CAT. 25 CPV Lotto CIG A - CUP C61F

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAT. 25 CPV 85312400 3 Lotto CIG 349517125A - CUP C61F10000280002"

Transcript

1 COMUNE DI TEMPIO PAUSANIA (PROV. OLBIA - TEMPIO) SETTORE DEI SERVIZI ALLA PERSONA ED ALLE IMPRESE PIANO UNITARIO SERVIZI ALLA PERSONA (PLUS 2010/2012) AGGIORNAMENTO ANNO 2011 CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E SCOLASTICA NEI COMUNI DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO DI TEMPIO PAUSANIA CAT. 25 CPV Lotto CIG A - CUP C61F Il Piano Locale Unitario dei Servizi alla Persona (PLUS) anni del Distretto di Tempio Pausania approvato con delibera di C.C. n 47 del e conseguente aggiornamento anno 2011 approvato con Delibera di C.C. n 14 del 10/05/2011 comprendono l intervento oggetto della presente gara d appalto e costituiscono atti programmatori ai sensi dell art. 271 del D.P.R. 207/2010. Con successiva Delibera di G.C. n. 252 del 24/10/2011 si è provveduto ad approvare il relativo progetto ai sensi dell art. 279 del D.P.R. 207/2010, contenente gli elementi previsti dal bando di gara. Richiamata la Determinazione a contrarre n del 08/11/2011, in esecuzione della determinazione del Dirigente di Settore n del 11/11/2011 è indetta gara d appalto mediante procedura aperta art. 17 c. 1 e c. 4 lettera a) L.R. 5/2007, con aggiudicazione ai sensi dell art. 83 del D. Lgs. 163/06 e s.m.i, e dell art. 18, c. 1, lett. c della L.R. 5/2007, a favore dell'offerta economicamente più vantaggiosa, determinata sulla base degli elementi indicati all art. 5 del disciplinare di gara, per la gestione associata del Servizio di Assistenza Domiciliare e Scolastica nei Comuni del Distretto Socio-Sanitario di Tempio Pausania Cat. 25 CPV Lotto CIG A - numero gara CUP C61F Valore globale stimato dell appalto, ,57 IVA inclusa, di cui ,89 per spese personale non ribassabili ed ,62 IVA esclusa, per spese di gestione, soggetti a ribasso. Costi per la sicurezza connessi a rischi da interferenze non soggetti a ribasso (DUVRI) 0,00. 1) OGGETTO DELL APPALTO Il presente capitolato ha ad oggetto la gestione del Servizio di Assistenza Domiciliare e Scolastica che si configura come misura di sostegno fondamentale ed imprescindibile che risponde ai bisogni essenziali e vitali della persona anziana e/o disabile affetta da fragilità e debolezza individuale e sociale. Il suddetto servizio si realizza attraverso interventi e prestazioni da parte di personale qualificato da realizzarsi presso il domicilio degli utenti o presso gli istituti scolastici frequentati dai disabili (primarie e secondarie di primo grado), in risposta ai bisogni essenziali e vitali. 2) LE PARTI DEL CONTRATTO Il Comune di Tempio Pausania in qualità di Comune Capofila del Distretto Socio Sanitario di Tempio Pausania e Pagina 1 di 1

2 il Soggetto aggiudicatario del servizio di cui trattasi. 3) FINALITÀ E OBIETTIVI DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E SCOLASTICA La finalità del Servizio di Assistenza Domiciliare e Scolastica è di garantire il massimo sostegno agli utenti in difficoltà. Il Servizio di Assistenza Domiciliare e Scolastica, quale servizio di base, pone al centro dei suoi interventi la persona nel suo contesto familiare e sociale. Fa parte della rete di servizi territoriali che rappresenta l'area di massima integrazione tra i vari settori (socio-assistenziale e socio-sanitario), tra i vari livelli di intervento (di base, specialistico, e tra le diverse professionalità). Gli obiettivi imprescindibili sono: - mantenere la persona nel proprio contesto abitativo, familiare e sociale; - evitare l'istituzionalizzazione; - evitare interventi di ospedalizzazione impropria; - promuovere il mantenimento delle capacità residue e la conservazione delle autonomie, sino a quando possibile; - garantire le cure e l'assistenza personale; - garantire la partecipazione alla vita della comunità, sino a quando possibile; - evitare la caduta nelle condizioni di solitudine, isolamento e emarginazione; - sostenere l inclusione in ambito scolastico degli studenti portatori di disabilità. Il Servizio di Assistenza Domiciliare e Scolastica è rivolto a tutti quei cittadini privi di adeguate risorse umane e finanziarie, che si trovino in situazioni di bisogno a livello primario, a rischio di solitudine, e di emarginazione, per cui è necessario l'ausilio di adeguati interventi socio assistenziali. In particolare: Assistenza Domiciliare: Il servizio, nella prospettiva di un superamento della vecchia separazione per categoria di utenti, ma nel contempo, al fine di evitare genericità di interventi e dispersione dell'esperienza pregressa, individua complessivamente quattro aree problematiche e di intervento: a) Area dell'età evolutiva e giovanile; b) Area della senescenza; c) Area della disabilità; d) Area del disagio mentale. Si fa presente che potranno accedere al Servizio di Assistenza Domiciliare anche coloro che si trovino in una situazione temporanea di totale o parziale incapacità a compiere gli atti propri della vita quotidiana. Il Servizio Di Assistenza Domiciliare è, pertanto, un insieme di interventi prevalentemente di natura socioassistenziale finalizzato ad aiutare gli utenti in difficoltà e le loro famiglie nell affrontare situazioni di parziale o totale non autosufficienza. È un tipo di servizio erogato direttamente a casa dell'utente, che comprende, in base alle peculiarità dei singoli casi, prestazioni sostanzialmente di natura socio-assistenziale. Essa è caratterizzata da vari gradi, che dipendono dalle specifiche necessità della persona che la richiede. Pagina 2 di 2

3 Il servizio si pone, inoltre, la finalità di aiutare ogni cittadino temporaneamente o permanentemente in condizioni di parziale o totale mancanza di autonomia, perché possa continuare a vivere al proprio domicilio concorrendo a rendere effettivo il diritto di tutti al pieno sviluppo della personalità, nell'ambito dei rapporti familiari e sociali. Anche nei casi di non sufficienza o non presenza di un nucleo familiare, l'assistenza Domiciliare rappresenta comunque un valido sostegno di promozione del diritto del soggetto ad una "migliore qualità della vita". Assistenza Scolastica: Il Servizio di Assistenza Scolastica comprende tutte le prestazioni da fornire per l'assistenza personale specialistica a favore di studenti con particolari deficit, certificati ai sensi dell'art. 3 comma 3 della legge 104/92. È un secondo segmento dell'integrazione scolastica degli studenti disabili e mira a favorire la piena integrazione soprattutto dei minori con gravi deficit. Trattasi di un servizio erogato nell'ambiente scolastico e comprendente, in base alle peculiarità dei singoli casi, prestazioni sostanzialmente di supporto socio-educativo e facilitazione alla comunicazione. Gli interventi per le Attività di Supporto al Servizio di Istruzione per Alunni con Disabilità, dovranno prioritariamente essere volti al contrasto del fenomeno della dispersione scolastica favorendo il diritto allo studio degli studenti disabili. Il Servizio Educativo infatti dovrà essere realizzato a favore degli studenti con disabilità frequentanti le scuole dell obbligo, (primarie e secondarie di primo grado). Tali interventi comprendono tutte le prestazioni da fornire per l'assistenza personale specialistica a favore di studenti con particolari deficit, certificati ai sensi dell'art. 3 della legge 104/92. Saranno a tal fine predisposti dei progetti individuali a favore degli studenti la cui situazione di particolare criticità determina esigenze specifiche nell organizzazione e gestione della partecipazione alle attività scolastiche. 4) DESTINATARI DEL SERVIZIO I destinatari del Servizio di Assistenza Domiciliare sono in via prioritaria gli anziani; essa sarà rivolta anche ai portatori di handicap nelle forme più gravi (handicap fisico o psichico) tali da generare una compromissione dell autosufficienza nel compiere gli atti quotidiani della vita. Potranno beneficiare del servizio le persone anziane e/o portatrici di handicap che si trovano nelle seguenti condizioni: - Persone parzialmente autosufficienti in condizioni di limitata autonomia che presentano bisogni relativi ad alcune necessità quotidiane o saltuarie, con bisogni relativi all'area relazionale e psicologica - Persone totalmente o parzialmente temporaneamente non autosufficienti in seguito a eventi che hanno determinato la perdita dell'autonomia temporanea (patologie transitorie, fratture, ecc.) - Persone totalmente e permanentemente non autosufficienti, a causa di patologie invalidanti e/o croniche che hanno determinato per sempre la non autosufficienza e necessitano quotidianamente e per ogni atto della vita quotidiana di interventi di assistenza e cura a livelli elevati. I destinatari del Servizio di Assistenza Scolastica specialistica sono invece i minori frequentanti le scuole dell'obbligo, con particolari deficit, certificati ai sensi dell'art. 3 della legge 104/92. I destinatari degli interventi per le Attività di Supporto al Servizio di Istruzione per Alunni con Disabilità sono comunque i minori frequentanti Pagina 3 di 3

4 le scuole dell'obbligo (primarie e secondarie di primo grado), con particolari deficit, certificati ai sensi dell'art. 3 della legge 104/92. Il Comune di Tempio Pausania, in esecuzione della Delibera di Giunta Regionale n. 34/16del 18/10/2010, si impegna ad assicurare il servizio di supporto all istruzione in favore dei richiedenti, prescindendo dal requisito della residenza o, ove ritenuto necessario, stipulando appositi accordi con i Comuni di provenienza. 5) ACCESSO AL SERVIZIO Il Servizio di Assistenza Domiciliare e di Assistenza Scolastica sarà erogato: - su richiesta dell'interessato o di un familiare (esercente la potestà genitoriale per i minori) del comune di residenza. - su proposta del Servizio Sociale Comunale di residenza; - su proposta del medico di base o dei servizi territoriali che hanno in carico l'interessato, della scuola ; 6) LUOGO E ORARI DI ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO a) Le prestazioni del servizio di Assistenza Domiciliare sono svolte sul territorio dei nove Comuni associati, a domicilio dell'utente ovvero presso i luoghi di volta in volta individuati, in accordo con il Servizio sociale di competenza, nell ambito del progetto individuale, prevedendo, se necessario, anche l'accompagnamento presso i servizi territoriali Il servizio si svolge nei giorni feriali in un orario che va indicativamente dalle ore 09,00 alle 20,00 secondo un progetto elaborato dal servizio sociale di competenza. L aggiudicatario del Servizio dovrà garantire su richiesta e/o autorizzazione del suddetto servizio sociale, l erogazione del servizio anche in orari diversi da quelli sopra indicati, fermo restando il divieto di eccedere il monte ore complessivo descritto all art. 11 del presente capitolato. L articolazione del servizio dovrà essere concordata con congruo anticipo e gli interventi proposti saranno oggetto di valutazione condivisa tra i soggetti coinvolti (Ufficio di Piano, Comuni del Distretto e Coordinatore). Le prestazioni del servizio di Assistenza Scolastica e Attività di Supporto al Servizio di Istruzione per Alunni con Disabilità sono svolte nel solo Comune di Tempio Pausania, nell'ambito degli istituti scolastici frequentati dai minori (primarie e secondarie di primo grado) e durante l'orario scolastico (escluse le ore di competenza dell'insegnante di sostegno) nonché in tutte le attività previste nell'ambito curricolare (gite scolastiche, spettacoli ecc...) secondo un progetto elaborato dal servizio sociale di competenza, l'istituto scolastico e la famiglia, e i servizi che hanno in carico l utente. L aggiudicatario del Servizio dovrà garantire su richiesta e/o autorizzazione del suddetto servizio sociale, l erogazione del servizio anche in orari e modalità diverse da quelli sopra indicati, fermo restando il divieto di eccedere il monte ore complessivo descritto all art. 11 del presente capitolato. 7) MODALITÀ DI GESTIONE DEL SERVIZIO Il Servizio di Assistenza Domiciliare e Scolastica è organizzato dall Ambito Territoriale del Distretto Socio Pagina 4 di 4

5 Sanitario di Tempio Pausania tramite l azione ed il coordinamento dell'ufficio di Piano. Il rapporto intercorrente tra l Amministrazione comunale e l Aggiudicatario viene disciplinato da questo capitolato d appalto, nel quale è precisato che la titolarità del servizio di cui trattasi resta del Comune Capofila, che svolge al riguardo un ruolo di programmazione, coordinamento, verifica, vigilanza, attraverso l'ufficio di Piano. L'Ufficio di Piano è titolare della funzione di coordinamento del servizio dei nove Comuni del Distretto. L'Ufficio di Piano elabora una scheda di monitoraggio del servizio che dovrà essere compilata da ciascun operatore per la verifica della conformità dei servizi eseguiti, sia sul piano quantitativo (ore svolte/ore fatturate) che dal punto di vista qualitativo (raggiungimento degli obiettivi, regolarità delle prestazioni) rispetto a quanto previsto dal presente capitolato. In particolare il Comune di Tempio (comune capofila), tramite l'ufficio di Piano provvederà alla liquidazione dell importo dovuto all'aggiudicatario con le modalità precisate all art. 19 del presente capitolato, a seguito della ricezione delle suddette schede di monitoraggio attestante la conformità delle schede di presenza degli operatori rispetto alle ore svolte ed attribuite al singolo caso, da parte dei nove comuni. Il servizio sociale di ciascun Comune è titolare del singolo caso per il quale realizza i progetti di intervento individuali attivati con le ore di servizio ad esso attribuite all'art. 11 del presente capitolato. L'amministrazione comunale pone a disposizione del Servizio l Operatore Sociale che collaborerà nella valutazione e la supervisione dell'andamento dello stesso mediante la verifica scritta della regolarità delle ore svolte dagli operatori e successivamente fatturate. L'Ufficio di Piano inoltre promuove la collaborazione di tutti i soggetti coinvolti e sostiene le iniziative collaterali soprattutto di intesa con il volontariato, mediante la sperimentazione di attività, suscettibili di modifiche in relazione alla tipologia dei bisogni espressi e rilevati e delle risorse di volta in volta disponibili, con la costituzione di un gruppo di lavoro L Ufficio di Piano cura i rapporti con il Direttore dell esecuzione del contratto, e provvede a trasmettere tutti i dati e le informazioni raccolte, al fine di consentire la verifica circa il regolare andamento del servizio, ai sensi dell art. 300 del D.P.R. 207/2010 L'operatore sociale di ciascun comune si occupa di: - Accogliere le richieste e le segnalazioni, verificare le situazioni - problema presentate, stabilire il primo rapporto con l utente, raccogliere dati e informazioni sui destinatari del servizio, effettuare la valutazione sul caso; valutare l opportunità dell'intervento, predisporre di concerto con gli operatori il progetto individualizzato, verificare la situazione reddituale dell utente al fine di stabilire l eventuale importo di contribuzione utenza da corrispondere. Tale progetto individualizzato dovrà contenere necessariamente gli obiettivi, le strategie per raggiungerli, i tempi di attuazione e di verifica, i compiti delle diverse figure professionali coinvolte (ASL, volontari, ecc) nel processo di aiuto; - Coordinamento e controllo degli interventi svolti dagli operatori per ciascun progetto in corso; - Verifica mensile del numero delle prestazioni orarie effettuate dagli operatori, attraverso la compilazione della scheda di monitoraggio del servizio, fornita dall'ufficio di Piano, che dovrà esser compilata da ciascun Pagina 5 di 5

6 operatore a titolo di verifica scritta della conformità del servizio eseguito, sia sul piano quantitativo (ore svolte/ore fatturate) che sul piano qualitativo (raggiungimento degli obiettivi, regolarità delle prestazioni). L'Aggiudicatario del Servizio opera con operatori qualificati (Educatori, Assistenti Domiciliari e dei Servizi Tutelari e Operatori Socio Sanitari, Operatori generici) per garantire e coordinare le prestazioni di assistenza domiciliare e scolastica previste dal presente Capitolato. L aggiudicatario ha come referente Tecnico per i singoli casi l'operatore sociale del Comune che ha in carico l'utente, collaborando alla realizzazione del Progetto individualizzato ad esso riferito. Si richiede inoltre all Aggiudicatario di individuare, tra gli operatori di cui l'aggiudicatario intende avvalersi per lo svolgimento del servizio, quello cui verrà affidato l'incarico di Coordinatore del Servizio di assistenza Domiciliare e Scolastica, senza alcun onere aggiuntivo per la stazione appaltante. Il Coordinatore garantisce funzionalità, adattabilità ed immediatezza degli interventi, curando i rapporti tra l'aggiudicatario ed i singoli operatori e tra questi e l'ufficio di Piano, partecipa agli incontri convocati dall'ufficio di Piano per la programmazione e calendarizzazione delle attività, assicura l'esatta esecuzione delle attività concordate tra operatore sociale e operatore, si occupa dell attivazione, delle modifiche dei servizi e di ogni altro aspetto legato all'andamento delle attività su ciascun comune. Gli educatori dovranno favorire l integrazione in ambito scolastico e garantire adeguati supporti volti a migliorare la comunicazione e il raggiungimento dell autonomia degli alunni affetti da disabilità. Gli operatori dovranno collaborare attivamente nella realizzazione degli interventi sia all'interno del contesto domiciliare che fuori. L'Ufficio di Piano, in quanto titolare della funzione di coordinamento del servizio dei nove Comuni del Distretto provvederà a convocare e coinvolgere gli operatori dei singoli Comuni, nonché il coordinatore del servizio per definire il calendario delle attività da svolgersi, nonché le modalità di realizzazione delle stesse. Il servizio sociale di ciascun Comune è referente per il coordinatore e gli operatori rispetto alle singole attività svolte sul proprio territorio. I singoli Comuni metteranno a disposizione dell'aggiudicatario le risorse in loro possesso per la realizzazione delle attività, finalizzate al raggiungimento dell'obiettivo del progetto. Il direttore dell'esecuzione del contratto provvede al coordinamento, alla direzione e al controllo tecnicocontabile dell'esecuzione del contratto; assicura la regolare esecuzione del contratto da parte dell'esecutore, verificando che le attività e le prestazioni contrattuali siano eseguite in conformità dei documenti contrattuali. A tale fine, il direttore dell'esecuzione del contratto svolge tutte le attività allo stesso espressamente demandate dal D. Lgs. 163/2006 e dal D.P.R. 207/2010, nonché tutte le attività che si rendano opportune per assicurare il perseguimento dei compiti assegnati. 8) PRESTAZIONI A CARICO DELL AGGIUDICATARIO Nell ambito della realizzazione del Servizio di Assistenza Domiciliare l Aggiudicatario dovrà realizzare, tramite i suoi operatori qualificati, interventi di assistenza di base consistenti in attività di aiuto alla persona nelle attività Pagina 6 di 6

7 quotidiane, ossia: - igiene personale assistita; - aiuto nella deambulazione e nella mobilizzazione; - preparazione e somministrazione pasti; - aiuto per il riordino della casa, pulizia ordinaria ed igiene degli ambienti, lavaggio e stiratura della biancheria; ove non esista la possibilità di svolgere quest ultima attività presso il domicilio dell utente, l operatore si avvarrà del servizio di lavanderia presso il Centro di Aggregazione Sociale; - accompagnamento presso strutture sanitarie e riabilitative; - accompagnamento per spese, disbrigo pratiche, partecipazione alla vita di relazione etc. - aiuto volto a favorire l'autosufficienza e a recuperare, ove possibile, l autonomia personale attraverso appropriate azioni di stimolo; - interventi finalizzati a mantenere e potenziare le capacità residue delle persone affette da patologie invalidanti, al fine di migliorare la qualità di vita nell ambito domestico e familiare, favorendo e supportando inoltre lo sviluppo dell'autonomia personale anche al fine del corretto inserimento dell'utente nelle strutture scolastiche, educative e della formazione professionale; - interventi a carattere ludico e ricreativo laddove questi rappresentino il tramite per il pieno sviluppo della capacità espressiva degli utenti in difficoltà; - collaborazione tra: operatori dell aggiudicatario, del Servizio Sociale comunale, dell'a.s.l. n 2 e delle istituzioni territoriali. Sono previsti incontri periodici tra gli organismi sopra indicati, al fine di concorrere alla messa a punto di piani d'intervento relativi a singoli utenti e a verificarne periodicamente i risultati; gli incontri potranno essere promossi sia dal Comune che dall aggiudicatario. Agli stessi, in rappresentanza dell aggiudicatario, dovrà essere presente il coordinatore del Servizio e qualora se ne manifesti la necessità, gli operatori. Gli incontri, per i quali non è stabilito alcun compenso aggiuntivo, sono previsti nella misura massima mensile di tre. In particolare nell'ambito dell'assistenza scolastica da svolgere presso il Comune di Tempio Pausania, in base a quanto previsto dalla Legge 104 del , art. 13, comma 2, ossia per gli alunni con handicap grave, come definiti dalla circolare del M.I.U.R. del , n. 3390, l'aggiudicatario dovrà realizzare, tramite i suoi operatori qualificati, interventi finalizzati all'integrazione sociale con lo scopo di favorire e supportare lo sviluppo dell'autonomia personale anche al fine del corretto inserimento dell'utente nelle strutture scolastiche. Si ribadisce che nelle prestazioni dell'assistenza specialistica rientrano, pertanto, i seguenti interventi: - aiuto volto a favorire l'autosufficienza e a recuperare, ove possibile, l autonomia personale attraverso appropriate azioni di stimolo; - interventi finalizzati a mantenere e potenziare le capacità residue delle persone affette da patologie invalidanti, al fine di migliorare la qualità di vita nell ambito scolastico; - interventi a carattere ludico e ricreativo laddove questi rappresentino il tramite per il pieno sviluppo della Pagina 7 di 7

8 capacità espressiva e dell'integrazione sociale e scolastica degli utenti in difficoltà; - collaborazione tra: operatori dell aggiudicatario, del Servizio Sociale comunale, dell'a.s.l. n 2 e delle istituzioni scolastiche. Sono previsti incontri periodici tra gli organismi sopra indicati, al fine di concorrere alla messa a punto di piani d'intervento relativi a singoli utenti e a verificarne periodicamente i risultati; gli incontri potranno essere promossi sia dal Comune che dall aggiudicatario. Agli stessi, in rappresentanza dell aggiudicatario, dovrà essere presente il coordinatore del Servizio e qualora se ne manifesti la necessità, gli operatori. Gli incontri, per i quali non è stabilito alcun compenso aggiuntivo, sono previsti nella misura massima mensile di tre. 9) MATERIALE IN DOTAZIONE DELL AGGIUDICATARIO L aggiudicatario s'impegna a dotarsi di : a) articoli igienico - sanitari necessari per il servizio (cassetta di pronto soccorso, camici e guanti per gli operatori, etc..); b) mezzi propri di trasporto per raggiungere gli utenti che non siano raggiungibili altrimenti. c) recapito telefonico con operatore addetto a raccogliere i messaggi del Servizio Sociale almeno durante l'orario di apertura degli Uffici comunali; in altri orari dev'essere attivo un fax per le comunicazioni urgenti o straordinarie. d) quant altro necessario al regolare e puntuale svolgimento del servizio. 10) PERSONALE E PRESTAZIONI Il Servizio di Assistenza Domiciliare e Scolastica è svolto a livello distrettuale da un numero adeguato di operatori tale da garantire l ottimale e puntuale effettuazione del servizio, comunque in numero non inferiore a 28 unità. Il servizio previsto, complessivamente inteso, comporta per l aggiudicatario l'utilizzo di un organico secondo l articolazione riportata all art. 11 del presente capitolato. Almeno il 70% degli operatori devono essere muniti di patente di guida. Tutti gli operatori devono essere muniti di telefono cellulare. Le figure professionali da impiegarsi per la complessiva gestione del servizio sono le seguenti: EDUCATORE PROFESSIONALE (prestazioni e requisiti di ammissione): Nell'ambito del Servizio di Assistenza Scolastica e Attività di Supporto al Servizio di Istruzione per Alunni con Disabilità, da svolgere solo presso il Comune di Tempio Pausania, in base a quanto previsto dalla Legge 104 del , art. 13, comma 2, ossia per gli alunni con handicap grave, come definiti dalla circolare del M.I.U.R. del , n. 3390, l'aggiudicatario dovrà realizzare, tramite i suoi operatori qualificati, interventi finalizzati all'integrazione sociale con lo scopo di favorire e supportare lo sviluppo dell'autonomia personale anche al fine del corretto inserimento dell'utente nelle strutture scolastiche. Si richiede per l esercizio del ruolo di educatore professionale, il possesso di almeno uno dei seguenti titoli ed esperienza lavorativa: a. Ai sensi della Legge Regionale n. 7 del 21/04/2005, art. 13, comma 11, in attesa che si attivi il piano di Pagina 8 di 8

9 riqualificazione professionale, vengono inclusi tra gli operatori che possono svolgere le mansioni di educatore, oltre ai possessori della Laurea in Scienze dell Educazione ad indirizzo Educatore Professionale o di idonee qualifiche riconosciute ai sensi della Delibera di Giunta Regionale n. 55/68 del 29/12/2000, anche coloro che non sono in possesso dei requisiti richiesti dall'articolo 6 del decreto del Presidente della Giunta regionale n. 145 del 1990, ossia educatori di ruolo e non di ruolo in possesso di diploma di scuola media superiore anche ad indirizzo non educativo che hanno maturato, alla data di entrata in vigore della suddetta legge, almeno cinque anni di esperienza lavorativa nei servizi territoriali socio-assistenziali e/o sanitari pubblici e privati nello svolgimento delle funzioni di educatore nei settori sociale e sanitario; b. Qualifica post diploma di Educatore professionale, riconosciuto dallo stato o dalla Regione; c. Laurea triennale in scienze delle professioni educative di base ad indirizzo educatore professionale; d. Laurea triennale in scienze delle professioni educative più biennio di laurea specialistica; e. Laurea quadriennale in Scienze dell'educazione o in Pedagogia; Gli educatori professionali adibiti al Servizio di Assistenza Scolastica e per le Attività di Supporto Organizzativo del Servizio di Istruzione per gli Alunni con Disabilità devono possedere un esperienza professionale di almeno 1 anno, (oltre il requisito richiesto per il riconoscimento del titolo di cui al presente articolo) anche non continuativo, in qualità di educatore nei servizi socio-educativi per minori e giovani. Sono previsti per le attività succitate in totale n 5 educatori. a) Assistente domiciliare (prestazioni e requisiti di ammissione): L Operatore qualificato (ADEST e OSS) effettua prestazioni di aiuto alla persona: aiuto nella deambulazione e mobilizzazione; igiene personale; preparazione e somministrazione dei pasti; accompagnamento presso strutture pubbliche e/o sanitarie; accompagnamento per acquisti di generi di necessità e per la partecipazione alla vita di relazione; compagnia; disbrigo di piccole commissioni e adempimenti amministrativi per conto dell utente (es. pratiche di esenzione ticket, pagamento utenze, pratiche per l ottenimento di ausili sanitari etc). Ai sensi della vigente normativa, l operatore deve essere in possesso di almeno uno dei seguenti titoli specialistici: a) Qualifica di Assistente Domiciliare e dei Servizi Tutelari, riconosciuta dallo stato o dalla Regione (ai sensi dell art. 15 del D.P.G.R. n. 12/89 e s.m.i., per gli Assistenti Domiciliari e dei servizi tutelari è richiesto il possesso di apposita qualifica rilasciata da un Ente di formazione riconosciuto dalla Regione o dallo Stato); b) Qualifica di Operatore Socio Sanitario riconosciuta dallo stato o dalla Regione; Gli operatori (ADEST e OSS) devono, inoltre, possedere un esperienza professionale di almeno un anno, (oltre il titolo specialistico di cui al presente articolo) anche non continuativo, in qualità di operatore con la qualifica di Assistente Domiciliare e dei Servizi Tutelari, riconosciuto dallo stato o dalla Regione o di Operatore Socio Sanitario. Sono previsti per le attività in parola almeno 11 Assistenti Domiciliari. b) Ausiliari (Assistenti generici) (prestazioni e requisiti di ammissione): Provvedono alla pulizia ed igiene degli ambienti; lavaggio e stiratura della biancheria, commissioni varie. Gli operatori ausiliari devono essere in possesso di almeno 1 anno di esperienza, anche non continuativa Pagina 9 di 9

10 maturato, in servizi analoghi a quello oggetto dell appalto. Sono previsti per le attività in parola almeno 12 Assistenti Generici. Il Coordinatore dovrà svolgere funzioni di programmazione, organizzazione, coordinamento e verifica del Servizio Assistenza Domiciliare a livello distrettuale e del Servizio Assistenza Scolastica per il solo Comune di Tempio Pausania, facendo riferimento all Ufficio di Piano. Il Coordinatore dovrà possedere i requisiti richiesti per il per il Servizio di Assistenza Scolastica e per le Attività di Supporto Organizzativo del Servizio di Istruzione per gli Alunni con Disabilità (Educatore Professionale). Con riferimento al singolo comune il coordinatore sarà il referente dell aggiudicatario per i singoli casi, svolgerà la sua attività di coordinamento anche mediante incontri periodici, promossi sia dal Comune che dall aggiudicatario del servizio, ai quali potranno essere chiamati a partecipare, oltre al coordinatore anche, uno o più operatori interessati al caso. Il coordinatore partecipa agli incontri convocati dall'ufficio di Piano per la programmazione e calendarizzazione delle attività, esprimendo le proposte raccolte dai singoli operatori nel loro rapporto con gli utenti. Sarà il referente dell aggiudicatario per le attività da effettuarsi su ciascun comune. Viene richiesto al coordinatore di svolgere funzioni di: coordinamento delle figure professionali previste nel ; raccordo con il Servizio Sociale Comunale sia per la casistica sociale inserita nelle attività, sia per gli aspetti gestionali; Il referente dovrà: comunicare al Servizio Sociale gli Operatori di riferimento per le varie attività relative alle diverse aree di utenza, elaborare semestralmente una relazione tecnica sull andamento della gestione del servizio, essa avrà lo scopo di consentire la valutazione in merito all efficacia ed efficienza del servizio con riferimento ai risultati raggiunti. a conclusione del periodo di affido, predisporre e consegnare una relazione sull andamento delle singole attività che comprenda spunti operativi per la pianificazioni di ulteriori interventi o la modifica parziale di quanto posto in essere con proposte anche in parte costruite con l utenza dei servizi. La relazione conclusiva dovrà, quindi, contenere: analisi dei servizi con problematiche rilevate; eventuale osservazione di particolari criticità riscontrate su singoli utenti; proposte operative anche concertate con l utenza. Ai fini della partecipazione alla gara, i concorrenti dovranno presentare apposita dichiarazione, da rendere con le modalità di cui all art. 3 del disciplinare, da cui risulti la disponibilità delle figure professionali richieste per l espletamento del servizio ed il possesso da parte delle stesse dei requisiti minimi di accesso previsti dal presente articolo. Pagina 10 di 10

11 Il concorrente è tenuto a produrre, a pena di esclusione, in sede di presentazione dell offerta, all interno del plico principale a corredo della documentazione di gara, con le modalità di cui all art. 3 punto 3.1 del disciplinare, l elenco del personale, redatto in forma anonima, del quale intende avvalersi per lo svolgimento del servizio, indicando per ciascuno di essi: - il possesso del titolo di studio e/o qualifica professionale posseduta; - iscrizione all albo professionale ove richiesto; - l esperienza lavorativa maturata con indicazione per ciascuno della tipologia di datore di lavoro, - tipologia di servizio svolto, durata dell'incarico; - il servizio al quale verranno destinati; Secondo lo schema di seguito indicato: IDENTIFICATIVO DELL OPERATORE: (es. operatore A B-C oppure ) TITOLO DI STUDIO (Es. Qualifica di Operatore Socio Sanitario ecc.) ESPERIENZA TIPOLOGIA SERVIZIO: DATA DI INIZIO DATA DI COMPUTO PROFESSIONALE: (es. assistenza CONCLUSIONE MESI/ANNI (Indicare natura del soggetto domiciliare, comunità committente e il numero alloggio,...) progressivo di esperienze a partire dalla più recente) 1) es. comune Es. servizio assistenza domiciliare territoriale Es Es TOT. 10 mesi 2) es. privato Es. comunità alloggio Es Es TOT. 1 anno TOT. Non rientrano nel computo delle esperienze quelle che danno accesso al titolo e quelle relative al primo anno dalla maturazione del titolo in quanto requisiti richiesti per l ammissione (Es: Operatore X con diploma di scuola secondaria che ha maturato complessivi 8 anni di esperienza. Dovranno essere dichiarati solo 2 anni di esperienza: in quanto 5 anni sono necessari al riconoscimento del titolo - solo se maturati prima dell entrata in vigore della L.R. 14 aprile 2007, n. 7, finanziaria e 1 anno è l ulteriore requisito di ammissione dell operatore). L Aggiudicatario sarà tenuto ad impiegare, per l effettuazione del servizio, personale del quale dovrà dimostrare il possesso della medesima professionalità proposta in sede di gara (titolo di studio e esperienza lavorativa). Pagina 11 di 11

12 A tal fine l'aggiudicatario dovrà presentare, prima della stipula del contratto, l elenco nominativo completo del personale utilizzato per l espletamento del servizio, (ivi compreso il coordinatore del servizio stesso) per il quale dovrà essere dimostrata attraverso il curriculum professionale, il possesso della medesima professionalità (titolo di studio tra quelli previsti al presente articolo e esperienza lavorativa) di quella proposta in sede di gara. Trovano applicazione le norme del vigente C.C.N.L. delle cooperative del settore socio-assistenziale in materia di cambi di gestione, previste al fine di garantire la continuità e le condizioni di lavoro acquisite dal personale, precisando che l eventuale personale che verrà assorbito, nei limiti del contratto che verrà stipulato in base alla presente gara, dovrà essere in possesso dei requisiti previsti dal presente capitolato. Nel caso in cui per necessità di servizio l aggiudicatario (senza oneri aggiuntivi per la stazione appaltante) volesse impiegare un numero di operatori maggiore di quello minimo previsto nel presente capitolato, questi ultimi dovranno essere tassativamente in possesso dei requisiti di ammissione indicati nel presente capitolato. Nell impiego del personale e predisposizione del servizio deve essere valutata, organizzata e coordinata la mobilità degli operatori negli spostamenti, considerando il possibile accompagnamento degli utenti, qualora previsto nel progetto individuale. L aggiudicatario s'impegna ad espletare il Servizio di Assistenza Domiciliare e Scolastica mediante prestazioni, per ogni utente, di durata massima di quattro ore giornaliere; in casi particolari, su richiesta del Servizio Sociale, dovranno essere effettuate prestazioni oltre le quattro ore e fino ad un massimo di otto ore giornaliere, anche per l'intero arco della settimana. L'orario delle prestazioni concordato tra il Servizio Sociale del Comune di riferimento e l utente o chi lo rappresenta, sarà preventivamente comunicato al soggetto aggiudicatario. L aggiudicatario s'impegna a garantire personale qualificato rispetto alla specificità dell'utenza. Nei casi di necessità l aggiudicatario potrà operare sostituzioni degli operatori impiegati, rimanendo fermo l'obbligo della preventiva motivata comunicazione al Servizio Sociale del Comune di riferimento, sempre che dette sostituzioni avvengano con operatori di pari professionalità ed esperienza opportunamente documentata. 11) ARTICOLAZIONE DEL SERVIZIO Il Servizio oggetto dell appalto avrà durata di 24 mesi con decorrenza dalla data di stipula del contratto (o consegna del servizio). L'importo stimato del servizio è pari a complessivi ,57 Iva inclusa, di cui: ,89 complessivi destinati a coprire le spese per il personale impiegato nello svolgimento del servizio; ,68 Iva inclusa a copertura delle spese di gestione; Nell'ambito delle spese per il personale il costo orario di riferimento degli operatori, come previsto dalle proiezioni CCNL per le cooperative sociali a partire dal mese di Dicembre 2009, è il seguente per ciascuna tipologia di operatore previsto nel presente capitolato per lo svolgimento del servizio complessivamente inteso: OPERATORE COSTO ORARIO CCNL DICEMBRE 09 Educatore 20,57 Pagina 12 di 12

13 Assistente Domiciliare 18,27 Operatore generico 15,85 L'aggiudicatario dovrà pertanto garantire, nel corso delle due annualità, un monte ore complessivo di , distribuite sui nove Comuni secondo la seguente ripartizione: riparto ore COMUNE EDUCATORE OPERATORE GENERICO ASSISTENTE DOMICILIARE AGGIUS AGLIENTU BADESI BORTIGIADAS CALANGIANUS LUOGOSANTO LURAS TEMPIO TRINITA' TOTALE Riparto Fondi PLUS COMUNE totale somme per personale totale somme per operatore generico totale somme per assistenza qualificata totale somme per spese di gestione AGGIUS , , ,53 545,81 AGLIENTU , , ,82 484,29 BADESI , ,24-580,45 BORTIGIADAS , ,83-431,92 CALANGIANUS , ,06-935,16 LUOGOSANTO , , ,55 582,95 Pagina 13 di 13

14 LURAS , , ,30 692,82 TEMPIO , , , ,11 TRINITA' , , ,87 618,28 TOTALE , , , ,78 Totale generale ,00 Riparto Fondi per il Comune di Tempio Pausania (F.do Unico + Delibera di G.R. n. 34/16del 18/10/2010) totale somme per personale totale somme per assistenza scolastica totale somme per operatore generico totale somme per assistenza qualificata totale somme per spese di gestione , , , , , , , , , , , ,90 totale generale ,57 12) ARTICOLAZIONE TERRITORIALE DEL SERVIZIO Il Servizio di Assistenza Domiciliare e Scolastica dovrà essere articolato secondo la seguente suddivisione territoriale: SUDDIVISIONE TERRITORIALE OPERATORI COMUNE EDUCATORE OPERATORE GENERICO ASSISTENTE DOMICILIARE AGGIUS 1 1 AGLIENTU 1 1 BADESI 1 0 BORTIGIADAS 1 0 CALANGIANUS 1 0 LUOGOSANTO 1 1 LURAS 1 1 Pagina 14 di 14

15 TEMPIO TRINITA' 1 1 TOTALE *Numero minimo di operatori da adibire al servizio. Eventuale personale aggiuntivo non dovrà comportare oneri ulteriori per la stazione appaltante. 13) SPESE DI GESTIONE Le spese di gestione (soggette a ribasso) per l effettuazione del servizio di Assistenza domiciliare e scolastica sono stimate complessivamente in ,62 IVA esclusa (+4%, se dovuta). Per il Servizio di Assistenza Domiciliare e Scolastica sono considerate ammissibili ai fini del rimborso le seguenti spese di gestione: - rimborsi per i servizi di accompagnamento svolto dagli operatori, mediante mezzo privato e pubblico. - articoli igienico - sanitari necessari per il servizio (cassetta di pronto soccorso, camici e guanti per gli operatori, etc...); - recapito telefonico con operatore addetto a raccogliere i messaggi del Servizio Sociale almeno durante l'orario di apertura degli Uffici comunali; attivazione fax per le comunicazioni urgenti o straordinarie; - altre attività/articoli strettamente propedeutici e strumentali allo svolgimento del servizio. Nell ambito del Servizio di Assistenza Scolastica, rientrano nelle spese di gestione, oltre a quelle precedentemente indicate, anche gli acquisti di materiale didattico e/o supporti vari, (purchè documentabili) che si dimostrino strumentali alla realizzazione delle attività. 14) DURATA DEL CONTRATTO E AVVIO DEL SERVIZIO Il Servizio avrà inizio dalla data di stipulazione del contratto e per la durata di 24 mesi. L'aggiudicatario si impegna ad avviare il servizio alla data indicata dalla stazione appaltante anche nel caso in cui tale data sia antecedente a quella fissata per la stipulazione del contratto. 15) CRITERI DI VALUTAZIONE DELL OFFERTA L'offerta migliore è determinata al netto delle spese relative al costo del personale (Rif. CCNL Dicembre 2009) e delle misure di adempimento delle disposizioni in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. L aggiudicazione verrà effettuata in favore dell offerta economicamente più vantaggiosa, ai sensi degli artt. 17 e 18 della L. R n. 5, determinata sulla base degli elementi di seguito identificati: Punteggio totale disponibile: 100, come indicato all art. 120 comma 1 del D.P.R. 207/2010 di cui: A. Offerta Tecnica (punti da 0 a 70) B. Offerta economica (punti da 0 a 30) OFFERTA TECNICA: MAX PUNTI 70 concerne la componente tecnico- progettuale il punteggio massimo attribuibile di 70/100 Pagina 15 di 15

16 Il concorrente è tenuto a presentare un sintetico elaborato progettuale, nel quale si evidenzino le peculiarità del Servizio di Assistenza Domiciliare e Scolastica, sulla base degli elementi indicati nel seguente prospetto, formulato utilizzando fogli formato A4, carattere normale Arial 11, interlinea singola, margine superiore, inferiore, sinistro e destro cm. 2,5 per un massimo di 20 facciate. Eventuali cartelle aggiuntive non saranno considerate ai fini dell'attribuzione del punteggio. Il progetto dovrà contenere tutti gli elementi necessari all'attribuzione dei punteggi come di seguito indicato: 1. Progetto: max 70 punti Per l attribuzione dei 70 punti disponibili si terrà conto: Elementi valutabili A) Conoscenza degli specifici problemi del territorio del Distretto, con particolare riferimento alla tipologia dell utenza cui si rivolge il servizio; conoscenza della rete dei servizi presenti e dell Ambito territoriale - sociale del Distretto, da dimostrarsi anche mediante l'analisi dei servizi garantiti e ritenuti prioritari nel territorio distrettuale. Conoscenza delle problematiche specifiche rilevate in ambito scolastico per l integrazione dei minori con disabilità B) Individuazione delle risorse formali ed informali del territorio di riferimento, con la specificazione delle forme e delle modalità di collaborazione, di integrazione e di messa in rete, che si possono attivare con le stesse per il raggiungimento degli obiettivi del servizio. Individuazione delle risorse formali e informali del territorio con la specificazione, mediante documentati accordi da allegare al progetto, delle forme e modalità di collaborazione, di integrazione e messa in rete che si intendono attivare con le stesse per il raggiungimento degli obiettivi del servizio e migliorarne la qualità complessiva. Nello specifico le risorse formali e informali dovranno sottoscrivere una dichiarazione di impegno contenente la quantificazione in termini di disponibilità oraria/n persone da destinarsi al progetto. Le prestazioni svolte dai soggetti in parola dovranno integrare e non sostituire l'aggiudicatario nei compiti previsti dal presente capitolato. c) Metodologia di lavoro, metodologia di analisi dei bisogni degli utenti, assetto organizzativo e strumenti e/o supporti che si intendono utilizzare per l'esecuzione delle prestazioni ed il raggiungimento degli obiettivi del servizio; Attività di controllo e verifica del servizio erogato, anche con riguardo all identificazione di indicatori e strumenti di valutazione rispetto al raggiungimento degli obiettivi di efficacia e di efficienza e grado di soddisfazione degli utenti (customer s satisfaction) finalizzati al miglioramento continuo del servizio (trasmissione periodica di report, statistiche, indicatori di gradimento di qualità del servizio da parte dell utente). Punti Punteggio A Max 25 Mediocre: 6 punti Sufficiente: 13 punti Buono: 19 punti Ottimo: 25 punti Punteggio B Max 20 Mediocre: 5 punti Sufficiente: 10 punti Buono: 15 punti Ottimo: 20 punti Punteggio C Max 17 Mediocre: 5 punti Sufficiente: 9 punti Buono: 13 punti Ottimo: 17 punti Pagina 16 di 16

17 D) formazione prodotta direttamente o all'esterno della Ditta partecipante. Punteggio D) Max 8 Mediocre: 2 punti Sufficiente: 4 punti Buono: 6 punti Ottimo: 8 punti L individuazione dell offerta economicamente più vantaggiosa sarà effettuata sulla base dell attribuzione dei punteggi dei criteri e sub criteri sopra esplicitati, ai sensi dell art. 120 del D.P.R. 207/2010 e, di seguito, utilizzando il metodo di cui al punto II) dell allegato P al D.P.R. 207/2010, che prevede l applicazione della seguente formula, in considerazione della media dei coefficienti attribuiti discrezionalmente dai singoli commissari: C(a) = n [ Wi * V(a) i ] dove: C(a) = indice di valutazione dell offerta (a); n = numero totale dei requisiti; Wi = peso o punteggio attribuito al requisito (i); V(a)i = coefficiente della prestazione dell offerta (a) rispetto al requisito (i) variabile tra zero e uno; n = sommatoria. Una volta terminata la procedura di attribuzione discrezionale dei coefficienti, si procede a trasformare la media dei coefficienti attribuiti ad ogni offerta da parte di tutti i commissari in coefficienti definitivi, riportando ad uno la media più alta e proporzionando a tale media massima le medie provvisorie prima calcolate. OFFERTA ECONOMICA: MAX PUNTI 30 Per l'attribuzione del punteggio per l offerta economica sarà utilizzata la seguente formula: X = P x C PO dove: X = punteggio da attribuire al concorrente P = Prezzo più basso C = punteggio massimo PO = prezzo offerto Pagina 17 di 17

18 Sulla base dei punteggi così attribuiti sarà applicato il criterio di cui all allegato P del D.P.R. 207/2010, esplicitato nella seguente formula: Ci (per Ai <= Asoglia) = X*Ai / Asoglia Ci (per Ai > Asoglia) = X + (1,00 - X)*[(Ai - Asoglia) / (Amax - Asoglia)] Dove: Ci = coefficiente attribuito al concorrente iesimo Ai = valore dell offerta (ribasso) del concorrente iesimo Asoglia = media aritmetica dei valori delle offerte (ribasso sul prezzo) dei concorrenti X = 0,80 (Amax = valore dell offerta (ribasso) più conveniente) L aggiudicazione sarà effettuata a favore del concorrente che otterrà il valore numerico più alto ottenuto sommando il valore scaturito dall applicazione delle 2 formule di comparazione previste nel citato allegato P. Al termine delle operazioni di gara sarà predisposta apposita graduatoria. 16) COMPITI DELL'AGGIUDICATARIO L'aggiudicatario sulla base del progetto presentato in sede di offerta, si impegna a svolgere le prestazioni del presente Capitolato, mediante idonea organizzazione e con proprio personale, in possesso dei requisiti professionali e tecnici adeguati alle necessità del servizio, e in ottemperanza al disposto dell art. 10 del presente capitolato. A tal fine l'aggiudicatario dovrà presentare, entro i termini assegnati dalla stazione appaltante e comunque prima della stipula del contratto, l elenco completo del personale utilizzato per l espletamento del servizio, (ivi compreso il coordinatore del servizio stesso). L Aggiudicatario provvederà, inoltre, a depositare anche il curriculum professionale di ciascuno degli operatori impiegati nel servizio onde dimostrare il possesso da parte degli stessi della professionalità (titolo di studio e esperienza lavorativa) richiesta per la partecipazione alla gara. Nel caso in cui per necessità di servizio l aggiudicatario (con i medesimi importi con i quali si è aggiudicato l appalto) volesse impiegare un numero di operatori maggiore di quello minimo previsto nel presente capitolato, questi ultimi dovranno essere tassativamente in possesso dei requisiti di ammissione indicati all art. 10 del presente capitolato. Trovano applicazione le norme del vigente C.C.N.L. delle cooperative del settore socio-assistenziale in materia di cambi di gestione, previste al fine di garantire la continuità e le condizioni di lavoro acquisite dal personale, precisando che l eventuale personale che verrà assorbito, nei limiti del contratto che verrà stipulato in base alla presente gara, devono essere in possesso dei requisiti previsti dal presente capitolato. Qualora l Aggiudicatario debba procedere alla sostituzione di uno o più operatori impegnati nello svolgimento del servizio, sia temporaneamente o in via definitiva, dovrà darne comunicazione alla Stazione appaltante con un preavviso di 05 giorni, impegnandosi a reintegrare il personale necessario al Servizio con altri soci e/o personale Pagina 18 di 18

19 dipendente regolarmente assunto ed in possesso dei requisiti e della professionalità richiesti nel presente capitolato. L'aggiudicatario del servizio collabora con gli operatori per garantire e coordinare le prestazioni di assistenza domiciliare e scolastica previste dal presente capitolato; ha come referente tecnico per i singoli casi l'operatore sociale del Comune che ha in carico l'utente, collaborando alla realizzazione del progetto individuale ad esso riferito. L'aggiudicatario è tenuto a predisporre una scheda di rilevazione giornaliera delle ore prestate da ciascun operatore per ciascun caso preso in carico, tale scheda costituisce la base per il calcolo del corrispettivo mensile dovuto. Entro il giorno 10 del mese successivo a quello in cui è avvenuta la prestazione, (se festivo la scadenza è prorogata al primo giorno feriale utile) la scheda dovrà essere sottoposta alla verifica dell'operatore sociale di ciascun comune del distretto. Nell esecuzione dei servizi di assistenza scolastica e domiciliare l Aggiudicatario dovrà curare la registrazione delle prestazioni orarie effettuate. In particolare: - gli operatori dell aggiudicatario, all'inizio di ogni mese, depositeranno presso il domicilio (per l assistenza scolastica deve essere depositato negli spazi messi a disposizione all'interno dell'aula) di ogni utente duplice scheda per la rilevazione delle prestazioni orarie effettuate nell'arco del mese; - le schede verranno giornalmente firmate dall'utente e dall operatore che ha reso la prestazione a conferma dell'orario e della data in cui la stessa è stata effettuata. Qualora l'utente non possa firmare, alla firma dovrà comunque provvedervi altra persona a lui vicina (es. coniuge, familiare o altra persona convivente, ecc.) ed il genitore esercente la potestà per i minori che usufruiscono dell'assistenza scolastica. - le schede dovranno essere compilate con il massimo ordine e non dovranno presentare cancellazioni. Eventuali correzioni dovranno essere leggibili e controfirmate da entrambe le parti; - l amministrazione si riserva la facoltà di verificare, a campione, durante il mese la regolarità della tenuta delle schede; - alla fine di ogni mese una delle due schede verrà consegnata al Responsabile comunale del Servizio per il controllo e conteggio delle prestazioni orarie effettuate dalla totalità degli operatori impegnati nel servizio e l altra rimarrà all utente; - le schede firmate solo dagli operatori dell aggiudicatario o incomplete nella registrazione giornaliera e/o oraria (es.: mancanza della data o dell'orario di entrata e/o di uscita) o recanti cancellazioni o correzioni non leggibili non saranno conteggiate al fine del relativo compenso. L aggiudicatario è obbligato a stipulare a favore degli assistiti idonea assicurazione per danni da responsabilità civile ai sensi dell'art del c.c.. L'Amministrazione comunale è esonerata da ogni e qualsiasi responsabilità eventuale e conseguente all'attività espletata in conseguenza dell'incarico di cui trattasi; L aggiudicatario è tenuto a far osservare scrupolosamente al proprio personale le norme antinfortunistiche. Pagina 19 di 19

20 L aggiudicatario è tenuto al rispetto, nei confronti del proprio personale dei vigenti contratti di lavoro relativamente al trattamento retributivo, normativo, previdenziale e assicurativo. Tutti gli obblighi e gli oneri assicurativi, previdenziali e assistenziali sono a carico del soggetto affidatario con esclusione di qualsiasi rivalsa nei confronti del Comune di Tempio Pausania. Ai sensi dell art. 5 del D.P.R. 207/2010 è previsto l intervento sostitutivo della stazione appaltante in caso di inadempienza retributiva dell esecutore. Si specifica che, in caso di ritardo nel pagamento delle retribuzioni dovute al personale dipendente dell esecutore, impiegato nell esecuzione del contratto, si procederà, mediante invito scritto da parte del responsabile del procedimento, ad invitare il soggetto inadempiente a regolarizzare la propria posizione entro i successivi quindici giorni. In caso di infruttuosa decorrenza del termine, ove non sia stata contestata formalmente e motivatamente la fondatezza della richiesta entro il termine di cui sopra, la stazione appaltante provvederà al pagamento, anche in corso d opera e direttamente ai lavoratori, delle retribuzioni arretrate, detraendo il relativo importo dalle somme dovute dall esecutore del contratto. 17) COPERTURA DEL SERVIZIO E ALTRI OBBLIGHI L Aggiudicatario si impegna a fornire il personale previsto per tutta la durata dell appalto, sulla base delle disposizioni previste all articolo precedente anche per quanto riguarda la sostituzione degli operatori. L aggiudicatario dovrà garantire l immediata sostituzione dei propri operatori assenti per qualsiasi motivo, nonché di quelli che, a giudizio insindacabile dell Amministrazione comunale, dovessero risultare inidonei allo svolgimento del Servizio, per negligenza operativa, imperizia ed inosservanza del piano d intervento che é vincolante per il gruppo di lavoro. L aggiudicatario dovrà svolgere il servizio con impegno, serietà, professionalità e riservatezza. L'Aggiudicatario ed il personale che svolge gli interventi inerenti il presente servizio, hanno, altresì, l obbligo di rispettare scrupolosamente il segreto su fatti e circostanze riguardanti il servizio e gli utenti destinatari, garantendo l assoluta riservatezza verso l esterno sull utenza e tutto quanto concerne l espletamento delle stesse prestazioni; restando, in questo modo vincolati al segreto professionale ai sensi dell art. 622 del codice penale e art. 329 del c.p.p. 18) ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA DEL PERSONALE L esercizio delle attività di cui al presente disciplinare e l impiego dei mezzi e del personale devono essere in regola con tutte le prescrizioni di legge al riguardo quali, ad esempio, quelle concernenti i contratti di lavoro, le assicurazioni, etc. L aggiudicatario provvederà a sottoscrivere polizza assicurativa per la stessa e per il personale impiegato, per eventuale responsabilità civile verso terzi e danni, esonerando espressamente il Comune da qualsiasi responsabilità per danni o sinistri anche in itinere, che dovessero verificarsi nell espletamento del servizio oggetto dell appalto. Copia conforme delle polizze sottoscritte (responsabilità civile verso terzi e prestatori d opera e infortuni) saranno fornite dall Aggiudicatario almeno 10 giorni prima dell avvio del servizio, al Comune capofila. Sarà in ogni caso obbligo dell Aggiudicatario adottare, nell esecuzione del servizio, tutti i provvedimenti e le cautele necessarie per garantire l incolumità delle persone addette al servizio e Pagina 20 di 20

COMUNE DI TEMPIO PAUSANIA (PROV. OLBIA - TEMPIO)

COMUNE DI TEMPIO PAUSANIA (PROV. OLBIA - TEMPIO) COMUNE DI TEMPIO PAUSANIA (PROV. OLBIA - TEMPIO) SETTORE DEI SERVIZI ALLA PERSONA E ALLE IMPRESE PIANO LOCALE UNITARIO SERVIZI ALLA PERSONA (AGGIORNAMENTO PLUS 2009/2011 PLUS 2010/2012) CAPITOLATO SPECIALE

Dettagli

COMUNE DI PALESTRINA

COMUNE DI PALESTRINA COMUNE DI PALESTRINA CAPITOLATO SPECIALE DI ONERI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA AI PORTATORI DI HANDICAP PRESSO LE SCUOLE DELL OBBLIGO NONCHE ASSISTENZA DOMICILIARE HANDICAPPATI E ANZIANI PRE SCUOLA E

Dettagli

C I T T A D I T A O R M I N A PROVINCIA DI MESSINA Servizio di Solidarieta Sociale

C I T T A D I T A O R M I N A PROVINCIA DI MESSINA Servizio di Solidarieta Sociale C I T T A D I T A O R M I N A PROVINCIA DI MESSINA Servizio di Solidarieta Sociale CAPITOLATO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI AIUTO DOMESTICO DISABILI GRAVI ASSISTENZA IGIENICO PERSONALE DISABILI GRAVI Art.1

Dettagli

COMUNE DI CALANGIANUS PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO SERVIZIO SOCIALE

COMUNE DI CALANGIANUS PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO SERVIZIO SOCIALE COMUNE DI CALANGIANUS PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO SERVIZIO SOCIALE C.I.G. 6445256980 CAPITOLATO DESCRITTIVO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER PERSONE ANZIANE, PORTATORI DI HANDICAP E NON AUTOSUFFICIENTI

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO D32 Comune capo-fila TAORMINA

DISTRETTO SOCIO SANITARIO D32 Comune capo-fila TAORMINA DISTRETTO SOCIO SANITARIO D32 Comune capo-fila TAORMINA CAPITOLATO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO PIANI INDIVIDUALIZZATI DISABILI GRAVI Art.1 Oggetto del Capitolato La disgregazione e frammentazione territoriale,

Dettagli

Gli interventi sono gestiti nel rispetto del principio di libera scelta del cittadino, attraverso l utilizzo del voucher sociale.

Gli interventi sono gestiti nel rispetto del principio di libera scelta del cittadino, attraverso l utilizzo del voucher sociale. REQUISITI PER L ACCREDITAMENTO DI SOGGETTI PROFESSIONALI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI ED INTERVENTI SOCIO ASSISTENZIALI DOMICILIARI IN FAVORE DI ANZIANI, DISABILI E MINORI E LORO FAMIGLIE DELSERVIZIO DI

Dettagli

COMUNE DI PONTINIA CAPITOLATO D APPALTO PARTE SPECIALE ASSISTENZA SCOLASTICA SPECIALISTICA E DI BASE MINORI DISABILI

COMUNE DI PONTINIA CAPITOLATO D APPALTO PARTE SPECIALE ASSISTENZA SCOLASTICA SPECIALISTICA E DI BASE MINORI DISABILI COMUNE DI PONTINIA CAPITOLATO D APPALTO PARTE SPECIALE ASSISTENZA SCOLASTICA SPECIALISTICA E DI BASE MINORI DISABILI Nell ambito delle azioni previste dalla Legge 328/2000, volte ad assicurare l esistenza

Dettagli

COMUNE DI BRESSANA BOTTARONE Provincia di Pavia REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI BRESSANA BOTTARONE Provincia di Pavia REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BRESSANA BOTTARONE Provincia di Pavia REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 23 del 27.06.2003 Articolo 1 DEFINIZIONE Il Servizio

Dettagli

Allegato B Capitolato Speciale Servizio di Assistenza Domiciliare Pagina 1 di 10

Allegato B Capitolato Speciale Servizio di Assistenza Domiciliare Pagina 1 di 10 Allegato B Capitolato Speciale Servizio di Assistenza Domiciliare Pagina 1 di 10 COMUNE DI TRINITA D AGULTU E VIGNOLA (Provincia di Olbia - Tempio) Via Sassari n. 27 Tel. 079-6109905- 6109913 Fax 079-681480

Dettagli

COMUNE DI TEMPIO PAUSANIA (PROV. OLBIA - TEMPIO) SETTORE SVILUPPO SOCIO ECONOMICO E CULTURALE PIANO UNITARIO SERVIZI ALLA PERSONA (PLUS 2012/2014)

COMUNE DI TEMPIO PAUSANIA (PROV. OLBIA - TEMPIO) SETTORE SVILUPPO SOCIO ECONOMICO E CULTURALE PIANO UNITARIO SERVIZI ALLA PERSONA (PLUS 2012/2014) COMUNE DI TEMPIO PAUSANIA (PROV. OLBIA - TEMPIO) SETTORE SVILUPPO SOCIO ECONOMICO E CULTURALE PIANO UNITARIO SERVIZI ALLA PERSONA (PLUS 2012/2014) CAPITOLATO D'ONERI AFFIDAMENTO SERVIZIO DISTRETTUALE AFFIDO

Dettagli

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D. COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 21 del 29.09.2005

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO D32

DISTRETTO SOCIO SANITARIO D32 DISTRETTO SOCIO SANITARIO D32 CAPITOLATO PER L AFFIDAMENTO DEL PROGETTO MOBILITA SOCIALE Art.1 Oggetto del Capitolato Il progetto di mobilità sociale è uno strumento necessario per poter superare l estrema

Dettagli

COMUNE DI TORREBELVICINO PROVINCIA DI VICENZA

COMUNE DI TORREBELVICINO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI E DISABILI Approvato con deliberazione di C.C. n. 79/94 Il servizio di assistenza domiciliare rientra tra i servizi per i

Dettagli

BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO CENTRO SOCIALE POLIFUNZIONALE IN FAVORE DI PERSONE DIVERSAMENTE ABILI DI ETA COMPRESA TRA I 18-65 ANNI

BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO CENTRO SOCIALE POLIFUNZIONALE IN FAVORE DI PERSONE DIVERSAMENTE ABILI DI ETA COMPRESA TRA I 18-65 ANNI COMUNE DI MUGNANO DEL CARDINALE (Provincia di Avellino) AMBITO TERRITORIALE A6 ISTITUZIONE SOCIALE BAIANESE VALLO di LAURO Organismo di gestione del Piano di zona sociale L.n. 328/00 Prot. n. 2576 del

Dettagli

AVVISO PUBBLICO IL COMUNE DI BARI

AVVISO PUBBLICO IL COMUNE DI BARI AVVISO PUBBLICO IL COMUNE DI BARI COMUNICA In esecuzione della Delibera di Consiglio Circoscrizionale n. 59 del 13.12.2010, e successiva Determinazione Dirigenziale n. 164 del 20.12.2010 la VI Circoscrizione,

Dettagli

COMUNE DI PONZANO VENETO Provincia di Treviso

COMUNE DI PONZANO VENETO Provincia di Treviso COMUNE DI PONZANO VENETO Provincia di Treviso REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE DELLE PERSONE IN SITUAZIONI DI DISAGIO (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 42 del 24/07/2003,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE di SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. _45 DEL _19/4/2004 Pag. N. 1 INDICE Art.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ART 1 Oggetto del regolamento. Il presente regolamento disciplina, nell ambito dei principi dell ordinamento e nel rispetto della normativa, l attività

Dettagli

CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE

CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE Comune di Chioggia Settore Servizi Sociali CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE allegato C alla deliberazione G.M. n. 163 del 13.04.2001 modificato con D.G. 141 del 28-03-2003

Dettagli

COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 151 del 13.07.1988 Esaminato dal Co.Re.Co. in

Dettagli

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ;

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ; ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO ART. 1 - DEFINIZIONE E FINALITA 1. Il Servizio di Assistenza Domiciliare è un insieme di prestazioni di carattere socio assistenziale

Dettagli

Prot. n.5130/c14q Brescia 07 novembre 2013 /le. Il Dirigente scolastico dell Istituto Istruzione Superiore di Stato Andrea Mantegna di Brescia

Prot. n.5130/c14q Brescia 07 novembre 2013 /le. Il Dirigente scolastico dell Istituto Istruzione Superiore di Stato Andrea Mantegna di Brescia Istituto di Istruzione Superiore di Stato Andrea Mantegna Sede legale Via Fura, 96 C.F. 98092990179-25125 Brescia Tel. 030.3533151 030.3534893 Fax 030.3546123 e-mail: iabrescia@provincia.brescia.it sito

Dettagli

Scheda tecnica 1 Servizio assistenza domiciliare a favore di anziani, disabili e adulti a svantaggio sociale

Scheda tecnica 1 Servizio assistenza domiciliare a favore di anziani, disabili e adulti a svantaggio sociale ALLEGATO TECNICO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ED EDUCATIVA PER IL PERIODO 01.04.2011 31.12.2012. CIG N. 07771837B1. indetta con determinazione N 53 del 17.01.2011

Dettagli

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera n. 16 adottata dal Commissario Straordinario nella seduta del 13.09.2007 Articolo 1 -

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 22.03.2006 Pubblicato

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI E PORTATORI HANDICAPS. Art. 1 Finalità

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI E PORTATORI HANDICAPS. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI E PORTATORI HANDICAPS Art. 1 Finalità Il servizio di assistenza domiciliare ha come obiettivo il mantenimento o reinserimento nel proprio ambiente

Dettagli

SCHEMA DI DISCIPLINARE FUNZIONAMENTO DEL VOUCHER SOCIALE

SCHEMA DI DISCIPLINARE FUNZIONAMENTO DEL VOUCHER SOCIALE SCHEMA DI DISCIPLINARE FUNZIONAMENTO DEL VOUCHER SOCIALE Art.1)Oggetto II presente disciplinare ha per oggetto il servizio di Assistenza domiciliare attraverso l erogazione e l'assegnazione dei titoli

Dettagli

GRUMO APPULA COMUNE CAPOFILA COMUNE DI GRUMO APPULA - CAPOFILA GESTORE DELL AREA SALUTE MENTALE SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DISABILI MENTALI

GRUMO APPULA COMUNE CAPOFILA COMUNE DI GRUMO APPULA - CAPOFILA GESTORE DELL AREA SALUTE MENTALE SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DISABILI MENTALI GRUMO APPULA COMUNE CAPOFILA COMUNE DI GRUMO APPULA - CAPOFILA GESTORE DELL AREA SALUTE MENTALE SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DISABILI MENTALI 1) STAZIONE APPALTANTE: AMMINISTRAZIONE COMUNALE-PIAZZA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina, all interno di un sistema integrato di interventi e servizi sociali di competenza dei comuni

Dettagli

DISCIPLINARE PER L ACCREDITAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

DISCIPLINARE PER L ACCREDITAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DISCIPLINARE PER L ACCREDITAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE - SAD - Servizio di assistenza domiciliare - ADH - Servizio educativo domiciliare disabili - SED - Servizio educativo minori Art.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art 1 - Oggetto TITOLO I Disposizioni Generali Lo scopo del presente regolamento è l'individuazione di criteri equi e trasparenti per: a) l'erogazione

Dettagli

COMUNITA' MONTANA DEL VELINO VI ZONA PROVINCIA DI RIETI

COMUNITA' MONTANA DEL VELINO VI ZONA PROVINCIA DI RIETI COMUNITA' MONTANA DEL VELINO VI ZONA PROVINCIA DI RIETI Via Roma 103-02019 POSTA (RI) - Tel 0746/ 951402-Fax 0746/ 951403-C.F. 80018100570-Web: www.velino.it - info@velino.it info@pec.velino.it A V V I

Dettagli

Modalità di formulazione dell offerta

Modalità di formulazione dell offerta ALLEGATO - PARAMETRI E CRITERI DI VALUTAZIONE DELL OFFERTA PROCEDURA APERTA SOPRA SOGLIA COMUNITARIA CON IL CRITERIO DI AGGIUDICAZIONE DELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA PER L AFFIDAMENTO DEL

Dettagli

Comune di Gudo Visconti

Comune di Gudo Visconti Il Comune di Gudo Visconti, al fine di pervenire alla stipula delle convenzioni per il periodo settembre 2013 agosto 2016 per l attività di trasporto sociale in favore di soggetti anziani e diversamente

Dettagli

Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D.

Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D. Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D. (Approvato con Delibera Consiglio Comunale n. 11 del 22/01/08 ) Indice Art. 1 Definizione del servizio pag. 2 Art. 2 Finalità ed obiettivi pag. 2 Art. 3 Destinatari

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI FORNITURE E LAVORI A SOGGETTI TERZI

REGOLAMENTO UNICO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI FORNITURE E LAVORI A SOGGETTI TERZI ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DELL AMBITO TERRITORIALE DI MARTANO PIANO SOCIALE DI ZONA 2010-2012 REGOLAMENTO UNICO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI FORNITURE E LAVORI A SOGGETTI TERZI Approvato dal Coordinamento

Dettagli

Comune di Boscotrecase (Prov. di Napoli) - Cap: 80042 Indirizzo: Via Rio, 2 Tel. 081/5373838 5373707 Fax 081/8587201 C.F.

Comune di Boscotrecase (Prov. di Napoli) - Cap: 80042 Indirizzo: Via Rio, 2 Tel. 081/5373838 5373707 Fax 081/8587201 C.F. IL RESPONSABILE DEL 1 SETTORE In esecuzione alla deliberazione di G.C. n 69 del 29.4.2008; A V V I S A Che è indetta selezione pubblica per l affidamento dei servizi di: Assistenza domiciliare anziani

Dettagli

DISCIPLINARE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO ASSISTENZIALE IN FAVORE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI NON IN ADI/CDI

DISCIPLINARE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO ASSISTENZIALE IN FAVORE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI NON IN ADI/CDI PIANO SOCIALE DI ZONA ARACNE - AMBITO B3 DISCIPLINARE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO ASSISTENZIALE IN FAVORE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI NON IN ADI/CDI (a valere sulle

Dettagli

C O M U N E D I S E N O R B Ì Provincia di Cagliari

C O M U N E D I S E N O R B Ì Provincia di Cagliari C O M U N E D I S E N O R B Ì Provincia di Cagliari Regolamento per il Servizio di Assistenza Domiciliare e dei Servizi Tutelari SOMMARIO: Art. 1 Finalità del Servizio; Art. 2 Gestione del Servizio; Art.

Dettagli

Caratteristiche e obiettivi del servizio

Caratteristiche e obiettivi del servizio Allegato 2 Specifica Tecnica contenente le caratteristiche del servizio Assistenza domiciliare Disabili Sociale ed Integrata dei Comuni dell Ambito S3 ex S5 Eboli Capofila- Caratteristiche e obiettivi

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER DISABILI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER DISABILI COMUNE DI TORTORETO Provincia di Teramo REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER DISABILI Approvato con deliberazione Consiliare n. 24 del 29/02/2000 ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO II presente

Dettagli

BANDO DI ACCREDITAMENTO 2014/15 PER LA FORNITURA DI PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE MEDIANTE VOUCHER SOCIALE

BANDO DI ACCREDITAMENTO 2014/15 PER LA FORNITURA DI PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE MEDIANTE VOUCHER SOCIALE DISTRETTO SOCIO - SANITARIO D54 Comuni di Castelvetrano - Campobello di Mazara- Partanna- Poggioreale-Salaparuta-Santa Ninfa Partanna Poggioreale Salaparuta - Santa Ninfa Piazza G. Cascino, n. 8 91022

Dettagli

CITTA DI CINISELLO BALSAMO VIA XXV APRILE, 4 20092 Cinisello Balsamo (MI) tel. 02/660231 Fax 02/66011464 www.comune.cinisello-balsamo.mi.

CITTA DI CINISELLO BALSAMO VIA XXV APRILE, 4 20092 Cinisello Balsamo (MI) tel. 02/660231 Fax 02/66011464 www.comune.cinisello-balsamo.mi. CITTA DI CINISELLO BALSAMO VIA XXV APRILE, 4 20092 Cinisello Balsamo (MI) tel. 02/660231 Fax 02/66011464 www.comune.cinisello-balsamo.mi.it 1. E indetta asta pubblica secondo il criterio dell offerta economicamente

Dettagli

COMUNE DI FINO MORNASCO PROVINCIA DI COMO

COMUNE DI FINO MORNASCO PROVINCIA DI COMO COMUNE DI FINO MORNASCO PROVINCIA DI COMO REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art. 1 Applicazione. Il presente regolamento si applica all esaurirsi del voucher sociali previsti dal

Dettagli

COMUNE DI FRABOSA SOTTANA P r o v i n c i a d i C u n e o

COMUNE DI FRABOSA SOTTANA P r o v i n c i a d i C u n e o COMUNE DI FRABOSA SOTTANA P r o v i n c i a d i C u n e o Via IV Novembre, 12 C.A.P. 12083 - Tel.0174/244481-2 - Fax.0174/244730 e-mail: comune@comune.frabosa-sottana.cn.it PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta

Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta Servizio Provveditorato TEL.0823/445189 - FAX 0823/279581 AVVISO DI GARA CIG: LOTTO N. 1 CIG 5758272460 LOTTO N. 2 CIG 57582870C2 Questa ASL di Caserta indice procedura

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 77 DEL 29/11/2007

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 77 DEL 29/11/2007 C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 SETTORE 3: POLITICHE SOCIALI E CULTURALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA

Dettagli

COMUNE DI SASSARI Sistemi informativi, Statistica e Protezione Civile

COMUNE DI SASSARI Sistemi informativi, Statistica e Protezione Civile COMUNE DI SASSARI Sistemi informativi, Statistica e Protezione Civile A V V I S O P U B B L I C O Affidamento incarico di Responsabile esterno del Servizio di Prevenzione e Protezione di cui al D.Lgs.vo.

Dettagli

TRA LE PARTI. E Affidatario: Cooperativa sociale... nella persona... nato a.. il... e residente in.. via n. Codice Fiscale...

TRA LE PARTI. E Affidatario: Cooperativa sociale... nella persona... nato a.. il... e residente in.. via n. Codice Fiscale... COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia Settore Servizi Sociali 30031, Via Cairoli n.39 041.5121911 Fax 041.410665 www.provincia.venezia.it/comune.dolo e-mail comune.dolo@provincia.venezia.it P.IVA 00655760270

Dettagli

DISTRETTO SOCIO-SANITARIO n. 15 L. 328/00 PATTO PER LA GESTIONE DI INTERVENTI DOMICILIARI AI DISABILI. L anno il giorno del mese nei locali

DISTRETTO SOCIO-SANITARIO n. 15 L. 328/00 PATTO PER LA GESTIONE DI INTERVENTI DOMICILIARI AI DISABILI. L anno il giorno del mese nei locali DISTRETTO SOCIO-SANITARIO n. 15 L. 328/00 COMUNi: BRONTE MALETTO MANIACE E RANDAZZO Allegato : C PATTO PER LA GESTIONE DI INTERVENTI DOMICILIARI AI DISABILI L anno il giorno del mese nei locali, in via

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina, nell'ambito dei principi dell'ordinamento e nel rispetto della normativa e dello statuto,

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n 25 del 29/09/2004 Parte Prima - INTRODUZIONE ART. 1- DEFINIZIONE Il servizio di Assistenza Domiciliare

Dettagli

CITTA DI POTENZA Unità di Direzione Istruzione

CITTA DI POTENZA Unità di Direzione Istruzione CITTA DI POTENZA Unità di Direzione Istruzione CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO AFFIDAMENTO IN GESTIONE DEL SERVIZIO DI INTEGRA- ZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ISCRITTI ALLE SCUOLE DELL

Dettagli

Distretto Socio Sanitario 31 Comune Capofila S. Agata Militello

Distretto Socio Sanitario 31 Comune Capofila S. Agata Militello Distretto Socio Sanitario 31 Comune Capofila S. Agata Militello PATTO DI ACCREDITAMENTO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI OVER 65 anni IN ADI E NON IN ADI. 2 RIPARTO PAC Richiamate:

Dettagli

BANDO PUBBLICO IL DIRIGENTE SCOLASTICO

BANDO PUBBLICO IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prot. n. 126 C/13 Melfi, 9 gennaio 2015 BANDO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DI UN ESPERTO ESTRANEO ALL AMMINISTRAZIONE DESTINATARIO DI INCARICO PER PRESTAZIONI PROFESSIONALI FINALIZZATE ALL INTEGRAZIONE

Dettagli

COMUNE DI BARUMINI. Provincia del Medio Campidano UFFICIO DI SERVIZIO SOCIALE

COMUNE DI BARUMINI. Provincia del Medio Campidano UFFICIO DI SERVIZIO SOCIALE COMUNE DI BARUMINI Provincia del Medio Campidano UFFICIO DI SERVIZIO SOCIALE Capitolato d'appalto per l affidamento del servizio di Assistenza domiciliare CAPITOLATO SPECIALE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

Regolamento di Gestione Centro Diurno di Borgofortino APPROVATO CON D.C.C. N. 77 DEL 15/06/1995

Regolamento di Gestione Centro Diurno di Borgofortino APPROVATO CON D.C.C. N. 77 DEL 15/06/1995 Regolamento di Gestione Centro Diurno di Borgofortino APPROVATO CON D.C.C. N. 77 DEL 15/06/1995 MODIFICATO CON D.C.C. N. 265 DEL 07/11/2002 Natura, destinatari e finalità del servizio Il Centro Diurno

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 43 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 75/14031 P.G. NELLA SEDUTA DEL 26/05/1994 - MODIFICATO CON DELIBERAZIONE N. 75/I23765 P.G. NELLA

Dettagli

Istituto Onnicomprensivo annesso al Convitto Nazionale C. Colombo

Istituto Onnicomprensivo annesso al Convitto Nazionale C. Colombo Prot. n. 7442/C14 Genova, 4 settembre 2015 Spett.le Banca Etica Via S.Vincenzo, 34 16121 Genova gmolinari@bancaetica.com Banco Popolare Via Garibaldi, 2 16124 Genova creditiareagenova@pec.bancopopolare.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE, TRASPORTO SOCIALE E TELESOCCORSO

REGOLAMENTO PER PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE, TRASPORTO SOCIALE E TELESOCCORSO REGOLAMENTO PER PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE, TRASPORTO SOCIALE E TELESOCCORSO Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 443 del 11/12/1989. Art. 1 Oggetto del servizio Il presente Regolamento

Dettagli

Art. 1 OGGETTO. Art. 2 DURATA DEL SERVIZIO

Art. 1 OGGETTO. Art. 2 DURATA DEL SERVIZIO CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA (ADE) IN FAVORE DI MINORI IN CONDIZIONI DI DISAGIO RESIDENTI NEI COMUNI DI BITRITTO, MODUGNO E BITETTO Art. 1 OGGETTO 1)

Dettagli

COMUNE DI PIETRAPERZIA

COMUNE DI PIETRAPERZIA COMUNE DI PIETRAPERZIA PROVINCI DI ENNA BANDO DI GARA OGGETTO: Affidamento del servizio Assistenza domiciliare anziani nel Comune di Pietraperzia in esecuzione della Delibera di Giunta Comunale n. 105

Dettagli

M.I.U.R. UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Pietro Canonica

M.I.U.R. UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Pietro Canonica Prot.n. 5501/C14f Vetralla, 13 novembre 2015 All Albo online dell Istituto Agli Istituti di Credito invitati poste.miur@posteitaliane.it abi.miur@abi.it Gara per la stipula di Convenzione per l affidamento

Dettagli

Città di Melegnano (Città Metropolitana di Milano)

Città di Melegnano (Città Metropolitana di Milano) Città di Melegnano (Città Metropolitana di Milano) Area Governo del Territorio PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DELL'INCARICO DI STUDIO TECNICO RELATIVO ALLA INDIVIDUAZIONE E QUANTIFICAZIONE PRELIMINARE

Dettagli

COMUNE DI CORI CAPITOLATO SPECIALE DEL PROGETTO SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE. ART. 1 Oggetto dell Appalto. ART. 2 Finalità del Servizio

COMUNE DI CORI CAPITOLATO SPECIALE DEL PROGETTO SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE. ART. 1 Oggetto dell Appalto. ART. 2 Finalità del Servizio COMUNE DI CORI DEL PROGETTO SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE Nell ambito delle azioni previste dalla Legge 328/2000, volte ad assicurare l esistenza sul territorio distrettuale, dei Livelli Essenziali di

Dettagli

COMUNE DI SANLURI PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO. Via Carlo Felice n.201 - telefono 070/93831 - telefax 070/9383226 SERVIZIO SOCIO CULTURALE

COMUNE DI SANLURI PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO. Via Carlo Felice n.201 - telefono 070/93831 - telefax 070/9383226 SERVIZIO SOCIO CULTURALE COMUNE DI SANLURI PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO Via Carlo Felice n.201 - telefono 070/93831 - telefax 070/9383226 SERVIZIO SOCIO CULTURALE UFFICIO SERVIZI SOCIALI Registro Generale Determinazioni n. 1669

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO PER MINORI LA TARTARUGA INDICE CAP 1 - Principi generali Art. 1 Definizione del servizio Art. 2 Finalità e obiettivi

Dettagli

C I T T A D I T A O R M I N A

C I T T A D I T A O R M I N A C I T T A D I T A O R M I N A PROVINCIA DI MESSINA Servizio di Solidarieta Sociale Oggetto: CONTRATTO PER I SERVIZI DI AIUTO DOMESTICO DISABILI GRAVI ASSISTENZA IGIENICO PERSONALE L anno duemila il giorno

Dettagli

C O M U N E D I P I A N O R O

C O M U N E D I P I A N O R O CAPITOLATO RELATIVO ALLA GESTIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA PER ALUNNI DISABILI Art. 1 - Oggetto e modalità di svolgimento del servizio Oggetto del presente capitolato è la gestione delle attività di

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina gli interventi relativi al Servizio di Assistenza

Dettagli

CAPITOLATO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE NEL COMUNE DI VILLADOSE

CAPITOLATO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE NEL COMUNE DI VILLADOSE CAPITOLATO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE NEL COMUNE DI VILLADOSE ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto il SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (d ora in avanti: SAD)

Dettagli

BANDO DI GARA PER PROCEDURA APERTA

BANDO DI GARA PER PROCEDURA APERTA Prot. n. 000961/2015 Tolentino, li 11/03/2015 BANDO DI GARA PER PROCEDURA APERTA a) Stazione appaltante: COSMARI Srl - Località Piane di Chienti - 62029 Tolentino (MC) - tel. 0733/203504 - fax 0733/204014

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO Allegato 1 Art. 1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO L Amministrazione Comunale regolamenta il servizio di assistenza domiciliare

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE N. 6 (COMUNI DI MOLA DI BARI RUTIGLIANO NOICATTARO) UFFICIO DI PIANO

AMBITO TERRITORIALE N. 6 (COMUNI DI MOLA DI BARI RUTIGLIANO NOICATTARO) UFFICIO DI PIANO COMUNE DI NOICÀTTARO (Provincia di Bari) C.A.P. 70016 Tel. 080.4781313 Fax 080.4781298 C.F./P.Iva 05165930727 AMBITO TERRITORIALE N. 6 (COMUNI DI MOLA DI BARI RUTIGLIANO NOICATTARO) UFFICIO DI PIANO AVVISO

Dettagli

DISTRETTO SOCIO-SANITARIO D.11

DISTRETTO SOCIO-SANITARIO D.11 DISTRETTO SOCIO-SANITARIO D.11 Bompensiere Milena Marianopoli Serradifalco Montedoro ASP n 2 Comune capofila - San Cataldo Piazza Papa Giovanni XXIII 93017 - SAN CATALDO Tel. 0934/511217 Fax. 0934/511310

Dettagli

APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE N 30 del 23 Maggio 2011. Art. 1 Finalità e ambito di applicazione

APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE N 30 del 23 Maggio 2011. Art. 1 Finalità e ambito di applicazione Provincia di Cagliari Provincia de Casteddu Assessorato Pubblica Istruzione e Edilizia Scolastica Settore Pubblica Istruzione Servizio Orientamento e Supporto Pedagogico Piazza Galileo Galilei, 36 09128

Dettagli

C I T T A ' d i L O C R I 8 9 0 4 4 P r o v i n c i a d i R e g g i o C a l a b r i a

C I T T A ' d i L O C R I 8 9 0 4 4 P r o v i n c i a d i R e g g i o C a l a b r i a C I T T A ' d i L O C R I 8 9 0 4 4 P r o v i n c i a d i R e g g i o C a l a b r i a SERVIZI SOCIALI SPORT TEMPO LIBERO POLITICHE GIOVANILI Telefono 0964/391442 - Fax 0964/391405 e mail: locriserv.soc@alice.it

Dettagli

BANDO DI GARA Progetto ENTER

BANDO DI GARA Progetto ENTER Municipio Roma 6 U.O.S.E.C.S. BANDO DI GARA Progetto ENTER ALLEGATO A A. Premessa Il Municipio Roma 6 intende esperire una procedura aperta per affidare il progetto ENTER inserito nel Piano Regolatore

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE G. MARCONI

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE G. MARCONI BANDO DI GARA PER STIPULA DELLA CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA DELLA DURATA DI 36 MESI Codice C.I.G. n Z3F155B8AD Prot.n.3339 Siderno, 13 luglio 2015 AGLI ISTITUTI DI CREDITO: BANCA

Dettagli

COMUNE DI PARMA DISTRETTO DI PARMA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO SOCIALE

COMUNE DI PARMA DISTRETTO DI PARMA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO SOCIALE COMUNE DI PARMA DISTRETTO DI PARMA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO SOCIALE approvato con Deliberazione di Consiglio comunale n. 83/15 del 08.07.2008 e modificato con atto del Commissario Straordinario

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PATARI RODARI

ISTITUTO COMPRENSIVO PATARI RODARI ISTITUTO COMPRENSIVO PATARI RODARI C.F. 97061390791 Cod. Mecc. CZIC85200P pec: czic85200p@pec.istruzione.it Via A. Daniele, 17 88100 CATANZARO Cod. Mecc. CZIC85200P e-mail: czic85200p@istruzione.it sito

Dettagli

COMUNE DI GALATINA Provincia di Lecce

COMUNE DI GALATINA Provincia di Lecce BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO 1. AMMINISTRAZIONE APPALTANTE COMUNE di GALATINA Corso Umberto I, 40 73013 Galatina (LE) Tel. 0836/633111 Fax 0836/561543, ogni

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Regolamento comunale n. 79 COMUNE di MADONE Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Approvato con deliberazione dal Consiglio Comunale n. 14 del 26 febbraio

Dettagli

COMUNE DI PETRALIA SOTTANA PROVINCIA DI PALERMO CAPOFILA DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO N.35 DELLA REGIONE SICILIANA

COMUNE DI PETRALIA SOTTANA PROVINCIA DI PALERMO CAPOFILA DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO N.35 DELLA REGIONE SICILIANA COMUNE DI PETRALIA SOTTANA PROVINCIA DI PALERMO CAPOFILA DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO N.35 DELLA REGIONE SICILIANA REGOLAMENTO DI ACCREDITAMENTO DISTRETTUALE PER SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

Dettagli

PROGETTO COMES Servizio di assistenza specialistica per gli alunni disabili

PROGETTO COMES Servizio di assistenza specialistica per gli alunni disabili PROGETTO COMES Servizio di assistenza specialistica per gli alunni disabili ANNO SCOLASTICO 2011/2012 Piano d intervento Il piano di lavoro elaborato per l anno scolastico 2011/2012 dallo specialista dell

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia Settore Servizi alla Popolazione Ufficio Servizi Sociali REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 20 del

Dettagli

ALLEGATO A.1 PROGETTO DISCIPLINARE DI GARA

ALLEGATO A.1 PROGETTO DISCIPLINARE DI GARA ALLEGATO A.1 PROGETTO DISCIPLINARE DI GARA PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER CITTADINI RESIDENTI NELLA ZONA DELL ALTAVALDELSA (CASOLE D ELSA,

Dettagli

Prot. n 1024/A1 Grottaferrata, 24/02/2014. BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DEL TUSCOLO Via della Rocca, 18 Rocca Priora 08777@actaliscertymail.

Prot. n 1024/A1 Grottaferrata, 24/02/2014. BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DEL TUSCOLO Via della Rocca, 18 Rocca Priora 08777@actaliscertymail. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo "GIOVANNI FALCONE" Scuola dell'infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via

Dettagli

lavorativo di persone con provvedimenti penali detentivi e/o in esecuzione penale esterna.

lavorativo di persone con provvedimenti penali detentivi e/o in esecuzione penale esterna. Allegato alla Delib.G.R. n.32/ 45 del 15.9.2010 L.R. n. 1 del 24.2.2006, art 9, comma 11. L.R. n. 2 del 29.5.2007, art 33, comma 11. Finanziamento di un programma di attività finalizzate al recupero e

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA (Provincia di Roma) Via Italo Belardi, 81-00045 Tel. 06/ 93711 Fax. 06/ 9364816 www.comune.genzanodiroma.roma.

COMUNE DI GENZANO DI ROMA (Provincia di Roma) Via Italo Belardi, 81-00045 Tel. 06/ 93711 Fax. 06/ 9364816 www.comune.genzanodiroma.roma. COMUNE DI GENZANO DI ROMA (Provincia di Roma) Via Italo Belardi, 81-00045 Tel. 06/ 93711 Fax. 06/ 9364816 www.comune.genzanodiroma.roma.it REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI,

Dettagli

C O M U N E D I L O N G A R E

C O M U N E D I L O N G A R E C O M U N E D I L O N G A R E Provincia di Vicenza PREMESSA AVVISO PER LA SELEZIONE DI COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B) A CUI AFFIDARE IL SERVIZIO DI PULIZIA IMMOBILI COMUNALI PER IL PERIODO 01/07/2014 30/06/2017

Dettagli

Prot. n 0000255/A22 Petronà, 2 febbraio 2016

Prot. n 0000255/A22 Petronà, 2 febbraio 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI PETRONÀ C.F. 97035390794 C.M. CZIC83600R TEL. 0961933007 FAX 0961933007 Via Arenacchio - 88050 P E T R O N À CZ Mail: czic83600r@istruzione.it; czic83600r@pec.istruzione.it

Dettagli

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PREMESSA Il presente bando disciplina l erogazione di buoni sociali finanziati attraverso Fondo Non Autosufficienze (FNA). Il Buono Sociale si

Dettagli

COMUNE DI RECANATI AREA TECNICA. Procedura aperta per: REALIZZAZIONE DI N. 12 ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE

COMUNE DI RECANATI AREA TECNICA. Procedura aperta per: REALIZZAZIONE DI N. 12 ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE COMUNE DI RECANATI AREA TECNICA Procedura aperta per: REALIZZAZIONE DI N. 12 ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA NEL PEEP I LOTTO F LOCALITÀ LE GRAZIE (FOGLIO 58 PART. 805) DISCIPLINARE DI GARA Requisiti

Dettagli

denominate, finanziati con contributi o compartecipazione da parte delle Amministrazioni.

denominate, finanziati con contributi o compartecipazione da parte delle Amministrazioni. DISCIPLINARE TIPO per il servizio di assistenza per l autonomia e la comunicazione degli studenti disabili gravi frequentanti le scuole superiori della provincia di Siracusa 1. definizioni ed ambito. Il

Dettagli

Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico

Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico SERVIZIO DI VIGILANZA E VERIFICA ACCESSI PER L ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO DI PADOVA * * * * * * CAPITOLATO

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA Allegato alla delibera di C.C. n.32 dell 11/05/07 1 ART.1 (Definizione) Il Centro diurno per disabili

Dettagli

Prot.n. 3467 C/14 Gallarate, 24 ottobre 2013

Prot.n. 3467 C/14 Gallarate, 24 ottobre 2013 Via Somalia, n. 2 21013 Gallarate (VA) 0331/781326-0331/797155 Prot.n. 3467 C/14 Gallarate, 24 ottobre 2013 Oggetto: Lettera di invito per la procedura alla stipula della Convenzione per la gestione del

Dettagli