CONSORZIO DEI SERVIZI SOCIALI DEL VERBANO CARTA DI PRESENTAZIONE DEI SERVIZI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONSORZIO DEI SERVIZI SOCIALI DEL VERBANO CARTA DI PRESENTAZIONE DEI SERVIZI"

Transcript

1 CONSORZIO DEI SERVIZI SOCIALI DEL VERBANO CARTA DI PRESENTAZIONE DEI SERVIZI Approvata con Delibera di C.D.A DEL Consorzio dei Servizi Sociali del Verbano p.zza Ranzoni, 24 VERBANIA INTRA tel fax e.mail: pec:

2 Consorzio dei Servizi Sociali del Verbano 1) CHI SIAMO 3 2) DI CHE COSA SI OCCUPA IL CONSORZIO DEI SERVIZI SOCIALI 3 3) I PRINCIPI FONDAMENTALI 4 4) LE FINALITA CHE ISPIRANO L AZIONE DEI NOSTRI SERVIZI: 5 5) LA NOSTRA ORGANIZZAZIONE 6 6) L ORGANIZZAZIONE DEI NOSTRI SERVIZI 6 7) LE SEDI DELLA NOSTRA ATTIVITA 7 A) SEDE CENTRALE 7 B) SEDI DISTRETTUALI DEI SERVIZI TERRITORIALI DI BASE 8 C) SEDI E SERVIZI SOVRADISTRETTUALI 11 8) I NOSTRI SERVIZI 13 A) SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE 14 B) ASSISTENZA DOMICILIARE 15 C) AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI 16 D) EDUCATIVA TERRITORIALE 17 E) INTERVENTI PER MINORI NELL AMBITO DEI RAPPORTI CON L AUTORITA GIUDIZIARIA 18 F) ADOZIONI NAZIONALI ED INTERNAZIONALI 19 G) INSERIMENTI IN STRUTTURE RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI 20 H) INSERIMENTI NEL CENTRO SOCIO TERAPEUTICO (CST) 21 I) INSERIMENTI NEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO (CSE) ERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO. L) INSERIMENTI NEL CENTRO ADDESTRAMENTO DISABILI (CAD) 22 M) GLI INSERIMENTI LAVORATIVI DI PERSONE SVANTAGGIATE (SIL) 22 N) GRUPPO APPARTAMENTO CASA PER IL FUTURO 23 O) SPORTELLO INFORMA-HANDICAP ERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO. P) GESTIONE TUTELE DI MINORI. 24 Q) CORSI PER ASSISTENTI DOMICILIARI E DEI SERVIZI TUTELARI ED EDUCATORI PROFESSIONALI 25 9) I SERVIZI SANITARI TERRITORIALI 26 10) ALTRI SERVIZI TERRITORIALI _ 28 11) RAPPORTI CON ALTRE ISTITUZIONI _ 31 12) GLOSSARIO SOCIALE E SANITARIO 32 2

3 1) CHI SIAMO Il Consorzio dei Servizi Sociali del Verbano (CSSV) si è costituito il 1 settembre E un Ente autonomo con personalità giuridica e natura pubblica. Il Consorzio raccoglie 25 Comuni della Provincia del VCO (ex U.S.S.L. 55), conta complessivamente abitanti e comprende le Comunità Montane Val Grande, Alto Verbano, Cannobina e parte della Cusio-Mottarone. Verbania è il Comune più popoloso ed è sede legale del Consorzio. Il Consorzio dei Servizi Sociali del Verbano è composto dai seguenti Comuni: ARIZZANO AURANO BAVENO BEE BELGIRATE CAMBIASCA CANNERO RIVIERA CANNOBIO CAPREZZO CAVAGLIO SPOCCIA COSSOGNO CURSOLO ORASSO FALMENTA GHIFFA GIGNESE GURRO INTRAGNA MIAZZINA OGGEBBIO PREMENO S.BERNARDINO VERBANO STRESA TRAREGO VIGGIONA VERBANIA VIGNONE 2) DI CHE COSA SI OCCUPA IL CONSORZIO DEI SERVIZI SOCIALI Il Consorzio dei Servizi Sociali si è costituito al fine di garantire possibilità di puntuali risposte ai bisogni espressi dai cittadini in difficoltà e, in particolare, da tutti coloro che si trovano in una condizione fisica, psicologica o sociale di marginalità: minori disabili anziani soggetti svantaggiati o comunque cittadini in condizione di bisogno per problemi familiari economici, sociali, relazionali ed educativi. Gli interventi socio-educativi e assistenziali garantiscono prestazioni rispondenti alle specifiche esigenze della persona. Sono attuati quanto più possibile in famiglia ed avvengono nei normali contesti di vita, con la partecipazione attiva della persona, nel rispetto della sua dignità, libertà e delle convinzioni personali. 3

4 3) I PRINCIPI FONDAMENTALI I principi generali che ci guidano sono stabiliti per legge: li riportiamo qui di seguito, impegnandoci nel contempo a rispettarli. Eguaglianza Tutti i servizi erogati dal Consorzio dei Servizi Sociali si basano sul principio di eguaglianza dei diritti dei cittadini-clienti fondato a sua volta sull articolo 3 della Costituzione, secondo il quale tutti i cittadini hanno pari dignità senza distinzione di razza, etnia, lingua, religione, opinioni politiche, condizioni psicofisiche e socioeconomiche. Imparzialità e continuità Il Consorzio dei Servizi Sociali svolge la propria attività secondo criteri di obiettività, giustizia ed imparzialità; garantisce attraverso tutte le sue strutture la regolarità e la continuità della prestazione e adotta tutte le misure necessarie per evitare o ridurre i disagi derivanti da interruzione o funzionamento irregolare del servizio. Diritto di scelta Compatibilmente con le esigenze organizzative e funzionali e nel rispetto del vincolo dell Area territoriale di residenza, ogni cittadino-cliente può scegliere tra gli Operatori del servizio di cui necessita. Partecipazione Il Consorzio dei Servizi Sociali promuove ogni forma di partecipazione dei cittadini-clienti alla prestazione del servizio; garantisce la massima semplificazione delle procedure ed un informazione completa e trasparente. Il cittadino-cliente ha diritto di accesso alle informazioni che lo riguardano, può presentare reclami e istanze e può formulare suggerimenti per migliorare il servizio in termini di tempestività e di correttezza dei comportamenti. Efficienza ed efficacia I servizi devono essere forniti secondo le modalità idonee al raggiungimento degli obiettivi di efficienza ed efficacia nell attuazione dei progetti. Il Servizio si impegna inoltre a garantire l aggiornamento del personale in termini di crescita professionale. 4

5 4) LE FINALITA CHE ISPIRANO L AZIONE DEI NOSTRI SERVIZI: rispettare la dignità della persona e il suo diritto alla riservatezza; privilegiare i servizi e gli interventi che mantengono la persona all interno della sua famiglia e del suo ambiente sociale, scolastico, lavorativo; promuovere lo sviluppo evolutivo con i progetti individualizzati; garantire uguale trattamento a tutti coloro che ne hanno bisogno in maniera uguale; accrescere e sviluppare le capacità e le autonomie personali; integrare e coordinare i Servizi Socio-Educativi e Assistenziali con i Servizi Sanitari, Scolastici, dell Autorità Giudiziaria e con tutti gli altri Servizi Sociali Territoriali; riconoscere la funzione delle organizzazioni di Volontariato e della Cooperazione Sociale; promuovere ed incentivare le varie forme di solidarietà liberamente espresse dai cittadini; promuovere tutte le forme di integrazione di cittadini di culture diverse. 5

6 5) LA NOSTRA ORGANIZZAZIONE Gli organi e la struttura organizzativa del Consorzio comprendono: L ASSEMBLEA, composta dai Sindaci dei Comuni consorziati o loro delegati. Ad essa spetta determinare gli indirizzi generali del Consorzio per il conseguimento delle finalità ed esercitare il controllo politico-amministrativo. IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE, nominato dall Assemblea, è composto da sette Consiglieri, compreso il Presidente. Ad esso spettano le funzioni di governo e di amministrazione dell Ente. IL PRESIDENTE DEL CONSORZIO, nominato dall Assemblea, dura in carica quattro anni. E il rappresentante legale dell Ente e coordina l attività di indirizzo (espressa dall Assemblea) con quella di governo e di amministrazione. IL DIRETTORE ha la responsabilità della gestione finanziaria, tecnica e amministrativa del Consorzio per la realizzazione degli obiettivi fissati dal Consiglio di Amministrazione. IL PERSONALE è composto da figure professionali specifiche quali Assistenti Sociali, Educatori Professionali, Assistenti Domiciliari/Operatori Socio Sanitari e Personale Amministrativo. Il Consorzio, per l erogazione dei servizi, si avvale anche di Cooperative in convenzione e di personale messo a disposizione da altri Enti. 6) L ORGANIZZAZIONE DEI NOSTRI SERVIZI I servizi del Consorzio Servizi Sociali sono suddivisi in quattro aree: AREA AMMINISTRATIVA Direttore: dott.ssa Chiara Fornara Responsabile Risorse Umane e Segreteria Ilario Marta Responsabile Servizi Economico Finanziari: Marco Mesiano AREA DEI SERVIZI SOCIALI TERRITORIALI Responsabile di servizio: Arianna Biollo AREA DEI SERVIZI EDUCATIVI TERRITORIALI e AREA DEI SERVIZI SOCIO FORMATIVI PER DISABILI ed INSERIMENTO LAVORATIVO Responsabile di servizio: Antonino Attinà e hanno la seguente articolazione: SERVIZI CENTRALI SERVIZI DISTRETTUALI SERVIZI SOVRADISTRETTUALI 6

7 7) LE SEDI DELLA NOSTRA ATTIVITA a) SEDE CENTRALE Dove indirizzare la corrispondenza e dove avere informazioni di carattere generale: Consorzio dei Servizi Sociali del Verbano P.ZZA RANZONI N VERBANIA INTRA TEL FAX e.mail: pec : ORARIO DEL SERVIZIO : da lunedì a venerdì dalle 08 :00 alle 19 :00. ORARIO PER IL PUBBLICO : Servizi amministrativi dalle 09:00 alle 12:30 e dalle 14:30 alle 16:30 dal lunedì al venerdì. I SERVIZI CENTRALI Nei servizi centrali operano il Direttore, i Responsabili di area e il personale amministrativo, di ragioneria e di segreteria. I servizi centrali comprendono interventi di direzione, coordinamento e supporto necessari ad assicurare la piena ed efficiente operatività dei servizi, che il Consorzio è deputato ad erogare. Nei servizi centrali si prestano i seguenti interventi: Informazioni. Segreteria degli organi del Consorzio. Coordinamento, verifica, programmazione e promozione delle attività del Consorzio. Gestione delle attività amministrative ed economico-finanziarie. Coordinamento, informazione, formazione personale. Collaborazione con l A.S.L. 14 nell attività di Vigilanza sui Presidi Residenziali nel territorio. Collaborazione con l A.S.L. 14 nell attività dell Unità Valutativa Geriatrica per l inserimento di anziani non autosufficienti in Strutture Residenziali Assistenziali. Collaborazione con l A.S.L. 14 nell attività dell Unità Valutativa di Distretto. Rapporti con Associazione ed Enti. 7

8 b) SEDI DISTRETTUALI DEI SERVIZI SOCIALI VERBANIA ASSISTENTI SOCIALI presso la sede centrale di Verbania Intra P.ZZA RANZONI, 24 Ferrari Cristina, Piana Luciana DAL PIVA MICHELA, GHEDINI LAURA, TEL. 0323/52268) ROMUZZI ILARIA, SAPPA ELISA (apertura al pubblico: lunedì dalle 14:30 alle 16:30 mercoledì venerdì dalle 10:30 alle 12:30) CANNOBIO E VALLE CANNOBINA SPADACINI SARAH NEL PALAZZO MANDAMENTALE DI CANNOBIO VIA GIOVANOLA TEL (apertura al pubblico: lunedì e venerdì dalle 11:00 alle 12:00) CANNERO (Alto Verbano) PRESSO IL MUNICIPIO DI CANNERO P.ZZA MUNICIPIO, 14 TEL (apertura al pubblico: giovedì dalle 11:00 alle 12:30) SPADACINI SARAH GHIFFA (Alto Verbano) SPADACINI SARAH PRESSO IL MUNICIPIO C.SO BELVEDERE, 92 TEL (apertura al pubblico: giovedì dalle 09:00 alle 10:30) CAMBIASCA (Val Grande) GIANNETTA LUCIA PRESSO COMUNITA MONTANA VALGRANDE TEL (apertura al pubblico: martedì dalle 09:30 alle 11:30) VIGNONE (Val Grande) GIANNETTA LUCIA PRESSO IL MUNICIPIO DI VIGNONE P.ZZA DANTE TEL (apertura al pubblico: venerdì del mese dalle 11:00 alle 12:00) PREMENO (ALTO VERBANO) GIANNETTA LUCIA PRESSO IL MUNICIPIO DI PREMENO TEL (apertura al pubblico: 1 venerdì del mese dalle 09:30 alle 11:30) BAVENO (Basso Verbano) ROSSI VALENTINA PRESSO UFFICIO POLIZIA MUNICIPALE DI BAVENO C.SO GARIBALDI, 16 TEL (apertura al pubblico: lunedì e giovedì dalle 11:00 alle 12:00) 8

9 STRESA (Basso Verbano) ROSSI VALENTINA PRESSO DISTRETTO SANITARIO DI STRESA TEL (apertura al pubblico: mercoledì dalle 10:00 alle 12:00) SAN BERNARDINO (Val Grande) GIANNETTA LUCIA PRESSO IL MUNICIPIO DI SAN BERNARDINO (apertura al pubblico: venerdì del mese dalle 09:30 alle 10:30) 9

10 I SERVIZI DISTRETTUALI Obiettivi dei servizi distrettuali: Facilitare la conoscenza e l accesso a tutti i servizi del Consorzio. Garantire le prestazioni socio-educative e assistenziali di base, adeguandole ai bisogni della popolazione. Favorire il coinvolgimento e la partecipazione delle risorse del territorio. In ogni sede è prevista la presenza dell Assistente Sociale, che svolge funzione di filtro e raccolta dei bisogni. Nei servizi distrettuali si erogano le seguenti prestazioni: Informazioni. Consulenza e interventi di sostegno al singolo e/o alla famiglia. Inserimento in presidi residenziali per minori, disabili, anziani. Istruttorie per richieste di assistenza economica. Interventi di integrazione retta di ricovero nei vari presidi residenziali per minori. Interventi per favorire l inserimento lavorativo di disabili e minori in difficoltà. Interventi a favore di disabili con situazioni sociali problematiche. Segnalazione al Tribunale per i Minorenni di situazioni di particolare difficoltà dei minori e predisposizione dei conseguenti interventi, nonché esecuzione di provvedimenti dell Autorità Giudiziaria. Attivazione di interventi a tutela dei minori. Indagine e sostegni alle famiglia su richiesta del Tribunale Ordinario in situazioni di separazione e divorzi. Affidamenti familiari di minori in difficoltà. Attivazione procedura per telesoccorso. Assistenza domiciliare socio assistenziale. 10

11 c) SEDI E SERVIZI SOVRADISTRETTUALI SEDE: SAN BERNARDINO, 50 VERBANIA PALLANZA TEL. 0323/ SERVIZIO DI EDUCATIVA TERRITORIALE Progetti educativi individualizzati Attività di supporto al minore in difficoltà e al suo nucleo familiare Attività di promozione delle risorse per favorire l autonomia del minore ed evitare l istituzionalizzazione In questo servizio operano Educatori Professionali. 2. SERVIZIO ADOZIONI E AFFIDAMENTI SEDE: C/O SEDE CENTRALE DEL CONSORZIO SERVIZI SOCIALI DEL VERBANO P.ZZA RANZONI, 24 VERBANIA INTRA TEL. 0323/ servizio Attività di valutazione della coppia per l adozione e/0 affidamento. Attività di supporto e osservazione su adozioni/affidamenti realizzati. In questo servizio operano le Assistenti Sociali in collaborazione con Psicologi della Azienda Sanitaria Locale n.14 VCO o professionisti convenzionati. SEDE: VIALE AZARI 104 VERBANIA - PALLANZA TEL Il Centro Socio Formativo è strutturato in due settori: Centro Socio Terapeutico (CST) Centro Socio Educativo (CSE) 3. CENTRO DIURNO DISABILI CENTRO ANCH IO Progetti educativi individualizzati. Attività di supporto al disabile e alle famiglie per evitare l istituzionalizzazione. Attività educative e assistenziali presso la sede del Centro e in ambienti esterni. Attività per gli inserimenti occupazionali. In questo servizio operano Educatori Professionali e Operatori Socio Sanitari. 11

12 SEDE: VIALE AZARI 104 VERBANIA - PALLANZA TEL SERVIZIO INSERIMENTI LAVORATIVI (SIL) Il SIL svolge funzioni di Centro Addestramento Disabili (CAD) e in particolare: Attività di valutazione delle situazioni segnalate dai Servizi competenti per tipologia di svantaggio oppure presentate individualmente; Predisposizione di progetti di inserimento lavorativo a cura del gruppo tecnico e degli operatori coinvolti sul caso. Attività di coordinamento con altri servizi del Consorzio e di altri Enti; In questo servizio operano Educatori Professionali e Operatori della mediazione. 5. COMUNITA FAMILIARE PER DISABILI MIA CASA SEDE: VIA ROSMINI, 21 - VERBANIA Appartamento organizzato per l accoglienza residenziale definitiva / temporanea di disabili intellettivi Attività di educazione alla gestione in autonomia della vita quotidiana In questo servizio operano Educatori Professionali, Operatori Socio Sanitari. 12

13 8) I NOSTRI SERVIZI Il Consorzio dei Servizi Sociali del Verbano fornisce i seguenti servizi: a) Servizio Sociale Professionale; b) Assistenza Domiciliare; c) Affidamento familiare di minori / Affido Professionale; d) Educativa territoriale; e) Interventi per minori nell ambito dei rapporti con l Autorità Giudiziaria; f) Adozioni nazionali ed internazionali; g) Inserimenti in strutture residenziali socio-assistenziali; h) Inserimenti nel Centro Diurno per disabili Centro Anch io ; i) Inserimenti lavorativi di persone svantaggiate (SIL); l) Comunità familiare per disabili Mia Casa m) Gestione tutele minori; n) Corsi di aggiornamento; o) Gestione funzioni minori riconosciuti da un solo genitore (ex Provincia) p) Gestione interventi a favore di disabili sensoriali (ex Provincia) 13

14 a) SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE COSA FORNISCE Informa con riferimento ai problemi sociali le persone sui servizi, sulle prestazioni, sulle risorse esistenti. Supporta le persone o la famiglia in difficoltà nella valutazione e individuazione delle possibili soluzioni. Utilizza e coordina, a tale scopo, le diverse risorse interne e promuove la collaborazione e il coordinamento con altri enti o soggetti presenti nel territorio. A CHI E RIVOLTO Tutti i cittadini residenti nel territorio del Consorzio che necessitano dell intervento dell Assistente Sociale. COME SI OTTIENE Su appuntamento con l Assistente Sociale operante nel servizio territoriale del Distretto del Comune di residenza. OPERATORI DI RIFERIMENTO Assistenti Sociali 14

15 b) ASSISTENZA DOMICILIARE COSA FORNISCE Mantenimento del cittadino presso il proprio domicilio. Interventi di socializzazione e risocializzazione. Igiene personale, igiene e cura dell abitazione. Disbrigo pratiche burocratiche. CHI HA DIRITTO AL SERVIZIO Anziani Disabili Nuclei con minori REQUISITI PER AVERE DIRITTO AL SERVIZIO Priorità rispetto a: Condizioni di salute Condizioni familiari Reddito DECORRENZA Entro un mese dall accettazione della domanda, salvo lista di attesa. DURATA Secondo il progetto individualizzato. COME SI OTTIENE IL SERVIZIO Su richiesta dell interessato e/o dei suoi familiari al Servizio Sociale distrettuale. COSTO DEL SERVIZIO In base al reddito del richiedente e del nucleo familiare, secondo quanto regolamentato dai singoli Comuni consorziati. OPERATORI DI RIFERIMENTO Assistenti Sociali, Assistenti Domiciliari o Operatori Socio Sanitari. 15

16 c) AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI COSA FORNISCE Fornisce al minore la possibilità di essere accolto temporaneamente in una famiglia diversa dalla famiglia di origine. Contemporaneamente la famiglia di origine sarà aiutata a superare la difficoltà, al fine di favorire il rientro del minore stesso. Alla famiglia affidataria è previsto un supporto degli operatori, un contributo economico e la copertura assicurativa. A CHI E RIVOLTO Minori in stato di disagio. REQUISITI PER L ACCESSO Minorenni. Difficoltà temporanea della famiglia a svolgere il proprio ruolo. DECORRENZA La prestazione si svolge presso famiglie volontarie, di cui viene valutata l idoneità, e decorre dall accordo tra il Servizio e la famiglia o in base a quanto disposto dall Autorità Giudiziaria. DURATA La durata è temporanea e viene definita di volta in volta nel progetto. CHI PUO DARE DISPONIBILITA ALL AFFIDAMENTO FAMILIARE Le famiglie con o senza figli ed i singoli purché maggiorenni previo approfondimenti da parte del Servizio Affidi presso la Sede centrale del Consorzio. COME SI OTTIENE Su richiesta della famiglia d origine al Servizio Sociale. Su proposta del Servizio Sociale Distrettuale. In seguito a disposizioni dell Autorità Giudiziaria OPERATORI DI RIFERIMENTO Assistenti Sociali, Psicologi. 16

17 d) EDUCATIVA TERRITORIALE COSA FORNISCE Aiuto nella gestione delle relazioni genitori-figli. Inserimenti e supporti scolastici, lavorativi e del tempo libero. Individuazione e potenziamento delle aree di autonomia. A CHI E RIVOLTO Nuclei familiari con minori. Minori. DECORRENZA E DURATA Secondo il progetto individualizzato. Secondo provvedimenti del Tribunale per i Minorenni e del Tribunale Ordinario. COME SI OTTIENE La richiesta di attivazione del servizio può avvenire da parte della famiglia o su proposta del Servizio Sociale Distrettuale. Il Servizio Educativo Territoriale, dopo aver osservato la situazione, predispone un progetto di intervento, che deve essere condiviso dalla famiglia. Con disposizione dell Autorità Giudiziaria OPERATORI DI RIFERIMENTO Educatori Professionali. 17

18 e) INTERVENTI PER MINORI NELL AMBITO DEI RAPPORTI CON L AUTORITA GIUDIZIARIA COSA FORNISCE Assistenza e tutela dei minori. Sostegno al nucleo familiare. Indagine sociale sul nucleo familiare. Attivazione di risorse alternative alla famiglia. A CHI E RIVOLTO Minori che si trovano in situazioni di rischio. REQUISITI PER AVERE DIRITTO AL SERVIZIO Segnalazione dell Autorità Giudiziaria o esecuzione di provvedimenti dell Autorità Giudiziaria. Segnalazione di terzi. Valutazione del Servizio Sociale. DECORRENZA Dalla richiesta di indagine dell Autorità Giudiziaria. Dal provvedimento dell Autorità Giudiziaria. Dal riscontro del rischio. DURATA Secondo il provvedimento dell Autorità Giudiziaria e fino all archiviazione. OPERATORI DI RIFERIMENTO Assistenti Sociali. 18

19 f) ADOZIONI NAZIONALI ED INTERNAZIONALI COSA FORNISCE Informazioni sulla normativa per la presentazione della domanda di adozione. Indagine psico - sociale per le coppie aspiranti all adozione. Supporto e sostegno nella fase di abbinamento coppia-minore e nei casi di affidamento a rischio giuridico. Vigilanza e sostegno per affidamenti pre - adottivi. A CHI E RIVOLTO Alle coppie che chiedono informazioni per presentare domanda di adozione presso il Tribunale per i Minorenni Alle coppie che hanno già presentato domanda. Alle coppie con minori in affidamento pre - adottivo a rischio giuridico. DECORRENZA Dal ricevimento della richiesta di indagine del Tribunale per i Minori. Dalla decorrenza dell affidamento pre -adottivo. DURATA Adozione nazionale La domanda ha durata biennale. La vigilanza sul minore permane per un anno dall inserimento in affido pre - adottivo del bambino nella famiglia oppure per la durata dell affidamento a rischio giuridico. Adozione internazionale La vigilanza sulla coppia ha durata differente a seconda del paese di provenienza del bambino adottato La vigilanza sulla coppia in possesso del decreto di idoneità in attesa del bambino è semestrale. COME SI OTTIENE IL SERVIZIO Chiedendo informazioni e modulistica al Servizio Adozioni presso la sede centrale del Consorzio. Presentando domanda di adozione presso il Tribunale dei Minori. ESCLUSIONI Decreto del Tribunale per i Minori di non idoneità della coppia che fa domanda di adozione internazionale. OPERATORI DI RIFERIMENTO Assistenti Sociali. 19

20 g) INSERIMENTI IN STRUTTURE RESIDENZIALI SOCIO- ASSISTENZIALI COSA FORNISCE IL SERVIZIO Offre il supporto alla ricerca di strutture residenziali per persone che non sia possibile assistere presso il domicilio e che necessitano di interventi: socio-sanitari, assistenziali, alberghieri. Informazioni sulle strutture e sulla prassi per l inserimento in strutture convenzionate. Ricerca di presidi non convenzionati. Ricerca di strutture adatte per minori o portatori di handicap. CHI HA DIRITTO AL SERVIZIO Minori Disabili Anziani REQUISITI PER AVERE DIRITTO AL SERVIZIO Soggetti privi di adeguato supporto familiare e/o non autosufficienti. DECORRENZA Secondo il progetto individualizzato e/o la lista d attesa per l inserimento in presidi convenzionati. DURATA In base al progetto individualizzato. COME SI OTTIENE IL SERVIZIO Su presentazione della domanda al Servizio Sociale Distrettuale, preposto a inoltrare la richiesta di valutazione all Unità Valutativa Geriatria (per anziani non autosufficienti) o all Unità Valutativa Distrettuale (per adulti ) dell Azienda Sanitaria Locale n.14 del Vco. OPERATORI DI RIFERIMENTO Assistenti Sociali. 20

21 h) INSERIMENTI al CENTRO DIURNO per DISABILI CENTRO ANCH IO COSA FORNISCE Attività educative ed assistenziali presso il Centro diurno e in ambienti esterni. Attività di animazione espressiva. Attività Occupazionale Guidata (AOG) in Aziende. Attività motorie e socializzanti. A CHI E RIVOLTO Disabili ultrasedicenni. DECORRENZA L inserimento è programmato con cadenza annuale, salvo lista d attesa. DURATA In base al progetto individualizzato. COME SI OTTIENE IL SERVIZIO Su richiesta della famiglia o su proposta del Servizio Sociale Distrettuale. Gli operatori del Centro Socio Terapeutico, dopo aver osservato la situazione, predispongono un progetto di intervento, che deve essere condiviso dalla famiglia. OPERATORI DI RIFERIMENTO Educatori Professionali, Assistenti Domiciliari/Operatori Socio Sanitari. 21

22 i) INSERIMENTI LAVORATIVI DI PERSONE SVANTAGGIATE (SIL) COSA FORNISCE Integrazione di disabili, minori e adulti in condizioni di svantaggio nel mondo del lavoro. Inserimento in aziende pubbliche e private. Predisposizione di tutte le condizioni per l ingresso in un ambiente di lavoro. Individuazione delle abilità del soggetto interessato per un intervento di formazione in una situazione di lavoro. Inserimenti lavorativi con Borsa Lavoro. Copertura assicurativa per la persona inserita. A CHI E RIVOLTO Soggetti disabili con più di 16 anni e giovani di età compresa tra i 15 e 18 anni seguiti in forma continuativa dai servizi socio-assistenziali. DECORRENZA Secondo il progetto individualizzato. COME SI OTTIENE Su presentazione personale della domanda al Servizio Inserimenti Lavorativi. Su segnalazione di altri Servizi dell A.S.L.14 OPEATORI DI RIFERIMENTO Educatori Professionali, Operatori della Mediazione. 22

23 l) COMUNITA FAMILIARE PER DISABILI "MIA CASA COSA FORNISCE residenzialità a persone disabili gravi prive di riferimenti genitoriali. Opportunità abitative alternative all istituzionalizzazione. Attività di supporto al disabile nella gestione della vita quotidiana. A CHI E RIVOLTO Disabili intellettivi o multidisabili. DECORRENZA E DURATA L inserimento è programmato secondo il progetto individuale. L appartamento è dimensionato per accogliere n. 6 persone, di cui n. 2 posti destinati a eventuale accoglienza di sollievo/emergenza COME SI OTTIENE IL SERVIZIO Su richiesta individuale nella sede del Centro Socio Formativo o su proposta del Servizio Sociale Distrettuale. OPERATORI DI RIFERIMENTO Educatori Professionali, Assistenti domiciliari / Operatori Socio Sanitari. 23

24 m) GESTIONE TUTELE DI MINORI COSA FORNISCE Salvaguardia e gestione del patrimonio della persona. Attività di supporto alla persona. A CHI E RIVOLTO Minori in stato di abbandono. REQUISITI PER L ACCESSO Minori in stato di abbandono o interdetti e inabili riconosciuti dall Autorità Giudiziaria con conseguente individuazione dell Ente quale tutore. DECORRENZA Dall emissione del provvedimento dell Autorità Giudiziaria. DURATA Fino a che non interviene la revoca o la modifica del provvedimento. COME SI OTTIENE Su segnalazione alla Procura da parte dei Servizi Sociali Distrettuali. In esecuzione di provvedimenti dell Autorità Giudiziaria. OPERATORI DI RIFERIMENTO Assistenti Sociali. 24

25 COSA FORNISCE n) CORSI DI AGGIORNAMENTO PER OPERATORI SOCIALI Corsi di formazione e aggiornamento professionale per operatori dei servizi sociali e socio assistenziali A CHI E RIVOLTO Persone interessate a svolgere le occupazioni sopra indicate e di età stabilita dal bando di iscrizione, in possesso dei titoli di studio idonei. Per l ammissione ai corsi è necessario il superamento di una prova di selezione. DECORRENZA Dalla data stabilita nel bando di iscrizione. COME SI OTTIENE Su presentazione di domanda nelle modalità e nei tempi stabiliti dal bando di iscrizione. OPERATORI DI RIFERIMENTO Responsabile dei corsi di formazione. 25

26 o) GESTIONE FUNZIONI MINORI RICONOSCIUTI DA UN SOLO GENITORE COSA FORNISCE Sostegno economico al genitore Sussidio mensile per l affido familiare Inserimento del minore in struttura A CHI E RIVOLTO Al minore riconosciuto da un solo genitore in difficoltà economica Al minore in stato di abbandono REQUISITI PER L ACCESSO Essere riconosciuti da un solo genitore Essere in situazione economica precaria DECORRENZA E DURATA Secondo il progetto individualizzato e il Provvedimento del Tribunale per i Minorenni COME SI OTTIENE Su richiesta della famiglia di origine Su proposta del Servizio Sociale distrettuale In seguito a disposizioni dell Autorità Giudiziaria OPERATORI DI RIFERIMENTO Assistenti Sociali 26

27 p) GESTIONE INTERVENTI A FAVORE DI DISABILI SENSORIALI COSA FORNISCE Sostegno economico per interventi specialistici realizzati da operatori specializzati in relazione alla disabilità sensoriale A CHI E RIVOLTO A disabili sensoriali in difficoltà economica REQUISITI PER L ACCESSO Essere riconosciuti disabili sensoriali DECORRENZA E DURATA Secondo il progetto individualizzato COME SI OTTIENE Su richiesta dell interessato o della famiglia del minore OPERATORI DI RIFERIMENTO Assistenti Sociali 27

28 9) I SERVIZI SANITARI TERRITORIALI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (A.D.I.) Il Servizio A.D.I. fa capo all Azienda Sanitaria Locale n. 14 di Omegna Distretto Sanitario di Verbania Viale S.Anna Pallanza E un servizio domiciliare che viene richiesto dal medico curante per le situazioni dove si rende necessario l intervento di figure sanitarie (infermiera professionale, terapista della riabilitazione, medici specialistici) accanto all operatore socio-assistenziale ADEST, per mantenere i malati a domicilio. Viene attivato su valutazione dell ASL 14 per quelle situazioni di grave compromissione, di malattie allo stadio terminale o di dimissione protetta dai ricoveri ospedalieri. Le informazioni vanno richieste al Distretto Sanitario Viale S.Anna Verbania Pallanza n. tel SERVIZIO ASSISTENZA INFERMIERISTICA DOMICILIARE Il Servizio Infermieristico Territoriale fa capo all Azienda Sanitaria Locale n. 14 di Omegna Distretto Sanitario di Verbania Viale S.Anna Pallanza E un servizio domiciliare che viene richiesto dal medico curante per le situazioni dove si rende necessario l intervento della figura sanitaria dell infermiera professionale. Viene attivato su valutazione dell ASL 14 per quelle situazioni per le quali si renda necessario un intervento infermieristico quali medicazioni piaghe da decubito, terapie infusionali, interventi infermieristici specialistici. Le informazioni vanno richieste al Distretto Sanitario Viale S.Anna Verbania Pallanza n. tel MEDICINA LEGALE COMMISSIONE PER L ACCERTAMENTO DELL INVALIDITA CIVILE (legge 295/1990), PER L ACCERTAMENTO DELLO STATO DI HANDICAP (legge 104/1992) PER IL RICONOSCIMENTO DELL ASSEGNO DI ACCOMPAGNAMENTO La Medicina Legale è il servizio dell ASL 14 preposto all accertamento dell invalidità civile, dello stato di handicap e del riconoscimento dell assegno di accompagnamento. La richiesta di riconoscimento va compilata su appositi moduli, che si possono ritirare presso la sede della medicina legale di Verbania V.le S.Anna a Pallanza o presso i patronati e le Associazioni di categoria. Le informazioni vanno richieste alla Medicina Legale Distretto Sanitario di Verbania Viale S.Anna Verbania Pallanza n.tel

Servizi e interventi per i disabili

Servizi e interventi per i disabili Servizi e interventi per i disabili Il termine prendere ha in sé diversi significati: portare con sé, interpretare, giungere a una decisione, scegliere, ma anche subire, catturare, pervadere, occupare.

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 22.03.2006 Pubblicato

Dettagli

I disabili (di età superiore a 18 anni)

I disabili (di età superiore a 18 anni) 3.9 3.8 I disabili (di età superiore a 18 anni) ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà POVERTà LAVORO RESIDENZIALITà Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita Avere un sostegno quando la

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina, all interno di un sistema integrato di interventi e servizi sociali di competenza dei comuni

Dettagli

Premessa Riferimenti normativi Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria

Premessa Riferimenti normativi Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria PAGINA 1 DI 5 ALLEGATO A Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria e prestazioni sanitarie a rilevanza sociale della Società della Salute Zona Pisana Premessa La Società della Salute Zona

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009 Servizi Socio-Sanitari AZIENDA ULSS N. 22 Bussolengo (VR) Unità Complessa Disabilità Direttore Dott. Gabriele Bezzan Funzionario Dott.ssa Liliana Menegoi Segreteria

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

COMUNE DI REVERE PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI REVERE PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI REVERE PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera della Giunta Comunale n. 51 del 25/05/2002 INDICE Art. 1 - oggetto pag. 2 Art. 2 - finalità

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Regolamento comunale n. 79 COMUNE di MADONE Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Approvato con deliberazione dal Consiglio Comunale n. 14 del 26 febbraio

Dettagli

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione Perchè L A.S.L. deve farsi carico dei costi sanitari derivanti dagli interventi assistenziali rivolti ad anziani non autosufficienti, pertanto si avvale della Commissione per avere una valutazione tecnica

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN)

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN) C O M U N E D I P O G G I O R U S C O c. a. p. 46025 T e l. 0386 / 51001 PROVINCIA DI MANTOVA CAP 46025 - Piazza 1 Maggio, 5 SERVIZI SOCIALI P a r t. I V A 0040203 020 9 Fax 0386/733009 Codice Ente 10860

Dettagli

CARTA dei SERVIZI. di Cure Domiciliari della coop.

CARTA dei SERVIZI. di Cure Domiciliari della coop. CARTA dei SERVIZI di Cure Domiciliari della coop. 1 La carta dei servizi costituisce un importante punto di riferimento per l utente che può conoscere agevolmente i servizi e le loro modalità di erogazione.

Dettagli

INDICE 2. SCHEDE DESCRITTIVE DEI SERVIZI E DELLE RELATIVE MODALITA'DI ACCESSO 3. ORGANIZZAZIONE DELL AMBITO SOCIALE

INDICE 2. SCHEDE DESCRITTIVE DEI SERVIZI E DELLE RELATIVE MODALITA'DI ACCESSO 3. ORGANIZZAZIONE DELL AMBITO SOCIALE Edizione : 02 Data : 15/11/2004 Pag. 1 di 40 INDICE 1. ELENCO DEI SERVIZI DISPONIBILI 1.1 Il sistema integrato dei Servizi Sociali 1.2 Gli interventi erogati dall'ente di Ambito Sociale 2. SCHEDE DESCRITTIVE

Dettagli

COOP. SOC. A.S.A.R. carta dei servizi

COOP. SOC. A.S.A.R. carta dei servizi COOP. SOC. A.S.A.R. carta dei servizi edizione anno 2011/2012 Presentazione della Cooperativa Sociale A.S.A.R. A.S.A.R Coop. Sociale Via Principe Nicola, 123 Catania Tel / Fax 095-533980 Cell. 3389273899

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 PARTE SECONDA SOTTOMISURA 3.1 Interventi L.R. 20 / 2006 Regione Misura 3.1_Assistenza

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO 1)Finalità del servizio Il Servizio di Assistenza Domiciliare ha lo scopo di favorire il mantenimento al

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE di SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. _45 DEL _19/4/2004 Pag. N. 1 INDICE Art.

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

Residenza per anziani "Le Querce"

Residenza per anziani Le Querce Residenza per anziani "Le Querce" La residenza Nata da una sinergia tra il Comune di Cavenago Brianza e la C.R.M Cooperativa Sociale a r.l., la Residenza «Le querce» è pensata per l assistenza agli anziani

Dettagli

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera n. 16 adottata dal Commissario Straordinario nella seduta del 13.09.2007 Articolo 1 -

Dettagli

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Il quadro Istituzionale organizzativo in Regione Veneto Dirigente Regionale Servizi Sociali dott. Mario Modolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI Art. 1 - FINALITA In accordo con gli indirizzi nazionali fissati dal Piano nazionale degli interventi e dei servizi sociali 2001-2003

Dettagli

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO La legge regionale n. 20 del 6 novembre 2002, ed il relativo regolamento attuativo (n. 1 dell 8 marzo 2004) come più volte integrato e modificato,

Dettagli

I servizi per anziani non autosufficienti

I servizi per anziani non autosufficienti I servizi per anziani non autosufficienti Giuliano Marangoni Il trend demografico dell invecchiamento della popolazione ha come diretta conseguenza un aumento delle prestazioni sanitarie e socio sanitarie

Dettagli

Lo sportello Unico Socio Sanitario Integrato Servizi Domiciliari

Lo sportello Unico Socio Sanitario Integrato Servizi Domiciliari Lo sportello Unico Socio Sanitario Integrato Servizi Domiciliari Consorzio Intercomunale per la gestione dei servizi socio-assistenziali dell Ovestticino (Comune di Cameri, Cerano, Galliate, Romentino,

Dettagli

Piano di Zona 2010-2013. La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare

Piano di Zona 2010-2013. La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare Piano di Zona 2010-2013 La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare I servizi di assistenza domiciliare Servizio di assistenza domiciliare territoriale a totale carico

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE Premessa normativa Art.1 - Principi generali Art.2 - Tipologia e modalità di affidamento Art.3 - Durata dell affidamento Art.4 - Come

Dettagli

I bambini e le famiglie

I bambini e le famiglie 3.8 I bambini e le famiglie ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà Continuare a vivere ASSISTENZA DOMICILIARE nel proprio ambiente di vita Vivere in un contesto familiare, AFFIDAMENTO FAMILIARE

Dettagli

ALLEGATO 1C IN ATTUAZIONE DEL DPCM 29 NOVEMBRE 2001 AREA INTEGRAZIONE SOCIO - SANITARIA

ALLEGATO 1C IN ATTUAZIONE DEL DPCM 29 NOVEMBRE 2001 AREA INTEGRAZIONE SOCIO - SANITARIA ALLEGATO N. 1 ALLEGATO 1C IN ATTUAZIONE DEL DPCM 29 NOVEMBRE 2001 AREA INTEGRAZIONE SOCIO - SANITARIA 2 AREA MATERNO INFANTILE LIVELLI DI ASSISTENZA Assistenza sanitaria e sociosanitaria alle donne, ai

Dettagli

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate D 1 - ANFFAS LABORATORIO IL FARO : interventi per contrastare l isolamento sociale e favorire la partecipazione attiva delle persone disabili e delle loro famiglie alla vita sociale. Pag. 333 ANFFAS Servizi

Dettagli

********** IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. - VISTA la L. n. 184 del 04/05/83 Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori ;

********** IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. - VISTA la L. n. 184 del 04/05/83 Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori ; Consiglio di Amministrazione Deliberazione n. del OGGETTO: RECEPIMENTO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 79 11035 DEL 17/11/03 Approvazione linee d indirizzo per lo sviluppo di una rete di servizi

Dettagli

Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D.

Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D. Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D. (Approvato con Delibera Consiglio Comunale n. 11 del 22/01/08 ) Indice Art. 1 Definizione del servizio pag. 2 Art. 2 Finalità ed obiettivi pag. 2 Art. 3 Destinatari

Dettagli

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 93 del 22/12/2014 INDICE 1. I servizi domiciliari nel Sistema integrato sociale, socio-sanitario

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELLA RSA

CARTA DEI SERVIZI DELLA RSA CARTA DEI SERVIZI DELLA RSA NOTA DI ACCOGLIENZA Gentile Signora, Gentile Signore, con la presente Le vogliamo fornire una Guida che Le sia di aiuto per orientarsi e conoscere la Struttura Sanitaria alla

Dettagli

Azioni di sistema. FNPS 72.659,77 Totale 72.659,77

Azioni di sistema. FNPS 72.659,77 Totale 72.659,77 Comuni del Baianese: Avella Baiano Mugnano del C.le Quadrelle Sirignano Sperone Comuni del Vallo Lauro: Domicella Lauro Marzano di Nola Moschiano Pago del V.L. Quindici Taurano Ufficio di Piano Sede Via

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO Allegato 1 Art. 1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO L Amministrazione Comunale regolamenta il servizio di assistenza domiciliare

Dettagli

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico Comune di Comune di Comune di Comune di San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico PRESENTAZIONE L art. 1 della legge 149 del 2001 Diritto del minore ad una famiglia

Dettagli

COMUNE DI CASALGRANDE

COMUNE DI CASALGRANDE COMUNE DI CASALGRANDE PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA Cap 42013 Piazza Martiri della Libertà, 1 tel: 0522 998511 fax: 0522 841039 Cod. fisc. e P. IVA 00284720356 Regolamento distrettuale determinante i

Dettagli

Servizi Sociali. in evoluzione: da selettività ad universalità

Servizi Sociali. in evoluzione: da selettività ad universalità Servizi Sociali in evoluzione: da selettività ad universalità Complessità Non Non si si limitano ad ad un un tempo preciso della della vita vita Pluralità di di interventi Personalizzazione degli degli

Dettagli

D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006

D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006 D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006 Approvazione criteri per l assegnazione contributi ai Soggetti gestori delle funzioni socioassistenziali per le attività delle Equipe Adozioni e per la promozione dell affidamento

Dettagli

I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE. Inoltre nelle Residenze per anziani non autosufficienti :

I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE. Inoltre nelle Residenze per anziani non autosufficienti : Gli spazi e i servizi standard 18 I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE Assistenza alla sona 24 h su 24 Assistenza medica diurna (secondo necessità) Assistenza infermieristica diurna Assistenza

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE DISABILI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE DISABILI SETTEMBRE 2008 AMBITO TERRITORIALE DISTRETTO 5 REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE DISABILI Relazione tecnica Il presente regolamento è lo strumento realizzato dai Comuni del Distretto 5 per

Dettagli

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna)

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO E LE MODALITA DI ACCESSO AGLI INTERVENTI DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera di Consiglio

Dettagli

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI per servizio di ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA REVISIONI N. Descrizione Data 0 Redazione documento 20 giugno 2012 1 Pagina 6, modifica prima riga 15

Dettagli

Università Roma Tre Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Servizio Sociale e Sociologia L.39 A.A. 2013-2014

Università Roma Tre Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Servizio Sociale e Sociologia L.39 A.A. 2013-2014 Università Roma Tre Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Servizio Sociale e Sociologia L.39 A.A. 2013-2014 Lezione del 30 novembre 2013 I Servizi Sociali nelle ASL Docente: Alessandra

Dettagli

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PREMESSA Il presente bando disciplina l erogazione di buoni sociali finanziati attraverso Fondo Non Autosufficienze (FNA). Il Buono Sociale si

Dettagli

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Regolamento Art. 1 Oggetto di regolamentazione e fonti normative 1. Il presente Regolamento disciplina i procedimenti, le modalità di organizzazione e la natura degli

Dettagli

Città di Ispica Prov. di Ragusa

Città di Ispica Prov. di Ragusa Città di Ispica Prov. di Ragusa REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI Art. 1 L amministrazione comunale attua l affidamento familiare allo scopo di garantire al minore le condizioni migliori per

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

Carta dei Servizi per l attività di assistenza domiciliare integrata

Carta dei Servizi per l attività di assistenza domiciliare integrata Carta dei Servizi per l attività di assistenza domiciliare integrata Anno 2012 QUESTA CARTA DEI SERVIZI RAPPRESENTA UNA GARANZIA PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE ED UN IMPEGNO A MIGLIORARE LA NOSTRA COMUNICAZIONE

Dettagli

Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia. Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS

Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia. Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia Num. Scheda 1 TITOLO AZIONE o o Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS OBIETTIVI Scopo dell intervento è promuovere un processo di cambiamento

Dettagli

INDICE ART. 3 - DESTINATARI DEGLI INTERVENTI SOCIALIZZANTI ART. 4 - CARATTERISTICHE DELL INSERIMENTO LAVORATIVO

INDICE ART. 3 - DESTINATARI DEGLI INTERVENTI SOCIALIZZANTI ART. 4 - CARATTERISTICHE DELL INSERIMENTO LAVORATIVO Allegato alla determinazione direttoriale n. 682/000/DIG/14/0025 del 06.06.2014 INDICE PREMESSA ART. 1 - CAMPO DI INTERVENTO ART. 2 - DESTINATARI DELL INTERVENTO LAVORATIVO ART. 3 - DESTINATARI DEGLI INTERVENTI

Dettagli

Si riportano alcune indicazioni generali sui principali interventi. Per informazioni potete rivolgervi alle sedi territoriali Cgil o Spi.

Si riportano alcune indicazioni generali sui principali interventi. Per informazioni potete rivolgervi alle sedi territoriali Cgil o Spi. Aiuti alle persone e alle famiglie in condizioni di fragilità - Misure concordate tra sindacato e Regione Lombardia.( a cura dipartimento welfare SPI Lombardia) Cgil, Cisl e Uil con i sindacati dei pensionati

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 ART. 2 ART. 3

REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 ART. 2 ART. 3 REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 L amministrazione comunale attua l affidamento familiare allo scopo di garantire al minore le condizioni migliori

Dettagli

Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009

Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009 Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009 Regolamento Affidamento Familiare Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento disciplina i principi e le modalità cui devono uniformarsi la gestione,

Dettagli

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI TITOLO I Finalità e soggetti Art.1 Normativa L affidamento familiare per minori è regolato

Dettagli

REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI ED AI PORTATORI DI HANDICAP. Articolo 1- Oggetto del servizio e finalità

REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI ED AI PORTATORI DI HANDICAP. Articolo 1- Oggetto del servizio e finalità REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI ED AI PORTATORI DI HANDICAP. Articolo 1- Oggetto del servizio e finalità Per Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.) si intende quel

Dettagli

GLI ADULTI GLI ADULTI. Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento

GLI ADULTI GLI ADULTI. Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento Carta BISOGNI BISOGNI GLI ADULTI GLI ADULTI Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento in una struttura residenziale. Domiciliarità

Dettagli

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come:

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come: AREA MINORI PREMESSA Nel Piano Regionale Socio Assistenziale l area dei minori viene definita anche Area dell età evolutiva e del disadattamento, dove l obiettivo primario è quello di fornire elementi

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA 2. Nuovo Progetto o Si X 3. Progetto già avviato o Si X 4. Se il Progetto dà continuità a servizi/strutture già attivati, indicare se amplia l ambito territoriale

Dettagli

COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania. Regolamento per l affidamento familiare dei minori

COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania. Regolamento per l affidamento familiare dei minori COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania Regolamento per l affidamento familiare dei minori Adottato con deliberazione consiliare n 41 del 16/03/2000 COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania Regolamento per

Dettagli

CENTRI DIURNI E RESIDENZE

CENTRI DIURNI E RESIDENZE 78 CENTRI DIURNI E RESIDENZE Centri diurni per disabili 8 Si tratta di un accoglienza diurna, con adeguata assistenza, per giovani adulti disabili che trascorrono la giornata in struttura, svolgendo attività

Dettagli

SERVIZI PER L AUTONOMIA DELLA PERSONA DISABILE

SERVIZI PER L AUTONOMIA DELLA PERSONA DISABILE SERVIZI PER L AUTONOMIA DELLA PERSONA DISABILE Sportello di informazioni sulla disabilità 4 È un servizio promosso dalle associazioni Abc-Liguria e Dopodomani Onlus per dare informazioni ed indicazioni

Dettagli

Il documento viene adeguato sulla base delle evoluzioni regolamentari e normative disposte dalle istituzioni competenti ai vari livelli.

Il documento viene adeguato sulla base delle evoluzioni regolamentari e normative disposte dalle istituzioni competenti ai vari livelli. Carta dei Servizi AREA ANZIANI E NON AUTOSUFFICIENTI L area comprende i seguenti servizi 1. Servizio di assistenza Domiciliare (SAD) 2. Centro aggregazione anziani 3. Comunità alloggio Il presente documento

Dettagli

Carta Dei Servizi. Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie. Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2.

Carta Dei Servizi. Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie. Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2. Carta Dei Servizi Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2.0 Pagina 1 Premessa Il presente documento, denominato Carta dei

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

Finalità Obiettivi Utenza Organizzazione Coordinamento

Finalità Obiettivi Utenza Organizzazione Coordinamento PROTOCOLLO D INTESA TRA L ASL DI BRESCIA E L AZIENDA SPECIALE CONSORTILE OVEST SOLIDALE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO TUTELA MINORI INTERESSATI DA PROVVEDIMENTI DELLA MAGISTRATURA ANNO 2011 Premessa La

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI ANNO 2003 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI ANNO 2003 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI ANNO 2003 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO Il questionario deve essere compilato dal responsabile del presidio residenziale,

Dettagli

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE Adottato con delibera G. C. n. 108 del 24.2.2005 Articolo 1 - L INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE.

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE. REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE. Approvato con deliberazione del C.C. n. 40 del 30.6.2003 Comune di Cusano Milanino REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE. Art.1 OGGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ART 1 Oggetto del regolamento. Il presente regolamento disciplina, nell ambito dei principi dell ordinamento e nel rispetto della normativa, l attività

Dettagli

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 C O M U N E DI C A I V A N O Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 GUIDA AI SERVIZI 2011 Comune di Caivano - Guida ai Servizi

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 Il Centro Diurno Assistenziale è una Struttura semiresidenziale socio assistenziale e sanitaria che assiste,

Dettagli

Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali

Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali DISCIPLINARE DI FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDO ANZIANI ART. 1 NATURA DEL SERVIZIO Il Comune di Mesagne intende realizzare il servizio di affidamento anziani,

Dettagli

5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PRESENTAZIONE E OBIETTIVI Il Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.) è un servizio di aiuto a carattere professionale realizzato presso il domicilio delle

Dettagli

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di FORUMPA SANITA' 2001 A.S.L. della Provincia di Milano n 1 Dipartimento ASSI Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di Corsico e

Dettagli

INDICE. Presentazione

INDICE. Presentazione INDICE Presentazione Premessa La Comunità Montana (breve storia, organi della Comunità Montana, gestione del Servizio Socio-assistenziale) Che cosa è la Carta del Servizi I principi fondamentali nell erogazione

Dettagli

SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA

SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA Certificazioni di invalidità civile e handicap La certificazione di invalidità civile e la certificazione di handicap non sono la stessa cosa e danno diritto a benefici

Dettagli

Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila

Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila 1 DISTRETTO SOCIO SANITARIO D12 Adrano Biancavilla S.M. Licodia ASP 3 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Art. 1

Dettagli

LINEE GUIDA CENTRO AFFIDI

LINEE GUIDA CENTRO AFFIDI LINEE GUIDA CENTRO AFFIDI In uno strumento complesso e articolato come l affidamento familiare, intervento di rete per eccellenza, è fondamentale definire i compiti di ogni tecnico. Una prima chiarezza

Dettagli

Regolamento per l Assistenza domiciliare per portatori di handicap residenti nei Comuni del Distretto Socio- sanitario della ASL RMG2

Regolamento per l Assistenza domiciliare per portatori di handicap residenti nei Comuni del Distretto Socio- sanitario della ASL RMG2 Regolamento per l Assistenza domiciliare per portatori di handicap residenti nei Comuni del Distretto Socio- sanitario della ASL RMG2 Premessa Il presente Regolamento disciplina i principi e le modalità

Dettagli

Regolamento Servizio Assistenza Domiciliare Minori Premessa

Regolamento Servizio Assistenza Domiciliare Minori Premessa Regolamento Servizio Assistenza Domiciliare Minori Premessa A seguito della stesura del protocollo operativo, approvato dal Direttivo della Comunità Montana Valle Seriana Superiore con Delibera n. 27 del

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA SOCIO SANITARIA (S.A.D.I.S.)

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA SOCIO SANITARIA (S.A.D.I.S.) REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA SOCIO SANITARIA (S.A.D.I.S.) Approvato con delibera del Commissario Straordinario n.14del 26/02/2010 PREMESSA L'A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata)

Dettagli

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 TARGET persone non autosufficienti di norma anziani, con esiti di patologie fisici, psichici, sensoriali e misti non curabili a domicilio MISSION

Dettagli

Allegato A alla Convenzione Costitutiva

Allegato A alla Convenzione Costitutiva ALLEGATO A VALDARNO INFERIORE PARTE I - convenzione della Società della Salute Art. 5, comma 1, lettera d) e art.19, comma 1- ATTIVITA DELL AREA SOCIO ASSISTENZIALE da ricomprendere nella descrizione delle

Dettagli

C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598

C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 SETTORE 3: POLITICHE SOCIALI E CULTURALI REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO DISABILI

Dettagli

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D. COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 21 del 29.09.2005

Dettagli

Regolamento di Gestione Centro Diurno di Borgofortino APPROVATO CON D.C.C. N. 77 DEL 15/06/1995

Regolamento di Gestione Centro Diurno di Borgofortino APPROVATO CON D.C.C. N. 77 DEL 15/06/1995 Regolamento di Gestione Centro Diurno di Borgofortino APPROVATO CON D.C.C. N. 77 DEL 15/06/1995 MODIFICATO CON D.C.C. N. 265 DEL 07/11/2002 Natura, destinatari e finalità del servizio Il Centro Diurno

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA Allegato alla delibera di C.C. n.32 dell 11/05/07 1 ART.1 (Definizione) Il Centro diurno per disabili

Dettagli

Descrizione Normativa Tempi Responsabile procedimento Ufficio Informazionii

Descrizione Normativa Tempi Responsabile procedimento Ufficio Informazionii Procedimenti Settore Servizi alla persona Descrizione Normativa Tempi Responsabile procedimento Ufficio Informazionii Responsabile ufficio Responsabile sostitutivo Assistenza domiciliare Per assistenza

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE ANZIANI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE ANZIANI SETTEMBRE 2008 REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE ANZIANI Relazione tecnica Il presente regolamento è lo strumento di cui si sono dotati i Comuni del Distretto 5, secondo quanto previsto dalla

Dettagli

ADI (Assistenza Domiciliare Integrata)

ADI (Assistenza Domiciliare Integrata) Università degli Studi di Foggia C.di L. nella Professione Sanitaria di INFERMIERE ADI (Assistenza Domiciliare Integrata) Dott. Cristiano Capurso Definizione L'Assistenza Domiciliare Integrata è una forma

Dettagli

) 21 38060 - NOMI (TN)

) 21 38060 - NOMI (TN) O P E R A R O M A N I (Azienda Pubblica di Servizi alla Persona ) Via Roma, 21 38060 - NOMI (TN) Costituita ai sensi della L.R. 21 settembre 2005, n.7 REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER ANZIANI Gennaio

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art 1 - Oggetto TITOLO I Disposizioni Generali Lo scopo del presente regolamento è l'individuazione di criteri equi e trasparenti per: a) l'erogazione

Dettagli

Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI

Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI Contributo per acquisto o adattamento di autoveicoli privati per il trasporto di disabili Legge Regionale n. 29 del 21.08.97 articolo 9 Servizio Trasporto Inserimenti

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO E RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 17 del 22.3.1999 Comune di Cusano Milanino CENTRO DIURNO INTEGRATO REGOLAMENTO

Dettagli

C O M U N E D I S E N O R B Ì Provincia di Cagliari

C O M U N E D I S E N O R B Ì Provincia di Cagliari C O M U N E D I S E N O R B Ì Provincia di Cagliari Regolamento per il Servizio di Assistenza Domiciliare e dei Servizi Tutelari SOMMARIO: Art. 1 Finalità del Servizio; Art. 2 Gestione del Servizio; Art.

Dettagli

Guide per i cittadini

Guide per i cittadini PIANO DI ZONA AREA DISABILI Guida per i cittadini - Anno 2011 Guide per i cittadini S c h e d e P r o g e t t i Interventi Massimo Pisu Abbiamo una gran voglia di far festa INDICE Interventi di accesso,

Dettagli