Rassegna Stampa Pon Sicurezza novembre 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rassegna Stampa Pon Sicurezza 11 17 novembre 2013"

Transcript

1 Rassegna Stampa Pon Sicurezza novembre 2013

2 Quotidiani

3 Quotidiano

4 Quotidiano

5 Quotidiano

6 Quotidiano

7 Quotidiano

8 Quotidiano

9 Quotidiano

10 Quotidiano

11 Quotidiano

12 Quotidiano

13 Quotidiano

14 Quotidiano

15 Quotidiano

16 Quotidiano

17 Quotidiano

18 Quotidiano

19 Quotidiano

20 Quotidiano

21 Quotidiano

22 Quotidiano

23 Quotidiano

24 Quotidiano

25 Quotidiano

26 Quotidiano

27 Quotidiano

28 Quotidiano

29 Quotidiano

30 Quotidiano

31 Quotidiano

32 Quotidiano

33 Quotidiano

34 Quotidiano

35 Quotidiano

36 Web

37 e r c a BLOGSICILIA.IT (WEB) Data CL Contatti Pubblicità RSS 11 novembre :40 Blogsicilia Province Cronaca Politica Sport Lavoro Storie Arte Salute Video Foto Archivio Cerca: C LA FIRMA DOMANI A CALTANISSETTA Emergenza estorsioni alle imprese Accordo tra Confindustria e Fai COMMENTI 0 STAMPA Tweet LEGALITÀ 11 novembre 2013 di Redazione Fornire assistenza, dal momento della denuncia alla fase processuale, a tutti gli imprenditori che decidono di ribellarsi al racket. E con questo obiettivo che domani, alle 16, presso la Prefettura di Caltanissetta, in viale Regina Margherita, 30, il presidente degli industriali siciliani, nonché vicepresidente di Confindustria con delega per la legalità, Antonello Montante, e Tano Grasso, presidente onorario della Fai, Federazione delle Associazioni Antiracket e Antiusura Italiane, firmeranno un protocollo d intesa per supportare imprese e imprenditori vittime delle estorsioni. L intesa, che sarà sottoscritta anche dal Commissario nazionale per il coordinamento delle iniziative antiracket e antiusura, il prefetto Elisabetta Belgiorno, dal prefetto di Caltanissetta, Carmine Valente, e dal presidente della Fai, Giuseppe Scandurra, rientra nell ambito del progetto Pon Sicurezza, dal titolo Caltanissetta e Caserta sicure e moderne, finalizzato proprio allo sviluppo di una rete di tutela del sistema imprenditoriale locale dalle pressioni criminali, dal racket e dall usura. Tag Accordo Confindustria Fai Sicilia, antonello montante, Antonello Montante e Tano Grasso, caltanissetta protocollo intesa confindustria fai, Elisabetta Belgiorno, estorsioni imprese sicilia, fai confidustria racket estorsioni, tano grasso Gli annunci: Tweet Ultimi Articoli 18:01 Emergenza estorsioni alle imprese Accordo tra Confindustria e Fai 17:54 Formazione, inchiesta sul Ciapi Sette rinvii a giudizio 17:44 Metropolitana di Palermo, Ue approva finanziamento da 75 milioni 16:58 Etna: eruzione conclusa 16:48 Mineo migranti somali rubano auto operatrice comunità che li ospita 16:40 Enna, il fidanzato di Vanessa Scialfa condannato a 30 anni di carcere 16:32 Teatri, M5S: "Finalmente l'assessore Stancheris batte un colpo" 16:22 Palermo, senza stipendi da 5 mesi Protesta davanti al Bingo Las Vegas 16:21 Sorrentino: "Siamo contenti" Perinetti: "Niente calcoli" 16:03 Cassa integrazione, a Palermo 800 metalmeccanici senza sussidio VISUALIZZA ARCHIVIO ipad venduto a 17? Vi sveliamo come ottenere fino all'80% di sconto utilizzando questo segreto megabargains24.com Cambia la sua vita La crisi vista con i suoi occhi è tutta un'altra storia Adotta un bimbo a distanza! ADSL Telecom Scopri Promo ADSL a 19,90 /mese Promo Il nuovo iphone a 17?Agli utenti italiani uno sconto del 80% grazie a un Cambia la sua vitala crisi vista con i suoi occhi è tutta un'altra storia Adotta un bimbo a distanza! 15:45 Denise, Procura ricorre in appello contro l'assoluzione di Jessica Pulizzi Stiamo discutendo di

38 ILMONDO.IT (WEB) Data Chi Siamo Redazione Contatti Seguici su: Cerca ne "Il Mondo" cerca Home Il Mondo TV Economia Finanza Esteri Politica Attualità Imprese Personaggi Hi Tech Sport ATTUALITA IL MONDO / attualita / 11 Novembre 2013 Sicilia, Confindustria e Fai insieme contro il racket Domani a Caltanissetta la firma del protocollo d'intesa Il Mondo 8 Novembre 2013 MALI CULTURALI Gare annullate, ricorsi al Tar, bandi fantasma. Ecco come un business da mezzo miliardo di euro per la gestione di biglietti, bookshop e ristorazione nei musei italiani resta in mano ai soliti noti Palermo, 11 nov. Fornire assistenza, dal momento della denuncia alla fase processuale, a tutti gli imprenditori che decidono di ribellarsi al racket. È con questo obiettivo che domani, martedì 12 novembre, alle 16, presso la Prefettura di Caltanissetta, in viale Regina Margherita, 30, il presidente degli industriali siciliani, nonché vicepresidente di Confindustria con delega per la legalità, Antonello Montante, e Tano Grasso, presidente onorario della Fai (Federazione delle Associazioni Antiracket e Antiusura Italiane), firmeranno il protocollo d'intesa per supportare imprese e imprenditori vittime delle estorsioni. L'intesa, che sarà sottoscritta anche dal Commissario nazionale per il coordinamento delle iniziative antiracket e antiusura, il prefetto Elisabetta Belgiorno, dal prefetto di Caltanissetta, Carmine Valente, e dal presidente della Fai, Giuseppe Scandurra, rientra nell'ambito del progetto, dal titolo "Caltanissetta e Caserta sicure e moderne", finalizzato proprio allo sviluppo di una rete di tutela del sistema imprenditoriale locale dalle pressioni criminali, dal racket e dall'usura. Il Mondo COMMENTA Commenti Per poter commentare gli articoli devi essere registrato a IlMondo.it Se sei già nostro utente esegui il login altrimenti registrati Invia articolo Versione stampabile ATTUALITA OGGI Occupa una casa popolare a Roma e ci vive dentro, a giudizio Piombino, da R. Toscana via libera ai lavori di potenziamento (...) Chiusa ss76 nel comune di Fabriano per esondazione fiume Esino (...) Incendio sulle alture di Ventimiglia: evacuate alcune abitazioni (...) Si suicida detenuto algerino in carcere a Torino Al Museo Egizio di Torino debuttano i Google Glass per sordi SCRIVI MILANO FRANCOFORTE NEW YORK I migliori... Telecom Italia Ubi Banca A2A...e i peggiori Mediaset Pirelli e C Azimut I migliori... Infineon Tech.Ag Na +2,06% +2,00% +1,94% 1,05% 1,09% FTSEMIB 1,22% DAX30 +2,08% TEMPO REALE 16:57 Asati: Consob faccia luce su collocamento convertendo Telecom 16:54 Tra le macerie nasce Beatriz Joy, il miracolo di Tacloban 16:53 Messico, cittadino italiano ucciso in ristorante di Acapulco 16:52 Bergamini (Pdl): governo non faccia spallucce su errori manovra REAL ESTATE Il design italiano salpa sulla portaerei italiana Cavour alla ricerca di nuove rotte COMMENTA Commenti IMPRESE Alitalia, summit a palazzo Chigi: "superare la fase attuale" PERSONAGGI Le manovre societarie del Mogol imprenditore INVIA NEWS DAL TERRITORIO Maltempo: allerta Protezione Civile, ancora piogge e venti forti

39 ILTACCODITALIA.INFO (WEB) Data / 2 mobile arretrati scrivici collabora con noi redazione RSS OK Home news rubriche archivio rubriche lettere agenda Annunci Home > news > società > novembre 2013 > Bubbico, cooperare contro le mafie SOCIETÀ 11 novembre 2013 Bubbico, cooperare contro le mafie Lecce. Il vice ministro dell'interno Filippo Bubbico auspica la cooperazione nella parte sana della società per sconfiggere le mafie Di Francesca Quarta LEGGIBILITÀ carattere: normale 6 ok TAG contro le mafie, filippo bubbico, lecce, vice ministro interno ULTIME NOTIZIE 1. Bubbico, cooperare contro le mafie società 2. Tap, Melendugno presenta uno studio ambiente 3. Trapa Natans, la castagna di mare La lupa che tesse 4. Emma di cristallo, un video per non tacere il femminicidio società 5. Per città intelligenti servono cittadini intelligenti società 6. Sesso, droga ed altro ancor II Lirici & lyrics 7. 'Sei bassa'. E la capotreno è licenziata. Molendini vince in Tribunale Caffè nero bollente 8. Parto o resto? società 9. Cervelli in fuga e cervelli sprecati società 10.Storie di felicità. 'Io? Start up!' società Lecce. "Praticare la cooperazione tra le Istituzioni e rafforzarne il corretto funzionamento per sconfiggere le organizzazioni criminali e liberare risorse dell'economia legale". E' l'auspicio espresso dal viceministro all'interno, Filippo Bubbico, durante il tavolo interistituzionale, riunitosi presso la Prefettura di Lecce, alla fine del mese di ottobre, per avviare la sottoscrizione di protocolli e intese su nuovi strumenti di prevenzione contro le infiltrazioni della mafia, nella vita economica e sociale dei territori. Per fronteggiare ogni condizionamento della criminalità organizzata, è stato, dunque, firmato un accordo tra Prefettura, Tribunale e Corte d'appello per la semplificazione del rilascio dei certificati antimafia, grazie a una più rapida acquisizione delle informazioni da parte della Prefettura e degli organi giudiziari, al fine di conoscere chi riveste cariche elettive e ottenere indicazioni varie in riferimento ai beni confiscati. Per l'occasione, è stata poi confermata l'adesione di oltre 100 stazioni Appaltanti della provincia al protocollo "La rete dei responsabili della legalità in materia di appalti pubblici", già sottoscritto il 9 ottobre 2012, e completato alla luce delle integrazioni

40 ILTACCODITALIA.INFO (WEB) Data / 2 del nuovo "Codice Antimafia". La "Rete" (approvata nell'ambito del Comitato di Valutazione) è un progetto del "Pon Sicurezza", il programma cofinanziato dall'unione europea e gestito dal Ministero dell'interno (Dipartimento di Pubblica Sicurezza), per le regioni dell'"obiettivo Convergenza " (Puglia, Sicilia, Campania e Calabria). Si tratta di una banca dati e di un sistema di infrastrutture telematiche che collegano la Prefettura a tutte le stazioni appaltanti del territorio provinciale per favorire "il flusso di informazioni fra tutte le stazioni e i soggetti coinvolti nei controlli e nelle verifiche antimafia assicurando così, maggiore tempestività ed efficienza nella veicolazione delle informazioni, in particolare di quelle relative alla fase di esecuzione dei lavori e a quella di aggiudicazione degli appalti". Nello specifico, per il progetto era prevista la realizzazione di "un sistema di videoconferenze per accelerare e ottimizzare la comunicazione e lo scambio di dati". Prevista, infine, la riorganizzazione dei locali destinati al Gia (il Gruppo interforze appalti) "che svolge accertamenti nei confronti delle ditte partecipanti a gare pubbliche". All'incontro hanno partecipato il Prefetto, Giuliana Perrotta; il Presidente della Regione, Nichi Vendola e il Presidente della Corte D'Appello, Mario Buffa, oltre a Ivan Lo Bello, Vicepresidente di Confindustria per l'education e Alfredo Prete, Presidente della Camera di Commercio di Lecce collegati in videoconferenza. Hanno, inoltre, assistito alla riunione, via streaming, anche alcuni sindaci della provincia di Lecce, consiglieri regionali e rappresentanti delle associazioni di categoria. Articoli Correlati: Infiltrazioni mafiose nella Pa. Basta una 'Sua' COMMENTI Il tacco d'italia.info è di Dinamica Scarl via Casaranello Casarano (Le) tel. 0833/ , fax 0833/ P.Iva Per la pubblicità su portale e newsletter: Mario Maffei Cell: 393/ , Il Tacco d'italia è realizzato in collaborazione con Associazione Giovani Giornalisti di Taurisano (Le) : Direttore responsabile Maria Luisa Mastrogiovanni Quotidiano on line iscritto al n 845 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce nel gennaio 2004 e al ROC al n Il tacco d'italia. Riproduzione riservata: Si autorizza l'utilizzo degli articoli e degli altri contenuti del sito, a patto che vengano rispettate due condizioni: la citazione della fonte (www.iltaccoditalia.info) e il collegamento ipertestuale all'articolo originale. In mancanza di tali requisiti ogni utilizzo verrà perseguito per violazione dei diritti di copyright.

41 REGIONI.IT (WEB) Data / 6 home news dalleregioni cerca contatti mappa rubrica webmail riservata informazioni conferenze comunicati stampa newsletter rassegna stampa inparlamento agenda riforme economia ueesteri territorio ambientenergia tourculture sanità sociale scuolavoro agricoltura azimpresa protezione civile biblioteca link ingazzetta Programmazione Fondi Europei: al via accordo Governo Regioni +T T (regioni.it) Abbiamo valutato nel complesso positivamente la bozza di accordo raggiunto col ministro per la Coesione territoriale Carlo Trigilia. Proporremo al Ministro alcune puntualizzazioni ma il quadro dell'accordo c'è. Così il Presidente della Conferenza delle Regioni, Vasco Errani, al termine della seduta straordinaria sulla nuova programmazione dei Fondi Ue. Può ora partire il lavoro di concretizzazione della programmazione che ci consentirà di rispondere in tempi adeguati alle scadenze dell'unione europea, ha aggiunto Errani. Abbiamo trovato ha detto Errani riferendosi alla bozza di intesa sui fondi UE un punto di equilibrio complessivo tra Centro Nord, Sud e Regioni in transizione. Riguardo alle risorse per i programmi regionali, Errani ha sottolineato che "c'è un equilibrio con i programmi operativi nazionali diversificato tra centro nord e centro sud. E c'è un impegno del Governo a costruire insieme i programmi operativi nazionali (PON) per fare in modo che le politiche strutturali e dei fondi strutturali siano integrate ossia siano politiche per il Paese a partire dalla valorizzazione del territorio. Riguardo alle direttrici su cui saranno convogliate le risorse. Errani ha detto che la strategia è quella disegnata dalla UE. Il riparto delle risorse europee tra le differenti regioni sarà limato in un secondo momento: una volta fatto il quadro, inizieremo la discussione", ha concluso a tal proposito Errani. Errani: dichiarazione su fondi UE e Sanità (Conferenza Regioni straordinaria del 14/10/2013) UE: OK REGIONI AD ACCORDO SU FONDI Regioni: Errani, ok a bozza accordo su fondi Ue Fondi Ue: da Regioni si' a bozza accordo con Governo UE: SIMONCINI, PIU' RISORSE A CENTRO NORD CON ACCORDO REGIONI GOVERNO Fondi Ue: Trigilia, spero che Regioni oggi approvino accordo ( red / ) Fondi europei: Conferenza delle Regioni straordinaria il 14 ottobre +T T (region.it) Il Presidente Vasco Errani ha convocato una seduta straordinaria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome per lunedì 14 ottobre 2013 (alle ore in Via Parigi, 11 a Roma). All Ordine del giorno l esame e l approvazione dell accordo con il Governo sulla Programmazione dei Fondi dell Unione europea. Fondi europei: 14 Ottobre seduta straordinaria della Conferenza deller Regioni

42 REGIONI.IT (WEB) Data / 6 ( red / ) (14/10/2013) Ordine del Giorno SEDUTA STRAORDINARIA Conferenza Regioni e Province Autonome Vertice fra Trigilia e delegazione Confeenza delle Regioni, guidata da Errani Programmazione fondi europei : verso accordo Governo Regioni Definita una base di intesa +T T (regioni.it) Il 10 ottobre si sono incontrati il Ministro per la Coesione territoriale Carlo Trigilia e il Gruppo di coordinamento delle Regioni guidato dal Presidente della Conferenza delle Regioni Vasco Errani. Nel corso della riunione è stata esaminata la proposta in merito alla programmazione del ciclo dei Fondi strutturali L incontro si è concluso positivamente: è stata infatti definita una base di accordo che sarà sottoposta al più presto all approvazione della Conferenza delle Regioni e del Governo. Nuovo ciclo Fondi Ue Incontro Ministro Trigilia e Gruppo di coordinamento delle Regioni ( red / ) Errani Marini: Regioni Centro Nord utilizzano pienamente i fondi strutturali +T T (regioni.it) Le Regioni del Centro Nord utilizzano pienamente le risorse dei fondi strutturali e il loro impiego è in linea con gli obiettivi fissati dall Unione Europea, commentano così l articolo pubblicato oggi da La Repubblica e le dichiarazioni del Ministro Carlo Trigilia, il Presidente della Conferenza delle Regioni, Vasco Errani, e la Presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini (che su mandato della stessa Conferenza delle Regioni ha coordinato il gruppo di lavoro e di confronto sulla programmazione dei fondi europei con il Ministro della Coesione territoriale). Quanto riportato nell articolo proseguono Errani e Marini non corrisponde alla verità come abbiamo già chiarito, in diverse occasioni, al Ministro Trigilia e, peraltro, su questi temi sono state effettuate verifiche congiunte che hanno dimostrato come non esista alcuno spreco, ma anzi il pieno utilizzo delle risorse, secondo la programmazione approvata dalla Commissione europea, con modalità e tempi sicuramente migliori rispetto ad analoghi progetti operativi nazionali (PON) gestiti al livello centrale. Per quanto riguarda il Fondo Sociale Europeo, ad esempio, le Regioni hanno attivato numerose azioni importanti proprio in materia di politiche attive per il lavoro. E molte di tali misure comprendono proprio incentivi per l'assunzione dei giovani e per la stabilizzazione dei rapporti di lavoro precari. Siamo preoccupati aggiungono Errani e Marini perché certe notizie infondate alimentano solo una inutile confusione. La verità è che tutte le Regioni, come ben sa il Ministro Trigilia, hanno dato la loro piena disponibilità al riutilizzo di ogni risorsa residua. Il tema, sul quale peraltro avevamo preavvertito il Governo, è che al netto delle quote impegnate le somme residue sono limitatissime. Anche per questo motivo concludono Errani e Marini abbiamo chiesto un incontro urgente con il Presidente del Consiglio, Enrico Letta, e con lo stesso Ministro della coesione territoriale, Carlo Trigilia. Sulla programmazione dei fondi europei serve davvero un operazione verità nell interesse dei cittadini e del Paese e non il solito inutile rimpallo di responsabilità, come ci siamo detti più volte con lo stesso Ministro. domenica 6 ottobre 2013 FONDI EUROPEI: ERRANI E MARINI, CHIEDIAMO CONFRONTO CON LETTA E AUSPICHIAMO CHE NON SI ALIMENTINO PIU NOTIZIE INFONDATE CHE FANNO SOLO CONFUSIONE lunedì 7 ottobre 2013 [La Repubblica] Sgravi neo assunti, le Regioni chiedono incontro a Letta

43 REGIONI.IT (WEB) Data / 6 domenica 6 ottobre 2013 [La Repubblica] Le Regioni sprecano un miliardo: assunzioni under 30 ferme al palo, di Federico Fubini Fondi strutturali: Errani, Regioni chiedono confronto con Letta e Trigilia +T T (regioni.it) Il Presidente della Conferenza delle Regioni, Vasco Errani, ha detto che chiederà al Presidente del Consiglio, Enrico Letta, e al ministro per la Coesione territoriale, Carlo Trigilia, un incontro per giungere al più presto ad un'intesa con il governo per la programmazione e l'utilizzo dei fondi strutturali La decisione, ha spiegato Errani, è stata presa nel corso della Conferenza delle Regioni che si è svolta il 2 ottobre a Roma proprio sul tema dei fondi strutturali. Abbiamo stabilito ha concluso Errani i punti fondamentali per poter lavorare ad un'intesa per riuscire a fare un passo avanti. UE: ERRANI, STABILITI I PUNTI PER LAVORARE A INTESA CON GOVERNO SU FONDI Fondi strutturali: Errani, chiediamo incontro a Letta dichiarazioni Errani al termine della Conferenza delle Regioni del 2 ottobre ( red / ) Fondi strutturali: Caldoro e Cota su fondi strutturali +T T (regioni.it) Sui Fondi strutturali è fondamentale la certezza delle risorse. Il presidente della regione Campania, Stefano Caldoro, al termine della Conferenza delle Regioni, sottolinea come sia urgente discutere subito e chiudere l'intesa con il Governo. Le regioni chiedono innanzitutto di avere il quadro complessivo delle risorse, al momento conosciamo solo la quota comunitaria non quella nazionale''. In particolare in Conferenza delle Regioni si è discusso della programmazione dei Fondi strutturali , chiedendo di incontrare al più presto il presidente del Consiglio, Enrico Letta, per avere chiarimenti e ''certezze'' sulle risorse. In tal senso si vuole giungere con il governo ad individuare ''una seria governance generale, un sistema integrato tra Pon (programma operativo nazionale) e Por (programma organizzativo regionale). ''Dobbiamo discutere ha detto Caldoro la centralita' dei Por che rappresentano la quota piu' consistente, in relazione al Pon, dobbiamo sapere qual e' il peso di uno e dell'altro e che cosa fanno. Le Regioni devono condividere con il governo la permeabilita' dei programmi. Pon e Por devono essere fortemente integrati e vanno decisi nel quadro delle responsabilita' delle autonomie''. Caldoro si e' detto convinto che ci siano le condizioni per un accordo anche se a causa delle crisi le risorse potrebbero essere piu' contenute. Il presidente della regione Piemonte, Roberto Cota, si è detto molto preoccupato per il rischio di una nuova centralizzazione della programmazione dei Fondi strutturali europei". Fino a questo momento ha detto Cota ci siamo confrontati sulla necessita' di chiedere un confronto urgente con il governo per discutere la vicenda senza piu' perdere tempo. Queste risorse, secondo Cota, sono molto importanti perche' sono le uniche risorse "visibili" per lo sviluppo del territorio. "Ma quel che mi preoccupa e ci preoccupa e' l'intenzione del governo di inserirsi nella programmazione della quota variabile dei Fondi". Regioni: Cota, su Fondi strutturali serve confronto governo UE: CALDORO, CI SONO LE CONDIZIONI PER INTESA CON GOVERNO SU FONDI ( red / ) Fondi strutturali europei: confronto Trigilia Regioni +T T (regioni.it) Il Ministro per la Coesione territoriale, Carlo Trigilia, ha incontrato il 12 settembre il Presidente della Conferenza delle Regioni, Vasco Errani, alla guida di una delegazione della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, per discutere della fase conclusiva della programmazione dei Fondi strutturali europei e della preparazione del nuovo ciclo Il confronto si è tenuto subito dopo una riunione della Conferenza delle Regioni che si è tenuta nel corso della mattinata (vedi anche notizia successiva). Con riferimento alla programmazione , le Regioni hanno riconfermato la condivisione dell iniziativa proposta dal Ministro di concentrare fondi ancora disponibili su obiettivi capaci di assicurare un impiego rapido delle risorse e con un forte orientamento antirecessivo. In

44 REGIONI.IT (WEB) Data / 6 proposito è stato concordato che sarà condotta una rapida verifica bilaterale degli uffici del Ministro con ogni singola Regione per definire l entità della rimodulazione. Per quanto riguarda la programmazione , nel corso della riunione si è convenuto sugli obiettivi strategici come innovazione e ricerca, digitalizzazione e internazionalizzazione, valorizzazione dei beni culturali e ambientali. E stato quindi concordato un nuovo incontro, che si terrà a breve, per l approfondimento delle misure legate agli obiettivi, la definizione dei programmi operativi e il tema delle risorse complessive a disposizione. Fondi europei: il Ministro Trigilia incontra la Conferenza delle Regioni ( red / ) Caldoro, Frattura, Marini: chiarezza su programmazione fondi europei +T T Marini: sono le poche risorse per un'azione di programmazione, che dobbiamo condividere positivamente tra Regioni e Governo, sapendo che sono fondamentali per lo sviluppo territoriale (regioni) Fare chiarezza sulla vecchia e sulla nuova programmazione. La Conferenza delle Regioni del 12 settembre ha discusso sulla ripresa del Confronto con il Governo sul passato e il futuro della Programmazione 2014/2020 dei fondi strutturali. Il presidente della Campania, Stefano Caldoro, al termine della Conferenza delle Regioni ha spiegato in particolare che "sull'agenzia per la Coesione territoriale si puo' ancora discutere ma non siamo contrari ad una Agenzia di servizio. Io sono favorevole, c'è qualche perplessità da parte di alcune Regioni ma se, come ha detto il ministro per la Coesione Territoriale Carlo Trigilia, tutte le Regioni sono protagoniste, l'idea è positiva". "Le Regioni ha spiegato Caldoro sono favorevoli ad una riprogrammazione della vecchia programmazione dei Fondi europei ma chiedono che siano stipulati accordi bilaterali con le singole Regioni, perche' ognuno ha le proprie specificità e chiedono chiarezza sui Pon, i Programmi operativi nazionali". Fondi Ue: Frattura (Molise), Regioni parleranno di criticita' Anche il presidente del Molise, Paolo di Laura Frattura, ha sostenuto le ragioni delle Regioni che hanno abbondantemente impegnato le somme dei Fondi Ue programmate per il e non capiscono perche' si debba tornare ad una riprogrammazione delle stesse delegando il governo". "Sara' bene afferma Frattura attraverso accordi bilaterali, capire se ci sono spazi per iniziative particolari finalizzate soprattutto al lavoro. La posizione dei presidenti delle Regioni e' critica soprattutto nei confronti dell'agenzia per la Coesione Territoriale vediamo una forma di accentramento, cosi' come non siamo d'accordo sui Pon, i Programmi operativi nazionali: il governo cerca di avocare a se' la gestione dei Pon senza aver concordato con le Regioni gli obiettivi". Per quanto riguarda la spesa della vecchia programmazione dei Fondi ue , "non ci ritroviamo: i dati che ci trasferisce il ministro Trigilia non coincidono con i numeri in possesso alleregioni per cui ad oggi sarebbe azzardato parlare di dati di spesa, visto che non c'e' questa coincidenza.il presidente dell'umbria Catiuscia Marini, uscendo dall incontro pomeridiano tra una delegazione della Conferenza delle Regioni e il ministro della Coesione Territoriale Carlo Trigilia, ha sottolineato che "sulla nuova programmazione stiamo definendo un percorso. Manca ancora il quadro complessivo delle risorse che non sono solo quelle europee e del cofinanziamento ma anche quelle del Fondo sviluppo e coesione. Inoltre vogliamo sapere gli obiettivi che il governo intende perseguire per i Programmi operativi nazionali (Pon) per costruire i nostri programmi regionali". Secondo Marini, deve essere chiaro che "queste sono le poche risorse per un'azione di programmazione, che dobbiamo condividere positivamente tra Regioni e governo, sapendo che sono fondamentali per lo sviluppo territoriale. La politica di coesione è una tipica politica territoriale e vorremmo che mantenesse questa caratteristica". Riguardo poi alla programmazione dei fondi , Marini ha sottolineato che le Regioni sono le prime " a condividere misure che favoriscano la spesa ma moltissime regioni sono gia' in condizione di attuare efficacemente tutte le misure". Le Regioni sono dunque "disponibili a riprogrammare solo quelle risorse ha concluso su cui c'è rischio effettivo che non vengano spese ma che sono anche limitate ad alcune aree del paese". UE: MARINI (UMBRIA) SU FONDI , MANCA ANCORA QUADRO COMPLESSIVO Fondi Ue: Caldoro,si' riprogrammazione ma accordi con Regioni Fondi Ue: Frattura (Molise), Regioni parleranno di criticita' (LZ) REGIONE. ECCO 4 PILASTRI ZINGARETTI PER FONDI UE Fondi Ue:Comitato Regioni, Hahn rigido su programmazione

45 REGIONI.IT (WEB) Data / 6 ( red / ) Agenzia per la coesione territoriale: perplessità delle Regioni C è il rischio che alle Autorità di gestione nazionali e regionali si aggiunga un ulteriore soggetto. E ciò sia nella funzione di monitoraggio e coordinamento che in quella, più delicata, di sostituzione delle autorità regionali (regioni.it) La Presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, ed il Presidente della Conferenza delle Regioni e della Regione Emilia Romagna, Vasco Errani, esprimono in una nota, (diffusa dalla Regione Umbria) le proprie perplessità su alcune delle funzioni attribuite dal Consiglio dei Ministri alla nuova Agenzia per la coesione territoriale, che avrà il compito di rafforzare l azione di programmazione, coordinamento, sorveglianza e sostegno della politica di coesione. Abbiamo appreso che, con il decreto legge approvato il 26 agosto, è stato definito il percorso che, entro marzo 2014, porterà alla costituzione dell Agenzia per la coesione territoriale e che questa dipenderà direttamente dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri affermano Marini (che ha peraltro coordinato su questi temi il confronto con il Ministro Trigilia) ed Errani. Pur condividendo la preoccupazione del Governo in merito alla necessità di utilizzare al meglio, senza dispersioni e ritardi, l insieme dei fondi strutturali e di coesione di Regioni e Ministeri, sia quelli residui del periodo , sia quelli della nuova stagione comunitaria , esprimiamo la nostra perplessità, come abbiamo sottolineato più volte, che lo strumento dell Agenzia nazionale possa essere quello più efficace per raggiungere questi obiettivi. C è infatti il rischio sostengono i due Presidenti che alle Autorità di gestione nazionali e regionali si aggiunga un ulteriore soggetto. E ciò sia nella funzione di monitoraggio e coordinamento che in quella, decisamente più delicata, di sostituzione vera e propria nell attuazione dei programmi delle Autorità regionali. E questo è quanto avevamo esposto con chiarezza al Ministro Trigilia. Considerando che la costituenda Agenzia è espressione della Presidenza del consiglio dei ministri si chiedono Marini ed Errani, l assunzione di poteri sostitutivi riguarderebbe dunque, esclusivamente, le Autorità di gestione delle Regioni? In questi anni proseguono i due Presidenti anche i programmi nazionali hanno subìto ritardi ed inefficienze, a volte ben più gravi di quelli di molte Regioni italiane. I fondi strutturali di coesione rappresentano l unico vero e serio strumento delle politiche territoriali e regionali, con la principale finalità di contribuire al superamento del gap tra regioni europee. Non vorremmo quindi aggiungono che la velocità con cui si sta definendo la nuova Agenzia per la coesione territoriale punti a sostituire sempre di più le Autorità di gestione regionali con un soggetto nazionale, che è invece emanazione esclusiva dell Amministrazione centrale dello Stato, e ciò in vista della programmazione Questo non sarebbe né condivisibile, né utile. Nella governance dell Agenzia non è infatti presente il sistema delle Regioni e manca ogni modalità d intesa con le Autorità coinvolte nella gestione dei programmi e nella conduzione di specifici progetti, anche a carattere sperimentale. Da parte nostra, avevamo dato disponibilità a concordare la strategia e il percorso di attuazione. In questo modo l unico strumento e le uniche risorse a disposizione per le politiche di sviluppo regionale che, vorremmo ricordare, hanno prodotto positivi e significativi risultati in molte delle regioni Italiane, andrebbero a sostenere concludono Errani e Marini programmi e attività di carattere nazionale che, al contrario, devono rientrare nella programmazione ordinaria dello Stato. [Umbria] decreto legge pa: marini ed errani perplessità su costituenda agenzia per la coesione territoriale Consiglio dei Ministri n.21 del 26/08/2013: il comunicato stampa Fondi strutturali UE: Trigilia e Regioni d'accordo, serve un "tavolo unico" Trigilia: dovremo fare lo sforzo per concentrare le risorse europee su alcuni nodi +T T +T T (regioni.it) La nuova programmazione dei fondi europei per il ciclo prevede, per l'italia, circa 30 miliardi di fondi Ue, cui va aggiunto un cofinanziamento nazionale, ancora da stabilire, che può arrivare fino ad altri 30 miliardi, per un totale complessivo di 60 miliardi di euro. Lo ha detto il ministro per la Coesione territoriale, Carlo Trigilia, al termine dell'incontro del 31 luglio con i Presidenti delle Per quanto riguarda la Regioni. programmazione 2007 Regioni e Governo lavoreranno insieme, in un unico tavolo, per la 2013 verrà fatta subito programmazione dei nuovi Fondi Ue Lo ha riferito il una verifica delle risorse Presidente della Conferenza delle Regioni, Vasco Errani, al termine non impegnate. Secondo Errani, si dimostrerà dell'incontro tra Regioni e ministero della Coesione Territoriale. Non che lo Stato centrale e vanno moltiplicate le agenzie di gestione ha spiegato Errani e le le Regioni hanno avuto verifiche sulla spesa dei fondi non vanno fatte solo negli ultimi anni. impegni di spesa molto Va costruita una strategia Paese per fare un salto di qualità differenti" nell'innovazione. L'incontro delle Regioni con il ministro per la Coesione Territoriale, Carlo Trigilia, è stato positivo, è necessaria una forte innovazione e questa è l'opportunità per fare un salto di qualità, ha proseguito Errani. E sulla vecchia programmazione, , "non chiederemo di perdere tempo anzi verrà fatta subito una verifica delle risorse non impegnate". Secondo Errani, si dimostrerà che lo Stato

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo residenza Via Senatore di Giovanni 5 961 00 Siracusa Indirizzo studio VIALE SANTA PANAGIA, 141/C

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

COMPOSIZIONE E REGOLAMENTO DEL COMITATO NAZIONALE DI GARANZIA

COMPOSIZIONE E REGOLAMENTO DEL COMITATO NAZIONALE DI GARANZIA Carte deontologiche - La Carta di Treviso La Carta di Treviso La Carta di Treviso è il documento che impegna i giornalisti italiani a norme di comportamenti deontologicamente corrette nei confronti dei

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Durc online: dal 1 luglio nuova procedura di verifica della regolarita' contributiva

Durc online: dal 1 luglio nuova procedura di verifica della regolarita' contributiva RASSEGNA STAMPA UNISANNIO 02/07/2015 Indice Il Sannio Quotidiano 1 Unisannio Atenei campani, il rettore Filippo de Rossi al vertice Il Mattino 2 Unisannio Coordinamento atenei campani: de Rossi al vertice

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA [D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 e ss.mm.ii. (di seguito Codice)] Entrata in vigore delle ultime modifiche (D.Lgs. n. 153/2014): 26 novembre 2014 D.P.C.M. n. 193/2014 Regolamento

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

inform@ata news n.02.15

inform@ata news n.02.15 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it inform@ata news n.02.15 la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

LA CONFERENZA UNIFICATA

LA CONFERENZA UNIFICATA Intesa tra il Governo e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano e gli Enti locali sulla ripartizione del Fondo nazionale per le politiche giovanili di cui all art. 19, comma 2, del decreto legge

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO-LEGGE 20 giugno 2012, n. 79 Misure urgenti per garantire la sicurezza dei cittadini, per assicurare la funzionalita' del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e di altre strutture dell'amministrazione

Dettagli

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro A Sua Eccellenza il Signor Prefetto di Roma OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro Signor Prefetto, come abbiamo concordato nei nostri precedenti incontri, Le scrivo

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO Dipartimento Economia e Promozione della Città Settore Attività Produttive e Commercio U.O. Somministrazione, manifestazioni, artigianato e ricettive 40129 Bologna Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A -

Dettagli

1 di 2 04/10/2012 10:12

1 di 2 04/10/2012 10:12 http://fe-mn-andi.mag-news.it/nl/n.jsp?6o.vp.a.a.a.a 1 di 2 04/10/2012 10:12 Numero 4 - Novembre 2010 Il potere degli eletti : come lo interpretano alcuni e cosa ne penso io. Uno dei temi che sicuramente

Dettagli

PROGRAMMA. ANTICORRUZIONE E GESTIONE DELLA COSA PUBBLICA. ADEMPIMENTI, PRASSI OPERATIVA E MODELLI ORGANIZZATIVI 20 gennaio 2014

PROGRAMMA. ANTICORRUZIONE E GESTIONE DELLA COSA PUBBLICA. ADEMPIMENTI, PRASSI OPERATIVA E MODELLI ORGANIZZATIVI 20 gennaio 2014 PROGRAMMA ANTICORRUZIONE E GESTIONE DELLA COSA PUBBLICA. ADEMPIMENTI, PRASSI OPERATIVA E MODELLI ORGANIZZATIVI 20 gennaio 2014 Avv. Renato Botrugno - Avvocato in Roma La normativa prevista dalla legge

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI Deliberazione del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti 9 luglio 2014 1. Canale unico di accesso alla professione Per esercitare l attività professionale

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SITO WEB Art. 1 (Finalità) Il Sito Web del Consorzio è concepito e utilizzato quale strumento istituzionale

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

-ALL'ANUSCA CASTEL S.PIETRO TERME (BO)

-ALL'ANUSCA CASTEL S.PIETRO TERME (BO) Servizi Demografici Prot. Uscita del 2410412015 Numero: 0001307 Classifica: 15100.area 3 2 lo11 411 1101 112 1,11,11 11 ji DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Roma, 24 aprile 2015 - AI SIGG.

Dettagli

inform@ata news n.02.14

inform@ata news n.02.14 inform@ata news n.02.14 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 917 RISOLUZIONE GRUPPO FORZA ITALIA Risoluzione presentata dal Gruppo Forza Italia

Dettagli

Sostenibilità del Ssn: un problema culturale e non soltanto finanziario. Presentata l indagine al Senato. De Biasi: Governo ci ascolti

Sostenibilità del Ssn: un problema culturale e non soltanto finanziario. Presentata l indagine al Senato. De Biasi: Governo ci ascolti Sostenibilità del Ssn: un problema culturale e non soltanto finanziario. Presentata l indagine al Senato. De Biasi: Governo ci ascolti di L.Va. pdf L indagine conoscitiva sulla sostenibilità del Ssn Questa

Dettagli

Sommario Rassegna Stampa

Sommario Rassegna Stampa Sommario Rassegna Stampa Pagina Testata Data Titolo Pag. Rubrica Edilizia 38 Il Sole 24 Ore 23/01/2015 IN BREVE - EDILIZIA 3 Rubrica Lavori pubblici 36 Il Messaggero - Cronaca di Roma 23/01/2015 DAL MUSEO

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema

Dettagli

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI Nome TARZIA SALVATORE Telefono 0961 857310 Fax 0961 857279 E mail s.tarzia@regcal.it Nazionalità Luogo di Nascita Data di

Dettagli

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI LO STRUMENTO PER GESTIRE A 360 LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO, CON IL MOTORE DI RICERCA PIÙ INTELLIGENTE, L UNICO CHE TI CAPISCE AL VOLO. www.studiolegale.leggiditalia.it

Dettagli

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio Aprile 2011 INDICE 1. ACCESSO ALLA PROCEDURA... 1 2. INSERIMENTO DATI...

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Dipartimento della Pubblica Sicurezza Stagione sportiva 2011/2012 Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Determinazione n. 26/2012 del 30 maggio 2012 L Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni

Dettagli