CENTRO PER LA FORMAZIONE IN ECONOMIA E POLITICA DELLO SVILUPPO RURALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CENTRO PER LA FORMAZIONE IN ECONOMIA E POLITICA DELLO SVILUPPO RURALE"

Transcript

1 CENTRO PER LA FORMAZIONE IN ECONOMIA E POLITICA DELLO SVILUPPO RURALE DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E POLITICA AGRARIA Università degli Studi di Napoli Federico II Collana Working Paper

2 Agricoltura e gestione del rischio: un confronto tra l approccio tradizionale e l uso di strumenti finanziari Fabian Capitanio Working Paper no. 10/2002 Sommario Questo articolo presenta un quadro di sintesi su due possibili approcci per la gestione del rischio in agricoltura: l assicurazione e l uso di strumenti finanziari. Il lavoro è organizzato in due parti. Nella prima parte vengono introdotti gli aspetti teorici dell analisi del comportamento economico in condizioni di incertezza, allo scopo di evidenziare i motivi che possano spingere al ricorso ad un contratto di assicurazione, dopo di che l attenzione viene rivolta al concetto di titolo finanziario derivato e sulla possibilità del ricorso a tali strumenti per la gestione del rischio. In tale quadro, viene introdotto il noto modello di Black and Scholes per la valutazione delle opzioni finanziarie corredato dal necessario background matematico. Nella seconda parte, l attenzione è rivolta alla gestione del rischio tipico della produzione agricola. In particolare, si discute dei problemi legati all assenza di un mercato privato delle assicurazioni in agricoltura, analizzando le motivazioni che auspicherebbero l intervento pubblico nel mercato assicurativo privato e descrivendo l esperienza di alcuni programmi pubblici di sostegno alle assicurazioni agricole ritenuti di maggiore rilevanza internazionale. In tale contesto, si avanza una proposta, legata all uso della teoria finanziaria delle opzioni, che introduce un elemento innovativo nella disputa attuale sull equità del premio richiesto agli agricoltori sul mercato assicurativo privato. Successivamente, si descrive l uso degli strumenti finanziari derivati descritti nella prima parte per la gestione, in particolare, del rischio in agricoltura. Dipartimento di Economia e Politica Agraria dell Università degli Studi di Napoli Federico II 1

3 1 Introduzione La gestione del rischio in agricoltura ed il ruolo, in tal senso, delle assicurazioni sono da tempo oggetto d interesse per ricercatori e legislatori in tutti i Paesi del mondo. Uno dei cosiddetti fatti stilizzati sui quali sembra si sia raggiunto un consenso unanime, è il fallimento del mercato privato delle assicurazioni delle rese in assenza di qualche forma di intervento pubblico a sostegno dello stesso. Sull importanza relativa delle possibili cause di tale fallimento, tuttavia, il dibattito accademico non è affatto esaurito, e nella discussione vengono ospitate opinioni molto diverse. Tradizionalmente, sulle stesse cause, sono spesso citati fenomeni di asimmetria ed incompletezza informativa (con i conseguenti problemi di selezione avversa ed azzardo morale) e, da ultimo, il problema di sistemicità dei rischi. Il dato di fatto è che molti governi dei paesi cosiddetti sviluppati sono entrati attivamente nel mercato delle assicurazioni in agricoltura. Al sostegno diretto dei premi (comune negli Stati Uniti d America, in Portogallo, in Italia, in Francia, in Austria e in Spagna), si è affiancata la decisione assunta da alcuni governi, di entrare nel mercato del rischio agricolo anche nel ruolo di riassicuratore dei contratti venduti dai privati. Una siffatta linea d azione politica sembrerebbe dimostrare che gli argomenti portati a sostegno dell incapacità del mercato privato di sopperire al problema della correlazione dei rischi siano stati accolti come plausibili. Alternativamente, è possibile imputare la scarsa diffusione delle assicurazioni in agricoltura non tanto alla presenza di asimmetria informativa, moral hazard, (quindi, costi onerosi per compagnie private ad offrire un prodotto assicurativo), quanto piuttosto al prevedibile equilibrio di un mercato caratterizzato da elevata concentrazione e mancanza di concorrenza dal lato dell offerta. Seguendo tale spiegazione, in virtù del loro potere di mercato, le compagnie assicurative effettuerebbero, di fatto, una discriminazione di prezzo per catturare solo la domanda caratterizzata da una elevata disponibilità a pagare. Riuscire a distinguere le effettive cause del fallimento del mercato privato è cruciale: se fosse vera la seconda spiegazione, infatti, gli effetti del sostegno pubblico alle assicurazioni agricole potrebbero essere molto diversi da quelli che comunemente vengono invocati per giustificarlo, e l intero meccanismo di intervento richiederebbe una profonda riconsiderazione. Il tentativo che si intende proporre in questo lavoro, è di fornire una panoramica su due possibili strumenti per la gestione del rischio di impresa in agricoltura: la sottoscrizione di una polizza assicurativa e l utilizzo di strumenti derivati tramite il ricorso ai mercati finanziari; attenzione partico- 2

4 lare verrà dedicata all utilità per l agricoltore derivante dall utilizzo singolo o congiunto di entrambe le tipologie richiamate. In particolare, si descriverà il dibattito sullo strumento assicurativo da molti invocato in letteratura per la gestione del rischio nel settore primario; verrà proposto in tale ambito un quadro teorico capace di evidenziare la giustificazione economica della stipula di un contratto assicurativo (e di quali individui economici possono essere disposti a ricorrere a tale strumento). Una ulteriore sezione sarà dedicata all incidenza dei problemi informativi sul funzionamento ottimale del mercato suddetto seguita dall analisi dettagliata di alcuni degli schemi assicurativi di riferimento presenti negli Stati Uniti, in Canada ed in Spagna 1. Il passaggio successivo concerne l utilizzo alternativo di titoli derivati come strumenti di gestione del rischio per gli agricoltori; un quadro di insieme sulle caratteristiche dei vari strumenti derivati scambiati sui mercati finanziari verrà presentato con l auspicio di conferire risalto a strumenti alternativi a quello assicurativo per la gestione del rischio in agricoltura. È proprio la rapida espansione del mercato dei derivati che ha stimolato negli anni la nascita e lo sviluppo di una teoria matematica dei derivati: in tale contesto, un ruolo preminente è senza dubbio rivestito dal modello di F. Black e M. Scholes (Black e Scholes 1973), che ha rappresentato il contributo basilare e di maggiore influenza sulla letteratura successiva e sulle applicazioni da parte degli operatori finanziari. Un breve spazio del lavoro dedicherà attenzione ad una presentazione analitica delle tecniche di option pricing e del relativo background matematico, evidenziandone limiti e possibilità applicative. Si mostrerà, tramite l introduzione del modello Black and Scholes, la possibilità di equiparare la funzione di payoff di un contratto assicurativo a quella di una opzione esotica e, quindi, l eventualità di poter valutare l equità dei premi assicurativi richiesti agli agricoltori per la stipula delle polizze. (Jung e Ramezani 2001) 1 Un limite di questo lavoro è che non si presta attenzione alle implicazioni e alla compatibilità di questo tipo di programmi in ambito WTO: è opinione diffusa che il sostegno a programmi di gestione del rischio (sussidi alle assicurazioni in agricoltura) possono rientrare nella green box o, quantomeno, nella amber box. Tale convinzione risulta tuttavia in disaccordo da quando disciplinato dai punti 7 e 8 del documento GATT (rispettivamente, dalla lettura del testo integrale degli articoli richiamati, sulla disciplina della partecipazione dei governi ai programmi assicurativi e sugli aiuti governativi in occasione di disastri e calamità naturali). 3

5 2 Richiami di economia dell informazione e gestione del rischio 2.1 Teoria del comportamento sotto incertezza La massimizzazione dell utilità attesa Due sono i concetti fondamentali presenti nel modello economico riguardo rischio e incertezza: equilibrio (bilanciamento delle richieste individuali sul mercato) ed ottimizzazione (comportamenti razionali degli agenti economici). L assunzione più largamente utilizzata in questo caso è quella di considerare un agente economico che massimizza la sua utilità attesa quando esposto ad incertezza. I postulati utilizzati nella costruzione teorica sono quelli classici: completezza, continuità e transitività nelle preferenze (valore ordinale dell utilità). Un modo per formalizzare il modello dell utilità attesa è quello di considerare con A tutto l insieme delle possibili azioni a disposizione del decisore, e con S rappresentare tutti i possibili stati del mondo. Il realizzarsi di un risultato, quindi, può essere individuato con il contemporaneo verificarsi di un sottoinsieme di A e di un sottoinsieme di S; in altre parole, i risultati (conseguenze di un azione, in un particolare momento) possono essere espressi come una variabile casuale caratterizzata dalla funzione c : S A C, dove C rappresenta il set di tutte le possibili conseguenze. Se si ipotizza C come un numero finito (ci sono N possibili conseguenze), allora, attribuendo una probabilità oggettiva ad ogni stato del mondo e, scelta una particolare azione dall insieme A, si otterrà una distribuzione di probabilità su tutti i risultati possibili. Formalmente, si può definire una lotteria come un elenco di probabilità L = (l 1, l 2,..., l n ) in modo che l i è la probabilità che il risultato (conseguenza) c i C si presenti (ovviamente l i [0, 1] e i l i = 1). In maniera semplicistica, quindi, è lecito considerare A come un insieme di decisioni possibili mentre C rappresenterebbero tutti i risultati di una decisione del policy maker presa dall insieme A; l N rappresenta la probabilità che tali risultati si verifichino. In una lotteria semplice i risultati che possono verificarsi sono certi; una variante più generale (e di maggiore utilità per applicazioni economiche) è quella della lotteria composta. Considerato un numero k di lotterie semplici (L k 1,..., L k n), con k = 1,..., K, e le probabilità α k 0 (con n k=1 α k ), la lotteria composta (L 1,..., L k ; α 1,..., α k ) rappresenta l alternativa rischiosa alle singole lotterie semplici L k con probabilità α k con k = 1,..., K. Per ogni lotteria composta (L 1,..., L k ; α 1,..., α k ) è possibile calcolare la corrispondente lotteria semplice L = (l 1,..., l n ) in grado di 4

6 generare la medesima distribuzione sugli esiti. In questo modo, la probabilità del risultato n nella lotteria ridotta risulta pari a l n = α 1 l k α k l k n con n = 1,..., N. Si consideri L come insieme delle lotterie semplici sull insieme dei risultati possibili C, e si assuma che la relazione tra L e C sia razionale (relazione completa e transitiva); se rimane soddisfatta l assunzione di continuità specifica, sarà possible in tale maniera equiparare ogni coppia delle lotterie semplici. In questo senso, L L V (L) V (L ). l assunzione sottostante a tale impostazione, è che il consumatore considera equivalenti le lotterie composte e le lotterie ridotte, in altre parole, un gioco che genera la lotteria L con probabilità λ e la lotteria L con probabilità (1 λ) è equivalente ad una lotteria la cui probabilità è espressa da λl + (1 λ)l. Emerge chiaro (e stretto) in questo modo, il parallelo con la teoria standard del consumatore; somiglianza resa ancora più forte dal considerare V (L) come una funzione ordinale. Fortemente legato alla continuità delle preferenze del consumatore risulta l assioma dell independenza (che rappresenta il fulcro della teoria della scelta in condizioni di incertezza). Formalmente, la funzione di utilità U : L R ha una forma di utilità attesa se esiste una assegnazione di numeri (u 1,..., u n ) per gli N risultati, in modo da ottenere per ogni singola lotteria, L = ((l 1,..., l n )ɛl con U(L) = u 1 l u N l N. La funzione di utilità U : L R, rappresenta la funzione dell utilità attesa von Neumann-Morgenstern (VNM); la stessa funzione di utilità ha la forma di utilità attesa se e solo se questa è lineare e, se e solo se viene rispettata la relazione U( K k=1 α k L k ) = K k=1 α k U(L k ) per ogni k lotterie con L k ɛl, con k = 1,..., K e con probabilità (α 1,..., α k ) 0, k α k = 1. Di fatto, è questa la funzione di utilità caratterizzante del proseguio di tale lavoro Avversione al rischio e risk premium Investitori diversi hanno un differente atteggiamento verso il rischio; alcuni sono indifferenti o avversi al rischio (investitori neutrali o avversi) mentre altri amano il rischio (propensi al rischio). In generale si può affermare che esiste un trade off tra livello del rendimento e livello di rischio. In altri termini, un investitore potrebbe accettare bassi ritorni se i rischi impliciti nell investimento sono bassi, o richiedere alternativamente alti ritorni se i rischi dell investimento sono alti; comportamenti come questi riflettono l avversione al rischio. Nel caso in cui esiste avversione al rischio (come per gli agricoltori, per i quali è plausibile ipotizzare tale condizione), si preferirà avere la certezza del risultato, piuttosto che assumersi l azzardo della partecipazione ad una lotteria con payoff casuale e con valore atteso: 5

7 E(W ) = πx 1 + (1 π)x 2. dove x 1 e x 2 rappresentano il pay-off del gioco (i possibili risultati), mentre π e (1 π) rappresentano le probabilità che i rispettivi risultati si verifichino. Supponendo che le preferenze degli individui possano essere espresse attraverso la funzione di utilità VNM appena introdotta, avremmo una U(W ) con le seguenti proprietà: (i) crescente rispetto all aumentare di W, che implica una utilità marginale che soddisfi U (W ) = U(W ) W > 0. (ii) con utilità marginale decrescente, U (W ) 0, è possibile definire formalmente l avversione al richio dei singoli individui come la condizione per cui U [E(W )] > E [U(W )]. Si consideri ora un investitore che ha la possibilità di scegliere tra mantenere una prospettiva esente da rischio, il cui rendimento è pari a f ed investire invece in una prospettiva rischiosa il cui rendimento è definito da r, dove r è una variabile casuale con media µ e varianza σ 2. Supponiamo per semplicità che la prospettiva incerta preveda la possibilità che si verifichino due risultati r 1 e r 2 con probabilità rispettivamente π 1 e π 2 ; il rendimento atteso, allora, sarà pari a: E(r) µ = π 1 r 1 + π 2 r 2. La varianza del rendimento, invece, può essere individuata come: V (r) σ 2 = E [r E (r)] 2 = π 1 (r 1 µ) 2 + π 2 (r 2 µ) 2. Per avere un gioco equo, µ = f, nel senso che per partecipare ad un investimento caratterizzato da incertezza, l investitore avverso al rischio pretenderà un rendimento atteso almeno pari a quello ottenibile da un investimento privo di rischio (con speranza matematica del guadagno aleatorio nulla) Un gioco equo può anche essere espresso in termini di eccesso di ritorno fuori dall assenza di rischio come: E(r f) = π 1 (r 1 f) + π 2 (r 2 f) = 0. Consideriamo la decisione di un agente economico circa la scelta di prendere parte o meno ad un gioco equo, vale a dire se accettare una prospettiva rischiosa rinunciando ad una prospettiva esente da rischi quando il risultato atteso in media è identico: E(r) = f. Si supponga che la ricchezza iniziale del consumatore è W 0. 6

8 1. Se il consumatore mantiene la prospettiva priva di rischio ed investe tutta la sua ricchezza, dopo un periodo la sua ricchezza sarà pari a W 1 = W 0 (1 + f), per cui la ricchezza attesa dalla prospettiva certa è E(W 1 ) = W 0 (1 + f) mentre la varianza è nulla: V (W 1 ) = Se il consumatore sceglie la prospettiva incerta, allora W 1 = W 0 (1 + r) e media e varianza saranno dati rispettivamente da E(W 1 ) = W 0 [1 + E(r)f] e V (W 1 ) = W 2 0 σ 2. Se si intende puntare alla massimizzazione dell utilità attesa della ricchezza E [U (W )], l utilità attesa dall acquisto di asset non rischoso e rischioso è dato da: E [U (W )] = U [W 0 (1 + f)] se si investe nella prospettiva certa, priva di rischio e, E [U (W )] = E [U (W 0 (1 + r))] se si investe invece nella prospettiva rischiosa. In presenza di aspettative di rendimento uguali per i due investimenti, un agente avverso al rischio preferirebbe non investire. Una domanda interessante da porsi a questo punto è la seguente: di quale compensazione in denaro avrà bisogno l investitore per essere disposto a partecipare al gioco? Questa compensazione aggiuntiva può configurarsi sia nella forma di pagamenti aggiuntivi conosciuti a priori prima del gioco oppure, con un gioco in grado di garantire un più alto ritorno atteso. Il payoff addizionale certo, richiesto per compensare l investitore avverso al rischio pur di farlo partecipare all investimento equo, è chiamato risk premium. In un gioco attuariale equo, come quello introdotto precedentemente si è già chiarito come il reddito atteso (pay off) è pari a: E(W ) = πx 1 + (1 π)x 2 = 0. Se W 0 rappresenta la ricchezza iniziale e W 1 la ricchezza finale avremo che, 7

9 E(W 1 ) = π(w o + x 1 ) + (1 π)(w 0 + x 2 ) = W 0. Nel contesto teorico qui considerato, l utilità del payoff atteso risulta maggiore dell utilità attesa dal payoff incerto, U [E (W 1 )] = U (W 0 ) E [U (W 1 )]. Se all investitore viene concesso un ammontare ρ (risk premium) ad un investitore per prendere parte al gioco, quale deve essere l ammontare di ρ per indurre lo stesso investitore a partecipare al gioco? L aspettativa di payoff diventa, in questo caso, E(W 1 + ρ) = π(w o + x 1 + ρ) + (1 π)(w 0 + x 2 + ρ) = W 0 + ρ. Per essere indifferente tra il prendere parte al gioco (ricevendo il risk premium) e non prendere parte al gioco (e non ricevendo il risk premium), l investitore richiederà che ρ soddisfi la relazione: U [E (W 1 )] = E [U (W 1 + ρ)]. La dimensione del premium risk ρ dipenderà quindi: (i) dal grado di curvatura della funzione di utilità: teoricamente una funzione lineare, richiederebbe un valore per ρ = 0; quindi maggiore è la curvatura, più alto è il valore del risk premium chiesto dall investitore per partecipare al gioco. (ii) la varianza del payoff random; una maggiore dispersione tra W x e W + x, rende maggiore il valore di V (x), e rende più grande il valore di ρ. Gli stessi risultati possono essere più formalmente derivati utilizzando l approssimazione della serie di Taylor del secondo ordine ed approssimando inizialmente il valore di U(W 1 + σ) intorno al valore di E(W 1 ). Tale impostazione genera: U(W 1 + σ) = U [E (W 1 )] + (W 1 + σ E [W 1 ])U [E (W 1 )] (W 1 + σ E [W 1 ]) 2 U [E (W 1 )]. (1) Quindi, è possibile otenere: E [U (W 1 + σ)] = U [E (W 1 )]+σu [E(W 1 )]+ 1 2 (V ar [W 1] + σ 2 ) U [E (W 1 )]. Utilizzando la condizione che, 8

10 (W 1 + σ E [W 1 ]) 2 = (W 1 E [W 1 ]) 2 + σ (W 1 E [W 1 ]) σ, diviene implicito che, (W 1 + σ E [W 1 ]) 2 = E (W 1 E [W 1 ]) 2 + σ 2 + 2E (W 1 E [W 1 ]) σ = V (W 1 ) + σ 2. (2) Si richiede quindi, in sostanza, che il valore del risk premium σ soddisfi la relazione E [U (W 1 + σ)] = U [E (W 1 )] cioè, che l utilità attesa della ricchezza più il risk premium risulti pari all utilità della ricchezza attesa in assenza di risk premium. Se σ è piccolo, allora σ 2 può essere ignorato. Ciò implicherà che σu + 1V (W 2 1)U = 0, percui è possibile ottenere l espressione per il risk premium σ = V (W 1) U. 2 U In questo modo, ugualmente a quanto introdotto in precedenza, il valore del risk premium sarà tanto maggiore tanto più grande risulta, (i) la curvatura della funzione di utilità (ii) la varianza (o volatilità) del pay off, V (W 1 ). 2.2 L assicurazione Per analizzare la questione della scelta ottimale sotto incertezza si ha bisogno di definire l oggetto della scelta, per poi considerare l ordinamento delle opportunit tra cui scegliere da parte dei decisori. Se si assume l esistenza iniziale di un singolo bene (misurato in unità di conto) e pensato come un reddito, è possibile identificare con y s, s = 1, 2,..., S, l ammontare di reddito futuro per il decision maker se si verificherà lo stato s (ipotizziamo per il momento un singolo decision maker). Assumiamo che il nostro agente assegni una probabilità π s allo stato del mondo s, e individuiamo il vettore di queste probabilità con π = [π 1, π 2,..., π s ], mentre y = [y 1, y 2,..., y s ] risulta il corrispondente vettore della distribuzione dei redditi associata ai singoli stati del mondo. Definendo la speranza futura, P, come un dato vettore dei redditi con associato un vettore delle probabilità: P = (π, y), risulta possibile considerare la decisione di un agricoltore (nello specifico, ma il discorso è indubbiamente di portata generale) indeciso di fronte alla scelta di assicurarsi o meno contro perdite di reddito derivanti da malattie per le colture e/o gelo. La decisione A è di non assicurarsi mentre, la decisione B è di assicurarsi. In questo caso, 9

11 la speranza associata ad A sarà, P A = (π, y A ),dove y A rappresenta il vettore dei redditi i cui componenti varieranno a seconda degli stati futuri. Nel subset degli stati, se una malattia colpirà le colture il reddito assumerà un valore; se ci sarà gelo il reddito assumerà un secondo valore; se ci saranno malattia e gelo il reddito denoterà un terzo valore; in caso di assenza sia di gelo che di malattia il reddito avrà un quarto valore (presumibilmente il più alto). Alla decisione B viene invece associata la speranza certa P B = (π, y B ),dove B è uguale al reddito in assenza di eventi come gelo e malattia diminuito del premio assicurativo (ovviamente ciò avverrà nel caso in cui la polizza sottoscritta dall agricoltore compensi per intero le perdite dovute ad eventi estranei alla produzione). In questo caso, quindi, la scelta tra l assicurarsi o meno (tra A e B), dipenderà dalla scelta personale dell agricoltore su P A e P B ; di fatto, il dato che si osserva sul mercato è che non sempre l agricoltore decide di optare per la polizza assicurativa. Forse conosce modi diversi per dominare l imprevedibilità dei risultati futuri Rischio Sistemico, Azzardo Morale e Selezione Avversa In un articolo apparso sull Australian Journal of Agricultural Economics nel 1986, John Quiggin poneva questa domanda, If rainfall insurance is efficient, why does it not already exist?. Le ragioni del fallimento di mercato in agricoltura per crop insurance è stato identificato attraverso una miriade di studi nel corso degli anni (tra gli altri, Quiggin, 1986; Quiggin, 1994; Schmitz et al., 1994, Coble et al., 1997; Miranda et al, 1997; Mahul, 1999). Questi studi imputano sostanzialmente a due caratteristiche delle assicurazioni agricole il fallimento delle assicurzioni sulle colture: il rischio sistemico e l informazione asimmetrica. Il rischio sistemico può essere definito in diversi modi, comunque, in tale ambito, può essere identificato come quel rischio che non può essere controbilanciato per mezzo dell aumento del pool di assicurati. Questa affermazione consegue alla situazione che gli assicurati, di fatto, pur denotando una diversa allocazione spaziale, rimangono esposti a rischi comuni o stessi meccanismi di perdita potenziale. In agricoltura, l esempio classico (caratterizzante) di tale situazione è la relazione tra condizioni meteorologiche e perdita nelle rese. Le stesse perdite, tra l altro, risultano assolutamente imprevedibili complicando sì la possibilità effettiva di controbilanciare con certezza il rischio di resa (e quindi di reddito se la diminuzione nelle rese non è bilanciata dalla crescita nei prezzi: natural hedge ) attraverso la diversificazione spaziale (o di altro tipo). 10

12 L asimmetria informativa, nello specifico, che caratterizza gli schemi delle assicurazioni sulle colture, è dovuta alla differenza informativa (possesso di informazione, di fatto) riguardo le pratiche produttive e i comportamenti tenuti dagli assicurati (agricoltori) e gli assicuratori (compagnie private, sulla carta, e se non pesantemente finanziate dai vari governi). L esistenza stessa di asimmetria informativa, che si manifesta (giustifica) con la crescita dei premi richiesti agli agricoltoridalle compagnie assicurative, comporta la nascita di due comportamenti (o meglio, problematiche): selezione avversa ed azzardo morale. La selezione avversa si manifesta quando, per effetto di asimmetria informativa, le polizze assicurative sono più appetibili (attraenti) per gli agricoltori che maggiormente risultano esposti a rischi di produzione (per vari motivi). Il risultato è che il pool di assicurati, in questo modo, risulterà più rischioso per la compagnia che offre la polizza rispetto alla media della popolazione di possibili assicurati (simbolico l esempio di Akerlof sul mercato delle auto usate: le auto di scarsa qualità cacciano dal mercato le auto buone) ed i benefici derivanti dalla diversificazione nel pool degli assicurati viene di fatto elusa (per le compagnie esiste domanda principalmente da parte di agricoltori rischiosi ). Conseguenza osservabile direttamente sul mercato è l aumento del costo dell assicurazione (abbastanza lineare ed intuitivo come discorso, ma troppo semplicistico forse). Con possesso di piena informazione, i contratti assicurativi potrebbero essere disegnati in modo da essere attrattivi per tutti i membri di una popolazione eterogenea di potenziali assicurati. Si ha azzardo morale quando l assicurato (agricoltore) cambia il proprio comportamento (la propria pratica produttiva) in risposta alla riduzione di rischio offerta dalla stipula del contratto assicurativo (in questo caso risulta controverso il dibattito sul come cambia l atteggiamento produttivo del produttore agricolo? ); ne risulta una crescita nella esposizione al rischio da parte dell agricoltore, senza dubbio superiore, rispetto alla situazione iniziale di assenza di polizza assicurativa. Entrando nel dettaglio del problema crop insurance possiamo considerare in primo luogo il ruolo del systematic risk. Molti studi nel passato hanno attribuito ad asimmetria informativa il fallimento del mercato assicurativo in agricoltura (per tutti si guardi Miranda et al., 1997), ma, il rischio sistemico può recitare un ruolo altrettanto importante. Nella letteratura finanziaria il termine systemic risk rappresenta un rischio che non è diversificabile attraverso una attenta allocazione di por- 11

13 tafoglio. In ambito finanziario, lo stesso rischio si identifica con il general market risk. Per le assicurazioni, come considerato in precedenza, il rischio sistemico può essere considerato come il fattore che contraddistingue una elevata correlazione dei rischi tra tutti gli assicurati. In agricultura, il rischio sistemico deriva principalmente dal possibile verificarsi di particolari condizioni meteo comuni ad ampie aree geografiche (e quindi, ad una grande porzione di possibili assicurati) tali come siccità o temperature estreme. In letteratura, questa particolare tipologia di rischio viene modellata così come segue: y i = µ i + β i (y µ) + ε i (3) dove y i rappresenta la resa individuale attuale del singolo agricoltore, µ i è la media delle rese individuali di tutti gli agricoltori dell area e rappresenta il rischio di resa free attraverso la popolazione, mentre y è l area di resa e µ è la media dell area delle rese; la loro differenza riflette il rischio sistemico nell area considerata. Il termine ε i rappresenta l impatto individuale del nonrischio sistemico e β i è la misura della sensitività delle rese individuali verso i fattori sistemici. L equazione (3) indica che mentre il rischio non sistemico attraverso gli assicurati può essere independente, il rischio sistemico induce interdipendenza tra tutti gli assicurati. Infatti, la elevata grandezza di tale correlazione viene interpretata dagli individui (in relazione alla polizza) come strumento inefficace per la gestione di rischi diversificabili, aumentando il costo per le compagnie assicurative private che coprono i rimanenti rischi non diversificabili. Seguendo Quiggin (1986), la varianza totale di un portafoglio di un assicurato può essere scritta: V = n 2 τσ 2 v 2 + ητn 2 σ 2 (4) Dove n rappresenta il numero degli individui, τ è la correlazione tra i rischi, σ è la varianza (strettamente correlata al numero degli individui n in caso di rischio sistemico, nel senso che la crescita stessa del numero degli individui in presenza di rischio sistemico aumenta la varianza del portafoglio. I profitti sono cioè tanto più alti quanto più n risulta elevato e non si verificano eventi dannosi; al contrario, le perdite sono tanto più alte quanto più n risulta elevato e si verificano eventi che fanno scattare il pagamento degli indennizzi), v è la proporzione assicurata di rischio, ed η è il rapporto tra la varianza del portafoglio pre esistente e la varianza del pool di assicurati. Nell equazione 12

14 (4), il rischio sistemico cresce in t, implicando di fatto che la varianza totale dei portafogli degli assicurati è anche accresciuta. Mentre il risk pooling attraverso gli assicurati fallisce quando c è alta correlazione dei rischi, la strategia di portafoglio superando il pool degli assicurati può facilmente compensare ogni pool di rischio sistemico. Intuitivamente, tutto ciò che si richiede è la diversificazione in altre attività rischiose assolutamente incorrelate con il systematic risk del settore assicurato. Questa è l essenza della riassicurazione (e perchè no, dei mercati finanziari con i derivati). Tre esempi di selezione avversa sono spesso citati in letteratura (tra gli altri, sempre Quiggin 1994). Primo, data asimmetria nella distribuzione delle rese, la partecipazione ad un programma assicurativo risulta maggiormente attraente per gli agricoltori che hanno aspettative positive riguardo la differenza tra premio pagato e indennizzo da ricevere (in sostanza, hanno aspettative fondate che il premio pagato sia il male minore in cambio della certezza di raggiungere un prefissato livello di reddito in T 1 qualsiasi evento accada). Secondo, gli agricoltori maggiormente disposti a rinnovare la loro partecipazione ad un programma assicurativo sono quelli che hanno aspettative su particolari eventi anomali (e perdite anomale che ne derivano). Terzo, i potenziali assicurati possono sfruttare conoscenze particolari sulle potenzialità produttive dell area di riferimento, pregiudicando di fatto la diversificazione di portafoglio delle compagnie (si assicurano gli agricoltori più rischiosi ). In sostanza, la formalizzazione del problema parte sempre dalla teoria classica del problema principale-agente; modelli che descrivono cioè l interazione tra un soggetto (agente) caratterizzato da completezza informativa, ed un altro (principale) non fornito delle stesse informazioni. I modelli che rientrano in tale famiglia sono caratterizzati dalla particolare struttura in cui il principale offre un contratto assicurativo cui l agente può decidere di aderire. Più formalmente, è possibile individuare con P il principale e con A l agente. A è in possesso di informazioni private v [0, V ] ed ha a disposizione un set di azioni possibili X entro cui poter scegliere. P non conosce v, ma formula delle ipotesi sulla distribuzione possibile di v. In tale contesto informativo, P sceglie un contratto C(x) da sottoporre ad A in cui C(x) specifica il pagamento da P ad A se l azione x si concretizza. A sua volta A osserva il contratto proposto e sceglie la propria azione x. I rispettivi payoff saranno pari a u(x, C(x), v) per A, e a ((x, C(x), v) per P. Il problema di P diventa la scelta di C che massimizza E {((x, C(x), v)} 13

15 sotto la condizione x = arg max y [u(y, C(y), v], dove le aspettative si basano sulle previsioni di P su v. Si comprende da tale elementare formulazione come, per il principale possano nascere problemi di determinazione di un premio equo per una polizza assicurativa da sottoporre all agente; in particolare per il settore primario dove l osservabilità delle azione sovente viene pregiudicata dall evoluzione particolare del fattore climatico. La questione del moral hazard consegue dall informazione asimmetrica rispetto alla scelta degli assicurati. L impossibilità di osservare a costi ragionevoli i comportamenti degli agricoltori (per le compagnie assicurative), permette a questi di poter cambiare i piani produttivi, alterando la riduzione del rischio di fatto conquistata con la stipula di una polizza assicurativa e con ciò alterando anche il rischio del pool degli assicurati. Utilizzando un modello principale-agente nella sua versione standard (Chambers, 1989 tra gli altri), è possibile indicare con R il reddito lordo dell agricoltore, con I(R) il payoff netto previsto dal contratto (premio meno payout), e con C [I (R)] i costi necessari per amministrare il contratto assicurativo. Assumendo informazione simmetrica tra i contraenti (assicuratore in grado di osservare l utilizzo degli input dell assicurato, ad esempio), il problema per la compagnia diventa: max b x,i(r) a {I (R) C [I (R)]} df (R/x) s.t. (5) b a U [R I (R) rx] df (R/x) u dove il reddito lordo R trova supporto tra l intervallo temporale del contratto [a, b], u rappresenta il livello minimo di utilità attesa che deve essere garantito dal contratto per indurre il produttore ad assicurarsi, F (R/x) è la distribuzione del reddito condizionata dal vettore degli input x e dal vettore dei prezzi r. L analisi standard introdotta da Borsch (1962), richiede che I(R) soddisfi la condizione minima: 1 C I(R) [I(R)] = µ, U π [π] dove µ rappresenta il moltiplicatore di Lagrange del problema vincolato della (5). Se i costi di chi assicura rischi altrui, rimangono immutati rispetto alla struttura del contratto offerto, la condizione di ottimalità richiederà la costanza di U π [π] ; allo stesso modo, per l assicurato avverso al rischio deve valere la condizione 14

16 R I(R) rx = cost. Questo è il risultato classico della divisione del rischio tra le due controparti dove il soggetto neutrale al rischio dovrebbe essere in grado di sopportare parte dei rischi del soggetto avverso al rischio. Questo modello cambia drasticamente nella pratica in considerazione della non osseravabilità dei comportamenti dell assicurato. Come in seguito approfondito nell analisi dei principali schemi pubblici di sostegno alle assicurazioni agricole, esistono accorgimenti in grado di attenuare le problematiche connesse all asimmetria informativa; il riferimento è ai contratti basati su rese di aree geografiche non influenzabili dal risultato negativo della singola azienda agricola. 2.3 Stumenti finanziari La teoria della finanza è una delle aree che maggiormente, e più velocemente, è stata pervasa da significativi cambiamenti negli ultimi decenni. In virtù di tali profondi cambiamenti, i moderni strumenti finanziari sono diventati estremamente complessi; modelli matematici innovativi sono mezzi essenziali, nonché prezzo da pagare, per la comprensione di tali strumenti finanziari. Nei primi anni 70 Myron Scholes, Fisher Black e Robert Merton, segnarono un importante passo in avanti nella valutazione di complessi strumenti finanziari sviluppando, successivamente, il modello Black&Scholes divenuto un rifrimento importante nella moderna teoria finanziaria. La formulazione di tale modello, verrà derivata nello spazio conclusivo di tale sezione, con l intento di introdurre la conoscenza di una tecnica in grado di valutare l equità dei premi assicurativi richiesti agli agricoltori dalle compagnie assicurative; è una alternativa, quest ultima che se adeguatamente implementata potrebbe fornire elementi oggettivi alla discussione iniziale sul mancato sviluppo di un mercato privato per le assicurazioni in agricoltura (premio della polizza potrebbe essere troppo alto non, e non solo, per problemmi di informazione ma, anche, per la presenza di un potere di mercato dal lato dell offerta). Necessaria diventa, quindi, una introduzione dei termini finanziari di utilizzo diffuso, quali stock, forward, futures, option e weather derivatives, ed una rivisitazione della teoria sul principio di arbitraggio; di seguito, si deriverà un modello per l evoluzione di stock, comprendendo nozioni quali componenti casuali e moto browniano. 15

17 Il passaggio ulteriore sarà l introduzione di alcuni concetti basilari di calcolo stocastico che verranno applicati al modello sugli stock finanziari proposto; da tale passaggio, si giungerà alla formulazione dell equazione differenziale parziale del modello Black&Scholes Mercati Finanziari e principio di arbitraggio I titoli derivati, il cui rendimento viene definito in termini di altri titoli, detti sottostanti, sono uno degli elementi più rappresentativi del processo d innovazione che ha riguardato gli strumenti e le istituzioni finanziarie degli ultimi decenni. Negli Stati Uniti l apertura del primo mercato regolamentato per la compravendita di titoli derivati è avvenuta nel 1973: allora erano sedici i titoli azionari sui quali era possibile negoziare opzioni al Chicago Board Options Exchange, mentre ora hanno superato le duecento unità; contemporaneamente, si è registrato un incremento notevole nel volume giornaliero di contratti stipulati, il cui controvalore risulta largamente superiore a quello negoziato nel comparto azionario. In Italia, dove il mercato azionario è storicamente caratterizzato da insufficciente livello di capitalizzazione e di liquidità, l attività di compravendita di titoli derivati può essere osservata solo negli ultimi anni: l apertura dell IDEM (Italian Derivatives Market) è avvenuta di fatto soltanto a fine Da questa data, gli scambi complessivi in derivati sono aumentati in modo considerevole dimostrando sia un crescente interesse degli investitori, sia l impatto esercitato dalle riforme degli aspetti istituzionali e organizzativi avvenuti, che hanno avvicinato il mercato finanziario italiano a quelli europei maggiormente sviluppati (nel 1997 e nel 1998 l IDEM è risultato il secondo mercato europeo per volumi scambiati di strumenti derivati a sottostante azionario). La quantità maggiore di traders che scambiano contratti derivati non possiedono nel momento dell apertura della propria posizione, la volontà di scambiare (acquistare o vendere) il titolo sottostante, ma utilizzano i derivati per modificare il proprio profilo di rischio rispetto alle attività possedute: all interno di questi, esistono differenze notevoli tra hedgers e speculatori. Laddove i primi sono alla ricerca di una riduzione del rischio delle proprie attività, gli speculatori hanno l obiettivo di assumere posizioni rischiose certi di poter sfruttare eventuali vantaggi informativi posseduti. Altri utilizzatori, tra cui gli arbitraggisti, sfruttano la possibilità di creare posizioni risk low e profittevoli; gli investitori considerano i derivati come strumento di diversificazione e risulta assolutamente incomprensibile la vi- 16

18 sione di coloro che ritengono tali strumenti inaccessibili agli operatori del settore primario. Episodi accaduti nel passato, hanno diffuso in parte dell opinione pubblica un clima di scetticismo nei confronti dei prodotti derivati; va considerato, altresì, come l utilizzo di tale strumento finanziario permette di assumere posizioni di rischio o di esposizioni per enormi quantità di denaro, con modesto impiego di capitale. Tale caratteristica, può creare pressioni notevoli sui titoli sottostanti ed avere di riflesso ripercussioni importanti sui mercati finanziari. Del resto risulta complicato l intervento degli organi di vigilanza operanti sui mercati finanziari al fine di evitare enormi perdite finanziarie proprio in virtù della dinamicità degli strumenti derivati e della nascita continua di nuove tipologie di prodotti derivati (come si comprenderà in seguito, il numero di tipologie di derivati può risultare effettivamente di grande entità). La rapida espansione del mercato dei derivati, ha stimolato la nascita e lo sviluppo di una teoria matematica dei derivati: in tale contesto, un ruolo preminente è senza dubbio rivestito dal modello di F.Black e M.Scholes (1973) che ha rappresentato il contributo basilare e di maggiore influenza sulla letteratura successiva e, sulle applicazionida parte degli operatori finanziari. Pur contraddistinti da una apparente complessità, dal punto di vista matematico i titoli derivati risultano relativamente semplici da comprendere considerato che il loro valore dipende soltanto dal prezzo del sottostante, dal tasso di interesse, e da pochio altri parametri. Ricorrendo quindi al calcolo stocastico, diventa quindi possibile formulare modelli matematici sui derivati Titoli derivati Ma cos è nella sostanza un titolo derivato? I contratti finanziari sono contratti finalizzati al trasferimento di moneta o di merci o diverse date di esigibilità, o scadenze, subordinatamente alla realizzazione di diversi stati del mondo. Mentre i titoli primari sono rappresentati da quei contratti che stabiliscono direttamente i trasferimenti di merci o moneta, sono detti derivati quelli in cui il trasferimento è regolato in modo indiretto (attraverso cioè il trasferimento di altri contratti). Un esempio classico di titolo è un obbligazione esente da rischio di insolvenza: trattasi di un contratto che fornisce il diritto a ricevere gli interessi e il capitale alle scadenze prefissate, con importi di rimborso sempre uguali in tutti gli stati relativi alla medesima data. 17

19 Divesamente, azioni, o quote di partecipazione in società, prevedono il diritto al dividendo (pagato alle varie scadenze), il cui importo è assolutamente dipendente dallo stato del mondo. In questo senso, anche i forward (contratti a termine), i futures e le opzioni sono titoli; sono però titoli derivati in quanto il relativo valore è dipendente dal valore di un altro titolo (chiamato sottostante). Esempi di sottostante sono le merci, le azioni, ma anche valute, tassi di interesse, indici di mercato che non propriamente sono attività (lo è però il contratto che stabilisce l ammontare oggetto di negoziazione) Contratti a termine (forward) In un contratto forward, o a termine, si stabilisce che alla scadenza del contratto avvenga la consegna di un attività da parte di un contraente e il pagamento del prezzo prefissato da parte dell altro contraente: data di scadenza e prezzo di consegna, quindi, sono entrambi stabiliti dal contratto. La controparte che acquista l attività assume una posizione lunga mentre, la parte che cede attività detiene una posizione corta ; normalmente i forward non vengono trattati in borsa. Il prezzo di consegna viene fissato al momento della stipula del contratto in modo che, per entrambe le parti, il valore del contratto risulti nullo (implicazione di tale regolamentazione è che non ha alcun valore assumere una posizione lunga o corta nel contratto al tempo iniziale). Il prezzo forward di un determinato contratto, quindi, viene definito come prezzo di consegna che rende nullo il valore del contratto. Una distinzione importante da considerare è quella tra prezzo forward e prezzo di consegna; infatti, nella generalità dei casi, i due prezzi risultano identitici nel momento della stipula di un contratto forward (t 0 ) per divergere poi successivamente con il passare del tempo. Tale puntualizzazione risulta abbastanza ovvia in considerazione dell influenza del fattore tempo sull andamento dei prezzi delle attività (finanziarie e non); la considerazione del fattore temporale implica una divergenza tra i due prezzi sopra menzionati perchè, mentre il prezzo di consegna rimane vincolato al tempo t 0 come stabilito da contratto, il prezzo forward seguirà le oscillazioni del prezzo dell oggetto del contratto imposte dal mercato. Da tale considerazione, è possibile quindi individuare il valore di un contratto forward lungo come: S T K, dove K è il prezzo di consegna stabilito in t 0, e S T è il prezzo spot dell attività in t 1 (scadenza del contratto). Analogamente, il valore di un forward corto sarà K S T. Questa evidente relazione tra prezzo spot e prezzo forward permette 18

20 di rendere nulle (almeno teoricamente) opportunità di arbitraggio da parte degli operatori sui titoli sottostanti al forward; tale considerazione verrà ripresa nel corso del testo Contratti futures Anche i futuress, come i forward, sono strumenti lineari nel senso che sia il prezzo forward che il prezzo futures dipendono linearmente dal prezzo del sottostante. I contratti futuress, al pari dei contratti a termine, sono accordi tra due controparti per acquistare o cedere un attività ad una certa data futura, ad un determinato prezzo. Differentemente dai forward, i contratti futuress sono trattati in borsa; gli stessi organi borsistici specificano i singoli aspetti del contratto per rendere possibili le negoziazioni (i futures possono quindi essere considerati contratti standardizzati). Uno dei principali motivi di differenziazione tra forward e futures è che in questi ultimi non viene specificata una precisa data di consegna (viene specificato il mese di consegna; è la borsa in un secondo momento a specificare il periodo entro il mese, in cui effettuare la consegna del sottostante). Altro elemento di diversità è che nei futures le variazioni dei prezzi sono stabilite giornalmente (ogni giorno vengono cioè registrati gli eventuali profitti e perdite dei detentori di futures per ogni contratto e, simultaneamente, viene scritto un nuovo futures-marked to market ). Anche nel prezzo futuress, usualmente esiste una divergenza tra prezzo del sottostante [S(t)] e prezzo futures [F (t)]: ovviamente, valgono le considerazioni sopra introdotte per i forward. Più in generale, è possibile determinare una funzione che leghi S(t) a F (t). Si consideri ad esempio un contratto futures su merci siglato in t che prevede la consegna in T di una unità di merce. Alternativamente, consideriamo una seconda transazione e supponiamo che in t l investitore acquisti un unità di merce al prezzo corrente spot S(t), con liquidità presa a prestito al tasso non rischioso r. Consideriamo noti per unità di tempo, e pari a k, i costi di immagazzinamento, assicurazione, ecc. In questo contesto, il costo totale valutato in T, derivante dalla detenzione della merce e comprensivo anche del costo del prestito risulta pari a e r(t t) S(t) + (T t)k. Se indichiamo con F (t) il prezzo futures, deve essere F (t) = e r(t t))s(t) + (T t)k, ossia deve sussistere lo stesso costo per i due diversi tipi di transazione. 19

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti:

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: Strumenti derivati Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: attività finanziarie (tassi d interesse, indici azionari, valute,

Dettagli

Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale. c Carmine Trecroci 2004

Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale. c Carmine Trecroci 2004 Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale c Carmine Trecroci 2004 1 Tassi di cambio a pronti e a termine transazioni con consegna o regolamento immediati tasso di cambio a pronti (SR, spot exchange

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato e uno strumento finanziario il cui rendimento e legato al rendimento di un altro strumento finanziario emesso in precedenza e separatamente negoziato. Un esempio

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1 Introduzione Capitolo 1 1 La Natura dei Derivati I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali variabili sottostanti 2 Esempi di Derivati Forwards Futures Swaps Opzioni

Dettagli

FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale

FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale 6 parte Prof. Giovanna Lo Nigro # 1 I titoli derivati # 2 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl Argomenti trattati Tipologie

Dettagli

Gli strumenti derivati

Gli strumenti derivati Gli strumenti derivati EMM A - Lezione 6 Prof. C. Schena Università dell Insubria 1 Gli strumenti derivati Derivati perché il loro valore deriva da quello di altre attività dette beni/attività sottostanti

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Alcuni strumenti finanziari particolari Alcuni strumenti proposti nel panorama internazionale Gli strumenti ai quali faremo riferimento sono: i financial

Dettagli

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 GLI STRUMENTI DERIVATI Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Gli strumenti derivati Sono strumenti finanziari la cui esistenza e valutazione dipendono dal valore di un'altra attività chiamata sottostante che può

Dettagli

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni A.A. 2008-2009 20 maggio 2009 Agenda I contratti Swap Definizione Gli Interest Rate Swap Il mercato degli Swap Convenienza economica e finalità Le opzioni

Dettagli

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1 23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari In uno schema uniperiodale e in un contesto di analisi media-varianza, si consideri un mercato

Dettagli

Selezione avversa, screening e segnalazione

Selezione avversa, screening e segnalazione Selezione avversa, screening e segnalazione Il modello principale agente è uno strumento fondamentale per analizzare le relazioni economiche caratterizzate da problemi di asimmetrie informative un primo

Dettagli

Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985):

Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985): Sull uso delle Garanzie. Tassonomia Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985): a) Un mutuatario può impegnare come garanzia ( interna all impresa) un cespite che viene utilizzato nel

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

MinIFIB IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI

MinIFIB IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI SOMMARIO i vantaggi offerti 4 l indice mib30 6 come funziona 7 quanto vale 8 la durata del contratto 9 cosa accade alla scadenza 10 il prezzo al quale si può negoziare

Dettagli

La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala

La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala 1 ARGOMENTI DI QUESTA LEZIONE Questa lezione propone esplora due problemi fondamentali: Se esiste un rischio in una transazione chi lo deve

Dettagli

L avversione al rischio e l utilità attesa

L avversione al rischio e l utilità attesa L avversione al rischio e l utilità attesa Kreps: "Microeconomia per manager" 1 ARGOMENTI DI QUESTA LEZIONE In questa lezione introdurremo il modello dell utilità attesa, che descrive le scelte individuali

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 2

Economia monetaria e creditizia. Slide 2 Economia monetaria e creditizia Slide 2 Le attività e i mercati finanziari Oltre alla moneta, un altra istituzione consente di ridurre i costi di transazione negli scambi: i mercati Si tratta dei contesti

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala

La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala Kreps: "Microeconomia per manager" 1 ARGOMENTI DI QUESTA LEZIONE Questa lezione fornisce la principale motivazione economica dell esistenza

Dettagli

Gestione dei rischi PROGRAMMA. 1) Nozioni di base di finanza aziendale. 2) Opzioni. 3) Valutazione delle aziende. 4) Rischio di credito

Gestione dei rischi PROGRAMMA. 1) Nozioni di base di finanza aziendale. 2) Opzioni. 3) Valutazione delle aziende. 4) Rischio di credito PROGRAMMA 1) Nozioni di base di finanza aziendale 2) Opzioni 3) Valutazione delle aziende 4) Rischio di credito Gestione dei rischi 5) Risk management 6) Temi speciali di finanza aziendale Argomenti trattati

Dettagli

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari I contratti finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Definizioni I contratti finanziari-detti anche attività finanziarie e strumenti finanziari-sono beni intangibili che costituiscono

Dettagli

2. Ci sono due soggetti, 1 e 2. Ciascun soggetto i (i = 1; 2) ha la funzione

2. Ci sono due soggetti, 1 e 2. Ciascun soggetto i (i = 1; 2) ha la funzione CONDIVISIONE DEI RISCHI 1. Ci sono due soggetti, 1 e 2. Ciascun soggetto i (i = 1; 2) ha la funzione di utilità Von Neumann-Morgenstern (VNM) 500Wi 5W U(W i ) = i 2 per W i 50 12500 per W i 50 : (1) La

Dettagli

Il modello binomiale ad un periodo

Il modello binomiale ad un periodo Opzioni Un opzione dà al suo possessore il diritto (ma non l obbligo) di fare qualcosa. Un opzione call (put) europea su un azione che non paga dividendi dà al possessore il diritto di comprare (vendere)

Dettagli

Utilità scontata (US) attiene alla scelta/allocazione tra oggi e domani (i.e. risparmio ottimo). Elemento psicologico: propensione alla parsimonia.

Utilità scontata (US) attiene alla scelta/allocazione tra oggi e domani (i.e. risparmio ottimo). Elemento psicologico: propensione alla parsimonia. Richiami essenziali: Utilità scontata (US) attiene alla scelta/allocazione tra oggi e domani (i.e. risparmio ottimo). Elemento psicologico: propensione alla parsimonia. Tasso di sconto intertemporale soggettivo

Dettagli

Le operazioni di assicurazione e la teoria

Le operazioni di assicurazione e la teoria Capitolo 1 Le operazioni di assicurazione e la teoria dell utilità 1.1 Introduzione In questo capitolo si discutono alcuni aspetti di base della teoria delle assicurazioni. In particolare, si formalizza

Dettagli

I mercati assicurativi

I mercati assicurativi I mercati NB: Questi lucidi presentano solo parzialmente gli argomenti trattati ttati in classe. In particolare non contengono i modelli economici per i quali si rinvia direttamente al libro di testo e

Dettagli

Quesiti livello Application

Quesiti livello Application 1 2 3 4 Se la correlazione tra due attività A e B è pari a 0 e le deviazioni standard pari rispettivamente al 4% e all 8%, per quali dei seguenti valori dei loro pesi il portafoglio costruito con tali

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 4

Economia monetaria e creditizia. Slide 4 Economia monetaria e creditizia Slide 4 Le teorie diverse che spiegano come di determina la domanda di moneta possono essere ricondotte alle due funzioni di mezzo di pagamento e di riserva di valore la

Dettagli

Economia pubblica. Alberto Zanardi

Economia pubblica. Alberto Zanardi Università di Bologna Scuola di Economia, Management e Statistica Corso di laurea CLEF Economia pubblica a.a. 2013-14 14 (8 crediti, 60 ore insegnamento) Le asimmetrie informative Alberto Zanardi Carenze

Dettagli

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Internet Stock In concomitanza alla crescente popolarità del settore Internet osservata

Dettagli

Corso di Analisi dei Sistemi Finanziari 2 Prof. Nathan Levialdi. Derivati. Derivati. sciangula@ing.uniroma2.it

Corso di Analisi dei Sistemi Finanziari 2 Prof. Nathan Levialdi. Derivati. Derivati. sciangula@ing.uniroma2.it Dipaimento di Ingegneria dell Impresa Corso di Analisi dei Sistemi Finanziari 2 Prof. Nathan Levialdi A cura di: Ing. Fiorella Sciangula sciangula@ing.uniroma2.it 1 Opzioni: variabili Prezzo Spot, o valore

Dettagli

Bongini,Di Battista, Nieri, Patarnello, Il sistema finanziario, Il Mulino 2004 Capitolo 2. I contratti finanziari. Capitolo 2 I CONTRATTI FINANZIARI

Bongini,Di Battista, Nieri, Patarnello, Il sistema finanziario, Il Mulino 2004 Capitolo 2. I contratti finanziari. Capitolo 2 I CONTRATTI FINANZIARI Capitolo 2 I CONTRATTI FINANZIARI 1 Indice Definizione di contratto finanziario Contratti finanziari bilaterali e multilaterali Contratto di debito Contratto di partecipazione Contratto assicurativo Contratto

Dettagli

Introduzione alberi binomiali

Introduzione alberi binomiali Introduzione alberi binomiali introduzione L albero binomiale rappresenta i possibili sentieri seguiti dal prezzo dell azione durante la vita dell opzione Il percorso partirà dal modello a uno stadio per

Dettagli

Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza ECONOMIA DELL INFORMAZIONE L informazione è un fattore importante nel processo decisionale di consumatori e imprese Nella realtà,

Dettagli

Esempi di domande per l esame di Economia Monetaria

Esempi di domande per l esame di Economia Monetaria Esempi di domande per l esame di Economia Monetaria. Supponete che la funzione di utilità di un agente sia u x. La remunerazione è rappresentata da un prospetto incerto, che prevede un reddito di 800 nel

Dettagli

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (Testo Unico della Finanza) Il valore dello strumento deriva (dipende)

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

Scelte in condizione di incertezza

Scelte in condizione di incertezza Scelte in condizione di incertezza Tutti i problemi di decisione che abbiamo considerato finora erano caratterizzati dal fatto che ogni possibile scelta dei decisori portava a un esito certo. In questo

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Rischio, assicurazione e asimmetrie informative

Rischio, assicurazione e asimmetrie informative Rischio, assicurazione e asimmetrie informative RISCHIO Nei mercati reali non c è perfetta certezza e informazione La presenza di rischio modifica le condizioni di scelta degli individui Si crea una divergenza

Dettagli

ESERCITAZIONE MATEMATICA FINANZIARIA OPZIONI. Matematica finanziaria Dott. Andrea Erdas Anno Accademico 2011/2012

ESERCITAZIONE MATEMATICA FINANZIARIA OPZIONI. Matematica finanziaria Dott. Andrea Erdas Anno Accademico 2011/2012 ESERCITAZIONE MATEMATICA FINANZIARIA 1 OPZIONI 2 LE OPZIONI Le opzioni sono contratti che forniscono al detentore il diritto di acquistare o vendere una certa quantità del bene sottostante a una certa

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 Il rischio di interesse 2 Il rischio di tasso di interesse Il rischio di tasso di interesse può essere

Dettagli

Finanza Aziendale. Teoria delle opzioni, metodologie di valutazione e implicazioni per la finanza aziendale. BMAS Capitolo 20

Finanza Aziendale. Teoria delle opzioni, metodologie di valutazione e implicazioni per la finanza aziendale. BMAS Capitolo 20 Finanza Aziendale Teoria delle opzioni, metodologie di valutazione e implicazioni per la finanza aziendale BMAS Capitolo 20 1 Le opzioni nei mercati reali e finanziari Si dicono opzioni i contratti finanziari

Dettagli

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani Introduzione al Corporate Financial Risk Management Lorenzo Faccincani 1 Il Corporate Financial Risk Management Il Corporate Financial Risk Management può essere definito come il complesso delle attività

Dettagli

Fronteggiamento dei rischi della gestione

Fronteggiamento dei rischi della gestione Fronteggiamento dei rischi della gestione Prevenzione (rischi specifici) Impedire che un determinato evento si manifesti o limitare le conseguenze negative Assicurazione (rischi specifici) Trasferimento

Dettagli

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo.

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo. LEZIONE 4 Il Capital Asset Pricing Model 1 Generalità 1 Generalità (1) Il Capital Asset Pricing Model è un modello di equilibrio dei mercati che consente di individuare una precisa relazione tra rendimento

Dettagli

Le opzioni. (1 parte) A cura di Stefano Zanchetta

Le opzioni. (1 parte) A cura di Stefano Zanchetta Le opzioni (1 parte) A cura di Stefano Zanchetta 1 Disclaimer La pubblicazione del presente documento non costituisce attività di sollecitazione del pubblico risparmio da parte di Borsa Italiana S.p.A.

Dettagli

Studio empirico per la dinamica della curva dei tassi d interesse forward

Studio empirico per la dinamica della curva dei tassi d interesse forward UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TRE FACOLTÀ DI SCIENZE M.F.N. Studio empirico per la dinamica della curva dei tassi d interesse forward Sintesi della tesi di Laurea in Matematica di Daniela Cavaldesi Relatore:

Dettagli

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Gli Strumenti Finanziari secondo i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Relatore: Dott. Stefano Grumolato Verona, aprile 2008 Overview dell intervento Strumenti finanziari e tecniche di valutazione

Dettagli

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS 1 UTILITÀ Classicamente sinonimo di Desiderabilità Fisher (1930):... uno degli elementi che contribuiscono ad identificare la natura economica di un bene e sorge

Dettagli

Decisioni in condizioni di rischio. Roberto Cordone

Decisioni in condizioni di rischio. Roberto Cordone Decisioni in condizioni di rischio Roberto Cordone Decisioni in condizioni di rischio Rispetto ai problemi in condizioni di ignoranza, oltre all insieme Ω dei possibili scenari, è nota una funzione di

Dettagli

ANALISI DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI. Docente: Prof. Massimo Mariani

ANALISI DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI. Docente: Prof. Massimo Mariani ANALISI DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Analisi del rischio; limiti del VAN in contesti di incertezza; tecniche di descrizione del rischio dei

Dettagli

La Cassa Controparte Centrale dei Mercati Cash Azionari La Metodologia di Calcolo dei Margini Iniziali

La Cassa Controparte Centrale dei Mercati Cash Azionari La Metodologia di Calcolo dei Margini Iniziali La Cassa Controparte Centrale dei Mercati Cash Azionari La Metodologia di Calcolo dei Margini Iniziali Ufficio RM Versione 2.1 Indice Premessa... 3 a) Ambito... 3 b) Obiettivi... 3 1. Metodologia di calcolo

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

5.7. Assicurazione e equilibri di separazione.

5.7. Assicurazione e equilibri di separazione. ELORTO DL PR ON LINE DI ECONOMI DEI CONTRTTI 5.7. ssicurazione e equilibri di separazione. In questo paragrafo esaminiamo l attività di screening di una compagnia assicurativa (per definizione neutrale

Dettagli

Economia dei mercati mobiliari

Economia dei mercati mobiliari pag. 1 1 Cos'è un currency future? A) È un contratto che rappresenta l'impegno alla cessione o all'acquisto a termine di una quantità di valuta B) È un contratto in cui una parte acquisisce la facoltà

Dettagli

Il concetto di rischio

Il concetto di rischio Il concetto di rischio Il rischio si presenta in forma simmetrica: vi è la possibilità di ottenere un risultato inferiore a quello più probabile ma anche di ottenere un risultato superiore. Si può guardare

Dettagli

Guida ai Covered Warrants

Guida ai Covered Warrants Guida ai Covered Warrants Per qualunque Vostra domanda o eventuale approfondimento contattate il numero verde 800 550 350 dove, nell orario d ufficio, troverete un operatore a Vostra disposizione. EQUITY

Dettagli

Scelte in condizioni di rischio e incertezza

Scelte in condizioni di rischio e incertezza CAPITOLO 5 Scelte in condizioni di rischio e incertezza Esercizio 5.1. Tizio ha risparmiato nel corso dell anno 500 euro; può investirli in obbligazioni che rendono, in modo certo, il 10% oppure in azioni

Dettagli

Strategie e tecniche d investimento con le opzioni

Strategie e tecniche d investimento con le opzioni FINANZA OPERATIVA Strategie e tecniche d investimento con le opzioni Dario Daolio FRANCOANGELI Am - La prima collana di management in Italia Testi advanced, approfonditi e originali, sulle esperienze più

Dettagli

Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa

Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa Francesca Querci Università di Genova Strumenti derivati e copertura dei rischi finanziari d impresa nel nuovo contesto di

Dettagli

Dott. Domenico Dall Olio

Dott. Domenico Dall Olio Responsabile didattico per il progetto QuantOptions Le basi delle opzioni www.quantoptions.it info@quantoptions.it 1 Opzioni: long call definizione e caratteristiche di base Le opzioni sono contratti finanziari

Dettagli

L azzardo morale e il modello principale-agente

L azzardo morale e il modello principale-agente L azzardo morale e il modello principale-agente L azzardo morale e il problema principale agente Il modello principale agente è uno strumento fondamentale per analizzare le relazioni economiche caratterizzate

Dettagli

Modelli finanziari per i tassi di interesse

Modelli finanziari per i tassi di interesse MEBS Lecture 3 Modelli finanziari per i tassi di interesse MEBS, lezioni Roberto Renò Università di Siena 3.1 Modelli per la struttura La ricerca di un modello finanziario che descriva l evoluzione della

Dettagli

La valutazione dei derivati illiquidi

La valutazione dei derivati illiquidi La valutazione degli attivi illiquidi detenuti dagli intermediari finanziari La valutazione dei derivati illiquidi ROBERTO CONTINI Banca Intermobiliare S.p.A. Milano 12 luglio 2012 S.A.F. SCUOLA DI ALTA

Dettagli

INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELL ART. 31 DEL REGOLAMENTO CONSOB 16190/2007

INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELL ART. 31 DEL REGOLAMENTO CONSOB 16190/2007 INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELL ART. 31 DEL REGOLAMENTO CONSOB 16190/2007 14. Obbligazioni strutturate 14.1 Caratteristiche dei Titoli di debito (obbligazioni) Acquistando titoli

Dettagli

Capitolo primo IL FINANZIAMENTO PUBBLICO DELL ISTRUZIONE: LE RAGIONI ECONOMICHE

Capitolo primo IL FINANZIAMENTO PUBBLICO DELL ISTRUZIONE: LE RAGIONI ECONOMICHE Capitolo primo IL FINANZIAMENTO PUBBLICO DELL ISTRUZIONE: LE RAGIONI ECONOMICHE L istruzione è un servizio complesso, nel quale l intervento pubblico è tradizionalmente ampio in tutti i paesi. In Italia,

Dettagli

= 8.000 + 2.000 = 5.000.

= 8.000 + 2.000 = 5.000. Esercizio 1 Consideriamo il mercato delle barche usate e supponiamo che esse possano essere di due tipi, di buona qualità e di cattiva qualità. Il valore di una barca di buona qualità è q = 8000, mentre

Dettagli

La scelta di portafoglio

La scelta di portafoglio La scelta di portafoglio 1 La scelta di portafoglio La scelta di portafoglio: il modo in cui un individuo decide di allocare la propria ricchezza tra più titoli Il mercato dei titoli è un istituzione che

Dettagli

FINANZA AZIENDALE AVANZATO. Le opzioni e l option theory. Lezioni 14 e 15

FINANZA AZIENDALE AVANZATO. Le opzioni e l option theory. Lezioni 14 e 15 FINANZA AZIENDALE AVANZATO Le opzioni e l option theory Lezioni 14 e 15 I derivati asimmetrici ono contratti/prodotti che fissano le condizioni a cui POTRA aver luogo la compravendita futura dell attività

Dettagli

987-88-386-6495-3 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 3e McGraw-Hill, 2011 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

987-88-386-6495-3 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 3e McGraw-Hill, 2011 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 987-88-386-6495-3 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 3e McGraw-Hill, 211 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato è uno strumento finanziario il cui rendimento

Dettagli

Economia Pubblica Rischio e Incertezza

Economia Pubblica Rischio e Incertezza Economia Pubblica Rischio e Incertezza Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2011-12 Seconda parte del corso di Economia Pubblica I problemi dell

Dettagli

Dispensa n. 2 Le cause del fallimento del mercato: quale intervento pubblico?

Dispensa n. 2 Le cause del fallimento del mercato: quale intervento pubblico? Davide Natale Dispensa n. 2 Le cause del fallimento del mercato: quale intervento pubblico? 1) Perché il mercato fallisce? Il mercato fallisce prevalentemente a causa della presenza di tre fenomeni, che

Dettagli

DANTON INVESTMENT SA. Equilibrium. Il futuro non si prevede SI COSTRUISCE

DANTON INVESTMENT SA. Equilibrium. Il futuro non si prevede SI COSTRUISCE Equilibrium Il futuro non si prevede SI COSTRUISCE 2 Gestioni Patrimoniali Computerizzate Grazie ai notevoli investimenti realizzati negli anni, la DANTON INVESTMENT SA può oggi vantare di possedere uno

Dettagli

Dispensa 4. June 11, 2009

Dispensa 4. June 11, 2009 Dispensa 4 June 11, 2009 1 Il mercato dei bidoni Il problema della selezione avversa è dovuto al fatto che l agente detiene informazioni private (delle quali il principale non è a conoscenza) prima della

Dettagli

call europea viene esercitata, consentendo un guadagno pari a

call europea viene esercitata, consentendo un guadagno pari a INTRODUZIONE Un opzione è un contratto derivato che conferisce al proprio detentore il diritto di disporre del titolo sottostante ad esso. Più precisamente, l acquisto di un opzione call (put) conferisce

Dettagli

Gli strumenti derivati. Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

Gli strumenti derivati. Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it Gli strumenti derivati Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 I FRA (Forward Rate Agreement) Sono contratti con i quali due parti si mettono d accordo sul tasso di interesse da applicare ad un certo

Dettagli

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare danilo.mascia@gmail.com 1 Gli strumenti finanziari derivati 2 Gli strumenti

Dettagli

Incertezza, assicurazioni, deterrenza

Incertezza, assicurazioni, deterrenza Incertezza, assicurazioni, deterrenza (anche questo è adattato da altri pezzi per mancanza di tempo) Scelta sotto incertezza come scelta tra lotterie L esperienza ci insegna che in generale le conseguenze

Dettagli

Investimenti finanziari a confronto

Investimenti finanziari a confronto Guida pratica Investimenti finanziari a confronto Capire e scegliere i prodotti finanziari INDICE 2 INVESTIMENTI FINANZIARI A CONFRONTO Caro Cliente... 3 1. Cosa offre questa iniziativa?... 4 2. A chi

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario AREA FINANZA DISPENSA FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA Strumenti

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

ESERCITAZIONE 1. 15 novembre 2012

ESERCITAZIONE 1. 15 novembre 2012 ESERCITAZIONE 1 Economia dell Informazione e dei Mercati Finanziari C.d.L. in Economia degli Intermediari e dei Mercati Finanziari (8 C.F.U.) C.d.L. in Statistica per le decisioni finanziarie ed attuariali

Dettagli

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014 I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS Federica Miglietta Bari, luglio 2014 GLI STRUMENTI DERIVATI Gli strumenti derivati sono così denominati perché il loro valore deriva dal prezzo di una attività sottostante,

Dettagli

DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40

DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40 DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40 LE OPZIONI - Definizione Le opzioni sono contratti finanziari che danno al compratore il diritto, ma non il dovere, di comprare,

Dettagli

Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV

Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV Un Fondo Comune può essere paragonato ad una cassa collettiva dove confluiscono i risparmi di una pluralità di risparmiatori. Il denaro che confluisce in questa

Dettagli

004722 - Economia pubblica - II anno

004722 - Economia pubblica - II anno Corso di laurea di primo livello in Economia aziendale CLEA nuovo ordinamento 004722 - Economia pubblica - II anno 8 crediti, 60 ore insegnamento a.a. 2011-12 Stefano Toso e Alberto Zanardi Lezione 7 Carenze

Dettagli

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Capitolo 15 Indice degli argomenti 1. Analisi dei rendimenti delle principali attività

Dettagli

Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista

Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista Convegno ODC Milano Milano 26 gennaio 2006 Intervento di Emanuele Facile e.facile@fin-innovations.com 1 Gli auspici

Dettagli

5.7. Assicurazione, selezione e equilibri di separazione.

5.7. Assicurazione, selezione e equilibri di separazione. ELBORTO SULL BSE DEL PR ON LINE 5.7 DI NICIT-SCOPP, ECONOMI DEI CONTRTTI (versione CZ del 10.12.2012) 5.7. ssicurazione, selezione e equilibri di separazione. In questo paragrafo esaminiamo l attività

Dettagli

Derivati: principali vantaggi e utilizzi

Derivati: principali vantaggi e utilizzi Derivati: principali vantaggi e utilizzi Ugo Pomante, Università Commerciale Luigi Bocconi Trading Online Expo Milano 28, Marzo 2003 CONTENUTI In un mondo senza derivati I futures Le opzioni Strategie

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 26 Le opzioni sui tassi di interesse

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 26 Le opzioni sui tassi di interesse DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 26 Le opzioni sui tassi di interesse Giugno 2003 LE OPZIONI SUI TASSI DI INTERESSE Documento Aristeia n. 26 LE OPZIONI SUI TASSI DI INTERESSE SOMMARIO: 1. Introduzione 2.

Dettagli

I CONTRATTI DI OPZIONE

I CONTRATTI DI OPZIONE I CONTRATTI DI OPZIONE INDICE Capitolo 1 - Definizione e terminologia...2 Capitolo 2 - Funzionamento e payout...4 Capitolo 3 - Elementi di valutazione delle opzioni...8 Capitolo 4 A cosa servono le opzioni?...15

Dettagli

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista.

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. STEFANIA TANSINI INTESA SANPAOLO DIVISIONE CORPORATE E INVESTMENT BANKING UFFICIO SPECIAL

Dettagli

Gli strumenti di base della Finanza

Gli strumenti di base della Finanza 27 Gli strumenti di base della Finanza ECONOMIA FINANZIARIA L Economia Finanziaria studia le decisioni degli individui sulla allocazione delle risorse e la gestione del rischio VALORE ATTUALE Con il termine

Dettagli

INTRODUZIONE ALL ECONOMIA DELL ORGANIZZAZIONE

INTRODUZIONE ALL ECONOMIA DELL ORGANIZZAZIONE DISPENSA 5 Economia ed Organizzazione Aziendale INTRODUZIONE ALL ECONOMIA DELL ORGANIZZAZIONE 1 LA CRESCITA DELLE ORGANIZZAZIONI La teoria economica tradizionale: la teoria dei mercati la mano invisibile

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 20 I forward rate agreement

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 20 I forward rate agreement DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 20 I forward rate agreement Maggio 2003 I FORWARD RATE AGREEMENT DOCUMENTO ARISTEIA N. 20 I FORWARD RATE AGREEMENT SOMMARIO: 1. Introduzione 2. Aspetti generali sui Forward

Dettagli

Y (da L e da K), in cambio di offerta di servizi produttivi. Offerta di S / Domanda di AF. Unità in deficit. Domanda di S / Offerta di PF

Y (da L e da K), in cambio di offerta di servizi produttivi. Offerta di S / Domanda di AF. Unità in deficit. Domanda di S / Offerta di PF Appunti di Economia finanziaria (a c. di G.Garofalo) Il finanziamento dell economia I stadio Y (da L e da K), in cambio di offerta di servizi produttivi Offerta di S / Domanda di AF Famiglie surplus deficit

Dettagli

Alessandro Ramponi Lezioni di Finanza Matematica

Alessandro Ramponi Lezioni di Finanza Matematica A01 185 Alessandro Ramponi Lezioni di Finanza Matematica Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06) 93781065 ISBN

Dettagli

19-2 Argomenti trattati

19-2 Argomenti trattati Principi di finanza aziendale Capitolo 19-20 IV Edizione Richard A. Brealey Stewart C. Myers Sandro Sandri Introduzione alle opzioni e cenni al problema della valutazione 19-2 Argomenti trattati Call,

Dettagli