posizione per fare chiarezza, ribadendo da un lato l'indipendenza dei giudici, dall'altro intervenendo per evitare scelte contraddittorie e invasioni di campo in terreni estranei come quelli della clinica medica e della ricerca scientifica». Una situazione di confusione assoluta che, secondo imedici, solo il capo dello Stato potrebbe chiarire. (V. D.) II Movimento vite sospese contro la Commissione Sanità E i medici scrivono a Napoletano 3. Sanità nazionale Pagina 1

5 «Vi raccontiamo Statuina con gli occhi di Federico» I genitori del bimbo su cui il tribunale di Pesaro ha ordinato le infusioni: «Nessuno ci ascolta» VIVIANA DALOISO a giornata comincia all'alba, tra corse e spasmi. Statuina, in questa casetta di Fano, si chiama Federico. Gli occhi vivi, profondi, il corpo di appena 3 anni e mezzo spezzato dal K- rabbe. Sembra il nome di una bestia mitologica, e invece il mostro di fantastico non ha nulla: è carne, e paralisi, e incessante sofferenza. «Vivila ogni giorno ed eccoci qui: noi famiglie. Quelle su cui s'è dettotutto, spesso il falso, quelle che ogni giorno è una lotta col mostro. Nessuno ci ascolta, e se ci ascoltano, come è avvenuto questa settimana in Senato, poi nascondono quello che abbiamo detto. Adesso io voglio parlare». Niente lacrime, vittimismo, rassegnazione. Tiziana Massaro è una di quelle mamme che a incontrarle bisogna esser preparati: il concetto di maternità con cui si è entrati, i- nevitabilmente, ne uscirà stravolto. Nelle braccia la forza di salvare la vita al suo Federico due o tre volte al giorno, se necessario, con manovre e interventi manuali. Nel cuore lo spazio diviso equamente, a costo di enormi sacrifici, tra il marito Vito, Federico e Alessandro (che la natura ha voluto - a differenza del suo gemello - sanissimo). Nella testa un unico, sacrosanto intento: poter curare suo figlio. Un obiettivo raggiunto a forza - e per l'ennensima volta - qualche settimana fa, grazie a una discussa ordinanza del Tribunale di Pesaro, che nominando suo ausiliario il pediatra Marino Andolina ha ordinato per Federico la continuazione della terapia con le staminali agli Spedali Civili di Brescia. In nome della rivendicazione di Staminaspesso siete stati additati come dei creduloni : si è detto che avete messo i vostri figli in mano a dei ciarlatani. Che ne pensate di questi giudizi? Ci riempiono di rabbia. Vorrei che in questo momento ogni genitore d'italia fosse qui, davanti a noi, a dirci cosa farebbe per il suo bambino che soffre. Vorrei che fossero davanti a me quei ricercatori che dicono «la scienza c'è, è viva». Solo parole. Abbiamo cercato una risposta consultando le cliniche più prestigiose. Non abbiamo trovato uno straccio di terapia. Anzi, lungo il nostro percorso abbiamo incontrato solo medici che della malattia di Krabbe non sapevano nulla, pediatri che ci prescrivevano farmaci incompatibili con lo stato di salute di Federico, Asl che stentavano a fornirci persino i presidi sanitari utili per non fargli deformare gli arti inferiori o per poterlo spostare. Poi abbiamo incontrato la possibilità di Stamina. Come? La prima volta ne abbiamo sentito parlare sulla strada di Loreto, di ritorno dalla Madonna. A lei ho affidato più volte tutti i bimbi malati, con quel posto abbiamo un rapporto speciale. E poi attraverso il passaparola di altri genitori come noi. È tra genitori che ci aiutiamo, coi nostri figli spesso lasciati indietro dalla sanità. È da mamme come me che ho imparato a disostruire mio figlio, quando il muco gli rendeva impossibile respirare. Se non lo avessi imparato, Federico sarebbe già morto migliaia di volte. Come vi siete affidati avannoni? Non ci siamo affidati a nessuno. Abbiamo ottenuto un posto nel secondo ospedale pubblico d'italia, quello di Brescia, dove il fior fiore di medici ed é- quipe specializzati ci hanno fornito una terapia a base di cellule staminali mesenchimali vive, sicure, sterili, provenienti da donatori sani, così come certificato dallo stesso ospedale. Della terapia in questione l'aifa era in perfetta conoscenza e Irresponsabili e creduloni? «N on lo siamo. Nostro figlio e in cura nel secondo ospedale pubblico italiano, che ha documentato tutto ciò che gli è stato fatto» 3. Sanità nazionale Pagina 2

6 sulla vitalità di quelle cellule ha espresso un giudizio di idoneità persino l'istituto Superiore di Sanità, che ho qui in mano mentre parlo. Dov'è la relazione dell'istituto Superiore della Sanità? Perché la commissione del Senato sull'indagine conoscitiva su Stamina non la acquisisce agli atti? Ho decine e decine di documenti da mostrare in cui viene precisato cosa è somministrato a Federico, nei particolari. Quale genitore non pretenderebbe questa accuratezza per suo figlio? Di Stamina invece è stato detto, all'improvviso, che è un trattamento pericoloso, che noi genitori siamo degli irresponsabili, che nelle infusioni c'è veleno di serpente. La vostra battaglia ha avuto più visibilità di altre per l'ordinanza del Tribunale di Pesaro e per il fatto che l'infusione "straordinaria" su Federico è stata effettuata da Marino Andolina. Che è il braccio destro divannoni ed è indagato alla Procura di Torino per associazione adelinquere e truffa. Questo non vi crea problemi? Non ce ne crea affatto, nella misura in cui quell'inchiesta ha detto cose che noi abbiamo riscontrato non corrispondenti alla verità. E perché, nell'ambito delle indagini, noi genitori con i figli in cura a Brescia (i "truffati") non siamo stati sentiti. Io e Vito non abbiamo mai pagato nessuno, non siamo mai stati ingannati o raggirati con promesse di guarigione. Se poi sarà provato che Vannoni o qualcun altro ha sbagliato questo non riguarda la metodica Stamina. Noi non siamo per Vannoni o contro Vannoni, noi curiamo nostro figlio e quello che a Brescia è stato fatto per Federico non solo ha rispettato tutte le leggi e le normative vigenti (dalla legge Turco/Fazio sulle cure compassionevoli al decreto Balduzzi), malo ha mantenuto in vita, ha migliorato la qualità della sua e della nostra vita. Quanto ad Andolina, che è anche riconosciuto come il pioniere dei trapianti di midollo per bambini in Italia, per lui, come per chiunque altro, dovrebbe valere il principio di presunzione di innocenza sino al terzo grado di giudizio. Dunque avete l'impressione che queste infusioni abbiano un effetto positivo su Federico? Non ne abbiamo l'impressione, ne abbiamo la certezza assoluta attestata anche con documenti medici di strutture sanitarie pubbliche. Avremmo continuato a combattere a suon di ricorsi, viaggi, spese infinite se Federico non stesse meglio? Dopo le infusioni mio figlio cessa di avere spasmi muscolari, è più reattivo, riesce a deglutire, dorme sereno. Non guarisce, ovvio: al momento non c'è alcuna cura per questa malattia così come non ci sono terapie di supporto se non con psicofarmaci. Ma queste infusioni lo fanno stare meglio e per questo io sono disposta a lottare con tutte le mie forze. Continuerete la vostra battaglia contro tutto e tutti per ottenere le terapie? I nostri bambini non muoiono perché hanno ricevuto infusioni di cellule mesenchimali di Stamina, ma perché gliele tolgono. Questa evidenza, però, non la vuole vedere nessuno. Io pretendo soltanto il rispetto dell e leggi dello Stato e dei provvedimenti giudiziari. Voglio che Federico viva, voglio che sia aiutato a vivere meglio con Stamina perché altro non c'è! A Brescia sono state fatte quasi 400 infusioni senza alcun effetto collaterale. È certificato dall'azienda ospedaliera e verificato dal Tar del Lazio sulla base della documentazione prodotta in giudizio. Perché mentono continuando a dire il contrario? A chi giova? «Non siamo stati truffati, Stamina non ci ha promesso una guarigione M a Stamina fa stare meglio Federico e per questo siamo disposti a lottare contro tutto e tutti» o RIPRODULONE RISERVATA 3. Sanità nazionale Pagina 3

7 Le famiglie manifestano davanti agli Spedali di Brescia. Sopra, Tiziana e Federico S ofia a liiher e, tutti i volti d elle m alattie pe r cui l a scienza non ha anco ra trovato u na cura Sono tante e si assomigliano, le storie di sofferenza e di abbandono da parte delle istituzioni delle famiglie che sostengono Stamina. L'ultima l'ha raccontata, carta e penna alla mano, Guido De Barros, il papà della piccola bimba di Firenze Sofia, divorata dalla leucodistrofia metacromatica. Che ha scritto una lettera commovente al presidente del Consiglio Matteo Renzi: «Le scrivo con mia figlia tra le braccia, esanime e sconvolta dopo u- na giornata intera di convulsioni e crisi di dolore acuto resistente ai farmaci prescritti dai medici dell'ospedale pediatrico Meyer». L'appello era lo stesso dei genitori di Federico, poter continuare con Stamina, e oggi verrà rilanciato con un'iniziativa sponsorizzata da anonimi: un aereo che volerà sul litorale tirrenico trascinando la scritta #iostoconsofia. Di leucodistrofia metacromatica era ammalato anche il piccolo Guilherme, il bimbo italobrasiliano di cui Avvenire ha raccontato la storia di solidarietà ai primi di luglio. I genitori erano venuti in Italia per Stamina, avevano ottenuto le infusioni per il figlio fino a gennaio scorso e poi, dopo lo stop degli Spedali di Brescia, avevano vinto un ricorso che li autorizzava a continuare la terapia. Ma, vista la situazione di stallo, avevano deciso di tornare in Brasile, anche grazie alla solidarietà dell'ospedale Infermi di Rimini. Il piccolo Guilherme si è spento venerdì scorso, proprio durante quel volo di Stato. Altri nomi di piccoli malati sono quelli di Noemi, Celeste, Daniele: per la loro sofferenza indicibile non c'è una cura. Ma ci dovrebbe essere almeno una risposta univoca e chiara sulla vicenda Stamina. 3. Sanità nazionale Pagina 4

8 r,. Inchiesta sulle protesi all'anca difettose Coinvolti 5 dirigenti di una società americana Torio. Protesi d'anca difettose e tossiche. Sono una ventina le persone che da tutta Italia si sono rivolte alla procura di Torino lamentando problemi di salute dopo un impianto. L'interlocutore non è stato scelto a caso: è da più di un anno che il pubblico ministero Raffaele Guariniello e i carabinieri del Nas conducono accertamenti sugli apparecchi prodotti dalla Depuy, storica società americana che oggi fa parte del gruppo Johnson & Johnson. Il magistrato piemontese procede per lesioni colpose e messa in commercio di prodotti pericolosi e ha iscritto i nomi di cinque dirigenti nel registro degli indagati. La questione si trascina da tempo: il ministero e le autorità sanitarie di diverse Regioni italiane ne sono state investite. Secondo il rapporto stilato da due consulenti di Guariniello, un ingegnere del Politecnico di Torino e un traumatologo, le protesi possono provocare una complicanza chiamata metallosi. Le parti in metallo degli apparecchi fanno attrito, si usurano e rilasciano ioni di cromo, cobalto e nichel nel sangue e nei tessuti. Scompensi cardiaci e problemi ai reni sono alcune delle possibili conseguenze per la salute dei portatori. 3. Sanità nazionale Pagina 5

9 ADOLESCENTI, ALCOL E DROGHE di CLAUDIO MENCACCI è un periodo della vita in cui si manifesta una grande vulnerabilità per l'esordio di patologie psichiche e perla dipendenza verso alcol e droghe, è l'adolescenza. Il 75% dei disturbi mentali insorge durante questo passaggio, quando vengono definite le capacità, le conoscenze, le abilità specifiche di ciascuno e vengono rafforzate le modalità relazionali e le competenze nell'affrontare le nuove situazioni. È un momento di fragilità neurobiologica e psicologica dovuta anche alle fasi di maturazione di alcune aree della corteccia cerebrale. Alcune maturano prima (corteccia occipitale e parietale), altre dopo (corteccia frontale). Nelle donne la piena maturazione del cervello avviene attorno ai anni, negli uomini ai anni. Questi tempi differenti hanno implicazioni importanti sulla gestione dell'impulsività e sulla ricerca di "sensazioni forti". In particolare vi è un'area celebrale (n.accumbens) che tra i 12 e i 20 anni predispone i giovani a sviluppare più facilmente dipendenza verso l'alcol e gli È un fase della vita caratterizzata da fragilità neurobiologica e psicologica stupefacenti. La concomitanza, in alcuni giovani in questa fascia di età, di fattori di vulnerabilità genetica e famigliare, li espone in caso di associazione frequente di alcol e cannabis, a un rischio elevato di patologie psichiche e di dipendenze. I soggetti più a rischio per la dipendenza da alcol sono coloro che precocemente vanno incontro a intossicazioni acute dovute a bevute irregolari e intense (tipiche del fine settimana) e all'assunzione concomitante di cannabis, oggi modificata geneticamente con maggiori concentrazioni di principio attivo. Durata, quantità e concentrazione del consumo sono elementi fondamentali dell'esposizione al rischio. Compito delle neuroscienze è continuare a studiare i fattori di vulnerabilità e di rischio, compito della società è tutelare l'adolescenza per favorire un accesso protetto all'età adulta con la piena consapevolezza che queste dipendenze aumentano i disturbi mentali già così diffusi nella popolazione, compito dei media è informare correttamente, compito dei genitori è tenere saldo il timone in un periodo periglioso della vita dei propri figli, non banalizzando, né drammatizzando, ma dando gli strumenti affettivi e cognitivi per affrontare il proprio futuro. * Direttore Dipartimento di Neuroscienze Ospedale Fatebenefratelli- Oftalmico, Milano, Past President Società Italiana di Psichiatria 3. Sanità nazionale Pagina 6

10 I talia ancora *f M L -. i alle poco uníta va `p c a «L'Osservatorio Nazionale sull'impiego dei Medicinali (OsMed) ha recentemente diffuso, nell'ambito del suo annuale Rapporto, anche la "mappa" dell'utilizzo dei vaccini in Italia, evidenziando un lieve incremento delle vaccinazione nel 2013 rispetto al 2012, ma anche nette differenze regionali.. Il calo nell'utilizzo del vaccino esavalente a livello nazionale nel 2013 rispetto al 2012 I dati dello scorso anno vedono Lombardia, Piemonte e Sardegna nelle ultime posizioni, con un "consumo"di vaccini compreso tra 0,7 e o,8 dosi al giorno per mille abitanti. Ai vertici della classifica per le vaccinazioni, invece, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia-Giulia, Puglia, Sicilia e Liguria, regioni che fanno registrare consumi da 1,1 a 2,1 dosi giornaliere per mille abitanti. Analizzando i dati per singolo vaccino il Rapporto OsMed segnala che quello per l'hpv (Papilloma Virus), fa registrare tra il 2012 e il 2013 un calo dell'8,4%. In discesa rispetto al 2012 anche l'impiego del vaccino esavalente - contro difterite, tetano, pertosse acellulare, polio, Haemophilus influenzae tipo B, epatite B -, con consumi nazionali diminuiti del 3,4 %. II Rapporto OsMed 2014.agen ziafa rma co.gov.it / it 3. Sanità nazionale Pagina 7

11 Nuovo intervento, reversibile e meno invasivo. Negli Usa però la sua approvazione «ufficiale» non c'è ancora idea terapeutica è semplice, una strada già nota e già percorsa: per ridurre l'obesità basta diminuire l'assorbimento del cibo che transita nelle vie gastro-intestinali. Su questo principio si basa da tempo, per esempio, la metodica del "by pass" gastrico, una tecnica chirurgica che intervenendo sullo stomaco in pratica fa "saltare" al cibo un tratto gastrico riducendone l'assorbimento. Ora però lo sviluppo delle tecniche endoscopiche e dei materiali permette una soluzione ancora più semplice basata sulla stessa idea. Si tratta di un dispositivo chiamato Endobarrier, in pratica un tubo di materiale plastico, che viene introdotto nel primo tratto del duodeno, subito dopo lo stomaco, e che costituisce appunto una barriera interna tra il cibo e la mucosa intestinale. Questa specie di manicotto, di circa 6o centimetri, viene ancorato con dei ganci alla parete e resta in sede per un anno. Si tratta di una tecnica, in questo momento alla prova in tutto il mondo, che promette non soltanto buoni risultati contro l'obesità, ma anche di essere un possibile valido strumento per curare il diabete di tipo 2. «Questa metodica ha molti vantaggi rispetto alle altre tecniche di chirurgia dell'obesità - dice Andrea Formiga, responsabile dell'unità chirurgica Capitanio dell'istituto Auxologico Italiano, uno dei primi in Italia con la sua équipe ad aver sperimentato l'endobarrier -. Prima di tutto è una procedura totalmente endoscopica: in sostanza il dispositivo viene introdotto in anestesia totale per via naturale, dalla bocca e attraverso lo stomaco, e il paziente può lasciare l'ospedale entro 48/72 ore. In secondo luogo si tratta di un intervento reversibile: l'obbiettivo è di lasciare nell'intestino per un anno il dispositivo, che però può essere rimosso in qualsiasi momento. Infine è una tecnica meno costosa, il che non guasta, rispetto alla chirurgia tradizionale per l'obesità, per la ridotta degenza e il risparmio sui farmaci». L'uso della nuova "barriera" è stato autorizzato in Europa e infatti gran parte degli oltre interventi fin qui eseguiti sono stati praticati nel nostro continente, in particolare in Belgio, Svizzera, Spagna e Gran Bretagna. In Italia questa pratica è solo agli inizi, con io interventi fino a oggi, 3 presso l'auxologico di Milano, un centro di eccellenza per tutti i tipi di terapie dell'obesità, e 7 all'ismett di Palermo. Negli Stati Uniti però questa nuova pratica endoscopica non è stata ancora autorizzata, dall'fda, che attende di esaminare i risultati degli interventi fin qui effettuati, raccolti in un registro internazionale. Anche in Italia manca ancora una validazione ufficiale e quindi l'intervento non è rimborsato per ora dal Servizio Sanitario. Ma quali sono, ad oggi, i risultati ottenuti? «Nei pazienti trattati si ottiene già nelle prime settimane una significativa riduzione di peso - dice Formiga - e complessivamente un calo del 30-35% del peso in eccesso. Si registra anche una diminuzione del senso di fame. Per quel che riguarda altri valori metabolici, abbiamo registrato un calo medio di due punti dell'emoglobina glicata e una riduzione del? per cento della glicemia, che sono gli indicatori più importanti relativi al diabete». Questi gli effetti. E i difetti? <dl problema più comune fin qui riscontrato è dovuto all'infiammazione, talvolta il sanguinamento, causato dai ganci che servono ad ancorare il dispositivo in sede. Sono stati segnalati anche pochi casi di ostruzione intestinale. Anche per questo al paziente viene raccomandata una dieta ipocalorica, e soprattutto di utilizzare cibo frammentato, ben cotto e ben masticato». «Abbiamo iniziato un anno fa, nell'ambito di uno studio di confronto tra questa tecnica e il "palloncino"» dice Mario Traina, responsabile di endoscopia digestiva all'ismett di Palermo, che sta curando la sperimentazione delle nuova tecnica assieme ad Anna Casu, diabetologa dello stesso Centro siciliano. Traina conferma i dati dei colleghi di Milano: «Abbiamo fatto sette interventi per ora (per cinque di loro disponiamo dei dati a nove mesi), senza problemi e complicanze, anche perché selezioniamo attentamente i pazienti. Questo è l'unico limite: l'intervento non è indicato in chi ha già avuto interventi allo stomaco o un ulcera duodenale e anche in chi è in terapia anticoagulante, il che purtroppo è frequente nei diabetici con problemi cardiaci. Per il resto è una tecnica relativamente semplice, che comporta rischi e complicazioni certamente inferiori a quelli degli altri tipi di chirurgia bariatrica». «É fondamentale, infine, - aggiunge Traina - che i pazienti siano selezionati e seguiti da un gruppo multidisciplinare, da tutti gli specialisti che sono coinvolti nelle problematiche dell'obesità e delle malattie connesse». Riccardo Renzi 3. Sanità nazionale Pagina 8

12 MECCANISMO DI ANCORAGGIO -ENDOSCOPIO ' DUODENO ---CIBO Altraverso a bocca, con un n endoscopie, viene rose it rel duodeno (ù P2l e in ale le/ I( GStno in tubo di materiale plastico morbido, che si fissa con un meccanismo t h ancoraggio o molla rn -'follo che non,ossa risalire neilc sto mvaco Attraverso i! tubo passa il cibo lr arrvo dal o stomaco, Che s1 ta í nsi una por forte i;;lestinale ú) porla Ie per asscrhit ienc 1eoh al-n enti Senipre attravelsc possibile chiudere i. cispcsitvo, tiss a, il tubo a,!lo Stonì<!Cc ec estrarle ai:ra.erso la bocca 3. Sanità nazionale Pagina 9

13 I Q _e Buoni risultati preliminari ««-i possibilita ìl)ilita coie cura de! dïabete gli effetti della metodica Endobarrier sono stati riscontrati significativi miglioramenti dei valori glicemici, tanto che viene presa in considerazione l'ipotesi che il diabete di tipo 2, più che l'obesità (condizione che spesso si accompagna alla malattia), possa diventare l'indicazione principale del nuovo trattamento. «Questa tecnica ha diversi vantaggi rispetto alla chirurgia tradizionale dell'obesità, - dice la professoressa Cecilia Invitti, diabetologa, direttrice del Dipartimento di scienze mediche e riabilitative dell'istituto Auxologico di Milano - ma se confrontiamo i risultati con la chirurgia più diffusa, il bypass gastrico (RYGB), vediamo che il calo di peso è un po' inferiore, mentre il miglioramento glucidico è uguale, se non superiore». «Ecco perché è interessante per la cura del diabete di tipo 2 - prosegue la specialista -. La chirurgia dell'obesità è molto impegnativa e indicata per grandi obesi. Ed è in genere poco gradita dai diabetici, che difficilmente vi ricorrono. Ma questa può essere una via intermedia adatta al loro stato. Si potrebbero trattare pazienti fortemente scompensati, che faticano a tenersi sotto controllo con i farmaci, anche se non sono grandi obesi, anche con un BMI (indice di massa corporea) inferiore a 30. Dai dati finora disponibili si sono notati poi due aspetti positivi dell'endobarrier in relazione al diabete: si ottiene un buon compenso della malattia già dopo poche settimane dall'intervento e, in secondo luogo, si è visto che il miglioramento viene mantenuto anche dopo che il dispositivo viene tolto. Anche se, a questo proposito, disponiamo di una documentazione che riguarda soltanto un periodo di sei mesi». Non è ancora chiaro agli scienziati il motivo per cui la riduzione dell'assorbimento gastrico in quel tratto di intestino stimoli la produzione di insulina e aiuti quindi a tenere il diabete sotto controllo. A parte la riduzione di peso, che è sempre positiva per chi soffre di diabete, si ipotizza un "effetto creatinico" (la creatina è un ormone naturale che stimola appunto la produzione di insulina) attraverso un meccanismo ancora sconosciuto, ma confermato dai risultati della chirurgia bariatrica. R. R. O RIPRODUZIONE RISERVATA 3. Sanità nazionale Pagina 10

14 Chi im k._ a k, s. IL w _ 1 w '. -* la ci 7,. a di ANTONELLA SPARVOLI Marco Brauzzi Vicepresidente Società italiana di medicina subacquea e iperbarica a maggior parte degli infortuni nelle profondità marine si verifica quando i sub, per inesperienza o eccessiva confidenza, non seguono le - basilari norme di sicurezza. «Barotraumi dell'orecchio, narcosi da azoto, malattia da decompressione ed embolia gassosa arteriosa sono gli incidenti principali, di solito prevenibili con le opportune precauzioni - premette Marco Brauzzi, vicepresidente della Società italiana di medicina subacquea e iperbarica e già responsabile del Centro di medicina iperbarica dell'ospedale Niguarda, di Milano -. I barotraumi dell'orecchio sono legati alle variazioni della pressione dell'acqua o dell'aria in immersione: se le pressioni esterne e interne al timpano, non vengono compensate, questo si può rompere. Per cui, se durante un'immersione, le manovre di compensazione non riescono e compare dolore, conviene fermare la discesa e risalire. La narcosi d'azoto è causata dall'aumento repentino della pressione parziale di azoto. Chi rischia di più questi problemi? Esistono fattori predisponenti, come uno scarso allenamento, tipico dei subacquei di media esperienza, e altre cause fisiche (stanchezza, indisposizione fisica) o psicologiche (ansia, stress). E la «famosa» malattia da decompressione? «È l'evenienza più nota e temuta. Ha un' incidenza, inferiore all'e%o ed è dovuta alla formazione di bolle di azoto in varie parti del corpo, con sintomi diversi a seconda dell'area colpita (i disturbi più tipici sono osteoarticolari, otovestibolari e neurologici ). Va sempre curata in camera iperbarica, così come l'embolia gassosa arteriosa, dovuta a un'improvvisa ostruzione delle arterie da parte di bolle di azoto». Come funziona il trattamento in camera iperbarica? «L'ossigenoterapia iperbarica si basa sulla respirazione di ossigeno puro a una pressione maggiore di quella atmosferica. Il risultato è che una maggior quantità di ossigeno viene disciolta nel sangue e quindi "spinta" nelle cellule. Nel caso di malattia da decompressione e di embolia gassosa arteriosa, l'ossigeno respirato a pressioni più alte di quella atmosferica favorisce l'eliminazione delle pericolose bolle d 'aria (emboli) nel circolo sanguigno». Quali le precauzioni per immergersi in sicurezza? «Innanzitutto, evitare il "fai date": immergersi solo dopo aver escluso la presenza di controindicazioni e dopo aver seguito un corso di durata adeguata (almeno un mese). Poi, bisogna pianificare l'immersione e controllare efficienza e affidabilità delle attrezzature. Inoltre, non bisogna immergersi con condizioni meteorologiche sfavorevoli e bisogna fare immersioni in "curva di sicurezza", cioè che permettano la risalita in superficie senza le cosiddette tappe di decompressione. Al primo accenno di malore, bisogna iniziare la risalita secondo le regole. Infine, nelle 12 ore successive a un'immersione, è bene evitare altre immersioni, viaggi aerei e altitudini superiori ai 30o metri». 0 RIPRODUZIONE RISERVATA 3. Sanità nazionale Pagina 11

15 Sigarette elettroniche II collega e amico Sergio Harari, nel rifarsi sul Corriere del 18 luglio a un documento della Società di medicina respiratoria, presenta affermazioni scientificamente infondate. Innanzitutto è evidente la mancata comprensione dei concetto di «riduzione dei danno da tabacco». La sigaretta elettronica è stata sempre promossa come prodotto sostitutivo del fumo. Dati raccolti negli ultimi 5 anni dimostrano come il vapore delle e-cigsia fino a volte meno tossico rispetto al fumo di tabacco, ed è scandaloso che società scientifiche blasonate facciano finta di dimenticarsene. E irresponsabile paventare rischi non provati scientificamente e privare i fumatori di un prodotto che riduce i rischi dei danni da fumo. E si sorvola sui dati positivi di numerosi studi clinici e indagini demoscopiche, come ad esempio quella di Action on smoking and health: circa utilizzatori di e-cig diventati exfumatori, e senza alcuna prova di fidelizzazione nei non fumatori. Non considerando quali possono essere le conseguenze di negare ai fumatori «pentiti» l'accesso - anche attraverso una tassazione eccessiva - a un prodotto con enormi potenzialità in termini di riduzione del danno fumo-correlato, le raccomandazioni del documento sono irresponsabili. Negare opzioni meno nocive può solo portare un aumento di malattie e morti. Milioni di fumatori in Europa e nel mondo stanno scoprendo qualcosa che funziona, che dà loro risultati immediati in termini di autostima e di significativo miglioramento della salute. Il vapagismo è una valida porta di uscita dal tabagismo. Negarlo, e in questo modo, fa male alle persone e alla credibilità della comunità scientifica. Riccardo Polosa Ordinario di Medicina Interna, Direttore Clinica Medica Policlinico Universitario di Catania e consulente scientifico Lega Italiana Anti Fumo Il professor Focosa è libero di avere le proprie opinioni ma, evidentemente, tutta la comunità scientifica internazionale la pensa diversamente. S.H. 3. Sanità nazionale Pagina 12

16 <d ge glass aiuteranno a eme 'o ipazienti» oniugare produzioni di qualità, prezzi competitivi e corposi investimenti in ricerca e sviluppo. E questa l'abile equilibrio imprenditoriale raggiunto da Copan Group, società specializzata nella produzione di tamponi per il prelievo di campioni microbiologici e apparecchiature tecnologiche biomediche. Un impegno che ha permesso al gruppo bresciano di registrare nel 2013 un giro d'affari pari a 80 milioni di euro, il 900/. grazie all'export verso Stati Uniti, Giappone ed Europa. Le previsioni sul 2014 sono ottimistiche: parlano di un incremento del fatturato tra l'otto e il dieci per cento. «Se nella sfida con le grandi multinazionali del settore riusciamo a essere vincenti - racconta Stefania Triva, direttore del sistema qualità e affari regolamentari di Copan Group - è soprattutto per tre motivi: l'elevato profilo professionale dei nostri 350 dipendenti, la capacità di rispondere con tempestività alle esigenze del mercato e un'intensa attività di ricerca, aperta a serrati confronti con il mondo universitario e imprenditoriale». Che gli investimenti in innova- zione siano Stetania Trïva, nel dna del direttore qualità gruppo è chiaro da tempo. Basti pensare che l'impresa lombarda ogni anno mette sul tavolo il 250/. del fatturato per progetti di ricerca e sviluppo fortemente ancorati a concreti risvolti produttivi. Tra le collaborazioni che suscitano particolare interesse da parte di Stefania e suo fratello Daniele, amministratore delegato di Copan Group, c'è quella con «Superparters Innovation Campus», incubatore che punta a far nascere e crescere aziende impegnate a introdurre sul mercato prodotti innovativi. Il risultato? Due progetti partiti l'anno scorso. «II primo - continua Triva - è Domestic monitoring, che grazie a sensori e software permette di controllare a distanza l'attività casalinga di un anziano o soggetto debole. Il secondo riguarda gli occhiali Google Glass, che attraverso un comando vocale potranno offrire a microbiologi e chirurghi che li indosseranno informazioni video in tempo reale stilla storia sanitaria di un paziente». MICHELE AVITABILE 3. Sanità nazionale Pagina 13

17 Assistenza Le principali iniziative degli enti che aspettano una riduzione dell'imposizione sui rendimenti annuali delle loro gestioni Il lato positivo del nuovo welfare privato Sconti contributivi ai giovani, asili nido, borse di studio, mutui e prestiti agevolati: cosa le casse aiutano gli associati DI ISIDORO TROVATO J1 nodo resta sempre il Fisco. Anche per il welfare dei professionisti. Se a gennaio 2015 il governo dovesse abbassare la tassazione agli enti di previdenza privata, si libererebbero risorse che verrebbero impiegate per un sistema di welfare più allargato. «Fare previdenza nei prossimi decenni significherà sicuramente adeguare i sistemi alla discontinuità del lavoro e a nuove forme di solidarietà - afferma Andrea Camporese, presidente dell_'as,,ociazione delle casse di previdenza private -. Dopo aver risposto positivamente alla richiesta di avere i conti in equilibrio nei prossimi 50 anni, ci aspettiamo che la dimensione sociale venga premiata mantenendo fede alla promessa di ridurre la tassazione sulle rei dite finanziarie». Intanto però le casse private hanno già presentato i loro progetti e proposte di welfare in tempo di crisi. a - L'obiettivo è quello di realizz, : e un autentico mutamento di prospettiva del concetto di assistenza, soprattutto per i più giovani nella fase di startup: prestiti d'onore, micro-credito, polizze, accesso alle banche dati, borse di studio, finanziamenti europei e interventi per garantire l'incasso delle parcelle per il gratuito patrocinio. In relazione a quest'ultimo punto, Cassa forense è disponibile ad anticipare allo Stato circa 180 milioni di euro per pagare gli avvocati che hanno prestato difesa d'ufficio avvalendosi di un meccanismo di compensazione debiti/crediti (i fondi «prestati» allo Stato verrebbero compensati con le ritenute che l'ente deve all'erario nel momento in cui eroga le prestazioni previdenziali). L'Enpam quest'anno ha messo sul piatto 50 milioni di euro per l'acquisto di quote di Fondi immobiliari specializzati nelle residenze sanitarie assistenziali destinate a persone: non autosufficienti. Inve- 3. Sanità nazionale Pagina 14

18 derà mutui fino a un massimo di 120 mila euro. Ne^ii ultimi anni la Casagit initaria rivolta ai giornalistil si «è fatta in 4» varando 3 nuovi profili assistenziali e peri ettendo così alle nuove professioni del giornalismo di poter accedere a una copertura sanitaria integrativa a partire da 300 euro l'anno. stendo sull'aumento del numero di posti letto per lungodegenti. la Fondazione persegue così un duplice obiettivo: mettere a frutto il patrimonio in un settore bisognoso di risorse e generare ricadute positive per la propria categoria professionale, incentivando la creazione di posti di lavoro qualificato in ambito medico-sanitario a favore di giovani iscritti e futuri neo-medici. Le altre proposte riguardano la concessione di mutui e leasing agevolati e prestiti d'onore per studenti e giovani laureati e l'istituzione di una polizza santaria base da estendere a tutti i medici e odontoiatri. a L'e di previdenza dei biologi ha pen sto al contributo di paternità. Si tratta di un provvedimento particolarmente significativo che tiene conto dei casi in cui la moglie del biologo padre, non abbia accesso a contributo di maternità. Invece i veterinari hanno pensato alle mamme destinando i fondi alla copertura delle spese per i costi degli asili nido o del baby sitting. Una misura che va ad integrare e prolungare la tutela che l'ente già garantisce alle professioniste con l'erogazione dell'indennità di maternità. Un vero e proprio sostegno alla professionalità femminile in un settore, come quello della medicina veterinaria, in cui i dati mostrano un aumento cre --cente d Ile quote rosa. Progetti speculari in campo agrario. La Cassa di previdenza degli agrotecnici e degli agrotecnici laureati erogherà prestiti fino ad un massimo di 20 mila euro mentre la Cassa di previdenza dei periti agrari e dei laureati conce- i a mancanza a livello nazionale di politiche assistenziali per i liberi professionisti ha spinto tnarcas, ad investire, nel 2013, quasi 98 milioni di euro in quello che è ormai comunemente definito il welfare integrato della Cassa di previdenza degli architetti e ingegneri liberi professionisti. I punti qualificanti sono: agevolazioni contributive ai giovani under 35: indennità per inabilità temporanea: prestiti d'onore per i giovani e le professioniste madri di figli in età prescolare o scolare; finanziamenti online agevolati; finanziamenti finalizzati all'allestimento o al potenziamento dello studio e allo svolgimento d'incarichi professionali (fino a 30 mila euro); stanziamenti straordinari (150 milioni nel 2013) sotto forma di specifiche linee di credito per finanziare gli obblighi previdenziali e rateizzare i contributi correnti; finanziamenti a tassi agevolati per attività professionale o per il pagamento dei contributi previdenziàli. 0 RIPRODLIIONE RISERVATA 3. Sanità nazionale Pagina 15

19 microrganismi i R i' SiS E'il 1 della 1'1"'ct studíatí soprattutto ambito n C) coi*onto con condizioni confiní del C)Si di SANDRO MODEO egli accessi remoti della Terra si nascondono organismi e microrganismi (per lo più batteri, ma anche microbi, funghi e alghe) capaci di adattarsi a condizioni ambientali proibitive: alle temperature altissime delle bocche vulcaniche, a quelle siderali dei ghiacci polari, a pressioni immani, a contesti iper-acidi, iper-salini o totalmente aridi. L'esempio sintesi - anche per la morfologia da avventori del pub di Star Wars in micro: otto zampe, unghie retrattili, copertura chitinosa - sono i prodigiosi tardigradi, che sopravvivono a escursioni monstre (dalla prossimità ai -273 dello zero assoluto ai 150 C, anche se per pochi minuti), a pressioni sei volte quelle dell'oceano profondo, alla mancanza di ossigeno e a radiazioni letali per qualunque altra specie. Classificati come «estremofili», tutti questi micro freaks sono studiati sia per la loro incidenza nella catena filogenetica (in quanto antenati comuni di organismi mono e pluricellulari), sia per certe anomalie strutturali-funzionali (riproduzione senza Dna, assenza di metabolismo, stringhe biochimiche meno fragili delle proteine) che ne fanno intravedere molte applicazioni concrete, specie in ambito farmacologico, col possibile impiego di enzimi capaci di rendere più economici ed efficienti certi processi biochimici. Eppure, per quanto possano spingere al limite le facoltà adattative, anche gli estremofili si muovono, nutrono e riproducono entro i vincoli astrofisico-climatici del nostro pianeta, dal fluttuare delle radiazioni solari a un mix di campo magnetico ed effetto-serra che trattiene l'acqua e il suo ciclo (a differenza di Venere o Marte, che hanno perso oceani e atmosfere). E se non si può escludere la presenza di condizioni e cocktail chimici simili altrove (a partire dai tanti esopianeti simil-terrestri fuori dal sistema solare o dalla Via Lattea) o che si possano sviluppare adattamenti in pianeti con cocktail diversi, siamo al momento - come mostra David Toomey in Weird Life, («Vita eccentrica») - in una dimensione teorico-ipotetica (vedi i discussi nanobatteri marziani) o addirittura ipotetico-fantastica, con sequenze che vanno dai «galleggiatori» medusei nella stratosfera di Giove all'esoluna di Pandora in Avatar, con la sua flora-fauna iridescente dovuta a radiazioni di luce (lunghezze d'onda) molto diverse dalle nostre. In realtà, se usciamo dall'equilibrio insieme tenace e precario della Terra come «isola» cosmica, vediamo come l'universo osservabile - dalle regioni prossime alle più remote - sia tendenzialmente inadatto alla vita organica, fitto di eventi e proprietà molto più estremi dei contesti degli estremofili. Per verificarlo basta seguire l'astrofisico australiano Bryan Gaensler in un viaggio (Universo da capogiro, ma in originale proprio Extreme Cosmos) lungo i vertici di dieci categorie della materia: temperatura, luce, tempo, dimensioni, velocità, massa, suono, elettromagnetismo, gravità e densità, il tutto tenendo presente la provvisorietà dei dati e delle sequenze (in un paesaggio cosmico altamente dinamico e per il 6o% inesplorato) e prendendo spesso a comparazione le misure familiari della Terra, del Sole e dei nostri tecno-strumenti. E un paesaggio in cui ogni sequenza sfida le nostre possibilità immaginative: nuclei di supernove in fusione a 5 miliardi di gradi (quello solare è a 15 milioni); ammassi globulari dalla radiante immensa (Omega Centauri con le sue mille stelle), ma fiochi rispetto a esplosioni di raggi gamma loo volte più luminose; aspettative di vita astrale minime (i lo milioni di anni di Betelgeuse) e interminabili (nane rosse fino a un trilione di anni); oggetti cosmici pigmei (pianeti nani, comete e asteroidi) e altri titanici (dalla supergigante UY Scuti - che sta al Sole come un pallone di basket a un acaro - all'agglomerato plurigalattico LQG U1.27 nel Leone, diametro di 4 miliardi di anni luce); raggi cosmici di protoni e altre particelle (vicini ai km/s della luce) che rimpiccioliscono i nostri prodigi aerospaziali (l'apollo lo a km/h). Quanto alle categorie restanti, gli estremi sono monopolio delle pulsar (che ruotano su se stesse fino a 716 volte al secondo) e soprattutto dei buchi neri: così a livello di massa, con buchi neri supermassivi 4o miliardi di volte il Sole; di densità e gravità, coi livelli della prima più importanti della massa nel determinare la seconda, come nel «piccolo» buco nero GRO J (1,2 miliardi di tonnellate per cm3 e una gravità parossistica); e di elettromagnetismo, con la Z Machine (generatore di raggi X fino a 70 milioni di ampere) che fa tenerezza rispetto al trilione di milioni di ampere sprigionato ogni millisecondo da radio-galassie emerse dagli scontri tra buchi neri e nebulose (tanta energia da soddisfare i bisogni della Terra per 20 milioni di anni). Ma Gaensler, va da sé, procede ben oltre il regesto virtuosistico di oggetti-agglomerati con nomi da codice Iban. Per un verso, colloca i fenomeni estremi in più vaste dinamiche astrofisiche: l'insinuante capitolo sul suono, per esempio, si traduce in una crono-storia acustica dell'universo, con la «sinfonia» dei primi anni (culminata in una nota di fondo 54 ottave sotto il Do centrale) seguita da un'espansione-raffreddamento nel silenzio assoluto, fino a quando lo scremarsi delle prime strutture dai collassi gassosi (stelle e galassie) ha fatto riemergere - con la luce - suoni come quelli delle esplosioni di supernove (a 330 decibel, tre volte un concerto rock). Per un altro verso, sottolinea passaggi contro intuitivi e implicazioni concettuali, configurando un cosmo in cui il firmamento appare sempre «in differita» per il tempo impiegato dalla luce a trasmettere l'immagine di un corpo osservato (un secondo per la Luna, 8 minuti per il Sole) e in cui il vuoto è solo una (estrema) rarefazione della materia, molto più estrema che in impalpabili galassie binarie come Napoleone e Giuseppina, dove la gravità è goo milioni di volte inferiore a quella di una mela che cade da un albero, e un sasso impiegherebbe 5o.ooo anni per spostarsi a 2 centimetri al secondo. Alla fine, gli adattamenti degli «estremofili» del micromondo (con connessioni cellulari sull'orlo dell'esplosione-disgregazione dell'organismo) e gli eventi o stati estremi dei corpi cosmici (dove l'esplosione-disgregazione è la norma, vedi ancora le supernove) sembrano applicazioni a diversa scala di una comune proprietà intrinseca della materia: in fondo, il ciclo vitale di un tardigrado e quello di una stella (nascita, sviluppo e morte) si somigliano. Anche se non bisogna mai dimenticare che questo è il (legittimo) punto di vista della nostra specola antropomorfa: che tutti i processi di creazione e distruzione (a volte sovrapposti, come nel cannibalismo tra buchi neri o nelle fusioni galattiche) sono solo processi di incessante trasformazione. 3. Sanità nazionale Pagina 16

20 ILLUSTRAZIONE DI AMALIA CARATOZZOLO Augusto, duemila anni fa 19 princeps reinventò Roma ggi si parla molto dei 1914, e ce n'è ben J ragione. Ma i «14» importanti risaltano spesso nel corso dei secoli. Così già nel I secolo l'anno 14 (duemila anni fa) perla morte di Augusto, che chiuse a 77 anni una vita di straordinaria importanza. Fu il primo imperatore romano, monarca a ogni effetto, ma ancora come princeps, ossia primo magistrato della repubblica, non come dominus, signore assoluto come l'imperatore diventò in seguito. All'impero diede un ordinamento che resse a lungo, anche se la restaurazione dei costumi che patrocinava ebbe scarso esito, e ne ampliò i confini, includendovi tra l'altro l'egitto. Fallì solo nel tentativo di sottomettere i Germani. Il suo ricordo vive anche nel calendario col nome del mese di agosto, ma soprattutto per il favore accordato a poeti e scrittori (Virgilio, Orazio, Tito Livio), per cui la sua epoca fu chiamata l'«età aurea» della cultura romana. RIPRODUZIONE RISERVATA Bìbìlografia Bryan Gaensler è un astrofisico australiano approdato all'università di Sydney dopo aver ricoperto incarichi negli Usa; il suo libro sui fenomeni estremi dei cosmo è Universo da capogiro (Dedalo, traduzione di Domenico Minunni, pp. 240, 16). David Toomey dirige il Programma di scrittura e comunicazione all'università di Amherst (Massachusetts): il libro sulla vita eccentrica (con il capitolo sugli estremofili) è Weird Life (Norton, 2013). Sugli estremofili negli oceani si può leggere Stephen R. e Anthony R. Palumbi, The Extreme Life of the Sea (Princeton University Press, 2014 ) 3. Sanità nazionale Pagina 17

Tu sei nel cuore di Fondo Est!

Tu sei nel cuore di Fondo Est! Tu sei nel cuore di Fondo Est! Prevenzione della Sindrome Metabolica 1 Fondo EST in collaborazione con Unisalute ti invita a partecipare alla campagna TU SEI NEL CUORE DI FONDO EST. Si tratta di uno screening

Dettagli

FAQ LE DOMANDE PIÙ FREQUENTI. Cosa s intende per malattie cardiovascolari? Il rischio di andare incontro a infarto è uguale per uomini e donne?

FAQ LE DOMANDE PIÙ FREQUENTI. Cosa s intende per malattie cardiovascolari? Il rischio di andare incontro a infarto è uguale per uomini e donne? Cosa s intende per malattie cardiovascolari? Le malattie cardiovascolari sono tutte quelle patologie che colpiscono il cuore e/o i vasi sanguigni. In caso di malattia si verifica una lesione in uno o più

Dettagli

DISPOSIZIONI URGENTI IN MATERIA SANITARIA

DISPOSIZIONI URGENTI IN MATERIA SANITARIA 90 DISPOSIZIONI URGENTI IN MATERIA SANITARIA (D.L. 25 marzo 2013, n. 24) 17 maggio 2013 1 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente INDICE 2

Dettagli

I segreti della mente

I segreti della mente Vittorino Andreoli I segreti della mente Capire, riconoscere, affrontare i segnali della psiche Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2013 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06413-2 Prima edizione:

Dettagli

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. "essenziale" "secondaria".

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. essenziale secondaria. L ipertensione arteriosa, una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati, si riscontra nel 20 percento della popolazione adulta ed è considerata uno dei maggiori problemi clinici del nostro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

Sedentarietà. Un adeguata attività fisica è fondamentale per prevenire l epidemia mondiale di malattie croniche

Sedentarietà. Un adeguata attività fisica è fondamentale per prevenire l epidemia mondiale di malattie croniche Sedentarietà Almeno il 60% della popolazione mondiale è al di sotto dei livelli di attività raccomandati di attività motoria (30 minuti al giorno di attività moderata) Un adeguata attività fisica è fondamentale

Dettagli

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio Il diabete nell anziano e il rischio di disabilità Claudio Marengo Marco Comoglio SEEd srl C.so Vigevano, 35-10152 Torino Tel. 011.566.02.58 - Fax 011.518.68.92 www.edizioniseed.it info@edizioniseed.it

Dettagli

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI A CURA DI Centro screening - Dipartimento di Sanità Pubblica Programma Screening per la prevenzione dei tumori-direzione Sanitaria AUSL Bologna I tumori rappresentano

Dettagli

CONInforma Sport e corretti stili di vita

CONInforma Sport e corretti stili di vita Numero 7 del 16 luglio 2014 A cura del Dott. Sergio Zita Responsabile sportello CONInforma I BENEFICI DELLO SPORT Fare sport non solo è consigliabile, ma addirittura necessario. A confermare quello che

Dettagli

PROGETTO SAPERE. L assistenza e la riabilitazione in seguito a ictus

PROGETTO SAPERE. L assistenza e la riabilitazione in seguito a ictus Agenzia Regionale di Sanità della Toscana (ARS) Osservatorio Qualità PROGETTO SAPERE (Stroke Acuto PERcorsi ed Esperienze) L assistenza e la riabilitazione in seguito a ictus Novembre 2006 2 L ASSISTENZA

Dettagli

staminali Ricercatore su cellule

staminali Ricercatore su cellule Ricercatore su cellule staminali Ci sono molte buone ragioni per accettare questo progetto: La ricerca sulle cellule staminali embrionali offre la possibilità di accrescere le nostre conoscenze sulle cellule

Dettagli

Fondazione Ariel. 2003-2013: da 10 anni stella guida delle famiglie con bambini disabili

Fondazione Ariel. 2003-2013: da 10 anni stella guida delle famiglie con bambini disabili Fondazione Ariel 2003-2013: da 10 anni stella guida delle famiglie con bambini disabili La Paralisi Cerebrale Infantile Una malatti a non prevenibile In Italia, un bambino su 500 nuovi nati è affetto da

Dettagli

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Iniziativa di comunicazione della Regione Piemonte. Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Non farti influenzare Contro l A/H1N1 scegli la prevenzione www.regione.piemonte.it/sanita

Dettagli

VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE: COSA È NECESSARIO CONOSCERE. Martino. Giancarla. Milena. Ivano

VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE: COSA È NECESSARIO CONOSCERE. Martino. Giancarla. Milena. Ivano Clementina, 82 anni VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE: Martino COSA È NECESSARIO Giancarla CONOSCERE Milena Ivano Vaccinazione antinfluenzale cosa è necessario conoscere. 2 La vaccinazione antinfluenzale è il

Dettagli

GUIDA PER COPPIE DI TALASSEMICI ETEROZIGOTI (A CURA DELLA REGIONE LOMBARDIA) PREFAZIONE

GUIDA PER COPPIE DI TALASSEMICI ETEROZIGOTI (A CURA DELLA REGIONE LOMBARDIA) PREFAZIONE GUIDA PER COPPIE DI TALASSEMICI ETEROZIGOTI (A CURA DELLA REGIONE LOMBARDIA) Le informazioni fornite attraverso queste pagine, sono state tratte da un opuscolo pubblicato e curato dal Gruppo di Lavoro

Dettagli

1. Si conferma elevata la quota di italiani sovrappeso e obesi, problema in crescita anche al Nord

1. Si conferma elevata la quota di italiani sovrappeso e obesi, problema in crescita anche al Nord GLI STILI DI VITA DEL BEL PAESE RESTANO IL TALLONE D ACHILLE DELLA NOSTRA SALUTE 1. Si conferma elevata la quota di italiani sovrappeso e obesi, problema in crescita anche al Nord Si conferma elevata la

Dettagli

Domande frequenti sulle vaccinazioni in generale

Domande frequenti sulle vaccinazioni in generale Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Versione: 09.10.2013 Domande frequenti sulle vaccinazioni in generale 1. Cos è il sistema immunitario?

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA CARDIOPATIA ISCHEMICA 1 CAUSA DI MORTE IN ITALIA 44% DI TUTTI I DECESSI ANNUI TOLGONO OGNI ANNO OLTRE 300.000 NEGLI UOMINI E 68

EPIDEMIOLOGIA CARDIOPATIA ISCHEMICA 1 CAUSA DI MORTE IN ITALIA 44% DI TUTTI I DECESSI ANNUI TOLGONO OGNI ANNO OLTRE 300.000 NEGLI UOMINI E 68 1 OBIETTIVI RICONOSCERE LE PRINCIPALI PATOLOGIE CARDIOCEREBRO VASCOLARI, CHE RICHIEDONO L ATTIVAZIONE DEL SISTEMA D EMERGENZA CON UN FOCUS PARTICOLARE SU ICTUS ED IMA IDENTIFICARE IL RUOLO DEL SOCCORRITORE

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

La VENTILAZIONE meccanica domiciliare dalla «A» alla «Z» Michele Vitacca, Roberto Porta, Enrico Clini. Aspetti tecnici, pratici, organizzativi

La VENTILAZIONE meccanica domiciliare dalla «A» alla «Z» Michele Vitacca, Roberto Porta, Enrico Clini. Aspetti tecnici, pratici, organizzativi MAN.VENTILAZ. 11-07-2000 10:23 Pagina 1 Il punto più importante è di capire e credere che anche se le condizioni di vita sono Michele Vitacca, Roberto Porta, Enrico Clini modificate questo non può e non

Dettagli

Prevenzione delle malattie cardiovascolari. Percorso per le classi quinte superiori

Prevenzione delle malattie cardiovascolari. Percorso per le classi quinte superiori Prevenzione delle malattie cardiovascolari Percorso per le classi quinte superiori Per cominciare qualche cenno di anatomia Il cuore Il cuore è un organo di tessuto muscolare striato, detto miocardio,

Dettagli

I TRAPIANTI. - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta

I TRAPIANTI. - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta I TRAPIANTI - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta facilmente ad amplificazione e distorsione da parte dei mass-media. - Per trapianto si intende la

Dettagli

DIPARTIMENTO DIABETE

DIPARTIMENTO DIABETE CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE III CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITÀ A CONFRONTO COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO DIABETE FederAnziani

Dettagli

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO 1. Definizione 2. Classificazione 2.1. Diabete mellito di tipo 1 2.2. Diabete mellito di tipo 2 2.3. Diabete gestazionale 2.4. Altre forme di diabete 2.5.

Dettagli

DIABETE MELLITO. Organi danneggiati in corso di diabete mellito INSULINA

DIABETE MELLITO. Organi danneggiati in corso di diabete mellito INSULINA DIABETE MELLITO Il diabete mellito è la più comune malattia endocrina: 1-2% della popolazione E caratterizzato da : -alterazione del metabolismo del glucosio -danni a diversi organi Complicanze acute:

Dettagli

TI STA A LA TUA SALUTE?

TI STA A LA TUA SALUTE? TI STA A LA TUA SALUTE? La scoperta del secolo! Doveva diventare un farmaco... ... per fortuna e un integratore per tutti! Nobel Ignarro, Ossido Nitrico promettente per Tumori e Alzheimer Roma, 18 luglio

Dettagli

Studio svizzero della coorte HIV Swiss HIV Cohort Study

Studio svizzero della coorte HIV Swiss HIV Cohort Study Studio svizzero della coorte HIV Swiss HIV Cohort Study Dal 1988 lo Studio svizzero della coorte HIV è al servizio di persone affette da HIV/AIDS e in questo periodo ha accompagnato più di 18 500 persone.

Dettagli

Un problema di cuore.

Un problema di cuore. Le malattie cardiovascolari nella donna Le malattie cardiovascolari nella donna Opuscolo redatto da Maria Lorenza Muiesan* e Maria Vittoria Pitzalis*. Alla stessa collana, coordinata da Nicola De Luca*,

Dettagli

PERCHE SMETTERE DI FUMARE E SALVACUORE

PERCHE SMETTERE DI FUMARE E SALVACUORE Lega Friulana per il Cuore PERCHE SMETTERE DI FUMARE E SALVACUORE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico della

Dettagli

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate COLESTEROLO l insidioso killer del cuore A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate Cos è il COLESTEROLO Il Colesterolo è una sostanza che appartiene

Dettagli

L Alcol tra i giovani

L Alcol tra i giovani L Alcol tra i giovani Nella nostra cultura si va affermando un certo consenso sociale per il consumo di bevande alcoliche. La iniziazione avviene spesso in famiglia, con un consumo di alcol in genere alimentare

Dettagli

Informazioni per utenti e familiari

Informazioni per utenti e familiari LA DEPRESSIONE MAGGIORE Informazioni per utenti e familiari In questa dispensa parleremo di depressione e dei problemi che può dare nella vita di una persona. Nella vita, è comune attraversare periodi

Dettagli

Dormi bene. Vivi in forma.

Dormi bene. Vivi in forma. Dormi bene. Vivi in forma. Dormi bene. Vivi in forma. Indice Il progetto Dormire è importante Obiettivi Strumenti Associazione IL PROGETTO INFORMASONNO Dormi bene. Vivi in forma. Un messaggio per sensibilizzare

Dettagli

Stamina e. Anna Onofri 4/11/2013 UTL SENAGO

Stamina e. Anna Onofri 4/11/2013 UTL SENAGO Stamina e Anna Onofri 4/11/2013 UTL SENAGO Potenziale differenziativo delle cellule staminali Totipotenza: capacità di una cellula staminale embrionale di dare origine a tutti i tipi cellulari dell embrione

Dettagli

Che cosa ci preoccupa tanto nell obesità dei giovanissimi? Vi è un filo che lega l obesità infantile alle malattie cardio-vascolari nell adulto.

Che cosa ci preoccupa tanto nell obesità dei giovanissimi? Vi è un filo che lega l obesità infantile alle malattie cardio-vascolari nell adulto. Ed ecco la quarta serie di diapositive tratte da alcune presentazioni sull obesità infantile e problemi correlati che ho illustrato durante incontri con i genitori di bambini ed adolescenti desiderosi

Dettagli

ARGOMENTO COMPLESSO PERCHE' COMPLESSO E' L'UOMO ED IL RAPPORTO CON LA MALATTIA: 1)LA SALUTE E' UN DIRITTO DA TUTELARE, MA ENTRO QUALI LIMITI?

ARGOMENTO COMPLESSO PERCHE' COMPLESSO E' L'UOMO ED IL RAPPORTO CON LA MALATTIA: 1)LA SALUTE E' UN DIRITTO DA TUTELARE, MA ENTRO QUALI LIMITI? FARMACI, USALI BENE ARGOMENTO COMPLESSO PERCHE' COMPLESSO E' L'UOMO ED IL RAPPORTO CON LA MALATTIA: 1)LA SALUTE E' UN DIRITTO DA TUTELARE, MA ENTRO QUALI LIMITI? 2)BISOGNA NON SOFFRIRE, BISOGNA PROLUNGARE

Dettagli

2 CONVEGNO DIABESITA

2 CONVEGNO DIABESITA 2 CONVEGNO DIABESITA La co-morbidità nel paziente con diabesità Dott. Roberto Gualdiero 7 Giugno 2014- CAVA DEI TIRRENI Diabesità è il neologismo coniato dall OMS per sottolineare la stretta associazione

Dettagli

Il paradosso del Veneto

Il paradosso del Veneto Audizione in Quinta Commissione del Consiglio Regionale del Veneto Venezia, 12 Luglio 2013 Il paradosso del Veneto Enzo Bonora Presidente - Sezione Veneto Trentino Alto Adige Società Italiana di Diabetologia

Dettagli

Dir. Resp.: Roberto Napoletano

Dir. Resp.: Roberto Napoletano Lettori: n.d. Diffusione: n.d. 03-DIC-2013 Dir. Resp.: Roberto Napoletano da pag. 27 Lettori: n.d. Diffusione: n.d. Dir. Resp.: Roberto Napoletano 03-DIC-2013 da pag. 27 Quotidiano 097156 www.ecostampa.it

Dettagli

Rilevazioni audiovisive

Rilevazioni audiovisive TRASCRIZIONE Nº 47 RADIO 3 SCIENZA ORE 11:30 DATA 14/11/2007 PIETRO GRECO (CONDUTTORE): E' dunque in discussione al Parlamento Europeo una proposta che è quella che gli esperti chiamano di pubblicità diretta

Dettagli

VADEMECUM PER COPPIE PORTATRICI DI TALASSEMIA

VADEMECUM PER COPPIE PORTATRICI DI TALASSEMIA VADEMECUM PER COPPIE PORTATRICI DI TALASSEMIA Questo vademecum non ha alcuna pretesa medica, ma intende essere uno strumento informativo di base per le coppie portatrici di talassemia. Invitiamo gli interessati

Dettagli

Spot Obiettivo risarcimento. Il Collegio italiano chirurghi annuncia 4 giorni di 'sciop...

Spot Obiettivo risarcimento. Il Collegio italiano chirurghi annuncia 4 giorni di 'sciop... Spot Obiettivo risarcimento. Il Collegio italiano chirurghi annuncia 4 giorni di 'sciop... http://www.quotidianosanita.it/stampa_articolo.php?articolo_id=19217 Page 1 of 1 20/01/2014 quotidianosanità.it

Dettagli

Il fumo di tabacco: un costo individuale e di tutta la collettività Dott. Gaetano Bianchi Il 10 Gennaio 2005 rappresenta la data fatidica dalla quale non si può più fumare nei ristoranti, bar, caffè, luoghi

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore.

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. non più soli nel dolore Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. Regione Toscana 800 880101 Indice.

Dettagli

Progetto di Assistenza Domiciliare

Progetto di Assistenza Domiciliare Progetto di Assistenza Domiciliare Per curare efficacemente un malato cronico, oggi non è più sufficiente limitarsi alla corretta interpretazione dei segni e dei sintomi clinici della malattia e/o alla

Dettagli

LA NUOVA TECNOLOGIA DI TERAPIA AD ONDE MILLIMETRICHE AKTom

LA NUOVA TECNOLOGIA DI TERAPIA AD ONDE MILLIMETRICHE AKTom LA NUOVA TECNOLOGIA DI TERAPIA AD ONDE MILLIMETRICHE AKTom per il trattamento integrato di qualsiasi disturbo fisico e psicologico Da 30 anni la terapia MMW EHF è studiata in Russia sulla base di centinaia

Dettagli

Somministrazione Insulina - Dossier INFAD. Diabete: Conoscerlo per gestirlo!

Somministrazione Insulina - Dossier INFAD. Diabete: Conoscerlo per gestirlo! Somministrazione Insulina - Dossier INFAD Diabete: Conoscerlo per gestirlo! GENERALITA Secondo l ISS il diabete è una malattia cronica caratterizzata dalla presenza di elevati livelli di glucosio nel sangue

Dettagli

DIPARTIMENTO OSTEOARTICOLARE

DIPARTIMENTO OSTEOARTICOLARE CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE III CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITA A CONFRONTO COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO OSTEOARTICOLARE

Dettagli

Ecco alcune parole ed espressioni che possono aiutarti a capire il testo. eccessivo aumento del peso controllare, limitare. bruciare la propria pelle

Ecco alcune parole ed espressioni che possono aiutarti a capire il testo. eccessivo aumento del peso controllare, limitare. bruciare la propria pelle Unità 7 La prevenzione CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come prevenire alcune malattie parole relative alla prevenzione e a stili di vita sani l uso dell

Dettagli

LA SALUTE. La malattia di Alzheimer: il progetto Cronos del Ministero della Salute. obiettivo sicurezza. a cura di Pompeo Pindozzi

LA SALUTE. La malattia di Alzheimer: il progetto Cronos del Ministero della Salute. obiettivo sicurezza. a cura di Pompeo Pindozzi a cura di Pompeo Pindozzi La malattia di Alzheimer: COS E IL PROGETTO CRONOS LA RETE ASSISTENZIALE DEL PROGETTO CRONOS: OPERATORI E STRUTTURE COINVOLTE Il progetto cronos è il più ampio studio clinico-epidemiologico

Dettagli

Ereditarietà dominante

Ereditarietà dominante 12 Ereditarietà dominante Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle loro norme

Dettagli

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia (orale, endovenosa, sottocutanea) ha un ruolo fondamentalenellaterapia nella terapia delmielomamultiploche Multiplo è una malattia

Dettagli

Alcuni consigli pratici per migliorare la tua attività motoria

Alcuni consigli pratici per migliorare la tua attività motoria DiSMeB Alcuni consigli pratici per migliorare la tua attività motoria opuscolo realizzato nell ambito delle azioni del Progetto CCM 2012 Counseling motorio ed attività fisica quali azioni educativo-formative

Dettagli

CELLULE STAMINALI. LA RICERCA ENTRA NEL VIVO.

CELLULE STAMINALI. LA RICERCA ENTRA NEL VIVO. CELLULE STAMINALI. LA RICERCA ENTRA NEL VIVO. CELLULE STAMINALI. LA RICERCA ENTRA NEL VIVO. Fin dalla sua fondazione per opera di padre Agostino Gemelli, l Università Cattolica del Sacro Cuore ha orientato

Dettagli

Ci sono gesti che sono semplici, che non

Ci sono gesti che sono semplici, che non famiglia oggi Donare, per salvare una vita di Giorgia Cozza Storia di Laura e della sua grave malattia. E di come la speranza possa di nuovo tornare, attraverso un donatore di midollo osseo che risiede

Dettagli

L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati

L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati ANTIPERTENSIVI (1) L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati E uno dei maggiori problemi clinici dei tempi moderni. 1. Molte volte chi è iperteso lo scopre occasionalmente

Dettagli

INCONTRI RIFORMISTI 2012 SISTEMI SANITARI IN EUROPA

INCONTRI RIFORMISTI 2012 SISTEMI SANITARI IN EUROPA INCONTRI RIFORMISTI 2012 SISTEMI SANITARI IN EUROPA Contributo di Claudio Garbelli La Commissione Europea ha recentemente proposto il Regolamento del Parlamento Europeo e del Consiglio sulla istituzione

Dettagli

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma)

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma) LA TERAPIA DEL PAZIENTE GIOVANE Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia farmacologica ha un ruolo fondamentale nel trattamento del Mieloma Multiplo che è una malattia già disseminata nell organismo al

Dettagli

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche Negli ultimi decenni la frequenza delle malattie allergiche in Italia e nel mondo ha subìto un continuo aumento, dando luogo a quella che

Dettagli

In Europa cure senza confini Ma con tanti dubbi da sciogliere

In Europa cure senza confini Ma con tanti dubbi da sciogliere Corriere della Sera http://www.corriere.it/salute/13_novembre_04/europa-cure-senza-confini-ma-tanti-du... Page 1 of 1 11/11/2013 stampa chiudi DIRETTIVA In Europa cure senza confini Ma con tanti dubbi

Dettagli

Associazione Culturale Tiziana Vive ONLUS Via Cattaneo 3/A Landriano (PV)

Associazione Culturale Tiziana Vive ONLUS Via Cattaneo 3/A Landriano (PV) In collaborazione con: Associazione Culturale Tiziana Vive ONLUS Via Cattaneo 3/A Landriano (PV) L Associazione Tiziana Vive A seguito del recente drammatico episodio di femminicidio che ha sconvolto la

Dettagli

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO Danilo Toneguzzi Psichiatra, psicoterapeuta direttore dell Istituto Gestalt di Pordenone "INformazione Psicologia Psicoterapia Psichiatria", n 41-42, settembre - dicembre

Dettagli

4 Attualità. Martedì 5 febbraio 2013. Il dossier dell Aifa. Il dossier dell Aifa

4 Attualità. Martedì 5 febbraio 2013. Il dossier dell Aifa. Il dossier dell Aifa 4 Attualità Martedì 5 febbraio 2013 CAMPOBASSO. Gli italiani hanno acquistato, nei primi nove mesi del 2012, un totale di 1 miliardo e 368 milioni di confezioni di medicinali, per una media - ha calcolato

Dettagli

Sani si diventa. Dall infanzia alla maturità, il felice equilibrio tra corpo e mente

Sani si diventa. Dall infanzia alla maturità, il felice equilibrio tra corpo e mente Sani si diventa. Dall infanzia alla maturità, il felice equilibrio tra corpo e mente Mente sana in un corpo sano. Come sempre, la saggezza antica non commette errori: camminare, andare in bicicletta, passeggiare,

Dettagli

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Informazioni per i genitori A cosa serve lo screening neonatale Questa pubblicazione serve ad illustrare perché è così importante

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

ADOLESCENTI AL BIVIO TRA DIPENDENZE E LIBERTÀ

ADOLESCENTI AL BIVIO TRA DIPENDENZE E LIBERTÀ ANTONELLO VANNI ADOLESCENTI AL BIVIO TRA DIPENDENZE E LIBERTÀ Manuale sulla prevenzione delle dipendenze per genitori, educatori e insegnanti INDICE Premessa: adolescenti al bivio, ma non più soli PARTE

Dettagli

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna DISTURBI METABOLICI Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna IL PANCREAS Funzione esocrina: supporto alla digestione Funzione endocrina: produzione di due ormoni: insulina e glucagone I due

Dettagli

Notizie generali sulla Psichiatria

Notizie generali sulla Psichiatria Notizie generali sulla Psichiatria Psichiatria: è la branca della medicina specializzata nello studio, nella diagnosi e nella terapia dei disturbi mentali. Oggi si privilegia considerare la Psichiatria

Dettagli

PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA

PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA COSA SONO, COME SI RICONOSCONO, COME SI OPERA Patologia Ischemica (Infarto) Cuore (infarto) Cervello (Ictus) Scompenso Cardiaco Difficoltà Respiratorie Shock Che cosa sono,

Dettagli

Salute, ospedale, territorio: disuguaglianze e continuità assistenziale

Salute, ospedale, territorio: disuguaglianze e continuità assistenziale Salute, ospedale, territorio: disuguaglianze e continuità assistenziale Convegno Nazionale Ospedale città territorio Verona, 15 settembre 2007 Carla Collicelli Fondazione Censis Salute e sanità a dura

Dettagli

Consulta DS per l infanzia e l adolescenza Gianni Rodari. Adozione e Affido Familiare Una famiglia per ogni bambino

Consulta DS per l infanzia e l adolescenza Gianni Rodari. Adozione e Affido Familiare Una famiglia per ogni bambino I figli non sono vostri figli. Sono i figli e le figlie della sete che di sé stessa ha la vita... Voi siete gli archi da cui i figli, come frecce vive, sono scoccate in avanti. L'Arciere vede il bersaglio

Dettagli

Quotidiano. www.ecostampa.it

Quotidiano. www.ecostampa.it Quotidiano 097156 www.ecostampa.it Quotidiano 097156 www.ecostampa.it 11-11-2013 MEDICINA: ITALIANI IDENTIFICANO GENE CHE CAUSA FORMA DI EPILESSIA Milano, 10 nov. (Adnkronos Salute) - Si chiama epilessia

Dettagli

colesterolo sotto controllo

colesterolo sotto controllo Come tenere il colesterolo sotto controllo LAVORIAMO INSIEME PER PROTEGGERE LA TUA VITA Cos è il colesterolo alto (ipercolesterolemia)? Come succede a molti di noi, non hai mai pensato al colesterolo o

Dettagli

Presentazione Mai Soli.

Presentazione Mai Soli. Presentazione Mai Soli. Libretto per genitori in Oncoematologia Pediatrica presso la Sede della Fondazione Cassa di Risparmio Di Ferrara Via Cairoli, 13 - Ferrara Rassegna Stampa Associazione di Volontariato

Dettagli

LA COLONSCOPIA L ASSOCIAZIONE ITALIANA GASTROENTEROLOGI ED ENDOSCOPISTI DIGESTIVI OSPEDALIERI PRESENTA: AIGO PER I PAZIENTI:

LA COLONSCOPIA L ASSOCIAZIONE ITALIANA GASTROENTEROLOGI ED ENDOSCOPISTI DIGESTIVI OSPEDALIERI PRESENTA: AIGO PER I PAZIENTI: L ASSOCIAZIONE ITALIANA GASTROENTEROLOGI ED ENDOSCOPISTI DIGESTIVI OSPEDALIERI PRESENTA: LA COLONSCOPIA AIGO PER I PAZIENTI: INFORMAZIONE SANITARIA A CURA DELLE COMMISSIONI AIGO LA COLONSCOPIA Cos è la

Dettagli

Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso

Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso Colora il quadratino posto accanto alle indicazioni corrette. Per mantenere il nostro sistema nervoso sano ed efficiente è opportuno... ALLA SALUTE respirare

Dettagli

Introduzione CHE COS È IL COLESTEROLO E PERCHÉ È IMPORTANTE? QUANTO È DIFFUSA LA MALATTIA CARDIACA

Introduzione CHE COS È IL COLESTEROLO E PERCHÉ È IMPORTANTE? QUANTO È DIFFUSA LA MALATTIA CARDIACA Introduzione CHE COS È IL COLESTEROLO E PERCHÉ È IMPORTANTE? Il colesterolo è un tipo di grasso (o lipide) presente nel nostro sangue e in ogni cellula del corpo. Il suo controllo è importante poiché livelli

Dettagli

CAPITOLO 2 I TRATTI COMPLESSI

CAPITOLO 2 I TRATTI COMPLESSI CAPITOLO 2 I TRATTI COMPLESSI Tratti semplici e tratti complessi Come detto nel capitolo precedente, la genetica classica studia fondamentalmente i cosiddetti tratti mendeliani semplici, quelli in cui,

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

Sauna ad infrarossi: principali applicazioni terapeutiche in Medicina Sportiva

Sauna ad infrarossi: principali applicazioni terapeutiche in Medicina Sportiva Sauna ad infrarossi: principali applicazioni terapeutiche in Medicina Sportiva Una sauna infrarossi utilizza pannelli che emettono raggi infrarossi sotto forma di calore radiante che viene assorbito direttamente

Dettagli

INCONTRI DELLA SALUTE

INCONTRI DELLA SALUTE INCONTRI DELLA SALUTE TERZO APPUNTAMENTO 16.10.2014 CONTR-ATTACCO CARDIACO: ELEMENTI DI PRIMO SOCCORSO CARDIACO Relatore: Dott.ssa Marcella Camellini Dirigente Medico Cardiologia Ospedale di Sassuolo APPUNTI:

Dettagli

TOSSINE E SOSTANZE NOCIVE: nemici per la nostra salute.

TOSSINE E SOSTANZE NOCIVE: nemici per la nostra salute. TOSSINE E SOSTANZE NOCIVE: nemici per la nostra salute. Le nuove scoperte avvenute nel campo scientifico e medico hanno notevolmente aumentato la qualità della vita. Contemporaneamente, l inquinamento,

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute SCHEDA I NUMERI DEL TABAGISMO Il tabacco provoca più decessi di alcol, aids, droghe, incidenti stradali, omicidi e suicidi messi insieme. L epidemia del tabacco è una delle più grandi

Dettagli

LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA

LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA Antonio Nicolucci Direttore Dipartimento di Farmacologia Clinica e Epidemiologia, Consorzio Mario Negri Sud Coordinatore Data

Dettagli

Bisturi e cocaina: oltre 40 mila i medici che fanno uso di sostanze

Bisturi e cocaina: oltre 40 mila i medici che fanno uso di sostanze Pagina 1 di 7 Bisturi e cocaina: oltre 40 mila i medici che fanno uso di sostanze Dalla sala operatoria al pronto soccorso. Il dieci per cento dei medici ha problemi di droga e alcol. La fatica e i turni

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

DALLE LINEE GUIDA. ALL'ORGANIZZAZIONE DEL CENTRO PER IL TRATTAMENTO DEL TABAGISMO: Strumenti di applicazione diagnostica e ricadute terapeutiche

DALLE LINEE GUIDA. ALL'ORGANIZZAZIONE DEL CENTRO PER IL TRATTAMENTO DEL TABAGISMO: Strumenti di applicazione diagnostica e ricadute terapeutiche DALLE LINEE GUIDA BORGOMANERO, 20.10.2012 ALL'ORGANIZZAZIONE DEL CENTRO PER IL TRATTAMENTO DEL TABAGISMO: Strumenti di applicazione diagnostica e ricadute terapeutiche Dr.ssa Gorizia Ariana ESPOSITO Psicologa,

Dettagli

E facilmente intuibile come, da quel che si è esposto, questo sottogruppo di obesi, trattati con metformina, abbia conseguito i migliori risultati.

E facilmente intuibile come, da quel che si è esposto, questo sottogruppo di obesi, trattati con metformina, abbia conseguito i migliori risultati. Dia 1 E necessario sottolineare la profonda differenza nella patogenesi delle complicanze microvascolari, quali la retinopatia, la nefropatia e la neuropatia, e quelle macrovascolari, quali la cardiopatia

Dettagli

OBESITA': DIMAGRIRE CON APP SMARTPHONE E' POSSIBILE

OBESITA': DIMAGRIRE CON APP SMARTPHONE E' POSSIBILE OBESITA': DIMAGRIRE CON APP SMARTPHONE E' POSSIBILE (AGI) - Leeds, 15 apr. - Dimagrire e mantenersi in forma con lo smartphone e' possibile, secondo un nuovo studio dell'universita' di Leeds che ha testato

Dettagli