CAT. 25 CPV Lotto CIG A - CUP C61F

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAT. 25 CPV 85312400 3 Lotto CIG 349517125A - CUP C61F10000280002"

Transcript

1 COMUNE DI TEMPIO PAUSANIA (PROV. OLBIA - TEMPIO) SETTORE DEI SERVIZI ALLA PERSONA ED ALLE IMPRESE PIANO UNITARIO SERVIZI ALLA PERSONA (PLUS 2010/2012) AGGIORNAMENTO ANNO 2011 CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E SCOLASTICA NEI COMUNI DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO DI TEMPIO PAUSANIA CAT. 25 CPV Lotto CIG A - CUP C61F Il Piano Locale Unitario dei Servizi alla Persona (PLUS) anni del Distretto di Tempio Pausania approvato con delibera di C.C. n 47 del e conseguente aggiornamento anno 2011 approvato con Delibera di C.C. n 14 del 10/05/2011 comprendono l intervento oggetto della presente gara d appalto e costituiscono atti programmatori ai sensi dell art. 271 del D.P.R. 207/2010. Con successiva Delibera di G.C. n. 252 del 24/10/2011 si è provveduto ad approvare il relativo progetto ai sensi dell art. 279 del D.P.R. 207/2010, contenente gli elementi previsti dal bando di gara. Richiamata la Determinazione a contrarre n del 08/11/2011, in esecuzione della determinazione del Dirigente di Settore n del 11/11/2011 è indetta gara d appalto mediante procedura aperta art. 17 c. 1 e c. 4 lettera a) L.R. 5/2007, con aggiudicazione ai sensi dell art. 83 del D. Lgs. 163/06 e s.m.i, e dell art. 18, c. 1, lett. c della L.R. 5/2007, a favore dell'offerta economicamente più vantaggiosa, determinata sulla base degli elementi indicati all art. 5 del disciplinare di gara, per la gestione associata del Servizio di Assistenza Domiciliare e Scolastica nei Comuni del Distretto Socio-Sanitario di Tempio Pausania Cat. 25 CPV Lotto CIG A - numero gara CUP C61F Valore globale stimato dell appalto, ,57 IVA inclusa, di cui ,89 per spese personale non ribassabili ed ,62 IVA esclusa, per spese di gestione, soggetti a ribasso. Costi per la sicurezza connessi a rischi da interferenze non soggetti a ribasso (DUVRI) 0,00. 1) OGGETTO DELL APPALTO Il presente capitolato ha ad oggetto la gestione del Servizio di Assistenza Domiciliare e Scolastica che si configura come misura di sostegno fondamentale ed imprescindibile che risponde ai bisogni essenziali e vitali della persona anziana e/o disabile affetta da fragilità e debolezza individuale e sociale. Il suddetto servizio si realizza attraverso interventi e prestazioni da parte di personale qualificato da realizzarsi presso il domicilio degli utenti o presso gli istituti scolastici frequentati dai disabili (primarie e secondarie di primo grado), in risposta ai bisogni essenziali e vitali. 2) LE PARTI DEL CONTRATTO Il Comune di Tempio Pausania in qualità di Comune Capofila del Distretto Socio Sanitario di Tempio Pausania e Pagina 1 di 1

2 il Soggetto aggiudicatario del servizio di cui trattasi. 3) FINALITÀ E OBIETTIVI DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E SCOLASTICA La finalità del Servizio di Assistenza Domiciliare e Scolastica è di garantire il massimo sostegno agli utenti in difficoltà. Il Servizio di Assistenza Domiciliare e Scolastica, quale servizio di base, pone al centro dei suoi interventi la persona nel suo contesto familiare e sociale. Fa parte della rete di servizi territoriali che rappresenta l'area di massima integrazione tra i vari settori (socio-assistenziale e socio-sanitario), tra i vari livelli di intervento (di base, specialistico, e tra le diverse professionalità). Gli obiettivi imprescindibili sono: - mantenere la persona nel proprio contesto abitativo, familiare e sociale; - evitare l'istituzionalizzazione; - evitare interventi di ospedalizzazione impropria; - promuovere il mantenimento delle capacità residue e la conservazione delle autonomie, sino a quando possibile; - garantire le cure e l'assistenza personale; - garantire la partecipazione alla vita della comunità, sino a quando possibile; - evitare la caduta nelle condizioni di solitudine, isolamento e emarginazione; - sostenere l inclusione in ambito scolastico degli studenti portatori di disabilità. Il Servizio di Assistenza Domiciliare e Scolastica è rivolto a tutti quei cittadini privi di adeguate risorse umane e finanziarie, che si trovino in situazioni di bisogno a livello primario, a rischio di solitudine, e di emarginazione, per cui è necessario l'ausilio di adeguati interventi socio assistenziali. In particolare: Assistenza Domiciliare: Il servizio, nella prospettiva di un superamento della vecchia separazione per categoria di utenti, ma nel contempo, al fine di evitare genericità di interventi e dispersione dell'esperienza pregressa, individua complessivamente quattro aree problematiche e di intervento: a) Area dell'età evolutiva e giovanile; b) Area della senescenza; c) Area della disabilità; d) Area del disagio mentale. Si fa presente che potranno accedere al Servizio di Assistenza Domiciliare anche coloro che si trovino in una situazione temporanea di totale o parziale incapacità a compiere gli atti propri della vita quotidiana. Il Servizio Di Assistenza Domiciliare è, pertanto, un insieme di interventi prevalentemente di natura socioassistenziale finalizzato ad aiutare gli utenti in difficoltà e le loro famiglie nell affrontare situazioni di parziale o totale non autosufficienza. È un tipo di servizio erogato direttamente a casa dell'utente, che comprende, in base alle peculiarità dei singoli casi, prestazioni sostanzialmente di natura socio-assistenziale. Essa è caratterizzata da vari gradi, che dipendono dalle specifiche necessità della persona che la richiede. Pagina 2 di 2

3 Il servizio si pone, inoltre, la finalità di aiutare ogni cittadino temporaneamente o permanentemente in condizioni di parziale o totale mancanza di autonomia, perché possa continuare a vivere al proprio domicilio concorrendo a rendere effettivo il diritto di tutti al pieno sviluppo della personalità, nell'ambito dei rapporti familiari e sociali. Anche nei casi di non sufficienza o non presenza di un nucleo familiare, l'assistenza Domiciliare rappresenta comunque un valido sostegno di promozione del diritto del soggetto ad una "migliore qualità della vita". Assistenza Scolastica: Il Servizio di Assistenza Scolastica comprende tutte le prestazioni da fornire per l'assistenza personale specialistica a favore di studenti con particolari deficit, certificati ai sensi dell'art. 3 comma 3 della legge 104/92. È un secondo segmento dell'integrazione scolastica degli studenti disabili e mira a favorire la piena integrazione soprattutto dei minori con gravi deficit. Trattasi di un servizio erogato nell'ambiente scolastico e comprendente, in base alle peculiarità dei singoli casi, prestazioni sostanzialmente di supporto socio-educativo e facilitazione alla comunicazione. Gli interventi per le Attività di Supporto al Servizio di Istruzione per Alunni con Disabilità, dovranno prioritariamente essere volti al contrasto del fenomeno della dispersione scolastica favorendo il diritto allo studio degli studenti disabili. Il Servizio Educativo infatti dovrà essere realizzato a favore degli studenti con disabilità frequentanti le scuole dell obbligo, (primarie e secondarie di primo grado). Tali interventi comprendono tutte le prestazioni da fornire per l'assistenza personale specialistica a favore di studenti con particolari deficit, certificati ai sensi dell'art. 3 della legge 104/92. Saranno a tal fine predisposti dei progetti individuali a favore degli studenti la cui situazione di particolare criticità determina esigenze specifiche nell organizzazione e gestione della partecipazione alle attività scolastiche. 4) DESTINATARI DEL SERVIZIO I destinatari del Servizio di Assistenza Domiciliare sono in via prioritaria gli anziani; essa sarà rivolta anche ai portatori di handicap nelle forme più gravi (handicap fisico o psichico) tali da generare una compromissione dell autosufficienza nel compiere gli atti quotidiani della vita. Potranno beneficiare del servizio le persone anziane e/o portatrici di handicap che si trovano nelle seguenti condizioni: - Persone parzialmente autosufficienti in condizioni di limitata autonomia che presentano bisogni relativi ad alcune necessità quotidiane o saltuarie, con bisogni relativi all'area relazionale e psicologica - Persone totalmente o parzialmente temporaneamente non autosufficienti in seguito a eventi che hanno determinato la perdita dell'autonomia temporanea (patologie transitorie, fratture, ecc.) - Persone totalmente e permanentemente non autosufficienti, a causa di patologie invalidanti e/o croniche che hanno determinato per sempre la non autosufficienza e necessitano quotidianamente e per ogni atto della vita quotidiana di interventi di assistenza e cura a livelli elevati. I destinatari del Servizio di Assistenza Scolastica specialistica sono invece i minori frequentanti le scuole dell'obbligo, con particolari deficit, certificati ai sensi dell'art. 3 della legge 104/92. I destinatari degli interventi per le Attività di Supporto al Servizio di Istruzione per Alunni con Disabilità sono comunque i minori frequentanti Pagina 3 di 3

4 le scuole dell'obbligo (primarie e secondarie di primo grado), con particolari deficit, certificati ai sensi dell'art. 3 della legge 104/92. Il Comune di Tempio Pausania, in esecuzione della Delibera di Giunta Regionale n. 34/16del 18/10/2010, si impegna ad assicurare il servizio di supporto all istruzione in favore dei richiedenti, prescindendo dal requisito della residenza o, ove ritenuto necessario, stipulando appositi accordi con i Comuni di provenienza. 5) ACCESSO AL SERVIZIO Il Servizio di Assistenza Domiciliare e di Assistenza Scolastica sarà erogato: - su richiesta dell'interessato o di un familiare (esercente la potestà genitoriale per i minori) del comune di residenza. - su proposta del Servizio Sociale Comunale di residenza; - su proposta del medico di base o dei servizi territoriali che hanno in carico l'interessato, della scuola ; 6) LUOGO E ORARI DI ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO a) Le prestazioni del servizio di Assistenza Domiciliare sono svolte sul territorio dei nove Comuni associati, a domicilio dell'utente ovvero presso i luoghi di volta in volta individuati, in accordo con il Servizio sociale di competenza, nell ambito del progetto individuale, prevedendo, se necessario, anche l'accompagnamento presso i servizi territoriali Il servizio si svolge nei giorni feriali in un orario che va indicativamente dalle ore 09,00 alle 20,00 secondo un progetto elaborato dal servizio sociale di competenza. L aggiudicatario del Servizio dovrà garantire su richiesta e/o autorizzazione del suddetto servizio sociale, l erogazione del servizio anche in orari diversi da quelli sopra indicati, fermo restando il divieto di eccedere il monte ore complessivo descritto all art. 11 del presente capitolato. L articolazione del servizio dovrà essere concordata con congruo anticipo e gli interventi proposti saranno oggetto di valutazione condivisa tra i soggetti coinvolti (Ufficio di Piano, Comuni del Distretto e Coordinatore). Le prestazioni del servizio di Assistenza Scolastica e Attività di Supporto al Servizio di Istruzione per Alunni con Disabilità sono svolte nel solo Comune di Tempio Pausania, nell'ambito degli istituti scolastici frequentati dai minori (primarie e secondarie di primo grado) e durante l'orario scolastico (escluse le ore di competenza dell'insegnante di sostegno) nonché in tutte le attività previste nell'ambito curricolare (gite scolastiche, spettacoli ecc...) secondo un progetto elaborato dal servizio sociale di competenza, l'istituto scolastico e la famiglia, e i servizi che hanno in carico l utente. L aggiudicatario del Servizio dovrà garantire su richiesta e/o autorizzazione del suddetto servizio sociale, l erogazione del servizio anche in orari e modalità diverse da quelli sopra indicati, fermo restando il divieto di eccedere il monte ore complessivo descritto all art. 11 del presente capitolato. 7) MODALITÀ DI GESTIONE DEL SERVIZIO Il Servizio di Assistenza Domiciliare e Scolastica è organizzato dall Ambito Territoriale del Distretto Socio Pagina 4 di 4

5 Sanitario di Tempio Pausania tramite l azione ed il coordinamento dell'ufficio di Piano. Il rapporto intercorrente tra l Amministrazione comunale e l Aggiudicatario viene disciplinato da questo capitolato d appalto, nel quale è precisato che la titolarità del servizio di cui trattasi resta del Comune Capofila, che svolge al riguardo un ruolo di programmazione, coordinamento, verifica, vigilanza, attraverso l'ufficio di Piano. L'Ufficio di Piano è titolare della funzione di coordinamento del servizio dei nove Comuni del Distretto. L'Ufficio di Piano elabora una scheda di monitoraggio del servizio che dovrà essere compilata da ciascun operatore per la verifica della conformità dei servizi eseguiti, sia sul piano quantitativo (ore svolte/ore fatturate) che dal punto di vista qualitativo (raggiungimento degli obiettivi, regolarità delle prestazioni) rispetto a quanto previsto dal presente capitolato. In particolare il Comune di Tempio (comune capofila), tramite l'ufficio di Piano provvederà alla liquidazione dell importo dovuto all'aggiudicatario con le modalità precisate all art. 19 del presente capitolato, a seguito della ricezione delle suddette schede di monitoraggio attestante la conformità delle schede di presenza degli operatori rispetto alle ore svolte ed attribuite al singolo caso, da parte dei nove comuni. Il servizio sociale di ciascun Comune è titolare del singolo caso per il quale realizza i progetti di intervento individuali attivati con le ore di servizio ad esso attribuite all'art. 11 del presente capitolato. L'amministrazione comunale pone a disposizione del Servizio l Operatore Sociale che collaborerà nella valutazione e la supervisione dell'andamento dello stesso mediante la verifica scritta della regolarità delle ore svolte dagli operatori e successivamente fatturate. L'Ufficio di Piano inoltre promuove la collaborazione di tutti i soggetti coinvolti e sostiene le iniziative collaterali soprattutto di intesa con il volontariato, mediante la sperimentazione di attività, suscettibili di modifiche in relazione alla tipologia dei bisogni espressi e rilevati e delle risorse di volta in volta disponibili, con la costituzione di un gruppo di lavoro L Ufficio di Piano cura i rapporti con il Direttore dell esecuzione del contratto, e provvede a trasmettere tutti i dati e le informazioni raccolte, al fine di consentire la verifica circa il regolare andamento del servizio, ai sensi dell art. 300 del D.P.R. 207/2010 L'operatore sociale di ciascun comune si occupa di: - Accogliere le richieste e le segnalazioni, verificare le situazioni - problema presentate, stabilire il primo rapporto con l utente, raccogliere dati e informazioni sui destinatari del servizio, effettuare la valutazione sul caso; valutare l opportunità dell'intervento, predisporre di concerto con gli operatori il progetto individualizzato, verificare la situazione reddituale dell utente al fine di stabilire l eventuale importo di contribuzione utenza da corrispondere. Tale progetto individualizzato dovrà contenere necessariamente gli obiettivi, le strategie per raggiungerli, i tempi di attuazione e di verifica, i compiti delle diverse figure professionali coinvolte (ASL, volontari, ecc) nel processo di aiuto; - Coordinamento e controllo degli interventi svolti dagli operatori per ciascun progetto in corso; - Verifica mensile del numero delle prestazioni orarie effettuate dagli operatori, attraverso la compilazione della scheda di monitoraggio del servizio, fornita dall'ufficio di Piano, che dovrà esser compilata da ciascun Pagina 5 di 5

6 operatore a titolo di verifica scritta della conformità del servizio eseguito, sia sul piano quantitativo (ore svolte/ore fatturate) che sul piano qualitativo (raggiungimento degli obiettivi, regolarità delle prestazioni). L'Aggiudicatario del Servizio opera con operatori qualificati (Educatori, Assistenti Domiciliari e dei Servizi Tutelari e Operatori Socio Sanitari, Operatori generici) per garantire e coordinare le prestazioni di assistenza domiciliare e scolastica previste dal presente Capitolato. L aggiudicatario ha come referente Tecnico per i singoli casi l'operatore sociale del Comune che ha in carico l'utente, collaborando alla realizzazione del Progetto individualizzato ad esso riferito. Si richiede inoltre all Aggiudicatario di individuare, tra gli operatori di cui l'aggiudicatario intende avvalersi per lo svolgimento del servizio, quello cui verrà affidato l'incarico di Coordinatore del Servizio di assistenza Domiciliare e Scolastica, senza alcun onere aggiuntivo per la stazione appaltante. Il Coordinatore garantisce funzionalità, adattabilità ed immediatezza degli interventi, curando i rapporti tra l'aggiudicatario ed i singoli operatori e tra questi e l'ufficio di Piano, partecipa agli incontri convocati dall'ufficio di Piano per la programmazione e calendarizzazione delle attività, assicura l'esatta esecuzione delle attività concordate tra operatore sociale e operatore, si occupa dell attivazione, delle modifiche dei servizi e di ogni altro aspetto legato all'andamento delle attività su ciascun comune. Gli educatori dovranno favorire l integrazione in ambito scolastico e garantire adeguati supporti volti a migliorare la comunicazione e il raggiungimento dell autonomia degli alunni affetti da disabilità. Gli operatori dovranno collaborare attivamente nella realizzazione degli interventi sia all'interno del contesto domiciliare che fuori. L'Ufficio di Piano, in quanto titolare della funzione di coordinamento del servizio dei nove Comuni del Distretto provvederà a convocare e coinvolgere gli operatori dei singoli Comuni, nonché il coordinatore del servizio per definire il calendario delle attività da svolgersi, nonché le modalità di realizzazione delle stesse. Il servizio sociale di ciascun Comune è referente per il coordinatore e gli operatori rispetto alle singole attività svolte sul proprio territorio. I singoli Comuni metteranno a disposizione dell'aggiudicatario le risorse in loro possesso per la realizzazione delle attività, finalizzate al raggiungimento dell'obiettivo del progetto. Il direttore dell'esecuzione del contratto provvede al coordinamento, alla direzione e al controllo tecnicocontabile dell'esecuzione del contratto; assicura la regolare esecuzione del contratto da parte dell'esecutore, verificando che le attività e le prestazioni contrattuali siano eseguite in conformità dei documenti contrattuali. A tale fine, il direttore dell'esecuzione del contratto svolge tutte le attività allo stesso espressamente demandate dal D. Lgs. 163/2006 e dal D.P.R. 207/2010, nonché tutte le attività che si rendano opportune per assicurare il perseguimento dei compiti assegnati. 8) PRESTAZIONI A CARICO DELL AGGIUDICATARIO Nell ambito della realizzazione del Servizio di Assistenza Domiciliare l Aggiudicatario dovrà realizzare, tramite i suoi operatori qualificati, interventi di assistenza di base consistenti in attività di aiuto alla persona nelle attività Pagina 6 di 6

7 quotidiane, ossia: - igiene personale assistita; - aiuto nella deambulazione e nella mobilizzazione; - preparazione e somministrazione pasti; - aiuto per il riordino della casa, pulizia ordinaria ed igiene degli ambienti, lavaggio e stiratura della biancheria; ove non esista la possibilità di svolgere quest ultima attività presso il domicilio dell utente, l operatore si avvarrà del servizio di lavanderia presso il Centro di Aggregazione Sociale; - accompagnamento presso strutture sanitarie e riabilitative; - accompagnamento per spese, disbrigo pratiche, partecipazione alla vita di relazione etc. - aiuto volto a favorire l'autosufficienza e a recuperare, ove possibile, l autonomia personale attraverso appropriate azioni di stimolo; - interventi finalizzati a mantenere e potenziare le capacità residue delle persone affette da patologie invalidanti, al fine di migliorare la qualità di vita nell ambito domestico e familiare, favorendo e supportando inoltre lo sviluppo dell'autonomia personale anche al fine del corretto inserimento dell'utente nelle strutture scolastiche, educative e della formazione professionale; - interventi a carattere ludico e ricreativo laddove questi rappresentino il tramite per il pieno sviluppo della capacità espressiva degli utenti in difficoltà; - collaborazione tra: operatori dell aggiudicatario, del Servizio Sociale comunale, dell'a.s.l. n 2 e delle istituzioni territoriali. Sono previsti incontri periodici tra gli organismi sopra indicati, al fine di concorrere alla messa a punto di piani d'intervento relativi a singoli utenti e a verificarne periodicamente i risultati; gli incontri potranno essere promossi sia dal Comune che dall aggiudicatario. Agli stessi, in rappresentanza dell aggiudicatario, dovrà essere presente il coordinatore del Servizio e qualora se ne manifesti la necessità, gli operatori. Gli incontri, per i quali non è stabilito alcun compenso aggiuntivo, sono previsti nella misura massima mensile di tre. In particolare nell'ambito dell'assistenza scolastica da svolgere presso il Comune di Tempio Pausania, in base a quanto previsto dalla Legge 104 del , art. 13, comma 2, ossia per gli alunni con handicap grave, come definiti dalla circolare del M.I.U.R. del , n. 3390, l'aggiudicatario dovrà realizzare, tramite i suoi operatori qualificati, interventi finalizzati all'integrazione sociale con lo scopo di favorire e supportare lo sviluppo dell'autonomia personale anche al fine del corretto inserimento dell'utente nelle strutture scolastiche. Si ribadisce che nelle prestazioni dell'assistenza specialistica rientrano, pertanto, i seguenti interventi: - aiuto volto a favorire l'autosufficienza e a recuperare, ove possibile, l autonomia personale attraverso appropriate azioni di stimolo; - interventi finalizzati a mantenere e potenziare le capacità residue delle persone affette da patologie invalidanti, al fine di migliorare la qualità di vita nell ambito scolastico; - interventi a carattere ludico e ricreativo laddove questi rappresentino il tramite per il pieno sviluppo della Pagina 7 di 7

8 capacità espressiva e dell'integrazione sociale e scolastica degli utenti in difficoltà; - collaborazione tra: operatori dell aggiudicatario, del Servizio Sociale comunale, dell'a.s.l. n 2 e delle istituzioni scolastiche. Sono previsti incontri periodici tra gli organismi sopra indicati, al fine di concorrere alla messa a punto di piani d'intervento relativi a singoli utenti e a verificarne periodicamente i risultati; gli incontri potranno essere promossi sia dal Comune che dall aggiudicatario. Agli stessi, in rappresentanza dell aggiudicatario, dovrà essere presente il coordinatore del Servizio e qualora se ne manifesti la necessità, gli operatori. Gli incontri, per i quali non è stabilito alcun compenso aggiuntivo, sono previsti nella misura massima mensile di tre. 9) MATERIALE IN DOTAZIONE DELL AGGIUDICATARIO L aggiudicatario s'impegna a dotarsi di : a) articoli igienico - sanitari necessari per il servizio (cassetta di pronto soccorso, camici e guanti per gli operatori, etc..); b) mezzi propri di trasporto per raggiungere gli utenti che non siano raggiungibili altrimenti. c) recapito telefonico con operatore addetto a raccogliere i messaggi del Servizio Sociale almeno durante l'orario di apertura degli Uffici comunali; in altri orari dev'essere attivo un fax per le comunicazioni urgenti o straordinarie. d) quant altro necessario al regolare e puntuale svolgimento del servizio. 10) PERSONALE E PRESTAZIONI Il Servizio di Assistenza Domiciliare e Scolastica è svolto a livello distrettuale da un numero adeguato di operatori tale da garantire l ottimale e puntuale effettuazione del servizio, comunque in numero non inferiore a 28 unità. Il servizio previsto, complessivamente inteso, comporta per l aggiudicatario l'utilizzo di un organico secondo l articolazione riportata all art. 11 del presente capitolato. Almeno il 70% degli operatori devono essere muniti di patente di guida. Tutti gli operatori devono essere muniti di telefono cellulare. Le figure professionali da impiegarsi per la complessiva gestione del servizio sono le seguenti: EDUCATORE PROFESSIONALE (prestazioni e requisiti di ammissione): Nell'ambito del Servizio di Assistenza Scolastica e Attività di Supporto al Servizio di Istruzione per Alunni con Disabilità, da svolgere solo presso il Comune di Tempio Pausania, in base a quanto previsto dalla Legge 104 del , art. 13, comma 2, ossia per gli alunni con handicap grave, come definiti dalla circolare del M.I.U.R. del , n. 3390, l'aggiudicatario dovrà realizzare, tramite i suoi operatori qualificati, interventi finalizzati all'integrazione sociale con lo scopo di favorire e supportare lo sviluppo dell'autonomia personale anche al fine del corretto inserimento dell'utente nelle strutture scolastiche. Si richiede per l esercizio del ruolo di educatore professionale, il possesso di almeno uno dei seguenti titoli ed esperienza lavorativa: a. Ai sensi della Legge Regionale n. 7 del 21/04/2005, art. 13, comma 11, in attesa che si attivi il piano di Pagina 8 di 8

9 riqualificazione professionale, vengono inclusi tra gli operatori che possono svolgere le mansioni di educatore, oltre ai possessori della Laurea in Scienze dell Educazione ad indirizzo Educatore Professionale o di idonee qualifiche riconosciute ai sensi della Delibera di Giunta Regionale n. 55/68 del 29/12/2000, anche coloro che non sono in possesso dei requisiti richiesti dall'articolo 6 del decreto del Presidente della Giunta regionale n. 145 del 1990, ossia educatori di ruolo e non di ruolo in possesso di diploma di scuola media superiore anche ad indirizzo non educativo che hanno maturato, alla data di entrata in vigore della suddetta legge, almeno cinque anni di esperienza lavorativa nei servizi territoriali socio-assistenziali e/o sanitari pubblici e privati nello svolgimento delle funzioni di educatore nei settori sociale e sanitario; b. Qualifica post diploma di Educatore professionale, riconosciuto dallo stato o dalla Regione; c. Laurea triennale in scienze delle professioni educative di base ad indirizzo educatore professionale; d. Laurea triennale in scienze delle professioni educative più biennio di laurea specialistica; e. Laurea quadriennale in Scienze dell'educazione o in Pedagogia; Gli educatori professionali adibiti al Servizio di Assistenza Scolastica e per le Attività di Supporto Organizzativo del Servizio di Istruzione per gli Alunni con Disabilità devono possedere un esperienza professionale di almeno 1 anno, (oltre il requisito richiesto per il riconoscimento del titolo di cui al presente articolo) anche non continuativo, in qualità di educatore nei servizi socio-educativi per minori e giovani. Sono previsti per le attività succitate in totale n 5 educatori. a) Assistente domiciliare (prestazioni e requisiti di ammissione): L Operatore qualificato (ADEST e OSS) effettua prestazioni di aiuto alla persona: aiuto nella deambulazione e mobilizzazione; igiene personale; preparazione e somministrazione dei pasti; accompagnamento presso strutture pubbliche e/o sanitarie; accompagnamento per acquisti di generi di necessità e per la partecipazione alla vita di relazione; compagnia; disbrigo di piccole commissioni e adempimenti amministrativi per conto dell utente (es. pratiche di esenzione ticket, pagamento utenze, pratiche per l ottenimento di ausili sanitari etc). Ai sensi della vigente normativa, l operatore deve essere in possesso di almeno uno dei seguenti titoli specialistici: a) Qualifica di Assistente Domiciliare e dei Servizi Tutelari, riconosciuta dallo stato o dalla Regione (ai sensi dell art. 15 del D.P.G.R. n. 12/89 e s.m.i., per gli Assistenti Domiciliari e dei servizi tutelari è richiesto il possesso di apposita qualifica rilasciata da un Ente di formazione riconosciuto dalla Regione o dallo Stato); b) Qualifica di Operatore Socio Sanitario riconosciuta dallo stato o dalla Regione; Gli operatori (ADEST e OSS) devono, inoltre, possedere un esperienza professionale di almeno un anno, (oltre il titolo specialistico di cui al presente articolo) anche non continuativo, in qualità di operatore con la qualifica di Assistente Domiciliare e dei Servizi Tutelari, riconosciuto dallo stato o dalla Regione o di Operatore Socio Sanitario. Sono previsti per le attività in parola almeno 11 Assistenti Domiciliari. b) Ausiliari (Assistenti generici) (prestazioni e requisiti di ammissione): Provvedono alla pulizia ed igiene degli ambienti; lavaggio e stiratura della biancheria, commissioni varie. Gli operatori ausiliari devono essere in possesso di almeno 1 anno di esperienza, anche non continuativa Pagina 9 di 9

10 maturato, in servizi analoghi a quello oggetto dell appalto. Sono previsti per le attività in parola almeno 12 Assistenti Generici. Il Coordinatore dovrà svolgere funzioni di programmazione, organizzazione, coordinamento e verifica del Servizio Assistenza Domiciliare a livello distrettuale e del Servizio Assistenza Scolastica per il solo Comune di Tempio Pausania, facendo riferimento all Ufficio di Piano. Il Coordinatore dovrà possedere i requisiti richiesti per il per il Servizio di Assistenza Scolastica e per le Attività di Supporto Organizzativo del Servizio di Istruzione per gli Alunni con Disabilità (Educatore Professionale). Con riferimento al singolo comune il coordinatore sarà il referente dell aggiudicatario per i singoli casi, svolgerà la sua attività di coordinamento anche mediante incontri periodici, promossi sia dal Comune che dall aggiudicatario del servizio, ai quali potranno essere chiamati a partecipare, oltre al coordinatore anche, uno o più operatori interessati al caso. Il coordinatore partecipa agli incontri convocati dall'ufficio di Piano per la programmazione e calendarizzazione delle attività, esprimendo le proposte raccolte dai singoli operatori nel loro rapporto con gli utenti. Sarà il referente dell aggiudicatario per le attività da effettuarsi su ciascun comune. Viene richiesto al coordinatore di svolgere funzioni di: coordinamento delle figure professionali previste nel ; raccordo con il Servizio Sociale Comunale sia per la casistica sociale inserita nelle attività, sia per gli aspetti gestionali; Il referente dovrà: comunicare al Servizio Sociale gli Operatori di riferimento per le varie attività relative alle diverse aree di utenza, elaborare semestralmente una relazione tecnica sull andamento della gestione del servizio, essa avrà lo scopo di consentire la valutazione in merito all efficacia ed efficienza del servizio con riferimento ai risultati raggiunti. a conclusione del periodo di affido, predisporre e consegnare una relazione sull andamento delle singole attività che comprenda spunti operativi per la pianificazioni di ulteriori interventi o la modifica parziale di quanto posto in essere con proposte anche in parte costruite con l utenza dei servizi. La relazione conclusiva dovrà, quindi, contenere: analisi dei servizi con problematiche rilevate; eventuale osservazione di particolari criticità riscontrate su singoli utenti; proposte operative anche concertate con l utenza. Ai fini della partecipazione alla gara, i concorrenti dovranno presentare apposita dichiarazione, da rendere con le modalità di cui all art. 3 del disciplinare, da cui risulti la disponibilità delle figure professionali richieste per l espletamento del servizio ed il possesso da parte delle stesse dei requisiti minimi di accesso previsti dal presente articolo. Pagina 10 di 10

11 Il concorrente è tenuto a produrre, a pena di esclusione, in sede di presentazione dell offerta, all interno del plico principale a corredo della documentazione di gara, con le modalità di cui all art. 3 punto 3.1 del disciplinare, l elenco del personale, redatto in forma anonima, del quale intende avvalersi per lo svolgimento del servizio, indicando per ciascuno di essi: - il possesso del titolo di studio e/o qualifica professionale posseduta; - iscrizione all albo professionale ove richiesto; - l esperienza lavorativa maturata con indicazione per ciascuno della tipologia di datore di lavoro, - tipologia di servizio svolto, durata dell'incarico; - il servizio al quale verranno destinati; Secondo lo schema di seguito indicato: IDENTIFICATIVO DELL OPERATORE: (es. operatore A B-C oppure ) TITOLO DI STUDIO (Es. Qualifica di Operatore Socio Sanitario ecc.) ESPERIENZA TIPOLOGIA SERVIZIO: DATA DI INIZIO DATA DI COMPUTO PROFESSIONALE: (es. assistenza CONCLUSIONE MESI/ANNI (Indicare natura del soggetto domiciliare, comunità committente e il numero alloggio,...) progressivo di esperienze a partire dalla più recente) 1) es. comune Es. servizio assistenza domiciliare territoriale Es Es TOT. 10 mesi 2) es. privato Es. comunità alloggio Es Es TOT. 1 anno TOT. Non rientrano nel computo delle esperienze quelle che danno accesso al titolo e quelle relative al primo anno dalla maturazione del titolo in quanto requisiti richiesti per l ammissione (Es: Operatore X con diploma di scuola secondaria che ha maturato complessivi 8 anni di esperienza. Dovranno essere dichiarati solo 2 anni di esperienza: in quanto 5 anni sono necessari al riconoscimento del titolo - solo se maturati prima dell entrata in vigore della L.R. 14 aprile 2007, n. 7, finanziaria e 1 anno è l ulteriore requisito di ammissione dell operatore). L Aggiudicatario sarà tenuto ad impiegare, per l effettuazione del servizio, personale del quale dovrà dimostrare il possesso della medesima professionalità proposta in sede di gara (titolo di studio e esperienza lavorativa). Pagina 11 di 11

12 A tal fine l'aggiudicatario dovrà presentare, prima della stipula del contratto, l elenco nominativo completo del personale utilizzato per l espletamento del servizio, (ivi compreso il coordinatore del servizio stesso) per il quale dovrà essere dimostrata attraverso il curriculum professionale, il possesso della medesima professionalità (titolo di studio tra quelli previsti al presente articolo e esperienza lavorativa) di quella proposta in sede di gara. Trovano applicazione le norme del vigente C.C.N.L. delle cooperative del settore socio-assistenziale in materia di cambi di gestione, previste al fine di garantire la continuità e le condizioni di lavoro acquisite dal personale, precisando che l eventuale personale che verrà assorbito, nei limiti del contratto che verrà stipulato in base alla presente gara, dovrà essere in possesso dei requisiti previsti dal presente capitolato. Nel caso in cui per necessità di servizio l aggiudicatario (senza oneri aggiuntivi per la stazione appaltante) volesse impiegare un numero di operatori maggiore di quello minimo previsto nel presente capitolato, questi ultimi dovranno essere tassativamente in possesso dei requisiti di ammissione indicati nel presente capitolato. Nell impiego del personale e predisposizione del servizio deve essere valutata, organizzata e coordinata la mobilità degli operatori negli spostamenti, considerando il possibile accompagnamento degli utenti, qualora previsto nel progetto individuale. L aggiudicatario s'impegna ad espletare il Servizio di Assistenza Domiciliare e Scolastica mediante prestazioni, per ogni utente, di durata massima di quattro ore giornaliere; in casi particolari, su richiesta del Servizio Sociale, dovranno essere effettuate prestazioni oltre le quattro ore e fino ad un massimo di otto ore giornaliere, anche per l'intero arco della settimana. L'orario delle prestazioni concordato tra il Servizio Sociale del Comune di riferimento e l utente o chi lo rappresenta, sarà preventivamente comunicato al soggetto aggiudicatario. L aggiudicatario s'impegna a garantire personale qualificato rispetto alla specificità dell'utenza. Nei casi di necessità l aggiudicatario potrà operare sostituzioni degli operatori impiegati, rimanendo fermo l'obbligo della preventiva motivata comunicazione al Servizio Sociale del Comune di riferimento, sempre che dette sostituzioni avvengano con operatori di pari professionalità ed esperienza opportunamente documentata. 11) ARTICOLAZIONE DEL SERVIZIO Il Servizio oggetto dell appalto avrà durata di 24 mesi con decorrenza dalla data di stipula del contratto (o consegna del servizio). L'importo stimato del servizio è pari a complessivi ,57 Iva inclusa, di cui: ,89 complessivi destinati a coprire le spese per il personale impiegato nello svolgimento del servizio; ,68 Iva inclusa a copertura delle spese di gestione; Nell'ambito delle spese per il personale il costo orario di riferimento degli operatori, come previsto dalle proiezioni CCNL per le cooperative sociali a partire dal mese di Dicembre 2009, è il seguente per ciascuna tipologia di operatore previsto nel presente capitolato per lo svolgimento del servizio complessivamente inteso: OPERATORE COSTO ORARIO CCNL DICEMBRE 09 Educatore 20,57 Pagina 12 di 12

13 Assistente Domiciliare 18,27 Operatore generico 15,85 L'aggiudicatario dovrà pertanto garantire, nel corso delle due annualità, un monte ore complessivo di , distribuite sui nove Comuni secondo la seguente ripartizione: riparto ore COMUNE EDUCATORE OPERATORE GENERICO ASSISTENTE DOMICILIARE AGGIUS AGLIENTU BADESI BORTIGIADAS CALANGIANUS LUOGOSANTO LURAS TEMPIO TRINITA' TOTALE Riparto Fondi PLUS COMUNE totale somme per personale totale somme per operatore generico totale somme per assistenza qualificata totale somme per spese di gestione AGGIUS , , ,53 545,81 AGLIENTU , , ,82 484,29 BADESI , ,24-580,45 BORTIGIADAS , ,83-431,92 CALANGIANUS , ,06-935,16 LUOGOSANTO , , ,55 582,95 Pagina 13 di 13

14 LURAS , , ,30 692,82 TEMPIO , , , ,11 TRINITA' , , ,87 618,28 TOTALE , , , ,78 Totale generale ,00 Riparto Fondi per il Comune di Tempio Pausania (F.do Unico + Delibera di G.R. n. 34/16del 18/10/2010) totale somme per personale totale somme per assistenza scolastica totale somme per operatore generico totale somme per assistenza qualificata totale somme per spese di gestione , , , , , , , , , , , ,90 totale generale ,57 12) ARTICOLAZIONE TERRITORIALE DEL SERVIZIO Il Servizio di Assistenza Domiciliare e Scolastica dovrà essere articolato secondo la seguente suddivisione territoriale: SUDDIVISIONE TERRITORIALE OPERATORI COMUNE EDUCATORE OPERATORE GENERICO ASSISTENTE DOMICILIARE AGGIUS 1 1 AGLIENTU 1 1 BADESI 1 0 BORTIGIADAS 1 0 CALANGIANUS 1 0 LUOGOSANTO 1 1 LURAS 1 1 Pagina 14 di 14

15 TEMPIO TRINITA' 1 1 TOTALE *Numero minimo di operatori da adibire al servizio. Eventuale personale aggiuntivo non dovrà comportare oneri ulteriori per la stazione appaltante. 13) SPESE DI GESTIONE Le spese di gestione (soggette a ribasso) per l effettuazione del servizio di Assistenza domiciliare e scolastica sono stimate complessivamente in ,62 IVA esclusa (+4%, se dovuta). Per il Servizio di Assistenza Domiciliare e Scolastica sono considerate ammissibili ai fini del rimborso le seguenti spese di gestione: - rimborsi per i servizi di accompagnamento svolto dagli operatori, mediante mezzo privato e pubblico. - articoli igienico - sanitari necessari per il servizio (cassetta di pronto soccorso, camici e guanti per gli operatori, etc...); - recapito telefonico con operatore addetto a raccogliere i messaggi del Servizio Sociale almeno durante l'orario di apertura degli Uffici comunali; attivazione fax per le comunicazioni urgenti o straordinarie; - altre attività/articoli strettamente propedeutici e strumentali allo svolgimento del servizio. Nell ambito del Servizio di Assistenza Scolastica, rientrano nelle spese di gestione, oltre a quelle precedentemente indicate, anche gli acquisti di materiale didattico e/o supporti vari, (purchè documentabili) che si dimostrino strumentali alla realizzazione delle attività. 14) DURATA DEL CONTRATTO E AVVIO DEL SERVIZIO Il Servizio avrà inizio dalla data di stipulazione del contratto e per la durata di 24 mesi. L'aggiudicatario si impegna ad avviare il servizio alla data indicata dalla stazione appaltante anche nel caso in cui tale data sia antecedente a quella fissata per la stipulazione del contratto. 15) CRITERI DI VALUTAZIONE DELL OFFERTA L'offerta migliore è determinata al netto delle spese relative al costo del personale (Rif. CCNL Dicembre 2009) e delle misure di adempimento delle disposizioni in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. L aggiudicazione verrà effettuata in favore dell offerta economicamente più vantaggiosa, ai sensi degli artt. 17 e 18 della L. R n. 5, determinata sulla base degli elementi di seguito identificati: Punteggio totale disponibile: 100, come indicato all art. 120 comma 1 del D.P.R. 207/2010 di cui: A. Offerta Tecnica (punti da 0 a 70) B. Offerta economica (punti da 0 a 30) OFFERTA TECNICA: MAX PUNTI 70 concerne la componente tecnico- progettuale il punteggio massimo attribuibile di 70/100 Pagina 15 di 15

16 Il concorrente è tenuto a presentare un sintetico elaborato progettuale, nel quale si evidenzino le peculiarità del Servizio di Assistenza Domiciliare e Scolastica, sulla base degli elementi indicati nel seguente prospetto, formulato utilizzando fogli formato A4, carattere normale Arial 11, interlinea singola, margine superiore, inferiore, sinistro e destro cm. 2,5 per un massimo di 20 facciate. Eventuali cartelle aggiuntive non saranno considerate ai fini dell'attribuzione del punteggio. Il progetto dovrà contenere tutti gli elementi necessari all'attribuzione dei punteggi come di seguito indicato: 1. Progetto: max 70 punti Per l attribuzione dei 70 punti disponibili si terrà conto: Elementi valutabili A) Conoscenza degli specifici problemi del territorio del Distretto, con particolare riferimento alla tipologia dell utenza cui si rivolge il servizio; conoscenza della rete dei servizi presenti e dell Ambito territoriale - sociale del Distretto, da dimostrarsi anche mediante l'analisi dei servizi garantiti e ritenuti prioritari nel territorio distrettuale. Conoscenza delle problematiche specifiche rilevate in ambito scolastico per l integrazione dei minori con disabilità B) Individuazione delle risorse formali ed informali del territorio di riferimento, con la specificazione delle forme e delle modalità di collaborazione, di integrazione e di messa in rete, che si possono attivare con le stesse per il raggiungimento degli obiettivi del servizio. Individuazione delle risorse formali e informali del territorio con la specificazione, mediante documentati accordi da allegare al progetto, delle forme e modalità di collaborazione, di integrazione e messa in rete che si intendono attivare con le stesse per il raggiungimento degli obiettivi del servizio e migliorarne la qualità complessiva. Nello specifico le risorse formali e informali dovranno sottoscrivere una dichiarazione di impegno contenente la quantificazione in termini di disponibilità oraria/n persone da destinarsi al progetto. Le prestazioni svolte dai soggetti in parola dovranno integrare e non sostituire l'aggiudicatario nei compiti previsti dal presente capitolato. c) Metodologia di lavoro, metodologia di analisi dei bisogni degli utenti, assetto organizzativo e strumenti e/o supporti che si intendono utilizzare per l'esecuzione delle prestazioni ed il raggiungimento degli obiettivi del servizio; Attività di controllo e verifica del servizio erogato, anche con riguardo all identificazione di indicatori e strumenti di valutazione rispetto al raggiungimento degli obiettivi di efficacia e di efficienza e grado di soddisfazione degli utenti (customer s satisfaction) finalizzati al miglioramento continuo del servizio (trasmissione periodica di report, statistiche, indicatori di gradimento di qualità del servizio da parte dell utente). Punti Punteggio A Max 25 Mediocre: 6 punti Sufficiente: 13 punti Buono: 19 punti Ottimo: 25 punti Punteggio B Max 20 Mediocre: 5 punti Sufficiente: 10 punti Buono: 15 punti Ottimo: 20 punti Punteggio C Max 17 Mediocre: 5 punti Sufficiente: 9 punti Buono: 13 punti Ottimo: 17 punti Pagina 16 di 16

17 D) formazione prodotta direttamente o all'esterno della Ditta partecipante. Punteggio D) Max 8 Mediocre: 2 punti Sufficiente: 4 punti Buono: 6 punti Ottimo: 8 punti L individuazione dell offerta economicamente più vantaggiosa sarà effettuata sulla base dell attribuzione dei punteggi dei criteri e sub criteri sopra esplicitati, ai sensi dell art. 120 del D.P.R. 207/2010 e, di seguito, utilizzando il metodo di cui al punto II) dell allegato P al D.P.R. 207/2010, che prevede l applicazione della seguente formula, in considerazione della media dei coefficienti attribuiti discrezionalmente dai singoli commissari: C(a) = n [ Wi * V(a) i ] dove: C(a) = indice di valutazione dell offerta (a); n = numero totale dei requisiti; Wi = peso o punteggio attribuito al requisito (i); V(a)i = coefficiente della prestazione dell offerta (a) rispetto al requisito (i) variabile tra zero e uno; n = sommatoria. Una volta terminata la procedura di attribuzione discrezionale dei coefficienti, si procede a trasformare la media dei coefficienti attribuiti ad ogni offerta da parte di tutti i commissari in coefficienti definitivi, riportando ad uno la media più alta e proporzionando a tale media massima le medie provvisorie prima calcolate. OFFERTA ECONOMICA: MAX PUNTI 30 Per l'attribuzione del punteggio per l offerta economica sarà utilizzata la seguente formula: X = P x C PO dove: X = punteggio da attribuire al concorrente P = Prezzo più basso C = punteggio massimo PO = prezzo offerto Pagina 17 di 17

18 Sulla base dei punteggi così attribuiti sarà applicato il criterio di cui all allegato P del D.P.R. 207/2010, esplicitato nella seguente formula: Ci (per Ai <= Asoglia) = X*Ai / Asoglia Ci (per Ai > Asoglia) = X + (1,00 - X)*[(Ai - Asoglia) / (Amax - Asoglia)] Dove: Ci = coefficiente attribuito al concorrente iesimo Ai = valore dell offerta (ribasso) del concorrente iesimo Asoglia = media aritmetica dei valori delle offerte (ribasso sul prezzo) dei concorrenti X = 0,80 (Amax = valore dell offerta (ribasso) più conveniente) L aggiudicazione sarà effettuata a favore del concorrente che otterrà il valore numerico più alto ottenuto sommando il valore scaturito dall applicazione delle 2 formule di comparazione previste nel citato allegato P. Al termine delle operazioni di gara sarà predisposta apposita graduatoria. 16) COMPITI DELL'AGGIUDICATARIO L'aggiudicatario sulla base del progetto presentato in sede di offerta, si impegna a svolgere le prestazioni del presente Capitolato, mediante idonea organizzazione e con proprio personale, in possesso dei requisiti professionali e tecnici adeguati alle necessità del servizio, e in ottemperanza al disposto dell art. 10 del presente capitolato. A tal fine l'aggiudicatario dovrà presentare, entro i termini assegnati dalla stazione appaltante e comunque prima della stipula del contratto, l elenco completo del personale utilizzato per l espletamento del servizio, (ivi compreso il coordinatore del servizio stesso). L Aggiudicatario provvederà, inoltre, a depositare anche il curriculum professionale di ciascuno degli operatori impiegati nel servizio onde dimostrare il possesso da parte degli stessi della professionalità (titolo di studio e esperienza lavorativa) richiesta per la partecipazione alla gara. Nel caso in cui per necessità di servizio l aggiudicatario (con i medesimi importi con i quali si è aggiudicato l appalto) volesse impiegare un numero di operatori maggiore di quello minimo previsto nel presente capitolato, questi ultimi dovranno essere tassativamente in possesso dei requisiti di ammissione indicati all art. 10 del presente capitolato. Trovano applicazione le norme del vigente C.C.N.L. delle cooperative del settore socio-assistenziale in materia di cambi di gestione, previste al fine di garantire la continuità e le condizioni di lavoro acquisite dal personale, precisando che l eventuale personale che verrà assorbito, nei limiti del contratto che verrà stipulato in base alla presente gara, devono essere in possesso dei requisiti previsti dal presente capitolato. Qualora l Aggiudicatario debba procedere alla sostituzione di uno o più operatori impegnati nello svolgimento del servizio, sia temporaneamente o in via definitiva, dovrà darne comunicazione alla Stazione appaltante con un preavviso di 05 giorni, impegnandosi a reintegrare il personale necessario al Servizio con altri soci e/o personale Pagina 18 di 18

19 dipendente regolarmente assunto ed in possesso dei requisiti e della professionalità richiesti nel presente capitolato. L'aggiudicatario del servizio collabora con gli operatori per garantire e coordinare le prestazioni di assistenza domiciliare e scolastica previste dal presente capitolato; ha come referente tecnico per i singoli casi l'operatore sociale del Comune che ha in carico l'utente, collaborando alla realizzazione del progetto individuale ad esso riferito. L'aggiudicatario è tenuto a predisporre una scheda di rilevazione giornaliera delle ore prestate da ciascun operatore per ciascun caso preso in carico, tale scheda costituisce la base per il calcolo del corrispettivo mensile dovuto. Entro il giorno 10 del mese successivo a quello in cui è avvenuta la prestazione, (se festivo la scadenza è prorogata al primo giorno feriale utile) la scheda dovrà essere sottoposta alla verifica dell'operatore sociale di ciascun comune del distretto. Nell esecuzione dei servizi di assistenza scolastica e domiciliare l Aggiudicatario dovrà curare la registrazione delle prestazioni orarie effettuate. In particolare: - gli operatori dell aggiudicatario, all'inizio di ogni mese, depositeranno presso il domicilio (per l assistenza scolastica deve essere depositato negli spazi messi a disposizione all'interno dell'aula) di ogni utente duplice scheda per la rilevazione delle prestazioni orarie effettuate nell'arco del mese; - le schede verranno giornalmente firmate dall'utente e dall operatore che ha reso la prestazione a conferma dell'orario e della data in cui la stessa è stata effettuata. Qualora l'utente non possa firmare, alla firma dovrà comunque provvedervi altra persona a lui vicina (es. coniuge, familiare o altra persona convivente, ecc.) ed il genitore esercente la potestà per i minori che usufruiscono dell'assistenza scolastica. - le schede dovranno essere compilate con il massimo ordine e non dovranno presentare cancellazioni. Eventuali correzioni dovranno essere leggibili e controfirmate da entrambe le parti; - l amministrazione si riserva la facoltà di verificare, a campione, durante il mese la regolarità della tenuta delle schede; - alla fine di ogni mese una delle due schede verrà consegnata al Responsabile comunale del Servizio per il controllo e conteggio delle prestazioni orarie effettuate dalla totalità degli operatori impegnati nel servizio e l altra rimarrà all utente; - le schede firmate solo dagli operatori dell aggiudicatario o incomplete nella registrazione giornaliera e/o oraria (es.: mancanza della data o dell'orario di entrata e/o di uscita) o recanti cancellazioni o correzioni non leggibili non saranno conteggiate al fine del relativo compenso. L aggiudicatario è obbligato a stipulare a favore degli assistiti idonea assicurazione per danni da responsabilità civile ai sensi dell'art del c.c.. L'Amministrazione comunale è esonerata da ogni e qualsiasi responsabilità eventuale e conseguente all'attività espletata in conseguenza dell'incarico di cui trattasi; L aggiudicatario è tenuto a far osservare scrupolosamente al proprio personale le norme antinfortunistiche. Pagina 19 di 19

20 L aggiudicatario è tenuto al rispetto, nei confronti del proprio personale dei vigenti contratti di lavoro relativamente al trattamento retributivo, normativo, previdenziale e assicurativo. Tutti gli obblighi e gli oneri assicurativi, previdenziali e assistenziali sono a carico del soggetto affidatario con esclusione di qualsiasi rivalsa nei confronti del Comune di Tempio Pausania. Ai sensi dell art. 5 del D.P.R. 207/2010 è previsto l intervento sostitutivo della stazione appaltante in caso di inadempienza retributiva dell esecutore. Si specifica che, in caso di ritardo nel pagamento delle retribuzioni dovute al personale dipendente dell esecutore, impiegato nell esecuzione del contratto, si procederà, mediante invito scritto da parte del responsabile del procedimento, ad invitare il soggetto inadempiente a regolarizzare la propria posizione entro i successivi quindici giorni. In caso di infruttuosa decorrenza del termine, ove non sia stata contestata formalmente e motivatamente la fondatezza della richiesta entro il termine di cui sopra, la stazione appaltante provvederà al pagamento, anche in corso d opera e direttamente ai lavoratori, delle retribuzioni arretrate, detraendo il relativo importo dalle somme dovute dall esecutore del contratto. 17) COPERTURA DEL SERVIZIO E ALTRI OBBLIGHI L Aggiudicatario si impegna a fornire il personale previsto per tutta la durata dell appalto, sulla base delle disposizioni previste all articolo precedente anche per quanto riguarda la sostituzione degli operatori. L aggiudicatario dovrà garantire l immediata sostituzione dei propri operatori assenti per qualsiasi motivo, nonché di quelli che, a giudizio insindacabile dell Amministrazione comunale, dovessero risultare inidonei allo svolgimento del Servizio, per negligenza operativa, imperizia ed inosservanza del piano d intervento che é vincolante per il gruppo di lavoro. L aggiudicatario dovrà svolgere il servizio con impegno, serietà, professionalità e riservatezza. L'Aggiudicatario ed il personale che svolge gli interventi inerenti il presente servizio, hanno, altresì, l obbligo di rispettare scrupolosamente il segreto su fatti e circostanze riguardanti il servizio e gli utenti destinatari, garantendo l assoluta riservatezza verso l esterno sull utenza e tutto quanto concerne l espletamento delle stesse prestazioni; restando, in questo modo vincolati al segreto professionale ai sensi dell art. 622 del codice penale e art. 329 del c.p.p. 18) ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA DEL PERSONALE L esercizio delle attività di cui al presente disciplinare e l impiego dei mezzi e del personale devono essere in regola con tutte le prescrizioni di legge al riguardo quali, ad esempio, quelle concernenti i contratti di lavoro, le assicurazioni, etc. L aggiudicatario provvederà a sottoscrivere polizza assicurativa per la stessa e per il personale impiegato, per eventuale responsabilità civile verso terzi e danni, esonerando espressamente il Comune da qualsiasi responsabilità per danni o sinistri anche in itinere, che dovessero verificarsi nell espletamento del servizio oggetto dell appalto. Copia conforme delle polizze sottoscritte (responsabilità civile verso terzi e prestatori d opera e infortuni) saranno fornite dall Aggiudicatario almeno 10 giorni prima dell avvio del servizio, al Comune capofila. Sarà in ogni caso obbligo dell Aggiudicatario adottare, nell esecuzione del servizio, tutti i provvedimenti e le cautele necessarie per garantire l incolumità delle persone addette al servizio e Pagina 20 di 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO COMUN DE ANPEZO

COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO COMUN DE ANPEZO R E G I O N E V E N E T O R E J O N V E N E T O P R O V I N C I A D I B E L L U N O P R O V I N Z I A D E B E L U N COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO COMUN DE ANPEZO CAP 32043 Corso Italia, 33 Tel. 0436 4291

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA.

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. CIG: 5066492974 Quesito 1 Domanda: Nel Capitolato Tecnico

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Oggetto: procedura aperta indetta ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. per l'affidamento del servizio di pulizia della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven,

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015 U.O.S.D. FORMAZIONE EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE Scadenza 15 DICEMBRE 2014 AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale

Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale Da riportare su carta intestata Mod. 1 sez A Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ALBO DEGLI ENTI DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO 14 PER

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il SCHEMA DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE Spett.le COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE Ufficio Lavori Pubblici Piazza 28 ottobre 1918, n. 1 31025 Santa Lucia di Piave (TV) comune.santaluciadipiave.tv@pecveneto.it.

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA, SORVEGLIANZA E PULIZIA, NELLE SCUOLE DELL INFANZIA PARITARIE COMUNALI TRUZZI E G. RODARI DI GENZANO DI ROMA ANNI SCOLASTICI 2012/2013-2013/2014-2014/2015,

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA Oggetto: Affidamento, mediante appalto integrato e con procedura aperta, degli interventi per la Valorizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

Comune di Isola del Liri

Comune di Isola del Liri SERVIZIO 1 - SEGRETERIA DEL SINDACO U.R.P. AFFARI GENERALI E PERSONALE AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO, AI SENSI DELL ART. 110, COMMA 1, DEL D. LGS. 267/2000, DI N. 1

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI OPERATORE TECNICO - CAT B PER I

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI OPERATORE TECNICO - CAT B PER I AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE SAN PAOLO MILANO - Via A. Di Rudinì, 8 U.O. Amministrazione risorse umane/pd BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI OPERATORE TECNICO - CAT B PER

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SPORTELLO SOCIALE PER MINORI E GIOVANI ADULTI A RISCHIO PENALE CON PROBLEMI DI TOSSICODIPENDENZA

AVVISO PUBBLICO SPORTELLO SOCIALE PER MINORI E GIOVANI ADULTI A RISCHIO PENALE CON PROBLEMI DI TOSSICODIPENDENZA AVVISO PUBBLICO E DISCIPLINARE DI GARA D APPALTO Affidamento di servizio di cui all allegato II B Art. 20 D. Lgs. 163/2006 e ss.mm.ii. Affidamento di n. 1 azione progettuale denominata Sportello sociale

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA AVVISO PUBBLICO PER UNA INDAGINE DI MERCATO FINALIZZATA ALL AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIREZIONE DELL ESECUZIONE DELL APPALTO PER LA FORNITURA, INSTALLAZIONE E MESSA IN OPERA DI UN SISTEMA DI RADIOCOMUNICAZIONI

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

BANDO DI GARA D'APPALTO. Economiche - Direzione per la gestione dei procedimenti connessi alle Entrate Extra-

BANDO DI GARA D'APPALTO. Economiche - Direzione per la gestione dei procedimenti connessi alle Entrate Extra- . ROMA CAPITALE BANDO DI GARA D'APPALTO SEZIONE I) AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale - Dipartimento Risorse Economiche - Direzione per la

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

COMUNE DI CAGLIARI PROCEDURA APERTA BANDO DI CONCORSO DI PROGETTAZIONE N. 23/2011 CIG. N. 2963254A8C

COMUNE DI CAGLIARI PROCEDURA APERTA BANDO DI CONCORSO DI PROGETTAZIONE N. 23/2011 CIG. N. 2963254A8C COMUNE DI CAGLIARI PROCEDURA APERTA BANDO DI CONCORSO DI PROGETTAZIONE N. 23/2011 CIG. N. 2963254A8C Il presente concorso è disciplinato dalla Direttiva 2004/18/CE. I.1) DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO

SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO Ufficio VI -Area amministrazione e gestione delle risorse finanziarie Corso Ferrucci n. 3 10138 Torino SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari Decreto Direttoriale n. 51 del 20.06.2011 SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO INDIVIDUALE CON CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA VISTA DEL

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Paragrafo 1a D ATI GENERALI (singoli professionisti) Cognome e nome Comune di nascita Comune di Residenza Codice Fiscale Data Indirizzo Partita IVA Titolo di Studio Iscritto all'ordine/collegio Provincia

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO 1 PUBBLICATO ALL ALBO DELL ASL 2 SAVONESE IL 08.01.2010 SCADE IL 28.01.2010 AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO In attuazione della deliberazione del Direttore Generale

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Guida sul part time personale di ruolo (trasformazione del contratto da tempo pieno a tempo parziale). Presentazione domande entro il 15 marzo

Guida sul part time personale di ruolo (trasformazione del contratto da tempo pieno a tempo parziale). Presentazione domande entro il 15 marzo Liceo Primo Levi _- S. Donato Milanese Guida sul part time personale di ruolo (trasformazione del contratto da tempo pieno a tempo parziale). Presentazione domande entro il 15 marzo Scade il 15 marzo la

Dettagli

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13 Con l Europa investiamo nel vostro futuro DIREZIONE DIDATTICA STATALE Circolo San Giovanni Bosco C.so Fornari, 68-70056 - MOLFETTA (Ba) Tel 080809 Fax 0808070 Codice Fiscale N 80047079 Distretto n. 6 Molfetta

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

GUIDA SUL PART TIME. Requisiti e modalità per inoltrare la domanda

GUIDA SUL PART TIME. Requisiti e modalità per inoltrare la domanda GUIDA SUL PART TIME Il termine per la presentazione della domanda per la richiesta di part time è generalmente fissata al 15 marzo di ogni anno. I docenti interessati devono inoltrare la domanda, per il

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

AVVALIMENTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL SOGGETTO AUSILIATO. ALL AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M. Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85

AVVALIMENTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL SOGGETTO AUSILIATO. ALL AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M. Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 MOD. 2 - Busta A AVVALIMENTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL SOGGETTO AUSILIATO ALL AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M. Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli