Gli strumenti derivati di copertura

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli strumenti derivati di copertura"

Transcript

1 Gli strumenti derivati di copertura 1

2 Gli strumenti finanziari derivati La normativa È contenuta nell articolo 2426 c.2 del codice civile come modificato dal D.Lgs. 139/2015 2

3 Classi di strumenti finanziari nei principi contabili internazionali (IAS 39) Gli strumenti finanziari negli IAS/IFRS: definizioni Strumenti valutati a Fair Value con imputazione a Conto Economico (FV/PL) Finanziamenti e Crediti (L&R) Investimenti posseduti sino a scadenza (HTM) Attività finanziarie disponibili per la vendita(afs)! Attività/passività finanziarie acquisite a scopo speculativo! Attività finanziarie iscritte inizialmente in questa categoria! Tutti i derivati (con regole particolari per l hedge accounting). Attività finanziarie (diverse da strumenti derivati) non quotate in mercati attivi, caratterizzate da pagamenti fissi o determinabili- Attività finanziarie con scadenza fissa e con pagamenti fissi (o determinabili) che un impresa ha l intenzione e la capacità di mantenere sino alla scadenza. Attività finanziarie che non rientrano nelle precedenti categorie: sono valutate al Fair Value, ma le variazioni di valore vengono iscritte direttamente a Patrimonio Netto 3

4 !"#$%&'()%"*:,-$)".)-),&),/01*,*,"%$20#)30,&),$)4*$)2*"#%!"#$%$&$'%"()$()"*$+,-'!"#$%&'()%"*:,-$)".)-),&),/01*,*,"%$20#)30,&),$)4*$)2*"#% Gli strumenti derivati: definizioni!"#$%$&$'%"()$()"*$+,-' 1 &%"%,!"#$%&'"()*('+',(+#( 7*,.'),.0$0##*$)1#).8*,-&#(.+'/ &0,3'*77*,&),'"'0##)3)#5 1%##%1#0"#*:,1)0,*110,4)"0"()0$)0,7#)#%7),&),&*/)#%,%,.0-)#07*:,#011),&')"#*$*11*:,.02/)%:, )"&).):,*..6,%,$*07*,72*$.):,20#*$)*,-$)2*:,2*#077),-$*()%1):,*..>6>,!7,.+0/#& 30$)0,07, 1 30$)0$*,&*7,307%$*,&*7,1%##%1#0"#*> &%"%,!"#$%&'"()*('+',(+#( 7*,.'),.0$0##*$)1#).8*,-&#(.+'/ &0,3'*77*,&),'"'0##)3)#5 1%##%1#0"#*:,1)0,*110,4)"0"()0$)0,7#)#%7),&),&*/)#%,%,.0-)#07*:,#011),&')"#*$*11*:,.02/)%:, 1?%",$).8)*&%"%,'",('.&!"(%&'"/)'&""/)('(,(+0& )"&).):,*..6,%,$*07*,72*$.):,20#*$)*,-$)2*:,2*#077),-$*()%1):,*..>6>,!7,.+0/#& %,$).8)*&%"%,'",)"3*1#)2*"#%, 30$)0,07, )"4*$)%$*,0,3'*77%,$).8)*1#%,&0,07#$),#)-),&),.%"#$0##),&0,.'),.),1),0##*"&*,$*0()%"*,1)2)7*, 30$)0$*,&*7,307%$*,&*7,1%##%1#0"#*> 0770,30$)0()%"*,&),40##%$),&),2*$.0#%> 1?%",$).8)*&%"%,'",('.&!"(%&'"/)'&""/)('(,(+0& %,$).8)*&%"%,'",)"3*1#)2*"#%, 1 &%"%,.0$0##*$)((0#),&0,'"%,1.8*20,"* )"4*$)%$*,0,3'*77%,$).8)*1#%,&0,07#$),#)-),&),.%"#$0##),&0,.'),.),1),0##*"&*,$*0()%"*,1)2)7*, %()07*,.8*,-$*3*&*,)7,#&1/0+%&'"/)+-)$'+) -+"+)*$"$#+ 0770,30$)0()%"*,&),40##%$),&),2*$.0#%> &*7,8&)44*$*"()07*9 #$0,)7,-$*((%,7%,$*"&)2*"#%6,.%$$*"#*,0,3'*770,&0#0,&), '"%,1#$'2*"#%,4)"0"()0$)%,&),$)4*$)2*"#%,*,3'*77%,-$*&*#*$2)"0#% "*7,.%"#$0##%:, 1 %--'$*,70,3*"&)#0,%,7'0.3')1#%,0,'"0,&0#0,4'#'$0,&*77%,1#$'2*"#%,1%##%1#0"#*,0,'", &%"%,.0$0##*$)((0#),&0,'"%,1.8*20,"* %()07*,.8*,-$*3*&*,)7,#&1/0+%&'"/)+-)$'+) -$*((%,-$*4)110#%> -+"+)*$"$#+ &*7,8&)44*$*"()07*9 #$0,)7,-$*((%,7%,$*"&)2*"#%6,.%$$*"#*,0,3'*770,&0#0,&), '"%,1#$'2*"#%,4)"0"()0$)%,&),$)4*$)2*"#%,*,3'*77%,-$*&*#*$2)"0#% "*7,.%"#$0##%:, 1 &%"%,.7011)4).0#),#$0,7*,8/2&#+,(/'()*$/#()3(0+'4(/9 %--'$*,70,3*"&)#0,%,7'0.3')1#%,0,'"0,&0#0,4'#'$0,&*77%,1#$'2*"#%,1%##%1#0"#*,0,'", )",3'0"#%,-$%&'.%"%,*44*##), *.%"%2).),20,"%",1%"%,$)7*30#),"*77%,1#0#%,-0#$)2%")07* -$*((%,-$*4)110#%> 1 C%"1*"#%"%,&),"#+!*&#(#&)(0)#(!45(/)1*"(0,)7,#$014*$)2*"#%,&*7,1%##%1#0"#*,1#$'2*"#%, &%"%,.7011)4).0#),#$0,7*,8/2&#+,(/'()*$/#()3(0+'4(/9 )",3'0"#%,-$%&'.%"%,*44*##), 4)"0"()0$)%,&),/01*,%,&),13%7 *.%"%2).),20,"%",1%"%,$)7*30#),"*77%,1#0#%,-0#$)2%")07* *$*,0##)3)#5 &),1-*.'70()%"*,.%",*7*30#%,*44*##%,7*30 In precedenza classificate tra le operazioni fuori bilancio in quanto, pur producendo 1 C%"1*"#%"%,&),"#+!*&#(#&)(0)#(!45(/)1*"(0,)7,#$014*$)2*"#%,&*7,1%##%1#0"#*,1#$'2*"#%, effe5 4)"0"()0$)%,&),/01*,%,&),13%7 economici, non venivano rilevate *$*,0##)3)#5 nello stato &),1-*.'70()%"*,.%",*7*30#%,*44*##%,7*30 patrimoniale Modifiche del codice civile (D.Lgs. 139/2015): schemi e criteri di valutazione 4

5 Le possibili tipologie di strumenti derivati!"#$%&'()%"*:,-$)".)-),&),/01*,*,"%$20#)30,&),$)4*$)2*"#%,!"#$%#&'(#)*#&+(+,#- )*,.%"#$0##0()%"), 033*" %"%,1',2*$.0#), "%",%$ 0")((0#),7A3*$, #B*,9%'"#*$,C AK96,*, F*,.0$0##*$)1#).B*,.%"#$0##'0F),1%"%, F)/*$02*"#*,$* %F0#*, *,&*#*$2)"0#*,&0),.%"#$0*"#) &' " $%$B0$& >0#*,= $**2*"#!"#*$*1#,$0#*,1B0- A3*$") B#!"&*A*& &B0- A'#$) B# C%2*1#). 9'$$*".; &B0-9'$$*".; &B0-7$%$*A6 9$%11,9'$$*".; &B0- %!&'$% ($!%$ 90-/$F%%$/9%FF0$ A-()%"),1',4'#'$*1 &#$'##'$0#*/1B0-#)%"!"#$!%& 9'$$*".;!"&*A 9%22%&)#)*1!"#"#$& -%"&!"#*$*1#,$0#* 9'$$*".; 9%22%&)#)*1 ) :;63;4<<674 9%"#$0##0()%"),)", 2*$.0#),%$ 0")((0#), 7-$*1*"(0,&),'", %$ 0")12%,.*"#$0F*,.B*, 0$0"#)1.*,F0, F)3')&)#5 &*F, 2*$.0#%:, %-*$0#)3)#5 /010#0, 1',.%"#$0##), 1#0"&0$&)((0#)6 5

6 Gli strumenti derivati: finalità La finalità del ricorso ai derivati può essere: di copertura di un rischio, se si intende immunizzarsi da possibili variazioni del valore delle attività sottostanti; speculativa, se sulla base di una precisa previsione dell andamento dei prezzi delle attività sottostanti, si intende assumere una data posizione per poter guadagnare grazie alla prevista variazione dei prezzi; di arbitraggio, per sfruttare un momentaneo disallineamento tra l andamento del derivato e quello del mercato sottostante. I derivati consentono agli operatori che vi ricorrono di modificare la combinazione rischio/rendimento del proprio portafoglio di attività e passività. 6

7 Le tipologie di rischio Rischio di mercato (di tasso di interesse, di prezzo, di cambio); Rischio di credito; Rischio di liquidità. 7

8 Esempio <&2*$,"&)#&$)+$2%=$)>$"1".$1+$ "3" 0$'( =.$&"#1)#$)*+12/,+*,)%=&)1%3-$2*1)$6)%1+0-+1"*&)$") #,661+$)>$"1".$1"#,2$)$")&-+,)1)*122,)71+$10$6& >$2%=$,)/+&..,) :,55,#$*; >$2%=$,)*122,)#$) $"*&+&22& #2)81.#3%&11.# /&8#3&-%.82. 0'&,-2#-)((2# &0%.#)#5%&7& >$2%=$,)*122,)#$) %150$, >7)80-)12.,&# 4)'52.# $0%.>">) "2&5/$,)*+1**,)#1)84&+$71*$)$")0$61"%$,9 "#( &,6&)';),+&:)',,? 8

9 Tipi di copertura: modelli contabili IAS/IFRS Copertura di Fair Value Copertura dell esposizione alle variazioni di fair value di: una attività o passività rilevata in bilancio; un impegno irrevocabile non iscritto; una parte identificata di tale attività, passività o impegno irrevocabile che è attribuibile a uno specifico rischio; con impatto a Conto Economico Copertura di flussi finanziari (cash flow) Copertura all esposizione di variazioni di cash flow che: 1. è attribuibile ad uno specifico rischio associato a una attività o passività rilevata, o a una operazione futura altamente probabile (anche infragruppo); 2. e con impatto a Conto Economico. 9

10 Modello contabile - copertura di Fair Value Modello contabile Copertura di fair value Valutazione degli strumenti di copertura Variazioni nel fair value Fair value Valutazione degli elementi coperti Fair value con riferimento al rischio oggetto di copertura (*) Conto economico (*) questo si applica anche se un elemento coperto è valutato al costo 10 Strumenti finanziari - 38

11 Modello contabile - copertura di Cash Flow Modello contabile Copertura di cash flow Valutazione degli strumenti di copertura Fair value efficace Variazioni nel fair value OCI Conto economico 11 Strumenti finanziari - 39

12 Contabilizzazione delle operazioni di copertura La relazione di copertura deve essere designata formalmente L esposizione deve derivare da uno specifico rischio che in ultima istanza influenza il conto economico Inizialmente, la copertura deve essere altamente efficace e l efficacia deve poter essere valutata in modo attendibile La copertura deve rimanere altamente efficace durante l intero periodo di copertura La documentazione formale è richiesta all inizio del periodo di copertura e deve includere : L identificazione degli strumenti di copertura e degli elementi o delle transazioni coperti La natura del rischio coperto L obiettivo del risk management e la strategia per intraprendere la copertura Come l efficacia sarà valutata 12

13 periodo di copertura Elevata efficacia nel realizzare una compensazione nelle variazioni di fair value Metodi di test (es. regression analysis, risk-reduction test, etc.). La copertura si mantiene all interno di un intervallo % la durata della copertura Metodi di test (es. monetary unit offset, regression analysis, etc.) Valutazione dell efficacia della copertura Copertura inefficace; hedge I risultati della copertura entro il range % accounting non permesso 125% 100% 80% Copertura parzialmente Hedge accounting; efficace; ineffectiveness l inefficacia va imputata to profit or a Conto loss Economico Copertura parzialmente efficace; l inefficacia va imputata a Conto Economico Copertura inefficace; hedge accounting non permesso Strumenti finanziari

14 Efficacia della copertura: la Ratio Analysis Efficacia della copertura: la Ratio Analysis = RAPPORTO DI COPERTURA Variazione FV strumento di copertura Variazione FV elemento coperto x 100 VALORE RAPPORTO COPERTURA Rapporto = 100% 80% < rapporto < 125% 80%> rapporto > 125% EFFETTI CONTABILI COPERTURA PERFETTA: le variazioni di Fair Value verranno esposte a C/ec o a Riserva in relazione al tipo di rapporto di copertura COPERTURA ALTAMENTE EFFICACE: la parte di variazione di fair value non corrispondente a copertura perfetta passa comunque per il conto economico COPERTURA NON EFFICACE: non possono essere applicate le regole della hedging accounting 14

15 La contabilizzazione FAIR VALUE HEDGE L utile/perdita sul derivato viene rilevato a conto economico nell esercizio L utile/perdita originato dal rischio coperto viene rilevato anch esso a C/ economico nel medesimo esercizio CASH FLOW HEDGE La parte di utile/perdita sul derivato che risulta coprire il rischio viene iscritta a Patrimonio Netto La porzione non efficace deve essere iscritta a C/Ec Gli importi registrati a patrimonio netto verranno girati a C/Ec quando i flussi c o p e r t i s a r a n n o effettivamente realizzati 15

16 La contabilizzazione in caso di copertura non efficace Se la compensazione tra variazione di Fair Value della posta coperta e quella del derivato esce dal range 80%-125%, si contabilizza a C/E l intera variazione del derivato, mentre la posta coperta sarà contabilizzata secondo le regole previste per la classe di appartenenza 16

17 L interest rate swap (Irs) L IRS è un contratto con cui due parti definiscono di scambiarsi i tassi di interesse (fissi o variabili) su un importo nominale di base. Il contratto non dà luogo allo scambio, ma semplicemente viene definito il saldo periodico tra il tasso fisso e quello variabile vigente alla scadenza intermedia o finale; la parte che ha conseguito un capital gain versa questo plus a quella che ha subito la perdita corrispondente. Differenziale = tasso fisso - tasso variabile x Mutuo euro da da Bianchi a a Rossi 17

18 La società Alfa S.p.A. acquista titoli di stato, classificati nell attivo circolante, in data 1/1/20X0 alle seguenti condizioni: a) valore nominale (e di emissione): ; b) tasso di interesse annuo: 4% (fisso); c) pagamento cedole: 31/12 di ogni anno; d) il fair value dei titoli al 31/12/20X0(1) è pari a (98.000); e) rimborso del capitale: 31/12/20X9. In sede di sottoscrizione dei titoli, la società, per coprirsi dal rischio di rialzo dei tassi, sottoscrive un IRS alle seguenti condizioni: 1) valore nozionale: ; 2) la ALFA SpA paga il tasso fisso del 4% e incassa un tasso variabile pari all Euribor a 1 anno che, in sede di prima riscossione è pari al 4% mentre quello a un anno è pari al 4.5%; 3) Il fair value dell IRS al 31/12/20X0(1) è pari a (2.000); 4) data di pagamento e incasso del differenziale: 31/12 fino al 20X9. Il fair value dell IRS alla data di sottoscrizione è pari a zero Supponiamo che: - l IRS soddisfi le condizioni per essere designato come uno strumento di copertura e contabilizzato secondo le regole dell hedge accounting - il rischio di credito dell IRS non sia rilevante 18

19 Acquisto titoli D TITOLI AC A BANCA X C/C Sottoscrizione IRS: nessuna scrittura Al 31/12/20X0 si riscuote la prima cedola di interesse D BANCA X C/C A INTERESSI ATTIVI SU TITOLI

20 Al 31/12/20X0 i titoli e l IRS si iscrivono al fair value D SVALUTAZIONE TITOLI AC A TITOLI AC D STRUMENTI DERIVATI A RIVALUTAZIONE IRS Al 31/12/20X1 si riscuote la seconda cedola di interesse D BANCA X C/C A INTERESSI ATTIVI SU TITOLI

21 Al 31/12/20X1 la società: a) Incassa il tasso variabile per un importo pari a b) Paga il tasso fisso per un importo pari a D BANCA X C/C 500 A DIFFERENZIALI IRS 500 Al 31/12/20X1 la Alfa adeguerà i fair value del titolo e dello strumento di copertura ai rispettivi fair value ( e 2.000): D TITOLI AC A RIVALUTAZIONE TITOLI D SVALUTAZIONE IRS A STRUMENTI FINANZIARI

22 La rappresentazione in bilancio Stato Patrimoniale 20X1 20X0 C) Attivo circolante Altri titoli Strumenti finanziari Conto economico 20X1 20X0 D) Rettifiche di valore di attività e passività finanziarie

23 Il 2/01/20X0, la società Alfa S.p.A. contrae un debito verso una banca di alle seguenti condizioni: rimborso in un unica soluzione, a scadenza, al 31/12/20X2, interessi annuali posticipati al tasso Euribor a 12 mesi (individuato a inizio periodo), pari a 2,6% 3,8% e 4,7%, pagamento interessi: 31/12 di ogni anno; Per cautelarsi dal rischio di rialzo del tasso di interesse la Alfa stipula un IRS, che le consente di trasformare il tasso variabile in fisso, alle seguenti condizioni: 1) valore nozionale: ; 2) tasso fisso da pagare: 3.7% 3) tasso variabile da incassare Euribor a 12 mesi (individuato a inizio periodo) 4) scadenza dell IRS: 31/12/20X2 5) Fair value dell IRS al31/1220x0 e 20x1: e ) pagamento/incasso dei differenziali al 31/12 di ogni anno Il fair value dell IRS, alla data di sottoscrizione, è zero. Supponiamo infine che l IRS soddisfi le condizioni per essere designato come uno strumento di copertura (dei flussi finanziari) e contabilizzato secondo le regole dell hedge accounting. 23

24 Accensione Mutuo D BANCA X C/C A MUTUI PASSIVI Sottoscrizione IRS: nessuna scrittura Al 31/12/20X0 si paga la prima cedola di interesse ( x 2,6%) D ONERI FINANZIARI A BANCA X C/C Al 31/12/20X0 il differenziale dell IRS è negativo Pago: ( x 3,7%) Incasso: ( x2,6%) D ONERI FINANZIARI A BANCA X C/C

25 Grazie all IRS ho perfetta copertura dei flussi finanziari. Gli oneri finanziari e la corrispondente uscita di banca, sono pari a , esattamente quanto dovuto se il finanziamento fosse stato a tasso fisso. Segue la contabilizzazione dell IRS a FV D STRUMENTI FINANZIARI A RISERVA C.F. HEDGE Al 31/12/20X1 si paga la seconda cedola di interesse ( x 3,8%) D ONERI FINANZIARI A BANCA X C/C Al 31/12/20X1 il differenziale dell IRS è positivo Pago: ( x 3,7%) Incasso: ( x3,8%) 25

26 D BANCA X C/C A ONERI FINANZIARI Grazie all IRS ho perfetta copertura dei flussi finanziari. Gli oneri finanziari sono pari a , esattamente quanto dovuto se il finanziamento fosse stato a tasso fisso Poiché il fair value dell IRS al 31/12/20X1 è pari a devo contabilizzare una riduzione del valore del derivato (iscritto a 9.300) e, per contropartita, la riserva di patrimonio netto. D RISERVA C.F. HEDGE A STRUMENTI FINANZIARI

27 Al 31/12/20X2 si paga la seconda cedola di interesse ( x 4,7%) D ONERI FINANZIARI A BANCA X C/C Al 31/12/20X2 il differenziale dell IRS è positivo Pago: ( x 3,7%) Incasso: ( x4,7%) D BANCA X C/C A ONERI FINANZIARI Grazie all IRS ho perfetta copertura dei flussi finanziari. Gli oneri finanziari sono pari a , come pure i flussi di cassa, esattamente quanto dovuto se il finanziamento fosse stato a tasso fisso. 27

28 Giunto alla fine del terzo anno posso concludere che, con questa operazione di copertura, ho pagato per tre anni interessi passivi di anziché di , e Complessivamente l ammontare degli interessi passivi da pagare (con o senza l IRS) è sempre lo stesso ed è pari a , ossia: a) in presenza di IRS: x 3 = b) senza l IRS: = LA FINALITÀ DEL DERIVATO È LA COPERTURA E NON LA SPECULAZIONE! 28

29 La rappresentazione in bilancio Stato Patrimoniale 20X2 20X1 20X0 ATTIVO C) Attivo circolante Strumenti finanziari A)PATRIMONIO NETTO Riserva cash Flow Riserve disponibili (*) Conto economico 20X2 20X1 20X0 C) Interessi passivi (*) Alla scadenza del finanziamento, la riserva da cash flow diventa disponibile e si procede al reclassification adjustment nel conto economico. 29

IAS 39: STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

IAS 39: STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI : STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI La contabilizzazione dei derivati di negoziazione (speculativi) e di copertura. Esempi e scritture contabili relative all «interest rate swap» (Irs). di Alessio Iannucci

Dettagli

LA RAPPRESENTAZIONE CONTABILE DEI DERIVATI: UN INTRODUZIONE. Guido Modugno

LA RAPPRESENTAZIONE CONTABILE DEI DERIVATI: UN INTRODUZIONE. Guido Modugno LA RAPPRESENTAZIONE CONTABILE DEI DERIVATI: UN INTRODUZIONE Guido Modugno Programma dell intervento 1. Il quadro generale : le fonti 2. Il trattamento contabile secondo i principi internazionali: a. Un

Dettagli

Principi contabili IAS/IFRS : IL BILANCIO DELLE BANCHE ESERCITAZIONE del 21/02/2011

Principi contabili IAS/IFRS : IL BILANCIO DELLE BANCHE ESERCITAZIONE del 21/02/2011 Principi contabili IAS/IFRS : IL BILANCIO DELLE BANCHE ESERCITAZIONE del 21/02/2011 Dott. PAOLO VITALI Università degli Studi di Bergamo Anno accademico 2010/2011 Bergamo, 21 febbraio 2011 Indice degli

Dettagli

Case Study. IAS 39 con Fairmat

Case Study. IAS 39 con Fairmat Case Study IAS 39 con Fairmat Revisione #3 Questo tutorial illustra come possono essere implementati in Fairmat i requisiti di hedge accounting ai sensi dello IAS 39. 1 Introduzione Il principio contabile

Dettagli

Strumenti finanziari derivati Cenni di analisi e contabilizzazione

Strumenti finanziari derivati Cenni di analisi e contabilizzazione Strumenti finanziari derivati Cenni di analisi e contabilizzazione Verona, 14/03/2006 Dr. Marco Rubini 1 Indice dell intervento Rischi finanziari a cui è sottoposta l azienda e modalità di copertura; Criteri

Dettagli

I contratti derivati nelle gestioni assicurative. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Mario Parisi.

I contratti derivati nelle gestioni assicurative. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Mario Parisi. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi I contratti derivati nelle gestioni assicurative 1 I derivati e le assicurazioni L assunzione di posizioni

Dettagli

Principi contabili IAS/IFRS : IL BILANCIO DELLE BANCHE ESERCITAZIONE del 18/02/2015

Principi contabili IAS/IFRS : IL BILANCIO DELLE BANCHE ESERCITAZIONE del 18/02/2015 Principi contabili IAS/IFRS : IL BILANCIO DELLE BANCHE ESERCITAZIONE del 18/02/2015 Dott. PAOLO VITALI Università degli Studi di Bergamo Anno accademico 2014/2015 Crediti non performing e derivati Bergamo,

Dettagli

Gruppo Hera Bilancio Consolidato e Separato al 31 dicembre 2014

Gruppo Hera Bilancio Consolidato e Separato al 31 dicembre 2014 23 Strumenti finanziari derivati / non correnti Gerarchia fair value coperto Derivati su tassi - Interest rate Swap 2 Finanziamenti 1.000 mln 103.096 1.001,2 mln 37.560 - Interest rate Swap 2 Finanziamenti

Dettagli

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement 1 Argomenti trattati 1) 1) Principali contenuti 2) 2) IAS 32 Financial Instruments: Disclosure

Dettagli

RISOLUZIONE N. 56/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 56/E QUESITO RISOLUZIONE N. 56/E Roma, 22 giugno 2010 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 - Articolo 6, comma 9, del decreto legislativo 15 dicembre 1997, n. 446

Dettagli

E) 39. STRUMENTI FINANZIARI E GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI

E) 39. STRUMENTI FINANZIARI E GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI E) 39. STRUMENTI FINANZIARI E GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI Strumenti finanziari La seguente tabella riporta il confronto del valore contabile e del fair value per tutti gli strumenti finanziari del Gruppo.

Dettagli

APPROFONDIAMO ADESSO GLI STRUMENTI CHE L'IMPRESA CAMPUS HA A DISPOSIZIONE PER LA COPERTURA DEI TASSI E IN PARTICOLARE: F.R.A. I.R.

APPROFONDIAMO ADESSO GLI STRUMENTI CHE L'IMPRESA CAMPUS HA A DISPOSIZIONE PER LA COPERTURA DEI TASSI E IN PARTICOLARE: F.R.A. I.R. APPROFONDIAMO ADESSO GLI STRUMENTI CHE L'IMPRESA CAMPUS HA A DISPOSIZIONE PER LA COPERTURA DEI TASSI E IN PARTICOLARE: F.R.A. I.R.S F.R.A IL FORWARD RATE AGREEMENT E IL CONTRATTO TRAMITE IL QUALE LE PARTI

Dettagli

THE POWER OF BEING UNDERSTOOD AUDIT TAX CONSULTING

THE POWER OF BEING UNDERSTOOD AUDIT TAX CONSULTING THE POWER OF BEING UNDERSTOOD AUDIT TAX CONSULTING LE NUOVE REGOLE CIVILISTICHE PER LA REDAZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO Strumenti finanziari derivati Aspetti generali ART. 2426: IFRS COME

Dettagli

IAS 32 e IAS 39: La rilevazione e la valutazione degli strumenti finanziari. Edgardo Palombini Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi

IAS 32 e IAS 39: La rilevazione e la valutazione degli strumenti finanziari. Edgardo Palombini Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi IAS 32 e IAS 39: La rilevazione e la valutazione degli strumenti finanziari Edgardo Palombini Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi L introduzione degli International Financial Reporting Standards

Dettagli

Gli strumenti derivati e l hedge accounting in Unicredit

Gli strumenti derivati e l hedge accounting in Unicredit Gli strumenti derivati e l hedge accounting in Unicredit Roberto Monachino Managing Director UBM- Area Amministrazione e Bilancio Milano, 8 aprile 2005 Il presente documento integra un illustrazione orale

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli e le partecipazioni

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A.

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A. TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006 Marcolin S.p.A. Transizione ai Principi Contabili Internazionali (IAS/IFRS) Premessa In ottemperanza al Regolamento Europeo n. 1606 del 19

Dettagli

La disciplina degli strumenti finanziari derivati speculativi e di copertura nella nuova disciplina del codice civile: il loro trattamento contabile

La disciplina degli strumenti finanziari derivati speculativi e di copertura nella nuova disciplina del codice civile: il loro trattamento contabile La disciplina degli strumenti finanziari derivati speculativi e di copertura nella nuova disciplina del codice civile: il loro trattamento contabile Alberto Tron Professore Incaricato di Revisione Aziendale,

Dettagli

Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39

Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39 Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39 Corso di Principi Contabili e Informativa Finanziaria Prof.ssa Sabrina Pucci Facoltà di Economia Università degli Studi Roma Tre a.a. 2004-2005 prof.ssa Sabrina

Dettagli

ABCD. Università degli Studi di Palermo. IAS 39: Gli strumenti finanziari e l hedging accounting

ABCD. Università degli Studi di Palermo. IAS 39: Gli strumenti finanziari e l hedging accounting Università degli Studi di Palermo Corso di Economia degli Intermediari finanziari Prof. Francesco Faraci IAS 39: Gli strumenti finanziari e l hedging accounting Raffaele Mazzeo 9 dicembre 2003 IAS 39:

Dettagli

Gli strumenti finanziari [2]

Gli strumenti finanziari [2] www.contabilitainternazionale.eu Corso di: Contabilità Internazionale Corso di Laurea Magistrale in: Amministrazione e Controllo Gli strumenti finanziari [2] Oggetto della lezione framework Fair value

Dettagli

Corso di Economia Aziendale II e Analisi Economico Finanziaria delle Aziende

Corso di Economia Aziendale II e Analisi Economico Finanziaria delle Aziende Corso di Economia Aziendale II e Analisi Economico Finanziaria delle Aziende Dott. Amedeo Pugliese 12-13 Aprile 2010 Attività Finanziarie Amedeo Pugliese EA II + AEF Le Attività Finanziarie possono trovare

Dettagli

I derivati Contabilità, bilancio e fisco

I derivati Contabilità, bilancio e fisco I derivati Contabilità, bilancio e fisco Milano,20/10/2005 Dr. Marco Rubini 1 Indice dell intervento Contabilizzazione di alcuni derivati di copertura e di quelli speculativi; Novità della nota integrativa

Dettagli

Coperture di rischio di cambio: un esempio pratico

Coperture di rischio di cambio: un esempio pratico Coperture di rischio di cambio: un esempio pratico di Claudia Mezzabotta (*) Le regole stabilite dallo IAS 39, Financial Instruments: Recognition and Measurement, in tema di hedge accounting concernono

Dettagli

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005 1 Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS 8 settembre 2005 Indice 2 N Slide Introduzione 3 Totale impatti 4 IFRS con influenza sul Gruppo 5 CE: riconciliazione Anno 2004-1 6 Descrizione dei principali IFRS

Dettagli

2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi

2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi 114 2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi 2.2.7.1 Gerarchia del fair value 2. Bilancio consolidato Le tabelle di seguito forniscono una ripartizione delle attività e passività per

Dettagli

RISTRUTTURAZIONE DELL IMPRESA E OPERAZIONI DI FINANZA STRAORDINARIA IL PROBLEMA DELLA CORRETTA CONTABILIZZAZIONE DEI CONTRATTI DERIVATI

RISTRUTTURAZIONE DELL IMPRESA E OPERAZIONI DI FINANZA STRAORDINARIA IL PROBLEMA DELLA CORRETTA CONTABILIZZAZIONE DEI CONTRATTI DERIVATI RISTRUTTURAZIONE DELL IMPRESA E OPERAZIONI DI FINANZA STRAORDINARIA IL PROBLEMA DELLA CORRETTA CONTABILIZZAZIONE DEI CONTRATTI DERIVATI Marco Carbone Tavola rotonda TopLegal 23/ 09/ 2010 ARGOMENTI TRATTATI

Dettagli

Principi Contabili Internazionali Laurea Magistrale in Consulenza Professionale per le Aziende

Principi Contabili Internazionali Laurea Magistrale in Consulenza Professionale per le Aziende Principi Contabili Internazionali Laurea Magistrale in Consulenza Professionale per le Aziende STRUMENTI FINANZIARI VALUTAZIONE, CONTABILIZZAZIONE e DISCLOSURE: IAS 32, IAS 39, IFRS 7 IAS 32 Strumenti

Dettagli

PERCORSO FUNZIONALE CREDITO

PERCORSO FUNZIONALE CREDITO MPI PERCORSO FUNZIONALE CREDIO DISPENSA DEI DOCENI MAERIALI INEGRAIVI A SUPPORO DELLE LEZIONI CURAORE: C. ZARA LA GESIONE DEL RISCHIO DI ASSO DI INERESSE Questo materiale è a disposizione esclusiva degli

Dettagli

Strumenti finanziari derivati

Strumenti finanziari derivati OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Strumenti finanziari derivati xx BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il 31 maggio 2016 all

Dettagli

Le partecipazioni. 1. L acquisizione di partecipazioni 1/7

Le partecipazioni. 1. L acquisizione di partecipazioni 1/7 focus modulo 3 lezione 40 Il mercato dei capitali e la Borsa valori La negoziazione dei titoli azionari Le partecipazioni Gli investimenti di un impresa in azioni o quote di Capitale sociale di altre società

Dettagli

unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS SDA Bocconi School of Management Danilo

unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS SDA Bocconi School of Management Danilo Danilo unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS Definizione Modalità di utilizzo Elementi di valutazione: valore minimo e valore temporale Relazione di parità Copyright SDA

Dettagli

Gli strumenti finanziari

Gli strumenti finanziari Gli strumenti finanziari 1 Agenda Strumenti finanziari Iscrizione iniziale e valutazione successiva Impairment Derecognition Hedge Accounting Derivati impliciti Evoluzioni dello IAS 39 L IFRS 9- Strumenti

Dettagli

Leasing secondo lo IAS 17

Leasing secondo lo IAS 17 Leasing secondo lo IAS 17 Leasing: Ias 17 Lo Ias 17 prevede modalità diverse di rappresentazione contabile a seconda si tratti di leasing finanziario o di leasing operativo. Il leasing è un contratto per

Dettagli

Gli strumenti derivati di copertura

Gli strumenti derivati di copertura ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI GENOVA Convegno Gli strumenti derivati di copertura Genova, 13 maggio 2010 Auditorium Confindustria Dott. Marcello Pollio ODCEC Genova Studio

Dettagli

Perizia contratti derivati NUOVA B.B. Sas

Perizia contratti derivati NUOVA B.B. Sas Perizia contratti derivati NUOVA B.B. Sas Contratto n 1 Banca CRT IRS Plain Vanilla Caratteristiche Strumento Derivato Data Sottoscrizione 04/09/2000 Nominale 516.456,90 Data iniziale 06/09/2000 Scadenza

Dettagli

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Milano 12 marzo Fondazione Ambrosianeum Via delle Ore 3 Un Azienda ha la necessità di finanziare la sua attività caratteristica per un importo

Dettagli

Bilancio delle assicurazioni Struttura e contenuto

Bilancio delle assicurazioni Struttura e contenuto Risk and Accounting Bilancio delle assicurazioni Struttura e contenuto Marco Venuti Agenda La disciplina di rif erimento Stato patrimoniale consolidato Conto economico consolidato Stato patrimoniale di

Dettagli

CONVEGNO BNL / ODCEC TORINO. Problematiche inerenti l utilizzo di prodotti a copertura dei rischi

CONVEGNO BNL / ODCEC TORINO. Problematiche inerenti l utilizzo di prodotti a copertura dei rischi Torino, 22 novembre 2013 CONVEGNO BNL / ODCEC TORINO Problematiche inerenti l utilizzo di prodotti a copertura dei rischi INTEREST RATE SWAP Gli strumenti finanziari che vengono utilizzati a copertura

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

Definizione strumenti finanziari

Definizione strumenti finanziari I criteri di valutazione secondo gli IAS 39 Definizione strumenti finanziari Lo IAS 39 definisce lo strumento finanziario come un qualsiasi contratto che dà origine ad una attività finanziaria per un impresa

Dettagli

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro:

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro: MITTEL S.P.A. Sede in Milano - Piazza A. Diaz 7 Capitale sociale 66.000.000 i.v. Codice Fiscale - Registro Imprese di Milano - P. IVA 00742640154 R.E.A. di Milano n. 52219 Iscritta all U.I.C. al n. 10576

Dettagli

affermazioni di bilancio Titoli ... analisi fattori di rischio criticità di bilancio

affermazioni di bilancio Titoli ... analisi fattori di rischio criticità di bilancio Titoli affermazioni di bilancio analisi fattori di rischio... criticità di bilancio Titoli procedure di revisione natura estensione tempistica criticità di bilancio... TITOLI principali aree di bilancio

Dettagli

GLI STRUMENTI FINANZIARI SECONDO IL PRINCIPIO CONTABILE IAS 39

GLI STRUMENTI FINANZIARI SECONDO IL PRINCIPIO CONTABILE IAS 39 GLI STRUMENTI FINANZIARI SECONDO IL PRINCIPIO CONTABILE IAS 39 Indice: 1. Gli strumenti finanziari cui si applica lo IAS 39 2. Rilevazione contabile 3. Misurazione iniziale 4. Valutazione successiva di

Dettagli

Nota sui derivati allegata ai sensi dall art. 62 del d.l. 112/2008

Nota sui derivati allegata ai sensi dall art. 62 del d.l. 112/2008 Nota sui derivati allegata ai sensi dall art. 62 del d.l. 112/2008 1 Obiettivi delle Operazioni Swap. Le operazioni Swap sottoscritte dal Comune di Campi Bisenzio, del tipo Interest Rate Swap Plain Vanilla,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA *********

COMUNICATO STAMPA ********* COMUNICATO STAMPA Comunicato ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile Ad integrazione del comunicato stampa diffuso il 20 gennaio 2009, a seguito del Consiglio di Amministrazione della, si rende noto

Dettagli

I contratti derivati ed il loro trattamento nei bilanci italian Gaap

I contratti derivati ed il loro trattamento nei bilanci italian Gaap I contratti derivati ed il loro trattamento nei bilanci italian Gaap di Giovanni Cugnasca - dottore commercialista e revisore legale e Alessio Ferrandina - dottore commercialista Gli strumenti finanziari

Dettagli

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014 I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS Federica Miglietta Bari, luglio 2014 GLI STRUMENTI DERIVATI Gli strumenti derivati sono così denominati perché il loro valore deriva dal prezzo di una attività sottostante,

Dettagli

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni A.A. 2008-2009 20 maggio 2009 Agenda I contratti Swap Definizione Gli Interest Rate Swap Il mercato degli Swap Convenienza economica e finalità Le opzioni

Dettagli

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari I contratti finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Definizioni I contratti finanziari-detti anche attività finanziarie e strumenti finanziari-sono beni intangibili che costituiscono

Dettagli

TAS: APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2011

TAS: APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2011 Milano, 10 maggio 2011 COMUNICATO STAMPA ex artt. 114 D.Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 e 66 del Regolamento Consob 11971/99 TAS: APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2011 Ricavi consolidati: 10,3 milioni

Dettagli

La valutazione e rappresentazione nel bilancio IFRS dell investimento in titoli

La valutazione e rappresentazione nel bilancio IFRS dell investimento in titoli S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO CRISI FINANZIARIA: valutazione e controllo dei titoli in portafoglio La valutazione e rappresentazione nel bilancio IFRS dell investimento in titoli Raffaella

Dettagli

GESTIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA

GESTIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA 31 Elisioni intersettoriali Le elisioni intersettoriali sono relative allo storno di ricavi e costi tra società del Gruppo appartenenti a settori diversi. In particolare il saldo negativo di 15 milioni

Dettagli

Dinamica indebitamento

Dinamica indebitamento 2.7 DINAMICA E COSTO DELL INDEBITAMENTO, STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI La tabella sottostante riporta l indebitamento globale del Comune, suddiviso per soggetto finanziatore e tipologia di contratto, con

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Sede sociale: Via Principi di Piemonte n. 12-12042 Bra CN Iscritta all'albo delle Banche al n. 5087 Capitale sociale Euro 20.800.000,00 interamente versato Iscritta al Registro Imprese di Cuneo al n. 00200060044

Dettagli

2.4 Attività finanziarie - IAS 32 e 39 IFRS 7

2.4 Attività finanziarie - IAS 32 e 39 IFRS 7 59 Hotel di Roma (via Pio IV) in considerazione della sua particolare natura e destinazione. Nel caso in cui si sia stimato che il valore recuperabile dell immobile sia superiore al valore contabile, l

Dettagli

Temi speciali di bilancio

Temi speciali di bilancio Università degli Studi di Parma Temi speciali di bilancio Le partecipazioni I titoli (cenni) 1 Indice degli argomenti 1. I TITOLI E LE PARTECIPAZIONI ISCRITTE NELLE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE i titoli

Dettagli

Prof. Alessandro Zattoni - Università Parthenope di Napoli

Prof. Alessandro Zattoni - Università Parthenope di Napoli Corso di bilancio e principi contabili Dodicesima lezione: Le attività finanziarie Prof. Alessandro Zattoni - Università Parthenope di Napoli IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE B.III Immobilizzazioni finanziarie

Dettagli

CORSO DI RAGIONERIA A.A. 2013/2014

CORSO DI RAGIONERIA A.A. 2013/2014 CORSO DI RAGIONERIA A.A. 2013/2014 MODULO A LEZIONE N. 8 LE SCRITTURE CONTABILI Le partecipazioni TITOLI E PARTECIPAZIONI I titoli sono composti principalmente da: titoli di credito: lo stato, che emette

Dettagli

L UTILIZZO DEI DERIVATI A COPERTURA DEI RISCHI FINANZIARI DELLE IMPRESE

L UTILIZZO DEI DERIVATI A COPERTURA DEI RISCHI FINANZIARI DELLE IMPRESE L UTILIZZO DEI DERIVATI A COPERTURA DEI RISCHI FINANZIARI DELLE IMPRESE SI E' MOLTO PARLATO NEGLI ULTIMI ANNI DI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI SONO STATI UTILIZZATI DA AZIENDE ANCHE DI PICCOLE DIMENSIONI

Dettagli

23/11/2010. Interpretazione della sostanza economica dell operazione. Interpretazione della forma giuridica dell operazione

23/11/2010. Interpretazione della sostanza economica dell operazione. Interpretazione della forma giuridica dell operazione Il leasing è un contratto attraverso il quale il locatore trasferisce al locatario, in cambio di un pagamento o di una seria di pagamenti, il diritto all utilizzo di un bene per un periodo di tempo stabilito

Dettagli

7. FINANZIAMENTI E BUSINESS PLAN

7. FINANZIAMENTI E BUSINESS PLAN 7. FINANZIAMENTI E BUSINESS PLAN Prof. Valter Mainetti Amministratore Delegato SORGENTE SGR S.p.A. Parma, 24-25 Marzo 2014 MP-MS 1 1 Indice Strategie di Finanziamento Il Business Plan 2 Strategie di finanziamento

Dettagli

Rappresentazione e valutazione degli strumenti finanziari

Rappresentazione e valutazione degli strumenti finanziari Università degli Studi di Trieste Ragioneria Generale ed Applicata (corso magistrale) Modulo di Ragioneria Internazionale Rappresentazione e valutazione degli strumenti finanziari di 1 Principi IFRS rilevanti

Dettagli

Analisi dell andamento del Debito -31/12/2003 31/12/2005-

Analisi dell andamento del Debito -31/12/2003 31/12/2005- Dipartimento II Servizio 6 GESTIONE DEL DEBITO MONITORAGGIO INVESTIMENTI Analisi dell andamento del Debito -31/12/2003 31/12/2005- 1. Introduzione Obiettivo del Report è produrre l analisi del debito al

Dettagli

Strumenti finanziari derivati. A cura dello Studio Battaini, Corso Sempione 15, Gallarate e-mail : infocsp@tin.it. Sommario

Strumenti finanziari derivati. A cura dello Studio Battaini, Corso Sempione 15, Gallarate e-mail : infocsp@tin.it. Sommario Strumenti finanziari derivati A cura dello Studio Battaini, Corso Sempione 15, Gallarate e-mail : infocsp@tin.it Sommario 1 Quadro generale... 2 2 Definizione e tipologie... 2 3 Rappresentazione in bilancio

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 12 IAS 21: Effetti delle variazioni cambi delle valute estere: Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno

Dettagli

Gli strumenti derivati

Gli strumenti derivati Gli strumenti derivati EMM A - Lezione 6 Prof. C. Schena Università dell Insubria 1 Gli strumenti derivati Derivati perché il loro valore deriva da quello di altre attività dette beni/attività sottostanti

Dettagli

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Gli Strumenti Finanziari secondo i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Relatore: Dott. Stefano Grumolato Verona, aprile 2008 Overview dell intervento Strumenti finanziari e tecniche di valutazione

Dettagli

NOTA INFORMATIVA OPERAZIONI DI FINANZA DERIVATA (SWAP)

NOTA INFORMATIVA OPERAZIONI DI FINANZA DERIVATA (SWAP) NOTA INFORMATIVA OPERAZIONI DI FINANZA DERIVATA (SWAP) Art. 62 del D.L. 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, sostituito dall art. 3 comma 1 della legge

Dettagli

Nota sui derivati allegata ai sensi dall art. 62 del d.l. 112/2008

Nota sui derivati allegata ai sensi dall art. 62 del d.l. 112/2008 Nota sui derivati allegata ai sensi dall art. 62 del d.l. 112/2008 1 Obiettivi delle Operazioni Swap. Le operazioni Swap sottoscritte dal Comune di Campi Bisenzio, del tipo Interest Rate Swap Plain Vanilla,

Dettagli

9b. Scritture di interazione e rettifica. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo

9b. Scritture di interazione e rettifica. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo 9b. Scritture di interazione e rettifica Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo Milano, Febbraio 2015 Le scritture di integrazione e rettifica.. CONTO ECONOMICO COSTI RICAVI. ATTIVITÀ PASSIVITÀ APPLICAZIONE

Dettagli

Camozzi & Bonissoni. L applicazione dei principi contabili internazionali agli immobili. Francesco Assegnati. Camozzi & Bonissoni

Camozzi & Bonissoni. L applicazione dei principi contabili internazionali agli immobili. Francesco Assegnati. Camozzi & Bonissoni L applicazione dei principi contabili internazionali agli immobili Francesco Assegnati Camozzi & Bonissoni Studio Legale e Tributario Galleria San Carlo 6 20122 Milano www.camozzibonissoni.it Iter normativo

Dettagli

La valutazione degli elementi dell attivo e del passivo: Profili contabili

La valutazione degli elementi dell attivo e del passivo: Profili contabili La valutazione degli elementi dell attivo e del passivo: Profili contabili Dott. Alex Casasola 1 La valutazione degli elementi dell attivo e del passivo Attendibilità della valutazione Di conseguenza.

Dettagli

Dicembre 2003. Principi contabili internazionali e nazionali - immobilizzazione finanziarie: titoli e partecipazioni, di Michele Iori

Dicembre 2003. Principi contabili internazionali e nazionali - immobilizzazione finanziarie: titoli e partecipazioni, di Michele Iori Dicembre 2003 Principi contabili internazionali e nazionali - immobilizzazione finanziarie: titoli e partecipazioni, di Michele Iori I Principi contabili nazionali distinguono fra due categorie di partecipazioni

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 32 (rivisto nella sostanza nei 1998) Strumenti finanziari: Esposizione nel bilancio e informazioni integrative

Principio contabile internazionale n. 32 (rivisto nella sostanza nei 1998) Strumenti finanziari: Esposizione nel bilancio e informazioni integrative Principio contabile internazionale n. 32 (rivisto nella sostanza nei 1998) Strumenti finanziari: Esposizione nel bilancio e informazioni integrative Nel marzo 1995 il Board dello IASC ha approvato lo IAS

Dettagli

ESERCITAZIONE: GLI INVESTIMENTI PATRIMONIALI ACCESSORI

ESERCITAZIONE: GLI INVESTIMENTI PATRIMONIALI ACCESSORI ESERCITAZIONE: GLI INVESTIMENTI PATRIMONIALI ACCESSORI Argomenti della lezione: 1) Investimenti in titoli a reddito predeterminato Soluzione proposta sulla base di tutti e tre i metodi di contabilizzazione:

Dettagli

I tassi interni di trasferimento

I tassi interni di trasferimento Slides tratte da: Andrea Resti Andrea Sironi Rischio e valore nelle banche Misura, regolamentazione, gestione AGENDA TIT unici e TIT multipli La determinazione dei tassi interni di trasferimento Le caratteristiche

Dettagli

Benefit plans (IAS 19); Pagamenti basati su azioni (IFRS 2); Contratti assicurativi (IFRS 4). Contratti di Leasing (IAS 17);

Benefit plans (IAS 19); Pagamenti basati su azioni (IFRS 2); Contratti assicurativi (IFRS 4). Contratti di Leasing (IAS 17); Introduzione 1 IL CONTROLLO CONTABILE NELLE SOCIETA LE RINCIALI OSTE DEL BILANCIO D ESERCIZIO E LA REVISIONE LEGALE: RINCII CONTABILI, NAZIONALI ED INTERNAZIONALI E TECNICHE DI REVISIONE STRUMENTI FINANZIARI

Dettagli

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 7 Rendiconto finanziario

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 7 Rendiconto finanziario CORSO IFRS International Financial Reporting Standards IAS 7 Rendiconto finanziario SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SINTESI ANALISI DETTAGLIATA ESEMPIO DI PREDISPOSIZIONE DEL RENDICONTO IAS 7

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

Le operazioni d indebitamento strutturate con derivati

Le operazioni d indebitamento strutturate con derivati Le operazioni d indebitamento strutturate con derivati Allegato al Bilancio di Previsione per l esercizio finanziario 2013 Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 67 del 26 27 luglio 2013

Dettagli

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani Introduzione al Corporate Financial Risk Management Lorenzo Faccincani 1 Il Corporate Financial Risk Management Il Corporate Financial Risk Management può essere definito come il complesso delle attività

Dettagli

Conto economico. Prospetti contabili infrannuali 2007 62. (importi in migliaia di euro)

Conto economico. Prospetti contabili infrannuali 2007 62. (importi in migliaia di euro) Prospetti contabili infrannuali della Capogruppo per il semestre chiuso al 30 giugno 2007 Conto economico 1 semestre 2007 1 semestre 2006 Ricavi verso terzi 14.025 8.851 Ricavi parti correlati 2.772 3.521

Dettagli

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs)

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs) EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(s) EEMS Italia S.p.A PROSPETTI CONTABILI DI EEMS ITALIA S.P.A AL 30 GIUGNO 2006 Premessa

Dettagli

Gestione del rischio tasso

Gestione del rischio tasso CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI Gestione del rischio tasso Dott. Corso Pecori Giraldi 25 ottobre 2011 - Sala Convegni S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Rischio tasso nei clienti dei PB

Dettagli

LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI IAS 38 Caratteristiche delle attività immateriali: una risorsa controllata dall entità in in conseguenza di di eventi passati e dalla quale

Dettagli

INTERPUMP GROUP APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2015

INTERPUMP GROUP APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2015 COMUNICATO STAMPA INTERPUMP GROUP APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2015 VENDITE NETTE: 222,6 milioni (+39,0%) - 160,2 milioni nel primo trimestre 2014 EBITDA: 43,5 milioni (+35,8%) pari al 19,5%

Dettagli

Riserva da sopraprezzo delle azioni Ammonta al 31 dicembre 2011 a 54.909 migliaia di euro e non presenta variazioni rispetto all esercizio precedente.

Riserva da sopraprezzo delle azioni Ammonta al 31 dicembre 2011 a 54.909 migliaia di euro e non presenta variazioni rispetto all esercizio precedente. 23 Patrimonio netto 31.12.2010 31.12.2011 Capitale sociale 441.411 441.411 Riserva da sopraprezzo azioni 54.909 54.909 Riserva legale 88.282 88.282 Riserva di rivalutazione 2.286 2.286 Riserva per azioni

Dettagli

CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE

CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE Prof. Giovanni Frattini Dal cap. 5 Il bilancio pubblico - L introduzione dei principi contabili

Dettagli

L Innovazione Finanziaria negli Enti Locali. Gestione del debito tra efficienza e sostenibilità

L Innovazione Finanziaria negli Enti Locali. Gestione del debito tra efficienza e sostenibilità L Innovazione Finanziaria negli Enti Locali Gestione del debito tra efficienza e sostenibilità Intervento nell ambito del Ciclo di Seminari Glocus - FareFuturo L Innovazione nei Territori Roma, 23 ottobre

Dettagli

(Cash Flow Statements)

(Cash Flow Statements) RENDICONTO FINANZIARIO IAS 7 (Cash Flow Statements) 1 SOMMARIO Concetti generali sul Rendiconto Finanziario Come si fa a redigere un Rendiconto Finanziario? 2 1 Concetti generali sul Rendiconto Finanziario

Dettagli

Scegliere gli investimenti con il A. metodo del valore attuale netto

Scegliere gli investimenti con il A. metodo del valore attuale netto 1-1 Teoria della Finanza Aziendale Prof. Arturo Capasso A.A. 007-008 6 Scegliere gli investimenti con il A. metodo del valore attuale netto 1- Argomenti Come si determinano i flussi di cassa da attualizzare

Dettagli

CONTRATTI E TASSI SWAP

CONTRATTI E TASSI SWAP CONTRATTI E TASSI SWAP FLAVIO ANGELINI Sommario. In queste note vengono definite, analizzate e valutate le tipologie più comuni di contratti interest rate swap e si discute l importanza che i tassi swap

Dettagli

Derivati per Enti locali Luoghi comuni e realtà dei fatti. Valerio Paolucci

Derivati per Enti locali Luoghi comuni e realtà dei fatti. Valerio Paolucci Derivati per Enti locali Luoghi comuni e realtà dei fatti Valerio Paolucci 24.02.2011 Come viene presentata la situazione dalla stampa Prodotti oltremodo complessi Trappole costruite dalle banche Clienti

Dettagli

Valutazione secondo IAS Fair value al netto del ricalcolo Fondo ammortamento

Valutazione secondo IAS Fair value al netto del ricalcolo Fondo ammortamento I principi contabili internazionali (IAS), attualmente in Italia obbligatori per le società quotate, sono regole tecnico-ragioneristiche che stabiliscono : A. Le modalità di contabilizzazione degli eventi

Dettagli

IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali

IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali 1 1 Le immobilizzazioni materiali Le immobilizzazioni materiali sono disciplinate da due IAS di riferimento

Dettagli

IL LEASING FINANZIARIO E GLI ALTRI FINANZIAMENTI: CONFRONTO AI FINI DELLA RAPPRESENTAZIONE IN BILANCIO E DEI RISVOLTI SUL RATING

IL LEASING FINANZIARIO E GLI ALTRI FINANZIAMENTI: CONFRONTO AI FINI DELLA RAPPRESENTAZIONE IN BILANCIO E DEI RISVOLTI SUL RATING IL LEASING FINANZIARIO E GLI ALTRI FINANZIAMENTI: CONFRONTO AI FINI DELLA RAPPRESENTAZIONE IN BILANCIO E DEI RISVOLTI SUL RATING 1. Introduzione L imprenditore intenzionato ad acquisire un nuovo bene per

Dettagli

La valutazione dei crediti secondo lo IAS 39: Il criterio del costo ammortizzato

La valutazione dei crediti secondo lo IAS 39: Il criterio del costo ammortizzato La valutazione dei crediti secondo lo IAS 39: Il criterio del costo ammortizzato Costo Ammortizzato Il costo ammortizzato è il valore a cui l attività/passività finanziaria è stata valutata alla rilevazione

Dettagli

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio Glossario Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio (nell accezione accolta nella Relazione e con esclusione dei termini entrati nel lessico comune italiano oppure inseriti in un contesto

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli